Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese"

Transcript

1 Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Introduzione La conservazione, lo studio e la valorizzazione della biodiversità nella Provincia di Verona non sono un attività svolta per interesse di tipo generale o per una questione di moda, ma è parte integrante del territorio, della sua vocazionalità viticola, delle sue tradizioni e della sua storia. Gli ettari coltivati a vigneto a Verona sono circa , la produzione d uva si aggira intorno alle tonnellate annue che sono trasformate in 2,8 milioni di ettolitri di vino. In questo modo Verona rappresenta il 35% della produzione Veneta e da sola vale oltre il 5% della produzione nazionale Le aziende coinvolte sono dislocate in ben 94 comuni (il 40% delle aziende agricole della provincia). Sul territorio provinciale sono presenti inoltre ben 500 cantine di trasformazione e 12 Cantine Sociali. Un aspetto rilevante della produzione viticola veronese è che il 46,8%, ovvero più di 1,3 milioni di ettolitri di vino è DOC o DOCG (pari al 60% del vino di origine regionale). La presenza sul territorio di 10 DOC e 3 DOCG comprovano la qualità delle produzioni vitivinicole veronesi che si avvalgono di varietà di vite locali tanto che oltre il 70% delle superfici vitate sono costituite da vitigni autoctoni. Stato delle conoscenze Con la globalizzazione del mercato e la conseguente tendenza alla standardizzazione dei gusti, si è assistito a livello mondiale a una diminuzione del numero di vitigni coltivati in favore di pochi che trovano un ampia diffusione grazie alla loro facile adattabilità alle diverse condizioni pedo-climatiche. L Italia non è rimasta immune da questo fenomeno con una notevole erosione del suo ricco patrimonio viticolo, soprattutto per quella parte di vitigni autoctoni considerati minori, sostituiti nei nuovi impianti da quelli internazionali. Questa tendenza d omologazione dei gusti e delle produzioni, ha trovato una contrapposizione nella ricerca, di una parte di consumatori, di sapori diversi legati al territorio, alla sua coltura e alla sua tradizione. La viticoltura veronese presenta storicamente un forte legame con il territorio testimoniato dal fatto di aver chiamato i propri vini non con il nome del vitigno ma con quello della zona di produzione (Valpolicella, Soave, Bardolino, Custoza, Valdadige, ecc) e 1

2 si basa sull utilizzo prevalente di vitigni autoctoni e di tecniche particolari di antica origine, quali l appassimento delle uve o il ripasso. La Provincia di Verona, attraverso il Centro per la sperimentazione in vitivinicoltura, opera da trent anni a favore del comparto vitivinicolo veronese con una serie di attività che hanno come obiettivo la tutela e il miglioramento qualitativo delle produzioni viticole ed enologiche. Tra queste, particolare importanza riveste la conservazione della biodiversità varietale e intra-varietale dei vitigni autoctoni veronesi che sono alla base della piattaforma ampelografica provinciale. Tale attività comprende la caratterizzazione delle varietà, il reperimento dei biotipi, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio genetico, la selezione clonale e la diffusione sul territorio dei risultati e del materiale ottenuto. L attività di caratterizzazione, svolta in collaborazione con l Istituto sperimentale di viticoltura di Conegliano e l Ispettorato agrario di Verona, ha permesso già alla fine degli anni ottanta di identificare e caratterizzare sia le principali varietà veronesi sia i vitigni minori. Questo lavoro ha permesso di identificare numerosi vitigni diversi tra loro, che nel corso degli anni sono stati valutati per definirne le caratteristiche qualitative viticole ed enologiche, poi descritti e conservati in campi catalogo. Le tecniche utilizzate per la caratterizzazione sono passate dai tradizionali e iniziali metodi ampelografici basati sul rilievo di parametri morfologici, a quelli ampelometrici basati su misurazioni della foglia, ai metodi isoenzimatici in grado di identificare specifici enzimi della vite, agli attuali metodi molecolari che consentono di tracciare un preciso profilo delle varietà. 2

3 Tra i diversi metodi molecolari utilizzabili ci si è avvalsi dell uso dei microsatelliti che hanno permesso di identificare e tracciare un profilo filogenetico di una buona parte dei vitigni autoctoni veronesi. Una volta terminato il lavoro d identificazione è fondamentale costituire una banca Caratterizzazione genetica attraverso l utilizzo di microsatelliti delle varietà veronesi (2002) genetica del germoplasma che raccolga la maggior parte della variabilità genetica di ogni singola varietà, al fine di poter conservare questo patrimonio che altrimenti con il diffondersi d impianti clonali, andrebbe irrimediabilmente perduto. Il lavoro di ricerca delle varie accessioni per ogni singola varietà svolto nel corso degli anni ha portato dapprima alla costituzione di un campo di collezione e di conservazione presso l azienda del Centro a San Floriano, poi per garantirne la conservazione anche da patologie gravi che possono colpire determinate aree vitate, sono stati dislocati in diversi ambienti presso strutture dell Istituto sperimentale di viticoltura (Spresiano, TV) e di Veneto agricoltura (Coregnano, RO). 3

4 L attività di selezione clonale ha interessato le varietà più diffuse Garganega, Corvina, Rondinella, Molinara, Rossignola e più recentemente il Corvinone. I biotipi raccolti risultati rispondenti alle esigenze viticole, enologiche e sanitarie, sono stati omologati e iscritti al catalogo nazionale. Sono ben 22 cloni (5 di Garganega, 5 di Corvina, 3 di Rondinella, 3 di Molinara, 3 di Rossignola, 3 di Corvinone ), contrassegnati da un numero di selezione e dalla dicitura ISV-CV, dove l acronimo ISV-CV indica le iniziali dei costitutori: l Istituto sperimentale per la viticoltura di Conegliano e il Comitato vitivinicolo veronese. Attualmente si stima che il 70 % dei nuovi impianti delle varietà oggetto di selezione siano costituiti con i cloni ottenuti da quest attività. Il lavoro di selezione clonale è un attività in continua evoluzione poiché mutano gli obiettivi della ricerca e talvolta anche i criteri di valutazione dettate dalle esigenze del momento storico in cui si opera. L attività di reperimento catalogazione e conservazione della biodiversità in un determinato bacino viticolo, seppur richieda notevoli risorse sia tecniche sia finanziarie, diventa un elemento strategico per il futuro della vitivinicoltura di quel territorio. Soggetti coinvolti nel progetto Il soggetto promotore del progetto è la Provincia di Verona attraverso il Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura e l attività è svolta in collaborazione con: l Associazione Florovivaisti Veronesi Sezione viticola e la Regione Veneto attraverso il Servizio Fitosanitario. Il progetto iniziato nel 2003 ha una durata decennale. Obiettivo Il progetto prevede di costituire un campo per la selezione clonale presso l azienda della Provincia sita a Bovolino (Buttapietra) dell estensione di 4 ettari, di cui 2 destinate alla moltiplicazione di materiale vivaistico sano (gemmario) e il restante per la coltivazione dei biotipi delle diverse varietà locali reperiti nelle annate precedenti da vecchi vigneti non clonali. L obiettivo finale è quello di costituire nuovi cloni delle varietà locali idonei alle moderne esigenze del mondo vitivinicolo. Attualmente si ricercano accessioni con elevato contenuto zuccherino, con ridotte dimensioni del grappolo e dell acino, con maggior fertilità basale delle gemme, con facile 4

5 distacco dell acino a maturazione, e con elevati contenuti in polifenoli e antociani per le uve a bacca rossa. Risultati raggiunti Il lavoro di ricerca di biotipi corrispondenti alle esigenze delle moderna viticoltura ed enologia ha portato all individuazione di 277 accessioni provenienti da diversi vecchi vigneti coltivati in provincia di Verona. L analisi sanitaria effettuata sulle marze prelevate durante l inverno con il Test Elisa ha permesso di selezionare il 25% di biotipi risultati sani a tutte le virosi e il 34% affetti solamente da Fleck (virosi di cui la normativa recente non richiede più l esenzione). Per una maggiore accuratezza si è voluto testare il materiale vegetale attraverso una tecnica più sofisticata che essendo più sensibile rispetta al classico test Elisa consente una maggiore certezza sullo stato sanitario delle piante (PCR). Questo ha consentito di ottenere ad oggi 69 biotipi sicuramente sani. Quelli risultati affetti dal solo Fleck sono stati conservati in diversi campi collezione ma non posti in quello del Bovolino, dove sono stati messi a dimora solamente quelli risultati completamente virus esenti, come materiale di riserva per una successiva valutazione. Si è provveduto alla loro moltiplicazione e innesto su due portainnesti diversi in parcelle di 25 piante. Dal 2009 inizieranno i rilievi secondo i protocolli previsti dalla normativa vigente al fine di valutare nei prossimi tre anni i biotipi attualmente presenti, attraverso i rilievi vegetativi, produttivi, e attraverso le micro vinificazioni gli aspetti analitici e sensoriali dei vini. 5

Cinquant anni di ricerca

Cinquant anni di ricerca SERVIZIO AGRICOLTURA Cinquant anni di ricerca ISTITUTO SPERIMENTALE DI FRUTTICOLTURA La creazione dell'istituto sperimentale di frutticoltura fu decisa dalla Amministrazione Provinciale di Verona con Deliberazione

Dettagli

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

Giovanni Nigro Responsabile della Filiera Vitivinicola ed Olivo-Oleicola. E-mail: gnigro@crpv.it

Giovanni Nigro Responsabile della Filiera Vitivinicola ed Olivo-Oleicola. E-mail: gnigro@crpv.it Giovanni Nigro Responsabile della Filiera Vitivinicola ed Olivo-Oleicola E-mail: gnigro@crpv.it Progetto vitigni minori Valutazione di vecchie varietà di vite locali in funzione della diversificazione

Dettagli

- Contatti 36. - Presentazione 4. - Attività svolta 8

- Contatti 36. - Presentazione 4. - Attività svolta 8 - Presentazione 4 - Attività svolta 8 - Schede Cloni Vitis Vinifera Catarratto bianco comune CS1 12 Carricante CR7 14 Damaschino DF1 16 Frappato FC26 18 Frappato FC32 20 Malvasia bianca MC1 22 Moscato

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

Introduzione. Parte III La classificazione dei vini speciali di qualità, come i vini spumante, i vini muffati, ecc.

Introduzione. Parte III La classificazione dei vini speciali di qualità, come i vini spumante, i vini muffati, ecc. Or di nal o Li br er i alapagi na-t el.0433221717mai l :segr et er i a@l apagi na. ch Introduzione INTRODUZIONE Cari lettori, molti di voi, curiosi, appassionati ed amanti del vino come me, bevono e apprezzano

Dettagli

Villa Girardi. Amarone. Bardolino Classico

Villa Girardi. Amarone. Bardolino Classico CARTA DEI VINI 15% Amarone Vino rosso secco Zona di produzione: Valpolicella Classica Doc Uve: Corvina veronese, Rondinella e Molinara Vinificazione: 3 anni in botti di rovere di Slavonia da 35 hl Colore:

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA Mannini Franco - Istituto Virologia Vegetale, Unità Staccata Viticoltura, CNR, Grugliasco (TO) 1. Introduzione Negli ultimi decenni in tutti i Paesi in cui il

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI D.Dirett. 27-6-2008 Modifica del disciplinare di produzione dei vini a indicazione geografica tipica «Veneto». Pubblicato nella Gazz. Uff. 8 luglio

Dettagli

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza proposta Denominazione di origine controllata dei vini delle Venezie. disciplinare di produzione Art. 1 Denominazione e vini. La denominazione di origine controllata "delle Venezie" è riservata ai vini

Dettagli

F.LLI SPERI PEDEMONTE (VALPOLICELLA) - VERONA

F.LLI SPERI PEDEMONTE (VALPOLICELLA) - VERONA VALPOLICELLA CLASSICO Vino rosso secco Valpolicella Vallata di Negrar, San Pietro in Cariano, Fumane Corvina Veronese 60%, Rondinella 30%, Molinara 10% COLORE: Rosso rubino brillante caratteristico dei

Dettagli

Il Custoza è il vino bianco delle colline moreniche posizionate tra la città di Verona e il lago di Garda.

Il Custoza è il vino bianco delle colline moreniche posizionate tra la città di Verona e il lago di Garda. CUSTOZA PRESS KIT LA DOC CUSTOZA Il Custoza è il vino bianco delle colline moreniche posizionate tra la città di Verona e il lago di Garda. La denominazione di origine controllata del Custoza (in origine

Dettagli

La futura vita della vite - Tornata ampezzana Accademia Vite Vino. Domenica 14/7/2013. Il genoma della vite come base della tipicità

La futura vita della vite - Tornata ampezzana Accademia Vite Vino. Domenica 14/7/2013. Il genoma della vite come base della tipicità VIT CENTRO DI RICERCA PER LA VITICOLTURA di Conegliano La futura vita della vite - Tornata ampezzana Accademia Vite Vino Domenica 14/7/2013 Il genoma della vite come base della tipicità Meneghetti S.,

Dettagli

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Treviso 26 agosto 2015 1 . DISCIPLINARI DI PRODUZIONE VINI DOC IN CORSO DI MODIFICA PRESSO IL MIPAAF NEL

Dettagli

UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA.

UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA. UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA. Un azienda giovane con radici antiche. L Azienda Agricola CAVEN CAMUNA è stata fondata nel 1982 dai fratelli

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

GIUSEPPINA PIPITONE. Comparto Vitivinicolo e Agroalimentare

GIUSEPPINA PIPITONE. Comparto Vitivinicolo e Agroalimentare INFORMAZIONI PERSONALI GIUSEPPINA PIPITONE RESIDENZA: Via Trapani, 2/F - 91020 Petrosino (TP) +39 3381907282 +39 3205343063 E-mail: giuseppinapipitone@libero.it PEC: giupipitone@pec.t Sesso F Data di nascita

Dettagli

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico FASCICOLO TECNICO 1 /8 Numero di fascicolo: PDO-IT-A0478 Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico I. NOME/I DA REGISTRARE Vigneti della Serenissima (it) Serenissima (it) II. ESTREMI DEL RICHIEDENTE

Dettagli

ZENI FRATELLI ITALIANA

ZENI FRATELLI ITALIANA PASSAPORTO DIVINO COGNOME/SURNAME ZENI NOME/NAME FRATELLI CITTADINANZA/CITIZEN ITALIANA DATA DI NASCITA/DATE OF BIRTH 1870 LUOGO DI NASCITA/PLACE OF BIRTH BARDOLINO - VERONA A volte lascio vagare lo sguardo

Dettagli

IL DIRIGENTE REGIONALE DELLA SEZIONE COMPETITIVITÀ SISTEMI AGROALIMENTARI

IL DIRIGENTE REGIONALE DELLA SEZIONE COMPETITIVITÀ SISTEMI AGROALIMENTARI DECRETO N. 69 DEL 10 settembre 2014 OGGETTO: DOCG Recioto della Valpolicella e DOCG Amarone della Valpolicella. Riduzione dei quantitativi ad ettaro classificabili per la vendemmia 2014. D.Lgs 61/2010

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005

RISOLUZIONE VITI-OENO 1/2005 CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER LIMITARE AL MASSIMO LA PRESENZA DI OCRATOSSINA A NEI PRODOTTI DERIVATI DALLA VITE Considerando la Risoluzione CST 1/2002 che fissa il tasso limite di ocratossina

Dettagli

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé Azienda Agrituristica L Azdora Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 Vitigno Uva del Tundè Genere/specie: vite da uva rossa per vinificazione, appartenente

Dettagli

RICCAGIOIA. Il centro dell eccellenza

RICCAGIOIA. Il centro dell eccellenza RICCAGIOIA Il centro dell eccellenza CHI SIAMO Riccagioia è una società mista pubblico-privato cui Regione Lombardia ha affidato in gestione una proprietà immobiliare affinché vi si realizzi un centro

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia FINALITA Preparare figure professionali, che secondo la legge 129/91 hanno diritto al titolo di Enologo. Compito dell Enologo è quello di soddisfare le esigenze

Dettagli

I vitigni per i vini rosati nel Veneto Accademico Claudio Giulivo

I vitigni per i vini rosati nel Veneto Accademico Claudio Giulivo 1 I vitigni per i vini rosati nel Veneto Accademico Claudio Giulivo Introduzione Negli ultimi tempi nelle guide enoiche compaiono sempre più frequentemente menzioni di vini rosati, che quindi trovano rinnovato

Dettagli

PRODOTTI VALPOLICELLA D.O.C. CLASSICO VALPOLICELLA D.O.C. CLASSICO SUPERIORE

PRODOTTI VALPOLICELLA D.O.C. CLASSICO VALPOLICELLA D.O.C. CLASSICO SUPERIORE AZIENDA AGRICOLA L'AZIENDA L'azienda agricola CORTE ALEARDI della famiglia Ferrari, vinifica con competenza e passione il frutto dei propri vitigni situati nel cuore della Valpolicella classica e precisamente

Dettagli

Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005

Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005 Dal vivaio al vigneto Oristano 7 dicembre 2005 I portainnesti della vite e utilizzazione negli areali della Sardegna Dott. Agr. Enol. Onofrio Graviano Consorzio Interprovinciale per la Frutticoltura di

Dettagli

Piano strategico quinquennale 2015-2019. Piano strategico dell OIV 2015-2019

Piano strategico quinquennale 2015-2019. Piano strategico dell OIV 2015-2019 Piano strategico dell OIV 2015-2019 1 Indice Introduzione... 3 Linee strategiche... 4 1. Promuovere una vitivinicoltura sostenibile... 4 a. Considerare e reagire alla sfida del cambiamento climatico...

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Caratterizzazione genetica di vitigni bianchi minori. Maria Pia Rigoldi. Coautori e collaboratori: Alessandra Frau Emma Rapposelli Giulia Mameli

Caratterizzazione genetica di vitigni bianchi minori. Maria Pia Rigoldi. Coautori e collaboratori: Alessandra Frau Emma Rapposelli Giulia Mameli Caratterizzazione genetica di vitigni bianchi minori Maria Pia Rigoldi Coautori e collaboratori: Alessandra Frau Emma Rapposelli Giulia Mameli Caratterizzazione varietale (soggetti alla variabilità ambientale).,

Dettagli

Nuovi vitigni per il Piemonte 1 contributo - esame delle attitudini colturali ed enologiche di vitigni di nuova introduzione

Nuovi vitigni per il Piemonte 1 contributo - esame delle attitudini colturali ed enologiche di vitigni di nuova introduzione TECNICA 23 Nuovi vitigni per il Piemonte 1 contributo - esame delle attitudini colturali ed enologiche di vitigni di nuova introduzione Franco Mannini, Anna Schneider Istituto Virologia Vegetale-Unità

Dettagli

VIAGGIO IN VALLE D AOSTA. IL PRIE BLANC: VITIGNO AUTOCTONO DI ALTA MONTAGNA

VIAGGIO IN VALLE D AOSTA. IL PRIE BLANC: VITIGNO AUTOCTONO DI ALTA MONTAGNA VIAGGIO IN VALLE D AOSTA. IL PRIE BLANC: VITIGNO AUTOCTONO DI ALTA MONTAGNA La Valle d Aosta è un piccola regione italiana molto ricca dal punto di vista enologico. Possono essere individuate tre zone

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Titolo Progetto: Responsabile scientifico: Certificazione

Dettagli

FRANCIACORTA D.O.C.G.

FRANCIACORTA D.O.C.G. FRANCIACORTA FRANCIACORTA FRANCIACORTA FRANCIACORTA Chardonnay (85%), Pinot Nero (15%) Chardonnay (70%),Pinot Nero (30%) Chardonnay (80%), Pinot Nero (20%) Chardonnay (65%), Pinot Nero (35%) È in provincia

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

Prove di confronto tra ibridi di anguria e melone realizzate in Sardegna nel 2011

Prove di confronto tra ibridi di anguria e melone realizzate in Sardegna nel 2011 Prove di confronto tra ibridi di anguria e melone realizzate in Sardegna nel 2011 Atti del convegno: Il melone e l anguria nel comparto orticolo regionale San Nicolò d Arcidano, 24 febrraio 2012 A cura

Dettagli

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI non facciamo confusione Sensibilita Resistenza Tolleranza Le malattie della vite e l ambiente In agricoltura attualmente si distribuiscono

Dettagli

Estrazione dal sistema informativo di AVEPA - 16 dicembre 2016

Estrazione dal sistema informativo di AVEPA - 16 dicembre 2016 anteprima della vendemmia 2016 nel Veneto produzione uve certificazione vini Luca Furegon AVEPA Alessandra Muffato Estrazione dal sistema informativo di AVEPA - 16 dicembre 2016 1 Direzione agroalimentare

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA TOR DE FALCHI

AZIENDA AGRICOLA TOR DE FALCHI AZIENDA AGRICOLA TOR DE FALCHI Un cocktail di tradizione, innovazione, accoglienza e arte 1 L Azienda L azienda agricola Tor de Falchi della famiglia Di Gaetano, nata nel 1990, è localizzata nella provincia

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALTO MINCIO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALTO MINCIO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALTO MINCIO Approvato con DM 18.11.1995 G.U. 285-06.12.1995 Modificato con DM 08.06.1998 G.U. 148-27.06.1998 Modificato con DM 06.08.2010

Dettagli

Vittorio Fiore e sua moglie Adriana Assjè di Marcorà acquistano sulla collina di Ruffoli, nel Comune

Vittorio Fiore e sua moglie Adriana Assjè di Marcorà acquistano sulla collina di Ruffoli, nel Comune LA STORIA PODERE POGGIO SCALETTE diventa una azienda vitivinicola autonoma nel 1991, quando Vittorio Fiore e sua moglie Adriana Assjè di Marcorà acquistano sulla collina di Ruffoli, nel Comune di Greve

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO 104 Attività e insegnamenti dell indirizzo Agraria, agroalimentare e agroindustria Articolazione:

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 14 ottobre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA GAVI O CORTESE DI GAVI. (G.U.

Dettagli

Tenuta la Falcona si estende per trenta ettari sulle colline moreniche di Valeggio sul Mincio, tra Verona e il Lago di Garda. Un territorio ricco di

Tenuta la Falcona si estende per trenta ettari sulle colline moreniche di Valeggio sul Mincio, tra Verona e il Lago di Garda. Un territorio ricco di Tenuta la Falcona si estende per trenta ettari sulle colline moreniche di Valeggio sul Mincio, tra Verona e il Lago di Garda. Un territorio ricco di storia dove, passeggiando tra le vigne, si possono ancora

Dettagli

STORIA DI UN PROGETTO DI SUCCESSO

STORIA DI UN PROGETTO DI SUCCESSO STORIA DI UN PROGETTO DI SUCCESSO Raffaele Testolin Università di Udine & Istituto di Genomica Applicata Cabernet eidos fotografato il 9 settembre 2015 a Fossalon di Grado Le nuove sfide della viticoltura

Dettagli

VIT. Considerazioni sulla variabilità del genoma della vite. Le potenzialità genetiche della Vitis vinifera

VIT. Considerazioni sulla variabilità del genoma della vite. Le potenzialità genetiche della Vitis vinifera VIT CENTRO DI RICERCA PER LA VITICOLTURA di Conegliano Le potenzialità genetiche della Vitis vinifera Considerazioni sulla variabilità del genoma della vite S. Meneghetti, A. Costacurta, A. Calò Premessa

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI PIANO DEGLI STUDI Il corso di laurea ha frequenza obbligatoria (minimo 70%) al 2 e al 3 anno di corso per gli insegnamenti obbligatori, ma non per quelli a scelta programmata e autonoma. La percentuale

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale LEGGE REGIONALE 22/04/2002, N. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalita ) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell ambito

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 79903 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 Allegato 1 Bacini viticoli omogenei veneti Elenco n descrizione 1 della pianura veneziana del Veneto orientale 2 della pianura

Dettagli

Riproduzione da Giorgio Gallesio (1772 1839), Pomona Italiana, tavole ampelografiche

Riproduzione da Giorgio Gallesio (1772 1839), Pomona Italiana, tavole ampelografiche Riproduzione da Giorgio Gallesio (1772 1839), Pomona Italiana, tavole ampelografiche MANNUCCI DROANDI Programma di reperimento, conservazione, caratterizzazione e valorizzazione del germoplasma di Vitis

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI Scienze integrate (Fisica) Scienze integrate (Chimica) Produzioni vegetali

Dettagli

Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio

Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio UNIONE EUROPEA REGIONE LAZIO Assessorato all Agricoltura ARSIAL agenzia regionale per lo sviluppo e l innovazione dell agricoltura del Lazio Catalogo delle principali varietà di olivo selezionate del Lazio

Dettagli

CANTINA SOCIALE COLLI FIORENTINI

CANTINA SOCIALE COLLI FIORENTINI CANTINA SOCIALE COLLI FIORENTINI I colli fiorentini e la produzione del vino da energia pulita CANTINA SOCIALE COLLI FIORENTINI 1 L area in cui è situata l azienda è il comune di Montespertoli, tra i più

Dettagli

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 IL PROGETTO Il progetto SiciliaDOC continente del vino nasce da un idea della Cooperativa Agricola Valdibella. Lo scopo è quello di promuovere

Dettagli

CANTINA & RESTAURANT

CANTINA & RESTAURANT CANTINA & RESTAURANT Ai piedi del Lago d Iseo, a Colombaro di Corte Franca, in Franciacorta, esiste un luogo dove ci si tramanda l arte della viticoltura da almeno due secoli: questo luogo è il Palazzo

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALLERONA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALLERONA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA ALLERONA Approvato con DM 18.11.1995 G.U. 284-05.12.1995 Modificato con DM 13.08.1997 G.U. 210-09.09.1997 Modificato con DM 26.02.1998

Dettagli

LA BANCA DEL GERMOPLASMA

LA BANCA DEL GERMOPLASMA LA BANCA DEL GERMOPLASMA DIVAPRA - settore Genetica Agraria - Università degli Studi di Torino Sergio Lanteri Il germoplasma orticolo piemontese: una risorsa per il futuro Carmagnola - venerdì 25 marzo

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE AZIENDA AGRARIA ESERCIZIO 2016

PROGRAMMA ANNUALE AZIENDA AGRARIA ESERCIZIO 2016 ISTITUTO TECNICO AGRARIO STATALE "G. PASTORI" BRESCIA PROGRAMMA ANNUALE AZIENDA AGRARIA ESERCIZIO 2016 RELAZIONE ILLUSTRATIVA PREMESSA L Istituto Tecnico Agrario statale G. Pastori, nasce nel 1877 come

Dettagli

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico FASCICOLO TECNICO 1 /10 Numero di fascicolo: PGI-IT-A0693 Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico I. NOME/I DA REGISTRARE Osco (it) Terre degli Osci (it) II. ESTREMI DEL RICHIEDENTE Nome e titolo

Dettagli

CRA, LA RICERCA AL VINITALY: TUTTI GLI APPUNTAMENTI

CRA, LA RICERCA AL VINITALY: TUTTI GLI APPUNTAMENTI CRA, LA RICERCA AL VINITALY: TUTTI GLI APPUNTAMENTI Pubblicato il 20/03/2015 at 12:38 Il CRA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria) presenta al Vinitaly, domenica 22

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

GLI IMPATTI DELL INNOVAZIONE SULLA VITICOLTURA ATTILIO SCIENZA CIRIVE- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO

GLI IMPATTI DELL INNOVAZIONE SULLA VITICOLTURA ATTILIO SCIENZA CIRIVE- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO GLI IMPATTI DELL INNOVAZIONE SULLA VITICOLTURA ATTILIO SCIENZA CIRIVE- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO L ETERNO DILEMMA : CONCILIARE TRADIZIONE ED INNOVAZIONE TIPOLOGIE DI INNOVAZIONE VITICOLA : COME

Dettagli

L'AZIENDA AGRICOLA SCOPONE

L'AZIENDA AGRICOLA SCOPONE L'AZIENDA AGRICOLA SCOPONE Ubicazione L'Azienda Agricola Scopone è situata a Montalcino, strada per Castelnuovo dell'abate - Sant'Antimo, al Km. sulla sinistra dopo il borgo "La Croce". Elementi geologici

Dettagli

www.landitaliasrl.it

www.landitaliasrl.it La Collina dei Ciliegi propone vini di categoria superiore e affermata individualità. I vigneti prosperano sulle levigate colline della Valpantena Veronese. Si tratta di terreni ben soleggiati, delicatamente

Dettagli

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico

Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico FASCICOLO TECNICO 1 /10 Numero di fascicolo: PDO-IT-A0435 Denominazioni di vini esistenti Fascicolo tecnico I. NOME/I DA REGISTRARE Amarone della Valpolicella (it) II. ESTREMI DEL RICHIEDENTE Nome e titolo

Dettagli

La sostenibilità ambientale. La sostenibilità economica

La sostenibilità ambientale. La sostenibilità economica La sostenibilità ambientale È La sostenibilità economica I numeri Anno di fondazione: 1984 Produzione: 4.5 milioni di bottiglie l anno 350 ettari di vigneto in regime di agricoltura biologica certificata

Dettagli

LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA

LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA Vigne franco di piede L inizio della potatura a fine Gennaio LAMBRUSCO a FOGLIA FRASTAGLIATA o ENANTIO «La brusca: hoc est vitis silvestris,

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale. Art. 1. (Finalità)

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale. Art. 1. (Finalità) Legge regionale 22 aprile 2002, n. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalità) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell'ambito

Dettagli

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO Presentazione progetto VERIFICA SUL MERCATO DELLA TRACCIABILITA DI FILIERA Verona 27 marzo 2012 LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO IL PROGETTO TERRITORI DIVINI CASE HISTORY DI SUCCESSO

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012

RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 RISOLUZIONE OIV-VITI 469-2012 GUIDA OIV PER L APPLICAZIONE DEL STEMA HACCP (HAZARD ANALYS AND CRITICAL CONTROL POINTS - Analisi del rischio e dei punti critici di controllo) IN VITICOLTURA L ASSEMBLEA

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DEONOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OSTUNI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DEONOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OSTUNI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DEONOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA OSTUNI Approvato con DPR 13.01.1972 GU n. 83-28.03.1972 Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Art. 1 Facendo seguito alla convenzione tra il Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli

Tutela e Valorizzazione della Viticoltura di Montagna

Tutela e Valorizzazione della Viticoltura di Montagna Tutela e Valorizzazione della Viticoltura di Montagna Per la Tutela della Qualità Ambientale Orazio Locci Elaborazione dati viticoli a cura di Franco Fronteddu e Clelia Tore Agenzia LAORE Sardegna 12 maggio

Dettagli

Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna

Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna L azienda agricola Sassi della Luna è a Cenate, in provincia di Bergamo nella zona viticola della Valcalepio. L abbiamo pensata e creata quale

Dettagli

Il Controllo di gestione a supporto della Sostenibilità economica. Massimo Marietta, Responsabile Sviluppo ENOLOGIA (Sistemi SpA)

Il Controllo di gestione a supporto della Sostenibilità economica. Massimo Marietta, Responsabile Sviluppo ENOLOGIA (Sistemi SpA) Il Controllo di gestione a supporto della Sostenibilità economica Massimo Marietta, Responsabile Sviluppo ENOLOGIA (Sistemi SpA) Agenda 1 Il Controllo di gestione e i Processi chiave 2 Il Modello organizzativo

Dettagli

Origine e diffusione. Campi sperimentali e suoli

Origine e diffusione. Campi sperimentali e suoli Lagrein: influenza del sito di coltivazione, del terreno e delle modalità di coltivazione sulla qualità dell uva e del vino Günther Pertoll, Ulrich Pedri, Centro di Sperimentazione Agraria di Laimburg,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEL VINO ROSSO DI MONTALCINO Approvato con DPR 25.11.83 G.U. 158-09.06.84 Modificato con DPCM 04.11.91 G.U. 82-07.04.92 Modificato

Dettagli

Romania: cenni sul settore vitivinicolo

Romania: cenni sul settore vitivinicolo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Romania: cenni sul settore vitivinicolo Ufficio di Bucarest Str.A, D. Xenopol nr.15, 010472 Bucuresti T +40 21 2114240

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

perché Indice Perché la DOC Colli Berici LA DOC Zona di produzione e fattori naturali Consorzio Colli Berici Vicenza

perché Indice Perché la DOC Colli Berici LA DOC Zona di produzione e fattori naturali Consorzio Colli Berici Vicenza perché LA DOC Perché la DOC Colli Berici Zona di produzione e fattori naturali Estrema propaggine delle Prealpi, i Colli Berici, conosciuti anche come Monti Berici, costituiscono la caratteristica paesaggistica

Dettagli

25 Anni di Ricerca, Sperimentazione e Formazione per il progresso dell Agricoltura

25 Anni di Ricerca, Sperimentazione e Formazione per il progresso dell Agricoltura Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia 25 Anni di Ricerca, Sperimentazione e Formazione per il progresso dell Agricoltura Locorotondo, 5-6 Luglio 2012 a cura di A. Cagnazzo,

Dettagli

Importante conoscere per le diverse cultivar

Importante conoscere per le diverse cultivar Approfondimenti su: indici qualità dell uva e loro relazione con l uso di coadiuvanti enologici LUCA ROLLE Di.Va.P.R.A. Microbiologia e Industrie Agrarie Importante conoscere per le diverse cultivar cinetica

Dettagli

OBIETTIVO BIO:VITICOLTURA, ALIMENTAZIONE E.

OBIETTIVO BIO:VITICOLTURA, ALIMENTAZIONE E. Oggigiorno la gente conosce il prezzo di tutte le cose e non conosce il valore di nessuna (Oscar Wilde) OBIETTIVO BIO:VITICOLTURA, ALIMENTAZIONE E. Finalmente vino Naturalmente bio! Bio ma non solo. A

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE ALLEGATO A REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE Avviso ad evidenza pubblica per la presentazione delle domande di riconversione e ristrutturazione dei vigneti annualità 2012,

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con La Valpolicella è la regione collinare a nord-ovest di Verona, famosa in tutto il mondo per i suoi vini rossi, tutti insigniti di riconoscimenti DOC e DOCG: lo schietto Valpolicella

Dettagli

Tai Bianco. Vino Bianco. Denominazione d origine controllata

Tai Bianco. Vino Bianco. Denominazione d origine controllata Cenni storici Mancano notizie attendibili sulla esatta denominazione del vitigno denominato Tocai di Barbarano. Si sa, da quanto si racconta sul posto, che sarebbe stato importato un centinaio d anni fa,

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Progetto: VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Definizione delle caratteristiche e delle peculiarità dei Vini di Valtènesi. Indagini organolettiche e valutazione delle attitudini enologiche

Dettagli

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Carmagnola 25 marzo 2011 Michele Baudino, Ezio Portis Il fagiolo da granella in Piemonte Fagiolo per produzione di granella

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO Antiche varietà Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario Premessa La Comunità Montana ha avviato, con la collaborazione

Dettagli