PROGETTO EDUCATIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO EDUCATIVO 2014-2015"

Transcript

1 PROGETTO EDUCATIVO

2 Un luogo che offre l opportunità di nuovi incontri e relazioni, di nuove possibilità di comunicazione. Un luogo dove le storie individuali si incontrano per dare origine a una storia comune. Il Nido La tana degli orsetti di Rovetta, aggregato alla Scuola dell Infanzia F.Gallicciolli, è un istituto di ispirazione cattolica rivolto alle famiglie presenti sul territorio che accoglie bambini dai 12 ai 36 mesi. Tutta l attività del Nido verte sulla concezione del bambino come competente, capace, socievole, ricco, attivo e curioso. Il ruolo che il bambino viene ad assumere è quello di unico e vero protagonista delle esperienze che può vivere al Nido. Il Nido è un luogo dove ogni bambino può trovare possibilità di gioco e di scoperta; un contesto in cui ogni bimbo è sostenuto nello sviluppo emotivo, cognitivo, sociale e motorio favorendone il raggiungimento dell autonomia. Le attività proposte sono articolate secondo gli interessi e le competenze dei bambini, in tal senso è lasciato molto spazio alla creatività, alla fantasia e all iniziativa dei bambini stessi, che sanno sorprendere l adulto per l originalità con cui partecipano all esperienza. Tali attività, sia libere sia guidate, hanno la forma del gioco, si svolgono con regolarità e mirano a favorire nei bambini lo sviluppo psicomotorio, il linguaggio e le capacità comunicative, l espressione creativa e lo sviluppo delle competenze simbolico-rappresentative.

3 LO SPAZIO Lo spazio del Nido costituisce lo scenario nel quale i bambini agiscono e in quanto tale concorre a potenziare o ad inibire i comportamenti e lo sviluppo globale del bambino. Lo spazio interno deve essere innanzitutto riconoscibile e funzionale e deve comunicare sicurezza e protezione al bambino. Perché ciò sia possibile è indispensabile che all interno del Nido ci siano oggetti (es. oggetto transizionale) che richiamino l ambiente familiare e che diano al bambino la sensazione della presenza di piccoli angoli di intimità. Curare l ambiente è un vero atto d amore verso il bambino: significa renderlo sicuro, libero, capace di orientarsi da sé nel complesso mondo adulto, di sentirsi incoraggiato all incontro con gli altri di propria iniziativa; interessato e attivo non per obbedienza ma per voglia di esplorare in prima persona Gli spazi sono anche il teatro in cui avvengono gli incontri con i compagni e con gli adulti: scambi e conflitti, passioni e rifiuti, addii e pacifiche collaborazioni.. Lo spazio al Nido è organizzato in zone o angoli che offrono al bambino stimoli diversificati in ordine ai suoi diversi bisogni. Durante l anno, per rispondere ai cambiamenti e alle preferenze che i bambini mostrano, le educatrici ripensano e modificano gli spazi per sostenere e incuriosire, motivare e rafforzare il percorso di apprendimento individuale e sociale di ciascuno.

4 NIDO: LUOGO DI RELAZIONI Il Nido è un luogo di relazioni: tra educatore e bambino, bambino e bambini, educatore e genitori e tra gli educatori stessi. Il bambino ha bisogno di figure di riferimento stabili, che ritrova nelle educatrici, per poter evolvere, orientarsi ed esplorare sentendosi protetto e amato. L esperienza relazionale vissuta al Nido con l educatrice lascerà una traccia importante e lo guiderà nelle sue relazioni future. «La qualità della relazione dipende dalle caratteristiche individuali, dagli elementi dinamici, cioè dalle emozioni e dai sentimenti messi in atto nella relazione col bambino. Sono le emozioni, i sentimenti, le disposizioni affettive e di pensiero suscitate da quel bambino a determinare la relazione, quella che sarà per ogni bambino e per ogni educatore una relazione particolare, cioè unica e irripetibile». 1 1 Rosanna Bosi, Pedagogia al Nido, Sentimenti e relazioni, Carocci Editore, Roma, 2002.

5 AL NIDO INCONTRO Le educatrici che mi accolgono e mi sostengono durante tutta la giornata. Le educatrici predispongono per me un ambiente ricco e stimolante affinché io possa trovare risposta alle mie curiosità e al mio bisogno di apprendimento. Per far ciò preparano e curano gli oggetti, ogni giorno come se fosse il primo; controllano che siano sempre adeguati al mio bisogno instancabile e di esplorazione. Elaborano una programmazione educativa che considera la globalità e la completezza di noi bambini privilegiando in ogni caso l attività libera e spontanea: lasciano a noi bimbi il diritto di esprimere i nostri sentimenti. Al tempo stesso rispettano le nostre relazioni spontanee pur ponendo alcuni limiti indispensabili. Le educatrici sono attente a salvaguardare i momenti di routine come particolari momenti di cura e accudimento individuale. Le educatrici informano i miei genitori sulla giornata al Nido e accolgono le informazioni utili che provengono dalla mia famiglia. La direttrice è sempre a disposizione dei miei genitori per eventuali chiarimenti riguardo agli aspetti organizzativi del Nido. La cuoca provvede alla preparazione quotidiana dei miei pranzi e merende, seguendo le normative dell ASL (Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione). I pranzi e le merende sono vari e differenziati in base alle stagioni e all età di noi bambini. Può realizzare diete particolari in caso di necessità e solo su prescrizione medica. L inserviente si occupa della pulizia quotidiana degli ambienti, della cura e dell igiene degli oggetti in modo da garantire il benessere di noi bambini. I miei compagni, con cui gioco e faccio ogni giorno nuove esperienze.

6 I TEMPI DEL NIDO Il Nido è aperto all utenza dal mese di settembre al mese di luglio per cinque giorni settimanali. Il calendario di apertura del servizio è definito annualmente, rispettando le festività previste, e affisso nella bacheca del Nido. Gli orari di frequenza dei bambini possono essere i seguenti: Frequenza part-time: dalle ore 7:45 alle ore 12:30/12:45 Frequenza tempo pieno: dalle ore 7:45 alle ore 18:00 La giornata è organizzata nel seguente modo: 7:45-9:15: accoglienza 9:15-9:45: spuntino con frutta di stagione 9:45-10:45: attività ludico-educative 10:45-11:00: cambi 11: 00-11:15: riordino e preparazione per il pranzo 11:15-12:00: pranzo 12:00-12:30: cambio e igiene personale bimbi 12:30-12:45: uscita bimbi part-time 12:45-.: nanna fino al risveglio di ogni bambino 15:00-16:00: cambi e merende 16:00-18:00: attività ludiche in attesa di mamme e papà 16:00-16:15 / 17:00-18:00: uscita bimbi full-time

7 LA CENTRALITA DEL GIOCO All interno del Nido grande spazio è riservato al gioco. Secondo noi educatrici giocare è, come afferma lo psicologo olandese Karl Gross, «il dovere dei bambini». L attività ludica è un importante fattore evolutivo da incoraggiare nella quotidianità del Nido. Il gioco è un territorio di pertinenza esclusiva dei bambini e noi sosteniamo e guidiamo dall esterno, organizzando l ambiente, procurando e proponendo materiali poveri e di recupero. Diamo importanza soprattutto ai giochi simbolici o di finzione, i quali non sono solo divertenti, ma sviluppano anche abilità utili nella vita, poiché giocando a far finta di essere, di volta in volta, la mamma, la maestra, il papà o il dottore, i bambini si allenano a far parte del mondo degli adulti, acquisendo allo stesso tempo la consapevolezza del proprio ruolo nel contesto sociale.

8 INSERIMENTO Al Nido il bambino vive il passaggio tra il mondo familiare e il mondo esterno: è la sua prima esperienza sociale. Durante questo passaggio il bambino struttura la capacità di creare legami con persone e ambienti nuovi. L inserimento al Nido è quindi il periodo necessario ai bambini, ai genitori e agli educatori per integrarsi nel contesto comunicativo-relazionale che si viene a creare con l ingresso dei bambini al Nido. Favorire l ambientamento del bambino significa guidare la transizione da un sistema di legami ad un altro sistema di legami, che non sostituisce il sistema primario, ma lo integra e lo amplia. L obiettivo del progetto pedagogico è quello di creare una continuità emotiva e relazionale tra famiglia e Nido, capace di favorire nel bambino processi sia di separazione graduale, sia di costruzione della propria identità. Per questo il periodo d inserimento sarà pensato con la famiglia, nel rispetto delle esigenze del bambino e del quadro della programmazione educativa globale del servizio. L ambientamento full-time avviene solitamente sulle prime due settimane di frequenza al Nido, mentre quello part-time sulla prima settimana, graduando progressivamente i tempi di permanenza del bambino senza genitore e costruendo con altrettanta gradualità il rapporto con l educatrice e con il nuovo ambiente.

9 LE ROUTINES Riteniamo importante introdurre ed evidenziare i diversi momenti di routines che vengono vissuti dai nostri bambini al Nido, anch essi momenti fondamentali per lo stare bene al Nido con insegnanti e compagni. Inoltre il vivere bene queste situazioni permette al bambino di acquisire una graduale e sicura autonomia. Tali routines si ripetono quotidianamente, sono sempre uguali o simili e scandiscono in maniera regolare la giornata del bambino, poiché sono i momenti nei quali l educatrice instaura una relazione individualizzata con il bambino e lo aiuta a conquistare la sua identità e autonomia. Autonomia che è intesa non soltanto come saper fare, ma come piacere di fare, e per raggiungere ciò è fondamentale rispettare i tempi del bambino. «Dare tempo al bambino significa offrirgli opportunità per sperimentare gesti dei quali non è ancora capace e per acquisire nuove competenze. La costruzione dell autonomia è possibile attraverso il riconoscimento di un tempo giusto che consenta al bambino di fare da solo. Dare tempo, si dice, perché tutti i tempi individuali trovino spazio». «Quello che interessa veramente, l obiettivo educativo che si deve dare il gruppo delle educatrici non è solo che il bambino arrivi al controllo sfinterico o a mangiare, camminare, a vestirsi o svestirsi da solo, ma è soprattutto che arrivi a farlo provando piacere, che senta il piacere e la soddisfazione di prendersi cura di sé e dei propri bisogni dandosi il tempo di conoscere il proprio corpo e di crescere in sintonia con i propri tempi» 2 Ogni momento richiede una conoscenza dello spazio circostante in cui ogni situazione avviene e degli spazi in cui sono collocati gli oggetti personali di ogni bambino. 2 N. Terzi (a cura di), Prospettive di qualità al nido. Il ruolo del coordinatore educativo, Edizioni Junior, Bergamo 2006.

10 Importanti sono la relazione e la socializzazione tra i bambini che gradualmente verranno osservate e sollecitate. Questi momenti sono: lo spuntino del mattino: è il primo momento conviviale che i bambini vivono, in quanto sono ormai tutti arrivati al Nido e il sedersi a tavola insieme per un brevissimo tempo quale quello dello spuntino permette loro di stare con tutti i compagni presenti e di vivere un momento tranquillo di ristoro in preparazione dell attività o dello stimolo che per quella giornata le educatrici hanno preparato loro. il gioco delle presenze: viene fatto in un momento di tranquillità, di solito quando tutti i bambini sono già presenti al Nido. L educatrice mostra la foto di un bambino al gruppo e chiede chi è il bimbo nella foto; il gruppo risponde con il nome e, a quel punto, l interessato si alza e attacca la foto su un cartellone preposto con il velcro in modo da fermare la foto. Vengono fatte vedere anche le foto dei compagni non presenti, in modo da ricordarli come amici del Nido. Se è possibile viene data anche la spiegazione del perché il bimbo non c è. Obiettivi del gioco: 1. permettere al bambino di sentirsi riconosciuto come individuo facente parte di un gruppo; di riconoscersi nella foto come sé stesso; sapere di avere un posto nello spazio Nido/cartellone proprio;

11 2. permettere al gruppo di riconoscere gli amici, di riconoscere la differenza tra l essere presente e non, sapere perché l amico non c è dà un senso di continuità anche se il bambino non è presente (è a casa però torna, è malato ma guarirà presto, ); 3. poter scegliere la posizione della foto e vicino a chi metterla permette al bambino di prendere le prime decisioni. il momento del pranzo e della merenda: è un momento conviviale in cui si invitano i bambini a rimanere seduti insieme e a condividere con i compagni tempi e spazi, dicendo una piccola preghiera/canzoncina tutti insieme e aspettando il proprio turno in attesa che tutti finiscano di mangiare. Durante il momento del pranzo i bambini sono stimolati all acquisizione di nuove capacità, quali l utilizzo del cucchiaio, della forchetta e del bicchiere. il momento del cambio o del bagno: è un momento individuale di cura e di attenzione verso il bambino che vive la particolare relazione con l educatrice e ha modo di conoscere, utilizzando lo specchio, il proprio corpo. il momento della nanna: è un momento molto delicato che il bambino, per la prima volta, condivide con altri.

12 Ogni bambino riceve le attenzioni e coccole di cui ha bisogno ed è accompagnato ad addormentarsi restando nel proprio lettino. il momento del riordino: è un importante momento di collaborazione e di attenzione verso i compagni, l educatrice e verso l ambiente che circonda i bambini che imparano ad aiutare e a farsi aiutare.

13 SPAZIO DI COLLABORAZIONE E INCONTRO NIDO-FAMIGLIA La collaborazione dei genitori è una risorsa fondamentale, essi sono importanti interlocutori nei confronti del Nido e non semplici fruitori di un servizio. L utente dei servizi non è tanto o solo il bambino, ma è la famiglia con il bambino. Nel Nido, infatti, gli adulti si possono confrontare tra loro e i genitori possono essere sostenuti nella propria funzione educativa dalle educatrici alle quali si possono rivolgere per esprimere i propri dubbi, trovare un supporto emotivo per riconoscere e contenere le proprie ansie e per confrontarsi, poiché le educatrici possono dare un esempio di esperienza positiva nella crescita e nell accudimento del bambino. Risulta quindi fondamentale creare all interno del Nido i tempi e gli spazi per costruire con le famiglie rapporti autentici, basati sull accettazione, sulla valorizzazione e sulla fiducia e non sul giudizio o la valutazione, solo l ascolto e l osservazione potranno permettere l intrecciarsi di due competenze, quella genitoriale e quella professionale. I momenti e le modalità di scambio di informazioni e di comunicazioni tra la famiglia e il Nido sono molteplici e quotidiani; contesti pensati e progettati nei minimi particolari per permettere occasioni di confronto, come colloqui o assemblee, laboratori o feste, ma anche un ottima e minuziosa progettazione per l accoglienza del mattino e il ricongiungimento della sera, momenti focali d incontro quotidiano. La comunicazione quotidiana avviene sia al momento dell accoglienza al mattino sia al momento del ricongiungimento: i genitori sono informati

14 dell andamento della giornata del bambino al Nido e le educatrici accolgono informazioni utili sul bimbo da parte del familiare. Le comunicazioni con la direttrice avvengono al momento dell iscrizione per ricevere informazioni sia burocratiche-organizzative sia di presentazione del Nido, per visitare gli spazi e in qualsiasi momento dell anno per qualsiasi esigenza e problema. La direttrice si impegna affinché le famiglie ricevano informazioni chiare e puntuali su rette, aspetti organizzativi del Nido: calendario,orari, iniziative La bacheca dove i genitori possono trovare avvisi, iniziative relative al territorio,ecc e documentazione scritta consegnata dalle educatrici direttamente ai genitori con richieste e proposte di vario genere. La lavagna aggiornata quotidianamente in riferimento all attività giornaliera proposta ai bambini e la cornice fotografica nella quale scorrono le immagini dei bambini nei vari momenti della giornata vissuta al Nido. Incontri Nido-famiglia: sono previsti incontri annuali per verificare l inserimento dei bambini al Nido, presentare il progetto educativo, la programmazione educativa annuale e verificare e documentare al termine dell anno l attività svolta. Colloqui individuali previsti al momento dell inserimento e una volta a fine anno. Le educatrici sono in ogni momento disponibili ad eventuali colloqui richiesti dalla famiglia.

15 Feste e momenti di incontro informale: sono organizzate dal Nido con la collaborazione delle famiglie in occasione di festività o in chiusura dell anno educativo. Progetto G come genitori e gioco : laboratorio creativo con i genitori per condividere con la famiglia un progetto comune sul e con il bambino. Abbiamo quindi pensato di proporre ai genitori un percorso nuovo, alternativo, di collaborazione costruttiva, per favorire la conoscenza e per condividere un obiettivo comune: realizzare libri, materiale strutturato e strumenti musicali per arricchire il Nido di materiale ludico e addobbare gli ambienti nelle varie ricorrenze. Obiettivi Il progetto vuole favorire il raggiungimento dei seguenti obiettivi: - Condividere la partecipazione dei genitori alla vita del nido. - Veicolare relazioni positive tra adulti: genitori/genitori e educatrici/genitori. - Sensibilizzare i genitori verso la riscoperta degli oggetti e dei materiali per creare situazioni di gioco. - Riscoprire la creatività e la manualità. - Collaborare per realizzare un progetto comune. - Utilizzare materiale povero, naturale e di recupero per attività di costruzione. - Creare materiale ludico polisensoriale per i bambini.

16 RAPPORTI NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA Il Nido e la Scuola dell Infanzia condivideranno alcuni momenti di festa (S.Natale, carnevale, ) e di svago che consentano la collaborazione. Obiettivo del gruppo Nido sarà sostenere la continuità educativa tra Nido e Scuola dell Infanzia per facilitare l inserimento del bambino nel nuovo ambiente scolastico e la conoscenza delle nuove insegnanti. A tale proposito verrà effettuato un progetto indirizzato ad ambientare il bambino che frequenterà la scuola dell Infanzia attraverso giochi e attività di condivisione con specifico progetto di continuità riportato qui di seguito.

17 PROGETTO CONTINUITA NIDO LA TANA DEGLI ORSETTI - SCUOLA DELL INFANZIA FRANCESCO GALLICCIOLLI Premessa La promozione della qualità della vita del bambino e di un adeguato soddisfacimento della domanda di educazione, richiede come fondamentale condizione una costruttiva cooperazione dei diversi luoghi dell educare. Il passaggio di un ordine di scuola all altro costituisce un momento estremamente importante e delicato per il bambino, per tutte le implicazioni di natura psico-fisica, culturale e socio-relazionale che esso comporta. La continuità educativa rappresenta la condizione indispensabile per garantire che tale passaggio assuma notevole rilevanza pedagogica ponendosi all interno di un percorso formativo che rispetti le potenzialità di sviluppo di ciascuno e recuperi la precedente esperienza scolastica del bambino, non azzerando le competenze da lui già acquisite. Per tanto il nostro Nido prevede momenti di interazione con le insegnanti della Scuola dell infanzia per predisporre occasioni d incontro e comuni modalità di relazione e d osservazione del comportamento. Finalità del progetto Favorire un inserimento sereno del bambino nella nuova struttura scolastica. Obiettivi Organizzare iniziative d accoglienza promovendo incontri e scambi tra Nido e Scuola dell Infanzia. Progettare attività da realizzare con i bambini.

18 Fasi operative PRIMO INCONTRO Tutti i bambini dell ultimo anno del Nido saliranno alla Scuola dell Infanzia dove saranno accolti nel salone da un gruppo di bambini piccoli, alcuni dei quali, sono vecchi compagni di gioco. Insieme intoneranno dei canti comuni, verranno attuati dei semplici giochi e ad ogni piccolo verrà consegnato un bavaglino bianco che pittureranno insieme alle educatrici. Questo regalo potrà essere utilizzato nel momento del pranzo e riportato l anno successivo alla Scuola dell Infanzia come corredo personale ( oggetto transizionale). Verrà consegnato ad ognuno il proprio contrassegno con cui inizieranno a prendere confidenza e a riconoscere i propri spazi personali ( casella cambio, ). SECONDO INCONTRO Un piccolo gruppo di bambini della Scuola dell Infanzia ( max.6 ) si recherà presso il Nido e svolgerà insieme ai piccoli un attività ludico-creativa precedentemente organizzata dalle educatrici e dalle insegnanti. TERZO INCONTRO I bambini del Nido andranno nella Scuola dell infanzia e insieme ai loro amici grandi visiteranno lo spazio della sezione, gli angoli predisposti e il materiale al suo interno utilizzandoli liberamente. Inoltre avranno modo di conoscere la loro futura insegnante.

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano)

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) Cervignano del Friuli PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) 1 PRESENTAZIONE CHI SIAMO Il Nido è un Servizio Comunale, gestito da personale della Cooperativa ITACA, in

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

LA SALA DELLE FARFALLE

LA SALA DELLE FARFALLE GIOCHI D INTIMITA CON LA CREMA Obiettivi: Favorire il rilassamento. Promuovere e consolidare la percezione dello schema corporeo. Incentivare la relazione di fiducia tra adulto e bambino. Stimolare la

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO

SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO SCUOLA DELL'INFANZIA SAN FRANCESCO La scuola dell'infanzia San Francesco nasce a Piombino all'inizio degli anni sessanta nell'area della Chiesa dell'immacolata su richiesta della società ILVA che intendeva

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission

CARTA DEI SERVIZI. La risposta al bisogno è una realtà educativa. chi siamo. mission CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO IL RITROVO Lecco - Pescarenico Via Corti, 20 Tel. / Fax 0341 363601 0341 373216 e-mail - ass.ritrovo@tiscalinet.it Soc. coop. sociale Il Ritrovo Onlus www.nidoilritrovo.it

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO

ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO ASILO NIDO MINIMONDO LIBRETTO ILLUSTRATIVO 1 Il nostro nido Minimondo.un luogo che offre la possibilità di instaurare rapporti significativi, relazioni vere, partecipazione e confronto, accoglienza ed

Dettagli

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Comune di Brescia Settore Pubblica Istruzione Servizio scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2012/2013 PROGETTO EDUCATIVO Profilo

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

ACCOGLIENZA DI GENITORI BAMBINI RASSICURARE CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI

ACCOGLIENZA DI GENITORI BAMBINI RASSICURARE CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI ACCOGLIENZA DI BAMBINI GENITORI RASSICURARE CONOSCENZA DEGLI SPAZI CONOSCENZA DEI COMPAGNI CONOSCENZA DELLE INSEGNANTI INTRODUZIONE: L ambientamento e l accoglienza sono un punto privilegiato di incontro

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

Il nido infanzia si presenta

Il nido infanzia si presenta Il nido infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Via Nigoline, 16 25030 ADRO (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA.

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. LA SCUOLA DELL INFANZIA Il nostro sistema scolastico è riuscito attraverso una felice convergenza

Dettagli

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la

LA TANA DEI PICCOLI. Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la LA TANA DEI PICCOLI Il nido d'infanzia la Tana dei Piccoli nasce nel 2007. La particolarità della sezione, che condivide la struttura con la scuola dell'infazia S. Francesco, il confortevole e il nuovo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 Esplorare..dire, fare, abbracciare.. Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2014-2015 proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato Esplorare dire, fare,

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico:

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico: Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) (Estratto del Piano dell Offerta Formativa) Progetto didattico: FAVOLANDO UNA BOTTEGA FANTASTICA Anno scolastico 2015 2016 Settembre 2015 1 PREMESSA

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana

ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana ASILO NIDO COMUNALE Villafranca in Lunigiana Perchè sceglierci? Perchè il nostro Asilo Nido fornisce un servizio assistenziale ed educativo che, in collaborazione con le famiglie, sa fornire uno spazio

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

ASILO NIDO LA FILASTROCCA

ASILO NIDO LA FILASTROCCA ASILO NIDO LA FILASTROCCA Programmazione educativa 2012-2013 INDICE Finalità educative generali dell asilo e percorso educativo anno 2012/2013 Pag. 3 Organizzazione dell asilo Pag. 4-5 Organizzazione degli

Dettagli

Piano dell offerta formativa

Piano dell offerta formativa Piano dell offerta formativa Linee di indirizzo pedagogico delle scuole comunali dell infanzia Quale scuola La scuola dell infanzia costituisce il primo fondamentale livello del sistema scolastico nazionale,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 IL NIDO DI CASA REBECCA VIA MAIOLO, 5 10044 PIANEZZA (TO) LA CARTA DEL SERVIZIO ORARI Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 Pre-Nido 7,30-8,30 Tempo Pieno 8,30/9,30-16,15/16,30 Mattino corto 8,30-12,30/13,00

Dettagli

Scuola dell Infanzia Parrocchiale San Domenico Via C.P. Taverna n.6 20050 Canonica di Triuggio Tel.0362.997127 P.I. 00985860964

Scuola dell Infanzia Parrocchiale San Domenico Via C.P. Taverna n.6 20050 Canonica di Triuggio Tel.0362.997127 P.I. 00985860964 Pagina 1 di 7 PREMESSA E FINALITA La sezione primavera nasce, all interno della scuola dell Infanzia nel settembre 2007 come sperimentazione messa in atto dal Ministro Fioroni e continua fino ad oggi.

Dettagli

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI Progetto pedagogico educativo - organizzativo Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI spazi: La conformazione particolare del centro bambini/e, strutturato come open space,

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA Istituto Figlie di Gesù Scuola dell Infanzia Paritaria San Luigi SEZIONE PRIMAVERA Via Alle Grazie,8-54100 Massa Tel. Fax 0585-451367 IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA 1) AMBITO CULTURALE E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

Istituto Comprensivo "Alfredo Sassi" Scuola dell Infanzia

Istituto Comprensivo Alfredo Sassi Scuola dell Infanzia Istituto Comprensivo "Alfredo Sassi" Renate Veduggio - Briosco Scuola dell Infanzia Anno scolastico 2014/15 RACCONTO LA MIA SCUOLA PRESENTAZIONE La scuola dell infanzia dell Istituto Comprensivo di Renate

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Programmazione Nido Monti 2014-2015

Programmazione Nido Monti 2014-2015 Programmazione Nido Monti 2014-2015 OBIETTIVI GENERALI L obiettivo generale è ambientare il bambino nel contesto educativo e relazionale dell Asilo Nido rispettando e valorizzando l individualità del bambino

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera

SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE. Finalità e percorsi formativi della Sezione Primavera SEZIONE PRIMAVERA ENTE GESTORE l Ente Giuridico CASA MARIA AUSILIATRICE delle Salesiane di Don Bosco, con sede in Varese, Piazza Libertà, 9, in persona del Legale Rappresentante pro tempore Vilma Maria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 Sezione lattanti Curiosando Titolo: Benvenuti al nido Descrizione: Il periodo dell'inserimento servirà a far conoscere ai bambini L'universo nido con tutto

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-2014 ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA AL NIDO, CON EVIDENZIATI I TRAGUARDI DI SVILUPPO RELATIVI AD OGNI ATTIVITA REALIZZATA ALL INTERNO DEL NIDO TEMPI ATTIVITA SPAZI

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere i bambini Essere nella mente, nello sguardo e nel cuore dell'educatore è la condizione attraverso la quale il bambino può sentirsi accolto e dalla

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Via Guido Reni 17/1 - Padova Tel. 049 611333 - Fax 049 611923

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015

PROGETTO EDUCATIVO. Anno scolastico 2014/2015 NIDO D'INFANZIA ILARIA ALPI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ DEL SERVIZIO Il servizio di Nido ha come finalità prioritaria l accoglienza e la cura dei bambini in uno spazio riccamente

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARIFICATA SAN GEMINIANO COGNENTO

SCUOLA DELL INFANZIA PARIFICATA SAN GEMINIANO COGNENTO SCUOLA DELL INFANZIA PARIFICATA SAN GEMINIANO COGNENTO COLORO CHE FANNO DISTINZIONE FRA INTRATTENIMENTO ED EDUCAZIONE FORSE NON SANNO CHE L EDUCAZIONE DEVE ESSERE DIVERTENTE E IL DIVERTIMENTO DEVE ESSERE

Dettagli

SCUOLA INFANIZA 2014-20152015

SCUOLA INFANIZA 2014-20152015 Istituto Comprensivo Statale Caprino veronese SCUOLA INFANIZA VIA SANDRO PERTINI, 22 37013 CAPRINO VERONESE - Tel. 045/7241026 Fax 045/6230723 E-mail: vric86300e@istruzione.it WWW.ICSCAPRINOVERONESE.IT

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTI PREVISTI L elaborazione del curricolo vuole rispondere alla complessità della realtà in cui i bambini si trovano a vivere. Nell arco dell anno si alternano progetti trasversali a progetti laboratoriali,

Dettagli

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA La scuola dell infanzia per bambini dai 3 ai 6 anni di età non è obbligatoria, ma è di fondamentale importanza per la promozione di competenze essenziali, quali:

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO

PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO PROGETTO ACCOGLIENZA: TUTTI A SCUOLA CON GUIZZINO Analisi della situazione iniziale Una scuola che ha la cultura dell accoglienza è una scuola nella quale si sta bene, dove si creano legami forti di fiducia,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO

SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO SCUOLA DELL INFANZIA DI ALSENO PROGETTO ACCOGLIENZA MOTIVAZIONE L Ingresso alla Scuola dell Infanzia costituisce l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino il più delle volte alla sua prima esperienza

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone PROGETTO EDUCATIVO INTRODUZIONE La creazione di questo opuscolo, nasce dall esigenza di offrire informazioni a chi desidera sapere un po di più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

Il mio nido non è un parcheggio

Il mio nido non è un parcheggio SAPER CRESCERE Associazione Asili Nido e Scuole dell Infanzia Privati Sede: Corso Venezia, 47/49-20121 Milano Segreteria: Via Lombroso, 54-20137 Milano tel. 02 5511642 - fax 02 5468983 - assonidi@unione.milano.it

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 Inserimento nel nuovo ambiente scolastico e riadattamento. Presentazione Scuola Infanzia Iniziativa

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA NIDO DON LUCIANO SARTI Segreteria: Via Palestro 38 40024 Castel San Pietro Terme 051 944590 donlucianosarti@libero.it Sede: Via Palestro 32 40024 Castel San Pietro Terme 051

Dettagli

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina Sez. A COCCINELLE Giovanna Cristina SEZ. B BRUCHI Silvana Sabrina SEZ. C FARFALLE Giusy Rosanna Le collaboratrici Gisella & Maria PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Nel percorso di quest anno si affronterà

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Ufficio delle scuole comunali LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Informazioni per i genitori Bellinzona, settembre 2004 1 [Le denominazioni

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-14

Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-14 Estratto Progetto Educativo-Didattico 2013-14 Sezioni semi-divezzi (12-24 mesi) e divezzi (24-36 mesi) Gruppi: violini, maracas, trombette, chitarre Far musica è sentire, ascoltare, pensare, scoprire,

Dettagli

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346

SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 SPAZIO GIOCO DI VIA CURIEL INDIRIZZO: VIA CURIEL, 2 TELEFONO: 040 814346 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Servizio integrativo spazio gioco Lo spazio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Scuola Statale dell Infanzia Bruno Munari 2015-2016 Via di Pontaldo, 2 PRATO tel. 0574 635112 E mail info@donmilani.prato.it Sito web:www.donmilani.prato.gov.it Dirigente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Fermi stanno gli alberi sulle loro radici ma le foglie volano... SERVIZI PRIMA INFANZIA

CARTA DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Fermi stanno gli alberi sulle loro radici ma le foglie volano... SERVIZI PRIMA INFANZIA SERVIZI PRIMA INFANZIA Approvato con deliberazione della Giunta Municipale n. 10 del 22.01.2014 Fermi stanno gli alberi sulle loro radici ma le foglie volano... CARTA DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti CHE COS E LA CARTA SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento attraverso il quale si forniscono alle

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero. I L A B S I o dei B I M PRESENTA L ASILO NIDO Le Coccole LA CARTA DEI SERVIZI Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.it DITE: E faticoso frequentare i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO

CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO CARTA DEI SERVIZI del CENTRO RICREATIVO ESTIVO PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Servizio estivo diurno ricreativo e socializzante in collaborazione con l Associazione ANFFS onlus Crema che si realizza nei mesi

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA. Mini-guida dedicata ai genitori per. scoprire come funziona la scuola. dell infanzia

SCUOLE DELL INFANZIA. Mini-guida dedicata ai genitori per. scoprire come funziona la scuola. dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERDELLINO SCUOLE DELL INFANZIA Mini-guida dedicata ai genitori per scoprire come funziona la scuola dell infanzia VADO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA! La scuola dell infanzia si propone

Dettagli