Scheda di presentazione dei percorsi tematici GIOCHI ED ESPERIMENTI CON L ACQUA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda di presentazione dei percorsi tematici GIOCHI ED ESPERIMENTI CON L ACQUA"

Transcript

1 PREMESSA: L insegnante Angela Gentile ha aderito al Piano ISS ed ha coinvolto i propri alunni di prima classe sezione c in giochi ed esperimenti sull acqua. Un valido contributo alla realizzazione degli esperimenti è stato offerto dalla tutor del gruppo, prof. sa Freggi Daniela, che ha messo a disposizione dell insegnante vari sussidi inerenti al settore della chimica, adatti ai bambini di scuola primaria. Per la realizzazione degli esperimenti, l insegnante ha coinvolto le colleghe del team, che hanno collaborato attivamente all attuazione delle sperimentazioni, che verranno di seguito descritte. In ciascuno degli esperimenti, l insegnante ha scelto di privilegiare l acqua perché è una sostanza che i bambini usano in diversi modi a volte senza riflettere e che dunque possono osservare facilmente. Gli alunni, entusiasti e curiosi, hanno gradito tantissimo le quattro giornate dedicate agli esperimenti; hanno affinato la capacità di osservare ciò che avviene attorno a loro; infine, hanno dimostrato di aver compreso quanto realizzato in classe eseguendo a casa dei disegni corredati da didascalie. Anche una buona parte di genitori ha accettato l insegnamento della scienze in forma sperimentale. Alcuni dei disegni più significativi, assieme alle foto di ciascun esperimento, sono stati inseriti nei quattro cartelloni corrispondenti alle quattro giornate dedicate agli esperimenti realizzati dall insegnante. 1

2 Allegato 1 Scheda di presentazione dei percorsi tematici GIOCHI ED ESPERIMENTI CON L ACQUA 1. Caratteristiche della proposta didattica Titolo / tematica trattata Giochi esperimenti con l acqua Classe/i a cui è destinata (elementari, medie, biennio) Articolazione Verticale della proposta Classi di Scuola primaria L argomento può essere trattato sia nella Scuola Primaria che in quella Secondaria di I grado con modalità differenti. Tempo di svolgimento Previsto Contesti di senso della proposta Dieci ore suddivise in quattro giorni L acqua si trasforma? Come si comportano determinati materiali a contatto con l acqua? E possibile mescolare acqua e olio? Nuclei concettuali che prende in considerazione Soluzioni e Miscugli Indicazione della metodologia adottata Brainstorming per la fase motivazionale - Esperimento - Eventuali caratteristiche di interdisciplinarità Risorse utilizzate Risultati attesi anche in termini di competenze Lingua italiana Arte e immagine Risorse fisiche: Aula - macchina fotografica materiale necessario per gli esperimenti materiale per la realizzazione dei cartelloni Risorse umane: colleghe di modulo rappresentanti di classe Interesse degli alunni Acquisizione di semplici concetti basilari delle trasformazioni Valutazioni previste Questionario a risposte aperte e V/F Rappresentazione grafica con didascalie dei singoli esperimenti 2

3 DIARIO DI BORDO: Esperimento: L ACQUA TRASFORMABILE Data: 12 aprile 2008 Materiale occorrente: Quattro bicchieri di plastica acqua pennarello fornello elettrico di cucina freezer pentolino con coperchio carta di alluminio pellicola trasparente. L insegnante ha posto agli alunni la seguente domanda: L acqua si trasforma?. I bambini hanno risposto chi affermativamente, chi in maniera negativa. L insegnante ha replicato che con l esperimento avrebbero potuto comprendere chi avesse indovinato. Ha presentato agli alunni il materiale occorrente per l esperimento. Ha riempito i quattro bicchieri con la stessa quantità di acqua, segnando con un pennarello il punto di arrivo del liquido. Ha coperto con il foglio di alluminio il primo bicchiere e lo ha inserito nel freezer della scuola. Ha chiesto agli alunni: Come diventerà l acqua del bicchiere messo dentro al freezer?. Molti hanno risposto che sarebbe diventata ghiaccio. Ha coperto con la pellicola trasparente il secondo bicchiere e, assieme al terzo lasciato scoperto, lo ha messo sul davanzale della finestra. L insegnante ha chiesto: Cosa accadrà all acqua del secondo e terzo bicchiere?. Le risposte sono state vaghe e incerte. Ha versato il contenuto del quarto bicchiere in un pentolino, posto su un fornello elettrico di cucina. L insegnante ha chiesto: Cosa accadrà all acqua del pentolino?. Molti hanno risposto che avrebbe iniziato a bollire e si sarebbe formato il fumo, cioè il 3

4 vapore acqueo. Quando l acqua ha iniziato a bollire, l insegnante ha messo il coperchio per toglierlo dopo qualche attimo. Ha mostrato agli alunni le goccioline di acqua sul coperchio e ha chiesto: Perché il vapore si è trasformato in goccioline?. Nessuno ha saputo rispondere. In attesa che l acqua del pentolino evaporasse, l insegnante ha preso dal freezer del ghiaccio e lo ha fatto toccare agli alunni, chiedendo loro di elencare le proprietà del ghiaccio e quelle dell acqua. Con il trascorrere dei minuti, il ghiaccio ha iniziato a sciogliersi. L insegnante ha chiesto: Perché il ghiaccio tolto dal freezer si scioglie?. Molti hanno risposto che ciò accade perché fuori dal frigorifero c è più caldo. Nel frattempo, l acqua del pentolino è scomparsa. L insegnante ha preso il pentolino e lo ha capovolto invitando gli alunni a rispondere alla domanda: Dove si trova l acqua che prima bolliva?. Alcuni hanno risposto che si trova nell aria, perché è evaporata. Molti sono rimasti stupiti nel constatare la scomparsa dell acqua. Al fine di consolidare le suddette acquisizioni, l insegnante ha coinvolto gli alunni nel cosiddetto gioco delle particelle dell acqua. Ha fatto sistemare alcuni bambini in cerchio, invitandoli a darsi la mano e a non stare né troppo vicini l uno l altro, né troppo lontani. Essi rappresentano le particelle dell acqua allo stato liquido, quella che tutti conosciamo e che usiamo per diversi usi. Ha poi invitato gli stessi alunni a stringersi l un l altro come se sentissero freddo. Essi rappresentano le particelle dell acqua allo stato solido, che si presenta sotto forma di ghiaccio. Ha poi invitato gli stessi alunni ad allontanarsi l uno dall altro come se sentissero molto caldo e a occupare diversi spazi dell aula. Essi rappresentano le particelle dell acqua allo stato gassoso (aeriforme) 4

