Atti Parlamentari XVI Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti Parlamentari XVI Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE"

Transcript

1 Atti Parlamentari XV Camera dei Deputati CAMERA DE DEPUTAT N.481 ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE Schema di aggiornamento del contratto di programma per la gestione degli investimenti tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e Rete ferroviaria italiana Spa (481) (articolo 1 della legge 14 luglio 1993, n. 238) Trasmesso alla Presidenza il 28 maggio 2012

2 ,i!.~ ".UPPO...OVE DliLLO &TATO nalan 1861.U...l... )o t:on ;. ). ~Bf:!Mm'ARAHAl.llAf'/A CONTRATTO D PROGRAMMA PER LA GESTONE DEGL NVESTMENT Aggiornamento 2010/11 tra il Ministero delle nfrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria taliana SpA \ \ l '\ Roma, 21 maggio 2012

3 CONTRATTO D PROGRAMMA PER LA GESTONE DEGL NVESTMENT Aggiornamento 2010/11 ndice ARTCOLATO TAVOLE D SNTES Fig.l "Evoluzione del portafoglio CdP " Tav. 1 "Articolazione del contratto per classi tipologiche di investimento" Tav.2 "Prospetto di sintesi delle fonti e degli impieghi di cassa della Tabella A e Al" TABELLE Tab.A Tab.Al Tab.E "Opere in corso" "Progetti infrastrutturali realizzati per "lotti costruttivi non funzionali"" "nvestimenti ultimati" Tab.F "Crediti in conto investimenti al " ALLEGAT 1. Relazione nformativa sull' aggiornamento Schede illustrative sull'aggiornamento Contratto di Programma parte nvestimenti Opere Programmatiche per lo sviluppo della Rete Ferroviaria Nazionale \

4 AGGORNAMENTO DEL CONTRATTO D PROGRAMMA PARTE NVESTMENT TRA L.v!lNSTERO DE LE TNFRAsTRurruRE E DE TRASPORT, E LA RETE FERROVARA l'l'all\na S.P.A., in persona dell'amministratore delegato protempore, PREMESSO che: in data 30 ottobre 2007, con nota Prot. N i Ministri delle infrastruthlfe e dell'economia hanno congiuntamente recepito quanto indicato dal CPE nella Delibera N 63/07 con la quale" stato approvato il Contratto di Programma, prendendo specifici impegni al fme di tenere indenne il Gestore da effetti di future decisioni dello Stato dl definanziare o ridurre i fiussi fmanziari previsti nel Contratto e di garantire la copertura finanziaria dell'intero programma quinquennale di manutenzione straordinaria nell'arco di vigenza del contratto~ in data 31 ottobre 2007, è stato sottoscritto tra il Ministero delle infrastrutture e Rete Ferroviaria taliana S.p.A. il Contratto di Programma , parte investimenti, registrato alla Corte dei Conti in data 28 dicembre 2007, Reg.9, Fog. 362; in data 18 marzo 2008 è stato sottoscritto tra il Ministero delle infrastrutture e Rete Ferrm~aria taliana S.p.A. l'aggiornamento 2008 del Contratto di Programma , parte investimenti, registrato alla Corte del Conti in data 24 aprile Reg.4, Fog. 218, dopo i previsti pareri del CPE nella seduta del 31 gennaio 2008 c della lx A Commissione permanente (Trasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera dei Deputati c l'vh A Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) del Senato rispettivamente nelle sedute del 19 e del 26 febbraio 2008; in data 23 dlcembre 2010 è stalo sottoscritto tra il Ministero delle infrastrutture e trasporti e Rete Ferrm'iaria taliana S.p.A. l'aggiornamento 2009 del Contratto di Programma , parte investimenti, registrato alla Corte dei Conti in data 4 febbraio 2011 Reg.l, Fog. 92, dopo i previsti pareri del CPE nella seduta dci 13 maggio 2010 e della X A Commissione permanente (TJtasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera dci Deputati e l'vlla Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) del Senato rispettivamente nelle sedute del 1 e dci 7 dicembre 2010; in data 3 agosto 2011 il CPE ha approvato il documento programmatico di attuazione del Piano nazionale per il Sud come da Delibera no 62 registrata alla Corte dei Conti in data 21 dicembte 2011 Reg.12, Pog. 33; in data 6 dicembte 2011 il CPE ha esaminato lo schema di aggiornamento del Contratto di programma fra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e RF S.p.A.; in data 10 e 14 dicembre 2011 SOllO stati sottoscritti gli accordi tra il Mitllstero per i rapporti con le Regioni e per la Coesione '1'erritoriale e le Regioni Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia e Calabria a seguito dci quali sono stati stanziati ulteriori finanziamenti per investimenti al Sud derivanti dalla riduzione del tasso di eofmanziamento nazionale; 11 Contratto, ai sensi dell'art. 2 comma 1, ha per oggetto la disciplina dei rapporti tra lo Staro c RF con riguardo: \~

5 a) alla realizzazione degli investimenti per l'infrastruttura ferroviaria, alla manutenzione straordinaria ed al rinnovo dell'infrastruttura medesima, nonché all'adozione di tutte le misure, gli interventi, le attività e le opere ai fini del miglioramento della qualità dci servizi, dello sviluppo dell'infrastruttura fcrroviaria c dci rispetto dci livelli di sicurezza compatibili cun l'evoluzione tecnologica; b) alle modalità di fmanziamento delle suddette attività allo scopo di individuare i mezzi disponibili per il raggiungimento degli obiettivi di cui alla lettera a); il Contratto, ai sensi dell'art. 3 comma 2 stabilisce che ':t demftr!re ddll'anno 2008, entlo il llese di gennaio di àajcun anno, le parti dejinùcono l'eljentuale llodi(ìmzione dei,'ontenuti delle Tabe/e e delle Tawle allegate alpresente contratlo ancbe per tenere conto delle ultenon n'sorse.!ìnani/illie me desponibili dalla legge jinani!and, e dalle,ggi ad essa collegale per l'anno in torso, occorre quindi proccdcre all'aggiornamento del medesimo Contratto per tenere conto delle moditìcaziorn delle risorse finanziarie che sono costituite da: una variazione m diminuzione per un importo patl a 922 milioni di euro per il dcfinanziamento operato dal Decreto Legge N 78/2010 (convertito con Legge N 122/2010), tale definanziamento è stato recepito dalla Legge N 220 (Legge di Stabilità 2011) emanata in data 13 dicembre 2010, che nella nuova Tabella E ( in cui sono confluiti i dati delle ex Tabelle D ed F) non ha recato riwrse aggiuntive per competenza menl:re ha confermato gli stanziamenti di cassa previsti a legislazione vigente, al netto del defmanziamento, per gli anni 2011, 2012 e 2013 pari rispett1vamente a 2.086, e 2.\01 milioni di euro e milioui di euro per gli anni 2014 e successivi sul capitolo 7122 e 600 milioni pcr ciaseuno degli anni 2011, 2012 e 2013 e milioni di curo per gli anni 2014 c successivi sul capitolo 7124; una variazione in diminuzione per un inlporto pari a 215 milioni di euro per il dcfinanzìarncnto operato dal Decreto Legge no 98/2011(convcrtito con Legge no 111/2(11) sull'importo stanziato a legislazione vigente dalla sopra citata Legge di Stabilità 2011 per l'anno 2011; una variazione in dimmuzione per un importo pari a 650 milioni di euro per il definanziamento operato dal Decreto Lcgge no 138/2011 (convertiro con Legge no 148/2011), tale ùcfinanziamenro è stato recepito dalla Legge N 183 (Legge di Stabilità 2012) emanata in data 12 novembre 2011 che nella Tabella E non ha recato risorse aggiuntive per competenza mentre ha confermato gli stanziamenti di cassa previsti a 1cgislazione vigente, al netto deu'ulteriore defmallzìamento, pcr gli anni 2012, 20B e 2014 (anno terminale) patl tispettivamente, 1.601, e milioni di euro sul capitolo 7122 e 600 milioni per ciascuno degli anni 2012, 2013 e 2014 e milionì di euro per gli anni 2015 e succe,;sivi sul capitolo 7124; una variazione in diminuzione per un importo pari a 16 milioni di curo per il definanziamento di risorse di Legge Obiettivo sul eapitolo 7060 del Bilancio dello Stato come riportato nel 9 Allegato infrastrutture del Documento di Economia c Pinanza; una variazione in diminuzione di 10 milioni di curo a seguiro dei Decreti Dirigenziali dell'autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità , N del 27 settembre 2010 e :\l del 28 luglio 2011 che hanno prodotto modifiche sull'entità del contributo e sul paniere dei progetti ammessi al finanziamento, come peraltro richiesto dal CPE eon la Delibera N 27 del 13 maggio 2010 in occasione dell'aggiornamento 2009 del Contratto di Programma; una variazione in diminuzione di 125 milioni di euro per la riduzione di risurse denvanti da Enti TerZ; una variazione in diminuzione di 11 milioni di euro per riduzione di risorse TEN T relative al eiclo di programmazione ; una variazione in aumento per un importo parì complessivamente a milioni di euro relativi a ulteriori risorse finanziarie costituite dalle segu~nti fonti: i \ \ \

6 Fondo per lo sviluppo e la coesione pari a 240 milioni di euro assegnati dall'ar:. 33 comma 3 della Legge 183/2011 Legge di srabilità 2012) destinati al finanziamento degli interventi urgenti di manutenzione straordinaria per l'anno 20 l, come da proposta del Ministro delie nfrastrutture c dei trasporti di cui al Decreto MT N XXX di dicembre 2011 al fine di stanziare risorse a ristoro della mancata erogazione dci 240 milioni di curo assegnati dalla Delibera CPE N 12/2011; l'onda infrastrurture ferroviarie e stradali (istituito dall'art. 32 comma l della Legge 111/2011) pari a 600 milioni di curo destinati al finanziamento degli interventi urgenti di manutenzione straordinaria a completanlcnto dell'annualità 2011; Fondo infrastrutture ferroviarie c stradali (istituito dall'art. 32 comma 1 della Legge 111/2011) pari a milioni di curo destinati al finanziamento del 2 0 Lotto costruttivo Treviglio BreSCa pari a 919 milioni di curo e del 2 0 Lotto costruttivo del Progetto AV/ AC Terw Valico dci Giovi pari a milioni di euro; Risorse assegnate dal CPE con la DeW,era n 0 62/2011 per il Piano Nazionale per il Sud pari a milioni curo; Risorse TEN per il ciclo di programma7.ione pari a 36 milioni di eulto; Risorse da Enti Terzi ed altro, pari complessivamente a milioni di euro di cui 517 milioni derivanti da conven7.ioni con EE.Ll. e aurofinanziamento c milioni derivanti dalla ridu7.ione dci tasso di cofinanziamento nazionale a seguito degli accordi sottosctitti tra il Ministero per i rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale e le Regioni in dara lo e 14 dicembre una variazione a saldo zero che comporta la sostituzione con differimento temporale degli inrerventi previsti in Tabella A di seguito indicati per un valore complessivo di 785 milioni di curo: Risanamcnro acustico, Rere radio GSMR (interventi fase), ERTMS (interventi orizzonte 2020) con Pinscrimento di interventi urgenti improcrastinabili per manutenzione straordinaria e per il Piano della sicurez7.a di pari importo complessivo. una variazione a saldo zero che COlnporta la sostituzione con differimento temporale degli interventi previsti in Tabella A pari a 96 milioni di euro per trovare copertura all'inserimento di progettazioni e studi (impegni derivanti dall'accordo con la Regione Calabria), oltre che agli incrementi di costo di investuncnti in fase di progettazione c real1zzazione~ il CPE ha esaminato lo schema di aggiornamento del Contratto di Programma , parte investimenti, nella seduta del 6 dicembre 2011 e ha espresso parete favorevole nel corso della seduta del 20 gennaio 2012; la lxa Commissione permanente (frasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera dei Deputati c l'vlla Commissione permanente (Lavori pubblici, comunica7.ioni) del Senato hanno espresso parere favorevole sullo schema di aggiornamento del Contratto di Ptogramma , parte investimenti, rispettivamente in data XXXX e in data XXXX; CO' PREMESSO, tra le parti sopra indicate si stipula e si conviene quanto segue: \, i ~

7 6 Art. 1 ModiJica'(iofi' d,le ]'lbelle e delle tavole allegate tji Contratto di Progra111!l1a Le tabelle e le tavole contrattualizzate tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e Rete Ferroviaria taliana S.p.A. nell'aggiornamento 2009, sottoscritto in data 23 dicembre 2010, sono modificate, ai :iensi dell'art.3 del Contratto, cosi come risulta dagli allegati che formano parte integrante del presente agglornamento dello stesso Contratto di Programma Art. 2 A,l!)!,iomamento dell'articolato del COfltmtto di Programma L'art. 2 comma 2, punti c), d) ed e) sono così modificati: al punto c) vengono eliminate le parole "rete convenzionale", il punto d) viene eliminato in quanto accorpato con il punto c),di conseguenza il punto e) viene cambiato in punto d). Art. 3 Scadenza del Contratto di Progrdll1ma Pino al perfezionamento dci nuovo Contratto è prorogata la validità del vigente Contratto di programma al fine di evitare la temporanea vacanza della definizione dei rapporti tra Stato e Gestore dell'infrastruttura e consentire la prosecuzione degli interventi sulla rete ferroviaria nazionale, in particolare, :;ull'attuazione dei programmi di investimento riguardanti la manuten:t:ione c la sicurezza della circola'zione. Roma, XXXXX 2012 RETE FERROVARA TALL\NA S.PA l'amministratore Delegato L 1NSTERO DELLE NFRASTRUTTURE E DE TR..~SPORT Direttore Generale per le infrastrutture ferroviarie e per rinteroperabilità fc.rrovia.à~ \"\

8 TAVOLE D SNTES

9 Figura 1 Evoluzione del portafoglio CdP Milioni di euro (Totale A+E) , l +240 [Art ;3c~3L~183i; F'..;......~..= Art.32 c.1 L '788 Cap L (Totale A+E) di cui Rete Convenzionale TOMiNA Lotti costruttivi Ultimati (tab.e) Agg.2009 ~1f.. Regioni., Del. CPE n, ,, Cap. 7060, l ' _.. W..'", ', tasso di cofinanziamento nazionale e Min.Coesione.. 1a~Reg. Campania Riso..e rinvenienti dalla riduzione del !.J~:N_O!~: l +517 Convenzioni con Terzi 10 ' _J +36 TEN di cui Rete Convenzionale TOMNA Lotti costruttivi Oefinan Rimodulaz. Nuove Ultimati ~ ziamenti PONFESR Fonti Ultimati (tab.e) , r~ l'... l ' ~ ~ Agg. 2010/11 R

10 Controtto di Progrommo (oggiorl10mbl1to 2010/2011) TAVOLA 1 " tabella AA1; ARTCOLAZONE DEL CONTRAno PER CLAS51 TPOLOGCHE D NVESTMENTO ~, Tabella A Opere in '01"50 01_MAt'<UTENZlONf STAAORDNAAlA.. M1GUOlATlVA ED EVOLUTVA ED QBBUGH D LEGGE 02.TECNOLOGE PER LA SCURfllA, LA CRCOLAZONE E L'EFFCENTAMENTO Coli"...lla inl"''' "S. 2010/ Ri """". " Deffto.. ape 27/ Tr...f...i"".nll in 1<1""'" f. rld...illch.. _ Ri.,,".. "1ll rl."""11 (") fon"51"", D.'n"n.,,,,,,,,,,,lo COPERTURE FNANZARE D COMPETENZA..." a f"n" R..",..on.. progrclmma l'on FESR 2007_ '6 "all'xclzi"n.. m.o'.., lib.,..'" Rls"". "99'"nlJv.. <lgg 2010nOll Rimodul"zion.. ri."... _ /04 SVlLU~PO HfWTRlJmJFtAlE _ O,_RETE A,V/AC SiSTEMA. TOMi.NA ""AU_' Tabella Al nves'imentl reallnati per (atti costruttivi un'" AV/AC Mil'lnoV"">na tlcltla T'''''''glio_ilrQC'' N..."yo '0',,1;<0 li. lt...n.'o linea AV/AC MilanoG..n...". Teno Valoco cl... G.ovi _ c:...".. vita n... "ld' 2010/ Ri_... asi Tnpf...lm...1i n lab8lla f tfda...trch a _152.\0 42\ 42' ' 88' Ri."._ agg rl...llanll fo) t (OPElTUR FNANZARlE D COMPETENZA DJ"."".~_,. l.mo'.=oo','~,"mmo "'N."" ""<lcoz<ln.. nllo!'m f.,~, Sia'" All,. fon" l'b...,at.. 1lJ...~ aggi"nr... agg 2010/ ljmod"l"zl<"''' n~<>"" Toa.n"""' &30 To1al. ri.se al m", TOTAl...' O O O O O O O O ""... r...lr , ~ ' \ \ \ 88\ & """, mpegn programmali" per lotli COsl,,,ttlvi a compl"tam..nto O rl co"'petenza.. iloo'l (!6.~O] nin) li 'oli. degl' 'Mmmenb ~llm,", ~""pofi'",,",, rrir> dl eu'. (1 L"/1 yv 0' 9

11 Contratto di Programma aggiornamento 2010/2011 TAVOLA 2. PROSPETO D SNTES DELLE FONT E DEGL MPEGH D CASSA DELLA TABELLA A e A1 rigo MPEGH milioni di euro 2011 (preconsunllvo) 2012, RETE CONVENZONALE/ALTA CAPACTA' (TaD.AD1AD2AD3AD4) , RETE AVAC TQ.Ml NA (tao. AD5) " Ope, Ulten'on"lmpieghl connessi afla prosecuzione deg(j' nterventi re/atjlli ar completamento der Sistema AVACJ del/a linea romfn TOTALE TABEUA A TOTALE MPEGH TABELLA Ai: "NVESTMENT REAUZZA11 PER LOnl COSTRUTTM" (QUOTA FNANZiATA) TOTALE MPEGH FONT ~. R&SOR8E DA TATO '" di cui da legislazione vigente rimodulate al sens dell'art.5 comma 5 del Cd' (nclude Fondi FAS ex D.L. 185/2008 e assegnati ai sens del Decreto MlTfMEF N"59274 del 22107/2009), di CUJ subordmali all'accertamento effettuato 81 sens dej'art 1, comma 758, dejja 1.27/ n. 296 di cui residu vs MEF subordinati alla rel~erlzionesul capitolo del bilancio dello Stato di pertinenza per gli effetti della perenzlone RSORSE da legge Oblettlvol FAS anno 2009 subordinate all'effettiva assegnazione da parte del CPE, RSORSE anm precedenti capp.8123 e 7060 MT ", di cui n~orse sul cap.8123 per spese rendicontate, di cui risorse mpegnate sul cap del M'T come (la Delibere CPE e da DM del 30/12/2004 per gli anni per costi sostenuti di CU S è effettuata richiesta di erogaz,one RSORSE da FESR RSORSE da TEN (suborulla.h 81 rep<lnmenlo <l/l(l8 cornspondenle ~yo(a. ta,.llonll"j " " RSORSE da altre Fonti (altre operazioni finanziarie, Terzi).. TOTALEFONn RSORSE da altre fonti finanziane AV/AC l

12 TABELLE 11

13 12 A OPERE N CORSO ì \ \ J1, V1V~rL. \~

14 Contratto di Programma Agg. 2010/2011 OPERE N CORSO mporli n Mlfionl di uro Tabella A01MANUTENZONE STRAORDNARA, MGLORATVA ED EVOLUTVA ED OBBLGH D LEGGE Codiat lnl...ento ConhJbil. a/ 2010 COPER.TUR.E FNANZARE D COMPETENZA CV.. Costo a Vlt. ntera Risorse al 2009 netto ultimati Stato Definanz Altre fonti Rimodvlczione Re"Jsjone progmmma llimwle PON FE5R Cl9si untivlt. Stato Altre 2010/1 J di CU FAS di CU rlallocazlone (de',~ra Fondj (leggi fonli n.sorse CPE L ll/ll finanziarie; liberate 62/201 l) LJ8Jjll di CU TEN di cui Aloo Totale risone 201D/J AOOl Manutenzione straordinaria e Upgroding Rem ~O "' AlOO2 Upgrading Tenninoli lo 51O AlOO3 Ammodernamento infrastrutturole..., AlOO4 Obblighi di Legge (Risanamento acustico e Sicurezza in Galleria) AOO6 Soppressione passaggi a livella l.l ) D AlDO? Stazioni A100a Sviluppo flotta navale o AO nterventi sulla rete ferroviaria in Abruzzo TOTALE O O 840 O , )vyl ~ Aggiornamento 2010/

15 o o Contratto di Programma Agg. 2010/2011 OPERE N CORSO mporti n Milioni di euro Tabella A02TECNOLOGE PER LA SCUREZZA, LA CRCOLAZONE E L'EFFCENTAMENTO CV... COPERTURE FNANZARE D COMPETENZA _.. o._ Codice Conlabil. Definonz Rimodulazione Revilione progrumma Cosio C Risorse al Ri&orse TofaJe ntervento PON_FESR al 2010 Vita 2009 a9giuntive. rìaoru' 2010/" di CU FAS di cui di c:vi di C", ntera Sfoto A/re Stola Altre 2010/11 netta n"ollocazione ( deliberc1 Fondi TEN Altro ultimati fonti (leggi fonti risar~ CJPE L li/n finonziarie) Jiben:J1e 62/2011) L183/11 A.2001 Sistema Comando Controllo della Circolozione (SCC) e J 77 "182,oli O la attrezzaggi tecnologici A2002 Appano~ Cenlnali e Piani Regolatori Genenoli (PRG) A Piano per lo Sicurezza dello circolazione ferroviaria , (SCMT,sSC, RTB, Portali mullifunzionali, Proiezione can~eri e mezzi d'opera, pese dinamiche, rilevamento caduto veicoli e incremento sicurezza e regolarità P.L A2005 Telecomunicazionl e GSMR ' A2007 TREN/AV/AC per lo diagnostica mobile A.200S Sviluppo tecnologie innovative J O o 288 A2009 Securify 27 1J A2010 Sistemi nformativi A2011 ERTMS ed alm nlervenli TOTALE O O O '9 O O 9 O 8.03' M \.. 4 VV?f~ Aggiornamento 2010/

16 o Contratto di Programma Agg. 2010/2011 OPERE N CORSO Tabella A03 / A04 Sviluppo infrastrutturale mporti in Milioni di euro Codice nlervento cu, Conh:1bif. al 2010 CV c... Vto ntera Risorse al 2009 netto ultimati Stato Oefinanz. Altre fonti COPERTURE FNANZARE 01 COMPETENZA Rimodulazione Stato (leggi finanziarie) Altre fonti ReVSione progromma PONFESR fj<ljlocazion.. fìsofl"e jben:1/e Risorse Qggluntlve 2010/11 di CU FAS ( delibera OPE J) d, CU fondi L111jll L183/11 d, CU TEN d, CV Altro Totale ri20rse 2010/11 Aree metropolitane: Torino J " 8':))) J11H01()(')() Rea/lzzazlone quadruplicomento Porta Susa Stura ":4 _'R ~,~, Jl1H030000JOCtJB Cintura di Torino e connessorle al collegamento TorinoL,ane (Stvdl e indagini) '" ,,(i' J7709Q0() Progettazlanl! del raddoppd TonnoP,nerolo O Aree metropolitane: Milano JJ1HfilJOOOO1oooe RaddopPo MilanoMarlaro roddopplo Milano S.Crisloforo_ AlbalraleJ\'ermeD;a e nq~'abflcazlonemilano S. CnstoforoP.ta Romana fasel.',,, o,.: ~ JJU050000fOOO1 Potenzlomer"lto meo GallarateRho (ProgeHallone + 1 A Foseì'" J J.~1o_~ Con delìbp.ra CPE n. 3312(110 CPE ha OSp<,Jslo la fll"'ou del r,n~nzlamenlo 8ss.egll'110 con la delil:lera n. 10~OOO a lallllrtl dola o:n\ow linea PliMO COl'llSe Rlell'. sus.cetlible di swuppafll un wlume d,,"w51merll, di ~ mlllom di euro. e l"llmegnaz,ooe perla rea/izzad<jne 03&1 pnmo kjt(o lunzlqnal& Rh<l _ Par~b.ago. J471f)/}/)()1)()JOOO9 Quadruplica mento PaviaMilanO (Rogoredo) (Progettazione Preliminare) O 2 2 2!'M_P" Accessibilità a Malpensa (Progettazione Preliminare) O 'ia' Passanle mdanese (quota finanziata da EE.Ll.) O o o O.~r'2LFermata passante nodo di Milano O 3 o 3 3 Aree metropolitane: Genova " '_A JT1HO:<OOO Potenzia mento [nfrostruhumle Voltrl.Bngnole 64 58J Aree metropolitane: Bologna S <\Y, J8tHQ RealizzaZione fermate ed adeguamento stazoni per servizio meiropoillano di Bologna " 5J ~ / o K _. 51 Aggiornamento 2010/

17 Contratto di Programma Agg. 2010/2011 OPERE N CORSO Tabella A03 / A04 Sviluppo infrastrutlurale mporl in Milioni di euro CV COPfllTURE fnanzare D COMPETENZA Codice nt...en10 CUP Contobtl. al 2010 Costo l V"alnt_ Risorse netto ultimati Delinonz. Rimodulozione Revsione programm", RisQfse rotae PON,FESR aggl.,n,n& risom di CU FAS di CU di CU di CU Stato Alfre Stato Altre 2010/J1 2010/11 nal!ocazjlme ( delibero Fondi TEN Altro fonti (El99i fonti risorse ClfE L)l1/" finanziarie) liberate ) lls3/1 J Aree metropolitane: Roma cc 'o J31~JOlX)(UOOO8Raddoppia PrenesiinaLungneuo \.'J'~J31Hg6OOlXlSOOo:Ui Realizzazione nuove fermale ed adeguamento stazioni per l $ rvzo metropolitono di Roma (l'" fase) 32$ '1<174 J31H (1)(J1 Messo n sicureua gallena :::0551Q M.Mario 3' x,~ ':,~_H :'i JJ1H~ J31HD3J(X)l8lJ()()1l fnfraslrutlurazlo1e area stazone Tiburtlna e nodo di fltersçomb,o Progeltm:JOf)1 Gronde MerC di Roma /CmTuro Nord e Sud) 19., :':'0' ','"' JJ1H0300(JllWOOl RaddoppO Lunghezza_Guidonia J31H1l6fJOOOlXJ()J1 Progettozwne definitiva l A Strok,o Passo CoreseOstena Nuova' u Con delilera CPE. 33J2Q1Q CPE hu dsposto la revoc. del finanzamento as:;egnato con La delibera n. 105/2006 a lavore dela «fljuova linea P~o Corese. R,e!», susclll!ibile d s...upplre ur voklme dllnwsllmentl di 9Q mllc;lnl d euro. e l'l5segnazklne p6rla rellllzzvjon~u<>l prllno lott~r..mnonele Rho_ P.rnb..o<>. l ~uddetl<> r1nsnzjarnentl) 8 f'l"",,_ dalprogl!'llo.nu<>va mss Puso CMele _"le!,'. j1lllnl e.uere nlllllegr,,10 m <lgc.'sicne del pro:j.s,mi agglomameni d~lcooualto 01 Programma. J01H01DéX1C40111 Poen2lamenlo linea Castelli Romani C~,,)C Jl1C Raddoppa CesanoBrt:Kcl(Jno (Progetlozionl) o 6 6 Potenziamenlo linea Compoleone.Apnlia.Netluno o Aree metropolitane: Napoli J61HP4!XJOOOOOOl Nuova linea a monte del Vesuvo' 3" compr~rl:l,nnanz.amen" EE.L.L. non op~ral(y Mlle more del perfezonamento d~gl, all glurld,c.llmenle Vlncolant, Aree metropolitane: Bari ' c; ~~ J71HOBOOOOOOOO1 S's:em01JQne Nodo d, Bari lo' '3 383 Jij ~o 160 3'l _30 ~ 160 Aree metropolitane: Palermo JllH020000Q0008 Nodo di PalermQ 3' o 280 2BO , Aggiornamento 2010/

18 Contratto di Programma Agg. 2010/2011 OPERE N CORSO Tabella A03 / A04 Sviluppa infrastrutturale mporti in Milioni di euro CV COPERTURE FlNANZAR'E 01 COMPETENZA. Codice nl'nenla cu, Con,abil. al 2010 COl5to a Vita ntera Risorse netto ultimati Stato Definanz. Altre fonti Rimodu/azione Stato Altre (leggi fonti finanziarie) if!vllione prc>grtjmma PONFfS~ nal1acazione nsols",berate Riaone a99lunrive 2010/1' d, cu, FAS ( delibera CPE 62/2011) d, CV Fondi LJJl/ll LJ8311 ì di cui TfN dj cui Altro rotaie,bori" 2010/J 1 Corridoi TEN.T: 5 "Hel.inlci Volletta" us _ l )1:7 ",~J &lOO7 Potenzlomento flnerorlo Mess,na_Palermo (Fase priontarlo) Ci,,; JlfHJ.l fl J1fHtnoooo7()(1(1S J11H J11H03OOOfSOOO1 PotenZlamenta itinerario MesSlnaCotomoPalermo (Fase priardor.o)" / (1G c.om~ende finenllaf1ltlrtll denvanll dilla riduzone del ti.»o di collnenzillmertlll n<ulonllle che dlverrenno opera\m can alb d* RegOn glurdlcéimertle...ncolantl. L'eWelllY8 dlsponidilili dllell nsorse è condzonala. rel/lslone GP programm r6llionilllì oofinanzl8ll dlila UnOne l::uropell e dala rdefinozlom dal cnlen al cafinanllamemo m>zlonillie dei predalh progrllmmi. J~rH nterventi di Cldeguamento tecnologco e,nfrastrutturale per l'incmmenta delle prestraz,oni e dell'affidab,jtò dello linea Battlpaglla ReggiO Colabna "r~_"r(),. J81H X18 Quadruplicamento Solema.Battlpaglla Progettazlone) 9 lo lo D;'~ J41Hg2()()()()(}1)OQ1 J41H011)()()OfJ(1OO8 J77/04D J/11H~11 J1fCogOOOOOOOO9 Patem:iomento lmerona Napol,.Ban (Fase prjontana)' _~9i ' comprende finanllamentl dmylnll dal riduzione ttell.llsso d cofinllnzillmenio nllzlonllle c'le dverranno operll\m con 11th a* RegOni glljrdicamenta...ncolllnt!. L'affetlrve di:'lp(jnlb'~à di hlh nsorse è cotldlzlonall alq rallislor'la del programm r6ll1011l~ coftmmzllllì dala Unione Europea a dallq nde~n.ulna del cmeri d c.ofinanllamenlo mwanale dal predellllf"lll1lmml. OLC.":,C J/11H030001f1OOO1 Polenzlamento Battlpogito.Regglo ColabnCl: vonante Ogliastro.Sapn (Progettazione Prcliminare) ",:92 '.'," \t,r ~ JfHf04CO()()ZOOO J41C{)9(JO()O{}QOO5 J31H JHHOJOO(J PotenZlomento linee di accesso al Brennero (Fa~ePnontarla; quoto llnanzlata dal programmo TEN.T o capertvra della fase realinativa. lo CU aperahvltà è svbordmata al repenmenta della corrispondente quoto nazonale) Potenzlarnento e "eloclnazlane iilnerano Palerma Catanla Studi e Progeltazionl Ponte sullo stretta di Messina sponda calabra/siciliano 10 Q l / / ~ 2 ~ O O " 102 3D 20 Asse Napol, Bem.1 ~n~f1/t aronlo; nterventi di veloc'uanane a prevalenie natura tecnologica r ~ Asse Solerno.RegglO Calabria: Stazione Reggia Colabna obbassamento plano binari ed l'1lubamenia irofta urbano O 327 D O 200 D Aggiornamento 201 0/

19 ~ _. o ~ ~ Contratto di Programma Agg. 2010/2011 OPERE N CORSO Tabella A03 / A04 Sviluppo infrastrutturale mporii in Milioni dì euro CV COPERTURE FNANZARE D COMPETENZA Codke ntervento CUP Contobll C05tO a Vitlll 'ntera Risorse netto ultimati Sloto Definonz Altre fonti Rimodulozione Stato Altre (leggi fonti finanziorieì R"v/Jlone programmo PONfESR. rialiocozll:>ne nsol3"e,ber~ lti$on,e Q99 ''n,ive 20JO/ll ' di cvi FAS ( delibera CPE 62/201 l) di cui Fondi lj/l LJ83/11 di cui 7EN di CU Altro Totale ri$one 20rO/1J rp(, ' Asse Salerno Reggio Calabna: velccizzazlone pmlclpoll linee (upgrodlng) e nterven!, accessoro O 40 o 40 " 40 r,ld2\ PotenZJomento e velccluazlone Messlf'lQPalermo e MeSSnOSlrOCliSQ O 'W], rllerventl conness almea AVjAC Milano Bologna O 49 O 49 " 49 '""12 PorteopCZlone Siretto di Mes~lna Corridoi TENT; 3 Mediterroneo" lo '}JC J31HQ Quadrup),comenta M,lanaVeneZO nel ratto Lambrale Trevlgllo " ~ "R.,c J6H Nuava linea AVAC VE TS (trotto RanchlTnesle) (Progettazione) J31HC3DOCJ CorridOiO europeo nos e callegamentl (Potenzromento irotta Bergamo $eregno) (FASE) j2 J21Ho.wotJ Nuava linea AV/AC VE T5 (tratte VenezloRonchl, progl!hazlone preliminare) O J7 'cc~_;.'v,c J7fC1()()()1XlJOOO7 T ne~fedlyaco (Progettozlane) O ,"., 11_"CC, J51CC5DOOOOOOO8 Nodo di Verona (Progettazlane) Linea Mllonoverona (Brescro.Verona) Fase F81H91XJOOOOO18 Linea VeronoPodovo (Fase) o ' J61 " ("l HcOrlSunhw,nau:ato comp[1!m6 6rtllClpi finanzl8n wnc8ss, a. Generai Conlracto~ Cl fjc5(x)()03{)oo1 Nuovo lirlea Torino LOne (studi ed ndagini opzionolr e quola finanzialo comprensivo anche delle nsorse TE NT cui operallvltà è subordinata 01 repenmenfo dello cornspondente quofa nazionale) 2' ! ylnl,/ i /! 9J6 Aggiornamento 2010/2011 la

20 Contratto di Programma Agg. 2010/2011 OPERE N CORSO Tabella A03 / A04 Sviluppo infrastrutturale mporti in Milioni di euro CV COPERTURE FNANZARE D COMPETENZA Codice ntervento CVP Contabll. oj 2010 Costo Q Vita ntera Ri$orse netto ultimati Definonl. Rimodvlozione Re"ulone progrommo liti_se rotae PONFfSR aggiuntivlr' risdl'm' di CU FAS di CU! di CU di CU Stato Altre Stato Altre 2010/1 J 20'0" J nol/ocazlone (dejlbero Fondi TEN Altro fonfi (leggi fonti rlfo~e ClPE L JJ/ll finonziorie) hberate 62/201 l) LT83(l J Corridoi TENT: 6Genova.Rotterdam" ' ,i223_~ J11H OC01 Nodo di Noyara passante ferroviario merci (FASE) ~l:~c Jl1H Vor;onie di Gozzona "~'.'~,,~c J31HctJOOO52ooo1 Quadrup/lcamento linea ChlossoManza [Progettazione) ')280_'" ;:: JllHfl f Quadrupllcomento linea Tortona_Voghera (Progettazione), 6 i7 11 6!~,J31H030001~1Tronlda di LUinoAllungamento a modulo imp,anj( dello linea e collegamento con Malpemo " ;24 J81J04D0G Progeffazlcne delle opere per lo perrneabdità della L,neo Starl(a O 3 3 Tonnc Genova, nell'ambda dello realllzalmne del Terzo Vab(o del GCY 3 J3JCQ Messo n SCurezza conlierl delle opere propedeutl(he e (h,usura attività n corsa 735 Direttrici e trclvel'$oli: Altre finee nord s:u ) J71Hfj~OOOO200ce RaddoppO GenovaVentimiglia trotlo Andora S.Lorenzo C'21; J31H Nuovo collegamento ArCisate _ Stab,o ,dY_"~CX, J71J04OO Completamento raddoppio GenovaVentimiglia: tratto AndoraFinale 23 4i 43 (Progettazione) 2 41 ll:j}.' J31C f Progettazione (allegamento diretto linea Chivasso_Aosta çon (a TonnoMilano (Lunetto di 01l'o'asso) ed altn ntervenh diffus J31H030004JOOO1 PotenZlamenta Linea Ch,vassoAostoPré St. D,d,er !.27 ~ J11H030000()001 Potenzlornenl0 Llneo FossanoCuneo (fase) lo 5 :/1 i Aggiornamento 2010/

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso INQUADRAMENTO GENERALE Intersezione Corridoio I (Berlino- Palermo)

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Rep. Part n.. ~H?ii".del!~:.~!i.:.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Art. 1 LEGGE 12 luglio 2012, n. 100 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 maggio 2012, n. 59, recante disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile. (12G0123) La Camera

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in.

rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in. M' ~ULARI 10i0N 9900 (''Oh TE DEl CC f~ti Uf.FICJ.O CONTROLLO AlTI, Mlft E'CON.CO FI ANZ RI' MOD.99/01 REG.TO ALLA CORTE DEI ONTI rl-0luf~c!f'go8r~lo Ministp.ri Ec,- in. Vista la legge 23 dicembre 1996,

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Occorre che l'europa investa:

Occorre che l'europa investa: 33 A tal fine, è opportuno individuare e potenziare le infrastrutture prioritarie per la sicurezza dell approvvigionamento (compresi i gasdotti, gli oleodotti e i terminal Gas Naturale Liquefatto) e delle

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Oggetto: Procedure per l'erogazione della quota nazionale di cofinanziamento

Oggetto: Procedure per l'erogazione della quota nazionale di cofinanziamento DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA DIVISIONE VI1 Ministero dao 5- Emmtj, Dipartimento per bpa&ehe d REOISTRO UFFICIALE

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509 Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509 CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 74 approvata il 10 aprile

Dettagli

DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133. (GU n.212 del 12-9-2014) CAPO I MISURE PER LA RIAPERTURA DEI CANTIERI

DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133. (GU n.212 del 12-9-2014) CAPO I MISURE PER LA RIAPERTURA DEI CANTIERI DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133 Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l'emergenza del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

CAPO I - MISURE PER LA RIAPERTURA DEI CANTIERI

CAPO I - MISURE PER LA RIAPERTURA DEI CANTIERI DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133 Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l'emergenza del

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli