ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI"

Transcript

1 ETICHETTATURA DI ORIGINE E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Zeno Poggi

2 QUADRO NORMATIVO - ITALIA L apposizione della dicitura MADE IN configura una dichiarazione di scienza, che ha l obiettivo di informare il consumatore circa l origine del prodotto. Norme nazionali e convenzioni internazionali riconoscono e tutelano il diritto del consumatore ad avere corrette informazioni sull origine geografica dei prodotti. Èquindi dovere dell impresa, anche ai fini commerciali, esporre informazioni corrette sul luogo ove il prodotto è stato ottenuto.

3 QUADRO NORMATIVO - ITALIA Attualmente non esistono norme uniformi che disciplinano a livello internazionale la dichiarazione di origine. Nel caso italiano occorre tenere presente alcune norme che, nel combinato disposto tra loro, impongono l obbligo della corretta informazione al consumatore, circa l origine geografica.

4 QUADRO NORMATIVO - ITALIA I prodotti destinati al territorio italiano devono riportare in etichetta i seguenti elementi: 1. Nome, ragione sociale o marchio e sede legale; 2. Paese di origine; 3. Materiali impiegati; 4. Istruzioni d uso e manutenzione.

5 QUADRO NORMATIVO - ITALIA CODICE DI CONSUMO, D.Lgs. 206/2005 impone di indicare il Paese di origine del prodotto qualora extracomunitario (Art.6, lett. c); non è a tutt oggi entrato in vigore. E comunque necessario indicare il Paese d origine in quanto l articolo 6, comma 1, lettera b, impone che tutti i prodotti commercializzatisul territorio italiano riportino, in modo visibile e leggibile, la sede legaledel produttore o dell importatore nella Comunità.

6 QUADRO NORMATIVO - ITALIA La LEGGE 350/2003, articolo 3, comma 49, a tutela della corretta indicazione dell origine italiana dei prodotti, stabilisce che l importazione e l esportazione a fini di commercializzazione ovvero la commercializzazione di prodotti recanti false o fallaci indicazioni di provenienza o di origine costituisce reatoed èpunita ai sensi dell articolo 517 del codice penale. FALSA INDICAZIONE: la stampigliatura Made In Italy su prodotti e merci non originari dall Italia ai sensi della direttiva europea sull origine. FALLACE INDICAZIONE: anche qualora sia indicata l origine estera dei prodotti, l uso di segni, figure, o quant altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto sia di origine italiana, incluso l uso fallace o fuorviante di marchi aziendali ai sensi della disciplina sulle pratiche commerciali ingannevoli.

7 QUADRO NORMATIVO - ITALIA D.Lgs. 146/2007, di attuazione della direttiva 2005/29/CE relativa alle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori. Art. 21, comma 1: si considera pratica commerciale sleale, perché ingannevole, quella che contiene informazioni non rispondenti al vero o, seppur di fatto corretta, in qualsiasi modo, anche nella sua presentazione complessiva, induce o èidonea a indurre il consumatore medio ad uno o più dei seguenti elementi [ ]: a) L esistenza o la natura del prodotto; b) Le caratteristiche principali del prodotto, quali la sua disponibilità, la composizione, gli accessori, l idoneitàallo scopo, gli usi, la quantità, la descrizione, l origine geografica o commerciale, [ ]

8 QUADRO NORMATIVO - ITALIA La LEGGE 99/2009ampliava ulteriormente il concetto di fallace indicazione di origine o provenienza del prodotto (legge 350/2003, art.4, comma 49) stabilendo che costituisse fallace indicazione anche: L'uso di marchi di aziende italiane su prodotti o merci non originari dell'italia ai sensi della normativa europea sull'origine senza l'indicazione precisa, in caratteri evidenti, del loro Paese o del loro luogo di fabbricazione o di produzione, o altra indicazione sufficiente ad evitare qualsiasi errore sulla loro effettiva origine estera

9 QUADRO NORMATIVO - ITALIA La nuova norma: Estendeva la fattispecie criminosa all uso di marchi di aziende italiane su prodotti/merci non originari dall Italia, senza che sugli stessi fosse indicato il luogo di produzione/fabbricazione o ne fosse chiaramente percepibile l origine estera. Limitava l applicabilitàdella sanatoria amministrativa solo alla fase della immissione in libera pratica, non dopo ( Le false e le fallaci indicazioni di origine non possono comunque essere regolarizzate quando i prodotti o le merci siano già stati immessi in libera pratica).

10 QUADRO NORMATIVO - ITALIA Il decreto legge 135/2009, convertito in legge n.166/2009:..costituisce fallace indicazione l uso del marchio con modalitàtali da indurre il consumatore a ritenere che il prodotto sia di origine italiana.. Senza che gli stessi siano accompagnati da indicazioni precise ed evidenti sull origine o provenienza estera.. Ovvero non siano accompagnati da attestazione resa da parte del titolare o del licenziatario del marchio circa le informazioni che, a sua cura, verranno rese in fase di commercializzazione sulla effettiva origine estera del prodotto. Il contravventore èpunito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a

11 QUADRO NORMATIVO - ITALIA La norma prevede anche l uso del termine interamente made in Italy; 100% made in Italy, tutto italiano ecc. Sul punto emerge un evidente contrasto con quanto giàprevisto dalla normativa comunitaria sull origine, in particolare l articolo 23 e 24 del codice doganale comunitario.

12 ACCORDO DI MADRID Repressione delle falseindicazioni di provenienzadelle merci (estensione anche alle fallaci indicazioni con Atto di Lisbona ) ART. 1 Qualsiasi prodotto che rechi una falsao fallaceindicazione [ ] direttamente o indirettamente [ ] di origine, saràsequestrato all importazione [ ]. Il sequestro saràparimentieffettuato nel Paese dove saràstata apposta la falsa indicazione di provenienzao in quello dove saràstato introdotto munito di tale falsa o fallace indicazione Se la legislazione non ammette il sequestro all importazione, tale sequestro sarà sostituito con il divieto di importazione.

13 ACCORDO DI MADRID ART. 3 Il venditore può indicare: il suo nome o il suo indirizzo sui prodotti provenienti da un Paese diverso da quello della vendita; Ma in tal caso l indirizzo o il nome debbono essere accompagnati dalla indicazione precisa, ed in caratteri visibili, del Paese o del luogo di fabbricazione o di produzione, o da un altra indicazione sufficiente ad evitare qualsiasi errore sulla vera origine delle merci

14 ACCORDO DI MADRID ART. 4 NORMA DI CHIUSURA DEL SISTEMA: I tribunali di ciascun paese dovranno decidere quali sono le denominazioni che, a causa del loro carattere generico, sfuggonoalle disposizioni del presente accordo

15 SANZIONI Art. 517 C.P. Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell ingegnoo prodotti industrialicon nomi, marchio segni distintivi nazionalio esteri, atti a indurre in inganno il compratore su ORIGINE, PROVENIENZA, QUALITA dell opera o del prodotto èpunito [ ] con reclusione fino a due anni e multa fino a euro.

16 SANZIONI Art. 517 C.P. RIEPILOGO PENE PECUNIARIE ART. 517 C.P. (nel caso di determinazione di pena detentiva entro i sei mesi) RECLUSIONE conv. in p.p. da 3.750,00 (= min 15 gg) a ,00 (= max 6 mesi) MULTA da 5,00 a ,00 E

17 SANZIONI LA LEGGE 350/2003 ELEMENTI DI NOVITA e DI SPECIALITA RISPETTO ALL ART. 517 C.P. : Esclusione della rilevanza di condotte realizzate a fini privati(cioè poste in essere non ai fini di commercializzazione ) Introduzione fattispecie di falsa indicazione di origine (non prevista dall art. 517 c.p.) Dàla nozione di fallace indicazione di origine (fino ad ora contenuta soltanto nell Accordo di Madrid)

18 SANZIONI LA LEGGE 350/2003 Si applica a tutti i prodotti (non solo a quelli industriali di cui all art. 517 c.p.) Anticipazione momento consumativo del reato ex art. 517 c.p. (alla presentazione dei prodotti o delle merci in dogana, per l immissione in consumo o in libera pratica; rende impossibile il tentativo (delresto trattasi di reato di pericolo) Riferimento alla disciplina delle pratiche commerciali ingannevoli (D.Lgs , n. 145 e 146)

19 SANZIONI LA LEGGE 350/2003 SANZIONI PENALI (art. 4, comma 49) come per Art. 517 C.P. SANZIONI AMMINISTRATIVE (art. 4, comma 49-bis) solo per uso fallace o fuorviante del marchio ai sensi della normativa europea sull origine DA A EURO

20 PRATICHE COMMERCIALI SLEALI (Ipotesi diverse dall uso fuorviante del marchio) Direttiva CE 29/2005/CE (Pratiche commerciali sleali) L , N. 29 D.LGS , N.146 Sostituisce art. da 18 a 27, Codice del consumo Rilevanza delle indicazioni (o delle omissioni) relative all origine geografica ai fini della corretta informazione al consumatore SANZIONI da a euro

21 PUBBLICITA INGANNEVOLE Direttiva CE 114/2006/CE ( , in vigore dal ) Pubblicità ingannevole D.LGS , N. 145 Rilevanza delle indicazioni (o delle omissioni) relative all origine geografica ai fini della corretta informazione al consumatore, sotto il profilo della pubblicitàingannevole tra imprese, qualora il comportamento del consumatore risulti pregiudicato da essa o la pubblicitàleda direttamente un concorrente SANZIONI da a euro

22 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PROPOSTA DI REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (2005) 0661 relativa all obbligo di indicazione del Paese di origine per una serie di tipologie di prodotti importati dai Paesi extra-ue. Approvata in Parlamento Europeo il 21 ottobre Prodotti contemplati nella proposta: cuoi e pelletteria, tessili, vetreria, ceramiche, gioielleria, mobili e arredamento, abbigliamento, calzature, scope E spazzole, pneumatici, rubinetteria, viti ed altri elementi di fissaggio, utensili Ed utensileria, armi bianche.

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti SANZIONI Il panorama giurisprudenziale è rappresentato principalmente da: Codice penale D. L.gs n. 109/92

Dettagli

I MARCHI D'ORIGINE (INDICAZIONE D'ORIGINE DEI PRODOTTI)

I MARCHI D'ORIGINE (INDICAZIONE D'ORIGINE DEI PRODOTTI) I MARCHI D'ORIGINE (INDICAZIONE D'ORIGINE DEI PRODOTTI) LA FATTISPECIE: - legittimità dell'apposizione dei marchi "made in Italy " o "Italy" sui prodotti realizzati al di fuori del territorio nazionale.

Dettagli

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento 1 Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento Dr. Filippo Laviani Area Europa e Regolamentazione Commercio Internazionale 2 Etichettatura d origine: Made In L origine del prodotto è determinata

Dettagli

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Avv. Elio De Tullio Progetto 2013 Camera di Commercio Italo Orientale Camera di Commercio Italo Lituana Camera di Commercio Italo Bosniaca

Dettagli

LA REPRESSIONE DELLA CONTRAFFAZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE

LA REPRESSIONE DELLA CONTRAFFAZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE . seminario: LA TUTELA DEI MARCHI ALL ESTERO LA REPRESSIONE DELLA CONTRAFFAZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE Relatore: Alberto Ghelfi Avvocato e Doganalista Ancona, 26 Giugno 2012 1 SINTESI del Regolamento

Dettagli

Origine delle merci, marchi di origine e segni di provenienza nel commercio internazionale

Origine delle merci, marchi di origine e segni di provenienza nel commercio internazionale Origine delle merci, marchi di origine e segni di provenienza nel commercio internazionale CC.I.A.A. di Forlì - Cesena 25 Novembre 2010 2009 coordinatore: C.C.I.A.A. di Forlì - Cesena relatori: Avv. Enzo

Dettagli

6L etichettatura dei prodotti

6L etichettatura dei prodotti L etichettatura di Marisa Abbatantuoni, Avvocato - Studio Consulex Lawfirm Premessa La recente liberalizzazione degli scambi commerciali e la creazione del Mercato Unico europeo hanno richiesto la definizione

Dettagli

Etichettatura prodotti tessili Quadro normativo comunitario e nazionale

Etichettatura prodotti tessili Quadro normativo comunitario e nazionale Etichettatura prodotti tessili Quadro normativo comunitario e nazionale L 8 maggio 2012 è entrato in vigore il nuovo Regolamento (UE) n. 1007/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 settembre

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

del bacino del Mediterraneo

del bacino del Mediterraneo Centro Studi Anticontraffazione Proprietà Intellettuale e Competitività delle piccole e medie imprese nel settore tessile e dell abbigliamento dei Paesi del bacino del Mediterraneo Prato, Teatro Politeama

Dettagli

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013 L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI 1 Normativa di riferimento Reg. (CE) 27 settembre 2011, n. 1007/2011 Decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo) Legge 883 del

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti N. 1593 COTA, SIMONETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti N. 1593 COTA, SIMONETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1593 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI COTA, SIMONETTI Disposizioni in materia di etichettatura dei prodotti Presentata il 31 luglio

Dettagli

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 20/D Protocollo: 74 Roma, 13 maggio 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

Marchio CE su prodotti non soggetti a marchiatura CE. Avv. Maurizio Iorio

Marchio CE su prodotti non soggetti a marchiatura CE. Avv. Maurizio Iorio Marchio CE su prodotti non soggetti a marchiatura CE Avv. Maurizio Iorio 1 Un mio cliente si é visto recentemente notificare una sanzione amministrativa di Euro 20.000, emessa ai sensi della normativa

Dettagli

La disciplina dei prodotti alimentari

La disciplina dei prodotti alimentari Associazione Italiana di Diritto Alimentare La disciplina dei prodotti alimentari Etichettatura, marchi e pubblicità dei prodotti alimentari Le normative europee e nazionali (Stefano Masini) Roma, Cassa

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione OGGETTO: CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 134 Operativa Attività Produttive. D.lgs 11 Aprile 2011 n. 54 recante Attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c.

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c. CIRCOLARE N. 23/D Roma, 27 luglio 2007 Protocollo: 2192/IV/2007 Rif: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I Allegati: e, p.c. All Avvocatura Generale dello Stato Via dei Portoghesi,

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 I DEBITORI ESTERNI DI SICUREZZA Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 EVOLUZIONE STORICA 1. ART. 7, D.P.R. 27.4.1955, N. 547; 2. ART. 6, D. LGS. 19.9.1994, N. 626 EVOLUZIONE STORICA ART. 7, D.P.R.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1404 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice STANISCI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 MAGGIO 2002 Istituzione del marchio «made in Italy» per la tutela

Dettagli

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi Roma, 23 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Protocollo: 59658/RU Rif.: Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi All Ufficio centrale antifrode Sede e, p.c. Al Ministero

Dettagli

Venerdì 24 aprile 2015

Venerdì 24 aprile 2015 Venerdì 24 aprile 2015 LUCIANO BOANINI LEZIONE del 24,04,2015 Aggiornamento 2015.2 NORMATIVA SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DIFESA DEL CONSUMATORE Tutte le tabelle, il materiale didattico

Dettagli

Piano sanzionatorio del Regolamento 1169/2011

Piano sanzionatorio del Regolamento 1169/2011 Piano sanzionatorio del Regolamento 1169/2011 Napoli, 29 Maggio 2015 Avv. Chiara Marinuzzi 1 Nuovo regolamento quali sanzioni? I regolamenti comunitari non sono dotati di un proprio apparato sanzionatorio

Dettagli

DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business

DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business DOGANA: la via comunitaria per lo sviluppo del business Relatore: Avvocato e Doganalista Elena Bozza Studio Legale Doganale Bozza 09 Ottobre 2012 IL CONTESTO GEOGRAFICO L Unione europea L Unione europea

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1402 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RAISI, SAGLIA Istituzione del marchio «Made in Italy» Presentata il 18 luglio 2006 ONOREVOLI

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE G: REATI DI FALSO IN MATERIA DI MARCHI, BREVETTI E SEGNI DISTINTIVI Approvato

Dettagli

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE Con il Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 dell 8 ottobre 2005 Supplemento ordinario n. 162, è

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 535

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 535 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 535 Norme per la tracciabilità dei prodotti in commercio e per il contrasto della contraffazione dei prodotti italiani 08/02/2016-02:36 Indice 1. DDL S. 535

Dettagli

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM

Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio. Codice documento: MOG 231 - PSM Parte Speciale M : I reati contro l industria e il commercio Codice documento: REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 30.07.2012 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti all approvazione

Dettagli

ORIGINE DELLE MERCI: Origine Preferenziale e NON Preferenziale

ORIGINE DELLE MERCI: Origine Preferenziale e NON Preferenziale ORIGINE DELLE MERCI: Origine Preferenziale e NON Preferenziale Incontro sul tema: L origine delle merci e la tutela del madein Bari, 10 giugno 2010 Presentazione a cura di F. Notarangelo Ufficio delle

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4341 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore GRECO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 17 NOVEMBRE 1999 Istituzione del marchio

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE L DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La nuova disciplina della responsabilitàin materia di etichettatura degli alimenti. Avv. Vito Rubino

La nuova disciplina della responsabilitàin materia di etichettatura degli alimenti. Avv. Vito Rubino La nuova disciplina della responsabilitàin materia di etichettatura degli alimenti Avv. Vito Rubino La disciplina della responsabilità in materia di etichettatura degli alimenti, non prevista nella direttiva

Dettagli

Decentramento produttivo: questione di etichetta...

Decentramento produttivo: questione di etichetta... Etichettatura, «made in» e marchio L attenzione verrà rivolta all individuazione del trattamento legislativo nazionale e internazionale riservato alla stampigliatura del «made in», con relative indicazioni

Dettagli

Sostanzialmente si obbligano le imprese produttrici a dichiarare l origine del prodotto e il tipo di lavorazione che possa caratterizzare lo stesso.

Sostanzialmente si obbligano le imprese produttrici a dichiarare l origine del prodotto e il tipo di lavorazione che possa caratterizzare lo stesso. Tutela del made in Italy in Gazzetta Ufficiale Legge 08.04.2010 n. 55, G.U. 21.04.2010 (Manuela Rinaldi) Istituzione di un sistema di etichettatura obbligatoria dei prodotti finiti e intermedi destinati

Dettagli

INDICE. Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO

INDICE. Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO Prefazione di Luca Lotti.............................. Gustavo Ghidini................................... Massimo Ruffilli................................... V IX XI Parte I LA TUTELA GIURIDICA DEL MARCHIO

Dettagli

MINISTERO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO

MINISTERO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO MINISTERO DELL INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DECRETO 11 aprile 1996. Recepimento della direttiva 94/11/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 marzo 1994 sul ravvicinamento delle

Dettagli

La Contraffazione alimentare. Disciplina, reati e sanzioni amministrative. a cura di Michele Pezzullo, Com.te di P.M. Parte II

La Contraffazione alimentare. Disciplina, reati e sanzioni amministrative. a cura di Michele Pezzullo, Com.te di P.M. Parte II La Contraffazione alimentare Disciplina, reati e sanzioni amministrative a cura di Michele Pezzullo, Com.te di P.M. Parte II Sanzioni Amministrative e Penali Al fine di contrastare e contenere l illecita

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

ESAMI DI IDONEITA' PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO SU STRADA DI VIAGGIATORI

ESAMI DI IDONEITA' PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO SU STRADA DI VIAGGIATORI PROTOCOLLO, DATA E FASC. DA CITARE SEMPRE NELLA RISPOSTA (marca da bollo, 14,62) AREA FUNZIONALE TERRITORIO SETTORE POLITICHE DEITRASPORTI UFFICIO ALBO AUTOTRASPORTATORI Istanza per la sessione del Alla

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO

INCONTRO INFORMATIVO INCONTRO INFORMATIVO BARI 10 GIUGNO 2010 AGENZIA DELLE DOGANE UFFICIO DELLE DOGANE DI BARI E CONFINDUSTRIA BARI LA DISCIPLINA DEL MADE IN TRA ILLECITI AMMINISTRATIVI E REATI PENALI RELATORE GIOACCHINO

Dettagli

Circolare n. 14. del 15 marzo 2012. Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4.

Circolare n. 14. del 15 marzo 2012. Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4. Circolare n. 14 Nuovi limiti alla compensazione dei crediti IVA (DL 2.3.2012 n. 16) - Decorrenza dall 1.4.2012 del 15 marzo 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza delle nuove disposizioni... 2 3 Determinazione

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Giurisprudenza e Dottrina

Giurisprudenza e Dottrina Anno 2015, Numero 878 14 aprile 2015 Tribunale R.G. n. 431/2008 I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e APPALTI & CONCESSIONI Soccorso istruttorio a pagamento La Determinazione ANAC n.

Dettagli

MATERIALE ELETTRICO A BASSA TENSIONE. mg 09.09 1

MATERIALE ELETTRICO A BASSA TENSIONE. mg 09.09 1 MATERIALE ELETTRICO A BASSA TENSIONE mg 09.09 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO legge 791/77 (bassa tensione) decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo) artt. 102, 103 (sicurezza prodotti

Dettagli

Iniziò a diffondersi l opinione che si trattasse di carni poco Pregiate, che all atto dello scongelamento evidenziavano importanti difetti.

Iniziò a diffondersi l opinione che si trattasse di carni poco Pregiate, che all atto dello scongelamento evidenziavano importanti difetti. Anni 20-30 iniziò l arrivo via mare di carni congelate dai paesi sudamericani; i metodi di congelamento dell epoca non erano efficienti come quelli odierni; il lungo viaggio via mare allo stato congelato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE OLIVERIO, VALIANTE, MONGIELLO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE OLIVERIO, VALIANTE, MONGIELLO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2484 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI OLIVERIO, VALIANTE, MONGIELLO Disposizioni per il contrasto delle frodi nella produzione

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

4. La disciplina in tema di etichettatura

4. La disciplina in tema di etichettatura 4. La disciplina in tema di etichettatura L esigenza di tutela nel campo dell alimentazione ha trovato conferma anche nella disciplina normativa del c.d. controllo ufficiale dei prodotti alimentari realizzato

Dettagli

La rivisitazione dell impianto sanzionatorio. Maria Giovannone Scuola Internazionale di Dottorato in Diritto delle Relazioni di Lavoro

La rivisitazione dell impianto sanzionatorio. Maria Giovannone Scuola Internazionale di Dottorato in Diritto delle Relazioni di Lavoro La rivisitazione dell impianto sanzionatorio Maria Giovannone Scuola Internazionale di Dottorato in Diritto delle Relazioni di Lavoro L apparato sanzionatorio nel TU sicurezza Fissazione puntuale di figure

Dettagli

PARTE SPECIALE H CONTRAFFAZIONE E DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE H CONTRAFFAZIONE E DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE H CONTRAFFAZIONE E DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO 1 PARTE SPECIALE H CONTRAFFAZIONE E DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO 1. Le fattispecie dei reati di contraffazione e

Dettagli

INDICE GUIDA PRATICA ALLE REGOLE DI ORIGINE DELLA MERCE E ALLA NUOVA NORMATIVA SUL "MADE IN ITALY"...5 INTRODUZIONE...5

INDICE GUIDA PRATICA ALLE REGOLE DI ORIGINE DELLA MERCE E ALLA NUOVA NORMATIVA SUL MADE IN ITALY...5 INTRODUZIONE...5 Pubblicazione fuori commercio. È consentita la riproduzione con citazione della fonte. Aggiornata a dicembre 2009 INDICE GUIDA PRATICA ALLE REGOLE DI ORIGINE DELLA MERCE E ALLA NUOVA NORMATIVA SUL "MADE

Dettagli

Scheda identificativa dei prodotti in legno

Scheda identificativa dei prodotti in legno Scheda identificativa dei prodotti in legno Legge 10.04.1991 n. 126 Decreto Ministeriale 8.02.1997 n. 101 Circolare Ministeriale 3.08.2004 n. 1 1 Ambito di applicazione ed entrata in vigore la legge 126/1991

Dettagli

Etichettatura, rintracciabilità e dichiarazione di conformità. Definizioni :

Etichettatura, rintracciabilità e dichiarazione di conformità. Definizioni : Definizioni : Etichettatura, rintracciabilità e Con il termine «materiali a contatto con gli alimenti» vengono definiti tutti quei materiali e quegli oggetti che possono entrare in diretto contatto con

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Prot. n. 5930.. Pos. n. Allegati n.... Risposta Modena, addì 16 mar 2001.. MODENA, 41100 via Università, 4 tel. 059 2056461 telefax 059 P.I. 00427620364

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario

Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Lo statuto di non decettività del marchio fra diritto interno e diritto comunitario Milano, 2 luglio 2008 Prof. Paola A.E. Frassi Bird & Bird, Milano Recenti evoluzioni normative dello statuto di non decettività

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

per la riforma della sentenza del t.a.r. lazio roma, sezione i, n. 02484/2007, resa tra le parti, concernente pubblicita' ingannevole

per la riforma della sentenza del t.a.r. lazio roma, sezione i, n. 02484/2007, resa tra le parti, concernente pubblicita' ingannevole Page 1 of 6 N. 01012/2012REG.PROV.COLL. N. 06613/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 13 settembre 2013, n. 108

DECRETO LEGISLATIVO 13 settembre 2013, n. 108 DECRETO LEGISLATIVO 13 settembre 2013, n. 108 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono. IL

Dettagli

Marchi italiani e Made in Italy

Marchi italiani e Made in Italy Denominazione di origine dei prodotti Marchi italiani e Made in Italy di Cesare Galli Le nuove norme sui prodotti di apparente origine italiana adottate nel corso dell estate 2009 riprendono ed aggravano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1454 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SENALDI, DONATI, BENAMATI, SANGA, MARTELLA, TARANTO, BASSO, MONTRONI, GALPERTI, FOLINO, ALBANELLA,

Dettagli

PARTE SPECIALE (B) Art. 25.1 bis e 25 bis

PARTE SPECIALE (B) Art. 25.1 bis e 25 bis PARTE SPECIALE (B) Art. 25.1 bis e 25 bis I DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO E CONTRO LA FEDE PUBBLICA A TUTELA DI STRUMENTI E SEGNI DISTINTIVI Per approvazione: Rev. 00 1 PARTE SPECIALE (B) I

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 2 gennaio 1997, n. 10 Attuazione delle direttive 93/68/CEE, 93/95/CEE e 96/58/CEE relative ai dispositivi di protezione individuale. (G.U. 30 gennaio 1997, n. 24) IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

NOMENCLATURA COMBINATA

NOMENCLATURA COMBINATA NOMENCLATURA COMBINATA Con il termine nomenclatura combinata si intende il codice doganale attraverso il quale sono classificati i prodotti. Negli scambi intracee è sempre un codice di 8 numeri Negli scambi

Dettagli

Marchio geografico e marchio collettivo. Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo

Marchio geografico e marchio collettivo. Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo Marchio geografico e marchio collettivo Prima definizione di marchio geografico (M.G.) e di marchio collettivo M.C.): M.G. è quello che contiene o che consiste in un nome di un località geografica. M.C.

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FLUVI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FLUVI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1221 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FLUVI Disposizioni per la tutela della concorrenza e dei diritti dei consumatori nel settore

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

Legge 18 ottobre 1977, n. 791.

Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità europee (n 73/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

IL MODELLO 231 E LA RESPONSABILITÀ DELLA SOCIETÀ

IL MODELLO 231 E LA RESPONSABILITÀ DELLA SOCIETÀ IL MODELLO 231 E LA RESPONSABILITÀ DELLA SOCIETÀ PER I DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO (art. 25 bis 1 D.Lgs. 231/01) Dott. Ing. G. GAETANI - Direttore Generale del Gruppo 2G Management Consulting

Dettagli

CAT Informa : approvazione DDL 2260bis: etichettatura e qualità dei prodotti alimentari.

CAT Informa : approvazione DDL 2260bis: etichettatura e qualità dei prodotti alimentari. UFFICIO LEGISLATIVO Prot. 02/2011 Modena 21 gennaio 2011 Ai Segretari di Zona Al personale Cat Loro sedi CAT Informa : approvazione DDL 2260bis: etichettatura e qualità dei prodotti alimentari. Gent.mi

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura dell olio di oliva Elisabetta Toti Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) e-mail: toti@inran.it La disciplina sulla

Dettagli

INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA

INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA Prof. a c. avv. Gianclaudio Andreis Studio dell avvocato Andreis e Associati Torino Milano gianclaudio.andreis@andreiseassociati.it

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l'articolo 100 A, Prima direttiva 89/104/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di marchi d'impresa gazzetta ufficiale n. L 040 del 11/02/1989 pag. 0001-0007

Dettagli

Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari

Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari La Commissione Agricoltura della Camera, in sede Legislativa, ha definitivamente approvato l'ac 2260-bis-B, in materia di etichettatura

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VICENZA 5 DICEMBRE 2013 Il d.lgs. 81/2008, come modificato dal D.lgs. 106/2009,

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI AUTOTRASPORTATORI DI COSE PER CONTO DI TERZI (L. 298/1974 - D.Lgs. 395/2000 D.M. 161/2005)

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI AUTOTRASPORTATORI DI COSE PER CONTO DI TERZI (L. 298/1974 - D.Lgs. 395/2000 D.M. 161/2005) Marca da Bollo 14,62 ALLA PROVINCIA DELLA SPEZIA UFFICIO TRASPORTI Via V. Veneto, n 2 19100 LA SPEZIA tel.0187-742217 fax. 0187-742359 DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI AUTOTRASPORTATORI DI COSE PER

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Le norme contrassegnate con un (*) sono consultabili su De Jure Giuffrè NORME FONDAMENTALI I. COSTITUZIONE E DISPOSIZIONI

INDICE SOMMARIO. Le norme contrassegnate con un (*) sono consultabili su De Jure Giuffrè NORME FONDAMENTALI I. COSTITUZIONE E DISPOSIZIONI Le norme contrassegnate con un (*) sono consultabili su De Jure Giuffrè NORME FONDAMENTALI I. COSTITUZIONE E DISPOSIZIONI A TUTELA DEI DIRITTI FONDAMENTALI Costituzione della Repubblica italiana, approvata

Dettagli

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana

La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La tutela dei consumatori nella legislazione italiana La legislazione italiana ha sempre dato attuazione alle Direttive Comunitarie nel campo della tutela dei consumatori anche se ha riscontrato in passato

Dettagli