UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI Roma ATTO DI CITAZIONE. La Signora Rossi Mario, C.F.:YERHEHDHDHY5467, residente in (50060)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI Roma ATTO DI CITAZIONE. La Signora Rossi Mario, C.F.:YERHEHDHDHY5467, residente in (50060)"

Transcript

1 Originale UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI Roma ATTO DI CITAZIONE Avv. Pierantonio GIACOMINI Viale A. Guidoni, FIRENZE Tel. e fax Cell La Signora Rossi Mario, C.F.:YERHEHDHDHY5467, residente in (50060) FIRENZE (FI), Via Ponte Vecchio 21, rappresentata e difesa dall Avv. Pierantonio GIACOMINI (C.F.: GCMPNT68M06M089F) giusto mandato in calce al presente atto, ed elettivamente domiciliata presso e nel suo studio in Roma, Viale A. Guidoni 91 PREMESSO CHE 1) Il giorno alle ore 16,30 circa in Bagno a Ripoli (FI), il veicolo Fiat Punto tg.ab224cd di proprietà del Signor PACIOCCIO Antonio e condotto dalla Signora Rossi Mario, assicurato Unipol Assicurazioni s.p.a, percorreva incolonnata Via di Rosano con direzione Roma, quando poco dopo aver oltrepassato l'incrocio con Via di Villamagna e prima dell'intersezione con Via della Massa (regolata da impianto semaforico), era costretta a frenare a causa dell'attraversamento improvviso della sede stradale da parte di un animale, allorchè veniva tamponato dall'autovettura Volkswagen Golf tg.db561jx di proprietà e condotta dalla Signora fantoni Maria Sole, assicurata Aviva Assicurazioni s.p.a.. A seguito del verificarsi di tale tamponamento, giungeva da tergo il veicolo Opel Insigna tg.aa981bb, di proprietà della LITI Italia s.p.a. e condotto dal Signor Pianchini Marco, assicurato Chartis Europe Limited, che andava a collidere contro il veicolo che lo precedeva Volkswagen Golf (tamponamento multiplo) (doc.1); 2) La conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.sa561rd, Signora fantoni Maria Sole, creava, pertanto, una situazione di pericolo tenendo una condotta colposa in pieno dispregio dell art.140 del C.d.S. il quale prevede che gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per

2 la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale nonché dell art.149, comma 1 del C.d.S. a mente del quale durante la marcia i veicoli devono tenere, rispetto al veicolo che precede, una distanza di sicurezza tale che sia garantito in ogni caso l'arresto tempestivo e siano evitate collisioni con i veicoli che precedono. 3) A seguito dell urto subito l esponente riportava lesioni personali, tanto che il giorno seguente si recava presso il Pronto Soccorso dell'ospedale di Santa Maria Annunziata di Roma, dove il sanitario di turno, Dott.ssa Lupatelli Valeria, diagnosticava distorsione del rachide cervicale, con una prognosi iniziale di 5 giorni, salvo complicazioni e terapia farmacologica. In data la Signora PACIOCCIO si recava presso il proprio medico curante, Dott.ssa Clelia PROPOLI, la quale, stante il trauma al rachide cervicale e lombosacrale, con limitazione funzionale, cefalea e nausea, prolungava la prognosi di ulteriori 20 giorni. In data l'attrice si sottoponeva a visita specialistica presso l'ortopedico, Dott. Mirco PETROCCI, che, accertata la distorsione del rachide cervico-dorsale, le prescriveva un ciclo di fisioterapia oltre a terapia medica, e prolungava la prognosi di altri 20 giorni. In data , la Dott.ssa PROPOLI prolungava la prognosi di altri 20 giorni ed infine il lo stesso medico redigeva certificato di guarigione dalle lesioni con postumi invalidanti da valutarsi in sede medico-legale (doc.2); 4) L esponente, pertanto, a cagione del sinistro de quo riportava lesioni per complessivi 60 giorni, di cui i primi 20 giorni di inabilità temporanea al 75%, altri 20 al 50% ed i rimanenti giorni a scalare, ed una invalidità permanente pari al 5-6%, come risulta da perizia medico legale a firma del Dott. Mirco PETROCCI (doc.3); 5) L'attrice è stata, inoltre, costretta ad esborsi derivanti per spese mediche, quali certificati medici, visita specialistica, cure fisiche e perizia medico legale (doc.4),

3 pari ad.961,31= oltre a spese per viaggi e varie sostenute a causa del sinistro da liquidarsi, in via equitativa, in.100,00; 6) L'attrice, a mezzo pec in data , avanzava richiesta di risarcimento del danno nei confronti delle rispettive Assicuratrici dei due veicoli tamponanti, Aviva Assicurazioni s.p.a. e Chartis Europe S.A., nonché per conoscenza anche alla Unipol Assicurazioni s.p.a., quale propria Compagnia di Assicurazioni (doc.5); 7) Tale missiva veniva riscontrata con fax datato dalla Unipol Assicurazioni s.p.a., benchè non richiesta dei danni con il quale affermava che trattasi di tamponamento multiplo causato dal veicolo EJ981JT e che le richieste dovevano essere trasmesse al responsabile civile e alla di lui Compagnia (Opel Insigna tg.ab921xt, condotto dal Signor Paratosso Mauro e assicurato Chartis Europe S.A. (doc.6); 8) Sempre in pari data la Chartis Europe S.A., con raccomandata a.r., indicava invece come veicolo responsabile del tamponamento, sulla base del verbale redatto dalle Autorità intervenute, la Volkswagen Golf tg.ab561ex di proprietà e condotta dalla Signora fantoni Maria Sole (seconda della fila) (doc.7); 9) La Compagnia Aviva Assicurazioni s.p.a., presso la quale è assicurato il veicolo di parte convenuta fantoni, sebbene ritualmente richiesta e sollecitata ai sensi del Codice delle Assicurazioni, non ha ancora provveduto a formulare alcuna offerta di risarcimento del danno a favore dell'attrice (doc.8); 10) Per la fase stragiudiziale del contenzioso, l esponente ha ulteriormente diritto al rimborso delle spese per l assistenza legale, ammontanti ad.695,13= come da documentazione di spese stragiudiziali che si allega (doc.9); ****

4 E pertanto interesse dell esponente adire l intestata Giustizia per ottenere un titolo giudiziale idoneo a tutelare le sue legittime pretese per i seguenti motivi di DIRITTO 1) SUL QUANTUM DEBEATUR IN VIA PRINCIPALE: SI CHIEDE CHE IL GIUDICE VOGLIA APPLICARE LA TABELLA DEL FORO DI COMPETENZA DEL GIUDICE ADITO E NON L ART.139 COD. ASSICURAZIONI. Molteplici sono le ragioni di tale richiesta che di seguito si elencano: 1a) l art.139 del d.lvo n. 209/2005 viola l art. 76 della Costituzione per l introduzione di un limite per la liquidazione del danno alla persona non previsto dalla legge delega 23/7/2003 n. 229; 1b) Violazione dell articolo 2 della Costituzione per la fissazione di un limite al risarcimento del danno alla persona senza un adeguato contemperamento degli interessi in gioco. Appare evidente, infatti, che l art.139 del codice delle assicurazioni violi l art. 2 della Costituzione per la seguente ragione: è previsto un tetto risarcitorio senza dall altra parte che ci sia un equo contemperamento degli interessi in gioco. In effetti se da una parte è previsto per il danneggiato una rigida limitazione risarcitoria dall altra parte questi non ottiene alcun vantaggio diretto od indiretto nei confronti del responsabile o del suo assicuratore, né si può ragionevolmente sostenere che l interesse all esercizio dell attività assicurativa possa essere ritenuto preminente su quello all integrale risarcimento del danno alla persona. Di conseguenza, si può rilevare che dall esistenza di un equo contemperamento tra i contrapposti interessi, quale presupposto della legittimità costituzionale di qualsiasi

5 norma limitativa del diritto al risarcimento, derivi il contrasto dell art.139 cod. assic. con il richiamato articolo 2 della Costituzione. A conclusioni similari, sia pur esaminando il problema da diversa angolatura, è pervenuta la giurisprudenza di merito laddove venne precisato: Da più parti ci si è interrogati, tenuto conto della valenza costituzionale del risarcimento del danno alla persona, alla luce del secondo comma dell art.3 Cost. e del principio della necessaria integralità del risarcimento, circa il rischio di illegittimità costituzionale dell introduzione di limitazioni massime al risarcimento del danno alla persona, che non appaiono ragionevolmente giustificate da un interesse pubblico di rilievo costituzionale (..). Il riconoscimento astratto dell ammissibilità dell introduzione di soglie-limite, di per sé non contrastanti con la Costituzione non significa però che il legislatore non debba rispettare parametri di ragionevolezza per introdurre le soglie. E in tale scenario che matura il sospetto di incostituzionalità delle norme di cui agli articoli 138 e 139 Codice delle Assicurazioni ove le stesse fossero reinterpretate alla luce del <<nuovo>> art c.c. così come concepito dalle Sezioni Unite. (così in motivazione Corte d Appello di Torino 30/10/2009 n. 13). 1c) Violazione del combinato disposto degli articoli 3 e 32 Costituzione in riferimento all'articolo 139 codice delle assicurazioni In poche parole il diritto alla salute, diritto costituzionalmente garantito, è un bene dell individuo e tutti gli individui sono uguali tra loro. Ne consegue che una stessa lesione debba essere risarcita in modo uguale sia che derivi da fatto derivante da circolazione stradale che, ad esempio, da insidia stradale.

6 Si chiede, pertanto, in via principale, che il giudice voglia applicare i criteri risarcitori di cui alla tabella adottata dal Tribunale del presente foro (ossia la Tabella del Tribunale di Roma del 2007). In effetti risulta del tutto inammissibile trattare in maniera differente identiche situazioni pena è la violazione dell articolo 3 comma 1 della Cost. Difatti non ci è dato di capire le ragioni per cui un soggetto responsabile, ad esempio, a sensi dell art.2051 c.c. per danno cagionato da cose in custodia od a sensi dell art.2052 c.c. per danni cagionati da animale, possa essere convenuto in giudizio per rispondere di danni a persona quantificati non con i criteri di cui all art.139 codice delle assicurazioni bensì con i criteri di cui alla tabella del Tribunale competente (Tribunale di Roma del 2007). 2c) In via subordinata si chiede che il giudice in denegata ipotesi di non applicazione delle tabelle del Tribunale del foro nei confronti della compagnia applichi le tabelle del foro nei confronti del danneggiante ex art.2043 c.c. e 2054 c.c. Nulla impedisce, comunque, al giudicante, in denegata ipotesi di non applicazione delle tabelle del foro del giudice adito nei confronti della compagnia assicuratrice (obbligato, sempre e comunque, ad un risarcimento calcolato con i criteri di cui alla tabella ministeriale), di applicare, invece, tali tabelle nei confronti del danneggiante tenuto a sensi dell art e seguenti c.c. D'altra parte, anche, nell'ipotesi di applicazione di cui all'art.149 cod. ass., la stessa Corte Costituzionale con la sentenza 19/6/2009 n. 180 ha stabilito che la procedura di risarcimento prevista dall art.149 cod. assic. si affianca, senza sostituirla obbligatoriamente, a quella ordinaria, nel senso che al danneggiato è consentito agire sia contro la propria assicuratrice che contro il responsabile del danno.

7 Nel caso de quo parte attrice non intende, comunque, avvalersi, nei confronti del danneggiante né della procedura ex art 149 cod. né ex art.139 ass.ni, bensì ex art.2043 e segg. Pertanto il Giudicante è tenuto nei confronti del danneggiante all'applicazione dei valori tabellari in uso presso il foro del Giudice. Da quanto sin qui precisato resta, sempre e comunque, confermata l irragionevolezza della scelta legislativa con evidente violazione della norma costituzionale ed in particolare dell art. 3 comma 1, anche se, comunque, il danneggiante assicurato ben potrà, comunque, rivolgersi alla propria compagnia di assicurazione per essere manlevato dalle richieste di parte attrice, ai sensi dell art c.c. B) SUL QUANTUM DEBEATUR : DANNO NON PATRIMONIALE Per quanto attiene alla richiesta di risarcimento del danno c.d. morale, il diritto al risarcimento di tale posta non solo non è escluso dalla sentenza della Corte di Cassazione SS. UU n.26972, nomen juris che le sia attribuito, infatti, derivando dalla lesione di un diritto costituzionalmente garantito e tutelato come il diritto alla salute, alla luce anche della giurisprudenza di merito successiva alle succitata Sezioni Unite, che ben hanno interpretato le argomentazioni della Corte, fugando da subito quel primo filone di commento che riconosceva nella pronuncia degli Ermellini intento abolizionista della categoria di danno in questione (Cfr. ex pluribus Tribunale di Torino, 4 sez. civ. sent n. 7866). L'indicazione separata e specifica della presente voce di danno non pretende di classificarla precisamente e puntualmente in una specifica categoria giuridica, ma semplicemente di agevolare l'individuazione delle singole componenti dell'ammontare complessivo della richiesta risarcitoria. Nel segno della già citata sentenza delle SS.UU. n /2008, in cui la Cassazione ha ritenuto di dover abbandonare le categorie dei

8 danni non patrimoniali (danno biologico, morale, esistenziale), a favore di una sola nomenclatura, volta a comprendere i singoli pregiudizi non patrimoniali, l'individuazione separata dell'ammontare del danno c.d. morale vuole evidenziare appieno il pregiudizio subito dal ricorrente, meritevole di risarcimento all'interno della categoria del danno non patrimoniale. Difatti, è pur sempre diritto dell'esponente ricevere il ristoro del c.d. danno morale patito per le sofferenze legate al periodo d'inabilità e per la percentuale residua di invalidità derivanti dal sinistro de quo. In altre parole quello che la Corte di Cassazione sembra voler esprimere con la sentenza emessa a sezioni unite, sia piuttosto evitare che al soggetto danneggiato vengano riconosciuti diritti risarcitori assolutamente privi di qualunque fondamento, svincolati da ogni previsione legislativa o sganciati dalla valutazione della gravità dell'offesa subita che non assuma il rango di interesse giuridicamente rilevante o protetto dalla Carta Costituzionale, attribuendo al giudice del merito il compito di valutare caso per caso in quale misura e con quale intensità si sia verificato un certo danno, di valutare in concreto la gravità dell'offesa, escludendo dalla tutela risarcitoria unicamente i pregiudizi futili od irrilevanti. Tra l'altro anche recenti orientamenti assunti dalla Corte di Giustizia e dalla Corte Europea dei Diritti dell'uomo, e non da ultimo dalla convenzione di Lisbona, ratificata dall'italia, che affermano che il risarcimento del pregiudizio alla persona deve essere integrale e ristorare tutti i pregiudizi negativi subiti dal valore dell'uomo, non essendo ammissibile un sistema liquidativo limitativo di tali danni e dovendo il giudice applicare al riguardo, la normativa comunitaria disapplicando quella nazionale contrastante, tenendo sempre presente il principio dell'integrale risarcimento del danno non patrimoniale, riconosciuto espressamente dalle stesse

9 pronunce delle sezioni unite. Anche la Costituzione Europea colloca il danno morale sotto il valore universale della dignità umana (art.11-61) dotata di inviolabilità e garanzia giurisdizionale e risarcitoria piena (art.6 II-107). Degna di pregio la recente sentenza n.5320/12 del della Corte di Cassazione, sezione lavoro, a mente della quale si ha duplicazione di risarcimento solo quando il medesimo pregiudizio sia stato liquidato due volte, sebbene con nomi diversi, arrivando a concludere che il giudice di primo grado, ben avrebbe potuto liquidare anche il danno morale, ma avrebbe dovuto specificamente motivare in ordine ad ulteriori profili di danno non coperti da quello già liquidato a titolo di danno biologico ed operare un'autonoma valutazione degli stessi. In effetti non è ragionevole sostenere che in presenza di un danno fisico non vi sia una sofferenza del danneggiato (Giudice di Pace di Roma, Dott. Postiglioni, sentenza n.361/11). Da ultimo devono segnalarsi alcuni recenti interventi del legislatore a conferma della determinazione percentuale del danno morale (DM) quale vera propria categoria autonoma e distinta dal danno biologico, definita quale sofferenza e del turbamento dello stato d'animo, in relazione al quale viene evidenziata la necessità di rapportarlo alla situazione effettiva e liquidabile fino ad un massimo di due terzi del danno biologico. E, difatti, il legislatore è intervenuto con il D.P.R. 37/2009 a sancire che il danno biologico è diverso da quello morale, così che quest ultimo non può rientrare negli angusti limiti di cui agli artt del codice delle assicurazioni. Il danno morale, pertanto, non può ritenersi interamente assorbito in quello biologico c.d. omnicomprensivo, tanto più che quest ultimo riguarderebbe la salute (nel senso di

10 malattia nel corpo e/o nella mente), ex art.32 Cost., mentre il primo la dignità umana, ex artt.2-3 Cost. In ogni caso è congruo e corretto riconoscere un ulteriore componente del danno non patrimoniale, distinto dal danno non patrimoniale ed integrativa di quello quantificato a titolo di danno biologico, in considerazione del cambiamento delle abitudini di vita, subite dal danneggiato in considerazione del danno subito: in armonia con il principio della integralità del danno alla persona (cfr. sentenza n.8871/11 Giudice di Pace di Roma, Dott.Virzì). In senso conforme anche le sentenze della Corte Suprema del n e n 720 e recepite con sent.n.38/2011 del Giudice di Pace di Roma, Dott.ssa Cassi, secondo cui considerato che nei valori monetari di cui all'art.139 cod. ass.ni, il legislatore non ha tenuto conto delle sofferenze psichiche garantite dalla vittima si deve, pertanto, garantire l'integrale risarcimento del danno alla salute comprensivo anche delle sofferenze morali subite, nonché la sentenza della Suprema Corte n.11048/09 del a mente della quale le tabelle micropermanenti non sono vincolanti ed il risarcimento va sempre personalizzato. Ne consegue che le tabelle sulle micropermanenti, come previsto dal Codice delle Assicurazioni, che parla solo di danno biologico, non possono più essere considerate satisfattive dell effettivo pregiudizio subito dal leso (sul punto si veda la sentenza n.8910/11 del Giudice di Pace di Roma, Dott. Lonardo, che riconosce la personalizzazione del risarcimento nella misura del 25%). Parimenti la sentenza n.8600/11 del Giudice di Pace di Roma, Dott. Castelluzzo, riconosce una sofferenza interiore diversa da quella inerente al pregiudizio proprio dell'integrità psicofisica tale da incidere sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita, tanto che ad avviso del Giudicante si tratta di

11 sofferenza che, per quanto è dato evincere dalla sentenza n.26972/08 della Corte di Cassazione a Sezioni Unite e da quelle che poi l'hanno seguita, una volta individuata e ritenuta presente dal giudicante, non va affatto ignorata, ma debitamente liquidata; a prescindere dalla configurabilità o meno di un'autonoma categoria del danno morale; effetto che ben può essere raggiunto con una personalizzazione del danno biologico, opportunamente aumentato. c) Riepilogo della richiesta risarcitoria: Quanto alla quantificazione del danno non patrimoniale in via principale si chiede che l Ill.mo Giudice Voglia applicare, almeno nei confronti del danneggiante, le Tabelle del foro di competenza del giudice adito (ossia le Tabelle del Tribunale di Roma del 2007). In via principale si chiede, l applicazione della seguente richiesta risarcitoria formulata sulla base dell applicazione delle Tabelle del Tribunale di Roma. Inoltre parte attrice, anche ai sensi ed agli effetti di cui all art. 91 c.p.c. novellato, nella ben augurata ipotesi di applicazione delle Tabelle del Tribunale di Roma, dichiara di ridurre la propria domanda ad.3.400,00= per danno non patrimoniale, oltre a: Spese mediche.961,31 Altre spese.100,00 Spese assistenza legale.695,13 TOTALE.5.156,44 In via subordinata parte attrice, chiede, l'applicazione delle tabelle ministeriali e anche ai sensi ed agli effetti di cui all art. 91 c.p.c. novellato, dichiara di ridurre la propria domanda risarcitoria ad.2.400,00= per danno non patrimoniale, oltre a: Spese mediche. 961,31

12 Altre spese. 100,00 Spese di assistenza legale. 695,13 Totale dovuto.4.156,44 La Signora Rossi Mario, tuttavia, si dichiara fin da ora disponibile a transigere. *** *** *** Si evidenzia come in merito al risarcimento per lesioni va tenuto conto che si tratta di una obbligazione risarcitoria in cui l'ammontare del danno non è facilmente determinabile da parte del danneggiato, che nel formulare la richiesta opera sulla base delle valutazioni medico legali di parte (sent.n.1062/2010, Giudice di Pace di Prato, Dott. Calabrese). d) Quanto alle spese legali L odierna esponente si vedeva costretta a pagare di tasca propria il corrispettivo dell assistenza legale ricevuta, pari ad.695,13=. Tutto ciò premesso, la Signora Rossi Mario, si vede costretta ad adire la via giudiziaria e, pertanto, ut supra CITA 1) la Compagnia AVIVA ASSICURAZIONI s.p.a., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede legale in (20161) Milano, Via Scarsellini 14; 2) la Signora fantoni MARIA SOLE, residente in (50125) Roma, Via Santa Maria 17; a comparire dinanzi all intestato Giudice di Pace, all'udienza che questi terrà il giorno ore e locali di rito, con invito ai convenuti a costituirsi in giudizio nei termini e modi di cui all'art.319 cpc, con avvertenza che non comparendo si procederà in legittima contumacia e che, il difetto di costituzione nei termini sopra

13 indicati, implicherà le decadenze di cui agli artt.167 e 38 cpc per ivi, in loro presenza o dichiarata contumacia, sentire accogliere le seguenti conclusioni: "Piaccia all'ill.mo Signor Giudice di Pace Adito, ogni contraria istanza, eccezione e deduzione reietta, nel merito: IN VIA PRINCIPALE: - dichiarare che il sinistro per cui è causa si verificò per esclusiva responsabilità del conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.sa561rd, Signora fantoni Maria Sole; - per l'effetto condannare i convenuti, ciascuno per il loro titolo, per le ragioni di cui in premessa, a risarcire i danni subiti da parte attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento a suo favore della somma che parte attrice ha, anche ai sensi e per gli effetti di cui all art.91 novellato c.p.c., ridotto, in applicazione delle Tabelle del Tribunale di Roma, a complessive.4.461,31= per il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale (o, in denegata ipotesi, del danno biologico personalizzato nella misura del 25%), comprensivo del rimborso delle spese mediche, e per certificazioni, viaggi e varie con rivalutazione monetaria ed interessi compensativi per il ritardato pagamento e/o diversa quella somma, maggiore o minore, che sarà ritenuta secondo diritto, giustizia e/o equità. - condannare, altresì, i convenuti, ciascuno per il loro titolo a risarcire i danni subiti dall attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento in favore di parte attrice della somma sostenuta da parte attrice per le spese legali stragiudiziali pari ad.695,13= come da notula depositata in atti che si intende qui trascritta e riportata. - Con vittoria delle spese di giudizio CTU e CTP comprese, nonché delle spese e compensi di causa da distrarsi a favore del sottoscritto difensore antistatario.

14 IN VIA SUBORDINATA: - dichiarare che il sinistro per cui è causa si verificò per esclusiva responsabilità del conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.cc561ud, Signora fantoni Maria Sole; - per l'effetto condannare i convenuti, ciascuno per il loro titolo, per le ragioni di cui in premessa, a risarcire i danni subiti da parte attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento a suo favore della somma che parte attrice, ai sensi dell art.91 novellato c.p.c. e, nella denegata ipotesi di non applicazione delle tabelle in uso presso il presente foro del giudicante, ulteriormente, riduce, alla somma complessiva di.3.461,31= per il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale (o, in denegata ipotesi, del danno biologico personalizzato nella misura del 25%), comprensivo del rimborso delle spese mediche e per certificazioni, cure fisiche, viaggi con rivalutazione monetaria ed interessi compensativi per il ritardato pagamento e/o di diversa quella somma, maggiore o minore, che sarà ritenuta secondo diritto, giustizia e/o equità. - Condannare, altresì, i convenuti, ciascuno per il loro titolo, a risarcire i danni subiti dall attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento in favore di parte attrice della somma sostenuta da parte attrice per le spese legali stragiudiziali pari ad.695,13= come da notula depositata in atti che si intende qui trascritta e riportata e/o di quella diversa somma, anche minore, ritenuta di giustizia. - Con vittoria delle spese di giudizio CTU e CTP comprese, nonché delle spese e compensi di causa da distrarsi a favore del sottoscritto difensore antistatario. IN VIA ULTERIORMENTE SUBORDINATA: - dichiarare che il sinistro per cui è causa si verificò per esclusiva responsabilità del conducente del veicolo Volkswagen Golf tg.cc561ud, Signora fantoni Maria Sole;

15 - per l'effetto condannare i convenuti, ciascuno per il loro titolo, per le ragioni di cui in premessa, a risarcire i danni subiti da parte attrice nel sinistro di cui è causa mediante il pagamento su favore della somma che risulterà dovuta in seguito all espletanda istruttoria e alla CTU medico legale, per il risarcimento delle diverse voci di danno come esposte in parte narrativa in applicazione in via principale delle Tabelle del Tribunale di Roma ed in via subordinata delle Tabelle ministeriali, oltre il rimborso delle spese mediche e per certificazioni, cure fisiche, viaggi e varie o di quella diversa che verrà accertata in corso di causa, e/o di quella diversa somma, anche minore, ritenuta di giustizia, con rivalutazione delle diverse voci di danno come esposte in parte narrativa in applicazione in via principale delle Tabelle del Tribunale di Roma ed in via subordinata delle Tabelle ministeriali, oltre il rimborso delle spese mediche e per certificazioni, cure fisiche, viaggi e varie o di quella diversa che verrà accertata in corso di causa, e/o di quella diversa somma, anche minore, ritenuta di giustizia, con rivalutazione monetaria ed interessi compensativi per il ritardato pagamento. Fatte, comunque, salve le eventuali contestazioni in merito all espletanda CTU. - Con vittoria di spese e compensi di causa da distrarsi a favore del sottoscritto difensore antistatario : Con sentenza munita di clausola di provvisoria esecuzione nonostante gravame. Il sottoscritto legale dichiara ai sensi dell art.16 L. 80/2005 di voler ricevere avviso della comunicazione della sentenza ex art. 133 cpc o dell ordinanza ex art. 134 cpc, al numero di fax ed all utilizzo di posta elettronica e/o Ai fini del c.v dell art. 9 della Legge si dichiara espressamente che il valore del presente procedimento è pari ad.5.156,44=.

16 Con ogni più ampia riserva sia istruttoria che di merito, si chiede, fin da ora termine di cui agli artt.183 e 320, comma 3 c.p.c. per produrre documenti, richiedere mezzi di prova diretta e indiretta e meglio precisare i fatti posti a base delle difese anche in esito ad interrogatorio libero delle parti per il quale si fa espressa istanza al fine di chiarire le circostanze esposte nel presente atto. Si chiede fin da ora CTU medico-legale affinché lo stesso possa rispondere anche ai quesiti che saranno formulati in sede istruttoria. Si nomina fin d ora CTP il Dott. Mirco PETROCCI. Si chiede inoltre fin d ora, ove occorrer possa, ammettersi interrogatorio formale della Signora fantoni Maria Sole sui capitoli 1) e 2) di cui in narrativa da intendersi qui integralmente trascritti e riportati. Si allegano e si offrono in comunicazione: 1) Verbale della Polizia Municipale di Bagno a Ripoli (FI); 2) Documentazione medica; 3) Perizia medico-legale; 4) Documentazione di spese mediche e per perizia medico-legale; 5) Pec Avv. GIACOMINI/Chartis Europe Limited-Aviva Italia s.p.a.-unipol Assicurazioni s.p.a. del ; 6) Fax Unipol Assicurazioni s.p.a. /Avv. GIACOMINI del ; 7) Racc. a.r. Multi Serass per conto Chartis Europe S.A./Avv. GIACOMINI del ; 8) Pec e racc. a.r. Avv. GIACOMINI/Chartis Europe Limited-Aviva Italia s.p.a.; 9) Documentazione di spese legali stragiudiziali. Salvis Juribus. Roma, Avv. Pierantonio GIACOMINI

17

Tribunale di. Atto di citazione **** della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via,

Tribunale di. Atto di citazione **** della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via, Tribunale di. Atto di citazione **** Nell interesse della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via, n., c.f.:., rappresentata e difesa, come da procura a margine del presente atto dall'avv....

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA n. 141/11 Nella causa civile iscritta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia (già Montecchio E.), in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO Il Giudice di Pace della VIII sezione civile di Palermo, Dott. Vincenzo Vitale ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato Criteri utilizzati per la formazione delle Tabelle per l anno 2013 Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato operando la sola rivalutazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO il dott. Giorgio Flaim, quale giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA nelle cause per controversia in materia di previdenza

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore. turista

Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore. turista Il danno da vacanza rovinata: vademecum per il consumatore turista di Paola Vitaletti I GIORNI DI VACANZA VALGONO PIU DEGLI ALTRI recita uno spot pubblicitario. Ciò ormai è un dato acquisito anche sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO il dott. Giorgio Flaim, quale giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa per controversia in materia di lavoro

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

nella causa iscritta al n. 1726/09 del Ruolo Generale degli Affari civili contenziosi vertente TRA

nella causa iscritta al n. 1726/09 del Ruolo Generale degli Affari civili contenziosi vertente TRA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA in composizione monocratica, nella persona del giudice Gregorio Balsamo, all esito della discussione orale, ha pronunciato

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale.

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Lecce - Avv. Luigi Piro - ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile in I grado iscritta al numero 477/05 del ruolo

Dettagli

Sentenza n. 434/2016 pubbl. il 30/03/2016 RG n. 4339/2015

Sentenza n. 434/2016 pubbl. il 30/03/2016 RG n. 4339/2015 N. R.G. 4339/2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA SEZIONE I CIVILE Il Giudice dott.ssa Simona Di Paolo ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile di

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

- omissis - SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. Benchè ritualmente citato, il convenuto S.R. non si costituiva in giudizio, rendendosi pertanto contumace.

- omissis - SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. Benchè ritualmente citato, il convenuto S.R. non si costituiva in giudizio, rendendosi pertanto contumace. Fonte: la previdenza.it TRIBUNALE DI MONZA,Sez. IV Civ.,7-16 giugno 2005, n. 1828 Sul danno differenziale in caso di sinistro stradale - omissis - SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione notificato

Dettagli

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021

Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021 Giurisprudenza di legittimità CORTE DI CASSAZIONE CIVILE Sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4021 Distanza di sicurezza Tamponamento A catena Veicoli in movimento Presunzione di colpa a carico dei conducenti

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA ATTO DI CITAZIONE. La società BETA SRL, con sede in Brescia, in via Rende n.4, P.

TRIBUNALE DI BRESCIA ATTO DI CITAZIONE. La società BETA SRL, con sede in Brescia, in via Rende n.4, P. TRIBUNALE DI BRESCIA ATTO DI CITAZIONE La società BETA SRL, con sede in Brescia, in via Rende n.4, P. IVA/C.F..., in persona dell'amministratore unico, nonché legale rappresentante in carica pro tempore

Dettagli

a cura di Simone Cattaneo (avvocato)

a cura di Simone Cattaneo (avvocato) a cura di Simone Cattaneo (avvocato) Oggetto: E davvero così onerosa e complessa la materia del risarcimento del danno da circolazione stradale? Note critiche a Cass. n. 11606/05 in tema di spese legali.

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

Preliminarmente è rigettata l eccezione di irritualità della domanda e di estinzione per essere il giudizio proseguito nonostante la mancata notifica

Preliminarmente è rigettata l eccezione di irritualità della domanda e di estinzione per essere il giudizio proseguito nonostante la mancata notifica REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA Dodicesima Sezione Civile Il giudice, dr. Corrado Cartoni, ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile di primo grado, iscritta al

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

TAMPONAMENTO A CATENA

TAMPONAMENTO A CATENA TAMPONAMENTO A CATENA Un caso abbastanza classico di incidente stradale, che ha avuto una sua regolamentazione sia stragiudiziale (accordo Ania) che un ampia trattazione giudiziale, è quello del tamponamento

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA PARZIALE 6288/2012 Nella causa civile

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ATTO DI CITAZIONE PER, in persona del legale rappresentante pro tempore, _ ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C. F. :, r e s i d e n t e i n _ ( _ ), Via - CAP: ), con sede

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo

AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo Diritto e processo.com Antonio Spallieri, avvocato del foro di S. Maria C.V.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che viene omesso il puntuale svolgimento del processo alla luce

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. (Sezione Prima) ha pronunciato la presente N. 00482/2011 REG.PROV.COLL. N. 00169/2006 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 )

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Risarcimento danni. Scontro tra treno ed auto. Legge 990/69 - Inapplicabilità.

Dettagli

IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e. prosecuzione del precedente focus onde completare la

IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e. prosecuzione del precedente focus onde completare la IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e prosecuzione del precedente focus onde completare la ricognizione sul danno non patrimoniale e mettere un suggello

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via

TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione. Rg. n.. Dott.ssa. Udienza. Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via TRIBUNALE DI... Memoria di Costituzione Rg. n.. Dott.ssa Udienza. Nell'interesse della Sig.ra XXX, nata a., il e residente a..., Via, n.... c.f.:, rappresentata e difesa dall Avv... del Foro di... ed elettivamente

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente Giovanni Maria FLICK Giudice Francesco

Dettagli

N. 4 DEL L914. Allegati: Copia Atto di citazione -

N. 4 DEL L914. Allegati: Copia Atto di citazione - fl PUBBLICAZIONE ALBO PRETORIO Su conforme attestazione del Messo Comunale, si certitica che copia della presente determinazione viene pubblicata all Albo Pretorio del Comune per quindici giorni dal OO)À

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita'

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' In via del tutto preliminare, osservo che il procedimento penale è una serie di attivita e di attidocumenti susseguentisi nel tempo. Ovviamente,

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

A) In data.tizio e CAIO hanno concluso contratto di agenzia. B)Tutti i clienti del portafoglio di TIZIO hanno firmato gli allegati

A) In data.tizio e CAIO hanno concluso contratto di agenzia. B)Tutti i clienti del portafoglio di TIZIO hanno firmato gli allegati 7ULEXQDOH&LYLOHGL«$WWRGLFLWD]LRQH 3HU 7,=,2«se è una società indicare il legale rappresentante pro tempore) nato a..residente in. ( se è una società indicare la sede: con sede in via.) rappresentato e

Dettagli

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO

PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO PARERE CIRCA LA RESPONSABILITA DI POSTE ITALIANE PER IL TARDIVO RECAPITO DI PLICO RACCOMANDATO La questione in esame circa la possibilità di un azione di risarcimento del danno patito a causa del tardivo

Dettagli

senr. N. 2215o 1.1 cron. N. 8t5sà/oÎ Dep. Il ZfiMtrcg

senr. N. 2215o 1.1 cron. N. 8t5sà/oÎ Dep. Il ZfiMtrcg 0 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI BOLOGNA AVV. FRANCO A. COSENZA Della IV sezione civile ha pronunciato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta al N. 19891/08

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Danno edonistico: unitarietà della liquidazione del danno non patrimoniale» (Cass. Civ. sez. III, sent. 8-07-2014, n. 15491) danno edonistico non risarcibilità in via autonoma parole chiavi 3 Non è risarcibile

Dettagli

GIUDICE DI PACE DI...

GIUDICE DI PACE DI... GIUDICE DI PACE DI... ATTO DI CITAZIONE Nell interesse del Sig...., nato a... il..., C.F...., residente in..., Via... ed elettivamente domiciliato per la presente procedura in... presso e nello Studio

Dettagli

Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv.

Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv. Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv. Felice Alberto D'Onofrio, II Sezione, ha pronunziato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza, in composizione monocratica, in persona

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza, in composizione monocratica, in persona REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Potenza, in composizione monocratica, in persona del G.O.T. Dott.ssa Caterina Genzano, ha pronunciato

Dettagli

ATTO GIUDIZIARIO DI DIRITTO CIVILE IN TEMA DI RESPONSABILITA' CIVILE E DANNO NON PATRIMONIALE - APPELLO

ATTO GIUDIZIARIO DI DIRITTO CIVILE IN TEMA DI RESPONSABILITA' CIVILE E DANNO NON PATRIMONIALE - APPELLO ATTO GIUDIZIARIO DI DIRITTO CIVILE IN TEMA DI RESPONSABILITA' CIVILE E DANNO NON PATRIMONIALE - APPELLO ATTO GIUDIZIARIO Con citazione notificata in data 15 ottobre 2008, il Comune di Cervinia conveniva

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta dal 6 marzo l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv. Felice Alberto D Onofrio,II Sezione, ha pronunziato la seguente SENTENZA 10141/2012 nel procedimento incardinato con RG.N.84293/11,riservato

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Tribunale Civile di Genova Nona Sezione

Tribunale Civile di Genova Nona Sezione N. 4829/2014 R.G. Tribunale Civile di Genova Nona Sezione Il Tribunale riunito in camera di consiglio in persona dei magistrati Dott. Luigi Costanzo Presidente Dott. Cinzia Casanova Giudice Dott. Emanuela

Dettagli

Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa)

Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa) Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa) Trib. Perugia, sez. civ., sentenza 9 settembre 2005 (est. Patrizio Gattari) Danneggiato Decesso in corso

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Tribunale Civile di Bari, Sezione III, Sentenza n. 2906/18 settembre 2012.

Tribunale Civile di Bari, Sezione III, Sentenza n. 2906/18 settembre 2012. Tribunale Civile di Bari, Sezione III, Sentenza n. 2906/18 settembre 2012. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La terza Sezione Civile del Tribunale di Bari, in composizione monocratica in

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Alessandro Leproux. Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

Rumori in condominio: il danno è insito e la prova del superamento della normale tollerabilità può essere fornita con testimoni Avv.

Rumori in condominio: il danno è insito e la prova del superamento della normale tollerabilità può essere fornita con testimoni Avv. Rumori in condominio: il danno è insito e la prova del superamento della normale tollerabilità può essere fornita con testimoni Commento a Cassazione Civile n. 2864 del 12.02.2016 Avv. Paolo Accoti - Accertato

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Prot. n 135 Salerno, lì 11 Febbraio 2015

Prot. n 135 Salerno, lì 11 Febbraio 2015 COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

*** SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 7 novembre 2014, n. 23791 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

*** SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE III CIVILE. Sentenza 7 novembre 2014, n. 23791 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO «E risarcibile il danno da perdita di chances lavorative anche per il disoccupato» (Cass. civ., sez. III, sent. 7 novembre 2014, n. 23791) Danno da perdità di chances capacità lavorativa risarcibilità

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE DANNO NON PATRIMONIALE A TITOLO EREDITARIO. CASS. CIV., SEZ. III, 14 DICEMBRE 2010, N. 25264. Non hanno diritto al risarcimento del danno non patrimoniale a titolo ereditario i parenti della vittima di

Dettagli

Il licenziamento disciplinare

Il licenziamento disciplinare Capitolo 4 Il licenziamento disciplinare Caso 4.1 Quali sono stati gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 204 del 1982? Con più ordinanze del 1976 furono impugnati innanzi alla Corte

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE

DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE DIFENDERE L AZIENDA IN TRIBUNALE COME AFFRONTARE L UDIENZA DI LAVORO Milano, 6 maggio 2013 Avv. Giorgio Scherini, partner Inquadramento e Principi Generali Il Diritto di Difesa e il Diritto al Giusto Processo

Dettagli

Stanti le eccezioni PRELIMINARI sollevate dalla Compagnia costituitasi in giudizio, il Tribunale di Torino decide.

Stanti le eccezioni PRELIMINARI sollevate dalla Compagnia costituitasi in giudizio, il Tribunale di Torino decide. CODICE DELLE ASSICURAZIONI: DALLA FACOLTATIVITA DEL RISARCIMENTO DIRETTO, ALLA PROPONIBILITA DELLA DOMANDA (Relazione dell Avv. Cristiana Arditi di Castelvetere nel Convegno di Patronato Forense del 10.12.2007).

Dettagli

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti Motivi della decisione 1. Il primo motivo di ricorso. 1.1. Col primo motivo di ricorso i ricorrenti lamentano

Dettagli

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato

domiciliata in ROMA, VIA BARNABA TORTOLINI 13, presso l'avvocato E inammissibile l'intervento del padre naturale nel giudizio di disconoscimento della paternità Cassazione civile sez. I 08 febbraio 2012 n. 1784 La Corte di Cassazione con questa recente sentenza (n.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice di Pace di Torino. V Sezione Civile

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice di Pace di Torino. V Sezione Civile REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Torino V Sezione Civile In persona del dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA 8892/12 Nella causa civile

Dettagli

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua.

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua. Nullità e annullabilità delle delibere condominiali e sostituzione della delibera impugnata con altra legittima. Cessazione della materia del contendere, liquidazione delle spese e soccombenza virtuale

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano sentenza contro IN PUNTO: di parte attrice: di parte convenuta:

REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano sentenza contro IN PUNTO: di parte attrice: di parte convenuta: REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano Il Tribunale di Bolzano in persona del giudice unico dottor Tullio Joppi, ha pronunciato la seguente sentenza nella causa civile n. 4672/2005 R.G.C. promossa

Dettagli

Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima

Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Ricorso n. xxx/xxxx Sent. n. xxx/xx REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, prima Sezione, con l intervento dei signori magistrati: Bruno Amoroso

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. sentenza

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. sentenza TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice del lavoro, dott.ssa Carla Ponterio ha pronunciato la seguente sentenza nella causa relativa a controversia iscritta nel ruolo

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DI NARO Provincia di Agrigento

MUNICIPIO DELLA CITTA DI NARO Provincia di Agrigento MUNICIPIO DELLA CITTA DI NARO Provincia di Agrigento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 57 DEL 08/11/2011 OGGETTO : Comune di Naro/ Puma Angelo. Autorizzazione a transigere. L anno duemilaundici

Dettagli