GIUDICE DI PACE DI PARMA. Ricorso ex artt. 22 e ss l. 689/81... in persona del suo legale rappresentante pro tempore Dr. ESPONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIUDICE DI PACE DI PARMA. Ricorso ex artt. 22 e ss l. 689/81... in persona del suo legale rappresentante pro tempore Dr. ESPONE"

Transcript

1 GIUDICE DI PACE DI PARMA Ricorso ex artt. 22 e ss l. 689/81.. in persona del suo legale rappresentante pro tempore Dr. Filippo Greci con sede in.., ESPONE In data.. veniva notificato alla ricorrente verbale n. del Comune di Parma con il quale, in data. ad ore, veniva contestata la violazione dell art. 142/2-7 del C.d.S., rilevata a mezzo di Autovelox 105 SE matricola , per aver il conducente dell'autovettura tg..., di proprietà della ricorrente, superato di oltre 6 Km/h i limiti massimi di velocità, previsti in km/h 70 nel Comune di Parma e precisamente in Tangenziale Sud Del Ducato (doc. 1). Per effetto della violazione veniva applicata la sanzione amministrativa di euro 41,00, oltre euro 17,50 per spese di notifica per un totale di euro 58,50. In data, il ricorrente, tramite il sottoscritto procuratore, inviava invano lett. racc. A.R. alla Polizia Municipale di Parma con la quale chiedeva di poter ricevere indicazione della data di omologazione dell apparecchio rilevatore, nella specie autovelox 105/SE, eventuale rinnovazione dell omologazione, certificato di taratura e di manutenzione dello stesso. Il ricorrente propone ricorso avverso il verbale n..., notificato dal Comune di Parma per tramite della Polizia Municipale in data.., in quanto illegittimo per il seguente ordine di MOTIVI IN VIA PREGIUDIZIALE 1

2 I. Inesistenza giuridica della notifica L art. 385, comma 3 del Reg. del C.d.S. dispone che il verbale redatto dall organo accertatore rimane agli atti dell ufficio o comando, mentre la copia da notificare deve essere autenticata a cura del responsabile dello stesso ufficio o da un suo delegato. Orbene il verbale di contestazione de quo è una semplice copia, priva di attestazione di conformità con l originale, nei modi regolamentati per legge ex art. 18, comma 2 del DPR n. 445/2000, priva della sottoscrizione e del timbro del notificante, nonché dei requisiti previsti dall art. 383, comma 4 del DPR n 495/92 (Cass. N. 2341/98, G.d.P. di Roma con sent. del 5/3/2002 e G.d.P. di Avigliana con sent. del 26/6/2002). La notifica del verbale di contestazione in questione, dunque, mancante della sottoscrizione dell agente notificatore è viziata da nullità insanabile e comporta l inesistenza giuridica del relativo verbale, in quanto l art. 201, comma 3, del C.d.S. e l art. 14, comma 4, della l. 689/81, espressamente rinviano alla disciplina prevista dal codice di procedura civile (Cfr. Cass. n. 4567/99) Pertanto si deve riconoscere che, tenuto presente le disposizioni degli artt. 148 e 149 c.p.c., la notificazione è inficiata da vizi di nullità o inesistenza giuridica insanabile derivante dalla assoluta mancanza di certificazione delle operazioni di notificazione dell atto in questione la radicale nullità dell atto originario si estende a tutti quanti gli atti successivi (Cfr. sent. di Massa Carrara del 12/03/2003, G.d.P., Avv. Sauro Bracaloni). Infatti i requisiti di cui agli artt. 3, 14 della l. 890/82, per quanto concerne la notifica a mezzo del servizio postale, con il combinato disposto delle norme processuali di diritto comune, incidono proprio sull esistenza giuridica della notificazione (per cui non è configurabile alcuna sanatoria), in quanto la loro mancanza e/o 2

3 incompletezza impedisce all interessato la verificabilità della provenienza dell atto. II. La fede privilegiata del verbale di contestazione Il verbale di contestazione de quo non è stato redatto da uno degli agenti accertatori, ma da un altro agente. Nonostante recente orientamento giurisprudenziale ammetta la redazione del verbale da agente differente rispetto all agente accertatore, effettuando un interpretazione sistematica dell art. 385, comma 1 del DPR n. 495/92, non si comprende come, in tali ipotesi, si possa attribuire fede privilegiata al medesimo verbale. Infatti non si comprende come si possa attribuire fede privilegiata a un verbale redatto da un agente diverso, che non abbia rilevato personalmente l infrazione, che non si sia accertato personalmente del corretto funzionamento del rilevatore elettronico (sempre che sia in possesso di opportune cognizioni tecniche), che non abbia personalmente rilevato lo stato di luogo e di fatto, così come richiesto dal menzionato art. 385 del Reg. del C.d.S., artt. 200 e 201 del C.d.S. III. Difetto di motivazione A seguito dell obbligo per l organo accertatore di descrivere il motivo per cui non si è proceduto a contestazione immediata, il verbalizzante scriveva non è stata immediatamente contestata causa: ai sensi dell art. 201, comma 1 bis lett. F del C.d.S. l'accertamento è stato effettuato con i dispositivi di cui alla L. 168/02 su un tratto di strada individuato con Decreto prot. 3546/2011/III Area dal Prefetto di Parma. È evidente come la predetta motivazione sia una formula di stile che de plano riporta la citata lett. e) dell art. 384 del Reg. del C.d.S., non spiegando effettivamente il motivo per cui la contestazione immediata sia stata ritenuta impossibile in base alle circostanze del caso concreto, in violazione dell art. 201 del C.d.S. e 385 del Reg. del C.d.S. 3

4 Infatti l apparecchio rilevatore nella fattispecie in esame è l Autovelox 105/SE che emette un segnale sonoro nel momento stesso in cui si commette l infrazione, con pertinente scontrino e/o visualizzazione su apposito display attestante la velocità percorsa dall autovettura segnalata. Pertanto non corrisponde a vero quanto affermato e riportato dall agente verbalizzante. Tale condotta implica una violazione di legge da parte dell organo accertatore e dunque di eccesso di potere, in quanto in caso di mancata contestazione immediata gli accertatori debbono spiegare dettagliatamente e concretamente i motivi hanno a loro impedito siffatta attività, senza ricorrere a formule di stile e/o alla copiatura dell art. 384 Reg. C.d.S.... (Cfr. sent. G.d.P. di Maglie dell 11/2/2003, Avv. Luigi Palese). Si deduce pertanto l illegittimità del verbale di contestazione, n..., per violazione di Legge, nella sua fase genetica, che è quello proprio dell accertamento, e in quanto tale annullabile. IV. Mancata contestazione immediata La giurisprudenza di legittimità, con svariate pronunce, ha stabilito il principio per cui la mancata contestazione nei casi in cui questa era possibile rende illegittimo il verbale di contestazione e i successivi atti del procedimento per violazione di Legge (Cfr Cass. Civ. nn /2000, 4010/2000, 10240/2000). Orbene tale principio, ormai consolidato, è stato enunciato proprio in riferimento all autovelox 105, nella specie il SE che è da ritenersi ancora più sofisticato, in quanto il predetto rilevatore consente di rilevare l eventuale eccesso di velocità contestualmente al passaggio del veicolo innanzi allo stesso, attivandosi il segnalatore acustico con contestuale visualizzazione della velocità sul relativo display e/o stampa di relativo scontrino. 4

5 In tal modo lo sviluppo della fotografia non risulta necessaria ai fini della contestazione immediata, soprattutto in considerazione della circostanza di un traffico pressoché inesistente all ora e al giorno dell accertamento dell infrazione. Circostanza desumibile agevolmente dalla stessa fotografia mostrata al ricorrente, e che mostra inequivocabilmente l assenza di traffico. La ratio della contestazione, infatti, oltre a inserirsi nel principio di legalità di cui agli artt. 200 e 201 del C.d.S., attiene alla salvaguardia del diritto alla difesa, costituzionalmente garantito dall art. 24 della Cost. V. Omessa comunicazione della manutenzione periodica (nei modi previsti dalla legge) dell'autovelox 105 SE Nel verbale di contestazione de quo il verbalizzante non asserisce se al momento della rilevazione e dell accertamento dell infrazione gli agenti erano presenti. Secondo una sentenza del 2003 della Cassazione (Cass. Civ., 7 novembre 2003 n ), la prassi degli organi di Polizia di rilevare le infrazioni a mezzo dei misuratori autovelox messi in funzione e poi lasciati privi della presenza degli agenti costituisce una deprecabile e illegittima condotta, perché in contrasto con la previsione dell'art. 345, comma 4 secondo il quale l'accertamento delle violazioni ai limiti di velocità deve essere eseguito attraverso la gestione diretta delle apparecchiature da parte degli organi di Polizia. In tema di autovelox è indispensabile la presenza degli agenti accertatori, come appare evidente dalla pronuncia della Corte di Cassazione (Cass. Civ., sez. II, sent. 17 novembre 2005, n , in Altalex.com) che è conforme alle decisioni già prese sul tema dalla medesima sezione seconda. Infatti, ritiene 5

6 sempre indispensabile la contestazione immediata,a meno che la situazione non renda di fatto impossibile procedervi. Per altro verso, sia nel caso di presenza o assenza in loco degli agenti accertatori, si pretende dare delle cognizioni prettamente tecniche ad agenti di Polizia che non hanno la qualifica e la qualità tecnica per accertare la corretta funzionalità dell apparecchio elettronico. Infatti l unico modo per garantire il corretto funzionamento del predetto rilevatore elettronico attiene all espletamento di una manutenzione periodica, che in senso pratico consiste in una revisione annuale dello stesso (Cass. Civ. n. 8515/2001). In particolare si tiene a sottolineare come lo strumento in discorso, essendo un apparecchio di misurazione, particolarmente delicato e sensibile, che viene continuamente trasportato, sia soggetto a urti, vibrazioni, shock meccanici, variazioni termiche, e pertanto necessita di una periodica taratura, almeno annuale, effettuata a regola d arte e quindi in ossequio a quanto previsto dall art. 4 della L. n. 273/91 (quindi da centri accreditati a livello internazionale che vengono brevemente chiamati SIT) e dalle norme internazionali, quali per es. UNI EN (ora UNI EN ISO ), OIML R91. Infatti la norma UNI 30012, al punto 3.23, definisce la taratura come L insieme delle operazioni che stabiliscono, sotto condizioni specificate le relazioni tra valori indicati da uno strumento di misurazione e i corrispondenti valori noti di un misurando costituisce l unico modo per assicurare la riferibilità a Campioni Nazionali legalmente riconosciuti, e per verificare l eventuale presenza di errori sistematici rispetto a detti campioni. Questa operazione denominata conferma metrologica deve essere inoltre ripetuta periodicamente, come parte essenziale della manutenzione periodica, per evitare che eventuali variazioni delle regolazioni strumentali portino ad errori 6

7 non segnalati, né segnalabili dallo strumento durante la misurazione (UNI 30012, par. 4.11). Pertanto la contestazione della velocità accertata con uno strumento per il controllo della velocità di cui non si assume l omologazione, le revisioni periodiche e in particolare la corretta taratura, in corrispondenza delle norme in vigore, non può essere considerata legittima e rende l atto annullabile in quanto l irregolarità della strumentazione adoperata per il rilevamento della velocità inficia ab initio l accertamento dell infrazione (V.si per es. Sent. Trb. Lodi, n. 363/2000, G.d.P. di Taranto del 27/10/2004). Detta necessità è avvalorata non solo delle nuove pronunce di merito che costituiscono un orientamento garantistico, ma anche dall approvazione dei rinnovi dei decreti di omologazione, nei quali il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha espressamente previsto la taratura periodica dei rilevatori elettronici. In particolare, il Ministero e le pronunce di merito hanno preso le mosse dal tenore letterale dell art. 345 del Reg. C.d.S. che stabilisce che le apparecchiature destinate a controllare l osservanza dei limiti di velocità devono essere costruite in modo da raggiungere detto scopo fissando la velocità del veicolo in un dato momento in modo chiaro ed accertabile, tutelando la riservatezza dell utente. Da qui la necessità di integrare il dispositivo con le discipline specialiste in materia di misura quali la L.273/91, in ossequio anche alle previsioni comunitarie. Infatti, la perizia tecnica d Ufficio su cui si è basata la sentenza n. 363/2000 di Lodi ha confermato, in conformità a quanto previsto dalla Legge nazionale e comunitaria che: uno strumento di misura, per essere attendibile, deve essere tarato con riferimento a campioni nazionali, 7

8 inizialmente e periodicamente; - nessuna tolleranza forfetaria può sostituire la taratura, unica operazione in grado di rilevare e correggere errori sistematici e di confermare la conformità dello strumento alle caratteristiche metrologiche richieste; - non può esistere alcun sistema di autocontrollo in grado di sostituire la taratura rispetto ai campioni nazionali; - non vi è conformità nella procedura di omologazione adottata dal MLLPP rispetto alla normativa nazionale ed internazionale Orbene, proprio il mancato riconoscimento da parte delle pronunce di merito dei decreti di omologazione circa la conformità alle norme nazionali e non, con svariate pronunce: (G.d.P. Gonzaga, sent. n. 222 del 10/12/2003, G.d.P. di Rovigo, sent. n. 642 del 23/9/2004, G.d.P. di Taranto, sent. n del 27/10/2004, G.d.P. di Porretta Terme, sent. n. 108 del 6/12/2004, G.d.P. di Gonzaga, sent. n. 6 del 10/1/2005, GdP di Lecce, sent. n. 828 del 15/3/2005, G.d.P. di Lecce, sent. n del 12/4/2005, GdP di Lecce, sent. n del 15/4/2005, G.d.P. di Lendinaria, sent. n. 96 del 13/4/2005) ha indotto il Ministero ha inserire nei decreti di omologazione l obbligo di taratura periodica. Per quanto riguarda il caso che ci interessa, il nuovo decreto di omologazione n dell autovelox 105 SE all art. 4 prevede: Gli organi di polizia stradale che utilizzano il dispositivo autovelox 105 SE sono tenuti a verifiche periodiche di taratura secondo quanto previsto dal manuale di istruzioni depositato presso questo Ministero e comunque con un intervallo non superiore ad un anno. E evidente che tale previsione non fa altro che recepire ciò che era già previsto con la norma UNI che individua l operazione definita di conferma metrologica, già menzionata. Essendo, dunque, la norma comunitaria di rango superiore, anche se il nuovo decreto di omologazione solo ora prevede la taratura periodica, non v è chi non veda come tale lacuna del legislatore non può sic et simpliciter risolversi in un 8

9 eccesso di potere della P.A. che ha il dovere di accertare in modo in equivoco con i rilevatori automatici le violazioni dei precetti del CdS. NEL MERITO V. IRREGOLARITÀ DELL'INSTALLAZIONE DELLE APPARECCHIATURE. Autovelox ubicati in Tangenziale Sud a Parma all'altezza di intersezioni (entrata/uscita n.13 carreggiate Nord e Sud). In punto, si rileva come nel codice della strada e nelle varie circolari ministeriali venga stabilita una specifica distanza (1 Km) che deve intercorrere fra la segnaletica ed il punto di collocazione dell apparecchio rilevatore e che se nel tratto che precede la postazione di controllo sono presenti intersezioni, il segnale deve essere opportunamente ripetuto. In particolare l art. 142, comma 6 bis, C.d.S. impone che le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità siano: a) preventivamente segnalate; b) ben visibili. Le loro caratteristiche e le modalità di impiego sono, appunto, state stabilite con decreto adottato dal Ministro dei Trasporti, di concerto con il Ministro dell Interno, del A dimostrazione di tale ulteriore doglianza, in uno, con il presente atto, si allega perizia tecnica del Geom.. svolta per incarico della ricorrente (doc. 2). Per comodità del Giudicante si riportano di seguito i passaggi essenziali della perizia tecnica ove è emersa L'IRREGOLARITÀ DELL'INSTALLAZIONE delle apparecchiature Autovelox ubicate in Tangenziale Sud a Parma all'altezza dell entrata/uscita n.13 carreggiate Nord e Sud. 9

10 << Ricevo incarico di verificare la regolarità dell installazione delle apparecchiature autovelox ubicate in Tangenziale Sud a Parma all altezza delle uscite 13 carreggiate Nord e Sud. Trattasi di tratto di strada extraurbana denominata Tangenziale Sud a doppia corsia per ogni senso di marcia con limite di velocità stabilito in Km/h 70 (settanta chilometri orari).>> Fotografia 1) << La Circolare del Ministero dell Interno del 20 agosto 2007 Art. 2 lettera b) sancisce che : la distanza massima tra il segnale stradale o il dispositivo luminoso che indica la presenza della postazione di controllo e la postazione stessa non può essere in nessun caso superiore a 4 km; il segnale deve essere opportunamente ripetuto se nel tratto che precede la postazione di controllo sono presenti intersezioni o immissioni laterali di strade pubbliche; L attuazione dell Art. 2 comma 1 sancisce che : I segnali stradali e i dispositivi di segnalazione luminosi devono essere installati con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità, e in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale 10

11 predominante. La distanza tra i segnali o i dispositivi e la postazione di rilevamento della velocità deve essere valutata in relazione allo stato dei luoghi; in particolare è necessario che non vi siano tra il segnale e il luogo di effettivo rilevamento intersezioni stradali che comporterebbero la ripetizione del messaggio dopo le stesse, e comunque non superiore a quattro km. I segnali stradali si trovano ad 1 km dalla postazione fissa di rilevamento (quindi rispettano i termini di distanza) ma prima della postazione vi è un intersezione (uscita ed entrata nr. 13 della Tangenziale SUD) e dopo l intersezione NON è presente alcun segnale stradale come dovrebbe essere da piano d attuazione.>> : fotografia 2) SUD 11

12 fotografia 3) SUD fotografia 4) SUD 12

13 fotografia 5) SUD fotografia 6) SUD 13

14 fotografia 7) SUD fotografia 8) SUD 14

15 fotografia 9) SUD Fotografia 10) NORD 15

16 Fotografia 11) NORD Fotografia 12) NORD 16

17 Fotografia 13) NORD Fotografia 14) NORD 17

18 Fotografia 15) NORD Fotografia 16) NORD 18

19 Fotografia 17) NORD Fotografia 18) NORD La fotografia nr. 1 è la panoramica dell intersezione nr. 13 della Tangenziale Sud in Parma; la fotografia nr. 3 ritrae il cartello ad 1 km. dalla postazione di rilevamento della velocità; 19

20 le fotografie nr ritraggono l avvicinamento alla postazione fissa di rilevamento corsia SUD; la fotografia nr.6 ritrae il cartello PRIMA DELL INTERSEZIONE; la fotografia nr. 8 ritrae lo svincolo nr. 13 (uscita in Strada Farnese) e nessun cartello di postazione fissa; la fotografia nr. 9 ritrae la postazione fissa di controllo della velocità; Le fotografia da 10 a 18 ritraggono le stesse problematiche riscontrate nella corsia Sud ma riportate sulla corsia Nord. Dalla perizia tecnica del professionista incaricato, emerge, dunque come nella tangenziale sud - prima della postazione fissa di rilevamento - vi sia un intersezione e dopo tale intersezione NON è presente alcun segnale stradale come invece dovrebbe esserci sulla base del piano di attuazione e ciò in palese violazione a quanto sancito anche dalla Circolare del Ministero dell Interno.. Nel caso in cui, lungo il tratto oggetto del controllo, siano presenti intersezioni stradali, come nel caso de quo, è necessaria la ripetizione del segnale stradale stesso, che nella fattispecie manca. I cartelli devono essere installati con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità, e in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale predominante, tanto più è stabilita la necessità della loro ripetizione in caso di intersezione (!). Se nel tratto di strada sottoposto a controllo vi sono intersezioni, il segnale dovrà essere ripetuto poiché é garanzia a tutela dell'automobilista e della funzione preventiva dell'autovelox. Ebbene, nel caso della tangenziale sud, l'autovelox non rispetta questa norma (l'autovelox è posizionato dopo un intersezione e non vi è la ripetizione della segnaletica). Già il fatto che tale autovelox sia posto ad una intersezione, come detto, è elemento sufficiente per decretarne l'irregolarità. Ne consegue che in presenza di intersezioni e fuori dal centro abitato, come nella fattispecie, l autovelox va subito disattivato e/o collocato in modo da rispettare tale dettato normativo. 20

21 Per quanto sopra esposto, ne deriva la mancanza di qualsiasi colpa ascrivile all utente/automobilista. Da rilevare che la Corte di Cassazione ha ipotizzato persino il reato di truffa per gli autovelox non correttamente segnalati (cfr. sentenza n del 13 marzo 2009). APPARECCHIO RILEVATORE NON BEN VISIBILE Oltre al motivo sopra indicato, si pone all attenzione del Giudicante anche la non visibilità dell apparecchio rilevatore nella tangenziale in questione. Nella fattispecie, anche dalla documentazione fotografica, emerge che gli apparecchi autovelox dove sono stati collocati non sono ben visibili all automobilista. L art. 142 comma 6 bis del cds impone che le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità siano preventivamente segnalate e ben visibili ed al successivo punto 7.1 che le postazioni fisse di rilevamento della velocità possono essere rese ben visibili attraverso un opportuna colorazione delle installazioni in cui sono contenute Ne consegue che oltre alla mancata ripetizione della segnaletica, come prescritta, la postazione fissa autovelox risulta, inoltre, collocata in zona poco illuminata e la striscia riflettente non è efficace nelle ore notturne. Nello specifico caso, l apparecchio rilevatore non è ben visibile soprattutto per la sua collocazione dopo i cartelli stradali di intersezione e supporti di color grigio che confondono l avvistamento a cui si aggiunge il colore grigio dell autovelox che non aiuta certo la sua visibilità. E certo che non può supplire a tale carenza l apposizione di strisciolina adesiva di pochi centimetri di color bianco-rosso applicate su un lato dell apparecchio al momento della violazione. L'obiettivo primario della Pubblica Amministrazione dovrebbe essere il garantire la sicurezza stradale e non 21

22 far cassa. Un autovelox "mimetizzato" difficilmente raggiunge questo obiettivo. Non solo, ma, essendo automatizzato, gli automobilisti vengono a conoscenza di aver commesso l'infrazione solo dopo settimane o mesi, quando ricevono la contravvenzione a casa. ***** In ultimo ci sia consentita una considerazione di carattere generale ed una riflessione che esula da discorsi prettamente giuridici sulla questione sollevata anche al fine di sensibilizzare l'odierno giudicante sull equazione sinistrosità stradale = installazione rilevatore. La sinistrosità è spesso un ardita sintesi di dati statistici del numero di sinistri in un certo periodo di tempo, non specificatamente delle cause dei medesimi spesso avvenuti per mancanza precedenza, per guida pericolosa, per non aver conservato il controllo dell auto, cause che non sempre hanno un legame diretto con aver violato il limite di velocità esistente. Inoltre occorre anche considerare che la densità automobilistica, negli ultimi anni, è decuplicata e dovendo fare i conti con la morfologia del territorio, la vetustà della viabilità e la segnaletica stradale esistente, la sinistrosità potrebbe essere invocata per migliaia e migliaia di tratti stradali, ne consegue che sarebbe necessario pensare anche a misure alternative e sistemi/mezzi diversi delle macchinette autovelox come ad esempio la presenza a bordo strada della Polizia Municipale indubbiamente il più forte deterrente ad una condotta di guida moderata e prudente, anche per le conseguenze che possono derivare da un immediato controllo che solo l autorità preposta può eseguire o verificare sulle condizioni di guida del conducente (stato di ebbrezza, uso di sostanze stupefacenti, utilizzo illegittimo di telefoni cellulari, ecc.) spesso la vera causa dei sinistri. 22

23 In questo modo si affronterebbe in maniera concreta la tutela della sicurezza stradale. E vero che non rientra nei compiti del Giudice sindacare sull operato e l organizzazione della Pubblica Amministrazione, però è la stessa Corte di Cassazione nell indicare l obbligo di civile trasparenza cui deve attenersi la Pubblica Amministrazione. Nella nota sentenza Cassazione Civ. Sez. II n del , è stato statuito che: il potere sanzionatorio, in materia di circolazione stradale, NON DEVE ESSERE ISPIRATO DALL INTENTO DELLA SORPRESA INGANNEVOLE dell automobilista indisciplinato, IN UNA LOGICA PATRIMONIALE CAPTATORIA, quanto da uno scopo di tutela della sicurezza stradale e riduzione dei costi economici e sociali ed ambientali Invero, come riportato dalla stessa stampa locale ed in particolar modo dalla Gazzetta di Parma è stato ritenuto dai più inammissibile l'uso indiscriminato di multe e Autovelox al solo fine di "fare cassa" (doc. 3). Per comodità del Giudicante, sul tema, si allega un articolo del sopracitato quotidiano laddove è stato sollevato dai più l'esigenza di un intervento del Ministero dell'interno affinché venga verificata la regolarità delle manovre di bilancio decise dalla Giunta Comunale in merito alla previsione di aumentare gli introiti comunali anche e soprattutto grazie ad un corposo aumento delle multe, con il posizionamento dei suddetti Autovelox. Per altro verso, è appena il caso di rilevare che dal gennaio 2013, (periodo quest ultimo in cui sono stati attivati gli autovelox), ad oggi sono circa le contravvenzioni elevate nei confronti dei poveri utenti sempre più vessati e ignari del posizionamento degli Autovelox in questione, ciò sulla base delle argomentazioni sviluppate con riferimento alle lagnanze della ricorrente di cui 23

24 alla perizia svolta corredata con tanto di foto e precisi riferimenti giuridici fatti propri da questa difesa. ***** Ciò premesso la ricorrente, ut supra rappresentata e difesa CONCLUDE Piaccia all Ill.mo Giudice di Pace adito IN VIA PRELIMINARE: concedere la provvisoria sospensione dei termini di pagamento in misura ridotta. IN VIA PREGIUDIZIALE: accertare e dichiarare la nullità del verbale per vizio insanabile di notifica e per l effetto dichiarare la nullità della comminata sanzione. NEL MERITO E IN VIA PRINCIPALE: accogliere il ricorso e dichiarare illegittimo e nullo il verbale di accertamento n.. redatto dalla Polizia Municipale del Comune di Parma per violazione della Legge per i motivi di cui in narrativa. IN VIA SUBORDINATA: nella denegata ipotesi di mancato accoglimento del presente ricorso, applicare la sanzione nel minimo edittale, o comunque, nella misura ritenuta congrua, avendone, l Ill.mo Giudice adito, facoltà ai sensi dell art. 23, comma 10, l. 689/81, con ammissione al pagamento rateale suddivisa in 10 rate mensili. IN OGNI CASO: Con vittoria di spese competenze ed onorari di causa. IN VIA ISTRUTTORIA: A) Ai sensi dell art. 210 del c.p.c. si chiede: L esibizione da parte della P.A. del certificato di omologazione, dell eventuale rinnovo nel caso in cui questo sia scaduto, delle 24

25 certificazioni attestanti l ordinaria e periodica manutenzione e revisione dell Autovelox 105/SE matricola ; L esibizione dei certificati attestanti il tasso di incidentalità negli ultimi cinque anni nel tratto stradale Tangenziale Sud; L esibizione del decreto prefettizio, con annessi procedimenti di valutazione tesi a consentire la mancata contestazione per l esame incidenter tantum dell attività della P.A. L'esibizione da parte della P.A. della documentazione con l'immagine della violazione. B) Prova per testi a mezzo dell'agente accertatori Sig.ri. e. sui capitoli di prova da articolare nei termini di Legge, anche in considerazione del comportamento processuale avverso. C) In caso di contestazione CTU tecnica sull' Autovelox 105 SE matricola D) Sopralluogo stato dei luoghi. Si dichiara che il presente procedimento è soggetto al pagamento del contributo unificato pari ad euro 37,00 PRODUZIONI: 1) copia verbale di contestazione ; 2) perizia tecnica; 3) articolo Gazzetta di Parma. Con ogni riserva di ulteriormente dedurre, produrre, eccepire e articolare mezzi istruttori, nei termini previsti per Legge, anche in considerazione del comportamento di parte avversa. Parma, 17 aprile

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un

La contravvenzione. Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un La contravvenzione Nei casi in cui l'importo della contravvenzione va da un minimo a un massimo, in base a quale criterio viene fissata la somma da pagare? Si tiene conto della gravità della violazione,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO La giurisprudenza sul raddoppio dei termini di accertamento di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO Il legislatore ha previsto, con l integrazione operata dal dl n. 223 del 2006 alle norme di cui agli artt.

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli