Business Continuity Governance: ORBIT per il nuovo CAD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Continuity Governance: ORBIT per il nuovo CAD"

Transcript

1 Business Continuity Governance: ORBIT per il nuovo CAD

2 Il nuovo CAD articolo 50-bis E obbligatorio per le Pubbliche Amministrazioni italiane la definizione di : UN PIANO DI CONTINUITÀ OPERATIVA che fissa gli obiettivi e i principi da perseguire, descrive le procedure per la gestione della continuità operativa, anche affidate a soggetti esterni. Il piano tiene conto delle potenziali criticità relative a risorse umane, strutturali, tecnologiche e contiene idonee misure preventive. Le amministrazioni pubbliche verificano la funzionalità del piano di continuità operativa con cadenza biennale; UN PIANO DI DISASTER RECOVERY che costituisce parte integrante di quello di continuità operativa e stabilisce le misure tecniche e organizzative per garantire il funzionamento dei centri di elaborazione dati e delle procedure informatiche rilevanti in siti alternativi a quelli di produzione. DigitPA, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, definisce le linee guida per le soluzioni tecniche idonee a garantire la salvaguardia dei dati e delle applicazioni informatiche, verifica annualmente il costante aggiornamento dei piani di disaster recovery delle amministrazioni interessate e ne informa annualmente il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione. entro 15 mesi dalla data di entrata in vigore del D. Lgs 235/2010 (Gazzetta Ufficiale N. 6 del 10 Gennaio 2011)

3 Business Continuity & Disaster Recovery

4 Business Continuity Qualche definizione Per business continuity si intende la capacità dell'azienda di continuare ad esercitare il proprio business a fronte di eventi catastrofici che possono colpirla. Il Piano di continuità del business (BCP) contiene informazioni riguardo le azioni da intraprendere in caso di incidente, chi è coinvolto nell attività e come deve essere contattato. Il piano riflette la posizione dell organizzazione e degli stakeholders Business Continuity is an holistic management process that identifies potential impacts that threaten an organization and provides a framework for building resilience and the capability for an effective response that safeguards Processo olistico di management che individua le potenziali minacce alle quali è esposta l organizzazione e gli impatti che esse possono causare sul business nel caso in cui si manifestassero; fornisce un framework per la costruzione della resilienza dell organizzazione che abbia capacità di un effettiva risposta per la salvaguardia degli interessi dei suoi stakeholder chiave, della reputazione dell organizzazione, del brand e delle attività con le quali crea valore.

5 Obiettivo di un BCMS Essere sicuri che in caso di un evento critico, il BCP sia l immagine esatta delle azioni da fare Gestire gli aggiornamenti Avere un piano efficace di test Avere gli appropriati tool per gestire il processo Perchè? Ho già il mio Piano di Disaster Recovery Posso fare tutto con dei fogli Excel!

6 Business Continuity vs Disaster Recovery E sufficiente avere dei piani di disaster recovery per avere una copertura dei rischi? per rispondere a questa domanda bisogna capire quali sono le risorse critiche da considerare per definire i piani di emergenza Business Continuity Disaster Recovery

7 Business Continuity vs Disaster Recovery Questi sono i rischi che impattano sulle risorse critiche e quindi sul business (qualche esempio) Siti Rischi Meteorologici Rischi vulcanici Rischi di Ordine Pubblico Rischi di mancanza del personale Risorse Umane Rischi ambientali Interruzione apparati (non S. I.) Rischi idrogeologici Rischi di incendio Rischi ambientali e sanitari Rischi trasporti Sis. Informativi Interruzione trasporto valori Malfunzionamento grave Sist. e Reti Infrastruttura Interruzione servizi amministrativi Perdita o corruzione dei dati Altri Servizi Perdita di doc. per allagamento incendio Perdita di doc. per frode interna Interruzione erogazione gas Interruzione energia elettrica Interruzione erogazione acqua Razionamento Combustibili Blocco Applicazioni Attacchi esterni tramite reti telem Documentazione Perdita di doc. per furto Interruzione Telecomunicazioni Interruzione Condizionamento Frode grave con perdita di dati

8 Business Continuity vs Disaster Recovery Questi sono i rischi che impattano sulle risorse critiche e quindi sul business (qualche esempio) Quali sono i rischi coperti da un Piano di Disaster Recovery? Siti Rischi Meteorologici Rischi vulcanici Rischi di Ordine Pubblico Rischi di mancanza del personale Risorse Umane Sis. Informativi Infrastruttura Altri Servizi Documentazione Rischi Rischi Rischi di ambientali idrogeologici incendio Quindi un progetto di Business Continuity e molto piu vasto e articolato di un progetto di disaster recovery, anzi il piano di disaster recovery e un sottoinsieme del progetto di business continuity Interruzione apparati (non S. I.) Interruzione trasporto valori Interruzione servizi amministrativi Perdita di doc. per allagamento incendio Interruzione erogazione gas Interruzione erogazione acqua Perdita di doc. Interruzione Razionamento per frode interna energia elettrica Combustibili Perdita di doc. per furto Interruzione Telecomunicazioni Interruzione Condizionamento Rischi ambientali e sanitari Rischi trasporti Malfunzionamento grave Sist. e Reti Perdita o corruzione dei dati Blocco Applicazioni Attacchi esterni tramite reti telem Frode grave con perdita di dati??

9 Business continuity & Disaster Recovery I vantaggi di un approccio integrato Benefici attesi Business Continuity (BCP) Disaster Recovery (DRP) Informatizzare il processo di manutenzione e aggiornamento Omogeneizzare gli RTO / RPO dei processi e delle apparecchiature Gestire la mitigazione del rischio Gestire test congiunti di BC e DR Gestire la crisi in maniera integrata

10 Il processo integrato Il BCM non è da considerarsi dedicato solo alla gestione dei piani di emergenza ad alto impatto e bassa probabilità. Incidenti a prima vista minimali possono evolvere in crisi aziendali a causa di un non previsto effetto domino. La crescente complessità delle infrastrutture IT rende necessario un approccio comune fra il Disaster Recovery e la Business Continuity Un adeguato Risk evidenzia tutte le possibli minacce e quindi la vulnerabilità dei singoli processi aziendali Un piano di Business Continuity non ha effetto se non è supportato da una efficace ed efficente Gestione della Crisi

11 Business Continuity Le componenti del processo integrato Business Continuity Planning Dominio dell emergenza ha come obiettivo primario l evitare l interruzione del business in generale. Prende in considerazione tutti gli eventi indesiderati e tutte le risorse a sostegno dei processi aziendali E una evoluzione del concetto di Disaster Recovery proprio dell IT. E indirizzato alla identificazione delle vulnerabilità nell ambito di tutta l organizzazione aziendale. Non si occupa di identificare e gestire tutte le possibili minacce Ha lo scopo di identificare e mappare le informazioni necessarie per un risk assessment. Disaster Recovery Prende in esame gli eventi IT disastrosi, che possono provocare un danno di rilevante entità alle infrastrutture tecnologiche. Il DRP considera il quindi il sistema informatico e tutte le risorse che ad esso afferiscono. Storicamente il concetto di Disaster Recovery nasce molto tempo prima della Business Continuity. Si basa sul fatto che l azienda non può sopravvivere senza I sistemi informativi e che la ripartenza è un processo lungo e complesso. Risk Il risk management è il processo mediante il quale si misura o si stima il rischio e successivamente si sviluppano delle strategie per governarlo. Di regola, le strategie impiegate includono il trasferimento del rischio a terze parti, l'evitare il rischio, il ridurre l'effetto negativo ed infine l'accettare in parte o totalmente le conseguenze di un particolare rischio. Crisis Il Crisis è il processo attraverso il quale una organizzazione si occupa di un evento che minaccia di danneggiare l'organizzazione, i suoi stakeholder, o il pubblico in generale. Gli elementi comuni alla maggior parte delle definizioni di crisi sono: (a) una minaccia per l'organizzazione, (b) l'elemento sorpresa, e (c) un breve periodo decisione Emergency L Emergency è il processo che si occupa della gestione strategica dei processi organizzativi utilizzati per proteggere le risorse critiche di un'organizzazione contro i rischi di pericolo che possono causare disastri o catastrofi, e per garantire il mantenimento della organizzazione all'interno del loro ciclo di vita previsto. Incident L Incident è il processo che consente ad un'organizzazione di identificare, analizzare e correggere gli incidenti.

12 Business Continuity Le componenti del processo integrato

13 Business Continuity Le componenti del processo integrato Business Continuity Planning Crisis Incident Risk Assessment Emergency Disaster Recovery Planning

14 Business Continuity Le componenti del processo integrato Business Continuity Planning Dominio dell emergenza ha come obiettivo primario l evitare l interruzione del business in generale. Prende in considerazione tutti gli eventi indesiderati e tutte le risorse a sostegno dei processi aziendali E una evoluzione del concetto di Disaster Recovery proprio dell IT. E indirizzato alla identificazione delle vulnerabilità nell ambito di tutta l organizzazione aziendale. Non si occupa di identificare e gestire tutte le possibili minacce.

15 Business Continuity Le componenti del processo integrato Disaster Recovery Planning Prende in esame gli eventi IT disastrosi, che possono provocare un danno di rilevante entità alle infrastrutture tecnologiche. Il DRP considera il quindi il sistema informatico e tutte le risorse che ad esso afferiscono. Storicamente il concetto di Disaster Recovery nasce molto tempo prima della Business Continuity. Si basa sul fatto che l azienda non può sopravvivere senza I sistemi informativi e che la ripartenza è un processo lungo e complesso.

16 Business Continuity Le componenti del processo integrato Risk Assessment Il risk management è il processo mediante il quale si misura o si stima il rischio e successivamente si sviluppano delle strategie per governarlo. Di regola, le strategie impiegate includono il trasferimento del rischio a terze parti, l'evitare il rischio, il ridurre l'effetto negativo ed infine l'accettare in parte o totalmente le conseguenze di un particolare rischio.

17 Business Continuity Le componenti del processo integrato Crisis Il Crisis è il processo attraverso il quale una organizzazione si occupa di un evento che minaccia di danneggiare l'organizzazione, i suoi stakeholder, o il pubblico in generale. Gli elementi comuni alla maggior parte delle definizioni di crisi sono: (a) una minaccia per l'organizzazione, (b) l'elemento sorpresa, e (c) un breve periodo decisione

18 Business Continuity Le componenti del processo integrato Emergency L Emergency è il processo che si occupa della gestione strategica dei processi organizzativi utilizzati per proteggere le risorse critiche di un'organizzazione contro i rischi di pericolo che possono causare disastri o catastrofi, e per garantire il mantenimento della organizzazione all'interno del loro ciclo di vita previsto.

19 Business Continuity Le componenti del processo integrato Incident L Incident è il processo che consente ad un'organizzazione di identificare, analizzare e correggere gli incidenti.

20 Business Continuity Le componenti del processo integrato Business Continuity Planning Crisis Incident Risk Assessment Emergency Disaster Recovery Planning

21 Il Processo di Business Continuity Planning Crisis Business Incident Risk Assessment Continuity Emergency Disaster Recovery Planning

22 Processo BCM gli step principali Mappatura dei processi aziendali Definizione del perimetro (valutazione iniziiale impatti) Business Impact Analysis Creazione dei Piani Operativi di Continuità per i Processi di Business e per le Componenti Tecnologiche Redazione del BCP e del DRP Gestione del Piano dei Test Gestione della Crisi e degli Incidenti

23 Processo BCM: i punti di attenzione Essere sicuri che a fronte di un evento critico il BCP sia l immagine efficace delle azioni da intraprendere Business Continuity Planning Crisis Gestire gli aggiornamenti BCP Incident Risk Assessment Avere un efficace piano dei test Emergency Disaster Recovery Planning Avere gli strumenti e le procedure adeguate per la gestione della crisi e dei test

24 Qualche spunto di riflessione Costi Affidabilità Rischi Aggiornamenti Quanto potrebbe costare lo sforzo per produrre il BCP? A fronte di notevoli investimenti, qual e il grado dei sicurezza che a fronte del verificarsi di un evento critico, il vostro BCP sia aggiornato in modo da poter essere usato senza esitazioni per la gestione della crisi? Se non si riesce a a garantire il 100% il BCP non serve, anzi potrebbe essere fuorviante. Quindi, per avere un BCP efficace si devono adottare le opportune azioni di aggiornamento e manutenzione

25 Quanto spesso cambia l azienda?

26 Processo BCM gli step principali Aggiornamenti continui endogeni al processo di Business Continuity Mappatura dei processi aziendali Definizione del perimetro (valutazione iniziiale impatti) Business Impact Analysis Creazione dei Piani Operativi di Continuità per i Processi di Business e per le Componenti Tecnologiche Redazione del BCP e del DRP Gestione del Piano dei Test Gestione della Crisi e degli Incidenti Aggiornamenti continui esogeni al processo di Business Continuity

27 Aggiornamenti: dati di base Gli elementi di variabilità che richiedono l aggiornamento del Business Continuity Plan le strutture della società (o del Gruppo); l organizzazione, i processi e le attività svolte; nuovi rischi in relazione a variazioni legate all ambiente interno o esterno; le risorse umane dedicate alle diverse attività aziendali; le variazioni nei ruoli e nelle responsabilità del management aziendale; le liste di contatto interne ed esterne; l evoluzione delle tecnologie; le variazioni nei siti critici ; le variazioni nei siti alternativi ; contratti con nuovi outsourcer o variazione a contratti preesistenti Etc.

28 Aggiornamenti: organizzazione aziendale Monitorare nel continuo la struttura organizzativa aziendale per garantire l efficacia del BCP Chi stabilisce che una variazione avvenuta fuori dal contesto della Business Continuity, ha o meno impatto sul BCP? Chi può farsi carico di raccogliere ogni singola variazione che avviene nelle applicazioni del personale, della logistica e degli acquisiti e le analizza? Chi informa i soggetti interessati, che una variazione avvenuta ha impatto sul BCP e che qualcuno deve farsi carico di applicare delle variazioni? Chi controlla che le variazioni vengano effettivamente immesse nei tempi prestabiliti? Chi controlla che una variazione immessa ad esempio nella BIA non renda inefficace il relativo piano operativo o la schedulazione dei relativi test?

29 La Metodologia PDCA Business Continuity Planning Crisis Incident Risk Assessment Emergency Disaster Recovery Planning

30 La Metodologia PDCA

31 Processo BCM: gli step principali Mappatura dei processi aziendali Definizione del perimetro (valutazione iniziiale impatti) Business Impact Analysis Creazione dei Piani Operativi di Continuità per i Processi di Business e per le Componenti Tecnologiche Redazione del BCP e del DRP Gestione del Piano dei Test Gestione della Crisi e degli Incidenti

32 Processo BCM: la «governance» Mappatura dei processi aziendali Definizione del perimetro (valutazione iniziiale impatti) Scegliere uno strumento dedicato per la gestione del processo BCM Business Impact Analysis Creazione dei Piani Operativi di Continuità per i Processi di Business e per le Componenti Tecnologiche Redazione del BCP e del DRP Gestione del Piano dei Test Gestione della Crisi e degli Incidenti

33 Business Continuity Governance ORBIT la soluzione integrata per la Governance del processo di Business Continuity e Disaster Recovery

34 Business Continuity Crisis Incident Risk Assessment Emergency Disaster Recovery

35 Cosa è ORBIT ORBIT è una applicativo GRC (Governance, Risk and Compliance) per la gestione completa del processo di Business Continuity (BCM): per raccogliere, analizzare e gestire la mole di dati che deve essere censita per rispondere alle esigenze di un progetto di BCMS conforme agli standard internazionali (BS 25999); riducendo al minimo i costi generali di progetto; organizza il modello aziendale secondo le necessità dell'azienda con opzioni multisocietà, multigruppo, multilingua e multigergo; sviluppata in ottica web, offre la possibilità di interfacciamento al Single Sign On e ad altri repository di dati delle Aziende; in grado di adattare la propria struttura ai rapidi cambiamenti del mondo economico e tecnologico personalizzabile per rispondere nel miglior modo alle diverse esigenze del business.

36 Cosa è ORBIT

37 I moduli

38 Il modello di gestione della BC e il posizionamento di ORBIT Business Process mapping Business Continuity Exercising Perimeter definition Reporting Business Impact Analysis Cost / Benefits analysis BIA Results evaluation Continuity and Emergency plan definition

39 Perché ORBIT Efficienza nella fase di raccolta dati Rendendo possibile il decentramento della responsabilità della manutenzione dei dati e dei piani Razionalizzazione delle fasi di aggiornamento riducendo: i tempi di raccolta ed elaborazione dati i tempi di redazione del BCP (Business Continuity Plan) i tempi di realizzazione della documentazione operativa e per l Alta Direzione i tempi per gli aggiornamenti che avvengono negli ambienti operativi (Personale, Siti, etc) Semplificazione e standardizzare il processo BCM La ripresa parametrica della BIA e dei Piani di Emergenza in essere La facilità di integrazione con l ambiente di riferimento (BPM, IAM, Legacy systems, etc.) Uniformare a livello corporate le misure, la comunicazione, il gergo ed il reporting La facilità di adeguamento alle normative istituzionali, locali e di gruppo Riduzione costi per ridurre i costi ed i rischi complessivi del progetto (CTO)

40 Business Continuity Governance La piattaforma software ORBIT

41 Le linee di prodotto enterprise Area Sicurezza: ORBIT Suite per la Business Continuity per la gestione a 360 della Business Continuity e dell Integrazione con il Disaster Recovery Licenza d uso Corporate o modalità ASP Conforme alla Normativa Banca d Italia e alla BS Area Sicurezza: ORBIT Essential per la gestione della Business Continuity dei fornitori critici per la gestione della BIA, Piani Operativi e BCP dei fornitori critici. Modalità ASP Integrata con ORBIT Suite del cliente Conforme alla Normativa Banca d Italia e alla BS Area Sicurezza: Emergency System per la gestione della war room per la gestione della war room con particolare riferimento alla gestione delle comunicazioni e della mobilità durante la crisi Licenza d uso Corporate Integrata con ORBIT Suite o in versione Stand Alone Conforme agli standard ITIL

42 Le linee di prodotto enterprise Area ICT: ORBIT DR per la Gestione del Disaster Recovery per la gestione della BIA, Piani Operativi, Test delle apparecchiature IT Licenza d uso Corporate Area Cross: ORBIT Monitor Strumento di self assessment per la misura del grado di raggiungimento degli obiettivi aziendali rispetto ad una policy Strumento di rilevazione dati (questionari per la gestione delle priorità di un progetto, customer satisfaction survey,etc) Licenza d uso Corporate o Modalità ASP Integrata con ORBIT Suite o in versione Stand Alone

43 ORBIT: i servizi

44 ORBIT: Le piattaforme tecnologiche

45 Orbit rel. 2.4

46 Business Continuity Governance ORBIT Customers

47 I principali utenti di ORBIT

48 Orbit user group Obiettivo: evolvere il prodotto secondo le necessità e le esigenze degli utenti. Nello User Group di ORBIT gli utenti hanno la possibilità di proporre e suggerire soluzioni evolutive al prodotto. Ciò garantisce un prodotto sia sempre allineato con le evoluzioni del mercato per soddisfare puntualmente i requisiti della gestione del Programma di Business Continuity. Lo User Group di ORBIT è una comunità che si riunisce ogni 4 mesi per discutere proposte, suggerimenti, best practice e condividere esperienze ed incontrare esperti, istituzioni e analisti di mercato.

49 Le certificazioni professionali

50 Le Certificazioni ORBIT Foundation (OF) ORBIT Certified Functional Analyst (OCFA) ORBIT Certified System Analyst (OCSA) ORBIT Master Project Manager (OMPM)

51 Le Certificazioni professionali Descrizione Codice Prerequisiti Durata corso ORBIT Foundation OF Conoscenza generale delle problematiche di BCM e DRM ORBIT Certified Functional Analyst OCFA Conoscenza approfondita delle problematiche di BCM e DRM Conoscenza generale degli standard e delle best practices in materia di BC Almeno 3 anni di esperienza nella BC ORBIT Certified System Analyst OCSA Conoscenza delle piattaforme tecnologiche di riferimento per ORBIT (AS, DB, OS) Conoscenza dei linguaggi Java, JSP, Javascript, Ajax, HTML Almeno 3 anni di esperienza come System Analyst ORBIT Master Project Manager OMPM Conoscenza approfondita delle problematiche di BCM e DRM Conoscenza generale degli standard e delle best practices in materia di BC Almeno 5 anni di esperienza nella BC Almeno 3 anni di esperienza come Project Manager 2 giornate + esame (4H) 5 giornate + esame (4H) 2 giornate + esame (4H) 3 giornate + esame (4H)

52 esolutions Europe

53 esolutions Europe Società di consulenza fondata nel 2000: Con una crescita continua di fatturato Con importanti clienti e progetti Con i soci che lavorano in azienda 25 persone (partners, dipendenti e collaboratori esterni) da febbraio 2011 fa parte di Associata al Consorzio ABILab Certificazioni BS25999 Associata ad ANSSAIF Certificazioni ITIL IBM Business Partner Certificazioni CISM /CISA Certificazioni CBCP DRI

54 DOMANDE?

55 GRAZIE!

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato

GL Solutions. da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato ORBIT Overview GL Solutions da febbraio 2011 GL Group S.p.A. si espande: Circa 150 collaboratori 2 sedi (Milano e Roma) Circa 12 M fatturato Associata al Consorzio ABILab Certificazioni BS25999 IBM Business

Dettagli

Milano 23 novembre 2011

Milano 23 novembre 2011 ORBIT - Open Day Milano 23 novembre 2011 Carlo Loveri Agenda 14.30 Benvenuto 14.45 Business Continuity & Disaster Recovery Management: Cenni; Standards di riferimento; Best practices. Carlo Loveri CEO

Dettagli

Convegno APB. Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa?

Convegno APB. Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa? Convegno APB Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa? Milano, 4 Aprile 2006 Roberto Perego Partner - esolutions Europe Agenda

Dettagli

Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY. La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301

Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY. La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301 Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY La certificazione strumento di Business Continuity: gli standard ISO 27001 e ISO 22301 CHI SIAMO Certiquality è una società la cui attività è orientata

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

Continuità operativa - FAQ

Continuità operativa - FAQ Continuità operativa - FAQ Cosa è la Continuità Operativa? La continuità operativa è l insieme di attività volte a minimizzare gli effetti distruttivi, o comunque dannosi, di un evento che ha colpito un

Dettagli

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione

Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione Continuità operativa e disaster recovery nella pubblica amministrazione DEFINIZIONI Linee Guida per il DR delle PA, DigitPA 2011 Continuità Operativa (CO) Continuità Operativa: l insieme delle attività

Dettagli

Vision strategica della BCM

Vision strategica della BCM Vision strategica della BCM BCM Ticino Day 2015 Lugano 18 settembre 2015 Susanna Buson Business Continuity Manager and Advisor CBCP, MBCI Agenda Business Continuity vs Business Resilience Business Continuity

Dettagli

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa.

Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Proteggere il proprio business. ISO 22301: continuità operativa. Perché BSI? Grazie allo standard ISO 22301 l azienda può restare sempre operativa. La competenza di BSI in quest ambito può trasformare

Dettagli

Per offrire soluzioni di Risk Management

Per offrire soluzioni di Risk Management REAL LOGISTICA ESTATE per consulting è la società di consulenza del gruppo per che opera nell ambito del Risk Management. I servizi offerti, che vanno dall Analisi del rischio al Disaster Recovery Plan,

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM 2 A I E A Costituita a Milano nel 1979 Finalità:

Dettagli

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a

CERTIQUALITY. La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301. P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a P e r u n a m i g l i o r e q u a l i t à d e l l a v i t a CERTIQUALITY La Gestione della Business Continuity : gli standard ISO 31000 ed ISO 22301 Dott. Nicola Gatta Direzione Marketing & Industry Management

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

Un metodo per garantire la continuità produttiva ed aumentare la resilienza dell impresa

Un metodo per garantire la continuità produttiva ed aumentare la resilienza dell impresa RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Business Continuity per le imprese Un metodo per garantire la continuità produttiva ed aumentare la resilienza dell impresa PER LE IMPRESE VISITA IL SITO: www.exsafe.it

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia

Procedure d emergenza e Business Continuity Plan. Dott. Ing. Alfiero Ortali Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Procedure d emergenza e Business Continuity Plan Dirigente Servizio Sistema Informativo E-Governmant Provincia di Perugia Loreto Ottobre 2011 La business continuity è in sostanza l insieme di attività

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013

Sicurezza ICT e continuità del Business. Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Sicurezza ICT e continuità del Business Igea Marina Rimini - 5 luglio 2013 Indice L approccio alla Sicurezza ICT La rilevazione della situazione L analisi del rischio Cenni agli Standard di riferimento

Dettagli

EasyGov Solutions Srl. Start-up del Politecnico di Milano

EasyGov Solutions Srl. Start-up del Politecnico di Milano EasyGov Solutions Srl Start-up del Politecnico di Milano Continuità Operativa ICT e Disaster Recovery 2 Il contesto - 1 Continuità operativa Generale Persone, Impianti, Infrastrutture, documenti, norme,

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

"QUANDO C'E' UNA META, ANCHE IL DESERTO DIVENTA STRADA"

QUANDO C'E' UNA META, ANCHE IL DESERTO DIVENTA STRADA Progettare oggi, significa apportare innovazione, semplicità, aumento della produttività, creare valore aggiunto durante le normale attività di lavoro, sempre senza generare attriti tra la produzione e

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 NET STUDIO 2015 Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration,

Dettagli

Incident & Vulnerability Management: Integrazione nei processi di un SOC. Fabio Civita. Roma, 13 Maggio 2014 Complesso Monumentale S.

Incident & Vulnerability Management: Integrazione nei processi di un SOC. Fabio Civita. Roma, 13 Maggio 2014 Complesso Monumentale S. Il braccio destro per il business. Incident & Vulnerability Management: Integrazione nei processi di un SOC Roma, 13 Maggio 2014 Complesso Monumentale S.Spirito in Sassia Il braccio destro per il business.

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Gianna Detoni, AFBCI Presidente di PANTA RAY BCI Italian Forum Leader 1 Milano, 13 ottobre 2015

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity

CERTIQUALITY. Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Per una migliore qualità della vita CERTIQUALITY Gli standard ISO 31000 per il RiskManagement ed ISO 22301 per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Business Continuity Dott. Nicola Gatta Direzione

Dettagli

Sistema integrato di Business Continuity Management

Sistema integrato di Business Continuity Management www. list- group. com Sistema integrato di Continuity Management Crisis management Impact Analysis Test management Integrazione Disaster Recovery Integrazione Rischi Operativi Sistema integrato di Continuity

Dettagli

Disaster Recovery: Aspetti tecnico-organizzativi

Disaster Recovery: Aspetti tecnico-organizzativi Disaster Recovery: Aspetti tecnico-organizzativi Business Continuity and Recovery Services IBM Italia 2002 IBM Corporation 2005 IBM Corporation LA CONTINUITÀ OPERATIVA La continuità operativa ha un perimetro

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni

G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni G.Pietro Trovesi Sistema di gestione per la Sicurezza delle Informazioni Ente di normazione per le Tecnologie Informatiche e loro applicazioni Ente federato all UNI studiare ed elaborare norme nazionali,

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A.

CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. CONTINUITÀ OPERATIVA E DISASTER RECOVERY NELLA P.A. DEFINIZIONI CONTINUITÀ OPERATIVA capacità di reagire e rispondere a eventi imprevisti che compromettano il funzionamento ICT DISASTER RECOVERY sinonimo

Dettagli

Business Continuity Experts

Business Continuity Experts Business Continuity Experts Contenuti Le caratteristiche di ORBIT....Pag.3 Approccio evolutivo Pag.4 ORBIT: I benefici nell uso del tool.pag.5 ORBIT: le linee di prodotto...pag.6 ORBIT: i servizi professionali,

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Seminario tecnico - Commissione ICT L affidabilità delle strutture ICT critiche

Seminario tecnico - Commissione ICT L affidabilità delle strutture ICT critiche Seminario tecnico - Commissione ICT L affidabilità delle strutture ICT critiche Parte 2 - Architetture ICT e soluzioni organizzative per BC e DR, standard, normativa banche e PA Lead Auditor ISO 22301

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Business Continuity Experts

Business Continuity Experts Business Continuity Experts Contenuti Il nuovo CAD......Pag.3 Approccio evolutivo Pag.4 ORBIT: I benefici nell uso del tool.pag.5 ORBIT: le linee di prodotto...pag.6 ORBIT: i servizi professionali, la

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA

Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Company Management System Il Sistema di Governo della Sicurezza delle Informazioni di SIA Scopo del documento: Redatto da: Verificato da: Approvato da: Codice documento: Classificazione: Dominio di applicazione:

Dettagli

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ

BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ BUSINESS CONTINUITY CAPABILITY: LE PERSONE AL CENTRO DEL PROCESSO DECISIONALE, OVVERO CULTURA, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITÀ Angela Pietrantoni Managing Director cienze per la sicurezza consulting Garantire

Dettagli

La certificazione CISM

La certificazione CISM La certificazione CISM Firenze, 19 maggio 2005 Daniele Chieregato Agenda Ruolo del Security Manager Certificati CISM Domini Requisiti Ruolo del Security Manager La gestione della Sicurezza Informatica

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane

Associazione Italiana Corporate & Investment Banking. Presentazione Ricerca. Il risk management nelle imprese italiane Associazione Italiana Corporate & Investment Banking 02.36531506 www.aicib.it aicib@unicatt.it Presentazione Ricerca Il risk management nelle imprese italiane AICIB Associazione Italiana Corporate & Investment

Dettagli

La Guida ANFIA sul BCM Una presentazione in 7 punti. M. Terzago, SKF Group, Coordinatore GdL ANFIA G. Celeri, Marsh Risk Consulting, Membro GdL ANFIA

La Guida ANFIA sul BCM Una presentazione in 7 punti. M. Terzago, SKF Group, Coordinatore GdL ANFIA G. Celeri, Marsh Risk Consulting, Membro GdL ANFIA La Guida ANFIA sul BCM Una presentazione in 7 punti M. Terzago, SKF Group, Coordinatore GdL ANFIA G. Celeri, Marsh Risk Consulting, Membro GdL ANFIA Milano, 15 Giugno, 2015 1) PERCHÈ QUESTA NUOVA GUIDA

Dettagli

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A)

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A) 1 Seminario Aggiornamento Valutatori SICEV Intervento Dai Sistemi di Gestione al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo secondo il DLgs. 231/2001 Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 -

Dettagli

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni?

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni? Cosa si può fare? LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? La Sicurezza delle Informazioni nell impresa di oggi è il raggiungimento di una condizione dove i rischi

Dettagli

Spett. Le FIAVET Via Ravenna, 8 00161 Roma

Spett. Le FIAVET Via Ravenna, 8 00161 Roma Pomigliano D Arco, 24/01/2005 Spett. Le FIAVET Via Ravenna, 8 00161 Roma Alla Cortese Attenzione del Segretario Generale dott. Stefano Landi Oggetto: Proposta di convenzione per la fornitura di consulenza

Dettagli

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System ISO 39001: per una migliore gestione della sicurezza stradale Si stima che entro il 2030 gli incidenti stradali saranno

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Media mensile 96 3 al giorno

Media mensile 96 3 al giorno Il numero di attacchi gravi di pubblico dominio che sono stati analizzati è cresciuto nel 2013 del 245%. Media mensile 96 3 al giorno Fonte Rapporto 2014 sulla Sicurezza ICT in Italia. IDENTIKIT Prima

Dettagli

Gestione della Sicurezza Informatica

Gestione della Sicurezza Informatica Gestione della Sicurezza Informatica La sicurezza informatica è composta da un organizzativinsieme di misure di tipo: tecnologico o normativo La politica di sicurezza si concretizza nella stesura di un

Dettagli

Business Continuity Experts

Business Continuity Experts Business Continuity Experts Contenuti ORBIT e le assicurazioni SOLVENCY II....Pag.3 Approccio evolutivo Pag.4 ORBIT: I benefici nell uso del tool.pag.5 ORBIT: le linee di prodotto...pag.6 ORBIT: i servizi

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Sicurezza, Rischio e Business Continuity Quali sinergie?

Sicurezza, Rischio e Business Continuity Quali sinergie? Sicurezza, Rischio e Business Continuity Quali sinergie? ABI Banche e Sicurezza 2016 John Ramaioli Milano, 27 maggio 2016 Agenda Ø Il contesto normativo ed organizzativo Ø Possibili sinergie Ø Considerazioni

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015

Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015 Gestire i rischi, novità e strumenti per i modelli 231/01 e la nuova ISO 9001 del 2015 Workshop Andrea Padovano Pier Alberto Guidotti Alberto Mari Gian Franco Poggioli Bologna, 8 settembre 2015 Francesco

Dettagli

Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative. Servizi Consulenza Formazione Prodotti

Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative. Servizi Consulenza Formazione Prodotti Le attività OASI per la sicurezza dei dati e dei sistemi, e per la compliance alle normative Servizi Consulenza Formazione Prodotti L impostazione dei servizi offerti Le Banche e le altre imprese, sono

Dettagli

Sicurezza informatica. Strumento basilare per la business continuity

Sicurezza informatica. Strumento basilare per la business continuity Sicurezza informatica Strumento basilare per la business continuity CLUSIT- Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica Associazione "no profit" con sede presso l'università degli studi di Milano,Dipartimento

Dettagli

I dati : patrimonio aziendale da proteggere

I dati : patrimonio aziendale da proteggere Premessa Per chi lavora nell informatica da circa 30 anni, il tema della sicurezza è sempre stato un punto fondamentale nella progettazione dei sistemi informativi. Negli ultimi anni il tema della sicurezza

Dettagli

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Roma 16 giugno 2005 Dr. Paolo Cruciani BNL Responsabile Rischi Operativi BNL Direzione Risk Management Agenda 1.

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo

Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo Continuità operativa e Disaster recovery Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento per le politiche fiscali Ufficio coordinamento tecnologie informatiche Mariano Lupo Alcuni concetti Gestione

Dettagli

Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di:

Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di: 22-12-2009 1 Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di: affidabilità dei processi elaborativi qualità delle informazioni prodotte

Dettagli

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio

Audit & Sicurezza Informatica. Linee di servizio Audit & Sicurezza Informatica Linee di servizio Application Control Consulting Molte organizzazioni hanno implementato applicazioni client/server integrate, come SAP e Oracle Queste applicazioni aumentano

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe

Business continuity per la PA, G. Pontevolpe Business continuity per la PA Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma Generalità sul disaster recovery Disaster recovery e sicurezza Aspetti

Dettagli

Progetto di Information Security

Progetto di Information Security Progetto di Information Security Pianificare e gestire la sicurezza dei sistemi informativi adottando uno schema di riferimento manageriale che consenta di affrontare le problematiche connesse alla sicurezza

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

La sicurezza nella società digitale e nuovi modelli d uso ICT per la Pubblica Amministrazione

La sicurezza nella società digitale e nuovi modelli d uso ICT per la Pubblica Amministrazione La sicurezza nella società digitale e nuovi modelli d uso ICT per la Pubblica Amministrazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Massimiliano D Angelo Forum PA, 30 maggio 2013 1 I numeri

Dettagli

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari

Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari www.compliancenet.it www.prometeomc.it Guida alla redazione del Business Continuity Plan per gli intermediari finanziari 22 luglio 2010 - versione 1.0 http://www.compliancenet.it/content/guida-business-continuity

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI ISMS MANAGER/SENIOR MANAGER

Dettagli

La Business Unit Sistemi

La Business Unit Sistemi La Business Unit Sistemi Roma, 22 Febbraio 2007 Chi siamo il gruppo rappresenta un marchio che identifica un pool aziende specializzate nella progettazione e realizzazione Sistemi Informativi Chi siamo

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA 1. Premessa Il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 gennaio 2011

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Gianna Detoni, AFBCI Presidente di PANTA RAY BCI Italian Forum Leader 1 Roma, 9 ottobre 2015 AGENDA

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader

Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Francesco Scribano GTS Business Continuity and Resiliency services Leader Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Certificazione ISO 27001: l'esperienza IBM Il caso di IBM BCRS Perchè certificarsi Il

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Il Risk Management a supporto dell O.d.V. Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 PER L ORGANISMO DI VIGILANZA

Dettagli

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D.

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D. Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP Milano, 24 maggio 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Il valore dei dati pubblici Dati pubblici: - patrimonio dell'ente

Dettagli

La sicurezza dell informazione

La sicurezza dell informazione La sicurezza dell informazione come costruire il sistema di gestione per la sicurezza dell informazione Ing. Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Qualità, Agosto 2000) 1 Introduzione L informazione, nel linguaggio

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli