Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti"

Transcript

1 Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente le informazioni ivi memorizzate. Come tutti gli archivi elettronici, un database è realizzato tramite uno o più file, memorizzati in modo permanente. A differenza degli archivi tradizionali su file di testo o file binari (si veda la dispensa su Archivi e File), un database è un file strutturato in modo tale da consentire l accesso e la gestione dei dati a un particolare software, il Gestore del database, (Data Base Management System, DBMS). ESEMPI DI DBMS DB2 ORACLE MS ACCESS MS SQL SERVER MySQL dbase SQL Anywhere Base creato da Informix, (poi acquisita da IBM), è uno dei DMBS più diffusi sul mercato. insieme al DB2, è la regina del mercato dei DMBS: si tratta di un prodotto altamente professionale e molto costoso, il migliore in termini di robustezza, sicurezza e affidabilità. è il DBMS di Microsoft Office per utenti domestici; possiede una comoda interfaccia grafica per utilizzarlo. versione professionale di Access. è il più diffuso DBMS open source, per via della sua versatilità, facilità d uso ed economicità è il più antico DBMS, poi evoluto in versioni più aggiornate (dbaseii, dbaseiii e dbaseiv) creato da Sybase, una delle maggiori società al mondo produttrici di DBMS. versione open source e gratuita del famoso Access di Office. Si trova nel pacchetto OpenOffice. La prima grande differenza tra la realizzazione di un archivio su file binario in linguaggio C/C++ oppure tramite database sta nel fatto che mentre nel primo caso occorre specificare in un programma cosa cercare e come cercarlo all interno del file (ricordate, le istruzioni fread e fwrite, fseek, ecc.), mentre nel secondo caso basta specificare cosa cercare, e non come: il modo in cui avviene la ricerca è compito del DBMS, che farà questo al posto nostro, a patto che progettiamo opportunamente il database in modo da permettergli le ricerche. L uso di database risulta di grande utilità nella realizzazione di archivi di grandi dimensioni, come ad esempio un sistema informativo aziendale, in cui molti utenti devono accedere a molti dati collegati tra loro in modo complesso: scrivere del codice (in C++ o qualsiasi altro linguaggio di programmazione) per accedere ogni volta a un archivio di questo tipo può risultare estremamente sconveniente. 1

2 Progettazione di un database Per progettare opportunamente una base di dati, occorre innanzitutto realizzare un modello concettuale del database, solitamente in UML, che specifica quali entità sono coinvolte e quali relazioni ci sono tra esse (si veda la dispensa sulla programmazione a oggetti), e successivamente derivare da questo il modello logico, ossia lo schema di come è fatto il database. Il database, come abbiamo già sottolineato nel paragrafo introduttivo, va opportunamente progettato in modo da permettere al DBMS un facile e rapido accesso ai dati, e per garantire inoltre: - non ridondanza dei dati: evitare dati ripetuti inutilmente. - inconsistenza dei dati: evitare di avere dati privi di significato o di perdere dati significativi. - sicurezza: permettere l accesso ai dati solo alle persone autorizzate. Modello concettuale: schema Entity/Relationship (E/R) Come per la programmazione orientata agli oggetti, in questo modello si specificano quali entità devono essere memorizzate, e come le diverse entità sono in relazione tra loro (da questo, il nome di schema E/R). Si può usare un linguaggio grafico come UML per descrivere questo schema. In questo caso, tuttavia, a differenza della OOP, non ha nessun senso parlare di metodi delle entità: ci interessa solo memorizzare informazioni, e non metodi, cioè non cosa un entità sa fare. Per ogni entità, dunque, andremo a definire solo la lista degli attributi che la caratterizzano. Possiamo allora disegnare uno schema E/R usando un linguaggio UML semplificato rispetto a quello utilizzato nella programmazione a oggetti, come nel seguente esempio: Come si può notare dall esempio, non occorre più riportare nello schema E/R i metodi dell entità, né il tipo dei diversi attributi (che andrà successivamente specificato nel modello logico del database). Inoltre, si indicano con un pallino pieno gli attributi obbligatori, mentre si indicano con un pallino vuoto gli attributi opzionali, quelli ai quali è possibile anche non attribuire un valore. Infine, viene sottolineato un attributo (o un insieme di attributi) che costituisce una chiave primaria, la quale permette di distinguere un elemento dall altro in modo univoco. Facciamo un altro esempio: 2

3 insegna N N L entità studente è composta dagli attributi obbligatori matricola, nome, cognome e dall attributo opzionale classe. Ciò significa che quando inseriremo i dati di uno studente, dovremo inserire la sua matricola, il suo nome, il suo cognome, e solo se lo vogliamo anche la classe. Inoltre, l attributo matricola è chiave primaria: significa che ogni studente è distinto dall altro per il fatto che la matricola è diversa. L entità docente, invece, è composta dagli attributi obbligatori id, nome, cognome e dall attributo opzionale materia. La chiave primaria in questo caso è l attributo id (sta per identificativo, che di solito è un codice univoco o un numero progressivo). Tra le due entità c è una associazione generica con molteplicità N a N. Perché lo schema concettuale sia valido, occorre che ogni attributo sia un dato semplice (non composto, come gli array o i record), che può essere una stringa, un intero, un reale, ecc. Modello logico: schema del database Una volta disegnato il modello concettuale, si passa allo schema logico del database: si stabilisce cioè come sono organizzate le informazioni dentro l archivio. Come abbiamo già detto, questo deve essere fatto in modo tale da permettere al DBMS di recuperare facilmente ed efficientemente i dati. Lo schema logico del database dipende dal tipo di database che si vuole realizzare. Esso può essere di diversi tipi: - database gerarchico - database reticolare - database relazionale - database object oriented I database gerarchici hanno un organizzazione ad albero: alcune informazioni dipendono (discendono) da altre informazioni, a formare una sorta di albero genealogico. Per realizzare questo tipo di database occorre memorizzare gli indirizzi delle informazioni figlie nelle informazioni padre in modo da poterle recuperare: servono, quindi, i puntatori. L uso dei puntatori rende piuttosto difficile e macchinosa la gestione di un database di questo tipo. 3

4 I database reticolari sono organizzati con puntatori come quelli gerarchici, solo che il grafo che rappresenta le dipendenze tra le informazioni può essere qualsiasi, non necessariamente un albero (ricordiamo che un albero è un particolare grafo, connesso e aciclico). I database relazionali sono attualmente i più utilizzati in commercio, per la loro semplicità, rapidità ed efficienza nella gestione dei dati. Tutti i DBMS elencati nel paragrafo introduttivo fanno riferimento a database relazionali (per questo motivo prendono il nome di RDBMS). Essendo i più utilizzati, sono quelli che tratteremo in questa dispensa e ne parleremo più in dettaglio tra poco. I database object oriented sono i più recenti e hanno grande utilità in particolari applicazioni come i database spaziali e in alcune aree finanziarie. Non hanno avuto, però, per la complessità di gestione e per la difficoltà del linguaggio usato per reperire informazioni dal database, un grande successo commerciale. Il modello relazionale Un database relazionale è composto da una o più relazioni o tabelle. Matematicamente, una relazione è un sottoinsieme del prodotto cartesiano di due o più insiemi. Si faccia attenzione a non confondere il concetto di relazione nel modello logico di un database, che corrisponde a una tabella, con quello di relazione (che chiameremo d ora in poi associazione, per evitare confusione) nello schema E/R che lega due entità tra loro. ESEMPIO: Siano dati gli insiemi A={1,2,3} e B = {x, y}. Il prodotto cartesiano degli insiemi A e B (si indica AXB) è l insieme formato da tutte le possibili coppie ottenute prendendo un elemento di A e un elemento di B. Qundi, abbiamo AXB = {(1,x), (1, y), (2,x), (2, y), (3,x), (3, y)} Essendo una relazione R un sottoinsieme del prodotto cartesiano, essa sarà formata solo da alcune delle coppie possibili, come ad esempio ESEMPIO: R = {(1, y), (2,x), (2, y)} Siano dati gli insiemi U = {Filippo, Marco, Gianni} e D = {Arianna, Sara, Fernanda} dei tronisti e delle troniste della trasmissione Uomini e Donne. Consideriamo la relazione fidanzarsi con. Essa è composta da alcune delle coppie possibili del prodotto cartesiano UXD (che ricordiamo, è l insieme di tutte le possibili coppie formate da un uomo e una donna). Ad esempio, potremmo avere R = {(Filippo, Sara), (Gianni,Fernanda)} ESEMPIO: Siano dati gli insiemi A = {1, 2, 3}, B = {x, y}, C = {?,!}. Una relazione è un sottoinsieme del prodotto cartesiano AXBXC, cioè formata da alcune delle possibili triple ottenute prendendo un elemento dell insieme A, un elemento dell insieme B e un elemento dell insieme C. Ad esempio, R = {(1, x,?), (1, y,?), (3, y,!)} 4

5 In generale, detti A, B, C, i domini degli attributi a, b, c, di un entità, cioè gli insiemi dei possibili valori che ogni attributo può assumere (A è l insieme dei possibili valori che può assumere l attributo a, B è l insieme dei possibili valori che può assumere l attributo b, ecc.), e supponendo di avere n diversi attributi, una relazione R è un sottoinsieme di tutte le possibili n-ple (si legge ennuple) ottenute prendendo un elemento di A, un elemento di B, un elemento di C, ecc. Appare evidente come una relazione può essere vista come una tabella, in cui ogni riga corrisponde a una n-pla e ogni colonna corrisponde a un diverso attributo. Con riferimento all ultimo esempio, possiamo rappresentare la relazione R come a b c 1 x? 1 y? 3 y! Nel linguaggio dei database relazionali, ogni riga si chiama una tupla (per ricordare che si tratta di triple o quadruple o quintuple o, in generale, n-ple) e ogni colonna si chiama campo, anziché attributo. In una tabella, il numero di righe si chiama cardinalità della relazione, mentre il numero di colonne si chiama grado della relazione. Nelle figure seguenti mostriamo un esempio di tabella (o relazione, visto che sono la stessa cosa) creata con il DBMS Base di OpenOffice: nella Figura 1 osserviamo la struttura della tabella, che ne descrive i campi, ognuno con un proprio tipo di dato; nella Figura 2 mostriamo il contenuto della tabella, ossia l insieme delle tuple che la compongono. Figura 1 Figura 2 Per sinteticità, per descrivere la struttura di una tabella nel modello relazionale si usa spesso la seguente notazione: con riferimento alla tabella studente della figura precedente, si può scrivere dove matricola è la chiave primaria. Studente ( matricola, nome, cognome, età, classe ) 5

6 Regole di derivazione del modello logico dal modello concettuale Per creare un database in modo coerente, cioè tale che il DBMS possa reperire le informazioni che ci interessano con facilità ed efficienza, occorre seguire alcune regole. A partire dallo schema E/R, si applicano le seguenti regole: 1. ogni entità diventa una tabella, con tante colonne (campi) quanti sono gli attributi dell entità, con un eccezione: se c è un associazione 1 a 1 tra due entità, viene realizzata un unica tabella in cui compaiono tutti gli attributi di entrambe le entità. ESEMPIO: diventa ESEMPIO: diventa 2. ogni associazione 1 a 0..1 viene realizzata inserendo una chiave esterna nella tabella dell entità 0..1, che fa riferimento alla chiave primaria dell entità 1 ESEMPIO: diventa 3. ogni associazione 1 a N viene realizzata inserendo una chiave esterna nella tabella dell entità N, che fa riferimento alla chiave primaria dell entità 1 6

7 ESEMPIO: diventa 4. ogni associazione N a N viene realizzata creando una nuova tabella che contiene solo le chiavi primarie delle due entità, più eventuali attributi dell associazione. ESEMPIO: diventa Operatori relazionali e SQL Per interrogare il database, ossia per recuperare le informazioni memorizzate al suo interno, si usa un linguaggio specifico, chiamato SQL (Structured Query Language, linguaggio strutturato di interrogazione). Prima di descrivere come funziona, occorre spiegare che ogni interrogazione in SQL è una combinazione di una o più tra tre operazioni relazionali che è possibile fare sul database: 1. Proiezione: si rappresenta con il simbolo e crea una nuova tabella che contiene solo alcune colonne di una tabella esistente (dunque, ne cambia il grado), nel seguente modo: facendo sempre riferimento alla tabella Studente dell esempio di pagina 5, supponiamo di voler estrarre solo gli attributi nome e cognome: scriveremo nome, cognome (Studente) ottenendo la tabella seguente: 7

8 2. Selezione: si rappresenta con il simbolo e crea una nuova tabella che contiene solo alcune righe di una tabella esistente (dunque, ne cambia la cardinalità), nel seguente modo: facendo ancora riferimento alla tabella Studente di pagina 5, supponiamo di voler cercare gli studenti che hanno più di 18 anni: scriveremo età>18 (Studente) ottenendo la tabella seguente: Come si può vedere, l operazione di selezione richiede di esprimere una condizione, che può essere una qualsiasi espressione booleana con operatori AND, OR e NOT, e operatori matematici di confronto >, >=, <, <=, =,. 3. Congiunzione (join): si rappresenta con il simbolo e crea una nuova tabella ottenuta congiungendo insieme due tabelle su un attributo comune. Ad esempio, date le due tabelle dove è stata posta una chiave esterna sigla_classe nella tabella Studente che fa riferimento all attributo sigla della tabella Classe, per rappresentare l associazione 1 a N tra le due entità, se si effettua un join tra le due tabelle sull attributo comune, cioè l operazione si ottiene la tabella Classe sigla Studente sigla_classe Per essere più chiari, facciamo un altro esempio: siano date le seguenti tabelle R1 e R2, con attributo comune A. 8

9 Facciamo ora l operazione di join tra le due, sull attributo A, cioè R1 A R2 A. Otteniamo la nuova tabella SQL Nel linguaggio SQL, possiamo eseguire le tre operazioni relazionali viste (proiezione, selezione e join) formulando un interrogazione (query, in inglese) nel seguente modo: SELECT campi FROM tabelle WHERE condizioni Nella prima riga si realizza l operazione di proiezione, cioè si scelgono (SELECT) i campi da visualizzare della tabella. Nella seconda riga si specificano le tabelle dalle quali (FROM) prendere i dati necessari alla nostra l interrogazione. Se occorre effettuare uno o più join tra tabelle, si elencano tutte le tabelle separate da virgola. Con la terza riga si realizza l operazione di selezione, cioè, si specificano le condizioni (WHERE) di selezione delle righe della tabella, insieme alle condizioni di join (cioè, che il valore dell attributo comune sul quale effettuare il join deve essere uguale). Facciamo alcuni esempi: - Con riferimento alla tabella studente di pagina 5, vogliamo visualizzare il nome e il cognome degli studenti della 5 A. Scriveremo SELECT nome, cognome FROM Studente WHERE classe = 5A 9

10 - Sempre con riferimento alla tabella studente di pagina 5, vogliamo visualizzare le diverse età degli studenti della 4B. In questo caso, aggiungiamo la parola DISTINCT all operazione SELECT in modo da non visualizzare valori ripetuti. Scriveremo, perciò, SELECT DISTINCT eta FROM Studente WHERE classe = 4B - Facciamo un join: siano date le tabelle Studente e Classe mostrate nell esempio di pagina 8. Vogliamo visualizzare il nome e il cognome degli studenti del secondo piano. Bisogna congiungere insieme le due tabelle, poiché le informazioni nome e cognome di uno studente sono nella tabella Studente, mentre l informazione piano è nella tabella Classe. Scriveremo allora SELECT nome, cognome FROM Studente, Classe WHERE piano = 2 AND sigla=sigla_classe La prima delle due condizioni del WHERE realizza la selezione, scegliendo solo le righe relativi a studenti del secondo piano, mentre la seconda è la condizione per fare la congiunzione tra le due tabelle. In molte implementazioni di SQL, per una maggior chiarezza, si richiede che il nome dei campi sia preceduto dal nome della tabella di cui il campo fa parte, separati da un punto. Ad esempio, nell ultima interrogazione vista, dovremo scrivere SELECT Studente.nome, Studente.cognome FROM Studente, Classe WHERE Classe.piano = 2 AND Classe.sigla=Studente.sigla_classe Oltre alle operazioni viste, SQL mette a disposizione molti altri strumenti per effettuare conteggi (COUNT), somme (SUM), medie (AVG), ecc, oltre alla possibilità di effettuare interrogazioni più complesse come query di risultati di altre query (query annidate tra loro). Al momento, questo approfondimento non rientra negli scopi di questa dispensa. IL DBMS di OpenOffice: Base Come abbiamo già anticipato, Base è un DBMS gratuito fornito con il pacchetto OpenOffice, e come il più famoso Access di Microsoft Office (che però è a pagamento), ha un interfaccia grafica e procedure guidate per la creazione di tabelle, per la realizzazione delle query, per definire delle viste (sono regole di visibilità che definiscono quali utenti possono vedere quali tabelle o porzioni di esse: si pensi a un database aziendale: il reparto produzione non deve necessariamente vedere le tabelle dei dati del reparto amministrazione, e viceversa), preparare formulari e rapporti, e molte altre caratteristiche. 10

11 All avvio, Base presenta la seguente finestra, per scegliere se creare un nuovo database o aprirne uno già esistente: Una volta fatta la scelta, se si tratta di un nuovo database Base ci chiede di registrarlo (serve a poter usufruire di funzioni messe a disposizione da OpenOffice, come la condivisione in rete e il controllo degli accessi) e salvarlo. Si arriva così alla schermata principale: Per creare una nuova tabella, si può usare la procedura guidata o fare click su Crea tabella in vista struttura. Nel secondo caso, si apre la seguente schermata 11

12 che permette di definire i campi della tabella e i loro tipi, di inserirne una descrizione informale, e di assegnare una chiave primaria (basta fare click destro sul campo che deve diventare chiave) alla tabella. ATTENZIONE: Base richiede che ogni tabella abbia una chiave primaria, che può essere costituita da un solo campo! Una volta definita la struttura di una tabella, la si salva e la si ritrova visualizzata nella lista delle tabelle nella schermata principale. Per vedere il contenuto della tabella, o per inserirvi dati, basta fare doppio click su di essa. Per realizzare una query, basta fare click sulla voce Ricerche nella schermata principale, aprendo la seguente schermata A questo punto è possibile definire un interrogazione (o query, o ricerca) in modalità struttura, in modalità SQL, o usando una procedura guidata. ATTENZIONE: l SQL di Base richiede che i nomi delle tabelle e i nomi dei campi siano racchiusi tra doppi apici, e che i valori costanti siano racchiusi tra singoli apici! Ad esempio, la query 12

13 SELECT Studente.nome, Studente.cognome FROM Studente, Classe WHERE Classe.piano = 2 AND Classe.sigla=Studente.sigla_classe si scrive nell SQL di Base nel seguente modo: SELECT Studente. nome, Studente. cognome FROM Studente, Classe WHERE Classe. piano = 2 AND Classe. sigla = Studente. sigla_classe Se si sceglie di definire la query in modalità struttura, invece, si apre la seguente schermata: Innanzitutto, si scelgono le tabelle che si vogliono utilizzare nella query (si noti che è possibile anche scegliere le tabelle ottenute con delle query già memorizzate). Queste verranno poste in alto e sarà possibile collegarle tra loro per effettuare le congiunzioni (basta trascinare uno sull altro l attributo comune), come nel seguente esempio: Ora, bisogna impostare le operazioni di selezione e proiezione: si scelgono i campi nella parte inferiore della schermata, impostando l opzione visibile se devono essere visualizzati (è la proiezione), e impostando eventuali criteri di selezione delle righe. Mostriamolo con un esempio: 13

14 con riferimento alle due tabelle Studente e Classe della figura precedente, realizziamo in questa modalità la query SELECT Studente. nome, Studente. cognome FROM Studente, Classe WHERE Classe. piano = 2 AND Classe. sigla = Studente. sigla_classe dovremo fare come segue: Per esercizio, si aggiunga una tabella Docente (id, nome, cognome, materia) alle due tabelle del precedente esempio, e una tabella Docente-Classe (id, id_docente, id_classe) per realizzare l associazione N a N tra le tabelle Docente e Classe. Dopo aver popolato (inserito dei dati) il database, si esegua la seguente ricerca (o query, o interrogazione): visualizzare il nome e il cognome di tutti gli studenti che seguono Informatica. Si osservi successivamente il codice SQL della ricerca generato dalla modalità struttura di Base (click destro sulla query, poi Modifica in vista SQL). Normalizzazione del database Perché un database sia opportunamente organizzato, esso deve essere progettato in modo da non presentare anomalie, che si verificano spesso quando i dati presenti nel database sono ridondanti (più copie inutili degli stessi dati). Le anomalie che possono verificarsi sono di inserimento, di modifica e di cancellazione. Facciamo un esempio: Supponiamo di avere la seguente tabella, in cui il codice del prodotto è la chiave primaria: 14

15 appare evidente che la tabella non è ben strutturata, in quanto ci sono parecchi dati ripetuti inutilmente. Possono verificarsi, in questo caso, le seguenti situazioni: - Anomalia di inserimento: se abbiamo un nuovo magazzino che non contiene prodotti, non possiamo aggiungerlo al database. - Anomalia di modifica: se cambia l indirizzo di un magazzino, occorre cambiarlo in tutte le tuple dove compare. - Anomalia di cancellazione: se si svuota un magazzino, perdiamo le informazioni sul suo indirizzo. Per risolvere questo problema, si effettua un processo di normalizzazione del database, utilizzando in sequenza (una dopo l altra) tre diverse forme normali: Prima forma normale (1FN): Una tabella si dice in prima forma normale quando rispetta i requisiti del modello relazionale, cioè, ogni attributo è formato da un dato elementare, non ci sono elementi uguali tra loro nella relazione (tuple o righe uguali), non ci sono attributi ripetuti. Seconda forma normale (2FN): Una tabella si dice in seconda forma normale se è in 1FN e non ci sono attributi che dipendono parzialmente dalla chiave primaria; è il caso in cui la chiave primaria è formata da più di un attributo, e c è un terzo attributo che dipende solo da una parte della chiave. ESEMPIO: Supponiamo che nella tabella della figura precedente la chiave primaria sia composta dalla coppia di attributi prodotto, magazzino, cioè che la nostra tabella sia la seguente Inventario (prodotto, magazzino, quantità, indirizzo) Chiaramente, l attributo indirizzo dipende solo dall attributo magazzino, che è parte della chiave. Si può risolvere questa situazione realizzando due tabelle nel seguente modo: Inventario (prodotto, quantità, id_magazzino) Magazzino (id, indirizzo) Terza forma normale (2FN): Una tabella si dice in terza forma normale se è in 2FN e non ci sono dipendenze transitive, cioè attributi che dipendono indirettamente dalla chiave, ma da altri attributi non chiave. E l esempio della tabella in figura: Inventario (prodotto, magazzino, quantità, indirizzo) L attributo non chiave indirizzo (del magazzino) dipende dall attributo non chiave magazzino, il quale dipende dall attributo prodotto, che è chiave. Per risolvere questa situazione, si può procedere come nel caso della 2FN, creando due tabelle Inventario (prodotto, quantità, id_magazzino) Magazzino (id, indirizzo) 15

16 ESEMPIO: Facciamo un altro esempio, con la seguente tabella: Studente (matricola, nome, cognome, scuola, telefono_scuola) Si vede chiaramente che anche in questo caso c è una dipendenza transitiva: l attributo telefono_scuola dipende dall attributo scuola, che non è chiave primaria. Si può risolvere la situazione creando le due tabelle seguenti, al posto di quella data: Studente (matricola, nome, cognome, id_scuola) Scuola (nome_scuola, telefono_scuola) E opportuno sottolineare, comunque, che una buona progettazione concettuale del database (lo schema E/R) ci darà tabelle che già rispettano tutte e tre le forme normali, senza bisogno di effettuare un processo di normalizzazione. 16

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

SQL. Dipartimento del Tesoro

SQL. Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro SQL 1 Database...4 1.1 COS È UN DATABASE...4 1.2 DAGLI ARCHIVI AI DBMS...5 1.3 VANTAGGI OFFERTI DAI DBMS...6 1.4 INDIPENDENZA DEI DATI DALL APPLICAZIONE...7 1.5 RISERVATEZZA NELL

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Progettazione Logica

Progettazione Logica PROGETTAZIONE Ricordiamo le fasi della progettazione di una Base di Dati Progett. CONCETTUALE Progett. LOGICA Progett. FISICA Ci occuperemo adesso della progettazione logica R.Gori - G.Leoni BD Relazionali

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

IT FOR BUSINESS AND FINANCE

IT FOR BUSINESS AND FINANCE IT FOR BUSINESS AND FINANCE Business Intelligence Siena 14 aprile 2011 AGENDA Cos è la Business Intelligence Terminologia Perché la Business Intelligence La Piramide Informativa Macro Architettura Obiettivi

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Basi di Da( Presentazione del corso

Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Prof. Riccardo Martoglia E- mail: riccardo.martoglia@unimo.it Home page del corso: h4p://www.isgroup.unimo.it/corsi/bda: 2 Basi di Dati - Presentazione del

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli