Consiglio Direttivo A.D.F. Aldo PESENTI. Alessandro MANELLI. Claudio DI GREGORIO. Rosa Anna SPADOLINI. Mario TUTTOILMONDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio Direttivo A.D.F. Aldo PESENTI. Alessandro MANELLI. Claudio DI GREGORIO. Rosa Anna SPADOLINI. Mario TUTTOILMONDO"

Transcript

1

2 Consiglio irettivo A..F. Aldo PESENTI Presidente Ornella BARRA Mauro GIOMBINI Carmelo RICCOBONO Alfredo SASSI Past President Vice Presidente Vice Presidente Past President Vice Presidente Vice Presidente Giorgio BONELLI (Tesoriere) Comitato Presidenza Alessandro MANELLI Comitato Presidenza Alessandro MORRA Comitato Presidenza Leonardo PANICO Comitato Presidenza ino CUZZOCREA Renato E FALCO Claudio I GREGORIO Leonardo FERRANINO Michele MOTTA Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Fabrizio POIOMANI Carlo RAVERA Giuseppe RIZZOLI Luca SABELLI Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Carlo SENSI Rosa Anna SPAOLINI Marco VELLUTI Alberto ZAGGIA Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Francesca MASSA Stefano NOVARESI Mario TUTTOILMONO Ezio IOLAITI Carlo MARCHESE Revisore Revisore Revisore Revisore Supplente Revisore Supplente Comitato editoriale Aldo PESENTI - Ornella BARRA - Walter FARRIS - Mauro GIOMBINI - Alessandro MANELLI - Leonardo PANICO Carmelo RICCOBONO - Fausta SACCARELLI - Alfredo SASSI - Sergio SPARACIO irettore Responsabile: Giuseppe SCROFINA Segretaria di Redazione: Maria Pia MIRCOLI Il Quaderno della distribuzione farmaceutica (bimestrale/omaggio) è l organo ufficiale di stampa di proprietà dell Associazione istributori Farmaceutici Editore: AF SERVICE s.r.l. Sede Legale, irezione e Redazione Via Milano, Roma - tel , fax Realizzazione Grafica: L&B - Albano Laziale (Rm) - Stampa: Commergraph di Lepore Barbara - Pomezia (Rm) Il Quaderno Anno XXIX - N 5/6 - icembre 2012 Spedizione in abbonamento postale 70% - Poste Italiane SPA - CB Roma Aut. Trib. Roma n. 370/93 del 09/09/1993 Finito di stampare il 28 icembre 2012 Tiratura: copie 5.200

3 EITORIALE Ldi Aldo Pesenti Per rimettere in salute le nostre Aziende Ero stato facile profeta nel mio primo editoriale a prevedere che una fetta pesante dei risparmi sanitari per il 2013 sarebbe stata accollata alla farmaceutica, ma ero stato ottimista sull ammontare complessivo: non di 3 miliardi è stato il taglio sul tendenziale della spesa pubblica per la sanità di quest anno, ma - una legge dopo l altra - ha raggiunto i 5, 6 miliardi. La parte farmaceutica di questo pesantissimo de-finanziamento colpisce ovviamente tutti i soggetti della filiera, tra i quali noi grossisti che eravamo già stati messi in grandi difficoltà dall improvvido taglio del margine del 2010, quel taglio dal 6,65% al 3% che passerà alla storia perché un operazione così enorme e nello stesso tempo così grossolana non si era mai vista. Grossolana nel calcolo, anzi fatta senza un calcolo preciso e documentato, come invece sono le decisioni governative sulle tariffe, per dire, del gas e dell energia elettrica. Lì il Governo decide sulla base di fior di studi e di calcoli dei costi, ed è nella speranza di arrivare a qualcosa di simile che abbiamo commissionato lo studio sui costi della distribuzione del farmaco del SSN che avete trovato nel numero scorso del Quaderno. Facendolo realizzare dal ipartimento di Ingegneria Gestionale dell Università La Sapienza di Roma, un centrostudi autorevole e soprattutto indipendente ed autonomo come è nel NA delle migliori Università. Quello studio ha suscitato l attenzione degli uffici governativi e commenti di pieno rispetto verso gli estensori, anche se il riconoscere ai grossisti l intero costo del servizio reso al SSN sarebbe sì giusto, ma porterebbe (io vorrei scrivere: ottimisticamente che porterà) un onere per lo Stato più che doppio rispetto all attuale, laddove l attuale legge sulla remunerazione non dà al Governo una tale possibilità di manovra. Così ci ha detto personalmente il Ministro della Salute che abbiamo incontrato, così come ci siamo fatti conoscere dai consiglieri e dagli esperti che orientano i Ministri interessati, ricavandone la sensazione che non manchi la volontà di approfondire e conoscere le nostre ragioni, ma è evidente che ora siamo in un momento di sospensione dell attività del Governo e del Parlamento. Che dire? Incrociamo le dita, auspicando di avere decisori pubblici adusi a giudicare dati di bilancio e non vuote lamentazioni, perché noi siamo abituati a parlare con i numeri e con la qualità del servizio, e non con le chiacchiere. Mi piace ripetere, in conclusione, che per mantenere in salute i cittadini, attraverso quella gloriosa istituzione che è la farmacia, dobbiamo essere messi in grado di mantenere in salute anche le nostre aziende distributrici. 1 Editoriale Aldo Pesenti Le nuove GP europee Maria Terracciano Il mercato in farmacia Massimo Stragliati CTF Group in Europa con Secof 1

4

5 E NUOVE LINEE-GUIA EUROPEE Ldi Maria Terracciano Un opportunità economica anche in tempo di crisi La qualità: un investimento o solo un costo? Le nuove GP aprono un interessante dibattito tra players privati e legislatore europeo Le nuove linee-guida europee di buona distribuzione (GP) sono in arrivo. Conclusa la procedura di pubblica consultazione, è stata avviata la procedura di condivisione con gli Stati Membri, prevista dall articolo 84 della direttiva 2001/83/CE, a cui seguirà il parere del Comitato Farmaceutico, ultimo step prima della pubblicazione prevista nel Quali le conseguenze delle nuove GP: una semplice innovazione delle attuali GP ormai datate o una rivoluzione per la filiera dei medicinali? L innovazione è chiaramente un elemento importante delle nuove GP, l elemento rivoluzionario è il nuovo approccio proposto dal legislatore europeo fare della qualità un obiettivo culturale condiviso dall intera filiera che scoraggi anche le pratiche illegali e l ingresso nella filiera di medicinali falsificati. Old and new GP (Good istribution Practice) I contenuti I contenuti delle attuali GP europee datate 1994 sono presenti anche nelle linee guida OMS e USP. Contenuti simili sono presenti nelle GP adottate in molti Stati di Asia ed Africa L attuale proposta ha tenuto conto, integrandoli nel testo, dei contenuti delle recenti revisioni delle good practices OMS e PIC Elemento innovativo è l inserimento delle buone pratiche antifalsificazione in attuazione della direttiva 2011/62 La differenza in pratica La responsabilità della gestione dei medicinali nelle old GP appartiene al proprietario e passa di mano ad ogni trasferimento di proprietà, la responsabilità del trasporto è del committente, Le new GP identificano e tracciano le responsabilità anche per le attività outsourcing sulla base di contratti tra le parti Le new GP: presa d atto delle tendenze del mercato quadro regolatorio per attività non regolamentate o parzialmente regolamentate quali attività di brokeraggio, sosta tecnica in fase di trasporto richiesta di requisito autorizzazione all ingrosso per svolgere attività di esportazione Le new GP: richiamo ai principi presenti nella irettiva 2011/62, introducendo nelle GP comportamenti e regole che impediscano l ingresso di medicinali falsificati la filiera legale-solo un breve richiamo nelle old GP. 3

6 I contenuti delle old e new best practices In realtà i contenuti delle best practices di distribuzione della nuova proposta sono gli stessi delle attuali GP, salvo piccoli adeguamenti. I contenuti delle GP europee datate 1994 sono presenti anche nelle linee guida OMS e USP. Contenuti simili sono presenti nelle GP adottate in molti stati di Asia ed Africa L applicazione delle GP in Europa e nel mondo EU Guidelines on good istribution practice for Medicinal Products for Human use (94/c/63/03) WHO 2006 Good istribution practice For Pharmaceutical Products WHO: Good istribution Practices for pharmaceutical products TRS No. 957, Annex 5 (2010) WHO: Model requirements for the storage and transport of time and temperature sensitive pharmaceutical products TRS No. 961, Annex 9 (2011) USP 1079 Good Storage and Shipping Practices. USP: Chapter Monitoring device- Time, Temperature and Humidity (and others) USP: Chapter 1083 Good istribution Practices Health science authority (Singapore) August 2010 REGULATORY GUIANCE NOTES ON GOO ISTRIBUTION PRACTICE Canada: Health Canada: Guidelines for Temperature Control of rug Products during Storage and Transport GUI-0069 Ireland: Irish Medicines Board (IMB) - Medicinal Products (Prescription and Control of Supply) (Amendment) Regulations 2007 (SI 201 of 2007) Ireland: IMB Guide to Control and Monitoring of Storage and Transportation Temperature Conditions for Medical Products and Active Substances UK: MHRA - GP Risk Assessment Strategy UK: MHRA Good istribution Practice: Guidance and Legislation Israel: The Status of Current GP Regulations in Israel (adopt EU &/or WHO) Turkey: GP s temperature management and interoper Association of South-East Asian Nationsable serialization/pedigree/tnt Anche l attuale proposta ha tenuto conto, integrandoli nel testo, dei contenuti delle recenti revisioni delle good practices OMS e PIC. L obiettivo delle buone pratiche, proposto nella prima direttiva sulla distribuzione dei medicinali, la direttiva 92/25/CE e ancora attuale, è la creazione di un sistema qualità senza interruzione, ovvero la qualità garantita dalle GMP (Good Manufaturing Practice) nella fase produzione deve essere mantenuta anche dalle GP (Good istributing Practice) nella fase post produzione, di deposito e distribuzione intermedia e finale. Tutte le linee guida europee e non hanno sottolineato la criticità del mantenimento delle caratteristiche dei medicinali sensibili alle variazioni stagionali e dato indicazioni per il mantenimento della temperatura controllata nella fase di deposito e trasporto dei farmaci. Nonostante le norme di buona distribuzione siano in vigore da anni, la mancanza di un sistema globalizzato e condiviso ha reso inefficaci le stesse norme. I motivi della rivoluzione Il documento Concept paper on storage conditions during the Transport EMA 19 october 2010 evidenzia la mancanza di controlli o di controlli poco rigorosi nella fase di trasporto. I motivi: regole di mercato nuove e conseguente aumentata complessità della filiera - crescita del numero delle importazioni di medicinali - crescita del territorio UE e conseguente aumento delle differenze climatiche da Stato Membro a Stato Membro - accesso al mercato europeo di medicinali falsificati o comunque illegali. La ratio del Legislatore Europeo. Le norme esistono da anni e non si sono dimostrate efficaci. L efficacia richiede infatti un approccio globalizzato nell applicazione puntuale delle norme da parte di tutti i players, nei controlli in fase ispettiva e l armonizzazione delle sanzioni. 4

7 Consideriamo esclusivamente l applicazione delle norme per i medicinali sensibili alle variazioni climatiche. E chiaramente impossibile definire norme che tengano conto delle disposizioni vigenti in tutti gli Stati e/o Continenti coinvolti e della variabilità delle condizioni climatiche. L alternativa alla definizione di norme valide per qualunque area geografica è la globalizzazione della conoscenza. Perché il nuovo approccio dovrebbe funzionare considerato che le norme esistono già e non hanno funzionato? Il nuovo approccio a differenza del vecchio dà regole volutamente meno stringenti, in particolare per il deposito e trasporto dei medicinali sensibili alle variazioni di temperatura. Lo storage point 13 (doc 94/C63/03) richiede la presenza di sistemi di registrazione della temperatura che indichino anche eventuali anomalie e controlli. Per il trasporto eliveries to customers, Point 20 (doc 94/C63/03) richiede appropriate misure per la verifica e la registrazione della temperatura. Le richieste delle nuove GP sono molto più soft, non dettano norme rigide, in linea con il progetto di diffusione della cultura delle buone pratiche di distribuzione. Subordinano il deposito ed il trasporto a temperatura controllata ad un analisi del rischio che evidenzi la necessità di sistemi di controllo e registrazione della temperatura e umidità. Un tale approccio, a prima vista meno restrittivo, non pone a rischio la qualità, ma volutamente propone l analisi del rischio quale strumento di studio e quindi di consapevolezza dell importanza della temperatura controllata. Sempre nella stessa ottica le nuove GP attribuiscono la responsabilità delle condizioni di temperatura alla persona qualificata, che dovrà essere in grado anche di dimostrare che nella fase di trasporto la qualità non è stata messa in discussione. La risposta è quindi nel valore aggiunto delle GP Approccio integrato e condiviso dei contenuti della direttiva 62/2011 anti falsificazione e della Convenzione Medicrime Supporto alla qualità che dà attuazione sul piano pratico ai principi della direttiva anti falsificazione e della convenzione Medicrime La qualità come strumento di lotta all illegalità: lavorare in qualità impedisce l ingresso dei medicinali falsificati o comunque illegali. Armonizzazione delle procedure GP un percorso non costretto ma condiviso tra soggetti consapevoli. La sostenibilità in tempo di crisi, una questione di punti di vista I players della filiera vorrebbero una qualità sostenibile ; gli attuali ricavi sono ritenuti poco remunerativi dall intera filiera, il mercato farmaceutico è infatti un mercato atipico. Il diritto alla tutela della salute ha chiaramente limitato il potere e le possibili speculazioni commerciali del medicinale (merce e prodotto etico) e creato un mercato protetto che garantisce al pa- 5

8 ziente: un prezzo equo grazie a costi e ricavi dell intera filiera amministrati - qualità dei medicinali - obbligo di servizio pubblico - reperibilità dei medicinali su tutto il territorio nazionale imposto agli attori della supply chain. La sostenibilità oggi Conseguenze del mercato protetto: competizione legale per la conquista di quote di mercato, ovvero erosione del fatturato a danno soprattutto della distribuzione intermedia da parte di farmacisti e titolari AIC distributori. Erosione del fatturato dei farmacisti da parte dei titolari degli esercizi commerciali abilitati alla vendita di medicinali. Nascita di nuovi modelli organizzativi rilevati dal Ministero della Salute, osservatore istituzionale della filiera, oggetto anche se parzialmente, di attenzione nella direttiva 62/2011. Il trasportatore acquisisce sempre di più il ruolo di distributore. La configurazione geografica in Italia ma anche in altri Stati non consente il puntuale rispetto dei tempi di consegna dei medicinali, il che ha favorito l utilizzazione di transit point; condivisione degli spazi e condivisione della persona responsabile tra soggetti autorizzati alla distribuzione e/o tra un solo soggetto autorizzato fornitore di servizi e soggetti non autorizzati alla distribuzione. Approccio in contrasto con il principio della tracciabilità della responsabilità richiamato sia nel nuovo approccio che nella direttiva 2001/83/CE trasformazione in atto del distributore full line in esportatore; trasformazione che mette a rischio l obbligo del servizio pubblico. La sostenibilità delle nuove GP Quali sono i costi aggiuntivi rispetto alle norme vigenti? La sostenibilità delle GP è chiaramente correlata agli adempimenti richiesti dalla direttiva 62/2011. L elemento più innovativo è la tracciabilità delle responsabilità che ha richiesto di conseguenza l attribuzione di un contesto legislativo a tutte le attività che a tutt oggi appartenevano ad un area grigia non regolamentata o parzialmente regolamentata. Ovvero albo dei distributori - registrazione dei brokers - sistemi di autenticazione dei medicinali e tracciabilità dei flussi - reperibilità full time della persona qualificata -tracciabilità delle responsabilità ovvero contratti ed audit per le attività esternalizzate. Il punto di vista dei players L Industria farmaceutica Obiettivo irrinunciabile è comunque l ottimizzazione di trasporto, deposito, distribuzione e recall di medicinali difettosi e falsificati Linea guida meno dettagliata perché un dettaglio eccessivo intralcia operatività ed aumenta i costi ovvero salvaguardia obiettivi a costi contenuti. La distribuzione intermedia riduzione dei tempi di lavoro/ la disponibilità a tempo pieno della persona qualificata secondo il GSIR aumenterebbe i costi di 20 milioni di euro se applicata ai 1600 depositi dei propri associati presenti in Europa. Condivisione degli spazi con l eliminazione di aree dedicate. I farmacisti tempo di consegna fissato a 5 giorni di difficile fattibilità ed aumento costi restituzione solo in caso di errata consegna, nessun adempimento per la verifica delle confezioni. 6

9 I trasportatori hanno con le nuove GP acquisito visibilità. Il loro punto di vista è pertanto più proattivo: garanzia di disponibilità di orario - qualità dei medicinali nei punti di sosta, assunzione di responsabilità su base contrattuale presenza di una persona responsabile, ma autorizzazione semplificata come distributore in caso di permanenza dei medicinali per tempi superiori alle 24 ore. Il punto di vista degli Stati Membri sottolinea di fatto l importanza della qualità a tutela del paziente/consumatore aree e mezzi a temperatura controllata - tracciabilità delle responsabilità per le attività outsourcing con particolare riferimento alle attività di trasporto; Il punto di vista del Ministero della Salute o meglio le preoccupazioni esternate nella Pubblica consultazione Trend dell esportazioni è indubbiamente in crescita, il costo dei farmaci in Italia è talmente basso ed in quanto tale è stato oggetto di contenzioso europeo. l export è un fattore determinante della crescita, dal 2009 al 2011 è aumentato del 27% contro una crescita media europea del 10%. (fonte: Farmindustria evoluzione del settore farmaceutico 2012) Conseguenza la possibile messa in discussione dell obbligo di Servizio Pubblico, onere economico di una certa rilevanza e la possibile concausa del fenomeno delle carenze dei medicinali. La possibile correlazione tra carenze ed abolizione del Servizio Pubblico in alcuni Stati Membri è stata ipotizzata quale possibile causa, ma non la sola nel documento Statement Medicines Shortage in European Community Pharmacies PGEU/GPUE. L Italia nei commenti in risposta alla pubblica consultazione ha richiamato in caso di esportazione la necessità di salvaguardare gli obblighi del Pubblico servizio. Trasporto via mare, via aereo Le nuove GP sottolineano l importanza di definire regole speciali per queste tipologie di trasporto La principale difficoltà è l attribuzione della responsabilità nella fase di trasporto che, ai sensi della irettiva 2001/83 e s.m.i., resta attribuita al istributore che non ha possibilità di gestirla. Trasporto frazionato in più fasi La responsabilità del trasporto attribuita al distributore confligge con la possibilità di trasporto frazionato in più fasi. Il distributore, in quanto responsabile anche del mantenimento delle condizioni di conservazione, verifica al momento dell ingresso dei medicinali nel deposito le condizioni di conservazione, chiaramente tale verifica può risultare inutile se il trasporto è avvenuto in più fasi. La rilevazione di temperatura e umidità potrebbe essere infatti ottimale ma essere stata preceduta da condizioni anomale di temperatura ed umidità non rilevabili. Trasporto via posta Risulta privilegiato, mancanza di un quadro legislativo ad hoc, con conseguente rischio dell interruzione del percorso qualità GMP/GP 7

10 Furti di medicinali nelle nuove GP no un riferimento né un obbligo di segnalazione. La proposta italiana rapida allerta per i furti e creazione di una rete di scambio d informazione sui furti. In Italia il trend dei furti risulta in crescita; nel 2011 la percentuale di confezioni rubate è risultata dello 0,031% a fronte di una percentuale dello 0,015 % nel L incremento monitorato dal progetto tracciabilità è correlato alla richiesta di trasmissione delle copie delle denuncie di furto, che ha reso più trasparente la questione furti. E interessante il dato inverso, ovvero il trend negativo negli anni , anni in cui i furti non venivano documentati sulla base delle denuncie agli organi di Polizia. Il trend negativo è presumibilmente correlato all impossibilità di reingresso nella filiera legale delle confezioni rubate, grazie alla presenza del codice univoco sulle confezioni. L attuale trend positivo può chiaramente essere un indicatore di una destinazione diversa che il mercato legale italiano (Fonte: Progetto tracciabilità ) In Italia manca una norma che richieda l obbligo di denuncia, generalmente sono i trasportatori che per garantirsi un rimborso effettuano la denuncia del carico di medicinali sottratto loro spesso dichiarando di non conoscere le quantità e le tipologie di medicinali loro sottratti. I Comandi di Polizia e talvolta i titolari AIC inoltrano al Ministero o all AIFA segnalazioni di furto con una tempistica inidonea. Il costo della non qualità Accesso facilitato alla filiera di una supply chain illegale e di pratiche di commercio scorrette o comunque illegali che sottraggono alla filiera legale quote di mercato consistenti anno all erario/ rischi per la salute e danno al SSN/ visibilità negativa, o tracciabilità di pratiche scorrette. La qualità come opportunità di profitto Le nuove opportunità in tempo di crisi I suggerimenti degli osservatori economici. Creatività e proattività. Modificare l attuale approccio passivo di semplice gestione della crisi in atteggiamento proattivo. Creazione di modelli di gestione a costo contenuto Multicanalità, un esempio interessante è la farmacia dei servizi, modello italiano di multicanalità. Il futuro, utopia o fattibilità Rispondere non è facile. La condivisione della cultura della qualità non può essere un processo immediato. La valutazione del rischio, in quanto valutazione, implica inevitabilmente un certo grado di soggettività. 8

11 Al contrario una norma, anche se disapplicata, ha efficacia immediata ed un quadro sanzionatorio certo. Gli strumenti compensatori previsti dal Legislatore Attività ispettiva armonizzata Albo dei distributori ispezionati con esito positivo Certificazione della Good Practice Ovvero una visibilità negativa mette fuori mercato chi non opera in qualità Il passaggio da utopia a fattibilità richiederà investimenti in cultura e formazione, ottimizzazione di un network di comunicazione tra Autorità ed Autorità e players coinvolti e norme applicative. Armonizzazione delle sanzioni prevista dalla Convenzione Medicrime. E PER FINIRE LA PROATTIVITA ANTICIPATA A EINSTEIN NEGLI ANNI ELLA GRANE CRISI Il pensiero positivo di Einstein sulla crisi Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorgono l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere 'superato'. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell'incompetenza. L'inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c'è merito. E' nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla. Albert Einstein (tratto da Il mondo come io lo vedo, 1931) Maria Terracciano irigente chimico - esperto in materia di distribuzione e contraffazione dei medicinali e dei prodotti ad impatto sulla salute Ministero della Salute - ipartimento della programma dell'ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale irezione Generale dei dispositivi medici del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure 9

12 L MERCATO IN FARMACIA di Massimo Stragliati IManagement & Marketing Consultant La crisi è arrivata anche in farmacia E fatto risaputo che nei periodi di recessione economica uno degli ultimi settori, se non proprio l ultimo, a entrare in crisi è quello legato ai prodotti per la salute: le famiglie dapprima cominciano a tagliare l acquisto di beni e servizi considerati superflui, poi si interviene su altre voci quali abbigliamento, viaggi e vacanze, successivamente si comincia a tirare la cinghia anche sui generi alimentari ed infine, quando il budget non lascia più spazi di manovra, si interviene sulle spese per la salute. Ovviamente ci riferiamo solo a quelle spese che sono a totale carico del cittadino in quanto, come si sa, i consumi e la relativa spesa per la salute erogata in regime di health care provision variano solo in funzione dell effetto congiunto dell incidenza di patologie e del regime di amministrazione dei prezzi. Questa premessa è alla base delle considerazioni che si possono fare quando si osservano i dati del mercato in farmacia aggiornati a Settembre La tabella riepilogativa ci fornisce un quadro com- MERCATO TOTALE ITALIA SEGMENTAZIONE EL MERCATO IN FARMACIA VENITE IN QUANTITÀ Gennaio-Settembre 2012 Ottobre Settembre 2012 (x 1.000) Quota ± % (x 1.000) Quota ± % FARMACI ETICI ,6 0, ,4 0,3 RIMBORSABILI (Classe A) ,0 0, ,7 1,0 NON RIMBORSABILI (Classe C) ,6-3, ,7-3,0 FARMACI I AUTOCURA ,3-5, ,7-5,2 Farmaci Automedicazione ,3-5, ,6-4,7 Farmaci S. P ,0-6, ,1-6,6 PMC+ALTRI NOTIFICATI ,7 1, ,6 1,8 PMC 832 0,0-16, ,0-14,9 Prodotti Omeopatici ,9-5, ,9-4,9 Prodotti Uso Erboristico ,5-2, ,6-1,4 Altri ,2 3, ,1 3,4 NUTRIZIONALE ,3-4, ,3-3,9 ietetici Infanzia ,6-6, ,6-6,1 imagranti ,2 1, ,2 2,9 Altri Nutrizionali ,4-3, ,4-2,8 PARAFARMACEUTICO* ,9-5, ,9-4,8 IGIENE E BELLEZZA* ,2-3, ,2-2,8 Accessori ,4-4, ,4-4,0 Bambini ,8-3, ,8-3,0 Bellezza ,5-2, ,4-1,7 Igiene Personale ,6-3, ,6-3,1 MERCATO TOTALE ,0-1, ,0-1,1 *sono esclusi i farmaci registrati Fonte dei dati: IMS HEALTH 10

13 pleto ed esaustivo dello stato dell arte in questo canale: come possiamo notare il dato complessivo è negativo a volumi ed a valori sia se ci riferiamo ai primi nove mesi dell anno sia se guardiamo all anno mobile che termina a Settembre. A quantità la flessione è rispettivamente dell 1,3% e dell 1,1%, mentre la spesa relativa cala del 4,2% e del 3,8% (Tab. 1). Ciò che più colpisce e preoccupa nell esaminare i dati è la netta predominanza dei segni negativi dei trend dei vari settori e dei loro sottoinsiemi, con poche rarissime eccezioni: in fase di sviluppo troviamo, infatti, soltanto i consumi dei farmaci con ricetta in classe A rimborsabili dal Sistema Sanitario (ma la relativa spesa è in netto de- FIGURA 1 AGGIORNATO A SETTEMBRE 2012 VENITE IN VALORI (Prezzi al pubblico) PREZZO MEIO Gennaio-Settembre 2012 Ottobre Settembre / / /2012 (x 1.000) Quota ± % (x 1.000) Quota ± % ±% ±% ,4-6, ,6-5,6 10,4-6,1 10,5-5, ,7-6, ,8-6,4 10,2-7,4 10,3-7, ,8-3, ,8-2,1 11,2-0,1 11,2 1, ,6-4, ,7-3,3 7,6 1,7 7,5 2, ,1-2, ,2-2,2 7,5 2,4 7,3 2, ,4-6, ,5-6,0 8,1 0,1 8,0 0, ,3 4, ,1 4,6 13,5 2,6 13,4 2, ,0-12, ,0-10,8 6,5 4,4 6,4 4, ,0-2, ,0-1,9 11,0 2,9 11,1 3, ,7-0, ,7 0,6 13,5 1,7 13,3 2, ,5 5, ,3 5,9 13,9 2,3 13,7 2, ,9-1, ,9-1,3 4,5 2,7 4,5 2, ,7-4, ,7-3,6 4,4 2,5 4,4 2, ,1 24, ,1 24,7 4,7 22,2 4,5 21, ,1-2, ,1-1,2 4,6 1,5 4,5 1, ,1-2, ,0-1,9 10,3 2,9 10,3 3, ,8-2, ,7-1,4 10,9 1,3 10,8 1, ,8-3, ,8-3,2 6,1 0,6 6,1 0, ,5-3, ,5-3,4 6,9-0,3 6,8-0, ,0-0, ,9-0,2 16,4 1,6 16,2 1, ,4-3, ,4-2,3 9,4 0,3 9,5 0, ,0-4, ,0-3,8 10,1-2,9 10,1-2,7 11

14 FIGURA 2 FIGURA 3 cremento), i prodotti Otc notificati che non sono specialità medicinali ed i dimagranti. Ben poca cosa, a ben vedere, in un mercato che, se non cambia qualcosa nell ultimo trimestre del 2012, probabilmente chiuderà sotto i 25 miliardi di Euro, tornando così vicino ai valori che si ebbero nel lontano Una china discendente che iniziò nel 2011, in controtendenza rispetto l anno precedente, e che nel corso dell anno corrente è andata aggravandosi a causa di una stretta sui consumi ma anche per motivo del continuo ribasso dei prezzi dei farmaci ammessi al rimborso che è risultato fin qui essere ben superiore al 7%. Il 2012 si presenta così come un anno molto problematico: passiamo, quindi, ad analizzare il comportamento dei vari settori nel periodo Gennaio Settembre. Il mercato dei farmaci con obbligo di ricetta medica (Tab. 2) incrementa leggermente i consumi complessivi (+0,2%) rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, ma patisce un brusco calo del giro d affari, quantificato in un 6% netto. A volumi soltanto cinque categorie terapeutiche riportano il segno positivo: i cardiovascolari (+0,2%), i farmaci per il sistema nervoso (+0,5%), i gastro-metabolici (+4,8%), gli ematologici (+2,6%) e gli ormoni non sessuali (+1,3%). Per contro si segnalano decrementi anche vistosi dei prodotti per l apparato respiratorio (-4,6%), degli antibiotici (-4,9%) e dei farmaci per l'apparato muscolo-scheletrico (-3,6%). Il quadro a valori è, se possibile, ancor più negativo in quanto solo due classi mostrano qualche segno di sviluppo: ematologici (+4,2%) ed ormoni non sessuali (+3,6%). Per il resto è un succedersi di segni meno con i settori cardiovascolare (-12,2%), anti-infettivi (-14,4%) ed apparato muscoloscheletrico (-6,8%) che presentano le perdite più consistenti. Nel settore Otc (Tab. 3) la situazione non è certo migliore. Abbiamo già visto che gli unici prodotti a tirare in questo segmento sono gli extrafarmaci poiché le specialità medicinali sono tutte in pesante negativo sia a volumi che a valori (si veda la tabella riepilogativa), e le varie classi ne risentono in modo più o meno consistente: le uniche a salvarsi, almeno a valori, sono quelle che includono i prodotti gastro-intestinali (+1%), i prodotti VMS (vitamine, minerali e supplementi), gli oftalmici (+2,3%), i genito-urinari (+4%) ed i tonici (+2,8%). I consumi unitari, come si può vedere, sono in netto calo e solo un paio di categorie minori portano a casa un risultato appena positivo. Molto male il settore parafarmaceutico (Tab. 4): in complesso questo mercato perde oltre il 5% a volumi e più 12

15 FIGURA 4 FIGURA 5 del 2% a valori e tutte le classi più importanti segnano flessioni più o meno vistose. E il caso degli elettromedicali e dei test diagnostici i cui consumi scendono del 5,9% e la spesa relativa dell 1,1%, ma anche il segmento aghi/siringhe è in negativo in entrambi gli indicatori. Peggio ancora fanno i prodotti per l incontinenza in calo del 7% e gli accessori medico-chirurgici (-6,1%). Gli unici segnali positivi provengono dai prodotti urologici e da quelli per stomia che, tuttavia, sono due categorie di importanza minore. Il dietetico continua a perdere terreno (Tab. 5) ed arretra del 4,5% a volumi e dell 1,9% a valori. Se è grave la flessione del segmento baby-food (ma questa, purtroppo, non è una novità), più preoccupante appare la situazione negativa in cui si trova il settore specialistico degli alimenti per celiaci che negli ultimi anni è stato il comparto che da solo aveva limi- tato le perdite del giro d affari dell intero mercato dei nutrizionali. I decrementi delle vendite degli alimenti senza glutine a unità (-3,6%) ed a valori (- 2,3%) si aggiungono a quelli registrati dai prodotti per adulti, altra classe di una certa rilevanza. Non bastano le buone performances, specie a valori dei dimagranti (+24,1%) e della nutrizione enterale (+4,9%) a rendere meno amara la situazione di un mercato in crisi ormai da troppo tempo nel canale farmacie. Per chiudere vediamo il mercato dei prodotti di igiene e bellezza (Tab. 6): anche in questo caso predominano i segni negativi che sono particolarmente pesanti nel segmento della bellezza femminile, la classe più importante, che presenta decrementi del 3,4% nei consumi unitari e del 3% nella spesa. In calo anche le vendite di prodotti per l igiene personale e per l igiene orale così come quelle relative ai prodotti per capelli (-5%). Il solo dato confortante è offerto dai prodotti di bellezza unisex, grazie soprattutto ai solari. Se la situazione in farmacia desta più di una preoccupazione in quanto l uscita dalla crisi economica appare ancora lontana, i due canali concorrenti hanno avuto comportamenti tra loro diversi: i corner della grande distribuzione organizzata (320 punti di vendita) sono anch essi in crisi in quanto perdono vendite a unità intorno al 2% e peggio fanno a valori (-2,2%). Al contrario, le parafarmacie hanno avuto un tasso di sviluppo del 3,5% a volumi e del 5,7% a valori. Nonostante questo positivo risultato, resta il fatto che la popolazione italiana nei primi nove mesi del 2012 ha ridotto le spese per l acquisto di prodotti per la salute non soggetti a ricetta rispetto allo stesso periodo dell anno scorso. Fonte dei dati: IMS HEALTH 13

16

17 CTF Group in Europa con Secof Una Cooperativa italiana di proprietà di farmacisti diventa per la prima volta presenza attiva in Europa. Si tratta della prestigiosa attestazione raggiunta da CTF Group e presentata nel corso di una tavola rotonda internazionale. Partendo da destra: r. Alfredo Sassi - irettore Generale CTF Group Scrl r. Maurizio Pagnoncelli Folcieri - Consigliere CTF Group (Italia) - Consigliere SECOF r. Alain Bertheuil Presidente del Consiglio di Amministrazione di Astera (Francia) Vice Presidente SECOF Per l occasione, i vertici della Cooperativa bergamasca con sede a Lallio hanno invitato i partner di Secof (Sociedad Europea de Cooperacion Farmacéutica), un organismo di rappresentanza e lobby che si pone a livello europeo una mission ben precisa: Secof si impegna a sostenere le farmacie di proprietà privata e i farmacisti indipendenti, rivestendo un ruolo significativo sugli orientamenti dei vari soggetti europei, influenzando le scelte comunitarie, condividendo tra i partner di Secof progetti, conoscenze e competenze, strutturando sistemi di reti nazionali e sovranazionali. La ragion d essere di CTF Group l ha ben sintetizzata il irettore Generale Alfredo Sassi: Le qualità imprenditoriali delle cooperative mirano a sviluppare la titolarità privata, coniugano le competenze e gli indirizzi dei farmacisti all operatività dei manager, puntano, come nel caso di CTF Group, a trovare supporto in Secof per dare voce e rappresentanza alle proprie esigenze e istanze a livello europeo. All intervento della Presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca che ha sottolineato come l associazione di farmacisti sia un toccasana per affrontare la concorrenza ha fatto eco la posizione di Gianni Petrosillo, Presidente di Federfarma Bergamo che ha affrontato il tema della liberalizzazione, un processo che ha messo a dura prova l attività delle farmacie private. La condivisione di obiettivi e soluzioni, ben interpretata dalla mission di CTF Group e di Secof a livello europeo, è stata invocata quale chiave di volta per far fronte agli aspetti problematici emersi con l intensificarsi della crisi. In rappresentanza dei partners internazionali, tra gli altri, hanno espresso simili punti di vista il Presidente turco del Consiglio di Sorveglianza di Edak-Tekb Vecihi Özerdemli, Presidente uscente di Secof, che ha lasciato il ruolo al francese Alain Bertheuil, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Sanastera. Quest ultimo ha acceso i riflettori sul fatto che le preoccupazioni attuali dei farmacisti italiani sono le medesime di quelle dei colleghi europei e per questo è possibile creare sinergie comuni e comunitarie per mantenersi competitivi sul mercato, ottimizzando le risorse interne a Secof e progettare un futuro che allenti la morsa della crisi. 15

18 Un italiano alla guida dei farmacisti europei E il presidente dell Ordine di Bolzano e membro del Comitato centrale della FOFI Maximin Liebl. Per la settima volta, nei 53 anni di vita dell associazione, l Italia assume la guida del PGEU. Un risultato che testimonia dell apprezzamento che ha riscosso l impegno di Liebl in Europa, ma anche dell attenzione con cui la Federazione guarda alle dinamiche europee, dice il presidente della Federazione Andrea Mandelli Nel corso dell ultima Assemblea Generale per l anno 2012, il Pharmaceutical Group of the European Union (PGEU) ha eletto all unanimità alla carica di Presidente per l anno 2013 l italiano Maximin Liebl, presidente dell Ordine dei Farmacisti della provincia autonoma di Bolzano. Liebl, che fa parte del Comitato centrale della FOFI ed è impegnato nella vita professionale da 15 anni, succede nella carica a Isabelle Adenot, presidente dell Ordine Nazionale dei Farmacisti francese. E la settima volta che un italiano assume la guida del PGEU, la cui istituzione risale a 53 anni orsono e ha visto il nostro Paese tra i soci fondatori. In questa fase di crisi economica i farmacisti possono fare molto per essere sempre più vicini al cittadino-paziente e, nel contempo, per la sostenibilità economica della tutela della salute: sia collaborando alla razionalizzazione della spesa, sia introducendo nuovi servizi e prestazioni nella farmacia di comunità ha dichiarato il neo-presidente del PGEU. Per questo è di fondamentale importanza che i decisori della politica sanitaria, soprattutto nei Paesi più toccati dalla crisi economica, si adoperino per salvaguardare la rete delle farmacie di comunità come un servizio pubblico essenziale. E una grande soddisfazione vedere il collega Liebl alla guida del PGEU, ha commentato Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei Farmacisti Italiani. Un risultato che testimonia dell apprezzamento che ha riscosso il suo impegno, ma anche dell attenzione con cui la Federazione guarda alle dinamiche europee. Il lavoro dei farmacisti dell UE, le loro esperienze e la loro capacità di proposta costituiscono un patrimonio formidabile in vista della costruzione di un modello comune di sanità, un patrimonio al quale i farmacisti italiani hanno contribuito e continueranno a contribuire. Auguro quindi buon lavoro a Maximin Liebl nella certezza che saprà ulteriormente valorizzare il contributo italiano allo sviluppo della professione. Liebl (Pgeu): farmacie essenziali per la sostenibilità I farmacisti devono contribuire alla sostenibilità della spesa sanitaria e lavorare, dove necessario, per lo sviluppo della farmacia dei servizi. Questo, in sintesi, lo slogan del programma di Maximin Liebl (foto) da giovedì presidente del Pharmaceutical Group of the European Union (Pgeu). «In un periodo di crisi economica come questo - spiega - è di fondamentale importanza che i decisori della politica sanitaria, soprattutto nei paesi più toccati dalla crisi economica, si adoperino per salvaguardare la rete delle farmacie di comunità come un servizio pubblico essenziale. A tal fine - continua - è necessario che la farmacia sia in grado di offrire più servizi possibile, soprattutto in Italia, che, in questo ambito, ha parecchio da imparare da altri paesi». Secondo Liebl, che è anche presidente dell'ordine dei farmacisti di Bolzano, sarebbe fondamentale non solo che l'italia prendesse «spunto da altri Paesi più all'avanguardia, quali per esempio il Portogallo che già da due anni ha fissato la remunerazione per le vaccinazioni antinfluenzali in farmacia», ma anche che venisse «finalmente applicato il dlgs 153/2009». Quanto alla dichiarazione comune sul problema della carenza dei farmaci affrontata nell'assemblea Pgeu di giovedì e al modello rappresentato dal protocollo d'intesa firmato dalla filiera italiana, Liebl sottolinea «l''italia offre un buon esempio» perché rende possibile una comunicazione immediata tra il farmacista che non dispone temporaneamente del farmaco e il paziente che lo richiede. Allo stesso tempo - conclude - il protocollo consente di pianificare la propria attività professionale e la gestione del magazzino». 16

19

20

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio.

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio. RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA PUBBLICA Roma, 3 luglio 2014 L INDUSTRIA FARMACEUTICA IN ITALIA, UN ECCELLENZA EUROPEA. Autorità, cari Amici imprenditori, Signore e Signori, grazie di cuore per aver

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

Non cadere nella rete

Non cadere nella rete C è chi li compra per risparmiare, chi perché non ha la ricetta medica. Il rischio di rimetterci salute e soldi è altissimo. Lo svela la nostra inchiesta. Non cadere nella rete I pirati della pastiglia

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

TARIFFAZIONE RICETTE SSN CONTENENTI FARMACI SOP ed OTC CIRCOLARE RIEPILOGATIVA

TARIFFAZIONE RICETTE SSN CONTENENTI FARMACI SOP ed OTC CIRCOLARE RIEPILOGATIVA CIRCOLARE N. 25/08 ASSIPROFAR FEDERFARMA ROMA via dei Tizii, 10 Roma 00185 Tel. 064463140 Fax 064959325 e-mail: assiprof@tin.it sito internet: www.federfarmaroma.com AI TITOLARI DI FARMACIA DI ROMA E PROVINCIA

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli