CHIMICA Ing Edile e Architettura Programma della II Prova in itinere Anno

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHIMICA Ing Edile e Architettura Programma della II Prova in itinere Anno 2007-2008"

Transcript

1 1 CHIMICA Ing Edile e Architettura Programma della II Prova in itinere Anno STATO SOLIDO Le strutture cristalline di riferimento per l esame sono: Cristalli ionici tipo NaCl, CsCl, ZnS (blenda), CaF 2 (fluorite), CaTiO 3 (perowskite), Cristalli covalenti tipo C (diamante), Si, Ge, Metalli (in particolare Fe α e Fe γ ) Nei problemi si puo richiedere di disegnare queste celle e di eseguire sulle stesse calcoli stechiometrici come illustrato negli esempi di seguito riportati. Il programma comprende anche una conoscenza qualitativa delle strutture covalenti del quarzo e della grafite - Determinare la formula e il peso della cella elementare di CaO che ha una struttura tipo NaCl. Disegnare la cella: cella cubica a facce centrate di ioni O con gli ioni ossido Ca 2+ che occupano i siti ottaedrici (centro degli spigoli e centro della cella): Ricordando che, per effetto delle condivisioni con le celle contigue, le posizioni di vertice contano per 1/8, quelle al centro delle facce per ½, quelle al centro degli spigoli per ¼, quelle interne alla cella per 1 numero ioni O = 8x1/ 8 + 6x1/2 = 4 numero ioni Ca 2+ = 12x1/4 + 1 = 4 Formula della cella : Ca 4 O 4, ovvero, 4CaO PF(CaO) =56.1 μ, mole CaO = 56.1 (g/mole) Peso cella = 4x56.1/6.022x10 23 = 3.73x10-22 g descrivere la cella elementare del Fe α e calcolarne lo spigolo in cm dato: densita del Fe α = 7.86 g/cm 3. Cella cubica a corpo centrato (disegnare) Numero atomi di Fe = 8x1/8 + 1=2. Peso cella = 55.8x2/6.022x10 23 = 1.85x10-22 g Dalla relazione: densita = (peso cella)/(volume cella): V cella = 1.85x10-22 /7.86 =2.36x10-23 cm 3 Spigolo cella = (V cella ) 1/3 = (2.36x10-23 ) 1/3 = 2.86x10-8 cm Problema 3 A -Descrivere la cella elementare del Fe γ mettendo in evidenza i siti tetraedrici e ottaedrici; Cella c.f.c ( disegnare); i siti ottaedrici sono al centro degli spigoli e al centro della cella; i siti tetraedrici sono al centro delle otto sottocelle cubiche che si ottengono dividendo la cella con 3 piani perpendicolari tra di loro e alle facce della cella B-Gli atomi di C possono entrare nei siti ottaedrici della cella del Fe γ dando luogo a soluzioni solide interstiziali denominate austeniti - Calcolare la % di C nella cella del Fe γ supponendo che tutti i siti ottaedrici siano occupati Gli atomi di C occupano il centro degli spigoli e il centro della cella Numero atomi di Fe = 8x1/8 + 6x1/2 = 4 Numero atomi di C = 12x1/4 + 1= 4 Formula della cella. Fe 4 C 4 ; mole di Fe 4 C 4 = g/mole % di C = [(12.0x4)/271.2] x100 = 17.7 % In realta, a causa dell accumulo delle tensioni nella struttura cristallina, gli atomi di C possono occupare non piu di ca 1/10 dei siti ottaedrici, corrispondente ad una concentrazione di C = 2.07% (Austenite satura a T = 1147 C) Problema 4 Disegnare la cella elementare del C(diamante) e calcolarne lo spigolo in cm. Dato: densita del C(diamante) = 3.51g/cm 3

2 2 Il diamante cristallizza con una cella cubica nella quale sono occupate le posizioni dei vertici e del centro delle facce e meta dei siti tetraedrici interni (ovvero, cella c.f.c. di atomi di C nella quale altri 4 atomi di C occupano meta dei siti tetraedrici interni).. Calcolo del numero di atomi di C nella cella: (8x1/8 ) + 6x(1/2) + 4 = 8 atomi di C Peso della cella: (8x ) /6.022x10 23 = x10-22 g Volume della cella= peso/densita = x10-22 (g)/ 3.51(g/cm 3 ) = x10-23 (cm 3 ) Spigolo della cella = (V) 1/3 = (4.5459x10-23 ) 1/3 = x10-8 cm Problema 5 La densita e lo spigolo della cella del carbonio diamante, misurati sperimentalmente, sono rispettivamente d = 3.51g/cm 3 e l= x10-8 cm: calcolare il numero di Avogadro Schema di procedimento: Calcolo del volume della cella dallo spigolo calcolo del peso della cella dalla relazione: peso = volume x densita calcolo del numero di atomi di C nella cella calcolo del numero di atomi presenti in una mole di carbonio diamante (numero di Avogadro) Volume della cella, V cella = l 3 = x10-23 cm 3 Peso cella = V cella x d = x10-22 g Calcolo del numero di atomi di C nella cella: (8x1/8 ) + 6x(1/2) + 4 = 8 atomi di C Mole di C = g Proporzione: x10-22 : 8 = : N av N av = (8x12.011)/ x10-22 = 6.022x EQUILIBRI DI FASE: Calcoli numerici con l equazione di Clapeyron sugli equilibri liquidovapore e solido-vapore. la pressione di vapore di un liquido e pari a 1.5 atm a 100 C e 2.5 atm a 200 C: calcolare l entalpia di evaporazione ΔH ev SOLUZIONE: P2 ΔH v 1 1 Equazione di Clapeyron: ln = R = (jxmole -1 K -1 ) P1 R T1 T2 Introducendo P 1 = 1.15 atm, T 1 = K; P 2 = 2.5 atm, T 2 = K Risolvendo rispetto a ΔH v : ΔH v = (J) L acqua bolle a 100 C alla pressione di una atmosfera e ha un entalpia di evaporazione ΔH ev pari a 10.5 kcal/mole: calcolare la pressione di vapore a 150 C Soluzione: Introducendo nell equazione di Clapeyron P 1 =1 atm, T 1 = K; P 2 =?, T 2 = K R = cal x mole -1 x K -1 e risolvendo rispetto a P 2 : P 2 = 5.33 atm Problema 3 La pressione di vapore del alcol etilico e P 1 = 10 torr a -2.3 e P 2 = 40 torr a 19 : calcolare la temperatura di ebollizione dell alcol etilico Soluzione: Schema di procedimento: da (P 1,T 1 ) e (P 2,T 2 ) ΔH v ; da (P 1,T 1 ) e ΔH v con P 2 = 760 torr T eb Dall equazione di Clapeyron con P 1 = 10 torr, T 1 = 270 (K); P 2 = 40 torr, T 2 = 292 (K) e ponendo R = (Jmole -1 K - 1) si ottiene: ΔH v = 4.270x10 4 J/mole Dall equazione di Clapeyron con P 1 = 10 torr, T 1 = 270 (K); P 2 = 760 torr; ΔH v = 4.270x10 4 J/mole e R = 8.314, si calcola T eb = 350.8

3 3 REAZIONI ACIDO-BASE, CALCOLI SUL ph Definizioni e richiami Dissociazione di acidi deboli e forti in soluzioni acquose. Esempi di acidi forti (completamente dissociati, K a >>1)): HNO 3, HCl, HBr, HI, HClO 3, HClO 4, H 2 SO 4 (quest ultimo solo in soluzioni diluite) HNO 3 + H 2 O H 3 O NO 3 K a >> 1 Esempi di acidi deboli: H 2 CO 3 (acido carbonico, biprotico), HF( acido fluoridrico), HCN (acido cianidrico), CH 3 COOH (acido acetico e tutti gli acidi carbossilici), HClO ( acido ipocloroso), HClO 2 (acido cloroso), H 2 SO 3 (acido solforoso), HNO 2 (acido nitroso) HF + H 2 O H 3 O + + F - Cationi generati da basi deboli: NH + 4, cationi dei metalli di transizione e dei gruppi 3, 4, 5 NH + 4 +H 2 O NH 3 + H 3 O + ; Fe 3+ + H 2 O Fe(OH) H + ; FeOH + + H 2 O Fe(OH) H + ; Fe(OH) + 2 Fe(OH) 3 + H + Dissociazione di basi deboli e forti in soluzioni acquose Esempi di basi forti(completamente dissociate): idrossidi dei metalli del 1 e 2 gruppo: LiOH Li + + OH - ; NaOH Na + + OH - ; KOH K + + OH - ; RbOH Rb + + OH - ; CsOH Cs + + OH - ; Ca(OH) 2 Ca OH - ; Ba(OH) 2 Ba OH - ; SrOH) 2 Sr OH - Esempi di basi deboli( parzialmente dissociate): idrossidi dei metalli di transizione e dei gruppi 3, 4,5 Fe(OH) 3 Fe(OH) OH - Fe(OH) 2 + Fe(OH) 2+ + OH - Fe(OH) 2+ Fe 3+ + OH - Ammoniaca e ammine organiche: NH 3 + H 2 O NH OH - - Calcolare il ph delle seguenti soluzioni acquose: a) soluzione contenente 0.01 g di Ca(OH) 2 in 300 cm 3 Soluzione: Dissociazione elettrolitica in acqua: Ca(OH) 2 Ca OH - P.F. (Ca(OH) 2 ) = 74.0 Moli di Ca(OH) 2 in 0.01 g = 0.01/74.0 = 1.35 x10-4 Concentrazione analitica di Ca(OH) 2 = 1.35x10-4 (moli)/ 0.3 (L) = 4.50x10-4 moli/l Concentrazione molare di OH - = [OH - ] =2 x 4.50x10-4 = 9.0x10-4 M poh = -log [OH - ] = -log 9.0x10-4 =3.04 ph = 14 poh = Calcolare il ph di una soluzione 0.15 M di H 2 SO 4 Soluzione: Dissociazione graduale dell acido in acqua (soluzioni diluite, dissociazione quasi completa): H 2 SO 4 + H 2 O H 3 O + + HSO 4 - HSO H 2 O H 3 O + + SO H 2 SO H 2 O 2 H 3 O + + SO 4 Concentrazione molare di H 3 O + = [ H 3 O + ] = 2 x 0.15 = 0.3 M ph = -log [ H 3 O + ] = -log 0.3 = 0.52 Problema 3 data una soluzione acquosa di acido acetico CH 3 COOH di concentrazione C (CH3COOH) = 0.15 M e la costante di dissociazione K a = 1.8x10-5, calcolarne il ph.

4 4 Soluzione: CH 3 COOH + H 2 O CH 3 COO - + H 3 O + Ka = + [ CH COO ][ H O ] 3 [ CH COOH] Approssimazioni: a) [CH 3 COO - ] [H 3 O + ] ; b) [CH 3 COOH] C CH3COOH - [H 3 O + ] N.B. l approssimazione b) si ricava dal bilancio di materiale C CH3COOH = [CH 3 COO - ] + [CH 3 COOH] [H 3 O + ] + [CH 3 COOH] Sostituendo nell equazione della costante: 3 Ka = C [ H 3O ] [ + H O ] CH 3COOH 3 Sviluppando: [H 3 O + ] 2 + K a [H 3 O + ] -K a C CH3COOH = 0 Soluzioni: [H 3 O + ] 1 = 1.63x10-3 M; [H 3 O + ] 2 = -1.65x10-3 M La seconda soluzione viene scartata perche non ha significato fisico ph= -log 1.63x N.B. nel denominatore dell equazione della K a, [H 3 O + ] << C (CH3COOH) ; percio l equazione per il calcolo del ph puo essere ulteriormente semplificata: [H 3 O + ] = (K a x C (CH3COOH) ) 1/2 =1.64x10-3 ; ph= Problema 4 Calcolare il ph di una soluzione contenente 10 g di H 3 PO 4 in 1.5 litri. Le costanti acide sono: K a1 = 7.1x10-3, K a2 = 6.2x10-8, K a3 = 4.2x10-13 Soluzione: PM(H 3 PO 4 ) = 98.0 Moli di H 3 PO 4 = 10 /98.0 = Concentrazione analitica di H 3 PO 4, C H3PO4 = 0.102/1.5 = (moli/l) Dissociazione graduale dell acido - H 3 PO 4 +H 2 O H 2 PO 4 + H 3 O + K a1 = 7.1x10-3 H 2 PO - 4 +H 2 O HPO 4 + H 3 O + K a2 = 6.2x10-8 HPO 3-4 +H 2 O PO 4 + H 3 O + K a3 = 4.2x10-13 Assumendo che K a2 e K a3 siano trascurabili rispetto a K a1 e che sia trascurabile anche il contributo alla concentrazione di [ H 3 O + dell autoprotolisi dell acqua, il problema si risolve sulla base ][ ] + H dell equazione: 2 PO 4 H 3O = K 1 [ 3 4 ] a H PO Approssimazioni: a)[h 2 PO - 4 ] [H 3 O + ] ; b)[h 3 PO 4 ] C H3PO4 - [H 3 O + ] Sostituendo : + 2 [ H 3O ] = K + a1 [ C ] [ H O ] H 3PO4 3 Sviluppando : [H 3 O + 2 ] + K a [H 3 O + ] -K a C H3PO4 = 0 [H 3 O + 1 ] = 1.87x10-2 ; [H 3 O + 2 ] = x10-2 ( da scartare) ph = N.B. nel denominatore dell equazione della K a, [H 3 O + ] << C H3PO4 ; percio si puo semplificare ulteriormente l equazione per il calcolo del ph: [H 3 O + ] = (K a x C H3PO4 ) 1/2 = 2.197x10-2 ph= 1.66 errore dell approssimazione 17.5 % ; l approssimazione e praticabile con K a non superiori a 10-4 Problema 5 Calcolare il ph di una soluzione acquosa di ammoniaca NH 3 di concentrazione C NH3 = 0.2 M. Dato: K b = 1.8x10-5 Solzuaione: + L ammoniaca e una base nei confronti dell acqua: NH 3 + H 2 O NH 4 + OH -

5 5 + [ NH ][ OH ] 4 = K b [ NH ] Approssimazioni: a) [NH 4 + ] [OH - ] ; b) [NH 3 ] C NH3 - [OH - ] 2 Sostituendo: K b [ OH ] = C [ OH ] NH 3 3 [OH - ] 2 + K b [OH - ] - K b C NH3 = 0 [OH - 1 ] =1.89x10-3 ; [OH - 2 ] = -1.91x10-3 poh = -log 1.89x10-3 = 2.723; ph = 14-pOH = N.B. nel denominatore dell equazione della K b, [OH - ] << C NH3 ; percio si puo semplificare ulteriormente l equazione per il calcolo del ph: [OH - ] = (K b x C NH3 ) 1/2 = 1.90x10-3 M; poh=2.721; ph= Problema 6 Il ph di una soluzione acquosa di NaOH e 12.5: calcolare il peso di HNO 3 necessario per portare a 7 il ph di 150 cm 3 di questa soluzione Soluzione: Si imposta la reazione di neutralizzazione NaOH + HNO 3 NaNO 3 +H 2 O poh =14-pH = 1.5 [OH - ] = 10 -poh = = 3.16x10-2 (moli/l) Dalla stechiometria della dissociazione NaOH Na+ + OH - si ha:[oh - ] = C NaOH = 3.16x10-2 (moli/l) 150 cm 3 = 0.15 L moli di NaOH in 0.15 (L) = V(L) x C NaOH = 3.16x10-2 x 0.15 = 4.74x10-3 Dalla stechiometria della reazione: moli NaOH = moli HNO 3 = 4.74x10-3 PM(HNO 3 ) = 63.0 Peso di HNO 3 = 4.74x10-3 x 63.0 = (g) Reazioni acido-base di cationi e anioni (idrolisi) - Scrivere le reazioni che giustificano il carattere basico di una soluzione acquosa di Na 2 CO 3. Dato: l acido carbonico e un acido debole con costanti K a1 = 4.3x10-7, K a2 = 5.6x10-11 Dissociazione elettrolitica del sale in soluzione acquosa: Na 2 CO 3 2 Na + + CO 3 Carattere acido del catione e basico dell anione: - Na + viene da una base forte (NaOH), il suo carattere acido e trascurabile - CO 3 viene da una acido debole, il suo carattere basico e percio significativo Reazione dell anione come base rispetto a H 2 O 1) CO H 2 O HCO 3 + OH - K b1 = 1.78x10-4 La reazione si puo interpretare come somma delle reazioni: CO 3 + H + - HCO 3 2 H 2 O H 3 O + + OH CO H 2 O HCO 3 + OH - Le dissociazioni dell acido carbonico sono: H 2 CO 3 + H 2 O H 3 O HCO 3 K a1 = 4.3x10-7 HCO H 2 O H 3 O + + CO 3 K a2 = 5.6x10-11 La K b1 dell equilibrio si correla con la K a2 attraverso l equazione: K b1 = K w /K a2 = 1.78x10-4 L anione HCO - 3 e anfotero perche puo dar luogo contemporaneamente agli equilibri di dissociazione basica e acida: 2) HCO H 2 O H 2 CO 3 + OH - K b2 = K w /K a1 = 2.32x10-8 3) H 2 CO 3 + H 2 O H 3 O HCO 3 K a2 = 5.6x10-11 Problema 7 Data una soluzione di Na 2 CO 3 con concentrazione analitica C Na2CO3 = 0.1 M e le K a dell acido carbonico, calcolare il ph. Le K a dell acido carbonico sono: K a1 = 4.3x10-7 ; ka 2 =5.6x10-11 ; Poiche K b1 >> K b2,k a2, il calcolo del poh si imposta sulla sola reazione 1

6 6 [ HCO 3 ][ OH ] = K 2 1 [ ] b CO 3 = 1.78x10-4 Approssimazioni: [HCO 3 - ] [ OH - ] ; [CO 3 ] [H 2 CO 3 ] [OH - ] = ( K b1 x C Na2CO3 ) 1/2 = 4.2x10-3 poh = -log 4.2x10-3 = 2.37 ; ph = 14-pOH = Problema 8: Scrivere le reazioni che giustificano il carattere acido di una soluzione acquosa di solfato ferroso FeSO 4 N.B. l idrossido ferroso Fe(OH) 2 e una base debole Dissociazione elettrolitica in soluzione acquosa: FeSO 4 Fe 2+ + SO 4 Carattere acido del catione : - Fe 2+ viene da una base debole, Fe(OH) 2, il suo carattere acido e percio significativo - SO 4 viene da una acido forte, il suo carattere basico e trascurabile Reazione del catione come acido verso H 2 O: Fe(H 2 O) H 2 O [Fe(H 2 O) 5 (OH)] + + H 3 O + [Fe(H 2 O) 5 (OH)] + + H 2 O [Fe(H 2 O) 4 (OH) 2 ] + H 3 O + Il catione Fe 2+ si trova in soluzione nella forma idrata Fe(H 2 O) Le reazioni avvengono tra le molecole di H 2 O legate al metallo piu acide) e quelle libere in soluzione PRODOTTO DI SOLUBILITA N.B. Un solido si scioglie in un liquido sino a raggiungere una concentrazione massima detta di saturazione. Questa concentrazione limite e la conseguenza di un equilibrio dinamico fra il solido presente come corpo di fondo e le sue particelle costitutive (ioni, molecole) in soluzione. La costante di questo equilibrio e convenzionalmente detta prodotto di solubilità, simbolo K ps Esempio per la soluzione in acqua del solfato di Ba BaSO 4(s) Ba 2+ (aq)+ SO 4 (aq) K ps = [Ba 2+ (aq)][so 4 (aq) ] = 1.0x10-10 Dato il prodotto di solubilita K ps = 1.x10-10,calcolare la solubilita in acqua del solfato di Ba espressa in g/l. Dalla stechiometria della dissociazione si ha: [Ba 2+ (aq)] = [SO 4 (aq) ] sostituendo si ha: K ps = [Ba 2+ (aq)] 2 = 1x10-10, [Ba 2+ (aq)]= 10-5 M dalla stechiometria : [Ba 2+ (aq)] = C BaSO4 = 10-5 M P.F ( BaSO 4 ) = ; mole = g/mole Solubilita di BaSO 4 = x 10-5 = g/l Il prodotto di solubilita di CaF 2 e Kps = 3.4x10-11 : calcolare la solubilita di questo sale espressa in g/l Equilibrio di solubilita : CaF 2 Ca 2+ (aq) + 2 F - (aq) K ps = [Ca 2+ (aq)][f - (aq)] 2 = 3.4x10-11 dalla stechiometria: [F - (aq)] = 2[Ca 2+ (aq)]; K ps = [Ca 2+ (aq)] x (2[Ca 2+ (aq)]) 2 = 3.4x10-11 [Ca 2+ (aq)] = ( 3.4x10-11 /4) 1/3 = 2.04x10-4 M P.F ( CaF 2 ) = 78; mole = 78 g/mole Solubilita di CaF 2 = 78 x 2.04x10-4 = 1.59x10-2 (g/l) Prodotto di solubilita Un solido si scioglie in un liquido sino a raggiungere una concentrazione massima detta di saturazione. Questa concentrazione limite e la conseguenza di un equilibrio dinamico fra il solido presente come corpo di fondo e le sue particelle costitutive ( ioni, molecole) in soluzione. La costante di questo equilibrio e convenzionalmente detta prodotto di solubilità, simbolo K ps Esempio per la soluzione in acqua del solfato di Ba BaSO 4(s) Ba 2+ (aq)+ SO 4 (aq) K ps = [Ba 2+ (aq)][so 4 (aq) ] = 1.0x10-10

7 7 Dato il prodotto di solubilita K ps = 1.x10-10,calcolare la solubilita in acqua del solfato di Ba espressa in g/l. Dalla stechiometria della dissociazione si ha: [Ba 2+ (aq)] = [SO 4 (aq) ] sostituendo si ha: K ps = [Ba 2+ (aq)] 2 = 1x10-10, [Ba 2+ (aq)]= 10-5 M dalla stechiometria : [Ba 2+ (aq)] = C BaSO4 = 10-5 M P.F ( BaSO 4 ) = ; mole = g/mole Solubilita di BaSO 4 = x 10-5 = g/l Calcolare la solubilita di BaSO 4 in una soluzione acquosa contenente 0.05 moli/l di Na 2 SO 4 Na 2 SO 4 2 Na + + SO 4, percio 0.05 moli/l di Na 2 SO 4 = 0.05 moli/l di SO 4 Dalla relazione K ps = [Ba 2+ (aq)][so 4 (aq) ] = 1.0x10-10 con [SO 4 (aq) ] = 0.05 M si ottiene: [Ba 2+ (aq)] = 1.0x10-10 / 0.05 = 2.0x10-9 M ; solubilita di BaSO 4 = 2.0x10-9 x233.3= 4.66x10-7 M Problema 3 Il prodotto di solubilita di CaF 2 e Kps = 3.4x10-11 : calcolare la solubilita di questo sale espressa in g/l Equilibrio di solubilita : CaF 2 Ca 2+ (aq) + 2 F - (aq) K ps = [Ca 2+ (aq)][f - (aq)] 2 = 3.4x10-11 dalla stechiometria: [F - (aq)] = 2[Ca 2+ (aq)]; K ps = [Ca 2+ (aq)] x (2[Ca 2+ (aq)]) 2 = 3.4x10-11 [Ca 2+ (aq)] = ( 3.4x10-11 /4) 1/3 = 2.04x10-4 M P.F ( CaF 2 ) = 78; mole = 78 g/mole Solubilita di CaF 2 = 78 x 2.04x10-4 = 1.59x10-2 (g/l)

8 8 EQUILIBRI DI FASE Calcoli numerici con l equazione di Clapeyron sugli equilibri liquido-vapore e solido-vapore. la pressione di vapore di un liquido e pari a 1.5 atm a 100 C e 2.5 atm a 200 C: calcolare l entalpia di evaporazione ΔH ev P 1 = 1.15 atm, T 1 = K; P 2 = 2.5 atm, T 2 = K P Equazione di Clapeyron: ln P Risolvendo rispetto a ΔH v : 1 ΔH = R 1 T1 T2 ΔH v = (J) 2 v 1 R = (jxmole -1 K -1 ) L acqua bolle a 100 C alla pressione di una atmosfera e ha un entalpia di evaporazione ΔH ev pari a 10.5 kcal/mole: calcolare la pressione di vapore a 150 C P 1 =1 atm, T 1 = K; P 2 =?, T 2 = K R = cal x mole -1 x K -1 Risolvendo l equazione di Clapeyron rispetto a P2 : P 2 = 5.33 atm

9 9 TERMODINAMICA Definizioni U, energia interna del sistema H = U + PV, entalpia del sistema S = entropia del sistema G = H-TS, energia libera del sistema ΔU variazione di energia interna associata alla reazione, passaggio di stato, etc ΔH, variazione di entalpia associata alla reazione, passaggio di stato, etc A pressione costante, ΔH = ΔU + PΔV PΔV = lavoro meccanico di espansione o compressione dei gas a P costante ΔH = Q p, calore di reazione a P costante ( solo lavoro PV) ΔH<0, reazione esotermica, avviene con sviluppo di calore; ΔH>0, reazione endotermica, avviene con assorbimento di calore ΔH,entalpia standard di reazione: i reagenti e i prodotti sono nello stato standard. Per ogni sostanza lo stato standard e, di norma, lo stato fisico stabile a T = 25 e P = 1 atm (si assume comportamento ideale per i gas). Per ioni e molecole in soluzione, lo stato standard e riferito alle soluzioni ideali con concentrazioni molari unitarie ΔH f, entalpia di formazione standard di un composto: e l entalpia della reazione di formazione di una mole di composto a partire dagli elementi nello stato standard. Per esempio, i ΔH f di CH 4, CO 2, H 2 O sono associati alle reazioni: C (s) + 2 H 2 (g) CH 4(g), ΔH f (CH 4 ) = kcal/mole C (s) + O 2 (g) CO 2(g), ΔH f (CO 2 ) = kcal/mole H 2(g) + ½ O 2 (g) H 2 O (l), ΔH f (H 2 O) = kcal/mole Per le reazioni in soluzione, i ΔH f degli ioni si calcolano dalle ossidoriduzioni ottenute accoppiando le semireazioni di ossidazione dagli elementi con la semireazione di riduzione dello ione idronio H + (aq) Esempio: per lo ione Zn 2+ (aq) : Zn (s) + 2H + (aq) Zn 2+ (aq) + H 2(g) ΔH f (Zn 2+ (aq)) = kj/mole per lo ione Cu 2+ (aq) Cu (s) + 2H + (aq) Cu 2+ (aq)+ H 2(g) ΔH f ( Cu 2+ (aq)) = 64.4 kj/mole Per definizione le sostanze elementari hanno ΔH f = 0; inoltre, per le reazioni in soluzione, ΔH f (H + ) = 0. I ΔH f si determinano sperimentalmente e sono disponibili in apposite banche dati. I ΔH delle reazioni si calcolano dalla differenza tra i ΔH f dei prodotti e i ΔH f dei reagenti. ΔH = p i= 1 R ΔH fi ΔH j= 1 fj i,j indici per prodotti e reagenti rispettivamente ENTROPIA S ΔS = Q rev /T; S = k lnw k = R/N av (costante di Boltzmann); W = probabilita di stato; l entropia e una misura del grado di disordine del sistema: aumenta nei passaggi di stato solido liquido vapore, nell espansione di un gas, all aumentare del numero di moli in una reazione. ΔS di una reazione = differenza tra l entropia totale dei prodotti e l entropia totale dei reagenti nello stato standard: ΔS = p i= 1 R S fi S j= 1 fj I valori di S sono determinati sperimentalmente e disponibili in apposite banche dati. I valori assoluti della funzione termodinamica sono in questo caso attingibili per effetto del 3 principio di termodinamica che pone = zero l entropia di un solido nello stato cristallino perfetto a 0 K ENERGIA LIBERA. G Definizione G = H- TS

10 10 Per le reazioni e processi in genere: ΔG = ΔH -TΔS ΔG corrisponde al lavoro utile massimo ottenibile in un processo reversibile Isoterma di reazione: ΔG = ΔG + RT lnq ΔG e la variazione istantanea dell energia libera rapportata al procedere della reazione (e in sostanza la derivata dell energia libera rispetto alla coordinata di reazione); Q = quoziente di reazione; il quoziente di reazione ha la stessa forma della costante di equilibrio ma, a differenza di questa, e variabile, cresce con il procedere della reazione e coincide con K solo all equilibrio. All equilibrio il sistema si trova al minimo di energia libera e pertanto ΔG = 0 sostituendo ΔG = 0 e Q = K nell isoterma : ΔG = - RT ln K ; K = exp(-δg /RT) ΔG e pertanto la funzione termodinamica dalla quale si calcola la costante di equilibrio che a sua volta si impiega per il calcolo delle rese dei prodotti Esempio di isoterma di reazione: per la reazione N 2(g) + 3H 2(g) 2 NH 3(g) ΔG = ΔG + RT ln [P 2 NH3/( P N2 x P 3 H2 )]; all equilibrio, ΔG = - RT lnk p K p = [P 2 NH3/( P N2 x P 3 H2 )] Criterio di spontaneita delle reazioni: la reazione e spontanea se ΔG < 0. La reazione procede spontaneamente nella direzione in cui si ha diminuzione dell energia libera del sistema; pertanto la derivata dell energia libera rispetto alla coordinata di reazione (ovvero ΔG) e negativa. Poiche ΔG = ΔH-TΔS, la spontaneita della reazione sara determinata dal segno e dal modulo del termine entalpico (ΔH) e del termine antropico (TΔS) Effetto della temperatura sulla costante di equilibrio: Equazione di vant Hoff ΔH ΔS ln K = + RT R Si considerano approssimativamente costanti ΔH e ΔS La temperatura alla quale K = 1 si ottiene dalla relazione:t K=1 = ΔH /ΔS Data la reazione di combustione: CH 4(g) + 2 O 2(g) CO 2(g) + 2 H 2 O (l), usando i dati dei ΔH f sopra riportati, calcolare il calore sviluppato a P costante dalla reazione di 1.5 m 3 di CH 4 (volume misurato a P = 200 atm e T = 25 C ) Calcolo del ΔH ΔH = 2xΔH f (H 2 O) +ΔH f (CO 2 ) - ΔH f (CH 4 ) = 2(-68.3) + (-94.05) - (-17.89) = La combustione di 1 mole di CH 4 sviluppa kcal Calcolo del numero di moli di metano nel volume dato: n = PV/RT, P= 200 atm, T = K, R = L atm mole -1 K -1, V = 1.5x10 3 L, n= moli Q p = n x ΔH = x = 2.61x10 6 kcal Data la reazione endotermica di reforming del metano usata per produrre idrogeno: CH 4(g) + H 2 O (g) CO (g) + 3 H 2(g), quanto calore assorbe la reazione per produrre 10 m 3 di H 2 (misurati a P = 1tm e T = 25 ) Dati: ΔH f (CH 4 ) = kcal/mole; ΔH f (H 2 O (g) ) = kcal/mole; ΔH f (CO) = kcal/mole N.B. il ΔH f (H 2 O (g) ) e < ΔH f (H 2 O (l) ); la differenza corrisponde al calore molare di evaporazione H 2 O (l) H 2 O (g) ΔH evap = 10.5 kcal/mole Calcolo del ΔH : ΔH = ΔH f (CO) -ΔH f ( H 2 O) -ΔH f (CH 4 ) = ( ) (-57.8) = kcal Occorrono kcal per produrre 3 moli di H 2

11 11 Calcolo delle m oli di H 2 nel volume dato: n = PV/RT, P= 1 atm, T = K, R = L atm mole -1 K -1, V = 1.0x10 4 L, n = moli Qp = x = kcal Problema 3 Data la reazione C (s) +H 2 O( g ) CO (g ) + H 2(g) -Calcolare ΔH, ΔS, ΔG e la K p a 298 K, la T alla quale K p = 10 -Date le condizioni iniziali: moli di C = 1; moli di H 2 O = 1, P = 1 atm, calcolare la resa di formazione di H 2 rispetto a H 2 O ( si assuma K p = 1) Dalla tabella: ΔH f (kj/mole S (kj/mole/k) C (s) H 2 O (g) CO (g) H 2(g) ΔH = ΔH f (CO) -ΔH f (H 2 O (g) ) = ( ) = (kj) ΔS = S (CO) +S (H 2 ) S (H 2 O (g) ) S (C) = (kj/k) ΔG = ΔH -TΔS = ( kj) LnK p = -ΔG /RT = /(8.314x10-3 x298)= Kp = 9.63x10-17 Kp = 1 per T = ΔH /ΔS = 131.3/0.134 = K ( C) Calcolo della resa: Reagenti e prodotti Inizio reazione All equilibrio C (s) 1 mole 1-y moli H 2 O (g) 1 mole 1-y moli CO (g) 0 Y moli H 2(g) 0 Y moli Moli totali 1+ y NB si considerano solo I prodotti e reagenti gassosi Si calcolano le frazioni molari e le pressioni parziali (legge di Dalton): X H2O = (1-y)/(1+y); X CO = y/(1+y); X (H2) = y/(1+y) P H2O = (1-y)/(1+y)P ; P CO = y/(1+y)p ; P H2 = y/(1+y)p Sotituendo nell equazione della K p : K p = (y 2 )P 2 /[(1+y)(1-y)P] Risolvendo rispetto a y: y = ± [(K p /(P+K p )] 1/2 Ponendo K p = 1 e P = 10 atm, y = ±0.301 Si scarta la soluzione negativa ( non ha significato fisico): y = Resa percentuale rispetto al reagente H 2 O : R = (moli reagite/moli iniziali)x100 = 30.1 % N.B con P = 1 atm, R = 70.7% l aumento della pressione sfavorisce la reazione perche Δn >1 Problema 4 Data la reazione Cu 2+ (aq) + Zn (s) Cu (s) + Zn 2+ (aq) Calcolare ΔH, ΔS, ΔG e Kc a 25 C ΔH f (kj/mole) S ( kj mole -1 K -1 Cu 2+ (aq) Zn 2+ (aq) Zn (s) Cu (s)

12 12 ΔH = ΔH f (Zn 2+ (aq)) - ΔH f (Cu 2+ (aq)) = kj ΔS = S (Zn 2+ (aq)) + S ( Zn (s) ) - S (Cu 2+ (aq))-s ( Cu (s) ) = -1.4x10-2 kj K -1 ΔG = ΔH -TΔS = ( x 1.4x10-2 ) = kj K c = exp(-δg /RT) = exp( -( /(298x ))) = 1.94x

13 13 ELETTROCHIMICA Reazioni di ossidoriduzione, semireazioni, calcolo dei potenziali standard; calcolo dei potenziali in condizioni non standard (applicazione dell equazione di Nernst). Data un ossidoriduzione, le semireazioni di ossidazione e di riduzione si possono trovare con i relativi potenziali nella tabella dei potenziali elettrochimici standard. In questa tabella tutte le semireazioni sono orientate per convenzione nel senso della riduzione; di conseguenza per la semireazione di ossidazione il segno del potenziale deve essere invertito Data la reazione non bilanciata MnO H + + Fe 2+ Mn 2+ + Fe 3+ + H 2 O Bilanciarla con le semireazioni, calcolarne il potenziale standard E, il potenziale a ph = 2.5 ( si assumano = 1 M le concentrazioni delle altre specie ioniche) e la cotante di equilibrio della reazione Nella tabella si trova: MnO H e - Mn H 2 O E = 1.49 V Fe 3+ + e - Fe 2+ E = 0.77 V Dal confronto con la reazione completa si vede che la seconda semireazione deve essere invertita (orientata nel senso dell ossidazione). Inoltre deve essere moltiplicata per 5 allo scopo di bilanciare gli elettroni. Sommando infine membro a membro le due semireazioni (come se fossero equazioni algebriche) si ottieniene la reazione completa bilanciata insieme al suo potenziale standard: MnO H e - Mn H 2 O E = 1.49 V 5 Fe e - 5 Fe 3+ E = V Reazione bilanciata MnO H + + 5Fe 2+ Mn Fe H 2 O E = ( ) = 0.72 V N.B. la moltiplicazione x5 della semireazione di ossidazione non modifica il valore del suo potenziale. Infatti E e una proprieta intensiva che dipende dalla concentrazione e non dal n di moli delle specie attive nelle semireazioni Calcolo del potenziale a ph 2.5: si usa l equazione di Nernst: 8.314x298 E = 0.72 ln 5x a PH=2.5, [H + ] = 10 -ph = 3.16x [ Fe ] [ Mn ] [ MnO ][ H ] [ Fe ] 5 E = ln E = = V NB nelle condizioni standard, [H + ] = 1M ( soluzione ideale) e ph = 0. Pertanto il risultato dimostra che l aumento del ph sfavorisce la reazione. Corrosione dei metalli La corrosione dei metalli e sostanzialmente un ossidazione che avviene in presenza di O 2 e H 2 O. Si puo rappresentare con due tipi di reazioni ( riferite al Fe a titolo di esempio): Fe + ½ O 2 +2 H + =Fe 2+ + H 2 O Fe + ½ O 2 +H 2 O =Fe 2+ + OH - Le condizioni standard sono (soluzioni e gas ideali): per la prima reazione: [H + ] =1 M ( ph = 0.), [Fe 2+ ]=1 M,,P O2 = 1atm per la seconda reazione: [OH - ] =1 M ( ph = 14.), [Fe 2+ ]=1 M,,P O2 = 1atm La tendenza del metallo alla corrosione cresce con il potenziale di queste reazioni - Scrivere le reazioni di corrosione del Fe e del Cu in ambiente acido, calcolare i potenziali standard, confrontare le relative tendenze alla ossidazione. Fe + ½ O 2 +2 H + =Fe 2+ + H 2 O Dall tabella: Semireazione di riduzione :½ O 2 + 2H e - = H 2 O, E = 1.23 V;

14 14 Semireazione di ossidazione : Fe = Fe e -, E = 0.41 V Potenziale standard reazione E = = 1.64 V Cu + ½ O 2 +2 H + = Cu 2+ + H 2 O Semireazione di riduzione :½ O 2 + 2H e - = H 2 O, E = 1.23 V; Semireazione di ossidazione : Cu = Cu e -, E = V Potenziale standard reazione E = ( -0.34) = 0.89 V La tendenza ad ossidarsi cresce con il potenziale della reazione, quindi il Fe si ossida piu facilmente. Applicando l equazione di Nernst, calcolare il potenziale della reazione di corrosione del Fe a ph= 7 e a P O2 = 0.25 atm. Si considerino = 1M le concentrazioni delle altre specie. Inoltre si commenti l effetto del ph Fe + ½ O 2 +2 H + Fe 2+ + H 2 O Dall tabella: Semireazione di riduzione :½ O 2 + 2H e - = H 2 O, E = 1.23 V; Semireazione di ossidazione : Fe = Fe e -, E = 0.41 V Potenziale standard reazione E = = 1.64 V Equazione di Nernst: 2+ RT [ Fe ] E = 1.64 ln 2 1/ 2 nf + [ H ] xp O 2 Introducendo: R= (J mole -1 K -1 ) ; T = K; n = 2 ; F = C ; [H + ] = 10 -ph = 10-7 M ; P O2 = 0.25 atm E = = 1.22 V La tendenza del metallo alla corrosione diminuisce con l aumentare del ph Corrosione e protezione galvanica, passivazione Passivazione. Metalli con elevato potenziale di ossidazione e quindi elevata tendenza alla corrosione sono in relta resistenti perche si passivano. La passivazione e conseguenza della formazione di uno strato sottile trasparente di ossido, molto compatto e aderente alla superficie del metallo, che impedisce la diffusione dell ossigeno. Cr, Zn, Al, sono esempi di metalli resistenti alla corrosione grazie alla passivazione Coppie galvaniche Nel contatto tra due metalli diversi si crea una coppia galvanica (pila in cortocircuito) che favorisce la corrosione del metallo avente il potenziale di ossidazione maggiore (potenziale di riduzione minore). Per esempio, nella coppia Fe/Cu, il Cu favorisce la corrosione (ossidazione) del Fe: Fe =Fe e - E = 0.44 V Cu e - = Cu E = 0.34 V Fe + Cu 2+ =Fe 2+ + Cu E = = 0.77 V Protezione galvanica Si puo realizzare una protezione galvanica contro la corrosione stabilendo il contatto elettrico tra la struttura metallica da proteggere e un altro metallo che abbia un potenziale di ossidazione maggiore. Esempio. Una struttura in Fe puo essere protetta creando una coppia galvanica con Mg Mg = Mg e - E = 2.37 V Fe e - = Fe E = V Mg + Fe 2+ = Mg 2+ + Fe E = V Problema 3 Indicare quali tra i metalli di seguito elencati non sono adatti a proteggere dalla corrosione una struttura in ferro con il meccanismo della coppia galvanica e spiegare il perche : Zn, Sn, Cu, Cr, Hg, Pb, Mn, Ni

15 15 Dalla tabella: Fe = Fe e - E = 0.44 V Inoltre: Zn = Zn e - E = 0.76 V Sn = Sn e - E = V Cr = Cr e - E = 0.74 V Cu = Cu e - E = V Hg = Hg e - E = V Pb = Pb e - E = 0.13 V Mn = Mn e - E = 1.18 V Ni = Ni e - E = 0.25 V I metalli che hanno potenziali di ossidazione E < 0.44 V, nella coppia galvanica con il Fe favoriscono la sua ossidazione (corrosione). Pertanto Sn, Cu, Pb,, Ni non sono adatti a proteggere il Fe. Tuttavia alcuni di questi metalli, per effetto della loro minore tendenza ad ossidarsi, possono esercitare un effetto protettivo formando uno strato che ricopra omogeneamente la superficie del Fe; sono esempi la banda stagnata (o latta) e le strutture in Fe annegate nel Pb ( tecnica usata dai Romani). Pile e accumulatori Possono essere oggetto di domanda nella prova in itinere l accumulatore al Pb, le pile al Li/MnO 2 e la cella a combustibile H 2 /O 2 (si veda il libro di testo, Silvestroni)

Problema 4 Disegnare la cella elementare del C(diamante) e calcolarne lo spigolo in cm. Dato: densita del C(diamante) = 3.51g/cm 3

Problema 4 Disegnare la cella elementare del C(diamante) e calcolarne lo spigolo in cm. Dato: densita del C(diamante) = 3.51g/cm 3 1 CHIMICA Programma ed esercizi di riferimento per la II prova in itinere Anno 2008-2009 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari.

Chimica generale. Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. Chimica generale Corsi di laurea in - Tecnologie alimentari per la ristorazione - Viticoltura ed enologia - Tecnologie agroalimentari. PARTE 5-2 1 ACIDI E BASI 2 1-Definizioni di acido e di base 1-1 Teoria

Dettagli

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra)

Elettrolita forte = specie chimica che in soluzione si dissocia completamente (l equilibrio di dissociazione è completamente spostato verso destra) A.A. 2005/2006 Laurea triennale in Chimica Esercitazioni di stechiometria - Corso di Chimica Generale ed inorganica C ARGOMENTO 6: Equilibri in soluzione: equilibri acido/base, idrolisi e tamponi (6 h)

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H +

Teoria di Arrhenius. Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + Teoria di Arrhenius Vengono definiti acidi quei composti che, in soluzione acquosa, sono in grado di dissociarsi liberando ioni H + H-Cl H + + Cl - Vengono definiti basi quei composti che, in soluzione

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO

IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO IL ph E I RELATIVI CALCOLI: UN APPROCCIO DIDATTICO G. Giacomo Guilizzoni Rivista: «Didattica delle Scienze» 4/1995 Gli insegnanti di chimica, durante l esposizione dei concetti fondamentali di acidità

Dettagli

SOLUZIONI COMPITO DI CHIMICA DEL 07-10-09

SOLUZIONI COMPITO DI CHIMICA DEL 07-10-09 SOLUZIONI COMPITO DI CHIMICA DEL 07-10-09 1A) 500 ml di una soluzione contengono 6,8 g di KMnO 4. L aggiunta di 20 ml di tale soluzione a 10 ml di una soluzione di SnCl 2 fa avvenire la seguente reazione

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile Elettrochimica L elettrochimica studia l impiego di energia elettrica per promuovere reazioni non spontanee e l impiego di reazioni spontanee per produrre energia elettrica, entrambi i processi coinvolgono

Dettagli

... corso di chimica elettrochimica 1

... corso di chimica elettrochimica 1 ... corso di chimica elettrochimica 1 CONTENUTI reazioni elettrochimiche pile e celle elettrolitiche potenziale d elettrodo e forza elettromotrice equazione di Nernst elettrolisi leggi di Faraday batterie

Dettagli

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2).

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2). Leggi dei Gas Esercizio 3.1. a) Bilanciare in forma ionica (1) e in forma molecolare (2) la seguente reazione in soluzione acquosa: permanganato di potassio + perossido d idrogeno biossido di manganese

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

Equilibri di precipitazione

Equilibri di precipitazione Equilibri di precipitazione Molte sostanze solide sono caratterizzate da una scarsa solubilità in acqua (ad es. tutti i carbonati e gli idrossidi degli elementi del II gruppo) AgCl (a differenza di NaCl)

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione (redox)

Le reazioni di ossidoriduzione (redox) Le reazioni di ossidoriduzione (redox) Reazioni nelle quali si ha variazione del numero di ossidazione ( n. o. ) di ioni o atomi. La specie chimica che si ossida(funge da riducente) cede elettroni ed aumenta

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Conoscere gli acidi e le basi

Conoscere gli acidi e le basi Conoscere gli acidi e le basi 1 1) Determinazione dell acidità totale del latte 2) Determinazione dell acidità totale del vino INTRODUZIONE: Gli acidi sono sostanze che possiedono alcune proprietà chimiche

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

Un acido è una sostanza che sciolta in acqua produce ioni idrogeno. Le soluzioni acquose sia acide che basiche conducono elettricità

Un acido è una sostanza che sciolta in acqua produce ioni idrogeno. Le soluzioni acquose sia acide che basiche conducono elettricità ACIDI E BASI DEFINIZIONI Il nome acido viene dal latino acidum che significa aspro, pungente. Il nome alcali viene dall arabo al-qalì che sta ad indicare la potassa contenuta nella cenere di legna, le

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

Cu 2+ ) + Zn(s) potere ossidante. potere ossidante. Cu 2+ Cu. Zn 2+ Consideriamo le due reazioni di ossido-riduzione:

Cu 2+ ) + Zn(s) potere ossidante. potere ossidante. Cu 2+ Cu. Zn 2+ Consideriamo le due reazioni di ossido-riduzione: Elettrochimica Consideriamo le due reazioni di ossido-riduzione: Cu(s) ) + Zn 2+ 2+ (aq aq) Cu Cu 2+ 2+ (aq) + ) + Zn(s) Cu 2+ 2+ (aq) + ) + Zn(s) Cu(s) ) + Zn 2+ 2+ (aq) Cu Zn Zn 2+ Cu 2+ Cu potere ossidante

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY

DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY DEFINIZIONE ACIDO/BASE SECONDO BRONSTED-LOWRY Una reazione acido/base coinvolge un trasferimento di protone: l'acido è il donatore di protone e la base è l'accettore del protone. Questa definizione spiega

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M

= 9,3 10-5 M = 1,05 10-5 M - Calcolare la solubilità molare di CaCO 3 ( = 8,7 10-9 ). La reazione di solubilizzazione di CaCO 3 (carbonato di calcio) è: CaCO 3 (s) Ca 2+ + CO 3 L espressione della sarà quindi: = [Ca 2+ ] [CO 3 ]

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Naturali. Esame scritto di Chimica Generale ed Inorganica - 07 Febbraio 2013

Corso di Laurea in Scienze Naturali. Esame scritto di Chimica Generale ed Inorganica - 07 Febbraio 2013 Corso di Laurea in Scienze Naturali Esame scritto di Chimica Generale ed Inorganica - 07 Febbraio 2013 Prof. Luigi Bencivenni, Prof. Anna Rita Campanelli 1) Il principio attivo dell aspirina comune è l

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 18. Le reazioni redox e l elettrochimica

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 18. Le reazioni redox e l elettrochimica CAPITOLO 18 Le reazioni redox e l elettrochimica 18.1 Seguiamo i passaggi descritti in dettaglio nella Sezione 18.1 del testo. (a) sono: Il problema è dato in forma ionica, così combinando lo step 1 co

Dettagli

Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 Chimica generale e Inorganica

Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 Chimica generale e Inorganica Corso di Laurea in Biotecnologie 02/02/2011 1) La calce viva, CaO, viene preparata secondo la seguente reazione tra solfuro di calcio e solfato di calcio: CaS (l) + CaSO 4 (s) CaO (s) + SO 2 (g) a) Bilanciare

Dettagli

ACIDI E BASI: Teoria di Arrhenius (fine 1800) Acido: sostanza che contiene idrogeno e che in soluzione acquosa libera ioni H +

ACIDI E BASI: Teoria di Arrhenius (fine 1800) Acido: sostanza che contiene idrogeno e che in soluzione acquosa libera ioni H + ACIDI E BASI: Teoria di Arrhenius (fine 1800) Acido: sostanza che contiene idrogeno e che in soluzione acquosa libera ioni H + HCl H + + Cl - H 2 SO 4 2 H + + SO 4 2- acido cloridrico acido solforico Base:

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido.

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido. STTO LIQUIDO Una sostanza liquida è formata da particelle in continuo movimento casuale, come in un gas, tuttavia le particelle restano a contatto le une alle altre e risentono sempre delle notevoli forze

Dettagli

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12

COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 COMPITO A DI CHIMICA DEL 13-02-12 1A) Un campione impuro di bromito di potassio, del peso di 2,19 g, viene trattato in eccesso di acido solforico con del bicromato di potassio, ottenendo bromato di potassio

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

Equilibri di Solubilità

Equilibri di Solubilità Equilibri di Solubilità Esercizio 6.1. Calcolare la solubilità in g L 1 dell idrossido di magnesio (a) in acqua pura e (b) in una soluzione acquosa di idrossido di potassio 0.10 M. (Kps = 1.2. 10 11 ;

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 4: Proprietà dei sistemi in equilibrio chimico: Il principio di Le Châtelier Quando si lavora in laboratorio spesso si osservano dei fenomeni che sono

Dettagli

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione 1 Le ossidoriduzioni Obiettivo In questo capitolo svilupperemo i concetti fondamentali delle reazioni di ossido-riduzione. Si tratta di conoscenze fondamentali sia per la vita comune, sia, per molti di

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Molti prodotti di uso comune contengono ACIDI e BASI. I detergenti da bagno contengono sia HCl che NaOH; la maggior parte dei detergenti per il vetro

Molti prodotti di uso comune contengono ACIDI e BASI. I detergenti da bagno contengono sia HCl che NaOH; la maggior parte dei detergenti per il vetro Molti prodotti di uso comune contengono ACIDI e BASI. I detergenti da bagno contengono sia HCl che NaOH; la maggior parte dei detergenti per il vetro contiene Ammoniaca acquosa. Molti medicinali sono ACIDI

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo 1 Obiettivo Capire che cosa è il ph, apprendere le leggi fondamentali che lo controllano e capire qualitativamente le applicazioni delle soluzioni tampone. Prerequisiti Il concetto di equilibrio (che comunque

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle I GAS Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas GAS IDEALI P V n T R n = 1 Isoterma: pv = cost Isobara: V/T = cost. Isocora: P/t = cost. n, T= cost Legge di Boyle n, P = cost Legge di

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA UNITÀ SI Il sistema di misura standard, adottato su scala mondiale, è conosciuto come Système International d Unités. Le unità fondamentali da cui derivano tutte le

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

Ionizzazione spontanea dell acqua: autoprotolisi o autoionizzazione dell acqua. [ H ] 2

Ionizzazione spontanea dell acqua: autoprotolisi o autoionizzazione dell acqua. [ H ] 2 Equilibri ionici in soluzione acquosa L acqua, anche se purissima, rivela una conducibilità elettrica piccola ma misurabile che indica la presenza di ioni. Una ridotta frazione di molecole di acqua è dissociata

Dettagli

ESERCIZI STECHIOMETRICI

ESERCIZI STECHIOMETRICI ESERCIZI STECHIOMETRICI (con risultato) Differenze di qualche unità sull ultima cifra del risultato potrebbero essere dovute a una diversa approssimazione dei calcoli NB: Qualsiasi problema relativo alla

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2

Quesiti e problemi. 6 Individua l acido e la base di Lewis nelle seguenti. b) Fe 3+ (aq) 2H 2 O (l) Fe(OH) 2 SUL LIBRO DA PAG 354 A PAG 358 Capitolo 217 Le Acidi trasformazioni e basi si scambiano fisiche della protoni materia Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le teorie sugli acidi e sulle basi 1 Spiega perché lo

Dettagli

Giochi della Chimica 2011 Fase nazionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2011 Fase nazionale Classi A e B Giochi della Chimica 2011 Fase nazionale Classi A e B 1. Una soluzione acquosa di NaCl (500 ml) contiene 5,85 g di sale. Indicare la sua molarità. A) 1,00 M B) 2,00 10 1 M C) 5,00 10 2 M D) 2,00 10 2 M

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Acidi e Basi. Capitolo 15

Acidi e Basi. Capitolo 15 Acidi e Basi Capitolo 15 Acidi Hanno un sapore agro. L aceto deve il suo sapore all acido acetico Gli agrumi contengono acido citrico. Provocano il cambio di colore nei coloranti vegetali. Reagiscono con

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

Ionizzazione dell acqua

Ionizzazione dell acqua Acidi e basi L idrogenione Un atomo di idrogeno è costituito da un solo protone e un solo elettrone. Se da un atomo di idrogeno estraiamo l elettrone, abbiamo un protone, che è il catione H + detto idrogenione

Dettagli

EQUILIBRI SIMULTANEI

EQUILIBRI SIMULTANEI EQUILIBRI SIMULTANEI 1. Soluzioni tampone. Per soluzione tampone si intende una soluzione acquosa in grado di mantenere pressoché inalterato il proprio ph, in seguito all'aggiunta di moderate quantità

Dettagli

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 A COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di

Dettagli

Celle a combustibile Fuel cells (FC)

Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Sono dispositivi di conversione elettrochimica ad alto rendimento energetico. Esse trasformano in potenza elettrica l energia chimica contenuta

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085]

) e 200 ml di NaOH 0.1 M. I volumi si considerano additivi.[ph = 4.085] Chimica Analitica Prova scritta del 19 Gennaio 2004 1) 375 ml di soluzione acquosa contengono 21.2 µg di un principio attivo. Esprimere la concentrazione della soluzione in parti per milione (ppm) [0.056

Dettagli

Anno scolastico 2014/2015

Anno scolastico 2014/2015 I."MAJORANA-MARCONI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PER LE SECONDE CLASSI AD INDIRIZZO PROFESSIONALE Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: SCIENZE INTEGRATE/CHIMICA E LABORATORIO DOCENTI: CASTAGNA ADRIANA,

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Provincia di Reggio Calabria Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio - Luglio 2008 I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Ilario De Marco Il sistema internazionale di unità di misura Lo studio di

Dettagli

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa

È importante quindi conoscere le proprietà chimiche dell acqua. Le reazioni acido base sono particolari esempi di equilibrio chimico in fase acquosa Premessa Le nozioni di acido e di base non sono concetti assoluti ma sono relativi al mezzo in cui tale sostanze sono sciolte. L acqua è il solvente per eccellenza, scelto per studiare le caratteristiche

Dettagli

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 1988 Fase regionale Classi A e B 1. Il diagramma indica la variazione dell'energia potenziale di un sistema durante il decorso di una reazione: A + B C + D Quale, fra le seguenti affermazioni,

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli