LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUE STRANIERE ANNO ACCADEMICO 2016/17. REGOLAMENTO per il 1, 2 e 3 anno di corso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUE STRANIERE ANNO ACCADEMICO 2016/17. REGOLAMENTO per il 1, 2 e 3 anno di corso"

Transcript

1 LABORATORIO DIDATTICO DI LINGUE STRANIERE ANNO ACCADEMICO 2016/17 del Corso di Laurea in REGOLAMENTO per il 1, 2 e 3 anno di corso Turismo: cultura e sviluppo dei territori (TCST) PROFESSIONAL ENGLISH FOR TOURISM I,II,III LINGUA E CULTURA DELLA SECONDA LINGUA STRANIERA Il Laboratorio didattico di lingue straniere propone l insegnamento linguistico come parte integrante delle competenze professionali richieste sul mercato del lavoro. Nella definizione dei diversi livelli di conoscenze e competenze linguistiche, si attiene al Quadro comune di riferimento europeo quale parametro di valutazione a livello internazionale. OBIETTIVI FORMATIVI, CONTENUTI E METODOLOGIA L insegnamento di Professional English for Tourism mira allo sviluppo e al consolidamento delle competenze linguistiche dal livello elementary al livello upperintermediate su contenuti ed elementi funzionali concernenti il mondo del lavoro e i rapporti professionali, tenendo conto dell ambito microlinguistico del singolo Corso di Laurea. L approccio alle tematiche e alle situazioni è di tipo comunicativo. Si privilegiano, perciò, la comprensione orale e la produzione orale, integrando queste abilità con la comprensione scritta e la produzione scritta. Si attiva la riflessione sui meccanismi morfologici e sintattici per condurre lo studente a una pratica linguistica coerente e precisa. L insegnamento della seconda lingua straniera si prefigge di rafforzare la formazione interculturale e di portare lo studente, a seconda della lingua e delle competenze linguistiche acquisite precedentemente, al completamento dei livelli A1 o A2 del CEFR (Common European Framework of Reference for Languages). L obiettivo formativo prevede, attraverso un approccio comunicativo e con l integrazione di contenuti e riferimenti geo-culturali, la comprensione scritta e orale di tematiche in ambito quotidiano, il consolidamento e l ampliamento lessicale, il rafforzamento e l ampliamento della morfosintassi di base con particolare attenzione a una pratica linguistica precisa e coerente. Il lavoro è coordinato tra i singoli gruppi dello stesso livello, si svolge in lingua straniera, si basa sull interattività e comprende esercitazioni pratiche, lavori di gruppo e individuali con l impiego di tutti gli strumenti audio, video e informatici necessari. Lo studente sarà in grado di raggiungere questi obiettivi di apprendimento mediante un assidua frequenza alle lezioni e un congruo monte ore di studio individuale. ORGANIZZAZIONE DEI CORSI Professional English for Tourism Quest attività formativa vincolata è strutturata sui tre anni di corso: 1

2 1 anno: Professional English for Tourism I (livelli elementary e pre-intermediate) 2 anno: Professional English for Tourism II (livello intermediate) 3 anno: Professional English for Tourism III (livello upper-intermediate) 6 CFU 6 CFU 6 CFU L accesso ai corsi è subordinato a prove di Accertamento del livello linguistico al fine di inserire lo studente al livello corrispondente alle sue conoscenze linguistiche. All interno del Test di orientamento e di valutazione della preparazione individuale è prevista una sezione di Professional English Assessment a livello elementary. Sono 30 frasi di comprensione dettagliata, da completare con una delle quattro opzioni indicate, in modo che ogni frase abbia un senso compiuto. Chi non supera questa prova, inizia il proprio percorso linguistico dal livello elementary (1 semestre del 1 anno di corso). Chi la supera, accede a una successiva prova cartacea a livello pre-intermediate. Quest ultima ha carattere d esame per quanto riguarda sia lo svolgimento sia la valutazione, dato che le accertate competenze linguistiche a questo livello verranno riconosciute al fine della certificazione dei CFU previsti per Professional English for Tourism I. E esentato dall insegnamento del 1 anno di corso anche chi è in possesso, da non più di tre anni, di una delle seguenti certificazioni internazionali, riconosciute dai Consigli di Facoltà: UCLES: First Certificate in English; BEC Preliminary; IELTS: 5,5; TOEFL ibt: punteggio da 57 a 86. Lingua e cultura della seconda lingua straniera Al 2 anno di corso con scelta tra francese (livello A2 del Common European Framework of Reference for Languages / CEFR), spagnolo (livelli A1 e A2) e tedesco (livello A2). Come da delibera del C.d.F. del 10/12/2014 è possibile inserire come materia opzionale una terza lingua straniera: lingua e cultura russa (livello A1), lingua e cultura cinese (livello A1) e lingua e cultura araba (livello A1). Annotazioni: - Per le lingue francese, tedesco, cinese, arabo e russo si attiva almeno un corso, in maniera indifferenziata per gli studenti di tutti i Corsi di Laurea triennali (cfr. delibera del Senato Accademico del 14 aprile 2014 con riferimento alla delibera del Senato Accademico del 21 maggio 2013). L attivazione del corso è condizionata al raggiungimento di un numero minimo di studenti. Per gli studenti iscritti ai corso di livello A2 (=livello base: progrediti) è prevista una prova di Accertamento del linguistico al medesimo livello. Questa prova comprende anche una verifica della competenza culturale specifica. Sono 45 frasi (30 di lingua e 15 di cultura) da completare con una delle quattro opzioni indicate. La prova ha carattere d esame per quanto riguarda sia lo svolgimento sia la valutazione, dato che il voto positivo potrà esentare lo studente dalla frequenza dei corsi ed essere riconosciuto per la certificazione dei 6 CFU previsti per l insegnamento. E esentato dall insegnamento anche chi è in possesso, da non più di tre anni, di una delle seguenti certificazioni internazionali, riconosciute dai Consigli di Facoltà: 2

3 Lingua francese: DELF A2 o di livello superiore (versione tous publics ) del Centre Culturel Français Lingua spagnola: Diploma de Español Nivel A2 o di livello superiore dell Instituto Cervantes Universidad de Salamanca Lingua tedesca: Start Deutsch 2 / GD 2 o di livello superiore degli Enti certificatori Goethe-Institut, WTB / ÖSD Inoltre sono esonerati dalle prove d esame gli studenti in possesso di diploma di maturità equipollente al titolo italiano, conseguito presso un istituto scolastico di un Paese in cui tale lingua è ufficialmente parlata, che adotti tale lingua per il proprio curriculum di studi. VALUTAZIONE DEL PROFITTO E CERTIFICAZIONE DEI CFU Il piano didattico prevede per tutte le lingue verifiche intermedie, sia scritte sia orali, che hanno lo scopo di fornire elementi obiettivi per la valutazione del percorso di apprendimento. I CFU previsti dai Piani degli studi vengono certificati: a) agli studenti iscritti ai corsi attraverso la valutazione in itinere con prova finale al termine del percorso di ogni anno a condizione che - frequentino almeno due terzi delle lezioni: per la lingua inglese pari a 40 ore accademiche in ciascun semestre; per la seconda lingua straniera pari a 27 ore accademiche in ciascun semestre; - conseguano esito positivo secondo i criteri di valutazione sotto descritti. Le prove intermedie vertono sul programma svolto e verificano le competenze nelle seguenti abilità con i seguenti pesi percentuali: Professional English for Tourism I: comprensione di testi scritti 38% comprensione di testi orali 22% rafforzamento e ampliamento morfosintattico e lessicale 33% produzione orale 7% totale 90 punti 100% Oltre alla valutazione in itinere della produzione orale, si organizzano 4 prove intermedie nell anno, le cui date vengono comunicate nei corsi all inizio dell anno. Dato che i livelli linguistici nel 2 semestre sono superiori a quelli del 1, nella determinazione del voto annuale si procede con la media ponderata nel rapporto 1:2. In questo modo si riconosce un voto migliore agli studenti che seguono di pari passo o incrementano le loro competenze man mano che i livelli salgono, rispetto a coloro i cui esiti sono in calo. Annotazione: In caso di assenza, per gravi e comprovati motivi, a una delle prove intermedie di Professional English I nel 1 semestre, gli studenti frequentanti almeno 40 ore accademiche di lezioni potranno accedere a una prova di recupero su tutto il programma del semestre il cui esito, con penalità per la risposta sbagliata, determinerà l esito positivo o negativo del semestre. 3

4 Professional English for Tourism II: comprensione di testi scritti 28% comprensione di testi orali 22% rafforzamento e ampliamento morfosintattico e lessicale 22% produzione scritta 11% produzione orale 17% totale 90 punti 100% Oltre alla valutazione in itinere della produzione orale, si organizzano 3 prove intermedie nell anno, le cui date vengono comunicate nei corsi all inizio dell anno. Si rapporta l insieme delle valutazioni al voto, espresso in trentesimi. Professional English for Tourism III: comprensione di testi scritti 25% comprensione di testi orali 25% rafforzamento e ampliamento morfosintattico e lessicale 12,5% produzione scritta 12,5% produzione orale 25% totale 120 punti 100% Oltre alla valutazione in itinere della produzione orale, si organizzano 3 prove intermedie nell anno, le cui date vengono comunicate nei corsi all inizio dell anno. Si rapporta l insieme delle valutazioni al voto, espresso in trentesimi. Si richiede l esito positivo nell insieme delle prove scritte e l esito positivo nell insieme delle valutazioni di produzione orale. Lingua e cultura della seconda lingua straniera Oltre alla valutazione in itinere della produzione orale (7% sul totale di 90 punti), si organizzano due prove intermedie e la prova finale (le cui date vengono comunicate nei corsi all inizio dell anno) nelle quali si verifica la comprensione dettagliata di testi scritti con particolare attenzione alla morfosintassi e al coerente impiego terminologico (63%) e la competenza culturale specifica (30%). Si rapporta l insieme delle valutazioni al voto, espresso in trentesimi. Avvertenze: - La valutazione in itinere positiva di tutto il percorso, come descritta sopra, può essere riconosciuta ai fini della certificazione dei CFU nella IIª sessione degli esami di profitto, ma lo studente può non accettare il voto e optare di presentarsi 4

5 alla prova d esame sul programma di tutto il percorso nelle sessioni d esame previste dalle Autorità Accademiche. - Agli studenti frequentanti i corsi di Professional English for Tourism I sia nel 1 sia nel 2 semestre, che però non hanno conseguito un esito positivo in entrambi i semestri, si applicano i seguenti criteri: esito negativo nel 1 semestre, ma esito positivo nel 2 semestre: devono accedere alla prova d esame sul programma di tutto l anno in uno degli appelli programmati, ma nella valutazione della prova d esame si tiene conto dell esito positivo nel 2 semestre che testimonia un recupero delle lacune precedenti; esito positivo nel 1 semestre, ma esito negativo nel 2 semestre: devono accedere alla prova d esame sul programma di tutto l anno in uno degli appelli programmati. Non avendo raggiunto l obiettivo didattico, si prende in considerazione solo l esito della prova d esame. b) a tutti gli altri studenti attraverso la prova d esame di fine anno lingua che verterà sul programma di tutto il percorso e si svolgerà nelle sessioni d esame previste dalle Autorità Accademiche. Prove d esame Si premette che è da rispettare la propedeuticità tra i tre insegnamenti di Professional English for Tourism. Professional Englishfor Tourism I La prova presuppone come abilità acquisite la comprensione globale, selettiva e dettagliata di testi scritti e orali corrispondente ai livelli A2 e B1 del CEFR(Common European Framework of Reference for Languages), verte sul programma dell anno e consiste nelle seguenti parti: - Reading comprehension: 2 testi - Listening conprehension: 2 testi - Language review: comprensione dettagliata di frasi con domande specifiche (a scelta multipla con 4 opzioni) su elementi morfo-sintattici, lessicali e comunicativi. Professional English for Tourism II La prova presuppone come abilità acquisite la comprensione globale, selettiva e dettagliata di testi scritti e orali, la produzione scritta e la produzione orale corrispondenti al livello B2 del CEFR (Common European Framework of Reference for Languages)., verte sul programma dell anno e consiste nelle seguenti parti: - prova scritta: Reading comprehension: 2 testi Listening comprehension: 2 testi Language review: comprensione dettagliata di frasi con domande specifiche (a scelta multipla con 4 opzioni) su elementi morfo-sintattici, lessicali e comunicativi. Si applica una penalità per le risposte errate. Writing: stesura di una lettera formale o , di appunti o scalette di lavoro, di resoconti o brevi relazioni. 5

6 Superata la prova scritta, si accede con convocazione nominativa, nello stesso appello della prova scritta, alla prova orale: - prova orale: colloquio sulle aree tematiche affrontate nel corso. La valutazione della prova orale, espressa in trentesimi, fa media con il voto della prova scritta. Professional English for Tourism III La prova presuppone come abilità acquisite la comprensione globale, selettiva e dettagliata di testi scritti e orali, la produzione scritta e la produzione orale corrispondenti al livello B2+ del CEFR (Common European Framework of Reference for Languages)., verte sul programma dell anno e consiste nelle seguenti parti: - prova scritta: Reading comprehension: 2 testi Listening comprehension: 2 testi Language review: comprensione dettagliata di frasi con domande specifiche (a scelta multipla con 4 opzioni) su elementi morfo-sintattici, lessicali e comunicativi. Si applica una penalità per le risposte errate. Writing: stesura di una lettera formale o , di appunti o scalette di lavoro, di resoconti o brevi relazioni. Superata la prova scritta, si accede con convocazione nominativa, nello stesso appello della prova scritta, alla prova orale: - prova orale: colloquio sulle aree tematiche affrontate nel corso. La valutazione positiva della prova orale, espressa in trentesimi, fa media con il voto della prova scritta. Lingua e cultura della seconda lingua straniera La prova presuppone come abilità acquisita sia la comprensione dettagliata di testi scritti con particolare attenzione alla morfosintassi e al coerente impiego terminologico (67%) sia la competenza culturale specifica (33%). Consiste in 45 frasi con domande specifiche (a scelta multipla con 4 opzioni) sul programma svolto. Si applica una penalità per le risposte errate. Modalità delle prove d esame Si applicano le delibere delle Autorità Accademiche, compresi eventuali aggiornamenti e/o deroghe. Si specifica che: - ove si tratta di prove scritte, il risultato delle prove stesse è definitivo quale che sia il suo esito; pertanto lo studente non lo può rifiutare e non può ripetere una prova d esame sostenuta con esito positivo; - la firma dello studente e la data di svolgimento delle prove vengono apposte sul registro ufficiale dei verbali degli esami contestualmente all identificazione del candidato, all atto dell ammissione alla prova; - la commissione, effettuata poi la valutazione delle prove d esame, provvederà a completare i verbali con l indicazione del voto e l apposizione delle firme del Presidente e dei componenti; 6

7 Per il numero di appelli previsti per l A.A. 2016/17 ci si attiene alle delibere delle Autorità accademiche. Direzione dei Corsi: Prof. Paolo Proietti Coordinamento didattico per la lingua inglese: Dott.ssa Marianne Harries Coordinamento didattico per le 2^ lingue: Dott. Javier Prado Milano, 05 Aprile

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Laurea triennale in Interpretariato e comunicazione Regolamento dei Laboratori di lingua professionalizzanti e caratterizzanti

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITÀ LABORATORIO DI LINGUA STRANIERA

REGOLAMENTO ATTIVITÀ LABORATORIO DI LINGUA STRANIERA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI REGOLAMENTO ATTIVITÀ LABORATORIO DI LINGUA STRANIERA 1.ORGANIZZAZIONE LABORATORI Caratteristiche e obiettivi formativi I laboratori di lingua

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERCLASSE IN SCIENZE DELLA CULTURA (CLASSE L-5 Filosofia e L-42 Storia) Art.

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1 Ordinamento Corsi di Laurea Triennale BIEMF (didattica in inglese) Didattica 2 anno, corso annuale

Dettagli

ERASMUS+ MOBILITA PER TRAINEESHIP

ERASMUS+ MOBILITA PER TRAINEESHIP All.1 ERASMUS+ MOBILITA PER TRAINEESHIP A.A. 2015/2016 SCUOLA DI AGRARIA 15% 15% 25% VALUTAZIONE PROGRAMMA DI STUDIO PROPOSTO E MOTIVAZIONE 25% COLLOQUIO Sì, per verifica lingua e motivazioni EVENTUALI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA Anno Accademico 2010-2011 PRESENTAZIONE DELL Gli insegnamenti linguistici della Facoltà di Scienze della Formazione si articolano all interno di una programmazione organica, rispettando la gradualità dell

Dettagli

Dipartimento di Lettere e Filosofia LAUREE TRIENNALI. Beni culturali Filosofia Studi storici e filologico-letterari

Dipartimento di Lettere e Filosofia LAUREE TRIENNALI. Beni culturali Filosofia Studi storici e filologico-letterari Dipartimento di Lettere e Filosofia LAUREE TRIENNALI Beni culturali Filosofia Studi storici e filologico-letterari Programmazione linguistica: linee guida Centro Linguistico di Ateneo via Verdi, 8 - I

Dettagli

LINGUA INGLESE MODALITÀ D'ESAME PER TUTTI I CORSI DI LAUREA (a.a. 2014-2015)

LINGUA INGLESE MODALITÀ D'ESAME PER TUTTI I CORSI DI LAUREA (a.a. 2014-2015) LINGUA INGLESE MODALITÀ D'ESAME PER TUTTI I CORSI DI LAUREA (a.a. 2014-2015) L esame finale (alla fine del 3 anno) è costituito da una prova scritta e una orale, da sostenere nello stesso appello (a pena

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE INTERNAZIONALI

REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE INTERNAZIONALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE INTERNAZIONALI Il protocollo d intesa tra il Ministero dell Università e la Conferenza dei Rettori delle Università italiane (21/05/2001)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 CRITERI DI SELEZIONE

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 CRITERI DI SELEZIONE ALL.1 ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 SCUOLA DI AGRARIA 15% ESAMI 15% 25% 25% PRIORITÀ: PRECEDENZA A STUDENTI DI I E II LIVELLO RISPETTO AI DOTTORANDI SCUOLA DI ARCHITETTURA N ESAMI RISPETTO

Dettagli

Modalità e requisiti di accesso

Modalità e requisiti di accesso Modalità e requisiti di accesso Cosa fare per iscriversi alla prova di verifica Indice Premessa Requisiti di accesso Criteri di Colloqui di ammissione Tabelle scadenze Come presentare domanda di verifica

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

ERASMUS+ MOBILITA PER TRAINEESHIP

ERASMUS+ MOBILITA PER TRAINEESHIP All.2 ERASMUS+ MOBILITA PER TRAINEESHIP A.A. 2014/2015 SCUOLA DI AGRARIA Specificare eventuale valore minimo richiesto, se necessario VALUTAZIONE PROGRAMMA DI STUDIO PROPOSTO E MOTIVAZIONE COLLOQUIO EVENTUALI

Dettagli

CATALOGO CORSI FONDIMPRESA

CATALOGO CORSI FONDIMPRESA CATALOGO CORSI FONDIMPRESA LINGUA FRANCESE PER LE RELAZIONI D'AFFARI interlocutori parlanti la lingua francese, in piccoli gruppi di lavoro. Descrivere il proprio lavoro, parlare dell'organizzazione aziendale,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA LM-33 Classe delle lauree magistrali in INGEGNERIA MECCANICA Art. 1 - Finalità TITOLO

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

1. La certificazione posseduta deve rientrare tra quelle indicate per ogni singola lingua nelle rispettive tabelle di corrispondenza (Allegato A).

1. La certificazione posseduta deve rientrare tra quelle indicate per ogni singola lingua nelle rispettive tabelle di corrispondenza (Allegato A). REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE CERTIFICAZIONI LINGUISTICHE INTERNAZIONALI Il protocollo d intesa tra il Ministero dell Università e la Conferenza dei Rettori delle Università italiane (21/05/2001)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale

Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale Programmazione linguistica: linee guida Centro Linguistico di Ateneo via Verdi, 8 - I piano tel. +39 0461 283460 cla@unitn.it http://web.unitn.it/cla Pag. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

LIVELLO BASE LIVELLO AUTONOMO. Università degli Studi di Bergamo Anno Accademico 2001-2002 Facoltà di Economia LINGUE STRANIERE

LIVELLO BASE LIVELLO AUTONOMO. Università degli Studi di Bergamo Anno Accademico 2001-2002 Facoltà di Economia LINGUE STRANIERE Università degli Studi di Bergamo Anno Accademico 2001-2002 Facoltà di Economia LINGUE STRANIERE La conoscenza di almeno due lingue straniere è da tempo diventata pre-requisito indispensabile per coloro

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (CLASSE L-36)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (CLASSE L-36) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (CLASSE L-36) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto e al Regolamento

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria Stralcio di Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA LM 32 Ingegneria informatica (ex DM 270/04) (Ciclo di studio che inizia nell a.a. 2011 12) (Approvato dal Consiglio

Dettagli

Dipartimento di Psicologia e scienze cognitive LAUREE TRIENNALI

Dipartimento di Psicologia e scienze cognitive LAUREE TRIENNALI Dipartimento di Psicologia e scienze cognitive LAUREE TRIENNALI Programmazione linguistica: linee guida Centro Linguistico di Ateneo via Verdi, 8 - I piano tel. +39 0461 283460 cla@unitn.it http://www.unitn.it/cla

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Manifesto degli studi Anno Accademico 2014-2015 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE INFERMIERISTICHE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CORSI DI GRUPPO A scelta tra: MATERNA PRIMI PASSI ELEMENTARI AVVIAMENTO MEDIE CONSOLIDAMENTO SUPERIORI POTENZIAMENTO SPECIALE MATERNA English Adventure SPECIALE ELEMENTARI Pomeriggio

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua C1 Business

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua C1 Business a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua C1 Business Ordinamento Biennale Corsi di Laurea M, IM, MM, AFC, CLAPI, CLEFIN FINANCE, CLELI, ACME,

Dettagli

Dipartimento di Economia e Management

Dipartimento di Economia e Management Dipartimento di Economia e Management LAUREE TRIENNALI a.a. 2015/16 VECCHIO REGOLAMENTO (per gli studenti immatricolati fino all a.a. 2013/14 che NON sono passati al nuovo regolamento) Programmazione linguistica:

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

CATALOGO CORSI CATALOGO CORSI

CATALOGO CORSI CATALOGO CORSI CATALOGO CORSI CATALOGO CORSI 2013-2014 Conoscere e comunicare in una lingua straniera è la seconda competenza chiave indicata dal Parlamento Europeo per raggiungere la piena occupazione nei paesi dell

Dettagli

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2014/2015 CRITERI DI SELEZIONE

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2014/2015 CRITERI DI SELEZIONE ALL.1 ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2014/2015 SCUOLA DI AGRARIA 15% ESAMI 15% PRIORITÀ: PRECEDENZA A STUDENTI DI I E II LIVELLO RISPETTO AI DOTTORANDI SCUOLA DI ARCHITETTURA N ESAMI RISPETTO ALL ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

LLP/ERASMUS MOBILITA PER STUDIO A.A. 2013/2014 CRITERI DI SELEZIONE

LLP/ERASMUS MOBILITA PER STUDIO A.A. 2013/2014 CRITERI DI SELEZIONE ALL.3 LLP/ERASMUS MOBILITA PER STUDIO A.A. 2013/2014 SCUOLA DI AGRARIA ESAMI PRIORITÀ: PRECEDENZA A STUDENTI DI I E II LIVELLO RISPETTO AI DOTTORANDI SCUOLA DI ARCHITETTURA N ESAMI RISPETTO ALL ANNO D

Dettagli

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali

Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE. I - Disposizioni generali 1 Regolamento del Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche (1) classe n. 31 delle Lauree in SCIENZE GIURIDICHE I - Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA CORSI EXTRA-CURRICULARI DI LINGUE STRANIERE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

OFFERTA DIDATTICA CORSI EXTRA-CURRICULARI DI LINGUE STRANIERE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 OFFERTA DIDATTICA CORSI EXTRA-CURRICULARI DI LINGUE STRANIERE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 I corsi di cui alla presente proposta sono erogati in orario extra-curriculare e sono complementari alla formazione

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3 Ordinamento Triennale/Quinquennio in Giurisprudenza Corsi di Laurea CLEAM, CLEF, CLEACC, CLES,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

Scheda Progetto P.O.F. a. s. 2015/ 16

Scheda Progetto P.O.F. a. s. 2015/ 16 Impossibile visualizzare l'immagine. AUTONOMIA 185 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA- PRIMARIA MEDIA LICEO SCIENTIFICO Sede legale e amm.va Via Dante Alighieri 84034 PADULA (SA) Tel. 0975/77052

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

Requisiti curriculari, loro accertamento e verifica dell'adeguatezza della personale preparazione

Requisiti curriculari, loro accertamento e verifica dell'adeguatezza della personale preparazione Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN GEOGRAFIA E PROCESSI TERRITORIALI CLASSE LM- 80 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

inizio corsi 28 settembre

inizio corsi 28 settembre inizio corsi 28 settembre TIPOLOGIA CORSI CORSI DI GRUPPO STANDARD ssa MATERNA PRIMI PASSI ELEMENTARI AVVIAMENTO MEDIE CONSOLIDAMENTO SUPERIORI POTENZIAMENTO scelta tra: PREPARAZIONE ESAMI DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI

BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI BOZZA DI PREVENTIVO CORSI DI LINGUA INGLESE PER FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI PREMESSA I corsi per lo sviluppo di competenze in Lingua Inglese sono tutti orientati alla preparazione di esami Cambridge e

Dettagli

Denominazione: PROGETTO CERTIFICAZIONE PET (Preliminary English test) Livello B1

Denominazione: PROGETTO CERTIFICAZIONE PET (Preliminary English test) Livello B1 Denominazione: PROGETTO CERTIFICAZIONE PET (Preliminary English test) Livello B1 Macroarea: X A C D E 1. Responsabile/i del Progetto: Prof.ssa FRANCA LUCIANI 2.Finalità: ( descrivere le finalità che si

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori )

Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) Scuola Superiore Universitaria per Mediatori Linguistici Palermo ( già Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori ) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA (Curriculum Traduzione e Interpretazione)

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA. Linee guida per l apprendimento delle lingue

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA. Linee guida per l apprendimento delle lingue LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA Linee guida per l apprendimento delle lingue 1 1. Prima lingua obbligatoria... 3 1.1. Prova di conoscenza B1: COME... 3 1.2. Prova di conoscenza B1: DOVE

Dettagli

BRITISH SCHOOL COSENZA. di Academy of Languages. Proposta di convenzione. per il CIRCOLO DELLA STAMPA DI COSENZA MARIA ROSARIA SESSA

BRITISH SCHOOL COSENZA. di Academy of Languages. Proposta di convenzione. per il CIRCOLO DELLA STAMPA DI COSENZA MARIA ROSARIA SESSA BRITISH SCHOOL COSENZA di Academy of Languages Proposta di convenzione per il CIRCOLO DELLA STAMPA DI COSENZA MARIA ROSARIA SESSA A/A 2014-2015 British School di Academy of Languages persegue come attività

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELL AMMINISTRAZIONE (CORSO INTERCLASSE L-36 E L-16)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELL AMMINISTRAZIONE (CORSO INTERCLASSE L-36 E L-16) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELL AMMINISTRAZIONE (CORSO INTERCLASSE L-36 E L-16) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo

Dettagli

Corsi di lingua inglese. 1 semestre a.a. 2014-2015

Corsi di lingua inglese. 1 semestre a.a. 2014-2015 Corsi di lingua inglese 1 semestre a.a. 2014-2015 Livello di conoscenza della lingua inglese in uscita l Università di Siena richiede: agli studenti dei corsi di laurea triennale il raggiungimento del

Dettagli

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, LINGUE E BENI CULTURALI Il Manager Didattico

FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, LINGUE E BENI CULTURALI Il Manager Didattico FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA, LINGUE E BENI CULTURALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN TRADUZIONE TECNICO- SCIENTIFICA E INTERPRETARIATO CLASSE LM- 94 Requisiti di ammissione La verifica della personale

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Dipartimenti di Fisica, Matematica Ingegneria e Scienza dell Informazione CIBIO - Centro di Biologia Integrata

Dipartimenti di Fisica, Matematica Ingegneria e Scienza dell Informazione CIBIO - Centro di Biologia Integrata Dipartimenti di Fisica, Matematica Ingegneria e Scienza dell Informazione CIBIO - Centro di Biologia Integrata Lauree Triennali e Magistrali Linee Guida per l apprendimento delle lingue Centro Linguistico

Dettagli

Cinese: Accertamento linguistico II anno Note: La prova di ascolto deve essere sostenuta

Cinese: Accertamento linguistico II anno Note: La prova di ascolto deve essere sostenuta ALLEGATO B delibera n.9 verb n. 21 del 17 dicembre 2014 ELENCO RICHIESTE CONVALIDE PER LINGUA STRANIERA CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE LOR, LIN-OR A.A. 2014/15 SCADENZA 30 novembre 2014

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

SCIENZE CRIMINOLOGICHE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA

SCIENZE CRIMINOLOGICHE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA Ammissione al Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE CRIMINOLOGICHE PER L INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA Classe delle lauree magistrali LM 88 Sociologia e ricerca sociale a.a. 2015/16 Il Corso di Laurea

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business Ordinamento Biennale Corsi di Laurea M, IM, MM, AFC, CLAPI, CLEFIN FINANCE, CLELI, ACME,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI GIURISPRU DENZA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1.

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA PER LA FINANZA E L ASSICURAZIONE Art. 1 - Denominazione e classe di appartenenza E` istituito presso l'università degli Studi di Torino il Corso di Laurea

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Programmazione didattica a.a. 2012/2013 LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA

Facoltà di Giurisprudenza Programmazione didattica a.a. 2012/2013 LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA Facoltà di Giurisprudenza Programmazione didattica a.a. 2012/2013 LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA Prima lingua obbligatoria INGLESE /TEDESCO/FRANCESE/SPAGNOLO (a scelta) ITALIANO (obbligatoria

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

NORME PER L AMMISSIONE

NORME PER L AMMISSIONE Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere NORME PER L AMMISSIONE Corso di Laurea Magistrale: Lingue, letterature e culture straniere Profili: - Lingue, letterature e culture d Europa e d

Dettagli

LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA LINGUA INGLESE FINALIZZATO AL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE LINGUISTICA K. E. T. (livello A2)

LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA LINGUA INGLESE FINALIZZATO AL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE LINGUISTICA K. E. T. (livello A2) LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA LINGUA INGLESE FINALIZZATO AL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE LINGUISTICA K. E. T. (livello A2) Titolo/Argomento Area Obiettivi e finalità Studenti interessati Durata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN EUROPEAN STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STUDI EUROPEI (Classe LM-90 Studi Europei) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

La commissione di Inglese della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria

La commissione di Inglese della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria La commissione di Inglese della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria D1: In cosa consiste l esame di Inglese B1 per le lauree triennali della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria? R1: L inglese

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

NORME PER L AMMISSIONE

NORME PER L AMMISSIONE Facoltà di Scienze linguistiche e Letterature straniere NORME PER L AMMISSIONE Corso di Laurea Magistrale: Lingue, letterature e culture straniere (Classe LM-37) Profili in: - Letteratura e comunicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE INGLESE COMMERCIALE 1 INGLESE BUSINESS BASE/INTERMEDIO 1 CORSO DI LINGUA INGLESE 2 CORSO DI ITALIANO PER STRANIERI 3 LIVELLO BASE/INTERMEDIO/AVANZATO

Dettagli

Le lingue straniere e i Lettorati nei corsi di Laurea e Laurea Magistrale: lineeguida

Le lingue straniere e i Lettorati nei corsi di Laurea e Laurea Magistrale: lineeguida Dipartimento di Scienze Umane e Sociali a.a. 2015-2016 Le lingue straniere e i Lettorati nei corsi di Laurea e Laurea Magistrale: lineeguida 1. Gli insegnamenti di lingua straniera presenti nei piani di

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Domande frequenti a.a. 2015-2016 Corso di Studio triennale: Scienze della Comunicazione (SCO) 1. Sono previsti test obbligatori? Sì. Benché il Corso di Studio non sia a numero chiuso, e dunque l immatricolazione

Dettagli