Corso Centralino Servizi di Emergenza Urgenza Comunicazioni Radio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso 2007. Centralino Servizi di Emergenza Urgenza Comunicazioni Radio"

Transcript

1 Corso 2007 Centralino Servizi di Emergenza Urgenza Comunicazioni Radio

2 Il Centralino Il centralino è il cuore pulsante dell associazione: il compito del centralinista infatti è quello di gestire tutti i servizi e i movimenti dei mezzi e degli equipaggi in turno per uno svolgimento ottimale. Spesso agisce in parallelo con il 118, cioè la Centrale Operativa Parma Soccorso. Per tutto questo il ruolo del centralinista è importante (e gratificante)

3 Il Centralino Il centralino è parte integrante dell iter formativo e della carriera dei militi. Recentemente è partito un progetto pilota che ha l obiettivo di sveltire l addestramento e di formare un buon numero di centralinisti, senza perdere qualità e garantendo una buona rotazione nei vari ruoli.

4 I Servizi della nostra Associazione I servizi si possono dividere in due gruppi: Servizi Ordinari: visite, terapie, dimissioni, dialisi ecc. Sono trasporti, in genere programmati, che non hanno come destinazione finale il P.S. (pronto soccorso) Possono essere prenotati dall utente (presentandosi in sede di persona oppure telefonando al numero ) o assegnati direttamente dalla Centrale Operativa.

5 I servizi della nostra associazione Servizi di Emergenza-Urgenza: sono tutti i trasporti che hanno come destinazione finale il P.S. (anche quelli per cui si ha la richiesta del medico), passati solitamente dalla Centrale Operativa. Per ottenere lo svolgimento di questi servizi l utente deve SEMPRE rivolgersi al 118.

6 Altri tipi di servizi Servizi sportivi: sono svolti da equipaggi abilitati alle urgenze. Nel caso ci sia necessità di recarsi al P.S. le comunicazioni avvengono come in qualsiasi servizio di urgenza. Uscita del mezzo numero 9: è un servizio richiesto dalle forze dell ordine sul posto. Non è da considerarsi un urgenza, quindi non avverranno comunicazioni radio: se necessario comunicheremo con la C.O. o con la sede via cavo.

7 Convenzione A.U.S.L. e mezzi in turno La nostra associazione ha una convenzione con l A.U.S.L. per cui si è impegnata a mantenere un ambulanza urgenze operativa 24 ore al giorno, 365 giorni all anno. Solitamente in turno, durante la settimana, le ambulanze in sede sono tre più l automedica (Collecchio 30) Questo vuol dire che due ambulanze in turno possono essere usate per i servizi ordinari, mentre l altra rimane a disposizione della centrale 118 in ogni momento.

8 Utilizzo dei Mezzi L utilizzo delle nostre macchine è il seguente: Collecchio 30: automedica, con equipaggio composto da autista e soccorritore E.M.S. e medico rianimatore. Collecchio 1, 8, 10: ambulanze con autista e soccorritore urgenze. Collecchio 2, 3, 4, 6: ambulanze per servizi ordinari; la 2, la 3 e la 4 viaggiano solo all interno del comprensorio (prive di ruota di scorta)

9 Ad inizio turno, il centralinista ha a disposizione un certo numero di militi ed ambulanze. I militi in turno sono suddivisi in equipaggi; ogni equipaggio è destinato all utilizzo di un mezzo. Equipaggi e mezzi sono coordinati dal centralinista secondo le caratteristiche di ogni servizio. Per una pianificazione ed uno svolgimento ottimale dei servizi il centralinista tiene conto delle consegne passate da chi lo ha preceduto nel ruolo, dal Coordinatore dei Servizi e dall Ufficio Comando.

10 Come sono composti gli equipaggi?

11 Ruolo Chiave del Centralinista Le decisioni devono essere prese a partire dalle conoscenze maturate con l esperienza di ogni giorno, in assoluta serietà ed imparzialità, seguendo sempre una logica precisa. È quindi richiesta una certa assiduità nel ruolo, proprio per mantenersi aggiornati e sapere sempre dare una risposta competente ad ogni servizio richiesto degli utenti e della centrale operativa.

12 Rispetto della tranquillità Il centralino è un punto della sede molto frequentato dai militi e dagli utenti che desiderano effettuare prenotazioni o richiedere informazioni. È quindi di massima importanza mantenere la quiete e non sostare in centralino se non per ricevere o dare comunicazioni all operatore, perché in ogni momento si può ricevere una telefonata o una richiesta di soccorso.

13 La Centrale Operativa 118 ParmaSoccorso Il 118 è un sistema nazionale di gestione delle situazioni di emergenza-urgenza, suddiviso in province. Il 118 utilizza le automediche e le ambulanze convenzionate messe a disposizione dalle Pubbliche Assistenze e dalle sedi di Croce Rossa della provincia È titolare anche della gestione e dell utilizzo dell elisoccorso dell azienda ospedaliera di Parma, denominato attualmente Sierra Romeo, che agisce nelle province di Parma, Piacenza e Reggio.

14 La Centrale Operativa 118 Parmasoccorso La C.O. gestisce anche il settore dei servizi ordinari della città o della provincia in caso di dimissioni dai reparti ospedalieri. È attiva, ovviamente, 24 ore su 24 ogni giorno dell anno. Gli operatori addetti a ricevere le richieste di soccorso sono infermieri professionali con addestramento specifico, grazie al quale possono porre all utente le domande più idonee per stabilire le condizioni del o dei pazienti e il luogo d intervento, per ottimizzare l invio dei soccorsi È necessario quindi considerare il tempo al telefono come un momento indispensabile e non una perdita di tempo.

15 Fasi del soccorso Telefonata dell utente alla centrale operativa 118 L operatore (infermiere professionale) cerca di raccogliere più notizie possibili. L operatore 118 attiva la sede territoriale competente richiedendo il mezzo più idoneo Il mezzo arriva sul posto e ne informa la centrale. I componenti dell equipaggio valutano l evento (numero di feriti, sicurezza, condizioni del pz.) La centrale eventualmente richiede altre risorse (elisoccorso, pompieri, stradale ) Il pz. viene stabilizzato; gli viene assegnato un codice numerico di gravità (comunicandolo anche alla C.O.) ed è trasportato in P.S. Comunicazione dell arrivo in P.S. Comunicazione di fine servizio (con operatività o meno del mezzo) e trasmissione dei dati (via cavo!!!). Libero alla sede.

16 La scheda di invio di un servizio di emergenza-urgenza

17 Codici di Gravità Presunta (codici colore) Sono assegnati dalla Centrale Operativa in seguito all intervista con l utente Codice Bianco: Bianco servizio dilazionabile nel tempo, il momento dell arrivo è concordato dall operatore di C.O. con l utente (non esistono limiti orari nell espletamento del servizio). Questi servizi vengono eseguiti alla fine di altri più urgenti. Codice Verde: Verde interventi in cui statisticamente non esiste immediato pericolo di vita per l utente. Il tempo di arrivo deve essere <8 in ambito urbano e <20 in ambito extraurbano; è comunque ammesso un piccolo ritardo.

18 Codici di Gravità Presunta (codici colore) Codice Giallo: Giallo priorità indifferibile. Sono interventi mediamente critici da effettuare tempestivamente, in quanto c è pericolo che la situazione clinica si deteriori. Tempo di arrivo: come sopra. Codice Rosso: Rosso intervento di emergenza molto critico, in cui esiste una compromissione delle funzioni vitali o una situazione di potenziale pericolo. Se le ambulanze sono impegnate, possono essere sospesi servizi in corso a bassa priorità. Tempo di arrivo come sopra, ma si possono utilizzare dispositivi acustici e luminosi. I codici possono cambiare durante l invio sul posto.

19 La scheda di valutazione di un servizio di emergenza-urgenza

20 Codice di gravità accertata (numerico) Sono stabiliti dopo l arrivo sul posto e la valutazione del paziente. Codice Uno: patologia non grave, che richiede controllo sanitario, in pz. cosciente e con buona respirazione. Si procede verso il P.S. nel rispetto delle regole stradali. Codice Due: patologia intermedia (ad es. insufficienza respiratoria, paziente confuso, sospetta frattura di una certa entità); il pz. è bisognoso di controllo sanitario in breve tempo. Si procede come sopra.

21 Codice di gravità accertata (numerico) Codice Tre: patologia di gravità massima; il pz. presenta compromissione delle funzioni vitali e/o non è cosciente. Si procede verso il P.S. il più velocemente possibile e in condizioni di sicurezza, usando dispositivi acustici e luminosi. Codice Quattro: pz. deceduto, non si trasporta con l ambulanza, che rientra in sede con calma. Codice Zero: non è effettuato trasporto verso il P.S. perché: il paziente non necessita, è stato trattato sul posto, non è stato reperito o ha rifiutato il ricovero Anche i codici numerici possono essere cambiati durante il trasporto, informandone la C.O.

22 Sistemazione degli Aspiranti Militi durante il trasporto in ambulanza Servizi ordinari: all andata, sempre nel vano sanitario. Con il paziente a bordo, nel vano sanitario, accompagnato sempre dal milite titolare, fino ad un massimo totale di 6 persone sul mezzo compreso il pz. (con l eccezione delle ambulanze 2, 3 e 4, che ne possono ospitare 7). Se in esubero, l aspirante milite si accomoda di fianco all autista. Servizi urgenti: sempre nel vano sanitario ad eccezione dei servizi con la 30; in questo caso l aspirante si accomoda sull automedica durante il viaggio verso il P.S. Sull automedica: soltanto come osservatore senza alcuna funzione attiva (vedi sotto)

23 Sistemazione degli equipaggi durante un servizio con la Collecchio 30 Se il medico EMS accompagna il pz. nel trasporto in ambulanza, nel vano sanitario salgono solo il soccorritore titolari dell automedica e quello dell ambulanza. Se è presente un milite urgenze in addestramento EMS, salirà al posto del soccorritore dell ambulanza, che a sua volta seguirà sull automedica. Gli aspiranti militi ed (eccezionalmente) i familiari del paziente seguiranno anch essi a bordo dell automedica e in nessun caso a fianco dell autista.

24 Comunicazioni radio, frontalino, telefono cellulare

25 RADIO Inserire foto radios

26 RADIO Le ambulanze ordinarie sono dotate di un solo apparato radio ricetrasmittente che utilizza il canale 10, frequenza condivisa da molte associazioni della nostra provincia per comunicazioni non legate ai servizi di emergenza-urgenza. Le ambulanze urgenze, oltre all apparato che abbiamo descritto, sono dotate di un ulteriore radio ricetrasmittente sintonizzata sul canale 72, di pertinenza della C.O. ParmaSoccorso e utilizzato solo per servizi di urgenza.

27 Come eseguire comunicazioni radio corrette Le comunicazioni radio devono essere professionali, brevi e precise (veniamo ascoltati da tutta la provincia!) Pensare sempre prima al messaggio da trasmettere Premere un secondo prima il tasto PTT Anteporre il chiamato al chiamante Per porre una domanda anteporre interrogativo alla frase Scandire i numeri, frazionandoli all unità (es. sei-zero-uno) Per dire sì si dice affermativo. Per dire no: negativo Per avere priorità: attenzione, è una comunicazione importante Evitare comunicazioni >10 in quanto la qualità di ricezione scade. Ricevuto copiato : significa che si è capito quanto trasmesso. Non usare espressioni come passo oppure cambio

28 Alfabeto fonetico I.C.A.O. Serve per fare lo spelling corretto di parole o sigle. A = ALPHA B = BRAVO C = CHARLIE D = DELTA E = ECO F = FOXTROT G = GOLF H = HOTEL I = INDIA J = JULIET K = KILO L = LIMA M = MIKE N = NOVEMBER O = OSCAR P = PAPA Q = QUEBEC R = ROMEO S = SIERRA T = TANGO U = UNIFORM V = VICTOR W = WISKY X = X-RAY Y = YANKEE Z = ZULU

29 Il frontalino

30 Il frontalino Questo dispositivo è stato introdotto allo scopo di trasmettere e ricevere in modo univoco e senza zone scoperte i dati e le fasi dei servizi di emergenza urgenza, visualizzando i vari messaggi sul display. Il frontalino presenta anche l utilità di non intasare la frequenza radio.

31 Codici di invio Prima casella: descrive il luogo di intervento K = Casa S = Strada L = Lavoro Q = Scuola P = Pubblico Z = Altro Seconda casella: è sempre C, che sta per codice; è interposta tra l abbreviazione del luogo e quella della patologia

32 Codici di invio Terza casella: descrive la patologia presunta con una cifra Traumatico Cardiologico Respiratorio Neurologico Psichiatrico Neoplastico Intossicazione Altro Non identificato Etilista

33 Codici di Invio Quarta casella: è la lettera iniziale del codice colore (codice di gravità presunta) quindi: B = Bianco V = Verde G = Giallo R = Rosso Esempio: SC1R = Strada, Traumatico, Rosso

34

( 1 PARTE ) ! CENTRALINO. Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo.

( 1 PARTE ) ! CENTRALINO. Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo. ! CENTRALINO ( 1 PARTE ) Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi Prenotazioni Punto Informativo Potenza Teresa CENTRALINO Il Centralino è il Punto di Riferimento per le comunicazioni

Dettagli

Polizia Provinciale Squadra Nautica. A cura del Responsabile Comm. C. Lucio Semenzato. SOS Canale 16

Polizia Provinciale Squadra Nautica. A cura del Responsabile Comm. C. Lucio Semenzato. SOS Canale 16 Polizia Provinciale Squadra Nautica Procedure VHF Di Radiotelefonia Comunicazioni di soccorso, di urgenza e di sicurezza in radiotelefonia nautica A cura del Responsabile Comm. C. Lucio Semenzato SOS Canale

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Le comunicazioni radio

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Le comunicazioni radio Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Le comunicazioni radio Argomenti della lezione L importanza delle comunicazioni radio. Elementi che compongono la radio. Funzionamento degli apparati radio.

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

Guida all uso delle radio (Febbraio 2009)

Guida all uso delle radio (Febbraio 2009) Guida all uso delle radio (Febbraio 2009) Guida Pratica per l uso di apparati Radio Ricetrasmittenti Innanzi tutto specifichiamo che questo piccolo manuale nasce per portare a conoscenza chi non ha nessuna

Dettagli

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Obiettivi Formativi: 1) Decodificare e formulare

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI EMERGENZA

ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI EMERGENZA P.A. CROCE VERDE LAMPORECCHIO ORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI DI EMERGENZA Giovedì 5 Marzo 2009 COSA E IL 118? Il numero UNICO telefonico da fare in caso di un emergenza sanitaria per attivare un mezzo di soccorso;

Dettagli

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato 1 Comporre su qualsiasi telefono il numero 118 La chiamata è gratuita Non occorre gettone o tessera Non è possibile chiamare il 118 da telefoni cellulari privi di scheda, in queste situazioni è possibile

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO. Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO. Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GREVIGIANO Corso di Soccorritore Livello Base Soccorso Sanitario Requisiti del personale Le figure del soccorso sanitario: Autista ambulanza Soccorritore di livello base Soccorritore

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

Misericordia Montelupo F.no. Utilizzo degli apparati radio

Misericordia Montelupo F.no. Utilizzo degli apparati radio Misericordia Montelupo F.no Utilizzo degli apparati radio CONCETTI DI RADIOCUMUNICAZIONI La RADIOCUMINCAZIONE è la tecnica che consente di trasmettere a distanza messaggi parlati, suoni o segnali. Mediante:

Dettagli

LE COMUNICAZIONI NELLE MAXIEMERGENZE. a cura di Lello Cafaro

LE COMUNICAZIONI NELLE MAXIEMERGENZE. a cura di Lello Cafaro LE COMUNICAZIONI NELLE MAXIEMERGENZE a cura di Lello Cafaro 1 If you haven't communication you have nothing 2 IL TELEFONO CELLULARE OTTIMO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE NON UTILIZZABILE ASSOLUTAMENTE IN CASO

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A.

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A. TRIAGE Sistema di suddivisione delle vittime, per stabilirne il livello di priorità sia nel soccorso che nello sgombero. Si utilizza in caso di incidenti o di eventi catastrofici con un alto numero di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE Francesco Piemontese Coordinatore C.O. Teresa Di Bennardo Infermiera C.O. Bernardini Giulio Infermiere C.O. RESPONSABILE Piemontese Francesco

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 Giovedì 20 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia

Dettagli

CO118 di Area Omogenea EMILIA EST: cosa cambia a Modena ISTRUZIONI PER L USO

CO118 di Area Omogenea EMILIA EST: cosa cambia a Modena ISTRUZIONI PER L USO CO118 di Area Omogenea EMILIA EST: cosa cambia a Modena ISTRUZIONI PER L USO Aggiornamento 14.05.02014 per infermieri, operatori tecnici, medici 118-PS, MMG/CA integrati 118, soccorritori AAV La CO118

Dettagli

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it.

Reparto: Pronto Soccorso. Sede: Melzo. Piano: Terra. Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli. Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it. Reparto: Pronto Soccorso Sede: Melzo Piano: Terra Responsabile: Dott. Giuseppe Ripoli Email: giuseppe.ripoli@aomelegnano.it Medici: A rotazione dai reparti di Chirurgia, Medicina, Ostetricia e Pediatria

Dettagli

ABC della RADIO Nozioni basilari sull uso degli apparati radio

ABC della RADIO Nozioni basilari sull uso degli apparati radio ABC della RADIO Nozioni basilari sull uso degli apparati radio. Alessandro Redaelli IZ2XFX www.radiocorbetta.altervista.org 0 Premessa Questo manuale è per dare le basi a un operatore radio coinvolto in

Dettagli

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont Perugia 2009 Il Trauma Grave e la Rete Clinica Assistenziale 118 Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte C oordinatore 118-em ergenza sanitaria Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI 118 NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE D.P.R. 27 MARZO 1992 ISTITUISCE LE CENTRALI OPERATIVE 118 UNICHE PER L ALLARME SANITARIO Il sistema di allarme sanitario

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

Rifugio Valdiflora. Pet Taxi. Scheda prodotto. for secure and emergency transport

Rifugio Valdiflora. Pet Taxi. Scheda prodotto. for secure and emergency transport Rifugio Valdiflora Pet Taxi for secure and emergency transport Scheda prodotto 01/10/2013 1. Il servizio... 2 2. I vantaggi per il cittadino... 2 3. I vantaggi per il veterinario... 2 4. Come si attiva

Dettagli

( 2 PARTE ) ! CENTRALINO ! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA. Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio. Potenza Teresa

( 2 PARTE ) ! CENTRALINO ! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA. Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio. Potenza Teresa ! CENTRALINO ( 2 PARTE )! MOVIMENTAZIONE AMBULANZA Rapporto Movimentazione Pagamenti e Offerte sul Servizio Potenza Teresa ! CENTRALINO ( 2 PARTE ) Comunicazioni ( Telefoniche e Radio ) Registrazione Servizi

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS P4 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 GESTIONE DEGLI INFORTUNI e INCIDENTI Occorre

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

CORSO PROTEZIONE CIVILE 2011 WWW.CALDINESOCCORSO.IT

CORSO PROTEZIONE CIVILE 2011 WWW.CALDINESOCCORSO.IT CORSO PROTEZIONE CIVILE 2011 RADIO Automezzi SEDE 118 CANALE 5 FIRENZE ISO CANALE 5 CANALE 17 Val di Sieve CANALE 36 Mugello RADIO CENTRALINO Tasto P4 --------- Apertura e chiusura canale Tasto P2 ---------

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI... Pag. 1 di 8 SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...7 PARTE IV: LA VERIFICA DEGLI IMPEGNI ASSUNTI...8

Dettagli

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute Primo soccorso.pronto Soccorso Relatori:dr. F. Diana dr. E. Rossi UOC Pronto Soccorso e Accettazione Data: 12 marzo 2014 Aula Piccolotto- Feltre Quando trovi questo

Dettagli

IL SERVIZIO DI EMERGENZA 118 NELLA URBINO

IL SERVIZIO DI EMERGENZA 118 NELLA URBINO IL SERVIZIO DI EMERGENZA 118 NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA SISTEMA DI ALLARME SANITARIO CENTRALE OPERATIVA 118 SISTEMA TERRITORIALE DI SOCCORSO POTES (Postazioni di

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Pronto Soccorso svolge la sua attività al piano terra dell Ospedale San Bassiano, a sinistra della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS)

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS) CARTA DEI SERVIZI Erogazione di servizi di soccorso di base all interno del servizio di emergenza territoriale 118 Servizio trasporto ammalati e disabili Assistenza sanitaria durante attività sportive

Dettagli

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0)

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Approvato dal comitato del Dipartimento di Interesse Regionale del Servizio

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE CHIAMATE. Procedure operative dell Articolazione Azienda Territoriale Pavia

PROCEDURE OPERATIVE CHIAMATE. Procedure operative dell Articolazione Azienda Territoriale Pavia PROCEDURE OPERATIVE Le procedure operative riguardanti la collaborazione delle Associazioni di Volontariato che gestiscono i mezzi di soccorso della Provincia di Pavia con il S.S.U.Em. 118 sono le seguenti,

Dettagli

NUOVA CENTRALE OPERATIVA 118 ALTA TOSCANA. Apertura 19 gennaio 2016 ASL 1 ASL 2 ASL 12

NUOVA CENTRALE OPERATIVA 118 ALTA TOSCANA. Apertura 19 gennaio 2016 ASL 1 ASL 2 ASL 12 NUOVA CENTRALE OPERATIVA 118 ALTA TOSCANA Apertura 19 gennaio 2016 ASL 1 ASL 2 ASL 12 NUOVA CENTRALE OPERATIVA 118 ALTA TOSCANA Nuova codifica dei mezzi operativi: ALFA (automedica) MIKE (medicalizzata)

Dettagli

ATTIVITA DI TRASPORTO E REGOLE DI CONMPORTAMENTO. Modulo 1 Lezione I Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

ATTIVITA DI TRASPORTO E REGOLE DI CONMPORTAMENTO. Modulo 1 Lezione I Croce Rossa Italiana Emilia Romagna ATTIVITA DI TRASPORTO E REGOLE DI CONMPORTAMENTO Modulo 1 Lezione I Croce Rossa Italiana Emilia Romagna GLI ASPETTI LEGALI DEL SOCCORSO OBIETTIVI: Il soccorritore e la legge L incaricato di pubblico servizio

Dettagli

LE SEGNALAZIONI MARITTIME

LE SEGNALAZIONI MARITTIME LE SEGNALAZIONI MARITTIME I naviganti di tutti i tempi hanno sempre avvertito la necessità di adottare dei metodi che rendessero possibile comunicare, almeno a distanza visiva, tra le imbarcazioni, al

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA DIPARTIMENTO AREA MEDICA A OPERATIVA di PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Dr. Antonello Strada DIRIGENTI MEDICI Dr. Vittorio Berruti Dr. Dante Clerici IPAS* Osservazione Breve Intensiva Dr.ssa Francesca Gelli

Dettagli

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente.

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente. IL PRIMO SOCCORSO Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 mette in capo al Datore di Lavoro l obbligo di prendere i provvedimenti necessari in tema di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Arezzo solidale 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO A) Area di intervento trasporti sanitari Criticità verso

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI COS È LA CARTA DEI SERVIZI? CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento che la legge italiana, precisamente la Legge n. 328/2000, ha voluto si realizzasse nel processo di innovazione fra istituzioni

Dettagli

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010

L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico. Matera 15 giugno 2010 L INFERMIERE DI TRIAGE FUNZIONI- REQUISITI- FORMAZIONE..a cura di Giuseppe Lolaico Matera 15 giugno 2010 Linee guida 1/1996 (G.U. 17 maggio 1996) Linee Guida Per Il Sistema Di Emergenza Urgenza In Applicazione

Dettagli

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze,

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, CENTRALE OPERATIVA 118 Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, dal territorio sino alla definitiva

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 1515 del 29 ottobre 2015 pag. 1/8

ALLEGATOB alla Dgr n. 1515 del 29 ottobre 2015 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1515 del 29 ottobre 2015 pag. 1/8 REQUISITI FORMATIVI E PROFESSIONALI PER IL PERSONALE ADDETTO ALL ATTIVITA DI SOCCORSO E TRASPORTO SANITARIO ALLEGATOB

Dettagli

esigno MOBILE GUIDA RAPIDA CISA S.p.A. Via Oberdan, 42 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546677111 Fax +39 0546 677577 www.cisa.

esigno MOBILE GUIDA RAPIDA CISA S.p.A. Via Oberdan, 42 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546677111 Fax +39 0546 677577 www.cisa. esigno MOBILE GUIDA RAPIDA CISA S.p.A. Via Oberdan, 42 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546677111 Fax +39 0546 677577 ESIGNO_SYSTEM_QUICK_GUIDE_101_IT.DOCX - 0892066800000 E-mail: support_ahd@eu.irco.com

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con Università degli Studi di Milano BLS ed Elementi di Primo Soccorso Il Ruolo del Soccorritore In collaborazione con Obiettivo Sapere come comportarsi quando ci si trova di fronte ad un paziente colpito

Dettagli

Il mondo nella mia antenna Festa del Paese 2012

Il mondo nella mia antenna Festa del Paese 2012 www.insubriaradio.org Insubria Radio Team 2012 Pagina 1 di 10 La radio una grande invenzione grazie a Guglielmo Marconi, che dopo molti esperimenti di successo in terra italiana, concentra successivamente

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

118 SERVIZIO DI URGENZA EMERGENZA MEDICA (SUEM)

118 SERVIZIO DI URGENZA EMERGENZA MEDICA (SUEM) 118 SERVIZIO DI URGENZA EMERGENZA MEDICA (SUEM) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI EMERGENZA TERRITORIALE OBIETTIVI 118 o 112 SISTEMA di EMERGENZA TERRITORIALE (norme e leggi, struttura territoriale)

Dettagli

STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI

STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI La Pubblica Assistenza & Soccorso nasce nel settembre 1983 con circa 20 volontari. La P.A.S., come tante altre associazioni di volontariato, è regolarmente iscritta

Dettagli

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE GLI ATTI DI VIOLENZA A DANNO DEGLI OPERATORI SANITARI Revisione 0 Pag. 1 di 11 STATO DATA FIRMA APPROVATO 06.11.2014 ARCH. ROSARIO DI MUZIO SOMMARIO: 1. OGGETTO E SCOPO 2.

Dettagli

con non sarete Sistema integrato sicurezza taxi - codice di attivazione immediato

con non sarete Sistema integrato sicurezza taxi - codice di attivazione immediato con e non sarete Sistema integrato sicurezza taxi - codice di attivazione immediato MAI PIÙ SOLI è uno strumento innovativo, dedicato alla prevenzione e sicurezza delle persone al fine di difendere e

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI PERGINE LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CORSO PER ASPIRANTI

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova

La Cartella Infermieristica. Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova La Cartella Infermieristica Laura Peresi Infermiera Pediatrica, Pronto Soccorso DEA Ist. G.Gaslini, Genova Ruolo infermieristico Profilo professionale, DM 17 gennaio 1997 n 70 Codice deontologico/ patto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Aiutare e imparare 2016 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Il contesto settoriale in cui si colloca la presente proposta progettuale è l ambito

Dettagli

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza A cura di Vds Davide Bolognin

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

L Emergenza Sanitaria

L Emergenza Sanitaria L Emergenza Sanitaria G. D Arrigo Urgenza: Condizione statisticamente ordinaria in cui pur non esistendo un immediato pericolo di vita, è necessario adottare entro un breve tempo l opportuno intervento

Dettagli

COMUNICARE DURANTE UN EMERGENZA

COMUNICARE DURANTE UN EMERGENZA BREVE CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI UTILIZZO DELLE RADIO RICETRASMITTENTI IN PROTEZIONE CIVILE COMUNICARE DURANTE UN EMERGENZA La conseguenza più immediata di un evento calamitoso di una certa gravità

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA La chiamata di Soccorso OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere l importanza della chiamata di soccorso Saper effettuare una chiamata di soccorso

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I.

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I. PRESENTAZIONE E OBIETTIVI DEL CORSO I corsi di reclutamento della C.R.I. sono strutturati secondo un sistema modulare, per permettere di entrare nell ente anche a quelle persone che non intendono dedicarsi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Superficie: 7855 Km 2 Abitanti: 1.202.870 Montagna: 43% Collina: 19% Pianura: 38% Udine Trieste Gorizia

Dettagli

L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF

L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF L Ospedale nelle maxi emergenze : il PEIMAF Dott. Francesco Stea Direttore Dipartimento Emergenza e Urgenza Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Bari Qualche premessa Gestione dell

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO..

..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO.. ..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO.. IL PRIMO SOCCORSO CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Provinciale VV.d.S. TERNI PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l insieme di azioniche un soccorritore occasionalecompie per

Dettagli

Schede ADI ADP ADEM Prestazioni aggiuntive MMG. - Manuale - Data Solution Provider s.r.l.

Schede ADI ADP ADEM Prestazioni aggiuntive MMG. - Manuale - Data Solution Provider s.r.l. Schede ADI ADP ADEM Prestazioni aggiuntive MMG - Manuale - Data Solution Provider s.r.l. 1. Generalità Per poter accedere all applicazione è necessario aprire Internet Explorer e connettersi al sito di

Dettagli

Il servizio di trasporto infermi in ambulanza

Il servizio di trasporto infermi in ambulanza CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Il servizio di trasporto infermi in ambulanza A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso etrasporto Infermi

Dettagli

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI MILANO MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T ICOM IC-H16T 1. PREMESSE PER UN CORRETTO USO DEGLI APPARATI PORATILI La ICOM IC-H16T, la cui progettazione

Dettagli

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 10 SUITE BY11250 (1.0.0.1) GSM Direct Monitor (1.0.0.1) IMPORTANTE Pagina 2 di 10 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento alla versione

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano SPECIFICHE DEL SERVIZIO FORNITO CENTRO ANTI VELENI C. A. V. Ospedale Niguarda Ca Granda Milano DOC.VP01 SPECIFICHE DEL SERVIZIO Rev. 1del 10.12. 2004 Pag. 1 / 7 INDICE CENTRO ANTIVELENI (C.A) - MILANO

Dettagli

Centrale Operativa 118 2

Centrale Operativa 118 2 CENTRALE OPERATIVA 118 MINISTERO DELLA SANITA Gazzetta Ufficiale n 114 Serie Generale del 17 Maggio 1996 Atto di intesa tra Stato e regioni di approvazione delle linee guida sul sistema di emergenza sanitaria

Dettagli

PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI

PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI PROGETTO SEGNALAZIONE E GESTIONE RECLAMI/DISSERVIZI Sintesi del progetto : La nuova procedura di gestione dei reclami è seguita dall URP dall inizio alla fine, secondo il seguente iter: il cittadino segnala

Dettagli

LCMobile Restaurant. Guida su come usare il software per palmare LCMobile Restaurant.

LCMobile Restaurant. Guida su come usare il software per palmare LCMobile Restaurant. LCMobile Restaurant Guida su come usare il software per palmare LCMobile Restaurant. Per prima cosa bisogna installare il file LCMobile-Restaurant.exe sul proprio PC dove e collegata la base del palmare.

Dettagli

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ.

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ. ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 sez. 1 Dati Servizio sez. 2 Tipologia mezzo

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

editing grafico by Rista Riccardo 2010 Il modello è quello della rete delle alte specialità Hub and poke = istema di relazioni fra strutture sanitarie in cui il target di riferimento converge verso uno

Dettagli

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T

MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI LANCIANO MANUALE D USO DELL APPARATO RADIO PORTATILE ICOM IC-H16T ICOM IC-H16T PREMESSE PER UN CORRETTO USO DEGLI APPARATI PORATILI La ICOM IC-H16T, la cui progettazione

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA

LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA 1 Indice 1 Indice... 2 2 Introduzione... 3 2.1 Glossario... 3 2.2 Generalità... 3 3 Applicativo... 4 4 Stato del mezzo... 6 4.1 Toolbar Mezzo... 6 4.2 Identificativo

Dettagli