5 che si disperdono nell aria sotto forma di vapore acqueo. Con il trascorrere dei giorni, gli alunni hanno potuto osservare che la quantità di acqua del secondo bicchiere, coperto da una pellicola trasparente, è rimasta sempre la stessa e che sulla pellicola si sono formate delle goccioline di acqua, mentre l acqua del terzo bicchiere, lasciato scoperto, è diminuita, cioè è evaporata. Hanno anche potuto notare che l acqua del primo bicchiere inserito nel freezer è diventata ghiaccio. Confrontare le foto del cartellone dal titolo L acqua trasformabile. Conclusione: Al termine degli esperimenti e del lavoro di approfondimento svolto in classe e a casa, gli alunni hanno compreso che l acqua si trasforma e si presenta allo stato liquido (acqua), solido (ghiaccio) e gassoso (vapore acqueo). Hanno pure intuito il ciclo dell acqua. Hanno compreso che ciò che determina la trasformazione dell acqua è la temperatura, cioè il maggiore o minore calore. Infatti, l acqua a contatto con una temperatura bassa, cioè con meno calore, solidifica e diventa ghiaccio; viceversa il ghiaccio a contatto con maggiore calore fonde e si trasforma in acqua. Invece, l acqua a contatto con un alta temperatura, cioè con più calore, evapora e diventa vapore acqueo; viceversa il vapore acqueo a contatto con una temperatura più bassa condensa e diventa acqua. 5

6 DIARIO DI BORDO: Esperimento: LA DANZA DELLA NAFTALINA Data: 18 aprile 2007 Materiale occorrente: Due barattoli di vetro acqua bicarbonato di sodio aceto palline di naftalina pennarelli. occorrente per l esperimento e ha chiesto loro se conoscessero le palline di naftalina. Ha illustrato il loro uso e le ha fatte annusare. Nessuno ha gradito l odore pungente. Molti non avevano mai sentito parlare delle palline di naftalina; solo alcuni hanno risposto che le loro nonne le usavano per impedire alle tarme di attaccare i maglioni di lana. L insegnante ha chiesto: Le palline di naftalina messe in un barattolo pieno d acqua riescono a ballare?. Molti hanno risposto di sì, altri di no perché sono pesanti e vanno a fondo. L insegnante ha replicato che con l esperimento avrebbero potuto comprendere chi avesse indovinato. Ha riempito un barattolo con dell acqua e ha inserito delle palline di naftalina bianche, cioè non colorate, e ha invitato i bambini a controllarne il comportamento. Gli alunni hanno potuto osservare che le palline sono rimaste nel fondo del barattolo perché sono più pesanti dell acqua. L insegnante ha poi riempito un altro barattolo con dell acqua, ha aggiunto tre cucchiai di bicarbonato di sodio e tre di aceto. Ha mostrato agli alunni le bollicine che si sono formate e che si sono attaccate alle pareti del barattolo. Ha spiegato che le due sostanze inserite nell acqua hanno prodotto un gas, chiamato anidride carbonica. Ha messo dentro al barattolo alcune palline di 6

7 naftalina colorate di blu, rosso e verde. L acqua si è colorata di blu. Ha invitato gli alunni a osservare il comportamento delle palline. Dopo circa un ora durante la quale gli alunni sono stati interessati nell esperimento relativo ai Cristalli le palline di naftalina hanno iniziato a salire e a scendere all interno del barattolo. I bambini hanno potuto vedere la cosiddetta danza delle palline alla cui superficie si sono attaccate le bollicine di anidride carbonica. Le palline dell altro contenitore riempito solo di acqua non si sono mai mosse dal fondo del barattolo. Confrontare le foto del cartellone dal titolo La danza della naftalina - Cristalli. Conclusione: L aceto e il bicarbonato di sodio hanno modificato l acqua producendo anidride carbonica che si è attaccata alle palline di naftalina trasportandole fin sulla superficie dell acqua, come tanti piccoli salvagente. Una volta raggiunto il limite dell acqua del contenitore, le bollicine si sono staccate dalle palline, per cui queste sono scese giù, per poi essere trasportate su da altre bollicine di anidride carbonica. DIARIO DI BORDO: 2 a giornata di esperimenti 3 Esperimento: COLTIVARE CRISTALLI Data: 18 aprile 2007 Materiale occorrente: Cristalli d acqua Contenitore colorato sali da bagno (di colore rosa) acqua lente d ingrandimento fornello elettrico di cucina pentolino cucchiaio di legno. 7

8 Conclusione: occorrente per l esperimento e ha chiesto loro se conoscessero i sali da bagno. Ha spiegato in che ambito vengono usati e li ha fatti loro vedere e annusare. Tutti hanno gradito l odore di rosa e timo. Ha chiesto cosa fossero i cristalli e ciascun alunno ha dato una definizione differente, quasi sempre però riferita agli oggetti di cristallo (es., bicchiere). Ha chiesto ancora: Come si formano i cristalli? Possiamo realizzarli?. Poiché nessuno ha saputo rispondere, ha spiegato che i diversi esperimenti li avrebbero aiutati a comprenderne il processo. L insegnante ha versato poca acqua calda - riscaldata in classe usando il pentolino e il fornello elettrico di cucina nel contenitore colorato e ha aggiunto una quantità eccessiva di sali da bagno. Li ha sciolti nell acqua mescolando l acqua e i sali con un cucchiaio di legno, finchè l acqua è diventata rosa (dal colore dei sali). Ha fatto vedere agli alunni che i sali si sono sciolti nell acqua colorandola di rosa e ha posizionato il contenitore sul davanzale della finestra. Dopo oltre una settimana, grazie alle giornate calde e soleggiate, gli alunni hanno potuto notare la scomparsa dell acqua per evaporazione e osservare con la lente d ingrandimento tanti cristalli di un tenue color rosa depositati sul fondo del contenitore. Gli alunni sono stati coinvolti anche nella realizzazione di un segnalibro da colorare e su cui incollare il sale grosso che - osservato da vicino con la lente d ingrandimento - sembra un cristallo. Confrontare le foto del cartellone dal titolo La danza della naftalina - Cristalli. Gli alunni hanno compreso che i cristalli d acqua si sono formati perché l acqua - in cui sono stati sciolti i sali da bagno - si è asciugata al sole, cioè è evaporata, e lasciando solo i cristalli (così come avviene nelle saline in cui si raccoglie l acqua marina che evaporando lascia il sale). 8

9 Materiale occorrente: Conclusione: Cristalli di zucchero Barattolo di vetro acqua zucchero graffetta filo matita pentolino fornello elettrico di cucina cucchiaio di legno. occorrente per l esperimento. Ha versato acqua bollente - riscaldata in classe usando il pentolino e il fornello elettrico di cucina nel barattolo e ha aggiunto mescolando con un cucchiaio di legno tanto zucchero finchè non si è più sciolto. Gli alunni hanno potuto notare che l acqua è diventata gialla per l eccessiva presenza di zucchero. In seguito ha inserito nel barattolo una graffetta legata a una estremità a un filo, annodato a una matita come supporto, sistemata in maniera orizzontale sul bordo del barattolo. Il barattolo è stato lasciato in aula lontano dalla finestra e quindi dal calore del sole. Spiegazione dell esperimento con acqua e zucchero: L acqua calda scioglie una sostanza più della stessa quantità di acqua fredda; tuttavia, la soluzione fredda non può contenere la stessa quantità di sostanza presente nella soluzione calda, pertanto, lo zucchero in sovrapposizione esce dalla soluzione sotto forma di cristalli. Purtroppo, con il trascorrere dei giorni attorno alla graffetta e al filo non si sono formati i cristalli. L esperimento non è riuscito e non è stato ripetuto. Forse non ha avuto buon esito perchè il luogo dove il barattolo è stato posto non era molto freddo. Materiale occorrente: Cristalli di sale: acido borico e magnesio solfato Tre barattoli di vetro acqua due bustine di sale inglese (magnesio solfato) e una di acido borico 9

10 graffetta filo di cotone matita pentolino fornello elettrico di cucina cucchiaio di legno scatola di scarpe. Esperimento con acqua e acido borico: occorrente per l esperimento. Ha versato acqua calda - riscaldata in classe usando il pentolino e il fornello elettrico di cucina nel barattolo e ha aggiunto mescolando con un cucchiaio di legno un intera bustina di acido borico finchè non si è più sciolto. Gli alunni hanno potuto notare che l acqua è diventata opaca per l eccessiva presenza di sale (acido borico). In seguito ha inserito nel barattolo una graffetta legata a una estremità a un filo, annodato a una matita come supporto sistemata in maniera orizzontale sul bordo del barattolo. Il barattolo è stato lasciato in aula - accanto a quello contenente acqua e zucchero - lontano dalla finestra e quindi dal calore del sole. Con il trascorrere dei giorni, gli alunni hanno potuto osservare tanti cristalli attaccati alla graffetta e al filo. Confrontare le foto del cartellone dal titolo La danza della naftalina - Cristalli. ******* Esperimento con acqua e magnesio solfato (sale inglese): occorrente per l esperimento. Ha riempito due barattoli di acqua calda - riscaldata in classe usando il pentolino e il fornello elettrico di cucina e ha sciolto in ciascuno di essi una bustina di magnesio solfato (sale inglese). Ha collegato i due bicchieri con un filo di cotone, 10

11 immergendo le due estremità nel liquido. Tra i due barattoli poggiati su una scatola di scarpe - ha sistemato uno dei tappi dei barattoli e ha collocato l insieme in un luogo tranquillo accanto ai barattoli contenenti acqua-zucchero e acqua-acido borico. Conclusione: Spiegazione dell esperimento con acqua e acido borico: L acqua calda scioglie una sostanza più della stessa quantità di acqua fredda; tuttavia, la soluzione fredda non può contenere la stessa quantità di sostanza presente nella soluzione calda, pertanto, il sale in sovrapposizione esce dalla soluzione sotto forma di cristalli. ******* Spiegazione dell esperimento con acqua e magnesio solfato (sale inglese): La soluzione di sale inglese risale lungo il filo per capillarità e quando si raffredda si formano i cristalli. Purtroppo, con il trascorrere dei giorni attorno al filo non si sono formati i cristalli, né si sono depositati sul coperchio posto tra i due barattoli. L esperimento non è riuscito e non è stato ripetuto. Forse non ha avuto buon esito perchè la quantità di sale inglese (delle due bustine) sciolta nei due barattoli non è stata eccessiva. DIARIO DI BORDO: 3 a giornata di esperimenti 11

12 Esperimento: I MATERIALI E L ACQUA Data: 20 aprile 2007 Materiale occorrente: Conclusione: Materiale occorrente: I materiali e l acqua Due pezzi di stoffa due chiodi due pezzi di legno (mollette per stendere la biancheria) due fogli di carta due spugne due tappi di plastica vassoio bacinella acqua. occorrente per l esperimento e ha chiesto loro: Cosa avviene se immergiamo i suddetti materiali nella bacinella piena d acqua e se li lasciamo sul vassoio?. Ciascun alunno ha espresso la propria opinione, verificata con la realizzazione dell esperimento. L insegnante ha preso un pezzo di stoffa e lo ha immerso nell acqua, lasciando l altro pezzo sul vassoio. Così ha proceduto con il chiodo, il legno, la carta, la spugna e il tappo. Dopo un po di tempo ha invitato gli alunni a guardare gli oggetti immersi nell acqua e quelli lasciati sul vassoio all asciutto. Gli alunni hanno potuto notare che, con un contatto prolungato con l acqua, la stoffa si è appesantita; il legno è diventato più scuro; la carta è diventata molle e fragile; la spugna si è gonfiata; il tappo di plastica non è cambiato; il chiodo dopo alcuni giorni si è arrugginito. Confrontare le foto del cartellone dal titolo I materiali e l acqua. Gli alunni hanno potuto osservare che gli oggetti immersi nell acqua subiscono un cambiamento, mentre quelli lasciati sul vassoio non cambiano aspetto. Galleggia o non galleggia? 12

13 Contenitore di plastica acqua foglia moneta oggetto di metallo pallina tubo di plastica (vuoto). Conclusione: Materiale occorrente: occorrente per l esperimento e ha chiesto loro: Quali di questi oggetti galleggiano se li mettiamo in un contenitore pieno d acqua? Perché?. Ciascun alunno ha espresso la propria opinione, che ha poi potuto verificare con la realizzazione dell esperimento. L insegnante ha preso la foglia, la moneta, l oggetto di metallo, la pallina, il tubo di plastica e li ha immersi in un contenitore pieno di acqua. Ha poi invitato gli alunni a osservare il comportamento dei diversi materiali. Gli alunni hanno notato che la foglia e la pallina galleggiano, mentre l oggetto di metallo, il tubo di plastica (vuoto) e la moneta non galleggiano, vanno a fondo. Confrontare le foto del cartellone dal titolo I materiali e l acqua. Gli alunni hanno compreso che gli oggetti più leggeri dell acqua galleggiano, mentre quelli più pesanti dell acqua non galleggiano. I materiali che si spandono nell acqua e quelli che restano uniti Contenitore di plastica acqua ghiaccio das latte legno (mollette per stendere la biancheria) - pallina. occorrente per l esperimento e ha chiesto loro: Come si comportano questi materiali se li mettiamo in un contenitore pieno d acqua?. Ciascun alunno ha espresso la propria opinione, verificata con la realizzazione dell esperimento. L insegnante ha preso l acqua, il ghiaccio, il das, il latte, la pallina e il legno e li ha immersi in un contenitore pieno di acqua. 13

14 Ha poi invitato gli alunni a osservare il comportamento dei diversi materiali. Gli alunni hanno potuto notare che l acqua e il latte si spandono nell acqua del contenitore, mentre il ghiaccio, il das, la pallina e il legno non si spandono. Confrontare le foto del cartellone dal titolo I materiali e l acqua. Conclusione: Materiale occorrente: Gli alunni hanno compreso che i materiali liquidi si spandono nell acqua, mentre quelli solidi non si spandono, restano cioè uniti. I materiali che si sciolgono nell acqua e quelli che non si sciolgono Zucchero aceto caffé miele tè in polvere camomilla solubile terra sale grosso latte farina otto piattini dodici contenitori di vetro/plastica acqua pentolino fornello elettrico di cucina cucchiai di legno e di metallo due bicchieri di plastica - colino. occorrente per l esperimento e ha chiesto loro: Cosa succede se mettiamo questi materiali nell acqua? Ciascun alunno ha espresso la propria opinione, che ha poi potuto verificare con la realizzazione dell esperimento. L insegnante ha sistemato nei piattini e nei bicchieri i diversi materiali e li ha fatti osservare agli alunni. Li ha poi coinvolti nel gioco dell odorato. Ha invitato alcuni alunni a indovinare a occhi chiusi il materiale del piattino/bicchiere. Per alcuni materiali è stato necessario usare anche il tatto e per altri pure la vista. Ha in seguito versato e mescolato ciascun materiale nel contenitore - con la targhetta corrispondente al materiale inserito pieno d acqua calda, riscaldata in classe usando il pentolino e il fornello elettrico di cucina. Ha invitato gli alunni a osservare il comportamento dei diversi materiali. I bambini hanno potuto notare 14

15 che alcune sostanze si sono sciolte nell acqua (sale, zucchero, miele, camomilla solubile); altre si sono mescolate (latte e aceto); altre ancora dopo un po che sono state mescolate si sono depositate nel fondo del contenitore (farina, caffé, tè in polvere, terra). Al termine dell esperimento, l insegnante ha versato nel colino il contenuto del barattolo pieno d acqua in cui è stato versato il latte e ha chiesto agli alunni se era possibile separare il latte dall acqua. La risposta è stata negativa. Ha poi versato nel colino il contenuto del contenitore pieno d acqua in cui è stato messo del caffé è ha chiesto agli alunni se era possibile separare il caffé dall acqua. Molti hanno risposto affermativamente. Confrontare le foto del cartellone dal titolo I materiali e l acqua. Conclusione: Gli alunni hanno potuto comprendere che alcuni materiali (liquidi) non si sciolgono, ma si amalgamano, cioè si mescolano; altri si depositano, cioè rimangono sul fondo del barattolo (Miscuglio); altri ancora si sciolgono (Soluzione). 15

16 DIARIO DI BORDO: 4 giornata di esperimenti Esperimento: MESCOLARE ACQUA E OLIO Data: 24 aprile 2007 IL PEPE CAMMINA SULL ACQUA Materiale occorrente: Mescolare acqua e olio Acqua olio detersivo liquido per piatti barattolo di vetro pennarello. occorrente per l esperimento e ha chiesto loro: E possibile mescolare acqua e olio?. Ciascun alunno ha espresso la propria opinione, verificata poi con la realizzazione dell esperimento. L insegnante ha segnato sul barattolo un altezza di 5 cm e ha versato dell acqua; ha poi segnato un altra altezza di 5 cm (cioè di 10 cm partendo dal fondo del barattolo) e ha versato dell olio. Gli alunni hanno potuto osservare che dopo qualche attimo di assestamento l olio è rimasto a galla sull acqua, cioè le due sostanze non si sono mescolate. L insegnante ha agitato con forza il barattolo chiuso e gli alunni hanno visto che si è formato un miscuglio lattiginoso, come se l olio si fosse sciolto nell acqua, ma dopo un po le due sostanze si sono separate. Ha aggiunto del detersivo e ha agitato il contenuto del vasetto. Gli alunni hanno potuto vedere che si è formato un liquido lattiginoso con tre strati: uno schiumoso, uno giallastro e uno con l olio sciolto nell acqua. Confrontare le foto del cartellone dal titolo Mescolare acqua e olio Il pepe cammina nell acqua. 16

17 Conclusione: Materiale occorrente: Gli alunni hanno potuto comprendere che l olio non riesce a sciogliersi veramente nell acqua, ma che si forma un emulsione, cioè un miscuglio di piccole chiazze di un liquido in un altro liquido, perché le molecole dell olio e dell acqua sono diverse. Hanno anche compreso che l olio riesce a sciogliersi se si aggiunge il detersivo che modifica le molecole dell olio, tanto che le chiazze di olio diventano sempre più piccole e si ha l impressione che l olio si sia sciolto nell acqua. Il pepe cammina sull acqua Contenitore di plastica trasparente acqua pepe nero saponetta vassoio. occorrente per l esperimento e ha chiesto agli alunni: E possibile che il pepe cammini sull acqua?. Ciascun alunno ha espresso la propria opinione, che ha potuto poi verificare con la realizzazione dell esperimento. L insegnante ha versato dell acqua nel contenitore trasparente, poggiato su un vassoio. Ha poi messo del pepe nero che si è sistemato sulla superficie dell acqua. L insegnante ha fatto vedere agli alunni che il pepe galleggiava e rimaneva fermo sulla superficie dell acqua. Ha poi toccato tale superficie con una saponetta già bagnata e il pepe si è immediatamente allontanato dal sapone, raccogliendosi vicino ai bordi del contenitore. L insegnante ha invitato i bambini a osservare da vicino lo strano comportamento del pepe. Confrontare le foto del cartellone dal titolo Mescolare acqua e olio Il pepe cammina nell acqua. Conclusione: Gli alunni hanno imparato che la tensione superficiale (una proprietà chimica speciale) crea sulla superficie di un liquido a contatto con l aria una 17

18 sorta di pellicola che fa galleggiare il pepe. La saponetta modifica la tensione superficiale. Il pepe viene spinto verso i bordi del contenitore dalla tensione superficiale. 18

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua.

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti IL CICLO DELL ACQUA Materiale occorrente Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. Immergiamo nell'acqua i due fazzoletti. Li strizziamo bene e li appendiamo fuori

Dettagli

LABORATORIO SCIENTIFICO

LABORATORIO SCIENTIFICO 3 ISTITUTO COMPRENSIVO-GIARRE LABORATORIO SCIENTIFICO Ascolto e dimentico. Guardo e ricordo. Eseguo e capisco. È con la pratica che si apprende. (Antico proverbio cinese) Il palloncino che si gonfia da

Dettagli

Che cosa è la materia?

Che cosa è la materia? Che cosa è la materia? Tutti gli oggetti e le sostanze che ci stanno intorno sono costituite da materia. Ma che cosa è la materia? Il banco, la cattedra occupano uno spazio nell aula a causa del loro volume,

Dettagli

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa

Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa Messaggi chiave L acqua presente sulla Terra è sempre la stessa e si muove secondo un percorso, detto ciclo dell acqua, attivato dall energia del sole. L acqua del mare, riscaldata dal calore del sole,

Dettagli

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2 I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago, 110-20132 Milano - t e l. : ( 0 2 )

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado ESPERIENZA: LE SOLUZIONI 3 bicchierini di plastica trasparenti sale zucchero Riempiamo

Dettagli

I.C. Giovanni Pascoli di Benevento Scuola Secondaria di 1 Grado Classe 1 sez. C. La Tensione superficiale e la Capillarità

I.C. Giovanni Pascoli di Benevento Scuola Secondaria di 1 Grado Classe 1 sez. C. La Tensione superficiale e la Capillarità I.C. Giovanni Pascoli di Benevento Scuola Secondaria di 1 Grado Classe 1 sez. C La Tensione superficiale e la Capillarità La Tensione Superficiale Abbiamo imparato che le molecole d acqua si attraggono

Dettagli

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno PROPAGAZIONE DEL CALORE CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO EFFETTI DEL CALORE DILATAZIONE TERMICA nei SOLIDI CAMBIAMENTI DI STATO CUBICA LINEARE nei LIQUIDI nei GAS di Davide M. MATERIALI: -pentola con

Dettagli

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE MISCUGLI E SOLUZIONI La trattazione di questo argomento è avvenuta nell ambito dello studio dell acqua e delle sue proprietà

Dettagli

Al caldo, al freddo. Fare per capire. Laboratorio di scienze

Al caldo, al freddo. Fare per capire. Laboratorio di scienze Laboratorio di scienze Al caldo, al freddo Per capire il comportamento dei materiali con il caldo e con il freddo bisogna immaginare di smontare le particelle che li compongono fino ad ottenere gli elementi

Dettagli

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 Schema di una relazione Titolo Scopo dell esperimento Materiale occorrente Previsione di ciò che succede Istruzioni o descrizioni Osservazioni

Dettagli

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE

Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Titolo: Prove associate al percorso INVESTIGAZIONI SUL MODELLO PARTICELLARE Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare AVVERTENZA: Le domande che

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani.

LA SOLUBILITÀ. Ad esempio i sali contenuti nell'acqua del mare abbassano il punto di congelamento degli oceani. LA SOLUBILITÀ Per le sue caratteristiche chimiche, l acqua è uno dei migliori solventi naturali. Nei sistemi viventi molte sostanze si trovano in soluzione, si può facilmente comprendere l importanza di

Dettagli

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco.

Ora dovremo mettere nella serra tutto quello che ci permetterà di ricreare, in scala ridotta, un ambiente naturale a noi familiare: il bosco. La serra. La nostra piccola serra è una vasca rettangolare di plastica trasparente. Come prima cosa rileviamo le sue dimensioni così da far ritagliare dal vetraio una lastra per poterla chiudere ermeticamente.

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

SEMPLICEMENTE ACQUA. Museo Scienze Naturali Bergamo

SEMPLICEMENTE ACQUA. Museo Scienze Naturali Bergamo SEMPLICEMENTE ACQUA Museo Scienze Naturali Bergamo L ACIDITA Prendete i contenitori riempiti con varie sostanze di uso comune e provate a metterli in fila a partire dalla sostanza secondo voi più acida

Dettagli

1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero

1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero 1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero DOMANDA DESTINATARI MATERIALE OCCORRENTE DESCRIZIONE DELL ESPERIMENTO La formazione di gas avviene in assenza di zucchero?

Dettagli

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2

A T T I V I T A ' D I L A B O R A T O R I O D I S C I E N Z E C L A S S E 1 ^ C 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Esperimento n 1 Un po di acqua Una siringa da 5 ml Lenticchie Proviamo a comprimere una piccola quantità di lenticchie precedentemente inserite nel cilindro della siringa Proviamo ora a comprimere nella

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/7 Compito Gli alunni conducono degli esperimenti con il sale avendo così la possibilità di studiarlo in quanto composto chimico. Grazie ai vari esperimenti imparano anche quali

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI LA DILATAZIONE TERMICA NEI SOLIDI I ESPERIENZA OCCORRENTE: sbarra metallica

Dettagli

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE 1 STADIO Identificazione e definizione delle soluzioni Obiettivo : il bambino, attraverso un approccio fenomenologico, impara il concetto di SOLUZIONE

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Questa attività è stata proposta nell ambito del Progetto LE PAROLE DELLA SCIENZA in una classe dell I.C. M.L.King di Torino e poi condivisa

Dettagli

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA Obiettivi Gli oggetti galleggiano perché l acqua esercita su di essi una spinta: la spinta di Archimede. Difficoltà Difficile Tempo di esecuzione 1 ora Elenco materiali

Dettagli

Alcune proprietà dell aria

Alcune proprietà dell aria SCIENZE La Terra L aria, come già sai, è composta sostanzialmente di gas, ed è invisibile, tanto che normalmente non ci accorgiamo della sua presenza e finiamo per considerarla qualcosa di astratto. Ma

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE La combustione si inserisce nella scansione dei percorsi del curricolo verticale per la classe terza

Dettagli

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura.

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. L A 145 ATTIVITÀ 1 Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. Il tuo libro di scienze; strumenti di misura e non di misura forniti dal tuo insegnante. Osserva il tuo libro di scienze

Dettagli

Temperatura uguale calore?

Temperatura uguale calore? SCIENZE La Materia Ti sarà capitato qualche volta di toccare un oggetto e di sentirlo caldo. Che cosa hai pensato della sua temperatura? Se ci pensi, nel linguaggio comune temperatura e calore sono termini

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

FENOMENI DI SUPERFICIE 1 Un possibile percorso: LA TENSIONE SUPERFICIALE Scheda esperienza 1

FENOMENI DI SUPERFICIE 1 Un possibile percorso: LA TENSIONE SUPERFICIALE Scheda esperienza 1 PIANO ISS P r e s i d i o M I L A N O I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago,

Dettagli

L acqua assume un colore bluastro. Il BTB mescolato con acqua. Cucchiaino da caffè. Il BTB in polvere. In dosi maggiori l acqua diventa più scura

L acqua assume un colore bluastro. Il BTB mescolato con acqua. Cucchiaino da caffè. Il BTB in polvere. In dosi maggiori l acqua diventa più scura Con il termine indicatore si intende, in chimica, un composto (o un sistema di più composti) in grado di subire modifiche facilmente osservabili - di solito il colore - in funzione dell'ambiente chimico

Dettagli

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp In questa guida viene spiegato come sostituire il liquido refrigerante del circuito di raffreddamento della Ibiza (anche se il procedimento

Dettagli

POLARITÀ DELLE SOSTANZE

POLARITÀ DELLE SOSTANZE POLARITÀ DELLE SOSTANZE I liquidi si distinguono in polari e non polari. Obiettivo dell esperimento è controllare la polarità dei liquidi mediante bacchette caricate positivamente o negativamente. H2O

Dettagli

LA LUCE E IL FUOCO. Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna SCHEDA SINTETICA

LA LUCE E IL FUOCO. Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna SCHEDA SINTETICA SCHEDA SINTETICA LA LUCE E IL FUOCO Scuola dell Infanzia di Ciconicco Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo di Fagagna Sede: 33034 Fagagna (UD) - Via del Castello 1 Tel. 0432 800258 Fax. 0432

Dettagli

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO

Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO Istituto Comprensivo Rignano Incisa Laboratorio del Sapere Scientifico PERCORSO DIDATTICO SULL ACQUA SCUOLA PRIMARIA F. PETRARCA INCISA VALDARNO CLASSI QUARTE A/B Collocazione del percorso effettuato nel

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

PROGETTO LDT Scienza a scuola

PROGETTO LDT Scienza a scuola Istituto Comprensivo A. Pacinotti Scuola dell infanzia A. De Gasperi PROGETTO LDT Scienza a scuola Insegnanti: Badalassi Lucia Barani Selene Riccardi Lucia PROGETTO FATTI SIGNIFICATIVI RIFLESSIONI COSA

Dettagli

Didattica della fisica e della biologia 2009-2010. Acqua: pasticciamento, gocce e bolle. E. Giordano

Didattica della fisica e della biologia 2009-2010. Acqua: pasticciamento, gocce e bolle. E. Giordano Didattica della fisica e della biologia 2009-2010 Acqua: pasticciamento, gocce e bolle E. Giordano Pasticciamento Il topo d acqua (K. Grahame, The wind in the willows) Un tempo molto più lungo di quello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 DIARIO DEL GRUPPO

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 DIARIO DEL GRUPPO ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 SCUOLA: Secondaria di I grado Benci " Santa Luce CLASSE/SEZIONE :1 F INSEGNANTE: ORLANDINI

Dettagli

PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA. Conoscenze: La combustione intorno a noi e negli esseri viventi

PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA. Conoscenze: La combustione intorno a noi e negli esseri viventi PON: IL CANTIERE DELLE SCIENZE PER L INNOVAZIONE METODOLOGICA Obiettivo-Azione1-FSE 2008-27 Anno scolastico 2008/2009 Tema: Le trasformazioni Sottotema: Combustione Conoscenze: La combustione intorno a

Dettagli

ESPERIMENTO : 1 Prendete il chiodo, il tappo di sughero, la candela e un oggetto di pongo presenti nel kit, immergeteli in una bacinella d acqua.

ESPERIMENTO : 1 Prendete il chiodo, il tappo di sughero, la candela e un oggetto di pongo presenti nel kit, immergeteli in una bacinella d acqua. Chiara Incerpi IIA Vi ringraziamo per aver scelto il nostro kit. Qui imparerete il segreto del galleggiamento attraverso una serie di esperimenti che potrete eseguire con i diversi materiali. ESPERIMENTO

Dettagli

EDUCAZIONE SCIENTIFICA

EDUCAZIONE SCIENTIFICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO SCUOLA DELL INFANZIA EDUCAZIONE SCIENTIFICA Destinatari: bambini anni 3 4-5 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO SCUOLE DELL INFANZIA DI: Campagnola Cr.,

Dettagli

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva).

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). PREPARIAMO LA PIZZA Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). Acqua: liquido trasparente, incolore. Lievito: panetto morbido, di colore

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE FERRUCCIO PARRI PINEROLO CLASSI 3 A- 3 B A.S. 2009/2010 IL LIBRO DELL ACQUA. 1 parte

SCUOLA PRIMARIA STATALE FERRUCCIO PARRI PINEROLO CLASSI 3 A- 3 B A.S. 2009/2010 IL LIBRO DELL ACQUA. 1 parte SCUOLA PRIMARIA STATALE FERRUCCIO PARRI PINEROLO CLASSI 3 A- 3 B A.S. 2009/2010 IL LIBRO DELL ACQUA 1 parte Mercoledì 17 febbraio 2010 Mercoledì 17 febbraio 2010 ATTIVITÀ CON L ACQUA n.1 Ci siamo divisi

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO

SCUOLA INFANZIA ANDERSEN PROGETTO ACQUA SEZIONE D ARANCIONI A.S. 20013/20014 INSEGNANTI ANNA VIGNA EANDI, MARISA COVELLO CARI GENITORI, IN QUESTI FOGLI E CONTENUTA UNA PARTE DEL PROGETTO SVOLTO QUEST ANNO. NOI INSEGNANTI ABBIAMO PENSATO CHE FOSSE IMPORTANTE CHE VENISSE RESITUITO ALLE FAMIGLIE NON SOLO IL LAVORO INDIVIDUALE

Dettagli

L anidride carbonica è formata da carbonio e ossigeno

L anidride carbonica è formata da carbonio e ossigeno L anidride carbonica è formata da carbonio e ossigeno L anidride carbonica è una molecola, cioè un insieme costituito da un atomo di carbonio e due di ossigeno legati fra loro. Visualizziamo la molecola

Dettagli

STRUTTURA DELLA MATERIA. Un approccio per la scuola primaria. Laura Bassino

STRUTTURA DELLA MATERIA. Un approccio per la scuola primaria. Laura Bassino STRUTTURA DELLA MATERIA Un approccio per la scuola primaria Laura Bassino I ragazzi, sfogliando i quaderni alla fine della classe 5^, ripercorrono attraverso le attività, il percorso del pensare alla materia

Dettagli

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi.

bicchieri di varia dimensione con un beccuccio per facilitare i travasi. Per contenere, prelevare e travasare liquidi e altre sostanze è indispensabile utilizzare strumenti di vetro che consentono un facile controllo visivo, si puliscono facilmente e non si corrodono. Per i

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso Scuola primaria e secondaria di primo grado Attività iniziali Il lavoro, organizzato a gruppi, può prendere avvio

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA Osservare, registrare, classificare organismi viventi e fenomeni fisici con la guida dell

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

Spettacolo Scientifico_Ludico/Teatrale

Spettacolo Scientifico_Ludico/Teatrale Spettacolo Scientifico_Ludico/Teatrale _ Il CIRCO delle SCIENZE _ Il 9 dicembre 2014, le classi della Scuola Secondaria di 1 grado dell Istituto Comprensivo A. R. Chiarelli hanno partecipato allo Spettacolo

Dettagli

E LE CANDELE A COSA SERVONO?

E LE CANDELE A COSA SERVONO? Con un phon Spingendo le eliche con la mano Con un ventilatore Soffiando Girando il perno Con il vento Spingendo i personaggi cl. cl. 3 e e Goldoni ins. ins. E.De Biasi Tolgo le eliche, tengo il perno

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA

CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA Tutto l occorrente per il laboratorio è a disposizione sui tavoli comprese le istruzioni per la realizzazione dei giochi. I gruppi sono tre e ognuno creerà i giochi di una

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

Movimento dell acqua attraverso le membrane

Movimento dell acqua attraverso le membrane Movimento dell acqua attraverso le membrane Il percorso presentato è solo una parte di un percorso più ampio, che si può ipotizzare come parte di un curricolo verticale che si sviluppa dalle prime classi

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

DETERSIVO LAVATRICE. Ingredienti: Sapone in Scaglie, Acqua. 1 Kg. di sapone = 160 lavaggi. Dosi per 1 litro:

DETERSIVO LAVATRICE. Ingredienti: Sapone in Scaglie, Acqua. 1 Kg. di sapone = 160 lavaggi. Dosi per 1 litro: DETERSIVO LAVATRICE Ingredienti: Sapone in Scaglie, Acqua 1 Kg. di sapone = 160 lavaggi Dosi per 1 litro: - Fate bollire 1l. di acqua - Aggiungete 45gr. di sapone in scaglie e mescolate sino al completo

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

La realizzazione dei progetti sperimentali dei gruppi

La realizzazione dei progetti sperimentali dei gruppi PARTE B La realizzazione dei progetti sperimentali dei gruppi La lezione successiva, i bambini hanno portato ingredienti e materiali per realizzare il proprio progetto di gruppo. Si sono messi d accordo

Dettagli

Corso competenze di base Ambito chimico

Corso competenze di base Ambito chimico Laboratorio di Chimica dell ITIS E.Majorana di Grugliasco (www.itismajo.it/chimica) Corso competenze di base Ambito chimico (Prima parte) La dispensa è stata realizzata dalla prof. A. Martini con la collaborazione,

Dettagli

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella di Beatrice MATERIALI: vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella Verso l acqua della bacinella in vari contenitori. La travaso ogni volta. OSSERVAZIONI: L acqua nel

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 8 Maggio 26 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti LA DENSITÀ DELL OLIO Presentazione

Dettagli

Quiz di scienze l acqua

Quiz di scienze l acqua Quiz di scienze l acqua 1. Da cos e composta l acqua? Idrogeno e ossigeno Tanti piccoli animaletti trasparenti chiamati pesci acquiferi E uno dei misteri dell umanita, gli scienziati non sono ancora riusciti

Dettagli

L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA

L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA COSA OCCORRE Sassi, ghiaia, argilla, sabbia, acqua, un grosso barattolo. COME PROCEDERE Lo scopo di questo esperimento è di mostrare ai bambini come l'acqua, durante

Dettagli

Che cosa sai già? Che cosa imparerai? la vita degli animali e delle piante.

Che cosa sai già? Che cosa imparerai? la vita degli animali e delle piante. Tutte le cose intorno a noi sono fatte di materia. L aria che respiriamo, l acqua che beviamo, la terra di un vaso di fiori... La materia è ovunque. La materia è importante per la nostra vita, per la vita

Dettagli

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria

IL SUOLO Terra e terreni. Materiale per la scuola primaria IL SUOLO Terra e terreni Materiale per la scuola primaria SCIENZE Terra e terreni Sommario Attività 1 Sai che cosa sono?...pag. 37 Attività 2 Che cosa è successo?... 38 Attività 3 Che cosa c è nella terra?...

Dettagli

Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno)

Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno) IC «M. L. Niccolini» Ponsacco (PI) a.s. 2014-15 Progetto Laboratori Saperi Scientifici (2 anno) «Il Peso Specifico il Principio di Archimede Il Galleggiamento» Classe 3 Scuola Secondaria di 1 grado Docente

Dettagli

ARIA. MATERIALE/STRUMENTI: 2 becker: uno con dentro l'acqua del rubinetto e. gocce di bromotimolo.

ARIA. MATERIALE/STRUMENTI: 2 becker: uno con dentro l'acqua del rubinetto e. gocce di bromotimolo. ARIA 1 ESPERIMENTO: ACIDITA' E BASICITA' MATERIALE/STRUMENTI: 2 becker: uno con dentro l'acqua del rubinetto e l'altro riempito con acqua piovana e infine un paio di gocce di bromotimolo. ESECUZIONE: in

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco!

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco! Ciao bambini, Sono Carolina Riciclina. Gli amici del bosco hanno bisogno del vostro aiuto. Impariamo insieme a differenziare i rifiuti, solo in questo modo potremo distruggere Orco Sporco. Bene, è semplice

Dettagli

L Evaporazione dell acqua

L Evaporazione dell acqua L Evaporazione dell acqua Istituto Comprensivo di Barberino Mugello CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA L EBOLLIZIONE dell ACQUA Collochiamo sopra una piastra elettrica un becker da 400 cc, contenente circa

Dettagli

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile. LA TENSIONE SUPERFICIALE Osserviamo l acqua che sgocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in

Dettagli

OSSERVIAMO I CRISTALLI

OSSERVIAMO I CRISTALLI OSSERVIAMO I CRISTALLI PREREQUISITI 1.conoscere la struttura della materia: elementi, molecole, 2.conoscere la struttura molecolare di un corpo solido, 3.conoscere i miscugli omogenei. 6.1. ATTIVITÀ Osservazione

Dettagli

L ARIA Brevi indicazioni didattiche

L ARIA Brevi indicazioni didattiche L ARIA Brevi indicazioni didattiche Il percorso didattico è incentrato sulla sperimentazione e l osservazione, pertanto procuriamoci tutto il materiale necessario: contenitori in vetro, bicchiere, cartolina,

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA.

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA. Prof. Fucini Marco ESPERIMENTO 1 ESPERIMENTO 2 ESPERIMENTO 3 ESPERIMENTO 4 ESPERIMENTO 5 ESPERIMENTO 6 ESPERIMENTO 7 ESPERIMENTO 8 ESPERIMENTO 9 ESPERIMENTO 10 ESPERIMENTO 11 ESPERIMENTO 12 ESPERIMENTO

Dettagli

Acqua e aria. Approfondimenti disciplinari a livello adulto. L acqua e l aria. Cose e fenomeni termici nelle indicazioni nazionali

Acqua e aria. Approfondimenti disciplinari a livello adulto. L acqua e l aria. Cose e fenomeni termici nelle indicazioni nazionali L acqua e l aria In questo modulo: Acqua e aria come e dove si parla del tema nelle indicazioni nazionali per i piani personalizzati delle attività educative della scuola dell infanzia approfondimenti

Dettagli

Domanda 1 Quesiti preliminari

Domanda 1 Quesiti preliminari Domanda 1 Quesiti preliminari 1.1 A che temperatura bolle l acqua nella vostra aula di scienze? 1.2 Se in una pentola senza coperchio posta su di un fornello ho dell acqua che bolle e continuo a riscaldare,

Dettagli

UA 2 La separazione dei miscugli

UA 2 La separazione dei miscugli Gruppo di lavoro SSIS CHIMICA Percorso 1 - DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE UA 2 La separazione dei miscugli Livello scolare di riferimento: III media Collocazione all interno della progettazione annuale: parte

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico AMBITO DISCIPLINARE SCIENZE SPERIMENTALI - TECNOLOGIA LIVELLO

Dettagli

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in Il fenomeno Carsico Premessa: prima di presentare il fenomeno Carsico, la maestra fa osservare una cartina dell Italia che mostra la distribuzione del fenomeno nei diversi luoghi. Prima presentazione:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI RAFFORZARE LE COMPETENZE METODOLOGICHE DEI DOCENTI DI DISCILPINE TECNICO-SCIENTIFICHE IL CALORE

CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI RAFFORZARE LE COMPETENZE METODOLOGICHE DEI DOCENTI DI DISCILPINE TECNICO-SCIENTIFICHE IL CALORE CORSO DI FORMAZIONE PER DOCENTI RAFFORZARE LE COMPETENZE METODOLOGICHE DEI DOCENTI DI DISCILPINE TECNICO-SCIENTIFICHE IL CALORE L anima dell uomo non è un sacco da riempire, ma un fuoco da accendere (aforisma

Dettagli

PROGETTO L.D.T. PRIMA SCIENZA

PROGETTO L.D.T. PRIMA SCIENZA I.C. PACINOTTI PONTEDERA SCUOLA dell INFANZIA DIAZ a.s. 2012/2013 PROGETTO L.D.T. PRIMA SCIENZA L ACQUA SI INFILTRA Sezione III Bambini di 5 anni Insegnanti: Daniela Luschi e Chiara Salvadori 1 MACCHIE

Dettagli

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s.

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. 2007/08 [Eleonora Aquilini] Le sostanze basiche Preparate una soluzione di

Dettagli

Estrazione del DNA. 1. Introduzione

Estrazione del DNA. 1. Introduzione Estrazione del DNA 1. Introduzione L obiettivo di questa esperienza è quello di osservare la molecola degli acidi nucleici, una volta separata dall involucro cellulare in cui è contenuta all interno della

Dettagli

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività A ciascun gruppo è stata consegnata una caffettiera con libertà di aprirla e smontarla. Le caffettiere erano diverse per forma e dimensioni.

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA DI PRESENTAZIONE SCHEDA DI PRESENTAZIONE TITOLO: il calore e la temperatura BREVE DESCRIZIONE DELL UNITA DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole illustrare la differenza tra calore e temperatura e la

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

Esperiteca: schede tecniche e questionario utenti

Esperiteca: schede tecniche e questionario utenti Esperiteca: schede tecniche e questionario utenti Esperiteca 141 Scheda informativa per l utente Titolo: MEDUSA VOLANTE Editore: LAmbdaCOSFI - Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Trento Argomenti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gallicano. Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA»

Istituto Comprensivo di Gallicano. Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico. Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA» Istituto Comprensivo di Gallicano Scuola Primaria di Fabbriche di Vallico Progetto Laboratorio dei Saperi Scientifici «CARTA RI-CARTA» Classi 1^/2^/3^/4^/5^ a. s. 2014-2015 OBIETTIVI ESSENZIALI ABILITA

Dettagli