Le campagne di informazione formazione e vigilanza nella Provincia di Viterbo. Dott. Borzacchi Giancarlo (Servizio PreSAL ASL di Viterbo)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le campagne di informazione formazione e vigilanza nella Provincia di Viterbo. Dott. Borzacchi Giancarlo (Servizio PreSAL ASL di Viterbo)"

Transcript

1 Le campagne di informazione formazione e vigilanza nella Provincia di Viterbo Dott. Borzacchi Giancarlo (Servizio PreSAL ASL di Viterbo) 1

2 Osservatorio INAIL sugli infortuni nel settore agricolo e forestale Dati 2014 Infortuni Mortali e con feriti Gravi Lazio

3 Infortuni Osservatorio Anno 2014 Agente materiale Trattore

4 INFORTUNI MORTALI IN AGRICOLTURA 4

5 INFORTUNI MORTALI IN AGRICOLTURA 5

6 INFORTUNI MORTALI IN AGRICOLTURA 6

7 L'AGRICOLTURA COME SETTORE PRODUTTIVO A RISCHIO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE Il Patto per la Tutela della Salute e la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro (D.P.C.M. 17/12/2007) identifica l agricoltura come priorità Viene approvato nel gennaio 2010 un Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura, PNPAS articolato nel triennio e conclusosi nel dicembre 2012 proroga sino al 2013 Nuovo Piano nazionale

8 OBIETTIVI DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA Cosa abbiamo fatto nella Provincia di Viterbo Garantire una formazione permanente degli operatori pubblici di prevenzione

9 FORMAZIONE PERMANENTE DEGLI OPERATORI PUBBLICI DI PREVENZIONE SERVIZI SPRESAL REGIONE LAZIO Ottobre 2009 Monte Porzio Catone Marzo 2010 LA VIGILANZA, LE PRINCIPALI VIOLAZIONI E PRESCRIZIONI CAMPAGNA DI INFORMAZIONE E CONTROLLO 9

10 ATTIVITA DEI SERVIZI PRESAL DEL LAZIO PER UNIFORMARE GLI INTERVENTI All interno del Servizio Pre.S.A.L. è stato istituito un gruppo di Operatori con conoscenze specifiche sul comparto agricolo 10

11 FORMAZIONE PERMANENTE DEGLI OPERATORI PUBBLICI DI PREVENZIONE Michelangelo Merisi da Caravaggio Roma Galleria Borghese Dal 2010 al 2014 Convegno regionale SICUREZZA E SALUTE IN AGRICOLTURA Viterbo, 15 maggio 2014 Università della Tuscia Aula Magna Via S. Maria in Gradi, VITERBO 11

12 UNIFORMARE GLI INTERVENTI DELLE 8 ASL DEL LAZIO VITERBO LATINA FROSINONE RIETI ROMA D ROMA F ROMA G ROMA H 12

13 OBIETTIVI DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA Cosa abbiamo fatto nella provincia di Viterbo Promuovere la formazione dei lavoratori agricoli 6. 13

14 PROMUOVERE LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI AGRICOLI Dal 2007 al 2014 Ottobre - Incontro provinciale con Ass. Agricoltura e Ass. Lavoro per divulgazione ufficiale alle AACC delle schede di sopralluogo da utilizzare nelle aziende agricole Incontri con costruttori e installatori di telai per la presentazione delle LG (trattori, motoagricole e motocoltivatori) Incontri con gli agricoltori per la presentazione delle LG promosso dalle associazioni di categoria Corsi di presentazione buone prassi per l allevamento bovino e suino 14

15 PROMUOVERE LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI AGRICOLI MECCANICI corsi di formazione con ISPESL 2009, promossi dalla CNA, per i meccanici agricoli della provincia con INAIL (32) Aggiornamento nel 2011 per meccanici agricoli con INAIL (20) Aggiornamento nel 2014 per meccanici agricoli con INAIL (26) 15

16 OBIETTIVI DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA Cosa abbiamo fatto nella provincia di Viterbo Produrre e diffondere a livello nazionale materiali divulgativi e manuali 6. 16

17 PRODURRE E DIFFONDERE A LIVELLO NAZIONALE MATERIALI DIVULGATIVI E MANUALI Le schede informative Inail 17

18 PRODURRE E DIFFONDERE A LIVELLO NAZIONALE MATERIALI DIVULGATIVI E MANUALI Le schede informative Inail La collana continua nel 2015 con: patentino rotoimballatrice allevamento bovini sala di mungitura allevamento suini stoccaggio P.F. 18

19 OBIETTIVI DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA Attivare campagne di eliminazione dei rischi più gravi (trattori - ROPS, cardani, prese di potenza - altre specifiche macchine agricole/forestali, percorsi protetti nelle stalle, ) Cosa abbiamo fatto nella Provincia di Viterbo 19

20 CAMPAGNA DI ELIMINAZIONE DEI RISCHI PIU GRAVI Telaio di protezione Cintura di sicurezza Salita e discesa Organi di trasmissione del moto Presa di potenza Giunto cardanico Manutenzione 2014 Motocoltivatori 2015 Motoagricole 2015 Allevamenti (bovini, bufalini, suini) 2016 Impiego dei prodotti fitosanitari 2016 Attivare controlli costruttori/rivenditori in misura del 5% dei controlli previsti dal Piano Nazionale

21 TELAIO DI PROTEZIONE 21

22 TELAIO DI PROTEZIONE 22

23 TELAIO DI PROTEZIONE 23

24 CRITICITA TELAIO DI PROTEZIONE 24

25 CRITICITA CINTURE DI SICUREZZA 25

26 ORGANI DI TRASMISSIONE DEL MOTO 26

27 PRESA DI POTENZA 27

28 PARTI CALDE 28

29 SALITA E DISCESA 29

30 ALBERO CARDANICO 30

31 ALBERO CARDANICO 31

32 per un errore di manovra, il trattore è scivolato per almeno 25 metri lungo un burrone. La cabina antiribaltamento e le cinture di sicurezza hanno impedito conseguenze più gravi. Stava lavorando la terra, quando il trattore si è ribaltato. E anche questa volta la presenza della barra antiribaltamento di cui è dotato il trattore gli ha salvato la vita. 32

33 OBIETTIVI DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA Cosa abbiamo fatto nella Provincia di Viterbo Attivare una campagna per l applicazione della normativa in materia di commercio di macchine, nuove e usate 33

34 CONTROLLI IN FIERA DAL 2010 Il Gruppo di lavoro Agricoltura del Coordinamento delle Regioni sulla base degli obiettivi previsti dal Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura ha proposto l effettuazione di alcuni controlli campionari sulle macchine esposte presso Fiere di Macchine Agricole secondo procedure idonee ad assicurare un adeguata raccolta di informazioni e un regolare svolgimento della manifestazione 34

35 La Direttiva 2006/42/CE - Fiere ed esposizioni La Direttiva Macchine non ostacola la promozione dei prodotti in fiera Considerazioni al punto (7) - Articolo 3. Le macchine esposte in fiere, esposizioni e dimostrazioni possono non essere conformi alla Direttiva Macchine, perché: Le imprese interessate possono sfruttare queste occasioni per verificare se i loro prodotti siano d interesse per i potenziali clienti, prima di effettuare le procedure pertinenti di valutazione della conformità. La procedura di valutazione della conformità può non essere stata completata al momento in cui la macchina viene esposta. I fabbricanti, gli importatori o i distributori potrebbero voler esporre prodotti che non sono destinati al mercato dell UE. I prodotti possono essere esposti con taluni ripari o dispositivi di protezione rimossi, per mostrare più chiaramente le loro caratteristiche di funzionamento. Tuttavia è necessario fornire informazioni chiare ai potenziali clienti ed evitare una concorrenza sleale nei confronti degli espositori di prodotti che sono conformi alla Direttiva Macchine. 35

36 CONTROLLI IN FIERA Con la partecipazione di Tecnici delle 8 ASL del Lazio Mostra Mercato Macchine Agricole di Tarquinia = N 31 (Anni ) In abito Nazionale macchine oggetto di istruttoria oltre 200 per non rispetto dei RES dal 2010 al

37 Attività di controllo e vigilanza nel comparto agricoltura: % 100% 100% 88% 80% 60% 40% 64% 41% 59% 43% 59% 32% 20% 0% Aziende agricole Aziende agricole Aziende agricole Anno controllate non regolari non regolari (%) % % % % % % % % % 37

38 Attività di controllo e vigilanza nel comparto agricoltura: % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 86% 72% 45% 47% 38% 34% 35% 32% Anno Trattori controllati Trattori Trattori non regolari non regolari (%) % % % % % % % % % 38

39 CONCLUSIONI Vigilanza Campagna informativa Macchine sicure Linee guida Meccanici formati Rivenditori formati 39

40 GRAZIE PER L ATTENZIONE 40

Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro. Le campagne informative di assistenza e formazione nella Regione Lazio

Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro. Le campagne informative di assistenza e formazione nella Regione Lazio Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Le campagne informative di assistenza e formazione nella Regione Lazio Giancarlo Borzacchi Antonio Bottacci OBIETTIVI DEL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI I Parte

PRODOTTI FITOSANITARI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI I Parte U.o.c. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro PRODOTTI FITOSANITARI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI I Parte Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Tecnici della

Dettagli

SEMINARIO. Milano, 26 gennaio 2015 Il rischio da macchine agricole. Gli strumenti della prevenzione a cura di: Simona Savi

SEMINARIO. Milano, 26 gennaio 2015 Il rischio da macchine agricole. Gli strumenti della prevenzione a cura di: Simona Savi SEMINARIO Salute, Sicurezza, Ambiente, tutela dei consumatori nel settore agricolo e agroalimentare Milano, 26 gennaio 2015 Il rischio da macchine agricole. Gli strumenti della prevenzione a cura di: Simona

Dettagli

Le priorità delle macchine agricole nella programmazione di comparto 2014 2018

Le priorità delle macchine agricole nella programmazione di comparto 2014 2018 PIANO NAZIONALE PREVENZIONE AGRICOLTURA SELVICOLTURA 2014 2018: priorità e prospettive Le priorità delle macchine agricole nella programmazione di comparto 2014 2018 V. Laurendi Dipartimento Innovazione

Dettagli

ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA SULLE MACCHINE AGRICOLE IN FIERA

ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA SULLE MACCHINE AGRICOLE IN FIERA ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA SULLE MACCHINE AGRICOLE IN FIERA Dott. Giancarlo Borzacchi Tarquinia 27 Aprile 2012 Obiettivi del Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura 2009-2011 1. Garantire

Dettagli

La strategia regionale e nazionale in materia di sorveglianza del mercato delle macchine agricole

La strategia regionale e nazionale in materia di sorveglianza del mercato delle macchine agricole Fiera internazionale del bovino da latte Cremona, 27 Ottobre 2013 La strategia regionale e nazionale in materia di sorveglianza del mercato delle macchine agricole Il Piano Nazionale 2010-2012 Prevenzione

Dettagli

Roma, 4 marzo 2015. Oggetto: Revisione macchine agricole e Formazione operatori - Audizione Commissione Agricoltura del Senato

Roma, 4 marzo 2015. Oggetto: Revisione macchine agricole e Formazione operatori - Audizione Commissione Agricoltura del Senato Roma, 4 marzo 2015 Oggetto: Revisione macchine agricole e Formazione operatori - Audizione Commissione Agricoltura del Senato 1 REVISIONE MACCHINE AGRICOLE 1.1 Analisi del provvedimento La revisione delle

Dettagli

La sorveglianza del mercato in fiera. Un obiettivo del Piano nazionale per la Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura

La sorveglianza del mercato in fiera. Un obiettivo del Piano nazionale per la Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO VIII rapporto INAIL sulla sorveglianza del mercato per la direttiva macchine La sorveglianza del mercato in fiera. Un obiettivo

Dettagli

Macchine ed attrezzature agricole

Macchine ed attrezzature agricole Convegno SICUREZZA IN AGRICOLTURA: SICURI DI LAVORARE SICURI? 19 giugno 2013 Macchine ed attrezzature agricole Dott. Marco Valentini S.Pre.S.A.L Dip. di Prevenzione ASL RM H DLgs 81/08: Titolo III e allegato

Dettagli

Predisposizione del piano

Predisposizione del piano Progetto Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura 2009-2011 7 Aprile 2010, Roma Il quadro nazionale della prevenzione in agricoltura. Obiettivi i i e strumenti del progetto. Eugenio Ariano

Dettagli

Prospettive e priorità di intervento del Piano di Prevenzione 2014-2018

Prospettive e priorità di intervento del Piano di Prevenzione 2014-2018 Prospettive e priorità di intervento del Piano di Prevenzione 2014-2018 Eugenio Ariano Coord. Tecnico Regioni Gruppo di Lavoro Agricoltura e Selvicoltura COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE

Dettagli

La verifica in fiera. 4 febbraio 2016

La verifica in fiera. 4 febbraio 2016 La sicurezza delle macchine in agricoltura: l accertamento tecnico ai fini della sorveglianza del mercato, il controllo e la verifica periodica La verifica in fiera 4 febbraio 2016 dr.ssa Manuela Peruzzi

Dettagli

IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE.

IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE. COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO IL PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA E SELVICOLTURA. CONSUNTIVO ED INDICAZIONI PROGRAMMATICHE. IL RUOLO DELLE REGIONI

Dettagli

DATI SULL ATTIVITÀ DI VIGILANZA IN AGRICOLTURA NELLA. Dott. Luca Gasbarra. Tarquinia 27 Aprile 2012

DATI SULL ATTIVITÀ DI VIGILANZA IN AGRICOLTURA NELLA. Dott. Luca Gasbarra. Tarquinia 27 Aprile 2012 DATI SULL ATTIVITÀ DI VIGILANZA IN AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI FROSINONE Dott. Luca Gasbarra Tarquinia 27 Aprile 2012 La Provincia di Frosinone La Provincia di Frosinone accoglie 500.000 abitanti dislocati

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO NUOVI ORIZZONTI NELLA PREVENZIONE IN AGRICOLTURA. Viterbo, 25 ottobre 2012. Il ribaltamento del trattore: dati statistici

GIORNATA DI STUDIO NUOVI ORIZZONTI NELLA PREVENZIONE IN AGRICOLTURA. Viterbo, 25 ottobre 2012. Il ribaltamento del trattore: dati statistici GIORNATA DI STUDIO NUOVI ORIZZONTI NELLA PREVENZIONE IN AGRICOLTURA Viterbo, 25 ottobre 2012 Il ribaltamento del trattore: dati statistici Ing. Giancarlo Napoli Dott. Giancarlo Borzacchi U.O.C. PISLL (Direttore

Dettagli

PROGETTO REGIONALE DI CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE E CONCESSIONE IN USO DELLE MACCHINE AGRICOLE

PROGETTO REGIONALE DI CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE E CONCESSIONE IN USO DELLE MACCHINE AGRICOLE PROGETTO REGIONALE DI CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE E CONCESSIONE IN USO DELLE MACCHINE AGRICOLE ATTIVITA DI VIGILANZA NEL COMPARTO AGRICOLO 2005-2007 2007 GLI INFORTUNI DA MACCHINE SONO TRA I PIU

Dettagli

Auditorium Same-Deutz-Fahr Treviglio, 18 febbraio 2016

Auditorium Same-Deutz-Fahr Treviglio, 18 febbraio 2016 Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra - Torino Utilizzo in sicurezza delle attrezzature manuali nel settore agricolo, forestale e manutenzione del verde

Dettagli

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni Verona, 28 gennaio 2011 3 Domande Perché siamo arrivati alla costruzione di un sistema informativo

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Rischi nel settore Agricolo Forestale Vezzolano, 24 ottobre 2008 Danilo RABINO CNR-IMAMOTER Macchine agricole

Dettagli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli La sicurezza dei TRATTORI agricoli Nozioni generali applicate ai trattori agricoli o forestali In riferimento al PIANO REGIONALE DEI CONTROLLI IN AGRICOLTURA E SILVICOLTURA Tratte da Linee Guida INAIL/ISPESL,

Dettagli

Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Corso di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro - Sicurezza nelle aziende zootecniche- - Dott. Giovanni Di Feliciantonio - Dott. Alfredo Di Domenicantonio Teramo, marzo 2015 Obiettivi formativi

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA. Risultati del Piano Regionale per la Prevenzione 2010-2013 e prospettive future CONVEGNO REGIONALE

SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA. Risultati del Piano Regionale per la Prevenzione 2010-2013 e prospettive future CONVEGNO REGIONALE CONVEGNO REGIONALE SICUREZZA SUL LAVORO IN AGRICOLTURA PIANO REGIONALE PREVENZIONE 2010 2013 PROGETTO: CONTRASTO DEL RISCHIO DI INFORTUNI MORTALI ED INVALIDANTI IN AGRICOLTURA RISULTATI E PROSPETTIVE FUTURE

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO. Catania, 25 febbraio 2012 LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE LE NOVITÀ INTRODOTTE LA CORRELAZIONE CON IL TESTO UNICO Catania, 25 febbraio 2012 LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO NEL QUADRO DEL DECRETO N. 81/08 Ing. Mario ALVINO

Dettagli

Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole

Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole Vincenzo Laurendi INAIL Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Viterbo 15 maggio 2014 Osservatorio INAIL sugli infortuni

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

La manutenzione e l adeguamento di macchine ed attrezzature usate:

La manutenzione e l adeguamento di macchine ed attrezzature usate: Agricoltura Sicura Salute e Sicurezza nelle Attività Agricole e Forestali La manutenzione e l adeguamento di macchine ed attrezzature usate: il ruolo delle linee guida Leonardo Vita Davide Gattamelata

Dettagli

LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE LAZIO

LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE LAZIO U.o.c. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Convegno regionale LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA NELLA REGIONE LAZIO Le priorità delle macchine agricole nella programmazione di comparto 2014 2018

Dettagli

PRESENTAZIONE ALLE PARTI SOCIALI DEL PIANO REGIONALE AGRICOLTURA 2009 2010. http://azisanrovigo.it/spisal. Dr.ssa Antonella Zangirolami

PRESENTAZIONE ALLE PARTI SOCIALI DEL PIANO REGIONALE AGRICOLTURA 2009 2010. http://azisanrovigo.it/spisal. Dr.ssa Antonella Zangirolami PRESENTAZIONE ALLE PARTI SOCIALI DEL PIANO REGIONALE AGRICOLTURA 2009 2010 http://azisanrovigo.it/spisal Dr.ssa Antonella Zangirolami LA SALUTE SUL LAVORO IN AGRICOLTURA GLI INFORTUNI LE MALATTIE PROFESSIONALI

Dettagli

La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia

La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia La sicurezza e la salute nell ambiente di lavoro agriturismo L attività dell ASL di Brescia Ing. Pierangelo Bertolini Sanzionati soprattutto i trattori (senza telaio di protezione e/o senza cinture di

Dettagli

DEI PICCOLI AGRICOLTORI O : SPUNTI DA UNA

DEI PICCOLI AGRICOLTORI O : SPUNTI DA UNA " TUTELA SALUTE E SICUREZZA DEI PICCOLI AGRICOLTORI O : SPUNTI DA UNA REALTÀ AGRICOLA MONTANA" ANGELO GIOVANAZZI DIRETTORE MEDICINA LAVORO APSS TRENTO -L ANALISI IL PERCORSO DI PRESENTAZIONE - CARATTERISTICHE

Dettagli

Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura -2009 / 2011-

Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura -2009 / 2011- Piano Nazionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura -2009 / 2011-1- IL CONTESTO 1.1) Le caratteristiche strutturali del comparto agro-forestale in Italia Per fornire una sintetica panoramica del

Dettagli

AUDIZIONE COMMISSIONE AGRICOLTURA E PRODUZIONE AGROALIMENTARE Senato della Repubblica 18 Marzo 2015 RELAZIONE

AUDIZIONE COMMISSIONE AGRICOLTURA E PRODUZIONE AGROALIMENTARE Senato della Repubblica 18 Marzo 2015 RELAZIONE AUDIZIONE COMMISSIONE AGRICOLTURA E PRODUZIONE AGROALIMENTARE Senato della Repubblica 18 Marzo 2015 RELAZIONE In riferimento all audizione presso la Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare

Dettagli

DOCUMENTI. Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate

DOCUMENTI. Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate DOCUMENTI Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate Renato Delmastro Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole

Dettagli

14 OTTOBRE 2015 Bologna Centro Fiera LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA IL PROGETTO COLTIVIAMO LA SICUREZZA

14 OTTOBRE 2015 Bologna Centro Fiera LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA IL PROGETTO COLTIVIAMO LA SICUREZZA LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA IL PROGETTO COLTIVIAMO LA SICUREZZA 14 OTTOBRE 2015 Bologna Centro Fiera COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SALUTE E SICUREZZA IN AGRICOLTURA

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione al 31.12.2008 Regione: Lazio Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Referente: Elisa Romeo Negli ultimi

Dettagli

L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: L AGRITURISMO I CONTROLLORI INCONTRANO LE AZIENDE. REGIONE LOMBARDIA STER DI CREMONA Cremona 4/11/2013

L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: L AGRITURISMO I CONTROLLORI INCONTRANO LE AZIENDE. REGIONE LOMBARDIA STER DI CREMONA Cremona 4/11/2013 L AGRICOLTURA MULTIFUNZIONALE: L AGRITURISMO I CONTROLLORI INCONTRANO LE AZIENDE REGIONE LOMBARDIA STER DI CREMONA Cremona 4/11/2013 I CONTROLLI SPSAL NELLE AZIENDE AGRITURISTICHE DELLA PROVINCIA DI CREMONA

Dettagli

Fiera di Sant Alessandro 2013 - Focus sulla meccanizzazione agricola.

Fiera di Sant Alessandro 2013 - Focus sulla meccanizzazione agricola. Fiera di Sant Alessandro 2013 - Focus sulla meccanizzazione agricola. All appuntamento di riferimento per il mondo contadino in programma alla Fiera di Bergamo dal 6 all 8 settembre 2013 non solo esposizione

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

POCO TEMPO TROPPA FRETTA

POCO TEMPO TROPPA FRETTA POCO TEMPO TROPPA FRETTA a cura di Laura Traversini, Antonino Nebbia Servizio Pre.S.A.L. della Asl VC Che cosa è successo Un agricoltore, a causa del ribaltamento del carica letame con cui stava lavorando,

Dettagli

MACCHINE. D.P.R. 24 luglio 1996 n 459 ( entrata in vigore 21 settembre 96 ) D.Lgs 27 Gennaio 2010, n 17

MACCHINE. D.P.R. 24 luglio 1996 n 459 ( entrata in vigore 21 settembre 96 ) D.Lgs 27 Gennaio 2010, n 17 MACCHINE D.P.R. 24 luglio 1996 n 459 ( entrata in vigore 21 settembre 96 ) D.Lgs 4 agosto 1999, n. 359 Art.38, comma 8-bis D.Lgs 626/94 e s.m.i. Entro il 30 giugno 2001 D.Lgs 27 Gennaio 2010, n 17 D.Lgs

Dettagli

Infortuni sul Lavoro e Malattie Professionali nella provincia di Viterbo. Dati di attività U.O.C. PISLL

Infortuni sul Lavoro e Malattie Professionali nella provincia di Viterbo. Dati di attività U.O.C. PISLL REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO Osservatorio Epidemiologico Provinciale degli Infortuni sul Lavoro e delle Malattie Professionali REPORT 2 SEMESTRE ANNO 2009 Infortuni sul Lavoro e Malattie

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

Novità sulla sicurezza e salute in agricoltura: Un vademecum per le aziende. Ph.D. Riccioni Simone

Novità sulla sicurezza e salute in agricoltura: Un vademecum per le aziende. Ph.D. Riccioni Simone Novità sulla sicurezza e salute in agricoltura: Un vademecum per le aziende Ph.D. Riccioni Simone 1 Dati ISTAT addetti agricoli 2014 1. 812 mila addetti (di cui 50% dipendenti); 385 mila nel mezzogiorno;

Dettagli

Ciao! Sono Alice e vivo in una azienda agricola. Oggi vi voglio raccontare. Con la collaborazione di: U.P.A. C.I.A. Coldiretti

Ciao! Sono Alice e vivo in una azienda agricola. Oggi vi voglio raccontare. Con la collaborazione di: U.P.A. C.I.A. Coldiretti Ciao! Sono Alice e vivo in una azienda agricola. Oggi vi voglio raccontare. Con la collaborazione di: U.P.A. Coldiretti C.I.A. Le motivazioni. Visto il susseguirsi quasi quotidiano di infortuni gravi o

Dettagli

CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA

CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA Piano Mirato di Prevenzione CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA RELAZIONE SULL ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI DALLE SCHEDE DI AUTOVALUTAZIONE COMPILATE DALLE DITTE SELEZIONATE Documento a

Dettagli

Sicurezza nelle aziende agricole

Sicurezza nelle aziende agricole D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 106/2009 Dott. Agr. Valerio Cocco Perché parlare di sicurezza? Obbligo di legge Troppi incidenti in agricoltura Definizione di rischio «rischio»: probabilità di raggiungimento

Dettagli

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE Milano 26 Gennaio 2015 Intervento Dr. Tommaso De Nicola L attuale scenario legislativo in materia di salute

Dettagli

La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate

La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate La sicurezza delle macchine agricole e forestali nuove ed usate Gli interventi di prevenzione della ASL RM H Dr. Sandro Sanna Velletri 14 novembre 2008 Salute e sicurezza in agricoltura Principali problematiche

Dettagli

ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA

ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA ALBERI CARDANICI E PRESE DI POTENZA L'albero cardanico deve essere dotato di Gli alberi devono essere sottoposti a 1 protezione, che superi di 5cm le crociere regolare manutenzione La parte che rimane

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.)

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Inquadramento generale, Formazione ed Informazione REGIONE PIEMONTE SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE PIERO CORDOLA ODAF Alessandria

Dettagli

Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza

Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza Infortuni e malattie professionali nella provincia di Vicenza Fonte: Nuovi Flussi Informativi www.inail.it sezione Flussi informativi Periodo di studio: 2008 2013 La Figura 1 mostra la distribuzione percentuale

Dettagli

Prefettura di Frosinone Prefettura di Rieti Prefettura di Viterbo PROTOCOLLO DI INTESA

Prefettura di Frosinone Prefettura di Rieti Prefettura di Viterbo PROTOCOLLO DI INTESA Prefettura di Frosinone Prefettura di Rieti Prefettura di Viterbo PROTOCOLLO DI INTESA PROGETTO SAFETY FIRST FORMAZIONE ITINERANTE PER ADDETTI CHE OPERANO IN AMBIENTI CONFINATI TRA PREFETTURE DI ROMA,

Dettagli

Documenti da tenere in azienda

Documenti da tenere in azienda Convegno SICUREZZA IN AGRICOLTURA: SICURI DI LAVORARE SICURI? 13 settembre 2013 Sala degli specchi Comune di frascati Documenti da tenere in azienda Dott. Marco Valentini S.Pre.S.A.L Dip. di Prevenzione

Dettagli

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L.

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L. Ruolo dell organo di vigilanza nel sistema della prevenzione Santo Alfonzo Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 GLI ATTORI DELLA PREVENZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO S OGGETTI O BBLIGATI DATORI DI LAVORO, DIRIGENTI,

Dettagli

INFORTUNI DENUNCIATI IN AGRICOLTURA dal 2002 al 2011

INFORTUNI DENUNCIATI IN AGRICOLTURA dal 2002 al 2011 L impiego sicuro delle attrezzature. Gli obblighi formativi determinati dall Accordo Stato-Regioni Dr.ssa Manuela Peruzzi SPISAL ULSS 20 VERONA INFORTUNI DENUNCIATI IN AGRICOLTURA dal 2002 al 2011 Fonte:

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE RELATIVE AL PROGETTO PER LA PREVENZIONE E SICUREZZA IN AGRICOLTURA

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE RELATIVE AL PROGETTO PER LA PREVENZIONE E SICUREZZA IN AGRICOLTURA BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE RELATIVE AL PROGETTO PER LA PREVENZIONE E SICUREZZA IN AGRICOLTURA ALLEGATO 1 1. PROGETTO PER LA PREVENZIONE E SICUREZZA IN AGRICOLTURA Con Protocolli d intesa

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Giunta Regionale della Campania Decreto Dipartimento: Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali N 40 Del Dipart. Direzione G. Unità O.D. 13/02/2015 52 6 11 Oggetto: Campagna vitivinicola 2014/2015

Dettagli

Sicurezza e requisiti costruttivi delle macchine agricole

Sicurezza e requisiti costruttivi delle macchine agricole CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE SULL USO CORRETTO E SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI LE AZIONI DEI SERVIZI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DEL VENETO Sicurezza e requisiti costruttivi delle macchine

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE PROVINCIA DI ROMA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO COMUNALE. DUVRI Art. 26, comma 4, D.Lgs. 81/08 Committente:

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

Il Dlgs 81/2008 e i rischi nell azienda agricola

Il Dlgs 81/2008 e i rischi nell azienda agricola Convegno SICUREZZA IN AGRICOLTURA: SICURI DI LAVORARE SICURI? Il Dlgs 81/2008 e i rischi nell azienda agricola Dott. Marco Valentini Dipartimento di Prevenzione - UO Igiene del lavoro Cos è la sicurezza?

Dettagli

La Legge di Riforma Sanitaria

La Legge di Riforma Sanitaria La Legge di Riforma Sanitaria La Riforma Sanitaria introdotta con la Legge 23 dicembre 1978 n 833 ha stabilito, nell art. 20, che i compiti dei Servizi di Prevenzione della A.S.L. sono: La Legge di Riforma

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SISTEMA COMPLESSO

PRODUZIONE PRIMARIA E SISTEMA COMPLESSO L esperienza della Regione Lombardia e il progetto vite Eugenio Ariano Laboratorio Regionale di Approfondimento Prevenzione in agricoltura Milano, 31 gennaio 2014 Clinica del Lavoro Luigi Devoto La valutazione

Dettagli

L esperienza dei controlli nelle aziende agricole

L esperienza dei controlli nelle aziende agricole L esperienza dei controlli nelle aziende agricole dott. ROTA Omar, Coordinatore della Commissione Permanente per la Prevenzione degli infortuni in Agricoltura ASL BG SICUREZZA E QUALITÀ L ASL di Bergamo

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242

AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 106 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

La sicurezza delle macchine.aggiornamenti e novità

La sicurezza delle macchine.aggiornamenti e novità SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE La sicurezza delle macchine.aggiornamenti e novità Alba, 11 dicembre 2012 Marisa SALTETTI Tecnico della Prevenzione

Dettagli

Area "Ufficio Speciale per la Sicurezza nei luoghi di lavoro" Dirigente Dott. Maurizio Di Giorgio

Area Ufficio Speciale per la Sicurezza nei luoghi di lavoro Dirigente Dott. Maurizio Di Giorgio REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALLA SANITA Direzione Regionale Politiche della Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro Direttore Dr. Salvatore Calabretta Area "Ufficio Speciale per la Sicurezza nei luoghi di lavoro"

Dettagli

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Divieti di coltivazione e di allevamento di OGM. Disposizioni

Dettagli

Allegato 1 Settore Agricoltura

Allegato 1 Settore Agricoltura BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo, comma, D.Lgs. 8/008 e s.m.i.

Dettagli

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 L attività si è sviluppata attraverso tre linee di lavoro: 1. costituzione di reti provinciali e di un

Dettagli

Piano regionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura

Piano regionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura Direzione Sanità Settore Promozione della Salute e Interventi di Prevenzione individuale e Collettiva Piano regionale di Prevenzione in Agricoltura e Selvicoltura 2010-2012 Gruppo di lavoro regionale Agricoltura

Dettagli

PIU' CONTROLLI PIU SICUREZZA I RISULTATI DELLA CAMPAGNA DI VIGILANZA NEI CANTIERI DEL LAZIO DAL 12 AL 23 FEBBRAIO 2007

PIU' CONTROLLI PIU SICUREZZA I RISULTATI DELLA CAMPAGNA DI VIGILANZA NEI CANTIERI DEL LAZIO DAL 12 AL 23 FEBBRAIO 2007 PIU' CONTROLLI PIU SICUREZZA I RISULTATI DELLA CAMPAGNA DI VIGILANZA NEI CANTIERI DEL LAZIO DAL 12 AL 23 FEBBRAIO 2007 La gravità del fenomeno infortunistico in edilizia è legato (oltre che alla pericolosità

Dettagli

S. Sanna A. Messineo, G.Borzacchi, L.Dimitri, A.Quercia, L.Taddei

S. Sanna A. Messineo, G.Borzacchi, L.Dimitri, A.Quercia, L.Taddei Efficacia delle azioni di promozione e controllo sull appropriatezza delle misure di prevenzione adottate nelle aziende agricole. La sorveglianza sanitaria, le indagini sui danni associati al rischio S.

Dettagli

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza S.Pre.S.A.L. - Azienda Sanitaria Locale Chi è? Ente che fa parte del Dipartimento di Prevenzione delle A.S.L. Quale

Dettagli

QUESTIONARIO PER RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI E DELLE CRITICITA NELLE AZIENDE AGRICOLE

QUESTIONARIO PER RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI E DELLE CRITICITA NELLE AZIENDE AGRICOLE QUESTIONARIO PER RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI E DELLE CRITICITA NELLE AZIENDE AGRICOLE Preparato e distribuito con la collaborazione dell Ente Bilaterale FIMAVLA-EBAT Viterbo e le associazioni di

Dettagli

COME ADEGUARE I TRATTORI E LE MOTOAGRICOLE USATE AI REQUISITI MINIMI DI SICUREZZA PER L UTILIZZO IN AMBITO AGRICOLO E PER LA CIRCOLAZIONE SU STRADA

COME ADEGUARE I TRATTORI E LE MOTOAGRICOLE USATE AI REQUISITI MINIMI DI SICUREZZA PER L UTILIZZO IN AMBITO AGRICOLO E PER LA CIRCOLAZIONE SU STRADA COME ADEGUARE I TRATTORI E LE MOTOAGRICOLE USATE AI REQUISITI MINIMI DI SICUREZZA PER L UTILIZZO IN AMBITO AGRICOLO E PER LA CIRCOLAZIONE SU STRADA PRESENTAZIONE DELL OPERA Questo opuscolo ha lo scopo

Dettagli

Software per il rilievo e la gestione degli incidenti stradali. Software per le Forze di Polizia

Software per il rilievo e la gestione degli incidenti stradali. Software per le Forze di Polizia Software per il rilievo e la gestione degli incidenti stradali GestInc La procedura Gestinc, nasce dall esigenza di rendere agevole il rilievo e la gestione degli incidenti stradali da parte delle Polizie

Dettagli

Direzione Regionale Lazio «Analisi delle dinamiche incidentali e identificazione delle cause: la metodologia Infor.MO e l applicativo gestionale»

Direzione Regionale Lazio «Analisi delle dinamiche incidentali e identificazione delle cause: la metodologia Infor.MO e l applicativo gestionale» Direzione Regionale Lazio «Analisi delle dinamiche incidentali e identificazione delle cause: la metodologia Infor.MO e l applicativo gestionale» Diego De Merich, DMEILA INAIL Direzione Regionale Lazio

Dettagli

TANTE MISURE PER NULLA

TANTE MISURE PER NULLA TANTE MISURE PER NULLA a cura di Marcello Libener, Servizio Pre.S.A.L. della Asl AL Che cosa è successo Nel corso dei lavori per la realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura dei fabbricati

Dettagli

Ambienti sospetti di inquinamento o confinati

Ambienti sospetti di inquinamento o confinati Ambienti sospetti di inquinamento o confinati Criticità e modalità operative per le attività in condominio SEMINARIO: Sicurezza sul lavoro nel condominio leggi, obblighi, cautele, opportunità 18/09/2015

Dettagli

GRUPPO INTERREGIONALE PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

GRUPPO INTERREGIONALE PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO GRUPPO INTERREGIONALE PREVENZIONE, IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO COORDINATORE GRUPPO INTERREGIONALE MARCO MASI REGIONE TOSCANA LINEE STRATEGICHE PRINCIPALI PERSEGUITE Il Comitato tecnico interregionale

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO

ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro bozza aggiornata al 30 dicembre 2006

Dettagli

Convegno regionale LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA

Convegno regionale LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA U.o.c. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Convegno regionale LA SICUREZZA IN AGRICOLTURA Augusto Quercia Tarquinia - Borgo delle Saline - 27 aprile 2012 Come arrivare Da Roma, via Cassia

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE N. G08345 DEL 6 LUGLIO 2015 OGGETTO: Reg. (UE) n. 1308/2013 e s.s. m.m. e i.i. e Reg. (CE) n.555/2008 e s.s. m.m. e i.i. Programma Nazionale di Sostegno del settore vitivinicolo. DGR n.

Dettagli

Promozioni ed esperienze nel. campo della prevenzione attiva. Prof. Maria Laura Pezzato Presidente Veneto MOICA

Promozioni ed esperienze nel. campo della prevenzione attiva. Prof. Maria Laura Pezzato Presidente Veneto MOICA Promozioni ed esperienze nel campo della prevenzione attiva Prof. Maria Laura Pezzato Presidente Veneto MOICA L Osservatorio Epidemiologico nazionale sulla Salute e la Sicurezza a negli ambienti di Vita

Dettagli

L importanza della formazione degli addetti in ambito agricolo

L importanza della formazione degli addetti in ambito agricolo L importanza della formazione degli addetti in ambito agricolo Domenico Pessina - Davide Facchine1 Convegno di studio e approfondimento Agricoltura: salute, sicurezza e ambiente Milano, 15.7.2015 L agricoltura

Dettagli

Gestione informatizzata dei Piani amianto, delle Notifiche e delle Relazioni di cui alla legge 257/1992.

Gestione informatizzata dei Piani amianto, delle Notifiche e delle Relazioni di cui alla legge 257/1992. Asbesto, asbestosi e cancro: dal riconoscimento e controllo del rischio alla qualità della sorveglianza sanitaria degli esposti ed ex esposti. Gestione informatizzata dei Piani amianto, delle Notifiche

Dettagli

Statistica degli infortuni

Statistica degli infortuni SEMINARIO VAL DELLA TORRE 15 febbraio 2013 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI CANTIERI EDILI: suggerimenti operativi per i CSP/CSE Relatore Dott. Ing. Dario CASTAGNERI Tecnico della prevenzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRO, REGUZZONI, FUGATTI, LUSSANA, MUNERATO, RAINIERI, RIVOLTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRO, REGUZZONI, FUGATTI, LUSSANA, MUNERATO, RAINIERI, RIVOLTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2617 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRO, REGUZZONI, FUGATTI, LUSSANA, MUNERATO, RAINIERI, RIVOLTA Concessione di contributi

Dettagli

268ª Seduta (antimerid.) Assemblea - Allegato A DOCUMENTO

268ª Seduta (antimerid.) Assemblea - Allegato A DOCUMENTO 47 Allegato A DOCUMENTO Relazione intermedia sull attività della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche" (Doc.

Dettagli

MANUALE TECNICO - OPERATIVO

MANUALE TECNICO - OPERATIVO AZIENDA ULSS 20 PROGETTO: Verona Aziiende Siicure MANUALE TECNICO - OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DELLA SICUREZZA E PER L ATTUAZIONE DI UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA

Dettagli

PIANI REGIONALI DELLA PREVENZIONE Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Regione VENETO Epidemiologia degli infortuni nei luoghi di lavoro ( sist. COREO) Obiettivi: promuovere

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, TURISMO E PROTEZIONE CIVILE Settore Politiche Agricole Genova, 3 ottobre 2008 Prot. n. PG 2008/132376 Allegati: Alle Comunità Montane Ai Consorzi dei Comuni per

Dettagli

Comparto manutentori del verde: Principali problematiche di sicurezza ed igiene del lavoro osservate ed aspetti di prevenzione da migliorare

Comparto manutentori del verde: Principali problematiche di sicurezza ed igiene del lavoro osservate ed aspetti di prevenzione da migliorare Comparto manutentori del verde: Principali problematiche di sicurezza ed igiene del lavoro osservate ed aspetti di prevenzione da migliorare Relatori Marco Canesi e Fernando Biffi motoseghe Macchine in

Dettagli

!! "" # $! "# " $ %$&

!!  # $! #  $ %$& !!"" #$! "#"$$& $'" $'" ($$&$ ")&& (#$)&*$'"$)"#&'# (+"*" $$& ")&& '&*&,-'#, )&$ #".&$"#" &#".&$'#"$ ")&""$)&$* )/$&+)&," ")/)#"'#0&&$+"#/)+/##" && Riferimenti di legge Reati inclusi nella L. 123/2007

Dettagli