Consiglio Direttivo A.D.F. Aldo PESENTI. Alessandro MANELLI. Claudio DI GREGORIO. Rosa Anna SPADOLINI. Mario TUTTOILMONDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio Direttivo A.D.F. Aldo PESENTI. Alessandro MANELLI. Claudio DI GREGORIO. Rosa Anna SPADOLINI. Mario TUTTOILMONDO"

Transcript

1

2 Consiglio irettivo A..F. Aldo PESENTI Presidente Ornella BARRA Mauro GIOMBINI Carmelo RICCOBONO Alfredo SASSI Past President Vice Presidente Vice Presidente Past President Vice Presidente Vice Presidente Giorgio BONELLI (Tesoriere) Comitato Presidenza Alessandro MANELLI Comitato Presidenza Alessandro MORRA Comitato Presidenza Leonardo PANICO Comitato Presidenza ino CUZZOCREA Renato E FALCO Claudio I GREGORIO Leonardo FERRANINO Michele MOTTA Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Fabrizio POIOMANI Carlo RAVERA Giuseppe RIZZOLI Luca SABELLI Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Carlo SENSI Rosa Anna SPAOLINI Marco VELLUTI Alberto ZAGGIA Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Francesca MASSA Stefano NOVARESI Mario TUTTOILMONO Ezio IOLAITI Carlo MARCHESE Revisore Revisore Revisore Revisore Supplente Revisore Supplente Comitato editoriale Aldo PESENTI - Ornella BARRA - Walter FARRIS - Mauro GIOMBINI - Alessandro MANELLI - Leonardo PANICO Carmelo RICCOBONO - Fausta SACCARELLI - Alfredo SASSI - Sergio SPARACIO irettore Responsabile: Giuseppe SCROFINA Segretaria di Redazione: Maria Pia MIRCOLI Il Quaderno della distribuzione farmaceutica (bimestrale/omaggio) è l organo ufficiale di stampa di proprietà dell Associazione istributori Farmaceutici Editore: AF SERVICE s.r.l. Sede Legale, irezione e Redazione Via Milano, Roma - tel , fax Realizzazione Grafica: L&B - Albano Laziale (Rm) - Stampa: Commergraph di Lepore Barbara - Pomezia (Rm) Il Quaderno Anno XXIX - N 5/6 - icembre 2012 Spedizione in abbonamento postale 70% - Poste Italiane SPA - CB Roma Aut. Trib. Roma n. 370/93 del 09/09/1993 Finito di stampare il 28 icembre 2012 Tiratura: copie 5.200

3 EITORIALE Ldi Aldo Pesenti Per rimettere in salute le nostre Aziende Ero stato facile profeta nel mio primo editoriale a prevedere che una fetta pesante dei risparmi sanitari per il 2013 sarebbe stata accollata alla farmaceutica, ma ero stato ottimista sull ammontare complessivo: non di 3 miliardi è stato il taglio sul tendenziale della spesa pubblica per la sanità di quest anno, ma - una legge dopo l altra - ha raggiunto i 5, 6 miliardi. La parte farmaceutica di questo pesantissimo de-finanziamento colpisce ovviamente tutti i soggetti della filiera, tra i quali noi grossisti che eravamo già stati messi in grandi difficoltà dall improvvido taglio del margine del 2010, quel taglio dal 6,65% al 3% che passerà alla storia perché un operazione così enorme e nello stesso tempo così grossolana non si era mai vista. Grossolana nel calcolo, anzi fatta senza un calcolo preciso e documentato, come invece sono le decisioni governative sulle tariffe, per dire, del gas e dell energia elettrica. Lì il Governo decide sulla base di fior di studi e di calcoli dei costi, ed è nella speranza di arrivare a qualcosa di simile che abbiamo commissionato lo studio sui costi della distribuzione del farmaco del SSN che avete trovato nel numero scorso del Quaderno. Facendolo realizzare dal ipartimento di Ingegneria Gestionale dell Università La Sapienza di Roma, un centrostudi autorevole e soprattutto indipendente ed autonomo come è nel NA delle migliori Università. Quello studio ha suscitato l attenzione degli uffici governativi e commenti di pieno rispetto verso gli estensori, anche se il riconoscere ai grossisti l intero costo del servizio reso al SSN sarebbe sì giusto, ma porterebbe (io vorrei scrivere: ottimisticamente che porterà) un onere per lo Stato più che doppio rispetto all attuale, laddove l attuale legge sulla remunerazione non dà al Governo una tale possibilità di manovra. Così ci ha detto personalmente il Ministro della Salute che abbiamo incontrato, così come ci siamo fatti conoscere dai consiglieri e dagli esperti che orientano i Ministri interessati, ricavandone la sensazione che non manchi la volontà di approfondire e conoscere le nostre ragioni, ma è evidente che ora siamo in un momento di sospensione dell attività del Governo e del Parlamento. Che dire? Incrociamo le dita, auspicando di avere decisori pubblici adusi a giudicare dati di bilancio e non vuote lamentazioni, perché noi siamo abituati a parlare con i numeri e con la qualità del servizio, e non con le chiacchiere. Mi piace ripetere, in conclusione, che per mantenere in salute i cittadini, attraverso quella gloriosa istituzione che è la farmacia, dobbiamo essere messi in grado di mantenere in salute anche le nostre aziende distributrici. 1 Editoriale Aldo Pesenti Le nuove GP europee Maria Terracciano Il mercato in farmacia Massimo Stragliati CTF Group in Europa con Secof 1

4

5 E NUOVE LINEE-GUIA EUROPEE Ldi Maria Terracciano Un opportunità economica anche in tempo di crisi La qualità: un investimento o solo un costo? Le nuove GP aprono un interessante dibattito tra players privati e legislatore europeo Le nuove linee-guida europee di buona distribuzione (GP) sono in arrivo. Conclusa la procedura di pubblica consultazione, è stata avviata la procedura di condivisione con gli Stati Membri, prevista dall articolo 84 della direttiva 2001/83/CE, a cui seguirà il parere del Comitato Farmaceutico, ultimo step prima della pubblicazione prevista nel Quali le conseguenze delle nuove GP: una semplice innovazione delle attuali GP ormai datate o una rivoluzione per la filiera dei medicinali? L innovazione è chiaramente un elemento importante delle nuove GP, l elemento rivoluzionario è il nuovo approccio proposto dal legislatore europeo fare della qualità un obiettivo culturale condiviso dall intera filiera che scoraggi anche le pratiche illegali e l ingresso nella filiera di medicinali falsificati. Old and new GP (Good istribution Practice) I contenuti I contenuti delle attuali GP europee datate 1994 sono presenti anche nelle linee guida OMS e USP. Contenuti simili sono presenti nelle GP adottate in molti Stati di Asia ed Africa L attuale proposta ha tenuto conto, integrandoli nel testo, dei contenuti delle recenti revisioni delle good practices OMS e PIC Elemento innovativo è l inserimento delle buone pratiche antifalsificazione in attuazione della direttiva 2011/62 La differenza in pratica La responsabilità della gestione dei medicinali nelle old GP appartiene al proprietario e passa di mano ad ogni trasferimento di proprietà, la responsabilità del trasporto è del committente, Le new GP identificano e tracciano le responsabilità anche per le attività outsourcing sulla base di contratti tra le parti Le new GP: presa d atto delle tendenze del mercato quadro regolatorio per attività non regolamentate o parzialmente regolamentate quali attività di brokeraggio, sosta tecnica in fase di trasporto richiesta di requisito autorizzazione all ingrosso per svolgere attività di esportazione Le new GP: richiamo ai principi presenti nella irettiva 2011/62, introducendo nelle GP comportamenti e regole che impediscano l ingresso di medicinali falsificati la filiera legale-solo un breve richiamo nelle old GP. 3

6 I contenuti delle old e new best practices In realtà i contenuti delle best practices di distribuzione della nuova proposta sono gli stessi delle attuali GP, salvo piccoli adeguamenti. I contenuti delle GP europee datate 1994 sono presenti anche nelle linee guida OMS e USP. Contenuti simili sono presenti nelle GP adottate in molti stati di Asia ed Africa L applicazione delle GP in Europa e nel mondo EU Guidelines on good istribution practice for Medicinal Products for Human use (94/c/63/03) WHO 2006 Good istribution practice For Pharmaceutical Products WHO: Good istribution Practices for pharmaceutical products TRS No. 957, Annex 5 (2010) WHO: Model requirements for the storage and transport of time and temperature sensitive pharmaceutical products TRS No. 961, Annex 9 (2011) USP 1079 Good Storage and Shipping Practices. USP: Chapter Monitoring device- Time, Temperature and Humidity (and others) USP: Chapter 1083 Good istribution Practices Health science authority (Singapore) August 2010 REGULATORY GUIANCE NOTES ON GOO ISTRIBUTION PRACTICE Canada: Health Canada: Guidelines for Temperature Control of rug Products during Storage and Transport GUI-0069 Ireland: Irish Medicines Board (IMB) - Medicinal Products (Prescription and Control of Supply) (Amendment) Regulations 2007 (SI 201 of 2007) Ireland: IMB Guide to Control and Monitoring of Storage and Transportation Temperature Conditions for Medical Products and Active Substances UK: MHRA - GP Risk Assessment Strategy UK: MHRA Good istribution Practice: Guidance and Legislation Israel: The Status of Current GP Regulations in Israel (adopt EU &/or WHO) Turkey: GP s temperature management and interoper Association of South-East Asian Nationsable serialization/pedigree/tnt Anche l attuale proposta ha tenuto conto, integrandoli nel testo, dei contenuti delle recenti revisioni delle good practices OMS e PIC. L obiettivo delle buone pratiche, proposto nella prima direttiva sulla distribuzione dei medicinali, la direttiva 92/25/CE e ancora attuale, è la creazione di un sistema qualità senza interruzione, ovvero la qualità garantita dalle GMP (Good Manufaturing Practice) nella fase produzione deve essere mantenuta anche dalle GP (Good istributing Practice) nella fase post produzione, di deposito e distribuzione intermedia e finale. Tutte le linee guida europee e non hanno sottolineato la criticità del mantenimento delle caratteristiche dei medicinali sensibili alle variazioni stagionali e dato indicazioni per il mantenimento della temperatura controllata nella fase di deposito e trasporto dei farmaci. Nonostante le norme di buona distribuzione siano in vigore da anni, la mancanza di un sistema globalizzato e condiviso ha reso inefficaci le stesse norme. I motivi della rivoluzione Il documento Concept paper on storage conditions during the Transport EMA 19 october 2010 evidenzia la mancanza di controlli o di controlli poco rigorosi nella fase di trasporto. I motivi: regole di mercato nuove e conseguente aumentata complessità della filiera - crescita del numero delle importazioni di medicinali - crescita del territorio UE e conseguente aumento delle differenze climatiche da Stato Membro a Stato Membro - accesso al mercato europeo di medicinali falsificati o comunque illegali. La ratio del Legislatore Europeo. Le norme esistono da anni e non si sono dimostrate efficaci. L efficacia richiede infatti un approccio globalizzato nell applicazione puntuale delle norme da parte di tutti i players, nei controlli in fase ispettiva e l armonizzazione delle sanzioni. 4

7 Consideriamo esclusivamente l applicazione delle norme per i medicinali sensibili alle variazioni climatiche. E chiaramente impossibile definire norme che tengano conto delle disposizioni vigenti in tutti gli Stati e/o Continenti coinvolti e della variabilità delle condizioni climatiche. L alternativa alla definizione di norme valide per qualunque area geografica è la globalizzazione della conoscenza. Perché il nuovo approccio dovrebbe funzionare considerato che le norme esistono già e non hanno funzionato? Il nuovo approccio a differenza del vecchio dà regole volutamente meno stringenti, in particolare per il deposito e trasporto dei medicinali sensibili alle variazioni di temperatura. Lo storage point 13 (doc 94/C63/03) richiede la presenza di sistemi di registrazione della temperatura che indichino anche eventuali anomalie e controlli. Per il trasporto eliveries to customers, Point 20 (doc 94/C63/03) richiede appropriate misure per la verifica e la registrazione della temperatura. Le richieste delle nuove GP sono molto più soft, non dettano norme rigide, in linea con il progetto di diffusione della cultura delle buone pratiche di distribuzione. Subordinano il deposito ed il trasporto a temperatura controllata ad un analisi del rischio che evidenzi la necessità di sistemi di controllo e registrazione della temperatura e umidità. Un tale approccio, a prima vista meno restrittivo, non pone a rischio la qualità, ma volutamente propone l analisi del rischio quale strumento di studio e quindi di consapevolezza dell importanza della temperatura controllata. Sempre nella stessa ottica le nuove GP attribuiscono la responsabilità delle condizioni di temperatura alla persona qualificata, che dovrà essere in grado anche di dimostrare che nella fase di trasporto la qualità non è stata messa in discussione. La risposta è quindi nel valore aggiunto delle GP Approccio integrato e condiviso dei contenuti della direttiva 62/2011 anti falsificazione e della Convenzione Medicrime Supporto alla qualità che dà attuazione sul piano pratico ai principi della direttiva anti falsificazione e della convenzione Medicrime La qualità come strumento di lotta all illegalità: lavorare in qualità impedisce l ingresso dei medicinali falsificati o comunque illegali. Armonizzazione delle procedure GP un percorso non costretto ma condiviso tra soggetti consapevoli. La sostenibilità in tempo di crisi, una questione di punti di vista I players della filiera vorrebbero una qualità sostenibile ; gli attuali ricavi sono ritenuti poco remunerativi dall intera filiera, il mercato farmaceutico è infatti un mercato atipico. Il diritto alla tutela della salute ha chiaramente limitato il potere e le possibili speculazioni commerciali del medicinale (merce e prodotto etico) e creato un mercato protetto che garantisce al pa- 5

8 ziente: un prezzo equo grazie a costi e ricavi dell intera filiera amministrati - qualità dei medicinali - obbligo di servizio pubblico - reperibilità dei medicinali su tutto il territorio nazionale imposto agli attori della supply chain. La sostenibilità oggi Conseguenze del mercato protetto: competizione legale per la conquista di quote di mercato, ovvero erosione del fatturato a danno soprattutto della distribuzione intermedia da parte di farmacisti e titolari AIC distributori. Erosione del fatturato dei farmacisti da parte dei titolari degli esercizi commerciali abilitati alla vendita di medicinali. Nascita di nuovi modelli organizzativi rilevati dal Ministero della Salute, osservatore istituzionale della filiera, oggetto anche se parzialmente, di attenzione nella direttiva 62/2011. Il trasportatore acquisisce sempre di più il ruolo di distributore. La configurazione geografica in Italia ma anche in altri Stati non consente il puntuale rispetto dei tempi di consegna dei medicinali, il che ha favorito l utilizzazione di transit point; condivisione degli spazi e condivisione della persona responsabile tra soggetti autorizzati alla distribuzione e/o tra un solo soggetto autorizzato fornitore di servizi e soggetti non autorizzati alla distribuzione. Approccio in contrasto con il principio della tracciabilità della responsabilità richiamato sia nel nuovo approccio che nella direttiva 2001/83/CE trasformazione in atto del distributore full line in esportatore; trasformazione che mette a rischio l obbligo del servizio pubblico. La sostenibilità delle nuove GP Quali sono i costi aggiuntivi rispetto alle norme vigenti? La sostenibilità delle GP è chiaramente correlata agli adempimenti richiesti dalla direttiva 62/2011. L elemento più innovativo è la tracciabilità delle responsabilità che ha richiesto di conseguenza l attribuzione di un contesto legislativo a tutte le attività che a tutt oggi appartenevano ad un area grigia non regolamentata o parzialmente regolamentata. Ovvero albo dei distributori - registrazione dei brokers - sistemi di autenticazione dei medicinali e tracciabilità dei flussi - reperibilità full time della persona qualificata -tracciabilità delle responsabilità ovvero contratti ed audit per le attività esternalizzate. Il punto di vista dei players L Industria farmaceutica Obiettivo irrinunciabile è comunque l ottimizzazione di trasporto, deposito, distribuzione e recall di medicinali difettosi e falsificati Linea guida meno dettagliata perché un dettaglio eccessivo intralcia operatività ed aumenta i costi ovvero salvaguardia obiettivi a costi contenuti. La distribuzione intermedia riduzione dei tempi di lavoro/ la disponibilità a tempo pieno della persona qualificata secondo il GSIR aumenterebbe i costi di 20 milioni di euro se applicata ai 1600 depositi dei propri associati presenti in Europa. Condivisione degli spazi con l eliminazione di aree dedicate. I farmacisti tempo di consegna fissato a 5 giorni di difficile fattibilità ed aumento costi restituzione solo in caso di errata consegna, nessun adempimento per la verifica delle confezioni. 6

9 I trasportatori hanno con le nuove GP acquisito visibilità. Il loro punto di vista è pertanto più proattivo: garanzia di disponibilità di orario - qualità dei medicinali nei punti di sosta, assunzione di responsabilità su base contrattuale presenza di una persona responsabile, ma autorizzazione semplificata come distributore in caso di permanenza dei medicinali per tempi superiori alle 24 ore. Il punto di vista degli Stati Membri sottolinea di fatto l importanza della qualità a tutela del paziente/consumatore aree e mezzi a temperatura controllata - tracciabilità delle responsabilità per le attività outsourcing con particolare riferimento alle attività di trasporto; Il punto di vista del Ministero della Salute o meglio le preoccupazioni esternate nella Pubblica consultazione Trend dell esportazioni è indubbiamente in crescita, il costo dei farmaci in Italia è talmente basso ed in quanto tale è stato oggetto di contenzioso europeo. l export è un fattore determinante della crescita, dal 2009 al 2011 è aumentato del 27% contro una crescita media europea del 10%. (fonte: Farmindustria evoluzione del settore farmaceutico 2012) Conseguenza la possibile messa in discussione dell obbligo di Servizio Pubblico, onere economico di una certa rilevanza e la possibile concausa del fenomeno delle carenze dei medicinali. La possibile correlazione tra carenze ed abolizione del Servizio Pubblico in alcuni Stati Membri è stata ipotizzata quale possibile causa, ma non la sola nel documento Statement Medicines Shortage in European Community Pharmacies PGEU/GPUE. L Italia nei commenti in risposta alla pubblica consultazione ha richiamato in caso di esportazione la necessità di salvaguardare gli obblighi del Pubblico servizio. Trasporto via mare, via aereo Le nuove GP sottolineano l importanza di definire regole speciali per queste tipologie di trasporto La principale difficoltà è l attribuzione della responsabilità nella fase di trasporto che, ai sensi della irettiva 2001/83 e s.m.i., resta attribuita al istributore che non ha possibilità di gestirla. Trasporto frazionato in più fasi La responsabilità del trasporto attribuita al distributore confligge con la possibilità di trasporto frazionato in più fasi. Il distributore, in quanto responsabile anche del mantenimento delle condizioni di conservazione, verifica al momento dell ingresso dei medicinali nel deposito le condizioni di conservazione, chiaramente tale verifica può risultare inutile se il trasporto è avvenuto in più fasi. La rilevazione di temperatura e umidità potrebbe essere infatti ottimale ma essere stata preceduta da condizioni anomale di temperatura ed umidità non rilevabili. Trasporto via posta Risulta privilegiato, mancanza di un quadro legislativo ad hoc, con conseguente rischio dell interruzione del percorso qualità GMP/GP 7

10 Furti di medicinali nelle nuove GP no un riferimento né un obbligo di segnalazione. La proposta italiana rapida allerta per i furti e creazione di una rete di scambio d informazione sui furti. In Italia il trend dei furti risulta in crescita; nel 2011 la percentuale di confezioni rubate è risultata dello 0,031% a fronte di una percentuale dello 0,015 % nel L incremento monitorato dal progetto tracciabilità è correlato alla richiesta di trasmissione delle copie delle denuncie di furto, che ha reso più trasparente la questione furti. E interessante il dato inverso, ovvero il trend negativo negli anni , anni in cui i furti non venivano documentati sulla base delle denuncie agli organi di Polizia. Il trend negativo è presumibilmente correlato all impossibilità di reingresso nella filiera legale delle confezioni rubate, grazie alla presenza del codice univoco sulle confezioni. L attuale trend positivo può chiaramente essere un indicatore di una destinazione diversa che il mercato legale italiano (Fonte: Progetto tracciabilità ) In Italia manca una norma che richieda l obbligo di denuncia, generalmente sono i trasportatori che per garantirsi un rimborso effettuano la denuncia del carico di medicinali sottratto loro spesso dichiarando di non conoscere le quantità e le tipologie di medicinali loro sottratti. I Comandi di Polizia e talvolta i titolari AIC inoltrano al Ministero o all AIFA segnalazioni di furto con una tempistica inidonea. Il costo della non qualità Accesso facilitato alla filiera di una supply chain illegale e di pratiche di commercio scorrette o comunque illegali che sottraggono alla filiera legale quote di mercato consistenti anno all erario/ rischi per la salute e danno al SSN/ visibilità negativa, o tracciabilità di pratiche scorrette. La qualità come opportunità di profitto Le nuove opportunità in tempo di crisi I suggerimenti degli osservatori economici. Creatività e proattività. Modificare l attuale approccio passivo di semplice gestione della crisi in atteggiamento proattivo. Creazione di modelli di gestione a costo contenuto Multicanalità, un esempio interessante è la farmacia dei servizi, modello italiano di multicanalità. Il futuro, utopia o fattibilità Rispondere non è facile. La condivisione della cultura della qualità non può essere un processo immediato. La valutazione del rischio, in quanto valutazione, implica inevitabilmente un certo grado di soggettività. 8

11 Al contrario una norma, anche se disapplicata, ha efficacia immediata ed un quadro sanzionatorio certo. Gli strumenti compensatori previsti dal Legislatore Attività ispettiva armonizzata Albo dei distributori ispezionati con esito positivo Certificazione della Good Practice Ovvero una visibilità negativa mette fuori mercato chi non opera in qualità Il passaggio da utopia a fattibilità richiederà investimenti in cultura e formazione, ottimizzazione di un network di comunicazione tra Autorità ed Autorità e players coinvolti e norme applicative. Armonizzazione delle sanzioni prevista dalla Convenzione Medicrime. E PER FINIRE LA PROATTIVITA ANTICIPATA A EINSTEIN NEGLI ANNI ELLA GRANE CRISI Il pensiero positivo di Einstein sulla crisi Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorgono l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere 'superato'. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi dell'incompetenza. L'inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c'è merito. E' nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere nella crisi è esaltare il conformismo. Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla. Albert Einstein (tratto da Il mondo come io lo vedo, 1931) Maria Terracciano irigente chimico - esperto in materia di distribuzione e contraffazione dei medicinali e dei prodotti ad impatto sulla salute Ministero della Salute - ipartimento della programma dell'ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale irezione Generale dei dispositivi medici del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure 9

12 L MERCATO IN FARMACIA di Massimo Stragliati IManagement & Marketing Consultant La crisi è arrivata anche in farmacia E fatto risaputo che nei periodi di recessione economica uno degli ultimi settori, se non proprio l ultimo, a entrare in crisi è quello legato ai prodotti per la salute: le famiglie dapprima cominciano a tagliare l acquisto di beni e servizi considerati superflui, poi si interviene su altre voci quali abbigliamento, viaggi e vacanze, successivamente si comincia a tirare la cinghia anche sui generi alimentari ed infine, quando il budget non lascia più spazi di manovra, si interviene sulle spese per la salute. Ovviamente ci riferiamo solo a quelle spese che sono a totale carico del cittadino in quanto, come si sa, i consumi e la relativa spesa per la salute erogata in regime di health care provision variano solo in funzione dell effetto congiunto dell incidenza di patologie e del regime di amministrazione dei prezzi. Questa premessa è alla base delle considerazioni che si possono fare quando si osservano i dati del mercato in farmacia aggiornati a Settembre La tabella riepilogativa ci fornisce un quadro com- MERCATO TOTALE ITALIA SEGMENTAZIONE EL MERCATO IN FARMACIA VENITE IN QUANTITÀ Gennaio-Settembre 2012 Ottobre Settembre 2012 (x 1.000) Quota ± % (x 1.000) Quota ± % FARMACI ETICI ,6 0, ,4 0,3 RIMBORSABILI (Classe A) ,0 0, ,7 1,0 NON RIMBORSABILI (Classe C) ,6-3, ,7-3,0 FARMACI I AUTOCURA ,3-5, ,7-5,2 Farmaci Automedicazione ,3-5, ,6-4,7 Farmaci S. P ,0-6, ,1-6,6 PMC+ALTRI NOTIFICATI ,7 1, ,6 1,8 PMC 832 0,0-16, ,0-14,9 Prodotti Omeopatici ,9-5, ,9-4,9 Prodotti Uso Erboristico ,5-2, ,6-1,4 Altri ,2 3, ,1 3,4 NUTRIZIONALE ,3-4, ,3-3,9 ietetici Infanzia ,6-6, ,6-6,1 imagranti ,2 1, ,2 2,9 Altri Nutrizionali ,4-3, ,4-2,8 PARAFARMACEUTICO* ,9-5, ,9-4,8 IGIENE E BELLEZZA* ,2-3, ,2-2,8 Accessori ,4-4, ,4-4,0 Bambini ,8-3, ,8-3,0 Bellezza ,5-2, ,4-1,7 Igiene Personale ,6-3, ,6-3,1 MERCATO TOTALE ,0-1, ,0-1,1 *sono esclusi i farmaci registrati Fonte dei dati: IMS HEALTH 10

13 pleto ed esaustivo dello stato dell arte in questo canale: come possiamo notare il dato complessivo è negativo a volumi ed a valori sia se ci riferiamo ai primi nove mesi dell anno sia se guardiamo all anno mobile che termina a Settembre. A quantità la flessione è rispettivamente dell 1,3% e dell 1,1%, mentre la spesa relativa cala del 4,2% e del 3,8% (Tab. 1). Ciò che più colpisce e preoccupa nell esaminare i dati è la netta predominanza dei segni negativi dei trend dei vari settori e dei loro sottoinsiemi, con poche rarissime eccezioni: in fase di sviluppo troviamo, infatti, soltanto i consumi dei farmaci con ricetta in classe A rimborsabili dal Sistema Sanitario (ma la relativa spesa è in netto de- FIGURA 1 AGGIORNATO A SETTEMBRE 2012 VENITE IN VALORI (Prezzi al pubblico) PREZZO MEIO Gennaio-Settembre 2012 Ottobre Settembre / / /2012 (x 1.000) Quota ± % (x 1.000) Quota ± % ±% ±% ,4-6, ,6-5,6 10,4-6,1 10,5-5, ,7-6, ,8-6,4 10,2-7,4 10,3-7, ,8-3, ,8-2,1 11,2-0,1 11,2 1, ,6-4, ,7-3,3 7,6 1,7 7,5 2, ,1-2, ,2-2,2 7,5 2,4 7,3 2, ,4-6, ,5-6,0 8,1 0,1 8,0 0, ,3 4, ,1 4,6 13,5 2,6 13,4 2, ,0-12, ,0-10,8 6,5 4,4 6,4 4, ,0-2, ,0-1,9 11,0 2,9 11,1 3, ,7-0, ,7 0,6 13,5 1,7 13,3 2, ,5 5, ,3 5,9 13,9 2,3 13,7 2, ,9-1, ,9-1,3 4,5 2,7 4,5 2, ,7-4, ,7-3,6 4,4 2,5 4,4 2, ,1 24, ,1 24,7 4,7 22,2 4,5 21, ,1-2, ,1-1,2 4,6 1,5 4,5 1, ,1-2, ,0-1,9 10,3 2,9 10,3 3, ,8-2, ,7-1,4 10,9 1,3 10,8 1, ,8-3, ,8-3,2 6,1 0,6 6,1 0, ,5-3, ,5-3,4 6,9-0,3 6,8-0, ,0-0, ,9-0,2 16,4 1,6 16,2 1, ,4-3, ,4-2,3 9,4 0,3 9,5 0, ,0-4, ,0-3,8 10,1-2,9 10,1-2,7 11

14 FIGURA 2 FIGURA 3 cremento), i prodotti Otc notificati che non sono specialità medicinali ed i dimagranti. Ben poca cosa, a ben vedere, in un mercato che, se non cambia qualcosa nell ultimo trimestre del 2012, probabilmente chiuderà sotto i 25 miliardi di Euro, tornando così vicino ai valori che si ebbero nel lontano Una china discendente che iniziò nel 2011, in controtendenza rispetto l anno precedente, e che nel corso dell anno corrente è andata aggravandosi a causa di una stretta sui consumi ma anche per motivo del continuo ribasso dei prezzi dei farmaci ammessi al rimborso che è risultato fin qui essere ben superiore al 7%. Il 2012 si presenta così come un anno molto problematico: passiamo, quindi, ad analizzare il comportamento dei vari settori nel periodo Gennaio Settembre. Il mercato dei farmaci con obbligo di ricetta medica (Tab. 2) incrementa leggermente i consumi complessivi (+0,2%) rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, ma patisce un brusco calo del giro d affari, quantificato in un 6% netto. A volumi soltanto cinque categorie terapeutiche riportano il segno positivo: i cardiovascolari (+0,2%), i farmaci per il sistema nervoso (+0,5%), i gastro-metabolici (+4,8%), gli ematologici (+2,6%) e gli ormoni non sessuali (+1,3%). Per contro si segnalano decrementi anche vistosi dei prodotti per l apparato respiratorio (-4,6%), degli antibiotici (-4,9%) e dei farmaci per l'apparato muscolo-scheletrico (-3,6%). Il quadro a valori è, se possibile, ancor più negativo in quanto solo due classi mostrano qualche segno di sviluppo: ematologici (+4,2%) ed ormoni non sessuali (+3,6%). Per il resto è un succedersi di segni meno con i settori cardiovascolare (-12,2%), anti-infettivi (-14,4%) ed apparato muscoloscheletrico (-6,8%) che presentano le perdite più consistenti. Nel settore Otc (Tab. 3) la situazione non è certo migliore. Abbiamo già visto che gli unici prodotti a tirare in questo segmento sono gli extrafarmaci poiché le specialità medicinali sono tutte in pesante negativo sia a volumi che a valori (si veda la tabella riepilogativa), e le varie classi ne risentono in modo più o meno consistente: le uniche a salvarsi, almeno a valori, sono quelle che includono i prodotti gastro-intestinali (+1%), i prodotti VMS (vitamine, minerali e supplementi), gli oftalmici (+2,3%), i genito-urinari (+4%) ed i tonici (+2,8%). I consumi unitari, come si può vedere, sono in netto calo e solo un paio di categorie minori portano a casa un risultato appena positivo. Molto male il settore parafarmaceutico (Tab. 4): in complesso questo mercato perde oltre il 5% a volumi e più 12

15 FIGURA 4 FIGURA 5 del 2% a valori e tutte le classi più importanti segnano flessioni più o meno vistose. E il caso degli elettromedicali e dei test diagnostici i cui consumi scendono del 5,9% e la spesa relativa dell 1,1%, ma anche il segmento aghi/siringhe è in negativo in entrambi gli indicatori. Peggio ancora fanno i prodotti per l incontinenza in calo del 7% e gli accessori medico-chirurgici (-6,1%). Gli unici segnali positivi provengono dai prodotti urologici e da quelli per stomia che, tuttavia, sono due categorie di importanza minore. Il dietetico continua a perdere terreno (Tab. 5) ed arretra del 4,5% a volumi e dell 1,9% a valori. Se è grave la flessione del segmento baby-food (ma questa, purtroppo, non è una novità), più preoccupante appare la situazione negativa in cui si trova il settore specialistico degli alimenti per celiaci che negli ultimi anni è stato il comparto che da solo aveva limi- tato le perdite del giro d affari dell intero mercato dei nutrizionali. I decrementi delle vendite degli alimenti senza glutine a unità (-3,6%) ed a valori (- 2,3%) si aggiungono a quelli registrati dai prodotti per adulti, altra classe di una certa rilevanza. Non bastano le buone performances, specie a valori dei dimagranti (+24,1%) e della nutrizione enterale (+4,9%) a rendere meno amara la situazione di un mercato in crisi ormai da troppo tempo nel canale farmacie. Per chiudere vediamo il mercato dei prodotti di igiene e bellezza (Tab. 6): anche in questo caso predominano i segni negativi che sono particolarmente pesanti nel segmento della bellezza femminile, la classe più importante, che presenta decrementi del 3,4% nei consumi unitari e del 3% nella spesa. In calo anche le vendite di prodotti per l igiene personale e per l igiene orale così come quelle relative ai prodotti per capelli (-5%). Il solo dato confortante è offerto dai prodotti di bellezza unisex, grazie soprattutto ai solari. Se la situazione in farmacia desta più di una preoccupazione in quanto l uscita dalla crisi economica appare ancora lontana, i due canali concorrenti hanno avuto comportamenti tra loro diversi: i corner della grande distribuzione organizzata (320 punti di vendita) sono anch essi in crisi in quanto perdono vendite a unità intorno al 2% e peggio fanno a valori (-2,2%). Al contrario, le parafarmacie hanno avuto un tasso di sviluppo del 3,5% a volumi e del 5,7% a valori. Nonostante questo positivo risultato, resta il fatto che la popolazione italiana nei primi nove mesi del 2012 ha ridotto le spese per l acquisto di prodotti per la salute non soggetti a ricetta rispetto allo stesso periodo dell anno scorso. Fonte dei dati: IMS HEALTH 13

16

17 CTF Group in Europa con Secof Una Cooperativa italiana di proprietà di farmacisti diventa per la prima volta presenza attiva in Europa. Si tratta della prestigiosa attestazione raggiunta da CTF Group e presentata nel corso di una tavola rotonda internazionale. Partendo da destra: r. Alfredo Sassi - irettore Generale CTF Group Scrl r. Maurizio Pagnoncelli Folcieri - Consigliere CTF Group (Italia) - Consigliere SECOF r. Alain Bertheuil Presidente del Consiglio di Amministrazione di Astera (Francia) Vice Presidente SECOF Per l occasione, i vertici della Cooperativa bergamasca con sede a Lallio hanno invitato i partner di Secof (Sociedad Europea de Cooperacion Farmacéutica), un organismo di rappresentanza e lobby che si pone a livello europeo una mission ben precisa: Secof si impegna a sostenere le farmacie di proprietà privata e i farmacisti indipendenti, rivestendo un ruolo significativo sugli orientamenti dei vari soggetti europei, influenzando le scelte comunitarie, condividendo tra i partner di Secof progetti, conoscenze e competenze, strutturando sistemi di reti nazionali e sovranazionali. La ragion d essere di CTF Group l ha ben sintetizzata il irettore Generale Alfredo Sassi: Le qualità imprenditoriali delle cooperative mirano a sviluppare la titolarità privata, coniugano le competenze e gli indirizzi dei farmacisti all operatività dei manager, puntano, come nel caso di CTF Group, a trovare supporto in Secof per dare voce e rappresentanza alle proprie esigenze e istanze a livello europeo. All intervento della Presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca che ha sottolineato come l associazione di farmacisti sia un toccasana per affrontare la concorrenza ha fatto eco la posizione di Gianni Petrosillo, Presidente di Federfarma Bergamo che ha affrontato il tema della liberalizzazione, un processo che ha messo a dura prova l attività delle farmacie private. La condivisione di obiettivi e soluzioni, ben interpretata dalla mission di CTF Group e di Secof a livello europeo, è stata invocata quale chiave di volta per far fronte agli aspetti problematici emersi con l intensificarsi della crisi. In rappresentanza dei partners internazionali, tra gli altri, hanno espresso simili punti di vista il Presidente turco del Consiglio di Sorveglianza di Edak-Tekb Vecihi Özerdemli, Presidente uscente di Secof, che ha lasciato il ruolo al francese Alain Bertheuil, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Sanastera. Quest ultimo ha acceso i riflettori sul fatto che le preoccupazioni attuali dei farmacisti italiani sono le medesime di quelle dei colleghi europei e per questo è possibile creare sinergie comuni e comunitarie per mantenersi competitivi sul mercato, ottimizzando le risorse interne a Secof e progettare un futuro che allenti la morsa della crisi. 15

18 Un italiano alla guida dei farmacisti europei E il presidente dell Ordine di Bolzano e membro del Comitato centrale della FOFI Maximin Liebl. Per la settima volta, nei 53 anni di vita dell associazione, l Italia assume la guida del PGEU. Un risultato che testimonia dell apprezzamento che ha riscosso l impegno di Liebl in Europa, ma anche dell attenzione con cui la Federazione guarda alle dinamiche europee, dice il presidente della Federazione Andrea Mandelli Nel corso dell ultima Assemblea Generale per l anno 2012, il Pharmaceutical Group of the European Union (PGEU) ha eletto all unanimità alla carica di Presidente per l anno 2013 l italiano Maximin Liebl, presidente dell Ordine dei Farmacisti della provincia autonoma di Bolzano. Liebl, che fa parte del Comitato centrale della FOFI ed è impegnato nella vita professionale da 15 anni, succede nella carica a Isabelle Adenot, presidente dell Ordine Nazionale dei Farmacisti francese. E la settima volta che un italiano assume la guida del PGEU, la cui istituzione risale a 53 anni orsono e ha visto il nostro Paese tra i soci fondatori. In questa fase di crisi economica i farmacisti possono fare molto per essere sempre più vicini al cittadino-paziente e, nel contempo, per la sostenibilità economica della tutela della salute: sia collaborando alla razionalizzazione della spesa, sia introducendo nuovi servizi e prestazioni nella farmacia di comunità ha dichiarato il neo-presidente del PGEU. Per questo è di fondamentale importanza che i decisori della politica sanitaria, soprattutto nei Paesi più toccati dalla crisi economica, si adoperino per salvaguardare la rete delle farmacie di comunità come un servizio pubblico essenziale. E una grande soddisfazione vedere il collega Liebl alla guida del PGEU, ha commentato Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli ordini dei Farmacisti Italiani. Un risultato che testimonia dell apprezzamento che ha riscosso il suo impegno, ma anche dell attenzione con cui la Federazione guarda alle dinamiche europee. Il lavoro dei farmacisti dell UE, le loro esperienze e la loro capacità di proposta costituiscono un patrimonio formidabile in vista della costruzione di un modello comune di sanità, un patrimonio al quale i farmacisti italiani hanno contribuito e continueranno a contribuire. Auguro quindi buon lavoro a Maximin Liebl nella certezza che saprà ulteriormente valorizzare il contributo italiano allo sviluppo della professione. Liebl (Pgeu): farmacie essenziali per la sostenibilità I farmacisti devono contribuire alla sostenibilità della spesa sanitaria e lavorare, dove necessario, per lo sviluppo della farmacia dei servizi. Questo, in sintesi, lo slogan del programma di Maximin Liebl (foto) da giovedì presidente del Pharmaceutical Group of the European Union (Pgeu). «In un periodo di crisi economica come questo - spiega - è di fondamentale importanza che i decisori della politica sanitaria, soprattutto nei paesi più toccati dalla crisi economica, si adoperino per salvaguardare la rete delle farmacie di comunità come un servizio pubblico essenziale. A tal fine - continua - è necessario che la farmacia sia in grado di offrire più servizi possibile, soprattutto in Italia, che, in questo ambito, ha parecchio da imparare da altri paesi». Secondo Liebl, che è anche presidente dell'ordine dei farmacisti di Bolzano, sarebbe fondamentale non solo che l'italia prendesse «spunto da altri Paesi più all'avanguardia, quali per esempio il Portogallo che già da due anni ha fissato la remunerazione per le vaccinazioni antinfluenzali in farmacia», ma anche che venisse «finalmente applicato il dlgs 153/2009». Quanto alla dichiarazione comune sul problema della carenza dei farmaci affrontata nell'assemblea Pgeu di giovedì e al modello rappresentato dal protocollo d'intesa firmato dalla filiera italiana, Liebl sottolinea «l''italia offre un buon esempio» perché rende possibile una comunicazione immediata tra il farmacista che non dispone temporaneamente del farmaco e il paziente che lo richiede. Allo stesso tempo - conclude - il protocollo consente di pianificare la propria attività professionale e la gestione del magazzino». 16

19

20

La crisi? La più grande opportunità per il tuo locale!

La crisi? La più grande opportunità per il tuo locale! La crisi? La più grande opportunità per il tuo locale! Il nostro obiettivo? Far prosperare i tuoi affari. La crisi come occasione di cambiamento. Per non soccombere, ma, anzi, migliorare, organizzare e

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Il mercato del green building in Italia

Il mercato del green building in Italia Il mercato del green building in Italia Daniela Petrone, Vice Presidente ANIT Obiettivo di questo articolo è fare il punto della situazione sull incidenza e sul potenziale di crescita che l efficienza

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

Roma, 09 ottobre 2014

Roma, 09 ottobre 2014 Disposizioni concernenti la donazione di medicinali non utilizzati e la loro utilizzazione e distribuzione da parte di organizzazioni non lucrative di utilità sociale e modifica dell articolo 157 del decreto

Dettagli

ADV X-FACTOR Main Sponsor Billboard Campaign. New Website

ADV X-FACTOR Main Sponsor Billboard Campaign. New Website ADV X-FACTOR Main Sponsor Billboard Campaign New Website Vi illustriamo alcuni grandi progetti che hanno comportato per l azienda un notevole impegno in termini non solo economici ma anche a livello di

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

I FINANZIAMENTI ALLE AZIENDE

I FINANZIAMENTI ALLE AZIENDE Francesca Massignan Valdagno 15/04/2011 Operatrice fidi della Filiale di CornedoVicentino BANCA SAN GIORGIO E VALLE AGNO INCONTRA GLI STUDENTI I FINANZIAMENTI ALLE AZIENDE L IMPRESA ART. 2082 COD.CIV.

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare, diceva Seneca. Oggi l Italia, con la crisi quasi alle spalle

Dettagli

La regolazione delle reti elettriche in Italia

La regolazione delle reti elettriche in Italia La regolazione delle reti elettriche in Italia IEFE UNIVERSITA BOCCONI PROGETTO DI RICERCA PROMOSSO DA ANIE RAPPORTO FINALE, GIUGNO 2014 Michele Polo (IEFE, Dipartimento di Economia e eni Chair in Energy

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

AGENZIA ITALIANA del FARMACO Aula Magna Istituto Superiore di Sanità

AGENZIA ITALIANA del FARMACO Aula Magna Istituto Superiore di Sanità AGENZIA ITALIANA del FARMACO Aula Magna Istituto Superiore di Sanità Roma 17 Dicembre 2004 La qualità dei medicinali: un requisito in evoluzione Il ruolo del commercio nella filiera di produzione dei medicinali

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013

I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale. Roma, 17 settembre 2013 I sistemi di accumulo di energia elettrica nel residenziale Roma, 17 settembre 2013 Intervento di Claudio Andrea Gemme, Presidente ANIE Confindustria Signore e Signori, buongiorno. Grazie a tutti voi per

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico

lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico lo standard della comunicazione tra farmacia e distributore farmaceutico 4 4 5 6 6 IL PROTOCOLLO WWW.FARMACLICK.IT I SERVIZI L ARCHITETTURA LA CERTIFICAZIONE 3 IL PROTOCOLLO Farmaclick è un nuovo modo

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE?

HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE? Dott. GEORGES PAIZIS Health Policy Director sanofi - aventis HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE? L Health Technology Assessment (HTA) è un processo multidisciplinare con ben documentate

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Bologna 27/10/2010 IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Ventitremila mq la struttura, venticinque milioni di euro l investimento, trecento i fornitori accreditati, quattromila referenze di cui

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Scenario di settore. Le problematiche assicurative nel Mondo dell Auto Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto

Scenario di settore. Le problematiche assicurative nel Mondo dell Auto Torino, 15 ottobre 2009 - Centro Congressi Lingotto Le problematiche assicurative nel Mondo dell Auto Scenario di settore Aldo Marzano - ANIA Francesco Bruno Willis La situazione in Italia Dati prodotti dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti

Dettagli

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità

Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas e elettricità Autorità per l energia elettrica e il gas Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi COMUNICATO STAMPA Prezzi: autorità energia e garante insieme per sorvegliare prezzi gas

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Executive Summary Rapporto 2011/2012

Executive Summary Rapporto 2011/2012 Executive Summary Rapporto 2011/2012 In collaborazione con Anticipazione dei risultati Dati macro Il settore del Management Consulting rappresenta un mercato molto frammentato, dove sono presenti circa

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Agosto 2015 Chi siamo FIWA è una giovane e dinamica società di consulenza direzionale, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi portanti dello

Dettagli

Il noleggio operativo

Il noleggio operativo Il noleggio operativo Indice degli argomenti 2 1. Vantaggi per il cliente 2. Vantaggi per il dealer 3. Il prodotto noleggio 4. Le nostre tabelle 5. I beni 6. Le garanzie accessorie 7. Documenti e procedura

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Assemblea dei soci di Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A.: Approvato il bilancio 2009 Rinnovata la delega

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

Energy Management DI PRIMO LIVELLO

Energy Management DI PRIMO LIVELLO Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO A PORDENONE Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO Il Master si propone nel territorio in risposta alla

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

sanfaustino the solution network PSFGED

sanfaustino the solution network PSFGED GRUPPO sanfaustino the solution network PSFGED Privacy, sicurezza e controllo dell intero ciclo produttivo, sono le garanzie offerte d a u n I m p r e s a c h e amministra ogni aspetto al proprio interno

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Life Sciences Industry: il futuro è oggi I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Marco Campione Vice Presidente Elettromedicali Assobiomedica Presidente e Amministratore Delegato

Dettagli

10^ Commissione Senato. Aggiornamento delle Linee Guida in materia di certificati bianchi (Atto 611) Memoria

10^ Commissione Senato. Aggiornamento delle Linee Guida in materia di certificati bianchi (Atto 611) Memoria 10^ Commissione Senato Audizione Aggiornamento delle Linee Guida in materia di certificati bianchi (Atto 611) Memoria Claudio G. Ferrari 24 settembre 2015 1 Signor Presidente, cogliamo l occasione per

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese

I vantaggi dell internazionalizzazione delle imprese delle imprese presentazione Le imprese che avviano un attività di esportazione hanno la possibilità di cogliere una serie importante di opportunità di sviluppo e prosperità quali ad esempio: aumento del

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Alessandro Marangoni

Alessandro Marangoni Top Utility - II Edizione Le performance delle utility italiane Analisi delle 100 maggiori aziende dell energia, dell acqua, del gas e dei rifiuti Alessandro Marangoni Roma, 25 febbraio 2014 Gli obiettivi

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Le azioni di CMMC per garantire qualità ai servizi e professione alle persone

Le azioni di CMMC per garantire qualità ai servizi e professione alle persone Le azioni di CMMC per garantire qualità ai servizi e professione alle persone Roma - 23 Aprile 2004 Mario Massone fondatore CMMC ALCUNI SERVIZI FORNITI DA CMMC -1 1. ECCCO L'iscrizione a CMMC consente

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT Mercoledì 23 maggio 2012 Il corso si pone come obiettivo l approfondimento delle principali tematiche

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Milano, 12 novembre 2014 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1% circa nel terzo trimestre del 2014; margine EBITDA del 21,7% nei 9 mesi, a cambi costanti Approvato dal Consiglio di Amministrazione il

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli