Condominio. Le nuove regole per difendersi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Condominio. Le nuove regole per difendersi"

Transcript

1 Condominio Le nuove regole per difendersi Anno XXXIX - Altroconsumo: via Valassina 22, Milano - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in a.p.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB - MI Supplemento n. 2 - di Altroconsumo n marzo 2013

2 Convivenza più trasparente Sommario Con la riforma del condominio che entra in vigore il 17 giugno 2013 cambiano alcune delle norme che regolano la convivenza tra vicini. Nuove maggioranze, per esempio, sono richieste per votare i provvedimenti in assemblea, ma le principali novità riguardano la figura dell amministratore. Al professionista si chiedono maggiori requisiti di trasparenza, formazione e onorabi- Risparmiare si può Vai su altroconsumo.it e trova in pochi clic: la tariffa dell elettricità più vantaggiosa il conto corrente che ti costa meno la tariffa Rc auto giusta per te il mutuo più adatto a te la tariffa telefonica più conveniente il farmaco meno costoso Scopri tutti i vantaggi su altroconsumo.it lità e la legge prevede per lui nuovi obblighi. Deve attivarsi per recuperare i crediti dai condomini morosi, e ha anche maggiori poteri sanzionatori nei confronti di chi non rispetta le regole. Con questa guida diventa più semplice conoscere e far rispettare i propri diritti nell ambito del condominio, per una convivenza più serena e qualche grattacapo in meno. Altroconsumo Edizioni Srl Sede legale, direzione, redazione e amministrazione: via Valassina, Milano Reg. Trib. Milano N. 116 del 8/3/1985 Copyright Altroconsumo n del 30/6/1987 Direttore responsabile: Rosanna Massarenti Regole di buon vicinato Vicini, troppo vicini Rispettare gli spazi comuni Lavori in corso Doveri dell amministratore Per molti ma non per tutti Al servizio dei condomini Cambiare si può Potere all assemblea Il condominio si riunisce Come si fa a decidere? Gestire i soldi Spese da approvare Come sono divise le spese? Condominio Come contattarci: telefono altroconsumo.it

3 Regole di buon vicinato In base alla riforma in vigore da giugno 2013, rientra sotto la definizione di condominio qualsiasi complesso in cui vi siano almeno due beni immobili distinti, appartenenti a proprietari diversi, ma legati da una o più parti comuni. Si definiscono condomini i proprietari delle singole unità abitative, ma se ne conta uno soltanto per ogni appartamento. Se uno stesso proprietario possiede più appartamenti all interno di un condominio conta come un solo condomino, che però rappresenterà una quota maggiore di millesimi. Vicini, troppo vicini Quando i condomini sono più di 10 è obbligatorio adottare un regolamento condominiale per disciplinare l uso delle cose comuni, la ripartizione delle spese, la tutela del decoro dell edificio e l amministrazione. Il regolamento va approvato con la maggioranza degli intervenuti in assemblea e cinquecento millesimi, ovvero metà delle quote in cui è divisa la proprietà del condominio. È al regolamento che si deve fare prima di tutto riferimento ogni qual volta si notino comportamenti fastidiosi o ritenuti non conformi alle regole. Rumori molesti Il regolamento di solito stabilisce modalità e orari per svolgere attività potenzialmente fastidiose o rumorose, come la gestione dei rifiuti domestici, l annaffiatura delle piante, la battitura dei tappeti, i lavori di manutenzione e in generale le attività rumorose, come suonare uno strumento. Proprio rumori, abitudini, odori potenzialmente fastidiosi per i vicini, che in termine tecnico sono chiamati immissioni, sono alla base della maggior parte delle liti tra condomini. L amministratore può essere avvertito e intervenire se il comportamento di un condomino viola il regolamento condominiale, ma non è legittimato ad agire se le controversie riguardano singoli condomini. Come difendersi allora? Chi si ritiene vittima di rumori o altri comportamenti molesti da parte di un vicino deve rivolgersi direttamente all autorità giudiziaria. Prima di arrivare a tanto esistono ovviamente passaggi intermedi, come per esempio l invio di una lettera raccomandata con avviso di ricevimento al vicino in questione, in cui lo si invita a porre fine ai comportamenti di disturbo. Del resto il giudice può agire solo in presenza di immissioni che superino la normale tollerabilità, stabilita di volta in volta in base a ciò di cui si tratta (rumori, odori ecc.) con la consulenza tecnica di un perito. Animali: vietato vietare Il regolamento condominiale non può vietare di possedere animali domestici, ma solo stabilire delle regole per la civile convivenza. L animale è definito dalla legge come una cosa, alla stregua di un bene mobile. Vietarne il possesso sarebbe come impedire di possedere un frullatore o un impianto stereo. Resta però possibile regolamentare l uso di questi oggetti e in caso di mancato rispetto delle regole (per esempio se si ascolta musica a tutto volume di notte) si possono prevedere sanzioni. Lo stesso vale dunque 4 Condominio Condominio 5

4 per gli animali. Si può per esempio vietare che il cane di un condomino stia nel giardino condominiale senza museruola o senza un accompagnatore, e fissare una sanzione per i proprietari dei cani che sporcano le parti comuni dell edificio o che abbaiano nelle ore notturne. Can che abbaia Spesso i condomini chiedono all amministratore di intervenire nei confronti dei proprietari di animali perché non rispettano il regolamento condominiale, o perché gli animali fanno rumore, sporcano o vengono lasciati uscire da soli negli spazi condominiali. L amministratore può richiamare, anche per iscritto, il proprietario al rispetto delle regole e perfino arrivare a multarlo, se il regolamento lo prevede. Se però il suo intervento non basta a risolvere la situazione, il condomino che si è lamentato può intraprendere singolarmente un azione legale contro il vicino, ma anche l amministratore potrà intentarne una a nome del condominio se l assemblea ha votato in tal senso. Qualunque sia la richiesta fatta al giudice, compresa quella di un provvedimento che ponga subito fine alle immissioni e preveda un indennizzo, va ricordato che il danno o il disturbo devono essere quantificabili e dimostrabili. Inoltre rispetto al disturbo causato dai proprietari di animali è richiesta una certa dose di tolleranza: rumori e odori sono ritenuti illeciti solo quando sono tali da causare fastidio a persone di normale sopportazione. Proprio come avviene per tutte le altre attività quotidiane che i condomini possono svolgere, magari dando un certo fastidio ma senza commettere alcun illecito, come cucinare pesce o usare il trapano in orari consentiti. Vince il buon senso La soluzione migliore è sempre quella di appianare i problemi in via amichevole, senza inasprire inutilmente i rapporti con i vicini. Quindi da un lato chi subisce il fastidio non dovrebbe lanciarsi in rischiose azioni giudiziarie senza concreti motivi, dall altro chi possiede animali deve rispettare lo spazio e le esigenze degli altri condomini. Anche in assenza di espliciti divieti, occorre fare in modo che la presenza dell animale non crei disturbo e non limiti l altrui diritto di godere degli spazi comuni. Fondamentale è curarne l igiene, addestrarlo a non abbaiare troppo e a non lanciarsi contro le persone che incontra uscendo di casa. Per il resto bastano la buona educazione e il buon senso, che vanno usati per esempio chieden- Chi infrange il regolamento può essere multato e costretto a pagare una somma fino a 200 euro, che può arrivare a 800 in caso di recidiva do il permesso prima di salire in ascensore con un cane se ci sono altri condomini che potrebbero non gradirne la presenza. Se poi il buon senso viene del tutto a mancare, e un vicino infastidito si lancia in intimidazioni contro l animale (per esempio minacciando di avvelenarlo), il proprietario deve denunciare immediatamente il fatto alla polizia, anche come forma di dissuasione. Rispettare gli spazi comuni È necessario rispettare la destinazione d uso delle varie parti comuni del condominio, indicata solitamente nel regolamento. Per esempio si può prevedere che il locale sottotetto sia a disposizione di tutti i condomini come stenditoio collettivo o che il cortile condominiale serva a dare aria e luce alle parti dell edificio che vi si affacciano. Se così è scritto nel regolamento condominiale, ci si dovrà attenere a queste funzioni, oppure cambiarle, se serve, ma solo a certe condizioni. 6 Condominio Condominio 7

5 A ogni spazio la sua funzione L assemblea può decidere come usare uno spazio, ammesso che l uso sia compatibile con la sua destinazione principale stabilita dal regolamento. Per esempio, è possibile approvare con la maggioranza degli intervenuti all assemblea e un terzo dei millesimi gli orari di gioco nel cortile per i bambini e votare per la creazione di un area giochi attrezzata. Sono vietati i cambiamenti che modificano del tutto la destinazione d uso, a meno che non siano richiesti per soddisfare particolari esigenze condominiali (per esempio il sottotetto trasformato da stenditoio comune a sala riunioni). In questi casi il cambiamento di destinazione deve essere sostenuto da maggioranze molto ampie: i 4/5 dei partecipanti all assemblea e i 4/5 dei millesimi dell edificio. Ma non basta; perché la decisione presa con questa maggioranza sia valida, occorre che l avviso di convocazione dell assemblea sia comunicato almeno 20 giorni prima della riunione, invece dei cinque normalmente previsti, tramite raccomandata La videosorveglianza Chi può installare telecamere all interno di un condominio? La riforma chiarisce finalmente questo punto controverso e stabilisce che solo i comproprietari possono deliberare l installazione di un impianto di videosorveglianza con la maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentino almeno metà del valore millesimale dell edificio. Coloro che vivono in affitto nel condominio non hanno potere di intervento sull argomento e se una decisione in tal senso viene approvata dovranno subirla anche se sono contrari. Le condizioni poste dal Garante della Privacy per la telecamera o il videocitofono di sorveglianza sono due: devono essere visibili da chiunque e non nascosti alla vista; la loro presenza deve essere annunciata da cartelli, che specifichino anche le finalità e il responsabile del trattamento delle immagini, nel rispetto delle norme sulla privacy. Se è un privato a installare una telecamera, per esempio per sorvegliare il box, non è necessario il consenso degli altri condomini, purché le immagini non siano diffuse e l angolo visuale non invada spazi privati dei vicini. o certificata. L avviso deve indicare quali sono le parti comuni che si vogliono modificare e in che modi si intende cambiare la loro destinazione d uso. Sono comunque vietate le modifiche che non rispettano il decoro architettonico o che pregiudicano la stabilità e la sicurezza del fabbricato. Niente parcheggio in giardino Abbiamo visto che ciascun condomino può servirsi degli spazi comuni, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri residenti di farne ugualmente uso. Ciascuno può apportare a proprie spese i cambiamenti necessari per meglio godere della cosa comune. Per esempio il giardino condominiale può essere usato da tutti come luogo tranquillo per la lettura, e ciascuno se vuole può abbellirlo, magari con delle fioriere, sempre che non ostacolino il passaggio. Quello che invece non si può fare è trasformare il giardino in un parcheggio, perché questo è un intervento che incide negativamente sulla sua destinazione d uso. Allo stesso modo non è pensabile per un condomino recintare una parte del giardino per farne un orto privato, perché questo impedirebbe agli altri di poter godere di tutto lo spazio comune. Se si verifica un simile abuso l amministratore o i condomini, anche singolarmente, possono far partire una diffida, e convocare l assemblea per mettere a punto delle contromisure, compresa un azione giudiziaria votata a maggioranza degli intervenuti, con almeno metà dei millesimi. Diritto di parabola Vi sono due importanti eccezioni che consentono ai condomini di utilizzare le parti comuni per un uso personale. Si tratta dell installazione di impianti privati di ricezione radiotelevisiva (anten- 8 Condominio Condominio 9

6 na parabolica) e di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili (pannelli solari, pale eoliche ecc.). Questi interventi si possono realizzare addirittura senza il permesso dell assemblea. Siccome il diritto d antenna è elevato al rango di diritto costituzionale alla libertà di informazione, ogni condomino potrà installare antenne individuali anche sulle parti comuni dell edificio e gli altri dovranno consentire l accesso anche alla propria abitazione se ciò è necessario per eseguire l installazione. Energie alternative Il medesimo principio si applica all installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, consentita al singolo condomino anche usando le superfici comuni compreso il lastrico solare. Solo se si rende necessario modificare le parti comuni il condomino deve comunicare all amministratore la modalità di esecuzione degli interventi e l assemblea, che comunque non può impedirli, può imporre modalità alternative di esecuzione o imporre cautele per salvaguardare la stabilità dell edificio o il suo decoro architettonico. Lo stesso vale comunque per l installazione delle parabole. Lavori in corso Per svolgere lavori di ristrutturazione all interno del proprio appartamento il condomino non ha bisogno di chiedere autorizzazioni. È però frequente che i lavori siano causa di liti tra vicini, a causa di rumori, possibili danni e altri fastidi. Rispettare gli orari La legge impone comunque al condomino che si appresta a fare i lavori di avvertire l amministra- tore, che poi riferisce all assemblea. Chi svolge i lavori dovrà fare estrema attenzione a non causare danni alle parti comuni dell edificio e a non compromettere, per esempio con l abbattimento di muri portanti, la stabilità e la sicurezza della struttura oppure il suo decoro architettonico. Il regolamento condominiale solitamente contiene l indicazione degli orari di svolgimento dei lavori e le regole per l utilizzo di spazi comuni per il deposito dei materiali. È importante attenersi a quanto prescritto, perché altrimenti i vicini avranno il diritto di protestare e l amministratore di intervenire. Riscaldamento autonomo Anche su questo aspetto la riforma mette finalmente un punto fermo: un condomino può rinunciare a usare l impianto centralizzato di riscaldamento, se dal distacco non derivano squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. Chi si stacca dall impianto deve affrontarne il costo e dimostrare con una relazione tecnica che il distacco non incide sulla funzionalità e sulla scurezza dell impianto centralizzato. Se per gli altri condomini le spese di esercizio dell impianto subiscono aumenti rilevanti, a coloro che si sono resi autonomi sarà chiesto di contribuire a sostenerli. Siccome poi l impianto è di proprietà di tutti i condomini, chi si stacca resta comunque tenuto a concorrere almeno alle spese per la sua manutenzione straordinaria e a quelle per la conservazione e messa a norma. Il condominio è un complesso con almeno due beni immobili di proprietari diversi con una parte in comune. Solo se i condomini sono più di 8 occorre convocare l assemblea e nominare un amministratore 10 Condominio Condominio 11

7 Doveri dell amministratore Molte delle novità della riforma del condominio riguardano la figura dell amministratore. Rispettabilità, adeguata formazione e massima reperibilità sono tra le caratteristiche che il professionista deve avere per poter assolvere il suo ruolo. Per molti ma non per tutti Non può ricoprire questa carica chi è stato condannato per delitti contro la pubblica amministrazione, l amministrazione della giustizia, il patrimonio e ogni altro delitto non colposo per il quale sia prevista la reclusione minima di 2 anni e massima di 5. Se una delle condizioni che determinano l ineleggibilità si verifica nel corso del suo mandato, l incarico dell amministratore cessa automaticamente e ciascun condomino può convocare l assemblea per la nomina del nuovo amministratore. Formazione ad hoc La legge ha reso più severe le norme che regolano l eleggibilità dell amministratore che, a meno che non si tratti di uno dei condomini che abitano nello stabile, per i quali non è richiesta una particolare formazione, deve aver conseguito un diploma di scuola secondaria e aver frequentato un corso di formazione in materia di amministrazione condominiale. La legge fa eccezione per coloro che già svolgevano l attività prima che entrasse in vigore la riforma, se nell arco degli ultimi tre anni hanno amministrato un immobile per almeno un anno. Non vi è invece nessuna deroga sui corsi di aggiornamento e formazione, che devono essere frequentati periodicamente da tutti i professionisti. Sempre rintracciabile Per nominare l amministratore serve il voto della maggioranza dei condomini intervenuti in assemblea, che rappresentino almeno metà (500 millesimi) del valore dell edificio. L incarico dura un anno e si rinnova automaticamente per un altro anno se non viene revocato dai condomini. Quando accetta l incarico, e ad ogni rinnovo, il professionista deve specificare il compenso richiesto per lo svolgimento della sua attività, altrimenti la sua nomina è nulla. L amministratore deve inoltre comunicare ai condomini i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale e, se si tratta di una società, anche la sede legale e la denominazione. È importante che l amministratore sia sempre rintracciabile perché i condomini possano agevolmente comunicare con lui se hanno problemi o bisogno urgente di informazioni. Per questo deve affiggere nell ingresso del condominio o in un punto di grande passaggio un cartello che contenga i recapiti, anche telefonici, suoi o di un collaboratore a cui rivolgersi. L assemblea può poi chiedere all amministratore di stipulare una polizza individuale di assicurazione per la responsabilità civi- L anagrafe condominiale È la carta d identità del condominio e contiene le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento (per esempio gli usufruttuari). I condomini hanno l obbligo di comunicare ogni variazione, come per esempio il passaggio di proprietà, entro 60 giorni. Nel caso in cui un condomino non provvedesse a fornire i dati per aggiornare il registro, l amministratore ne fa formale richiesta per lettera raccomandata e, trascorsi 30 giorni senza una risposta, acquisisce le informazioni necessarie (per esempio presso l ufficio del catasto), addebitandone il costo ai condomini coinvolti. 12 Condominio Condominio 13

8 le per gli atti compiuti nell esercizio del suo mandato. Il massimale della polizza andrà poi adeguato se vengono deliberati lavori straordinari e raggiungere l importo di spesa previsto. Al servizio dei condomini Siccome l inerzia nell eseguire i suoi incarichi si ripercuote negativamente su tutto il condominio, la riforma prevede che qualsiasi condomino ha il diritto e il potere di richiamare l amministratore all ordine se, in mancanza di motivazioni concrete, non svolge in maniera adeguata il suo ruolo. Doveri del ruolo L amministratore è tenuto a convocare l assemblea annualmente per l approvazione del rendiconto delle spese, eseguire le decisioni che vengono prese in assemblea, far rispettare il regolamento condominiale. Inoltre ci si aspetta che intervenga a sanzionare abusi compiuti da alcuni condomini ai danni di altri. Venendo alle cose strettamente legate alla gestione finanziaria, l amministratore deve occuparsi di pagare i fornitori (lavascale, ditta che esegue lavoro di tinteggiatura, manutenzione ascensore ecc.) e riscuotere dai condomini le quote di partecipazione alle spese per la gestione ordinaria di cose e servizi, arrivando se serve anche in giudizio, in rappresentanza del condominio, contro quanti non abbiano pagato la propria parte. Spetta al professionista occuparsi di mantenere l edificio in efficienza, compiendo gli atti conservativi necessari nelle sue parti comuni, compresi gli adeguamenti tecnici degli impianti. Deve inoltre occuparsi degli adempimenti fiscali. Obblighi di trasparenza Vi è una grande mole di dati e informazioni che passano per le mani dell amministratore, che gestisce le pratiche e i soldi delle spese del condominio e deve poterne dar conto in qualsiasi momento. Per questo nello svolgere il proprio ruolo il professionista deve adottare la massima trasparenza conservando tutti i documenti e consentendone la visione ai condomini. In particolare l amministratore deve tenere e aggiornare il registro di anagrafe condominiale (vedi riquadro a pag. 13), il registro dei verbali delle assemblee, che presenta il rendiconto sintetico di tutte le discussioni e le deliberazioni di ciascuna assemblea, il registro di nomina e revoca dell amministratore e il registro di contabilità. È tenuto a conservare tutta la documentazione inerente la propria gestione e a fornire al condomino che ne faccia richiesta l attestazione relativa allo stato dei pagamenti delle spese condominiali, delle eventuali liti in corso e consentire l accesso alla documentazione condominiale di tutti i condomini. L amministratore deve consentire ai condomini di consultare i registri condominiali, indicando il luogo e fissando giorni e orari in cui possono vederli Per esempio se un condomino non paga, gli altri hanno il diritto di sapere chi è, di quante quote è indietro e di capire come questo incida sul bilancio generale del condominio. Ogni anno l amministratore redige il rendiconto di gestione e convoca l assemblea per la sua approvazione. Cambiare si può Con la stessa maggioranza che serve per nominarlo, a meno che il regolamento del condominio non preveda maggioranze diverse, l amministratore può essere revocato dal suo ruolo in qualunque momento dall assemblea. La revoca Se l amministratore non presenta a fine anno il conto della gestione o compie gravi irregolarità, la revoca può essere disposta su ricorso anche di un solo condomino, così come un singolo condomino può chiedere la convocazione dell assemblea per far cessare un comportamento scorretto dell am- 14 Condominio Condominio 15

9 L amministratore è tenuto ad aprire un conto corrente per ciascun condominio che amministra su cui versare le quote di partecipazione alle spese Prima di fare il tuo acquisto, hai letto Altroconsumo? ministratore e revocargli l incarico. In caso di voto negativo da parte dell assemblea ciascun condomino può rivolgersi all autorità giudiziaria e se il ricorso viene accolto, chi lo ha presentato può rivalersi sul condominio per le spese legali sostenute. Il condominio a sua volta potrà rivalersi sull amministratore. L amministratore revocato dall autorità giudiziaria non potrà essere rinominato dall assemblea. Quando cessa dal proprio incarico, l amministratore deve consegnare tutta la documentazione in suo possesso relativa alla gestione del condominio e ai singoli condomini. In attesa della nomina di un nuovo amministratore, quello uscente deve occuparsi dell ordinaria amministrazione. Comportamenti scorretti Fermo restando che l assemblea è libera di sostituire un professionista a un altro se non è nel complesso soddisfatta del lavoro del proprio amministratore, la legge fornisce numerosi esempi di comportamenti irregolari che 16 Condominio possono portare alla sua revoca senza bisogno di maggioranze particolari. Se non convoca l assemblea per approvare il rendiconto e se rifiuta ripetutamente di convocare l assemblea per la revoca e la nomina del nuovo amministratore, se non esegue i provvedimenti giudiziari e amministrativi e le decisioni dell assemblea, ma anche semplicemente se non apre e non usa un conto corrente condominiale per gestire le spese, l amministratore è revocabile. Lo stesso vale se la sua gestione può generare confusione tra il patrimonio del condominio e quello personale. Ci vogliono insomma correttezza e trasparenza nella gestione del condominio. Vi sono altri obblighi che l amministratore deve ottemperare, pena la revoca dell incarico. Per esempio la riscossione coattiva delle somme dovute dai condomini morosi stabilita da un azione giudiziaria, la tenuta dei registri e di tutta la documentazione relativa al condominio, la comunicazione dei dati obbligatori che lo riguardano: negligenze e omissioni in questi ambiti non sono tollerate. Ogni mese, Altroconsumo ti informa con chiarezza su qualità e difetti di centinaia di prodotti, apparecchi o servizi che utilizzi quotidianamente. Come? Grazie ai risultati di test comparativi e di inchieste approfondite, condotti con assoluta indipendenza e obiettività, risultati che riceverai direttamente a casa tua pubblicati sulla rivista Altroconsumo. Hai bisogno di un cellulare, di un televisore, di detersivi, yogurt, caffè o anche di un auto nuova, del fornitore di elettricità o dell operatore telefonico più conveniente? Noi ti segnaliamo il nostro Miglior Acquisto. In tal modo, tu potrai fare una scelta ragionata, obiettiva, sicura e sempre al miglior prezzo! 11 numeri l anno Centinaia di euro di risparmio sui tuoi acquisti ogni anno Ogni due mesi, Soldi & Diritti ti consiglia i contratti assicurativi più vantaggiosi, mette a confronto le diverse forme di investimento, analizza le condizioni dei conti correnti bancari, ti suggerisce come difendere i tuoi diritti nei confronti di banche, assicurazioni, compagnie telefoniche e molto altro ancora. Questa rivista è il complemento ideale di Altroconsumo. È condotta con gli stessi criteri di obiettività, indipendenza e competenza e ti permette di tutelare al meglio i tuoi diritti nella vita di ogni giorno. Soldi & Diritti è sempre pronto a darti una mano. 6 numeri l anno Consigli per difendere i tuoi diritti e proteggere i tuoi interessi in ogni circostanza Ogni giorno, altroconsumo.it

10 Potere all assemblea Lamentarsi a mezza voce sul pianerottolo con il proprio vicino di come viene gestito il condominio è ovviamente lecito, ma poco produttivo: è in assemblea che vanno portate eventuali rimostranze, sollevati problemi, prese le decisioni. È insomma in questa sede che i condomini possono far sentire la propria voce. Il condominio si riunisce L avviso di convocazione dell assemblea può arrivare per raccomandata, per posta elettronica certificata, via fax oppure può essere recapitato a mano. L importante è che la comunicazione arrivi ameno 5 giorni prima della data fissata per la riunione e che contenga, oltre al luogo e all ora, anche l ordine del giorno, cioè la lista di argomenti dei quali si prevede di parlare. Se queste regole non sono rispettate, le decisioni che eventualmente verranno prese dall assemblea possono essere annullate su richiesta di chi non è d accordo o di chi era assente perché non convocato. Prima o seconda convocazione? Nella stessa comunicazione è possibile, ed è anzi consuetudine, indicare anche la data della seconda convocazione, che non può essere fissata lo stesso giorno della prima, ma neppure oltre i 10 giorni successivi. Dal momento che, come vedremo, per le delibere ordinarie, cioè decisioni che riguardano per esempio l approvazione del bilancio consuntivo delle spese e del preventivo per l anno successivo, in prima convocazione servono maggioranze più consistenti, è abitudine che la prima convocazione vada deserta. Spesso è fissata appositamente in orari improbabili, e si tiene quindi per buona direttamente la data della seconda convocazione: in questo modo per raggiungere le maggioranze necessarie a prendere le decisioni basterà un numero minore di condomini. I millesimi Doppia maggioranza: si abbassa il quorum Le decisioni che riguardano il condominio sono prese dall assemblea che può deliberare soltanto se è stata validamente costituita e nel rispetto della doppia maggioranza: dei condomini e del valore dell edificio. Le maggioranze necessarie per votare cambiano in base alle decisioni da prendere, ma pur sempre è necessario che sia d accordo una certa quota di condomini, che devono rappresentare una certa quota di millesimi. La riforma del condominio ha abbassato il quorum necessario per costituire l assemblea in prima convocazione: basta la maggioranza assoluta dei con- Ogni condomino è padrone singolarmente del proprio appartamento e collettivamente delle parti comuni. Per calcolare quanto vale la proprietà di ciascuno, si attribuisce all intero edificio condominiale un valore di mille che poi viene suddiviso tra le singole proprietà, tenendo conto del valore proporzionale delle parti comuni. Se un condomino possiede due appartamenti nello stesso stabile avrà più millesimi di chi ne possiede uno solo. È la legge a stabilire che i valori dei piani o delle porzioni di piano, rapportati a quelli dell intero edificio, devono essere espressi in millesimi, tramite una tabella allegata al regolamento di condominio. Nella pratica, le tabelle sono almeno due: la tabella di proprietà, per determinare la quota di comproprietà di ciascun condomino sulle parti comuni, e la tabella di gestione, che distribuisce le spese di alcuni servizi. 18 Condominio Condominio 19

11 domini che rappresentino 2/3 del valore in millesimi, mentre prima era richiesta la presenza di 2/3 dei condomini. In seconda convocazione, poi, perché l assemblea sia valida bastano 1/3 dei condomini e 1/3 dei millesimi. sona di fiducia a rappresentarci in assemblea. Se però i condomini in totale sono più di 20, il delegato non può rappresentarne più di un quinto. Insomma non è possibile che una sola persona decida per conto di buona parte del condominio. Le delibere dell assemblea che costituiscono abuso edilizio o pregiudicano la stabilità e la sicurezza dell edificio sono considerate nulle Un limite alle deleghe All amministratore non possono essere conferite deleghe per la partecipazione all assemblea, mentre si può delegare una per- Come si fa a decidere? La maggioranza vince, anche nel condominio, e le decisioni votate validamente in assemblea vincolano tutti i condomini. Solo quelle contrarie alla legge o al regolamento del condominio possono essere impugnate dagli assenti, dai contrari o dagli astenuti. Delibere ordinarie La maggior parte delle decisioni può essere votata validamente in prima convocazione con un numero di voti che rappresenti la maggioranza dei presenti in assemblea, che a loro volta rappresentino almeno la metà dei millesimi. In seconda convocazione, basta che la maggioranza degli intervenuti che approva una delibera rappresenti almeno 1/3 del valore millesimale. Queste sono le maggioranze valide per tutte le decisioni di ordinaria amministrazione, come il compenso dell amministratore, l approvazione del rendiconto delle spese, il contratto con il giardiniere o con l impresa di pulizie, la tinteggiatura delle scale, per decidere di riparazioni, anche straordinarie ma di piccola entità, come per esempio quella dell autoclave o la manutenzione dei contatori. Maggioranze particolari In tutti gli altri casi la legge stabilisce la necessità di maggioranze diverse, perché le decisioni da prendere richiedono un consenso più ampio, vuoi perché riguardano una spesa molto ingente o perché prevedono una modifica del regolamento condominiale, o ancora perché hanno come oggetto un cambio di destinazione d uso di uno spazio comune. In tutti questi casi serve l accordo di un numero maggiore di condomini. La tabella che pubblichiamo nelle pagine seguenti sintetizza tutti i vari casi in modo schematico. In sostanza tutti gli atti che non rientrano nell amministrazione ordinaria, ma che non costituiscono una innovazione, devono essere votati dalla maggioranza dei condomini presenti in assemblea, che rappresentino almeno la metà dei millesimi. È per esempio il caso di decisioni che riguardano nomina e revoca dell amministratore, la deliberazione di lavori straordinari di notevole entità, come il rifacimento della facciata, l installazione di impianti di videosorveglianza. Anche una decisione presa all unanimità dall assemblea, alla quale però non ha preso parte un numero di condomini sufficiente per raggiungere metà del valore dell edificio, non è considerata valida. Migliorie Quando si votano innovazioni che hanno un interesse sociale, come le opere per eliminare le barriere architettoniche, quelle per la produzione di energia da fonti rinnovabili o per la costruzione di un parcheggio, le maggioranze richieste coincidono con quelle necessarie per le deliberazioni fuori dall ordinario: metà più uno 20 Condominio Condominio 21

12 LE MAGGIORANZE NECESSARIE PER DECIDERE ATTO O DECISIONE PRIMA CONVOCAZIONE MAGGIORANZA RICHIESTA SECONDA CONVOCAZIONE Costituzione assemblea condominale Metà + 1 dei condomini e 2/3 dei millesimi 1/3 dei condomini e 1/3 dei millesimi Delibere ordinarie Metà + 1 degli intervenuti e metà dei millesimi Metà + 1 degli intervenuti e 1/3 dei millesimi GESTIONE CONDOMINIALE ECCEDENTE L ORDINARIA AMMINISTRAZIONE Nomina revoca dell amministratore Approvazione del regolamento Liti attive e passive relative a materie che esorbitano le attribuzioni dell amministratore Ricostruzione dell edificio Riparazioni straordinarie di notevole entità Richiesta di cessazione di attività che incidono negativamente sulla destinazione Video sorveglianza Progetti territoriali INNOVAZIONI Innovazioni dirette al miglioramento o all uso più comodo o al maggior rendimento delle cose comuni Innovazioni delle parti comuni a favore dei singoli (senza autorizzazione dell assemblea) Proporre modalità per l installazione di impianti: per produzione di energia da fonti rinnovabili per singole unità su superficie comune e sulle parti di proprietà individuale di ricezione radiotelevisiva e/o di altro flusso informativo Innovazioni di interesse sociale Opere e interventi volti a migliorare la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti Opere e interventi per eliminare le barriere architettoniche Contenimento del consumo energetico degli edifici Realizzazione di parcheggi Produzione di energia mediante l utilizzo di impianti di cogenerazione, di fonti rinnovabili su parti comuni Installazione di impianti centralizzati per la ricezione radiotelevisiva e per l accesso ad altro flusso informativo, anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino alla diramazione per le singole utenze MODIFICA DELLA DESTINAZIONE Modifica della destinazione dell uso di parti comuni per esigenze condominiali MODIFICA DIRITTI INDISPONIBILI Variazione dei diritti soggettivi sulle cose comuni e del potere di disporre sulle parti di proprietà esclusiva Servitù a carico del condominio Vendita dei beni comuni Innovazioni che possono recare pregiudizio alla stabilità, sicurezza, decoro del fabbricato Innovazioni che rendano una parte dell edificio inservibile al godimento o all uso anche di un solo condomino Metà + 1 degli intervenuti in assemblea e metà dei millesimi Metà + 1 degli intervenuti in assemblea e 2/3 dei millesimi Metà + 1 degli intervenuti in assemblea e metà dei millesimi 4/5 dei condomini e del valore 100/100 dei condomini e del valore 22 Condominio Condominio 23

13 dei presenti e almeno 500 millesimi. Se invece si tratta di modifiche che hanno lo scopo di migliorare o aumentare il rendimento dell edificio, come l introduzione del portierato o la trasformazione del tetto in terrazzo, l approvazione deve avvenire con una maggioranza più ampia: 2/3 degli intervenuti e 2/3 dei millesimi. Se la spesa prevista è molto gravosa, i condomini che non sono d accordo possono non contribuire alle spese, a patto che si tratti di innovazioni dalle quali possono essere esclusi (piscina condominiale, ascensore ecc.). Interventi a uso dei singoli Come abbiamo detto nel primo capitolo di questa guida, nessuno può impedire a un condomino di installare un antenna tv o un pannello solare, nemmeno se per farlo utilizza spazi comuni del caseggiato. L assemblea può però stabilire che il proprietario in questione osservi particolari cautele nell installazione a salvaguardia della sicurezza, della stabilità o Le decisioni che non rispettano le leggi o il regolamento condominiale possono essere impugnate da chi non è d accordo anche del decoro dell edificio. Il voto deve avvenire con la maggioranza degli intervenuti all assemblea e i 2/3 dei millesimi. Quando serve l unanimità, o quasi Per cambiare destinazione d uso di una parte comune del condominio devono essere d ac- cordo i 4/5 dei condomini che rappresentino i 4/5 del valore. Attenzione, non bastano i 4/5 degli intervenuti all assemblea. Serve che all assemblea abbiano partecipato e votato in tal senso i 4/5 del totale dei condomini del palazzo, e che rappresentino i 4/5 dei millesimi. Serve infine il 100% dei consensi, cioè tutti i condomini e quindi un totale di millesimi, per vendere beni comuni del condominio (per esempio un locale cantina inutilizzato ceduto a un negozio adiacente), per consentire a un condomino la proprietà esclusiva di uno spazio comune o modificare le tabelle millesimali. Per quest ultima decisione bastano però la maggioranza degli intervenuti e la metà del valore se la modifica avviene in seguito a un aumento o a una diminuzione delle unità immobiliari (per esempio una stanza che faceva parte dell appartamento del condomino Verdi viene accorpata all appartamento adiacente del condomino Rossi). Fai valere le tue ragioni con Altroconsumo L inquilino è in arretrato con il pagamento dell affitto? Hai preso una multa ingiusta? O una bolletta telefonica ingiustificata? Oggi non sei più solo contro i soprusi. Basta una telefonata e 80 avvocati saranno subito a tua disposizione, pronti a fornirti soluzioni su misura e personalizzate nelle piccole e grandi ingiustizie quotidiane. Approfittane. Chiama il numero per difenderti da chi fa il furbo. 24 Condominio Condominio 25

14 Gestire i soldi Al secondo posto nelle liti tra vicini, subito dopo le beghe dovute a schiamazzi, sgocciolamento dei panni e animali poco graditi, ci sono in genere i motivi economici. Sia nel senso di spese che alcuni vogliono sostenere e altri no, per esempio per lavori di restauro e abbellimento del palazzo, sia per quel che riguarda il corretto pagamento delle quote. Spese da approvare La gestione finanziaria del condominio è uno dei compiti più delicati dell amministratore. Per consentire ai condomini di controllare il suo operato, il professionista deve tenere un registro di contabilità dove annota in ordine cronologico ogni movimento in entrata e in uscita. Leggere il rendiconto Tutta la documentazione che riguarda le spese sostenute, quindi scontrini, ricevute, contratti con i fornitori, ma anche il rapporto con i condomini, va conservata e tenuta a disposizione. In assemblea l amministratore sottopone ai condomini il rendiconto delle spese relative all anno passato e il preventivo per l anno in corso, che dovranno essere approvati. Questo è il momento in cui è possibile fare domande, controlli, chiedere spiegazione di spese non chiare. L assemblea deve essere convocata entro 180 giorni dall approvazione del rendiconto in modo che i condomini abbiano il tempo di fare le loro verifiche e possano presentarsi alla riunione con le eventuali domande da fare. Gestione sotto controllo La riforma fissa regole molto precise per la stesura del rendiconto, che deve contenere le voci di entrata e di uscita e ogni altro dato sulla situazione patrimoniale del condominio, compresi i fondi disponibili e le eventuali riserve, espressi in modo da consentire l immediata verifica. Contiene inoltre un riepilogo finanziario che riporta lo stato patrimoniale del condominio, con gli attivi e i passivi e una nota che spieghi in breve come sono stati gestiti i soldi e indichi quali sono i rapporti in corso e le questioni eventualmente pendenti. Questo bilancio di gestione condominiale deve essere preparato annualmente dall amministratore e messo a disposizione dei condomini per la discussione in assemblea, che può decidere in ogni momento di nominare un revisore per verificare la contabilità del condominio. In aggiunta, o in alternativa, al revisore, l assemblea può nominare un consiglio di condominio con funzioni consultive e di controllo composto da almeno tre condomini negli edifici che abbiano almeno 12 unità immobiliari. È possibile infine per ogni condomino prendere visione e fare fotocopie, a proprie spese, dei documenti giustificativi di spesa che devono essere conservati per 10 anni dalla data di registrazione. Se il condominio va sul web Nell ottica della massima trasparenza, su richiesta dell assemblea che deve votare in tal senso con la maggioranza degli intervenuti e metà dei millesimi, l amministratore è tenuto ad attivare un sito internet del condominio che consenta di consultare e copiare in formato digitale i documenti che si decide di mettere a disposizione in questa forma. Può trattarsi di un modo semplice e comodo per avere sempre la situazione sotto controllo, ma ricordatevi che le spese per l attivazione e la gestione del sito sono a carico dei condomini. 26 Condominio Condominio 27

15 Il conto corrente è obbligatorio La scarsa trasparenza nella gestione dei soldi espone al rischio che vi possa essere confusione tra i fondi del condominio e quelli privati dell amministratore. Per questo il professionista è obbligato ad aprire un conto corrente, bancario o postale, intestato al condominio sul quale dovranno transitare tutte le entrate e le uscite che lo riguardano. Dovranno quindi essere versate su questo conto tutte le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini e da terzi, e verranno prelevati da qui i soldi spesi per la gestione del condominio, per esempio per pagare i fornitori e chi svolge lavori di manutenzione o straordinari. Ogni condomino può chiedere, a proprie spese, un estratto conto del c/c condominiale se vuole verificare entrate e uscite. Come sono divise le spese? A meno che il regolamento non preveda diversamente, le spese condominiali per le parti comuni dell edificio sono sostenute dai condomini in proporzione ai millesimi posseduti da ciascuno. Ognuno paga il suo Per quanto riguarda le cose che sono destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione all uso che ciascuno può farne. Se per esempio un palazzo ha diverse scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti che sono destinati a servire solo una parte del fabbricato, le spese relative alla loro pulizia e manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che le usa. A dire il vero l utilità si valuta in astratto, quindi anche se il singolo condomino in concreto non utilizza per esempio l ascensore, perché preferisce fare le scale a piedi, deve comunque pagare le spese di manutenzione per l ascensore che arriva al suo piano. Scale, ascensori, soffitti In particolare, la legge prevede che la manutenzione e la sostituzione delle scale e degli ascensori sia fatta a spese dei proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa è divisa per metà in funzione del valore dei singoli appartamenti e per l altra metà in proporzione all altezza di ciascun piano dal suolo: i piani più alti pagano di più. La manutenzione e ricostruzione di soffitti, volte e solai che separano due appartamenti è invece finanziata in parti uguali dai due proprietari delle unità immobiliari interessate: quello del piano superiore paga per la copertura del pavimento, mentre quello del piano inferiore per l intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto. E se qualcuno non paga? Tutti i condomini dovrebbero controllare che non si accumulino debiti. L amministratore deve fornire a chi ne fa richiesta l attestazione relativa allo stato dei pagamenti delle spese e delle eventuali liti in corso. È diritto di ciascuno sapere se qualcuno non ha versato il dovuto al condominio. Il recupero delle spese dei condomini morosi è uno dei compiti più delicati della gestione condominiale ed è dovere dell amministratore evitare che ritardi nella riscossione si risolvano in un danno per l intero condominio. Cosa deve fare l amministratore Se a un controllo di consuntivi e preventivi risulta che un condomino non ha pagato le spese arretrate, si può chiedere all amministratore tramite lettera raccomandata di intervenire e riscuotere quanto dovuto. Siccome la legge obbliga il professionista Anche chi decide di non usare alcuni spazi o servizi comuni deve in ogni caso contribuire alle spese per la loro manutenzione 28 Condominio Condominio 29

16 a pagare i fornitori e riscuotere le spese per la gestione ordinaria del condominio, egli ha il potere di farlo anche procedendo per vie legali e deve farlo entro sei mesi dalla chiusura dell esercizio nel quale risultano spese non pagate. Inoltre, se il ritardo nel pagamento si protrae per un semestre, l amministratore ha l ulteriore arma di sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni che possono essere usati separatamente (per esempio la piscina condominiale). Se i debiti ricadono sul condominio È importante tenere gli occhi aperti sui debiti perché la responsabilità delle spese non pagate da alcuni condomini ricade poi sull intero condominio. L amministratore non può ovviamente ripartire tra i condomini l importo delle spese arretrate, e i creditori (per esempio la ditta che ha ridipinto la facciata) devono rivolgersi prima di tutto ai morosi, di cui l amministratore deve comunicare ai creditori i dati perché possa partire la richiesta. Però alla fine le spese qualcuno le deve pagare, quindi se il ritardo del condomino moroso di protrae, potrebbe in ultima analisi toccare a tutti gli altri l ingrato compito di tappare il buco. 30 Condominio Controllare prima di comprare In caso di passaggio di proprietà, chi compra deve fare attenzione alle spese arretrate e pretendere che vengano saldate dal precedente proprietario prima del rogito, perché il nuovo proprietario è responsabile insieme al vecchio dei debiti relativi all anno in corso e a quello precedente. Chi vende, al contrario, resta obbligato al versamento delle spese solo fino a quando non invia all amministratore copia autentica dell atto di vendita, il rogito, appunto. I consigli competenti dei nostri esperti. Consulenza giuridica Dubbi di natura legale? Una controversia con la banca? Un acquisto imprudente online? Quando sono in gioco i tuoi diritti, l esperienza dei nostri consulenti può rivelarsi decisiva. I nostri avvocati ti aiuteranno a risolvere i tuoi problemi e far valere le tue ragioni. Consulenza fiscale Qualche perplessità nella dichiarazione dei redditi? Nuove detrazioni? Una cartella esattoriale difficile da interpretare? Una richiesta di rimborso non accolta? I nostri fiscalisti, competenti e aggiornatissimi, possono sicuramente darti una mano, rispondendo alle tue domande e chiarendo i dubbi. Con efficacia e discrezione. Consulenza economica Ti conviene cambiare il mutuo sottoscritto cinque anni fa? Hai intenzione di sottoscrivere una polizza vita? I nostri esperti ti danno il consiglio giusto per quanto riguarda le questioni di natura economica legate agli strumenti di finanziamento. Consulenza Miglior Acquisto Stai cercando il vincitore del test sui cellulari, vuoi il nostro Miglior Acquisto tra le auto, i televisori? Per scegliere bene e comprare meglio, chiedi ai nostri esperti, pronti a informarti sui prodotti migliori per qualità e prezzo individuati dai nostri test comparativi. Consulenza farmaci Quanto costa il medicinale prescritto? C è un ticket da pagare? Esiste un generico equivalente? Grazie a una banca dati completa, estesa a tutti i farmaci in commercio, generici e non, i nostri esperti forniscono nomi, prezzi e classe di tutti i medicinali venduti in Italia. Consulenza tariffe Rc auto e moto La polizza Rc auto o moto più conveniente? Come si fa a disdire una polizza? I nostri esperti ti aiuteranno a capire qual è la tariffa più vantaggiosa per te, quella su misura per le tue esigenze e il tuo profilo di automobilista. Potrai risparmiare così una bella somma! Consulenza tariffe telefoniche Telefono fisso, cellulare, internet, costo degli sms, canone Telecom in una giungla di proposte sempre più numerose e difficili da valutare, i nostri esperti ti guidano alla scelta della tariffa più conveniente in base alle tue esigenze e al tuo profilo di utente. Tutte le informazioni su altroconsumo.it

17 uo più conveniente per me? Viene riparato un prodotto in garanzia? Mi hanno sottratto soldi dal conto, cosa faccio? Qual è la tariffa elettrica più conveniente? Si attiva l adsl senza il telefono fisso? Quanto è tassato il Tfr? I farmaci generici sono convenienti? Il modello di videocamera più conveniente? Qual è il conto corrente più conveniente per me? Come funziona la rendita di una polizza vita? Come contesto una multa arrivata in ritardo? Quale fondo pensione potrei scegliere? Qual è la tariffa telefonica più vantaggiosa per me? Come disdico un assicurazione infortuni vita? Qual è il prestito più conveniente per me? Gli integratori alimentari servono? Quale fondo pensione potrei scegliere? Quali agevolazioni per l acquisto della prima casa? Per la risposta a ogni tua domanda, vai su altroconsumo.it Condominio

Animali domestici Regole di buon vicinato Rumori molesti Utente sapiens in caso di liti condominiali ti suggerisce di appianare i problemi in via

Animali domestici Regole di buon vicinato Rumori molesti Utente sapiens in caso di liti condominiali ti suggerisce di appianare i problemi in via La riforma del CONDOMINIO Indice Regole di buon vicinato - Rumori molesti -Animali domestici -Spazi comuni -Lavori di ristrutturazione -Riscaldamento Riforma del condominio a cura del Dott. Alessandro

Dettagli

MANUALE DI VITA IN CONDOMINIO

MANUALE DI VITA IN CONDOMINIO MANUALE DI VITA IN CONDOMINIO (a seguito delle ultime modifiche al codice civile ) Regole di buon vicinato In base alla riforma in vigore da giugno 2013, rientra sotto la definizione di condominio qualsiasi

Dettagli

Condominio. Le nuove regole per difendersi

Condominio. Le nuove regole per difendersi Condominio Le nuove regole per difendersi Anno XL - Altroconsumo: via Valassina 22, 20159 Milano - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in a.p.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma

Dettagli

Condominio. Le nuove regole per difendersi

Condominio. Le nuove regole per difendersi Condominio Le nuove regole per difendersi Anno XXXIX - Altroconsumo: via Valassina 22, 20159 Milano - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in a.p.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma

Dettagli

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini.

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini. RIFORMA CONDOMINI La cosiddetta riforma condominio (Legge n 220 del 11/12/2012) è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n 203 del 17/12/2012 e pertanto entrerà in vigore dal 18/06/2013. La riforma

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA NOVITA PER LE PARTI COMUNI E INNOVAZIONI manutenzione ascensori Ampliamento definizione parti comuni - parti comuni: tutte le parti dell edificio di uso

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Delibera condominiale: nomi favorevoli e contrari La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine perentorio di trenta giorni a decorrere dalla

Dettagli

Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1

Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1 Numero 251/2012 Pagina 1 di 9 Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1 Numero : 251/2012 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : NOVITÀ RIFORMA DEL CONDOMINIO ARTT. 1117-1139 C.C.;

Dettagli

ANAGRAFE CONDOMINIALE

ANAGRAFE CONDOMINIALE ANAGRAFE CONDOMINIALE In base all art. 1130 c.c., così come modificato dalla L. 220/12, gli amministratori di condominio hanno l obbligo di curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente

Dettagli

Riforma del Condominio L.220/2012

Riforma del Condominio L.220/2012 Riforma del Condominio L.220/2012 IMPORTANTI NOVITA PER TUTTI PROPRIETARI, CONDUTTORI, AMMINISTRATORI ED ALTRI TITOLARI DI DIRITTI REALI E DI GODIMENTO LA RIFORMA DEL CONDOMINIO MODIFICA IL CODICE CIVILE,

Dettagli

Breve guida pratica al CONDOMINIO

Breve guida pratica al CONDOMINIO 1 Breve guida pratica al Una micro società con le sue regole. Quando nasce il condominio? 2 Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti almeno

Dettagli

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA Rossana De Angelis ARTICOLO 1129 CODICE DEL 1942 CODICE DAL GIUGNO 2013 Nomina e revoca dell amministratore. Quando i condomini sono più di quattro,

Dettagli

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it di Donato Palombella Giurista d'impresa Finalmente è giunto il via libera alla riforma del condominio. Dopo un

Dettagli

Le principali maggioranze assembleari

Le principali maggioranze assembleari AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI Gestioni e consulenze condominiali Dott. Rag. Roberto Attisano - Codice Fiscale TTSRRT82H22L117H - Cell. 333 9784125 E-mail: amministrazioniattisano@gmail.com - www.amministrazioni.altervista.org

Dettagli

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole Breve guida pratica al Condominio Una micro società con le sue regole Quando nasce il condominio? Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Amministratore Il Il Rendiconto Documenti Condominio Rappresentanza Privacy 1

Corso di Amministratore di condominio. L Amministratore Il Il Rendiconto Documenti Condominio Rappresentanza Privacy 1 Corso di Amministratore di condominio L Amministratore Il Il Rendiconto Documenti Condominio Rappresentanza Privacy 1 Nuove Norme Per fare l'amministratore è necessario essere in possesso di un diploma

Dettagli

La riforma del Condominio

La riforma del Condominio Emilio Brancadoro 1 Riforma del Condominio La riforma del condominio A 70 anni esatti dall entrata in vigore delle disposizioni del codice civile che regolano la vita in condominio, è stata varata la legge

Dettagli

Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013

Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013 Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013 Vita in condominio e guida del Garante della privacy Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che alla luce della recente riforma approvata dal Parlamento

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Nuovo Art. 1117 bis c.c.: Sede : Via B. Buozzi 10 21013 GALLARATE (VA) Tel. 0331/772967 Cell. 334/8172125 RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Introduce il concetto di supercondominio

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Le principali novità della riforma del condominio

Le principali novità della riforma del condominio Le principali novità della riforma del condominio Via libera del Senato alla riforma del condominio. La commissione Giustizia ieri ha approvato in sede deliberante la legge che cambia le regole per la

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041 Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento istituzioni Modifica alla disciplina del condominio negli

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 Art. 01 - Gli appartamenti dei Condomini devono essere destinati esclusivamente ad uso

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità aggiornato alle modifiche del Decreto Destinazione Italia D.L. 23 dicembre 2013, n. 145 (convertito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Adottato con delibera Consiglio Comunale n. 81 del 15.04.2009

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Spese condominiali: comproprietari obbligati in solido I comproprietari di una unità immobiliare sono responsabili in solido nei riguardi del condominio, indipendentemente

Dettagli

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio DIRITTI DEL CONDOMINO di Francesco Tavano Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio Testo utilissimo per condòmini, amministratori

Dettagli

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006.

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006. Corso di Amministratore di condominio Privacy Privacy nei confronti delle diverse figure 1 Argomenti trattati I principi generali della legge sulla privacy. Il provvedimento generale del Garante del 18

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità L amministratore I requisiti La nomina e la revoca La polizza assicurativa Il sito web Il conto corrente

Dettagli

Le (nuove)maggioranze in assemblea

Le (nuove)maggioranze in assemblea Le (nuove)maggioranze in assemblea Prima convocazione: è necessaria la presenza della maggioranza dei condomini che abbiano almeno 2/3 dei millesimi Seconda convocazione è necessaria la presenza di 1/3

Dettagli

R E G O L A M E N T O C O N D O M I N I A L E

R E G O L A M E N T O C O N D O M I N I A L E A Z I E N D A T E R R I T O R I A L E P E R L E D I L I Z I A R E S I D E N Z I A L E P U B B L I C A D E L L A P R O V I N C I A D I V I T E R B O R E G O L A M E N T O C O N D O M I N I A L E Testo approvato

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto

Dettagli

I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini.

I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini. Art. 61 Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzione di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio

Dettagli

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 A cura di Massimo Fracaro Testi di Germano Palmieri Fotocomposizione: Nuova MCS - Firenze ISBN 978-88-17-06572-6 Copyright 2013

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE

AREA PROFESSIONALIZZANTE LOMBARDIA Viale Monza 59 20127 Milano tel. 02.26119251 lombardia@enforma.biz VENETO via Lamarmora 12/2 30173 Mestre VE tel. 041.610918 veneto@enforma.biz www.enforma.biz Regione Lombardia Accreditamento

Dettagli

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139 Indice pag. Articolo 1117. Parti comuni dell edificio 1 Articolo 1117-bis. Ambito di applicabilità 5 Articolo 1117-ter. Modificazioni delle destinazioni d uso 7 Articolo 117-quater. Tutela delle destinazioni

Dettagli

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA Convocazione Condomini Millesimi Prima maggioranza dei partecipanti al condominio 667/1.000 Seconda un terzo dei partecipanti al condominio

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio LM franchising s.r.l. Centro Studi Formazione di base degli Amministratori di Condominio Anno 2014-2015 Piano di Studi Principi di diritto immobiliare: La proprietà nel Codice Civile e nella Costituzione

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Modifica del rendiconto consuntivo Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del consuntivo senza che abbiano prima analizzato la situazione finanziaria

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo

Dettagli

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. 13 DEL 26.01.2000 TITOLO I PREMESSE Art 1. Ambito di applicazione Il presente regolamento trova applicazione

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari.

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari. Programma del corso MODULO 1 IL CONDOMINIO LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi 1. Proprietà di beni immobiliari e contitolarità di diritti 2. Comunione e condominio: similitudini

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. 1 PARTI COMUNI 2 Art. 1 L'articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. - (Parti comuni

Dettagli

L'Abc della riforma del condominio

L'Abc della riforma del condominio L'Abc della riforma del condominio di Claudio Tucci Assemblee, regolamenti, amministratori, si cambia. In 32 articoli vengono riscritte in larga parte le norme sul condominio contenute nel codice civile

Dettagli

NEWSLETTERS ANAP 2014

NEWSLETTERS ANAP 2014 NEWS 20 2014 L impianto idrico L impianto idrico rappresenta uno dei servizi essenziali condominiali, a ben vedere il più importante fra di essi, e l aumentato costo dell acqua che ha avuto luogo negli

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1.

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1. LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Il testo approvato alla Camera il 27 settembre 2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal «Art. 1117. (Parti comuni

Dettagli

Una guida per una gestione consapevole del condominio

Una guida per una gestione consapevole del condominio Progetto finanziato da C O N D O M I N I O www.salvafamiglie.it numero verde 800 92 64 22 operativo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30 Una guida per una gestione consapevole

Dettagli

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15

INDICE PREMESSA... 20 PREMESSA... 15 INDICE PREMESSA................................................ 20 PREMESSA................................................ 15 1. AMMINISTRATORE: Nomina Dimissioni................... 17 1.01 Preventivo

Dettagli

IL RENDICONTO ANNUALE E LA CONTABILITA CONDOMINIALE

IL RENDICONTO ANNUALE E LA CONTABILITA CONDOMINIALE IL RENDICONTO ANNUALE E LA CONTABILITA CONDOMINIALE CONVEGNO ANACI DEL 18/07/2014 Estensore Rizzi Rag. Nicola Francesco Commercialista in Torino 1 IL RENDICONTO ANNUALE DI GESTIONE L amministratore alla

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La legittimazione passiva dell amministratore di condominio ha portata

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La legittimazione passiva dell amministratore di condominio ha portata CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Amministratore: legittimazione passiva La legittimazione passiva dell amministratore di condominio ha portata generale, in quanto estesa ad ogni interesse condominiale

Dettagli

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Responsabile Scientifico: Avv. Alfredo Righi Riva I LEZIONE (4 ore) sabato 21/3/2015

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

Novità Riforma Condominio

Novità Riforma Condominio Novità Riforma Condominio 1 Novità Riforma Condominio: la riforma è legge. La Commissione Giustizia del Senato in sede deliberante ha infatti dato il via libera definitivo al disegno di legge sulla Riforma

Dettagli

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO CONDOMINIO AMICO.NET ti aiuta a capire il giusto comportamento da tenere all interno del tuo condominio, aiuta l amministratore nella contabilità e gli da modo di verificare eventuali errori prima che

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE

RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE Marco Castioni Corso Anaci 2013 2014 BUONA GESTIONE E TRASPARENZA minaccia esonero su richiesta anche di un solo condomino. Considerati casi di gravi irregolarità

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Antonella Donati LA RIFORMA DEL CONDOMINIO cosa, come e quando cambia Amministratore: nuovi obblighi e requisiti Multe per i condòmini Animali domestici Morosità e distacco da impianti comuni Convocazione

Dettagli

Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale

Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale 2 a CONVOCAZIONE Quorum costitutivo (art. 1136/3 c.c.): 1/3 cond. + 1/3 valore edificio Quorum deliberativo ordinario (Regola generale): + val. edifi

Dettagli

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI

MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI Legge 11 dicembre 2012 n. 220 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17 dicembre 2012 a cura del Centro Studi Nazionale ANACI INDICE 4. Codice

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO INTRODUZIONE Il 20 novembre 2012, la Commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante, ha approvato definitivamente il

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO INTRODUZIONE Il 20 novembre 2012, la Commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante, ha approvato definitivamente il LA RIFORMA DEL CONDOMINIO INTRODUZIONE Il 20 novembre 2012, la Commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante, ha approvato definitivamente il progetto di legge di riforma del condominio già approvato

Dettagli

Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti

Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti Assemblea condominiale tabelle riepilogative sui quorum richiesti QUORUM PER LA COSTITUZIONE DELL ASSEMBLEA: OGGETTO CONDOMINI MILLESIMI CONVOCAZIONE Costituzione dell Assemblea 2/3 del valore dell intero

Dettagli

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore?

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore? L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO: NOMINA E REVOCA A cura di: Avv. Anna Nicola - ANAPI 1. Quali sono i requisiti per essere amministratore (art. 71 bis disp. Att. C.c.)? 2. A oggi c è una scadenza per la

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 21 1. Premesse... 21 2. Un po di storia recente... 21 3. La riforma in pillole... 22

1. INTRODUZIONE... 21 1. Premesse... 21 2. Un po di storia recente... 21 3. La riforma in pillole... 22 INDICE PREMESSA.................................................. 20 1. INTRODUZIONE............................................ 21 1. Premesse............................................. 21 2. Un po

Dettagli

L ATTIVITA DEL REVISORE

L ATTIVITA DEL REVISORE L ATTIVITA DEL REVISORE a cura di Furci Deborah Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nella presente presentazione, ivi inclusa la

Dettagli

---------------------------------------------- ! " # $ % & $ ' (# # )$ * !"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!#

---------------------------------------------- !  # $ % & $ ' (# # )$ * !#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# ----------------------------------------------! " # $ % & $ ' (# # )$ *!"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# I N D I C E Art. 1 L Autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni Art. 2 Costituzione

Dettagli

Corso Amministratore di Condominio

Corso Amministratore di Condominio Corso Amministratore di Condominio La materia condominiale, già disciplinata nel codice civile del 1942, è stata interessata da un recente intervento normativo (legge 11 dicembre 2012 n. 220) che ha modificato

Dettagli

CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI

CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI PER AFFIDAMENTO INCARICO DI GESTIONE DI SINGOLE UNITA IMMOBILIARI NONCHE AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE,

Dettagli

Opportunità professionali legate al mondo condominio

Opportunità professionali legate al mondo condominio IL CONDOMINIO PER I TECNICI Opportunità professionali legate al mondo condominio DEI - Roma 21 marzo 2015 ing. Juan Pedro Grammaldo Indice La L. 11 dic. 2012, n. 220 Il - - La legge 11 dicembre 2012, n.

Dettagli

D A L C E N T R O S T U D I I M M O B I L I A R I p r e s s o A N A C I P a d o v a V i a R i s o r g i m e n t o, 3 6

D A L C E N T R O S T U D I I M M O B I L I A R I p r e s s o A N A C I P a d o v a V i a R i s o r g i m e n t o, 3 6 D A L C E N T R O S T U D I I M M O B I L I A R I p r e s s o A N A C I P a d o v a V i a R i s o r g i m e n t o, 3 6 Testo presentato all Ufficio Legislativo della Camera dall On. Mauro Fabris, Capogruppo

Dettagli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli Per chi vuole saperne di più.. nuove regole CONDOMINIALI La riforma del condominio: ecco cosa cambia La legge 11 dicembre 2012, n. 220, Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, è stata pubblicata

Dettagli

Regolamento di condominio, niente più divieti agli animali! Martedì 19 Novembre 2013 10:14

Regolamento di condominio, niente più divieti agli animali! Martedì 19 Novembre 2013 10:14 Caro Popolo dei Consumatori con amici pelosi al seguito, continuate a chiedervi come sia regolata dalla legge la presenza del vostro cane o gatto nel condominio in cui abitate? Leggete qua, i vostri vicini

Dettagli

RIFORMA CONDOMINIO:NUOVA FIGURA PROFESSIONALE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Domenico Lenoci

RIFORMA CONDOMINIO:NUOVA FIGURA PROFESSIONALE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Domenico Lenoci RIFORMA CONDOMINIO:NUOVA FIGURA PROFESSIONALE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Domenico Lenoci Diritto e processo.com La legge recante Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, approvata

Dettagli

DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO

DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO Avvertenza: in neretto sono riportate le norme sostituite, aggiunte o modificate dal testo di riforma CODICE CIVILE: LIBRO III - DELLA

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale...

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... ALL ALER DI MILANO (compilare gli spazi di pertinenza) Il/La sottoscritto/a... (indicare il nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... con

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE Regolamento di condominio

REGOLAMENTO CONDOMINIALE Regolamento di condominio Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI E PROPRIETA' COMUNI Art. 1. Oggetto del regolamento. - Forma oggetto del regolamento il fabbricato sito in (indicare oltre all'ubicazione, anche i dati catastali). Art. 2.

Dettagli

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 2. Il condominio negli edifici. Ipotesi diversa dalla comunione, sebbene per certi versi analoga, è costituita dal condominio

Dettagli

Codice Civile dopo la riforma

Codice Civile dopo la riforma Codice Civile dopo la riforma Titolo VII Capo I artt. 1100 1116 Art. 1100 C.C. (Norme regolatrici) Quando la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone, se il titolo o la legge non

Dettagli

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Le tariffe applicate sono chiare e vengono calcolate in base al numero di unità immobiliari presenti nel Condominio che a sua volta determinano l impegno dell

Dettagli

Speciale Dossier Condominio

Speciale Dossier Condominio Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Codice civile e Legislazione speciale (Senato 26.1.2011; Camera 27.9.2012; Senato 20.11.2012) in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Speciale

Dettagli

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Fabio Gelli Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Detrazioni fiscali per il risparmio energetico e le Ristrutturazioni Edilizie RISPARMIO ENERGETICO nel condominio bonus dal 50

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili.

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili. A Tutti i sigg. Condomini Loro sedi OGGETTO: la Riforma del condominio. Un cambiamento sostanziale. Gentile Condòmino, con la stesura del presente documento informativo intendo metterla a conoscenza che

Dettagli

IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12

IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12 COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI CUNEO 14 FEBBRAIO 2013 IL NUOVO CONDOMINIO La legge di riforma n. 220/12 Avv. Augusto Cirla Dott. Giacomo Rota Partner LS LexJus Sinacta Milano Magistrato Sez.

Dettagli

approvato dal Senato della Repubblica il 26 gennaio 2011, in un testo risultante dall unificazione dei disegni di legge

approvato dal Senato della Repubblica il 26 gennaio 2011, in un testo risultante dall unificazione dei disegni di legge Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE approvato dal Senato della Repubblica il 26 gennaio 2011, in un testo risultante dall unificazione dei disegni di legge (V. Stampati nn. 71, 355,

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

MEDIANACI FORMAZIONE E CONCILIAZIONE S.r.l. - Società Unipersonale

MEDIANACI FORMAZIONE E CONCILIAZIONE S.r.l. - Società Unipersonale 1 ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Progetto Formazione Continua Amministratori Immobiliari e Condominiali Professionisti per una migliore qualità di vita nelle città

Dettagli