Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presidenza del Consiglio dei Ministri"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Formazione Avanzata Programma di accompagnamento al processo di innovazione tecnologica, digitalizzazione e e-government Profilo didattico-scientifico: Progetto di dettaglio Marzo

2 Indice 1. Premessa pag Percorsi formativi: 2.1. Il ruolo del dirigente pubblico alla luce del nuovo Codice della Amministrazione Digitale (dirigenti del Centro di Competenza Unitario in materia di ICT) pag Valutazione e gestione di sistemi organizzativi complessi, a supporto della performance nella p.a. (dirigenti I fascia) pag Gestione dei processi e delle prestazioni di sistemi hardware e software complessi (dirigenti II fascia) pag Metodologie e tecnologie innovative per i servizi web (modulo metodologico) (dirigenti I e II fascia) pag Metodologie e tecnologie innovative per i servizi web (modulo tecnologico) (dirigenti tecnologi I e II fascia) pag Metodologie e tecnologie innovative per la razionalizzazione e dematerializzazione dei processi amministrativi (dirigenti I fascia) pag Metodologie e tecnologie innovative per la razionalizzazione e dematerializzazione dei processi amministrativi (dirigenti II fascia) pag Il ciclo di vita del documento informatico ai fini dell esattezza, disponibilità, accessibilità, integrità e riservatezza (generale) (dirigenti I e II fascia) pag Il ciclo di vita del documento informatico ai fini dell esattezza, disponibilità, accessibilità, integrità e riservatezza (specialistico) pag. 26 (dirigenti tecnologi I e II fascia) Continuità operativa e gestione delle emergenze nella p.a. (dirigenti I fascia) pag Continuità operativa e gestione delle emergenze nella p.a. (dirigenti II fascia) pag. 30 2

3 1. Premessa Con l'introduzione del nuovo Codice dell Amministrazione Digitale (CAD), attraverso il d.lgs. 235/10, viene ridefinito il perimetro all'interno del quale l'amministrazione applica le ICT nel rapporto con la sua utenza e introduce nuovi diritti per il cittadino e le imprese e nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione da realizzare per mezzo delle attuali tecnologie informatiche. Gli effetti sull'attività della dirigenza sono notevoli, implicando da una parte sensibili interventi sulla parte organizzativa, sulla dotazione di tecnologie, sul loro utilizzo ed anche sulla gestione economico-finanziaria dei processi di innovazione; dall'altra, introducendo scenari tutti da esplorare, in termini di disegno e pianificazione dei servizi, di miglioramento della performance, di coinvolgimento di partner privati. Nel contempo il d.lgs 150/2009 (la c.d. Riforma Brunetta ) introduce nelle Amministrazioni Pubbliche la obbligatorietà di seguire il ciclo di Gestione della Performance, che fa emergere una serie di esigenze informative, alle quali possono rispondere adeguati strumenti ICT di supporto. Il Piano di Performance richiede che siano messe a disposizione del management pubblico un insieme di informazioni numeriche, storiche e tendenziali, per la costruzione degli indicatori e la determinazione dei rispettivi valori attesi, in coerenza con le strategie ed obiettivi prefissati da ogni Amministrazione. Analogamente, il Rapporto di Performance, che raccoglie i valori consuntivati per gli stessi indicatori e relative analisi, deve essere alimentato da Sistemi Informativi (tipicamente basati su tecnologie ICT) che ne attestino la affidabilità e ne consentano gli opportuni approfondimenti, dove richiesti. Esigenze simili a quelle sopra evidenziate per la misura della performance organizzativa, emergono per dare attendibilità e trasparenza ai processi che la riforma prevede per la misura della performance individuale, focalizzati sulla principale risorsa della PA: il capitale umano. Nel rispetto della privacy e riservatezza, la diffusione (tipicamente via strumenti web) delle informazioni sui vari aspetti del ciclo di performance organizzativa ed individuale, sia all interno della Amministrazione stessa e verso gli Organismi istituzionali di controllo e sia, in particolare, verso la platea dei cittadini/imprese, costituisce un principio fondamentale stabilito dalla riforma della PA e dal nuovo CAD. ripropone poi (art. 15.2bis) la necessità da parte delle Amministrazioni di effettuare la valutazione delle iniziative di innovazione (p.e. la reingegnerizzazione dei processi dove ICT è fattore abilitante) e dei relativi progetti ICT, finalizzate al miglioramento della performance e dei servizi in rete, secondo criteri di efficacia, economicità ed utilità (art e segg.). Il processo di valutazione va inteso ovviamente non solo ex-ante, ma anche in itinere ed ex-post, al fine di fornire al management pubblico gli strumenti di governo in corso d opera e di rendicontazione dei risparmi conseguiti, finalizzati al premio di efficienza del personale coinvolto (v. art. 27, comma 1 della D. L.vo 150/2009) e per il finanziamento di ulteriori progetti di innovazione (art. 15.2ter). Molte Amministrazioni hanno già da tempo allineato o stanno allineando i propri Sistemi Informativi alle esigenze sopra accennate, ma una visione comune delle possibili soluzioni e relativi approcci realizzativi, anche nella logica del riuso (art. 67 e segg.), è in grado di fornire a chi deve avviare o completare questo percorso ulteriori elementi non solo di stimolo ed 3

4 indirizzo, ma anche di contenimento dei tempi e costi nell effettivo dispiegamento dei benefici attesi. Infine, nella costruzione e aggiornamento delle informazioni che tali Sistemi Informativi presuppongono, si possono considerare le opportunità che, tramite il supporto delle funzioni evolute di analisi delle basi dati ICT, consentono la individuazione di fenomeni e correlazioni non noti a-priori sia nei propri processi interni e principalmente nella interazione con le realtà esterne (altre amministrazioni e cittadini/imprese), secondo le modalità tipiche delle aziende orientate al mercato ed ad alla soddisfazione dei propri clienti (artt. 7, 17.1e, 63.2). Il principio che i cittadini e le imprese hanno diritto di usare le tecnologie informatiche per tutti i rapporti con qualsiasi amministrazione pubblica implica che le amministrazioni e i gestori di pubblico servizio non potranno richiedere ai cittadini la presenza fisica per presentare istanze o fornire chiarimenti ma dovranno mettere a disposizione un canale digitale sicuro e con piena validità giuridica. Il cittadino potrà esigere questo diritto anche mediante l uso dell azione collettiva nei confronti del gestore e dell amministrazione. Pertanto, la PA dovrà garantire: o La validità dei documenti indipendente dal supporto o La validità dei documenti informatici o La conservazione certificata dei documenti digitali o La Posta Elettronica Certificata come mezzo veloce, valido e sicuro per comunicare con la PA Gli strumenti di front-office per l attuazione del CAD dovranno permettere l accesso ai servizi garantendo: o La trasparenza dei siti pubblici e un completo accesso alla modulistica o Le comunicazioni da e per la PA o L accesso alla rete e ai servizi tramite la certa identificazione: firma digitale, Carta d identità elettronica e Carta nazionale dei servizi o Il pagamento elettronico Il CAD introduce l obbligo per le amministrazioni di tenere aggiornati i dati (considerando anche questo aspetto nella valutazione di dirigenti) e l obbligo di pubblicare in modo integrale tutti i bandi di concorso. Gli articoli 54 e 60 del CAD, obbligano le amministrazioni pubbliche a dar conto dei servizi online che hanno messo a disposizione di cittadini ed imprese sia riportando le dovute informazioni sul proprio sito istituzionale che informando il Dipartimento della Funzione Pubblica. Le amministrazioni e i gestori di servizi pubblici devono progettare, realizzare e gestire i servizi in rete avendo come riferimento la soddisfazione delle esigenze degli utenti. Il back-office dovrà essere organizzato al fine di mantenere il protocollo e la tracciabilità, garantire la completezza del procedimento e la certificazione dell esito, nonché la sicurezza e la continuità operativa. Inoltre dovrà essere sempre accertato il grado di soddisfazione dell utenza attraverso strumenti idonei alla rilevazione immediata, continua e sicura del giudizio degli utenti. Il nuovo codice ridefinisce le basi di dati di interesse nazionale - che costituiscono, per ciascuna tipologia di dati, un sistema informativo unitario che tiene conto dei diversi livelli istituzionali e territoriali e che garantisce l'allineamento delle informazioni e l'accesso alle medesime da parte delle pubbliche amministrazioni interessate Infine, il CAD prevede la divulgazione e la valorizzazione del patrimonio informativo a disposizione delle Amministrazioni promuovendo progetti di elaborazione e di diffusione degli stessi anche attraverso l uso di strumenti di finanza di progetto, assicurando la gratuità 4

5 dell accesso e la pubblicazione dei dati in formato aperto in modo che possano essere rielaborabili da terzi. Tutto ciò implica la riduzione della circolazione di documenti in formato cartaceo. A tal fine il CAD propone una più stringente definizione della validità dei documenti e dei procedimenti secondo la quale la validità dei documenti è indipendente dal supporto (art quater). Più in particolare, un intera sezione del nuovo CAD, profondamente rivisitata rispetto alla vecchia versione, si propone di diradare l incertezza sul complesso processo di dematerializzazione dei documenti. Le regole del nuovo codice rendono effettivamente praticabile l obiettivo di una PA senza carta. Nella sezione I del Capo II vengono descritte dettagliatamente le condizioni validità dei documenti informatici, dei passaggi da analogico a digitale e viceversa. La dematerializzazione riguarda sia la produzione direttamente digitale degli atti, sia la digitalizzazione di quelli che erano stati prodotti in forma analogica (su carta), per entrambi il codice sancisce certezze di validità. L uso delle tecnologie ruota significativamente attorno al concetto di documento informatico che costituisce l elemento fondamentale per portare innovazione nella Pubblica Amministrazione. Sono infatti numerosissimi gli articoli del CAD che riguardano il ciclo di vita del documento informatico in termini di formazione, gestione, fruizione, trasmissione e conservazione e naturalmente anche di accessibilità (art. 8 del CAD). Ciò rende necessario un approccio metodologico che tenga in conto di elementi tecnici, organizzativi e progettuali anche non esplicitamente presenti nel CAD ma fondamentali per poter garantire il soddisfacimento degli obblighi di legge in termini di sicurezza dei dati e dei sistemi (art. 51). Si rende necessario quindi descrivere uno scenario trasversale alle singole norme che si occupa dell intero ciclo di vita del documento informatico, a partire dalla sua formazione a livello del supporto fisico, passando attraverso i formati che lo costituiscono per poi affrontare le tematiche di valore legale del documento nella trasmissione dello stesso e ovviamente nella sua conservazione. Trattandosi di argomenti connessi alla sicurezza non si possono omettere le tematiche di responsabilità nell ambito della protezione dei dati personali (privacy) connesse a quelle di analisi del rischio e di certificazione della sicurezza informatica. Con il progredire della transizione della PA verso un modello digitale diviene sempre più importante curare l'affidabilità e la disponibilità dei servizi, dei sistemi e delle infrastrutture che tale modello sostengono. Si tratta di un obiettivo chiave, per costruire quella fiducia nei servizi pubblici online che ancora manca e per sfruttare le enormi potenzialità di razionalizzazione e riduzione delle ridondanze legate all'approccio digitale. Il codice introduce disposizioni importanti sia sulla continuità operativa, sia sul disaster recovery dettando le modalità per il coordinamento delle azioni delle singole amministrazioni e per la predisposizione di piani operativi (CAD, art.51). Il codice impone inoltre alla PA di predisporre, entro 15 mesi, appositi piani di emergenza idonei ad assicurare, in caso di eventi disastrosi, la continuità delle operazioni indispensabili a fornire i servizi e il ritorno alla normale operatività. 5

6 2. Percorsi formativi: Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione i 2.1 Il ruolo del dirigente pubblico alla luce dei nuovo Codice della Amministrazione Digitale (Dirigenti del Centro di Competenza Unitario in materia di ICT) Obiettivi Il corso intende fornire, attraverso un approccio pratico alla applicazione del CAD al Settore Pubblico, indicazioni in merito alle principali novità apportate e alla Implicazioni per l'attività dei dirigenti responsabili del nuovo Centro dì Competenza Unitario in materia di ICT presso le diverse Amministrazioni: nell'identificare tali implicazioni, si enfatizzeranno gli elementi giuridico-organizzativi, tecnologici e strategici in grado di proiettare il dirigente oltre la gestione dell'ordinario, indirizzandolo verso una migliore capacità di programmare gli interventi di e-governance. Destinatari Il corso è rivolto ai dipendenti pubblici che assumeranno l'incarico di dirigente del Centro di Competenza Unitario in materia di ICT. Programma di dettaglio Articolazione del corso Il corso ha una durata complessiva di 7 ore. 1ª Ora - L'impatto dell'innovazione del Settore Pubblico in termini di crescita del Paese: una lettura alla luce delle novità introdotte dal CAD Traendo spunto dalla Sezione II del Capo /. Diritti dei cittadini e delle imprese, e dalle principali attività dì ricerca svolte a livello internazionale sul ruolo dell'amministrazione Pubblica nei processi di crescita, il modulo introduce una nuova visione dell'innovazione del Settore Pubblico, riportando il driver principale dall'efficienza all'efficacia dell'azione amministrativa, e costruendo una lettura delle principali novità introdotte dal CAD alla luce di questa impostazione. Emerge così non solo una visione delle modificazioni legislative, ma anche delle conseguenze che, attraverso le principali leve, il dirigente può discrezionalmente generare sulla variazione della produttività interna e, di conseguenza, sull'efficacia dell'azione amministrativa percepita dall'utenza e sulla crescita del reddito. 6

7 2ª Ora - Principali novità giuridiche e tecniche introdotte Il modulo affronta, velocemente, le principali novità apportate dal CAD, costruendo un quadro d'insieme delle conseguenze apportate presso le Amministrazioni e, parallelamente degli oneri e delle responsabilità della dirigenza. In particolare, vengono riportati i seguenti argomenti: (art. 17), riorganizzazione delle pubbliche amministrazioni attraverso l'istituzione di un ufficio unico responsabile delle attività ICT, la razionalizzazione organizzativa e informatica dei procedimenti, l'introduzione del protocollo informatico e del fascicolo elettronico; (art. 12, 54 e 57) criteri per la vantazione della performance dei dirigenti; (art.15) criteri per l'utilizzo dei risparmi attribuibili ai progetti di innovazione tecnologica; (art.1) nuove definizioni per l autenticazione informatica" e l identificazione informatica", e reintroduzione della "firma elettronica avanzata"; (nuovo art. 5-bis) introduzione delle comunicazioni tra imprese è amministrazioni pubbliche in modo esclusivamente telematico; (art. 22 e 23) disciplina delle copie di documenti; (art. 50-bis) criteri per il.disaster recovery; (art. 62-bis) Banca dati nazionale dei contratti pubblici; {art. 64} modifica dei vincoli per consentire l'accesso ai servizi in rete con diversi strumenti dì identificazione; (vari articoli) DigitPA e i compiti di natura tecnica e di controllo. 3ª Ora - Riorganizzazione interna e rapporti tra Pubbliche Amministrazioni; le funzioni Il modulo affronta, partendo dalla previsione dell'istituzione del centro di competenza unitario in una Direzione, il tema della riorganizzazione che il CAD impone all'interno delle Amministrazioni Pubbliche e nei rapporti tra di esse. In particolare, viene analizzato il rapporto tra le previsioni dell'art. 17. Strutture per l'organizzazione, l'innovazione e le tecnologie e gli strumenti attualmente a disposizione del Dirigente. Nel primo di due moduli viene affrontato come organizzare le funzioni dell'ufficio ed il loro lavoro, ragionando per obiettivi, con particolare riferimento a: Progettazione dei servizi per l'utenza (finale o intermedia) Promozione della cooperazione tra Amministrazioni Interazione tra uffici interni e ridisegno dei processi interni per promuovere una logica di punto di accesso unico di acquisizione delle richieste e di delivery Formazione e incentivazione del personale 4ª Ora - Riorganizzazione interna e rapporti tra Pubbliche Amministrazioni: ciclo della performance, trasparenza, sanzioni II modulo affronta anzitutto i temi dell'integrazione tra d.lgs.vo 150/09 e CAD, individuando come l'attività di digitalizzazione risulti fortemente interconnessa con l'introduzione dì un ciclo della performance presso l'amministrazione orientata all'attuazione di una vantazione dei dirigenti (ari. 12,54 e 57). In secondo luogo, viene affrontato il tema della trasparenza e del Livello delle Prestazioni, così come previsto attraverso l'opportuna pubblicazione di indicatori di prestazioni nei siti 7

8 delle PA, di cui all'art. 1 comma 2 d.lvo 165/2001, e successive modificazioni, suggerendo quali orientamenti il Dirigente possa assumere in tal senso e quali strumenti possa adottare. Infine, si indicano le principale forme sanzionatone per le PA che non ottemperano alle prescrizioni del codice, quali ad esempio l'inibizione dell'erogazione dei servizi disponibili in modalità digitali attraverso canali tradizionali, e si riporta il ruolo di monitoraggio delle valutazioni di impatto tecnologico, della congruenza e compatibilità delle soluzioni adottate, previste per DigitPA (art. 16). 5ª Ora - Riorganizzazione interna e rapporti tra Pubbliche Amministrazioni: valorizzazione degli strumenti disponibili II modulo, sempre dedicata alla riorganizzazione, approfondisce i temi degli strumenti da implementare, per ottemperare da un lato alle previsioni normative, dall'altro per ottenere le performance richieste. Viene in particolare affrontato anzitutto il tema del riuso collaborativo, ovvero della programmazione dell'implementazione di una strategia di programmazione delle specifiche del software che preveda dall'inizio che i programmi sviluppati per le PA presentino caratteri di modularità ed intersettorialità, così da facilitare il riuso dei programmi informatici di cui all'art. 69. Successivamente si affronta il tema dell'ottimizzazione nell'attività, di censimento e diffusione delle applicazioni informatiche realizzate o comunque utilizzate dalle PA e dei servizi erogati con modalità digitali, nonché delle migliori pratiche tecnologiche e organizzate adottate, e delle""sanzioni introdotte per la PA inadempienti. Infine, si analizza come valorizzare e rendere compatibili, in un quadro di cooperazione orientata alla generazione di valore per l'utenza e di massimizzazione dell'efficienza delle Amministrazioni, gli strumenti di PEC e di identificazione digitale, anche rispetto ali'spc. 6ª Ora - Programmazione strategica dell'e-govemance e ciclo economicofinanziario II sesto modulo vuole fornire al Dirigente alcuni elementi che possano coadiuvarlo nell'attività di programmazione strategica delle innovazioni. La decisione di investimento viene riportata ad un modello di valutazione di impatto socioeconomica, introducendo, in particolare, elementi rivolti a quantificare gli effettivi risparmi conseguiti dalle singole PA, il valore generato per L'utenza, la stima degli oneri da sopportare. Tali elementi divengono indispensabili per predisporre correttamente i progetti di investimento in materia di innovazione tecnologica, rappresentando la complessiva ed organica valutazioni dei costi e delle economie di scala che ne derivano. Dei modelli introdotti non si fa solo un rimando finalizzato all'utilizzo all'interno dei meccanismi dì l'incentivazione del personale coinvolto e per il finanziamento di progetti di innovazione; ma anche rivolto all'introduzione di elementi connessi al project fìnancing (come previsto dalle disposizioni volte a rendere la finanza di progetto strumento per l'accelerazione dei processi di valorizzazione dei dati pubblici e per l'utilizzazione da parte delle PA centrali, regionali e locali) e alla collaborazione con soggetti privati, così come previsto all'art. 1 comma 2 d.lvo 165/2001, che prevede che nell'erogazione dei propri 8

9 servizi, ove possibile, le PA debbano preferire le forme informatiche e le modalità telematiche, consolidando i procedimenti informatici implementati anche in collaborazione con i soggetti privati. Vengono infine presentate le principali sanzioni, connesse all'inottemperanza alle disposizioni del codice, in termini di decurtazioni alle risorse finanziare assegnate o da assegnare alle amministrazioni inadempienti. 7ª Ora - Aspetti verticali L'ultimo modulo è dedicato ad una veloce disamina dei provvedimenti assunti dal CAD con specifico riferimento ad alcuni settori verticali (fìsco, lavoro, sanità, giustizia). Anche in questo caso, viene privilegiata l'analisi dell'impatto di tali previsioni sulle attività della Dirigenza, ed in particolar modo dei responsabili dell'ufficio preposto alle attività ICT. 9

10 2.2. Valutazione e gestione di sistemi organizzativi complessi, a supporto della performance nella PA (Dirigenti I Fascia) Obiettivi Per realizzare gli obiettivi della riforma della PA per la gestione del ciclo della Performance, la dirigenza della PA può (e molto spesso deve necessariamente) utilizzare il supporto di opportuni strumenti ICT coerenti agli indirizzi posti dal nuovo CAD. I partecipanti al corso, dopo aver approfondito e condiviso le esigenze informative da soddisfare, in base alla analisi della adeguatezza di quanto già realizzato nella propria Amministrazione, saranno in grado di considerare le opzioni percorribili di approccio risolutivo, avendo inoltre acquisito i criteri di valutazione per la selezione delle relative iniziative ed il controllo dei conseguenti progetti. La esposizione/discussione di casi realizzati e disponibili, considerati best practice nei diversi campi delineati, consentirà di ottenere ulteriori elementi di orientamento e di eventuale accelerazione per soddisfare le esigenze informative delineate. Scopo del corso è dunque quello di condividere un quadro organico delle esigenze informative sollecitate dalla riforma della PA e che sono allineate al nuovo CAD, valutando le soluzioni disponibili o realizzabili tramite le potenzialità di Internet e delle attuali tecnologie informatiche. Destinatari Il corso è rivolto ai dirigenti pubblici di prima fascia operanti nelle Amministrazioni centrali dello Stato e nelle loro articolazioni sul territorio, negli enti pubblici non economici e nelle autorità indipendenti. Programma di dettaglio Articolazione del corso Il corso si svolgerà in 4 moduli su 2 giornate, ciascuna di 6 ore per complessive 12 ore di didattica. 1 a Giornata Modulo 1 Strumenti ICT a supporto dei processi del ciclo di gestione della performance della PA Pianificazione: requisiti dei sistemi di pianificazione strategica ed operativa Esecuzione: requisiti dei sistemi ICT per il front-office e back office Controllo: requisiti dei sistemi di controllo strategico, di gestione, dei progetti Rendicontazione: requisiti dei sistemi di sintesi e di trasparenza per comunicazione a stakeholder o Esame di casi realizzati e disponibili 10

11 Modulo 2 Sistemi ICT a supporto della valutazione delle performance individuali (per la valorizzazione delle Risorse Umane della PA) Gestione delle Competenze R.U. della Amministrazione Sistemi a supporto della pianificazione dei fabbisogni R.U. Assegnazione responsabilità/compiti alle R.U. Attribuzione/rilevazione obiettivi di performance professionale e comportamentale Premialità individuale e di U.O. di appartenenza Comunicazione/interazione e trasparenza o Esame di casi realizzati e disponibili 2 a Giornata Modulo 3 Valutazione delle iniziative di innovazione (p.e. reingegnerizzazione dei processi dove ICT è fattore abilitante) e dei relativi progetti ICT, finalizzate al miglioramento della performance Analisi di fattibilità tecnica, economica, organizzativa) Valutazione di impatto ex-ante, in itinere, ex-post Pianificazione e gestione dei progetti Gestione del cambiamento o Esame di casi realizzati e disponibili Modulo 4 Supporto delle funzioni evolute di analisi delle basi dati ICT per la individuazione di fenomeni e correlazioni, anche non noti a-priori Le funzioni di business intelligence: data warehouse Le funzioni di business intelligence: data mining o Esame di casi realizzati e disponibili 11

12 2.3 Gestione dei processi e delle prestazioni di sistemi hardware e software complessi (Dirigenti II fascia) Obiettivi Per realizzare gli obiettivi del CAD la Dirigenza della PA deve essere in grado di valutare, monitorare ed eventualmente adeguare gli investimenti e le performance dei sistemi informativi sia dal punto di vista hardware che dal punto di vista dei servizi software. Scopo del corso è dunque quello di fornire gli strumenti metodologici e operativi per la pianificazione e il monitoraggio degli investimenti in beni e servizi ICT. Destinatari Il corso è rivolto ai Dirigenti Pubblici di seconda fascia nelle Amministrazioni centrali dello Stato e nelle loro articolazioni sul territorio, negli enti pubblici non economici e nelle autorità indipendenti nonché ai Responsabili dei Sistemi Informativi. Non sono richieste conoscenze pregresse di ingegneria economico/gestionale. Programma di dettaglio Articolazione del corso Il corso si svolgerà su 5 giornate ciascuna di 6 ore per complessive 30 ore di didattica. 1 a Giornata Introduzione alla gestione dei processi aziendali Gestione del processo aziendale. Modelli input-ouput. Obiettivi. Orizzonte di pianificazione delle attività. Analisi del processo. Identificazione dei decisori, delle risorse e delle attività. Rappresentazione dei flussi informativi tramite modelli reticolari. Modelli e sistemi per l ottimizzazione di processo. Identificazione di indicatori di qualità, variabili decisionali, vincoli operativi. Descrizione delle reciproche relazioni. Metodi di soluzione. Modelli e sistemi per la gestione progetti e la gestione dell innovazione. Analisi costobeneficio, pianificazione temporale delle attività, identificazione e scelta dei componenti critici, allocazione di risorse. Modelli e sistemi per business intelligence e data mining. Strumenti di analisi disponibili. Casi di studio. 12

13 2 a Giornata Introduzione all Ingegneria delle Performance di Sistemi Hardware/Software Complessi Cos è l Ingegneria delle Performance: o Parametri, Indici, Modelli e Processi di Ingegneria delle Performance o Notazioni per la rappresentazione di performance o Trasformazioni da modello software/hardware a modello di performance o Tecniche e tool per la soluzione di modelli di performance o Analisi dei risultati e feedback architetturale 3 a Giornata La pianificazione degli investimenti in beni e servizi ICT Pianificare gli investimenti in beni e servizi ICT: il Piano strategico triennale, il Piano operativo annuale, il rapporto di consuntivo: Analisi dei fabbisogni di Servizi per il Cittadino/Cliente La definizione dei nuovi servizi Progettualità per piani strategici e piani operativi Innovazione amministrativa e innovazione tecnologica: Le metodologie di modellizzazione dei procedimenti amministrativi I modelli di Business Process Reenginering e il project management per la razionalizzazione e ottimizzazione dell organizzazione I sistemi a supporto piani di change management 4 a Giornata Il monitoraggio degli investimenti ICT: dalla scelta del monitore al rapporto consuntivo Costi e benefici attesi: Misura dell efficacia e dell efficienza La vigilanza sui risultati attesi: i Sistema di Controllo Interno Indicazioni per la qualità dei beni e dei servizi ICT: come definirne i contorni e a quali standard riferirsi (CAD, art. 54 e 63-65) Completezza del procedimento, certificazione dell'esito e accertamento del grado di soddisfazione dell'utente: Indicazioni per la qualità dei beni e dei servizi ICT: come definirne i contorni e a quali standard riferirsi Modelli per la definizione dei livelli di servizio 13

14 Gli indicatori di customer satisfaction: linee guida e standard nazionali ed internazionali 5 a Giornata Politiche e finalità dell open source nella PA o Le soluzioni tecnologiche e l offerta di prodotti e servizi open source o Le best practice nazionali e internazionali o Tipologie di licenze d uso e di contrattualistica per prodotti e servizi open source, adeguate per l impiego nella PA 14

15 2.4 Metodologie e Tecnologie innovative per i servizi WEB - Modulo metodologico (Dirigenti I e II fascia) Obiettivi Per realizzare gli obiettivi del CAD la dirigenza della PA deve maturare una profonda consapevolezza delle potenzialità, dei rischi e dei costi relativi all utilizzo delle tecnologie informatiche di punta. Scopo del corso è dunque quello di fornire un quadro organico delle tecnologie disponibili per le basi di dati e per il Web esemplificando le potenzialità di Internet e delle attuali tecnologie informatiche rispetto alle esigenze della PA introdotte dal CAD. Destinatari Il corso è rivolto ai dirigenti pubblici di prima e di seconda fascia senza conoscenze pregresse di informatica operanti nelle Amministrazioni centrali dello Stato e nelle loro articolazioni sul territorio, negli enti pubblici non economici e nelle autorità indipendenti. Programma di dettaglio Articolazione del corso Il corso si svolgerà su 4 giornate ciascuna di 6 ore per complessive 24 ore di didattica. 1 a Giornata L accesso, la comunicazione e la trasparenza tramite Internet (CAD art. 54). o Accesso ai servizi online basato su strumenti che consentano l individuazione del soggetto richiedente: carta d identità elettronica, carta dei servizi ecc. (CAD, artt. 54 e 63-65) o Completezza del procedimento, certificazione dell'esito e accertamento del grado di soddisfazione dell'utente (CAD, art. 54 e 63-65) 2 a Giornata Introduzione alle tecnologie del Web o o o Struttura base di un applicazione web: interfaccia utente, logica funzionale e gestione dati. Il ruolo degli standard nelle applicazioni web. Applicazioni web e basi di dati. Analisi e confronto di soluzioni tecnologiche. Il Web 2.0: concetti base, standard di sviluppo e modelli di business. Fondamenti di marketing per il Web 2.0: Rich User Experience, Long Tail, Social Networking, Social Media. Tecnologie, standard e struttura delle applicazioni Web 2.0. Analisi di applicazioni reali: Google, YouTube, Amazon, Flickr, ebay. Introduzione ai servizi web. L architettura orientata ai servizi. Il modello di interazione con i servizi web. 15

16 3 a Giornata Introduzione alle basi di dati per la PA o o o o Strutture di basi dati: modello relazionale, modello a oggetti, modello semantico. Basi di oggetti. Tecnologie per le ricerca nelle basi di dati: linguaggi, interfacce uniformi e specializzate. Integrazione di dati eterogenei: sistemi di integrazione di dati. Tecnologie e casi di studio. La documentazione, la fruibilità e lo scambio dei dati tra le pubbliche amministrazioni centrali e locali 4 a Giornata Tecniche avanzate di manipolazione delle basi dati e analisi di basi di dati di interesse nazionale (CAD, art. 60) o Standard di accesso condivisi e aperti per le basi di dati (CAD, art. 52 e 68) o Data Warehousing: classificazione, estrazione ed analisi dei dati nel contesto aziendale o Basi di dati spaziali (GIS): organizzazione e ricerca di informazioni georeferenziate o Repertorio Nazionale dei dati territoriali: le regole tecniche per la realizzazione delle basi dei dati territoriali o Indice nazionale delle anagrafi o Banca dati nazionale dei contratti pubblici di cui all articolo 60 16

17 2.5 Metodologie e Tecnologie innovative per i servizi WEB - Modulo tecnologico (Dirigenti tecnologi I e II fascia) Obiettivi Obiettivo del corso è quello di fornire competenze specifiche sullo stato dell arte delle tecnologie per le basi di dati e per il Web evidenziando le potenzialità, i rischi e i costi relativi al loro utilizzo. Destinatari Il corso è rivolto ai Funzionari e ai Dirigenti responsabili dei Sistemi Informativi e ai Dirigenti di I e II fascia con specifiche competenze nel settore dell Information Technology Programma di dettaglio Articolazione del corso Il corso si svolgerà su 5 giornate ciascuna di 6 ore per complessive 30 ore di didattica. 1 a Giornata Tecnologie del WEB o o Applicazioni Web data-intensive. Architettura three-tier: interfaccia utente, logica funzionale e gestione dati persistenti. Il ruolo degli Standard nelle architetture web. Analisi e confronto di soluzioni tecnologiche Web 2.0: concetti base, design pattern e modelli di business. Fondamenti di marketing per il Web 2.0, Rich User Experience, Long Tail, Social Networking, Social Media. Architetture e scalabilità per il Web 2.0. Analisi di architetture reali: Google, YouTube, Amazon, Flickr, ebay. 2 a Giornata Modelli e Linguaggi per il WEB o Il linguaggio XML: origini, scopi, sintassi di base. Definizione e validazione di un linguaggio XML, le Document Type Definitions, il linguaggio XML Schema. Presentazione dei dati XML, visualizzazione di XML tramite fogli di stile, trasformazione di XML in HTML. Manipolazione avanzata dei dati XML, il linguaggio XPath, i fogli di trasformazione XSLT, supporto XML nei database o Introduzione a UML: perchè abbiamo bisogno di modelli. I diagrammi UML ed il loro uso. Estensione di UML per la progettazione di siti Web. Esempi di applicazione di UML su progetti Web. 17

18 3 a Giornata Web Services o Introduzione ai web services. L architettura service-oriented (SOA): definizioni e modello di riferimento, motivazioni e strategie per l adozione di una SOA. Il modello di interazione con i web services. Descr izione formale di un web service: il Web Services Description Language. o Tecnologie a supporto della SOA: Web Services, SOAP, WSDL, UDDI, Standard WS-*. Processi, composizione di servizi, orchestrazione, coreografia; BPMN e BPEL. Strumenti per l implementazione di una SOA: Enterprise Service BUS, BPM, BAM, Web Services Manager; SOA Roadmap e principi di SOA Governance. 4 a Giornata Introduzione alle basi di dati o Strutture di basi dati: modello relazionale, modello a oggetti, modello semantico. Basi di oggetti. o Teoria dell integrazione di dati eterogenei: sistemi di integrazione di dati. Il processo Extract, Transform and Load (ETL) in una base di dati. Tecnologie e casi di studio. o Interfacce di query uniformi e specializzate. Wrapper e database virtuale. Metodi local as view, global as view. Query processing, query rewriting. 5 a Giornata Basi di dati avanzate o Architetture di Data Warehousing. Dati da sistemi transazionali, data movement, data warehouse e utente finale. I quattro livelli architetturali o Gestione dei dati geospaziali (GIS). Standard aperti di accesso ai dati geospaziali o Metadati semantici e ricerca semantica 18

19 2.6 Metodologie e tecnologie innovative per la razionalizzazione e dematerializzazione dei processi amministrativi (Dirigenti I Fascia) Obiettivi Per realizzare gli obiettivi del CAD la dirigenza della PA deve superare l incertezza sul complesso processo di dematerializzazione dei documenti. Le regole del nuovo codice rendono effettivamente praticabile l obiettivo di una PA senza carta. Vengono descritte dettagliatamente le condizioni di validità dei documenti informatici, dei passaggi da analogico a digitale e viceversa, introducendo tra l altro un semplice sistema di contrassegno generato elettronicamente e stampato direttamente dal cittadino, per sancire la conformità dei documenti cartacei a quelli digitali (c.d. glifo). Come noto la dematerializzazione riguarda sia la produzione direttamente digitale degli atti, sia la digitalizzazione di quelli che erano stati prodotti in forma analogica (su carta) e per entrambi i processi verranno fornite indicazioni normative e regolamentari nonché descritti strumenti operativi utili alla loro piena realizzazione. Destinatari Il corso è rivolto principalmente ai dirigenti pubblici di prima fascia operanti nelle Amministrazioni centrali dello Stato e nelle loro articolazioni sul territorio, negli enti pubblici non economici e nelle autorità indipendenti. Programma di dettaglio Articolazione del corso Il corso si svolgerà su 2 (3) giornate ciascuna di 4 ore per complessive 8 (12) ore di didattica. 1 a Giornata Quadro normativo in materia di Amministrazione Pubblica digitale o Il Codice dell Amministrazione digitale e i recenti provvedimenti in materia di de materializzazione L utilizzo delle ICT nei processi di gestione del ciclo di vita dei provvedimenti amministrativi o Gli standard: circolari AIPA (oggi Digit PA) n. 35 e n. 40 o work flow dalla attivazione/pubblicazione all effettiva conoscenza da parte degli attori chiave fino al Cittadino/Cliente Pianificare gli investimenti in beni e servizi ICT: il Piano strategico triennale, il Piano operativo annuale, il rapporto di consuntivo o Analisi dei fabbisogni di Servizi per il Cittadino/Cliente o La definizione dei nuovi servizi o Progettualità per piani strategici e piani operativi 19

20 2 a Giornata Semplificazione, eliminazione o riduzione della produzione di alcune tipologie di documenti (sia cartacei che digitali) a seguito di processi di re ingegnerizzazione o di modifica delle procedure amministrative Sostituzione di documenti originali cartacei con riproduzioni digitali Documento informatico nativo, produzione di documenti originali direttamente in formato elettronico Validità dei documenti informatici, dei passaggi da digitale ad da analogico: strumenti per sancire la conformità dei documenti cartacei a quelli digitali (c.d. glifo) Emanazione di norme di vario livello utili ad indurre e/o a disciplinare il processo di de materializzazione Accompagnamento al cambiamento attraverso azioni di sostegno all innovazione, formazione e informazione Casi di studio 20

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Commissione Ingegneria dell Informazione La Firma Digitale e La PEC Come Strumenti di Comunicazione Nell era digitale GdL:Ingg Luigi Di Santo Filippo Filippella

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti web della PA 2011 Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione Tecnologica DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i.

LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. LINEE GUIDA PER IL DISASTER RECOVERY DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ai sensi del comma 3, lettera b) dell art. 50-bis del DLgs. N. 82/2005 e s.m.i. BREVE GUIDA ALLA LETTURA... 5 1 OBIETTIVI E SCENARI

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Contenuti Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Le indicazioni e gli obiettivi fondamentali Gli scenari Il servizio di protocollo informatico in ASP del CNIPA Le check list Protocollo

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Linee guida per i siti web della PA

Linee guida per i siti web della PA Linee guida per i siti web della PA art. 4 della Direttiva 8/09 del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione - ANNO 2010-26 luglio 2010 Sommario Presentazione e sintesi... 3 1. Destinatari

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli