Sinistri stradali: sì alla cessione del credito senza formalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sinistri stradali: sì alla cessione del credito senza formalità"

Transcript

1 Sinistri stradali: sì alla cessione del credito senza formalità Il credito che deriva da un risarcimento danni da sinistro stradale non ha natura di credito "personale", con la conseguenza che può essere ceduto liberamente, senza alcuna formalità. Lo ha stabilito la Prima Sezione del Giudice di Pace di Palermo, con la sentenza 7 luglio 2011, n La cessione del credito, disciplinata dagli artt e seg. c.c., si definisce come un contratto consensuale a forma libera, non essendo prescritta dalla legge una particolare forma, ed inquadrabile fra i negozi a causa variabile, col quale si determina una modificazione del lato attivo del rapporto obbligatorio in quanto la titolarità del credito si trasferisce, a titolo oneroso o gratuito, dal patrimonio del cedente a quello del cessionario per effetto dell'accordo intercorrente fra detti soggetti. Come sottolineato dalla giurisprudenza di legittimità, il credito al risarcimento dei danni da sinistro stradale non può qualificarsi strettamente personale e deve escludersi che esista nel nostro ordinamento una norma di legge che direttamente, o almeno indirettamente, ne vieti la cedibilità, e che pertanto il danneggiato da un sinistro stradale può cedere - non trattandosi di un credito strettamente personale e non esistendo al riguardo divieti normativi - il proprio credito risarcitorio ad un terzo, il quale è legittimato ad agire, in vece del cedente, in sede giudiziaria per l'accertamento della responsabilità dell'altra parte e per la condanna di questo, e del suo assicuratore per la responsabilità civile, al risarcimento dei danni del caso. Inoltre si evidenzia altresì che il credito risarcitorio, derivando da un sinistro stradale, non è da ritenersi un credito futuro, in quanto sorge al momento stesso in cui si verifica l'evento, a prescindere dall'accertamento del medesimo e dalle eventuali contestazioni sulla sua esistenza, ed è quindi un credito attuale, certo e cedibile sin dal verificarsi del fatto illecito indipendentemente dalla sua liquidità ed esigibilità, dal momento che anche un credito non determinato nell'ammontare, oppure non esigibile, può essere oggetto di cessione. In definitiva, la notifica della cessione di un credito relativo al risarcimento danni da incidente stradale può avvenire liberamente senza le necessarie formalità richieste quando il trasferimento avviene con lo Stato o suoi enti. In buona sostanza la pretesa delle compagnie di assicurazioni di mettere in discussione la cessione del credito operata dalle carrozzerie è una pretesa priva di qualsiasi fondamento giuridico, così come si legge in maniera evidente nella sentenza del giudice di pace di Palermo ( di seguito in allegato ). E opportuno e necessario divulgare alle nostre imprese questa importante informazione, che non aggiunge niente di nuovo alle nostre conoscenze ma che conferma e convalida la

2 nostra posizione sulla legittimità e sulla positività di questo importante strumento messo a disposizione dal nostro Codice Civile. Cordali saluti. Mario Turco ALLEGATO IL DANNO PATRIMONIALE DA SINISTRI STRADALI Firenze 21 maggio - Roma 3 luglio Cons. Marco Rossetti - Sconto 10% per iscrizioni anticipate Giudice di pace di Palermo Sezione I Sentenza 7 luglio 2011, n Svolgimento del processo Con atto di citazione del 22/08/2008, notificato rispettivamente in data 11/11/2008, 10/11/2008 e 12/11/2008 Lo.Fr., dichiarando di intervenire nel presente giudizio solo ai fini del riconoscimento e dell'accertamento del credito ceduto, e la Mu. S.r.l. in persona del suo legale rappresentante pro tempore, quale cessionaria del credito cedutole da detto Lo.Fr., ed ognuno per i propri diritti, convenivano in giudizio innanzi a questo Giudice di Pace il Ce. e Sc. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, Re.Gi. e la compagnia di assicurazioni Nu. S.p.A., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, chiedendone la condanna al risarcimento dei danni subiti in conseguenza del sinistro verificatosi in data 22/07/2008 ed esponevano che l'autovettura (...) targata (...) di proprietà di Lo.Fr. e condotta da Lo.Ma. mentre procedeva regolarmente sulla propria destra ed a moderata velocità in Palermo lungo il viale (...), giunta all'altezza dell'assessorato Agricoltura., veniva urtata dall'autocarro (...) Mod. (...) targato (...) di proprietà del Ce. S.r.l. e condotto da Re.Gi., che provenendo da tergo, e dopo averla sorpassata, convergeva repentinamente sulla destra. Assumevano che nell'occorso detta autovettura subiva danni per un ammontare pari ad Euro 3.177,68 per il suo ripristino, oltre ad Euro 576,00 per il noleggio di un'auto sostitutiva per il periodo occorrente per le riparazioni, e ad Euro 84,00 per la perizia estimativa attesa l'inerzia della compagnia convenuta nella valutazione dei danni. Esponevano che il Lo.Fr. aveva ceduto con scrittura privata alla Mu. S.r.l. il credito del sinistro per cui è causa, e che di tale atto di cessione, unitamente alla richiesta di risarcimento danni ex D.Lgs. 209/05, con allegata denuncia di sinistro a firma congiunta di entrambi i conducenti dei veicoli, era stata data notizia con raccomandata a/r, sia alla Nu. S.p.A. che assicura per la RCA l'autovettura dell'attore, e sia alla Al. S.p.A. che assicura per la RCA il veicolo di parte convenuta, che restavano però entrambe inadempienti. Chiedevano pertanto volersi preliminarmente dare atto che il Lo.Fr. interviene nel presente procedimento al fine del riconoscimento e dell'accertamento del credito ceduto alla Mu. S.r.l., ed inoltre, ritenuta e dichiarata la responsabilità esclusiva nella causazione del sinistro in questione del convenuto Re.Gi., quale conducente del veicolo di proprietà della convenuta Ce. S.r.l., condannare la convenuta compagnia di assicurazione Nu. S.p.A. in persona del suo legale rappresentante pro - tempore al pagamento in favore della Mu. S.r.l. nella qualità di cessionaria del credito ed in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, della somma complessiva di Euro 3.837,00 o di quella maggiore o minore somma che sarà ritenuta di giustizia, (aumentata degli interessi ex D.Lgs. 231/02 dal dovuto fino al soddisfo oltre svalutazione monetaria, il tutto con vittoria di spese, competenze ed onorari di giudizio. Chiedevano inoltre, visto l'inadempimento della convenuta Nu. S.p.A. relativamente alla mancata offerta nei 30 giorni previsti dal comma 1 dell'art. 148 C.d.A., essendo stata presentata denuncia di sinistro a firma congiunta, volersi ordinare a detta compagnia assicuratrice il pagamento di tutte le somme non contestate ex art. 186 c.p.c., nonché disporre la trasmissione della emittenda sentenza all'isvap ai sensi e per gli effetti del comma 10 dell'art. 148 del D.Lgs. 209/2005 C.d.A. I convenuti Ce. S.r.l. e Re.Gi., benché ritualmente citati, non si costituiva in giudizio e rimanevano contumaci. La convenuta Nu. S.p.A. si costituiva in giudizio depositando in Cancelleria in data 12/01/2009 il proprio fascicolo di parte con comparsa di risposta, con la quale preliminarmente eccepiva il difetto di legittimazione attiva e dell'interesse ad agire della Mu. S.r.l. nella qualità di cessionaria di un credito futuro, non certo ed inesistente al tempo della stipula del contratto di cessione avente effetti obbligatori soltanto fra le parti, l'inopponibilità ed inefficacia nei suoi confronti del relativo contratto di cessione di credito essendo una scrittura privata non autenticata, la improponibilità della relativa domanda di risarcimento diretto del danno in favore di detta Mu. S.r.l.

3 In subordine deduceva il difetto di legittimazione attiva e di interesse ad agire del cedente Lo.Fr. in quanto non più titolare del diritto ceduto. In via subordinata, nel merito, chiedeva, con condanna alle spese di giudizio, il rigetto delle domande risarcitorie formulate ex adverso perché infondate in fatto ed in diritto e prive di riscontro probatorio, nonché eccessive, ed in via di ulteriore subordine volersi ritenere e dichiarare il concorso di colpa di entrambi i conducenti dei mezzi coinvolti nel sinistro statuendo di conseguenza, ed in caso di accoglimento anche parziale della domanda avversa, ammettere quest'ultima a ristoro solo per la parte risultata fondata e adeguatamente provata. Instauratosi il contraddittorio, con ordinanza depositata in cancelleria il 25/03/2009 venivano ammessi l'interrogatorio formale del convenuto Re.Gi. e la prova testimoniale diretta contraria con il teste indicato in atto di citazione. Con provvedimento del Giudice Coordinatore del 27/10/2009, la causa veniva riassegnata a questo Decidente che fissava nuova udienza per la prosecuzione del giudizio. Nel corso dell'attività istruttoria, veniva dato atto che il convenuto contumace Re.Gi. non si era presentato a rendere il deferito interrogatorio formale nonostante le rituali notifiche dei relativi verbali di fissazione delle udienze per l'assunzione di detta attività istruttoria, e veniva ritenuta non rilevante ed ininfluente ai fini della decisione della causa la prova testimoniale ammessa, essendo risultate le circostanze dedotte a prova già acquisite attraverso la documentazione in atti. Espletata la C.T.U. tecnica per l'accertamento e quantificazione dei danni subiti dal mezzo attoreo in dipendenza del sinistro per cui è causa, la causa veniva rinviata per le precisazioni delle conclusioni e discussione all'udienza del 17/05/2011. Alla predetta udienza, previa discussione la causa veniva posta in decisione sulle conclusioni precisate dai procuratori delle parti costituite in giudizio che si i richiamavano rispettivamente ai propri atti difensivi ed alle proprie comparse che depositavano ed in atti. Motivi della decisione Va in primo luogo dichiarata la proponibilità della domanda di risarcimento danni, ritenuto che le parti attrici Lo.Fr., nella qualità di cedente del credito vantato nei confronti della convenuta compagnia assicuratrice Nu. S.p.A., e la Mu. S.r.l., nella qualità di cessionaria di detto credito, hanno ritualmente ottemperato al disposto di cui al D.Lgs. n. 209/2005 C.d.A. per quanto attiene la procedura del risarcimento diretto ex art. 149 C.d.A., come si evince dalla lettera raccomandata a/r in atti datata 05/08/08 che è risultata essere stata inviata, con allegata copia della cessione del credito e del modulo di denuncia di sinistro a firma congiunta di entrambi i conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro in questione, alla convenuta Nu. S.p.A. che garantisce per la R.C.A. l'autovettura di parte attrice, ed alla Al. S.p.A. quale compagnia assicuratrice per la R.C.A. dell'autovettura di parte convenuta, ed essendo decorso infruttuosamente il prescritto "spatium deliberandi" di giorni sessanta dalla data del 27/08/08 e del 11/08/08 in cui detta raccomandata a/r, avente valore di messa in mora "ex lege", è stata rispettivamente ricevuta da dette compagnie assicuratrici. Viene dichiarata altresì preliminarmente la contumacia dei convenuti Ce. S.r.l. e Re.Gi. che non si sono costituiti in giudizio nonostante abbiano ricevuto la rituale notifica della loro citazione in giudizio. Ogni eccezione dedotta dalla convenuta Nu. S.p.A. va inoltre preliminarmente rigettata in quanto priva di pregio per le considerazioni che seguono. In merito all'eccepito difetto di legittimazione attiva della Mu. S.r.l., si premette che, come da consolidata giurisprudenza della Cassazione cui ai ritiene dover aderire, la cessione del credito, disciplinata dagli artt e seg. c.c., può definirsi come il contratto consensuale a forma libera, non essendo prescritta dalla legge una particolare forma, ed inquadrabile fra i negozi a causa variabile, col quale si determina una modificazione del lato attivo del rapporto obbligatorio in quanto la titolarità del credito si trasferisce, a titolo oneroso o gratuito, dal patrimonio del cedente a quello del cessionario per effetto dell'accordo intercorrente fra detti soggetti, purché il credito non abbia carattere strettamente personale o il trasferimento non sia vietato dalla legge, senza che vi debba concorrere la volontà del debitore ceduto, tant'è che il trasferimento del credito può avvenire anche senza il consenso di quest'ultimo. La Suprema Corte di Cassazione, con l'ordinanza n del 13/05/2009, ha affermato in merito il seguente principio di diritto, e cioè che "il credito al risarcimento dei danni da sinistro stradale non può qualificarsi strettamente personale e deve escludersi che esista nel nostro ordinamento una norma di legge che direttamente, o almeno indirettamente, ne vieti la cedibilità, e che pertanto il danneggiato da un sinistro stradale può cedere - non trattandosi di un credito strettamente personale e non esistendo al riguardo divieti normativi - il proprio credito risarcitorio ad un terzo, il quale è legittimato ad agire, in vece del cedente, in sede giudiziaria per l'accertamento della responsabilità dell'altra parte e per la condanna di questo, e del suo assicuratore per la responsabilità civile, al risarcimento dei danni del caso". Ne consegue che legittimato a pretendere la prestazione dal debitore ceduto è esclusivamente il cessionario, poiché egli è titolare del diritto di credito cedutogli che può realizzare attraverso l'esperimento di tutte le azioni che spetterebbero al danneggiato (art c.c., artt. 144 e seguenti della C.d.A. - D.Lgs. n. 209/2005 -). Per quanto riguarda gli effetti della cessione del credito nei confronti del debitore ceduto, l'art c.c. prevede che la cessione è opponibile a detto debitore ceduto quando questi l'accetta o quando gli sia stata notificata. L'efficacia della cessione e la legittimazione del cessionario a pretendere la prestazione del debitore ceduto (in quanto alla semplice conoscenza della cessione da parte di quest'ultimo si ricollega la conseguenza della non liberatorietà del pagamento effettuato al

4 cedente) conseguono alla accettazione della cessione da parte del debitore ceduto o alla sua notificazione a detto debitore (Cass. 16/06/2006 n ). E la notificazione non si identifica con gli istituti dell'ordinamento processuale e non è pertanto soggetta a particolari discipline o formalità, essendo atto a forma libera che, come tale, può concretarsi in qualsivoglia atto idoneo a porre il debitore ceduto nella consapevolezza della mutata titolarità attiva del rapporto obbligatorio (Cass. 18/10/2005 n ; Cass. 10/05/2005 n. 9761; Cass. 30/07/2004 n ; Cass. 12/5/1998 n. 4774), in considerazione dell'equivalenza alla stessa notificazione della prova della conoscenza dell'avvenuta cessione (Cass. 21/12/2005 n ; Cass. 26/04/2004 n. 7919), senza necessità, fra l'altro, di trasmettere a quest'ultimo l'originale o la copia autenticata della cessione, purché possa conoscerne gli elementi identificativi e costitutivi (Cass. 10/05/2005 n. 9761). Priva di pregio va ritenuta pertanto la eccepita mancata autenticità della firma apposta sul medesimo contratto, ritenuto che il cedente, con il suo intervento in giudizio quale parte ai fini dell'accertamento del credito, ha fra l'altro confermato inconfutabilmente l'avvenuta cessione e la validità estrinseca e formale dell'atto traslativo del credito, e considerato inoltre che nessuna norma privatistica prescrive che il contratto di cessione fra soggetti privati sia stipulato mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata, essendo un contratto a forma libera per la cui validità non ò prescritta dalla legge alcuna particolare forma. A norma dell'art comma terzo - del R.D. 18/11/1923 n e dell'art. 115 del D.P.R. 21/12/1999 n. 554, infatti, soltanto le cessioni di credito relative a debiti di un ente pubblico o di un ente locale sono efficaci solo se poste in essere con atto pubblico o con scrittura privata autenticata (Cass. 13/07/2004 n ). Non v'è dubbio quindi che dell'avvenuta cessione alla Mu. S.r.l. del credito vantato dal cedente Lo.Fr. in relazione ai danni subiti in conseguenza del sinistro per cui è causa., e che fra l'altro agisce nel présente giudizio ai fini del riconoscimento e dell'accertamento di detto credito, è stata data rituale e valida comunicazione ad entrambe le compagnie assicuratrici dei mezzi coinvolti in detto sinistro con la lettera raccomandata a/r di messa in mora ai sensi e per gli effetti dell'art. 149 del C.d.A. - D.Lgs. n. 209/ prodotta ed in atti, inviata nell'interesse del cedente e del cessionario ed alla quale è stata allegata copia dell'atto di cessione e del modulo di denuncia di sinistro a firma congiunta dei conducenti di entrambi i veicoli. La convenuta compagnia assicuratrice ha avuto pertanto conoscenza dell'esistenza della avvenuta cessione che deve ritenersi ad essa validamente ed efficacemente opponibile, avendone ricevuto idonea comunicazione ai sensi e per gli effetti di cui all'art c.c., a decorrere dalla data in cui detta cessione è pervenuta nella sfera della sua conoscibilità, e che è coincidente con la data di consegna riscontrabile sull'avviso di ricevimento della succitata lettera raccomandata a/r di messa in mora avvenuta in data 27/08/08 come rilevasi dalla documentazione prodotta ed in atti. In merito alla cedibilità del credito relativo al risarcimento diretto dei danni consequenziali ad un sinistro stradale da parte della compagnia assicuratrice del danneggiato, si evidenzia inoltre che il danneggiato da un sinistro stradale può vantare a sua discrezione il diritto al risarcimento, sia con la procedura dell'azione diretta ex art C.d.A. D.Lgs. n. 209/ nei confronti della impresa assicuratrice del responsabile del danno, e sia con la procedura del risarcimento diretto ex art. 149 di detto C.d.A. nei confronti della propria compagnia assicuratrice, la quale liquida il danno per conto dell'assicuratore del danneggiante che può intervenire nel giudizio intrapreso dal danneggiato ed estromettere l'assicuratore di quest'ultimo; e detta procedura di risarcimento diretto ex art. 149 C.d.A. è configurabile pertanto come una facoltà avente carattere alternativo, e non esclusivo, all'azione tradizionale per far valere la responsabilità dell'autore del danno (Sent. Corte Cost. n. 180 del 10/06/2009). Nel caso in questione, risulta invero ceduto il credito derivante dalla condizione di danneggiato del cedente che ne ha formulato rituale richiesta di risarcimento ex art. 149 del citato C.d.A. alla convenuta impresa assicuratrice del proprio veicolo, ed il fondamento di detta procedura di indennizzo diretto va dunque rinvenuto nella qualità di danneggiato e non di assicurato del proponente l'azione, come esplicitamente disposto da detto art. 149 del C.d.S. che non fa alcun riferimento alla necessaria coincidenza di danneggiato ed assicurato, potendo il primo essere soggetto diverso dal secondo e potendo detta azione essere, pertanto, esperibile da ogni danneggiato che ha titolo al risarcimento. Non v'è dubbio alcuno inoltre che, rappresentando il diritto al risarcimento del danno un diritto patrimoniale disponibile, al trasferimento del credito consegue l'esercizio delle azioni poste a sua tutela anche dalla legislazione speciale, e l'esercizio di tale azione da parte di colui che ne ha acquisito legittimamente il diritto per effetto di un contratto di cessione risponde, oltre che al principio della libera circolazione del credito, anche alle finalità poste dapprima alla base della legge /69 ed oggi del nuovo Codice delle Assicurazioni - D.Lgs. n. 209/2005. Per effetto della cessione, il credito ceduto è realizzabile pertanto dal cessionario, il quale è legittimato ad agire in sede giudiziaria in vece del cedente creditore originario, e quindi ad esperire tutte le azioni che spetterebbero a quest'ultimo (Ord. Cass. del 13/05/2009 n ). Si evidenzia altresì che detto credito risarcitorio, derivando da un sinistro stradale, non è da ritenersi un credito futuro in quanto sorge al momento stesso in cui si verifica l'evento (Cass. 05/11/2004 n ), a prescindere dall'accertamento del medesimo e dalle eventuali contestazioni sulla sua esistenza, ed è quindi un credito attuale, certo e cedibile sin dal verificarsi del fatto illecito indipendentemente dalla sua liquidità ed esigibilità, dal momento che anche un credito non determinato nell'ammontare, oppure non esigibile, può essere oggetto di cessione (Cass. 24/05/2001 n. 7083). Non può negarsi quindi che la Mu. S.p.A. ha, ai sensi e per gli effetti dell'art. 100 c.p.c., un interesse giuridico concreto, attuale e meritevole di tutela, per agire in giudizio nei confronti dei convenuti Ce. S.r.l. e Nu. S.p.A., in persona dei loro rispettivi legali rappresentanti pro - tempore, avendo dato prova documentale di avere ricevuto la cessione del credito relativo ai danni subiti dal

5 cedente Lo.Fr. in conseguenza del sinistro per cui è causa, il quale, agendo nel presente giudizio al fine del riconoscimento e dell'accertamento del credito ceduto, contrariamente a quanto eccepito dalla convenuta (compagnia assicuratrice, è altresì titolare di un proprio interesse giuridico concreto, attuale e meritevole di tutela ai sensi e per gli effetti dell'art. 100 c.p.c. Nel merito, le risultanze di causa sono tali da far ritenere che le pretese risarcitorie di parti attrici sono fondate e vanno pertanto accolte per quanto di ragione. La descrizione della dinamica del sinistro per cui è causa, così come prospettata da dette parti attrici, trova infatti conferma nella sottoscrizione congiunta del relativo modulo di denuncia di sinistro da parte di entrambi i conducenti dei mezzi che vi sono rimasti coinvolti e che è stato compilato in tutte le sue parti in ottemperanza al disposto di cui all'art. 143 del C.d.A. Detto modulo prodotto ed in atti, la cui sottoscrizione deve intendersi riconosciuta ai sensi e per gli effetti dell'art. 215 c.p.c. dai convenuti contumaci Ce. e Sc. S.r.l., quale proprietaria dell'autocarro (...) Mod. (...) targato (...), e Re.Gi., quale conducente di del veicolo, assume efficacia di prova legale anche nei confronti della compagnia assicuratrice in merito alle dichiarazioni in esso contenute e va ritenuto veritiero come disposto dall'art comma - C.d.A., non essendo stata fornita "ex adverso", da parte dell'impresa di assicurazione convenuta, alcuna prova contraria relativamente alle circostanze e modalità del verificarsi del sinistro ed alle sue conseguenze come esposte in detto documento. Detto convenuto Re.Gi., che non si è costituito in giudizio ed è rimasto contumace, senza addurre alcun giustificato motivo non si è neppure presentato a rendere il deferitogli interrogatorio formale, con consequenziale valutazione della mancata resa di detto mezzo di prova ai sensi del combinato disposto degli artt. 116 e 232 c.p.c., per cui, unitamente al contegno processuale dello stesso, si è indotti a ritenere come ammessi i fatti dedotti in detto interrogatorio in quanto non reso. Secondo le risultanze istruttorie, deve pertanto dedursi che l'autovettura (...) targata (...) di proprietà del Pi.Fr. e condotta da Lo.Ma., mentre percorreva regolarmente sulla propria destra ed a moderata velocità il viale (...), giunta all'altezza dell'assessorato Agricoltura, veniva urtata dall'autocarro (...) Mod. (...) targato (...) di proprietà della convenuta Ce. S.r.l. e condotto dal convenuto Re.Gi. Quest'ultimo, provenendo da tergo, nel sorpassare la succitata autovettura (...) di parte attrice, effettuava una repentina manovra di conversione sulla destra della carreggiata, vendo a creare le condizioni per il verificarsi dell'impatto fra i due mezzi. Non v'è dubbio pertanto che in tale circostanza detto convenuto conducente del succitato autocarro non ottempera al disposto di cui all'art. 154/1 comma del C.d.S., per non essersi preventivamente assicurato di poter effettuare tale manovra di spostamento della sua direttrice di marcia senza creare intralcio o pericolo agli altri utenti della strada, ed avendo omesso di osservare ogni elementare regola di prudenza e diligenza al fine di salvaguardare la sicurezza stradale. La responsabilità del sinistro, ritenendosi superata in assenza di prova contraria la presunzione di pari concorrente responsabilità di cui all'art comma 2 - c.c., va pertanto interamente ascritta a carico di detto convenuto Re.Gi., nessuna responsabilità essendo addebitabile, neppure parzialmente concorsuale, alla conducente l'auto di parte attrice. Per la quantificazione del danno subito dall'autovettura di detta parte attrice in conseguenza diretta del sinistro in questione, ci si richiama alle risultanze cui è pervenuto il nominato C.T.U., che si condividono in quanto risultati essere esenti da errori di valutazione e da vizi logici ed inoltre perfettamente esaustivi dei quesiti richiestigli. Il C.T.U. ha accertato che i danni riportati nell'occorso dalla succitata autovettura (...) tg. (...) sono conseguenza diretta dell'urto subito lungo l'intera fiancata laterale sinistra con un angolo di incidenza molto contenuto, ed ha valutato detti danni, che ha analiticamente specificati, nella somma complessiva di Euro 2.482,58, IVA inclusa, calcolata per differenza tra il valore di mercato e quello a relitto ed aggiungendo il F.R.A.M., ritenuto che il costo delle riparazioni, valutato in complessivi Euro 2.512,89, oltre Euro 502,58 per IVA, è risultato essere antieconomico per il fatto che detta autovettura, al momento del sinistro, aveva circa 8 anni di vita. Il danno subito da detta autovettura viene pertanto quantificato in via equitativa complessivamente nella somma di Euro 2.482,58 comprensiva di IVA, come da rigorosa ed ineccepibile valutazione fattane da detto C.T.U. Va inoltre accolta la richiesta di risarcimento della somma di Euro 576,00 comprensiva di IVA, che, come rilevasi dalla nota spese n. 232 del 08/09/08 prodotta ed in atti, è stata corrisposta alla Gl. S.r.l., con sede in via (...) di Belmonte Mezzago (PA), per il noleggio per giorni 4 (quattro) di una autovettura similare sostitutiva per il corrispondente periodo strettamente necessario per l'effettuazione delle necessarie ed indispensabili riparazioni della autovettura di parte attrice, per non essere stato possibile utilizzarla durante tale periodo ed essendosi resa pertanto necessaria la disponibilità di un'altra autovettura per lo svolgimento delle attività di relazioni quotidiane e per le finalità più svariate (Cass. 13/07/2004 n ; Cass. 14/12/2002 n ). Va accolta altresì la richiesta di risarcimento della somma di Euro 84,00 comprensiva di IVA, in quanto corrisposta, come si evince dalla nota spese n. 322 del 30/09/2008 prodotta ed in atti, alla predetta Gl. S.r.l., con sede in via (...) di Belmonte Mezzago (PA), per la perizia estimativa dei danni riportati dall'autovettura di parte attrice effettuata a causa del'inerzia della convenuta compagnia assicuratrice nella valutazione dei danni. Per quanto attiene la valenza probatoria di detta documentazione ci si richiama all'orientamento della Corte di Cassazione che si condivide e che ha statuito in merito che "esattamente il giudice del merito pone a fondamento della propria decisione, in ordine al quantum dei danni patiti dall'attore, fatture provenienti da terzi, atteso che la regola secondo cui la fattura non può costituire prova in favore della parte che la produce è applicabile solo nell'ipotesi in cui colui che la produce sia anche il suo emittente e invochi questa a fondamento della propria pretesa" (Cass. 10/02/2003 n. 1954). I convenuti pertanto sono obbligati in solido a corrispondere alla Mu. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, nella qualità di cessionaria del credito cedutole da Lo.Fr., la somma quantificata in via equitativa complessivamente in Euro 2.482,58, IVA inclusa, per danni al mezzo, oltre ad Euro 576,00 comprensiva di IVA per il noleggio di un'autovettura sostitutiva per giorni 4 (quattro) ed a Euro 84,00 per la perizia estimativa dei danni, oltre interessi legali compensativi decorrenti dal di del dovuto al soddisfo ed assorbenti la svalutazione monetaria.

6 Le spese del presente giudizio seguono il principio della soccombenza ex art. 91 c.p.c. e vengono liquidate come in dispositivo. Viste le risultanze di causa, si dispone la trasmissione di copia della presente sentenza all'isvap ai sensi e per gli effetti di cui all'art comma 10 - del C.d.A. - D.Lgs. 209/2005. La presente sentenza è provvisoriamente esecutiva ai sensi dell'art. 282 c.p.c. P.Q.M. Il Giudice Di Pace, disattesa ogni contraria istanza, eccezione e difesa, definitivamente pronunciando sulle domande proposte dalla Mu. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, quale cessionaria del credito cedutole da Lo.Fr., nei confronti dei convenuti Ce. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, Re.Gi. e della Nu. S.p.A., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore: - dichiara preliminarmente la contumacia dei convenuti Ce. e Sc. S.r.l. e Re.Gi., ritualmente citati e non costituitisi in giudizio; - come in motivazione, dichiara detto convenuto contumace Re.Gi., quale conducente l'autocarro (...) Mod. (...) targato (...) di proprietà del convenuto contumace Ce. S.r.l., unico responsabile del sinistro per cui è causa e per l'effetto condanna in solido detti convenuti Ce. e Sc. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, Re.Gi. e Nu. S.p.A., in persona del suo legale rappresentante pro - tempore, al pagamento in favore della Mu. S.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, nella qualità di cessionaria del credito cedutole da Lo.Fr., la somma come in motivazione quantificata in via equitativa in Euro 2.482,58, IVA inclusa, per danni al mezzo, oltre ad Euro 576,00 comprensiva di IVA per il noleggio di un'autovettura sostitutiva per giorni 4 (quattro) ed a Euro 84,00 per la perizia estimativa dei danni al mezzo, oltre interessi legali compensativi decorrenti dal di del dovuto al soddisfo ed assorbenti la svalutazione monetaria. Tenuto conto dell'esito del giudizio, condanna i predetti convenuti al pagamento in solido delle spese di giudizio a favore di parti attrici nella misura complessiva Euro 2.893,00, di cui Euro 243,00 per spese, Euro 1,200,00 per diritti ed Euro 1.450,00 per onorario, oltre al rimborso forfetario delle spese generali sull'importo dovuto per diritti ed onorario ex art. 14 D.M. n. 127/2004, e contributi previdenziali ed I.V.A. come per legge. Viste le risultanze di causa, si dispone la trasmissione di copia della presente sentenza all'isvap ai sensi e per gli effetti di cui all'art comma 10 - del C.d.A. - D.Lgs. 209/ La presente sentenza è provvisoriamente esecutiva ai sensi dell'art. 282 c.p.c.

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

La liquidazione del danno in Italia da incidente stradale causato da un veicolo straniero.

La liquidazione del danno in Italia da incidente stradale causato da un veicolo straniero. Congresso AvusR2012RM STUDIO LEGALE Avv. Francesco Pintucci Patrocinante in Cassazione Milano, via G. Donizetti n. 38 Tel. 02.76012724 Fax 02.76012725 info@pintucci.it-www.pintucci.it pec: francesco.pintucci@monza.pecavvocati.it

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli