GIUDICE DI PACE DI PARMA. Ricorso ex artt. 22 e ss l. 689/81... in persona del suo legale rappresentante pro tempore Dr. ESPONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIUDICE DI PACE DI PARMA. Ricorso ex artt. 22 e ss l. 689/81... in persona del suo legale rappresentante pro tempore Dr. ESPONE"

Transcript

1 GIUDICE DI PACE DI PARMA Ricorso ex artt. 22 e ss l. 689/81.. in persona del suo legale rappresentante pro tempore Dr. Filippo Greci con sede in.., ESPONE In data.. veniva notificato alla ricorrente verbale n. del Comune di Parma con il quale, in data. ad ore, veniva contestata la violazione dell art. 142/2-7 del C.d.S., rilevata a mezzo di Autovelox 105 SE matricola , per aver il conducente dell'autovettura tg..., di proprietà della ricorrente, superato di oltre 6 Km/h i limiti massimi di velocità, previsti in km/h 70 nel Comune di Parma e precisamente in Tangenziale Sud Del Ducato (doc. 1). Per effetto della violazione veniva applicata la sanzione amministrativa di euro 41,00, oltre euro 17,50 per spese di notifica per un totale di euro 58,50. In data, il ricorrente, tramite il sottoscritto procuratore, inviava invano lett. racc. A.R. alla Polizia Municipale di Parma con la quale chiedeva di poter ricevere indicazione della data di omologazione dell apparecchio rilevatore, nella specie autovelox 105/SE, eventuale rinnovazione dell omologazione, certificato di taratura e di manutenzione dello stesso. Il ricorrente propone ricorso avverso il verbale n..., notificato dal Comune di Parma per tramite della Polizia Municipale in data.., in quanto illegittimo per il seguente ordine di MOTIVI IN VIA PREGIUDIZIALE 1

2 I. Inesistenza giuridica della notifica L art. 385, comma 3 del Reg. del C.d.S. dispone che il verbale redatto dall organo accertatore rimane agli atti dell ufficio o comando, mentre la copia da notificare deve essere autenticata a cura del responsabile dello stesso ufficio o da un suo delegato. Orbene il verbale di contestazione de quo è una semplice copia, priva di attestazione di conformità con l originale, nei modi regolamentati per legge ex art. 18, comma 2 del DPR n. 445/2000, priva della sottoscrizione e del timbro del notificante, nonché dei requisiti previsti dall art. 383, comma 4 del DPR n 495/92 (Cass. N. 2341/98, G.d.P. di Roma con sent. del 5/3/2002 e G.d.P. di Avigliana con sent. del 26/6/2002). La notifica del verbale di contestazione in questione, dunque, mancante della sottoscrizione dell agente notificatore è viziata da nullità insanabile e comporta l inesistenza giuridica del relativo verbale, in quanto l art. 201, comma 3, del C.d.S. e l art. 14, comma 4, della l. 689/81, espressamente rinviano alla disciplina prevista dal codice di procedura civile (Cfr. Cass. n. 4567/99) Pertanto si deve riconoscere che, tenuto presente le disposizioni degli artt. 148 e 149 c.p.c., la notificazione è inficiata da vizi di nullità o inesistenza giuridica insanabile derivante dalla assoluta mancanza di certificazione delle operazioni di notificazione dell atto in questione la radicale nullità dell atto originario si estende a tutti quanti gli atti successivi (Cfr. sent. di Massa Carrara del 12/03/2003, G.d.P., Avv. Sauro Bracaloni). Infatti i requisiti di cui agli artt. 3, 14 della l. 890/82, per quanto concerne la notifica a mezzo del servizio postale, con il combinato disposto delle norme processuali di diritto comune, incidono proprio sull esistenza giuridica della notificazione (per cui non è configurabile alcuna sanatoria), in quanto la loro mancanza e/o 2

3 incompletezza impedisce all interessato la verificabilità della provenienza dell atto. II. La fede privilegiata del verbale di contestazione Il verbale di contestazione de quo non è stato redatto da uno degli agenti accertatori, ma da un altro agente. Nonostante recente orientamento giurisprudenziale ammetta la redazione del verbale da agente differente rispetto all agente accertatore, effettuando un interpretazione sistematica dell art. 385, comma 1 del DPR n. 495/92, non si comprende come, in tali ipotesi, si possa attribuire fede privilegiata al medesimo verbale. Infatti non si comprende come si possa attribuire fede privilegiata a un verbale redatto da un agente diverso, che non abbia rilevato personalmente l infrazione, che non si sia accertato personalmente del corretto funzionamento del rilevatore elettronico (sempre che sia in possesso di opportune cognizioni tecniche), che non abbia personalmente rilevato lo stato di luogo e di fatto, così come richiesto dal menzionato art. 385 del Reg. del C.d.S., artt. 200 e 201 del C.d.S. III. Difetto di motivazione A seguito dell obbligo per l organo accertatore di descrivere il motivo per cui non si è proceduto a contestazione immediata, il verbalizzante scriveva non è stata immediatamente contestata causa: ai sensi dell art. 201, comma 1 bis lett. F del C.d.S. l'accertamento è stato effettuato con i dispositivi di cui alla L. 168/02 su un tratto di strada individuato con Decreto prot. 3546/2011/III Area dal Prefetto di Parma. È evidente come la predetta motivazione sia una formula di stile che de plano riporta la citata lett. e) dell art. 384 del Reg. del C.d.S., non spiegando effettivamente il motivo per cui la contestazione immediata sia stata ritenuta impossibile in base alle circostanze del caso concreto, in violazione dell art. 201 del C.d.S. e 385 del Reg. del C.d.S. 3

