PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA"

Transcript

1 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA LINEE GUIDA TECNICHE PER L UTILIZZO DEL CENTRO FIERISTICO CONGRESSUALE E CULTURALE LE CIMINIERE PREMESSA Il centro fieristico e congressuale Le Ciminiere rappresenta una struttura unica nel suo genere nella provincia di Catania, e pertanto la Provincia Regionale di Catania, fin dal 1996, lo concede in comodato ad organizzazioni, ditte ed enti che lo impiegano per lo svolgimento di manifestazioni fieristiche, convegnistico-congressuali, mostre e spettacoli. Con il passare del tempo l attrazione delle Ciminiere è sempre aumentata tanto che per il 2006 sono previste circa 26 manifestazioni fieristiche, numerose manifestazioni congressuali, alle quali vanno ad aggiungersi convegni, mostre e spettacoli. Il Centro ospita altresì il Museo storico dello sbarco in Sicilia, il Museo del Cinema ed il Teatro dell opera dei pupi. Da quanto detto è chiaro che ogni anno Le Ciminiere, sia per le varie manifestazioni che per le attività stabili, è frequentato da numerosi visitatori, con utilizzazione particolarmente rilevante nei periodi di coincidenza tra manifestazioni fieristiche e congressuali. Questa situazione ha fatto nascere l esigenza della redazione del presente documento al fine di garantire, dal punto di vista tecnico, un corretto utilizzo della struttura in maniera tale da non pregiudicare il suo stato di conservazione e soprattutto per rispettare tutti i principi di sicurezza. ADEMPIMENTI E di fondamentale importanza distinguere le due situazioni in cui si può trovare la struttura, con le varie aree nei settori fieristico, convegnistico-congressuale e culturale: a) assenza di manifestazione; b) presenza di manifestazione. Nel caso a) la garanzia, sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista della sicurezza all interno delle varie sale espositive e congressuali vuote, resta a carico dell Amministrazione. Nel caso b), per tutte le sale espositive e congressuali occupate, l onere del loro corretto utilizzo, il mantenimento dello stato di conservazione, ed il rispetto di tutti i principi di sicurezza necessari alla salvaguardia di tutti gli occupanti e della struttura passano a carico dell organizzatore della manifestazione. Nel caso di contemporaneità tra più organizzatori ognuno sarà responsabile della parte chiesta in locazione. Tale distinzione (assenza o presenza di manifestazione) si rende necessaria in quanto in assenza di eventi fieristici o congressuali si è a conoscenza di tutti i rischi presenti all interno della struttura e di conseguenza sono state già adottate le misure di sicurezza necessarie, mentre in caso di evento fieristico o congressuale solo l organizzatore della manifestazione, essendo perfettamente a conoscenza, anche nei minimi particolari, dei rischi specifici che presenta il tipo di evento, può porre in essere tutte le misure di sicurezza necessarie. Le linee guida sono divise in quattro fasi e precisamente: 1. inserimento in calendario; 2. presentazione del progetto; 3. allestimento; 4. svolgimento; 5. smontaggio. 1

2 INSERIMENTO IN CALENDARIO Prima che la manifestazione o congresso possa essere inserito in calendario è obbligo dell organizzatore della manifestazione, dopo aver presentato istanza all Ente per ottenere l autorizzazione all utilizzo della struttura: 1) prendere visione delle condizioni riportate nel presente prospetto di linee guida; 2) nominare uno o più tecnici (ingegnere, architetto) abilitati per la presentazione del progetto, completo del piano di sicurezza, per la direzione dei lavori in fase di allestimento e disallestimento, per la sorveglianza della sicurezza nel corso della manifestazione; 3) provvedere a redigere la Relazione preliminare di fattibilità dell evento all interno del complesso firmata dal tecnico incaricato. Nella Relazione preliminare di fattibilità dell evento all interno del complesso il tecnico deve farsi carico, conoscendo la tipologia e le esigenze del tipo di manifestazione, di garantire la fattibilità dell evento in relazione: - alla resistenza delle strutture (tenendo conto dei carichi previsti); - alla possibilità di accesso e di rimozione di tutta la merce da esposizione evitando di danneggiare le strutture, compresa le modalità di carico e scarico e trasferimento ai piani; - ai carichi elettrici e alla realizzazione dell impianto elettrico temporaneo; - alla rete telefonica ed all eventuale connessione internet; - alla definizione dei flussi di visitatori e dell eventuale affollamento previsto; - ai carichi d incendio; - al rispetto di tutta la normativa di sicurezza. Nel caso l evento riguardi il padiglione F1 l organizzatore della manifestazione dovrà attenersi, nella realizzazione degli stand, agli ingombri massimi e alla distribuzione riportata nelle planimetrie A), B) C) e D) allegate al presente regolamento. L impianto elettrico temporaneo non dovrà essere realizzato impiegando gli spazi presenti nei cunicoli, controsoffitti, ecc., ma dovrà unicamente essere disposto con canaline a terra, con partenza dai quadri elettrici. Dopo che l organizzatore della manifestazione avrà provveduto ad adempiere a quanto sopra indicato ed a firmare per accettazione il presente prospetto di linee guida si potrà procedere all inserimento in calendario dell evento fieristico o congressuale. Medesima modalità va garantita per la progettualità riguardante il settore delle mostre e di quei convegni e spettacoli per i quali risulti previsto un flusso notevole di utenti. A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Trenta giorni prima dell inizio dell allestimento della manifestazione e/o congresso, mostra o spettacolo è fatto obbligo all organizzatore di Presentare 1) il Progetto di allestimento dell evento ; 2) il Progetto dell impianto elettrico temporaneo relativo alla manifestazione; 3) la Progetto di prevenzione incendi relativo all evento ; 4) il Documento della valutazione dei rischi specifici relativi all evento ; 5) una Relazione con l individuazione delle misure di prevenzione e protezione adottate ; 6) una Relazione sulla compatibilità dei carichi posizionati sulla struttura 7) una Dichiarazione preliminare ; NOMINARE A PROPRIA CURA E SPESE, INVIANDO COMUNICAZIONE ALL ENTE PROVINCIA: 1) un Direttore dei Lavori e Coordinatore della Sicurezza ; 2) un Responsabile della sicurezza per la manifestazione ; 2

3 Alle nomine del direttore dei lavori e coordinatore della sicurezza e del responsabile della sicurezza per la manifestazione deve essere allegata la relativa accettazione del tecnico e devono essere riportati i suoi recapiti telefonici (fisso, mobile, fax). DICHIARARE DI ASSUMERE A PROPRIO CARICO LE SEGUENTI SPESE ED ONERI ANCHE A FRONTE DI QUANTO USUALMENTE RICHIESTO DELLA COMMISSIONE DI VIGILANZA 1) la squadra aziendale di sicurezza nel numero di persone indicate dalla Commissione (usualmente n 2 al giorno abilitate, ai sensi della D.Lgs. 626/94 sm.i. e D.M. 10/03/1998, per lo svolgimento di tale attività); 2) il personale a presidio degli ascensori e scale mobili nel numero di persone indicate dalla Commissione (usualmente n 1 al giorno in possesso di patentino, ai sensi della Direttiva 95/16 e D.P.R. 162/99, per lo svolgimento dell attività); 3) il personale per la vigilanza durante le ore di svolgimento della manifestazione, di allestimento e smontaggio ; 4) il presidio della squadra dei Vigili del Fuoco ; nel numero di persone indicate dalla Commissione (di volta in volta definite sulla base dell iniziativa); 5) una ditta specializzata per la pulizia dei locali con il sistema ora per ora adeguata al tipo di manifestazione la quale dovrà garantire un presidio costante dei bagni posti sui piani espositivi; 6) sottoscrizione polizza assicurativa responsabilità civile contro terzi dove venga considerata terza anche l Amministrazione. La polizza deve essere stipulata con primaria compagnia di assicurazione e con massimale unico non inferiore a ,00. RICHIEDERE, INVIANDO COPIA DELLA RICHIESTA ALL ENTE PROVINCIA 1) la visita della Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo (se si prevede un afflusso oltre 5000 persone la commissione è Provinciale, se inferiore la commissione è Comunale); In Particolare si precisa che: il Progetto di allestimento dell evento deve essere costituito da: Relazione generale Elaborati grafici quotati dell area interessata, in scala almeno 1:200, con la distribuzione degli stand o strutture aggiunte; il Progetto dell impianto elettrico temporaneo deve essere costituito da: Relazione generale; Schema unifilare dei quadri; Relazione sulla tipologia dei materiali impiegati; Elaborati, in scala almeno 1:200, con la distribuzione planimetrica dell impianto temporaneo; il Progetto di prevenzione incendi relativo all evento deve essere costituito da: Relazione sul rispetto della normativa di prevenzione incendi; Calcolo analitico del carico d incendio e valutazione della compatibilità con la struttura; Elaborati grafici quotati dell area interessata, in scala almeno 1:200, con le seguenti indicazioni: larghezza dei percorsi di esodo; uscite di sicurezza; segnaletica di sicurezza; estintori; manichette antincendio; larghezza dei passaggi che conducono alle manichette antincendio; larghezza dei passaggi che conducono ai quadri elettrici 3

4 (sia provvisori che fissi); ed ogni altra informazione utile a dimostrare il rispetto della normativa di sicurezza ; il Documento della valutazione dei rischi specifici relativi all evento deve individuare tutti i rischi relativi all evento; la Relazione con l individuazione delle misure di prevenzione e protezione adottate deve individuare tutte le misure adottate in relazione alla valutazione dei rischi, e deve indicare sia le figure interessate che le procedure previste in caso di evacuazione; la Relazione sulla compatibilità dei carichi posizionati sulla struttura deve indicare, a seguito di valutazione analitica, la compatibilità tra i carichi previsti (sia ripartiti che concentrati) e le strutture portanti del complesso; nella Dichiarazione preliminare l organizzatore deve dichiarare di: aver preso visione e di accettare il contenuto riportato nelle presenti linee guida; sollevare l Amministrazione da qualsiasi danno o furto; sollevare l Amministrazione da ogni responsabilità inerente l eventuale mancato rilascio della licenza di agibilità da parte della Commissione di vigilanza; essere a conoscenza che tutte le eventuali prescrizioni e disposizioni impartite dalla Commissione di Vigilanza sono a carico, cura e spese dell organizzazione della manifestazione, compreso altresì le spese della squadra aziendale e del presidio degli ascensori e scale mobili come specificato in premessa; aver valutato, nel documento della valutazione dei rischi, la contemporaneità con gli altri eventi ospitati all interno del centro Le Ciminiere ; esonerare l Amministrazione da qualsiasi responsabilità sul mancato rispetto della normativa di sicurezza; aver predisposto a propria cura e spese il servizio d ordine e di controllo degli ingressi e per la vigilanza di merci ed attrezzature; aver predisposto a propria cura e spese la vigilanza degli impianti elettrici mediante personale qualificato e di esonerare l Amministrazione da qualsiasi responsabilità per i danni che dovessero verificarsi a persone e cose a seguito dell omesso controllo o per eventuali altre cause; essere a conoscenza della prescrizione che ascensori e scale mobili non possono essere utilizzati per la movimentazione dei materiali; aver verificato il perfetto funzionamento degli impianti nell area richiesta (elettrico, ascensore, scale mobili ecc..); assumere a proprio carico tutti i danni che dovesse subire la struttura o gli impianti in essa presenti; il Direttore dei Lavori e Coordinatore della Sicurezza deve essere un tecnico abilitato che si deve occupare della direzione dei lavori indicati negli elaborati progettuali ( montaggio e smontaggio stand; percorsi d esodo; della fruibilità uscite di sicurezza ecc..); della sicurezza per le fasi di allestimento e smontaggio degli stand; della sicurezza durante le fasi d ingresso e d uscita del mezzi; il Responsabile della sicurezza per la manifestazione è il soggetto che sarà responsabile dell attuazione e del permanere, durante il periodo della manifestazione, di tutte le misure di sicurezza poste a carico dell organizzazione dell evento, comprese quelle indicate nel verbale della commissione di vigilanza ed avrà il compito di presenziare durante la visita della Commissione; 4

5 Nella progettazione si dovrà tenere conto che: - la distribuzione degli stand, per il padiglione F1 piano terra e primo, deve essere conforme agli ingombri massimi ed alla distribuzione riportata nelle planimetrie A), B) C) e D) allegate alla presente linea guida; - gli ambienti in questione rappresentano dei luoghi a maggior rischio in caso d incendio; - il passaggio degli impianti temporanei non dovranno essere utilizzati cavedi, cunicoli, controsoffitti ecc..; - nella realizzazione degli impianti elettrici temporanei non dovranno essere impiegati gli spazi al di sopra del controsoffitto; - i corpi illuminanti non dovranno essere fissati ai muri, ai controsoffitti e comunque alle strutture proprie del complesso fieristico; - alle strutture proprie del complesso fieristico non dovrà essere fissata nessuna apparecchiatura, struttura temporanea, ecc.; - è vietato introdurre gas, - è vietata qualsiasi forma di cottura o riscaldamento di cibi, mentre le attività di catering dovranno essere affidate esclusivamente a ditte abilitate in possesso dei requisiti previsti dalle norme sul commercio e dalle norme sanitarie. B) ALLESTIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE ACCESSO ALLO SPAZIO ESPOSITIVO L inizio dell allestimento della manifestazione deve avvenire nei termini che saranno concordati di volta in volta con la Direzione del Centro Le ciminiere. L allestimento dovrà essere terminato 12 ore prima della prevista apertura ufficiale, anche per dare modo alla Commissione di vigilanza di effettuare le verifiche ad opere complete. L accesso per il transito dei veicoli sarà consentito, attraverso i passi carrai abilitati, esclusivamente ai mezzi muniti di apposita autorizzazione ed alle persone che si trovino sugli stessi, purché munite del documento di ingresso. In particolare non sono consentiti il deposito di materiali o la sosta di mezzi lungo i viali interni. È vietato l accesso degli automezzi all interno dei padiglioni e sale, tranne che per quelli a trazione elettrica. L Amministrazione non è responsabile per danni e furti di ogni genere, sia nelle fasi di allestimento che nelle fasi di svolgimento, chiusura diurna e notturna, e smontaggio. VERIFICA TENSIONE DI RETE L organizzatore si obbliga a verificare la tensione di rete dell alimentazione al momento dell allacciamento del proprio impianto, esonerando l Amministrazione da qualsiasi responsabilità per i danni che dovessero verificarsi a persone e cose a seguito dell omesso controllo o per eventuali altre cause. PARCHEGGIO SOTTERRANEO Nel caso in cui l organizzatore voglia usufruire del parcheggio sotterraneo posto al piano interrato -1 del Centro dovrà inoltrare apposita istanza indicando che: - sarà richiesta specifica autorizzazione alla Commissione di Vigilanza sui locali di Pubblico Spettacolo; - nel Documento della valutazione dei rischi specifici relativi all evento è stata considerata anche l area a parcheggio; - verrà stipulato apposito contratto con una ditta incaricata della vigilanza, con presenza di almeno due unità per tutto il periodo di utilizzo, l una posta all ingresso della scivola per il controllo dei 5

6 pass e la l altra posta all interno del parcheggio per garantire che le autovetture siano posizionate in maniera tale da consentire l immediata evacuazione; - non saranno parcheggiate più di 80 autovetture; - è a conoscenza che tutte le vetture prive di pass non potranno accedere al parcheggio; - ogni autovettura sarà dotata, in posizione ben visibile, del pass rilasciato dall Ente e controfirmato dalla Segreteria del Centro Le ciminiere; - non saranno parcheggiate autovetture alimentate a G.p.l o contenenti in qualsiasi modo gas; - non verranno parcheggiati furgoni, motocicli o comunque mezzi diversi dalle autovetture; - saranno disposti nell area di parcheggio un numero di estintori adeguati alle esigenze di sicurezza; - le autovetture saranno lasciate in custodia al personale di vigilanza senza chiuderle e con le chiavi inserite nel quadro; - le autovetture saranno disposte in modo tale da consentire l immediata evacuazione per eventuali motivi di emergenza o per insindacabili decisioni da parte del personale dipendente dell Ente Provincia; - il piano garage sarà utilizzato esclusivamente nei giorni di apertura al pubblico della manifestazione e in nessun caso nei giorni di allestimento e smontaggio; - sarà usufruito del servizio solamente durante le ore di svolgimento della manifestazione, con anticipo di mezz ora rispetto all apertura della manifestazione e posticipo di mezz ora rispetto alla chiusura della manifestazione; - assume in proprio ogni responsabilità sia sul rispetto della normativa vigente in materia di parcheggi che per eventuali danni alle strutture del complesso fieristico; - la Provincia Regionale di Catania è sollevata da ogni responsabilità circa eventuali furti o danneggiamenti riguardanti le autovetture; SERVIZIO TELEFONICO ED INTERNET L organizzatore della manifestazione dovrà provvedere a propria cura e spese all allacciamento e distribuzione degli eventuali impianti temporanei. L Organizzatore solleva l Amministrazione da qualsiasi responsabilità per eventuali disservizi che dovessero nascere da guasti o carichi eccedenti. L Organizzatore è responsabile di ogni azione svolta mediante l utilizzo della connettività Internet e delle linee telefoniche. COMMISSIONE DI VIGILANZA LOCALI PUBBLICO SPETTACOLO La visita della Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, ove prevista, dovrà essere richiesta dall organizzatore, con onere e spese a proprio carico, in tempo utile. Alla commissione di vigilanza dovrà essere consegnata tutta la seguente documentazione: 1) il Progetto di allestimento dell evento ; 2) il Progetto dell impianto elettrico temporaneo relativo alla manifestazione;+ 3) la Progetto di prevenzione incendi relativo all evento ; 4) il Documento della valutazione dei rischi specifici relativi all evento ; 5) la Relazione con l individuazione delle misure di prevenzione e protezione adottate ; 6) la Relazione sulla compatibilità dei carichi posizionati sulla struttura 7) la Dichiarazione preliminare ; 8) la certificazione Legge 46/90 degli impianti temporanei realizzati con la relazione sui materiali impiegati; 6

7 9) la dichiarazione di prova e verifica degli impianti temporanei; 10) la dichiarazione di corretto collegamento delle masse metalliche all impianto di messa a terra, con allegato verbale di misurazione della resistenza di terra; 11) le certificazioni di corretto montaggio delle strutture tralicciate (tipo americane) e di supporto dei corpi illuminanti; 12) i certificati di omologazione rilasciati dal Ministero dell Interno relativi ai materiali impiegati (tendaggi, moquette, pannelli di legno ecc..); 13) i certificati di conformità al tipo approvato rilasciati dal produttore relativi ai materiali impiegati (tendaggi, moquette, pannelli di legno ecc..); 14) le copie delle fatture di acquisto dei materiali relativi ai materiali impiegati (tendaggi, moquette, pannelli di legno ecc..); 15) le dichiarazioni di corretta posa in opera, rilasciata dall installatore, relative ai materiali impiegati (tendaggi, moquette, pannelli di legno ecc..); 16) i nominativi dei componenti della Squadra Aziendale con i relativi attestati di qualificazione (usualmente personale accreditato presso il locale Comando Provinciale dei VV.F.); 17) nominativi del personale a presidio degli ascensori e scale mobili con i relativi attestati di qualificazione (impresa in possesso dei requisiti prescritti); 18) nominativi del personale per la vigilanza durante le ore di apertura con i relativi attestati di qualificazione (impresa in possesso dei requisiti prescritti); I lavori relativi all allestimento della manifestazione devono avvenire sotto la supervisione del Direttore dei Lavori e Coordinatore della Sicurezza. D) SVOLGIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE VIGILANZA DELLE AREE Durante l orario di apertura della manifestazione, l Organizzatore della manifestazione dovrà provvedere a propria cura e spese alla vigilanza, sia all interno che lungo le aree esterne, ed in particolare provvedere alla vigilanza di tutte le uscite di sicurezza che conducono all esterno del perimetro del Centro. Lo svolgimento della manifestazione dovrà avvenire sotto la supervisione del Responsabile della sicurezza per la manifestazione. E) SMONTAGGIO DELL ALLESTIMENTO Lo sgombero degli stand e di ogni allestimento deve avvenire entro le ore 24 del giorno definito per il completamento dello smontaggio. Passato tale termine tutti i materiali ancora presenti verranno sgomberati d ufficio e verranno considerati come materiali di rifiuto da avviare alle discariche pubbliche. L Organizzatore della manifestazione sarà tenuto al rimborso di tutte le spese dirette ed indirette sostenute per lo sgombero e fatti salvi eventuali rimborsi per maggiori danni. L accesso ai veicoli sarà consentito, attraverso i passi carrai abilitati, esclusivamente ai mezzi muniti di apposita autorizzazione ed alle persone che si trovino sugli stessi, purché munite del documento di ingresso. In particolare non sono consentiti il deposito di materiali o la sosta di mezzi lungo i viali interni. È vietato l accesso degli automezzi all interno dei padiglioni e sale, tranne che per quelli a trazione elettrica. L Amministrazione non è responsabile per danni e furti di ogni genere. I lavori relativi allo smontaggio degli stand devono avvenire sotto la supervisione del Direttore dei Lavori e Coordinatore della Sicurezza. 7

8 DIVIETI All Organizzatore è vietato in particolare: - praticare per qualsiasi motivo fori alle strutture e alle pareti per attaccare o appendere manifesti, cavi, pannelli, stendardi, adesivi; - per il fissaggio a pavimento di moquette o materiali similari è fatto assoluto divieto di utilizzare materiali a forte aderenza e con supporto interno cartaceo o di debole consistenza; - danneggiare le attrezzature di proprietà del complesso Le Ciminiere e le strutture dei padiglioni; - scaricare acque o liquidi di rifiuto; - sollevare le piastre di copertura dei cunicoli e/o dei pozzetti; - aprire varchi o porte; - lasciare incustoditi strumenti ed attrezzature se non preventivamente disabilitati nel funzionamento o mezzi pericolosi, in quanto vi è pericolo che qualcuno ne entri in contatto; - manomettere i sigilli o le chiusure a chiave posti alle cassette di alimentazione dell energia elettrica; - introdurre nello spazio espositivo materiali esplosivi, detonanti, asfissianti o comunque pericolosi e accendere fuochi, nonché introdurre od usare bombole di gas compressi o liquefatti; - lasciare in esposizione macchinari o autoveicoli con serbatoio pieno di carburante; - abbandonare nel quartiere fieristico parte degli allestimenti dello stand, quali moquette, cocciami o residui di qualsiasi natura; - accumulare materiale combustibile di rifiuto delle lavorazioni, man mano che esso viene prodotto, assicurando le attività immediate per il suo allontanamento. MODIFICHE ALLE PRESENTI LINEE GUIDA L Amministrazione in qualunque momento può apportare modifiche alle presenti linee guida, le quali verranno poste a conoscenza degli espositori con i mezzi che saranno ritenuti più opportuni. Le modifiche apportate alle linee guida saranno immediatamente esecutive e pertanto dovranno essere applicate agli Organizzatori di eventi. DOCUMENTAZIONE DA PRODURRE La documentazione da presentare alla Commissione di vigilanza che è stata indicata nei paragrafi precedenti dovrà essere prodotta in duplice copia affinché una di esse venga depositata presso gli uffici amministrativi del Centro Le Ciminiere. RESPONSABILITA Dopo lo smontaggio sarà eseguito sopralluogo da funzionario dell Ente con l Organizzatore o con un suo tecnico incaricato, ed al termine sarà redatto un verbale che conterrà tutte le eventuali inadempienze o danni riscontrati. In quest ultimo caso l Amministrazione tratterrà, in tutto o in parte, la cauzione che l organizzatore ha versato e provvederà al ripristino dello stato dei luoghi. Solo dopo la riparazione dei danni l Amministrazione svincolerà l eventuale parte di cauzione residua. Per presa visione 8

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI 1. CONSEGNA DEGLI SPAZI ESPOSITIVI Gli spazi espositivi saranno messi a disposizione degli Espositori per l'introduzione e la sistemazione dei

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLA STRUTTURA LE CIMINIERE

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLA STRUTTURA LE CIMINIERE PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLA STRUTTURA LE CIMINIERE DESCRIZIONE DEL CENTRO FIERISTICO Il centro fieristico per come riportato nel seguente schema planimetrico è diviso

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Centro Congressuale Fieristico Culturale Le Ciminiere di Catania

REGOLAMENTO GENERALE. Centro Congressuale Fieristico Culturale Le Ciminiere di Catania REGOLAMENTO GENERALE Centro Congressuale Fieristico Culturale Le Ciminiere di Catania Art.1 Denominazione Il Centro Congressuale fieristico Culturale Le Ciminiere di Catania, è un complesso polifunzionale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. I Fiera Nazionale del Libro all aperto a Reggio Calabria

REGOLAMENTO GENERALE. I Fiera Nazionale del Libro all aperto a Reggio Calabria REGOLAMENTO GENERALE XENÍA BOOK FAIR I Fiera Nazionale del Libro all aperto a Reggio Calabria POESIA, LETTERATURA, TEATRO, MUSICA, ARTE Gallico Superiore (Reggio Calabria) Parco della Mondialità, 4-5 luglio

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

REGOLAMENTO ESPOSITORI

REGOLAMENTO ESPOSITORI REGOLAMENTO ESPOSITORI ART.1 Denominazione e organizzazione Il festival internazionale dell ambiente e dell ecologia Ecocity Expo 2014 è organizzata dall associazione no profit Città Ecocompatibile. La

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO DEL QUARTIERE FIERISTICO EX ART. 26 D.LGS.

Dettagli

Regolamento generale Buk Festival della piccola e media editoria Modena 20 21 febbraio 2016

Regolamento generale Buk Festival della piccola e media editoria Modena 20 21 febbraio 2016 Regolamento generale Buk Festival della piccola e media editoria Modena 20 21 febbraio 2016 AVVERTENZA PRELIMINARE: Raccomandiamo di leggere attentamente il seguente Regolamento e ricordiamo che la firma

Dettagli

Verifica della conformità normativa 2

Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2 Per una corretta gestione della sicurezza è necessario predisporre (vedi allegato 2.A.) e archiviare l apposita documentazione. 2.1 Elenco documentazione Certificato

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI IN LUOGO PUBBLICO O APERTO AL PUBBLICO

RICHIESTA RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI IN LUOGO PUBBLICO O APERTO AL PUBBLICO Bollo (esente se Ente pubblico) AL COMUNE DI CAVENAGO DI BRIANZA UFFICIO POLIZIA LOCALE Protocollo RICHIESTA RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI IN LUOGO PUBBLICO

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

STRALCIO CAPITOLATO D ONERI- IMPEGNI A CARICO DELLA DITTA. 2) Dovrà assicurare il completo allestimento delle aree espositive come segue:

STRALCIO CAPITOLATO D ONERI- IMPEGNI A CARICO DELLA DITTA. 2) Dovrà assicurare il completo allestimento delle aree espositive come segue: STRALCIO CAPITOLATO D ONERI- IMPEGNI A CARICO DELLA DITTA Allegato 1 Nell ambito della tradizionale fiera di San Settimio 2015, organizzata in economia dal Comune di Jesi, l affidatario dovrà provvedere

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017)

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune

Dettagli

- per palchi (o pedane) con altezza superiore a m. 0,80, anche se riservati agli artisti

- per palchi (o pedane) con altezza superiore a m. 0,80, anche se riservati agli artisti RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA MANIFESTAZIONE PUBBLICA OCCASIONALE Il/La sottoscritto/a, in qualità di responsabile dell organizzazione, in merito alla manifestazione pubblica occasionale in programma in

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

COMUNE di PADERNO D'ADDA

COMUNE di PADERNO D'ADDA COMUNE di PADERNO D'ADDA c.a.p. 23877 PROVINCIA DI LECCO Allegato A File: RegolparcheggioTAMBORINI\2013 REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO COMUNALE DI PALAZZO TAMBORINI Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI

ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI ITER AUTORIZZATIVO E GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE PICCOLO MANUALE PRATICO CONSULENTE: MAURO CANAL STUDIO SINTHESI 1 Domanda Cumulativa ITER AUTORIZZATIVO La domanda di autorizzazione

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LE OPERAZIONI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTARE: MOTOR BIKE EXPO - FAX. +39.041.

DISPOSIZIONI PER LE OPERAZIONI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTARE: MOTOR BIKE EXPO - FAX. +39.041. 24-25- GENNAIO 2014 ATTENZIONE ALLESTIMENTO: L accesso al quartiere è subordinato al VERSAMENTO DI UNA CAUZIONE DI 100 EURO per sostare FINO A 2 ORE nella zona indicata in verde nella planimetria. All

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

MONTAGNANESE IN FIERA

MONTAGNANESE IN FIERA MONTAGNANESE IN FIERA FIERA DI PRIMAVERA fuori le mura 9-10 APRILE 2016 SCHEDA DI ADESIONE ALLA FIERA ll presente modulo va compilato in stampatello ed in forma leggibile. Da presentare al Comitato Organizzatore

Dettagli

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI Allegato A COMUNE DI FAENZA Assessorato alla Cultura SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI DISCIPLINARE D USO SERVIZIO CULTURA ART. 1 DESTINAZIONE D'USO 1. La Sala Conferenze, ubicata all

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA. SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI Piazza Liber Paradisus 10 Torre A 5 piano 40129 Bologna

COMUNE DI BOLOGNA. SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI Piazza Liber Paradisus 10 Torre A 5 piano 40129 Bologna COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI Piazza Liber Paradisus 10 Torre A 5 piano 40129 Bologna Tel. 051-2194082 - 2194013 - Fax 051-2194870 - Domanda per l avvio del procedimento

Dettagli

Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili

Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili Regolamento comunale per l assegnazione delle aree agli spettacoli viaggianti,circhi e simili [Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 141 del 26/11/2009] ART.1 FINALITA 1. Il presente regolamento

Dettagli

Richiesta Rilascio Licenze di Pubblica Sicurezza

Richiesta Rilascio Licenze di Pubblica Sicurezza Marca da bollo Richiesta Rilascio Licenze di Pubblica Sicurezza A Stabilimenti di bagni (escluse le piscine private o con accesso ai soli soci o a scopo terapeutico) B Scuole di ballo, etc. C Alberghi,

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA SELETTIVA

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA SELETTIVA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA SELETTIVA MEDIANTE L UTILIZZO DEL SISTEMA M.E.P.A. CON RDO (MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CON RICHIESTA DI OFFERTA)

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

Protocollo (riservato all ufficio)

Protocollo (riservato all ufficio) AL COMUNE DI PIANORO Piazza dei Martiri, 1 40065 Pianoro BO Tel. 0516529137 Fax 051 6529161 Protocollo (riservato all ufficio) MARCA DA BOLLO (EURO 14,62) S E G N A L A Z I O N E D I I N I Z I O A T T

Dettagli

Di che Gusto Sei - (Padiglione espositivo Ex Cofa) Pescara, 31 maggio 1 e 2 Giugno Porto Turistico Marina di Pescara

Di che Gusto Sei - (Padiglione espositivo Ex Cofa) Pescara, 31 maggio 1 e 2 Giugno Porto Turistico Marina di Pescara Di che Gusto Sei - (Padiglione espositivo Ex Cofa) Pescara, 31 maggio 1 e 2 Giugno Porto Turistico Marina di Pescara DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - ESPOSITORE Ragione sociale., C.F........, P.IVA..., Reg.

Dettagli

Regolamento Generale

Regolamento Generale Regolamento Generale TITOLO: NATALE IN MOSTRA Regali e Sapori MOSTRA-MERCATO del regalo artigianale e dei prodotti agro-alimentari DATA: 16-20 dicembre 2011 LUOGO: Mostra d Oltremare Padiglione 10 ORGANIZZAZIONE:

Dettagli

DOLCEMENTE SPOSI 11,12 OTTOBRE

DOLCEMENTE SPOSI 11,12 OTTOBRE DATI PER LA FATTURAZIONE DA COMPILARE AL CONTRATTO DOLCEMENTE SPOSI 11,12 OTTOBRE RAGIONE SOCIALE INDIRIZZO PARTITA IVA CONTATTI: MAIL SITO TELEFONO CELL STAND SCELTO N COSTO ACCONTO IN DATA SALDO APPUNTI

Dettagli

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2.A. Verifica della conformità normativa Si riporta di seguito uno schema relativo ad alcuni dei principali adempimenti legati all applicazione del D.Lgs. 626/94 e

Dettagli

A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali

A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali A.S.I.S. Salernitana Reti ed Impianti S.p.A. Regolamento per la gestione degli automezzi aziendali Art. 1 OGGETTO Il presente Regolamento definisce le responsabilità, le modalità per la gestione ed i controlli

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DEI LOCALI DEL CENTRO CULTURALE POLIVALENTE Approvato con delibera del Consiglio Comunale N. 13 del

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

Preallestiti Su prenotazione è possibile usufruire di stand preallestiti, come da Kit Sponsor.

Preallestiti Su prenotazione è possibile usufruire di stand preallestiti, come da Kit Sponsor. - REGOLAMENTO - SPONSOR & AREE ESPOSITIVE Scadenziario 1. Lunedì 2 marzo 2009 - Invio alla Segreteria Organizzativa : 1) i nominativi dei rappresentanti delle Aziende Espositrici che saranno presenti in

Dettagli

COMUNE DI GAMBARA 72 FIERA DI S. GIUSEPPE

COMUNE DI GAMBARA 72 FIERA DI S. GIUSEPPE COMUNE DI GAMBARA PROVINCIA DI BRESCIA 72 FIERA DI S. GIUSEPPE AGRICOLA GASTRONOMICA COMMERCIALE ARTIGIANALE 17 18 MARZO 2012 Gambara, Gennaio 2012 SPETT/LE DITTA Anche quest anno riproponiamo LA FIERA

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FIERA MAREDIMODA CANNES 2009: MarediModa e IntimodiModa.

REGOLAMENTO DELLA FIERA MAREDIMODA CANNES 2009: MarediModa e IntimodiModa. Como, Gennaio 2009 REGOLAMENTO DELLA FIERA MAREDIMODA CANNES 2009: MarediModa e IntimodiModa. 1. Denominazione e oggetto della fiera La denominazione della fiera è: MarediModa - IntimodiModa Cannes. Oggetto

Dettagli

SEGNALA L INIZIO DELL ATTIVITA

SEGNALA L INIZIO DELL ATTIVITA Da consegnare in 2 copie firmate in originale COMUNE DI NUORO SCIA PER MANIFESTAZIONE TEMPORANEA DI MODESTA ENTITA Al Sig. Sindaco del Comune di Nuoro Il Sottoscritto, nato a il residente a via n., tel,c.f.:in

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

Città di Novi Ligure

Città di Novi Ligure Città di Novi Ligure REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TEATRO CIVICO PAOLO GIACOMETTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 in data 5/6/2006. Articolo 1 Finalità Il Comune si avvale

Dettagli

PONTE LUNA STRUTTURA AREA FESTE

PONTE LUNA STRUTTURA AREA FESTE PREMESSO PONTE LUNA STRUTTURA AREA FESTE che la struttura Area Feste è un immobile di proprietà del Comune di Rubiera, realizzato grazie al contributo dell Amministrazione Comunale, all autofinanziamento

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

CHIARISSIMA. Villa Mazzotti Chiari (Bs) REGOLAMENTO GENERALE (ultimo aggiornamento: 26 novembre 2015)

CHIARISSIMA. Villa Mazzotti Chiari (Bs) REGOLAMENTO GENERALE (ultimo aggiornamento: 26 novembre 2015) CHIARISSIMA Villa Mazzotti Chiari (Bs) REGOLAMENTO GENERALE (ultimo aggiornamento: 26 novembre 2015) AVVERTENZA PRELIMINARE Si raccomanda di leggere con attenzione il Regolamento seguente. L'Espositore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 86 del 21 giugno 2005 Art. 1 DEFINIZIONI ED AMBITO DI APPLICABILITA

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

RICHIESTA USO PALESTRE PER UTILIZZI MINIMI SALTUARI

RICHIESTA USO PALESTRE PER UTILIZZI MINIMI SALTUARI RICHIESTA USO PALESTRE PER UTILIZZI MINIMI SALTUARI Comune di Brescia Settore Partecipazione Servizio amministrativo Ufficio di zona Est Il sottoscritto C.F. Residente avia n Nella sua qualità di rappresentante

Dettagli

! "# & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5

! # & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 ! "# $ %&!! "'(() & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7 Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 - Articolo 1 - Oggetto del regolamento e destinazione d uso della Sala Parrocchiale 1. La Parrocchia

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee

Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee COMUNE DI SINALUNGA (Provincia di SIENA) ************************** Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 55 del 16/09/2011

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - PRIVATI Nome Cognome indirizzo c.a.p. località C.F. Email Telefono

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

OGGETTO: SCIA PER MANIFESTAZIONE A CARATTERE TEMPORANEO ai sensi art. 19 L.241/90 e s.m. per PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO artt. 68-69 T.U.L.P.

OGGETTO: SCIA PER MANIFESTAZIONE A CARATTERE TEMPORANEO ai sensi art. 19 L.241/90 e s.m. per PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO artt. 68-69 T.U.L.P. AL SUAP DEL COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO (SA) OGGETTO: SCIA PER MANIFESTAZIONE A CARATTERE TEMPORANEO ai sensi art. 19 L.241/90 e s.m. per PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO artt. 68-69 T.U.L.P.S Il

Dettagli

Regolamento e norme di utilizzo sala Cinema Teatro S. Giovanni Bosco

Regolamento e norme di utilizzo sala Cinema Teatro S. Giovanni Bosco Regolamento e norme di utilizzo sala Cinema Teatro S. Giovanni Bosco Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare i rapporti fra il Cinema Teatro S. Giovanni Bosco (Teatro) e le Compagnie, i gruppi

Dettagli

CITTA DI MARTINA FRANCA

CITTA DI MARTINA FRANCA CITTA DI MARTINA FRANCA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FIERE A CARATTERE LOCALE APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 78 DEL 1 MARZO 2012 1 INDICE Art. 1 Finalità pag. 3 Art. 2 Definizioni pag.

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE A REMURATA

REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE A REMURATA REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE A REMURATA Indice Articoli: ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 PERIODO DI SVOLGIMENTO, LOCALIZZAZIONE E DEROGHE ART. 3 REQUISITI PER L AMMISSIONE E ASSEGNAZIONE ART. 4 DOMANDA

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

INFORMAZIONI e PRESCRIZIONI PER L UTILIZZO DEL TEATRO SOCIALE

INFORMAZIONI e PRESCRIZIONI PER L UTILIZZO DEL TEATRO SOCIALE INFORMAZIONI e PRESCRIZIONI PER L UTILIZZO DEL TEATRO SOCIALE Il Teatro Sociale, sito in Piazza Vittorio Veneto n. 24, ha una capienza di 560 posti così suddivisi: - platea (suddivisa in una parte piana

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni

Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni legato B Modelli documentazione per istruttoria e autorizzazioni Modello A Domanda di autorizzazione per la manomissione del suolo pubblico Modello B Domanda di autorizzazione, in sanatoria, per la manomissione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx

Comune di Nonantola. Via Marconi 11 Nonantola (MO) xxxxx. xxxxx Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 9/4/8 n 81 art.26, comma 3 AFFIDAMENTO PARZIALE DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER IL PERIODO 1 SETTEMBRE 214 31 AGOSTO 216.

Dettagli

COMUNE DI CORMÓNS APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 298 DELL'8/4/2002 COME MODIFICATO DALLA DELIBERAZIONE

COMUNE DI CORMÓNS APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 298 DELL'8/4/2002 COME MODIFICATO DALLA DELIBERAZIONE COMUNE DI CORMÓNS REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE TECNICA COMUNALE INCARICATA DI VERIFICARE L IDONEITA DEI LUOGHI E DEI LOCALI, SEDE DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

ALLEGATO B/3 Manifestazioni temporanee con capienza superiore a 200 persone

ALLEGATO B/3 Manifestazioni temporanee con capienza superiore a 200 persone ALLEGATO B/3 Manifestazioni temporanee con capienza superiore a 200 persone Il sottoscritto.. (1) (1) Nome e cognome della persona fisica che richiede il rilascio dell autorizzazione/licenza consapevole

Dettagli

LE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE SVOLTE IN LOCATION LA MESSA IN OPERA Location / allestitori info@fondazioneserbelloni.com eventi@fondazioneserbelloni.com FONDAZIONE SERBELLONI Corso Venezia, 16 20121 - Milano

Dettagli

FIERA FACILE VADEMECUM PER L ESPOSITORE

FIERA FACILE VADEMECUM PER L ESPOSITORE FIERA FACILE VADEMECUM PER L ESPOSITORE www.fierabolzano.it info@fierabolzano.it FIERA BOLZANO SPA Piazza Fiera, 900 Bolzano, Alto Adige Italia tel + 9 07 6 000 fax + 9 07 6 CHECK IN: i passi per arrivare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI

REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI REGOLAMENTO PER L USO DA PARTE DI TERZI DI BENI IMMOBILI NELLA DISPONIBILITA DEL COMUNE DI SCANDICCI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 5 marzo 2013 pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità

Dettagli

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA LOCALI FISSI CON CAPIENZA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO Tutti i documenti allegati alla richiesta devono essere in originale od in copia autenticata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

Comune di Cura Carpignano Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA SALA POLIFUNZIONALE IN FRAZIONE PRADO

Comune di Cura Carpignano Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA SALA POLIFUNZIONALE IN FRAZIONE PRADO Comune di Cura Carpignano Provincia di Pavia REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA SALA POLIFUNZIONALE IN FRAZIONE PRADO Allegato deliberazione C.C. n. 14 del 21.06.2013 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo P.zza De Gasperi, 10 24040 Comun Nuovo Tel. 035/595043 fax 035/595575 p.i.00646020164 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

Comune di Roccafranca

Comune di Roccafranca Comune di Roccafranca PROVINCIA DI BRESCIA 25030 Roccafranca (BS) C.F. 00729210179 P.IVA 00576090989 Tel.: 030 7092005-53 Fax: 030 7090235 Sito internet: www.comune.roccafranca.bs.it e-mail: protocollo@pec.comune.roccafranca.bs.it

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. PASCOLI Via N. Pizzoli n. 58 70123 Bari Tel./Fax 0805214555 Fax 0805721764 e-mail: bamm02700r@istruzione.it

Dettagli

Comune di Roccaromana

Comune di Roccaromana Comune di Roccaromana Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI POSTI AUTO COPERTI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 37 del 29/09/2014 INDICE ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLA MANIFESTAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE DELLA MANIFESTAZIONE 2 Edizione Libri all Orizzonte Fiera del Libro di Spoleto 26-28 luglio 2013 Rocca Albornoziana - Piazza Campello 1, 06049 Spoleto REGOLAMENTO GENERALE DELLA MANIFESTAZIONE AVVERTENZA PRELIMINARE Raccomandiamo

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TECNICO REGOLAMENTO STAND GLOBAL ALLEGATO SUB C CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE. Aggiornamento: 12 Luglio 2012 MANUALE ESPOSITORE 2012 1

TECNICO REGOLAMENTO STAND GLOBAL ALLEGATO SUB C CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE. Aggiornamento: 12 Luglio 2012 MANUALE ESPOSITORE 2012 1 Milano 6-7 novembre 2012 Mico Congressi Milano ALLEGATO SUB C CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE REGOLAMENTO TECNICO STAND GLOBAL Aggiornamento: 12 Luglio 2012 MANUALE ESPOSITORE 2012 1 2 MANUALE ESPOSITORE

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

il/i giorno/i/periodo, dalle ore alle ore consistente in (allegare programma oppure descrivere dettagliatamente nello spazio di seguito

il/i giorno/i/periodo, dalle ore alle ore consistente in (allegare programma oppure descrivere dettagliatamente nello spazio di seguito COMUNE DI GALLIATE C.A.P. 28066 PROVINCIA DI NOVARA Piazza Martiri della Libertà, 24 Tel. 0321/800700 Fax 0321/800725 Sito internet:www.comune.galliate.no.it SETTORE POLIZIA LOCALE Piazza Vittorio Veneto,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE

SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE Con la presente convenzione, tra le sottoscritte parti: o Comune di FARA SAN MARTINO,

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. N AN.... DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 9 Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, artt. 26 e 28 D.Lgs 81/2008 Stazione appaltante/ Committente:

Dettagli