Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde e realtà omologhe all estero: progetti di gemellaggio e cooperazione sanitaria internazionale LA GIUNTA REGIONALE Visti: la legge 26 febbraio 1987, n. 49: «Nuova Disciplina della Cooperazione dell'italia con i Paesi in Via di Sviluppo» che regola la Cooperazione Italiana con i Paesi in Via di Sviluppo confermata come parte qualificante della politica estera; Il d.p.r. n. 177 del 12 aprile 1988 «Approvazione del Regolamento di esecuzione della Legge 26 febbraio 1987, n.49, sulla Disciplina della Cooperazione dell'italia con i Paesi in Via di Sviluppo»; l art. 32, comma 15 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 ; «Misure per la Stabilizzazione della Finanza Pubblica» che autorizza le Regioni, nell ambito della quota del Fondo Sanitario Nazionale ad esse destinata, d intesa con il Ministero della Salute, le Unità Sanitarie Locali e le Aziende Ospedaliere ad erogare prestazioni che rientrino in programmi assistenziali, approvati dalle Regioni stesse, per alta specializzazione a favore di: a) cittadini provenienti da Paesi extracomunitari nei quali non esistono o non sono facilmente accessibili competenze medico - specialistiche per il trattamento di specifiche gravi patologie e non sono in vigore accordi di reciprocità relativi all assistenza sanitaria; b) cittadini di Paesi la cui particolare situazione contingente non rende attuabili, per ragioni politiche, militari o di altra natura, gli accordi eventualmente esistenti con il Servizio Sanitario Nazionale per l assistenza sanitaria; Il decreto legislativo 25 luglio 1998, n.286 «Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero», il relativo Regolamento di attuazione, d.p.r.31 agosto 1999, n.394, e la circolare applicativa del Ministero della Sanità del 24 marzo 2000, n.5, che dettano, in particolare, disposizioni sull assistenza sanitaria ai cittadini stranieri soggiornanti sul territorio nazionale, e identificano, tra le categorie di stranieri che entrano in Italia per motivi di cura: gli stranieri che chiedono il visto d ingresso per motivo di cure mediche; gli stranieri che vengono trasferiti in Italia per cure nell ambito di interventi umanitari; gli stranieri che vengono trasferiti in Italia per cure nell ambito di programmi di intervento umanitario delle Regioni; la dichiarazione di Parigi (2005) e la campagna delle Nazioni Unite per gli Obiettivi del Millennio ( ), firmata nel settembre del 2000, da tutti i 191 Stati membri dell ONU che si sono impegnati a raggiungere per l anno 2015 i seguenti i obiettivi: 1)sradicare la povertà estrema e la fame; 2) garantire l educazione primaria universale; 3) promuovere la parità dei sessi e l autonomia delle donne; 4) ridurre la mortalità infantile; 5) migliorare la salute materna; 6) combattere l HIV/AIDS, la malaria ed altre malattie; 7) garantire la sostenibilità ambientale; 8) sviluppare un partenariato mondiale per lo sviluppo; il Regolamento (CE) n.1905/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 che istituisce uno strumento per il finanziamento della cooperazione allo sviluppo, ispirato agli obiettivi di sviluppo del millennio (OsM), che persegue un approccio differenziato in funzione dei contesti e delle esigenze, in modo da offrire ai Paesi o alle Regioni partner programmi di cooperazione specifici, concepiti su misura e basati sulle loro necessità, strategie, priorità e punti di forza; il Regolamento (CE) n.1934/2006 del Consiglio, del 21 dicembre 2006, che istituisce uno strumento finanziario per la cooperazione con Paesi e territori industrializzati e con altri ad alto reddito; il libro bianco della CE del 23 ottobre 2007: «Un impegno comune per la salute: Approccio strategico dell UE per il periodo », che ribadisce il principio «che la salute è fonda-

2 mentale per la vita delle persone e va sostenuta mediante politiche e interventi efficaci negli Stati membri, a livello della CE e su scala mondiale»; le «Linee Programmatiche per il triennio » e quelle adottate dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (del Ministero degli Affari Esteri), che forniscono un più preciso quadro di riferimento in materia di attività di cooperazione e, in particolare: considerano di rilievo internazionale la «Cooperazione Decentrata» realizzata dalle Regioni nell ambito di relazioni di partenariato territoriale dei Paesi con i quali si coopera, con azioni finalizzate a stabilire e consolidare lo sviluppo reciproco equo e sostenibile, anche avvalendosi della partecipazione attiva degli attori pubblici e privati nei rispettivi territori, per promuovere il partenariato internazionale nella ricerca scientifica e nella formazione tra istituzioni e attori omologhi o portatori di saperi diversi; il Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n.460, «Riordino della disciplina tributaria degli Enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale»; Vista la Legge Regionale 5 giugno 1989, n.20: «La Lombardia per la Pace e la Cooperazione allo Sviluppo» e successive modifiche ed integrazioni, che riconosce la Pace come diritto fondamentale degli uomini e dei popoli, da realizzarsi nel perseguimento degli obiettivi di solidarietà, cooperazione internazionale e piena realizzazione dei diritti dell uomo, indirizza e sostiene gli interventi, secondo un approccio sussidiario, che coinvolge il sistema istituzionale, economico e sociale nella definizione degli stessi e tiene conto delle esigenze e sollecitazioni condivise con i Paesi partner e con coloro che partecipano all attuazione dei singoli progetti; Considerato che tra le linee di attività disciplinate dalla lr 20/89 rientra anche il sostegno a progetti internazionali in ambito sanitario, in particolare per promuovere e realizzare programmi di gemellaggio sanitario tra Aziende Ospedaliere Lombarde e strutture sanitarie straniere al fine di: sviluppare e rendere le strutture sanitarie estere operativamente autonome, anche attraverso la formazione del personale; contribuire all assistenza sanitaria a favore di cittadini stranieri extracomunitari, soprattutto bambini e adolescenti; Richiamata la Legge Regionale 30 dicembre 2009, n.33 :»Testo Unico delle Leggi Regionali in materia di Sanità», ed in particolare l art.3, che definisce il Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR), quale strumento di programmazione unico e integrato; Viste: la deliberazione del Consiglio Regionale 28 settembre 2010, n.56 concernente «Programma Regionale di Sviluppo della IX legislatura» e in particolare l area sanitaria e sociale; la deliberazione del Consiglio Regionale 17 novembre 2010, n.88 avente ad oggetto l approvazione del Piano Socio-Sanitario Regionale ; d.g.r. n. IX/937 dell 1 dicembre 2010 recante " Determinazioni in ordine alla Gestione del Servizio Socio-Sanitario Regionale per l esercizio 2011» ed in particolare l allegato n.4 nella parte in cui tratta dell internazionalizzazione del Servizio Sanitario Lombardo e nello specifico dei Gemellaggi fra strutture ospedaliere e dell Assistenza Sanitaria a favore di cittadini stranieri; Considerato, in particolare, che il Programma Regionale di Sviluppo della IX Legislatura, individua, come priorità di interesse, l intensificazione delle relazioni internazionali della Regione, in particolare nell area della Sanità e riconosce che lo strumento del gemellaggio attuato tra aziende sanitarie, ha dimostrato, nella scorsa legislatura, una notevole potenzialità nel settore della Cooperazione allo Sviluppo e va, in questo quadro, ulteriormente implementato; Ritenuto, tra le diverse attività di cooperazione sanitaria internazionale, di implementarne alcune, già attuate in forma sperimentale, attraverso la concessione di contributi pubblici allo scopo di favorirne lo sviluppo, quali: lo scambio di esperienze attraverso la formazione professionale in materia sanitaria sia in loco sia negli Ospedali Lombardi; il potenziamento dei servizi degli Ospedali Locali e il supporto alla loro riorganizzazione gestionale attraverso la forma dei gemellaggi tra strutture ospedaliere;

3 i programmi umanitari che prevedono il ricovero di cittadini stranieri, prevalentemente in età pediatrica, che non possono essere trattati nel loro Paese a causa della mancanza o della carenza di cure adeguate; la promozione dell e-health, l avvio del teleconsulto, telemedicina, telediagnosi; Ritenuto con il presente provvedimento di approvare i criteri e le indicazioni procedurali per la realizzazione di specifici progetti finanziati attraverso l erogazione di contributi a fondo perduto, le cui specifiche sono contenute nell allegato «A», parte integrante e sostanziale del presente atto: «Criteri applicativi, indicazioni e procedure per la promozione di iniziative di cooperazione, sviluppo e confronto tra strutture sanitarie lombarde e realtà omologhe all estero: progetti di gemellaggio e cooperazione sanitaria internazionale»; Rilevato che, per il raggiungimento di tali obiettivi, risulta necessario modificare e integrare le disposizioni contenute: nella d.g.r. n. VII/15843 del 30 dicembre 2003 e nelle successive modifiche ed integrazioni, in particolare per definire l accesso e l apertura a soggetti accreditati al SSR, per la realizzazione di progetti non esclusivamente di cooperazione in Paesi in via di sviluppo, ma anche per prevedere il coinvolgimento di Paesi con i quali si intendono promuovere progetti di gemellaggio tra «Pari», al fine di favorire l evoluzione di accordi di cooperazione e partenariato internazionale anche in altre tematiche sanitarie; nella d.g.r. n. VII/19952 del 23 dicembre 2004 «Programma di Collaborazione e Sviluppo Internazionale in Ambito Sanitario per l anno 2005 ai sensi della l.r.20/89», in particolare il punto 5 che indica i criteri di accesso al fondo per gli interventi sanitari a favore dei cittadini stranieri, in particolare di minori; Ritenuto di demandare al Direttore Generale della D.G.Sanità l approvazione dei bandi, secondo i criteri di cui all allegato A, parte integrante e sostanziale del presente atto, con l indicazione delle modalità e tempistica per la presentazione delle domande, nonché l esecuzione degli adempimenti conseguenti all adozione del presente provvedimento; Ritenuto opportuno, nel rispetto della normativa vigente, che la D.G.Sanità possa sostenere interventi specifici e mirati, attraverso l individuazione diretta delle strutture sanitarie adeguate, per particolari interventi sanitari umanitari e specifiche tipologie di cura, o con l approvazione di progettualità specifiche a seguito di sottoscrizione di accordi, protocolli e intese istituzionali, anche con altri Paesi o Regioni o propedeutiche agli stessi, riservando a tali iniziative una dotazione ad hoc di risorse; Atteso che tra le iniziative attivate a favore della cooperazione internazionale rientrano la messa a disposizione rapida di équipes mediche, di farmaci e di attrezzature sanitarie, nonché l accoglimento di pazienti in casi particolari di emergenza in ambito sanitario e che, per la copertura delle spese sanitarie in situazioni di emergenza, potranno essere stanziate, ove necessario, risorse riservate con successivi e provvedimenti; Considerato, in particolare, con il presente provvedimento, di definire le modalità di partecipazione a tipologie specifiche di misure di cofinanziamento, differenziate per le seguenti iniziative: Misura A: gemellaggi tra strutture ospedaliere e sanitarie lombarde e analoghe strutture presenti nei Paesi in via di sviluppo e a economia in fase di transizione; Misura B: gemellaggi tra strutture ospedaliere e sanitarie lombarde e analoghe strutture avanzate; Misura C: interventi sanitari umanitari a favore di cittadini extracomunitari; Misura D: interventi diretti; Considerato che i progetti presentati a valere sulle misure A, B e C saranno oggetto, oltre che di un istruttoria di ammissibilità formale, di una valutazione tecnico-scientifica affidata a specifici gruppi di approfondimento di valutazione, istituiti con il presente provvedimento, la cui costituzione é demandata al Direttore Generale della D.G.Sanità; Vista la l.r.34/78 e successive modifiche ed integrazioni, nonché il regolamento di contabilità e la Legge Regionale di approvazione del Bilancio di previsione dell anno in corso; Ritenuto di stanziare, per l attuazione delle iniziative sopraindicate, un ammontare complessivo pari a Euro 4,0 milioni nel biennio , che trova copertura al capitolo del Bilancio regionale, di cui Euro 1,5 milioni nell esercizio 2011, dotato della necessaria disponibilità,

4 e Euro 2,5 milioni nell esercizio 2012, previa approvazione dello stesso, così suddiviso nelle singole misure: Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura A: gemellaggi tra strutture ospedaliere e sanitarie lombarde e analoghe strutture presenti nei Paesi in via di sviluppo e a economia in fase di transizione; Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura B: gemellaggi tra strutture ospedaliere e sanitarie lombarde e analoghe strutture avanzate; Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura C: interventi sanitari umanitari a favore di cittadini extracomunitari; Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura D: interventi diretti; Considerato che per alcuni casi di gemellaggio in Paesi in via di sviluppo, già autorizzati con precedenti provvedimenti e non ancora conclusi, risulta presentata la domanda di integrazione finanziaria e/o di proroga della durata del gemellaggio in atto, per l adeguamento e sviluppo del progetto di cooperazione con la struttura sanitaria del Paese estero; Ritenuto opportuno, delegare il dirigente competente della D.G.Sanità ad autorizzare, per le iniziative di gemellaggio precedentemente approvate fino al 2010 compreso e non ancora concluse, la concessione di ulteriori contributi in conto capitale e/o una prosecuzione dei tempi di conclusione, necessari al completamento o all adeguamento dei progetti, previa presentazione di formale e motivata istanza dei soggetti interessati, che sarà valutata dalla D.G.Sanità sulla base della rilevanza ai fini dell effettivo raggiungimento dei risultati oggetto del gemellaggio e dell importanza di questi ultimi, ovvero ai fini di eventuali e ulteriori conseguimenti collegati al progetto iniziale, e che dovrà essere inoltrata entro il 28 ottobre 2011, facendo salve le domande di integrazione e/o prosecuzione già agli atti alla data del presente provvedimento; Ritenuto di stanziare la somma di Euro ,00 per il cofinanziamento regionale a favore delle iniziative indicate al punto precedente, che trova copertura al capitolo del Bilancio Regionale anno 2011, dotato della necessaria disponibilità; Stabilito di trasmettere, per opportuna informazione e per quanto di loro competenza, il presente provvedimento ai Ministeri interessati, ai sensi delle leggi 449/97 e 49/87, e della l.r.20/87 e loro successive modifiche ed integrazioni; Vagliate e assunte come proprie le suddette motivazioni; A voti unanimi espressi nelle forme di legge; DELIBERA 1. Di approvare l allegato «A» parte integrante e sostanziale del presente atto: «Criteri applicativi, indicazioni e procedure per la promozione di iniziative di cooperazione, sviluppo e confronto tra strutture sanitarie lombarde e realtà omologhe all estero: progetti di gemellaggio e cooperazione sanitaria internazionale«; 2. Di modificare e integrare le disposizioni contenute: nella d.g.r. n. VII/15843 del 30 dicembre 2003 e nelle successive modifiche ed integrazioni, in particolare per definire l accesso e l apertura a soggetti accreditati al SSR, per la realizzazione di progetti non esclusivamente di cooperazione in Paesi in via di sviluppo, ma anche per prevedere il coinvolgimento di Paesi con i quali si intendono promuovere progetti di gemellaggio tra «Pari», al fine di favorire l evoluzione di accordi di cooperazione e partenariato internazionale anche in altre tematiche sanitarie; nella d.g.r. n. VII/19952 del 23 dicembre 2004 «Programma di collaborazione e sviluppo internazionale in ambito sanitario per l anno 2005 ai sensi della l.r.20/89», in particolare il punto 5 che indica i criteri di accesso al fondo per gli interventi sanitari a favore dei cittadini stranieri, in particolare di minori; 3. Di stanziare, per l attuazione delle iniziative di cui al punto 1, un ammontare complessivo pari a Euro 4,0 milioni nel biennio , che trova copertura al capitolo del Bilancio regionale, di cui Euro 1,5 milioni nell esercizio 2011, dotato della necessaria disponibilità, e Euro 2,5 milioni nell esercizio 2012, previa approvazione dello stesso, così suddiviso nelle singole misure:

5 Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura A: gemellaggi tra strutture ospedaliere e sanitarie lombarde e analoghe strutture presenti nei Paesi in via di sviluppo e a economia in fase di transizione; Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura B: gemellaggi tra strutture ospedaliere e sanitarie lombarde e analoghe strutture avanzate; Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura C: interventi sanitari umanitari a favore di cittadini extracomunitari; Euro ,00 anno 2011, Euro ,00 anno 2012, Misura D: interventi diretti; 4. Di demandare al Direttore Generale della D.G.Sanità l approvazione dei bandi, secondo i criteri di cui all allegato A, parte integrante e sostanziale del presente atto, con l indicazione delle modalità e tempistica per la presentazione delle domande relative ai progetti di gemellaggio e cooperazione sanitaria internazionale, nonché l esecuzione degli adempimenti conseguenti all adozione del presente provvedimento, tra cui la costituzione di specifici gruppi di approfondimento di valutazione, istituiti con il presente provvedimento, cui affidare la valutazione tecnico-scientifica dei progetti presentati a valere sulle misure A, B e C; 5. Di dare atto che la D.G.Sanità potrà procedere direttamente, con successivi e propri atti, al sostegno di interventi specifici e mirati, attraverso l individuazione delle strutture sanitarie adeguate, per particolari interventi sanitari umanitari e particolari tipologie di cura o per l approvazione di progettualità specifiche a seguito di sottoscrizione di accordi, protocolli e intese istituzionali, anche con altri Paesi o Regioni, o propedeutiche agli stessi; 6. Di delegare il dirigente competente della D.G.Sanità ad autorizzare, per le iniziative di gemellaggio precedentemente approvate fino al 2010 compreso e non ancora concluse, la concessione di ulteriori contributi in conto capitale e/o una prosecuzione dei tempi di conclusione, necessari al completamento o all adeguamento dei progetti, previa presentazione di formale e motivata istanza dei soggetti interessati, che sarà valutata dalla D.G.Sanità sulla base della rilevanza ai fini dell effettivo raggiungimento dei risultati oggetto del gemellaggio e dell importanza di questi ultimi, ovvero ai fini di eventuali e ulteriori conseguimenti collegati al progetto iniziale, e che dovrà essere inoltrata entro il 28 ottobre 2011, facendo salve le domande di integrazione e/o prosecuzione già agli atti alla data del presente provvedimento; 7. Di stanziare la somma di Euro ,00 per il cofinanziamento regionale a favore delle iniziative indicate al punto precedente, che trova copertura al capitolo del Bilancio Regionale anno 2011, dotato della necessaria disponibilità; 8. Di trasmettere, per opportuna informazione e per quanto di loro competenza, il presente provvedimento ai Ministeri interessati, ai sensi delle leggi 449/97 e 49/87, e della l.r.20/87 e loro successive modifiche ed integrazioni; 9. Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia e sul sito internet della Regione Lombardia. Il segretario: Marco Pilloni

DELIBERAZIONE N IX / 2061 Seduta del 28/07/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2061 Seduta del 28/07/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2061 Seduta del 28/07/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 Identificativo Atto n. 202 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto APPROVAZIONE DEL BANDO A FAVORE DI PROGETTI PER IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Segreteria Regionale per la Sanità Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 11345 01/12/2014 Identificativo Atto n. 1172 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE PROGETTO SPERIMENTALE DI MASTER RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL D.LGS.

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015

DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015 DECRETO N. 2164 Del 19/03/2015 Identificativo Atto n. 217 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE, AI SENSI DELLA D.G.R. N. X/3143 DEL 18 FEBBRAIO 2015, DELL AVVISO PER

Dettagli

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014 128 Bollettino Ufficiale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.u.o. 26 febbraio 2014 - n. 1541 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Servizi Sociali Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio Conte Marialuisa

Dettagli

DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE

DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE DGR 399 DD. 20.2.2004 LA GIUNTA REGIONALE VISTA la legge regionale 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni ed in particolare l articolo 6, comma 1 della stessa; VISTA la legge 8

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 104 13/01/2014 Identificativo Atto n. 9 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI

Dettagli

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 Identificativo Atto n. 761 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto FPV - APPROVAZIONE PROGETTO DI RICERCA RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA 1329 22/02/2012 Identificativo Atto n. 36 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA APPROVAZIONE DELL AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2012/2013, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ;

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ; REGIONE PIEMONTE BU32 13/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 35-1688 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa annuale tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico regionale

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 7596 07/08/2013 Identificativo Atto n. 643 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELL'AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI RIVOLTI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI LAVORATORI COLPITI

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 172/2009 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 23 del mese di Febbraio dell' anno 2009 si è riunita nella residenza di via Aldo Moro, 52 BOLOGNA la Giunta regionale con l'intervento

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 aprile 2011, n. 789

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 aprile 2011, n. 789 14812 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 77 del 18-05-2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 aprile 2011, n. 789 Accordi/Intese Stato-Regioni in materia sanitaria. Anno 2010. Recepimento.

Dettagli

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Alla Famiglia e Solidarietà Sociale e alla Sanità Gian Carlo Abelli ESTENSIONE SPERIMENTALE DELL EROGAZIONE DEL PRESTITO SULL ONORE ALL EVENTO COSTI PER L EDUCAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti;

l Accordo in sede di Conferenza unificata del 2 marzo 2000 per la riorganizzazione e il potenziamento dell educazione degli adulti; REGIONE PIEMONTE BU13 28/03/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 4 marzo 2013, n. 17-5463 Presa d'atto a ratifica del Protocollo d'intesa sottoscritto tra il Ministero dell'istruzione, Universita'

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 7753 12/08/2014 Identificativo Atto n. 791 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE PROGETTO SPERIMENTALE DI MASTER RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL D.LGS.

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

5516 25/06/2014 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 537

5516 25/06/2014 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 537 5516 25/06/2014 Identificativo Atto n. 537 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DEGLI AVVISI PER LA FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DEI PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI DI ISTRUZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 Identificativo Atto n. 1188 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto PROSECUZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLE PER L ANNO SCOLASTICO. IMPEGNO E CONTESTUALE

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU proposta del Presidente della Regione Lazio; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

LA GIUNTA REGIONALE. SU proposta del Presidente della Regione Lazio; VISTO lo Statuto della Regione Lazio; OGGETTO: Assegnazione di fondi regionali alle Aziende Sanitarie, Ospedaliere e agli IRCCS pubblici destinati alla copertura finanziaria di interventi per la manutenzione straordinaria degli spazi funzionali,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

Deliberazione giunta regionale n.

Deliberazione giunta regionale n. Deliberazione giunta regionale n. del 619 13/11/2012 A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria Settore: 3 - Interventi a Favore di Fasce Sociosanitarie Particolarmente Deboli Oggetto: Attivazione un sistema di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO (ASSUNTO IL 24/02/2014 PROT. N. 101 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 1912 del 26 febbraio 2014

Dettagli

PARTE III PROGRAMMA DI SPESA E.F. 2007 RELATIVO A SPESE CONDOMINIALI, ONERI ACCESSORI, ONERI DI PARTECIPAZIONE A CONSORZI E COMUNIONI

PARTE III PROGRAMMA DI SPESA E.F. 2007 RELATIVO A SPESE CONDOMINIALI, ONERI ACCESSORI, ONERI DI PARTECIPAZIONE A CONSORZI E COMUNIONI 28-3-2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - PARTE SECONDA - N. 42 7 UPB 1.2.1.1.620 Spese generali di funzionamento Cap. 04350 Manutenzione ordinaria sul patrimonio disponibile e indisponibile

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 Identificativo Atto n. 589 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE Oggetto POR FESR 2007-2013. PROROGA DEL TERMINE PER LA CHIUSURA DELLO SPORTELLO

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Giovanni Rossoni PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Olivia Postorino Roberto Albonetti 2 VISTO il regolamento

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 05-4-2016

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 05-4-2016 17430 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 marzo 2016, n.325 L.r. n. 19/2006 e s.m.i., art. 17 co. 1 lett. e) fbis). L.r. n. 4/2010 art. 47 e art. 49 co.1. L.R. n. 31/2015 art. 3. Indirizzi operativi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002

DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 DELIBERAZIONE N. VII/9491 DEL 21 GIUGNO 2002 alla Sanità Carlo Borsani Definizione dei rapporti contrattuali di cui alla dgr n. 47508/99 in applicazione degli indici programmatori espressi dal PSSR 2002/2004.

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI 758 05/02/2014 Identificativo Atto n. 26 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA - INIZIATIVE

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI ALESSANDRO COLUCCI DOMENICO ZAMBETTI

ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI ALESSANDRO COLUCCI DOMENICO ZAMBETTI IX / ROBERTO FORMIGONI ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO MACCARI LUCIANO BRESCIANI STEFANO MAULLU MASSIMO BUSCEMI MARCELLO RAIMONDI

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Oggetto: Approvazione del protocollo di intenti da sottoscrivere con il sig. Luca Persiani in caso di aggiudicazione del finanziamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4688 Seduta del 16/01/2013

DELIBERAZIONE N IX / 4688 Seduta del 16/01/2013 DELIBERAZIONE N IX / 4688 Seduta del 16/01/2013 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA GIOVANNI BOZZETTI ROMANO COLOZZI GIUSEPPE ANTONIO RENATO

Dettagli

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Interventi regionali a favore degli immigrati extra-comunitari residenti in Piemonte pubblicata su B.U.R. Piemonte n. 46 del 15 novembre 1989 Art. 1 (Finalità)

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

(su proposta della Presidente Marini) LA GIUNTA REGIONALE

(su proposta della Presidente Marini) LA GIUNTA REGIONALE 1890 Sezione II ATTI DELLA REGIONE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 giugno 2011, n. 631. Progetto di cooperazione internazionale rivolto a minori extracomunitari - Approvazione schema di protocollo

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PO FSE E

Dettagli

il Tar. Piemonte sez. II con sentenza n. 201/2012 del 9.2.2012 ha respinto il predetto ricorso dichiarandolo inammissibile;

il Tar. Piemonte sez. II con sentenza n. 201/2012 del 9.2.2012 ha respinto il predetto ricorso dichiarandolo inammissibile; REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Codice DB1901 D.D. 13 luglio 2012, n. 144 D.G.R. n. 21-807 del 15.10.2010 e s.m.i. "Protocollo per il miglioramento del percorso assistenziale per la donna che richiede

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 622

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 622 14236 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 55 del 21 04 2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 marzo 2015, n. 622 Approvazione Linee guida per lo svolgimento degli esami di Qualifica in esito

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 23-02-2009 (punto N. 24 ) Delibera N.121 del 23-02-2009

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 23-02-2009 (punto N. 24 ) Delibera N.121 del 23-02-2009 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 23-02-2009 (punto N. 24 ) Delibera N.121 del 23-02-2009 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE POLITICHE FORMATIVE, BENI

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 febbraio 2008, n. 244

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 febbraio 2008, n. 244 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 6-3-2008 5781 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 febbraio 2008, n. 244 Art. 25, comma

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

implementano i processi di realizzazione del welfare

implementano i processi di realizzazione del welfare 17749 23 - Dirigente pro tempore Regione Puglia - Servizio Sport per Tutti - Maria Grazia Donno o suo delegato Segretario non componente - Funzionario del Servizio Sport per Tutti - Mario Quaranta 4) di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 9 dicembre 2015, n. 2213

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 9 dicembre 2015, n. 2213 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 9 dicembre 2015, n. 2213 Progetto Sostegno all attività sportiva delle persone disabili DIEF Ripartizione 2014 2015. Schema di Convenzione tra Regione Puglia e Federazioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2194 Seduta del 25/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è 1 2 L Assessore al Welfare e alle Politiche della Salute, sulla base dell istruttoria espletata dall Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi, come confermata dal dirigente del Servizio Accreditamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI [da integrare a cura PdC] Vista la legge 6 marzo 2001, n. 64, recante istituzione del servizio civile nazionale,

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016 Piano Territoriale dei Servizi di Assistenza Educativa Scolastica a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME 152 NOTA DI LETTURA La Parte Seconda della V Relazione al Parlamento si compone principalmente delle informazioni

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 4163 19/05/2014 Identificativo Atto n. 426 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PROROGA DEI TERMINI DELL AVVISO PUBBLICO, APPROVATO CON IL DECRETO 2139/2014, PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/10 Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto CONVENZIONE TRA L Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (C.F.

Dettagli

DECRETO DELL AMMINISTRATORE UNICO. n. 80 del 09/12/2013

DECRETO DELL AMMINISTRATORE UNICO. n. 80 del 09/12/2013 AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELL UMBRIA DECRETO DELL AMMINISTRATORE UNICO n. 80 del 09/12/2013 Oggetto: A.Di.S.U. dell'umbria - Direzione Regionale dell'agenzia delle Entrate. Approvazione

Dettagli

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO

Comune di Torino Divisione Servizi Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie BANDO Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali Direzione Sanità Settore Assistenza Sanitaria Territoriale Direzione Politiche Sociali e Politiche per la Famiglia A.O. Ospedale

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Martedì 17 febbraio 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Martedì 17 febbraio 2015 Bollettino Ufficiale 7 Serie Ordinaria n. 8 - Martedì 17 febbraio D.d.u.o. 11 febbraio - n. 935 Bilancio finanziario gestionale -. Variazioni ai sensi della l.r. 19/12 - art. 1, comma 5, lettera a) 2 provvedimento

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3848 Seduta del 25/07/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 12-6831 Approvazione progetto "Sportello delle fragilita'" e approvazione convenzione 2013-2015 tra la Regione Piemonte

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 124 del 25/02/2015 Proposta: DAL/2015/128 del 24/02/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381 19273 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 21 giugno 2011, n. 1381 Modello di accreditamento della formazione continua della Regione Puglia L Assessore alle Politiche della Salute, Prof. Tommaso Fiore,

Dettagli

Forniture per l informatica, la comunicazione la automazione d ufficio 170.000,00 TOTALE attrezzature e lavori

Forniture per l informatica, la comunicazione la automazione d ufficio 170.000,00 TOTALE attrezzature e lavori 35739 Forniture per l informatica, la comunicazione e la automazione d ufficio 170.000,00 TOTALE attrezzature e lavori edili 4.987.364,37 Oneri di sicurezza non soggetti a ribasso 12.417,18 Spese generali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005

DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005 DELIBERAZIONE N. VIII/1257 DEL 30.11.2005 Oggetto: FINANZIAMENTO DI STUDI CLINICI A DIRETTO GOVERNO REGIONALE. APPROVAZIONE DEL BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI DESTINATI A PROGETTI DI RICERCA

Dettagli