4 Infatti l apparecchio rilevatore nella fattispecie in esame è l Autovelox 105/SE che emette un segnale sonoro nel momento stesso in cui si commette l infrazione, con pertinente scontrino e/o visualizzazione su apposito display attestante la velocità percorsa dall autovettura segnalata. Pertanto non corrisponde a vero quanto affermato e riportato dall agente verbalizzante. Tale condotta implica una violazione di legge da parte dell organo accertatore e dunque di eccesso di potere, in quanto in caso di mancata contestazione immediata gli accertatori debbono spiegare dettagliatamente e concretamente i motivi hanno a loro impedito siffatta attività, senza ricorrere a formule di stile e/o alla copiatura dell art. 384 Reg. C.d.S.... (Cfr. sent. G.d.P. di Maglie dell 11/2/2003, Avv. Luigi Palese). Si deduce pertanto l illegittimità del verbale di contestazione, n..., per violazione di Legge, nella sua fase genetica, che è quello proprio dell accertamento, e in quanto tale annullabile. IV. Mancata contestazione immediata La giurisprudenza di legittimità, con svariate pronunce, ha stabilito il principio per cui la mancata contestazione nei casi in cui questa era possibile rende illegittimo il verbale di contestazione e i successivi atti del procedimento per violazione di Legge (Cfr Cass. Civ. nn /2000, 4010/2000, 10240/2000). Orbene tale principio, ormai consolidato, è stato enunciato proprio in riferimento all autovelox 105, nella specie il SE che è da ritenersi ancora più sofisticato, in quanto il predetto rilevatore consente di rilevare l eventuale eccesso di velocità contestualmente al passaggio del veicolo innanzi allo stesso, attivandosi il segnalatore acustico con contestuale visualizzazione della velocità sul relativo display e/o stampa di relativo scontrino. 4

5 In tal modo lo sviluppo della fotografia non risulta necessaria ai fini della contestazione immediata, soprattutto in considerazione della circostanza di un traffico pressoché inesistente all ora e al giorno dell accertamento dell infrazione. Circostanza desumibile agevolmente dalla stessa fotografia mostrata al ricorrente, e che mostra inequivocabilmente l assenza di traffico. La ratio della contestazione, infatti, oltre a inserirsi nel principio di legalità di cui agli artt. 200 e 201 del C.d.S., attiene alla salvaguardia del diritto alla difesa, costituzionalmente garantito dall art. 24 della Cost. V. Omessa comunicazione della manutenzione periodica (nei modi previsti dalla legge) dell'autovelox 105 SE Nel verbale di contestazione de quo il verbalizzante non asserisce se al momento della rilevazione e dell accertamento dell infrazione gli agenti erano presenti. Secondo una sentenza del 2003 della Cassazione (Cass. Civ., 7 novembre 2003 n ), la prassi degli organi di Polizia di rilevare le infrazioni a mezzo dei misuratori autovelox messi in funzione e poi lasciati privi della presenza degli agenti costituisce una deprecabile e illegittima condotta, perché in contrasto con la previsione dell'art. 345, comma 4 secondo il quale l'accertamento delle violazioni ai limiti di velocità deve essere eseguito attraverso la gestione diretta delle apparecchiature da parte degli organi di Polizia. In tema di autovelox è indispensabile la presenza degli agenti accertatori, come appare evidente dalla pronuncia della Corte di Cassazione (Cass. Civ., sez. II, sent. 17 novembre 2005, n , in Altalex.com) che è conforme alle decisioni già prese sul tema dalla medesima sezione seconda. Infatti, ritiene 5

6 sempre indispensabile la contestazione immediata,a meno che la situazione non renda di fatto impossibile procedervi. Per altro verso, sia nel caso di presenza o assenza in loco degli agenti accertatori, si pretende dare delle cognizioni prettamente tecniche ad agenti di Polizia che non hanno la qualifica e la qualità tecnica per accertare la corretta funzionalità dell apparecchio elettronico. Infatti l unico modo per garantire il corretto funzionamento del predetto rilevatore elettronico attiene all espletamento di una manutenzione periodica, che in senso pratico consiste in una revisione annuale dello stesso (Cass. Civ. n. 8515/2001). In particolare si tiene a sottolineare come lo strumento in discorso, essendo un apparecchio di misurazione, particolarmente delicato e sensibile, che viene continuamente trasportato, sia soggetto a urti, vibrazioni, shock meccanici, variazioni termiche, e pertanto necessita di una periodica taratura, almeno annuale, effettuata a regola d arte e quindi in ossequio a quanto previsto dall art. 4 della L. n. 273/91 (quindi da centri accreditati a livello internazionale che vengono brevemente chiamati SIT) e dalle norme internazionali, quali per es. UNI EN (ora UNI EN ISO ), OIML R91. Infatti la norma UNI 30012, al punto 3.23, definisce la taratura come L insieme delle operazioni che stabiliscono, sotto condizioni specificate le relazioni tra valori indicati da uno strumento di misurazione e i corrispondenti valori noti di un misurando costituisce l unico modo per assicurare la riferibilità a Campioni Nazionali legalmente riconosciuti, e per verificare l eventuale presenza di errori sistematici rispetto a detti campioni. Questa operazione denominata conferma metrologica deve essere inoltre ripetuta periodicamente, come parte essenziale della manutenzione periodica, per evitare che eventuali variazioni delle regolazioni strumentali portino ad errori 6

7 non segnalati, né segnalabili dallo strumento durante la misurazione (UNI 30012, par. 4.11). Pertanto la contestazione della velocità accertata con uno strumento per il controllo della velocità di cui non si assume l omologazione, le revisioni periodiche e in particolare la corretta taratura, in corrispondenza delle norme in vigore, non può essere considerata legittima e rende l atto annullabile in quanto l irregolarità della strumentazione adoperata per il rilevamento della velocità inficia ab initio l accertamento dell infrazione (V.si per es. Sent. Trb. Lodi, n. 363/2000, G.d.P. di Taranto del 27/10/2004). Detta necessità è avvalorata non solo delle nuove pronunce di merito che costituiscono un orientamento garantistico, ma anche dall approvazione dei rinnovi dei decreti di omologazione, nei quali il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha espressamente previsto la taratura periodica dei rilevatori elettronici. In particolare, il Ministero e le pronunce di merito hanno preso le mosse dal tenore letterale dell art. 345 del Reg. C.d.S. che stabilisce che le apparecchiature destinate a controllare l osservanza dei limiti di velocità devono essere costruite in modo da raggiungere detto scopo fissando la velocità del veicolo in un dato momento in modo chiaro ed accertabile, tutelando la riservatezza dell utente. Da qui la necessità di integrare il dispositivo con le discipline specialiste in materia di misura quali la L.273/91, in ossequio anche alle previsioni comunitarie. Infatti, la perizia tecnica d Ufficio su cui si è basata la sentenza n. 363/2000 di Lodi ha confermato, in conformità a quanto previsto dalla Legge nazionale e comunitaria che: uno strumento di misura, per essere attendibile, deve essere tarato con riferimento a campioni nazionali, 7

8 inizialmente e periodicamente; - nessuna tolleranza forfetaria può sostituire la taratura, unica operazione in grado di rilevare e correggere errori sistematici e di confermare la conformità dello strumento alle caratteristiche metrologiche richieste; - non può esistere alcun sistema di autocontrollo in grado di sostituire la taratura rispetto ai campioni nazionali; - non vi è conformità nella procedura di omologazione adottata dal MLLPP rispetto alla normativa nazionale ed internazionale Orbene, proprio il mancato riconoscimento da parte delle pronunce di merito dei decreti di omologazione circa la conformità alle norme nazionali e non, con svariate pronunce: (G.d.P. Gonzaga, sent. n. 222 del 10/12/2003, G.d.P. di Rovigo, sent. n. 642 del 23/9/2004, G.d.P. di Taranto, sent. n del 27/10/2004, G.d.P. di Porretta Terme, sent. n. 108 del 6/12/2004, G.d.P. di Gonzaga, sent. n. 6 del 10/1/2005, GdP di Lecce, sent. n. 828 del 15/3/2005, G.d.P. di Lecce, sent. n del 12/4/2005, GdP di Lecce, sent. n del 15/4/2005, G.d.P. di Lendinaria, sent. n. 96 del 13/4/2005) ha indotto il Ministero ha inserire nei decreti di omologazione l obbligo di taratura periodica. Per quanto riguarda il caso che ci interessa, il nuovo decreto di omologazione n dell autovelox 105 SE all art. 4 prevede: Gli organi di polizia stradale che utilizzano il dispositivo autovelox 105 SE sono tenuti a verifiche periodiche di taratura secondo quanto previsto dal manuale di istruzioni depositato presso questo Ministero e comunque con un intervallo non superiore ad un anno. E evidente che tale previsione non fa altro che recepire ciò che era già previsto con la norma UNI che individua l operazione definita di conferma metrologica, già menzionata. Essendo, dunque, la norma comunitaria di rango superiore, anche se il nuovo decreto di omologazione solo ora prevede la taratura periodica, non v è chi non veda come tale lacuna del legislatore non può sic et simpliciter risolversi in un 8

9 eccesso di potere della P.A. che ha il dovere di accertare in modo in equivoco con i rilevatori automatici le violazioni dei precetti del CdS. NEL MERITO V. IRREGOLARITÀ DELL'INSTALLAZIONE DELLE APPARECCHIATURE. Autovelox ubicati in Tangenziale Sud a Parma all'altezza di intersezioni (entrata/uscita n.13 carreggiate Nord e Sud). In punto, si rileva come nel codice della strada e nelle varie circolari ministeriali venga stabilita una specifica distanza (1 Km) che deve intercorrere fra la segnaletica ed il punto di collocazione dell apparecchio rilevatore e che se nel tratto che precede la postazione di controllo sono presenti intersezioni, il segnale deve essere opportunamente ripetuto. In particolare l art. 142, comma 6 bis, C.d.S. impone che le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità siano: a) preventivamente segnalate; b) ben visibili. Le loro caratteristiche e le modalità di impiego sono, appunto, state stabilite con decreto adottato dal Ministro dei Trasporti, di concerto con il Ministro dell Interno, del A dimostrazione di tale ulteriore doglianza, in uno, con il presente atto, si allega perizia tecnica del Geom.. svolta per incarico della ricorrente (doc. 2). Per comodità del Giudicante si riportano di seguito i passaggi essenziali della perizia tecnica ove è emersa L'IRREGOLARITÀ DELL'INSTALLAZIONE delle apparecchiature Autovelox ubicate in Tangenziale Sud a Parma all'altezza dell entrata/uscita n.13 carreggiate Nord e Sud. 9

10 << Ricevo incarico di verificare la regolarità dell installazione delle apparecchiature autovelox ubicate in Tangenziale Sud a Parma all altezza delle uscite 13 carreggiate Nord e Sud. Trattasi di tratto di strada extraurbana denominata Tangenziale Sud a doppia corsia per ogni senso di marcia con limite di velocità stabilito in Km/h 70 (settanta chilometri orari).>> Fotografia 1) << La Circolare del Ministero dell Interno del 20 agosto 2007 Art. 2 lettera b) sancisce che : la distanza massima tra il segnale stradale o il dispositivo luminoso che indica la presenza della postazione di controllo e la postazione stessa non può essere in nessun caso superiore a 4 km; il segnale deve essere opportunamente ripetuto se nel tratto che precede la postazione di controllo sono presenti intersezioni o immissioni laterali di strade pubbliche; L attuazione dell Art. 2 comma 1 sancisce che : I segnali stradali e i dispositivi di segnalazione luminosi devono essere installati con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità, e in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale 10

11 predominante. La distanza tra i segnali o i dispositivi e la postazione di rilevamento della velocità deve essere valutata in relazione allo stato dei luoghi; in particolare è necessario che non vi siano tra il segnale e il luogo di effettivo rilevamento intersezioni stradali che comporterebbero la ripetizione del messaggio dopo le stesse, e comunque non superiore a quattro km. I segnali stradali si trovano ad 1 km dalla postazione fissa di rilevamento (quindi rispettano i termini di distanza) ma prima della postazione vi è un intersezione (uscita ed entrata nr. 13 della Tangenziale SUD) e dopo l intersezione NON è presente alcun segnale stradale come dovrebbe essere da piano d attuazione.>> : fotografia 2) SUD 11

12 fotografia 3) SUD fotografia 4) SUD 12

13 fotografia 5) SUD fotografia 6) SUD 13

14 fotografia 7) SUD fotografia 8) SUD 14

15 fotografia 9) SUD Fotografia 10) NORD 15

16 Fotografia 11) NORD Fotografia 12) NORD 16

17 Fotografia 13) NORD Fotografia 14) NORD 17

18 Fotografia 15) NORD Fotografia 16) NORD 18

19 Fotografia 17) NORD Fotografia 18) NORD La fotografia nr. 1 è la panoramica dell intersezione nr. 13 della Tangenziale Sud in Parma; la fotografia nr. 3 ritrae il cartello ad 1 km. dalla postazione di rilevamento della velocità; 19

20 le fotografie nr ritraggono l avvicinamento alla postazione fissa di rilevamento corsia SUD; la fotografia nr.6 ritrae il cartello PRIMA DELL INTERSEZIONE; la fotografia nr. 8 ritrae lo svincolo nr. 13 (uscita in Strada Farnese) e nessun cartello di postazione fissa; la fotografia nr. 9 ritrae la postazione fissa di controllo della velocità; Le fotografia da 10 a 18 ritraggono le stesse problematiche riscontrate nella corsia Sud ma riportate sulla corsia Nord. Dalla perizia tecnica del professionista incaricato, emerge, dunque come nella tangenziale sud - prima della postazione fissa di rilevamento - vi sia un intersezione e dopo tale intersezione NON è presente alcun segnale stradale come invece dovrebbe esserci sulla base del piano di attuazione e ciò in palese violazione a quanto sancito anche dalla Circolare del Ministero dell Interno.. Nel caso in cui, lungo il tratto oggetto del controllo, siano presenti intersezioni stradali, come nel caso de quo, è necessaria la ripetizione del segnale stradale stesso, che nella fattispecie manca. I cartelli devono essere installati con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità, e in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale predominante, tanto più è stabilita la necessità della loro ripetizione in caso di intersezione (!). Se nel tratto di strada sottoposto a controllo vi sono intersezioni, il segnale dovrà essere ripetuto poiché é garanzia a tutela dell'automobilista e della funzione preventiva dell'autovelox. Ebbene, nel caso della tangenziale sud, l'autovelox non rispetta questa norma (l'autovelox è posizionato dopo un intersezione e non vi è la ripetizione della segnaletica). Già il fatto che tale autovelox sia posto ad una intersezione, come detto, è elemento sufficiente per decretarne l'irregolarità. Ne consegue che in presenza di intersezioni e fuori dal centro abitato, come nella fattispecie, l autovelox va subito disattivato e/o collocato in modo da rispettare tale dettato normativo. 20

21 Per quanto sopra esposto, ne deriva la mancanza di qualsiasi colpa ascrivile all utente/automobilista. Da rilevare che la Corte di Cassazione ha ipotizzato persino il reato di truffa per gli autovelox non correttamente segnalati (cfr. sentenza n del 13 marzo 2009). APPARECCHIO RILEVATORE NON BEN VISIBILE Oltre al motivo sopra indicato, si pone all attenzione del Giudicante anche la non visibilità dell apparecchio rilevatore nella tangenziale in questione. Nella fattispecie, anche dalla documentazione fotografica, emerge che gli apparecchi autovelox dove sono stati collocati non sono ben visibili all automobilista. L art. 142 comma 6 bis del cds impone che le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità siano preventivamente segnalate e ben visibili ed al successivo punto 7.1 che le postazioni fisse di rilevamento della velocità possono essere rese ben visibili attraverso un opportuna colorazione delle installazioni in cui sono contenute Ne consegue che oltre alla mancata ripetizione della segnaletica, come prescritta, la postazione fissa autovelox risulta, inoltre, collocata in zona poco illuminata e la striscia riflettente non è efficace nelle ore notturne. Nello specifico caso, l apparecchio rilevatore non è ben visibile soprattutto per la sua collocazione dopo i cartelli stradali di intersezione e supporti di color grigio che confondono l avvistamento a cui si aggiunge il colore grigio dell autovelox che non aiuta certo la sua visibilità. E certo che non può supplire a tale carenza l apposizione di strisciolina adesiva di pochi centimetri di color bianco-rosso applicate su un lato dell apparecchio al momento della violazione. L'obiettivo primario della Pubblica Amministrazione dovrebbe essere il garantire la sicurezza stradale e non 21

22 far cassa. Un autovelox "mimetizzato" difficilmente raggiunge questo obiettivo. Non solo, ma, essendo automatizzato, gli automobilisti vengono a conoscenza di aver commesso l'infrazione solo dopo settimane o mesi, quando ricevono la contravvenzione a casa. ***** In ultimo ci sia consentita una considerazione di carattere generale ed una riflessione che esula da discorsi prettamente giuridici sulla questione sollevata anche al fine di sensibilizzare l'odierno giudicante sull equazione sinistrosità stradale = installazione rilevatore. La sinistrosità è spesso un ardita sintesi di dati statistici del numero di sinistri in un certo periodo di tempo, non specificatamente delle cause dei medesimi spesso avvenuti per mancanza precedenza, per guida pericolosa, per non aver conservato il controllo dell auto, cause che non sempre hanno un legame diretto con aver violato il limite di velocità esistente. Inoltre occorre anche considerare che la densità automobilistica, negli ultimi anni, è decuplicata e dovendo fare i conti con la morfologia del territorio, la vetustà della viabilità e la segnaletica stradale esistente, la sinistrosità potrebbe essere invocata per migliaia e migliaia di tratti stradali, ne consegue che sarebbe necessario pensare anche a misure alternative e sistemi/mezzi diversi delle macchinette autovelox come ad esempio la presenza a bordo strada della Polizia Municipale indubbiamente il più forte deterrente ad una condotta di guida moderata e prudente, anche per le conseguenze che possono derivare da un immediato controllo che solo l autorità preposta può eseguire o verificare sulle condizioni di guida del conducente (stato di ebbrezza, uso di sostanze stupefacenti, utilizzo illegittimo di telefoni cellulari, ecc.) spesso la vera causa dei sinistri. 22

23 In questo modo si affronterebbe in maniera concreta la tutela della sicurezza stradale. E vero che non rientra nei compiti del Giudice sindacare sull operato e l organizzazione della Pubblica Amministrazione, però è la stessa Corte di Cassazione nell indicare l obbligo di civile trasparenza cui deve attenersi la Pubblica Amministrazione. Nella nota sentenza Cassazione Civ. Sez. II n del , è stato statuito che: il potere sanzionatorio, in materia di circolazione stradale, NON DEVE ESSERE ISPIRATO DALL INTENTO DELLA SORPRESA INGANNEVOLE dell automobilista indisciplinato, IN UNA LOGICA PATRIMONIALE CAPTATORIA, quanto da uno scopo di tutela della sicurezza stradale e riduzione dei costi economici e sociali ed ambientali Invero, come riportato dalla stessa stampa locale ed in particolar modo dalla Gazzetta di Parma è stato ritenuto dai più inammissibile l'uso indiscriminato di multe e Autovelox al solo fine di "fare cassa" (doc. 3). Per comodità del Giudicante, sul tema, si allega un articolo del sopracitato quotidiano laddove è stato sollevato dai più l'esigenza di un intervento del Ministero dell'interno affinché venga verificata la regolarità delle manovre di bilancio decise dalla Giunta Comunale in merito alla previsione di aumentare gli introiti comunali anche e soprattutto grazie ad un corposo aumento delle multe, con il posizionamento dei suddetti Autovelox. Per altro verso, è appena il caso di rilevare che dal gennaio 2013, (periodo quest ultimo in cui sono stati attivati gli autovelox), ad oggi sono circa le contravvenzioni elevate nei confronti dei poveri utenti sempre più vessati e ignari del posizionamento degli Autovelox in questione, ciò sulla base delle argomentazioni sviluppate con riferimento alle lagnanze della ricorrente di cui 23

24 alla perizia svolta corredata con tanto di foto e precisi riferimenti giuridici fatti propri da questa difesa. ***** Ciò premesso la ricorrente, ut supra rappresentata e difesa CONCLUDE Piaccia all Ill.mo Giudice di Pace adito IN VIA PRELIMINARE: concedere la provvisoria sospensione dei termini di pagamento in misura ridotta. IN VIA PREGIUDIZIALE: accertare e dichiarare la nullità del verbale per vizio insanabile di notifica e per l effetto dichiarare la nullità della comminata sanzione. NEL MERITO E IN VIA PRINCIPALE: accogliere il ricorso e dichiarare illegittimo e nullo il verbale di accertamento n.. redatto dalla Polizia Municipale del Comune di Parma per violazione della Legge per i motivi di cui in narrativa. IN VIA SUBORDINATA: nella denegata ipotesi di mancato accoglimento del presente ricorso, applicare la sanzione nel minimo edittale, o comunque, nella misura ritenuta congrua, avendone, l Ill.mo Giudice adito, facoltà ai sensi dell art. 23, comma 10, l. 689/81, con ammissione al pagamento rateale suddivisa in 10 rate mensili. IN OGNI CASO: Con vittoria di spese competenze ed onorari di causa. IN VIA ISTRUTTORIA: A) Ai sensi dell art. 210 del c.p.c. si chiede: L esibizione da parte della P.A. del certificato di omologazione, dell eventuale rinnovo nel caso in cui questo sia scaduto, delle 24

25 certificazioni attestanti l ordinaria e periodica manutenzione e revisione dell Autovelox 105/SE matricola ; L esibizione dei certificati attestanti il tasso di incidentalità negli ultimi cinque anni nel tratto stradale Tangenziale Sud; L esibizione del decreto prefettizio, con annessi procedimenti di valutazione tesi a consentire la mancata contestazione per l esame incidenter tantum dell attività della P.A. L'esibizione da parte della P.A. della documentazione con l'immagine della violazione. B) Prova per testi a mezzo dell'agente accertatori Sig.ri. e. sui capitoli di prova da articolare nei termini di Legge, anche in considerazione del comportamento processuale avverso. C) In caso di contestazione CTU tecnica sull' Autovelox 105 SE matricola D) Sopralluogo stato dei luoghi. Si dichiara che il presente procedimento è soggetto al pagamento del contributo unificato pari ad euro 37,00 PRODUZIONI: 1) copia verbale di contestazione ; 2) perizia tecnica; 3) articolo Gazzetta di Parma. Con ogni riserva di ulteriormente dedurre, produrre, eccepire e articolare mezzi istruttori, nei termini previsti per Legge, anche in considerazione del comportamento di parte avversa. Parma, 17 aprile

ALL ILL. MO SIG. PREFETTO DELLA PROVINCIA DI ROMA

ALL ILL. MO SIG. PREFETTO DELLA PROVINCIA DI ROMA Sig. VIA N 00125 ROMA ALL ILL. MO SIG. PREFETTO DELLA PROVINCIA DI ROMA TRAMITE IL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N (AVV. DI ACC. N )

Dettagli

GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI

GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI Indice formule: 1. Ricorso al Prefetto. 2. Ricorso al Prefetto con istanza di audizione personale. 3. Istanza al Prefetto di differimento della data di comparizione. 4. Ricorso

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

AL SIGNOR GIUDICE DI PACE DI... ******************** Ricorso ex artt. 22 e 23 Legge 689/1981

AL SIGNOR GIUDICE DI PACE DI... ******************** Ricorso ex artt. 22 e 23 Legge 689/1981 AL SIGNOR GIUDICE DI PACE DI... ******************** Ricorso ex artt. 22 e 23 Legge 689/1981 Nell interesse della YYY S.r.l. in persona del proprio Legale Rappresentante pro-tempore, Sig. XXX, con sede

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

Multe. La contestazione delle. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL

Multe. La contestazione delle. Associazione Difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 18 del 14 marzo 2012. Direttore: Pietro Giordano - Direttore responsabile: Francesco

Dettagli

dalla notifica del verbale n. 8763/2005, i dati personali e della patente del conducente, con

dalla notifica del verbale n. 8763/2005, i dati personali e della patente del conducente, con Sentenza n.360/05 Deciso il 22/12/05 Deposito il 02/02/06 Circolazione stradale Sanzioni - Contravvenzione per eccesso di velocità Contestazione in differita senza accertamento dell identità del conducente

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando Il ricorso per annullamento di atti, quale tipico ricorso giurisdizionale amministrativo, consta di quattro parti essenziali, oltre accessori ed eventuali: intestazione dell atto, premessa di fatto, motivi

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA PREMESSA Ai sensi dell art. 166 c.p.c., il convenuto si costituisce in giudizio mediante deposito in cancelleria della comparsa di risposta, della copia della citazione notificata, della procura e dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 )

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Risarcimento danni. Scontro tra treno ed auto. Legge 990/69 - Inapplicabilità.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO Il Giudice di Pace della VIII sezione civile di Palermo, Dott. Vincenzo Vitale ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Il settimo comma dell'art. 12 della Legge 27 luglio 2000, n. 212 (Statuto del contribuente) stabilisce che:

Il settimo comma dell'art. 12 della Legge 27 luglio 2000, n. 212 (Statuto del contribuente) stabilisce che: Illegittimità dell avviso di accertamento notificato prima dei sessanta giorni prescritti dall art. 12, comma 7, della Legge n. 212/2000 ( Statuto del contribuente) L atto di accertamento può dirsi legittimamente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 6 Num. 9815 Anno 2015 Presidente: BIANCHINI BRUNO Relatore: MANNA FELICE Data pubblicazione: 13/05/2015 SENTENZA sul ricorso 8846-2012 proposto da: RAU MIRIA11,(RAUMRM52E55H5010) elettivamente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 6 N. 10119/2014 REG.PROV.COLL. N. 19506/2000 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis)

Dettagli

Originale di Deliberazione della Giunta Comunale

Originale di Deliberazione della Giunta Comunale CITTA DI VITTORIA PROVINCIA DI RAGUSA Originale di Deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione N._275 Seduta del21.05.2014 OGGETTO:Modifica della Delibera n. 519 del 9 ottobre 2012 Gestione del servizio

Dettagli

MULTE: LA NOTIFICA SPETTA ALLE POSTE, MA LE ATTIVITA MATERIALI POSSONO ESSERE AFFIDATE A PRIVATI

MULTE: LA NOTIFICA SPETTA ALLE POSTE, MA LE ATTIVITA MATERIALI POSSONO ESSERE AFFIDATE A PRIVATI MULTE: LA NOTIFICA SPETTA ALLE POSTE, MA LE ATTIVITA MATERIALI POSSONO ESSERE AFFIDATE A PRIVATI Con la sentenza 7177 del maggio 2012 la II^ Sezione Civile della Cassazione legittima la cosiddetta esternalizzazione

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.2960 del 21.08.2010 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.2960 del 21.08.2010 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto 1 di 5 21/08/10 11.06 Quotidiano d'informazione giuridica - n.2960 del 21.08.2010 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Codice della strada: dall'europa nessun controllo per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI

MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI L ACCERTAMENTO TECNICO PREVENTIVO QUADERNO N. 3 1 Che cos è ed a cosa serve l Accertamento Tecnico Preventivo L accertamento tecnico preventivo è un procedimento

Dettagli

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA IL COMMISSARIO AD ACTA DELIBERAZIONE n.1 del 15.2.2013 PREMESSO CHE: Con sentenza emessa dal TAR del LAZIO sede

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. 00560/2015 REG.PROV.COLL. N. 00137/2015 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA N. 00560/2015 REG.PROV.COLL. N. 00137/2015 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 00560/2015 REG.PROV.COLL. N. 00137/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Basilicata (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

La nozione di prova e di argomenti di prova

La nozione di prova e di argomenti di prova 1 La nozione di prova e di argomenti di prova SOMMARIO 1. L attività istruttoria nel processo civile. 2. La prova. 3. L oggetto della prova. 4. Classificazione delle prove. 5. L onere della prova. 1. L

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente N. 00346/2015 REG.PROV.COLL. N. 03852/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA Testo vigente dell art. 202, D.Lgs. 4 luglio 2006, n. 223 (Codice della Strada) (a seguito delle modifiche apportate dal D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito

Dettagli

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE

* * * - ALLE DIREZIONI GENERALI TERRITORIALI DEL DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE LORO SEDI - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA FERROVIARIA LORO SEDI - AI COMPARTIMENTI

Dettagli

Prot. n 135 Salerno, lì 11 Febbraio 2015

Prot. n 135 Salerno, lì 11 Febbraio 2015 COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

Visto l atto di costituzione della AMIU s.p.a. - Azienda multiservizi e d igiene urbana di Genova;

Visto l atto di costituzione della AMIU s.p.a. - Azienda multiservizi e d igiene urbana di Genova; SENTENZA N. 280 ANNO 2010 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente: Francesco AMIRANTE; Giudici : Ugo DE SIERVO, Paolo MADDALENA, Alfio FINOCCHIARO,

Dettagli

TAR Lecce, sentenza n. 1064/10, in materia di semplificazione normativa in relazione agli impianti fotovoltaici

TAR Lecce, sentenza n. 1064/10, in materia di semplificazione normativa in relazione agli impianti fotovoltaici TAR Lecce, sentenza n. 1064/10, in materia di semplificazione normativa in relazione agli impianti fotovoltaici In materia di denuncia di inizio attività per impianti fotovoltaici, alla Pubblica amministrazione,

Dettagli

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE

Consiglio di Stato NUMERO AFFARE 04251/2010. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 LA SEZIONE Numero 05140/2010 e data 24/11/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 ottobre 2010 NUMERO AFFARE 04251/2010 OGGETTO:

Dettagli

ORDINANZA N. 429 ANNO 2008

ORDINANZA N. 429 ANNO 2008 ORDINANZA N. 429 ANNO 2008 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: - Giovanni Maria FLICK Presidente - Francesco AMIRANTE Giudice - Ugo DE SIERVO "

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici Liquidazione della dichiarazione c.d. controlli automatici Art. 36 bis del D.P.R. 600/73 Co. 1. Avvalendosi di procedure automatizzate, l'amministrazione finanziaria procede, entro l'inizio del periodo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 27 marzo 2014, n. 818 Inquinamento da rumore - Bonifica acustica - Ordinanza del Sindaco a RFI Rete Ferroviaria Italiana per piano di bonifica acustica - Illegittimità.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per la Puglia, Sede di Bari, Sez. I, SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per la Puglia, Sede di Bari, Sez. I, SENTENZA N.2241/04 Reg. Sent. REPUBBLICA ITALIANA N. Reg. Ric. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per la Puglia, Sede di Bari, Sez. I, ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TRISSINO (Approvato con deliberazione di C.C. N 42 del 20.12.2011) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Diritto e società, va risarcito il danno all immagine del lavoratore licenziato

Diritto e società, va risarcito il danno all immagine del lavoratore licenziato Diritto e società, va risarcito il danno all immagine del lavoratore licenziato di Redazione Sicilia Journal - 03, lug, 2015 http://www.siciliajournal.it/diritto-e-societa-va-risarcito-il-danno-allimmagine-del-lavoratore-licenziato/

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n.

Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n. Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n. 138 Il TAR Bolzano ha ritenuto legittimo il diniego di rilascio del certificato

Dettagli

Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno

Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno Sent. n. 26298 del 29 dicembre 2010 (ud. dell 8 novembre 2010) della Corte Cass., Sez. tributaria Pres. Panebianco, Rel. Magno Fatto e diritto - 1.- Dati del processo. 1.1.- L agenzia delle entrate ricorre,

Dettagli

AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335,

AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335, AL COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ARTICOLO 2, COMMA 26, DELLA LEGGE 8 AGOSTO 1995 n. 335, tramite INPS sede provinciale di BARI, Via N. Sauro n, 41 RICORSO AMMINISTRATIVO

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

La storia della guida in stato di ebbrezza viene da lontano ed ha ricevuto nel tempo molteplici modifiche della relativa disciplina.

La storia della guida in stato di ebbrezza viene da lontano ed ha ricevuto nel tempo molteplici modifiche della relativa disciplina. 186 PATENTE La storia della guida in stato di ebbrezza viene da lontano ed ha ricevuto nel tempo molteplici modifiche della relativa disciplina. Negli anni più recenti, oltre a attribuire inizialmente

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno CIRCOLARE N. 35/07 Prot. n. M/6326/50-17 (All. n. 5) Roma, 21 settembre 2007 - AI SIGG. PREFETTI LORO SEDI - AL SIG. COMMISSARIO DI GOVERNO PER LA PROVINCIA DI TRENTO - AL SIG. COMMISSARIO DI GOVERNO PER

Dettagli

29.11.2011 2069 - - B. F., G. R., I. V., S. A., I. C., O. G., G. A.

29.11.2011 2069 - - B. F., G. R., I. V., S. A., I. C., O. G., G. A. Processo civile - Opposizione all esecuzione Inidoneità del titolo Questione rilevata d ufficio e sottratta alla cognizione delle parti Vizio di ultrapetizione Esclusione - Potere dovere del giudice dell

Dettagli

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori.

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. Procedura Accertamento della violazione da cui consegue decurtazione di punteggio (1)

Dettagli

PRONTUARIO PER MINI CORSO

PRONTUARIO PER MINI CORSO PRONTUARIO PER MINI CORSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO CON ALLEGATA RELATIVA TABELLA SIA PER TEMPI CHE PER INFRAZIONI Art. 174 del Codice della Strada modificato dalla Legge 120 del 29/07/2010 in vigore

Dettagli

Merita di essere segnalata la sentenza numero 6669 dell 11 novembre 2009, emessa dal Tar Campania, Salerno ed in particolare il seguente passaggio

Merita di essere segnalata la sentenza numero 6669 dell 11 novembre 2009, emessa dal Tar Campania, Salerno ed in particolare il seguente passaggio I principi di pubblicità e trasparenza delle sedute della commissione di gara non sono assoluti, ma derogabili dalla lex specialis di gara, la quale ben può prevedere la valutazione in seduta riservata

Dettagli

N. 02426/2010 REG.SEN. N. 00277/2010 REG.RIC.

N. 02426/2010 REG.SEN. N. 00277/2010 REG.RIC. N. 02426/2010 REG.SEN. N. 00277/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Giovedì 06 Ottobre 2011 19:17 - Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Ottobre 2011 19:29

Scritto da Ciro Tadicini Giovedì 06 Ottobre 2011 19:17 - Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Ottobre 2011 19:29 L'attività che il Sindaco pretende di regolare è del tutto sottratta ai suoi poteri e ai suoi controlli, trattandosi di attività commerciale non assoggettata ad alcun regime autorizzatorio, nemmeno di

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Riportiamo qui di seguito la sentenza numero 5979 del 22 giugno 2009, emessa dal Tar Lazio, Roma N. 05979/2009 REG.SEN. N. 11329/2008 REG.RIC.

Riportiamo qui di seguito la sentenza numero 5979 del 22 giugno 2009, emessa dal Tar Lazio, Roma N. 05979/2009 REG.SEN. N. 11329/2008 REG.RIC. L art. 17 della legge 12 marzo 1999, n. 68 obbliga tutti i partecipanti a bandi per appalti pubblici a presentare preventivamente una dichiarazione che attesti la regolarità dell impresa sotto il profilo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO SEZIONE IV Registro Sentenze: Registro Generale: 2841/2006 ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

ECCELLENTISSIMO TRIBUNALE AMMINISTRATINO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPOLI

ECCELLENTISSIMO TRIBUNALE AMMINISTRATINO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPOLI ECCELLENTISSIMO TRIBUNALE AMMINISTRATINO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPOLI RICORSO ELETTORALE AVVERSO VERBALE DI PROCLAMAZIONE DEGLI ELETTI IN MATERIA DI ELEZIONI AMMINISTRATIVE Nell interesse del sig. Giuseppe

Dettagli

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA

ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Calabria Legge della Regione Calabria 7 marzo 2011, n. 4, recante Misure per garantire la legalità

Dettagli

T.A.R. Puglia, Bari, sez. III, 17 dicembre 2008, n. 2903,

T.A.R. Puglia, Bari, sez. III, 17 dicembre 2008, n. 2903, T.A.R. Puglia, Bari, sez. III, 17 dicembre 2008, n. 2903, Sull art. 43 TU. E irrilevante il vizio del procedimento. Al proprietario spetta l integrale risarcimento del danno subito per la perdita del bene.

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Sent. N. 206/07 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria, Sezione

REPUBBLICA ITALIANA Sent. N. 206/07 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria, Sezione Fonte: www.giustizia-amministrativa.it REPUBBLICA ITALIANA Sent. N. 206/07 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria, Sezione staccata di Reggio Calabria, composto

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Trento, 5 agosto 2015 PA/LG/lb CIRCOLARE A tutti i Corpi e Comandi della Polizia Locale PREMESSA

Trento, 5 agosto 2015 PA/LG/lb CIRCOLARE A tutti i Corpi e Comandi della Polizia Locale PREMESSA CCT_CAL REG_CCT 05/08/2015 0004598 P Trento, 5 agosto 2015 PA/LG/lb CIRCOLARE A tutti i Corpi e Comandi della Polizia Locale - LL. SS. - OGGETTO: revisione periodica e taratura dei misuratori di velocità;

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA PARZIALE 6288/2012 Nella causa civile

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 Svolgimento del processo In data 26 marzo 1992 decedeva, A.B.. L eredità era devoluta alla nipote E.L., all epoca minorenne ed

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Pena interdittiva accessoria sentenza penale di condanna La cancellazione dall Albo degli Avvocati, disposta come conseguenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. Sent. Anno 200 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO N. Reg. Ric. - SEZIONE II^ - composto dai Signori: CONS. DOTT. LUIGI TOSTI, PRESIDENTE;

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01421/2012 REG.PROV.COLL. N. 01859/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Seconda ha pronunciato

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna Bologna, Sezione Seconda, Sentenza del 2 settembre 2014 n. 834 sull inammissibilità del ricorso nell ipotesi in cui l atto di riassunzione venga

Dettagli

TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32

TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32 TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32 FATTO e DIRITTO L'odierno ricorrente, magistrato amministrativo, è stato sottoposto dal CPGA a procedimento disciplinare per avere "deliberatamente offeso

Dettagli

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di Palermo, Sezione Seconda, ha pronunciato la seguente SENTENZA N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg.

Dettagli

Giurisprudenza di legittimità GIUDICE DI PACE DI NAPOLI Sez. I, 5 settembre 2012, n. 30884

Giurisprudenza di legittimità GIUDICE DI PACE DI NAPOLI Sez. I, 5 settembre 2012, n. 30884 Giurisprudenza di legittimità GIUDICE DI PACE DI NAPOLI Sez. I, 5 settembre 2012, n. 30884 Codice della strada Accertamento delle violazioni A Remoto Sistema Sicve (TUTOR) Taratura annuale Insussistenza.

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

La Dott.ssa Francesca Romana Pucci, in funzione del giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente

La Dott.ssa Francesca Romana Pucci, in funzione del giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente PUBBLICO IMPIEGO-MANSIONI SUPERIORI E DIFFERENZE RETRIBUTIVE Sentenza del 9-11-04 del Tribunale civile di Crotone - sezione lavorodel G.L. dott.ssa Francesca Romana Pucci Oggetto: Controversia di Lav /

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua.

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua. Nullità e annullabilità delle delibere condominiali e sostituzione della delibera impugnata con altra legittima. Cessazione della materia del contendere, liquidazione delle spese e soccombenza virtuale

Dettagli

CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE - sentenza 27 aprile 2009 n. 302 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE - sentenza 27 aprile 2009 n. 302 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO CGA, SEZ. GIURISDIZIONALE - sentenza 27 aprile 2009 n. 302 ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana in

Dettagli

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 26 luglio 2012, n. 13200

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 26 luglio 2012, n. 13200 Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 26 luglio 2012, n. 13200 Assicurazione obbligatoria - Garanzia assicurativa Rimorchio - Contenuto dell assicurazione. Assicurazione obbligatoria

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 15. del 15 giugno 2009. a cura di Maria Concetta Rametta

Osservatorio sulla giustizia civile n. 15. del 15 giugno 2009. a cura di Maria Concetta Rametta Osservatorio sulla giustizia civile n. 15 del 15 giugno 2009 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di cassazione, prima sezione civile, n. 14612 del 23 giugno 2009, in tema di responsabilità degli

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

Il licenziamento disciplinare

Il licenziamento disciplinare Capitolo 4 Il licenziamento disciplinare Caso 4.1 Quali sono stati gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 204 del 1982? Con più ordinanze del 1976 furono impugnati innanzi alla Corte

Dettagli

Determinazione n. Il Dirigente

Determinazione n. Il Dirigente CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI DIPARTIMENTO POLIZIA PROVINCIALE, POLITICHE PER LA LEGALITA E LA SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE DIREZIONE SANZIONI Sede uffici Via Don Bosco 4/f - fax 081/7949933 - tel. 081/7949572

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MARCIANA MARINA

COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MARCIANA MARINA COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Viale G. Vadi, n. 7-57033 Marciana Marina - Tel. 0565/99002 Fax:0565/904321 e-mail: comune@marcianamarina.toscana.it internet: www.marcianamarina.toscana.it

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Stato, Sezione Sesta, 11 gennaio 2013, n. 122 A cura di Lorella Mazzeo

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Stato, Sezione Sesta, 11 gennaio 2013, n. 122 A cura di Lorella Mazzeo Nota a Consiglio di Stato, Sezione Sesta, 11 gennaio 2013, n. 122 A cura di Lorella Mazzeo Sulla multiforme natura giuridica delle società pubbliche e sul relativo riparto di giurisdizione La decisione

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli