La gestione strategica dell ICT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione strategica dell ICT"

Transcript

1 La gestione strategica dell ICT Gianluigi Castelli Executive Vice President Information & Communication Technology Eni S.p.A. Un po di storia. 1

2 30+ anni di evoluzione tecnologica Macchina per scrivere Giradischi Telefono a rotella Agenda in pelle Lettere Tablet always on MP3 Cellulare e VoIP PDA, Google Calendar Webcam, , blog Fonte: Business Week Esempi di innovazione di business tramite l IT Sistema prenotazioni aeree Sabre Primo sistema di prenotazioni aeree online (anni 50) Dell supply chain Dal cliente alla linea di produzione (PC fabbricati on demand) (anni 90) Schwab online trading Primo esempio di trading online (anni 2000) Ma allora perché spesso all IT non viene riconosciuto un ruolo di vera innovazione? 2

3 I diversi aspetti delle tecnologie ICT nel mondo delle Aziende Automazione del lavoro impiegatizio Controllo direzionale Supporto alle decisioni Automazione di processo Office automation e produttività individuale Creazione diretta ed indiretta di valore Società dell informazione Strumenti strategici e competitivi Componente di servizi e prodotti Sistemi per il trattamento della conoscenza Fattore produttivo Organizzazione, gestione del cambiamento Settore economico (ICT) Sistema Informativo Aziendale Un insieme ordinato di elementi, anche molto diversi tra di loro, che raccolgono, elaborano, scambiano e archiviano dati con lo scopo di produrre e distribuire le informazioni alle persone che ne hanno bisogno, nel momento e nel luogo adatto P.F.Camussone 3

4 Sistema delle informazioni Insieme delle informazioni qualitative, quantitative, monetarie e non monetarie che rappresentano lo stato attuale, passato o prevedibile nel futuro, dei fenomeni di interesse della azienda Sistema Informativo Insieme di elementi responsabile delle attività di rilevazione e rappresentazione dei fenomeni, svolte in modo sistematico ed organizzato e con le tecnologie appropriate Discipline economico-aziendali Logiche e metodi di rilevazione che si ritengono più adeguati in relazione alle necessità conoscitive della realtà in questione Realtà da rappresentare Fenomeni di interesse dell'azienda: - fenomeni interni all'azienda, - fenomeni esterni all'azienda, (combinazioni economiche di interesse della azienda) Le tipologie di Sistemi Informativi Sistema Informativo Aziendale Non formalizzato Formalizzato Ufficiale Basato su computer Privato Fonte: S. Meregalli SDA Bocconi 4

5 Architettura dei SI basati su computer Supporto Alle decisioni Controllo e reporting Operativi Evoluzione del ruolo dei sistemi informativi IR IT ALLINEAMENTO AL BUSINESS DP ELABORAZIONE DATI Amministrazione Paghe Magazzino Gestione Ordini MIS INFORMATICA DIPARTIMENTALE Sistema Informatico Gestionale Reportistica IS INFORMATICA INDIVIDUALE Fogli di lavoro Word processing Posta elettronica SUPPORTO ALLE DECISIONI Accesso ai dati Decisioni Collaborazione Communities Collegamento al cliente Enterprise Architecture Multimedia Efficienza operativa (grid) Mobilita DP = Data processing MIS = Management Information System IS = Information System IT = Information Technology IR = Information Re-engineering 5

6 Evoluzione del rapporto tra funzioni business e sistemi informativi TECNOLOGICO INTERRELATO CONGIUNTO INTEGRATO BUSINESS BUSINESS BUSINESS BUSINESS SISTEMI INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI Funzione di Supporto Forte supporto al business Abilitante per le funzioni business Essenziale per le funzioni business Riduzione costi delle operazioni Focalizzazione sui costi con attenzione al valore Focalizzazione sul valore con attenzione ai costi Focalizzazione sulla creazione del valore Esempio di posizionamento sulla matrice di Porter e Millar Intensità Informatica per Livello Alta Enel Poste Vodafone Snam Italgas Tim Wind Hera Processo (complessità organizzativa e territoriale azienda) Erg RCS Bassa Bassa Prodotto o business (tasso di tecnologia nell offerta core) Alta 6

7 Matrice di Porter e Millar (ridisegnata) Intensità informativa del processo Bassa Alta Alta Intensità informativa del prodotto Prodotti fatti di informazioni ma processi di produzione e distribuzione tradizionali: editoria tradizionale Prodotti fatti di informazioni con processi di produzione e di erogazione completamente informatizzati: e-government, banche Bassa Prodotti fisici con processi di produzione e distribuzione tradizionali: industria del tabacco Prodotti fisici ma con processi di produzione e distribuzione altamente informatizzati: distribuzione energia elettrica Matrice di McFarlan (ridisegnata) Impatto sulla core strategy Basso Alto Alto Ruolo di fabbrica: la IT è indispensabile per la operatività quotidiana Ruolo strategico: la IT entra nella strategia del business Impatto sulle core operations Basso Ruolo di supporto: la IT informatizza processi di supporto e parzialmente processi primari Ruolo di svolta: la IT è importante per lanciare o riposizionare il business 7

8 Un agenda allargata delle strategie ICT Strategie Architetture Strategia verso i clienti interni - Modello di servizio e di SLA (Service Level Agreement); - Iniziative di formazione e knowledge management Architettura delle applicazioni - Architetture di riferimento; - Iniziative di innovazione/scouting; - Partnership con Vendor e System Integrator Strategia organizzativa - Modelli organizzativi/outsourcing; - Sistemi di pianificazione, controllo ed incentivazione delle prestazioni; - Iniziative di sviluppo delle risorse umane e knowledge management Architetture di elaborazione, di rete e tecnologie - Architetture di riferimento; - Iniziative di rinnovo ed adeguamento; - Partnership con i fornitori. L esecuzione come fonte di credibilità Sviluppo dei processi e dei prodotti (primari e di supporto) Credibilità Sviluppo Gestione Operativa 8

9 Come cambiano i Sistemi informativi Il contesto: la complessità aziendale Dinamismo e complessità come elementi strutturali Scenari non definibili a priori Nuove forme d impresa: aziende virtuali e senza confini Crollo del mito della pianificazione come antidoto alla complessità Molteplicità degli attori coinvolti (es. shareholders, stakeholders, globalizzazione... ) Management non pronto a definire requirement e a descrivere operativamente le scelte forti Economia digitale (IT come fattore produttivo) 9

10 Il contesto: ICT e Azienda Ruolo dei SI: da strategico a dovuta diligenza fattore produttivo o abilitante Nuova complessità degli ambienti informatici (numero degli stati possibili vs complessità tecnologica) Permanenza di un gap tra fabbisogni aziendali e Sistema Informativo Anarchia e caos degli ambienti informatici (Internet) Il contesto: conseguenze per i sistemi informativi aziendali Non c è tempo a sufficienza per attivare cicli di revisione e modifica del sistema informativo che siano coerenti con i tempi aziendali I ritmi di mutazione degli scenari aziendali danno poco spazio a processi di gestione dei sistemi informativi fortemente orientati alla pianificazione Occorre progettare sistemi informativi con un alto grado di auto-adattamento alle mutate condizioni aziendali Questo risultato si può ottenere solo grazie ad un cambiamento radicale di paradigma nei sistemi informativi e nella loro gestione 10

11 Il nuovo paradigma Le logiche: dalle istruzioni alle visioni dal gestire i SI al porre le condizioni per il loro corretto sviluppo (logica della governance del SI) dalle cure ai vaccini Meno pianificazione e più responsabilizzazione. Meno budget e più economicità La funzione SI affronta un mutamento radicale Il nuovo paradigma per i SI L identificazione e il perseguimento di un nuovo modo di concepire e gestire i Sistemi Informativi Aziendali sposta l attenzione sul tema delle modalità per ottenere continuativamente una (ragionevole) coerenza tra Sistema Informativo e Azienda in un contesto di economicità Dalla Gestione alla Strategia e alla Governance dei Sistemi Informativi Aziendali 22 11

12 La Strategia ICT Cosa è la Strategia dei SI Insieme di logiche e strumenti finalizzati alla creazione di un assetto strutturale e di un contesto di governo del Sistema Informativo Aziendale che lo rendano costantemente coerente con le esigenze aziendali in ambienti caratterizzati da un alto livello di complessità 24 12

13 Gestione dei SI e Cambiamento (la logica tradizionale ) Sistema Informativo Assetto Ottimale (allineamento con esigenze aziendali) Gestione e Pianificazione del SI Cambiamento Fonte: S. Meregalli SDA Bocconi 25 La definizione di una strategia Sistema Informativo Assetto Ottimale (allineamento con esigenze aziendali) Gap Azienda - SI Sistemi di governance Fonte: S. Meregalli SDA Bocconi 26 13

14 Corporate Governance, IS Governance e IT Governance Corporate Governance IS Strategy: Orientamento SI Cultura Misure IT Strategy: Infrastrutture Applicazioni Fonte: S. Meregalli SDA Bocconi 27 Uno schema di riferimento per la IS Strategy La Strategy dei Sistemi Informativi è il risultato di una serie di azioni e interventi da intraprendere su più aree schematizzate nel seguente framework di riferimento Sistemi di Misura Capitale Umano, Principi Ispiratori, Valori e Cultura Processi Processi e Risorse IT Servizi Utenti Aree della IS Strategy Pianificazione & Organizzazione Pianificazione & Servizio Area di Business Organizzazione Sistemi per l allineamento alle esigenze aziendali Selezione & Implementazione Servizio Servizi Erogazione ITdel Servizio e Organizzazione Selezione Supporto & Implementazione Sistema delle Servizio deleghe Controllo Responsabilizzazione Area di economica Business Servizio Erogazione del Servizio Risorse e Supporto Architettura ICT Controllo Infrastruttura ICT Portafoglio applicativo Processi Infrastrutture Portafoglio applicativo Persone Dati Infrastrutture Portafoglio applicativo Persone Risorse IS Audit Dati Adeguamento a Sistemi legislativi e Regolatori Area di Business Area di Business S.Meregalli S.Meregalli S.Meregalli Fonte: S. Meregalli SDA Bocconi 14

15 Esempio di IT Strategy COBIT CATALOGO SERVIZI IT VALUE AWARENESS STAR GOVERNANCE ESTERO iteam GREEN DATA CENTER KMM Zero Based Budget 29 Modelli per l attuazione della strategia 15

16 Meccanismi di funzionamento Modello di metriche del servizio IT Piano strategico di comunicazione IT Governance Strategia IT e organizzazione IT Iniziative strategiche Architetture e infrastrutture IT Pianificazione & Controllo e Sourcing Gestione del portafoglio Progetti IT Demand Gestione dell innovazione Gestione del Program e dei prj Service level Mgmt Gestione del Valore Gestione dei Processi IT Supply Sviluppo applicativo Application Maintenance Gestione Operativa System Management Capacity Management Modello di reporting delle iniziative IT Modello di controllo della spesa informatica Modello di gestione della flessibilità per ingresso/uscita società di gruppo 31 Schema di governo dell IT GOVERNO STRATEGIA GOVERNO ESECUZIONE GOVERNO/DIMENSIONAMENTO RISORSE DEFINIZIONE ARCHITETTURE APPLICATIVE, FUNZIONALI, DI ELABORAZIONE E RETE INIZIATIVE STRATEGICH E (top-down) ESAME INIZIATIVE (fattibilità / business case) PIANO PROGETTI PIANO RISORSE PIANO SPESA LANCIO PROGETTI MONITORAGGI O PROGETTI INIZIATIVE DI MIGLIORAMENTO/ ADEGUAMENTO (bottom-up) MONITORAGGIO SERVIZI 32 Pag

17 Mantenimento delle competenze core per il governo DIREZIONE SI Strategia Prog. & Controllo Ciclo sviluppo OPERATION Ciclo AM INGEGNERIA SERVIZIO E SOLUZIONI APPLICATION FACTORY HELP DESK IT FACILITY MANAGEMENT Funzioni di testa da mantenere all interno Contengono le attività direzionali e professionali che contribuiscono al core business dell azienda e comprendono: Direzione della Funzione Ingegneria del Servizio e delle Soluzioni Servizi Operativi potenzialmente terziarizzabili Contengono quei servizi, a cui può essere attribuito, almeno in linea di principio un prezzo di mercato; essi comprendono: Software Factory Operation 33 Pag 46 versione a 33 Mantenimento delle competenze core per il governo Funzioni di testa da mantenere all interno DIREZIONE SI Strategia Prog. & Controllo Ciclo sviluppo Servizi potenzialmente terziarizzabili OPERATION Ciclo AM INGEGNERIA SERVIZIO E SOLUZIONI APPLICATION FACTORY HELP DESK IT FACILITY MANAGEMENT Funzioni di testa Contengono le attività direzionali e professionali che contribuiscono al core business dell azienda e comprendono le funzioni: Direzione della Funzione, inclusa la formulazione della strategia a delle architetture IT Ingegneria del Servizio e delle Soluzioni che curano l analisi delle esigenze del cliente (interno ed esterno), partecipano alla definizione delle architetture dei sistemi, assicurano e coordinano il servizio al cliente lungo tutto il ciclo di vita delle applicazioni 34 Servizi Operativi Contengono quei servizi, a cui può essere attribuito, almeno in linea di principio un prezzo di mercato; essi comprendono: Software Factory,cioè gli analisti e gli sviluppatori che realizzano il software (o lo personalizzano o lo adattano) su indicazione dell information manager le Operation, cioè i centri che gestiscono gli applicativi, gli eleboratori, le telecomunicazioni e i servizi agli utenti Pag 46 versione b 34 17

18 Modello tradizionale legacy-driven BUSINESS ICT BUSINESS + ICT Requisiti Funzionali Specifiche Tecniche Sviluppo Applicativo UserTest & Roll out Conclusione: sistema in produzione 35 Pag 32 Modello intermedio package-driven BUSINESS ICT BUSINESS Avvio: requisiti di business Requisiti Funzionali (sw indipendent) Specifiche funzionali e tecniche SAP (package driven) Specifiche funzionali e tecniche Siebel (package driven). Specifiche funzionali e tecniche package x Sviluppo Applicativo SAP Sviluppo Applicativo Siebel. Sviluppo Applicativo package x Software Application Integration UserTest & Roll out Conclusione: sistema in produzione 36 Pag 32 18

19 Modello evoluto demand driven 1. Program Management 2. Demand Management 3. Design Authority 4. User Test Engineering SAP Factory Avvio: requisiti di business Ingegneria del Servizio e delle Soluzioni Siebel Factory. Package x Factory Software Factory Integration UserTest & Roll out Conclusione: sistema in produzione BUSINESS ICT - INGEGNERIA ICT SVILUPPO E INTEGRAZIONE BUSINESS + ICT 37 Pag 34 Il caso di un azienda complessa 19

20 Impossibile visualizzare l'immagine. ICT Strategy & Governace (GOV/ICT) D. Pagani Architecture & Application Solutions (ARAS/ICT) T. Salmi Programma G&P Retail best in class M. Cavagna ICT G. Castelli Demand Management (DEM/ICT) E. Fabrizio Infrastructure Solutions & Operations (ISOP/ICT) S. Carrino Programma Green Data Center N. Maiocchi e M. Mazzarelli Dal 2006 a oggi MASTER RISORSE 1045 num GARE % > 67% % SPESA ICT mln G&P (BIC,Stab.) Efficienza Trasparenza ITEAM STAR INNOVAZIONE Trading BIC SAP IESS KMM edi KITE Semplicità Tempestività Allineam. al business Risorse ORGANIZZAZIONE Personale / Competenze Green Data Center oggi IT Transformation 39 Modello operativo di funzionamento Modello concettuale Aree di miglioramento: Focus sull Efficienza + Qualità Bilanciamento tra efficacia erogata e efficienza di erogazione Strategy & Governance Demand Management Architecture & Application Solution Abilitante l accentramento / consolidamento ICT Orientato all efficienza Infrastructure Solution & Operation 40 20

21 Il modello operativo dell ICT 3 macro obiettivi strategici di eni ICT nel periodo '11-'14 Ricerca dell'efficacia e orientamento al business rispetto al quadriennio '06-'10 orientato all'efficienza ICT "best in class" attraverso il programma di IT Transformation Governance ICT dell estero Quale modello operativo della funzione ICT meglio abilita il raggiungimento degli obiettivi strategici? 41 Nuovo modello operativo di funzionamento Modello concettuale Mantenendo inalterato il livello di Efficienza migliorare l Efficacia AICT Strategy & Governance B ICT Upstream IT Infrastructure, Architecture C& Application Operations DICT Security & TLC Infrastructure 42 ICT Portfolio mngt, Trading & Risk mngt. ICT Manufacturing ICT Sales & Marketing ICT Corporate Processes B C D A Macro aree di processo specialistiche con responsabilità end-to-end dalla raccolta della domanda all Application Maintenance (evolutive e correttive) ruoli flessibili, meno etichette Responsabile unico end to end per operations applicative infrastrutture IT, dallo sviluppo all'esercizio programma di IT Transformation Responsabile unico end-to-end per infrastrutture TLC, dallo sviluppo all'esercizio sicurezza informatica, dalla progettazione alla gestione Responsabile per le attività di indirizzo, coordinamento e controllo del processo ICT governance estera allineamento strategico verso le business unit (es. ICT strategy, budgeting, planning,...) coordinamento eventuali programmi trasversali con utilizzo a matrice di competenze necessarie 21

22 ICT Transformation: le fondamenta dell ICT eni eni Green Data Center Razionalizzazione infrastrutturale e applicativa Nuovo modello operativo (insourcing) CO2: kton/anno Polveri: - 0,5-3 ton/anno da 10 a 3 tipologie di macchine dal 20% a oltre il 50% di utilizzo medio da 545 a 400 applicazioni da 25 a 4 versioni di sistema operativo da a componenti software da 50 M spesa esterna a 100FTE interni e 30 M spesa esterna 43 Green Data Center San Donato m2 Assago 300 m2 Torino 60 m2 Inverno (Pv) m2 Bologna 150 m2 Ferrera / Sannazzaro m2 Genova 200 m2 Roma 600 m2 Scavi terminati; Posa 1 pietra: giu 2011; Consegna: dic 2012 Business case: 113,6 mln CAPEX PayBack: 6,7 anni; IRR: 27,31% P.U.E. (record): 1,2; Risparmio CO2 annuo: 335 kton/y (a 30MW) 44 22

23 Green Data Center 03/10/2011 Anticipo costruzione 4 sala dedicata Snam Rete Gas edi: eni Dynamic Infrastructure Farm infrastructure Architetture condivise e virtualizzate Livelli di utilizzo elevati Flessibilità "statica" Omogeneità compartimentata edi Silos infrastructure Architetture dedicate Bassi livelli di utilizzo medio Eterogeneità Rigidità 46 23

24 Progetto STAR - iteam STAR Semplicità Tempestività Allineamento al business Risorse OBIETTIVO Convergere efficacia ed efficienza ICT attraverso insourcing mirato delle attività iteam Innovazione attraverso Think Tank di giovani risorse OBIETTIVO Sviluppare innovazione di medio-lungo termine per soluzioni tecnol./appl. COME? Cantieri STAR di miglioramento Ruolo centrale delle persone operative Confronto costante e costruttivo COME? Vision Cultura Disseminazione 47 Valorizzare la persona: Moka Luogo condiviso, informale Operatività Praticità Comunità Lavoro condiviso 48 24

25 Analisi casi critici e rimedi L esecuzione come fonte di credibilità Sviluppo dei processi e dei prodotti (primari e di supporto) Credibilità Sviluppo Gestione Operativa 25

26 Analisi delle criticità L economicità dei progetti «Trade off» tra : tempi, costi, nice to have, etc.. La volatilità del requisito (non legato all economicità) Change request vs aumento dei costi Confronto sulle stime «il mercato del pesce» vs confronto fattuale Change management non solo sistemi, ma anche processi e cultura Eccesso di customizzazioni resistenza al cambiamento, «noi siamo diversi» 51 Progetto XYZ: Le criticità incontrate Modifica dell Ambito Progettuale requisiti non esaustivi rispetto ai modelli di funzionamento delle differenti realtà internazionali coinvolte; Dilatazione temporale continui approfondimenti, a livello locale, dei processi di business che hanno dilatato tutte le fasi progettuali: Approvazione analisi funzione Esecuzione UAT Ripresa dati e Conversione Formazione Governance della Sede debole rispetto all obiettivo di uniformità del programma; Mancanza di gestione del cambiamento presso le realtà internazionali coinvolte; L ne d p te del S tem Integ to nello t ffing li ello di 52 26

27 Progetto XYZ: Conseguenze Il Piano della 1 fase prevedeva le seguenti milestone: 31 marzo 2008 Kick Off; Settembre 2008 approvazione soluzione Kernel 1 Gennaio 2009, roll-out soluzione applicativa su 4 società. Un mese prima della data di Previsto go-live viene ufficializzata la modifica dell Ambito Progettuale: 1 Ampliamento di ambito 2 Ampliamento di ambito Esclusione di una società Da Gennaio 2009, ripetute ripianificazioni: Go live tra Gennaio e Febbraio 2010 Risultato: un anno di ritardo (vale a dire il raddoppio dei tempi) e raddoppio dei costi. 53 Progetto ABC: Le criticità incontrate Lato Fornitore Sw Vendor leader di mercato, ma non un System Integrator Software con numerosi errori Cambio tecnologia middleware in corso di progetto Lato Business Cambio di tre Project Executive e dei ruoli chiave di Fase 1 (KU e PO) Utenti poco partecipativi Scarso presidio del Change Manager Change Request per un ammontare di circa un milione di euro Lato ICT: Sw Selection senza consapevolezza della mancanza di funzionalità essenziali Eccessivo Fast Tracking con aumento dei rischi e conseguenti rework Trasversali: 54 27

28 Progetto ABC: Conseguenze Tempi Elapsed originale 27 mesi Nuovo elapsed 55 mesi + 28 mesi Costi % MAP CBE Il Delta di K è composto da: Ambito CR Business approvate: 1.100K Costi ICT non previsti a Map: K Extra costi Interni: K 55 Progetto RST: Le criticità incontrate Modifica dell Ambito Progettuale: elevatissimo numero di change request rispetto alle funzionalità standard, approvate dalla linea in fase di software selection Trascinamento di problemi noti nel modello operativo di partenza, con conseguente accumulo di un numero elevato di scarti nei primi mesi post avvio Cause: poca consapevolezza delle lacune del modello operativo in essere sia nella selezione del prodotto software che nel progetto realizzativo carenza di competenze specifiche nella progettazione e realizzazione di nuovi modelli operativi (processi e sistemi) caratterizzati da elevati volumi di transazioni ad alto impatto sui clienti 56 difficoltà ad ascoltare e comprendere le best practice suggerite dal software vendor 28

29 Analisi utilizzo applicazioni in esercizio da più anni 4500 Programmi custom 2050 Oggetti custom 75% 25% 50% 50% 1300 Transazioni custom 50% 50% Utilizzato Non Utilizzato 57 Progetto 123: fattori determinanti per il successo Il progetto ha: deliverato rispettando attività, tempi e costi adottato e rispettato la logiche di standardizzazione ridotto i costi e i tempi di roll out rispetto all approccio classico (SAP su misura) Fattori determinanti Chiara indicazione da parte del COO di Divisione e relativo committment di tutto il Top Management Forte coesione del Team (ICT + Business) in termini di: Focalizzazione sulle indicazioni dei vertici aziendali Integrazione nelle attività operative 58 Chiarezza e flessibilità nella pianificazione rolling garantita da un Governance Team con partecipazione di tutte le aree aziendali coinvolte unitamente ad ICT Utilizzo approccio Format limitando allo stretto necessario le t i i i 29

30 Antidoto: Change Management Communication & Events Surveys Events organization News Channels Training Training Approach Sessions, Calendars & Events Contents realization & Publishing E-Learning Training on Processes & Roles Process & Roles Business Process modeling (Reference Process House) Users, Roles & Permissions Teamwork & Knowledge Sharing Internal Program Communication WEB Portal Business Impact Analysis Gap analysis Business Risk Management Post Go-Live Monitoring Way of Working Rollout Strategy Issues/ Change requests Processes Post Go-Live Support Processes AM Consolidation Processes 59 Antidoto: Business Simulation 60 30

31 Antidoto: Business Simulation Obiettivo Come Strumenti e Metodi Adottare dalla fase dell ICT Proposal sino al Post Avvio strumenti e metodi atti ad abbattere il rischio di rigetto, inefficienze, insoddisfazioni, errori nell utilizzo dello strumento Usabilità Aumento della qualità del rilascio Verifica puntuale di quanto sviluppato in termini di: 1) aderenza del processo 2) accessibilità ed usabilità del sistema 3) disponibilità/funzionamento di tutte le componenti (SW, HW, Rete, Centralizzate, Distribuite ) 4) prestazioni Aumentare la sensibilità del Business sugli impatti nell adozione dei nuovi strumenti informativi definendo già nella fase di ICT Proposal il percorso formativo e di change Check point Formazione e Gestione del Cambiamento Aumentare la soddisfazione del Business attraverso il suo coinvolgimento nell intero processo di sviluppo Usabilità e Metriche 61 Antidoto : Value Awareness BASSO W ; 1,05 RISCHIO AA; 0,04 EE; 0,18 H ; 0,5 F ; 0,47 Y ; 0,25 Z ; 0,02 X ; 0,2 D ; 0,085 DD; 0,13 S ; 0,37 A ; 0,3 BB; 0,25 N ; 0,3 K ; 0,1 J ; 0,45 R ; 0,7 M ; 6,000 V ; 0,95 U ; 0,815 LEGENDA CCOO SECUR CCOO RUO DINAU DIRITEC IRR valore economico (M ) altre HSEQ Trasferimento Avvio I semestre 2012 G ; 0,2 Q ; 0,08 O ; 0,2 E ; 0,4 P ; 0,542 L ; 0,5 CC; 0,1 C ; 2,8 B ; 0,6 T ; 0,65 I ; 1,5 ALTO DIRIC ALTO BASSO VALORE POTENZIALE A Realiz. Rifacimento Sito Security B Realizzazione Intergraph C Realiz. evoluzione arch. INOUT D COIR (COmmercial Information Report) E Sistema Pianificazione Tecnologica F Notice Board G Sustainability stakeholder DB H Iniziative di Knowledge Manag. DIRIC I Nuovo portale eni.com J Eni Eventi 2012 K OAS L Myeni 2.0 M Evoluzione Sistemi HR N Evoluzione sistemi contenzioso lavoro O Sistema KM OdV P Evoluzione I/Rec fase2 Q EP Acquisizione Certificati malattia R Upgrade applicativo Csampers S Estensione INDACO T Compliance HSE U Programma evoluzione applic.gruppo V Programma razionalizzazione applicativa W Programma evoluzione normativa X Licenze Donegani Y Upgrade infrastrutturale Donegani Z PC All in one Sala SECUR AA Upgrade Sala emergenze HSE BB Pot. capacità elaborative sistema PAGE CC Gestione Fiscalità espatriati DD Web survey EE Gestione Documentale DINAU 62 31

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione

La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Le competenze IT in ambito bancario Università LUISS Guido Carli 8 NOVEMBRE 2010 La gestione delle competenze IT in banca spunti per la discussione Matteo Lucchetti, Senior Research Analyst, ABI Lab Roma,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader CMDBuilDAY La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader 15 Aprile 2010 La ripresa nelle economie dei Paesi avanzati Valori % del PIL Mondo USA Giappone

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Osservatorio Business Intelligence

Osservatorio Business Intelligence Divisione Ricerche Claudio Demattè Osservatorio Business Intelligence 3 Ciclo di ricerca 2010 Filone di ricerca BI Governance nel Settore dell Energy, Utility e servizi di pubblica utilità In collaborazione

Dettagli

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader Firenze, 30 Giugno 2010 Previsioni sull andamento del PIL nei principali Paesi nel 2010-2011 Variazioni %

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Torino, 3 Luglio 2008 Il Profilo del Gruppo Poste Italiane 1 Poste Italiane è una delle realtà di servizi al cittadino e

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

IT MANAGEMENT CONSULTING DIGITAL SOLUTION IT SECURITY & COMPLIANCE. La ISA nasce nel 1994

IT MANAGEMENT CONSULTING DIGITAL SOLUTION IT SECURITY & COMPLIANCE. La ISA nasce nel 1994 ISA ICT Value Consulting IT MANAGEMENT CONSULTING DIGITAL SOLUTION IT SECURITY & COMPLIANCE La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di Consulting ICT alle organizzazioni

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY

GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PROFILE 2015 GRUPPO PARTNERS ASSOCIATES IT GLOBAL INDUSTRY PA GROUP> Leader nel settore IT. Dal 1998 fornisce prodotti e soluzioni best in class nei diversi settori di competenza: Finanza, Industria, PA,

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta

ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia. Ing. ConoFranco Miragliotta ITSM Trasformation L iniziativa TelecomItalia Ing. ConoFranco Miragliotta L azienda Gruppo Telecom Italia I numeri del Gruppo (al 31 dicembre 2007) 8 i Paesi in cui il Gruppo Telecom Italia è presente

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

ALICE Capabilities. Gennaio 2010

ALICE Capabilities. Gennaio 2010 ALICE Capabilities Gennaio 2010 1 Chi siamo Siamo una Società di Consulenza, focalizzata sulle attività di Business Transformation Aziendale, sul Value & Brand Management e sulla consulenza a supporto

Dettagli

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI Nell ambito della realizzazione del Piano Industriale del Gruppo, Sistemi Informativi è uno dei principali partner di riferimento delle funzioni di business e, di concerto con il Marketing

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti ATLAS Reply Modello, metodologia e servizi offerti Mission Atlas Reply nasce nel 2001 con questa mission: Allineare l IT alle necessità del business operando sull automazione dei processi, l efficacia

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Lorenzo Simone. Roma, 5 Novembre 2013

Lorenzo Simone. Roma, 5 Novembre 2013 Presentation CloudForms title 2.0 here Architetture Subtitle e Use here Case Scarpa Manager, IKS Lorenzo Simone Roma, IT Architect, 5 Novembre IKS 2013

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

IT Governance: Managing IT in downturn

IT Governance: Managing IT in downturn IT Governance: Managing IT in downturn Dario Pagani Governance ICT www.eni.it Eni Group La focalizzazione sul core business dell energia ha condotto l Eni a perseguire una politica di incorporazione delle

Dettagli

IS Governance (in Italia)

IS Governance (in Italia) Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI IS Governance (in Italia) Severino Meregalli Padova, 29 maggio 2014 1 Verso il GOVERNO dei SISTEMI INFORMATIVI Sponsor e sostenitori di ISACA VENICE Chapter Con

Dettagli

AMADASI ELISA Indirizzo VIA SADAT 10, 43044 COLLECCHIO, PARMA Telefono 347/0092002 E-mail Elisa.amadasi@gmail.com

AMADASI ELISA Indirizzo VIA SADAT 10, 43044 COLLECCHIO, PARMA Telefono 347/0092002 E-mail Elisa.amadasi@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E D I E L I S A A M A D A S I INFORMAZIONI PERSONALI Nome AMADASI ELISA Indirizzo VIA SADAT 10, 43044 COLLECCHIO, PARMA Telefono 347/0092002 E-mail Elisa.amadasi@gmail.com Nazionalità

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La configurazione dell offerta commerciale

La configurazione dell offerta commerciale #cloudcpq Torino, 11 giugno 2014 La configurazione dell offerta commerciale Presentazione di Enigen #WhyEnigen Un gruppo di consulenza internazionale, focalizzata sui processi di CRM e front end aziendali

Dettagli

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Stefano Mainetti mainetti@fondazionepolitecnico.it Tavola rotonda di Zerouno Milano, 12 giugno 2008 Agenda Ecosistema

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti

Copyright SDA Bocconi Elisa Pozzoli - Gianluca Salviotti L adozione di COBIT come strumento di IS Governance. Stato dell arte, risultati e fattori critici di successo nelle esperienze analizzate. Elisa Pozzoli, Gianluca Salviotti Copyright SDA Bocconi Elisa

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Fondo Interbancario: IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Indice Gli impegni normativi Gli impatti L approccio Banksiel Le soluzioni Banksiel Case study 2 Gli impegni normativi 3 Gli impegni normativi

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

Corporate profile Via A. Carrante 1/F - 70124 BARI tel. 080.21 49 681 - fax 080.21 40 682 www.mastergroupict.com info@mastergroupict.

Corporate profile Via A. Carrante 1/F - 70124 BARI tel. 080.21 49 681 - fax 080.21 40 682 www.mastergroupict.com info@mastergroupict. Corporate profile Chi siamo MasterGroup ICT è un Azienda globale di Formazione e Consulenza ICT che supporta l evoluzione delle competenze individuali e l innovazione delle organizzazioni. Si propone al

Dettagli

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS

Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT. Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Qualifiche professionali per ITIL PRACTICES FOR SERVICE MANAGEMENT Certificato ITIL Foundation in IT Service Management SYLLABUS Page 1 of 11 IL CERTIFICATO ITIL FOUNDATION IN IT SERVICE MANAGEMENT La

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Le opportunità offerte dal Cloud Computing

Le opportunità offerte dal Cloud Computing Le opportunità offerte dal Cloud Computing Ing. Alessandro Piva Politecnico di Milano Alessandro.piva@polimi.it Agenda L impatto sulla catena del valore La definizione di Cloud Computing Le variabili decisionali

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese

CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese CAPITOLO 10 Governo dei sistemi informativi nelle imprese Lucidi di Gianmario Motta 2010 Governo dei sistemi informativi nelle imprese OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INTRODUZIONE: RUOLO DELLA IT NELLE IMPRESE

Dettagli

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager

Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Gruppo Boehringer Ingelheim Italia ITIL: la consapevolezza del servizio che completa il manager Ing. Filippo Ermini Ing. Andrea Pini Chi è Boehringer Ingelheim MONDO: Medicina umana e veterinaria Ingelheim

Dettagli

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015

PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 PROFILO AZIENDALE NET STUDIO 2015 NET STUDIO 2015 Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration,

Dettagli

I EDIZIONE Corso di Alta Formazione

I EDIZIONE Corso di Alta Formazione LA GESTIONE STRATEGICA DELL ICT PER L INNOVAZIONE I EDIZIONE Corso di Alta Formazione Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Roma 19 aprile - 6 luglio 2010 DIREZIONE SCIENTIFICA

Dettagli

IT account case study Acraf

IT account case study Acraf IT account case study Acraf goal Le caratteristiche di un OBIETTIVO Specifico, misurabile, espresso in forma scritta e condivisibile con gli altri. Definito nella scala dei tempi, espresso in termini positivi.

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT Transformation. Maurizio Salvalai. U.S. Road Show. gennaio 2008

IT Transformation. Maurizio Salvalai. U.S. Road Show. gennaio 2008 IT Transformation Maurizio Salvalai U.S. Road Show 17 2129 November gennaio 2008 2003 1 Indice Il contesto Il programma IT Transformation Sviluppare il personale interno 2 Il contesto: la Direzione ICT

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione

ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione ISO20000: il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Il percorso di Poste Italiane verso la certificazione Cristina Imperi Il Profilo del Gruppo Poste Italiane Il Gruppo Poste Italiane è una

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

Giovanni Belluzzo. Riepilogo. Esperienza. Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it

Giovanni Belluzzo. Riepilogo. Esperienza. Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it Giovanni Belluzzo Head of Project & Portfolio Management Office giovanni.belluzzo@infocert.it Riepilogo Ingegnere Elettronico, da circa 25 anni opero nel mondo ICT. Nel corso della mia carriera ho condotto

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007

Gianpaolo Bresciani Copyright IBM Corporation 2007 FINANCIAL INTELLIGENCE dati, informazioni e fattore tempo Gianpaolo BRESCIANI CFO IBM ITALIA S.p.A. Globalizzazione: opportunità e sfide Opportunità... Ottimizzazione supply chain Mercato del lavoro (costi

Dettagli

ASP: ORIGINI, CARATTERISTICHE E OGGETTO DI PRODUZIONE 1

ASP: ORIGINI, CARATTERISTICHE E OGGETTO DI PRODUZIONE 1 INDICE CAPITOLO PRIMO ASP: ORIGINI, CARATTERISTICHE E OGGETTO DI PRODUZIONE 1 1. La nascita degli ASP nell ambito dell evoluzione tecnologica indotta dalla «Net Economy»...1 2. Le evoluzioni tecnologiche

Dettagli

Cyber Security Architecture in Sogei

Cyber Security Architecture in Sogei Cyber Security Architecture in Sogei P. Schintu 20 Maggio 2015 Cybersecurity Sogei S.p.A. Summit - Sede - Legale Roma, Via 20 M. maggio Carucci n. 2015 99-00143 Roma 1 SOGEI, infrastruttura IT critica

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE AS HIO N LUXURY Internet e customer engagement omnichannel stanno trasformando le strategie dei grandi brand del mercato Fashion

Dettagli

a management consulting company

a management consulting company a management consulting company a management consulting company La società BF Partners S.r.l., fondata dall Ing. Alessandro Bosio e dall Ing. Federico Franchelli, è specializzata nella gestione di progetti

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

Reply Business Intelligence Overview

Reply Business Intelligence Overview Reply Business Intelligence Overview 2 Coverage B.I. Competency Center Analytical Systems Development Process Analisi di dettaglio Definizione dell Ambito Assessment Aree di Business Interessate Business

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it )

CEPIS e-cb Italy Report. Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) CEPIS e-cb Italy Report Roberto Bellini (da leggere su www.01net.it ) Free online selfassessment tool Online services Enables the identification of competences needed for various ICT roles e-cf Competences

Dettagli

Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario

Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il modello di governo delle spese e degli investimenti di un gruppo bancario Il punto di vista di Accenture Giovanni Andrea Incarnato ABI Costi&Business 2006 Roma, 3 ottobre 2006 Agenda I. Lo scenario

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Società Italiana Di Informatica

Società Italiana Di Informatica SAP Forum 2013 Società Italiana Di Informatica S A P I S U t i l i t i e s, C R M, H a n a : s o l u z i o n i S I D I p e r o t t e n e r e v a n t a g g i JOIN THE SIDI EXPERIENCE! www.sidigroup.it c

Dettagli