UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI Roma ATTO DI CITAZIONE. La Signora Rossi Mario, C.F.:YERHEHDHDHY5467, residente in (50060)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI Roma ATTO DI CITAZIONE. La Signora Rossi Mario, C.F.:YERHEHDHDHY5467, residente in (50060)"

Transcript

1 Originale UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI Roma ATTO DI CITAZIONE Avv. Pierantonio GIACOMINI Viale A. Guidoni, FIRENZE Tel. e fax Cell La Signora Rossi Mario, C.F.:YERHEHDHDHY5467, residente in (50060) FIRENZE (FI), Via Ponte Vecchio 21, rappresentata e difesa dall Avv. Pierantonio GIACOMINI (C.F.: GCMPNT68M06M089F) giusto mandato in calce al presente atto, ed elettivamente domiciliata presso e nel suo studio in Roma, Viale A. Guidoni 91 PREMESSO CHE 1) Il giorno alle ore 16,30 circa in Bagno a Ripoli (FI), il veicolo Fiat Punto tg.ab224cd di proprietà del Signor PACIOCCIO Antonio e condotto dalla Signora Rossi Mario, assicurato Unipol Assicurazioni s.p.a, percorreva incolonnata Via di Rosano con direzione Roma, quando poco dopo aver oltrepassato l'incrocio con Via di Villamagna e prima dell'intersezione con Via della Massa (regolata da impianto semaforico), era costretta a frenare a causa dell'attraversamento improvviso della sede stradale da parte di un animale, allorchè veniva tamponato dall'autovettura Volkswagen Golf tg.db561jx di proprietà e condotta dalla Signora fantoni Maria Sole, assicurata Aviva Assicurazioni s.p.a.. A seguito del verificarsi di tale tamponamento, giungeva da tergo il veicolo Opel Insigna tg.aa981bb, di proprietà della LITI Italia s.p.a. e condotto dal Signor Pianchini Marco, assicurato Chartis Europe Limited, che andava a collidere contro il veicolo che lo precedeva Volkswagen Golf (tamponamento multiplo) (doc.1); 2) La conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.sa561rd, Signora fantoni Maria Sole, creava, pertanto, una situazione di pericolo tenendo una condotta colposa in pieno dispregio dell art.140 del C.d.S. il quale prevede che gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per

2 la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale nonché dell art.149, comma 1 del C.d.S. a mente del quale durante la marcia i veicoli devono tenere, rispetto al veicolo che precede, una distanza di sicurezza tale che sia garantito in ogni caso l'arresto tempestivo e siano evitate collisioni con i veicoli che precedono. 3) A seguito dell urto subito l esponente riportava lesioni personali, tanto che il giorno seguente si recava presso il Pronto Soccorso dell'ospedale di Santa Maria Annunziata di Roma, dove il sanitario di turno, Dott.ssa Lupatelli Valeria, diagnosticava distorsione del rachide cervicale, con una prognosi iniziale di 5 giorni, salvo complicazioni e terapia farmacologica. In data la Signora PACIOCCIO si recava presso il proprio medico curante, Dott.ssa Clelia PROPOLI, la quale, stante il trauma al rachide cervicale e lombosacrale, con limitazione funzionale, cefalea e nausea, prolungava la prognosi di ulteriori 20 giorni. In data l'attrice si sottoponeva a visita specialistica presso l'ortopedico, Dott. Mirco PETROCCI, che, accertata la distorsione del rachide cervico-dorsale, le prescriveva un ciclo di fisioterapia oltre a terapia medica, e prolungava la prognosi di altri 20 giorni. In data , la Dott.ssa PROPOLI prolungava la prognosi di altri 20 giorni ed infine il lo stesso medico redigeva certificato di guarigione dalle lesioni con postumi invalidanti da valutarsi in sede medico-legale (doc.2); 4) L esponente, pertanto, a cagione del sinistro de quo riportava lesioni per complessivi 60 giorni, di cui i primi 20 giorni di inabilità temporanea al 75%, altri 20 al 50% ed i rimanenti giorni a scalare, ed una invalidità permanente pari al 5-6%, come risulta da perizia medico legale a firma del Dott. Mirco PETROCCI (doc.3); 5) L'attrice è stata, inoltre, costretta ad esborsi derivanti per spese mediche, quali certificati medici, visita specialistica, cure fisiche e perizia medico legale (doc.4),

3 pari ad.961,31= oltre a spese per viaggi e varie sostenute a causa del sinistro da liquidarsi, in via equitativa, in.100,00; 6) L'attrice, a mezzo pec in data , avanzava richiesta di risarcimento del danno nei confronti delle rispettive Assicuratrici dei due veicoli tamponanti, Aviva Assicurazioni s.p.a. e Chartis Europe S.A., nonché per conoscenza anche alla Unipol Assicurazioni s.p.a., quale propria Compagnia di Assicurazioni (doc.5); 7) Tale missiva veniva riscontrata con fax datato dalla Unipol Assicurazioni s.p.a., benchè non richiesta dei danni con il quale affermava che trattasi di tamponamento multiplo causato dal veicolo EJ981JT e che le richieste dovevano essere trasmesse al responsabile civile e alla di lui Compagnia (Opel Insigna tg.ab921xt, condotto dal Signor Paratosso Mauro e assicurato Chartis Europe S.A. (doc.6); 8) Sempre in pari data la Chartis Europe S.A., con raccomandata a.r., indicava invece come veicolo responsabile del tamponamento, sulla base del verbale redatto dalle Autorità intervenute, la Volkswagen Golf tg.ab561ex di proprietà e condotta dalla Signora fantoni Maria Sole (seconda della fila) (doc.7); 9) La Compagnia Aviva Assicurazioni s.p.a., presso la quale è assicurato il veicolo di parte convenuta fantoni, sebbene ritualmente richiesta e sollecitata ai sensi del Codice delle Assicurazioni, non ha ancora provveduto a formulare alcuna offerta di risarcimento del danno a favore dell'attrice (doc.8); 10) Per la fase stragiudiziale del contenzioso, l esponente ha ulteriormente diritto al rimborso delle spese per l assistenza legale, ammontanti ad.695,13= come da documentazione di spese stragiudiziali che si allega (doc.9); ****

4 E pertanto interesse dell esponente adire l intestata Giustizia per ottenere un titolo giudiziale idoneo a tutelare le sue legittime pretese per i seguenti motivi di DIRITTO 1) SUL QUANTUM DEBEATUR IN VIA PRINCIPALE: SI CHIEDE CHE IL GIUDICE VOGLIA APPLICARE LA TABELLA DEL FORO DI COMPETENZA DEL GIUDICE ADITO E NON L ART.139 COD. ASSICURAZIONI. Molteplici sono le ragioni di tale richiesta che di seguito si elencano: 1a) l art.139 del d.lvo n. 209/2005 viola l art. 76 della Costituzione per l introduzione di un limite per la liquidazione del danno alla persona non previsto dalla legge delega 23/7/2003 n. 229; 1b) Violazione dell articolo 2 della Costituzione per la fissazione di un limite al risarcimento del danno alla persona senza un adeguato contemperamento degli interessi in gioco. Appare evidente, infatti, che l art.139 del codice delle assicurazioni violi l art. 2 della Costituzione per la seguente ragione: è previsto un tetto risarcitorio senza dall altra parte che ci sia un equo contemperamento degli interessi in gioco. In effetti se da una parte è previsto per il danneggiato una rigida limitazione risarcitoria dall altra parte questi non ottiene alcun vantaggio diretto od indiretto nei confronti del responsabile o del suo assicuratore, né si può ragionevolmente sostenere che l interesse all esercizio dell attività assicurativa possa essere ritenuto preminente su quello all integrale risarcimento del danno alla persona. Di conseguenza, si può rilevare che dall esistenza di un equo contemperamento tra i contrapposti interessi, quale presupposto della legittimità costituzionale di qualsiasi

5 norma limitativa del diritto al risarcimento, derivi il contrasto dell art.139 cod. assic. con il richiamato articolo 2 della Costituzione. A conclusioni similari, sia pur esaminando il problema da diversa angolatura, è pervenuta la giurisprudenza di merito laddove venne precisato: Da più parti ci si è interrogati, tenuto conto della valenza costituzionale del risarcimento del danno alla persona, alla luce del secondo comma dell art.3 Cost. e del principio della necessaria integralità del risarcimento, circa il rischio di illegittimità costituzionale dell introduzione di limitazioni massime al risarcimento del danno alla persona, che non appaiono ragionevolmente giustificate da un interesse pubblico di rilievo costituzionale (..). Il riconoscimento astratto dell ammissibilità dell introduzione di soglie-limite, di per sé non contrastanti con la Costituzione non significa però che il legislatore non debba rispettare parametri di ragionevolezza per introdurre le soglie. E in tale scenario che matura il sospetto di incostituzionalità delle norme di cui agli articoli 138 e 139 Codice delle Assicurazioni ove le stesse fossero reinterpretate alla luce del <<nuovo>> art c.c. così come concepito dalle Sezioni Unite. (così in motivazione Corte d Appello di Torino 30/10/2009 n. 13). 1c) Violazione del combinato disposto degli articoli 3 e 32 Costituzione in riferimento all'articolo 139 codice delle assicurazioni In poche parole il diritto alla salute, diritto costituzionalmente garantito, è un bene dell individuo e tutti gli individui sono uguali tra loro. Ne consegue che una stessa lesione debba essere risarcita in modo uguale sia che derivi da fatto derivante da circolazione stradale che, ad esempio, da insidia stradale.

6 Si chiede, pertanto, in via principale, che il giudice voglia applicare i criteri risarcitori di cui alla tabella adottata dal Tribunale del presente foro (ossia la Tabella del Tribunale di Roma del 2007). In effetti risulta del tutto inammissibile trattare in maniera differente identiche situazioni pena è la violazione dell articolo 3 comma 1 della Cost. Difatti non ci è dato di capire le ragioni per cui un soggetto responsabile, ad esempio, a sensi dell art.2051 c.c. per danno cagionato da cose in custodia od a sensi dell art.2052 c.c. per danni cagionati da animale, possa essere convenuto in giudizio per rispondere di danni a persona quantificati non con i criteri di cui all art.139 codice delle assicurazioni bensì con i criteri di cui alla tabella del Tribunale competente (Tribunale di Roma del 2007). 2c) In via subordinata si chiede che il giudice in denegata ipotesi di non applicazione delle tabelle del Tribunale del foro nei confronti della compagnia applichi le tabelle del foro nei confronti del danneggiante ex art.2043 c.c. e 2054 c.c. Nulla impedisce, comunque, al giudicante, in denegata ipotesi di non applicazione delle tabelle del foro del giudice adito nei confronti della compagnia assicuratrice (obbligato, sempre e comunque, ad un risarcimento calcolato con i criteri di cui alla tabella ministeriale), di applicare, invece, tali tabelle nei confronti del danneggiante tenuto a sensi dell art e seguenti c.c. D'altra parte, anche, nell'ipotesi di applicazione di cui all'art.149 cod. ass., la stessa Corte Costituzionale con la sentenza 19/6/2009 n. 180 ha stabilito che la procedura di risarcimento prevista dall art.149 cod. assic. si affianca, senza sostituirla obbligatoriamente, a quella ordinaria, nel senso che al danneggiato è consentito agire sia contro la propria assicuratrice che contro il responsabile del danno.

7 Nel caso de quo parte attrice non intende, comunque, avvalersi, nei confronti del danneggiante né della procedura ex art 149 cod. né ex art.139 ass.ni, bensì ex art.2043 e segg. Pertanto il Giudicante è tenuto nei confronti del danneggiante all'applicazione dei valori tabellari in uso presso il foro del Giudice. Da quanto sin qui precisato resta, sempre e comunque, confermata l irragionevolezza della scelta legislativa con evidente violazione della norma costituzionale ed in particolare dell art. 3 comma 1, anche se, comunque, il danneggiante assicurato ben potrà, comunque, rivolgersi alla propria compagnia di assicurazione per essere manlevato dalle richieste di parte attrice, ai sensi dell art c.c. B) SUL QUANTUM DEBEATUR : DANNO NON PATRIMONIALE Per quanto attiene alla richiesta di risarcimento del danno c.d. morale, il diritto al risarcimento di tale posta non solo non è escluso dalla sentenza della Corte di Cassazione SS. UU n.26972, nomen juris che le sia attribuito, infatti, derivando dalla lesione di un diritto costituzionalmente garantito e tutelato come il diritto alla salute, alla luce anche della giurisprudenza di merito successiva alle succitata Sezioni Unite, che ben hanno interpretato le argomentazioni della Corte, fugando da subito quel primo filone di commento che riconosceva nella pronuncia degli Ermellini intento abolizionista della categoria di danno in questione (Cfr. ex pluribus Tribunale di Torino, 4 sez. civ. sent n. 7866). L'indicazione separata e specifica della presente voce di danno non pretende di classificarla precisamente e puntualmente in una specifica categoria giuridica, ma semplicemente di agevolare l'individuazione delle singole componenti dell'ammontare complessivo della richiesta risarcitoria. Nel segno della già citata sentenza delle SS.UU. n /2008, in cui la Cassazione ha ritenuto di dover abbandonare le categorie dei

8 danni non patrimoniali (danno biologico, morale, esistenziale), a favore di una sola nomenclatura, volta a comprendere i singoli pregiudizi non patrimoniali, l'individuazione separata dell'ammontare del danno c.d. morale vuole evidenziare appieno il pregiudizio subito dal ricorrente, meritevole di risarcimento all'interno della categoria del danno non patrimoniale. Difatti, è pur sempre diritto dell'esponente ricevere il ristoro del c.d. danno morale patito per le sofferenze legate al periodo d'inabilità e per la percentuale residua di invalidità derivanti dal sinistro de quo. In altre parole quello che la Corte di Cassazione sembra voler esprimere con la sentenza emessa a sezioni unite, sia piuttosto evitare che al soggetto danneggiato vengano riconosciuti diritti risarcitori assolutamente privi di qualunque fondamento, svincolati da ogni previsione legislativa o sganciati dalla valutazione della gravità dell'offesa subita che non assuma il rango di interesse giuridicamente rilevante o protetto dalla Carta Costituzionale, attribuendo al giudice del merito il compito di valutare caso per caso in quale misura e con quale intensità si sia verificato un certo danno, di valutare in concreto la gravità dell'offesa, escludendo dalla tutela risarcitoria unicamente i pregiudizi futili od irrilevanti. Tra l'altro anche recenti orientamenti assunti dalla Corte di Giustizia e dalla Corte Europea dei Diritti dell'uomo, e non da ultimo dalla convenzione di Lisbona, ratificata dall'italia, che affermano che il risarcimento del pregiudizio alla persona deve essere integrale e ristorare tutti i pregiudizi negativi subiti dal valore dell'uomo, non essendo ammissibile un sistema liquidativo limitativo di tali danni e dovendo il giudice applicare al riguardo, la normativa comunitaria disapplicando quella nazionale contrastante, tenendo sempre presente il principio dell'integrale risarcimento del danno non patrimoniale, riconosciuto espressamente dalle stesse

9 pronunce delle sezioni unite. Anche la Costituzione Europea colloca il danno morale sotto il valore universale della dignità umana (art.11-61) dotata di inviolabilità e garanzia giurisdizionale e risarcitoria piena (art.6 II-107). Degna di pregio la recente sentenza n.5320/12 del della Corte di Cassazione, sezione lavoro, a mente della quale si ha duplicazione di risarcimento solo quando il medesimo pregiudizio sia stato liquidato due volte, sebbene con nomi diversi, arrivando a concludere che il giudice di primo grado, ben avrebbe potuto liquidare anche il danno morale, ma avrebbe dovuto specificamente motivare in ordine ad ulteriori profili di danno non coperti da quello già liquidato a titolo di danno biologico ed operare un'autonoma valutazione degli stessi. In effetti non è ragionevole sostenere che in presenza di un danno fisico non vi sia una sofferenza del danneggiato (Giudice di Pace di Roma, Dott. Postiglioni, sentenza n.361/11). Da ultimo devono segnalarsi alcuni recenti interventi del legislatore a conferma della determinazione percentuale del danno morale (DM) quale vera propria categoria autonoma e distinta dal danno biologico, definita quale sofferenza e del turbamento dello stato d'animo, in relazione al quale viene evidenziata la necessità di rapportarlo alla situazione effettiva e liquidabile fino ad un massimo di due terzi del danno biologico. E, difatti, il legislatore è intervenuto con il D.P.R. 37/2009 a sancire che il danno biologico è diverso da quello morale, così che quest ultimo non può rientrare negli angusti limiti di cui agli artt del codice delle assicurazioni. Il danno morale, pertanto, non può ritenersi interamente assorbito in quello biologico c.d. omnicomprensivo, tanto più che quest ultimo riguarderebbe la salute (nel senso di

10 malattia nel corpo e/o nella mente), ex art.32 Cost., mentre il primo la dignità umana, ex artt.2-3 Cost. In ogni caso è congruo e corretto riconoscere un ulteriore componente del danno non patrimoniale, distinto dal danno non patrimoniale ed integrativa di quello quantificato a titolo di danno biologico, in considerazione del cambiamento delle abitudini di vita, subite dal danneggiato in considerazione del danno subito: in armonia con il principio della integralità del danno alla persona (cfr. sentenza n.8871/11 Giudice di Pace di Roma, Dott.Virzì). In senso conforme anche le sentenze della Corte Suprema del n e n 720 e recepite con sent.n.38/2011 del Giudice di Pace di Roma, Dott.ssa Cassi, secondo cui considerato che nei valori monetari di cui all'art.139 cod. ass.ni, il legislatore non ha tenuto conto delle sofferenze psichiche garantite dalla vittima si deve, pertanto, garantire l'integrale risarcimento del danno alla salute comprensivo anche delle sofferenze morali subite, nonché la sentenza della Suprema Corte n.11048/09 del a mente della quale le tabelle micropermanenti non sono vincolanti ed il risarcimento va sempre personalizzato. Ne consegue che le tabelle sulle micropermanenti, come previsto dal Codice delle Assicurazioni, che parla solo di danno biologico, non possono più essere considerate satisfattive dell effettivo pregiudizio subito dal leso (sul punto si veda la sentenza n.8910/11 del Giudice di Pace di Roma, Dott. Lonardo, che riconosce la personalizzazione del risarcimento nella misura del 25%). Parimenti la sentenza n.8600/11 del Giudice di Pace di Roma, Dott. Castelluzzo, riconosce una sofferenza interiore diversa da quella inerente al pregiudizio proprio dell'integrità psicofisica tale da incidere sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita, tanto che ad avviso del Giudicante si tratta di

11 sofferenza che, per quanto è dato evincere dalla sentenza n.26972/08 della Corte di Cassazione a Sezioni Unite e da quelle che poi l'hanno seguita, una volta individuata e ritenuta presente dal giudicante, non va affatto ignorata, ma debitamente liquidata; a prescindere dalla configurabilità o meno di un'autonoma categoria del danno morale; effetto che ben può essere raggiunto con una personalizzazione del danno biologico, opportunamente aumentato. c) Riepilogo della richiesta risarcitoria: Quanto alla quantificazione del danno non patrimoniale in via principale si chiede che l Ill.mo Giudice Voglia applicare, almeno nei confronti del danneggiante, le Tabelle del foro di competenza del giudice adito (ossia le Tabelle del Tribunale di Roma del 2007). In via principale si chiede, l applicazione della seguente richiesta risarcitoria formulata sulla base dell applicazione delle Tabelle del Tribunale di Roma. Inoltre parte attrice, anche ai sensi ed agli effetti di cui all art. 91 c.p.c. novellato, nella ben augurata ipotesi di applicazione delle Tabelle del Tribunale di Roma, dichiara di ridurre la propria domanda ad.3.400,00= per danno non patrimoniale, oltre a: Spese mediche.961,31 Altre spese.100,00 Spese assistenza legale.695,13 TOTALE.5.156,44 In via subordinata parte attrice, chiede, l'applicazione delle tabelle ministeriali e anche ai sensi ed agli effetti di cui all art. 91 c.p.c. novellato, dichiara di ridurre la propria domanda risarcitoria ad.2.400,00= per danno non patrimoniale, oltre a: Spese mediche. 961,31

12 Altre spese. 100,00 Spese di assistenza legale. 695,13 Totale dovuto.4.156,44 La Signora Rossi Mario, tuttavia, si dichiara fin da ora disponibile a transigere. *** *** *** Si evidenzia come in merito al risarcimento per lesioni va tenuto conto che si tratta di una obbligazione risarcitoria in cui l'ammontare del danno non è facilmente determinabile da parte del danneggiato, che nel formulare la richiesta opera sulla base delle valutazioni medico legali di parte (sent.n.1062/2010, Giudice di Pace di Prato, Dott. Calabrese). d) Quanto alle spese legali L odierna esponente si vedeva costretta a pagare di tasca propria il corrispettivo dell assistenza legale ricevuta, pari ad.695,13=. Tutto ciò premesso, la Signora Rossi Mario, si vede costretta ad adire la via giudiziaria e, pertanto, ut supra CITA 1) la Compagnia AVIVA ASSICURAZIONI s.p.a., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede legale in (20161) Milano, Via Scarsellini 14; 2) la Signora fantoni MARIA SOLE, residente in (50125) Roma, Via Santa Maria 17; a comparire dinanzi all intestato Giudice di Pace, all'udienza che questi terrà il giorno ore e locali di rito, con invito ai convenuti a costituirsi in giudizio nei termini e modi di cui all'art.319 cpc, con avvertenza che non comparendo si procederà in legittima contumacia e che, il difetto di costituzione nei termini sopra

13 indicati, implicherà le decadenze di cui agli artt.167 e 38 cpc per ivi, in loro presenza o dichiarata contumacia, sentire accogliere le seguenti conclusioni: "Piaccia all'ill.mo Signor Giudice di Pace Adito, ogni contraria istanza, eccezione e deduzione reietta, nel merito: IN VIA PRINCIPALE: - dichiarare che il sinistro per cui è causa si verificò per esclusiva responsabilità del conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.sa561rd, Signora fantoni Maria Sole; - per l'effetto condannare i convenuti, ciascuno per il loro titolo, per le ragioni di cui in premessa, a risarcire i danni subiti da parte attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento a suo favore della somma che parte attrice ha, anche ai sensi e per gli effetti di cui all art.91 novellato c.p.c., ridotto, in applicazione delle Tabelle del Tribunale di Roma, a complessive.4.461,31= per il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale (o, in denegata ipotesi, del danno biologico personalizzato nella misura del 25%), comprensivo del rimborso delle spese mediche, e per certificazioni, viaggi e varie con rivalutazione monetaria ed interessi compensativi per il ritardato pagamento e/o diversa quella somma, maggiore o minore, che sarà ritenuta secondo diritto, giustizia e/o equità. - condannare, altresì, i convenuti, ciascuno per il loro titolo a risarcire i danni subiti dall attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento in favore di parte attrice della somma sostenuta da parte attrice per le spese legali stragiudiziali pari ad.695,13= come da notula depositata in atti che si intende qui trascritta e riportata. - Con vittoria delle spese di giudizio CTU e CTP comprese, nonché delle spese e compensi di causa da distrarsi a favore del sottoscritto difensore antistatario.

14 IN VIA SUBORDINATA: - dichiarare che il sinistro per cui è causa si verificò per esclusiva responsabilità del conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.cc561ud, Signora fantoni Maria Sole; - per l'effetto condannare i convenuti, ciascuno per il loro titolo, per le ragioni di cui in premessa, a risarcire i danni subiti da parte attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento a suo favore della somma che parte attrice, ai sensi dell art.91 novellato c.p.c. e, nella denegata ipotesi di non applicazione delle tabelle in uso presso il presente foro del giudicante, ulteriormente, riduce, alla somma complessiva di.3.461,31= per il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale (o, in denegata ipotesi, del danno biologico personalizzato nella misura del 25%), comprensivo del rimborso delle spese mediche e per certificazioni, cure fisiche, viaggi con rivalutazione monetaria ed interessi compensativi per il ritardato pagamento e/o di diversa quella somma, maggiore o minore, che sarà ritenuta secondo diritto, giustizia e/o equità. - Condannare, altresì, i convenuti, ciascuno per il loro titolo, a risarcire i danni subiti dall attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento in favore di parte attrice della somma sostenuta da parte attrice per le spese legali stragiudiziali pari ad.695,13= come da notula depositata in atti che si intende qui trascritta e riportata e/o di quella diversa somma, anche minore, ritenuta di giustizia. - Con vittoria delle spese di giudizio CTU e CTP comprese, nonché delle spese e compensi di causa da distrarsi a favore del sottoscritto difensore antistatario. IN VIA ULTERIORMENTE SUBORDINATA: - dichiarare che il sinistro per cui è causa si verificò per esclusiva responsabilità del conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.cc561ud, Signora fantoni Maria Sole;

15 - per l'effetto condannare i convenuti, ciascuno per il loro titolo, per le ragioni di cui in premessa, a risarcire i danni subiti da parte attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento su favore della somma che risulterà dovuta in seguito all espletanda istruttoria e alla CTU medico legale, per il risarcimento delle diverse voci di danno come esposte in parte narrativa in applicazione in via principale delle Tabelle del Tribunale di Roma ed in via subordinata delle Tabelle ministeriali, oltre il rimborso delle spese mediche e per certificazioni, cure fisiche, viaggi e varie o di quella diversa che verrà accertata in corso di causa, e/o di quella diversa somma, anche minore, ritenuta di giustizia, con rivalutazione delle diverse voci di danno come esposte in parte narrativa in applicazione in via principale delle Tabelle del Tribunale di Roma ed in via subordinata delle Tabelle ministeriali, oltre il rimborso delle spese mediche e per certificazioni, cure fisiche, viaggi e varie o di quella diversa che verrà accertata in corso di causa, e/o di quella diversa somma, anche minore, ritenuta di giustizia, con rivalutazione monetaria ed interessi compensativi per il ritardato pagamento. Fatte, comunque, salve le eventuali contestazioni in merito all espletanda CTU. - Con vittoria di spese e compensi di causa da distrarsi a favore del sottoscritto difensore antistatario : Con sentenza munita di clausola di provvisoria esecuzione nonostante gravame. Il sottoscritto legale dichiara ai sensi dell art.16 L. 80/2005 di voler ricevere avviso della comunicazione della sentenza ex art. 133 cpc o dell ordinanza ex art. 134 cpc, al numero di fax ed all utilizzo di posta elettronica e/o Ai fini del c.v dell art. 9 della Legge si dichiara espressamente che il valore del presente procedimento è pari ad.5.156,44=.

16 Con ogni più ampia riserva sia istruttoria che di merito, si chiede, fin da ora termine di cui agli artt.183 e 320, comma 3 c.p.c. per produrre documenti, richiedere mezzi di prova diretta e indiretta e meglio precisare i fatti posti a base delle difese anche in esito ad interrogatorio libero delle parti per il quale si fa espressa istanza al fine di chiarire le circostanze esposte nel presente atto. Si chiede fin da ora CTU medico-legale affinché lo stesso possa rispondere anche ai quesiti che saranno formulati in sede istruttoria. Si nomina fin d ora CTP il Dott. Mirco PETROCCI. Si chiede inoltre fin d ora, ove occorrer possa, ammettersi interrogatorio formale della Signora fantoni Maria Sole sui capitoli 1) e 2) di cui in narrativa da intendersi qui integralmente trascritti e riportati. Si allegano e si offrono in comunicazione: 1) Verbale della Polizia Municipale di Bagno a Ripoli (FI); 2) Documentazione medica; 3) Perizia medico-legale; 4) Documentazione di spese mediche e per perizia medico-legale; 5) Pec Avv. GIACOMINI/Chartis Europe Limited-Aviva Italia s.p.a.-unipol Assicurazioni s.p.a. del ; 6) Fax Unipol Assicurazioni s.p.a. /Avv. GIACOMINI del ; 7) Racc. a.r. Multi Serass per conto Chartis Europe S.A./Avv. GIACOMINI del ; 8) Pec e racc. a.r. Avv. GIACOMINI/Chartis Europe Limited-Aviva Italia s.p.a.; 9) Documentazione di spese legali stragiudiziali. Salvis Juribus. Roma, Avv. Pierantonio GIACOMINI

17

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O?

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? IL DANNO NON PATRIMONIALE A TRE MESI DALLE SEZIONI UNITE MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? Quattro Sezioni Unite sul danno non patrimoniale (sentenze dell 11.11.2008 nn. 26972 26975) hanno

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte

Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte «Il contratto di assicurazione contro i rischi di malattia non prevede alcun indennizzo per l evento morte» (Cassazione civile, Sez. III - Sentenza 17 Marzo 2015, n.5197) Invalidità permanente responsabilità

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CTU

LINEE GUIDA PER I CTU LINEE GUIDA PER I CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali e per la redazione delle consulenze tecniche. PARTE PRIMA Le operazioni peritali Accettazione dell incarico. - Il c.t.u. ha l obbligo

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE LINEE GUIDA IN MATERIA DI RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE TRA UTENTI ED OPERATORI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE (Approvate con delibera n. 276/13/CONS dell 11 aprile 2013) I. PRINCIPI E CRITERI GENERALI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c.

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. MAURO BOVE Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Fase introduttiva e complicazioni oggettive e/o soggettive.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli