POLO DI MANTENIMENTO DEI MEZZI DI TELECOMUNICAZIONE ELETTRONICI E OPTOELETTRONICI. Cloud Computing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLO DI MANTENIMENTO DEI MEZZI DI TELECOMUNICAZIONE ELETTRONICI E OPTOELETTRONICI. Cloud Computing"

Transcript

1 POLO DI MANTENIMENTO DEI MEZZI DI TELECOMUNICAZIONE ELETTRONICI E OPTOELETTRONICI Cloud Computing Analisi generale in proiezione Difesa Ipotesi impiego modelli infrastrutturali di tipo Private Cloud

2 INDICE 1 - INTRODUZIONE DEFINIZIONI Bilancio Funzione Difesa - Considerazioni Cloud Computing Analisi Economica Cloud Computing: ripercussioni su vision organizzativa Difesa INTRODUZIONE Il Programma d'informatizzazione della F.A. Esercito traccia le linee guida per una evoluzione nell ambito dell Information Technology (IT) nella consapevolezza del nuovo ruolo che le moderne tecnologie dell'informazione e della comunicazione hanno acquisito a livello mondiale ed in linea con le recenti linee-guida emanate dal Ministro per l'innovazione e le tecnologie in materia di informatizzazione della Pubblica Amministrazione (cfr. Programma d'informatizzazione della FA (1) e D.Lgs 30. Dic 2010 (2)). L esigenza di una tale programmazione nasce, quindi, dalla considerazione che il settore dell IT in ambito SME (Stato Maggiore Esercito) attualmente è ancora caratterizzato da: 1. Basso livello di utilizzo delle risorse 2. Frammentazione delle richieste di mezzi hardware e software 3. Duplicazioni di sistemi 4. Difficoltà di gestione dei sistemi 5. Tempi di approvvigionamento di risorse molto elevati. Queste inefficienze determinano un impatto negativo: sulla capacità reale di SME di approntare un servizio IT di elevata qualità logistica ed operativa in tempi relativamente brevi, e sulla potenzialità evolutiva di SME in ambito IT. Nell ampio spettro di nuove tecnologie IT, il Cloud Computing, pur con le dovute precisazioni, presenta quegli aspetti ad elevato contenuto innovativo che possono determinare un miglioramento sostanziale dell attuale asset IT in seno a SME. A questo proposito, come si evince dallo studio di Vivek Kundra (U.S. Chief Information Officier) Federal Cloud Computing Strategy (3), dell 8 febbraio 2011, la tecnologia Cloud presenta reali benefici in termini di: 1. Efficienza 2. Rapidità 3. Innovazione tali da giustificare investimenti pari ad un quarto dell intero budget federale americano 2011 in ambito IT (cfr. pag 1 ed Appendix 1 in (3)), per un ammontare complessivo di 20 miliardi di dollari. Sulla scorta del predetto studio, è possibile riassumere alcuni benefici della tecnologia cloud in termini di efficienza, rapidità ed innovazione a fronte delle attuali condizioni operative, come segue: Efficienza Benefici Cloud Situazione attuale Utilizzazione server superiore al 60-70% Basso livello di utilizzo dei server, 2

3 Aggregazione della richiesta di risorse Efficientamento delle risorse hardware, di rete e di personale mediamente inferiore al 30%. Frammentazione nella richiesta di risorse e duplicazione di sistemi. Difficoltà di gestione dei sistemi Rapidità Benefici Cloud Incrementi e riduzioni di capacità elaborative in termini quasi istantanei Maggiore prontezza di risposta alle esigenze con carattere Urgente Situazione attuale Tempi estremamente elevati ( solitamente anni ) per l approntamento di nuovi data center. Tempi mediamente elevati (mesi) per l incremento delle risorse hd di data center già esistenti Innovazione Benefici Cloud Situazione attuale Focalizzazione sulla gestione dei servizi. Situazione attuale appesantita dalla Elevata scalabilità dei servizi/sistemi. gestione degli asset tecnologici. Difficoltà in termini di scalabilità di servizi/sistemi Fig. 1 - Benefici della tecnologia cloud in termini di efficienza, rapidità ed innovazione a fronte delle attuali condizioni operative. Speciale attenzione alla tecnologia Cloud è stata riservata anche in sede UE (cfr. THE CLOUD DIVIDEND - Center for Economics and business Research. Dicembre 2010 (4)). In tale studio, commissionato dall EMC (cfr. (5)) al Cebr (cfr. (4)) si precisa che, nel prossimo quinquennio ( ), l adozione di tecnologia cloud di tipo private (cfr. paragrafo Definizioni ) in Italia porterà un risparmio totale netto dei costi IT pari a circa 15.5 miliardi di Euro come si evince dalla tabella di seguito riportata: Risparmio Totale Netto Dei Costi ( mil) / Risparmio Spese IT per capitale (IT CapEx) Risparmio Spese IT operative (IT OpEx) in termini di impiego-fulltime / produttività( FTE / Productivity) Risparmio Spese IT operative (IT OpEx) in termini di potenza impegnata e sistemi di raffreddamento ( FTE / Productivity) Risparmio Totale Netto Dei Costi IT ( mil) Fig 2 Fonte Tabella 22, pag 69, THE CLOUD DIVIDEND by Center for Economics and business Research. (4) Va altresì sottolineato che, in base allo studio del Cebr, la previsione complessiva relativa ai benefici economici apportati dalla tecnologia cloud nell arco temporale risulta pari a miliardi di Euro cioè, circa l 1.76 % del PIL italiano (cfr. pag 67 in (4)). Nell ambito, quindi, dei benefici economici apportati dalla tecnologia cloud nell arco temporale , il risparmio totale netto dei costi IT per private cloud incide per circa il 10.26% che, rapportato alla percentuale dei benefici economici complessivi, si attesta allo 0.18 % del PIL italiano (Figura 3). 3

4 Miliardi di ,76 % PIL Risparmio Costi IT Private Cloud Benefici Economici Complessivi ,18 % PIL Fig 3 - Benefici economici complessivi apportati dalla tecnologia cloud e risparmio totale netto dei costi IT per private cloud nell arco temporale DEFINIZIONI Il NIST (cfr. (6)) definisce il Cloud Computing come: un modello per abilitare un accesso conveniente e su richiesta a un insieme condiviso di risorse computazionali configurabili (ad esempio reti, server, memoria di massa, applicazioni e servizi) che possono essere fornite e rilasciate con un minimo sforzo di gestione o di interazione con il fornitore del servizio. Il NIST declina quattro tipi di modelli di impiego della tecnologia cloud: 1. Private Cloud l infrastruttura cloud viene utilizzata esclusivamente da una singola organizzazione (azienda, ente, consorzi, etc ). Essa può essere gestita dall organizzazione stessa o da una organizzazione terza parte e può essere sia interna che esterna all organizzazione. 2. Community Cloud- l infrastruttura cloud può essere condivisa da diverse organizzazioni. 3. Public Cloud l infrastruttura cloud viene resa disponibile ad un pubblico generico o ad un ampio gruppo aziende ed è posseduta da una organizzazione che vende servizi cloud. 4. Hybrid Cloud in questo tipo di infrastruttura cloud coesistono tutti due o più dei suddetti modelli cloud che, pur rimanendo delle entità separate, vengono messe in comunicazione mediante tecnologie standardizzate o proprietarie, che consentono la portabilità di applicazioni e dati. Infine, il NIST definisce tre modelli di servizi forniti dall architettura cloud (cfr. Fig 4 Tassonomia del Cloud Computing): 1. Cloud Software as a Service (SaaS) l utente utilizza applicazioni che vengono eseguite in ambiente cloud. Le applicazioni sono accessibili da dispositivi differenti mediante un web browser (ne sono un esempio i servizi di web mail forniti dai maggiori provider mondiali). 2. Cloud Platform as a Service (PaaS) l utente può sviluppare e rilasciare in ambiente cloud proprie applicazioni preoccupandosi della sola gestione della stessa, senza dover controllare/gestire la rete, i server, lo storage, ed i sistemi operativi. 3. Cloud Infrastructure as a Service (IaaS) l utente sfrutta la Potenza di calcolo, lo storage, le reti e altre risorse di elaborazione fondamentali messe a disposizione dall architettura cloud. 4

5 Fig 4 Tassonomia del Cloud Computing. 3 - Bilancio Funzione Difesa - Considerazioni La Nota Aggiuntiva allo stato di previsione per la Difesa per l anno 2011 (cfr. (7)), presentata al Parlamento dal Ministro della Difesa On. Ignazio LA RUSSA (cfr. NOTA dell ottobre 2010 Allegato A 2/2), descrive un quadro di evoluzione degli stanziamenti previsionali per la difesa nel periodo , che può così riassumersi nella seguente tabella: Percentuale del PIL destinata alla Funzione DIFESA (Marina, Aereonautica, Esercito) % in M a valori costanti 2006 Anno Variazione % annua a valori costanti ,815% , ,935% , ,4% 0,983% , ,9% 0,943% , ,6% 0,919% , ,8% 0,894% , ,3% Variazione % media annua a valori costanti ,4% L analisi mostra, in maniera evidente, una tendenza negativa di stanziamenti per la Funzione Difesa che mediamente, in un anno, è pari a -1,4% del budget dell anno precedente a valori costanti

6 1,200% 1,000% 0,800% 0,600% 0,400% 0,200% 0,000% Percentuale PIL destinata alla Funzione DIFESA (Marina, Aereonautica, Esercito) Percentuale PIL destinata alla Funzione DIFESA (Marina, Aereonautica, Esercito) Curva di tendenza di tipo Polinomiale di ordine 2 Fig 5 - Percentuale PIL destinata alla Funzione DIFESA (Marina, Aereonautica, Esercito) Alla luce di una tale previsione, nasce l esigenza di monitorare accuratamente le risorse a disposizione, soprattutto, nell ottica di una progressiva e graduale RAZIONALIZZAZIONE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO E MIGLIORAMENTO DELLA GOVERNANCE (cfr. (7)), al fine di poter razionalizzare la spesa. A tal proposito nella Nota aggiuntiva allo stato di previsione per la Difesa per l'anno 2011 (cfr. (7)) (I LE PRIORITA POLITICHE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI ) si afferma quanto segue: Le attività di politica, di approntamento ed impiego dello strumento militare e funzionamento generale della Difesa dovranno essere improntate ad una vision organizzativa che comprenda tra l altro l esigenza della tradizionale impostazione della struttura militare con una innovativa qualificazione sotto il profilo della: informatizzazione e digitalizzazione delle informazioni fondamentali al fine di ottimizzare i sistemi decisionali ed di controllo ai vari livelli della catena direzionale, a partire dal Vertice politico del Dicastero; in tal senso dovrà essere implementata e condivisa la banca unica centralizzata, anche valorizzando quanto già esistente presso le FF.AA. e l Area Tecnico Amministrativa; interforzizzazione delle attività, quale valore aggiunto e fattore sinergizzante per incrementare l output complessivo, eliminando ridondanze di strutture e di funzioni; trasparenza e certificazione dei processi che sottendono i servizi fondamentali posti in essere ai vari livelli di articolazione, in cui tutte le filiere risultino formalmente mappate e delineate sotto il profilo della responsabilità e degli standard da assicurare, con il perseguimento della massima efficienza ed economicità nell impiego delle risorse ed un adeguato potenziamento del sistema dei controlli. Come già precedentemente accennato, nell ampio spettro di innovazioni tecnologiche in ambito IT, il Cloud Computing, nella sua declinazione di tipo Private, presenta quelle peculiarità che, garantendo elevati standard di sicurezza, amplificano gli aspetti cardine della vision organizzativa auspicata dal Dicastero della Difesa. 6

7 4 - Cloud Computing Analisi Economica Entrando più nel dettaglio è necessario chiarire, al di là di definizioni tecniche estremamente articolate, cosa effettivamente s intenda per architettura cloud e quali ne siano i punti di forza. Il Presidente, Garante per la Protezione dei Dati Personali, Francesco Pizzetti, durante l ultimo Forum PA 2011 (cfr. (8)), ha descritto in maniera molto intuitiva ma efficace il paradigma cloud paragonando la gestione dei server, delle applicazioni e delle risorse di storage alla gestione di un parco macchine e della relativa autorimessa. In sostanza, afferma il Garante, così come un automobile ed il garage dove la si ripone possono essere acquistati o presi in leasing oppure ancora noleggiati per un breve periodo così, anche l intero asset IT (server, applicazioni, storage) possono essere acquistati/gestiti e manutenuti da ciascun soggetto interessato oppure possono essere fruiti in varie modalità ed in tempi più o meno lunghi. Nonostante il paragone estremamente riduttivo l aspetto chiave del Cloud Computing viene espresso con evidente chiarezza: migrare da una concezione in cui ogni soggetto (nel nostro caso ogni singola Amministrazione Difesa) provvede sia all acquisto di hardware/software che alla relativa gestione mediante un apposita struttura CED (Centro Elaborazione Dati ), ad una visione in cui sia l approvvigionamento che la gestione delle risorse viene demandata ad appositi Data Center costituiti da un numero ridotto di soggetti. Premesso ciò, analizzando in maniera più approfondita il sistema Cloud, è necessario fare chiarezza su alcuni termini che usualmente vengono utilizzati per descrivere i vari attori del nuovo modello di IT. Innanzitutto, con il termine Cloud viene definito ciò che comunemente è un Data Center (DC) hardware/software (cfr. Communications of the ACM - Association for Computing Machinery (9)) costituito da server fisici e con una componente altamente variabile nel tempo di server virtuali. Quado ci si riferisce ad una federazione di data center interni ad una data organizzazione che forniscono servizi esclusivamente ai dipendenti di quest ultima si parla di Private Cloud (cfr. (9)). L accesso alle risorse (hardware e software) della Private Cloud da parte degli utenti dell organizzazione può avvenire mediante postazioni client dotate di (cfr. Fig. 6 ): connessione a banda larga al Data Center ed applicazioni cloud web-based Fig. 6 La fruizione delle risorse avviene mediante accesso a Banda Larga (cfr. (10)) Alla luce di queste premesse nasce l esigenza di chiarire quali siano, quindi, le differenze tra un data center di tipo tradizionale ed un data center di tipo cloud. Una fra le più rilevanti è sicuramente quella relativa alla 7

8 percentuale di utilizzo dei server che costituiscono il Data Center; infatti, mentre in un data center di tipo tradizionale la percentuale di utilizzo dei server oscilla tra il 5% ed il 20% (cfr. Rangan, K. The Cloud Wars (11) e Siegele, L. Let It Rise (12)) in un DC di tipo cloud questa percentuale viene incrementata fino al 60/70 % grazie alle caratteristiche, intrinseche al sistema, di auto-configurazione di server virtuali (cfr. pag 1 ed Appendix 1 in (3) e pag. 7 in T. Alford, G. Morton. The Economics of Cloud Computing (13)). Per capire la motivazione di così basse percentuali di utilizzo dei server in un DC tradizionale, è sufficiente considerare che, nell arco di una giornata, la domanda di risorse da parte del bacino di utenza varia solitamente con un andamento caratterizzato da brevi picchi elevati (ad esempio, nel caso di siti web istituzionali durante le prime ore del mattino) mentre per il resto delle 24 ore le risorse a disposizione del DC rimangono, di fatto, sotto-utilizzate, rappresentando un costo addizionale per il gestore del DC. Fig. 7 (a)stima delle risorse operative di un DC tradizionale rispetto alla domanda di picco, (b) sottostima delle risorse operative di un DC rispetto alla domanda di picco (cfr. (9)), (c) stima delle risorse operative di un DC cloud: la capacità operativa si adatta alla domanda. Volendo quantificare economicamente il costo addizionale è possibile fare riferimento ad un esempio: nell ipotesi in cui la domanda di risorse per un dato Ente: 1. abbia un picco durante un dato periodo della giornata (e.g. dalle 8 a.m. alle 14 p.m.) pari a 500 server 2. mentre durante un altro periodo (e.g resto delle 24 ore) la domanda sia pari a 100 server. 8

9 Risorse (# di server) Tempo (ore) Fig. 8 Andamento della domanda di risorse per un dato ente in un giorno. Ciò significa che il valore medio di utilizzo sull intero arco giornaliero sia pari a : ( )/2 = 300 server, cosicché il costo giornaliero medio risulta pari a 300*24 = server-ora, ma dovendo calibrare il DC per far fronte ad una domanda di picco ne segue che si dovrà affrontare una spesa pari a 500*24 = server-ora (cfr. Fig. 7), il che significa amplificare il costo giornaliero medio di un fattore 1.7 (fattore di amplificazione di spesa: /7.200 = 1.7). Domanda di risorse picco Domanda di risorse media # di server Arco temporale (ore) Costo (server-ora) per far fronte alla relativa domanda Fattore di amplificazione di spesa rispetto al costo medio 1,7 Fig. 8 Esempio di stima del costo addizionale dovuto alla stima della capacità operativa di un DC sulla base della domanda di risorse di picco. Inoltre, considerando che la vita media di un server è pari a 3 anni (cfr. (9)), si può facilmente desumere che, se il costo delle risorse offerte da un DC cloud in un triennio è inferiore di 1.7 volte il costo della capacità operativa valutata (nel nostro esempio 7200 server-ora), l utilizzo delle risorse Cloud diventa vantaggioso dal punto di vista economico. Generalizzando ad un organizzazione costituita da n enti, supposto che sia la domanda di risorse di picco giornaliera per l n-simo ente e che sia la domanda di risorse media giornaliera per l n-simo ente, il fattore di amplificazione della spesa totale per l organizzazione risulta essere: Inoltre, considerando la domanda di risorse media giornaliera totale come: 9

10 si ricava che la condizione per trarre un vantaggio economico dall adozione di tecnologia cloud diventa: LCC < dove LCC rappresenta il costo per ciclo di vita (LCC Life-Cycle Cost) dell infrastruttura cloud e V la vita media di un server. E necessario chiarire che, riguardo questo ultimo punto, il vantaggio economico è palese qualora si faccia riferimento a risorse cloud di tipo pubblic (in sostanza, il DC cloud viene gestito da un fornitore esterno all organizzazione) in quanto si abbattono: 1. i costi infrastrutturali (acquisto server, sistemi di alimentazione e raffreddamento) e 2. quelli operativi (personale addetto alla manutenzione server riutilizzabile in altre attività), calando, invece, il ragionamento in uno scenario di tipo private (il DC cloud deve essere gestito per policy all interno dell organizzazione stessa come nel caso della Difesa),tale beneficio non è affatto scontato: lo prova il solo fatto che, al fine di migrare l infrastruttura IT, dal modello tradizionale a quello Cloud, l Organizzazione dovrà affrontare una spesa di start up che, nello scenario di tipo pubblic, non si presenta o, comunque, si presenta in maniera fortemente attenuata a causa del fatto che la migrazione di infrastruttura IT non è immediata. Tuttavia, l analisi economica dello scenario cloud di tipo private può mutare nel caso in cui: si ampli il numero di variabili considerate e si articoli l analisi economica tenendo conto di una differente metrica di giudizio. A tale proposito si faccia riferimento allo studio The Economics of Cloud Computing (cfr. (13)). In tale studio viene preso in considerazione un progetto di migrazione di un infrastruttura IT dal modello tradizionale al modello cloud, nell ordine: pubblic, ibrido, private. Nel caso di migrazione verso un infrastruttura di tipo cloud private, Alford e Morton individuano i seguenti principali fattori di spesa: 1. costo dei server hardware e dei relativi elementi di supporto come router, switch, rack, cablaggi, etc.. 2. software di base per i server (sistemi operativi, sistemi di backup e di sicurezza) 3. contratti con fornitori esterni per il supporto durante la fase di start up e prima migrazione 4. costi di approvvigionamento di energia e di sistemi di raffreddamento Non vengono presi in considerazione altri fattori, meno incisivi in termini di spesa, quali il costo: dello storage, della connessione LAN delle applicazioni software mentre, in entrambi gli scenari, quello attuale e quello a seguito di migrazione infrastrutturale, vengono considerati i costi operativi e di supporto (O&S). L analisi economica così definita, viene poi articolata in: 1. una prima fase di investimento/migrazione, della durata di 3 anni (FY ) 2. ed una seconda fase operativa/mantenimento, della durata di 10 anni (FY ) considerando una infrastruttura IT da migrare costituita da 1000 server senza alcuna virtualizzazione (situazione di Status Quo - SQ). 10

11 Inoltre, vengono individuate le tre seguenti metriche di giudizio, al fine di valutare la convenienza del progetto di migrazione infrastrutturale: 1. Valore attuale netto (NPV Net Present Value): viene calcolato come differenza tra il valore economico netto dei benefici ed il costo una tantum dell investimento. Un valore positivo di (> 0 $) indica un vantaggio economico della nuova infrastruttura rispetto allo SQ. 2. Rapporto Benefici-Costi (BCR Benefit-to-Cost Ratios): viene calcolato come rapporto tra il valore economico netto dei benefici ed il costo dell investimento. Ne consegue che un valore superiore all unità determini un beneficio economico della nuova infrastruttura rispetto allo SQ. 3. Tempo di ritorno dell investimento (DPP - Discounted Payback Period): rappresenta il numero di anni (a partire dal FY 2010) necessario per recuperare il costo dell investimento iniziale. Sulla scorta di tali premesse i risultati del rapporto di Alford e Morton sono riassumibili nella seguente tabella: Costi Costi fase investimento (FY ) (Budget Year 2009 M$) Status Quo: 1000 Server (ambiente non virtualizzato) Scenario Private Cloud $0,0 $7,0 Costi O&S (FY ) (Budget Year $77,3 $31, M$) Costo totale per ciclo di vita (LCC Life-Cycle Cost) (Budget Year $77,3 $38, M$) Metriche NPV (Budget Year 2009 M$) N/A $31,1 BCR N/A 5,7 DPP ( anni ) N/A 3,7 Fig. 9 Costi, Metriche di giudizio Scenario Private Cloud. Si evince immediatamente che, a migrazione infrastrutturale completata, si ottiene: 1. una notevole riduzione di costi O&S, pari a % della spesa in ambiente SQ,. 2. una notevole riduzione di costo totale per ciclo di vita (LCC) pari a % della spesa in ambiente SQ, 3. un ritorno dell investimento raggiunto in poco meno di ai 4 anni (DPP), 4. un rapporto benefici costi decisamente superiore all unità.. In relazione a questo ultimo fattore di valutazione, aggiunge lo studio di Alford e Morton, due sono le variabili che intervengono con maggiore peso nella stima: 1. il numero di server oggetto di migrazione 2. in numero di anni in cui si effettua la migrazione Infatti, come si evince dagli andamenti delle curve riportate all interno dell analisi: 11

12 Fig. 10 BCR in funzione del numero di server migrati nel caso di tempi di migrazione differenti. il BCR subisce un incremento mediamente di una unità a seconda che la migrazione avvenga in 3 anni o in 1. La motivazione di questo incremento è da ricercarsi nelle spese che durante il periodo di migrazione, l Organizzazione dovrà sostenere per mantenere entrambe le tipologie di infrastrutture: quella SQ e quella private cloud, il BCR aumenta con l incremento di un valore superiore all unità fino ad una migrazione di 400 server e si riduce leggermente superato questo valore mantenendo, tuttavia, un incremento positivo. La ragione di questo comportamento è da ricercarsi nel fatto che: aumentando il numero di server nel medesimo arco temporale aumenta la richiesta di supporto sia in termini di personale (diretto o indiretto) che in termini di risorse hardware e software necessarie per effettuare lo swap d infrastruttura. Alla luce della suddetta analisi, risulta che: la migrazione dell infrastruttura IT verso una soluzione di tipo private cloud rappresenta un processo piuttosto complesso: il cui investimento iniziale ha un ritorno economico non di breve periodo ( poco inferiore a 4 anni ), se, inoltre, vi si aggiunge il periodo necessario per il reperimento dei fondi (mediamente mesi) questo periodo viene incrementato ulteriormente; la cui realizzazione coinvolge fortemente sia le strutture di elaborazione dati periferiche che quelle centrali con le relative fasi di riassetto del personale impiegato pur tuttavia, i vantaggi economici dell architettura private cloud risultano evidenti come ampiamente dimostrato dallo studio sopra citato e, qui di seguito riassunto: Vantaggi Private Cloud Valori Riepilogativi approssimati per eccesso Riduzione di costi O&S rispetto alla spesa in ambiente SQ pari a circa il 60% Riduzione di costo totale per ciclo di vita (LCC) della spesa in ambiente SQ pari a circa 49% Un ritorno dell investimento raggiunto Un rapporto benefici costi decisamente superiore all unità Fig. 11 Vantaggi Scenario Private Cloud. 4 anni 6 12

13 5 - Cloud Computing: ripercussioni su vision organizzativa Difesa Premesso quanto detto circa l efficienza economica dell architettura di tipo private cloud, vanno, altresì, analizzati i risvolti che l adozione di una tale tecnologia avrebbe in relazione agli obiettivi prefissati nella vision organizzativa della Difesa. A questo proposito è necessario, innanzitutto, chiarire che l architettura cloud (indipendentemente dalla sua tipologia: public, private o ibrida) consente di massimizzare i vantaggi della virtualizzazione delle risorse. Il processo di virtualizzazione, fondamentalmente, viene definito come la creazione di una versione virtuale di una qualsiasi risorsa reale, come, ad esempio, un sistema operativo, un server, un dispositivo di archiviazione di massa o delle risorse di rete (cfr. (14)). Questa metodologia consente di sfruttare appieno le risorse fisiche ( CPU, Storage) a disposizione, rendendo estremamente semplice l installazione, la configurazione e la manutenzione di un qualsiasi sistema desk o server. Fig. 12 Concezione tradizionale di un sistema server: su un singolo hardware fisico viene installato un singolo sistema operativo su cui vengono eseguite n applicazioni. In particolare, con il processo di virtualizzazione dei server viene inserito uno strato software di astrazione tra hardware e sistema operativo, consentendo, in questo modo, la creazione di più server logici, ognuno con il proprio carico di lavoro, su un singolo server fisico (cfr. Virtualization Impact on x86 Server Shipments (15)) e Server Virtualization. (16)) 13

14 (a) (b) Fig. 13 (a) Virtualizzazione server con inserimento di uno strato software di astrazione sul sistema operativo host del server fisico; (b) virtualizzazione server con inserimento di uno strato software di astrazione direttamente sull hardware: in ambedue i casi si ottiene, come risultato finale, quello di avere a disposizione n server logici su un singolo server fisico. In un ambiente cloud il processo di virtualizzazione, in modo particolare server, viene gestito in maniera automatica, per far fronte, in base alle capacità fisiche disponibili, alla domanda di risorse proveniente dai singoli utenti del sistema cosicchè, idealmente, la capacità operativa dell architettura si adatta alla domanda (cfr. Fig.7c Bilancio Funzione Difesa - Considerazioni ). 14

15 La flessibilità del sistema cloud, dovuta all elevata efficienza degli algoritmi di virtualizzazione, consente, quindi, nei limiti delle risorse fisiche disponibili, di perseguire la massima efficienza ed economicità nell impiego delle risorse (cfr. (7) - I LE PRIORITA POLITICHE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI )). Va altresì precisato che, grazie all impiego di tecnologia cloud e modelli di virtualizzazione sempre più evoluti, si riescono ad ottimizzare i sistemi decisionali ed di controllo ai vari livelli della catena direzionale (cfr. (7) - I LE PRIORITA POLITICHE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI ). Ne è una dimostrazione lampante il progetto RACE (cfr. (17)) messo a punto e realizzato dalla DISA (cfr. (18)) negli U.S.A. (cfr. IANewsletter (19) e (3)). Nell ambito di questo progetto, che consente alle organizzazioni del Dipartimento della Difesa di fornire velocemente ed in sicurezza server virtuali e storage mediante accesso da portale web, è stato implementato un modello di path to production relativamente alle fasi di: progettazione, sviluppo, test e rilascio in produzione di applicazioni, interamente basato su architettura private cloud. In particolare, grazie all architettura cloud applicata sia agli ambienti di sviluppo che di test e mediante l utilizzo di un ambiente di produzione totalmente virtualizzato, come si evince dalla fig. seguente, il DISA è riuscito a ridurre i tempi di messa in esercizio del software sviluppato da 120 gg a meno di 40 gg ( -75% del tempo medio di rilascio delle applicazioni in produzione). Inoltre, l intero processo di migrazione del sistema IT del DISA verso architettura private cloud ha garantito gli attuali standard di sicurezza sanciti dalla direttiva del Dipartimento della Difesa statunitense (cfr. (19) e (3)). Fig. 14 Modello path to production adottato dal DISA per realizzare il sistema RACE: Rapid Access Computing Enviroment. Il RACE consente alle organizzazioni del Dipartimento della Difesa di fornire velocemente ed in sicurezza server virtuali e storage mediante accesso da portale web. 15

16 Sulla base del modello RACE, sono facilmente intuibili le ripercussioni: 1. sia sulla interforzizzazione delle attività 2. che sulla trasparenza e certificazione dei processi. filiere risultino formalmente mappate e delineate sotto il profilo della responsabilità e degli standard da assicurare (cfr. (7) (I LE PRIORITA POLITICHE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI ); infatti, prendendo in considerazione, ad esempio, i sistemi di protocollazione informatica, ad oggi differenti fra le varie forze armate, un ambiente di progettazione, sviluppo, test e produzione in architettura cloud consentirebbe di uniformare: processi, metodologie e rilasci in ambiente di produzione, riducendo, sia gli inconvenienti tecnici per gli utenti sia gli ingenti costi di manutenzione e gestione dei differenti sistemi di protocollazione. Sistemi di protocollazione attualmente in esercizio nelle FF.AA. (Esercito, Aereonautica, Marina) [*]Si tenga presente che il numero è indicativo delle sole FF.AA.; nella realtà questo viene amplificato dal fatto che la maggior parte degli Enti sono provvisti di un loro sistema server dal quale viene fruito il servizio all interno dell Ente stesso Sistemi di protocollazione in cloud Ambienti di produzione 3[*] 1 Ambienti di test minimo 3 1 Ambienti di sviluppo minimo 3 1 Fig 15 Schema riassuntivo: confronto numero di ambienti per sistemi di protocollazione in architettura tradizionale ed in architettura cloud. Infine, si deve precisare che, l architettura cloud consentirebbe di ridurre drasticamente le ridondanze di strutture e di funzioni (cfr. (7) - I LE PRIORITA POLITICHE E GLI OBIETTIVI STRATEGICI ) valorizzare le ingenti capacità tecnico-operative delle FF.AA. Infatti, se attualmente la logica operativa di ogni Ente difesa, in ambito IT, è quella di: 1. effettuare una richiesta di fondi, 2. approvvigionarsi delle risorse hardware/software 3. procedere alla relativa configurazione e messa in esercizio 4. e realizzare tutte le attività di manutenzione ad esse correlate. nello scenario private cloud diventa quella di: 1. effettuare una richiesta di risorse on-line all amministrazione della private cloud indicando: a. numero di server virtuali e di processori per singolo server b. tipologia di sistema operativo 16

17 c. storage virtuale necessario 2. attendere i tempi operativi per l instanziazione delle risorse ( i tempi variano in base al numero di server richiesti, per avere un termine di paragone è sufficiente considerare che: l allestimento di un virtual cluster con 8 nodi avviene in poco meno di 10 min (cfr. Virtual Cluster Workspaces for Grid Applications (20) - t.psu.edu%2fviewdoc%2fdownload%3fdoi%3d %26rep%3drep1%26type%3dpdf&rct=j&q=vi rtual%20cluster%20time&ei=pz3_tek_hsea-wbhsnw6aw&usg=afqjcnfewfnqlztnkf- N4GIEnS3DlAN4ew&cad=rja ) 3. fruire delle risorse messe a disposizione, decidendo se salvare localmente i dati elborati o direttamente sulla SAN (Storage Area Network) dell infrastruttura cloud. E necessario precisare che, in questa nuova logica operativa in ambito IT, riveste un ruolo fondamentale: la larghezza di banda a disposizione dell utente fruitore delle risorse e dei servizi cloud. Infatti, nell ipotesi appena citata, in cui l utente decida di trasferire i propri dati sulla SAN messa a disposizione dall infrastruttura cloud, si ipotizzi di voler trasferire 10 TB. Un breve calcolo mostra che, potendo sfruttare una larghezza di banda di 20Mbits/sec, si avrebbe un tempo di trasferimento pari a : che, in sostanza, risulta superiore a 45 giorni ( cfr. (19)) Si faccia riferimento ai seguenti andamenti per confrontare il tempo di trasferimento dati di 0,500 TB, 1 TB e 10 TB in funzione del bit rate. Tempo di Trasferimento (giorni) bit rate di trasferimento (Mbits/sec) 0,500 TB 1,000 TB 10 TB (a) 17

18 12 10 Tempo di Trasferimento (giorni) ,500 TB 1,000 TB bit rate di trasferimento (Mbits/sec (b) Fig. 16 (a) il tempo di trasferimento dati di 0,500 TB, 1 TB e 10 TB in funzione del bit rate; (b) il tempo di trasferimento dati di 0,500 TB, 1 TB in funzione del bit rate. Pur con le dovute cautele, circa l accesso alle risorse cloud in base alla banda a disposizione di ciascun Ente, la variazione di paradigma in ambito IT è estremamente rilevante: alle medesime richieste di risorse, effettuate da n enti, si può far fronte senza dover moltiplicare n volte la spesa per un singolo sistema, consentendo, tra l altro, la diversificazione di funzioni svolte e di servizi offerti dai singoli soggetti coinvolti nell architettura. 18

19 Opere citate 1. Programma d'informatizzazione della FA - 4I)/Reti%20e%20Informatica/Pagine/ProgrammadinformatizzazionedellaFA.aspx#. [Online] 2. D.Lgs 30. Dic Kundra, Vivek. (U.S. Chief Information Officier) - Federal Cloud Computing Strategy. 8 febbraio THE CLOUD DIVIDEND - Center for Economics and business Research. Dicembre EMC. European Marketing Confederation. 6. NIST. National Institute for Standards and Technology. 7. Nota Aggiuntiva allo stato di previsione per la Difesa per l anno Pizzetti, Francesco. Garante per la Protezione dei Dati Personali Communications of the ACM - Association for Computing Machinery vol. 53 no. 4. april Fontana, Mario. Senior Architect Evangelist Microsoft Italia - [Online] 11. Rangan, K. The Cloud Wars: $100+ Billion at Stake, Tech. Rep. Merrill Lynch. Maggio Siegele, L. Let It Rise: A special report on corporate IT,The Economist. Ottobre T. Alford, G. Morton. The Economics of Cloud Computing Addressing the Benefits of Infrastructure in the Cloud. s.l. : Booz Allen Hamilton, searchservervirtualization.com. Virtualization. 15. O Connell, Adrian, Hewitt, Jeffrey, Hardcastle, Jonathon, and Dawson, Philip. Gartner.com, Virtualization Impact on x86 Server Shipments, March 2008 Update. Retrieved from 16. Randhir. Re: Server Virtualization. 2009, July RACE. Rapid Access Computing Environment. 18. DISA. Defence Information System Agency. 19. IANewsletter. Volume 13 N Xuehai Zhang, Katarzyna Keahey, Ian Foster, Timothy Freeman. Virtual Cluster Workspaces for Grid Applications. [Online] 21. [Online] 19

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

Valorizzare le potenzialità del Cloud Computing all interno di un piano di miglioramento ed innovazione d assieme. Luca Bolognini Altran Italia

Valorizzare le potenzialità del Cloud Computing all interno di un piano di miglioramento ed innovazione d assieme. Luca Bolognini Altran Italia Valorizzare le potenzialità del Cloud Computing all interno di un piano di miglioramento ed innovazione d assieme Luca Bolognini Altran Italia Efficienza & Tecnologia Efficienza come fattore competitivo,

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Intel incontra il canale sul tema del Cloud Computing, Milano, 8 Settembre 2011 L Information e Communication Technology per oltre vent anni si è sviluppata attorno

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l IL CLOUD COMPUTING Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l Agenda. - Introduzione generale : il cloud computing Presentazione e definizione del cloud computing, che cos è il cloud computing, cosa serve

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

CLOUD E... DARK CLOUDS

CLOUD E... DARK CLOUDS CLOUD E... DARK CLOUDS Cos'è il Cloud Compu-ng? Google: 387.000.000 di risulta- Wikipedia: indica un insieme di tecnologie che permeaono, -picamente soao forma di un servizio offerto da un provider al

Dettagli

Fondazione per la Ricerca sulla Migrazione e sulla Integrazione delle Tecnologie Ente Morale riconosciuto con Status Consultivo dell ECOSOC delle Nazioni Unite AREA STRATEGIA E TECNOLOGIE IL CLOUD COMPUTING

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER Evoluzione al Cloud Computing Condivisione dei lavori Integrazione con Android & iphone Cos è il Cloud: le forme e i vantaggi Durante la rivoluzione industriale, le

Dettagli

Introduzione al Cloud Computing

Introduzione al Cloud Computing Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e Cloud Introduzione al Cloud Computing Leopoldo Onorato Onorato Informatica Srl Mantova, 15/05/2014 1 Sommario degli argomenti Definizione di

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Avv. Daniele Vecchi Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners Il Cloud Computing «Cloud computing: modello per

Dettagli

Ottimizzare l IT. Interesse verso il cloud. Cloud computing. Ottimizzare l'it 16/04/2010. Assyrus Srl 1. Cloud Computing

Ottimizzare l IT. Interesse verso il cloud. Cloud computing. Ottimizzare l'it 16/04/2010. Assyrus Srl 1. Cloud Computing Ottimizzare l IT Cloud Computing Interesse verso il cloud 16/04/2010 Ottimizzare l'it 2 Cloud computing Cloud computing insieme di tecnologie informatiche che permettono l'utilizzo di risorse (storage,

Dettagli

Government Cloud Computing

Government Cloud Computing Government Cloud Computing FORUM PA 19.05.2010 Aldo Liso DigitPA Osservatorio del mercato Resp. sez. hardware e sistemi operativi Government Cloud Computing L evoluzione delle architetture elaborative

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO PRIMA INDUSTRIES Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.8

Dettagli

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio

Linux Day 2009 24/10/09. Cloud Computing. Diego Feruglio Linux Day 2009 24/10/09 Cloud Computing Diego Feruglio Cos è il Cloud Computing? An emerging computing paradigm where data and services reside in massively scalable data centers and can be ubiquitously

Dettagli

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese Giornata di Studio egovernment e Cloud computing: alte prestazioni con maggiore efficienza Roma, 5 Ottobre 2010 CNEL Andrea Costa TELECOM ITALIA INCONTRA

Dettagli

La trasformazione in atto nei Data center

La trasformazione in atto nei Data center La trasformazione in atto nei Data center Data Center Hands On Milano, 13 marzo 2012 Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it I nuovi dispositivi Videocamera Console & Player Tablet Smart TV Dual screen

Dettagli

Cloud Road Map Easycloud.it

Cloud Road Map Easycloud.it Cloud Road Map Pag. 1 è un Cloud Service Broker(CSB) fondata nel 2012 da Alessandro Greco. Ha sede presso il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT, situato in Via Cavour 2, a Lomazzo (Como). La missione

Dettagli

Perchè il cloud fa risparmiare

Perchè il cloud fa risparmiare 1 Perchè il cloud fa risparmiare Tecnologia e servizi per superare la crisi 2 L Europa Nella strategia Europa 2020 dedicata alla competitività, l UE sottolinea l importanza di una crescita definita intelligente

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Continuando a Navigare sulle Nuvole...

Continuando a Navigare sulle Nuvole... Continuando a Navigare sulle Nuvole... Andrea Pasquinucci A. Pasquinucci -- Continuando Navigare sulle Nuvole -- 17/10/2012 -- Pag. 1 Indice: Il Cloud: Veloce Riassunto Alcune Caratteristiche delle Nuvole

Dettagli

CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing

CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing Indice 1 Il Cloud Benefit Accelerator - Strecof Dynamics - CBA-SD 3 2 Aspetti matematici, economici e statistici del CBA-SD

Dettagli

2 Giornata sul G Cloud Introduzione

2 Giornata sul G Cloud Introduzione Roberto Masiero Presidente THINK! The Innovation Knowledge Foundation 2 Giornata sul G Cloud Introduzione Forum PA Roma, 18 Maggio 2012 THINK! The Innovation Knowledge Foundation Agenda Cloud: I benefici

Dettagli

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera EasyCloud400 Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna Società del Gruppo Hera L opportunità Aumentare la flessibilità dell azienda in risposta ai cambiamenti dei mercati.

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Data Center Telecom Italia

Data Center Telecom Italia Data Center Telecom Italia Certificazioni: ISO 27001 e ISO 9001 I Data Center Telecom Italia sono infrastrutture tecnologiche all avanguardia dotate di dispositivi di sicurezza, impianti, risorse professionali

Dettagli

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti.

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. Guida al Cloud Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. La situazione del mercato Le esigenze delle Piccole e Medie Imprese I vantaggi per dealer, ISV e integratori I vantaggi per

Dettagli

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Forum PA Roma 19 maggio 2010 Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Daniela Battisti Chair Working Party on the Information Economy Committee for Information Computer Communications Policies

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

COS E IL CLOUD COMPUTING?

COS E IL CLOUD COMPUTING? IL CLOUD COMPUTING COS E IL CLOUD COMPUTING? E un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio offerto da un provider al cliente, di memorizzare/archiviare e/o elaborare

Dettagli

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014

La rivoluzione digitale: Una grande opportunità. Stefano Nocentini Maggio 2014 La rivoluzione digitale: Una grande opportunità Stefano Nocentini Maggio 2014 Indice 2 1 ASPETTI GENERALI DELLA RIVOLUZIONE DIGITALE 2 COSA E IL CLOUD 3 POSSIBILI SERVIZI AGGIUNTIVI PER IL CLOUD DI FIEG

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Il Cloud è una priorità per le aziende e la PA?

Il Cloud è una priorità per le aziende e la PA? Il Cloud è una priorità per le aziende e la PA? 3 «Cloud Day» Parco Scientifico Tecnologico ComoNExt 5 Novembre 2015 Primo Bonacina Managing Partner, PBS Primo Bonacina Services primo.bonacina@primobonacina.com

Dettagli

L'UFFICIO DI PRESIDENZA

L'UFFICIO DI PRESIDENZA DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 71 DELL 8 OTTOBRE 2014 Protocollo d intesa tra Consiglio regionale e Comune di Venezia in materia di servizi informatici e telematici.

Dettagli

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Dipartimento di Elettronica e Informazione Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Eugenio Capra eugenio.capra@polimi.it Evento ZeroUno, Milano, 24 marzo 2011 Le esigenze degli IT manager Le principali

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Nuove prospettive: il cloud privato Microsoft

Nuove prospettive: il cloud privato Microsoft Nuove prospettive: il cloud privato Microsoft Andrea Gavazzi, Microsoft Technology Specialist Settore Pubblico " Utilizzando i servizi cloud Microsoft, possiamo distribuire nel cloud privato una completa

Dettagli

Sistemi gestionali as a Service:

Sistemi gestionali as a Service: Sistemi gestionali as a Service: Una reale opportunità per le imprese? Andrea Gaschi School of Management Politecnico di Milano Agenda Un introduzione ai sistemi gestionali La situazione in Italia Le spinte

Dettagli

centro di cura autosufficiente insieme di mondi entrocontenuti e autonomi limitato livello di relazione e interazione con l esterno

centro di cura autosufficiente insieme di mondi entrocontenuti e autonomi limitato livello di relazione e interazione con l esterno Dall ERP all Architettura Orientata ai Servizi (SOA): il CLOUD elemento abilitante nell e-health e nell e-government Alberto Steindler - Amministratore Delegato Insiel Mercato Udine, 30 novembre 2011 L

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI IN MODALITA CLOUD COMPUTING

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI IN MODALITA CLOUD COMPUTING BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI SERVIZI DIGITALI IN MODALITA CLOUD COMPUTING Programma Operativo Regionale (P.O.R.) parte FESR, Regione del Veneto, Programmazione 2007-2013

Dettagli

Una rotta tra le nuvole. il Cloud Computing per recuperare competitività

Una rotta tra le nuvole. il Cloud Computing per recuperare competitività Una rotta tra le nuvole il Cloud Computing per recuperare competitività Perché il Cloud Computing? Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare Seneca Il Cloud Computing sta rivoluzionando

Dettagli

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

FIORITAL OTTIENE LA MASSIMA AFFIDABILITÀ CON UN SISTEMA DI STORAGE VIRTUALIZZATO

FIORITAL OTTIENE LA MASSIMA AFFIDABILITÀ CON UN SISTEMA DI STORAGE VIRTUALIZZATO FIORITAL OTTIENE LA MASSIMA AFFIDABILITÀ CON UN SISTEMA DI STORAGE VIRTUALIZZATO Siamo stati colpiti dalla capacità di HP e Infonet Solutions di tradurre il progetto di rinnovamento tecnologico, in una

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Un viaggio tra le nuvole. Giuseppe De Pascale Senior System Engineer

CLOUD COMPUTING. Un viaggio tra le nuvole. Giuseppe De Pascale Senior System Engineer CLOUD COMPUTING Un viaggio tra le nuvole Giuseppe De Pascale Senior System Engineer Agenda Cloud computing definizioni e terminologia Principali servizi Cloud Organizzazione dell infrastruttura di Cloud

Dettagli

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia I sistemi virtuali nella PA Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia Indice I sistemi virtuali Definizione di Cloud Computing Le tecnologie che li caratterizzano La virtualizzazione

Dettagli

Cloud Service Broker

Cloud Service Broker Cloud Service Broker La nostra missione Easycloud.it è un Cloud Service Broker fondato nel 2012, che ha partnership commerciali con i principali operatori del settore. La nostra missione: aiutare le imprese

Dettagli

La platea dopo la lettura del titolo del mio intervento

La platea dopo la lettura del titolo del mio intervento La platea dopo la lettura del titolo del mio intervento 2 In realtà..il presupposto è semplice. 3 Cloud computing è un nuovo modo di fornire risorse,, non una nuova tecnologia! P.S. in realtà un modo neanche

Dettagli

Innovazione Servizi cloud Reti di nuova generazione. Intersezioni per una sintesi ottimale

Innovazione Servizi cloud Reti di nuova generazione. Intersezioni per una sintesi ottimale Innovazione Servizi cloud Reti di nuova generazione Intersezioni per una sintesi ottimale Padova, mercoledì 11 maggio 2011 Livio Paradiso PG. 1 Organizzazione Fastweb Management & Staff 1.85 Consumer SME

Dettagli

Cloud. Lo stato dell arte di un ambito in continua mutazione. Matteo Cecchini T-Consulting Srl

Cloud. Lo stato dell arte di un ambito in continua mutazione. Matteo Cecchini T-Consulting Srl Cloud Lo stato dell arte di un ambito in continua mutazione Matteo Cecchini T-Consulting Srl Cloud.cioè?? Con Cloud Computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma

Dettagli

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Knowledge Box Spring 2011 Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Maria Pia Giovannini DigitPA Responsabile Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso GRUPPO FERRARINI

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso GRUPPO FERRARINI Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso GRUPPO FERRARINI Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.8 Aumentare l'efficienza e

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Jack Heine Research Vice President Gartner, Inc. Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter

Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Scenario competivivo e previsioni di sviluppo del mercato italiano dei servizi di datacenter Elena Vaciago Senior Associate Consultant IDC Italia ICT4Green Conference Nhow Hotel, Milano 17 Febbraio 2009

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

D.I.S.COLUD. Distributed Information Store in Cloud

D.I.S.COLUD. Distributed Information Store in Cloud D.I.S.COLUD Distributed Information Store in Cloud Proponent Ing. Sebastiano Amato Email: samato@beelastic.com Website: www.beelastic.com Tel: +39.393.73.24.316 Mi sono laureato in Ing. Informatica presso

Dettagli

Cloud computing. Aspetti legali.

Cloud computing. Aspetti legali. Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 Cloud computing. Aspetti legali. Dott.ssa Benedetta Valenti benedetta.valenti@ssalex.com P. 2 Cosa è il cloud computing. Come è ben

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service.

I nostri servizi Dynamic Data Centre Infrastructure-as-a-Service. I nostri servizi Infrastructure-as-a-Service. 02 / TelecityGroup Cos è? (DDC) è la proposta di TelecityGroup nell ambito Infrastructure-as-a-Service (IaaS), uno dei cardini del cloud computing. Attraverso

Dettagli

Enabling IT as a Service Sergio Cimino Senior System Engineer, VMware

Enabling IT as a Service Sergio Cimino Senior System Engineer, VMware Enabling IT as a Service Sergio Cimino Senior System Engineer, VMware 2009 VMware Inc. All rights reserved I clienti decretano VMware leader del mercato Panoramica Azienda Fatturato 2009: $2 miliardii

Dettagli

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione.

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione. L evoluzione delle società di Servizi IT Il fenomeno MSP SIRMI SPA per IBM ITALIA SPA Settembre 2013 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta la professionalità

Dettagli

egovernment e Cloud computing

egovernment e Cloud computing egovernment e Cloud computing Alte prestazioni con meno risorse Giornata di studio CNEL Stefano Devescovi Business Development Executive IBM Agenda Quali sono le implicazioni del cloud computing? Quale

Dettagli

Stefano Devescovi Dal cloud per la PA alla PA in cloud

Stefano Devescovi Dal cloud per la PA alla PA in cloud Stefano Devescovi Dal cloud per la P alla P in cloud genda L impostazione del progetto Dal cloud per la P alla P in cloud Scenari, percorsi possibili e alcune idee da sviluppare Il problema di definire

Dettagli

La sicurezza del datacenter all'ombra della "nuvola" Come scongiurare il maltempo?

La sicurezza del datacenter all'ombra della nuvola Come scongiurare il maltempo? L Eccellenza nei servizi e nelle soluzioni IT integrate. La sicurezza del datacenter all'ombra della "nuvola" Come scongiurare il maltempo? 2013 APRILE Omnitech s.r.l. Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma Via

Dettagli

Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa

Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa Il Data Center come elemento abilitante alla competività dell impresa Lorenzo Bovo Senior Solution Consultant HP Technology Consulting lorenzo.bovo@hp.com Udine, 23 Novembre 2009 2009 Hewlett-Packard Development

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli