Sinistri stradali: sì alla cessione del credito senza formalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sinistri stradali: sì alla cessione del credito senza formalità"

Transcript

1 Sinistri stradali: sì alla cessione del credito senza formalità Il credito che deriva da un risarcimento danni da sinistro stradale non ha natura di credito "personale", con la conseguenza che può essere ceduto liberamente, senza alcuna formalità. Lo ha stabilito la Prima Sezione del Giudice di Pace di Palermo, con la sentenza 7 luglio 2011, n La cessione del credito, disciplinata dagli artt e seg. c.c., si definisce come un contratto consensuale a forma libera, non essendo prescritta dalla legge una particolare forma, ed inquadrabile fra i negozi a causa variabile, col quale si determina una modificazione del lato attivo del rapporto obbligatorio in quanto la titolarità del credito si trasferisce, a titolo oneroso o gratuito, dal patrimonio del cedente a quello del cessionario per effetto dell'accordo intercorrente fra detti soggetti. Come sottolineato dalla giurisprudenza di legittimità, il credito al risarcimento dei danni da sinistro stradale non può qualificarsi strettamente personale e deve escludersi che esista nel nostro ordinamento una norma di legge che direttamente, o almeno indirettamente, ne vieti la cedibilità, e che pertanto il danneggiato da un sinistro stradale può cedere - non trattandosi di un credito strettamente personale e non esistendo al riguardo divieti normativi - il proprio credito risarcitorio ad un terzo, il quale è legittimato ad agire, in vece del cedente, in sede giudiziaria per l'accertamento della responsabilità dell'altra parte e per la condanna di questo, e del suo assicuratore per la responsabilità civile, al risarcimento dei danni del caso. Inoltre si evidenzia altresì che il credito risarcitorio, derivando da un sinistro stradale, non è da ritenersi un credito futuro, in quanto sorge al momento stesso in cui si verifica l'evento, a prescindere dall'accertamento del medesimo e dalle eventuali contestazioni sulla sua esistenza, ed è quindi un credito attuale, certo e cedibile sin dal verificarsi del fatto illecito indipendentemente dalla sua liquidità ed esigibilità, dal momento che anche un credito non determinato nell'ammontare, oppure non esigibile, può essere oggetto di cessione. In definitiva, la notifica della cessione di un credito relativo al risarcimento danni da incidente stradale può avvenire liberamente senza le necessarie formalità richieste quando il trasferimento avviene con lo Stato o suoi enti. In buona sostanza la pretesa delle compagnie di assicurazioni di mettere in discussione la cessione del credito operata dalle carrozzerie è una pretesa priva di qualsiasi fondamento giuridico, così come si legge in maniera evidente nella sentenza del giudice di pace di Palermo ( di seguito in allegato ). E opportuno e necessario divulgare alle nostre imprese questa importante informazione, che non aggiunge niente di nuovo alle nostre conoscenze ma che conferma e convalida la

2 nostra posizione sulla legittimità e sulla positività di questo importante strumento messo a disposizione dal nostro Codice Civile. Cordali saluti. Mario Turco ALLEGATO IL DANNO PATRIMONIALE DA SINISTRI STRADALI Firenze 21 maggio - Roma 3 luglio Cons. Marco Rossetti - Sconto 10% per iscrizioni anticipate Giudice di pace di Palermo Sezione I Sentenza 7 luglio 2011, n Svolgimento del processo Con atto di citazione del 22/08/2008, notificato rispettivamente in data 11/11/2008, 10/11/2008 e 12/11/2008 Lo.Fr., dichiarando di intervenire nel presente giudizio solo ai fini del riconoscimento e dell'accertamento del credito ceduto, e la Mu. S.r.l. in persona del suo legale rappresentante pro tempore, quale cessionaria del credito cedutole da detto Lo.Fr., ed ognuno per i propri diritti, convenivano in giudizio innanzi a questo Giudice di Pace il Ce. e Sc. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, Re.Gi. e la compagnia di assicurazioni Nu. S.p.A., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, chiedendone la condanna al risarcimento dei danni subiti in conseguenza del sinistro verificatosi in data 22/07/2008 ed esponevano che l'autovettura (...) targata (...) di proprietà di Lo.Fr. e condotta da Lo.Ma. mentre procedeva regolarmente sulla propria destra ed a moderata velocità in Palermo lungo il viale (...), giunta all'altezza dell'assessorato Agricoltura., veniva urtata dall'autocarro (...) Mod. (...) targato (...) di proprietà del Ce. S.r.l. e condotto da Re.Gi., che provenendo da tergo, e dopo averla sorpassata, convergeva repentinamente sulla destra. Assumevano che nell'occorso detta autovettura subiva danni per un ammontare pari ad Euro 3.177,68 per il suo ripristino, oltre ad Euro 576,00 per il noleggio di un'auto sostitutiva per il periodo occorrente per le riparazioni, e ad Euro 84,00 per la perizia estimativa attesa l'inerzia della compagnia convenuta nella valutazione dei danni. Esponevano che il Lo.Fr. aveva ceduto con scrittura privata alla Mu. S.r.l. il credito del sinistro per cui è causa, e che di tale atto di cessione, unitamente alla richiesta di risarcimento danni ex D.Lgs. 209/05, con allegata denuncia di sinistro a firma congiunta di entrambi i conducenti dei veicoli, era stata data notizia con raccomandata a/r, sia alla Nu. S.p.A. che assicura per la RCA l'autovettura dell'attore, e sia alla Al. S.p.A. che assicura per la RCA il veicolo di parte convenuta, che restavano però entrambe inadempienti. Chiedevano pertanto volersi preliminarmente dare atto che il Lo.Fr. interviene nel presente procedimento al fine del riconoscimento e dell'accertamento del credito ceduto alla Mu. S.r.l., ed inoltre, ritenuta e dichiarata la responsabilità esclusiva nella causazione del sinistro in questione del convenuto Re.Gi., quale conducente del veicolo di proprietà della convenuta Ce. S.r.l., condannare la convenuta compagnia di assicurazione Nu. S.p.A. in persona del suo legale rappresentante pro - tempore al pagamento in favore della Mu. S.r.l. nella qualità di cessionaria del credito ed in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, della somma complessiva di Euro 3.837,00 o di quella maggiore o minore somma che sarà ritenuta di giustizia, (aumentata degli interessi ex D.Lgs. 231/02 dal dovuto fino al soddisfo oltre svalutazione monetaria, il tutto con vittoria di spese, competenze ed onorari di giudizio. Chiedevano inoltre, visto l'inadempimento della convenuta Nu. S.p.A. relativamente alla mancata offerta nei 30 giorni previsti dal comma 1 dell'art. 148 C.d.A., essendo stata presentata denuncia di sinistro a firma congiunta, volersi ordinare a detta compagnia assicuratrice il pagamento di tutte le somme non contestate ex art. 186 c.p.c., nonché disporre la trasmissione della emittenda sentenza all'isvap ai sensi e per gli effetti del comma 10 dell'art. 148 del D.Lgs. 209/2005 C.d.A. I convenuti Ce. S.r.l. e Re.Gi., benché ritualmente citati, non si costituiva in giudizio e rimanevano contumaci. La convenuta Nu. S.p.A. si costituiva in giudizio depositando in Cancelleria in data 12/01/2009 il proprio fascicolo di parte con comparsa di risposta, con la quale preliminarmente eccepiva il difetto di legittimazione attiva e dell'interesse ad agire della Mu. S.r.l. nella qualità di cessionaria di un credito futuro, non certo ed inesistente al tempo della stipula del contratto di cessione avente effetti obbligatori soltanto fra le parti, l'inopponibilità ed inefficacia nei suoi confronti del relativo contratto di cessione di credito essendo una scrittura privata non autenticata, la improponibilità della relativa domanda di risarcimento diretto del danno in favore di detta Mu. S.r.l.

3 In subordine deduceva il difetto di legittimazione attiva e di interesse ad agire del cedente Lo.Fr. in quanto non più titolare del diritto ceduto. In via subordinata, nel merito, chiedeva, con condanna alle spese di giudizio, il rigetto delle domande risarcitorie formulate ex adverso perché infondate in fatto ed in diritto e prive di riscontro probatorio, nonché eccessive, ed in via di ulteriore subordine volersi ritenere e dichiarare il concorso di colpa di entrambi i conducenti dei mezzi coinvolti nel sinistro statuendo di conseguenza, ed in caso di accoglimento anche parziale della domanda avversa, ammettere quest'ultima a ristoro solo per la parte risultata fondata e adeguatamente provata. Instauratosi il contraddittorio, con ordinanza depositata in cancelleria il 25/03/2009 venivano ammessi l'interrogatorio formale del convenuto Re.Gi. e la prova testimoniale diretta contraria con il teste indicato in atto di citazione. Con provvedimento del Giudice Coordinatore del 27/10/2009, la causa veniva riassegnata a questo Decidente che fissava nuova udienza per la prosecuzione del giudizio. Nel corso dell'attività istruttoria, veniva dato atto che il convenuto contumace Re.Gi. non si era presentato a rendere il deferito interrogatorio formale nonostante le rituali notifiche dei relativi verbali di fissazione delle udienze per l'assunzione di detta attività istruttoria, e veniva ritenuta non rilevante ed ininfluente ai fini della decisione della causa la prova testimoniale ammessa, essendo risultate le circostanze dedotte a prova già acquisite attraverso la documentazione in atti. Espletata la C.T.U. tecnica per l'accertamento e quantificazione dei danni subiti dal mezzo attoreo in dipendenza del sinistro per cui è causa, la causa veniva rinviata per le precisazioni delle conclusioni e discussione all'udienza del 17/05/2011. Alla predetta udienza, previa discussione la causa veniva posta in decisione sulle conclusioni precisate dai procuratori delle parti costituite in giudizio che si i richiamavano rispettivamente ai propri atti difensivi ed alle proprie comparse che depositavano ed in atti. Motivi della decisione Va in primo luogo dichiarata la proponibilità della domanda di risarcimento danni, ritenuto che le parti attrici Lo.Fr., nella qualità di cedente del credito vantato nei confronti della convenuta compagnia assicuratrice Nu. S.p.A., e la Mu. S.r.l., nella qualità di cessionaria di detto credito, hanno ritualmente ottemperato al disposto di cui al D.Lgs. n. 209/2005 C.d.A. per quanto attiene la procedura del risarcimento diretto ex art. 149 C.d.A., come si evince dalla lettera raccomandata a/r in atti datata 05/08/08 che è risultata essere stata inviata, con allegata copia della cessione del credito e del modulo di denuncia di sinistro a firma congiunta di entrambi i conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro in questione, alla convenuta Nu. S.p.A. che garantisce per la R.C.A. l'autovettura di parte attrice, ed alla Al. S.p.A. quale compagnia assicuratrice per la R.C.A. dell'autovettura di parte convenuta, ed essendo decorso infruttuosamente il prescritto "spatium deliberandi" di giorni sessanta dalla data del 27/08/08 e del 11/08/08 in cui detta raccomandata a/r, avente valore di messa in mora "ex lege", è stata rispettivamente ricevuta da dette compagnie assicuratrici. Viene dichiarata altresì preliminarmente la contumacia dei convenuti Ce. S.r.l. e Re.Gi. che non si sono costituiti in giudizio nonostante abbiano ricevuto la rituale notifica della loro citazione in giudizio. Ogni eccezione dedotta dalla convenuta Nu. S.p.A. va inoltre preliminarmente rigettata in quanto priva di pregio per le considerazioni che seguono. In merito all'eccepito difetto di legittimazione attiva della Mu. S.r.l., si premette che, come da consolidata giurisprudenza della Cassazione cui ai ritiene dover aderire, la cessione del credito, disciplinata dagli artt e seg. c.c., può definirsi come il contratto consensuale a forma libera, non essendo prescritta dalla legge una particolare forma, ed inquadrabile fra i negozi a causa variabile, col quale si determina una modificazione del lato attivo del rapporto obbligatorio in quanto la titolarità del credito si trasferisce, a titolo oneroso o gratuito, dal patrimonio del cedente a quello del cessionario per effetto dell'accordo intercorrente fra detti soggetti, purché il credito non abbia carattere strettamente personale o il trasferimento non sia vietato dalla legge, senza che vi debba concorrere la volontà del debitore ceduto, tant'è che il trasferimento del credito può avvenire anche senza il consenso di quest'ultimo. La Suprema Corte di Cassazione, con l'ordinanza n del 13/05/2009, ha affermato in merito il seguente principio di diritto, e cioè che "il credito al risarcimento dei danni da sinistro stradale non può qualificarsi strettamente personale e deve escludersi che esista nel nostro ordinamento una norma di legge che direttamente, o almeno indirettamente, ne vieti la cedibilità, e che pertanto il danneggiato da un sinistro stradale può cedere - non trattandosi di un credito strettamente personale e non esistendo al riguardo divieti normativi - il proprio credito risarcitorio ad un terzo, il quale è legittimato ad agire, in vece del cedente, in sede giudiziaria per l'accertamento della responsabilità dell'altra parte e per la condanna di questo, e del suo assicuratore per la responsabilità civile, al risarcimento dei danni del caso". Ne consegue che legittimato a pretendere la prestazione dal debitore ceduto è esclusivamente il cessionario, poiché egli è titolare del diritto di credito cedutogli che può realizzare attraverso l'esperimento di tutte le azioni che spetterebbero al danneggiato (art c.c., artt. 144 e seguenti della C.d.A. - D.Lgs. n. 209/2005 -). Per quanto riguarda gli effetti della cessione del credito nei confronti del debitore ceduto, l'art c.c. prevede che la cessione è opponibile a detto debitore ceduto quando questi l'accetta o quando gli sia stata notificata. L'efficacia della cessione e la legittimazione del cessionario a pretendere la prestazione del debitore ceduto (in quanto alla semplice conoscenza della cessione da parte di quest'ultimo si ricollega la conseguenza della non liberatorietà del pagamento effettuato al

4 cedente) conseguono alla accettazione della cessione da parte del debitore ceduto o alla sua notificazione a detto debitore (Cass. 16/06/2006 n ). E la notificazione non si identifica con gli istituti dell'ordinamento processuale e non è pertanto soggetta a particolari discipline o formalità, essendo atto a forma libera che, come tale, può concretarsi in qualsivoglia atto idoneo a porre il debitore ceduto nella consapevolezza della mutata titolarità attiva del rapporto obbligatorio (Cass. 18/10/2005 n ; Cass. 10/05/2005 n. 9761; Cass. 30/07/2004 n ; Cass. 12/5/1998 n. 4774), in considerazione dell'equivalenza alla stessa notificazione della prova della conoscenza dell'avvenuta cessione (Cass. 21/12/2005 n ; Cass. 26/04/2004 n. 7919), senza necessità, fra l'altro, di trasmettere a quest'ultimo l'originale o la copia autenticata della cessione, purché possa conoscerne gli elementi identificativi e costitutivi (Cass. 10/05/2005 n. 9761). Priva di pregio va ritenuta pertanto la eccepita mancata autenticità della firma apposta sul medesimo contratto, ritenuto che il cedente, con il suo intervento in giudizio quale parte ai fini dell'accertamento del credito, ha fra l'altro confermato inconfutabilmente l'avvenuta cessione e la validità estrinseca e formale dell'atto traslativo del credito, e considerato inoltre che nessuna norma privatistica prescrive che il contratto di cessione fra soggetti privati sia stipulato mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata, essendo un contratto a forma libera per la cui validità non ò prescritta dalla legge alcuna particolare forma. A norma dell'art comma terzo - del R.D. 18/11/1923 n e dell'art. 115 del D.P.R. 21/12/1999 n. 554, infatti, soltanto le cessioni di credito relative a debiti di un ente pubblico o di un ente locale sono efficaci solo se poste in essere con atto pubblico o con scrittura privata autenticata (Cass. 13/07/2004 n ). Non v'è dubbio quindi che dell'avvenuta cessione alla Mu. S.r.l. del credito vantato dal cedente Lo.Fr. in relazione ai danni subiti in conseguenza del sinistro per cui è causa., e che fra l'altro agisce nel présente giudizio ai fini del riconoscimento e dell'accertamento di detto credito, è stata data rituale e valida comunicazione ad entrambe le compagnie assicuratrici dei mezzi coinvolti in detto sinistro con la lettera raccomandata a/r di messa in mora ai sensi e per gli effetti dell'art. 149 del C.d.A. - D.Lgs. n. 209/ prodotta ed in atti, inviata nell'interesse del cedente e del cessionario ed alla quale è stata allegata copia dell'atto di cessione e del modulo di denuncia di sinistro a firma congiunta dei conducenti di entrambi i veicoli. La convenuta compagnia assicuratrice ha avuto pertanto conoscenza dell'esistenza della avvenuta cessione che deve ritenersi ad essa validamente ed efficacemente opponibile, avendone ricevuto idonea comunicazione ai sensi e per gli effetti di cui all'art c.c., a decorrere dalla data in cui detta cessione è pervenuta nella sfera della sua conoscibilità, e che è coincidente con la data di consegna riscontrabile sull'avviso di ricevimento della succitata lettera raccomandata a/r di messa in mora avvenuta in data 27/08/08 come rilevasi dalla documentazione prodotta ed in atti. In merito alla cedibilità del credito relativo al risarcimento diretto dei danni consequenziali ad un sinistro stradale da parte della compagnia assicuratrice del danneggiato, si evidenzia inoltre che il danneggiato da un sinistro stradale può vantare a sua discrezione il diritto al risarcimento, sia con la procedura dell'azione diretta ex art C.d.A. D.Lgs. n. 209/ nei confronti della impresa assicuratrice del responsabile del danno, e sia con la procedura del risarcimento diretto ex art. 149 di detto C.d.A. nei confronti della propria compagnia assicuratrice, la quale liquida il danno per conto dell'assicuratore del danneggiante che può intervenire nel giudizio intrapreso dal danneggiato ed estromettere l'assicuratore di quest'ultimo; e detta procedura di risarcimento diretto ex art. 149 C.d.A. è configurabile pertanto come una facoltà avente carattere alternativo, e non esclusivo, all'azione tradizionale per far valere la responsabilità dell'autore del danno (Sent. Corte Cost. n. 180 del 10/06/2009). Nel caso in questione, risulta invero ceduto il credito derivante dalla condizione di danneggiato del cedente che ne ha formulato rituale richiesta di risarcimento ex art. 149 del citato C.d.A. alla convenuta impresa assicuratrice del proprio veicolo, ed il fondamento di detta procedura di indennizzo diretto va dunque rinvenuto nella qualità di danneggiato e non di assicurato del proponente l'azione, come esplicitamente disposto da detto art. 149 del C.d.S. che non fa alcun riferimento alla necessaria coincidenza di danneggiato ed assicurato, potendo il primo essere soggetto diverso dal secondo e potendo detta azione essere, pertanto, esperibile da ogni danneggiato che ha titolo al risarcimento. Non v'è dubbio alcuno inoltre che, rappresentando il diritto al risarcimento del danno un diritto patrimoniale disponibile, al trasferimento del credito consegue l'esercizio delle azioni poste a sua tutela anche dalla legislazione speciale, e l'esercizio di tale azione da parte di colui che ne ha acquisito legittimamente il diritto per effetto di un contratto di cessione risponde, oltre che al principio della libera circolazione del credito, anche alle finalità poste dapprima alla base della legge /69 ed oggi del nuovo Codice delle Assicurazioni - D.Lgs. n. 209/2005. Per effetto della cessione, il credito ceduto è realizzabile pertanto dal cessionario, il quale è legittimato ad agire in sede giudiziaria in vece del cedente creditore originario, e quindi ad esperire tutte le azioni che spetterebbero a quest'ultimo (Ord. Cass. del 13/05/2009 n ). Si evidenzia altresì che detto credito risarcitorio, derivando da un sinistro stradale, non è da ritenersi un credito futuro in quanto sorge al momento stesso in cui si verifica l'evento (Cass. 05/11/2004 n ), a prescindere dall'accertamento del medesimo e dalle eventuali contestazioni sulla sua esistenza, ed è quindi un credito attuale, certo e cedibile sin dal verificarsi del fatto illecito indipendentemente dalla sua liquidità ed esigibilità, dal momento che anche un credito non determinato nell'ammontare, oppure non esigibile, può essere oggetto di cessione (Cass. 24/05/2001 n. 7083). Non può negarsi quindi che la Mu. S.p.A. ha, ai sensi e per gli effetti dell'art. 100 c.p.c., un interesse giuridico concreto, attuale e meritevole di tutela, per agire in giudizio nei confronti dei convenuti Ce. S.r.l. e Nu. S.p.A., in persona dei loro rispettivi legali rappresentanti pro - tempore, avendo dato prova documentale di avere ricevuto la cessione del credito relativo ai danni subiti dal

5 cedente Lo.Fr. in conseguenza del sinistro per cui è causa, il quale, agendo nel presente giudizio al fine del riconoscimento e dell'accertamento del credito ceduto, contrariamente a quanto eccepito dalla convenuta (compagnia assicuratrice, è altresì titolare di un proprio interesse giuridico concreto, attuale e meritevole di tutela ai sensi e per gli effetti dell'art. 100 c.p.c. Nel merito, le risultanze di causa sono tali da far ritenere che le pretese risarcitorie di parti attrici sono fondate e vanno pertanto accolte per quanto di ragione. La descrizione della dinamica del sinistro per cui è causa, così come prospettata da dette parti attrici, trova infatti conferma nella sottoscrizione congiunta del relativo modulo di denuncia di sinistro da parte di entrambi i conducenti dei mezzi che vi sono rimasti coinvolti e che è stato compilato in tutte le sue parti in ottemperanza al disposto di cui all'art. 143 del C.d.A. Detto modulo prodotto ed in atti, la cui sottoscrizione deve intendersi riconosciuta ai sensi e per gli effetti dell'art. 215 c.p.c. dai convenuti contumaci Ce. e Sc. S.r.l., quale proprietaria dell'autocarro (...) Mod. (...) targato (...), e Re.Gi., quale conducente di del veicolo, assume efficacia di prova legale anche nei confronti della compagnia assicuratrice in merito alle dichiarazioni in esso contenute e va ritenuto veritiero come disposto dall'art comma - C.d.A., non essendo stata fornita "ex adverso", da parte dell'impresa di assicurazione convenuta, alcuna prova contraria relativamente alle circostanze e modalità del verificarsi del sinistro ed alle sue conseguenze come esposte in detto documento. Detto convenuto Re.Gi., che non si è costituito in giudizio ed è rimasto contumace, senza addurre alcun giustificato motivo non si è neppure presentato a rendere il deferitogli interrogatorio formale, con consequenziale valutazione della mancata resa di detto mezzo di prova ai sensi del combinato disposto degli artt. 116 e 232 c.p.c., per cui, unitamente al contegno processuale dello stesso, si è indotti a ritenere come ammessi i fatti dedotti in detto interrogatorio in quanto non reso. Secondo le risultanze istruttorie, deve pertanto dedursi che l'autovettura (...) targata (...) di proprietà del Pi.Fr. e condotta da Lo.Ma., mentre percorreva regolarmente sulla propria destra ed a moderata velocità il viale (...), giunta all'altezza dell'assessorato Agricoltura, veniva urtata dall'autocarro (...) Mod. (...) targato (...) di proprietà della convenuta Ce. S.r.l. e condotto dal convenuto Re.Gi. Quest'ultimo, provenendo da tergo, nel sorpassare la succitata autovettura (...) di parte attrice, effettuava una repentina manovra di conversione sulla destra della carreggiata, vendo a creare le condizioni per il verificarsi dell'impatto fra i due mezzi. Non v'è dubbio pertanto che in tale circostanza detto convenuto conducente del succitato autocarro non ottempera al disposto di cui all'art. 154/1 comma del C.d.S., per non essersi preventivamente assicurato di poter effettuare tale manovra di spostamento della sua direttrice di marcia senza creare intralcio o pericolo agli altri utenti della strada, ed avendo omesso di osservare ogni elementare regola di prudenza e diligenza al fine di salvaguardare la sicurezza stradale. La responsabilità del sinistro, ritenendosi superata in assenza di prova contraria la presunzione di pari concorrente responsabilità di cui all'art comma 2 - c.c., va pertanto interamente ascritta a carico di detto convenuto Re.Gi., nessuna responsabilità essendo addebitabile, neppure parzialmente concorsuale, alla conducente l'auto di parte attrice. Per la quantificazione del danno subito dall'autovettura di detta parte attrice in conseguenza diretta del sinistro in questione, ci si richiama alle risultanze cui è pervenuto il nominato C.T.U., che si condividono in quanto risultati essere esenti da errori di valutazione e da vizi logici ed inoltre perfettamente esaustivi dei quesiti richiestigli. Il C.T.U. ha accertato che i danni riportati nell'occorso dalla succitata autovettura (...) tg. (...) sono conseguenza diretta dell'urto subito lungo l'intera fiancata laterale sinistra con un angolo di incidenza molto contenuto, ed ha valutato detti danni, che ha analiticamente specificati, nella somma complessiva di Euro 2.482,58, IVA inclusa, calcolata per differenza tra il valore di mercato e quello a relitto ed aggiungendo il F.R.A.M., ritenuto che il costo delle riparazioni, valutato in complessivi Euro 2.512,89, oltre Euro 502,58 per IVA, è risultato essere antieconomico per il fatto che detta autovettura, al momento del sinistro, aveva circa 8 anni di vita. Il danno subito da detta autovettura viene pertanto quantificato in via equitativa complessivamente nella somma di Euro 2.482,58 comprensiva di IVA, come da rigorosa ed ineccepibile valutazione fattane da detto C.T.U. Va inoltre accolta la richiesta di risarcimento della somma di Euro 576,00 comprensiva di IVA, che, come rilevasi dalla nota spese n. 232 del 08/09/08 prodotta ed in atti, è stata corrisposta alla Gl. S.r.l., con sede in via (...) di Belmonte Mezzago (PA), per il noleggio per giorni 4 (quattro) di una autovettura similare sostitutiva per il corrispondente periodo strettamente necessario per l'effettuazione delle necessarie ed indispensabili riparazioni della autovettura di parte attrice, per non essere stato possibile utilizzarla durante tale periodo ed essendosi resa pertanto necessaria la disponibilità di un'altra autovettura per lo svolgimento delle attività di relazioni quotidiane e per le finalità più svariate (Cass. 13/07/2004 n ; Cass. 14/12/2002 n ). Va accolta altresì la richiesta di risarcimento della somma di Euro 84,00 comprensiva di IVA, in quanto corrisposta, come si evince dalla nota spese n. 322 del 30/09/2008 prodotta ed in atti, alla predetta Gl. S.r.l., con sede in via (...) di Belmonte Mezzago (PA), per la perizia estimativa dei danni riportati dall'autovettura di parte attrice effettuata a causa del'inerzia della convenuta compagnia assicuratrice nella valutazione dei danni. Per quanto attiene la valenza probatoria di detta documentazione ci si richiama all'orientamento della Corte di Cassazione che si condivide e che ha statuito in merito che "esattamente il giudice del merito pone a fondamento della propria decisione, in ordine al quantum dei danni patiti dall'attore, fatture provenienti da terzi, atteso che la regola secondo cui la fattura non può costituire prova in favore della parte che la produce è applicabile solo nell'ipotesi in cui colui che la produce sia anche il suo emittente e invochi questa a fondamento della propria pretesa" (Cass. 10/02/2003 n. 1954). I convenuti pertanto sono obbligati in solido a corrispondere alla Mu. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, nella qualità di cessionaria del credito cedutole da Lo.Fr., la somma quantificata in via equitativa complessivamente in Euro 2.482,58, IVA inclusa, per danni al mezzo, oltre ad Euro 576,00 comprensiva di IVA per il noleggio di un'autovettura sostitutiva per giorni 4 (quattro) ed a Euro 84,00 per la perizia estimativa dei danni, oltre interessi legali compensativi decorrenti dal di del dovuto al soddisfo ed assorbenti la svalutazione monetaria.

6 Le spese del presente giudizio seguono il principio della soccombenza ex art. 91 c.p.c. e vengono liquidate come in dispositivo. Viste le risultanze di causa, si dispone la trasmissione di copia della presente sentenza all'isvap ai sensi e per gli effetti di cui all'art comma 10 - del C.d.A. - D.Lgs. 209/2005. La presente sentenza è provvisoriamente esecutiva ai sensi dell'art. 282 c.p.c. P.Q.M. Il Giudice Di Pace, disattesa ogni contraria istanza, eccezione e difesa, definitivamente pronunciando sulle domande proposte dalla Mu. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, quale cessionaria del credito cedutole da Lo.Fr., nei confronti dei convenuti Ce. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, Re.Gi. e della Nu. S.p.A., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore: - dichiara preliminarmente la contumacia dei convenuti Ce. e Sc. S.r.l. e Re.Gi., ritualmente citati e non costituitisi in giudizio; - come in motivazione, dichiara detto convenuto contumace Re.Gi., quale conducente l'autocarro (...) Mod. (...) targato (...) di proprietà del convenuto contumace Ce. S.r.l., unico responsabile del sinistro per cui è causa e per l'effetto condanna in solido detti convenuti Ce. e Sc. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, Re.Gi. e Nu. S.p.A., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, al pagamento in favore della Mu. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, nella qualità di cessionaria del credito cedutole da Lo.Fr., la somma come in motivazione quantificata in via equitativa in Euro 2.482,58, IVA inclusa, per danni al mezzo, oltre ad Euro 576,00 comprensiva di IVA per il noleggio di un'autovettura sostitutiva per giorni 4 (quattro) ed a Euro 84,00 per la perizia estimativa dei danni al mezzo, oltre interessi legali compensativi decorrenti dal di del dovuto al soddisfo ed assorbenti la svalutazione monetaria. Tenuto conto dell'esito del giudizio, condanna i predetti convenuti al pagamento in solido delle spese di giudizio a favore di parti attrici nella misura complessiva Euro 2.893,00, di cui Euro 243,00 per spese, Euro 1,200,00 per diritti ed Euro 1.450,00 per onorario, oltre al rimborso forfetario delle spese generali sull'importo dovuto per diritti ed onorario ex art. 14 D.M. n. 127/2004, e contributi previdenziali ed I.V.A. come per legge. Viste le risultanze di causa, si dispone la trasmissione di copia della presente sentenza all'isvap ai sensi e per gli effetti di cui all'art comma 10 - del C.d.A. - D.Lgs. 209/ La presente sentenza è provvisoriamente esecutiva ai sensi dell'art. 282 c.p.c.

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA n. 141/11 Nella causa civile iscritta

Dettagli

Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada - Solo gli eredi condannati al risarcimento del danno

Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada - Solo gli eredi condannati al risarcimento del danno Le dichiarazioni confessorie rese dalla parte in un processo con pluralità di parti sono liberamente valutabili nei confronti di parti processuali diverse dal deferente, sicchè nella specie non possono

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 )

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Risarcimento danni. Scontro tra treno ed auto. Legge 990/69 - Inapplicabilità.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA PARZIALE 6288/2012 Nella causa civile

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

I concetti di danno da "fermo-tecnico" e di costo per il noleggio (rectius fatture cedute) rimangono distinti, e non possono coincidere.

I concetti di danno da fermo-tecnico e di costo per il noleggio (rectius fatture cedute) rimangono distinti, e non possono coincidere. Sinistro stradale: rimborso del costo del noleggio della vettura sostitutiva Giudice di Pace Livorno, sentenza 07.03.2008 (Enrico Ancillotti) I concetti di danno da "fermo-tecnico" e di costo per il noleggio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale.

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Lecce - Avv. Luigi Piro - ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile in I grado iscritta al numero 477/05 del ruolo

Dettagli

L.C.A. della Progress (e della NOVIT S.p.A.): Richiesta risarcimento e modello citazione (Francesco Annun

L.C.A. della Progress (e della NOVIT S.p.A.): Richiesta risarcimento e modello citazione (Francesco Annun L' ipotesi di risarcimento danni promossa dopo il provvedimento di liquidazione coatta amministrativa è disciplinata dall'art. 287 del D.Lgs. 209/2005. Tale articolo stabilisce che, nell'ipotesi prevista

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente SENTENZA Nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

in composizione monocratica, in persona del Giudice dr.ssa Vittoria Rubino, nel procedimento iscritto al n. 2078 CONTRO ORDINANZA

in composizione monocratica, in persona del Giudice dr.ssa Vittoria Rubino, nel procedimento iscritto al n. 2078 CONTRO ORDINANZA TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE in composizione monocratica, in persona del Giudice dr.ssa Vittoria Rubino, nel procedimento iscritto al n. 2078 dell anno 2014 del Ruolo Generale

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione civile, in qualità di giudice unico, ha pronunciato ex

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

Tribunale di. Atto di citazione **** della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via,

Tribunale di. Atto di citazione **** della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via, Tribunale di. Atto di citazione **** Nell interesse della Sig.ra XXX, nata a... il. ed ivi residente in via, n., c.f.:., rappresentata e difesa, come da procura a margine del presente atto dall'avv....

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA 28 settembre 2012, n.16520 Persona danneggiata non è solo la vittima diretta dell'incidente, ma anche i prossimi congiunti o gli aventi

Dettagli

Paternità naturale Giudizio di riconoscimento Morte del figlio Ascendenti - Legittimazione

Paternità naturale Giudizio di riconoscimento Morte del figlio Ascendenti - Legittimazione Paternità naturale Giudizio di riconoscimento Morte del figlio Ascendenti - Legittimazione La natura personalissima dell'azione per la dichiarazione della paternità naturale rende coerente la scelta del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del

Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del Con la sentenza in commento, il Giudice di Pace del Mandamento di Amantea nella persona del magistrato coordinatore, Francesco De Luca ha stabilito che la nullità del provvedimento di fermo amministrativo

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI PALERMO Il Giudice di Pace della VIII sezione civile di Palermo, Dott. Vincenzo Vitale ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra N. R.G. 8597/2011 S.G. TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 8597/2011 tra e COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI FONDIARIA SAI SPA ATTORE CONVENUTO Oggi 21 ottobre

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP DETERMINAZIONE Determinazione n. 05 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l. 249/1997, "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

senr. N. 2215o 1.1 cron. N. 8t5sà/oÎ Dep. Il ZfiMtrcg

senr. N. 2215o 1.1 cron. N. 8t5sà/oÎ Dep. Il ZfiMtrcg 0 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI BOLOGNA AVV. FRANCO A. COSENZA Della IV sezione civile ha pronunciato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta al N. 19891/08

Dettagli

Prof. Sergio FOA - Supervisore progetto OPLAB

Prof. Sergio FOA - Supervisore progetto OPLAB OGGETTO: COMUNITÀ MONTANA XXX Lavori di infrastrutture dell itinerario turistico ambientale della Valle di Edifici Polifunzionali Cessione del credito da contratto di appalto da parte della WWW s.r.l.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo

AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo AZIONE ORDINARIA E D'INDENNIZZO DIRETTO: POSSIBILE IL CUMULO? Giudice di Pace di Maddaloni, 4 febbraio 2013 commento e testo Diritto e processo.com Antonio Spallieri, avvocato del foro di S. Maria C.V.

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

nella causa civile iscritta al numero del molo generale indicato a margine, avente l'oggetto pure a margine indicato, promossa da

nella causa civile iscritta al numero del molo generale indicato a margine, avente l'oggetto pure a margine indicato, promossa da Il giudice, al fine di addivenire al proprio convincimento, può affidare al consulente tecnico non solo l'incarico di valutare i fatti accertati o dati per esistenti (cosiddetto consulente deducente),

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE in persona del giudice unico dott. Stefano cardinali, ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile

Dettagli

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione

Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Successione ereditaria: sul termine di prescrizione dell'azione di riduzione Corte di cassazione Sezioni unite civili Sentenza 25 ottobre 2004, n. 20644 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto notificato il

Dettagli

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Ottobre 2015 Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Umberto Mauro e Chiara Borrazzo, Norton Rose Fulbright Studio Legale La disciplina della cessione dei crediti vantati

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro Udienza del 11.3.2008 N. 1061/06 RG Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano Il Giudice di Monza Dott.ssa Silvia Russo, quale giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

A) In data.tizio e CAIO hanno concluso contratto di agenzia. B)Tutti i clienti del portafoglio di TIZIO hanno firmato gli allegati

A) In data.tizio e CAIO hanno concluso contratto di agenzia. B)Tutti i clienti del portafoglio di TIZIO hanno firmato gli allegati 7ULEXQDOH&LYLOHGL«$WWRGLFLWD]LRQH 3HU 7,=,2«se è una società indicare il legale rappresentante pro tempore) nato a..residente in. ( se è una società indicare la sede: con sede in via.) rappresentato e

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA 6017/2012 Nella causa civile iscritta

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi ******** DETERMINAZIONE DI LIQUIDAZIONE

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi ******** DETERMINAZIONE DI LIQUIDAZIONE copia Prot. Ragioneria D/.. /... COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi ******** DETERMINAZIONE DI LIQUIDAZIONE N. 478 del Reg. Data: 19.03.2014 ADOTTATA DAL DIRIGENTE DEL SETTORE AVVOCATURA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNE DI BARDONECCHIA PROVINCIA DI TORINO DETERMINAZIONE SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA N. 94 DEL 03 OTTOBRE 2014 OGGETTO: ATTIVITÀ GIUDIZIALE NELLE PROCEDURE ESECUTIVE PER RECUPERO CREDITI DERIVANTI DA SENTENZA

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Dott. FIORETTI Francesco Maria - Presidente - Dott. SALVAGO Salvatore - Consigliere - Dott. RORDORF Renato

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 4574 Anno 2015 Presidente: CAPPABIANCA AURELIO Relatore: CRUCITTI ROBERTA Data pubblicazione: 06/03/2015 SENTENZA sul ricorso iscritto proposto da: AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

Tribunale di Lecce - Prima Sezione Civile - Sentenza n. 53 del 7 gennaio 2013

Tribunale di Lecce - Prima Sezione Civile - Sentenza n. 53 del 7 gennaio 2013 Cerca Sentenze Responsabilità civile - Danno da vacanza rovinata - L'organizzatore e il venditore di pacchetto turistico assumono, nell'ambito del rischio di impresa, un'obb Tribunale di Lecce - Prima

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE REPUBBLICA ITALIANA II TRIBUNALE DI FIRENZE In persona del giudice Angelo Antonio Pezzuti, ha pronunciato IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La seguente SENTENZA Nella causa iscritta nel ruolo generale nell anno

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 Premessa Le seguenti disposizioni procedurali riguardano la certificazione dei crediti prevista

Dettagli

viale comune" fenomeni di infiltrazione e stillicidio di acque meteoriche, contestati al costruttore,

viale comune fenomeni di infiltrazione e stillicidio di acque meteoriche, contestati al costruttore, TRIBUNALE DI BARI SEZIONE DISTACCATA DI MODUGNO R.G. n.1023/2010 - Giudice Dott.ssa Delia Verbale di Conciliazione II giorno 8 del mese di novembre del 2012, nell'aula di udienza del Tribunale di Bari

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Dott. Claudia Rossi Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO [APP Giud. PACE] Circolazione stradale Sosta e parcheggio Collisione fra autoveicoli Manovra di ingresso nell area di parcheggio antistante l area di parcheggio occupata da un veicolo in fase di uscita

Dettagli

contro per l'ottemperanza

contro per l'ottemperanza R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Prima ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro

Dettagli

SENTENZA CORRENTISTA DANNEGGIATO; - RICORRENTE -

SENTENZA CORRENTISTA DANNEGGIATO; - RICORRENTE - Data 04/10/2011 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE TERZA Numero 20292 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE ha pronunciato la seguente:

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55 L'atto di costituzione del fondo patrimoniale, anche quando é posto in essere dagli stessi coniugi, costituisce un atto a titolo gratuito che può essere dichiarato inefficace nei confronti del creditore,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

GIUDICE DI PACE DI...

GIUDICE DI PACE DI... GIUDICE DI PACE DI... ATTO DI CITAZIONE Nell interesse del Sig...., nato a... il..., C.F...., residente in..., Via... ed elettivamente domiciliato per la presente procedura in... presso e nello Studio

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli