Il quadro strategico delle azioni Nato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il quadro strategico delle azioni Nato"

Transcript

1 Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale della NATO Bruxelles 7 dicembre

2 Bruxelles, La visita presso il quartier generale della Nato della delegazione della Fondazione Alcide De Gasperi, dell Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei, promossa dal Prof. Antongiulio De Robertis, è stata occasione d approfondimento di temi strategici connessi alle missioni e alle azioni di partenariato che l Alleanza Atlantica ha in piedi. Il fitto programma di briefing e incontri ha avuto come focus la discussione la situazione di alcune aree di crisi particolarmente sensibili. La giornata è iniziata con la relazione dell Amb. Francesca Tardioli, Deputy Assistant Secretary General, Planning Directorate Operations Division; poi con il Pres. Di Folco Sergio che ha sottolineato la delicata missione KFOR (in Kosovo); è continuata con l incontro con la Dr.ssa Antonella Cerasino, Strategic Assestment Charge Team, Public Diplomacy Division; poi con il Dr. Rolf Schwarz, Middle East and North Africa Section, Political Affairs and Security Policy Division; con il Col. Adrew Budd, Smart Defence Direct Support Team, Defence Investment Division; ha chiuso la serie di incontri e dibattiti l Amb. Riccardo Sessa, Capo della Rappresentanza Permanente d Italia presso il Consiglio Nord Atlantico. In ciascun incontro sono state approfondite e discusse questioni specifiche d interesse, dall attuale assetto delle missioni militari della Nato alle questioni del finanziamento delle missioni stesse, dalle iniziative e i partenariati sino alle prospettive d intervento nelle aree di crisi. L Alleanza Atlantica è presente in particolare su 4 scenari internazionali, con le seguenti missioni: 1. ISAF (in Afganistan) 2. KFOR (in Kosovo) 3. OCEAN SHIELD (per lotta alla pirateria internazionale) 4. ACTIVE ENDEAVOUR (per il pattugliamento navale nel Mediterraneo) Oltre alle missioni che prevedono un intervento militare, la NATO ha predisposto dei partenariati bilaterali o multilaterali, tesi ad una cooperazione politico-diplomatica, soprattutto con Paesi strategici per la sicurezza internazionale. Oltre ad un consolidato rapporto di collaborazione con l ONU e l UE, sono attivi anche i seguenti partenariati: NATO-RUSSIA 2

3 MEDITERRANEAN DIALOGUE ISTANBUL COOPERATION LE SFIDE Dal punto di vista politico, sono molte le sfide che la NATO si trova ad affrontare e che monitora costantemente. In particolare il conflitto in Siria mantiene alto il livello d allerta internazionale, per un concreto pericolo di recrudescenza, di ricaduta sui civili e di allargamento del conflitto ad aree più ampie. Esiste un pericolo di crisi umanitaria e guerra civile. Rispetto al caso della Siria, la NATO ha dato risposta positiva alla richiesta della Turchia di rafforzare le proprie posizioni; già nel 2011 vi è stata una convocazione del Consiglio Atlantico richiesta appunto dalla Turchia, invocando l Art. 4 del Trattato Costitutivo, secondo il quale «Le Parti si consulteranno quando, secondo il giudizio di una di esse, ritengano che l'integrità territoriale, l'indipendenza politica o la sicurezza di una di esse siano minacciate». È stato concordato di disporre batterie di missili Patriot sul confine turco-siriano per difendere il territorio turco dal lancio (talvolta involontario) di missili siriani. La situazione richiede la massima allerta, in quanto il conflitto siriano sta degenerando in una guerra civile, aggravata dall afflusso di forze jihadiste nel Paese e dalla presenza di armi di distruzione di massa in Siria. Nonostante tutto ciò, il Consiglio Atlantico non ha dato il via alla preparazione di azioni specifiche. *** 3

4 Altra sfida di particolare rilievo per l Alleanza è certamente quella di ordine finanziario. Ogni Paese membro partecipa con un budget prestabilito, a cui si aggiunge il finanziamento per ciascuna operazione specifica. In questo momento il maggiore contributore sono certamente gli USA, che è passata dal 50% del budget totale nel 2000 al 75% nel L Italia è il quinto contributore NATO, con una percentuale dello 0,85% del proprio Pil (a fronte di un impegno iniziale del 2%). Data la congiuntura economica internazionale, per i Paesi europei è sempre più difficile investire in modo massiccio nella difesa: per questo motivo, si stanno l Alleanza sta promuovendo la cosiddetta Smart Defence, una formula di investimenti comuni per cluster o per progetti. I principali investimenti della NATO in questo momento, oltre alle missioni già citate, sono rappresentati da progetti specifici, che possono essere riassunti nelle seguenti categorie: Difesa missilistica Partenariati geografici Ricerca scientifica e Cyberg difesa Conclusioni Con il trasformarsi degli assetti geopolitici globali, delle tecnologie utilizzate e delle sfide, si sta trasformando anche il ruolo della NATO, che da organo puramente militare tende a privilegiare sempre un approccio politico e diplomatico, investendo nei partenariati, nei progetti di interconnessione tra gli stati membri e i partner regionali, nella prevenzione. Il mondo non è più quello del II dopo guerra e della Guerra Fredda. Il contesto operativo della NATO conosce una continua evoluzione, dunque emerge con sempre maggiore chiarezza la necessità di dare alla NATO una guida politica saggia e forte, capace di mediare tra le diverse istanze e trovare soluzioni pacifiche nei conflitti che si sviluppano nel mondo globalizzato. 4

5 5

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE a cura dell Istituto Affari Internazionali Saggio presentato nell ambito de Osservatorio Transatlantico a cura dell Istituto Affari

Dettagli

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro 1. La sfida L Europa nel mondo Negli ultimi 20 anni, il mondo è cambiato in modo irreversibile. La stessa natura

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Assemblea Parlamentare della NATO SEMINARIO GRUPPO SPECIALE SUL MEDITERRANEO E IL MEDIO ORIENTE E SOTTOCOMMISSIONE SULLA GOVERNANCE DEMOCRATICA

Assemblea Parlamentare della NATO SEMINARIO GRUPPO SPECIALE SUL MEDITERRANEO E IL MEDIO ORIENTE E SOTTOCOMMISSIONE SULLA GOVERNANCE DEMOCRATICA rev4 Originale: inglese GSM/CDS Assemblea Parlamentare della NATO SEMINARIO GRUPPO SPECIALE SUL MEDITERRANEO E IL MEDIO ORIENTE E SOTTOCOMMISSIONE SULLA GOVERNANCE DEMOCRATICA CATANIA, ITALIA 2-4 OTTOBRE

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Educazione ai diritti umani; campagna contro la

Educazione ai diritti umani; campagna contro la GIULIO TERZI MINISTRO DEGLI ESTERI 1 Educazione ai diritti umani; campagna contro la pena di morte; libertà di religione; diritti dei bambini nei conflitti; diritti delle donne e lotta contro le mutilazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

MASTER DI SPECIALIZZAZIONE IN STUDI EUROPEI

MASTER DI SPECIALIZZAZIONE IN STUDI EUROPEI ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI (D.P.R. N 492 DEL 29/4/1956 E D.P.R. N 1126 DELL 11/10/1982) SCUOLA POST-UNIVERSITARIA DI STUDI EUROPEI 60 ANNO ACCADEMICO 2014-2015 MASTER DI SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

Amministrazione Kennedy

Amministrazione Kennedy Amministrazione Kennedy Politica estera poggia su 4 pilastri: Abbandono della rappresaglia massiccia e adozione della risposta flessibile: obiettivo calibrare la reazione al tipo e tenore dell iniziativa

Dettagli

Praga - Sicurezza nei prossimi 25 anni

Praga - Sicurezza nei prossimi 25 anni http://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/approfondimenti/2014/11/20141113_pr agasicur.htm Praga - Sicurezza nei prossimi 25 anni 13 Novembre 2014 Il lascito degli ultimi 25 anni e le prospettive

Dettagli

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio

Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio RUSSIA E OLTRE - RELAZIONI ECONOMICHE ED EQUILIBRI POLITICI RUSSIA: HIGH TECH ED ENERGIA, LE STRATEGIE E LE REGOLE Pavia 9 Ottobre 2009 Tecnologie Spaziali per la Sicurezza del Territorio L. Zucconi Amministratore

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

Calendario degli incontri

Calendario degli incontri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Corso di Laurea Interfacoltà in COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO in collaborazione con UNIEXPORT PADOVA e CONFINDUSTRIA PADOVA Seminario di studio I processi di delocalizzazione

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi.

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. L oggetto principale dello studio è stata l analisi della politica di aiuto umanitario dell

Dettagli

Approvata all unanimità

Approvata all unanimità Approvata all unanimità Nella sesta conferenza della CALRE del 28 e 29 ottobre 2002 a Bruxelles è stato discusso il funzionamento contenutistico dei Parlamenti regionali a potere legislativo ed è stata

Dettagli

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016

Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017. Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Strategia paese di Un ponte per su Iraq e Siria 2016/2017 Redatto a Roma nel Novembre 2015/Rivisto in Iraq marzo 2016 Analisi SWOT della presenza di UPP in Iraq Punti di forza Presenza nel paese dal 1991

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di. solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA

La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di. solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di solidarietà internazionale Relatore : Prof. Cristiano GIORDA La funzione pedagogica del territorio nelle pratiche di solidarietà internazionale Relatore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3053-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa

QUESTIONARIO. Progetto HOPEurope Speranza Europa QUESTIONARIO Progetto HOPEurope Speranza Europa Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Scuole ed enti d'istruzione e formazione superiore Liguria 2014

Dettagli

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti

Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Mare Nostrum o di tutti? Italia e Unione europea alla prova dell emergenza migranti Seminario organizzato dalla Friedrich-Ebert-Stiftung e dalla Fondazione Italianieuropei Roma, venerdì 14 novembre ore

Dettagli

IL MEDITERRANEO E L ITALIA: 1976-2015

IL MEDITERRANEO E L ITALIA: 1976-2015 IL MEDITERRANEO E L ITALIA: 1976-2015 Giuseppe Garofalo Prof. ordinario di Economia politica Dipartimento di Economia e impresa Università della Tuscia Giuseppe Garofalo Lo spunto Un articolo del 1976

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Internazionalizzazione e marketing territoriale

Internazionalizzazione e marketing territoriale SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE e FONDAZIONE COLLEGIO EUROPEO DI PARMA Seminario Internazionalizzazione e marketing territoriale PARMA, 3-4 dicembre 2015 COLLEGIO EUROPEO VIA UNIVERSITÀ, 12 1. Premessa

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE

CRONOLOGIA ESSENZIALE CRONOLOGIA ESSENZIALE 1992: MISSIONI DI PETERSBERG, ambito UEO; (adottate nel Trattato di Amsterdam - 1997) 1993: NASCITA DI EUROCORPS 1996: NASCITA DI EUROFOR, EUROMARFOR, EUROGENDFOR. 1996: ACCORDI DI

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Giuseppe Colpani Direttore Generale, AREA Science Park IV Convegno Codau, Venezia, 22-23 settembre 2006 Spunti relazione La Torre

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO PC.DEC/756 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIANO Originale: INGLESE 641 a Seduta plenaria Giornale PC N.641, punto 2 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA CORSICA E SARDEGNA UN PATTO NUOVO TRA DUE ISOLE SORELLE DEL MEDITERRANEO Oggi, 14 marzo 2016, il Presidente della Regione autonoma della Sardegna e il Presidente

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto Il Progetto Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Trieste Palazzo Comunale, Sala del Consiglio Comunale 25-26 settembre 2014 Oltre il PIL si inserisce nell ampio dibattito volto

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D LA GLOBALIZZAZIONE Istituto Primario Primo Grado F.D Un mondo globalizzato La globalizzazione è un fenomeno che si estende a tutta la superficie terrestre o all intera umanità Essa offre grandi possibilità

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

DIPLOMA DI PERFEZIONAMENTO IN STUDI EUROPEI I ANNO

DIPLOMA DI PERFEZIONAMENTO IN STUDI EUROPEI I ANNO ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI (D.P.R. N 492 DEL 29/4/1956 E D.P.R. N 1126 DELL 11/10/1982) SCUOLA POST-UNIVERSITARIA DI STUDI EUROPEI 53 ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DIPLOMA DI PERFEZIONAMENTO

Dettagli

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza L aiuto umanitario della Confederazione salvare vite, alleviare la sofferenza Mandato «L aiuto umanitario deve contribuire, mediante misure preventive e di soccorso, a preservare la vita umana in pericolo

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

Africa e cooperazione internazionale. Dal dopoguerra ad oggi. I n c o n t r o l a l t r o e l a l t r o v e. Trento, 9-11 marzo 2010

Africa e cooperazione internazionale. Dal dopoguerra ad oggi. I n c o n t r o l a l t r o e l a l t r o v e. Trento, 9-11 marzo 2010 I n c o n t r o l a l t r o e l a l t r o v e Trento, 9-11 marzo 2010 Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale Training Centre for International Cooperation Africa e cooperazione internazionale

Dettagli

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 Roberta Pastorelli Centro europeo d eccellenza Jean Monnet www.unitn.it/cjm roberta.pastorelli@unitn.it Attività Jean Monnet: Introduzione Promuovono

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

La NATO nel XXI secolo

La NATO nel XXI secolo La NATO nel XXI secolo Indice 4-5 Rispondere alle nuove minacce alla sicurezza 6-7 Le origini dell Alleanza 8-9 La fine della Guerra Fredda 10-11 Come funziona la NATO 12-13 Costruire la sicurezza attraverso

Dettagli

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD

3URSRVWDGLGHFLVLRQHGLILQDQ]LDPHQWRDLVHQVLGHOODUWLFROR%GHO ELODQFLR 3URJUDPPDGLERUVHGLVWXGLR8(&LQD IB/1043/99IT (EN) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE I RELAZIONI ESTERNE: POLITICA COMMERCIALE, RELAZIONI CON L AMERICA SETTENTRIONALE, L ESTREMO ORIENTE, L AUSTRALIA E LA NUOVA ZELANDA Direzione F

Dettagli

TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA

TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA La Repubblica Italiana e la Federazione Russa - fondandosi sulle secolari tradizioni di amicizia, cooperazione, simpatia

Dettagli

Ricognizione degli enti ai fini degli obblighi di pubblicazione di cui all art. 22 d. lgs. n. 33/2013. 21/01/2015

Ricognizione degli enti ai fini degli obblighi di pubblicazione di cui all art. 22 d. lgs. n. 33/2013. 21/01/2015 ENTI DI DIRITTO PRIVATO CONTROLLATI Struttura dirigenziale competente Ragione Sociale Nome Ente Funzioni Svolte per il MAE Contributo MAE al Bilancio Anno 2013 (Importi in Euro) Eventuali rappresentanti

Dettagli

Italian Model European Parliament

Italian Model European Parliament Italian Model European Parliament IMEP è un progetto innovativo, per giovani studenti, riconosciuto a livello internazionale. Nel ruolo di europarlamentari terranno discorsi, scriveranno proposte di legge

Dettagli

Corso in Business Diplomacy e Cerimoniale

Corso in Business Diplomacy e Cerimoniale Corso in Business Diplomacy e Cerimoniale 2016 Public Administration & Healthcare I Edizione maggio settembre 2016 OBIETTIVI Inquadrato nel tema più ampio delle Relazioni Istituzionali e Business Diplomacy,

Dettagli

817 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO

817 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO FSC.JOUR/823 Original: ENGLISH Presidenza: Polonia 817 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO 1. Data: mercoledì 27 aprile 2016 Inizio: ore 10.05 Fine: ore 12.40 2. Presidenza: Ambasciatore A. Bugajski 3. Questioni

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Chiesa di San Vidal Campo Santo Stefano

Chiesa di San Vidal Campo Santo Stefano INAUGURAZIONE SEDE DELL ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA. & CONFERENZA EUROPEA DEI MINISTRI REGIONALI E DEGLI ASSESSORI ALLA SANITA Venezia, 15 dicembre 2003 Chiesa di San Vidal Campo Santo Stefano

Dettagli

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione Dott.ssa Sabrina De Nardi Dott.ssa Sabrina De Nardi 7 settembre 2012 Servizio Ricerca e Trasferimento Tecnologico L Unione Europea

Dettagli

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Comitato di consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero

Dettagli

L A SICUREZZ A AT TRAVERSO IL PARTENARIATO

L A SICUREZZ A AT TRAVERSO IL PARTENARIATO L A SICUREZZ A AT TRAVERSO IL PARTENARIATO L A S I C U R E Z Z A A T T R A V E R S O I L P A R T E N A R I A T O Prefazione Il presente opuscolo ha lo scopo di spiegare i principi fondamentali che sono

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Venezia, Palazzo Grandi Stazioni 20 dicembre 2013 Benedetta Pricolo Regione del Veneto Unità di Progetto di Cooperazione

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015

Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015 1 Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015 Attività a scelta programmate a favore degli studenti iscritti ai Corsi di Laurea magistrale delle Classi LM-52, LM-59, LM-59, LM-87/LM-88

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013

Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile Opera nel

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Capitolo 3. Confronto con altri paesi

Capitolo 3. Confronto con altri paesi Capitolo 3 Confronto con altri paesi Indice Sintesi introduttiva... 215 Tavola 3.1 Quadro di sintesi (anno 2006)... 216 Organizzazione... 217 Tavola 3.2 Sede centrale: strutture dirigenziali di primo

Dettagli

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO 17 novembre 2011 DIVENTIAMO CITTADINI EUROPEI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI XV EDIZIONE TORINO Silvia Colombo Istituto Affari Internazionali (IAI) -

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Anna Maria Fontana Responsabile divisione VII DPS-DGPRUN Investimenti pubblici in infrastrutture

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI INDICE INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI 1. Il significato giuridico di ingerenza umanitaria pag. 9 2. Grozio:

Dettagli

Missione 4 - L'Italia in Europa e nel mondo. Programma 4.1 - Protocollo internazionale. Ministero degli affari esteri

Missione 4 - L'Italia in Europa e nel mondo. Programma 4.1 - Protocollo internazionale. Ministero degli affari esteri Programma 4.1 - Protocollo internazionale Attività 1 Rapporti di cerimoniale con i Paesi esteri e con il corpo diplomatico-consolare e le Rappresentanze in Italia Attività 2 Visite di Stato, visite ufficiali

Dettagli