CLASSE 5 SA LICEO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE 5 SA LICEO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università, e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. MASERATI Sede Centrale e Uffici: Via Mussini, VOGHERA (PV) Sezione Maserati - Via Mussini 22 - Tel: 0383/ Fax: 0383/62862 Istituto Tecnico settore Tecnologico: Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni - Meccanica, Meccatronica ed Energia Liceo Scientifico: Opzione Scienze Applicate Sezione Baratta - Via don Milani 21 - Tel: 0383/ Fax: 0383/41760 Istituto Tecnico settore Economico: Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo Istituto Tecnico settore Tecnologico: Costruzioni, Ambiente, Territorio PEC: Website: codice fiscale: codice meccanografico: PVIS00900Q ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE 5 SA LICEO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE IL CONSIGLIO DI CLASSE Dezza Filippo Docenti Dirigente Scolastico Materie Baggini Alessandra Filosofia Bertassi Marco Informatica e sistemi Castoldi Maria Luisa Biologia e Scienze Naso Ilaria Laboratorio di Chimica e di Biologia Frattini Flavio Lab. di matematica Ghiacci Paolo Religione Giorgi Vittoria Italiano e storia Grossi Renata Matematica Masanta Monica Inglese Montagna Danila Chimica Morini Angelo Fisica Poggi Maurizio Laboratorio di fisica Vinciguerra Guido Lab. di informatica Caputo Michela Educazione fisica Voghera, 15 Maggio 2014

2 INDICE Profilo dell indirizzo Mappa delle competenze Profilo della classe 1. Situazione di partenza del triennio 2. Esperienze significative maturate dalla classe 3. Esperienze significative maturate dai singoli studenti 4. Composizione della classe 5. Stabilità del corpo docenti 6. Variabili che hanno influito sul lavoro di classe 7. Tempi effettivi per singola disciplina Obiettivi raggiunti 1. Obiettivi trasversali 2. Obiettivi disciplinari Attività didattiche 1. Strumenti per la rilevazione diagnostica in ingresso 2. Contenuti disciplinari 3. Attività integrative 4. Attività di recupero e potenziamento Metodologie didattiche e strumenti per la valutazione 1. Metodologie didattiche nelle singole discipline 2. Strumenti didattici 3. Modalità di verifica 4. Misurazione del grado di apprendimento : griglia di valutazione 5. Criteri di attribuzione del credito scolastico pag.3 pag.4 pag.5 pag.10 pag.11 pag.13 Allegati 1. Programmi : obiettivi e contenuti disciplinari 2. Simulazioni di prima, seconda e terza prova 3. Schede di valutazione utilizzate per la correzione delle simulazioni

3 PROFILO DELL'INDIRIZZO Il corso di studi si propone di promuovere la consapevolezza del ruolo e dell incidenza dei moderni apparati scientifici e tecnologici sulla generalità delle attività umane e la conseguente valorizzazione della razionalità e della responsabilità etica. L obiettivo viene perseguito mediante l integrazione della preparazione scientifico-tecnologica, caratterizzante l indirizzo, con un ampia e articolata preparazione umanistica, tesa ad assicurare gli strumenti essenziali al raggiungimento di una visione complessiva delle realtà storiche e delle espressioni culturali delle società umane. Nell ambito dell area scientifico tecnologica è dedicato ampio spazio alle attività laboratoriali, che per loro natura favoriscono l analisi critica del contesto fenomenico considerato e la riflessione metodologica sulle procedure sperimentali. L obiettivo finale del corso di studi, identificabile nella formazione di una personalità armonica, sensibile alle sollecitazioni del progresso e contemporaneamente attenta alla tutela dei valori etici e culturali, viene perseguito attraverso il lavoro integrato nei contenuti e condiviso nelle finalità dei docenti componenti il Consiglio di Classe. Le caratteristiche generali dello studente al termine del corso di studi sono le seguenti: - versatilità e propensione culturale al continuo aggiornamento; - ampio ventaglio di competenze nonché capacità di orientamento di fronte a problemi nuovi e di adattamento alla evoluzione della realtà circostante; - capacità di cogliere la dimensione economica dei problemi; Le conoscenze, le competenze, le capacità acquisite o affinate nel corso del quinquennio di studi potranno essere messe a frutto attraverso: - l accesso all attività produttiva, previa la frequenza di corsi di specializzazione post-secondaria; - la prosecuzione degli studi in ambito universitario, con particolare riferimento alle facoltà scientifico-tecnologiche.

4 MAPPA DELLE COMPETENZE Al termine del corso di studi, lo studente che ha frequentato il Liceo Scientifico- Tecnologico, deve: a) conoscere i principi fondamentali di tutte le discipline che concorrono alla formazione di base in generale, nel settore tecnico-scientifico in particolare b) aver acquisito la capacità di esprimersi con un linguaggio appropriato alle singole situazioni di vita e di lavoro la capacità di organizzare in modo logico il pensiero (premesse, obiettivi, sviluppo, sintesi) la capacità di comunicare, sia in forma orale, sia in forma scritta, utilizzando in modo appropriato codici linguistici e non linguistici diversi c) saper applicare le conoscenze acquisite a situazioni nuove d) saper analizzare un problema proposto individuando, tramite la rielaborazione delle conoscenze acquisite, gli strumenti necessari per risolverlo e) saper sintetizzare i contenuti attuando i necessari collegamenti sia all interno della disciplina, sia in ambito pluridisciplinare.

5 1. PROFILO DELLA CLASSE 1.1 Situazione di partenza del triennio All inizio del triennio (a.s ), la classe si componeva di 21 alunni, provenienti dalla classe seconda.durante l anno scolastico uno studente si ritirava.i restanti 20 studenti passano alla classe quarta. Al quarto anno (a.s ) si inserivano due alunni ripetenti di cui uno proveniente dal Liceo Scientifico di Castel San Giovanni. Alla fine del quarto anno quattro alunni non venivano ammessi alla classe successiva. Al quinto anno ( a.s ) la classe risulta composta da 21 alunni (tre femmine e 18 maschi)in quanto si inseriscono tre studenti ripetenti di cui uno proveniente dal Liceo Tecnologico di Tortona. 1.2 Esperienze significative maturate dalla classe Nel corso del triennio la maggior parte degli alunni della classe ha partecipato a numerose attività integrative organizzate dalla scuola, sia per quanto riguarda l area della cultura (scientifica, tecnica, umanistica), che quella del benessere. Si ricordano le esperienze più significative quali: Educazione alla salute Olimpiadi di matematica, informatica, scienze Scienza under 18 Sperimenta il BioLab Project: Your Life (Arbasino,Brusoni,Croce, Draghi,Giordano,Leggio,Nonini,Pedamonti,Scarani, Scianni,Tarditi,Vivaldini) Progetto orientamento (in collaborazione con l Università di Pavia, col Politecnico di Milano e con altre realtà Universitarie compatibili con il nostro bacino di utenza). Stages universitari Progetto Lauree Scientifiche Corsi ECDL Attività sportive Corso di sci alpino ( 5 giorni sulla neve ) Summer school Conferenze varie tenute da esperti, docenti,

6 ricercatori universitari legate a progetti interni attuati in Istituto Progetto Guida sicura in collaborazione col Comando Polizia Municipale di Voghera Incontri con rappresentanti della associazioni di Volontariato quali AVIS, AIDO Concorso Il tempo della storia 1.3 Esperienze significative maturate dai singoli studenti Arbasino Stefano E in possesso della certificazione FCE Brusoni Marco Ha partecipato ai campionati provinciali di pallavolo Croce Davide Si è classificato primo ai campionati provinciali di nuoto Fiori Francesco Si è classificato primo ai campionati regionali di nuoto Nonini Paolo Ha superato il test di ammissione ad Architettura Pedamonti Dabal E in possesso della certificazione ECDL Ha partecipato allo stage estivo della Scuola S. Anna di Pisa. Scarani Gianluca Ha superato il test di ammissione ad Architettura Tarditi Alberto E in possesso della certificazione ECDL

7 1.4 Composizione della classe La classe, giunta al termine del triennio, si compone di 21 alunni ( 18 studenti e 3 studentesse) Arbasino Stefano 05/09/1995 Brusoni Marco 01/12/1995 Campagnoli Gabriele 28/11/1994 Croce Davide 06/07/1995 Draghi Barbara 10/06/1995 Ferrari Andrea 03/01/1995 Fiori Francesco 28/05/1995 Galuppo Selena 18/01/1994 Giordano Barberis Giacomo 17/07/1994 Leggio Matteo 03/09/1995 Nonini Paolo 14/10/1995 Pedamonti Dabal 21/12/1995 Rattaggi Francesco 10/11/1994 Remotti Mattia 14/12/1992 Rizzo Daniele Carmine 23/02/1995 Rizzo Davide 27/10/1995 Scarani Gianluca 30/09//1995 Scianni Jessica 16/04/1995 Tarditi Alberto 26/05/1995 Varotto Alessandro 08/07/1994 Vivaldini Mirko 19/01/1995

8 1.5 Stabilità del corpo docenti nel triennio Cognome Nome Materia Continuità dall anno scolastico Ghiacci Paolo Religione Giorgi Vittoria Lingua e Lettere italiane, Storia Masanta Monica Inglese Baggini Alessandra Filosofia Grossi Renata Matematica Frattini Flavio Laboratorio di Matematica Castoldi Maria Luisa Biologia, Scienze della Terra Morini Angelo Fisica Poggi Maurizio Laboratorio di Fisica Montagna Danila Chimica Naso Ilaria Laboratorio di Chimica Bertassi Marco Informatica e sistemi Vinciguerra Guido Laboratorio di Informatica Caputo Michela Educazione Fisica

9 1.6 Variabili che hanno influito sul lavoro della classe (partecipazione, impegno, rapporti con le famiglie) La maggior parte degli alunni ha partecipato in modo a- deguato all attività didattica, e fra questi alcuni hanno dimostrato serietà, senso di responsabilità e costanza nell impegno e nell assolvimento dei propri doveri e hanno collaborato in modo costruttivo con i docenti. Un altro gruppo ha invece adottato un atteggiamento talvolta poco motivato il che ha richiesto una più intensa azione di stimolo e coinvolgimento da parte dei docenti stessi. Il comportamento degli studenti è sempre stato corretto ed educato. I rapporti con le famiglie sono stati tenuti con continuità dal coordinatore di classe e dai singoli docenti. 1.7 Tempi programmati ed effettivi per singola disciplina Programmate per l intero anno scolastico Ore di lezione Effettuate al 15 maggio Religione Italiano 132* 118 Inglese 99* 80 Storia Filosofia Matematica e Laboratorio Informatica -Sistemi e Lab Biologia e Laboratorio Scienze della Terra 66* 44 Fisica e Laboratorio 132* 106 Chimica e Laboratorio Educazione Fisica *rimando all attività di compresenza allegata ai programmi delle singole discipline

10 Il recupero delle ore di attività didattica, dovuto alla riduzione dell ora di lezione a 55 minuti, è stato attuato attraverso attività integrative e viaggi di istruzione. A partire dall anno scolastico 2011/2012, per permettere la riduzione delle ore settimanali da 34 a 32, è stata prevista, nell ambito della autonomia, l attività di compresenza di matematica/fisica e informatica/biologia nella classe terza per un totale di circa 30 ore annuali;fisica/chimica e biologia /storia/filosofia nella classe quarta per un totale di circa 30 ore annuali;fisica/scienze della terra e italiano / inglese per un totale di 20 ore annuali nella la classe quinta. 2. OBIETTIVI RAGGIUNTI 2.1 Obiettivi trasversali raggiunti: da tutti dalla maggioranza da alcuni Acquisizione di un metodo scientifico di studio: Saper risalire alle cause che hanno generato un fenomeno Saper riconoscere in situazioni diverse la presenza di problemi comuni Saper identificare le diverse soluzioni date ai problemi individuati Saper programmare i propri impegni quotidiani in vista del conseguimento dei risultati attesi in tutte le discipline X X X X Sviluppo delle capacità di comunicazione: Saper comprendere ed utilizzare in modo appropriato il linguaggio specifico delle discipline studiate Saper tradurre da un codice a un altro Saper organizzare le informazioni rilevate Saper riconoscere le implicazioni e saper proporre i significati impliciti in modo chiaro, anche se lineare X X X X Potenziamento del senso di responsabilità personale, dell autonomia e della socializzazione : Sapersi assumere la responsabilità di esprimere le proprie idee Saper dimostrare disponibilità verso i compagni, soprattutto se in difficoltà X X

11 Saper commisurare i risultati attesi alle proprie capacità e alla quantità e alla qualità dell impegno profuso nello studio X 2.2 Obiettivi specifici disciplinari Si rinvia all ALLEGATO 1, dove gli obiettivi specifici disciplinari costituiscono la premessa di ogni programma 3. ATTIVITA' DIDATTICHE 3.1 Strumenti di rilevazione diagnostica in ingresso Test d ingresso Osservazione sistematica del gruppo classe 3.2 Contenuti disciplinari I contenuti delle singole discipline sono indicati nell ALLEGATO Attività integrative Attività integrativa Argomento Ricaduta Conferenze attivate nel triennio Incontri con esperti AIDO e AVIS Seminario Ondivaghiamo tenuto dalla prof. C. Vacchi - Facoltà di Ingegneria dell università di Pavia Conferenze scientifiche in Istituto nell ambito del progetto Primavera della scienza Sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili La scoperta del bosone di Higgs tenuto dalla dott. D. Rebuzzi ricercatrice del I.N.F.N. sezione di Pavia Positiva in termini di interesse e partecipazione

12 Utilizzo del radar per le indagini nel sottosuolo tenuto da un docente del Politecnico do Milano Cellule staminali ematopoietiche Incontro con docenti universitari e ricercatori(università di Milano) sulla sensibilizzazione della vivisezione. Positiva in termini di interesse e partecipazione Visite d istruzione Berlino (a.s ) Praga (a.s ) Positiva Visite guidate C.E.R.N. di Ginevra (a.s.2012/2013) C.N.A.O. di Pavia (a.s.2013/2014) Positiva Corsi residenziali Project your life ( Winchester ) Partecipanti : Arbasino,Brusoni, Croce,Draghi,Giordano,Leggio,Nonini,Pedamont i,scarani,scianni,tarditi,vivaldini. Stage Scuola S.Anna di Pisa Partecipanti: Pedamonti Dabal Positiva

13 3.4 Attività di potenziamento e recupero Simulazioni di prove d esame Due simulazioni di terza prova ( si rimanda all ALLEGATO 2 ) tipologia : quesiti a risposta breve (tipologia B ) tempo disponibile 150 minuti quella di febbraio,120 quella di aprile date: 25 febbraio 2014 e 29 Aprile 2014 Una simulazione di prima prova ( si rimanda all ALLEGATO 2 ) disciplina : italiano data:16 Maggio 2014 tipologia : secondo le modalità della prova d esame Una simulazione di seconda prova ( si rimanda all ALLEGATO 2 ) Disciplina: fisica data: 27marzo 2014 tipologia : secondo le modalità della prova d esame Per ragioni organizzative non verrà effettuata una seconda simulazione di seconda prova comune a tutte le quinte e sarà sostituita da verifiche che nei tempi, nei modi e a discrezione di ogni singolo docente,verranno somministrate nelle rispettive classi. Corsi di recupero Nel corso dell anno scolastico gli insegnanti hanno offerto agli alunni la possibilità di recuperare i moduli non svolti o insufficienti anche in sessioni al di fuori dell orario curricolare con l attuazione di corsi di recupero. Alcuni insegnanti hanno svolto corsi pomeridiani di approfondimento.

14 4. METODOLOGIE DIDATTICHE E STRUMENTI PER LA VALU- TAZIONE 4.1 Metodologie didattiche Lezioni frontali partecipate Lezioni interattive Problem solving Lavori gruppo di Discussioni Attività di laboratorio Religione X X X Italiano X X Inglese X X X Storia X X Filosofia X Matematica e Laboratorio X X X Informatica Sistemi e Laboratorio X X X X X Biologia e Laboratorio X X X X Scienze della Terra X X X X Fisica e Laboratorio X X X X Chimica e Laboratorio X X X X X Educazione fisica X X X X PALE- STRA

15 Religione Italiano Inglese Storia Filosofia Matematica Informatica Biologia Scienze della Terra Fisica Chimica Ed. Fisica Religione Italiano Inglese Storia Filosofia Matematica Informatica Biologia Scienze della Terra Fisica Chimica Ed. fisica 4.2 Strumenti didattici utilizzati (indicare 0 = mai 1 = talvolta 2 = spesso 3 = sistematicamente) Libro di testo Dispense o appunti Materiale: o Cass. Audio o Giorn. Riv. o Videocass o Pagine web Cd-rom 1 1 Laboratori Laboratori PC Biblioteca scolastica 4.3 Modalità di verifica (indicare il numero di prove effettuate nell'anno) Interrogazione Interrogazione breve Produzione di testi Prove strutturate 3 1 Prove semistrutturate Risoluzione di problemi Costruzione di modelli 1 Lavori di gruppo Prove pratiche 2 Prove di laboratorio Quesiti a risposta aperta

16 4.4 Misurazione del grado di apprendimento. GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Voto Conoscenze Competenze Capacità/abilità Nessuna Nessuna Nessuna Gravissime lacune Nessuna Nessuna Molto frammentarie Frammentarie Limitate e superficiali Corrispondenti agli obiettivi minimi Complete, se guidato sa approfondire. Complete, sa approfondire Complete, organiche, articolate e con approfondimenti autonomi. Complete, organiche, approfondite e ampliate in modo personale La corrispondenza fra voti e livelli di conoscenza è stata determinata secondo la seguente griglia di valutazione approvata dal Collegio Docenti e inserita nel P.O.F. Applica le conoscenze minime solo se guidato, ma con gravi errori. Si esprime in modo scorretto e improprio. Compie analisi errate Applica le conoscenze minime solo se guidato, ma con errori Si esprime in modo scorretto e improprio. Compie analisi lacunose e con errori. Se guidato applica le conoscenze con imperfezioni. Si esprime in modo impreciso. Compie analisi parziali. Sa utilizzare la strumentazione di laboratorio solo se guidato. Se guidato applica le conoscenze senza commettere errori sostanziali. Si esprime in modo semplice e corretto. Sa compiere analisi sufficientemente corrette nella soluzione di problemi tipici. Sa utilizzare nelle prove pratiche proposte la strumentazione di base del laboratorio. Applica le conoscenze anche a problemi complessi, ma con imperfezioni. Espone in modo corretto e linguisticamente appropriato. Utilizza la strumentazione di laboratorio, consulta i manuali tecnici per organizzare la verifica pratica richiesta. Applica correttamente le conoscenze anche a problemi complessi. Espone correttamente utilizzando linguaggi disciplinari specifici. Compie analisi corrette, cogliendo implicazioni e relazioni. Sa organizzare le verifiche pratiche autonomamente, consultando la documentazione tecnica. Applica le conoscenze in modo corretto e autonomo, anche a problemi complessi. Espone in modo fluido e utilizza i linguaggi disciplinari specifici. Compie analisi approfondite e individua correlazioni precise. Organizza le verifiche pratiche, consulta opportunamente la documentazione tecnica, sa relazionare sul lavoro svolto in modo logico e sintetico. Applica le conoscenze in modo corretto e autonomo, anche a problemi complessi e individua soluzioni originali e fondate. Espone in modo fluido, utilizzando un lessico ricco ed appropriato. Organizza le verifiche pratiche, consulta con competenza la documentazione tecnica, sa relazionare sul lavoro svolto in modo logico e sintetico, sa progettare dispositivi. Nessuna Nessuna Gestisce con difficoltà situazioni semplici. Rielabora sufficientemente le informazioni e gestisce nuove situazioni semplici solo se opportunamente guidato. Rielabora in modo corretto le informazioni e gestisce le nuove situazioni semplici in modo accettabile. Rielabora e gestisce correttamente nuove situazioni. Rielabora e gestisce autonomamente con prontezza nuove situazioni. Rielabora e gestisce in modo autonomo e critico nuove situazioni complesse anche pluridisciplinari.

17 ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO ALLE CLASSI 5 a Allievo classe a.s. 2013/2014 MEDIA DEI VOTI ELEMENTI DI VALUTAZIONE VALORE CORRISPONDENZA PUNTI Valorizzazione della media dei voti VOTO DI CONDOTTA Frequenza Interesse Partecipazione Attività curricolari di progetto o extracurricolari con valutazione Attività extracurricolari con valorizzazione ore M = 6 punti 4 6<M 7 punti5 7<M 8 punti 6 8<M 9 punti 7 9<M 10 punti 8 0,40 = 0,20 punti 0,80 = 0,40 punti 6 = - 0,20 punti 7 = - 0,10 punti 8 = 0 punti 9 = 0,20 punti 10 = 0,30 punti ATTIVITÀ SCOLASTICHE INTEGRATIVE discreto = 0,10 punti buono = 0,20 punti ottimo = 0,30 punti 0,10 punti ogni 10 ore Esami ECDL superati *** 0,20 punti per esame Certificazione linguistica *** 0,30 punti Work Shadow Project Your life 0,40 punti Stage universitari 0,40 punti Alternanza scuola lavoro per 3 settimane = 0,60 punti ogni sett. Aggiuntiva = 0,10 punti Religione/Attività alternativa Partecipazione a concorsi ed a Olimpiadi 0,10 punti buono = 0,05 punti distinto = 0,15 punti ottimo = 0,25 punti Partecipazione a concorsi, ad Olimpiadi, a Gare Sportive a livello provinciale con esiti positivi 0,30 punti Iniziative in rappresentanza dell Istituto 0,10 punti Rappresentanza in Organi Scolastici 0,20 punti CREDITO FORMATIVO Attività di volontariato in Enti vari 0,10 punti per attività Attività sportive esterne non a scopo di lucro 50 ore = 0,10 punti 90 ore = 0,20 punti Attività di lavoro in settore attinente allo studio (studenti-lavoratori) 0,40 punti Varie 0,10 punti per ogni attività riconosciuta dal C. di C. TOTALE Arrotondamento al punteggio superiore se la frazione è 0,5 Punteggio attribuito cl. 5 a Punti credito classe 4 a Punti credito classe 3 a TOTALE CREDITO SCOLASTICO **gli esami ECDL e di certificazione della lingua straniera superati nel biennio e nelle classi 3^ e 4^ possono essere valutati in parte per il credito della classe terza e, per la parte restante, per la classe quarta ma NON per la classe quinta.

18 ALLEGATO 1 Programmi:obiettivi e contenuti disciplinari

19 PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE 5 a A.S SA I Papi del Leone XIII e la Rerum Novarum - Benedetto XV e la Grande Guerra - Pio XI e il Concordato - Pio XII e la Shoà - Giovanni XXIII e il Concilio Vat. II - Paolo VI e la Politica Italiana - Giovanni Paolo I - Giovanni Paolo II e i suoi viaggi - Benedetto XVI e la teologia - Francesco e la riforma della Chiesa Attualità - La posizione dei divorziati nella Chiesa - La Conferenza Episcopale Italiana - Le finanze della Chiesa Cattolica - La Chiesa Vogherese nel Chiesa e mondo del lavoro Voghera 14/05/2014 L insegnante (Paolo Ghiacci)

20 Anno Scolastico 2013/2014 Classe 5SA Liceo scientifico-tecnologico ITALIANO - STORIA Testo in uso: Baldi- Giusso-Razetti- Zaccaria Il libro della letteratura, testi e storia, vol.3/1 e vol.3/2 Edizioni Paravia 2011 Finalità formative delle materie umanistiche perseguite nel corso del triennio: -consapevolezza della specificità del fenomeno letterario come espressione della civiltà di un popolo e di un tempo; -la conoscenza dei testi più rappresentativi del patrimonio letterario italiano nella sua relazione con altre letterature, soprattutto europee; -la padronanza del mezzo linguistico nella ricezione e nella produzione orale e scritta; cui si aggiungono: -la consapevolezza che ogni manifestazione letteraria è inscindibilmente connessa con le manifestazioni artistiche (pittoriche, architettoniche, musicali) e filosofiche espresse nel periodo preso in considerazione; -il riconoscimento dello spessore storico e culturale della lingua italiana. Gli obiettivi generali delle discipline umanistiche sono così sintetizzabili: - comprensione corretta dei contenuti - restituzione dei contenuti correttamente acquisiti con espressione chiara ed appropriata - capacità di analisi e di sintesi dei problemi a livello didattico disciplinare e a livello generale - applicazione autonoma delle informazioni possedute - abilità di collegamento fra i vari argomenti e le diverse aree disciplinari per giungere alla - sicurezza nella collocazione di un testo nel generale contesto storico del tempo e nel relazionarlo ad opere dello stesso o di altri autori, coevi o di altre epoche e alla - capacità di mettere un testo in rapporto alle proprie esperienze e alla propria sensibilità per formulare un proprio motivato giudizio critico. - la capacità di mettere in relazione un testo con le tradizioni dei codici formali, altre espressioni artistiche e culturali. La conoscenza ( intesa come presa di possesso intellettuale con attività sistematica dei contenuti) sarà ricercata attraverso la sistematizzazione delle informazioni acquisite e sedimentate in quadri concettuali sempre più ampi. Nella classe sono stati raggiunti i seguenti obiettivi minimi da parte di tutti gli studenti: -conoscenza sufficiente delle linee fondamentali degli argomenti presi in esame. - Comprensione degli stessi, capacità di collocare i testi proposti nel tempo storico e culturale - Espressione essenziale, ma corretta della lingua italiana. - Accettabile applicazione degli argomenti studiati. Programma di Italiano Modulo 1: G.Leopardi : la vita, il pensiero. Le varie fasi del pessimismo. Lettura e analisi da Canti L infinito, A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante dell Asia. Dalle Operette morali: Dialogo della Natura e un Islandese. La ginestra ( vv.1-50; ; ; )

21 Modulo 2 : Il Positivismo: caratteri generali. Il Naturalismo e i suoi maggiori rappresentanti. Zola: da L ammazzatoio: L alcol invade Parigi Il verismo italiano: caratteri specifici. Verga: opere giovanili e opere veriste. Lettura delle seguenti novelle: da Vita dei campi : Rosso Malpelo, Fantasticheria. da Novelle rusticane La roba. Il ciclo dei Vinti I Malavoglia : la trama. Lettura della Prefazione e dei seguenti passi in antologia: Il mondo arcaico e l irruzione della storia, la conclusione del romanzo. Mastro don Gesualdo : la trama. Modulo 3 : Il Decadentismo e i suoi caratteri generali, la crisi di fine ottocento. Il simbolismo francese e i poeti maledetti. Baudelaire da I fiori del male : Corrispondenze Estetismo: Oscar Wilde Il ritratto di Dorian Gray : la trama. G.D Annunzio: le opere, la poetica. Il romanzo Il Piacere : Il ritratto di Andrea Sperelli Lettura da Alcyone : La sera fiesolana. Il simbolismo italiano: G. Pascoli: la vita, la poetica. Lettura, analisi e commento da Myricae: X agosto, Novembre, Temporale, Il lampo, Il tuono Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno. Lettura di alcuni passi della prosa Il fanciullino. Modulo 4 : Futurismo: caratteri generali. Lettura da F.T. Marinetti : Il manifesto del Futurismo Il romanzo del Novecento. L. Pirandello: la vita, la concezione poetica e le opere. Lettura del saggio Umorismo Trama dei romanzi : Uno, nessuno e centomila lettura del brano Nessun nome e Il fu Mattia Pascal la costruzione della nuova identità Lettura dalle novelle : Il treno ha fischiato, La patente, La novità del teatro pirandelliano, la maschera e il volto, forma e vita. Italo Svevo : la vita, la formazione culturale nel contesto europeo, le opere. Psicanalisi e romanzo. Da La coscienza di Zeno lettura de La morte del padre e La vita è una malattia. Modulo 5 : La nuova poesia, le caratteristiche. G. Ungaretti: la vita, le esperienze culturali. Da : L Allegria. Lettura, analisi e commento delle seguenti liriche: In memoria, Veglia, I fiumi, Soldati, San Martino del Carso. Modulo relativo alla Divina Commedia: Sono stati letti e commentati i seguenti canti della cantica Paradiso : I, III, XV, XVII.

22 Attività di compresenza Italiano/Inglese From Page to Screen Testi da The Great Gatsby di F.S.Fitzgerald, The Picture of Dorian Gray di Oscar Wilde, 1984 di G.Orwell e immagini da The Great Gatsby (1974) diretto da J.Clayton, Dorian Gray (2009) diretto da Oliver Parker, 1984 (1984) diretto da Michael Radford Docenti : Vittoria Giorgi ( Italiano) e Monica Masanta ( Inglese ) Ore annuali previste : 33 Ore effettuate: 20 Finalità Leggere e analizzare testi in lingua originale Individuare collegamenti e relazioni di carattere storico e letterario Acquisire e interpretare l informazione Dalla parola all immagine: cogliere la correlazione tra la letteratura e il cinema Tematiche di particolare approfondimento: Il tema del doppio nella letteratura del Novecento La figura del dandy nella letteratura europea ed extraeuropea Il rapporto tra stato e cittadino: democrazie e totalitarismi Unità di apprendimento Contesto storico, economico e sociale in Europa e in Usa. The novel The Great Gatsby by F.S. Fitzgerald. Ottobre/Novembre 2013 Contenuti Conoscenze Abilità Competenze Testo critico di Fernanda Pivano : introduzione a Di qua dal paradiso Milano Mondadori 1952 Il I^ dopoguerra e la crisi degli stati liberali in Europa. Il contesto culturale americano Individuare nel romanzo le trasformazioni storico-sociali attraverso l analisi dei protagonisti Saper confrontare il linguaggio letterario e quello filmico Hot shots from the film and related texts from the novel (from Ch 1,2,3) Synopsis, setting and social scene Reading and listening abilities Saper riconoscere il testo scritto nella trasposizione filmica Unità di apprendimento 2 Gli anni ruggenti. L età del jazz. The novel The Great Gatsby by F.S. Fitzgerald. Dicembre2013/Gennaio 2014

23 Contenuti Conoscenze Abilità Competenze Hot shots from the film and related texts from the novel (from Ch 4,5,7) La grande crisi del 1929 e le trasformazioni sociali e politiche. Dagli USA all Europa. Analizzare e descrivere i caratteri dei personaggi attraverso le vicende narrate Saper confrontare il linguaggio letterario e quello filmico Hot shots from the film and related texts from the novel (from Ch 4,5,7) Focus on the main characters, their personalities and the development of their relationships. Writing: describing people, places, relations. Saper cogliere tratti descrittivi essenziali alla descrizione dell essenza dei personaggi Attività di verifica: Simulazioni di terza prova Gennaio 2014 Unità di apprendimento 3 La figura del dandy. Il quadro letterario europeo The novel The Picture of Dorian Gray by O.Wilde Gennaio/ Febbraio 2014 Contenuti Conoscenze Abilità Competenze Passi da Il piacere di D Annunzio ( ritratto di Andrea Sperelli ). Hot shots from the film and related texts from the novel (from Ch 1,3,4) Definizione letteraria di dandy Synopsis, setting and social scene Saper collegare esperienze letterarie europee contemporanee Reading and listening abilities Saper riconoscere il testo scritto nella trasposizione filmica Saper riconoscere il testo scritto nella trasposizione filmica Unità di apprendimento 4 Il tema del doppio in Pirandello. The novel The Picture of Dorian Gray by O.Wilde Marzo 2014 Contenuti Conoscenze Abilità Competenze Lettura di passi da Uno, nessuno e centomila e da Il fu Mattia Pascal di L. Pirandello La crisi dell uomo moderno nella letteratura del Novecento Scrittura:analisi delle situazioni e dei personaggi Saper individuare la novità psicologica all interno della poetica pirandelliana

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli