NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO"

Transcript

1 NUOVA NORMATIVA SULL ETICHETTATURA DEL VINO L etichetta è certamente la carta d identità di un prodotto che tutela sia il produttore che il consumatore e, accanto ad una generale disciplina applicabile a tutte le categorie di alimenti, vi è una specifica normativa inerente il vino e le bevande alcoliche. Tale normativa ha subito recentemente importanti modifiche. Il principale riferimento normativo è il D.M. 23 dicembre 2009 recante le disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio e del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della Commissione, per quanto concerne le DOP, le IGP, le menzioni tradizionali, l etichettatura e la presentazione di determinati prodotti del settore vitivinicolo. Ad essi si rimanda per qualsiasi ulteriore e necessario approfondimento. Le pagine seguenti hanno esclusivamente l intento di porre all attenzione dell utenza l emissione di nuove norme ed invitare all approfondimento al fine di non incorrere in possibili irregolarità e sanzioni. Si ricorda a tal fine, che gli enti di competenza in merito alle norme sull etichettatura sono: Ispettorato Centrale Repressione Frodi Servizio Antisofisticazioni vitivinicole (la Provincia di Biella è convenzionata con quello di Torino) Con la nuova OCM vengono introdotte anche nel settore vino le Denominazioni di Origine Protetta (DOP e IGT). Viene introdotto il concetto di origine che l UE identifica come la zona ove avvengono la raccolta e la vinificazione del prodotto; limiti alla zona di confezionamento sono eventualmente previsti nei disciplinari di produzione delle singole DOP. Cosa cambia: scompariranno le dizioni VINI DA TAVOLA e VQPRD (DOC e DOCG), sostituiti da: VINI senza altra indicazione VINI con indicazione della VARIETA VINI IGP VINI DOP (ex DOC E DOCG) VINI senza altra indicazione: vini senza possibilità di nessuna menzione detti vini generici. L unico obbligo è riportare l origine intesa come Stato membro di provenienza (non si possono indicare riferimenti a zone geografiche) VINI VARIETALI: possono essere indicati annata e vitigno, quest ultimo solo se appartenente ai 7 vitigni internazionali (Cabernet franc- Cabernet sauvignon Cabernet Chardonnay Merlot Sauvignon - Syrah) VINI IGP sostituiranno gli attuali IGT VINI DOP: sostituiscono di fatto le nostre DOC e DOCG che potranno comunque essere riportate in etichetta con la vecchia Denominazione DOC e DOCG. Cambiano le procedure e gli organi dei controlli.

2 ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE «etichettatura»: i termini, le diciture, i marchi di fabbrica o di commercio, le immagini o i simboli figuranti su qualsiasi imballaggio, documento, cartello, etichetta, nastro o fascetta che accompagnano un dato prodotto o che ad esso si riferiscono. «presentazione»: qualsiasi informazione trasmessa ai consumatori tramite il condizionamento del prodotto in questione inclusi la forma e il tipo di bottiglie. Sull etichetta devono essere riportate le indicazioni il cui compito è fornire le necessarie informazioni al consumatore, si distinguono in obbligatorie e facoltative. Le indicazioni obbligatorie devono essere riportate sulla bottiglia nello stesso campo visivo in modo da poter essere lette simultaneamente senza dover girare la bottiglia stessa. indicazioni obbligatorie CATEGORIA DEL PRODOTTO E DENOMINAZIONE, l indicazione vino è sempre obbligatoria per i vini senza denominazione di origine, es vino, vino liquoroso, vino spumante, vino frizzante, ecc. l indicazione DOP o IGP è obbligatoria; tuttavia per non indurre in confusione il consumatore, può essere omessa se in etichetta figurano Denominazione di Origine Controllata (DOC), Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG). Pertanto i vini che riportano in etichetta l indicazione DOC/DOCG non dovranno apportare sostanziali modifiche se non aggiungere, facoltativamente, l espressione comunitaria DOP, in acronimo o per esteso, ed il relativo logo comunitario. TITOLO ALCOLOMETRICO VOLUMICO EFFETTIVO Il titolo alcolometrico volumico effettivo è indicato per unità o mezze unità di percentuale del volume. Il valore del titolo alcolometrico effettivo è seguito dal simbolo«% vol» e può essere preceduto dai termini «titolo alcolometrico effettivo» o «alcole effettivo» o dall abbreviazione «alc». TENORE ZUCCHERINO (obbligato solo per i vini spumanti)): brut naturale - extra brut brut - extra dry secco abboccato - dolce. INDICAZIONE DELLA PROVENIENZA l indicazione dell origine (Stato membro) è obbligatoria per tutte le tipologie di vino. Per i vini generici e varietali può essere indicato solo lo Stato membro (Italia) in cui le uve sono vendemmiate e vinificate. Es: Prodotto in Italia. IMBOTTIGLIATORE e ALTRI OPERATORI DELLA FILIERA L indicazione dell imbottigliatore è obbligatoria, mentre i riferimenti ad altre categorie commerciali (produttore, venditore, ecc.) sono facoltative. Solo l indicazione dell importatore diventa obbligatoria se il vino ha provenienza extra UE.

3 E comunque possibile raggruppare le indicazioni che riguardano la stessa persona fisica, qualora il produttore e imbottigliatore coincidano, riportando in etichetta prodotto e confezionato da.. Definizioni: «imbottigliatore», la persona fisica o giuridica, o l associazione di tali persone, che effettua o fa effettuare l imbottigliamento per proprio conto. «imbottigliamento», il riempimento, con il prodotto interessato, di recipienti aventi una capienza uguale o inferiore a 60 litri, ai fini della vendita; «produttore», la persona fisica o giuridica, o un associazione di tali persone, che effettua o fa effettuare per proprio conto l elaborazione delle uve, del mosto di uve e del vino in vino spumante, vino spumante gassificato, vino spumante di qualità o vino spumante di qualità del tipo aromatico; «venditore», la persona fisica o giuridica, o un associazione di tali persone, che non rientra nella definizione di produttore, che acquista e poi mette in circolazione vini spumanti, vini spumanti gassificati, vini spumanti di qualità o vini spumanti di qualità del tipo aromatico; «indirizzo», il nome del comune e dello Stato membro in cui è situata la sede sociale dell imbottigliatore, del produttore, del venditore o dell importatore. INDICAZIONE DEL NUMERO DI LOTTO può figurare fuori del campo visivo in cui compaiono le altre indicazioni obbligatorie. INDICAZIONE DELL IMPORTATORE ( nel caso di vini importati) CAPACITA DEL RECIPIENTE e solo in UE Es: L 0,75 e CONTENUTO SOLFITI L anidride solforosa, essendo un ingrediente considerato allergenico, deve essere sempre e comunque indicato in etichetta ( per i solfiti si possono usare i seguenti termini: «solfiti»,«sulfiti» o «anidride solforosa») che devono figurare sull etichetta, preceduti dalla parola «contiene». possono figurare fuori del campo visivo in cui compaiono le altre indicazioni obbligatorie. Indicazioni facoltative SIMBOLO COMUNITARIO DOP E IGP per i soli vini a denominazione di origine protetta, le menzioni tradizionali e il simbolo comunitario che indica la denominazione di origine protetta o l indicazione geografica protetta. PER GLI SPUMANTI METODO (classico, tradizionale, ) termini che si riferiscono a determinati metodi di produzione

4 AREA GEOGRAFICA vini DOP/IGP hanno la possibilità di indicare in etichetta riferimenti ad unità geografiche (es. luoghi, frazioni, comuni, regioni vitivinicole, ecc.) che comprendono o sono ricompresi nel territorio di produzione della DOP. Tra i riferimenti a zone ricomprese nella DOP vi è la menzione Vigna, in questo caso il vino deve provenire almeno per l 85% delle uve impiegate dalla vigna in menzione; il rimanente 15% deve, comunque, provenire dal territorio delimitato nel disciplinare di produzione. L indicazione dell area geografica deve fare riferimento ad una o più delle seguenti categorie di toponimi: - il nome della località e/o del gruppo di località. - un comune o una frazione. - una sottoregione vitivinicola. - una zona amministrativa. La menzione vigna è utilizzabile a condizione che sia rivendicata nella denuncia attuale di produzione, che la vinificazione delle uve corrispondenti avvenga separatamente e che la vigna sia iscritta in un apposito elenco positivo a livello regionale. ANNATA se non è espressamente vietata o obbligatoria (DOP), è possibile indicare in etichetta l annata di produzione del vino a condizione che almeno l 85% del quantitativo di uve impiegate per la realizzazione dello stesso vino siano state vendemmiate nella stessa annata. Per i vini senza denominazione (ex vini da tavola) l annata di produzione può essere facoltativamente indicata se riconosciuta e certificata da un organismo certificatore così come per i Vini varietali dove, con la stessa condizione, può essere anche indicata la varietà delle uve utilizzate (all interno dei 7 vitigni internazionali riconosciuti). TERMINI DI NATURA PER LO ZUCCHERO per vini diversi dai vini spumanti, la normativa prevede quattro tipologie di indicazioni (secco, abboccato, semidolce, dolce) da utilizzare in base al quantitativo di tenore zuccherino presente. SIMBOLI COMUNITARI DOP/IGP i simbolo comunitari sono quello già in uso per le altre categorie di prodotti DOP/IGP. Le diciture riportate nel pittogramma Denominazione di origine protetta e Indicazione geografica protetta possono essere sostituite dalla menzioni tradizionali Denominazione di origine controllata, Denominazione di origine controllata e garantita. Il simbolo comunitario non può sostituire l indicazione della denominazione che deve sempre e comunque figurare in etichetta. Es: vincoli Commercializzazione ed esportazione.

5 I prodotti con un etichettatura o una presentazione non conformi alle pertinenti disposizioni stabilite non possono essere commercializzati nella Comunità né esportati. Divieto di utilizzare capsule o involucri a base di piombo Il dispositivo di chiusura dei prodotti non può essere rivestito con una capsula o una lamina contenenti piombo.

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI. DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti. NUOVE REGOLE IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEI VINI DARIO PANELLI UFFICIO VITIVINICOLO PROVINCIALE Febbraio 2011 dario.panelli@coldiretti.it Dal 1 agosto 2009 è entrata in vigore la nuova classificazione

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI

Enol. Vittorio Portinari. ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI Enol. Vittorio Portinari ELEMENTI DI LEGISLAZIONE VITIVINICOLA: LE NORME PER L ETICHETTATURA e LA TRACCIABILITA DEI VINI La nuova classificazione dei vini VINO SENZA DO e IG VINI VINI VARIETALI VINO

Dettagli

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007

Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Vini da dessert: dalla Vigna al Bicchiere di Romano Satolli Oristano, 19 giugno 2007 Il Dessert è una portata, solitamente ma non sempre dolce, che viene tipicamente servita alla fine del pasto. La parola

Dettagli

Etichettatura dei Vini Cenni Pratici

Etichettatura dei Vini Cenni Pratici Etichettatura dei Vini Cenni Pratici Regole generali Indicazioni obbligatorie Devono essere riportate sul recipiente : in caratteri indelebili e chiaramente distinguibili dal testo e dai disegni che le

Dettagli

Vino (categoria di prodotto)

Vino (categoria di prodotto) DESIGNAZIONE VINI (ex tavola) NON A DOP/IGT SCHEMI DI ETICHETTE Vino (categoria di prodotto) imbottigliato da Bianchi Mario, Casteggio, stabilimento di Voghera Italia o Prodotto d Italia o Vino d Italia

Dettagli

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita!

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! ETICHETTATURA!E! PRESENTAZIONE Normativa!di!riferimento Regolamento! CE!

Dettagli

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero

Etichettatura Indicazione del tenore di zucchero Etichettatura Articolo 58 Indicazione del tenore di zucchero 1. I termini elencati nell allegato XIV, parte A, del presente regolamento, che indicano il tenore di zucchero, figurano sull etichettatura

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto n. 5389 del 1 agosto 2011 Attuazione dell articolo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO

ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO ISTRUZIONE PER LA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO MVV INDICAZIONI DA RIPORTARE SUL DOCUMENTO Ogni indicazione deve essere apposta in modo da risultare leggibile, anche nel documento allegato al messaggio di

Dettagli

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare

Dettagli

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino

XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015. Presentazione Testo Unico del vino XXII SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO NORMATIVO DI DIRITTO VITIVINICOLO Vinitaly, 22 marzo 2015 Presentazione Testo Unico del vino DISPOSIZIONI GENERALI E DI SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA DI VINO E PRODOTTI VITIVINICOLI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401

NOTA INFORMATIVA PIANI DI CONTROLLO: GESTIONE ATTIVITA ISPETTIVA INF5_V_002_20150401 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente nota descrive le modalità operative utilizzate da Valoritalia per la gestione del controllo ispettivo viticoltori, vinificatori, imbottigliatori ed intermediari.

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 13 agosto 2012. Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE) n. 607/2009 della commissione e del decreto legislativo n. 61/2010,

Dettagli

vino e qualità in Lombardia

vino e qualità in Lombardia vino e qualità in Lombardia L Unione Nazionale Consumatori della Lombardia con il presente opuscolo intende dare informazioni al consumatore sui marchi di qualità dei vini, sui vini di qualità della Lombardia

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi:

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: PREMESSA (PORRE MOLTA ATTENZIONE AL CONCETTO): in riferimento

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188

Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 Bollettino Ufficiale n. 27/I-II del 03/07/2012 / Amtsblatt Nr. 27/I-II vom 03/07/2012 188 79903 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari;

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari; Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto 13 agosto 2012 - Disposizioni nazionali applicative del Regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE)

Dettagli

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza

Documento di lavoro FVG-TN-VENETO. bozza proposta Denominazione di origine controllata dei vini delle Venezie. disciplinare di produzione Art. 1 Denominazione e vini. La denominazione di origine controllata "delle Venezie" è riservata ai vini

Dettagli

LE ETICHETTE ALIMENTARI, STRUMENTO INDISPENSABILE PER IL CONSUMATORE L'etichetta del Vino strumento di sicurezza e di marketing

LE ETICHETTE ALIMENTARI, STRUMENTO INDISPENSABILE PER IL CONSUMATORE L'etichetta del Vino strumento di sicurezza e di marketing LE ETICHETTE ALIMENTARI, STRUMENTO INDISPENSABILE PER IL CONSUMATORE L'etichetta del Vino strumento di sicurezza e di marketing a cura della Dott.ssa Gabriella Lo Feudo CREA OLI Cerignola 2016 1 2 3 4

Dettagli

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015

Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Aggiornamento normativo Vendemmia 2015 Treviso 26 agosto 2015 1 . DISCIPLINARI DI PRODUZIONE VINI DOC IN CORSO DI MODIFICA PRESSO IL MIPAAF NEL

Dettagli

Nelle enoteche e anche sugli scaffali dei supermercati si vedono

Nelle enoteche e anche sugli scaffali dei supermercati si vedono INDICE LA SCELTA DEL CONSUMATORE 4 GLI SPUMANTI 9 LE ETICHETTE 9 Nelle enoteche e anche sugli scaffali dei supermercati si vedono sempre più spesso vini spagnoli, portoghesi, californiani, sudafricani

Dettagli

Venerdì 24 aprile 2015

Venerdì 24 aprile 2015 Venerdì 24 aprile 2015 LUCIANO BOANINI LEZIONE del 24,04,2015 Aggiornamento 2015.2 NORMATIVA SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DIFESA DEL CONSUMATORE Tutte le tabelle, il materiale didattico

Dettagli

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza.

1) Soggetti obbligati alla compilazione e presentazione della dichiarazione di giacenza. NOTE ESPLICATIVE PER LA COMPILAZIONE DELLE DICHIARAZIONI DI GIACENZA DEI VINI E/O MOSTI. AVVERTENZE GENERALI Nella dichiarazione di giacenza sono indicati i volumi di vini e/o mosti detenuti dal dichiarante

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Decreto Ministeriale 14 ottobre 2010 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA GAVI O CORTESE DI GAVI. (G.U.

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI D.Dirett. 27-6-2008 Modifica del disciplinare di produzione dei vini a indicazione geografica tipica «Veneto». Pubblicato nella Gazz. Uff. 8 luglio

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso. n. 2/2007. L etichettatura del vino e delle bevande alcoliche La normativa nazionale, Ue ed extra-ue

UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso. n. 2/2007. L etichettatura del vino e delle bevande alcoliche La normativa nazionale, Ue ed extra-ue UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso n. 2/2007 L etichettatura del vino e delle bevande alcoliche La normativa nazionale, Ue ed extra-ue SPORTELLO EUROPA c/o Unioncamere Piemonte Via Cavour, 17 10123 Torino

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA

IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA 1 UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE DELLA LOMBARDIA IL DECRETO LEGISLATIVO 61/2010: LE NUOVE NORME PER I VINI DI QUALITA SOMMARIO Premessa Quadro normativo europeo Quadro normativo nazionale

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione

Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione Iscrizione Concours Mondial de Bruxelles 2013 Modalità pratiche di partecipazione 1. Iscrizioni Riempite, in modo leggibile, e per ogni prodotto presentato, un modulo d iscrizione. Oppure consultate il

Dettagli

Campagna vitivinicola 2015-2016. "Vademecum

Campagna vitivinicola 2015-2016. Vademecum Campagna vitivinicola 2015-2016 "Vademecum INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO E REGISTRI... 2 1.1 Trasporto delle uve da tavola destinate alla trasformazione ed i prodotti da esse ottenuti.

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 Iscrizione della denominazione «Aceto Balsamico di Modena», nel registro delle denominazioni di origine protette e

Dettagli

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE

Terre di Lambrusco. Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE Terre di Lambrusco 2015 Concorso Enologico REGOLAMENTO - 6ª EDIZIONE REGOLAMENTO Articolo 1: La Camera di Commercio di Reggio Emilia promuove la sesta edizione del Concorso Enologico Matilde di Canossa

Dettagli

Vendere vino e bevande alcoliche in Italia e all estero

Vendere vino e bevande alcoliche in Italia e all estero UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso n. 2/2011 Vendere vino e bevande alcoliche in Italia e all estero Aspetti legali, fiscali e doganali 2 Unione europea. Istruzioni per l uso La collana Unione europea.

Dettagli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli

I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo: La telematizzazione 24 Giugno 2015 Riccardo Minelli I Registri del settore vitivinicolo Le modalità di tenuta La normativa di riferimento OGGI Modalità cartacea Reg.

Dettagli

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA

GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA GUIDA ALLE NORME SULL ETICHETTATURA DEI VINI IN ITALIA Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Michele A. Fino con un contributo di Nicola Perullo Università degli Studi di Scienze Gastronomiche,

Dettagli

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA.

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. 1. COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA Confezioni Il prodotto può essere venduto all utenza finale in imballaggi

Dettagli

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della

PRODOTTI CONFEZIONATI PRODOTTI SFUSI. AMBITO DI CIRCOLAZIONE Circolazione con inizio dall Italia e destinazione in altro Stato membro della ALLEGATO 3 - QUADRO TTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRAN ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO 2013 PROSPETTO

Dettagli

Il Mondo del Sommelier Il Vino e le sue leggi Legge OCM Vino pag. 2. Il Vino nel Mondo Legge OCM Vino in Europa pag. 4

Il Mondo del Sommelier Il Vino e le sue leggi Legge OCM Vino pag. 2. Il Vino nel Mondo Legge OCM Vino in Europa pag. 4 DIDATTICA NEWS Il Mondo del Sommelier Il Vino e le sue leggi Legge OCM Vino pag. 2 Il Vino nel Mondo Legge OCM Vino in Europa pag. 4 Il Mondo del Sommelier Gli spumanti Nuova classificazione degli Spumanti

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80

ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 3 QUATER DELLA L.R. N. 39/80 Testo elaborato dal Bozza del: 5 luglio 2006 1 Titolo IX bis Del sistema di controllo di cui all art. 3 quater Articolo 46: definizioni

Dettagli

I VInI speciali sono.

I VInI speciali sono. Vini speciali Vini speciali I VInI speciali sono. I vini liquorosi sono ottenuti da mosto d uva parzialmente fermentato, o da uve un po appassite. Per i vini liquorosi si tiene conto anche del grado alcolico

Dettagli

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG.

31/05/2013. Relatore: Volani Antonio Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Associazione Interregionale Produttori Olivicoli Viale Del Lavoro, 52-37135 Verona Norme per la corretta etichettatura dell'olio extra di oliva Relatore Volani Antonio Campagna

Dettagli

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA

FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali N. 16 NOTA INFORMATIVA VINICOLA 1 FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: L Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111.1 Sottoazione B) Informazione nel settore agricolo Torino, 14/11/2014

Dettagli

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione

CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE REGOLAMENTO. Wine & Sardinia II Edizione CONCORSO ENOLOGICO REGIONALE Wine & Sardinia II Edizione REGOLAMENTO Articolo 1 Nell'ambito dei festeggiamenti per Sa innenna 2015 ( La vendemmia ), l'associazione ProLoco Sorgono, quale organismo ufficialmente

Dettagli

Note pratiche di etichettatura dei vini

Note pratiche di etichettatura dei vini Note pratiche di etichettatura dei vini Regole generali Fanno parte dell etichettatura: i termini, le diciture, i marchi di fabbrica o di commercio, le immagini o i simboli figuranti su qualsiasi imballaggio,

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA

D I S C I P L I N A R E PROPOSTA DI MODIFICA Denom. Vini Costa d Amalfi Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini «Costa d Amalfi». ATTUALE Articolo 1 La denominazione di origine controllata > è riservata

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

ALLEGATO 3 - QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI PRODOTTI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRANNO ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VELLETRI Progetto Agricoltura Qualità ARSIAL 1 Art. 1. La denominazione di origine controllata «Velletri» è riservata ai vini

Dettagli

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati

Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE. CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) codifica. presenti in base dati Posizione 12 Codice categoria prodotto Nuovo CODICE CODIFICA COMUNITARIA (All. VII, parte II, Reg. UE 1308/2013) DESCRIZIONE Vecchia codifica Vecchia Descrizione A (1) Vino A Vino di qualità in regione

Dettagli

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007 DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO Brescia, 17 Dicembre 2007 Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n.ro 206, ovvero Codice del Consumo Rapporto tra professionista

Dettagli

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Grappa Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014 pagine 1

Dettagli

Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015

Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015 Etichettatura Olio Extravergine di Oliva Annualità - 2015 BREVE VADEMECUM Documento di Lavoro Versione 1.0 Il presente elaborato documentale non ha valore di testo di legge e/o normativa, ma vuole essere

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini /G ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA

ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA ESPORTAZOINE DALL ITALIA IN NORVEGIA Settore del vino Gennaio 2013 Ufficio di Oslo Inkognitogata 7 N-0244 Oslo T + 47 23 13 16 30 F +47 23 13 16 31 oslo@ice.it http://www.ice.it/paesi/europa/norvegia/

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată

BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată Articolo 1 La DOC denumirea de origine controlată Bohotin è attribuita ai vini

Dettagli

Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com

Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com il Territorio: Valdobbiadene Valdobbiadene è - insieme a Conegliano - l area storica di produzione del Prosecco,

Dettagli

Inizia la presentazione

Inizia la presentazione Inizia la presentazione LOGO IMMAGINE COORDINATA ETICHETTE NOVITÀ COLLABORAZIONI LOGO Con il redesign del logo si è voluto porre l'accento sull'eccellenza, rendere il logo contemporaneo, utilizzare un

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003

Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 Gazzetta Ufficiale N. 174 del 29 Luglio 2003 MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 3 luglio 2003 Disposizioni nazionali applicative del regolamento (CE) n. 753/2002 della Commissione del

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione

Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Vantaggi e percorso dei prodotti di qualità a denominazione Legnago, 04/12/2015 dr.ssa Alessandra Scudeller Sezione Competitività Sistemi Agroalimentari 1 La POLITICA EUROPEA dei PRODOTTI DI QUALITÀ, fa

Dettagli

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09

DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 DOCUMENTI e REGISTRI VITIVINICOLI Reg. 436/09 Forli, 13 Marzo 2013 Reg 1234/2007 Reg CE 555/08 Misure di sostegno Reg 491/2009 Regolamento(CE) 479/2008 (abrogato) Reg 436/09 Reg 606/09 Reg 607/09 Documenti

Dettagli

Aumento degli squilibri strutturali tra offerta e domanda, dovuta principalmente al permanere dei sostegni previsti dall OCM I consumi nell UE sono

Aumento degli squilibri strutturali tra offerta e domanda, dovuta principalmente al permanere dei sostegni previsti dall OCM I consumi nell UE sono LA NUOVA OCM VINO 1 Base giuridica Regolamento ( CE) n. 479/2008 del Consiglio del 29 aprile 2008 Relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo, (In GUCE L.148 del 6.6.2008) Modifica i Reg.ti

Dettagli

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti

Vademecum etichettatura. Vademecum. etichettatura alimenti Vademecum Vademecum etichettatura etichettatura alimenti alimenti Introduzione Gli interventi europei sull etichettatura degli alimenti hanno attraversato diverse fasi che rispecchiano gli orientamenti

Dettagli

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori

01/02/2013 LE ETICHETTE ALIMENTARI. Docente Francesca Montuori LE ETICHETTE ALIMENTARI Docente Francesca Montuori in Italia, la normativa vigente è il D.Lgs109/1992, che definisce l'etichetta di un alimento come "l'insieme delle menzioni, delle indicazioni, delle

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli

Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli Traduzione 1 Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli Decisione n. 1/2012 del Comitato misto per l agricoltura in merito alla modifica

Dettagli

Incontro tecnico Marano 5.09.2012

Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Incontro tecnico Marano 5.09.2012 Ministero politiche agricole alimentari e forestali ICQRF - Ufficio Dirigenziale di Conegliano 2 L attività di controllo dell Ispettorato consiste in verifiche ed accertamenti,

Dettagli

Vino Principali Riferimenti di Legge: D.P.R. 12.2.1965 n 162 e successive modificazioni Legge 28.12.1967 n 1374 Legge 18.3.

Vino Principali Riferimenti di Legge: D.P.R. 12.2.1965 n 162 e successive modificazioni Legge 28.12.1967 n 1374 Legge 18.3. Vino Principali Riferimenti di Legge: Legge 30.4.1962 n 283; D.P.R. 12.2.1965 n 162 e successive modificazioni; Legge 6.4.1966 n 207; D.P.R. 24.5.1967 n 506; Legge 28.12.1967 n 1374; Legge 18.3.1968 n

Dettagli

ETICHETTATURA DEL MIELE

ETICHETTATURA DEL MIELE L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

Romania: cenni sul settore vitivinicolo

Romania: cenni sul settore vitivinicolo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Romania: cenni sul settore vitivinicolo Ufficio di Bucarest Str.A, D. Xenopol nr.15, 010472 Bucuresti T +40 21 2114240

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prot.n.1881/Serv. Amm.ne Gen.le Avellino 15/7/2005 AI SIGG. SINDACI E COMMISSARI PREFETTIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI ALLA COLDIRETTI VIA IANNACCHINI A V E L L I N O e.p.c. AL MINISTERO PER

Dettagli

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M.

OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. Alle Aziende interessate Loro Sedi OGGETTO: Nuove disposizioni relative alla certificazione e controllo dei vini DOC/DOCG ed IGT, in vigore dal 1 agosto 2012 (D.M. 14 giugno 2012) G.le Aziende, in riferimento

Dettagli

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino

Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino Ordinanza concernente la viticoltura e l importazione di vino (Ordinanza sul vino) Modifica del 23 ottobre 2013 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 14 novembre 2007 1 sul vino è modificata

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti

Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lo stato dell arte sull uso lieviti dei selezionati in enologia Giovedì 28 Marzo 2013 Sala biblioteca c/o sede ASTRA S.r.l. Via Tebano 45 Faenza (RA) Presentazione del libro Vini spumanti e frizzanti Lorena

Dettagli

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007)

Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) Norme generali per l esportazione di prodotti alimentari e prodotti alcolici in Germania (Ottobre 2007) 1 Regime d importazione e legislazione Il regime d'importazione in Germania è quello previsto dalla

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

vini doc dei colli piacentini in val tidone esperienza e passione da più di 20 anni

vini doc dei colli piacentini in val tidone esperienza e passione da più di 20 anni vini doc dei colli piacentini in val tidone esperienza e passione da più di 20 anni controllo diretto di tutta la filiera di produzione profumi della nostra terra L AZIENDA 41 ettari di vigneti di proprietà

Dettagli

1 di 5 19/08/2011 12.14

1 di 5 19/08/2011 12.14 1 di 5 19/08/2011 12.14 venerdì 19 Ago. 111 ore 12:14 Le Doc della Sardegna D.O.C.G.: 1 D.O.C.: 19 Denominazione Vermentino di Gallura (D.M. 18/11/2010 - G.U. n.285 del 6/12/2010) bianco rosato rosso spumante

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI INTRODUTTIVE CAPO I SALVAGUARDIA DEL VINO E DEI TERRITORI VITICOLI. ART. 1. (Patrimonio culturale nazionale).

TITOLO I DISPOSIZIONI INTRODUTTIVE CAPO I SALVAGUARDIA DEL VINO E DEI TERRITORI VITICOLI. ART. 1. (Patrimonio culturale nazionale). ALLEGATO 3 Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e del commercio del vino. TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO E ADOTTATO COME TESTO BASE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione La presente lista di controllo va compilata oltre alla lista di controllo produzione (vinificatori in proprio) risp. trasformazione commercio

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 15 gennaio 2008

REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 15 gennaio 2008 L 39/16 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.2.2008 REGOLAMENTO (CE) N. 110/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 gennaio 2008 relativo alla definizione, alla designazione, alla presentazione,

Dettagli

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni L etichettatura delle confetture, delle gelatine e delle marmellate, nonché della crema di marroni, è disciplinata, per gli aspetti generali, dal D.lgs.

Dettagli

Etichettatura degli additivi

Etichettatura degli additivi LABORATORIO CHIMICO CAMERA COMMERCIO TORINO Etichettatura degli additivi Laura Bersani Novara 7 dicembre 2011 laura.bersani@lab-to.camcom.it Miglioratori alimentari (food improvement agents package) Reg

Dettagli

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO ISPETTIVA PRESSO GLI OPERATORI DELLA FILIERA (VITICOLTORI, VINIFICATORI, INTERMEDIARI ED IMBOTTIGLIATORI)

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 3. Requisiti organizzativi a. La presenza di uno o più farmacisti, abilitati all esercizio della professione e iscritti al relativo ordine, deve essere garantita per tutto l orario di apertura dell esercizio

Dettagli

LEGGE COLLAVINI-PREDA

LEGGE COLLAVINI-PREDA LEGGE COLLAVINI-PREDA Norme nazionali per la produzione e vendita dei vini, bevande, sottoprodotti e aceti LEGGE 20 febbraio 2006, n. 82 Disposizioni di attuazione della normativa comunitaria concernente

Dettagli

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Art. 1.

PROPOSTA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO Art. 1. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI COMUNICATO Parere del Comitato nazionale per la tutela e la valorizzazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini

Dettagli