L ESSENZA DELLA TRASFORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ESSENZA DELLA TRASFORMAZIONE"

Transcript

1 DA DOCUMENTO Sistema Itinerario A FILE : L ESSENZA DELLA TRASFORMAZIONE 1 Documento in formato digitale e informazione elettronica Sistemi di numerazione e conversione di codice Il termine file ed il suo significato essenziale Il supporto digitale e la tecnologia della memorizzazione Software, hardware, computer Sigla pag

2 Documento in formato digitale e informazione elettronica La rappresentazione informatica della realtà (atti, fatti, dati) è il risultato di un processo di digitalizzazione, che essenzialmente si compie in due fasi: 1. La trasformazione delle grandezze fisiche che esprimono l oggetto in sequenze numeriche: è un processo ingegneristico (ad es. la cattura di un suono che viene effettuata mediante un microfono associato a un campionatore digitale) di varia natura; 2. La registrazione delle sequenze numeriche catturate in un contenitore idoneo, dotato di una memoria. Ciò in quanto la finalità successiva della cattura dell informazione è duplice: a) possibilità di riprodurre l informazione, ricreando le grandezze fisiche originali mediante appositi apparati b) possibilità di elaborare ulteriormente l informazione catturata Ciò poiché un elaboratore elettronico (computer), per trattare qualunque genere di informazione, ha necessità che questa sia codificata in forma numerica, facendo uso di cifre, ossia (in inglese) di digits : ecco perché si utilizza l aggettivo digitale per indicare l informazione elettronica Cosa si deve allora intendere per documento digitale? La rappresentazione in formato numerico di un qualsiasi oggetto (testo, suono, immagine, filmato), come tale riproducibile ed elaborabile mediante il computer 1-2

3 Documento in formato digitale e informazione elettronica In informatica (la scienza che studia - ed applica - l informazione elettronica) si usano comunemente, oltre al sistema decimale, il sistema binario (in base due, che utilizza come cifre solo 0 e 1), e quello esadecimale (in base sedici, che utilizza i caratteri numerici dallo 0 al 9 e quindi le prime sei lettere dell alfabeto, cioè dalla A alla F) Poiché la memorizzazione, come abbiamo visto, è aspetto fondamentale del processo di digitalizzazione, occorre sapere che per essere memorizzata sui tipi sempre più evoluti di contenitore che la tecnologia mette a disposizione, l informazione elettronica deve essere espressa in formato binario Le memorie dei computer sono organizzate a celle di 8 bit: con 8 bit si hanno 256 possibili combinazioni, ovvero 256 numeri interi compresi tra 0 e 255, e una apposita convenzione specifica quale numero corrisponde a quale carattere: questa convenzione viene chiamata codifica Un oggetto (testo, suono, immagine, filmato, ecc.) codificato in formato binario è composto da un insieme finito di bit (zero o uno): questo insieme finito di bit che rappresenta un oggetto viene denominato file (termine mutuato dall inglese, e utilizzato ormai universalmente : etimologicamente viene dalla parola francese fil e quindi dal latino filum, dall antica pratica di raccogliere i documenti in sequenze ordinate legati con una cordicella, il filum 1-3

4 Sistemi di numerazione e conversione di codice Ciascuna lettera digitata sulla tastiera viene convertita dapprima nel numero decimale appartenente al codice convenzionale internazionale noto come ASCII (es. 65 per la A, 77 per la M, ecc.) Dopodiché il valore decimale viene convertito nel suo equivalente binario ed in tale formato è ospitato in memoria (volatile, la RAM) ovvero è scritto su un supporto stabile di memoria 1-4

5 Le grandezze di memoria Un gruppo di 8 bit viene denominato byte; un gruppo di 1024 byte viene detto Kbyte (kilo = bytes); un gruppo di 1024 Kbyte viene detto Mbyte (mega = ~ di bytes); un gruppo di 1024 Mbyte viene detto Gbyte (giga = ~ di bytes); un gruppo di 1024 Gbyte viene detto Tbyte (tera = ~ di bytes); e così via: dopo il prefisso tera troviamo peta, exa, zetta, yota!!!. Nel calcolo dell ingombro dell informazione elettronica, il byte viene inteso come quasi-sinonimo di carattere: un byte contiene un carattere di testo Nella storia dell informatica sono state definite varie codifiche, e tra queste la codifica A.S.C.I.I. (American Standard Code for Information Interchange) ha assunto una posizione predominante rispetto ad altre; Nel sistema ASCII (v. tabella sulla slide seguente) - i codici decimali da 0 a 31 e il 127 sono caratteri non stampabili (codici di controllo) - il codice 32 corrisponde al carattere "spazio - i codici dal 32 al 126 sono caratteri stampabili 1-5

6 Decimale (ASCII), esadecimale, binario, grafico... insieme! 1-6

7 Il supporto digitale e la tecnologia della memorizzazione Similmente al visitatore di una biblioteca tradizionale, anche l utente di una raccolta di documenti digitali memorizzati su un computer deve sapere dove e come dirigere le proprie ricerche per rintracciare il documento desiderato: ciò gli comporta un minimo di conoscenza del sistema operativo attraverso cui i file vengono memorizzati sui supporti di memoria permanente di un elaboratore Tutti i supporti digitali sono organizzati per poter registrare e gestire file separati, attraverso un meccanismo detto file system, grazie al quale i file sono posizionati e organizzati nella memoria del supporto in modo facilmente rintracciabile Formalmente un file system è l'insieme dei tipi di dati astratti necessari per la memorizzazione (scrittura), l'organizzazione gerarchica, la manipolazione, la navigazione, l'accesso e la lettura dei file Ciò avviene secondo due livelli di astrazione, che rendono le risorse di memorizzazione di massa facilmente utilizzabili: 1. organizzazione dei settori in un insieme di file di dimensioni arbitrarie 2. organizzazione dei file con nomi gerarchici 1-7

8 Il supporto digitale e la tecnologia della memorizzazione I file system gestiscono, oltre ai file, le directory (indici, ovvero cartelle ): una directory è una specifica entità del file system che elenca altre entità, tipicamente file e/o altre directory, cosa che permette di organizzarle in una struttura ad albero Una directory (o con terminologia più un folder) è pertanto definibile come un percorso (path) di locazione del file system dove sono presenti file o altre directory Un file system memorizza e gestisce informazioni aggiuntive di controllo per l'accesso ai singoli file da parte di programmi e utenti: i criteri di sicurezza nell'accesso alle operazioni sui file system sono in genere basati su liste di controllo di accesso (access control list o ACL), grazie a cui gli utenti godono di facoltà personalizzate rispetto ai files, non potendoli nemmeno leggere, ovvero leggere ma non anche modificare, ovvero anche modificare, ovvero addirittura rimuovere dal supporto. 1-8

9 Software, Hardware e Computer il software è l insieme delle informazioni utilizzate da uno o più computer e memorizzate su uno o più supporti informatici: tali informazioni possono rappresentare programmi, oppure dati, oppure una combinazione di entrambi i programmi sono sequenze di numeri, in cui ogni possibile valore numerico (codice) esprime una funzione (istruzione); i programmi presiedono, assistendo l uomo, ai processi di digitalizzazione dell informazione. I dati sono il prodotto di tali processi il termine software indica cumulativamente sia i programmi che i dati, e si contrappone tradizionalmente alla parola hardware, ovvero la componente fisica di un sistema di calcolo (computer) che rende materialmente possibile l'esecuzione (cioè l utilizzo) del software di cui sono composti i programmi e - loro tramite l elaborazione dei dati l insieme dei programmi eseguiti da un computer costituisce il software di sistema il software di un moderno computer non si riduce a una manciata di programmi più o meno sofisticati, ma è un insieme complesso e articolato di componenti, organizzati in base a una architettura: i componenti software quando devono essere eseguiti sono letti da periferiche esterne (dischi, flash memory, rete) e caricati nella memoria principale 1-9

10 Il sistema operativo Cuore della architettura software di un computer è il sistema operativo, costituito da: 1. un kernel (nucleo o monitor), che fornisce ai programmi un accesso sicuro e controllato all'hardware del sistema, e assegna porzioni di tempo-macchina (scheduling) e l accesso all'hardware a ciascun programma (multitasking) 2. un insieme di driver di gestione delle unità periferiche (dischi, rete, tastiera, ) 3. una shell di interazione dell operatore con il sistema 4. un insieme di programmi di utilità per la gestione del sistema stesso, dei file, delle interazioni, I programmi che l utente esegue sul computer (editor di testo, client di posta elettronica, firma digitale, browser, server di posta, server WEB, ) costituiscono il c.d. software applicativo, la parte più importante e preziosa di tutto il sistema I programmi applicativi possono essere realizzati come sequenze di codici numerici eseguibili direttamente dalla CPU del sistema (la norma per la maggioranza dei programmi), oppure come sequenze di codici (numerici o simbolici) eseguibili da programmi interpreti, che implementano apposite macchine virtuali operanti a bordo del computer (java, python, perl, ruby, php, ) 1-10

11 LE TIPOLOGIE Sistema INFORMATICHE Itinerario PRINCIPALI DI FILE File dati e file programmi Formati di file dedicati al testo: puri (non strutturati) e arricchiti (strutturati) Formati singoli (txt, rtf, html, xml, doc/docx, odt/odf, pdf, xls/xlsx, zip, rar, arj, jar, p7m, p7s, tsr, m7m, tsd) 11 Sigla pag

12 File: caratteristiche e tipologie un file è un contenitore di informazioni generico, indipendente dal suo nome, ciò che lo caratterizza effettivamente sono: - il suo contenuto, e - le modalità di utilizzo e di accesso il sistema operativo di un computer gestisce un file in base a un insieme di informazioni aggiuntive mantenute sul file system: tra queste le modalità di utilizzo (il file può essere letto, scritto, eseguito) e le modalità di accesso (l utente può vedere il file, leggerlo, scriverlo, cancellarlo, copiarlo, ) Attenzione a questa differenza: i sistemi operativi non-microsoft (Unix, Linux, MacOSX, HPUX, Ultrix, AIX, ) riconoscono il tipo di ogni file in base al suo contenuto, e lo trattano di conseguenza i sistemi operativi Microsoft, per contro, riconoscono la tipologia del file in base al nome, e più precisamente in base alla sua estensione (un gruppo di caratteri, di solito tre, separati dal nome mediante un punto, e posti alla fine del nome a mo di suffisso, es. relazione.doc, tabulato.xls, messaggio.eml, datiatto.xml, ecc.) Inoltre i file sono divisi in due grandi famiglie: dati e programmi 1-12

13 File: caratteristiche e tipologie i file dati sono quelli che rivestono la maggiore importanza: mentre i programmi sono realizzati dalle case produttrici di software, che ne detengono i relativi diritti di proprietà intellettuale, i file di dati che sono creati, modificati o (all occorrenza) distrutti per il tramite dei programmi rappresentano il prodotto diretto dell attività informatica dell utente, che sul contenuto del file vanta i diritti tipicamente spettanti all autore di un opera intellettuale (ed è altresì il titolare dei dati personali che siano trattati con l ausilio dell elaboratore) Per motivi di carattere organizzativo la regola tipo = estensione, adottata dai sistemi operativi Microsoft, è diventata uno standard de facto, adottato da tutti gli utenti, indipendentemente dai sistemi operativi utilizzati La tabella sulla pagina seguente elenca delle decine e decine di estensioni esistenti ed utilizzate per identificare una data tipologia di file - alcune delle estensioni di file dati più utilizzate ed i relativi usi, indicando in alcuni casi quali sono i programmi che dapprima generano e quindi gestiscono detti file (esiste solitamente un accoppiata programma / formato dei dati generati, anche se diversi programmi sanno gestire più formati di file) 1-13

14 File: le estensioni più diffuse.txt.mp3,.ogg,.wav,.jpg,.png,.bmp,.gif,.psd,.avi,.mpeg,.wmv,.mp4,.3gp,.flv,.exe,.com,.bat,.cmd.htm,.html,.shtml,.shtm,.stm,.asp,.aspx,.php,.dwt,.pl,.py,.rtf.doc,.docx.xls,.xlsx.odt.ods.odp.odb.xml e derivati (.xsd,.xslt. ).pdf.zip,.rar,.arj,.enc.dwg,.dxf.p7m,.p7s.tsr.tsd.m7m.eml,.msg file di testo tracce sonore (audio) immagini digitali statiche immagini digitali in movimento (video) programmi e scripts eseguibili in Windows pagine web statiche pagine web dinamiche o script file di testo Rich Text Format file di testo prodotti con Microsoft Word fogli di calcolo prodotti con Microsoft Excel file di testo prodotti con Open Office Writer fogli di calcolo prodotti con Open Office Calc Presentazioni Open Office Impress database Open Office Base documenti XML (extensible Markup Language) documenti di tipo Portable Document Format file contenitori di contenuti compressi/crittati disegni prodotti con CAD (computer aided design) file firmati digitalmente marche temporali file firmati digitalmente e marcati temporalmente file firmati digitalmente e marcati temporalmente file di posta elettronica 1-14

15 File: caratteristiche e tipologie Ci soffermeremo nelle prossime slides sulle tipologie di file di più immediato interesse per il professionista forense, in considerazione: a) dell utilizzo generale e diffuso delle applicazioni per ufficio che elaborano testi o fogli di calcolo (spreadsheet) b) delle disposizioni tecniche del processo civile telematico: i. sul formato richiesto per gli atti processuali informatici di parte (art. 11 DM 44/2011 e art. 12 provv. 16/4/2014) ii. sui formati ammessi dei documenti digitali producibili in giudizio (.pdf di tipo /A.odf.rtf.txt.jpg.gif.tiff.xml.eml.msg v. art. 13 provv. 16/4/2014) iii. iv. sui cc.dd. formati di file compressi (.zip.rar.arj), anch essi ammessi, purché contenenti files in formato processualmente ammesso sul formato di certi atti processuali (es. relata di notifica) o dei files accompagnatori agli atti processuali che nelle trasmissioni telematiche recano i cc.dd. metadati (es. DatiAtto.xml) c) dei formati generati dall apposizione della firma digitale e della marcatura temporale d) di quanto prevede il sistema implementato sul S.C.N.N. (Servizio di Conservazione a Norma del Notariato italiano) ossia il servizio che conserva gli atti pubblici digitali (che accetta esclusivamente il formato PDF/A per l'atto notarile, e per gli allegati il.pdf (anch esso di tipo /A), il.jpg, il.txt o l.xml) e) dei formati generati dalle applicazioni di posta elettronica (semplice o certificata) per la creazione di messaggi e buste, e relativi allegati (purché nei formati ammessi) 1-15

16 I singoli formati i file di testo (strutturati e non) A. Formati di file dedicati al testo: puri (non-strutturati) e arricchiti (strutturati) dobbiamo anzitutto mettere al centro dell analisi di dettaglio le tipologie e le caratteristiche dei formati di file tradizionalmente utilizzati per contenere informazioni di tipo testuale procederemo secondo un ordine che mette insieme una linea di progressione storica con un altra che esprime il livello di complessità del formato del file, in termini di informazioni da esso recate in aggiunta al puro contenuto testuale, posto che tali due linee, sia pure con qualche eccezione, si sono andate sviluppando in senso parallelo un file destinato a contenere del semplice testo, ovvero un contenuto immediatamente leggibile dall uomo, può essere a priori composto: - da testo puro, ovvero contenente solo sequenze di caratteri ASCII stampabili - da testo arricchito con informazioni extra, di visualizzazione o interpretazione 1-16

17 I file di testo strutturati i file di testo arricchito portano, oltre al testo, informazioni atte a definire: le caratteristiche di visualizzazione o stampa (font dei caratteri usati, inteso come set stilistico omogeneo: Arial, Courier, Times New Roman, ecc.; corpo, italico, sottolineatura, indentazione, fincature tabellari, ), oppure l organizzazione delle informazioni testuali secondo schemi di definizione e interpretazione. In questi casi si parla di file strutturati, in cui le informazioni aggiuntive possono essere espresse con caratteri stampabili (ovvero come testo), o con sequenze binarie interpretabili da programmi di visualizzazione o editing (contenenti sia informazioni di visualizzazione che immagini o suoni) tipologie di file strutturati in cui le informazioni aggiuntive sono di tipo testuale: Tipo Descrizione Informazioni aggiuntive RTF Rich Text Format visualizzazione e stampa HTML HyperText Markup Language visualizzazione e stampa, link di navigazione XML extensible Markup Language schemi di definizione e interpretazione 1-17

18 I singoli formati tipologie di file strutturati in cui le informazioni aggiuntive sono di tipo binario: Tipo Descrizione Informazioni aggiuntive DOC/DOCX Documenti MS Word visualizzazione e stampa, immagini ODF Open Document Format visualizzazione e stampa, immagini PDF Portable Document Format visualizzazione e stampa, immagini XLS/XSLX Fogli di Calcolo MS Excel visualizzazione e stampa, formule di calcolo 1-18

19 I singoli formati di file di testo a) il formato di file TXT l estensione.txt viene spesso utilizzata per indicare file che contengono solo testi alfanumerici senza alcuna informazione di controllo (font, corpo, grassetto, sottolineato, ): un file di testo contiene solo caratteri di scrittura, leggibili direttamente con un semplice editor di testo il termine viene solitamente utilizzato in contrapposizione a file binario, che identifica qualunque tipo di file, contenente dati generici anche non direttamente leggibili dall'utente: per il computer non vi è distinzione tra i due tipi di file, poiché sono sequenze di byte i byte dei file di testo rappresentano quindi essenzialmente solo lettere, numeri, punteggiatura, spazi e altri normali simboli stampabili, ma possono contenere anche alcuni caratteri di controllo come il tab (per la tabulazione), il carriage return ed il line feed (per andare a capo) i file di testo, pur non permettendo la rappresentazione di testi formattati (con l utilizzo di più font, con corpi differenti, con aree di grafica o semi-grafica, con colori differenti, con sottolineature, italico, grassetto, ), sono in assoluto i più sicuri, in quanto non possono nascondere al loro interno informazioni non desiderate 1-19

20 I singoli formati di file di testo b) il formato di file RTF (Rich Text Format) Rich Text Format (spesso abbreviato RTF) permette di mantenere la formattazione e le immagini presenti in un documento ma non include nessuna macro (istruzioni ad esecuzione automatica), quindi è più sicuro rispetto a documenti di Office per l'invio di allegati di posta elettronica: un file RTF contiene solo caratteri ASCII, con stringhe speciali per il controllo delle informazioni di formattazione del testo In ambito giuridico è consigliato l uso di documenti "statici", senza macroistruzioni: oltre ai file di testo puro (.txt) il Rich Text Format (.rtf) rappresenta una valida scelta, ed è lo standard de facto in molti contesti in cui è richiesto l uso di documenti testuali solo ultimamente gli si preferisce il formato.pdf/a (v. oltre) 1-20

21 Altri formati di file di testo c) HTML (HyperText Markup Language) l'hypertext Markup Language (HTML) (linguaggio a marcatori per ipertesti) è il linguaggio di mark-up solitamente usato per la formattazione di documenti ipertestuali disponibili nel World Wide Web sotto forma di pagine web una pagina web, per essere visibile e intelligibile sul Web, deve essere formattata con codici trasformabili universalmente: il linguaggio di formattazione è l'html, e la formattazione consiste nell'inserimento nel testo di marcatori o etichette, detti tag, che descrivono caratteristiche come la funzione, il colore, le dimensioni, la posizione relativa all'interno della pagina l'html supporta l'inserimento di script e oggetti esterni quali immagini o filmati: l estensione dei nomi dei file HTML è.html (o.htm) attualmente i documenti HTML sono in grado di incorporare molte tecnologie, che offrono la possibilità di aggiungere al documento ipertestuale controlli più sofisticati sulla resa grafica, interazioni dinamiche con l'utente, animazioni interattive e contenuti multimediali 1-21

22 I testi contenenti un linguaggio di mark-up d) XML (extensible Markup Language) in generale un linguaggio di markup è un insieme di regole che descrivono i meccanismi di rappresentazione (strutturali, semantici, di presentazione) di un testo, utilizzando convenzioni standardizzate utilizzabili su più supporti la tecnica di composizione di un testo con l'uso di marcatori (o espressioni codificate) richiede quindi una serie di convenzioni, ovvero appunto di un linguaggio di documenti a marcatori l XML (extensible Markup Language) è un linguaggio di markup basato su un meccanismo sintattico che consente di definire e controllare il significato degli elementi contenuti in un documento o in un testo l XML è uno strumento che permette di essere utilizzato nei più diversi contesti (la definizione strutturale di documenti, lo scambio di informazioni tra sistemi diversi, la rappresentazione di immagini, la definizione di formati di dati) E il formato scelto nell implementazione pratica del processo civile telematico, consentendo la strutturazione dei file accompagnatori delle PEC che trasmettono atti e documenti, incluse notifiche e comunicazioni di cancelleria (es. datiatto.xml) 1-22

23 (segue) I testi contenenti un linguaggio di mark-up XML (extensible Markup Language) (cont.) rispetto all'html, l'xml ha uno scopo diverso: il primo definisce una grammatica per la descrizione e la formattazione di pagine WEB, il secondo è un metalinguaggio utilizzato per creare nuovi linguaggi, atti a descrivere documenti strutturati mentre l'html ha un insieme ben definito e ristretto di tag, con l'xml è invece possibile definirne di propri a seconda delle esigenze: per chiarire, esaminiamo il seguente esempio di un file XML <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <! insieme dei partecipanti --> <partecipanti> <! partecipanti Giorgio Romeo --> <partecipante> <nome>giorgio</nome> <cognome>romeo</cognome> <indirizzo>corso De Rege 33</indirizzo> <localita>milano</localita> </partecipante> <! partecipanti Massimiliano De Roboaldi --> <partecipante> <nome>massimiliano</nome> <cognome>de Roboaldi</cognome> <indirizzo>via Ramozzi 82</indirizzo> <localita>roma</localita> </partecipante> </ partecipanti> 1-23

24 (segue) I testi contenenti un linguaggio di mark-up XML (extensible Markup Language) (cont.) l XML permette di creare file di tipo schema, che definiscono le regole di composizione dei file XML che trasportano dati (DTD - Document Type Definition, e XML Schema) La normativa tecnica di attuazione che accompagna il varo del processo civile telematico contiene allegati dove sono riportati i modelli (DTD) di ciascun singola tipologia di documento XML da utilizzare nella trasmissione telematica, come le relate di notifica, i biglietti di cancelleria, ecc. Diversi linguaggi XML sono nati con specifiche vocazioni : XSLT: XForms: crea moduli (forms) di tipo HTML in un documento XML MathML (Mathematical Markup Language): notazioni matematiche X3D (extensible 3D): costruisce modelli tridimensionali, semplici e sofisticati XBRL (extensible Business Reporting Language): linguaggio usato per la comunicazione e lo scambio di dati finanziari e contabili WSDL (Web Services Description Language): creazione di "documenti" descrittivi di Web Service 1-24

25 Altri formati di testo e) formato di file DOC/DOCX (Microsoft Word) l'estensione.doc, abbreviazione del termine inglese "document" (documento), veniva usata originariamente in informatica per indicare i file contenenti testo non formattato su una vasta gamma di sistemi operativi nel 1990 quando Microsoft si appropriò dell'estensione.doc associandola ai file in formato proprietario prodotti da Microsoft Word: oggi questa estensione indica quasi sempre i file di testo formattati da MS Word, e a partire dalla versione 2007 il nuovo formato predefinito è.docx in Microsoft Word è possibile automatizzare le attività frequenti mediante le cc.dd. macro: una macro è costituita da una sequenza di comandi e istruzioni raggruppati insieme in un singolo comando che consente di eseguire automaticamente un'attività; Ci sono poi i c.d. campi variabili, che identificano contenuti del documento che cambiano di volta in volta (ad es. la data, il numero di pagina, ecc.) A motivo di questa mutevolezza il formato.doc non viene accettato per la redazione di documenti destinati ad essere indipendenti ed immutabili nel tempo 1-25

26 I singoli formati f) formato di file ODT (ODF - Open Document Format) OpenDocument (ODF), abbreviazione di OASIS Open Document Format for Office Applications, e le relative estensioni.odt (file di testo prodotti con Open Office Writer),.ods (fogli di calcolo prodotti con Open Office Calc),.odp (presentazioni Open Office Impress),.odb (database Open Office Base), è un formato aperto per l'archiviazione e lo scambio di documenti di ufficio, quali documenti di testo (memo, rapporti e libri), fogli di calcolo, diagrammi, presentazioni, data base questo standard è stato sviluppato dal consorzio di industrie OASIS (Organization for the Advancement of Structured Information Standards) ed è impostato su una versione di XML; è pubblicamente accessibile e può essere implementato da chiunque senza restrizioni, anche grazie alla dichiarazione di Sun Microsystem, che detiene alcuni brevetti sul formato e che ha rinunciato a valersi degli stessi per tutte le implementazioni dello standard il formato OpenDocument nasce per fornire una alternativa "aperta" a formati proprietari tra cui i ben noti formati usati da Microsoft Office, DOC, XLS, PPT e recentemente Office Open XML, nato per contrastarne l'adozione 1-26

27 I formati Open Document g) formato di file ODT (ODF - Open Document Format) (cont.) nel provvedimento del 16 aprile 2014, all art.13, si riporta l estensione.odf tra le tipologie dei documenti informatici allegabili agli atti processuali, intendendo evidentemente i file ODT al riguardo bisogna distinguere tra la tipologia ODF (Open Document Format) e le singole estensioni dei file ODF, riassunte nella seguente tabella, in cui si vede che l estensione.odf, in senso stretto e proprio, è relativa a file di formule, e non a testi recanti gli atti processuali Estensione del file.odt.odb.ods.odp.odg.odc.odf.odi.odm Tipo di documento Testo formattato Database Foglio di calcolo Presentazione Disegno Grafico Formula Immagine Modello di documento 1-27

28 I singoli formati: il PDF h) formato di file PDF (Portable Document Format) il Portable Document Format (PDF) è un formato di file basato su un linguaggio di descrizione di pagina sviluppato dalla Adobe Systems nel 1993 per rappresentare documenti in modo indipendente dallo hardware e dal software utilizzati per generarli o per visualizzarli un file PDF può descrivere documenti che contengono testo e/o immagini in qualsiasi risoluzione grafica: è un formato aperto, nel senso che chiunque può creare applicazioni che leggono e scrivono file PDF senza dover pagare royalties alla Adobe Systems ogni documento PDF contiene una completa descrizione del documento composta da proprietà (Titolo, Autore, ecc.), testo, stili di carattere (font), immagini e oggetti di grafica vettoriale 2D e 3D che lo compongono un documento PDF non include informazioni specifiche relative al software, hardware e sistema operativo usato per la sua generazione: quindi il documento viene visualizzato e renderizzato nello stesso esatto modo, indipendentemente dalla piattaforma e/o dispositivo utilizzato per leggerlo 1-28

29 I singoli formati formato di file PDF (Portable Document Format) (cont.) il formato è stato standardizzato in una serie di sottoformati, pensati in funzione di esigenze specifiche Sigla Nome Uso specifico PDF/A PDF/Archiving archiviazione a lungo termine PDF/X PDF/Exchange arti grafiche e la prestampa PDF/E PDF/Engineering documentazione di tipo ingegneristico PDF/H PDF/Healthcare settore sanitario PDF/UA PDF/Universal Accessibility Accessibilità se si vuole archiviare o inviare un file PDF in modo stabile e con la massima possibilità di diffusione, si deve utilizzare il formato PDF/A, che è articolato in ulteriori sottoformati il PDF/A è stato codificato il 28 settembre 2005 come standard ISO :2005: la norma ISO specifica comunque due possibili diversi livelli di conformità allo standard: - PDF/A-1a (ISO Level A Conformance in Part 1) - PDF/A-1b (ISO Level B Conformance in Part 1) 1-29

30 I singoli formati: fogli di calcolo B. Formati di file dedicati ai fogli di calcolo (fogli elettronici): XLS/XSLX (MSExcel), ODS (Open Office Calc) Microsoft Excel è un programma dedicato alla produzione ed alla gestione dei fogli elettronici: Fa parte della suite di software di produttività personale Microsoft Office, ed è disponibile per i sistemi operativi Windows e Macintosh l'estensione.xls, per le versioni dalla 97 alla 2003, e.xlsx, dalla versione 2007, identifica la maggior parte dei fogli di calcolo (in inglese spreadsheet) o cartella di lavoro creati con Excel (il tipo MIME dei file identificati da questa estensione è tipicamente application/vnd.ms-excel) N.B. Tra i formati di file ammessi per le produzioni processuali digitali non rientra alcun tipo di foglio di calcolo: è quindi necessario passare attraverso la previa conversione del file da Excel (o altra applicazione analoga) ad un formato accettato, come il.pdf/a 1-30

31 La trasformazione dei file in formato compresso (e quelli in formato crittato) C. Formati di file compressi (ZIP, RAR, ARJ, JAR, ) e crittati (ENC) Con il termine compressione dei dati si identificano varie tecniche utilizzate sia per ridurre le dimensioni di un file (e quindi lo spazio necessario alla sua memorizzazione), sia per ridurre l'occupazione di banda necessaria in una generica trasmissione dati digitale (come ad esempio una trasmissione televisiva digitale) La compressione dell'informazione è operata in modo da eliminare la ridondanza presente nelle sequenze di bit e ottenere un'alta efficienza dimensionale: l'importanza della compressione sta nel fatto che in difetto non sarebbe possibile offrire una vasta collezione di contenuti attraverso Internet a causa dell eccessiva limitatezza della banda disponibile, mentre per l allocazione dei file si dovrebbero utilizzare, ben maggiori dimensioni dei dischi e dei supporti di memorizzazione. Il parametro di qualità che valuta l'efficienza della compressione è il rapporto di compressione (o o tasso di compressione), che dipende dalla tipologia del file (di testo semplice, di testo strutturato, binario), dalla presenza al suo interno di aree a contenuto ripetitivo, e ovviamente dall algoritmo di compressione utilizzato. I file crittati possono invece considerarsi quelli in cui l algoritmo di conversione (che ottenga o meno un effetto di compressione) realizza principalmente una versione del file che risulta incomprensibile senza l ausilio di una chiave di decrittatura, a scopo di segretazione del contenuto; sia nella compressione che nella crittatura, mittente e destinatario abbisognano di software adatto 1-31

La rivoluzione analogico/digitale nella pratica forense: le fasi vitali del documento tra informatica e diritto

La rivoluzione analogico/digitale nella pratica forense: le fasi vitali del documento tra informatica e diritto 1. Documento Analogico e Documento Digitale 2. Riferibilità Soggettiva e Riferibilità Temporale 3. Conservazione e Duplicazione dei Documenti 4. Comunicazione e Trasmissione dei Documenti 5. Probatorietà

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio Allegato K Formati Informatici Premessa In generale tutti i formati che rispondono alle seguenti caratteristiche possono essere

Dettagli

Corso base per l uso del computer. Corso organizzato da:

Corso base per l uso del computer. Corso organizzato da: Corso base per l uso del computer Corso organizzato da: S Programma del Corso Ing. Roberto Aiello www.robertoaiello.net info@robertoaiello.net +39 334.95.75.404 S S Informatica S Cos è un Computer Il personal

Dettagli

Appendice Giorgio Falchi

Appendice Giorgio Falchi LE ESTENSIONI DEI FILE In Windows i nomi dei file terminano con un punto di separazione seguito generalmente da una estensione di tre caratteri, la stessa cosa accade anche per gli applicativi che girano

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA. Modulo di Informatica. test del 16/01/2012 - Polo A

CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA. Modulo di Informatica. test del 16/01/2012 - Polo A UNIVERSITA DEGLI STUDI di Catania Facoltà di Medicina anno accademico 2011-2012 Prof. Ing. Arena Paolo Prof. Ing. Caffarelli Giovanni CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA Modulo di

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

roberto.albiero@cnr.it

roberto.albiero@cnr.it 2.2 Gestione dei file 2.2.1 Concetti fondamentali Un file (termine inglese che significa archivio) è un insieme di informazioni codificate ed organizzate come una sequenza di byte; queste informazioni

Dettagli

La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Università degli Studi di Macerata

La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Università degli Studi di Macerata La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Macerata, 8.5.2009 Stefano Allegrezza Università degli Studi di Macerata Agenda Alcuni concetti introduttivi I requisiti desiderabili

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

ARCHIVIA Plus. Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti

ARCHIVIA Plus. Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti ARCHIVIA Plus Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti ARCHIVIA Plus Archivia Plus è il software per la conservazione sostitutiva e per la gestione dell archivio informatico. Offre la

Dettagli

Suite OpenOffice. Introduzione a

Suite OpenOffice. Introduzione a Suite OpenOffice Introduzione a Cosa è OpenOffice.org? OpenOffice.org è una suite per ufficio composta da: elaboratore di testi foglio di calcolo creatore di presentazioni gestore di basi di dati Writer

Dettagli

Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org

Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Cos'è OpenOffice.org Insieme

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Nome:... Cognome... Telefono... 1. Il millennium bug è: % Un problema hardware di tutti i computer al cambio del millennio % Un problema del software di tutti i

Dettagli

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 1 POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE e POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA 2 POSTA ELETTRONICA

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

La Consolle dell Avvocato. Non sempre spendere è sinonimo di qualità.

La Consolle dell Avvocato. Non sempre spendere è sinonimo di qualità. La Consolle dell Avvocato Non sempre spendere è sinonimo di qualità. Sommario Introduzione... 3 Dotazione di base per un corretta postazione di lavoro... 4 Hardware e servizi connessi... 4 Pc... 4 Stampante

Dettagli

HTML 1. HyperText Markup Language

HTML 1. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione del testo Collegamenti ipertestuali Immagini Tabelle Form in linea (moduli) Tecnologie di Sviluppo per il

Dettagli

1. PREMESSA 2. SICUREZZA E ACCESSO

1. PREMESSA 2. SICUREZZA E ACCESSO ALLEGATO 3: DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE FLUSSI DOCUMENTALI. (Testo novellato con deliberazione di Giunta n. 1671 del 20/12/2013 che sostituisce l allegato 3: Politiche della sicurezza, documento

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Il formato di atti e documenti nel PCT. Dalla carta. al bit!

Il formato di atti e documenti nel PCT. Dalla carta. al bit! Il formato di atti e documenti nel PCT Dalla carta 0 al bit! 0 Avv. Francesco Minazzi Blawg: francescominazzi.net Twitter: @digitjus Mail: avvocato@francescominazzi.net Normativa 3 4 5 6 Il formato degli

Dettagli

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta Quiz ecdl primo modulo Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta 1 Che cosa è il Bit? British Information Target Binary Digit La misura dell'informazione DIA 2 DI 67 Che differenza c'è tra

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

Corsi Speciali Abilitanti Indirizzo 2: Fisico-Matematico Modulo Didattico: Elementi di Informatica Classi: 48/A TEST D INGRESSO

Corsi Speciali Abilitanti Indirizzo 2: Fisico-Matematico Modulo Didattico: Elementi di Informatica Classi: 48/A TEST D INGRESSO Corsi Speciali Abilitanti Indirizzo 2: Fisico-Matematico Modulo Didattico: Elementi di Informatica Classi: 48/A TEST D INGRESSO NOME: COGNOME: LAUREA IN: ABILITAZIONI CONSEGUITE: ESPERIENZE DIDATTICHE

Dettagli

Famiglia di prodotti Adobe Acrobat 9

Famiglia di prodotti Adobe Acrobat 9 Famiglia di prodotti Adobe Acrobat 9 Panoramica La famiglia di prodotti Adobe, ovvero Pro Extended, Pro e Standard, permette ai professionisti aziendali, creativi e tecnici di comunicare e collaborare

Dettagli

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A 1) Le funzioni dell'unità di controllo di un processore sono: A) Verificare che le periferiche funzionino correttamente.

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica

Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione (TIC) Modulo 2: Informazione, dati e codifica Informazione: è lo scambio di conoscenza tra due o più persone nonché il significato che le persone coinvolte

Dettagli

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte Direzione Centrale Accertamento Indagini finanziarie Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte I poteri degli uffici Ambito soggettivo E stato ampliato il

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

DISPOSITIVO DI AUTENTICAZIONE E FIRMA DIGITALE

DISPOSITIVO DI AUTENTICAZIONE E FIRMA DIGITALE DISPOSITIVO DI AUTENTICAZIONE E FIRMA DIGITALE 1) Che cos'é? é un dispositivo (generalmente sottoforma di carta di credito o, spesso, di "chiavetta" USB) contenente i certificati digitali di autenticazione

Dettagli

La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche

La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche Articolo pubblicato sulla rivista tributaria L IVA n.5/2006 -Wolters Kluver Italia Srl La conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche ed analogiche Dott.Giorgio Confente Agenzia delle Entrate

Dettagli

Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo

Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo 22 maggio 2007 Andrea Valle Business Development Director Adobe Systems La Dematerializzazione in sintesi Documenti

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Il software. Il Sistema Operativo

Il software. Il Sistema Operativo Il software Prof. Vincenzo Auletta 1 Il Sistema Operativo Software che gestisce e controlla automaticamente le risorse del computer permettendone il funzionamento. Gestisce il computer senza che l utente

Dettagli

INFORMATICA. INFORmazione automatica

INFORMATICA. INFORmazione automatica INFORMATICA INFORmazione automatica Insieme di discipline e tecniche per rappresentare, elaborare e trasmettere automaticamente delle informazioni. Computer - Elaboratore elettronico: e macchina concepita

Dettagli

Informatica d ufficio

Informatica d ufficio Informatica d ufficio Anno Accademico 2008/2009 Lezione N 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è un programma che è sempre in funzione durante l utilizzo del PC (quando si accende

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in culture digitali e della comunicazione Corso di Elementi di informatica e web Test ingresso per il bilancio delle competenze

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11 1 2 Indice 1.1 Cos è la Conservazione digitale a Norma? --------------------------------------------------------------------------------------------- 6 1.2 Quali sono le condizioni da rispettare, indipendentemente

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane OBIETTIVI SPECIFICI DEL PRIMO BIENNIO - CLASSE PRIMA settore ECONOMICO: NUCLEI FONDANTI, CONOSCENZE E COMPETENZE NB per ciascuno dei moduli di insegnamento/apprendimento viene indicato il tempo di trattazione

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Requisito n. 1 : Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate nelle versioni più recenti disponibili

Dettagli

Corso di aggiornamento PROCESSO CIVILE TELEMATICO, INFORMATIZZAZIONE DELLO STUDIO E RICERCA GIURIDICA ONLINE. 31 gennaio 2014 Ivrea (TO)

Corso di aggiornamento PROCESSO CIVILE TELEMATICO, INFORMATIZZAZIONE DELLO STUDIO E RICERCA GIURIDICA ONLINE. 31 gennaio 2014 Ivrea (TO) Corso di aggiornamento PROCESSO CIVILE TELEMATICO, INFORMATIZZAZIONE DELLO STUDIO E RICERCA GIURIDICA ONLINE 31 gennaio 2014 Ivrea (TO) Agenda Agenda Panoramica sul Processo Civile Telematico Le principali

Dettagli

L organizzazione dei dati

L organizzazione dei dati L organizzazione dei dati Directory In informatica, una directory (chiamata anche cartella, folder o direttorio), è un entità nel file system che contiene un gruppo di file e altre directory. Il termine

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO

INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA del CONSIGLIO DI MATERIA A.S. 2015-16 INDIRIZZO A.F.M. - TURISMO PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA Competenze Conoscenze Abilità/Compiti Moduli/UdA Periodo Obiettivi Identificare

Dettagli

I FORMATI DI SALVATAGGIO

I FORMATI DI SALVATAGGIO GLI ARCHIVI INFORMATICI: PROBLEMATICHE DI INTEGRITA' NEL TEMPO Fondazione dell'ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano Commissione per l'ingegneria dell'informazione Ing. Gianluca Sironi I FORMATI

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: CONCETTI DI BASE DELLA TECNOLOGIA INFORMATICA 1.1. Concetti elementari di informatica Algoritmo, Dato, Informazione Campi di applicazione e classificazione

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE: 1 G Disciplina: Tecnologia dell Informazione e della Comunicazione. PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Elaborata e sottoscritta

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Prot. 8962/2015/DF/DGT Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE FINANZE IL DIRETTORE GENERALE DELLE FINANZE VISTO il decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze in data 23 dicembre

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Si intende per Sistema Operativo (o software di sistema) un gruppo di programmi che gestisce il funzionamento di base del computer. Il sistema operativo rimane sempre attivo dal momento

Dettagli

La firma digitale Del PTB

La firma digitale Del PTB La firma digitale Del PTB :: Firma Digitale :: La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file primi passi e uso dei file 1 Sistemi operativi per PC I sistemi operativi per personal computer più diffusi sono: Windows (Microsoft) Linux (freeware) MacOS (Apple) Il laboratorio verterà su Windows 2

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE PEC

MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE PEC Comune di Mentana Provincia di Roma ALLEGATO 11 al Manuale di Gestione del Protocollo informatico, dei documenti e dell Archivio del Comune di Mentana MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE PEC Cos è la PEC?

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b]

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b] 7 CHECK LIST 7.1 Tabella di Controllo sezione 1 A R.1.1 [TU4452000/52/1/a] Garanzie di sicurezza e integrità del sistema A R.1.2 [DPCM311000/7/1] Requisiti minimi di sicurezza del sistema operativo dell

Dettagli

FORMATI. Indice 12-3-2014. Supplemento ordinario n. 20 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 59 ALLEGATO 2

FORMATI. Indice 12-3-2014. Supplemento ordinario n. 20 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 59 ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 FORMATI Indice 1 2 3 4 5 INTRODUZIONE IFORMATI 2.1 Identificazione 2.2 Le tipologie di formato 2.3 Formati Immagini 2.3.1 Raster 2.3.2 Vettoriale 2.4 Altri Formati 2.5 Le caratteristiche generali

Dettagli

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC 1 STRUTTURA E NORMATIVE 2 IL SISTEMA OPERATIVO 3 TESTI, IPERTESTI E PRESENTAZIONI 4 LE RETI TELEMATICHE E INTERNET 5 IL FOGLIO DI CALCOLO EXCEL 6 BASI DI PROGRAMMAZIONE TIPOLOGIA VERIFICHE.

Dettagli

MANUALE DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI

MANUALE DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI MANUALE DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Manuale della Conservazione Pag.2 di 11 Indice 1. Introduzione... 3 2. Descrizione del servizio... 4 2.1. Fasi del servizio di conservazione

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Allegato 2 FORMATI BOZZA

Allegato 2 FORMATI BOZZA Allegato 2 FORMATI Pagina 1 di 14 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 I FORMATI... 3 2.1 Identificazione... 3 2.2 Le tipologie di formato... 3 2.3 Formati Immagini... 4 2.3.1 Raster... 4 2.3.2 Vettoriale... 4

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 INFORMATICA: Hardware e Software Alunno: Classe: 1 C 08 novembre 2011 prof. Mimmo Corrado Effettua i seguenti calcoli nel sistema binario:

Dettagli

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB Ipertesto, navigazione e cenni HTML Lezione Informatica I CLAWEB 1 Il concetto di Ipertesto (1/2) Definizione: Modello testuale in cui le diverse unità di contenuti non sono articolate secondo un ordine

Dettagli

LINEE GENERALI E COMPETENZE

LINEE GENERALI E COMPETENZE Programmazione disciplinare: INFORMATICA (Liceo Scientifico - Opzione Scienze applicate BIENNIO) ( Anno scolastico 2012/2013) Direttore di Dipartimento: prof.ssa Adriani Emanuela LINEE GENERALI E COMPETENZE

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

VADEMECUM PER IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI NOTIFICATI AI SENSI DELL ART. 3 BIS l. 53/1994

VADEMECUM PER IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI NOTIFICATI AI SENSI DELL ART. 3 BIS l. 53/1994 VADEMECUM PER IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI NOTIFICATI AI SENSI DELL ART. 3 BIS l. 53/1994 Avv. Roberto Arcella - Dr. Stefano Baldoni sommario premessa normativa... 1 raccomandazione preliminare...

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1

Sommario. MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 Sommario MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione, 1 UD 1.1 Algoritmo, 3 L algoritmo, 4 Diagramma di flusso, 4 Progettare algoritmi non numerici, 5 Progettare algoritmi numerici, 5

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 1: il sistema computer

UNITÀ DIDATTICA 1: il sistema computer Istituto Tecnico Industriale Statale "Othoca" A.S. 2014/15 CLASSE:1F PROGRAMMA DI: Tecnologie Informatiche DOCENTE: Nicola Sanna UNITÀ DIDATTICA 1: il sistema computer Il corpo del computer: l'hardware

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

Il software SLpct è distribuito con licenza opensource GNU GPL 3, e può essere liberamente. Pag 3 di 38

Il software SLpct è distribuito con licenza opensource GNU GPL 3, e può essere liberamente. Pag 3 di 38 Guida all'installazione e Manuale utente di SLpct Indice Premessa... 3 Scaricare e installare SLpct... 4 Configurare SLpct... 7 Configurazione utenti... 11 Creazione di una busta Campo Codice fiscale del

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA. Docente. Stefania Melillo

CORSO DI INFORMATICA. Docente. Stefania Melillo CORSO DI INFORMATICA Docente Stefania Melillo Cosa significa informatica? Il termine nasce dalla fusione di due parole, INFORMazione e automatica le informazioni vengono immesse, in un calcolatore capace

Dettagli

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono:

Altre due categorie non rientrano né nel software di sistema, né in quello applicativo pur contenendo elementi tipici di entrambi sono: 3. Il Software TIPI DI SOFTWARE La macchina come insieme di componenti hardware di per sé non è in grado di funzionare. Sono necessari dei programmi progettati dall uomo che indicano la sequenza di istruzioni

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Decreto Ministero dell Economia e delle Finanze 4 agosto 2015, in GU 10 agosto 2015, n. 184

Decreto Ministero dell Economia e delle Finanze 4 agosto 2015, in GU 10 agosto 2015, n. 184 1 Specifiche tecniche previste dall articolo 3, comma 3, del regolamento recante la disciplina dell uso di strumenti informatici e telematici nel processo tributario in attuazione delle disposizioni contenute

Dettagli

ECDL Base. ECDL Full Standard

ECDL Base. ECDL Full Standard http://www.nuovaecdl.it/ Modulo ECDL Base ECDL Full Standard ECDL Standard Computer Essentials Sì Sì Sì (1) Online Essentials Sì Sì Sì (1) Word Processing Sì Sì Sì (1) Spreadsheets Sì Sì Sì (1) IT Security

Dettagli