COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2014"

Transcript

1 APPORTO CREA 1. logo crea CMYN. eps 2. logo crea Pantone. eps PANTONE 3015 U PANTONE 363 U 1 COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2014

2 Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2014 CREA 2015 RAPPORTO CREA

3 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI Comitato di redazione Laura Aguglia (responsabile), Alessandro Antimiani, Patrizia Borsotto, Tatiana Castellotti, Maria Rosaria Pupo D Andrea, Roberto Solazzo. Per quanto riguarda la stesura dei testi: Capitolo 1 - Tatiana Castellotti Capitolo 2 - Patrizia Borsotto Capitolo 3 - Laura Aguglia Per l appendice metodologica con la descrizione degli indicatori usati, i criteri della classificazione merceologica e dei paesi si rimanda alla sezione on-line sul Rapporto sul Commercio con l estero dei prodotti agroalimentari sul sito Produzione database, elaborazione dati: Silvio Bellorini Elaborazione dati, supporto tecnico: Alessia Fantini Organizzazione editoriale: Benedetto Venuto Segreteria editoriale: Roberta Capretti Progettazione grafica: Sofia Mannozzi Impaginazione: Ufficio Grafico (J. Barone, P,Cesarini, F. Lapiana, S. Mannozzi) Segreteria: Francesca Ribacchi (coordinamento), Debora Pagani e Lara Abbondanza Il Rapporto è frutto della collaborazione tra il CREA e l Università Cattolica di Piacenza. CREA, 2015

4 Il Rapporto CREA sul commercio con l estero dei prodotti agroalimentari giunge alla sua 23a edizione con un nuovo formato e nuovi obiettivi, fornendo agli operatori interessati un riferimento importante per l analisi degli aspetti di tendenza dei flussi di commercio agroalimentare dell Italia, nonché delle dinamiche per aree e principali partner. In sintonia con il crescente scambio di informazioni e della maggiore facilità di accesso ai dati, il Rapporto si propone come uno strumento di analisi strutturata secondo criteri e categorie apprezzate dal mondo scientifico, che garantiscono la continuità con il lavoro svolto nel passato sull argomento, ma con nuove possibilità di aggiornamento e integrazione, anche grazie all interazione con la banca dati on-line. Il volume, rispetto alle passate edizioni, presenta quest anno una impostazione più sintetica, pur contenendo gli aspetti tradizionali di analisi legati alle principali dinamiche dei flussi commerciali per aree e per i principali partner commerciali del nostro paese e relativamente ai comparti produttivi. Viene analizzata la posizione del settore agroalimentare italiano nel mercato mondiale ed in relazione agli scambi commerciali totali. Il 2014 è caratterizzato dalla debolezza della domanda dei paesi dell area dell euro, che rivestono un peso determinante per le nostre esportazioni. La bilancia agroalimentare, in deficit, riporta una crescita dei flussi: le esportazioni aumentano, rispetto all anno precedente, in misura superiore alla media delle vendite complessive all estero,; le importazioni registrano una variazione positiva in controtendenza con quella negativa degli scambi commerciali totali, aumentando la quota sul commercio totale. Il Rapporto offre una originale articolazione dei flussi commerciali agroalimentari, aggregando i dati secondo due diversi criteri: il primo poggia sull origine e la destinazione dei prodotti, in base al quale si identificano le materie prime e i prodotti di consumo finale; il secondo riguarda la specializzazione commerciale, identificata in base al segno del saldo (prodotti di importazione, di esportazione, a saldo variabile). Si è ritenuto importante, ancor più in qualità di paese ospitante Expo2015, garantire la necessaria attenzione all analisi delle voci di esportazione individuate con il termine Made in Italy, cioè l insieme dei prodotti agroalimentari trasformati a saldo stabilmente positivo e ad alto valore aggiunto, identificati dai consumatori all estero come tipici del nostro paese. Sia nella seconda che nella terza parte del volume, una riflessione specifica è destinata all andamento del Made in Italy, in termini di analisi dei principali mercati di destinazione dei prodotti e dei paesi clienti e in termini di comparti e loro performance. Questa breve nota non può non chiudersi con un sentito ringraziamento al gruppo di lavoro che, attraverso un confronto proficuo ed uno scambio costruttivo, ha assicurato, come sempre, un prodotto di qualità messo al servizio della comunità scientifica e professionale. Salvatore Parlato Commissario Straordinario CREA

5 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI

6 INDICE PRIMA PARTE Il commercio estero complessivo e agroalimentare dell Italia 7 SECONDA PARTE Struttura e andamento degli scambi agroalimentari dell Italia sotto il profilo merceologico La struttura e la dinamica per comparti del commercio agroalimentare La bilancia agroalimentare per origine e destinazione e per specializzazione commerciale La dinamica del Made in Italy 25 TERZA PARTE La distribuzione geografica del commercio agroalimentare dell Italia Le dinamiche degli scambi agroalimentari per aree e principali paesi partner La distribuzione geografica per comparti La distribuzione geografica del Made in Italy 36 5

7

8 Il commercio estero complessivo e agroalimentare dell Italia 7

9 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI

10 Nel 2014, il valore del saldo complessivo del commercio con l estero si è attestato intorno ai 43 miliardi di euro, in aumento del 47% rispetto all anno precedente (tabella 1.1). Si tratta di una performance positiva iniziata nel 2012, anno in cui vi è stata un inversione di tendenza rispetto alla dinamica negativa che ha caratterizzato la bilancia commerciale italiana a partire dal Questo andamento è spiegato dalla dinamica del commercio dei beni non agroalimentari (non agroalimentare) che, a partire dal 2012, ha registrato saldi positivi compensando i saldi negativi della bilancia agroalimentare (agroalimentare). L analisi dell andamento dei flussi trimestrali (tabella 1.2) conferma il trend generalmente positivo degli scambi totali di beni nel 2014, in quanto rispetto agli equivalenti trimestri del 2013, le variazioni per le vendite Tabella 1.1 Commercio agroalimentare (AA) e totale dell Italia (valori correnti in milioni di euro) Anni Importazioni Esportazioni Saldo Saldo Normalizzato (%) Totale AA % AA/Tot Totale AA % AA/Tot Totale AA non AA* Totale AA non AA* , , ,3-14,5-0, , , ,7-12,4-0, , , ,0-11,4 0, , , ,3-11,6-3, , , ,3-12,9-2, , , ,3-9,3 2, , , ,9-8,4 5, , , ,7-8,5 7,3 * non AA è il non Agroalimentare, ovvero il Totale al netto dell Agroalimentare. Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. Tabella 1.2 Commercio agroalimentare e totale dell Italia: dati trimestrali (valori correnti in milioni di euro e variazioni % sull anno precedente) Anni Primo trimestre Secondo trimestre Terzo trimestre Quarto trimestre Totale annuale Valore Var. % Valore Var. % Valore Var. % Valore Var. % Valore Var. % Esportazioni totali , , , , , , , , , , , , , , ,0 Esportazioni agroalimentari , , , , , , , , , , , , , , ,7 Importazioni totali , , , , , , , , , , , , , , ,6 Importazioni agroalimentari , , , , , , , , , , , , , , ,9 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. 9

11 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI all estero sono sempre positive e si accentuano verso la fine dell anno, mentre per gli acquisti si registrano flessioni meno marcate ed anche un segno positivo nel secondo trimestre. Guardando alla distribuzione geografica dei flussi commerciali totali (tabelle 1.3 e 1.4), nel 2014 i nostri più importanti partner commerciali si sono confermati l UE28, che ha coperto il 55% delle esportazioni e il 57% delle importazioni italiane, i paesi asiatici non mediterranei, con il 13% delle esportazioni e il 16% circa delle importazioni, gli altri paesi europei diversi da quelli che si affacciano sul Mediterraneo, con il 9% delle nostre esportazioni e il 12% delle importazioni, e il Nord America, con l 8% delle esportazioni e il 4% delle importazioni. Per quanto riguarda la distribuzione del commercio per livello di reddito dei partner, gli scambi con i paesi sviluppati rappresentano il 76% delle nostre esportazioni e il 75% delle nostre importazioni. Seguono, a distanza, i paesi in via di Tabella 1.3 Commercio agroalimentare (AA) e totale dell Italia per aree geografiche e per livello di reddito dei partner (milioni di euro correnti) 2014 Importazioni Esportazioni Saldo Saldo Normalizzato (%) Totale AA % AA/Tot Totale AA % AA/Tot Totale AA non AA Totale AA non AA MONDO , , ,7-8,5 7,3 di cui WTO , , ,0-9,8 10,1 UE , , ,8-11,4 5,9 di cui UE , , ,5-11,3 4,6 Altri Paesi Europei (escl. Med.) , , ,4 33,4-7,3 di cui EEA , , ,2 93,0 1,7 Paesi Terzi Med. Europei , , ,9 22,1 9,9 Paesi Terzi Med. Asiatici , , ,1-5,8 37,3 Paesi Terzi Med. Africani , , ,2 2,9 1,1 di cui Euromed , , ,4 6,3 23,2 Nord America , , ,5 40,3 37,1 Centro America , , ,8-52,7 57,3 Sud America , , ,0-77,3 27,4 di cui Mercosur , , ,3-77,7 43,0 Asia (escl. Med.) , , ,1-10,2-1,7 di cui Asean , , ,5-71,8 16,7 Africa (escl. Med.) , , ,0-43,6-6,0 Oceania , , ,8 8,8 75,6 Totali diversi , , ,0 96,8 28,0 Paesi Sviluppati , , ,5-2,5 7,6 di cui industrializzati , , ,0-1,2 11,6 Paesi in via di sviluppo , , ,5-39,7 5,6 di cui a più basso reddito , , ,8-22,2-19,6 di cui EBA , , ,7-26,0-16,8 Altri , , ,0 96,8 28,0 ACP , , ,0-45,7-3,2 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. 10

12 Tabella 1.4 Commercio agroalimentare e totale dell Italia per aree geografiche e per livelli di reddito dei partner (variazioni percentuali) Commercio totale Commercio agroalimentare 2014/2013 Valori correnti Valori correnti Comp. Quantita Comp. Prezzo Ragione di cambio Import Export Sn 1 Import Export Sn 1 Import Export Import Export MONDO -1,6 2,0 1,8 2,9 2,7-0,1 11,0 4,6-7,3-1,8 5,9 di cui WTO 1,9 2,8 0,4 3,3 3,2-0,1 11,4 5,3-7,2-2,0 5,7 UE 28 1,4 3,8 1,2 2,0 2,0 0,0 9,4 3,8-6,8-1,7 5,4 di cui UE 15 0,5 3,3 1,4 1,6 1,6 0,0 9,6 3,2-7,3-1,5 6,3 Altri Paesi Europei (escl. Med.) -13,7-8,0 3,2-2,6-2,8-0,1 10,9-5,3-12,2 2,6 16,8 di cui EEA -7,4 2,7 5,1 1,6 7,1 0,4 108,1 5,5-51,2 1,5 107,8 Paesi Terzi Med. Europei 10,0 4,0-2,8 7,5 4,2-1,5 3,6 7,5 3,7-3,1-6,6 Paesi Terzi Med. Asiatici 2,2-2,9-2,2 4,4 12,2 3,6-9,4 30,6 15,3-14,1-25,5 Paesi Terzi Med. Africani -28,7-4,8 14,4-20,7 4,6 13,8-27,0 14,7 8,5-8,9-16,0 di cui Euromed -16,6-0,9 8,3-20,3 22,4 21,3-25,7 33,6 7,4-8,4-14,7 Nord America 13,9 9,4-1,7 42,2 5,8-11,6 24,7 5,7 14,0 0,1-12,2 Centro America 23,5-0,6-8,0 1,6-0,1-0,6 9,1 8,4-6,8-7,9-1,2 Sud America 2,7-6,7-4,8 6,8 10,6 0,7-11,3 20,1 20,4-7,9-23,5 di cui Mercosur 0,8-7,2-4,0 8,0 8,3 0,1 5,9 21,8 1,9-11,0-12,7 Asia (escl. Med.) 1,7 3,1 0,7 5,6 9,3 1,7 6,8 15,3-1,1-5,2-4,2 di cui Asean 5,3 5,1-0,1 9,5 6,3-0,7 14,0 15,6-4,0-8,0-4,2 Africa (escl. Med.) -1,7 8,9 5,0-6,4-8,2-0,8 101,1-9,9-53,5 1,8 118,8 Oceania -6,7-4,6 0,7-1,3 5,8 3,5 2,7 3,0-4,0 2,7 7,0 TOTALI DIVERSI 2,0-1,6-1,6 108,4-7,0-1, ,0-2,2-85,3-4,9 547,6 Paesi Sviluppati -0,6 2,4 1,5 3,1 2,1-0,5 14,5 3,4-9,9-1,2 9,7 di cui industrializzati 1,3 2,7 0,7 3,0 2,4-0,3 15,4 3,8-10,7-1,4 10,5 Paesi in via di sviluppo -4,6 0,9 2,8 2,3 8,1 2,3-4,3 14,2 6,9-5,3-11,4 di cui a più basso reddito 25,9 16,7-3,7 8,2 9,4 0,5 19,6 9,6-9,5-0,1 10,4 di cui EBA 14,9 13,5-0,6 12,2 12,8 0,2 22,7 11,6-8,6 1,1 10,6 Altri 2,0-1,6-1,6 108,4-7,0-1, ,0-2,2-85,3-4,9 547,5 ACP -1,4 4,9 3,1-2,9-7,9-2,1 100,8-8,5-51,7 0,6 108,2 1 La variazione del Saldo normalizzato è calcolata come differenza semplice. Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. sviluppo. In particolare, gli acquisti da questi paesi rappresentano quote decrescenti delle nostre importazioni passando dal 28% del 2011 al 25% del Rispetto al 2013, le esportazioni dei prodotti non agroalimentari sono cresciute del 2% circa attestandosi su 363,4 miliardi di euro. La crescita delle esportazioni si deve soprattutto ad alcune industrie del settore manifatturiero (Istat, 2014) 1. In particolare, si segnala la crescita delle vendite di autoveicoli (+10%), degli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+5,6%) e di mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi, (+5,5%). Secondo la relazione annuale della Banca d Italia 2 questi dati hanno in parte ca- 1 Istat, Rapporto Annuale, Banca d italia, Relazione Annuale,

13 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI rattere strutturale in quanto riflettono la migliorata capacità degli esportatori italiani di tenere il passo con l espansione della domanda. Le importazioni hanno segnato una riduzione dell 1,6% rispetto al 2013, attestandosi su 314 miliardi di euro, da imputare al settore energetico; infatti, rispetto al 2013, sono diminuiti del 17% sia gli acquisti di petrolio greggio sia di coke e prodotti petroliferi raffinati, del 26% quelli di gas naturale e del 16% quelli di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata. Per questi settori la caduta dei volumi importati si è accompagnata ad una forte riduzione dei prezzi di acquisto. In complesso, dunque, il saldo commerciale per i prodotti non agroalimentari si conferma positivo e in miglioramento. La bilancia agroalimentare italiana, nel 2014, riporta un deficit che si attesta a poco più di 6 miliardi di euro, in un contesto di crescita dei flussi commerciali agroalimentari. In particolare, le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono cresciute, rispetto all anno precedente, in misura superiore alla media dell economia (2,7% contro il 2% delle esportazioni totali). Tale performance positiva è da attribuirsi all aumento dei volumi esportati (4,6%) a fronte di una diminuzione del loro valore (-1,8%). L aumento delle esportazioni si è fatto sentire in misura più evidente nell ultimo trimestre dell anno, in cui si è registrato un incremento del 4% circa rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Le importazioni si sono attestate su poco più di 41 miliardi di euro registrando una crescita del 2,9%, in controtendenza rispetto alla media dell economia (-1,6% come visto in precedenza). L aumento delle importazioni ha riguardato soprattutto il primo e l ultimo trimestre dell anno con incrementi, rispettivamente del 3,5% e del 4,6% rispetto ai rispettivi periodi dell anno precedente. Anche dal lato delle importazioni, la crescita è da attribuirsi alla componente quantità (11%) a fronte della flessione della componente prezzo (-7,3%). Tenuto conto della dinamica di importazioni ed esportazioni il saldo normalizzato, pari a -8,5%, è rimasto sostanzialmente stabile rispetto al La ragione di scambio ha segnato, invece, un aumento del 6% rispetto all anno precedente grazie, come abbiamo visto, alla variazione negativa dei prezzi delle importazioni maggiore di quella delle esportazioni. Guardando alla distribuzione geografica degli scambi agroalimentari, nel 2014 l area euro ha coperto poco più del 66% delle nostre vendite all estero e il 70% circa degli acquisiti dall estero. Il Nord America è il nostro secondo mercato di sbocco: nel 2014 ha assorbito l 11% circa delle esportazioni; rappresenta invece il 4% delle nostre importazioni agroalimentari. L Asia assorbe poco più del 7% delle nostre vendite all estero, mentre da quest area proviene quasi l 8% delle nostre importazioni; riguardo all andamento degli scambi per aree geografiche, focalizzando l attenzione su quelle con i quali si attivano i flussi più importanti, le esportazioni verso il Sud America sono aumentate del 10,6% e quelle verso il Nord America del 6% circa. Le esportazioni verso l UE-28 hanno segnato una variazione più contenuta rispetto all anno precedente e pari al 2%. Dal lato delle importazioni, è da sottolineare l aumento del 42% circa degli acquisti dal Nord America, grazie sia all incremento dei volumi importati (+25% circa) sia del valore (+14% circa). Sono diminuite, invece, del 21% circa le importazioni dai Paesi Terzi Mediterranei Africani a causa, soprattutto, della contrazione dei volumi importati (-27%). Guardando alla distribuzione degli scambi agroalimentari secondo il livello di reddito dei partner, i paesi sviluppati coprono la gran parte degli scambi (89% delle esportazioni e 79% delle importazioni). Le esportazioni verso questi paesi sono aumentate del 2% a fronte di un aumento del 3% delle importazioni. L incremento delle esportazioni è da attribuirsi ad una crescita dei volumi esportati che hanno più che bilanciato la riduzione dei prezzi. Anche l aumento delle importazioni è dovuto alla dinamica positiva dei volumi (+14,5%) a fronte di una variazione negativa dei prezzi (-10% circa). Gli scambi con i paesi in via di sviluppo sono cresciuti rispetto al 2013; in particolare, le esportazioni hanno segnato un aumento dell 8% circa a fronte di un più contenuto aumento (2,3%) delle importazioni. L aumento dell export verso questi paesi è stato sostenuto da una crescita dei volumi esportati a fronte di una flessione della componente prezzo. 12

14 Struttura e andamento degli scambi agroalimentari dell italia sotto il profilo merceologico

15 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI

16 2.1 La struttura e la dinamica per comparti del commercio agroalimentare Nel 2014 i flussi commerciali relativi alla bilancia agroalimentare italiana registrano lievi movimenti rispetto ai dati del 2013 anche in termini di peso della componente primaria e di quella industriale sul totale agroalimentare. Al settore primario, nel 2014, si deve il 17,2% delle esportazioni, 0,6 punti percentuali in meno rispetto all anno precedente, mentre i prodotti afferenti all industria alimentare spiegano una quota del 62,2% delle vendite all estero, con un guadagno di quasi 1 punto percentuale rispetto al 2013 (tabella 2.1). Se all industria alimentare si aggiungono anche le bevande, il totale spiega l 82% della bilancia agroalimentare, in lieve crescita nell anno considerato (+0,6 punti percentuali). Per quanto riguarda le importazioni, il peso rivestito dal settore primario sul totale degli scambi agroalimentari è ben più consistente di quello delle esportazioni, attestandosi al 31,7%, stabile rispetto al 2013; la quota dell industria alimentare risulta di poco superiore a quella rivestita sull export, vale a dire pari al 63,8%, 0,7 punti percentuali in più rispetto all anno precedente; per le bevande, invece, la differenza tra il loro peso sui flussi in entrata e di quello sui flussi in uscita acquista rilevanza, dato che per l import la quota risulta pari al 3,4%, leggermente in calo nel 2014, contro quasi il 20% di quella dell export. In termini di dinamiche dei valori correnti (tabella 2.2), le esportazioni del settore primario nel 2014 riportano una flessione dello 0,6%, frutto di una variazione negativa della componente prezzo che supera quella positiva della componente quantità. Per le importazioni, il risultato dell anno è di una crescita del 2,5%, con una influenza della componente quantità particolarmente accentuata (+24,1%) che recupera la perdita dalla parte della componente prezzo (-17,4%). Il saldo normalizzato per i prodotti primari si attesta a -37,1%, in miglioramento di quasi un punto percentuale e mezzo rispetto al Relativamente ai prodotti dell industria alimentare, il saldo normalizzato risulta invariato nel 2014, grazie agli incrementi sia dal lato dell export (+4,2%) che da quello dell import (+4%). Per entrambi i flussi, l apporto determinante deriva dalla variazione positiva della componente quantità che compensa la flessione dalla parte dei prezzi. Anche il saldo normalizzato del totale della bilancia agroalimentare rimane quasi invariato rispetto al 2013 (+0,2 punti percentuali). All interno del settore primario alcuni comparti rivestono un ruolo di rilievo, come i cereali per quanto riguarda le importazioni, che hanno un peso del 6,6% sul totale agroalimentare, in crescita di mezzo punto percentuale nel 2014, e l altra frutta fresca per le esportazioni, che rappresentano una quota del 6,7% sul totale, in lieve calo rispetto al 2013 (-0,4 punti percentuali). Nell ambito delle importazioni dell industria alimentare pesano in modo più significativo i comparti delle carni fresche e congelate, con una quota dell 11% del totale agroalimentare, anch esse in perdita di mezzo punto percentuale, e dei prodotti ittici, con l 8,5% sul totale, lievemente in crescita (+0,3 punti percentuali). Nelle esportazioni rivestono un ruolo determinante il comparto dei derivati dei cereali, con il 12% di quota sul totale e i prodotti lattiero-caseari, con il 7,9%, entrambi in crescita di 0,2 punti percentuali rispetto al Nell aggregato delle bevande, le vendite all estero sono costituite prevalentemente dal vino, che pesa per il 15,2% sul totale agroalimentare (rispetto ad una quota totale delle bevande del 19,8%), in perdita di 0,2 punti percentuali nel 2014, mentre, per gli acquisti, la voce più rilevante è costituita dagli altri alcolici, con il 2,2% di quota, anch essa in lieve perdita (-0,2 punti percentuali). Scendendo ad un livello di maggior dettaglio, le tabelle 2.3 e 2.4 mostrano i primi 20 prodotti di importazione e di esportazione nel Per quanto riguarda l approvvigionamento del nostro paese dall estero, la graduatoria rimane invariata in termini di importanza dei prodotti rispetto all anno precedente, con alcuni movimenti all in- 15

17 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI Tabella 2.1 Struttura per comparti del commercio agroalimentare dell Italia (peso percentuale) Paesi Import Export Import Export Import Export Sementi 1,2 0,7 1,3 0,7 1,0 0,6 Cereali 6,6 0,4 6,1 0,2 5,9 0,6 Legumi ed ortaggi freschi 1,6 3,1 1,9 3,4 1,8 3,4 Legumi ed ortaggi secchi 0,7 0,1 0,6 0,1 0,5 0,1 Agrumi 0,7 0,5 0,8 0,5 0,8 0,6 Frutta tropicale 1,4 0,2 1,4 0,2 1,6 0,4 Altra frutta fresca 1,3 6,7 1,4 7,1 1,6 7,8 Frutta secca 2,7 1,2 2,3 0,9 1,5 0,9 Vegetali filamentosi greggi 0,2 0,0 0,2 0,0 0,3 0,0 Semi e frutti oleosi 1,9 0,1 2,1 0,1 2,2 0,2 Cacao, caffè, tè e spezie 3,4 0,2 3,3 0,2 3,0 0,2 Prodotti del florovivaismo 1,1 1,9 1,1 2,0 1,3 2,3 Tabacco greggio 0,1 0,7 0,1 0,7 0,1 0,8 Animali vivi 3,3 0,2 3,4 0,2 3,8 0,2 Altri prodotti degli allevamenti 1,1 0,2 1,2 0,2 1,0 0,2 Prodotti della silvicoltura 1,6 0,4 1,7 0,4 2,0 0,3 Prodotti della pesca 2,5 0,7 2,5 0,6 2,6 0,8 Prodotti della caccia 0,3 0,1 0,5 0,1 0,2 0,0 Totale settore primario 31,7 17,2 31,8 17,8 31,2 19,4 Riso 0,3 1,5 0,2 1,5 0,2 2,1 Derivati dei cereali 3,0 12,0 3,0 11,8 2,9 12,5 Zucchero 2,2 0,4 2,8 0,6 1,9 0,5 Prodotti dolciari 2,2 4,4 2,0 4,2 1,9 3,8 Carni fresche e congelate 11,0 3,2 11,5 3,2 12,5 3,4 Carni preparate 0,9 4,1 0,9 3,9 1,0 3,6 Prodotti ittici 8,5 1,1 8,2 1,0 8,5 1,2 Ortaggi trasformati 2,4 6,6 2,3 6,5 2,6 7,1 Frutta trasformata 1,4 3,0 1,4 3,0 1,4 3,3 Prodotti lattiero-caseari 9,8 7,9 10,2 7,7 9,7 6,9 Oli e grassi 8,7 5,4 7,7 5,8 7,9 5,7 Panelli e mangimi 5,2 2,5 4,9 2,3 4,7 1,6 Altri prodotti dell'industria alimentare 4,5 9,0 4,3 8,6 4,5 7,7 Altri prodotti non alimentari 3,8 1,2 3,7 1,2 2,4 0,9 Totale Industria Alimentare 63,8 62,2 63,1 61,3 62,1 60,1 Vino 0,7 15,2 0,8 15,4 0,9 14,3 Mosti 0,0 0,1 0,0 0,1 0,0 0,1 Altri alcolici 2,2 2,5 2,4 2,7 2,5 2,4 Bevande non alcoliche 0,5 2,0 0,5 1,9 0,6 1,6 Totale Bevande 3,4 19,8 3,7 20,1 4,0 18,4 Totale industria alimentare e bevande 67,2 82,0 66,8 81,4 66,1 78,5 Altri prodotti agroalimentari (sotto soglia:1-24) 1,2 0,8 1,4 0,8 2,7 2,1 TOTALE AGROALIMENTARE 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. 16

18 Tabella 2.2 Commercio agroalimentare dell Italia per comparti 2014 VARIAZIONI % 2014/13 Paesi (milioni di euro) Valori correnti Comp. quantità Comp. prezzi Import Export SN Import Export Import Export Import Export Sementi 500,9 251,4-33,2 0,2-0,2 119,5-8,7-54,4 9,3 Cereali 2.689,9 122,2-91,3 10,5 53,8 22,7 92,8-10,0-20,2 Legumi ed ortaggi freschi 638, ,2 25,2-13,8-6,1-4,0 4,6-10,2-10,3 Legumi ed ortaggi secchi 274,1 46,3-71,1 14,9 8,5 0,8 11,1 14,0-2,3 Agrumi 279,6 177,6-22,3-11,3-2,0-15,6 7,0 5,1-8,4 Frutta tropicale 572,1 66,9-79,0 5,2 3,6 5,5-1,1-0,3 4,8 Altra frutta fresca 543, ,1 62,1-2,9-3,6 10,6 4,2-12,2-7,4 Frutta secca 1.118,2 411,8-46,2 23,3 32,6 6,9 14,1 15,3 16,1 Vegetali filamentosi greggi 81,9 8,5-81,2-2,2-22,3 6,2-11,0-7,9-12,7 Semi e frutti oleosi 782,8 25,9-93,6-8,4-15,6-6,8-25,8-1,7 13,7 Cacao, caffè, tè e spezie 1.411,7 75,8-89,8 5,7 12,8 13,1 9,7-6,6 2,9 Prodotti del florovivaismo 458,0 652,1 17,5 0,3-2,0 11,5-2,5-10,0 0,5 Tabacco greggio 36,8 227,9 72,2 10,1-5,5-0,2-9,5 10,4 4,4 Animali vivi 1.357,3 66,7-90,6-0,6 9,7 0,7-0,6-1,3 10,3 Altri prodotti degli allevamenti 453,0 68,0-73,9-8,0-8,5-19,3 17,5 14,0-22,1 Prodotti della silvicoltura 653,1 127,5-67,3-2,4-2,7 24,5 6,7-21,6-8,8 Prodotti della pesca 1.033,9 231,5-63,4 5,1 6,5 110,3 16,0-50,0-8,2 Prodotti della caccia 119,7 19,7-71,7-33,4-38,6 22,5-58,0-45,6 46,1 Totale settore primario , ,3-37,1 2,5-0,6 24,1 3,9-17,4-4,3 Riso 111,6 535,9 65,5 38,4 8,6 40,9 3,2-1,8 5,2 Derivati dei cereali 1.210, ,2 54,7 0,5 4,1 8,4 5,0-7,3-0,8 Zucchero 884,6 139,6-72,7-20,3-29,5 2,5-16,8-22,3-15,4 Prodotti dolciari 883, ,7 26,3 10,5 7,5 5,2 4,0 5,0 3,4 Carni fresche e congelate 4.527, ,1-60,4-1,0 2,7 4,9 14,2-5,7-10,1 Carni preparate 377, ,0 57,6 8,0 6,2 13,6 9,0-5,0-2,6 Prodotti ittici 3.499,7 369,0-80,9 6,4 7,5 8,1 5,4-1,5 1,9 Ortaggi trasformati 999, ,6 39,0 7,9 4,5 3,9-0,2 3,9 4,7 Frutta trasformata 578, ,6 27,8 5,5 0,7 10,8 2,2-4,8-1,4 Prodotti lattiero-caseari 4.015, ,8-19,2-1,1 4,6 1,7 4,3-2,8 0,3 Oli e grassi 3.579, ,7-31,0 16,3-4,3 29,2 5,4-10,0-9,2 Panelli e mangimi 2.125,5 882,1-41,3 8,5 15,9 19,4 19,0-9,1-2,6 Altri prodotti dell'industria alimentare 1.826, ,0 26,1 5,4 7,5-12,5 10,1 20,5-2,4 Altri prodotti non alimentari 1.557,3 401,0-59,0 6,6-2,9 0,5 8,1 6,1-10,1 Totale Industria Alimentare , ,4-9,7 4,0 4,2 7,3 6,1-3,1-1,9 Vino 291, ,0 89,5-7,4 1,1 3,9 1,8-10,9-0,8 Mosti 12,8 33,0 44,3 36,6-2,1 56,9-3,4-13,0 1,3 Altri alcolici 885,9 868,6-1,0-6,6-4,6-26,8-11,1 27,6 7,3 Bevande non alcoliche 198,5 709,2 56,3 5,2 12,8 0,3 9,8 4,9 2,8 Totale Bevande 1.388, ,8 66,3-5,0 1,4-11,9 1,0 7,9 0,4 Totale industria alimentare e bevande , ,2 1,5 3,5 3,5 5,5 4,8-1,9-1,2 Altri prodotti agroalimentari (sotto soglia: 1-24) 472,7 270,7-27,2-13,5 1,8 TOTALE AGROALIMENTARE , ,3-8,5 2,9 2,7 11,0 4,6-7,3-1,8 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. 17

19 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI Tabella 2.3 Struttura delle importazioni agroalimentari dell Italia: i primi 20 prodotti Paesi Valori assoluti Quota Quota 2014 variazioni 2014/ Cumulata Valori Quantità Prezzi (milioni di euro) (%) (%) Pesci lavorati 1.859, ,0 4,53 4,53 1,96 10,69-7,89 Panelli, farine e mangimi 1.617, ,6 3,94 8,47 8,64 22,93-11,63 Crostacei e molluschi congelati 1.270, ,7 3,10 11,57 15,34 5,25 9,59 Carni suine semilavorate, fresche o refr , ,5 3,07 14,64 0,84 5,93-4,81 Cuoio e pelli 1.230, ,1 3,00 17,64 7,49 2,07 5,31 Olio di oliva vergine ed extravergine 1.204, ,2 2,93 20,57 17,58 24,62-5,65 Caffè greggio 1.089, ,2 2,65 23,23 2,39 6,94-4,26 Altri prodotti alimentari 1.087, ,8 2,65 25,88 7,05-16,94 28,87 Oli di semi e grassi vegetali 942,8 899,3 2,30 28,17 4,83 19,30-12,12 Carni bovine: semilavorate fresche o refr. 909,5 920,2 2,22 30,39-1,16 6,65-7,33 Frumento tenero e spelta 887,9 869,1 2,16 32,55 2,16 15,27-11,37 Zucchero e altri prod. saccariferi 884, ,4 2,16 34,71-20,33 2,49-22,26 Bovini da allevamento 808,7 854,0 1,97 36,68-5,31-4,32-1,03 Frumento duro 805,1 496,9 1,96 38,64 62,02 58,72 2,08 Mais 797,5 856,0 1,94 40,58-6,84 14,12-18,37 Formaggi semiduri 783,9 822,4 1,91 42,49-4,68-0,86-3,86 Prodotti dolciari a base di cacao 740,2 669,5 1,80 44,30 10,57 4,16 6,16 Semi di soia 572,6 603,5 1,40 45,69-5,13-3,83-1,35 Cagliate e altri formaggi freschi 557,3 539,9 1,36 47,05 3,22 4,74-1,45 Latte liquido sfuso 557,3 648,2 1,36 48,41-14,03-3,32-11,08 TOTALE AGROALIMENTARE , ,1 100,00 97,46 2,93 11,00-7,27 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. terno interessanti. Sono rappresentati principalmente prodotti afferenti alle filiere dei prodotti ittici, delle carni e dei cereali. Insieme, i primi 8 prodotti rappresentano oltre il 25% delle importazioni totali. Ai primi posti, spicca la crescita che ha interessato l aggregato dei crostacei e molluschi congelati, che salgono al terzo posto in graduatoria grazie ad un incremento del 15,3% del valore degli acquisti alimentato tanto dalla componente prezzo che da quella delle quantità. Anche per l olio di oliva vergine ed extravergine le importazioni registrano una crescita del 17,6% rispetto all anno precedente, imputabile all incremento delle quantità acquistate a fronte di una riduzione dei prezzi. Sempre in termini di dinamiche, emerge il +62% registrato dagli acquisti di frumento duro, dovuto quasi interamente all aumento delle quantità. In negativo, invece, emerge la variazione riportata dallo zucchero (-20,3% rispetto al 2013), a causa della riduzione dei prezzi. Sul fronte delle vendite all estero, i prodotti in graduatoria sono meno accentrati in termini di filiere, investendo molti dei prodotti del Made in Italy. Tra i primi 7, che costituiscono quasi il 26% del totale esportato, compaiono infatti la pasta, le conserve di pomodori e pelati, i vini rossi e rosati DOP, i prodotti dolciari a base di cacao, il caffè torrefatto e l olio d oliva vergine ed extravergine. In termini dinamici, non cambiano i primi 4 prodotti in graduatoria rispetto all anno precedente, mentre subentrano agli ultimi posti, gli altri spumanti DOP e gli altri legumi e ortaggi conservati o preparati. Gli spumanti vantano una crescita di oltre il 27% in un anno, completamente a carico della componente quantità. Altrettanto importante è stata la crescita delle vendite di panelli, farine e mangimi (+22,9%), an- 18

20 Tabella 2.4 Struttura delle esportazioni agroalimentari dell Italia: i primi 20 prodotti Prodotti Valori assoluti Quota Quota 2014 variazioni 2014/ Cumulata Valori Quantità Prezzi (milioni di euro) (%) (%) Pasta alim. non all'uovo, né farcita 1.593, ,4 4,60 4,60 2,35 2,86-0,50 Conserve di pomodoro e pelati 1.493, ,6 4,31 8,91 3,61-3,86 7,77 Vini rossi e rosati DOP confezionati (dal 2010) 1.391, ,6 4,02 12,93 1,06-0,88 1,96 Prodotti dolciari a base di cacao 1.345, ,2 3,88 16,82 7,08 3,33 3,63 Caffè torrefatto, non decaffeinizzato 1.071,5 997,8 3,09 19,91 7,39 11,69-3,85 Olio di oliva vergine ed extravergine 1.045, ,5 3,02 22,93 1,43 9,91-7,72 Altri prodotti alimentari 1.026,3 917,3 2,96 25,89 11,88 12,46-0,51 Biscotteria e pasticceria 1.003,1 960,3 2,90 28,79 4,45 4,74-0,27 Grana Padano e Parmigiano Reggiano 770,5 768,8 2,23 31,01 0,23 3,50-3,16 Mele (escl. le secche) 728,8 696,2 2,10 33,12 4,68 27,16-17,68 Altre carni suine preparate 705,2 648,2 2,04 35,15 8,79 12,21-3,05 Vini bianchi IGP confezionati (dal 2010) 654,0 597,5 1,89 37,04 9,46 5,46 3,79 Vini rossi e rosati IGP confezionati (dal 2010) 652,8 650,6 1,89 38,93 0,34-3,61 4,10 Panelli, farine e mangimi 632,9 515,1 1,83 40,76 22,87 23,35-0,39 Uva da tavola 557,0 602,1 1,61 42,36-7,49-12,04 5,18 Riso 535,9 493,4 1,55 43,91 8,60 3,20 5,23 Panetteria 533,7 521,6 1,54 45,45 2,33 4,25-1,84 Estratti di carne, zuppe e salse 515,5 488,1 1,49 46,94 5,61 5,14 0,45 Altri spumanti (DOP) (dal 2010) 504,2 395,1 1,46 48,40 27,60 34,00-4,78 Altri legumi e ortaggi conserv. o prep. 481,8 465,6 1,39 49,79 3,49 1,91 1,54 TOTALE AGROALIMENTARE , ,3 100,00 99,65 2,73 4,60-1,79 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. che in questo caso grazie all incremento delle quantità vendute, mentre con una crescita compresa tra l 8% ed il 10%, si trovano le altre carni suine preparate, i vini bianchi IGP confezionati e il riso. Sulle dinamiche degli ultimi due prodotti hanno influito positivamente sia i prezzi che le quantità, mentre nel caso delle altri carni suine preparate, la diminuzione dei prezzi è stata più che compensata dall aumento delle quantità vendute. 19

21 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2.2 La bilancia agroalimentare per origine e destinazione e per specializzazione commerciale Allo scopo di mettere in evidenza alcuni aspetti strutturali del commercio dell Italia, i dati sul commercio agroalimentare italiano vengono qui di seguito presentati utilizzando due criteri di classificazione merceologica dei beni. In un primo caso, i prodotti sono raggruppati in base alla loro provenienza - dal settore primario (SP) o in una posizione variabile di anno in anno. I prodotti di importazione netta vengono a loro volta suddivisi in otto gruppi, che rappresentano i prodotti per i quali l Italia è tradizionalmente importatrice netta 1 : i seminativi, la zootecnia e i derivati, i prodotti ittici, i prodotti tropicali, ortofrutticoli (non tropicali), prodotti del florovivaismo, la silvicoltura, e Tabella 2.5 Bilancia per Origine e Destinazione: struttura per gruppi di prodotti (peso percentuale) /2009 Import Export SN Import Export SN Export Import SN Prodotti del S.P. per consumo alimentare diretto 10,8 12,7-0,4 10,8 13,2 1,6 10,4 14,2 3,8 Materie prime per l'i.a. 13,0 0,6-92,7 12,7 0,5-93,5 12,3 0,9-88,5 Prodotti del S.P. reimpiegati 4,1 2,2-37,4 4,3 2,3-38,2 4,2 2,3-39,7 Altri prodotti del S.P. per usi non alimentari 3,7 1,7-44,0 4,1 1,9-44,0 4,3 1,9-48,6 Totale prodotti del Settore Primario 31,7 17,2-37,1 31,8 17,8-35,7 31,2 19,4-34,3 Prodotti dell'i.a. per consumo alimentare diretto 41,1 71,1 18,7 40,6 70,3 18,8 41,1 69,0 13,8 Prodotti dell'i.a. reimpiegati nell'i.a. 14,3 6,2-46,3 15,1 6,5-46,3 15,8 6,6-50,7 Prodotti dell'i.a. per il S.P. 3,9 1,8-43,7 3,7 1,5-48,6 3,6 1,0-62,4 Prodotti dell'i.a. per usi non alimentari 7,7 2,2-60,5 7,2 2,4-56,6 5,6 1,8-59,1 Totale prodotti dell'ind. Alim. e Bevande 67,2 82,0 1,5 66,8 81,4 1,5 66,1 78,5-3,4 Altri prodotti agroalimentari (sotto soglia: 1-24) 1,2 0,8-27,2 1,4 0,8-34,5 2,7 2,1-23,6 Totale BILANCIA AGROALIMENTARE 100,0 100,0-8,5 100,0 100,0-8,4 100,0 100,0-11,9 Bilancia Alimentare 87,0 94,1-4,6 87,0 93,7-4,7 86,9 92,6-8,8 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. dall industria alimentare (IA) - e a seconda che essi siano destinati al consumo diretto o all utilizzazione come fattori di produzione (per l agricoltura o per l industria alimentare). La bilancia agroalimentare così ottenuta è composta da nove gruppi di prodotti (tabelle 2.5 e 2.6) e viene denominata bilancia per origine e destinazione. Nel secondo caso, i prodotti sono raggruppati in funzione della specializzazione commerciale dell Italia. Nelle tabelle 2.7 e 2.8 i prodotti sono dapprima raggruppati in tre macro-gruppi in funzione del saldo commerciale (negativo, positivo o variabile) sulla base della posizione dell Italia nel commercio internazionale agroalimentare di tali prodotti: stabile importatore netto, stabile esportatore netto oppure gli altri prodotti. I prodotti di esportazione netta sono distinti al loro interno tra prodotti del Made in Italy 2 a loro volta suddivisi a seconda che siano prodotti agricoli, trasformati o dell industria alimentare - ed altri prodotti. Infine, l ultimo gruppo è quello dei prodotti a saldo variabile. 1 I prodotti di importazione netta sono quelli che presentano saldo sempre negativo o che nell arco di tempo è passato in modo chiaro da positivo a negativo. Per la definizione per codici dei prodotti di importazione si rimanda alla nota metodologica presente sul sito del Rapporto. 2 Per Made in Italy ci si riferisce all insieme dei prodotti agroalimentari a saldo stabilmente positivo e/o che notoriamente richiamano il nostro Paese dal punto di vista dell immagine. Per la definizione per codici del Made in Italy si rimanda alla nota metodologica presente sul sito del Rapporto. 20

22 Tabella 2.6 Bilancia per Origine e Destinazione: al 2014 e variazione % rispetto al Variazioni % 2014 / 2013 (milioni di euro) Valori correnti Componen. quantità Componen. prezzi Import Export Import Export Import Export Import Export Prodotti del S.P. per consumo alimentare diretto 4.450, ,7 3,3-0,8 3,9 5,7-0,5-6,1 Materie prime per l'i.a ,8 201,6 5,8 19,3 11,4 29,6-5,0-7,9 Prodotti del S.P. reimpiegati 1.699,9 773,6-0,8 1,0 29,4-1,5-23,3 2,5 Altri prodotti del S.P. per usi non alimentari 1.505,0 585,4-6,9-6,9 93,1-3,9-51,8-3,1 Totale prodotti del Settore Primario , ,3 2,5-0,6 24,1 3,9-17,4-4,3 Prodotti dell'i.a. per consumo alimentare diretto , ,9 4,0 3,9 6,0 4,4-1,9-0,4 Prodotti dell'i.a. reimpiegati nell'i.a , ,0-2,0-1,9 5,1 4,1-6,7-5,8 Prodotti dell'i.a. per il S.P ,2 632,9 8,6 22,9 22,9 23,3-11,6-0,4 Prodotti dell'i.a. per usi non alimentari 3.146,5 775,4 9,5-2,7-4,8 5,4 14,9-7,7 Totale prodotti dell'ind. Alim. e Bevande , ,2 3,5 3,5 5,5 4,8-1,9-1,2 Altri prodotti agroalimentari (sotto soglia: 1-24) 472,7 270,7-13,5 1,8 0,0 0,0 0,0 0,0 Totale BILANCIA AGROALIMENTARE , ,3 2,9 2,7 11,0 4,6-7,3-1,8 Bilancia Alimentare , ,8 3,0 3,2 7,0 5,0-3,8-1,8 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. La bilancia per origine e destinazione mette in evidenza due aspetti interessanti. Il primo riguarda il peso dei prodotti destinati al consumo alimentare diretto, che in totale si aggira intorno all 84% per le esportazioni e al 52% per le importazioni. All interno della categoria, i prodotti dell industria alimentare rivestono un ruolo determinante con il 71% delle esportazioni e il 41% delle esportazioni del totale della bilancia. Solo per questi prodotti il valore del saldo normalizzato è positivo e si attesta al 18,7% nel 2014, stabile nell ultimo anno. L altro aspetto interessante riguarda la dipendenza dall estero dell Italia per quasi tutti i gruppi di prodotti della bilancia per origine e destinazione a eccezione, come appena detto, dei prodotti dell Industria Alimentare per il consumo alimentare diretto. Questa dipendenza trova la massima espressione nel caso delle materie prime per l Industria alimentare (che presenta un valore del saldo normalizzato pari a -92,7%), ma valori negativi particolarmente accentuati si ritrovano anche nel caso dei prodotti del settore primario e dell industria per usi non alimentari (-44% e -60,5%, rispettivamente). A livello dinamico, nel 2014, dal lato delle esportazioni emerge la performance delle materie prime per l industria alimentare, che crescono del 19,3%, e dei prodotti dell industria alimentare per il settore primario, che incrementano le vendite del 22,9% in un anno. Dal lato delle importazioni, dinamiche positive di rilievo vengono registrate dall industria alimentare per i prodotti destinati al settore primario e per quelli, sempre dell industria, destinati ad usi non alimentari, rispettivamente con l 8,6% ed il 9,5% di aumento degli acquisti. Perdono quasi 7 punti percentuali, rispetto all anno precedente, tanto le importazioni quanto le esportazioni di altri prodotti del settore primario per usi non alimentari. Dalla bilancia per specializzazione commerciale emerge che il peso degli aggregati di importazione ed esportazione netta sul totale rimane praticamente invariato rispetto al L 82,4% delle importazioni agroalimentari italiane è spiegato dagli 8 comparti di importazione netta, tra i quali i prodotti della zootecnia e derivati, il comparto ittico e gli altri ortofrutticoli costituiscono gran parte del valore del flusso. In termini di dipendenza dall estero, i comparti con saldo normalizzato fortemente negativo sono quelli dei seminativi (-87,1%) e dei prodotti tropicali (-84%), che superano di oltre 20 punti percentuali il valore del saldo normalizzato dell intero comparto di importazione netta (-62,4%), il quale, tra 21

23 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI Tabella 2.7 Bilancia agroalimentare per Specializzazione Commerciale (peso percentuale) Import Export SN Import Export SN Export Import SN - Seminativi (COP) 9,2 0,7-87,1 9,0 0,7-88,0 8,5 1,0-83,6 - Zootecnia e derivati 25,4 5,9-67,4 26,4 5,8-68,5 27,0 5,6-72,1 - Comparto ittico 11,0 1,7-77,5 10,7 1,6-77,7 11,1 1,9-75,9 - Prodotti tropicali 5,1 0,5-84,0 5,0 0,5-84,7 5,0 0,8-77,0 - Altri ortofrutticoli di importazione netta 10,8 4,6-46,9 10,4 4,2-49,1 9,5 3,9-51,2 - Prodotti del florovivaismo di importazione netta 0,8 0,4-36,7 0,8 0,5-34,8 1,0 0,6-37,2 - Silvicoltura 1,6 0,4-67,3 1,7 0,4-67,2 2,0 0,3-81,2 - Altri prodotti di importazione netta 18,5 8,4-44,5 18,8 8,6-44,2 17,0 7,6-48,0 COMPARTO DI IMPORTAZIONE NETTA 82,4 22,6-62,4 82,8 22,3-63,0 81,1 21,6-65,3 - Cereali del Made in Italy 0,0 0,0 82,6 0,0 0,0 53,2 0,0 0,0 98,9 - Frutta fresca del Made in Italy 1,3 6,8 62,6 1,4 7,3 62,1 1,4 7,9 62,3 - Ortaggi freschi del Made in Italy 0,7 2,7 51,9 0,8 2,8 51,8 0,8 2,7 46,4 - Prodotti del florovivaismo del Made in Italy 0,3 1,5 56,7 0,3 1,5 58,1 0,3 1,8 62,9 MADE IN ITALY AGRICOLO 2,4 11,0 59,1 2,5 11,6 59,0 2,5 12,4 58,7 - Riso del Made in Italy 0,3 1,5 65,5 0,2 1,5 71,9 0,2 2,1 74,7 - Pomodoro trasformato del Made in Italy 0,4 4,8 83,2 0,3 4,7 85,1 0,4 5,4 80,9 - Ortaggi o frutta prep. o cons. del Made in Italy 1,3 2,8 30,3 1,2 2,7 31,9 1,4 2,7 21,9 - Salumi del Made in Italy 0,7 3,8 66,1 0,6 3,7 66,0 0,7 3,4 57,0 - Formaggi del Made in Italy 0,5 4,5 77,8 0,5 4,5 78,2 0,6 4,0 68,7 - Olio di oliva del Made in Italy 3,3 3,9-0,8 2,9 4,0 8,1 3,1 4,1 1,7 - Altri trasformati del Made in Italy 0,7 2,4 48,9 0,7 2,3 46,5 0,6 2,0 43,8 - Succhi di frutta e sidro del Made in Italy 0,6 1,6 40,8 0,6 1,7 42,3 0,6 1,8 41,8 - Aceto del Made in Italy 0,0 0,7 87,9 0,0 0,7 86,5 0,0 0,6 84,8 - Vino confezionato del Made in Italy 0,1 13,7 97,6 0,1 13,7 97,5 0,2 12,8 96,8 - Vino sfuso del Made in Italy 0,2 1,1 72,7 0,3 1,4 65,1 0,2 1,3 60,0 - Acque minerali 0,0 1,1 96,7 0,0 1,1 96,1 0,0 1,0 96,0 - Essenze del Made in Italy 0,1 0,3 40,1 0,1 0,2 40,3 0,1 0,2 33,8 MADE IN ITALY TRASFORMATO 8,1 42,3 63,1 7,5 42,1 65,1 8,2 41,4 59,6 - Pasta del Made in Italy 0,2 6,4 93,3 0,2 6,4 93,4 0,2 7,4 93,8 - Prodotti da forno del Made in Italy 2,0 4,6 32,2 2,0 4,6 31,4 1,8 4,3 31,1 - Prod. dolciari a base di cacao del Made in Italy 1,8 3,9 29,0 1,7 3,7 30,5 1,6 3,4 26,3 - Altri derivati dei cereali del Made in Italy 0,0 0,4 78,1 0,1 0,4 72,6 0,0 0,3 73,8 - Gelati 0,3 0,6 29,5 0,3 0,6 26,4 0,3 0,8 35,3 - Caffè del Made in Italy 0,4 3,1 74,7 0,3 3,0 77,0 0,2 2,3 76,2 - Acquavite e liquori del Made in Italy 0,4 1,7 52,3 0,4 1,9 57,1 0,5 1,7 43,0 MADE IN ITALY DELL'INDUSTRIA ALIMENTARE 5,2 20,8 54,5 5,0 20,5 55,2 4,7 20,3 54,8 TOTALE MADE IN ITALY 15,6 74,0 60,0 15,1 74,3 61,3 15,4 74,0 58,1 Altri prodotti di ESPORTAZIONE NETTA 0,5 1,9 53,1 0,5 2,0 57,8 0,5 1,9 52,1 PRODOTTI A SALDO VARIABILE 0,2 0,2-4,1 0,2 0,2-7,1 0,1 0,2 11,5 TOTALE AGROALIMENTARE 100,0 100,0-8,5 100,0 100,0-8,4 100,0 100,0-11,9 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. 22

24 Tabella 2.8 Bilancia agroalimentare per Specializzazione Commerciale 2014 Variazioni % 2014 / 2013 (milioni di euro) Valori correnti Componen. quantità Componen. prezzi Import Export Import Export Import Export Import Export - Seminativi (COP) 3.761,3 259,6 5,1 13,9 14,3 14,4-8,0-0,4 - Zootecnia e derivati , ,1-1,0 3,1 2,2 10,9-3,1-7,0 - Comparto ittico 4.522,7 572,0 6,1 7,1 39,4 9,8-23,8-2,4 - Prodotti tropicali 2.104,1 182,5 5,3 10,3 9,4 6,2-3,8 3,8 - Altri ortofrutticoli di importazione netta 4.441, ,1 6,8 13,2 22,8 12,0-13,0 1,0 - Prodotti del florovivaismo di importazione netta 318,4 147,5-0,9-5,2 1,4-14,5-2,3 10,9 - Silvicoltura 653,1 127,5-2,4-2,7 24,5 6,7-21,6-8,8 - Altri prodotti di importazione netta 7.584, ,0 1,3 0,4-1,1 2,2 2,4-1,7 COMPARTO DI IMPORTAZIONE NETTA , ,3 2,4 4,5 10,7 6,7-7,4-2,1 - Cereali del Made in Italy 0,5 5,1-53,8 48,1-43,7 48,2-18,0 0,0 - Frutta fresca del Made in Italy 541, ,5-5,4-3,8 0,3 3,7-5,7-7,3 - Ortaggi freschi del Made in Italy 292,8 924,2-3,1-2,8-2,0 7,8-1,1-9,8 - Prodotti del florovivaismo del Made in Italy 139,6 504,6 3,2-1,0 37,0 2,9-24,7-3,8 MADE IN ITALY AGRICOLO 974, ,4-3,6-3,2 5,3 4,6-8,5-7,4 - Riso del Made in Italy 111,6 535,9 38,4 8,6 40,9 3,2-1,8 5,2 - Pomodoro trasformato del Made in Italy 151, ,6 19,8 4,9 13,7-1,1 5,4 6,1 - Ortaggi o frutta prep. o cons. del Made in Italy 523,3 977,9 9,4 5,6 4,1 1,5 5,1 4,0 - Salumi del Made in Italy 270, ,3 6,2 6,4 12,6 9,4-5,7-2,8 - Formaggi del Made in Italy 193, ,7 5,1 3,2 7,6 1,7-2,4 1,5 - Olio di oliva del Made in Italy 1.365, ,6 20,0 0,5 29,8 9,7-7,6-8,4 - Altri trasformati del Made in Italy 284,9 829,7 0,0 6,2 4,4 4,7-4,2 1,4 - Succhi di frutta e sidro del Made in Italy 228,1 543,1-2,1-5,4 18,3 4,2-17,3-9,2 - Aceto del Made in Italy 15,6 242,3-9,4 2,0-10,0 9,7 0,7-7,1 - Vino confezionato del Made in Italy 58, ,0-0,4 3,0-0,8 1,7 0,5 1,3 - Vino sfuso del Made in Italy 62,3 393,6-38,4-17,8-20,8 4,0-22,2-20,9 - Acque minerali 6,6 395,2-9,8 7,1-11,3 7,8 1,8-0,6 - Essenze del Made in Italy 45,1 105,5 30,2 29,8 10,8 33,3 17,4-2,6 MADE IN ITALY TRASFORMATO 3.315, ,5 10,6 3,0 17,6 3,8-5,9-0,8 - Pasta del Made in Italy 77, ,9 6,2 4,1 32,3 6,4-19,8-2,2 - Prodotti da forno del Made in Italy 824, ,9 2,0 3,8 12,1 4,8-9,0-0,9 - Prodotti dolciari a base di cacao del Made in Italy 740, ,2 10,6 7,1 4,2 3,3 6,2 3,6 - Altri derivati dei cereali del Made in Italy 16,7 135,7-17,2 7,2-12,9 8,6-4,9-1,3 - Gelati 121,4 223,2 0,4 7,6-0,7 6,9 1,1 0,7 - Caffè del Made in Italy 155, ,5 19,7 7,4 14,0 11,7 5,0-3,8 - Acquavite e liquori del Made in Italy 182,2 582,2 5,2-8,2 1,4-17,4 3,7 11,1 MADE IN ITALY DELL'INDUSTRIA ALIMENTARE 2.118, ,6 6,2 4,1 7,9 4,1-1,6 0,0 TOTALE MADE IN ITALY 6.408, ,4 6,7 2,4 12,5 4,0-5,1-1,6 Altri prodotti di ESPORTAZIONE NETTA 201,9 659,1 9,3-4,4 7,1-5,6 2,1 1,3 PRODOTTI A SALDO VARIABILE 77,7 71,6 18,7 25,8 18,7 23,4 0,0 1,9 TOTALE AGROALIMENTARE , ,3 2,9 2,7 11,0 4,6-7,3-1,8 Fonte: elaborazioni CREA su dati ISTAT. 23

25 OMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI l altro, riporta un miglioramento di 0,6 punti percentuali rispetto al A livello di dinamica dei singoli flussi, il gruppo dei comparti di importazione netta registra un aumento sia delle importazioni (+2,4%) che delle esportazioni (+4,5%); al suo interno, emerge il risultato degli altri ortofrutticoli e dei seminativi, per i quali il 2013 porta un miglioramento di qualche punto percentuale del valore del saldo normalizzato. Per i primi, infatti, agli acquisiti che risultano aumentati del 6,8% rispetto all anno precedente si affianca l incremento del 13,2% delle esportazioni. Similmente, per i secondi, si registra una crescita delle importazioni del 5,1% a fronte di quella delle esportazioni pari al 13,9%. Per quanto riguarda l aggregato dei prodotti di esportazione netta, il 74% del totale della bilancia agroalimentare è rappresentato dal Made in Italy. Il saldo normalizzato dei prodotti tipici del nostro paese riporta una leggera flessione rispetto al 2013, pari a 1,3 punti percentuali, e si attesta a +60%. All interno del Made in Italy, i prodotti trasformati rivestono un ruolo determinante, con un peso sulle esportazioni totali del 42,3%, seguiti dalla componente dell industria alimentare, con il 20,8% e dalla componente agricola, con l 11%. I saldi normalizzati sono tutti superiori al 50% e in lieve calo, ad eccezione del saldo del Made in Italy agricolo che è stabile. Scendendo nel dettaglio delle dinamiche dei flussi, il Made in Italy agricolo riporta una flessione sia per quelli in entrata (-3,6%) che per quelli in uscita (-3,2%), mentre la performance di Made in Italy trasformato e dell industria alimentare è positiva per il 2014, con una crescita delle esportazioni rispettivamente del 3% e del 4,1%, di tenore però inferiore rispetto a quella riportata dalle importazioni, per cui giustificano il peggioramento del saldo evidenziato in precedenza. 24

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO 5144-01:07:15/13:05 - milano, (agra press) - nel 2014 per l'agroalimentare le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono

Dettagli

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro)

Tabella 1 - ITALIA - Interscambio commerciale per il totale delle attività economiche 1 (mln di euro) Sommario 1. Interscambio commerciale Italia - Federazione Russa 1 2. Interscambio commerciale agroalimentare Italia - Federazione Russa 3 3. I principali prodotti agroalimentari importati ed esportati

Dettagli

2012 il commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

2012 il commercio con l estero dei prodotti agroalimentari 2012 il commercio con l estero dei prodotti agroalimentari INEA 2013 ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2012 INEA, ROMA 2013 1 Comitato di redazione

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Codici ATECO AGRICOLTURA - SILVICOLTURA - PESCA COLTIVAZIONI AGRICOLE - PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI CACCIA E SERVIZI CONNESSI Tipo D.I.A. 01. 11. 10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01. 11.

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 11/12/2015

Elaborazione flash. Osservatorio MPI Confartigianato Sicilia 11/12/2015 Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato 11/12/2015 SPECIALE NATALE 2015 L'artigianato alimentare ed il made in Italy di prodotti alimentari e bevande in Al III trimestre 2015 il settore dell

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Dies Academicus 2014-2015 in occasione del trentennale della sede di Cremona e della SMEA Lectio L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Prof. SMEA, Alta scuola in economia agro-alimentare

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco

7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco 7. Gli scambi mondiali di prodotti agroalimentari: paesi competitor e mercati di sbocco IN SINTESI Le esportazioni mondiali di prodotti agroalimentari sono piuttosto concentrate con i primi 10 paesi che

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 18 24 giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il 18-24 giugno, rispetto

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

Attività C.1.1. Attività C.1.1

Attività C.1.1. Attività C.1.1 Attività C.1.1 Attività C.1.1 Realizzazione di una indagine sullo stato dell'arte sulla legge e l'attuazione di procedure di qualità in campo economico euro-mediterraneo. Progetto AgroMed Quality Parte

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

Tendenze del commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy. 3. Il Made in Italy

Tendenze del commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy. 3. Il Made in Italy Tendenze del commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy Rapporto presentato al Convegno Il commercio agroalimentare mondiale e ruolo del Made in Italy Expo 2015 - Milano, 26 giugno 2015

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2015 RAPPORTO CREA

COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2015 RAPPORTO CREA COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2015 RAPPORTO CREA Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI 2015 CREA

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005

Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e operatori all esportazione Anni 2000-2005 25 settembre 2006 Il commercio estero dell Italia con la Cina: bilancia commerciale, specializzazione merceologica e all esportazione Anni 2000-2005 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Agroalimentare e Bevande Mosca Settembre 16 AGROALIMENTARE E BEVANDE Il 2013 si qualifica come un anno sostanzialmente positivo per l export agroalimentare italiano:

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione alimentare Sequenza di processo Progettazione,

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

Al Dipartimento di Prevenzione della ASL.. per il tramite del Comune di.. Allegato

Al Dipartimento di Prevenzione della ASL.. per il tramite del Comune di.. Allegato Modulo per la notifica all Autorità competente delle attività in campo alimentare soggette a registrazione ai sensi dell articolo 6 del Regolamento (CE) n. 852/2004 Allegato Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

La spesa domestica per i prodotti alimentari

La spesa domestica per i prodotti alimentari OSSERVATORIO CONSUMI La spesa domestica per i prodotti alimentari Panel Famiglie Periodo terminante: 15 dicembre 2001 Il trend nazionale Gli acquisti domestici nazionali di prodotti alimentari manifestano,

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA Appendice METODOLOGICa APPENDICE METODOLOGICA 1.1 I dati di base utilizzati e la classificazione merceologica Il database impiegato nel Rapporto 2013 non presenta marcate differenze rispetto a quello

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

Il sottoscritto... nato a (prov.. ) il (gg/mm/aa)... residente in.. (prov...) via/piazza.. n... c.a.p... codice fiscale... Tel... Fax e.mail..

Il sottoscritto... nato a (prov.. ) il (gg/mm/aa)... residente in.. (prov...) via/piazza.. n... c.a.p... codice fiscale... Tel... Fax e.mail.. Modulo per la notifica all Autorità competente delle attività in campo alimentare soggette a registrazione ai sensi dell articolo 6 del Regolamento (CE) n. 852/853/854 2004 S.C.I.A. di notifica Igienico

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI

LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI LE IMPORTAZIONI IN ITALIA DI PRODOTTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA PROVENIENTI DA PAESI TERZI Le importazioni di prodotti ottenuti con il metodo di produzione biologico provenienti da Paesi Terzi possono realizzarsi

Dettagli

Le dinamiche del commercio agro-alimentare e il Made in Italy. Renato Pieri Milano, 5 marzo 2015

Le dinamiche del commercio agro-alimentare e il Made in Italy. Renato Pieri Milano, 5 marzo 2015 Le dinamiche del commercio agro-alimentare e il Made in Italy Renato Pieri Milano, 5 marzo 2015 FONTE DEI DATI I dati utilizzati sono di fonte ISTAT nella classificazione: SH6 (a sei cifre) in ambito regionale

Dettagli

ASSALZOO ANNUARIO 2014. Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ANNUARIO

ASSALZOO ANNUARIO 2014. Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ANNUARIO 1 09/06/14 10:34 ANNUARIO 2014 CopertinaAnnuario2014_versione2.pdf ASSALZOO Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici ANNUARIO Via Lovanio, 6 00198 Roma Tel. +39 06.8541641 Fax +39

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 La produzione industriale in Italia cresce del 2,9% ad ottobre 2015. L industria automotive è tra i comparti che registrano la maggiore crescita da inizio anno: +28,5%. Secondo i dati diffusi da ISTAT,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Il contesto internazionale dei prodotti a marchio distintivo Maurizio Esposito MIPAAF Dipartimento Politiche di Sviluppo Le produzioni con marchio

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

L INDAGINE ISMEA 2010 SUI PRODOTTI DOP E IGP: PRODUZIONI, FATTURATO, CONSUMI, EXPORT. Salone del Gusto Lingotto Fiere

L INDAGINE ISMEA 2010 SUI PRODOTTI DOP E IGP: PRODUZIONI, FATTURATO, CONSUMI, EXPORT. Salone del Gusto Lingotto Fiere L INDAGINE ISMEA 2010 SUI PRODOTTI DOP E IGP: PRODUZIONI, FATTURATO, CONSUMI, EXPORT Salone del Gusto Lingotto Fiere 24 ottobre 2010 Introduzione L Ismea, da numerosi anni, attraverso l Osservatorio sui

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA

ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA ANALISI CONGIUNTURALE INTERSCAMBIO ITALIA RUSSIA GIUGNO 2014 CONTENUTI E NOTE METODOLOGICHE Lo studio che segue, curato dall Agenzia ICE di Mosca, e di tipo congiunturale e analizza in dettaglio, per tavole

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1)

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) N. 1 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4%

UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% UNAITALIA: DATI COMPARTO AVICOLO 2013 STABILI PRODUZIONE E CONSUMI COMPLESSIVI, MA È BOOM DEL POLLO, IN 10 ANNI +18,4% Unaitalia - l Associazione che rappresenta la quasi totalità delle aziende del comparto

Dettagli

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1)

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) N. 3 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti domestici

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione alimentare Sequenza di processo Progettazione,

Dettagli

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA

L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA L INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA IN CINA DANIELE ROSSI Direttore Generale 18 marzo 2013 L Industria Alimentare Italiana Stime 2012 FATTURATO 130 MILIARDI. E il 2 settore manufatturiero in Italia: insieme

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale Referenziazioni

Dettagli

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 (Elaborazione Si P-R, aggiornamento 17 ottobre 2012) I dati raccolti dai produttori e dalle aziende di confezionamento e commercializzazione inserite nell'elenco

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

ALLEGATO I SERIE DI DATI

ALLEGATO I SERIE DI DATI ALLEGATO I SERIE DI DATI 1. SETTORE DEI SERVIZI Tabella riepilogativa Codice delle serie 1A 1B 1C 1D 1E 1P Denominazione Statistiche annuali sulle imprese Settore dei servizi Statistiche annuali sulle

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

16.12.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 310/395 B. ALLEGATI AL TRATTATO CHE ADOTTA UNA COSTITUZIONE PER L'EUROPA

16.12.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 310/395 B. ALLEGATI AL TRATTATO CHE ADOTTA UNA COSTITUZIONE PER L'EUROPA 16.12.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 310/395 B. ALLEGATI AL TRATTATO CHE ADOTTA UNA COSTITUZIONE PER L'EUROPA C 310/396 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 16.12.2004 ALLEGATO I

Dettagli

FILIERA ALIMENTARE Aggiornamento dati a Dicembre 2010

FILIERA ALIMENTARE Aggiornamento dati a Dicembre 2010 FILIERA ALIMENTARE Aggiornamento dati a Dicembre 2010 DEFINIZIONE DELLA FILIERA ALIMENTARE I settori della filiera sono i seguenti: DA151-Carni e prodotti a base di carne DA152-Pesci conservati e trasformati

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Il sistema agroalimentare

Il sistema agroalimentare ENAA 2015/2016 Il sistema agroalimentare Obiettivo: conoscere le principali componenti e caratteristiche del sistema agroalimentare italiano. SETTORE PRIMARIO Forme di conduzione e occupazione

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

MERCATO LATTIERO CASEARIO

MERCATO LATTIERO CASEARIO MERCATO LATTIERO CASEARIO Scenario mondiale e nazionale Treviso, 10 giugno 2011 1 LA PRODUZIONE MONDIALE DI LATTE Nel 2010 la produzione mondiale di latte è aumentata, grazie all incremento dell offerta

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli