MULTICRITERIA ANALYSIS FOR THE ASSESSMENT OF THE NOISE IMPACT IN PLANNING A LIGHT METROPOLITAN RAILWAY. AN APPLICATIVE EXAMPLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MULTICRITERIA ANALYSIS FOR THE ASSESSMENT OF THE NOISE IMPACT IN PLANNING A LIGHT METROPOLITAN RAILWAY. AN APPLICATIVE EXAMPLE"

Transcript

1 MULTICRITERIA ANALYSIS FOR THE ASSESSMENT OF THE NOISE IMPACT IN PLANNING A LIGHT METROPOLITAN RAILWAY. AN APPLICATIVE EXAMPLE M.CONI, E. CECERE, F. ANNUNZIATA Dept. of Ingegneria Del Territorio - University of Cagliari Piazza d Armi CAGLIARI - Tel or 4, 6 Fax , Summary: That the noise component should be taken into consideration in planning processes is due to the fact that the role of urban noise has become more important in recent years, both because of an increase in frequencies and speeds, and because the population has become more sensitive to such issues. The competence, measuring methods and objectives of noise pollution have recently been established in Italy with the Outline Law on Noise Pollution no. 447 dated October An analysis of railway noise has pointed out that it is due to different causes, that are important to varying degrees according to different travelling conditions. Much can be done to the infrastructures to limit both the generation of noise and its propagation in the surrounding environment, by intervening on the plano-altimetric characteristics, their section, the materials employed and on their correct maintenance. Among the various parameters that mostly affect noise are average speed, the number of trains and their composition. Benefits can be obtained during planning. On the basis of prediction models it is possible to check the effect of either of two alternatives. In land planning it is useful to be able to avail oneself of techniques that should allow to forecast noise levels generated by railway traffic starting from the parameters the noise levels depend on. Different studies on external noise have led to formulate models that correlate L eq with geometric and traffic parameters. In the study a way of assessing the noise impact due to changes in the railway layout, and in its physical and traffic characteristics has been attempted. Among the methods aimed at assessing the different behaviours of the possible layouts, multicriteria analysis allows to choose the layout with the best performance with respect to the different, and at times contrasting, objective functions. In fact, multicriteria analysis renounces both the valuation of various and the exclusively restrictive approach effects (by exceeding the bounds of cost-benefit analysis); moreover the different effects induced by the layout alternatives are kept separate, since also at the moment the decision is made, both environment and land are still being taken into account. First of all the method is based on the observation that the variables assumed in the noise prediction models are practically those that define the railway characteristics (speed, frequency, type of unballasted permanent way and carriages, etc.) assigned in the layout phase. The effects of these parameters induce the choice of a particular indicator that assesses the impact of noise on the population in terms of general inconvenience. They are summarised in different utility functions that represent the input for the subsequent multicriteria analysis and are the variables to be analysed. The study ends with an applicative example of the method on a simplified network. The example refers to the reconversion of narrow gage urban end lines in the city Cagliari into local community transport infrastructures. Multicriteria, Noise, Planning, Metropolitan railway

2 1. Premessa Nella pianificazione di una metropolitana leggera occorre considerare tutti i fattori che concorrono alla qualità globale del sistema. Questa si concretizza in una serie di interventi che, nei limiti delle risorse disponibili, mirano al miglioramento delle condizioni di esercizio, della sicurezza, alla riduzione dell inquinamento acustico, al risparmio energetico, etc. La valutazione degli effetti che le diverse ipotesi di piano producono sul territorio costituisce il punto fondamentale per la scelta della proposta che si comporta meglio, nei confronti degli obiettivi prefissati. È necessario stimare l impatto conseguente a ogni azione progettuale fissando le soglie di tollerabilità. La memoria nasce in quest ottica, con l intento di individuare una metodologia per stimare correttamente l impatto-rumore. Il lavoro è stato sviluppato alla luce della recente Legge Quadro in Materia di Inquinamento Acustico n. 447/95 che sancisce i principi fondamentali e i limiti ammissibili. 2. Il rumore ferroviario L'analisi del rumore ferroviario ha messo in evidenza come esso sia dovuto a cause che assumono diversa importanza in funzione delle differenti condizioni di marcia. Tra le principali sorgenti ricordiamo il contatto tra ruota e rotaia, gli organi di trasmissione, il contatto pantografoalimentazione, la penetrazione aerodinamica, i gruppi ausiliari, il motore e gli organi di trasmissione. La loro incidenza è funzione della velocità del mezzo. Inoltre, il fenomeno è influenzato da numerosi parametri che dipendono dall armamento, dalla sovrastruttura, dal traffico, dal mezzo e dalle condizioni ambientali e al contorno. Molto può essere fatto sulle infrastrutture per limitare sia la generazione del rumore sia la sua propagazione nell ambiente circostante, intervenendo sulle caratteristiche plano-altrimetriche, sulla sezione, sui materiali impiegati, etc.. Altrettanto può essere fatto in sede di pianificazione. Sulla base di modelli previsionali è possibile verificare l effetto di una determinata scelta rispetto ad un altra. L impiego delle barriere dovrebbe rappresentare l ultima opzione a cui ricorrere nelle condizioni più critiche. I parametri che influiscono in maggior misura sono: la velocità media, il numero di convogli e la loro composizione. A parità delle altre condizioni il Leq aumenta di circa dba per ogni 10 Km/h di variazione della velocità media, mentre un raddoppio del numero di convogli determina un incremento di circa 3 dba. Più complesso è il legame tra il rumore e la composizione del vettore: il raddoppio della lunghezza comporta un incremento di circa 3 dba, mentre si riscontrano differenze fino a 5-6 dba tra carrozze rumorose e silenziose. Anche il tipo di sezione influenza il livello acustico. Le curve di isolivello si allargano in presenza di sezioni aperte, quali i viadotti, mentre si restringono nelle sezioni chiuse. Importante è l influenza del tipo di armamento, di giunti della rotaia e del loro stato di manutenzione. Il ballast e la tipologia dei suoli possono contribuire alla riduzione del rumore, qualora abbiano proprietà fonoassorbenti. 3. Il modello previsionale utilizzato Nell'ambito della pianificazione territoriale è utile poter disporre di tecniche che consentano di prevedere i livelli di rumore generati dal traffico ferroviario a partire da parametri quali velocità, numero di convogli, raggi di curvatura, caratteristiche dell armamento e della sezione, etc., che possono essere previsti o assunti in sede progettuale. Diversi studi hanno portato a formulare modelli matematici di previsione del rumore prodotto dalla presenza di una linea ferroviaria. Tra i diversi modelli disponibili è stato utilizzato quello sviluppato dal C.S.T.B. (Centre Scientifique et Tecnique du Bâtiment), che consente di legare il livello equivalente alle caratteristiche dell esercizio, del parco mezzi e del tipo di armamento. La sua formulazione è data dalla seguente espressione: L = 15 13logd + 10log a eq n i= 1 lv i i b i 2 in cui: l = lunghezza del convoglio in m; V = velocità del convoglio in Km/h; a = 1 (rotaie saldate), 1.5 (r. a giunti alternati), 3 (r. tradizionali); b = 0.5 (vagagoni rumorosi), 1 (vag. ordinari), 3 (vag. silenziosi) 6 (vag. molto silenziosi). 2

3 4. Metodologia di valutazione degli impatti attraverso l analisi multicriteria Nella valutazione di impatto ambientale, uno dei problemi che si presentano nella scelta della alternativa che realizza la migliore soluzione, in relazione agli obiettivi prefissati e nel rispetto dei vincoli ambientali, è quello della valutazione degli effetti non monetizzabili e del loro confronto con le grandezze espresse invece in termini monetari. L analisi multicriteria consente di poter effettuare la scelta del progetto a rendimento migliore in riferimento a diverse funzioni obiettivo, spesso in contrasto tra loro, rinunciando sia a monetizzare i vari effetti (superando i limiti dell analisi costi-benefici), sia a un approccio esclusivamente vincolistico (tipico dell analisi costiefficacia). Inoltre, si tengono separati i diversi effetti provocati dalle alternative progettuali proprio perché si vuole continuare a tener conto, anche nel momento della decisione, sia dell ambiente e sia del territorio. Avendo messo in evidenza la necessità di predisporre un piano che tenga conto, non solo, del miglioramento del traffico ferroviario ma, contestualmente, anche degli impatti che si vengono a determinare in seguito alle modifiche di rete, l obiettivo del lavoro è quello di individuare una strategia che permetta di quantificare il grado di impatto rumore provocato da una metropolitana leggera. Nell analisi, dopo aver costruito una matrice (matrice degli impatti) dove l elemento generico rappresenta il valore dell impatto che ogni alternativa provoca per il particolare settore considerato (economico, inquinamento acustico, etc.), si passa dagli indicatori agli obiettivi attraverso le funzioni di utilità. Si perviene alla definizione della matrice di valutazione in cui il generico elemento rappresenta il livello di impatto raggiunto da ogni alternativa, in una scala di valori in cui è stato evidenziato l obiettivo che corrisponde alla soddisfazione massima. In tale memoria si è focalizzata l attenzione sul rumore, andando a valutare dapprima quale fosse l indicatore più idoneo per la stima di tale impatto sulla popolazione; si è quindi quantificato l impatto acustico in termini di disturbo globale. Questo oltre ad essere legato a valori di soglia non superabili come valore assoluto, è funzione anche di diversi parametri quali la densità abitativa della zona cui ci si riferisce e/o l estensione di superficie della zona interessata dall impatto. A tale scopo l analisi è stata condotta utilizzando due indicatori differenti; il primo è un indice di disturbo sulla popolazione residente intorno alla linea ferrata, ed è misurato dal dba ponderato sul numero di residenti, l altro è stato ottenuto ponderando il livello sonoro con la superficie interessata dall emissione acustica. Il motivo di tale differenza risiede nel fatto che una zona urbana può essere scarsamente popolata ma avere pregio ambientale (ad esempio una piazza o un parco urbano). Quindi, per ogni ipotesi di piano, è stato calcolato il valore di impatto rumore che l intervento, contemplato dal piano, produrrà sull intera area in studio. Successivamente si è analizzata la funzione utilità che interviene nel passaggio dall indicatore (rappresentato dai dba x abitante in un caso e dai dba x mq nell altro) all obiettivo che è quello di rendere minima l emissione acustica provocata dalla metropolitana leggera. Le funzioni utilità 1 impiegate nei due casi sono leggermente differenti in quanto la tollerabilità è diversa a seconda che elevati livelli sonori vengano raggiunti nella propria abitazione o in un luogo pubblico. Ciò per evidenziare come l applicazione di una diversa funzione di utilità all indicatore acustico determini un diverso ordinamento delle alternative. Per gli altri indicatori è stata assegnata una funzione di utilità standard, decrescente in tutti i casi tranne che per la capacità di trasporto per cui si è considerata una funzione crescente. Figura 1: Rappresentazione grafica delle funzioni utilità 1 Nella figura 1 sono riportate le due funzioni utilità utilizzate successivamente nell esempio. 3

4 5. Applicazione del metodo ad una rete semplificata Il metodo è stato applicato ad una porzione di rete, ricadente nell area metropolitana di Cagliari, per la quale è stato redatto un progetto che prevede la riqualifica della linea ferrata a scartamento ridotto della ex FdS. Nella memoria vengono considerate anche altre soluzioni, con l intento di migliorare l offerta di trasporto e contestualmente ridurre il livello di emissione di rumore provocato dal transito dei convogli. L esempio sviluppato si riferisce al caso del Comune di Monserrato, che accoglierà una parte importante del futuro tracciato metropolitano e nel quale si attesta l attuale stazione delle FdS. Il centro urbano è attualmente collegato ai restanti comuni dell Area Metropolitana tramite quattro linee di trasporto pubblico e dalla linea ferroviaria ex FdS. Si osserva però che i residenti a causa degli elevati tempi di viaggio, per la carenza dell offerta, ma anche per comportamenti consolidati, trovano maggiore soddisfazione nel trasporto privato. Il progetto redatto dalle FdS prevede che la nuova linea metropolitana attraversi il centro storico ripercorrendo l attuale tracciato delle ex FdS. In esso è previsto che la stazione di Monserrato assolva ruolo di polo di scambio tra autobus e metropolitana. È, inoltre, in fase di realizzazione un ulteriore tratta che, dalla stazione ferroviaria di Monserrato, seguendo un vecchio tracciato ferroviario, costeggi viali periferici, attraversando alcuni assi radiali in viadotto e uscendo dal centro urbano sottopassando il principale asse tangenziale dell area metropolitana e proseguendo parallelamente a questo. Questo tracciato non consente il collegamento diretto con la Cittadella Universitaria, futuro attrattore di traffico, ubicata a circa 500 m a più nord Le alternative considerate La fig. 2 illustra le alternative di tracciato. Le altre ipotesi considerate consistono nelle differenti modalità di esercizio, in termini di frequenze, nel tipo di convogli e di armamento. Nell alternativa al tracciato individuata, si prevede di inserire la piattaforma metropolitana nell ampio viale risultante dalla copertura del vecchio canale scolmatore e dalle strade laterali, non pavimentate. Questo asse presenta residenze solo da un lato, mentre sull altro vi sono vaste aree non edificate. Il confronto tra le alternative si è basato sui seguenti aspetti: l impatto visivo, l inquinamento acustico, i costi di costruzione, il grado di interferenza con il traffico veicolare, la capacità di trasporto del sistema, i tempi massimi di attesa alle fermate, la loro distanza media. Si sono anche considerate le problematiche legate all espansione urbanistica e all utilizzo del territorio. Le linee di tendenza di sviluppo urbano del comune di Monserrato sono sempre più dirette verso nordovest, dove ancora sono disponibili aree edificabili. In previsione di ciò l inserimento di un percorso di metropolitana leggera sopperirebbe alla carenza del servizio di trasporto pubblico, riqualificando aree periferiche per caratterizzarle dal punto di vista architettonico-urbanistico. Per quanto concerne l impatto visivo nel centro storico, l attuale utilizzo di elementi di separazione quali guard-rail e muri di tufo è di per sé un elemento di degrado. Gli spazi limitati non consentono l ottimale ubicazione delle fermate, per limiti dimensionali e costruttivi delle banchine. Per l impatto acustico, si è rilevato che il transito dei convogli genera sugli abitanti effetti nocivi, quali vibrazioni e rumore soprattutto per l eccessiva vicinanza. Il progetto redatto, che prevede il riutilizzo dell attuale linea, aggraverebbe ulteriormente questi disagi per l incremento del numero di treni/h di tipo metropolitano, molto maggiore di quanto non sia oggi il traffico ferroviario (attualmente da treni/gg). Il territorio considerato è limitato da un rettangolo di 1500m 800m, suddiviso in un reticolo a maglia quadrata. Nei vertici dei quadrati elementari sono stati calcolati il livello equivalente e il parametro globale di disturbo, definito dal prodotto tra il numero di abitanti, che insistono su quel nodo della griglia, e il livello equivalente che essi percepiscono. I punti del reticolo sono in tutto 2013, con uno step di 25 m. Su ogni nodo insiste una superficie di 625 m 2. Per valutare la densità residenziale è stata effettuata una suddivisione del territorio in otto zone omogenee. Maggior precisione si sarebbe ottenuta se la densità fosse stata valutata strada per strada, e/o dividendo il numero di abitanti su una data via per la sua lunghezza. Calcolate le distanze dall asse della linea dei punti del reticolo, si è determinata la velocità che il convoglio assume sulla normale alla linea 4

5 ferrata. Per ciascuna delle alternative studiate si sono fatte diverse ipotesi progettuali che vengono sintetizzate nella seguente tabella. Tabella 1: Caratteristiche delle differenti alternative introdotte nel modello CSTB alternativa tracciato rotaie vagoni frequenza velocità Km/h n fermate 0 Tracciato attuale tradizionali (a=3) rumorosi (b=0.5) Progetto FdS ordinari (b=1) silenziosi (b=3) Prog. modificato giunti alterni (a=1.5) saldate(a=1) Per tutte le alternative si è ipotizzata la lunghezza del convoglio di 60 m. La capacità è stata ricavata, per l alternativa 0, dai dati forniti dalle FdS, mentre per le altre alternative è stato ipotizzato un valore medio di 150 pass/treno, tenendo conto della diversa frequenza tra le ore di morbida e di punta. La stima del grado di interferenza con il traffico locale è stata condotta con riferimento all attesa totale che le correnti veicolari sopportano nell ora di punta. Per il suo calcolo si è reso necessario il rilievo dei flussi veicolari laddove sono stati previsti passaggi a livello. Nelle tabella che segue sono riassunti i valori assunti dai parametri considerati per ciascuna alternativa. Tabella 2: Matrice degli impatti Disturbo acustico globale dba Capacità di trasporto (pass./gg) Interferenza con traffico veicolare (min.) Intrusione visiva Attesa max. alle fermate (minuti) Distanza media fermate (m) Costo di realizzazione (milioni di lire) Vibrazioni Risultati Prima di illustrare i risultati dell analisi multicriteria è interessante svolgere alcune considerazioni sull impatto rumore stimato nelle differenti alternative. Si è osservato che migliorando le caratteristiche del mezzo la rumorosità si riduce anche di quantità apprezzabili pari a 5-6 dba, mentre intervenendo sul tipo di giunti tra rotaie è possibile ottenere benefici stimabili al massimo in 4-5 dba passando da rotaie tradizionali a quelle saldate. È bene però mettere in evidenza che questo beneficio è ottenibile intervenendo solo sulle rotaie mentre molti altri accorgimenti possono essere attuati sulla sovrastruttura, sul tipo di attacchi e di traverse, etc., ottenendo un beneficio di circa 3-4 dba a costi contenuti rispetto a quelli necessari per migliorare le caratteristiche del mezzo (si tenga presente che il costo per il materiale rotabile previsto nel progetto ex Fds è di /m rispetto a quello dell armamento ferroviario pari a /m). Nota la matrice degli impatti e attribuiti i pesi ad ogni indicatore, il passaggio successivo è stato quello di trasformare gli indicatori in obiettivi attraverso le funzioni di utilità; quelle utilizzate per il rumore sono già state riportate in fig. 1. Si perviene così alla matrice di valutazione i cui elementi sono espressi in unità adimensionali e tutti compresi tra zero e uno; a tale matrice è stata applicata l analisi multicriteria codificata dal software VISPA. Nelle tabelle che seguono vengono riportati i risultati ottenuti con i seguenti metodi: somma pesata (SP), somma pesata parziale (SPp), indice di concordanza (IC), caso peggiore (CP), caso peggiore pesato (CPp), indice di discordanza (ID). Tabella 3: Ordinamento finale nel caso di funzione di utilità ponderata sulla popolazione 5

6 Ordinamento SP SPp IC CP CPp ID 1 Alt. 4 Alt. 5 Alt. 4 Alt. 2 Alt. 2 Alt. 4 2 Alt. 5 Alt. 4 Alt. 2 Alt. 3 Alt. 4 Alt. 5 3 Alt. 2 Alt. 6 Alt. 5 Alt. 4 Alt. 5 Alt. 2 4 Alt. 1 Alt. 2 Alt. 1 Alt. 5 Alt. 3 Alt. 1 5 Alt. 3 Alt. 3 Alt. 0 Alt. 1 Alt. 1 Alt. 3 6 Alt. 6 Alt. 1 Alt. 3 Alt. 6 Alt. 6 Alt. 6 7 Alt. 0 Alt. 0 Alt. 6 Alt. 0 Alt. 0 Alt. 0 Tabella 4: Ordinamento finale nel caso di funzione di utilità ponderata sulla superficie Ordinamento SP SPp IC CP CPp ID 1 Alt. 5 Alt. 5 Alt. 4 Alt. 2 Alt. 4 Alt. 5 2 Alt. 4 Alt. 4 Alt. 2 Alt. 4 Alt. 5 Alt. 4 3 Alt. 2 Alt. 6 Alt. 1 Alt. 5 Alt. 2 Alt. 2 4 Alt. 1 Alt. 2 Alt. 5 Alt. 3 Alt. 3 Alt. 1 5 Alt. 3 Alt. 3 Alt. 0 Alt. 1 Alt. 1 Alt. 6 6 Alt. 6 Alt. 1 Alt. 3 Alt. 6 Alt. 6 Alt. 3 7 Alt. 0 Alt. 0 Alt. 6 Alt. 0 Alt. 0 Alt Considerazioni finali Il lavoro si sviluppa secondo due obiettivi principali uno finalizzato all individuazione dell indicatore più idoneo per quantificare il disturbo, l altro che evidenzia l effetto ottenibile modificando tale parametro. Il punto fondamentale della metodologia seguita è dunque la scelta delle funzioni di utilità da introdurre nell analisi multicriteria per l impatto acustico. Quelle proposte (fig. 1) sono certamente suscettibili di approfondimento e tengono conto della maggiore sensibilità dei residenti rispetto a chi sosta o transita nelle aree disturbate. Generalizzando il concetto è possibile pensare di legare tali funzioni di utilità alla zonizzazione acustica imposta alle amministrazioni comunali. L importanza della corretta scelta della funzione utilità è dimostrata dai diversi risultati ottenuti nell analisi multicriteria cambiando la funzione. In particolare, nell esempio proposto, utilizzando la funzione ponderata sulla popolazione si trova un ordinamento in cui l alternativa 4 si colloca al primo posto più volte rispetto alle altre, mentre con la funzione ponderata sulla superficie risulta preferibile l alternativa 5, collocandosi al primo posto per un numero di volte pari a 3. Da ciò si deduce come sia determinane, ai fini dell analisi, sia la scelta appropriata dell indicatore che misura l impatto, sia quella della funzione utilità che a tale indicatore va applicata. Bibliografia Bresso M., Colorni A., Malcevschi S., Mioni A., Metodologie per la VIA, in Manuale per la redazione degli studi di impatto ambientale, Regione Lombardia, Milano, Busetto F., L inquinamento acustico prodotto dal traffico urbano, in Trasporti Pubblici, anno V, n 29, Camomilla G., Canale S., Ventura F., "Controllo del rumore generato da traffico - Nuovo problema delle gestioni stradali.", Atti del XX Convegno Nazionale Stradale, Giugno Cecere E., Coni M., Analisi multicriteria per la valutazione dell impatto acustico nella redazione dei Put. Un esempio applicativo. V Convegno SIDT, Napoli, Cohon J.L., Multiobjective programing and planning, Academic Press, Colorni A., Malcevschi S., Manuale per la redazione degli studi di impatto ambientale, Regione Lombardia, Milano, Colorni A., Laniado E., SILVIA: a software package for EIA, 13 Meeting of the International Association for Impact Assessment, Shangai, Cosa M., Cocchi A., Collatuo S., Cosa G., Rocco L., "Rumore e vibrazioni. Valutazione e criteri di difesa.", Vol.1, 2, 3, Maggioni Ed., Goicoechea A., Hansen D.R., Duckstein L., Multiobjective decision analysis with engineering and business applications, J. Wiley, New York, Macmillan R.H., "The control of noise from surface transport.", Journal of Saund and Vibration 173, 43,

7 Romani P., Ventura F., La rumorosità ambientale: il rumore delle barriere acustiche Pitagora Editrice Bologna, 25 Quaderno di tecniche di protezione ambientale: rumore industriale e urbano. 7

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Inquinamento acustico da traffico stradale urbano. Esperienze di monitoraggio a Pescara

Inquinamento acustico da traffico stradale urbano. Esperienze di monitoraggio a Pescara Agenzia Regionale per la Tutela dell Ambiente dell Abruzzo TERZA CONFERENZA REGIONALE AMBIENTALE CHIETI, SALA CONFERENZE AEROPORTO D ABRUZZO - 17 MARZO 2005 Inquinamento acustico da traffico stradale urbano.

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA COMUNE DI BARDONECCHIA Regione Piemonte Provincia di Torino P.za de Gasperi 1 10052 Bardonecchia tel. 0122 909911 fax 0122 96084 COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNITA MONTANA ALTA VAL SUSA REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE Misurazioni fonometriche del rumore prodotto dal traffico stradale e dai veicoli F.Gerola; L. Mattevi Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente - Provincia autonoma di Trento INTRODUZIONE Il

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY)

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 CAPACITÀ DI PROCESSO Il

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE CATTEDRA DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I RELATORE: TESI DI LAUREA Valutazione della capacità sismica

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli