Presentazione del corso:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione del corso:"

Transcript

1 Università degli Studi "G. d'annunzio" Chieti Facoltà di Medicina Presentazione del corso: Informatica Generale Prof. Antonio Manzo Laurea in Fisica indirizzo Elettronico Abilitazioni all'insegnamento di Matematica, Fisica, Informatica, Elettronica Docente di Sistemi Automatici ITIS Pescara Docente di Matematica e Fisica Liceo Da Vinci Pescara Referente e Esaminatore AICA per ECDL (European Computer Driving Licence) Patente Europea del Computer

2 I FOGLI ELETTRONICI

3 1. OpenOffice.calc Execel e OpenOffice.calc sono due fogli elettronici che nell'uso comune sono Equivalenti. La differenza sostanziale è che in Excel, al contrario di OpenOffice.calc, vi è incorporato un surrogato del linguaggio di programmazione Visual Basic VB chiamato VBA che è di proprietà della Microsoft. OpenOffice.calc ha un modulo per l'esecuzione delle procedure VBA ma non ha il modulo per generare le routine di programma. 1.1.Caratteristiche di base: Barra delle formule Intestazione delle colonne Campo dei riferimenti Intestazione delle righe Barra di selezione dei fogli Illustrazione 1: L'Editore di OpenOffice.calc calc è un programma libero di OpenOffice che consente di lavorare su grandi quantità di dati numerici per effettuare operazioni matematiche o per realizzare tabelle e grafici. Può essere eseguito dal menù attivabile da pulsante di avvio o cliccando su un file che contiene un foglio di calcolo. I documenti realizzati con calc hanno estensione ods Esso è comunque in grado di aprire altri documenti realizzati con altri software di calcolo come Excel che hanno estensione xls, tabelle e grafici. Può essere eseguito dal menù attivabile da pulsante di avvio o cliccando su un file che contiene un foglio di calcolo. I documenti realizzati con calc hanno estensione ods. Esso è comunque in grado di aprire altri documenti realizzati con altri software di calcolo come Excel che hanno estensione xls.

4 Illustrazione 2: Il Menù di File di Calc Nuovo documento, apertura chiusura, salvataggio Con OpenOffice c'è la possibilità di scegliere quale tipo di documento si intende aprire con Nuovo. Con Apri si visualizzano i file scegliendo le diverse opzioni circa i formati e con la possibilità di ricerca fra le unità di memoria. Con Documenti recenti si accelera la ricerca. Quando si chiude il documento occorre precisare il percorso, cioè l'unità e la directory in cui salvare. La procedura per il salvataggio si distingue in Salva e Salva con nome. La prima opzione è analoga alla procedura di Chiudi mentre per la seconda si può scegliere il formato del file da salvare. Al proposito con Open Office c'è un'ampio ventaglio di formati finali. Barra delle formule Visualizza il contenuto della cella selezionata.se una cella ontiene una formula, visualizza la formula (da cui il nome), mentre nella cella viene visualizzato il risultato della stessa. Esso è comunque in grado di aprire altri documenti realizzati con altri software di calcolo come Excel che hanno estensione xls, tabelle e grafici. Può essere eseguito dal menù attivabile da pulsante di avvio o cliccando su un file che contiene un foglio di calcolo. I documenti realizzati con calc hanno estensione ods. Un documento calc è formato da fogli, ognuno dei quali ha una griglia paragonabile a quella di un foglio a quadretti. Ciascun quadretto è identificato con due riferimenti dati dagli identificativi della

5 colonna e della riga di appartenenza (es. A2 oppure C2). L'etichetta del foglio riporta il nome del foglio che può essere personalizzato rinominandolo (ad es. consumo di acqua calda al posto di Foglio 1. Ciò si ottiene aprendo la finestra contestuale con il clic del pulsante destro del mouse sull'etichetta e poi cliccando sulla voce Rinomina. La cella è l'elemento corrispondente al singolo quadretto del foglio a quadretti. La cella ha dunque due riferimenti: uno per la riga ed uno per la Colonna numeri contenuti in altre celle. Una cella può contenere numeri, testo e formule. Le formule consentono di introdurre nella cella selezionata dove si trovano il risultato di calcoli basati su numeri contenuti in altre celle. Per poter operare su un documento occorre prima caricarlo nella memoria centrale, poi al termine, occorre salvarlo in una memoria di massa. Queste operazioni fondamentali sono realizzabili dal Menu alla voce File dalla barra delle unzioni - Le principali sono: Nuovo foglio elettronico crea nuovo foglio di calcolo vuoto. Apri - apre un foglio di calcolo realizzato in precedenza, cioè lo carica in RAM per poterci lavorare. E' possibile tenere aperti più fogli contemporaneamente e passare dall'uno all'altro con l'uso della voce Finestra del Menu o attraverso i pulsanti della barra delle applicazioni chiede se si intende farlo adesso (se si risponde no il documento o le variazioni apportate andranno irrimediabilmente persi). Procedure guidate consente di realizzare un documento secondo un percorso guidato che aiuta l'utente a scegliere le migliori impostazioni di stile per il tipo di documento voluto. Salva registra il foglio di calcolo su una memoria di massa (in modo da renderlo inutilizzabile in seguito). Se il documento esisteva già, calc lo salva senza altri permessi, altrimenti si richiedono gli stessi passaggi richiesti con Salva con nome. Salva con nome è soprattutto usato per creare una seconda copia del documento con nome diverso nella stessa cartella o in una diversa. Chiudi chiude un foglio di calcolo, cioè lo cancella dalla memoria RAM. Se il documento non è stato salvato, calc chiede se si intende farlo adesso (se si risponde no il documento o le variazioni apportate andranno irrimediabilmente persi). Selezione celle, righe, colonne Qualunque operazione in calc richiede che prima sia selezionata la cella o il gruppo di celle su cui l'operazione deve essere eseguita. La selezione può avvenire in diversi modi: Selezione di una cella basta cliccare su di essa con il mouse o spostarsi con i tasti cursore.

6 Selezione di un gruppo di celle Ci sono 2 modi: con il mouse - posizionarsi sulla prima cella e selezionare il gruppo tenendo premuto il tasto sinistro del mouse; con la tastiera posizionarsi sulla prima cella e selezionare il gruppo con i tasti cursore tenendo premuto il tasto maiuscole; Selezione di gruppi di celle non vicine selezionare i vari gruppi tenendo premuto il tasto Ctrl. Sezione di una riga o di una colonna cliccare sull'intestazione di riga o di colonna. L'intestazione è la parte grigia posta all'inizio delle righe e delle colonne contenente l'identificatore di riga (numero) o di colonna (lettera). Selezione di un intero Foglio Cliccare sull'elemento grigio posto all'incrocio tra le intestazioni di riga e colonna. Togliere una selezione è sufficiente cliccare in un punto Illustrazione 3: Selezione di celle non adiacenti esterno alla selezione o muoversi con i tasti cursore. Il ridimensionamento righe - con il mouse posizionarsi con il mouse sul bordo tra l'intestazione della riga che si vuol ridimensionare e la successiva, cliccare e trascinare il bordo; Da menu - selezionare una cella della riga da ridimensionare e scegliere il menù Formato - Riga-Altezza: viene mostrata una finestra di dialogo nella quale si può scrivere l'altezza voluta. Da menu contestuale - premere il tasto destro del mouse sull'intestazione della riga da ridimensionare e scegliere la voce Altezza riga. Il ridimensionamento colonne Con il mouse: posizionarsi con il mouse sul bordo tra l'intestazione della colonna che si vuol ridimensionare e la successiva, cliccare e trascinare il bordo. Il ridimensionamento righe - con il mouse posizionarsi con il mouse sul bordo tra l'intestazione della riga che si vuol ridimensionare e la successiva, cliccare e trascinare il bordo; Da menu - selezionare una cella della riga da ridimensionare e scegliere il

7 menù Formato - Riga - Altezza: viene mostrata una finestra di dialogo nella quale si può scrivere l'altezza voluta. Da menu contestuale - premere il tasto destro del mouse sull'intestazione della riga da ridimensionare e scegliere la voce Altezza riga. La figura a fianco mostra come selezionare gruppi di celle non adiacenti. Da menù: selezionare una cella della riga da ridimensionare e s'cegliere il menù Formato - Riga - Altezza: viene mostrata una finestra di dialogo nella quale si può scrivere la larghezza voluta. Da menù contestuale: premere il tasto destro del mouse sull'intestazione della riga da ridimensionare e scegliere la voce Larghezza colonna. Inserimento eliminazione Fogli, righe, colonne, celle Inserimento di un nuovo Foglio -Selezionare il menù Inserisci-Foglio; inserire il nome del foglio e scegliere dove lo si vuol posizionare Eliminazione di un Foglio selezionare il menù Modifica Elimina Foglio. Inserimento di una riga o colonna selezionare una cella della riga o della colonna nella cui posizione si vuole inserire, selezionare il menù Inserisci - Righe o Inserisci - Colonne a seconda che si voglia inserire una riga o una colonna. In alternativa premere il tasto destro del mouse sull'intestazione della riga o colonna in cui si vuol inserire e scegliere Inserisci dal menù contestuale. Eliminazione di una riga o colonna selezionare la riga o la colonna da eliminare (cliccando sulla corrispondente intestazione riga o colonna), selezionare il menù Modifica - Elimina celle. In alternativa dopo essersi posizionati su una cella della riga o colonna da eliminare, premere il tasto destro del mouse sulla relativa intestazione e scegliere la voce Elimina. Inserimento di una cella o gruppo di celle - selezionare la cella o il gruppo di celle in cui si vuole, inserire, selezionare il menù Inserisci - Celle o premere il tasto destro del mouse e scegliere la voce Inserisci celle. Appare una finestra che chiede se le celle che attualmente occupano le posizioni in cui si vuol inserire devono essere spostate a destra o in basso. Scegliere l'opzione voluta e premere OK. Eliminazione di una cella o gruppo di celle - selezionare la cella o il gruppo di celle da eliminare, selezionare una finestra che chiede se le celle intorno a quelle da eliminare devono essere spostate a sinistra o in alto. Scegliere l'opzione voluta e premere OK. Inserimento - cancellazione - modifica del contenuto di una cella Inserimento - per inserire qualcosa in una cella è sufficiente selezionarla e scrivere; al termine premere il tasto Invio o selezionare un'altra cella. Se la cella contiene già qualcosa il nuovo testo cancellerà il vecchio. Se il testo

8 scritto supera le dimensioni della cella e la successiva è vuota, esso verrà Illustrazione 4: La formula di D1 copiata in E3 si sposta di due righe e di una colonna) mostrato per intero. Se la cella successiva è piena, il testo verrà mostrato solo fino ai limiti della sua cella e vicino al bordo destro della cella verrà mostrato un triangoletto rosso che indica che il testo non è finito. Comunque il testo completo verrà mostrato nella barra delle formule ogni volta che si seleziona la cella. Cancellazione: è sufficiente selezionare la cella o il gruppo di celle di cui si vuol cancellare il contenuto e premere il tasto Canc.Modifica. Se si vuole modificare il contenuto di una cella senza doverlo riscrivere da capo, si deve: selezionare la cella, cliccare sulla barra delle formule, posizionarsi con i tasti cursore nel punto di modifica, cancellare con il tasto Canc o Backspace la parte da sostituire ed inserire il nuovo testo. Spostamento e copia di celle e aree Spostamento di una cella o gruppo di celle selezionare la cella o il gruppo da spostare; premere il pulsante Taglia sulla barra delle funzioni o scegliere il menù Modifica Taglia o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Taglia; posizionarsi nel punto in cui spostare, premere il pulsante Incolla o scegliere il menù Modifica - Incolla o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Incolla. Copia di una cella o gruppo di celle : selezionare la cella o il gruppo da copiare; premere il pulsante Copia sulla barra degli strumenti o scegliere il menù Modifica Copia o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Copia; posizionarsi nel punto in cui copiare, premere il pulsante Incolla o scegliere il menù Modifica Incolla o attivare il menù contestuale e scegliere la voce Incolla. 1.2.Copia intelligente di una cella o gruppo di celle Se si seleziona una cella o gruppo di celle e si preme e si trascina il quadratino nero che compare nell'angolo in basso a destra della selezione, si ottiene una copia intelligente del contenuto delle celle. Questo significa che calc cerca di interpretare il contenuto della/e cella/e e di

9 inserire nelle nuove celle valori coerenti con quello della/e cella/e di partenza. Per esempio se scriviamo la cifra 1 in una cella e facciamo il trascinamento intelligente, le celle successive conterranno le cifre 2, 3, 4, 5 ecc. ecc.. Se scriviamo Gennaio e trasciniamo, nelle celle successive appariranno i mesi successivi (attenzione nel trascinare si è guidati da un'opportuna legenda di scorrimento dei mesi). Formato numerico - se la cella contiene un numero, è possibile scegliere il Illustrazione 6: Effetto della copia della formula formato in cui verrà visualizzato. Dalla barra degli strumenti si possono Illustrazione 7: Riferimenti misti selezionare i formati: valuta, percentuale standard; inoltre è possibile scegliere anche il numero di cifre decimali da visualizzare. Dal menù Formato-Celle-Numeri è possibile scegliere anche altri formati. Una formula consente di effettuare operazioni matematiche su numeri contenuti in altre celle del foglio di lavoro. In una cella possiamo fare un calcolo. Per indicare a calc che si sta inserendo una formula occorre digitare prima =. In A1 e in B1 vi sono numeri mentre in C1 vi è una formula (ill. 35). In C1 dopo aver Illustrazione 5: Effetto dei riferimenti misti sulla copia premuto il tasto

10 Invio si formerà il risultato della somma dei numeri in A1 e B1 come si vede nella ill. 50 calc interpreta i simboli A1 e B1 come coordinate degli addendi. Se si cambiano i numeri in A1 e in B1 non occorre riscrivere la somma in C1 perché calc ricalcola in modo automatico la nuova somma. Naturalmente si possono eseguire calcoli in modo diretto. 1.3.Riferimenti relativi e assoluti. Quando si copia una cella che contiene una formula, i riferimenti di cella presenti in questa vengono modificati in base alla posizione finale della cella destinataria. Copiando la formula di C1 in C2, automaticamente la formula diventa =A2+B2. I riferimenti si spostano di quanto è il salto (in termini di celle) tra la cella dove si copia e quella da cui si è copiata la formula. In tal caso i riferimenti alle colonne A e B non cambiano perché non è cambiata la colonna su cui si è copiata la formula stessa. Al contrario i riferimenti di riga Illustrazione 8: Riferimenti assoluti sono slittati di 1. In questo caso i riferimenti sono detti relativi (illustrazione 36). Si noti la differenza dei risultati fra la copia della stessa formula della cella C1 in C2 (foglio di sinistra) e in D3 (foglio di destra). I riferimenti di riga e di colonna slittano di una riga nel primo caso e di due righe e una Illustrazione 9: Effetto dei riferimenti assoluti sulla colonna nel secondo caso, cioè copia tanto quanto è la differenza fra le righe e le colonne di origine e quelle di destinazione. Se si vuole evitare Illustrazione 10: Esempio di uso dei riferimenti misti

11 che i riferimenti di cella cambino nella copia di una formula è necessario mettere davanti alle coordinate di cella il simbolo $ (dollaro) cioè trasformare la formula di C1 nei riferimenti nel modo seguente =$A$1+ $B$1. Il risultato di C1 è uguale a quello di C2. La copia è stata fatta alla stessa maniera ma il risultato è diverso perché durante la copia, grazie al simbolo $, non sono cambiati i riferimenti. In tal caso il riferimento si dice assoluto. In alcuni casi é necessario usare riferimenti misti. Nelle formule copiate da C3 in C4, C5, C6 (ill.38), vi é stato il salto di celle solo per le righe e non per le colonne (la colonna é sempre C ). Pertanto il riferimento assoluto $ va premesso solo al riferimento di riga (riferimento cosiddetto misto). Se la formula in C6 fosse stata =$B$1*B6 il risultato non sarebbe cambiato. Il riferimento assoluto è necessario quando le formule in diverse celle devono usare un valore contenuto in una sola cella come nel caso che segue. Nelle due figure successive si mostra come si trasforma la formula di D1 quando è copiata in E Funzioni standard (predefinite) calc mette a disposizione un insieme di funzioni già pronte: Esse sono elencate nella finestra Creazione guidata formule che si apre cliccando la Illustrazione 11: Finestra delle funzioni predefinite

12 voce Funzione del sotto menù Inserisci (fig. 13). Ad es. la funzione SOMMA() che calcola la somma dei contenuti delle celle. Ggli elementi fra parentesi sono detti argomenti. La stessa funzione è attivabile cliccando sul simbolo sommatoria Σ nella barra delle formule. Nella scheda delle Funzioni sono rappresentate quelle già implementate che sono raggruppate per facilitarne la ricerca suddivise in categorie e nella scheda Struttura vi è una utile guida dell'uso. Nella parte finale della funzione vengono scritti, fra parentesi, gli argomenti. Ad esempio Illustrazione 12: Esempio di uso della funzione CONTA.SE MEDIA(A1,A2, A3), vuol dire che la media si effettua con i numeri inseriti nelle celle A1, A2,A3. Quando le celle sono contigue come in questo caso gli argomenti possono essere così indicati A1:A7. Anche se si è molto esperti capita sempre di dover consultare la Guida. 1.5.La funzione CONTA.SE(Intervallo;criterio) Si abbia un elenco di ricoverati (matrice A2:B8) con l'età. Per contare quanti ricoverati hanno l'età < =50 anni e quanti più di 50 anni utilizziamo la funzione conta.se. Gli argomenti della funzione sono: L'area dei valori che, in questo caso, avendo copiato la funzione in Illustrazione 13: Esempio di uso della funzione SE D2, colonna a fianco, deve avere la colonna fissa (riferimento assoluto davanti). Per la riga non

13 occorre invece il riferimento assoluto. L'altro argomento è il criterio che in questo caso è dinamico nel senso che cambia da C1 a D1. Illustrazione 14: Esempio di uso della funzione CERCA.VERT 1.6.La Funzione SE Si desidera scrivere un' altra colonna accanto all'età con giovane se essa è <=50 oppure anziano in caso contrario. La sintassi della funzione SE è: =SE(test;se vero;se falso). La funzione scritta in B2 si copia in B3:B8 e in D2:D8. La formula in questo caso non deve avere riferimenti assoluti né per la colonna né per la riga. Cerca.Vert(criterio;intervallo;indice;vero(nel senso è ordinato)) Sia dato l'orario di lavoro dei quattro dipendenti di un reparto:bianchi, Rossi, Neri e Verdi come da fig..con la fotmula in A6 si determina il dipendente al lavoro in una certa data (es. 12/0/10) e in un determinato turno (es.3). Rispetto alle altre sintassi già viste c'è indice come argomento che indica il numero d'ordine della colonna. Con criteri analoghi può essere usata la funzione Cerca.Orizz. La differenza è che, per l'esempio

14 Illustrazione 15: La sintassi delle funzioni predefinite fatto, la ricerca si fa sui turni mentre per la data occorrerebbe indicizzare la data (non conviene).

15 1.7.ESEMPIO DI CALCOLO: Per la preparazione e la somministrazione di un farmaco. calcolare il numero di gocce al minuto da fare erogare da un micro gocciolatore una volta preparata la soluzione. La soluzione viene preparata tenendo conto del dosaggio, del peso del farmaco, del volume di soluzione a disposizione e del peso del paziente. I Illustrazione 16: Configurazione di un gocciolatore parametri iniziali sono: Il dosaggio del farmaco dato in microgrammi (della medicina) per chilo (del paziente al minuto (velocità di erogazione) (mcg/kg/min) in B1; Il volume del diluente in milli litri (ml) in B2; Peso del farmaco nella fiala; (milligrammi mg) in B3; Peso del paziente in Kg in B4; Caratteristiche del gocciolatore (dimensione delle gocce: numero di gocce per erogare 1 ml di soluzione); Le formule sono riportate sul foglio ill.57.

16 1.8.Tabelle Pivot (per motivi non chiar Pilot in OpenOffice) Uso delle tabelle Pivot per analizzare i dati di un elenco. Selezionare l'elenco e poi dal Menù digitare Dati, DataPivot e Avvia. Dopo aver scelto se servirsi dell'elenco attuale oppure di un altro archiviato in qualche memoria, si arriva allo schema guida di figura. Illustrazione 17: Elenco di articoli vari Per compilare lo schema occorre aver chiaro l'obbiettivo da raggiungere e quindi individuare una voce dell'elenco da mettere al centro (Pivot). In Si preme il pulsante Filtro e si estraggono i dati che interessano riportati sotto Illustrazione 18: Uso della tabella Pivot per organizzare i dati dell'ill.17

17 questo esempio si è scelto Importi Fattura. 1.9.Risolvere un'equazione (se risolvibile) possiamo usare lo strumento Risolutore che si attiva con un click su Strumenti del Menù. Si voglia risolvere l'equazione che si trova B1. Si definisce la Illustrazione 19: Esempio di applicazione del Riosolutore cella A2 come x facendo click su Inserisci, Nomi, Definisci. Inizialmente A2=0 e quindi anche x = 0 e l'espressione (l'equazione Illustrazione 20: esempio di applicazione del Risolutore senza 2 membro) in B2 vale -2. Facendo click su Strumenti del Menù e poi click su Ricerca valore di destinazione si ha la seguente finestra di dialogo, si inseriscano i valori visualizzati e Ok. Si ottiene il risultato il risultato 0,68 che appare nella cella Illustrazione 21: Finestra finale del Risolutore A2. Se l'equazione non ammette soluzioni apparirà un messaggio di avviso.

18 2. I Grafici Spesso l'analisi e l'elaborazione dei dati numerici può essere aiutata da opportuni diagrammi (o grafici); I fogli di calcolo elettronico mettono a disposizione la possibilità di costruzione dei grafici. calc guida l'utente nel Illustrazione 22: Finestra della guida per la scelta del tipo di grafico loro utilizzo come si vede nella schermata: Illustrazione 23: Grafico a "Torta" Il grafico a TORTA mette bene in evidenza il confronto dei ricoveri nei diversi reparti. Il numero dei flaconi di acqua distillata può essere correlato al numero dei ricoverati e agli anni trascorsi.

19 In funzione dei dati da rappresentare, i diagrammi sono (devono) essere di tipi diversi. Si propone come esercitazione la costruzione dei grafici dei ricoveri dei vari reparti in funzione degli anni in base alla seguente tabella. Annno Ortopedia Pediatria Medicina totali La composizione dei ricoveri di un ospedale sarà efficacemente Illustrazione 24: Grafico XY e a Linea e linee di andamento

20 visualizzata confrontando le percentuali dei ricoveri nei vari reparti per mese ( scrivere il primo mese e poi trascinare la cella) come nell'ill.24. Il seguente esempio mostra una tabella dove sono riportati i consumi di flaconi di acqua e i ricoveri in due reparti. Sono riportati due tipi di grafico, il primo Linea, il secondo Colonne per gli stessi dati. Sul primo è riportata la linea di andamento e sul secondo la linea media dei flaconi. Le linee di tendenza evidenziano che il consumo di flaconi è in controtendenza rispetto al numero dei ricoveri (anomalia che andrebbe approfondita). Notare che la base dei dati è la colona dei mesi anziché quella della numerazione delle righe come è per default. Con il tipo a Linea il confronto fra gli andamenti appare più evidente che non nel tipo a Colonne. Nell'esempio seguente la tabella riporta il tasso di mortalità per tumori per fasce d'età. In tal caso il grafico più opportuno è a Dispersione o XY. Il risultato è un insieme di punti sul piano cartesiano. In tal caso, applicando la funzione Correlazione si ottiene il risultato 0,81 che implica una scarsa relazione diretta fra le misure statistiche. Fare click Dx Illustrazione 25: L'andamento viene approssimato con una curva esponenziale su un punto del grafico e si apre il menù contestuale, si seleziona linea di tendenza, quindi click su tipo Esponenziale si ottiene la linea di andamento esponenziale che è molto prossima all'andamento dei punti. In tal caso si sceglie come linea di andamento quella lineare e si ottiene

21 Illustrazione 26: La curva è approssimata con un'altra ad andamento lineare che la linea di andamento approssima bene l'insieme dei punti ed che il coefficiente di correlazione r = 0,98. Ciò mostra una relazione convincente fra le due variabili. Il risultato che si può trarre è quindi che il tasso di mortalità è dipendente esponenzialmente con le fasce di età. Negli esempi che seguono si mostra come si possano fare le simulazioni utilizzando il calcolo automatico di un foglio elettronico.

22 ESEMPIO: Determinazione delle traiettorie sul piano di corpi di massa ms con velocità Velx, Vely iniziali e nella posizione (posx,posy) in un piano cartesiano dove all'origine è posto un corpo di massa MT. La costante gravitazionale è in H2 e l'intervallo di empo della rilevazione è in J2. Partendo dall'stante 0 in A4 con l'applicazione delle formule esposte nelle note si rideterminano la nuova velocità e la nuova posizione del Illustrazione 27: Simulazione del Moto dei pianeti corpo ms. L'esempio è puramente qualitativo. Sul grafico di tipo XY sono riportati le posizioni posx(t) e posy(t) di ms.(azzurro) e in giallo sono riportati gli istanti in funzione della posizione posx(t). Tale curva mostra i periodi di oscillazioni del corpo ms. Si è supposto che gli intervalli di tempo siano tanto brevi che è possibile ipotizzare un moto rettilineo ed uniforme.

23 ESEMPIO: Caduta di una sfera in un liquido viscoso. Le formule applicate sono nell'intervallo A2:A6. Si è supposto che gli intervalli sono così brevi da ritenere il moto rettilineo e uniforme.il grafico riporta la velocità v(t). e il risultato è teoricamente corretto. Illustrazione 28: Simulazione della caduta di un corpo in un mezzo viscoso

24 ESEMPIO: Calcolo automatico della probabilità per una distribuzione standard normalizzata. Si inseriscono il limite inferiore, il limite superiore attraverso le celle denominate a e b. Nel caso uno dei due dovesse mancare premere il tasto Blank Invio a vuoto. Illustrazione 29: Automazione del calcolo di probabilità in una distribuzione normalizzata standard

25 Si fa uso della funzione predefinita Cerca.Orizz... Si preme il pulsante Avvio e con la funzione InputBox si inseriscono i valori di a e di b. Per il risultato scegliere il pulsante opportuno. Nella ill. per valori di a e di b si ottiene premendo il pulsante p(a<z>b) si ha =0,1358. Il codice è il seguente. A6 e B6 contengono rispettivamente la formula Cerca.orizzontale per calcolare la probabilità per z>a e z>b. SORGENTE Private Sub CmdPab_Click() TextBox2.Text = "" TextBox3.Text = "" TextBox1.Text = Abs(Range("B6") - Range("A6")) Private Sub CmdPb1_Click() TextBox1.Text = "" TextBox3.Text = "" If b > 0 Then TextBox2.Text = Abs(0.5 + Range("b6")) Else TextBox2.Text = Abs(0.5 - Range("b6")) End If

26 Private Sub CmdPb2_Click() TextBox1.Text = "" TextBox2.Text = "" If b > 0 Then TextBox3.Text = Abs(0.5 - Range("b6")) Else TextBox3.Text = Abs(0.5 + Range("b6")) End If Private Sub CmdAvvio_Click() Range("B4") = InputBox("Immettere valore di a") TextBox4.Text = Range("B4") Range("D4") = InputBox("Immettere Valore di b") TextBox5.Text = Range("D4") a = Cells(4, 2) b = Cells(4, 4) Private Sub CmdAzzera_Click() TextBox2.Text = "" TextBox1.Text = "" TextBox3.Text = "" TextBox4.Text = "" TextBox5.Text = "" Range("B4") = "" Range("D4") = "" Private Sub Worksheet_SelectionChange(ByVal Target As Range) TextBox2.Text = "" TextBox1.Text = "" TextBox3.Text = "" TextBox4.Text = "" TextBox5.Text = "" Range("B4") = "" Range("D4") = ""

27 VISUAL BASIC

28 3. Visual Basic e La Programmazione orientata agli oggetti I linguaggi di programmazione orientati agli oggetti come Visual Basic, codificano gli algoritmi del progetto e usano oggetti standard o creati dall'utente. Questi possono avere Proprietà e Metodi. Le proprietà e i metodi si riferiscono alla loro individuabilità, alle opzioni geometriche/grafiche e alle possibili azioni degli oggetti. Un programma è composto da una sequenza di subroutine che rispondono a degli eventi che saranno invocati in una subroutine principale o con le azioni sugli oggetti che compongono il progetto. Le subroutine possono essere del tipo Private o Public se utilizzate solo nel programma corrente o meno. Le Macro dei pacchetti Office possono essere sviluppate in Visual Basic Application VBA che, essendo un prodotto Microsoft, non è a disposizione di pacchetti non Microsoft. OpenOffice è comunque in grado di eseguire le Macro anche dei pacchetti Microsoft. In VBA non sono presenti tutte le risorse di VB. In generale vi sono due tipi di linguaggi di programmazione: Interprete e Compilatori. L'interprete al contrario dei tipi Compilatori non trasforma preventivamente tutto il programma scritto, denominato sorgente, insieme alle parole chiave tipiche del linguaggio usato, in linguaggio macchina. Pertanto il tipo interprete risulta più lento nell'esecuzione dei programmi pur avendo il vantaggio di modifiche del programma stesso durante la sua esecuzione. Visual Basic messo a confronto con altri linguaggi similari (Visual C e Delphy) presenta le stesse opportunità anche se risulta più lento in programmi a scopi scientifici. Nella figura successiva sono messi in evidenza i passi che portano alla produzione di un file eseguibile: Il sorgente viene scritto con un editore di testo usando la struttura e la sintassi del linguaggio di programmazione usato. Anche l estensione del nome del file dipende dal linguaggio; nel caso di Visual Basic il progetto completo è del tipo name.vbp.

29 Disegno 1: Fasi della costruzione di un eseguibile Questo testo viene tradotto da un compilatore in una sequenza di 01 (linguaggio macchina) detto programma oggetto name obj (object); Il programma oggetto deve essere collegato dal linker ai moduli precostituiti del linguaggio di programmazione ottenendosi in tal modo il Disegno 2: Struttura di un programma applicativo programma eseguibile. name.exe.

30 Se i passaggi precedenti non contengono errori al termine si ottiene il file exe (eseguibile). Alcuni linguaggi di programmazione non compilano tutto il testo in una sola volta bensì interpretano ed eseguono le istruzioni volta per volta. Il file comunque ottenuto è composto da istruzioni, dati e interfaccia come schematizzato nella ill. 8. Le istruzioni sono contenute nel sorgente. I dati possono essere inseriti sia nel sorgente che in un database esterno. L'interfaccia è un insieme di oggetti che facilitano l'uso del programma. 3.1.Modelli Un modello è una rappresentazione di una parte della realtà che, isolandola dal contesto, tiene conto di tutti gli elementi determinanti per la soluzione di un problema a essa inerente. Il passaggio dal problema al modello è un processo di formalizzazione che tiene conto degli elementi caratterizzanti di ciò che si intende studiare e le relazioni che intercorrono fra essi. Si arriva alla soluzione dei problemi attraverso algoritmi. 3.2.Algoritmi Un algoritmo è una successione ordinata e finita di tutte le operazioni da compiere per raggiungere il risultato desiderato. In generale dovranno essere seguiti i seguenti passaggi: Individuazione degli obiettivi Costruzione del modello del problema Individuazione dei dati disponibili Individuazione del processo risolutivo e/o legge fisica Costruzione dell'algoritmo Comunicazione dei risultati Ad esempio per la gestione del marketing, in prima analisi, gli elementi che si dovranno considerare sono i clienti, i prodotti, le loro relazioni ed i menu' che consentono all'utente di usare i programmi. Un algoritmo è una sequenza ben definita e ordinata di eventi: Ad esempio è' un evento il Click con il mouse o il suo movimento, l'esecuzione di calcoli, la digitazione di un tasto o la stampa ecc. ecc..modello e algoritmo sono intimamente connessi. Se occorre definire un percorso fra due località occorre definire il modello di riferimento. Ad esempio se hanno importanza o meno i particolari del percorso. Se ad esempio devo

31 inquadrare il percorso Pescara Roma per il rimborso del pedaggio autostradale devo semplicemente precisare i caselli di entrata e di uscita, mentre se lo scopo è di individuare il tempo di percorrenza bisogna indicarne la tortuosità, le pendenze, ecc. ecc. Quindi i modelli sono diversi a seconda del problema da risolvere. L'algoritmo nel primo caso dovrà essere in grado di determinare il pedaggio, mentre nel secondo, un tempo di percorrenza. Il linguaggio di progetto per definire un algoritmo consiste nella descrizione dettagliata e sequenziale di tutte le azioni. Esempio di Algoritmo Un cortile rettangolare di 60m x 40m ha al centro un'aiuola circolare di raggio 5 m. Il cortile deve essere pavimentato con mattonelle quadrate di 33cm di lato. Determinare il numero di mattonelle e il costo sapendo che mattonelle più mano d'opera costano 35 al mq. In una prima fase si usa il seguente linguaggio di progetto. Inizio Leggi lato1 (rettangolo) Leggi lato2 (rettangolo) Leggi raggio (aiuola) Leggi lato3 (mattonella) Leggi costo unitario(mattonella+ mano d'opera) Calcolo area_cortile Calcolo area_aiuola Calcolo area_rettangolo - area_aiuola Calcolo area_mattonella Scrivi Calcolo ((area_cortile area_aiuola)/area_mattonella)*costo unitario Fine Dopo di che si scrive il codice nel linguaggio desiderato. Il Flow Chart è qello del dis. 9. Questo codice è riportato nel dis. 14. inizio Introduci: Base, Altezza, Raggio, Lato, Costo unitario Calcolo Scrivi = calcolo (Base*Altezza-Pigreco*Raggio^2)^Costo_unitario)/Lato^2 Disegno 3: Flow Chart del calcolo del costo della pavimentazione fine

32 Calcolare la media di tre numeri Linguaggio di progetto Inizio Leggi A Leggi B Leggi C Media=(A+B+C)/3 Scrivi Media Fine Notare che fra una riga e la successiva vi è un diverso allineamento che indica la sequenza e Disegno 4: Diagramma di flusso la gerarchia dei segmenti di programma della routine "Media" (indentazione). Il diagramma di flusso accanto è tradotto con la routine che può essere dugitata al termine dei seguenti passaggi: Dalla barra degli strumenti di Excel opzionare Visual Basic e appare la finestra seguente. Illustrazione 30: Barra degli strumenti di Excel Dopo aver aperto la finestra dei controlli, sul Foglio si Inserisca un pulsante denominato Avvio dis. 10

33 Se non è di default, Visual Basic viene caricato aprendo la barra degli strumenti e con un click sulla voce relativa. Si ottiene in tal modo la finestra sotto. Si può accedere a Visual Basic anche dal Menù principale, Controlo Strumenti Command e Macro. Buttom Si entra nell'editore Finestra delle proprietà Visual Basic facendo Click sull'icona Modalità di Finestra dei Controlli Disegno 5: Finestra dei controlli e delle proprietà degli oggetti in uso progettazione. Con un click sul pulsante creato Media si entra nell'editore VBA in cui si può scrivere il codice. La subroutine è già preimpostata. Si scrive il codice illustrato nella pagina successiva. Nella sub routine si fa uso della Funzione: Inputbox (sintassi nella guida di VBA) e della dichiarazione d variabili Visual Basic Editor Stumenti di controllo Dim variabili As tipo e per scrivere il programma per creare sul foglio sorgente oggetti grafici del Metodo Click dell'oggetto Media. Modalità di progettazione Cliccando alternativamente si passa alla progettazione alla esecuzione SORGENTE Dim A, B, C, M, Media As Double Sub CmdAvvio_Click() A = InputBox(A) Cells(1,1)=A Disegno 6: Finestra di accesso a Visual Basic

34 B = InputBox(B) Cekks(2,1)=B C = InputBox(C) Cells(3,1)=C M = Val(A) + Val(B) + Val(C) Media = M / 3 Cells(4, 1) = Media Essa si attiva con il click sul pulsante Avvio precedentemente creato sul foglio. Oppure, visualizzando l'editore di Visual Basic, dopo aver premuto il pulsante, si inserisce il nome della macro che potrà essere eseguita. La Macro può essere eseguita con Esegui Macro e con un click sul titolo Foglio1. CmdAvvio_click. I controlli che compaiono nella relativa finestra sono attivati facendo click sulla icona rappresentante il controllo desiderato e quindi trascinandolo (drag and drop) nel punto desiderato del foglio. Nell'esempio si fa uso del Command Buttom che viene trascinato nel punto desiderato (Avvio). Si apre la finestra delle proprietà. Nel campo Name si scrive CmdAvvio e nel campo Caption si scrive Avvio. Dim Base, Altezza, Raggio, Lato, Costo_unitario, Calcolo As Double Const pigreco = 3.14 Sub CmdAvvio_Click() Base = Val(InputBox("Base del rettangolo")) Cells(1, 1) = Base Altezza = Val(InputBox("Altezza del rettangolo")) Cells(2, 1) = Altezza Raggio = Val(InputBox("Raggio dell'aiuola")) Cells(3, 1) = Raggio

35 Lato = Val(InputBox("Lato della mattonella")) Cells(4, 1) = Lato Costo_unitario = Val(InputBox("Costo unitario mano d'opera e mattonella")) Cells(5, 1) = Costo_unitario Calcolo = (Base * Altezza - pigreco * Raggio ^ 2) * Costo_unitario / Lato ^ 2 Cells(6, 1) = Calcolo Disegno 7: Codice dell'esempio del costo pavimentazione

36 Strutture di ripetizione ESEMPIO: Con il seguente programma si introducono 100 nomi nella colonna A del foglio elettronico. L'introduzione è interrotta se si digita Invio a vuoto. FOR...TO.NEXT La variabile i funge da contatore che si aggiorna (in questo caso aumenta di 1) quando l'esecuzione torna alla condizione. SORGENTE (in verde le inizio spiegazioni delle istruzioni) Private Sub CmdAvvio_Click() falso vero I < 100 I=i+1 A(i)=nome falso vero Nome = Fine Disegno 8: Esempio For..Next For i = 1 To 100 'Esegue l'istruzione dopo Next se i > 100' nome = InputBox("nome")' 'si inserisce un nome da tastiera' cells(i,1)=nome 'si assegna il nome alla cella di riga i e colonna A ' If Cells(i, 1) = "" Then 'Si controlla se viene digitato Invio a vuoto' End 'interrompe l'inserimento dei nomi e si esce dal ciclo For' End If Next 'i viene incrementato di 1 e verrà eseguita l'istruzione For di nuovo' Nel diagramma la cella(i,1) corrisponde alla colonna A riga i A(i). Passando da VBA a Excel facendo click su Avvio, si apre una finestra di dialogo in cui si chiede di inserire il nome e cliccando su OK si ottiene:

37 3.3.Strutture di selezione ESEMPIO: Viene assegnata una multa secondo di quanto si supera la velocità massima velocitàmax IF...THEN...ELSE...ENDIF Dim velocità, multa As Double Const base = 100, velocitàmax = 130 Private Sub Avvio_Click() 'si avvia con l'evento click su Avvio' velocità = Val(InputBox("velocità")) If velocità > velocitàmax + 30 * velocitàmax / 100 Then multa = 2 * base Else If velocità > velocitàmax + 20 * velocitàmax / 100 Then multa = 1.5 * base Else If velocità > velocitàmax + 10 * velocitàmax / 100 Then multa = base Else multa = 0 End If End If End If Cells(1, 1) = multa inizio velocità>1,3max vero multa=2*base Disegno 9: Esempio Struttua di selezione falso velocità>1,1max vero multa=1,5*base Stampa multa fine falso velocità>max vero multa=base falso multa=base

38 3.4.Strutture di selezione 3.5.SELECT CASE..CASE.. ELSE END SELECT Dim velocità, multa As Double Const base = 100, velocitàmax = 130 Private Sub Avvio_Click() 'si avvia con l'evento click su Avvio' velocità = Val(InputBox("velocità")) Select Case velocità Case Is > velocitàmax + 30 * velocitàmax / 100 multa = 2 * base Case Is > velocitàmax + 20 * velocitàmax / 100 multa = 1.5 * base Case Is > velocitàmax + 10 * velocitàmax / 100 multa = base inizio Case Else multa = 0 Introduci velocità End Select Cells(1, 1) = multa Velocità > Velocità > Velocità > Max+30 Max+20 Max+10 %*Max Questa struttura realizza la stesa routine precedente però è da preferire perchè le opzioni di scelta sono numerose e quindi i passi di codice risultano meno numerose. %*Max Velocità > Max %*Max multa=2*base multa=1,5*basemulta=base multa=0 Stampa multa fine Disegno 10: Struttura Select Case End Select

39 3.6.Strutture di ripetizione controllo di coda Si voglia scrivere i numeri interi a partire da 1 fino a che la loro somma sia maggiore di un numero inserito in una variabile Dato DO set istruzioni LOOP UNTIL condizione Si noti che in tal caso il set di istruzioni è eseguito almeno una volta SORGENTE inizio Leggi dato Private Sub Avvia_Click() 'si avvia con l'evento click su Avvia' dato = Val(InputBox("dato")) 'si assegna da i=0 tastiera un' valore a Dato Somma = 0 'si inizializza Somma' somma=0 Do Stampa i i = i + 1' si attiva il contatore i' Cells(i, 1) = InputBox("numero")' 'si assegna un valore a Dato' Somma = Somma + Cells(i, 1) i=i+1 somma=somma +i falso Somma >Dato vero fine Disegno 11: Struttura a controllo di coda Loop Until somma > dato 'Esce dal loop quando Somma>Dato'

40 3.7.Strutture di ripetizione controllo di testa ESEMPIO: Si voglia scrivere i numeri interi i a partire da 1 fino a che la loro somma sia maggiore di un numero inserito in una variabile Dato DO Until condizione set istruzioni LOOP Si noti che in tal caso il set di istruzioni potrebbe non essere mai eseguito Dim Dato As Double inizio Leggi Dato i=1 Somma = 0 vero Somma >dato Falso i= i + 1 Somma =somma +i fine Disegno 12: Struttura a controllo di testa Private Sub Avvio_Click() 'si avvia con l'evento click su Avvia' Dato = Val(InputBox("dato") 'si assegna da tastiera un' valore a Dato' somma = 0 'si inizializza Somma' i=0 Do Until somma > Dato 'Esce dal loop quando Somma > Dato' i = i + 1 ' si attiva il contatore i' Cells(i, 1) =InputBox("numero") 'si assegna da tastiera un' valore a Dato somma = somma + Cells(i, 1) Loop

41 3.8.Strutture di ripetizione controllo di testa Si voglia scrivere la somma di numeri interi progressivi n tale che n < max DO WHILE condizione set istruzioni LOOP Si noti che in tal caso il set di inizio istruzioni potrebbe non essere mai eseguito Leggi max SORGENTE n=1 Dim max As Double somma=1 falso n < max vero n=n+1 Stampa somma Somma=somma+n fine Disegno 13: Struttura a controllo di testa 3.9. Private Sub Avvio_Click() 'si avvia con l'evento click Avvio' max = InputBox("Max") 'si assegna Max' Somma = 1 'si inizializza Somma' n = 1 'si inizializza n=1' Do While n < max n = n + 1 ' si attiva il contatore n' Somma = Somma + n Loop 'Esce dal loop quando n > = Max' Cells(1, 1) = Somma

42 3.10. Strutture di ripetizione controllo di coda ESEMPIO: Si voglia scrivere la somma di numeri interi progressivi n tale che n < max DO set istruzioni LOOP WHILE condizione Si noti che in tal caso il set di istruzioni almeno una volta viene eseguito Disegno 14: Struttura a controllo di coda SORGENTE inizio Dim max As Double Leggi max n=1 Private Sub Avvio_Click() 'si avvia con l'evento click Avvio' Somma = 0 max = InputBox("Max") 'si assegna Max' n=n+1 Somma = 0 'si inizializza Somma' Somma =somma +n vero n < max n = 1 'si inizializza n=1' Do n = n + 1 ' si attiva il contatore n' Somma = Somma + n Loop While n < max 'Esce dal loop quando n > = Max' falso Stampa somma Cells(1, 1) = Somma fine

43 ESEMPIO: Si voglia scrivere la somma di numeri interi progressivi n tale che n < max DO set istruzioni LOOP WHILE condizione Si noti che in tal caso il set di istruzioni almeno una volta viene eseguito inizio SORGENTE Leggi max Dim max As Double Private Sub Avvio_Click() 'si avvia con l'evento click Avvio' max = InputBox("Max") 'si assegna Max' Somma = 0 'si inizializza Somma' n = 1 'si inizializza n=1' Do n = n + 1 ' si attiva il contatore n' Somma = Somma + n Loop While n < max 'Esce dal loop quando n > = Max' Cells(1, 1) = Somma n=1 Somma = 0 n=n+1 Somma =somma +n vero n < max falso Stampa somma fine Disegno 15: Struttura a controllo di coda Le routine che possono essere create sono di due tipi: Sub; Function. Le Sub hanno la struttura già vista negli esempi precedenti mentre la struttura delle Function è riportata di seguito. All'interno di entrambe possono essere richiamate altre Sub o Function. La Function restituisce un valore e pertanto deve esserne definito il tipo. Di seguito è stata indicata la variabile che prenderà il valore della Function come Variabileaccogliente. Sub Routine Sub NomeRoutine()...

44 Variabileaccogliente=nomeFunzione(dato1, Dato2)... Possono essere inserite anche routine funzioni (Function) non già definite in base alla seguente struttura: (senza passaggio di valori): Routine Function Function NomeFunzione (ByVal dato1, byval dato2) As Tipovariabile Nome Funzione=espressione(dato1,Dato2)... End Function Esempio di istruzione Function In questo esempio l'istruzione Function viene utilizzata per dichiarare il nome, gli argomenti e il codice che costituiscono il corpo di una routine Function. ' La seguente funzione definita dall'utente restituisce ' la radice quadrata dell'argomento passato. Function RadiceQuadrata(dato As Double) As Double If dato < 0 Then 'Esce dalla routine e torna alla routine chiamante. Exit Function Else ' Restituisce la radice quadrata. RadiceQuadrata = Sqr(Dato) End If End Function ESEMPIO (completo di una Sub e di una function) Soluzione di un'equazione di 2. Si utilizza: Un pulsante Soluzione eq. 2 ax^2+bx+c=0 con Name CmdAvvio ;

45 Un pulsante Esci con Name CmdEsci Una Macro Equazione_2 utilizzando la procedura Registra Macro, Interruzione Macro. Questa Macro serve a formattare le celle interessate nel modo desiderato (si veda ill.). Generalmente, là dove è possibile conviene servirsi dello strumento Macro per scrivere parti del codice. IL codice del programma risulterà più semplice. Nel programma che segue, la formattazione delle celle si effettua con la Macro Equazione_2 che viene eseguita richiamando la Macro nella routine. Le Macro sono rappresentati come Mouli. In coda al programma è riportato il codice della Macro Equazione_2.Tale codice potrà essere Compilato. I moduli creati sono visualizzati nella struttura ad albero di VbaProject facendo click su Visualizza e Gestione Progetti. Nell'esempio consierato la Macro è descritta come Modulo1. Le Macro possono essere compilate selezionando Esegui sulla barra el Menù principale e con un click su Compila.

46 Illustrazione 31: Struttura ad albero che evidenzia gli oggetti del Progetto Eq_2.xls Private Sub CmdAvvio_Click() Equazione_2 'richiamo della Macro Equazione_2' Cells(2, 1) = Val(InputBox("a")) Cells(2, 2) = Val(InputBox("b")) Cells(2, 3) = Val(InputBox("c")) a = Cells(2, 1) b = Cells(2, 2) c = Cells(2, 3) radicando = b ^ 2-4 * a * c Delta = RadQuadrata(radicando) 'richiamo della funzione RadQuadrata' X1 = (-b + Delta) / (2 * a) X2 = (-b - Delta) / (2 * a) Cells(4, 1) = X1 Cells(4, 2) = X2 Function RadQuadrata(ByVal Dato As Double) As Double If Dato < 0 Then

47 Exit Function Else RadQuadrata = Sqr(Dato) End If End Function Private Sub CmdEsci_Click() Range("a1:C6") = "" End La Macro Equazione_2 Sub Equazione_2() ' Macro Equazione_2' Range("A1:C4").Select Selection.NumberFormat = "0.00;[Red]0.00" With Selection.HorizontalAlignment = xlcenter.verticalalignment = xlcenter.wraptext = False.Orientation = 0.AddIndent = False.ShrinkToFit = False.MergeCells = False End With Selection.Rows.AutoFit Selection.Borders(xlDiagonalDown).LineStyle = xlnone Selection.Borders(xlDiagonalUp).LineStyle = xlnone With Selection.Borders(xlEdgeLeft).LineStyle = xlcontinuous.weight = xlthin.colorindex = xlautomatic End With With Selection.Borders(xlEdgeTop).LineStyle = xlcontinuous.weight = xlthin.colorindex = xlautomatic End With With Selection.Borders(xlEdgeBottom)

48 .LineStyle = xlcontinuous.weight = xlthin.colorindex = xlautomatic End With With Selection.Borders(xlEdgeRight).LineStyle = xlcontinuous.weight = xlthin.colorindex = xlautomatic End With Selection.Borders(xlInsideVertical).LineStyle = xlnone Selection.Borders(xlInsideHorizontal).LineStyle = xlnone With Selection.Font.Name = "Arial".FontStyle = "Normale".Size = 16.Strikethrough = False.Superscript = False.Subscript = False.OutlineFont = False.Shadow = False.Underline = xlunderlinestylenone.colorindex = xlautomatic End With Range("A1").Select ActiveCell.FormulaR1C1 = "a" Range("B1").Select ActiveCell.FormulaR1C1 = "b" Range("C1").Select ActiveCell.FormulaR1C1 = "c" Range("A3").Select ActiveCell.FormulaR1C1 = "X1" With ActiveCell.Characters(Start:=1, Length:=1).Font.Name = "Arial".FontStyle = "Normale".Size = 16.Strikethrough = False.Superscript = False.Subscript = False.OutlineFont = False

49 .Shadow = False.Underline = xlunderlinestylenone.colorindex = xlautomatic End With With ActiveCell.Characters(Start:=2, Length:=1).Font.Name = "Arial".FontStyle = "Normale".Size = 16.Strikethrough = False.Superscript = False.Subscript = True.OutlineFont = False.Shadow = False.Underline = xlunderlinestylenone.colorindex = xlautomatic End With Range("B3").Select ActiveCell.FormulaR1C1 = "X2" With ActiveCell.Characters(Start:=1, Length:=1).Font.Name = "Arial".FontStyle = "Normale".Size = 16.Strikethrough = False.Superscript = False.Subscript = False.OutlineFont = False.Shadow = False.Underline = xlunderlinestylenone.colorindex = xlautomatic End With With ActiveCell.Characters(Start:=2, Length:=1).Font.Name = "Arial".FontStyle = "Normale".Size = 16.Strikethrough = False.Superscript = False.Subscript = True.OutlineFont = False.Shadow = False

50 .Underline = xlunderlinestylenone.colorindex = xlautomatic End With Range("A4:B4").Select With Selection.Interior.ColorIndex = 34.Pattern = xlsolid End With E' evidente che con l'uso delle Macro il risparmio di lavoro è notevole. Disegno 16: L'Editore di Visual Basic che usa un Form Un programma in Visual Basic è formato dai files con estensione bas e frm che compongono il file con estensione vpp che a sua volta viene

51 compilato e linkato in un file con estensione exe. nomefile.bas nomefile.vdp nomefile.frm Disegno 17: La finestra del progetto e delle proprietà e dei controlli nomefile.exe

52 Nell'esempio seguente viene caricata un'applicazione in un form denominato e Esempio 1 e poi si esce dall'applicazione. Si esegue l'applicazione cliccando le voci del menù Run e Start e si esce cliccando sul pulsante di chiusura X del form. Nell'esempio seguente si illustra una routine per uscire dal form. Fra le parentesi possono essere indicati dei parametri che vengono passati e utilizzati nella procedura. Possono essere create delle routine e delle funzioni ad hoc. Le routine e le funzioni create possono essere richiamate in altre routine digitandone il nome preceduto da Call. Alle nuove routine possono essere passati al momento della chiamata valori che saranno utilizzati successivamente nella routine esecutrice. Nella routine chiamante scrivere : Call NomeRoutine (Datoinviato1, DatoInviato2,...) Per la routine esecutrice, se per passaggio di valori, scrivere: Public/Private Sub NomeRoutine(ByVal DatoRicevuto1, ByVal Datoricevuto2.). Nella routine esecutrice i Dati ricevuti sono uguali a Dato inviato. Nell'esempio nella routine CmdAvvio_Click() si invoca calcolay e xmin, xmax sostituiscono m e n nell'esecuzione della routine calcolay. I valori di xmin e xmax rimangono immutati anche se m ed n cambiano nel corso della routine esecutrice. Con lo scambio di valori occorre che la routine esecutrice dichiari le sue variabili di scambio. Pertanto la routine esecutrice assume la forma: Sub NomeRoutine(Datoscambio1 As tipovariabile,datoscambio2 As TipoVariabile)

53 Tipi di routine: Dim xmin, xmax as Integer Private CmdAvvio_Click()... Call calcolay... Routine semplice. Senza passaggi né scambi di valori Notare che in tal caso xmin e xmax devono essere definite Chiamata della routine Private calcolay() For i = xmin To xmax... Next... Routine con passagi di valore da xmin a m e da xmax a n Private CmdAvvio_Click()... xmin--->m; xmax--->n Call calcolay (xmin,xmax) dopo l'esecuzione di calcolay Xmin e xmax... mantengono i valori precedenti al passaggio Chiamata della routine Private calcolay(m,n) For i = m To n... Next...

54 Routine con scambi di variabili: m ed Private CmdAvvio_Click() n prendono i valori di xmin e Xmax.... Se m, n cambiano durante l'esecuzione Call calcolay (xmin,xmax) di calcolay, cambiano anche xmin e... xmax Quindi vi è scambio di valore fra le variabili m, n e xmin e xmax Private calcolay(m, n as integer ) xmin<--->m : xmax<--->n For i = m To n Chiamata della routine... Next... In VB vi sono diversi tipi di variabili. Per risparmiare memoria e per una veloce esecuzione dei programmi occorre che i tipi siano coerenti con l'uso della variabile. I tipi di variabili predefinite comuni sono: Integer, Single, Double, String, Currency, Boolean, Byte. Se la dichiarazione è ad es. del tipo: Dim X(3) As string X è definita variabile vettore e può contenere 3 dati alfanumerici. Per es. X(1)= Antonio, X(2)= Diego, X(3)= Danila. Il numero d'ordine nel vettore (vale anche per le matrici) può essere indicizzato. Quindi posto ad es. i=2 si ha X(i)= Diego.La variabile X(dim1,dim2...dimn) ha n dimensioni: la prima dimensione contiene dim1 valori, la seconda dim2 valori e l'nesima dimn valori. Per dichiarare una variabile in modo implicito è sufficiente utilizzarla in un'istruzione di assegnazione. Tutte le variabili dichiarate in modo implicito sono di tipo Variant. Tali variabili richiedono maggiori risorse di memoria rispetto alla maggior parte delle altre. ESEMPIO: Si desidera un programma che avendo come form il foglio elettronico per mezzo del click sul pulsante Calcola X3-2*x2-1 i valori della funzione e Y(x)=X3-2*x2-1 e ne disegna il grafico. Con il pulsante Cancella si cancellano i valori di x, y scritti nelle colonne A e B del foglio e il grafico stesso e si esce dal programma.

55 Nelle pagine successive sono mostrate le 4 routine dello sviluppo del codice con cui si ottiene il grafico della funzione definita nel codice. Codice della Routine di Avvio del progetto realizza il seguente programma descritto a parole: calcola e disegna la y(x)=x3-2*x2-1 Dimensiona i vettori x e y ad una dimensione_in modo da contenere fino a 1000 valori' Dim x(1000), y(1000) As Double Public Sub CmdAvvio_Click() 'avvio del programma' Cells(1, 1) = "X" 'assegna l'etichetta X alla cella A1' Cells(1, 2) = "Y" 'assegna l'etichetta Y alla cella B1' xmin = InputBox("minimo") 'assegna un valore a xmin' xmax = InputBox("massimo") 'assegna un valore a xmax'

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Laboratorio di Statistica con Excel

Laboratorio di Statistica con Excel Università di Torino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica G. Peano MARIA GARETTO Laboratorio di Statistica con Excel Soluzioni Corso di Laurea in Biotecnologie A.A. 2009/2010 Quaderno # 46

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com

3.0 DATA CENTER. PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi. www.sigmasport.com DATA CENTER PER TOPLINE 2009/2012, SERIE ROX e orologi 3.0 Indice 1 Premessa...3 2 DATA CENTER 3...4 2.1 Utilizzo dei dispositivi SIGMA con DATA CENTER 3....4 2.2 Requisiti di sistema....4 2.2.1 Computer

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli