1 LE ACQUE SUPERFICIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 LE ACQUE SUPERFICIALI"

Transcript

1 Abbiamo visto che solo il 3% dell acqua presente sulla Terra è acqua dolce. La maggior parte delle acque dolci del pianeta è conservata nei grandi ghiacciai delle regioni polari e in grandi serbatoi in profondità nel sottosuolo. Pertanto le falde acquifere sotterranee e i ghiacciai sono i grandi serbatoi di acqua dolce indispensabili per mantenere l equilibrio della circolazione di acqua che avviene continuamente sulla Terra ovvero il ciclo idrologico. Meno di un quarto di tutta l acqua del nostro pianeta, cioè solo lo 0,7% è direttamente utilizzabile: ecco perché l acqua è un bene così prezioso. 1 LE ACQUE SUPERFICIALI La quantità d acqua che scorre sulla superficie dei continenti dipende da alcune importanti fasi del ciclo dell acqua. Il transito delle acque all interno del ciclo è messo in moto dall azione di due fenomeni che agiscono in maniera opposta: l evapotraspirazione e le precipitazioni. l evapotraspirazione è il processo che comprende sia l evaporazione, il passaggio dell acqua dallo stato liquido a quello di vapore che interessa tutte le acque, sia continentali che oceaniche, sia la traspirazione dei vegetali: pertanto l evapotraspirazione è un fenomeno che sottrae acqua dalla superficie dei continenti quindi rappresenta l uscita del bilancio idrico; le precipitazioni meteoriche rappresentano invece le entrate del bilancio idrico, perché piogge e nevi riforniscono il sistema di acque dolci superficiali. Quando la quantità di acque meteoriche supera la quantità d acqua evaporata, l acqua che non viene trattenuta dai vegetali rimane sulla superficie terrestre e scorre su di essa, dando origine al fenomeno del ruscellamento. In questo modo l acqua può defluire verso i corsi d acqua e i laghi, costituendo quello che viene chiamato deflusso superficiale, oppure infiltrarsi nel sottosuolo fino a raggiungere le falde acquifere. Il bilancio idrologico, ovvero il conteggio fra le entrate e le uscite di acqua rispetto alla superficie terrestre è dato da: P = E + I + D dove: P = precipitazioni E = evapotraspirazione I = infiltrazione (acqua assorbita dal terreno) D = deflusso superficiale (acqua che scorre sulla superficie terrestre) Fig. 10 Il bilancio idrologico I numeri indicano le migliaia di km 3 d acqua scambiati tra terre emerse, atmosfera ed idrosfera 1

2 2 I FIUMI Le acque delle precipitazioni meteoriche che cadono sui continenti scorrono liberamente sulla superficie terrestre: esse vengono chiamate acque selvagge in quanto sono esse stesse, con la loro azione erosiva, a scavare nelle rocce i solchi e i canali entro cui scorrono. E da questi rivoli che ha inizio la vita dei fiumi Un fiume è un corso d acqua perennemente alimentato dalle precipitazioni, dalle sorgenti o dallo scioglimento delle nevi. Si distingue dagli altri corsi d acqua superficiali per la presenza in esso di acqua durante tutto il corso dell anno. I fiumi possono essere: a regime pluviale, cioè riforniti dalle piogge e dalle precipitazioni nevose; a regime nivale-glaciale, quando le loro acque hanno origine dallo scioglimento delle nevi d alta quota e dai ghiacciai. Un fiume e tutti i suoi affluenti, dal più grande ai minuscoli rivoli che scorrono sulle rocce, formano un reticolo idrografico. Il bacino idrografico di un fiume comprende il territorio in cui scorrono gli affluenti del fiume e da cui provengono tutte le acque che lo alimentano. Il bacino idrografico è delimitato dallo spartiacque, una linea immaginaria formata dalle creste e dalle cime dei monti che separano due bacini adiacenti. La linea spartiacque costringe le acque meteoriche a scorrere verso un bacino o verso l altro. Sotto forma di torrenti, rivoli d acqua o cascate le acque di un bacino idrografico si muovono per azione della forza di gravità verso il fondovalle, dove scorre il corso d acqua principale, il cui letto viene chiamato alveo o impluvio. Gli elementi più importanti che caratterizzano un fiume sono: la lunghezza: distanza fra la sorgente e la foce; Fig. 10 Bacino idrografico ed idrogeologico e linea spartiacque Il bacino idrografico è determinato dagli spartiacque superficiali, quello idrogeologico dagli spartiacque sotterranei la larghezza: distanza fra le due rive, si misura in metri ed è proporzionale al volume d acqua che vi scorre; la profondità: distanza fra la superficie d acqua e l alveo: giunge al massimo ad alcune decine di metri; la pendenza: rapporto tra il dislivello di sorgente e foce e la lunghezza del corso d acqua; la velocità: distanza percorsa dal corso d acqua nell unità di tempo; la portata: volume d acqua che passa nell unità di tempo, attraverso una sezione trasversale del corso d acqua: si misura in m 3 /s e varia da un punto all altro del fiume; nell arco di un anno la portata massima viene detta di piena mentre la portata minima viene detta di magra; il regime: è dato dalle variazioni di portata durante l anno e può essere costante o torrentizio; è costante quando fra portata massima e minima non si hanno variazioni rilevanti, mentre è torrentizio quando il flusso è irregolare, con piene e magre che si alternano. 2

3 Fig. 11 Elementi di un fiume e sua velocità tutti i corsi d acqua terminano con una foce, che è il punto in cui sboccano nel mare o in un lago o in un altro corso d acqua. La foce può essere: a delta quando è formata dalla suddivisione del corso d acqua in tanti rami che si allontanano tra di loro, occupando un area abbastanza ampia a forma di ventaglio; ad estuario quando ha una forma ad imbuto molto profondo e si forma in corrispondenza mari od oceani, con maree di notevole ampiezza. 3

4 2.1 L AZIONE DEI FIUMI: IL PAESAGGIO FLUVIALE L acqua corrente è il più efficace agente erosivo naturale del nostro pianeta. Scorrendo verso valle, l acqua erode il suolo e i materiali rocciosi e trasporta via i sedimenti. Le acque correnti modificano l aspetto del territorio su cui scorrono attraverso tre processi: EROSIONE TRASPORTO DEPOSIZIONE del materiale lungo l alveo del fiume e nell area immediatamente circostante il percorso del fiume A. EROSIONE dipende da velocità del fiume tipo di roccia o suolo su cui scorre L energia di cui è dotato un corso d acqua fa sì che al superficie su cui esso scorre venga intaccata a poco a poco; in questo caso si parla di erosione fluviale in senso stretto, perché l acqua opera lentamente, dal fondo o dalle sponde, un prelievo di materiale che si mescola all acqua stessa. Nell alto corso del fiume l energia cinetica è elevata. L acqua opera un prelevamento del materiale che forma l alveo modificando la forma dell alveo stesso. il fiume erode il letto e le sponde: si forma una valle con profilo trasversale a V. L abrasione fluviale è invece l azione meccanica di logorio operata da piccoli massi o ciottoli trascinati dalla corrente che nel loro percorso urtano e sgretolano i fianchi e il fondo del letto del fiume. Se l energia delle acque è molto elevata, i ciottoli rotolano vorticosamente scolpendo e scanalando la roccia fino a formare profonde cavità chiamate marmitte. Si chiama invece degradazione fluviale l insieme dei processi chimico-fisici determinati dal passaggio dell acqua del fiume (gelivazione, idrolisi, dissoluzione, ecc.) e dei fenomeni franosi che avvengono sulle sponde dei fiumi. Nella parte più alta del loro corso i fiumi possono scavavate rapidamente il loro letto formando le cascate. Fig. 13 Le caratteristiche del corso di un fiume 4

5 Fig. 14 Valle fluviale in cui si nota il tipico profilo trasversale a V. Fig. 15 L immagine A rappresenta una marmitta gigante; l immagine B rappresenta la cascata del fiume Iguaçu al confine tra Argentina e Brasile. B. IL TRASPORTO dipende dall energia cinetica della corrente: tanto maggiore sarà la sua energia tanto maggiore sarà la forza con cui la corrente sposta il materiale asportato. tutto ciò che il fiume muove e trasporta viene chiamato carico. In base al modo in cui vengono trasportati, i materiali che costituiscono il carico di un fiume vengono distinti in: sostanze disciolte nell acqua e che quindi vengono trasportate in soluzione materiali fini che si trovano in sospensione (limo e argilla) materiali di galleggiamento (che hanno quindi densità inferiore all acqua) come resti vegetali o pomici (rocce che presentano al loro interno molte cavità piene di aria e quindi hanno bassa densità) materiali grossolani o frammenti di roccia che costituiscono il carico di fondo e che vengono trasportai per rotolamento, per strisciamento, per saltazione Fig. 16 Trasporto di una corrente fluviale C. DEPOSIZIONE o SEDIMENTAZIONE Si verifica quando la velocità della corrente diminuisce e non è più in grado di trasportare tutto il suo carico. Questi grossi accumuli di materiale si depositano a valle 5 depositi alluvionali formando Alcune forme tipiche di deposizione fluviale sono: le pianure alluvionali che si originano con pendenze ridottissime: in esse il fiume rallenta la sua corsa formando meandri (ovvero delle curve) i conoidi di deiezione che si formano in corrispondenza di bruschi cambiamenti di pendenza, in genere quando il fiume arriva nella valle principale i delta che si formano dove le correnti marine sono troppo deboli per disperdere i depositi e gli estuari che si formano quando l azione erosiva del mare prevale sulla sedimentazione fluviale e la foce assume la tipica forma ad imbuto.

6 3 I LAGHI I laghi sono masse d acqua che apparentemente non scorrono e non sono in diretta comunicazione con il mare,accumulate in depressioni di dimensioni molto variabili. Normalmente l acqua dei laghi è dolce, ma nelle zone aride caratterizzate da una elevata evaporazione, la salinità può essere elevata: il Mar Morto ha una salinità che raggiunge i 275 g/l! I laghi sono generalmente alimentati da un fiume detto immissario, mentre viene detto emissario il fiume che allontana le sue acque dal lago stesso: per esempio il Ticino è l immissario del Lago Maggiore. Vi sono due tipi di laghi: quelli aperti, con un fiume che esce, quindi con un emissario, e quelli chiusi mancanti di emissari (Mar Caspio) o di immissari (lago di Bolsena) o di entrambi (lago di Albano). 3.1 TIPI DI LAGHI LAGHI RELITTI Come Come il Mar Caspio e il Mar d Aral. Hanno grandi dimensioni e acque salate perché hanno grandi bacini rimasti isolati a causa di fenomeni geologici. LAGHI TETTONICI Come il Tanganica, il Rodolfo e il Kiwu nell Africa orientale. Sono molto profondi perché si sono formati in depressioni provocate da movimenti delal crosta terrestre. LAGHI CRATERICI Come quelli di Albano e di Nemi nel Lazio; occupano i crateri di antichi vulcani spenti. LAGHI CARSICI - Si trovano nelle doline, che sono cavità scavate dall azione solvente delle piogge nelle zone carsiche, dove le rocce prevalentemente carbonatiche diventano argillose impermeabilizzando il fondo. LAGHI GLACIALI Sono laghetti alpini di dimensioni modeste, e quelli subalpini di dimensioni e profondità maggiori. Hanno avuto origine nelle conche scavate dai ghiacciai o dalle lingue glaciali in epoche geologiche recenti (Quaternario). Si dividono in laghi di circolo, come il Lago di Misurine nella nostra regione, e laghi vallivi, come quelli il lago di Garda, il lago Maggiore, il lago di como e d Iseo. LAGHI DI SBARRAMENTO si formano in una valle che per cause naturali viene ostruita da vari materiali nella parte più bassa, per cui le acque non defluiscono più normalmente. Si possono avere diversi tipi di sbarramento: lavico, morenico, di frana e costiero. 3.2 EVOLUZIONE DEI LAGHI I laghi non sono elementi stabili della crosta terrestre perché hanno una vita limitata, ovvero hanno un origine ma anche una fine causata dal progressivo riempimento operato dai detriti portati dai fiumi che si depositano sul fondo, o a causa delle mutate condizioni geografiche e climatiche. I laghi passano dunque da una fase giovanile di formazione a quella di maturità, di vecchiaia, di decadenza e di scomparsa diventando prima stagno, poi palude, poi torbiera ed infine si interrano completamente. Lo stagno è un bacino di raccolta poco profondo e di limitata estensione in cui si alternano spazi liberi e spazi ricchi di vegetazione. La palude è una zona in lieve depressione ricoperta da acque stagnanti e da vegetazione tipica, con piante fisse sul fondo e galleggianti. La torbiera in cui la vegetazione ha completamente ricoperto lo specchio d acqua. E un ambiente molto particolare, originato dal processo di decomposizione e di accumulo secondo una particolare stratificazione di muschi e altre piante che crescono in ambiente umido. Dopo che è stato raggiunto lo stadio di torbiera si ha la completa scomparsa del lago originario: questo fenomeno avviene in un tempo tanto minore quanto più piccole sono le dimensioni del lago. Quando l apporto di detriti colma completamente la depressione, si forma un nuovo ambiente che continua a modificare le proprie biocenosi fino a raggiungere l ecosistema di equilibrio: la foresta. Oltre ad essere fonte di risorse economiche (turismo, pesca, vela, ecc.) i laghi sono molto importanti anche sotto l aspetto climatico perché le loro acque presentano escursioni termiche meno accentuate di quelle delle terre circostanti e pertanto, se sono abbastanza grandi, esercitano un azione mitigatrice sul clima delle zone circostanti. 6

7 Fig. 17 Tipi di laghi 7

8 Fig. 18 Evoluzione di un lago 8

9 4 I GHIACCIAI Sulla Terra esistono due enormi aree coperte quasi interamente ricoperte da calotte glaciali: il Continente Antartico e la Groenlandia. Vi sono, inoltre, migliaia e migliaia di ghiacciai minori. Nel complesso circa l 11% delle terre emerse è coperto dai ghiacci. Nelle regioni polari il ghiaccio può derivare direttamente anche dal congelamento delle acque salate del mare. Si forma così la banchisa, costituita da lastre di ghiaccio spesse poche decine di centimetri. Nella stagione fredda esse vengono sospinte dalle onde si ammassano originando banchi spessi pochi metri e intrappolando i grandi blocchi di ghiaccio di origine continentale, gli iceberg. Durante l estate nella banchisa si aprono crepe e fessure che la frantumano in lastre mobili, i pack, che vanno alla deriva. Le calotte glaciali presenti in Groenlandia e in Islanda sono chiamate inlandsis e il loro spessore in certe zone supera i m. Gli inlandsis si estendono spesso fino al mare, dove i movimenti delle acque marine possono provocare appunto il distacco e lo spostamento dei grandi blocchi di ghiaccio, cioè degli iceberg. Fig. 19 Il monte Großvenediger e il ghiacciaio Schlatenkees, Austria 4.1 COME NASCE UN GHIACCIAIO I ghiacciai sono accumuli di neve compatta e ghiaccio, che formano un vero e proprio ammasso, simile per caratteristiche a un corpo roccioso. I ghiacciai si formano solo nelle regioni in cui si formano accumuli permanenti di masse nevose che, col tempo, si trasformano in ghiaccio. La neve, a sua volta, forma un manto nevoso persistente per tutto l anno (cioè non si scioglie mai) solo quando le precipitazioni avvengono al di sopra di una quota detta LIMITE DELLE NEVI PERSISTENTI. Quindi, perché si formi un ghiacciaio è necessario che le precipitazioni cadano soprattutto sotto forma di neve e che la temperatura estiva sia sufficientemente bassa, in modo che non si sciolga tutta la neve caduta in inverno. Il limite delle nevi persistenti varia in funzione della latitudine, dell altitudine e dell esposizione al Sole: nelle regioni equatoriali si aggira intorno ai m, sulle Alpi intorno ai m e al circolo polare artico è situato a circa 1 000m. 4.2 COME E FATTO UN GHIACCIAIO Un ghiacciaio è un grande ammasso di ghiaccio di origine continentale che, per azione della gravità, compie un lento movimento. Nelle regioni montuose il ghiaccio scivola lentamente lungo i versanti, mentre nelle calotte glaciali i ghiacci si muovono verso l esterno sotto la spinta del loro peso (come il miele versato in cun cucchiaino si spande lentamente tutto intorno). In un ghiacciaio si distinguono tre elementi strutturali fondamentali: il bacino di alimentazione o bacino collettore, la parte più elevata,che si trova sopra il limite delle nevi persistenti, in cui si accumula neve che poi si trasformerà in ghiaccio; il bacino ablatore o lingua glaciale, collocato sotto il limite delle nevi persistenti; è la zona in cui la fusione del ghiaccio prevale sull accumulo. E la parte che si muove verso il basso 9

10 (alla velocità di circa m l anno), trascinando con sé detriti di roccia ed esercitando un azione erosiva; la fronte, che è la parte terminale del ghiacciaio. La quota a cui si trova la fronte di un ghiacciaio può variare a seconda del bilancio fra ablazione ed alimentazione. Nei ghiacciai delle zone temperate la fronte arretra nel periodo estivo ed avanza in quello invernale. Fig. 20 Rappresentazione degli elementi strutturali di un ghiacciaio 4.3 COME SI CLASSIFICANO I GHIACCIAI Si classificano in: ghiacciai continentali, denominati inlandsis formati da estese calotte quasi completamente immobili. Sono presenti in Antartide, Groenlandia e Islanda, e costituiscono il 90% di tutti i ghiacciai del mondo. Il loro spessore supera i m. Gli inlandsis si estendono spesso fino al mare, dove i movimenti delle acque marine possono provocare il distacco e lo spostamento di grandi blocchi di ghiaccio, gli iceberg. ghiacciai di montagna, tipici delle zone temperate, ma diffusi a tutte le latitudini. Il tipico ghiacciaio di montagna è quello alpino, che deriva da accumuli di neve ad alta quota, che occupano depressioni (circhi) a forma di anfiteatro. Dal circo il ghiacciaio si estende verso valle formando lingue allungate che alimentano torrenti o laghetti. 4.4 L AZIONE DEI GHIACCIAI Il ghiaccio si comporta come un materiale plastico e per effetto della forza di gravità avanza verso valle. Come le acque correnti provoca fenomeni di: EROSIONE La capacità erosiva di un ghiacciaio dipende dalla velocità di scorrimento della massa glaciale. La pressione da esso esercitata sulle rocce poste ai margini e sul fondo del ghiacciaio fa sì che esso riesca ad insinuarsi fra le fenditure delle rocce stesse provocandone l allargamento; l alternanza di gelo e disgelo determina la loro frantumazione. Al suo passaggio, inoltre, il ghiaccio esercita una azione di abrasione sulle rocce del fondo e sulle pareti rocciose con cui viene a contatto. Tale azione è facilitata dalla presenza di frammenti rocciosi, spigolosi e appuntiti, che producono tipiche striature e scanalature sulle rocce che incontrano nel loro cammino. 10

11 Le particelle più fini del ghiaccio stesso operano invece un azione di levigatura. Gli spuntoni rocciosi su cui passa il ghiacciaio vengono così arrotondati e trasformati in basse collinette rocciose dette rocce montonate (vd fig. 21). Fig. 21 Rocce montonate nello Yosemite National Park, Stati Uniti. La superficie delle rocce è stata levigata dal passaggio del ghiacciaio. TRASPORTO All azione di erosione segue un azione di trasporto del materiale solido strappato dal fondo e dalle pareti rocciose o caduto lungo i crinali del ghiacciaio. Tutto il materiale detritico trasportato dal ghiacciaio prende il nome di morena e più precisamente: morena di fondo quando si trova a contatto con il substrato roccioso del letto del ghiacciaio; morena laterale, quando è trasportato sulla superficie ai argini del ghiacciaio; se si uniscono due morene laterali si forma una morena mediana. Fig. 22 Le morene. La morena di fondo è un accumulo di detriti che rimane anche dopo la fusione del ghiaccio; le morene laterali sono detriti sospinti dal ghiaccio contro le pareti della valle; le morene mediane sono creste che si formano dall unione di due morene laterali. DEPOSIZIONE La deposizione del materiale trasportato avviene quando il ghiaccio fonde, depositando il suo carico in caratteristici accumuli detti costruzioni moreniche. Queste sono costituite da materiali di dimensioni molto variabili, anche molto grandi (massi erratici), misti a materiali più fini. Si possono distinguere vari tipi di costruzioni moreniche, al cui nomenclatura rispecchia quella del carico trasportato: morene di fondo, che costituiscono gli accumuli del materiale che si trova tra la base del ghiacciaio e il letto roccioso e che al momento della fusione del ghiacciaio è rimasto sul posto; morene laterali, che rappresentano il deposito dei detriti trasportati tra il ghiacciaio e la parete della valle; morene frontali, che rappresentano l accumulo di materiale deposto in corrispondenza del fronte di fusione del ghiacciaio. Queste ultime segnano il limite massimo di un espansione glaciale e sono di solito disposte con la concavità rivolta verso monte formando il cosiddetto anfiteatro morenico. Tipici anfiteatri morenici sono quelli formatisi allo sbocco delle 11

12 principali valli alpine nella Pianura Padana (di Ivrea, dei laghi Maggiore, di Como, d'iseo e di Garda, del fiume Tagliamento). In Friuli-Venezia Giulia una località poco a nord di Udine si chiama proprio Morena. La principale modificazione del paesaggio provocata dai ghiacciai locali è costituita dalle cosiddette valli glaciali, che hanno versanti molto ripidi e fondo piatto e per questo motivo vengono chiamate valli ad U, a differenza delle valli a V incise dai fiumi. Fig. 23 Valle glaciale dal tipico profilo ad U. 5 - LE ACQUE SOTTERRANEE Quando le precipitazioni atmosferiche (pioggia, neve) raggiungono il terreno, l acqua non smette di muoversi: parte fluisce ( ruscellamento superficiale ) lungo la superficie terrestre fino a confluire nel reticolo idrografico (fiumi, laghi) parte è usata dalle piante parte evapora e ritorna all atmosfera parte si infiltra nel sottosuolo La maggior parte dell acqua si infiltra nel terreno, spinta dalla forza di gravità, e si accumula nel sottosuolo finché non incontra uno strato di roccia impermeabile, andando ad alimentare le falde che sono una vera e propria riserva di acqua. Fig.10 La permeabilità del sottosuolo Nel mondo l'acqua freatica rappresenta lo 0,35% dell'acqua della Terra e rappresenta circa il 20% delle acque dolci presenti sul nostro pianeta. L'acqua sotterranea è di fondamentale importanza nel mondo in 12

13 quanto rappresenta per l'uomo la più grande riserva di acqua potabile. L'acqua freatica può raggiungere la superficie terrestre attraverso le sorgenti o essere raggiunta attraverso i pozzi. Le acque sotterranee sono importanti perché: rappresentano il 20%, dell'acqua dolce presente nel pianeta; infatti, l 80% della riserva d acqua dolce è costituita da una risorsa non utilizzabile dall uomo (ghiacciai e ghiacci polari), e quindi le acque sotterranee costituiscono un patrimonio inestimabile, fondamentale per la vita e per lo sviluppo socioeconomico del pianeta; sono una risorsa rinnovabile anche se esauribile; forniscono il flusso di base di numerosi fiumi (che nei periodi di magra può arrivare fini al 90%); servono da tampone nei periodi di siccità; sono essenziali per la conservazione delle zone umide; tendono ad essere meno contaminate dagli scarichi e dai microrganismi patogeni e quindi sono frequentemente utilizzate come riserva d acqua potabile. L infiltrazione però non avviene in ugual misura attraverso tutti gli strati di roccia. Le rocce che si lasciano attraversare dall acqua sono dette permeabili, mentre quelle attraverso le quali l acqua non riesce a passare sono dette impermeabili. Le rocce all interno delle quali è contenuta l acqua vengono chiamati acquiferi. Tipicamente consistono di sabbie, ghiaie, calcari e basalti: l acqua riesce a passare attraverso gli spazi (o pori) tra un granello e l altro. Invece l argilla si impregna d acqua ma non la lascia passare, perché i pori tra una particella e l altra sono troppo piccoli. Gli strati che tendono a rallentare il flusso dell'acqua freatica, quali le argille e i limi, e le rocce impermeabili sono denominati strati impermeabili. Perché una roccia si possa considerare un buon acquifero, cioè possa contenere una grande quantità d acqua, deve essere porosa; occorre inoltre che i vuoti della roccia, oltre ad essere numerosi, siano comunicanti tra loro, altrimenti anche se contengono acqua, questa non può essere estratta. Fig. 11 La porosità del terreno influenza la penetrazione dell acqua in profondità: la sabbia e la ghiaia sono PERMEABILI perché i pori tra le particelle hanno pori grandi, mentre l argilla, che ha pori piccoli, è IMPERMEABILE. 5.1 COME SI FORMA UNA FALDA ACQUIFERA L acqua piovana si infiltra nel terreno procedendo verso il basso per effetto della forza di gravità, finché non incontra uno strato di roccia impermeabile; a questo punto l acqua, non potendo più procedere, tende a raccogliersi e a riempire tutti gli spazi vuoti e gli interstizi delle rocce e forma una falda acquifera E'uso comune confondere i termini acquifero e falda; un modo semplice per distinguerli è considerare 13

14 l'acquifero come il contenitore la falda come l'acqua in esso contenuta. La superficie della falda si chiama superficie freatica ( dal greco phréar pozzo ). In genere essa non è piatta, ma tende a seguire in forma addolcita l andamento della superficie terrestre. Essa separa due zone: la zona di aerazione ( al di sopra): essa è attraversata temporaneamente dall acqua delle precipitazioni atmosferiche e la zona di saturazione o falda freatica (al di sotto): essa è la principale riserva idrica da cui scaturiscono le sorgenti. Là dove la superficie freatica non arriva alla superficie del suolo, l acqua non può essere raggiunta per mezzo dei pozzi. La quantità d acqua estraibile da un pozzo dipende dalla ricchezza e dallo spessore della falda acquifera. Fig. 12 Rappresentazione schematica di una falda acquifera. La porosità della maggior parte dei terreni e delle rocce del sottosuolo consente alle acque meteoriche di penetrarvi per gravità, originando la falda acquifera. La superficie freatica separa la zona di saturazione da quella di aerazione. 5.2 ACQUIFERI LIBERI E ACQUIFERI CONFINATI Le falde acquifere possono essere libere o confinate. Una FALDA ACQUIFERA LIBERA o FREATICA si forma quando la superficie superiore, detta superficie freatica, può alzarsi od abbassarsi liberamente a seconda dell abbondanza delle piogge: il livello della superficie freatica si alza quando si hanno precipitazioni abbondanti e si abbassa nei periodi secchi. Dalle falde freatiche l acqua può essere prelevata mediante pozzi e con l utilizzo di pompe e secchi. Laddove la falda freatica affiora a livello del suolo, soprattutto lungo i versanti o le falde di una montagna, si formano le sorgenti:l acqua delle sorgenti può essere minerale, se è ricca di sali, oppure termale, se è calda perché in qualche modo connessa all attività vulcanica. La FALDA ACQUIFERA CONFINATA o ARTESIANA (dal nome della regione francese dell Artois) si forma dove l acqua, penetrando nel terreno, da una zona di ricarica permeabile, rimane imprigionata tra due strati di rocce impermeabili. Quindi, per il principio dei vasi comunicanti, se si scava un pozzo fino a raggiungere la falda artesiana, nel pozzo l acqua tende a risalire fino a raggiungere il livello della superficie detto livello piezometrico (cioè il livello che occuperebbe se non fosse imprigionata tra due strati impermeabili, spinta da una pressione che è tanto maggiore quanto più grande è la differenza di livello tra il punto in cui il pozzo ha intersecato il più alto dei due strati impermeabili e la superficie libera dell acqua. Quando il livello piezometrico si trova più in alto della superficie del terreno, l acqua zampilla e si forma un pozzo artesiano zampillante; quando invece tale livello è nel sottosuolo l acqua è saliente ed occorre una pompa per portarla in superficie. 14

15 Fig. 13 A. FALDA FREATICA: si forma quando, penetrando nel terreno, l acqua incontra uno strato impermeabile. Essa può affiorare in superficie formando una sorgente. B. FALDA ARTESIANA: si forma quando l acqua, penetrando nel terreno da una zona di ricarica, si trova intrappolata tra due strati di roccia impermeabili. Fig. 14 FALDA ARTESIANA Per il principio dei vasi comunicanti, l acqua imprigionata nella falda artesiana risale nei pozzi. Il livello piezometrico è il limite al quale l acqua sale nel pozzo artesiano. Quando il livello piezometrico si trova più in alto della superficie del terreno, l acqua zampilla(si ha un pozzo artesiano zampillante); quando tale livello è nel sottosuolo l acqua è saliente e occorre una pompa per portarla in superficie. IL PRINCIPIO DEI VASI COMUNICANTI Esso afferma che se si versa un liquido in un recipiente collegato con altri recipienti di forma e dimensioni diverse, esso si distribuisce in modo da raggiungere la stessa altezza in tutti i recipienti collegati, chiamati vasi comunicanti. Questo fenomeno si verifica perché un liquido cessa di scorrere da un recipiente all altro solo quando la pressione dell acqua detta pressione idrostaticaè uguale in tutti i recipienti: e poiché la pressione idrostatica è data dalla legge di Stevin = dove p = pressione idrostatica g = densità dell acqua h = altezza della colonna di liquido, questo avviene quando la colonna di liquido è uguale in tutti tre i recipienti. Se si versa dell altro liquido in uno dei recipienti il livello in questo recipiente si innalza, per cui sulla sua base ci sarà una pressione maggiore che spinge il liquido nel tubo di collegamento e via via negli altri recipienti collegati finché il livello dell acqua non diventa lo stesso. Un importantissima applicazione del principio dei vasi comunicanti si trova nella distribuzione dell acqua nelle case. L acqua delle sorgenti, dopo essere stata filtrata e resa potabile, viene pompata in un grande serbatoio, situato ad un altezza maggiore degli edifici da rifornire. Dal serbatoio, attraverso tubi comunicanti dai quali si diramano le colonne montanti per il servizio in ogni casa, l acqua sale fino ai piani più alti di ogni edificio perché tende a raggiungere un livello uguale a quello del serbatoio da cui proviene. 15

16 Bibliografia e Sitografia D.G. Mackean, Laura Masini Natura Terra e Vita T1 e T2 Ed Scolastiche Bruno Mondatori 2002 Gaia ritratto di un pianeta ed. De Agostini 2005 R. Cavallone Peretti GEOSFERA: la Terra e lo spazio ed. Bulgarini I. Neviani C. Pignocchino Feyles GEOGRAFIA GENERALE: la Terra nell UNIVERSO ed SEI R. Torchio, S. Monelli, E. Bruno L AMBIENTE NATURALE vol. 1 ed Bulgarini M.N. Forgiarini GEOLIBR - Corso di scienze della Terra ed. Il Capitello

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO

LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO Cognome... Nome... LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO Come abbiamo visto parlando del ciclo idrologico, l acqua che cade al suolo con le precipitazioni segue diversi percorsi: può evaporare, direttamente

Dettagli

8 - LE ACQUE SOTTERRANEE

8 - LE ACQUE SOTTERRANEE 8 - LE ACQUE SOTTERRANEE Con le precipitazioni giunge acqua al suolo; ad essa può aggiungersi quella di fusione dei ghiacciai e delle nevi nelle montagne più elevate. Una parte ruscella sulla superficie

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute geografia Gli elementi naturali : spazi terrestri e spazi acquatici Autore: Calegari Giuliana Anno 2011 1 Indice I vulcani..pag. 3 Il terremoto.pag.

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Ciclo idrologico nel bacino

Ciclo idrologico nel bacino Condensazione Evapotraspirazione Precipitazione Evaporazione Suolo Falda Precipitazione Intercettazione Ruscellamento Infilotrazione Ipodermico Ricarica Traspirazione Flusso di base Portata del fiume Evaporazione

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm Il Fiume http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2013-14 Classe III E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura 1 Le acque Un elemento naturale

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao

Acqua azzurra, acqua chiara. Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Acqua azzurra, acqua chiara Istituto Comprensivo della Galilla Scuola Media Dessì - Ballao Proprietà fisiche Ecosistemi acquatici Origine della vita Ciclo dell acqua Acqua Scoperte Sensazioni Leggi La

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Il fenomeno carsico carsismo

Il fenomeno carsico carsismo Foto MTSN Il fenomeno carsico carsismo Il termine carsismo deriva dalla parola Carso che indica una regione naturale delle Prealpi Giulie in Istria e Slovenia. Il fenomeno carsico carsismo Qui il fenomeno

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Scheda di geografia Il fiume e il lago IL FIUME E IL LAGO

Scheda di geografia Il fiume e il lago IL FIUME E IL LAGO IL IUME E IL LAGO 1 1. Osserva il disegno. Nella figura c è un percorso che parte dalla montagna ma non è una strada! Descrivi cosa vedi e dove finisce il percorso secondo te......... 2 TORRENTI MARE ALUENTE

Dettagli

Gabriele Pallotti (Università di Sassari) Un esempio di riscrittura: un testo di geografia

Gabriele Pallotti (Università di Sassari) Un esempio di riscrittura: un testo di geografia Tratto da: INSEGNARE ITALIANO L2 E L1, SEZIONE ITALIANO L2 E L1 PER STUDIARE, LA LINGUA DELLE DISCIPLINE, MIUR - Ufficio scolastico regionale del Piemonte Quaderno n. 6, Torino, settembre 2006 Gabriele

Dettagli

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA

Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Cognome... Nome... IL CICLO DELL ACQUA Nell idrosfera l acqua si sposta continuamente da un luogo all altro, seguendo un percorso di andata e ritorno detto ciclo dell acqua o ciclo idrologico; questo si

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

Scheda 1 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO FISICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 1 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO FISICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 1 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO FISICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento IL TERRITORIO Introduzione Il territorio è per sua natura un entità dinamica, esito delle

Dettagli

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico

15/02/2008 TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI. L approvvigionamento idrico Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA L approvvigionamento idrico Le sorgenti Emungimento

Dettagli

La risorsa acqua. Una risorsa fondamentale. Le proprietà chimiche dell'acqua. Le proprietà fisiche dell'acqua

La risorsa acqua. Una risorsa fondamentale. Le proprietà chimiche dell'acqua. Le proprietà fisiche dell'acqua La risorsa acqua Una risorsa fondamentale L'acqua è la risorsa più importante sulla Terra; è capace di cambiare il nostro pianeta dal punto di vista geologico e paesaggistico ed è grazie alla sua presenza

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Acquedotti: Le fonti di approvvigionamento e le relative opere

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE DEFINIZIONE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI...2 DEFINIZIONE DI AREE di RICARICA...3 DEFINIZIONE DI FALDE SUPERFICIALI

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Per la serie impianti indispensabili per le abitazioni, parliamo di impianto idrico-sanitario, ossia di quell impianto che rifornisce le abitazioni di acqua potabile. Purtroppo

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Consiglio Nazionale dei Geologi Fino all ultima goccia Forum Nazionale sull Acqua 18 19 ottobre 2011 Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Metodologie di protezione dei

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

Lineamenti Geografici

Lineamenti Geografici Peculiarità del continente Numerose peculiarità differenziano l'antartide dagli altri continenti della Terra. Innanzi tutto, si caratterizza per la presenza di una calotta glaciale che copre la quasi totalità

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA

PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA PROGETTO EDUCATIONAL CICLO IDRICO INTEGRATO PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA Anno scolastico 2013/ 2014 CICLO DELL ACQUA DISTRIBUZIONE E USO SOSTENIBILE DEPURAZIONE NON C È VITA SENZA ACQUA. L ACQUA È

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

Sulla Terra possiamo distinguere quattro parti strettamente connesse tra loro: 1. idrosfera 2. atmosfera 3. litosfera 4. biosfera Possiamo definire

Sulla Terra possiamo distinguere quattro parti strettamente connesse tra loro: 1. idrosfera 2. atmosfera 3. litosfera 4. biosfera Possiamo definire IL SISTEMA TERRA Sulla Terra possiamo distinguere quattro parti strettamente connesse tra loro: 1. idrosfera 2. atmosfera 3. litosfera 4. biosfera Possiamo definire la Terra un sistema, cioè un insieme

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Giornata della cultura 16 Marzo 2006 Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Prof. Giancarlo Spezie Attendiamo però i risultati del carotaggio di Dome-C (EPICA Project)

Dettagli

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili

Ciclo idrogeologico e bilancio. Ricarica e recapito delle acque sotterranee. Riserve e risorse sfruttabili Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Ciclo idrogeologico e bilancio Ricarica e recapito delle acque sotterranee Riserve e risorse sfruttabili Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi,

Dettagli

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE μm), è estremamente benefica nel buon comportamento del materiale nei confronti della formazione del ghiaccio: infatti queste micro-bolle fungono da vasi di espansione capaci di ospitare l acqua liquida

Dettagli

ECOSISTEMA FIUME. Introduzione

ECOSISTEMA FIUME. Introduzione ECOSISTEMA FIUME Introduzione Questa dispensa è rivolta in primo luogo agli insegnanti che hanno partecipato al progetto "Aule Verdi", scegliendo il modulo didattico "ecosistema fiume". Di seguito infatti

Dettagli

Conoscere l'acqua. Introduzione. La risorsa acqua. Una risorsa fondamentale. Le proprietà chimiche dell'acqua

Conoscere l'acqua. Introduzione. La risorsa acqua. Una risorsa fondamentale. Le proprietà chimiche dell'acqua Conoscere l'acqua Introduzione Tra cibo e acqua vi è un legame indissolubile e la rivoluzione dell'agricoltura ha avuto un pesante impatto sulle risorse idriche del pianeta. L'impoverimento di laghi, fiumi

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

CLIMI E ZONE CLIMATICHE

CLIMI E ZONE CLIMATICHE CLIMI E ZONE CLIMATICHE Tempo atmosferico e clima TEMPO ATMOSFERICO (O METEOROLOGICO) = Condizioni atmosferiche di breve durata, che esistono in un dato momento in una determinata area Il tempo atmosferico

Dettagli

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio Chi & dove Scuola Elementare di Manerbio Via Galliano, 10 25025 Manerbio Brescia manerbiodoc@ddmanerbio.it Classi coinvolte : Scuola Primaria - Classe

Dettagli

LEGGE DI STEVINO. La pressione non dipende dalla superficie della base del recipiente

LEGGE DI STEVINO. La pressione non dipende dalla superficie della base del recipiente LA PRESSIONE NEI LIQUIDI DOVUTA ALLA FORZA PESO In condizioni di equilibrio la superficie libera di un liquido pesante deve essere piana ed orizzontale. Liquido di densitàρ Ogni strato orizzontale di liquido

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

Cosa sono le acque continentali?

Cosa sono le acque continentali? Cosa sono le acque continentali? Le acque sulla terraferma, cioè all'interno dei continenti, nell'insieme prendono il nome di acque continentali e contengono una bassa concentrazione di sostanze disciolte,

Dettagli

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA.

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. MARI: SI TROVA AL CENTRO DEL MAR MEDITERRANEO I MARI CHE LA BAGNANO SONO : MAR LIGURE, MAR

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Acqua in cambio di energia. Lucia Grugni, 2 a C

Acqua in cambio di energia. Lucia Grugni, 2 a C Acqua in cambio di energia Lucia Grugni, 2 a C Energia idroelettrica L energia idroelettrica si ottiene sfruttando il movimento di grandi masse di acqua in caduta. Queste producono energia cinetica che

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Quiz di scienze l acqua

Quiz di scienze l acqua Quiz di scienze l acqua 1. Da cos e composta l acqua? Idrogeno e ossigeno Tanti piccoli animaletti trasparenti chiamati pesci acquiferi E uno dei misteri dell umanita, gli scienziati non sono ancora riusciti

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

UNITA N 6 IDROSFERA. http://cicloacqua.altervista.org/ciclo/cycle.html LA SALINITA DEI MARI

UNITA N 6 IDROSFERA. http://cicloacqua.altervista.org/ciclo/cycle.html LA SALINITA DEI MARI UNITA N 6 IDROSFERA Gli oceani sono enormi serbatoi d acqua, dai quali si alimenta in continuazione un processo ciclico, fatto di una fase ascendente, l evaporazione, e di una discendente, durante la quale

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE Tettonica a placche FRATTURAZIONE Della LITOSFERA MOVIMENTO Delle PLACCHE Placche Frammenti di litosfera Crosta continentale Crosta oceanica Crosta continentale + Crosta oceanica Cosa succede? Prima

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

DALLE SORGENTI AL RUBINETTO... IL PERCOrsO DI UNA GOCCIA

DALLE SORGENTI AL RUBINETTO... IL PERCOrsO DI UNA GOCCIA DALLE SORGENTI AL RUBINETTO... IL PERCOrsO DI UNA GOCCIA NOME... COGNOME... la MIA GUIDA é... 1 Gentili insegnanti, da oltre 10 anni Multiservizi propone un percorso di conoscenza della risorsa acqua alle

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

ENERGIA IDROELETTRICA. KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso

ENERGIA IDROELETTRICA. KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso ENERGIA IDROELETTRICA KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso DEFINIZIONE DI CENTRALE IDROELETTRICA CENTRALE IDROELETTRICA si intende una serie

Dettagli

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO LA POSIZIONE E IL MARE La POSIZIONE al centro del Mediterraneo e la forma peninsulare rendono

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Acqua di mare Gusto e odore Acqua e zona abitabile

Acqua di mare Gusto e odore Acqua e zona abitabile ACQUA L'acqua è un composto chimico con la formula chimica H2O. Una molecola di acqua contiene un ossigeno e due atomi di idrogeno legati da legami covalenti. L'acqua è un liquido a temperatura e pressione

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli