il Risarcimento diretto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il Risarcimento diretto"

Transcript

1 I. il Risarcimento diretto: strategie UTILIZZABILI DAl danneggiato PER ottenere il risarcimento del danno alle cose (giorgio Gallone) OBIETTIVO, p. 29 STRATEGIE: - Strategia A p. 32; Competenza, p. 42; Scadenze, p. 43; Formule, p Strategia B p. 46; Competenza, p. 51; Scadenze, p. 51; Formule, p Strategia C p. 58; Competenza, p. 61; Scadenze, p. 61; Formule, p. 62 CONSIDERAZIONI FINALI, p. 66 SOMMARIO OBIETTIVO Individuare le azioni processuali idonee a consentire ad un danneggiato da sinistro stradale di ottenere il risarcimento dei danni materiali dopo l infruttuoso esito della nuova procedura stragiudiziale prevista dagli artt. 149 e 150 del D.lvo 7 settembre 2005, n. 209 (c.d. Codice delle Assicurazioni). Caso In data 15 febbraio 2007 il veicolo condotto e di proprietà di Tizio viene tamponato sul lato posteriore dall autoveicolo condotto e di proprietà di Caio, riportando ingenti danni. L art. 149 Cod. ass. stabilisce che il danno riportato a seguito di un sinistro tra due veicoli a motore, entrambi identificati, immatricolati ed assicurati in Italia, come è quello occorso a Tizio, debba essere risarcito dall impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato, ovverosia da quella del danneggiato non responsabile dell incidente. Nella procedura di risarcimento diretto, disciplinata dagli artt. 149 e 150 e dal relativo regolamento di attuazione (D.p.r. 16 luglio 2006, n. 254), si attua, rispetto a quella ordinaria prevista dal combinato disposto degli artt. 145, I comma, e 148 del Cod. ass., uno spostamento ex lege dell obbligo risarcitorio [Gatta, Il codice delle assicurazioni private. Commentario al D.lvo 7 settembre 2005, n. 209, diretto da Capriglione, Padova, 2007, 508; Cu o c c i, La disciplina della responsabilità civile automobilistica nel codice delle assicurazioni private, in Resp. civ. 2006, 385]: questo passa dall assicuratore 29

2 Il risarcimento e la liquidazione del danno nella R.C.A. del responsabile del danno all assicuratore del danneggiato che è chiamato ad assumere la gestione del sinistro tanto nella sede stragiudiziale quanto in quella giudiziale. Alla base di una tale sostituzione dal lato passivo dell obbligazione risarcitoria vi è l obbligo legislativamente imposto alle compagnie di assicurazione operanti sul suolo italiano di attribuirsi reciprocamente gli incarichi liquidativi indispensabili per la concreta attuazione della procedura di risarcimento diretto (si vedano gli artt. 149, III comma, e 150, I comma, lett. e) Cod. ass., nonché l art. 13 del D.p.r. 16 luglio 2006, n. 254) [Ba l l a r a n i, Prime note sul sistema dell indennizzo diretto: la qualificazione giuridica del pagamento per conto dell impresa del responsabile e la c.d. azione diretta del danneggiato nei confronti della propria compagnia, in Ass., 2007, I, 3; Gallone, Commento sub art. 150 del Cod. ass., in Commentario al Codice delle Assicurazioni R.C.A. e Tutela Legale, II ed., Piacenza, 2009]. L intero sistema ruota intorno ad un fascio di reciproci mandati ex lege senza rappresentanza. Il nuovo sistema si ispira, nei suoi tratti essenziali, a quello adottato dalle imprese assicurative nel 1978 con la stipula della Convenzione CID [La Sp i n a, La procedura di risarcimento diretto in materia di responsabilità civile automobilistica, in Resp. civ. e prev., 2006, 967; Ca s s a n o, L azione di risarcimento nel nuovo codice delle assicurazioni, in Danno e resp. 2006, 373]. Il legislatore della riforma ha, quindi, convertito in termini di vincolatività legale regole di fonte convenzionale già sancite in precedenti accordi di settore [Ha z a n, La nuova assicurazione della r.c.a. nell era del risarcimento diretto, Milano, 2006, 23 e Pa r t i s a n i, L assicurazione obbligatoria dei veicoli a motore e dei natanti nel nuovo testo unico assicurativo, in Resp. civ. e prev., 2006, 763]. Mentre, però, la pregressa Convenzione CID operava su base volontaria, nella sola fase stragiudiziale ed entro determinati limiti quantitativi risarcitori, nel nuovo sistema la fonte delle relazioni intercorrenti tra le imprese non è più rinvenibile in un accordo volontario delle società assicuratrici, bensì nel dettato dell art. 13 del D.p.r. 254/2006 che, espressamente, rinvia alla Convenzione CARD per ciò che riguarda i comportamenti che le imprese devono tenere ai fini della regolazione dei rapporti organizzativi ed economici per la gestione del risarcimento diretto. La regolazione contabile dei rapporti tra le due imprese si verifica tramite il meccanismo della stanza di compensazione, la cui gestione è affidata alla CONSAP; il rimborso degli importi risarciti non avviene attraverso la restituzione dell integrale ammontare liquidato, ma è effettuato con la corresponsione di un forfait calcolato annualmente da un comitato tecnico. 30

3 L importo del forfait può essere superiore o inferiore rispetto alle somme corrisposte a titolo di risarcimento. Nella nuova procedura di risarcimento diretto esiste, pertanto, uno scollegamento tra la somma pagata al danneggiato e la misura della rivalsa; la previsione di un rimborso forfettario, anziché di quanto effettivamente liquidato dall impresa che ha sostenuto l onere risarcitorio, fa sì che l operazione non è neutra: vi è, infatti, un guadagno di quest ultima se il risarcimento erogato è inferiore al forfait, mentre vi è una perdita nel caso opposto. Tizio e Caio, essendo palese la responsabilità di quest ultimo nel verificarsi dell evento dannoso, redigono e sottoscrivono il modulo di denuncia di sinistro di cui all art. 143, II comma, del D.lvo 7 settembre 2005, n Questo modulo, approvato con provvedimento ISVAP n. 13 di data 6 febbraio 2008, ha il valore di confessione stragiudiziale nei rapporti tra i due conducenti; le dichiarazioni contenute nello stesso costituiscono, però, anche una presunzione juris tantum di veridicità nei confronti degli istituti assicuratori. La presunzione è superabile solo attraverso la prova contraria delle imprese di assicurazioni che il sinistro non si è in realtà verificato, o si è verificato con circostanze, modalità e conseguenze diverse da quelle descritte. Tizio, al fine di ottenere il giusto ristoro del pregiudizio subito, inoltra alla propria compagnia di assicurazione, Alfa Assicurazioni S.p.A., ed all assicuratore per la r.c.a. di Caio, Beta Assicurazioni S.p.A., la formale richiesta risarcitoria di cui all art. 145 del Cod. ass. a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Mentre la Beta Assicurazioni non fornisce alcun riscontro alla richiesta indirizzata da Tizio, la Società Alfa comunica a quest ultimo il diniego di offerta risarcitoria, assumendo una presunta incompatibilità tra gli ingenti danni riportati dai veicoli di Tizio e di Caio e la dinamica del sinistro descritta nel modulo di denuncia. Atteso il comportamento tenuto nella fase stragiudiziale dal proprio assicuratore Tizio, al fine di ottenere il giusto ristoro del pregiudizio subito, inoltra la richiesta risarcitoria anche a Caio, proprietario e conducente del veicolo investitore, e, dopo aver atteso inutilmente il decorso di sessanta giorni, decide di incardinare un giudizio. Nell ipotesi di sinistro tra due veicoli a motore entrambi identificati, assicurati ed immatricolati in Italia, l art. 149, VI comma, Cod. ass. prevede testualmente che in caso di comunicazione dei motivi che impediscono il 31

4 Il risarcimento e la liquidazione del danno nella R.C.A. risarcimento diretto, ovvero nel caso di mancata comunicazione di offerta o di diniego di offerta entro i termini previsti dall articolo 148, o di mancato accordo, il danneggiato può proporre l azione diretta di cui all articolo 145, II comma, nei soli confronti della propria impresa di assicurazione. Nel caso di specie, tuttavia, essendovi una contestazione in punto di an debeatur da parte dell assicurazione del veicolo utilizzato (Alfa Assicurazioni), la proposizione di un giudizio nei soli confronti di quest ultima senza la presenza di Caio renderebbe particolarmente gravoso l accertamento del fatto storico nonché della responsabilità dei soggetti coinvolti nel sinistro. Si profila, pertanto, la necessità per Tizio di individuare il soggetto e/o i soggetti da convenire in giudizio onde poter ottenere l integrale risarcimento dei danni patiti. L attuale normativa prevede, infatti, diverse possibilità per il danneggiato che intende agire in sede contenziosa: a) azione aquiliana nei confronti del responsabile del danno ex art c.c.; b) azione ex art. 149, VI comma, Cod. ass. nei confronti dell assicuratore che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato, con la presenza o meno in giudizio del responsabile del danno; c) azione ex art. 144, I e III comma, Cod. ass. nei confronti del responsabile del danno e dell assicuratore per la r.c.a. che copre la responsabilità di quest ultimo. STRATEGIE STRATEGIA A L Azione giudiziale esperita nei soli confronti del responsabile del danno ai sensi dell art c.c. Tizio potrebbe citare in giudizio il solo responsabile del danno ai sensi dell art c.c. Gli artt. 145, II comma, e 149, VI comma, del Codice statuiscono che nell ipotesi di sinistro tra due veicoli a motore, entrambi identificati, immatricolati ed assicurati in Italia, il danneggiato, una volta decorso infruttuosamente lo spatium deliberandi, può proporre l azione diretta nei soli confronti della propria impresa di assicurazione. La nuova procedura di risarcimento diretto, così come la relativa azione diretta, è stata introdot- 32

5 ta dal legislatore codificante al fine di fornire alle vittime di sinistri stradali un ulteriore strumento di tutela finalizzato ad ottenere, in tempi brevi, il risarcimento dei danni patiti. Il danneggiato continua, comunque, ad essere legittimato ad esperire tutte le altre azioni previste dall ordinamento. D altronde lo stesso art. 18 della legge n. 990/1969, introduttivo dell azione diretta nei confronti dell assicuratore del responsabile del danno, non escludeva l esperibilità dell azione per responsabilità aquiliana nei confronti dei danneggianti (v., ex multis, Cass. 11 giugno 2008, n ). Come rilevato 35 anni fa nella prima decisione resa dalla S.C. (Cass. 7 giugno 1974, n. 1718) in tema di assicurazione obbligatoria per la r.c.a. l eventuale abolizione del principio fondamentale secondo cui il danneggiato da sinistro stradale, a prescindere dall azione diretta contro l assicuratore, ha diritto di pretendere il risarcimento dal responsabile del danno ai sensi degli artt c.c. e 2054 c.c. avrebbe richiesto, per l enorme portata innovativa, un espressa statuizione al riguardo. Di recente sempre la Suprema Corte di Cassazione (Cass. 28 maggio 2007, n ) ha ribadito che in tema di responsabilità derivante dalla circolazione dei veicoli a motore la vittima può esperire sia l azione ex art c.c. nei confronti dei soggetti responsabili indicati da tale norma, e, quindi, del conducente del mezzo, nonché di uno dei responsabili di cui al III comma di detta norma, sia l azione diretta nei confronti dell assicuratore ex art. 18 L. n. 990/69 (ed ora ai sensi dell art. 144 del D.lvo n. 209 del 2005) (v. anche, in senso conforme, Cass. 8 giugno 2007, n ; Cass. 12 maggio 2005, n ; Cass. 16 ottobre 2001, n ; Cass. 13 marzo 1996, n. 2056; Cass. 1 giugno 1995, n. 6128). Di certo non è contestabile il fatto che la vittima di un sinistro stradale sia astrattamente titolare di una duplicità di azioni, autonome e cumulabili, vale a dire proponibili separatamente, come pure cumulativamente, entrambe di natura extracontrattuale e nascenti dal medesimo fatto illecito di circolazione, ovverosia quella esperibile ai sensi dell art. 144, I comma, del Cod. ass., e quella proponibile ex art c.c. (Cass. 16 ottobre 2001, n ; Cass. 18 maggio 2001, n. 6824; Cass. 12 febbraio 1998, n. 1471; Cass. 3 maggio 1990, n. 3634). Stante la medesima ratio posta alla base dell azione diretta ex art. 144 e di quella prevista dall art. 149 Cod. ass., tali principi debbono trovare applicazione anche in caso di sinistro rientrante nell ambito di applicazione della procedura di risarcimento diretto. In ragione di ciò la dottrina maggioritaria [Bu g i o l a c c h i, Procedura di risarcimento «diretto»: dai dubbi interpretativi alla disapplicazione del nuovo sistema?, in Resp. civ. e prev. 2008, 633; 33

6 Il risarcimento e la liquidazione del danno nella R.C.A. Gallone, Commento sub artt. 141 e 149 del Cod. ass., in Commentario al Codice delle Assicurazioni Tutela Legale, Piacenza, 2008, 352 e 609; Sella e Negro, L infortunistica stradale. Responsabilità, assicurazione, risarcimento, Torino, 2008, 210; Rossetti, Le assicurazioni. L assicurazione nei codici, le assicurazioni obbligatorie, l intermediazione assicurativa, a cura di La To r r e, Milano, 2007, 837; Ca s s a n o, Codice delle assicurazioni, Milano, 2006, 149], sin dall emanazione del D.lvo 7 settembre 2005, n. 209, ha ritenuto che l art. 149, ai sensi del quale, nelle ipotesi legislativamente previste, l eventuale giudizio può essere promosso dal danneggiato nei soli confronti della propria impresa di assicurazione, non ha abrogato l azione aquiliana di cui all art c.c. I limiti imposti dalla legge delega al Codice delle Assicurazioni (v. art. 4, I comma, lett. a) e b), della l. n. 229/2003) non consentivano, infatti, al legislatore di escludere le azioni già precedentemente previste dall ordinamento in favore del danneggiato; come correttamente evidenziato dalla miglior dottrina [Pe c c e n i n i, Guida breve alla nuova disciplina dell assicurazione della r.c.a, Padova, 2006, 59] si configurerebbe una grave e palese violazione degli artt. 3, 24 e 76 Cost. se al danneggiato, qualora ricorressero i requisiti per l applicazione della procedura di risarcimento diretto, fosse preclusa la facoltà di promuovere un giudizio risarcitorio nei confronti del responsabile del danno ex art c.c., obbligandolo a convenire in giudizio il solo istituto assicuratore del veicolo utilizzato. Questa interpretazione del dettato normativo è stata di recente accolta dalla stessa Corte Costituzionale la quale, chiamata ad esaminare la conformità degli artt. 149 e 150 Cod. ass. in relazione agli artt. 3, 24 e 76 della Costituzione ha ribadito, con le ordinanze n. 441 del 23 dicembre 2008 e n. 180 del 19 giugno 2009, che i Giudici hanno l obbligo di interpretare in maniera costituzionalmente orientata le norme sospettate di illegittimità: le disposizioni introdotte dal Codice delle Assicurazioni si limitano a rafforzare la posizione dell assicurato rimasto danneggiato, considerato soggetto debole, legittimandolo ad agire direttamente nei confronti della propria compagnia assicuratrice, senza peraltro togliergli la possibilità di fare valere i suoi diritti secondo i principi della responsabilità civile dell autore del fatto dannoso (per un applicazione di tale principio nella giurisprudenza di merito si veda G.d.p. Frosinone 11 marzo 2008, in Arch. Giur. Circ. e Sin. 2008, 548; Trib. Torino 11 ottobre 2007, in Arch. Giur. Circ. e Sin. 2008, 65; Trib. Santa Maria Capua Vetere 22 agosto 2007, in Resp. e ris 2007, 9, 50). Una simile interpretazione rafforza, infatti, la posizione del soggetto debole, ponendosi in armonia 34

7 con i principi costituzionali e con la normativa comunitaria [Ca l ò, Brevi note in tema di procedure risarcitorie, azioni dirette ed azione aquiliana ex art c.c., in Arch. Giur. Circ. e Sin. 2008, 1061]. Tornando, quindi, al caso prospettato, la prima strategia processuale attuabile potrebbe essere proprio quella di convenire nel giudizio risarcitorio esclusivamente il responsabile del danno Caio ai sensi dell art c.c. Secondo un principio costantemente affermato dalla Suprema Corte (Cass. 31 maggio 2006, n ; Cass. 13 febbraio 1998, n. 1561), le dichiarazioni contenute nel modulo a firma congiunta costituiscono una confessione stragiudiziale che produce i suoi effetti tipici solo nei limiti in cui vengano fatte valere in una controversia in cui siano parti in senso processuale quegli stessi soggetti che furono l autore ed il destinatario della dichiarazione. In assenza del responsabile il modulo a firma congiunta non avrebbe valenza assoluta ed incontestabile all interno del giudizio, essendo liberamente valutabile dal giudice al pari di qualsiasi altra prova acquisita al processo (Cass. 25 marzo 1999, n. 2819; Cass. 23 gennaio 1997, n. 689; Cass. 2 aprile 1996, n. 3055). A questo punto, notificato l atto di citazione, potrebbero profilarsi tre differenti scenari processuali: 1) Stante il chiaro disposto dei commi II e IV dell art c.c., che conferiscono all assicurato il diritto di chiamare in causa il proprio assicuratore per ivi sentirlo condannare al pagamento diretto in favore del danneggiato, e ciò anche in assenza di una sua specifica richiesta (Cass. 9 agosto 2003, n ; Cass. 24 aprile 2001, n. 6026), Caio potrebbe costituirsi in giudizio e, ammettendo la propria responsabilità, chiedere di essere autorizzato dal Giudice, ai sensi dell art. 106 c.p.c., a chiamare in garanzia l impresa con il quale ha stipulato il contratto obbligatorio al fine di essere tenuto indenne da ogni pretesa avanzata dal danneggiato nei suoi confronti (cfr. Cass. 20 febbraio 1998, n. 1784). In tal caso il responsabile-assicurato ha diritto di far valere la garanzia nei confronti dell unico soggetto al quale è legato da un vincolo contrattuale, vale a dire il proprio assicuratore per la r.c.a. Beta Assicurazioni; tra l altro Caio, confidando nella promessa di un servizio migliore rispetto a quello offerto da altri assicuratori, ha operato la scelta di assicurarsi con la Società Alfa Assicurazioni alla quale corrisponde un premio elevato che, però, è commisurato alla prestazione posta a carico della compagnia. 35

8 Il risarcimento e la liquidazione del danno nella R.C.A. Per quanto riguarda l operatività dell istituto del litisconsorzio necessario di cui all art. 144, III comma, del t.u., se il danneggiato esperisce l azione esclusivamente nei confronti del danneggiante, e questi chiama in causa per il rapporto di garanzia il proprio assicuratore, non si verifica l ipotesi di litisconsorzio processuale, né si aggiunge all originaria azione di responsabilità aquiliana l azione diretta contro l assicuratore (Cass. 24 aprile 2001, n. 6026). 2) Caio, convenuto in giudizio, potrebbe decidere di accettare il contraddittorio senza chiamare in garanzia la compagnia di assicurazione presso il quale ha stipulato il contratto per la r.c. auto. Una simile evenienza potrebbe verificarsi, ad esempio, nel caso in cui il danneggiante, ritenendo che il danno provocato sia di modesta entità, riconosca la propria responsabilità al fine di non subire l aumento del premio assicurativo derivante dall operatività di una clausola bonus malus. In tal caso Caio si difenderebbe in maniera autonoma con tutte le relative conseguenze, e ciò sia in ordine alla propria responsabilità che alle obbligazioni risarcitorie a questa conseguenziali [Co l o m b i n i, Il risarcimento del danno nel Codice delle Assicurazioni, in Arch. Giur. Circ. e Sin. 2007, 765]. 3) Caio, infine, potrebbe decidere di non partecipare al giudizio a mezzo di un proprio difensore, affidandosi alla propria compagnia di assicurazione: questa dovrebbe costituirsi in giudizio assumendosi l onere di difendere il proprio assicurato in virtù del patto di gestione della lite sottoscritto al momento della stipula del contratto di assicurazione. L effettivo comportamento dell impresa potrebbe, però, essere quello di non costituirsi per sottrarsi alle conseguenze, oppure per ottenere i benefici, derivanti dai vincoli dalla stessa assunti con la sottoscrizione della Convezione tra assicuratori per il risarcimento diretto (CARD), stipulata in attuazione dell art. 13 del D.p.r. 18 luglio 2006, n. 254 [Gallone, Commento sub art. 149 del Cod. ass., in Commentario al Codice delle Assicurazioni R.C.A. e Tutela Legale, II ed., Piacenza, 2009]. La norma operativa allegata all art. 20 della CARD dispone, infatti, che nel momento in cui l assicuratore del responsabile del danno viene a conoscenza che il proprio assicurato è stato citato in giudizio ex art c.c. può non assumerne la difesa, ma se informa l altro assicuratore non dovrà sopportare tutti i costi conseguenti all esito negativo del giudizio ma soltanto il pagamento dell importo corrispondente al forfait di competenza. L impresa gestionaria, una volta informata della pendenza della causa, interverrà in giudizio, costituendosi, se lo ritiene opportuno, anche per il danneggiante-convenuto. 36

9 Qualora, infatti, non intervenisse, i costi subiti dalla compagnia del responsabile del danno per quanto risarcito al danneggiato, ivi comprese le spese di assistenza legale di quest ultimo e le spese di resistenza, le verrebbero integralmente addebitati fuori stanza di compensazione, al netto dell importo del forfait di competenza che avrebbe sostenuto l assicuratore del responsabile del danno in assenza di contenzioso, così come previsto dalla norma operativa allegata all art. 20 della CARD. Gli effetti del nuovo sistema sarebbero, quindi, quelli di porre il danneggiante, regolarmente assicurato, nella condizione di rimanere contumace, ovvero di vedersi difeso da un impresa assicuratrice, quella gestionaria, alla quale non è legato da alcun tipo di rapporto. Tra l altro, nel caso di specie, il responsabile-assicurato Caio, confidando nella promessa di un servizio migliore, aveva proprio evitato di assicurarsi con la Società Beta Assicurazioni, ed aveva operato la scelta di assicurarsi con la Società Alfa Assicurazioni, corrispondendo un premio più elevato rispetto a quello richiesto dalla Società Alfa, ma commisurato alla prestazione posta a carico della compagnia. Nulla quaestio qualora si verifichi l ipotesi prospettata al punto 1). Con la costituzione di Caio, e la contestuale chiamata in garanzia della Beta Assicurazioni ex art. 106 c.p.c., il giudizio risarcitorio proseguirebbe non solo nei confronti di Caio ma anche della compagnia di assicurazione che copre la responsabilità di quest ultimo; all interno del processo verrebbe, quindi, accertata, attraverso le ammissioni di Caio effettuate all atto della sua costituzione in giudizio ed al momento della redazione della denuncia di sinistro nella fase stragiudiziale, la responsabilità dell autore dell illecito quale presupposto necessario per la sua condanna al risarcimento del danno cagionato e per la conseguente operatività della manleva da parte dell assicuratore in virtù del rapporto contrattuale. Per ciò che attiene all efficacia probatoria del modulo di denuncia di sinistro congiuntamente sottoscritto da Tizio e da Caio il II comma dell art. 143 del Cod. ass. testualmente afferma che quando il modulo sia firmato congiuntamente da entrambi i conducenti coinvolti nel sinistro si presume, salvo prova contraria da parte dell impresa di assicurazione, che il sinistro si sia verificato nelle circostanze, con le modalità e con le conseguenze risultanti dal modulo stesso. Tale disposizione, come statuito dalla Corte di Cassazione, attribuisce al modulo di constatazione amichevole firmato da entrambi i conducenti coinvolti nel sinistro l efficacia di prova legale nei confronti dell assicuratore: la stessa può essere vinta solo dalla prova contraria, che quest ultimo ha l onere di 37

10 Il risarcimento e la liquidazione del danno nella R.C.A. fornire (cfr. Cass. 16 aprile 1997, n. 3276). In subiecta materia il legislatore ha introdotto una presunzione iuris tantum di veridicità di quanto descritto nel documento, estendendo gli effetti probatori dello stesso anche all assicuratore (v. G.d.P. Torino 9 luglio 2002, in Giur. mer. 2003, 699; Pret. Catania 4 dicembre 1995, in Arch. Giur. circ. e sin. 1996, 223; Trib. Cosenza 7 giugno 1988, in Arch. Giur. circ. e sin. 1989, 710). In tal modo la dichiarazione compiuta dai due sottoscrittori cancella la rilevanza della presunzione di concorso di cui al II comma dell art c.c., e tale circostanza è superabile esclusivamente attraverso la prova contraria che il sinistro non si è in realtà verificato, o si è verificato con circostanze, modalità e conseguenze diverse da quelle descritte, prova che può essere offerta solo dagli istituti assicuratori, e ciò al fine di evitare frodi o truffe ai loro danni (Cass. 12 luglio 2005, n ; Cass. 22 marzo 2005, n. 6149; Cass. 4 marzo 2005, n. 4761). A questo punto, visto che nel giudizio Tizio ha depositato il modulo di denuncia a firma congiunta, la compagnia che si è costituita deve provare la non veridicità delle dichiarazioni contenute nello stesso. Non è, però, sufficiente che l assicuratore si limiti a contestare in maniera generica le dichiarazioni rese nel modulo dai conducenti, non costituendo una tale contestazione un mezzo di prova idoneo a superare la presunzione iuris tantum (Cass. 21 febbraio 2003, n. 2659; G.d.p. Torino 17 luglio 2002, AGCS 02, 866; G.d.p. Torino 19 agosto 1998, Giur. mer 99, 979). Qualora l assicuratore decidesse di difendersi sostenendo che vi è incompatibilità tra i danni lamentati dall attore e la dinamica del sinistro descritta nel modulo di denuncia di sinistro potrebbe chiedere al giudice di disporre la nomina di un consulente tecnico d ufficio. Trattandosi di un mezzo istruttorio affidato al prudente apprezzamento del giudice del merito quest ultimo potrebbe decidere di non procedere alla nomina qualora rilevasse che l accertamento del consulente tecnico d ufficio è stato invocato dall assicuratore per sottrarsi all onere probatorio cui è tenuta la parte, attenendo l indagine peritale unicamente alla valutazione dell oggetto della prova che deve essere fornita dal soggetto gravato dal relativo onere ex art c.c. (Cass. 14 febbraio 2006, n. 3191; Cass. 4 novembre 2002, n ; Cass. 10 dicembre 2002, n ). L attore, qualora la Società convenuta dovesse tendere attraverso la sua richiesta a supplire alla deficienza delle proprie allegazioni o offerte di prova, ovvero a compiere un attività esplorativa che miri a ricercare elementi, fatti o circostanze non provati (Cass. 6 aprile 2005, n. 7097), si opporrà alla nomina del consulente tecnico d ufficio. La possibilità che effettivamente si verifichi l ipotesi sub 2) costituzio- 38

11 ne di Caio senza chiamata in garanzia di Beta Assicurazioni sembra, invece, doversi ritenere più che marginale. A ben vedere, infatti, appare maggiormente plausibile che Caio, una volta costituitosi in giudizio, decida di chiamare in garanzia l istituto assicurativo che copre la sua responsabilità (Beta Assicurazioni) avvalendosi del patto di gestione della lite, parte integrante dei servizi assicurativi per i quali lo stesso ha pagato un importo a titolo di premio. A meno che Caio non intenda negare la propria responsabilità, e ciò provando che le affermazioni contenute nel modulo di denuncia ex art. 143, II comma, del t.u. non siano rispondenti a verità, ad esempio perché rilasciate per errore di fatto, oppure estorte da Tizio il quale abbia manifestato un comportamento violento nei suoi confronti subito dopo il verificarsi del sinistro, ovverosia in un momento in cui lo stesso si trovava in stato di agitazione. Tutte queste circostanze dovranno, però, essere rigorosamente provate. Giova, infatti, precisare come il sottoscrittore di un modulo non può modificare o integrare le risultanze che si ricavano dall esame dello stesso con successive dichiarazioni o prove di contenuto difforme da quanto è stato rappresentato (G.d.p. Torino 24 ottobre 2000, in Arch. Giur. Circ. e Sin. 2001, 210). A Caio non è neppure consentita la proposizione della querela di falso (Trib. Matera, 17 marzo 1993, in Inf. prev. 1993, 418). La confessione è, invero, dotata di efficacia vincolante sia nei confronti della parte che l ha resa, alla quale non è riconosciuta alcuna facoltà di prova contraria, sia nei confronti del giudice che, a sua volta, non può accertare diversamente il fatto confessato (Cass. 10 agosto 2000, n ). Anche la prova testimoniale diretta a contrastare le risultanze delle dichiarazioni rese dal confitente è inammissibile poiché la confessione rende prive di ogni valore probatorio tutte le prove contrarie derivanti da testimonianze, presunzioni, documenti, ecc. (v., tra le tante, Cass. 20 marzo 2001, n. 3975; Cass. 22 gennaio 1990, n. 328). Caio non può, pertanto, ritrattare la confessione adducendo, attraverso altri mezzi di prova, la verità di fatti contrari a quelli oggetto della stessa: la revoca è, infatti, ammessa solo nei casi tassativamente previsti e nei limiti consentiti dalla legge (G.d.p. Torino 13 aprile 1999, in Giur. mer. 1999, 979; Cass. 10 febbraio 1995, n. 1483; Cass. 3 febbraio 1995 n. 1309). In una simile ipotesi, quindi, Caio risulterebbe totalmente vincolato alle dichiarazioni da lui rilasciate e riportate nel modulo di denuncia sottoscritto da lui e da Tizio, salva la possibilità di provare che le stesse siano state rilasciate per errore di fatto ovvero estorte con la violenza. 39

12 Il risarcimento e la liquidazione del danno nella R.C.A. Qualora, infine, si verificasse l ipotesi sub 3), con la contumacia di Caio senza l intervento dell impresa gestionaria, il modulo di denuncia a firma congiunta potrebbe essere ritenuto dal giudice insufficiente a provare il fatto storico in quanto la contumacia del convenuto non introduce deroghe al principio dell onere della prova, né consente allo stesso di ritenere pacifici e non controversi i fatti dedotti, ma non provati dall attore (si pensi, ad esempio, alla circostanza dell effettiva provenienza delle dichiarazioni da parte del soggetto che ha sottoscritto il modulo) (Cass. 19 agosto 2003, n ; Cass. 11 luglio 2003, n ). In caso di contumacia, non essendo escluso il potere-dovere del giudice di accertare se da parte dell attore sia stata fornita dimostrazione probatoria dei fatti costitutivi e giustificativi della pretesa, sarà, quindi, onere di Tizio deferire l interrogatorio formale nei confronti di Caio sulle circostanze attinenti alla redazione e sottoscrizione del modulo. Tizio potrebbe, però, dubitare della solvibilità del convenuto per fatti sopravvenuti, ivi compresa la sua contumacia; di conseguenza l attore avrebbe interesse a formulare la domanda di risarcimento danni anche nei confronti dell assicuratore del convenuto contumace. Il giudice, a seguito della presentazione di un istanza nel corso della prima udienza da parte del difensore di Tizio, potrà, attesa la sussistenza di una comunanza di causa tra il responsabile civile ed il suo assicuratore per la r.c.a., ordinare l intervento della società assicuratrice di Caio ai sensi dell art. 107 c.p.c. (Cass. 14 giugno 2007, n ; Cass. 29 novembre 1985 n. 5928). A tal fine è utile riportare il principio di diritto recentemente ribadito dalla S.C. (Cass. 22 febbraio 2008, n. 4593), secondo la quale nel giudizio promosso dal danneggiato nei confronti del danneggiante-assicurato con azione risarcitoria in relazione ad incidente stradale, deve riconoscersi al giudice di primo grado, in applicazione dell art. 107 c.p.c., il potere di ordinare l intervento dell impresa assicuratrice del responsabile civile, sia al fine di un eventuale estensione nei suoi confronti della domanda attrice, sia in relazione all eventuale pretesa del convenuto di trasferire a suo carico le conseguenze della propria soccombenza verso il danneggiato, atteso che, nella particolare disciplina dell assicurazione obbligatoria introdotta dalla l. 24 dicembre 1969, n. 990, la stretta connessione del rapporto risarcitorio e del rapporto assicurativo comporta una situazione di comunanza di causa, giustificativa della suddetta chiamata iussu iudicis, anche in relazione ad un interesse generale di economia processuale e di evitare la possibilità di 40

13 giudicati contrastanti (nello stesso senso si veda G.d. P. Roma 14 febbraio 2008, in Arch. Giur. Circ. e Sin. 2008, 1056). Si tratta di una soluzione compatibile con il prioritario interesse di ordine pubblico di attuare l economia dei giudizi, nonché di evitare la creazione di giudicati contrastanti che possono insorgere quando vengono decise separatamente cause caratterizzate da elementi comuni. Giova, infatti, rilevare come la generale tendenza desumibile dai principi informatori delle leggi speciali in materia di r.c.a. sia proprio quella di favorire la concentrazione, in un unico contesto processuale, della trattazione dei problemi connessi al rapporto risarcitorio (assicuratore-danneggiato) ed al rapporto indennitario (assicuratore-assicurato) (Cass. 14 giugno 2007, n ). Qualora il giudice non disponesse la chiamata dell assicuratore, ex art. 107 c.p.c., Tizio dovrebbe attendere la conclusione del giudizio instaurato nei confronti di Caio, e la sentenza di condanna emessa nei soli confronti del responsabile civile potrebbe consentire a Tizio di ottenere il risarcimento del danno dall assicuratore di Caio: secondo la S.C. (Cass. 12 maggio 2005, n ; Cass. 16 gennaio 2001, n ) la sentenza di condanna al risarcimento del danno emessa nei confronti di Caio potrebbe avere efficacia riflessa nei confronti dell assicuratore per ciò che concerne la sussistenza dell obbligo risarcitorio dell autore dell illecito e del correlativo debito. In alternativa Tizio, una volta conclusosi positivamente il giudizio volto ad ottenere la condanna di Caio, qualora il credito non venisse soddisfatto a seguito dell insolvenza di quest ultimo, potrebbe proporre successivamente l azione diretta nei confronti del suo istituto assicuratore; in tale secondo giudizio Tizio dovrà, però, chiedere l accertamento della responsabilità di Caio e la condanna della sola Beta Assicurazioni, non essendo possibile richiedere, anche in tale causa, la condanna di Caio senza violare il fondamentale principio del ne bis in idem (Cass. 28 maggio 2007, n ). Nel diverso caso in cui Caio rimanga contumace ma intervenga volontariamente l impresa gestionaria, Tizio deferirà l interrogatorio formale del convenuto, Caio, a conferma della redazione e sottoscrizione del modulo di denuncia depositato in giudizio. In tale ipotesi sarà onere dell impresa gestionaria fornire la prova contraria prevista dal II comma dell art. 143 del Cod. ass. (relativamente al contenuto della prova contraria si veda quanto indicato nella STRATEGIA B a pag. 46; in caso contrario, le dichiarazioni contenute nel modulo avranno l efficacia di prova legale anche nei confronti dell assicuratore. 41

14 Il risarcimento e la liquidazione del danno nella R.C.A. COMPETENZA Le controversie aventi ad oggetto il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione di veicoli e di natanti rientrano nella competenza del Giudice di Pace qualora la causa abbia un valore non superiore all importo di ,00; ciò in quanto la Legge 18 giugno 2009, n. 69, recante Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, nonché in materia di processo civile, modificando l art. 7, II comma, c.p.c., ha elevato per tale tipo di controversie la competenza per valore del giudice di pace da ,71 ad ,00. Nell ipotesi in cui il valore della stessa esorbiti, invece, tale limite, la competenza spetterà al Tribunale in composizione monocratica. Secondo la giurisprudenza di legittimità (Cass. 18 gennaio 2005, n. 899; Cass. 11 dicembre 2000, n ; Cass. 18 aprile 2000, n. 5033) la competenza in esame rappresenta una competenza per materia con un limite di valore. Una nozione normativa di circolazione è rinvenibile nell art. 3, n. 9, del C.d.S. il quale definisce la stessa quale movimento, fermata e sosta dei pedoni, dei veicoli e degli animali sulla strada. Esiste, comunque, una sostanziale uniformità tra questa nozione di circolazione stradale e quella elaborata, a partire dalla metà del secolo scorso, dalla giurisprudenza e dalla dottrina in relazione all art c.c. (Cass. 9 gennaio 2009, n. 316; Cass. 22 maggio 2008, n ; Cass. 31 marzo 2008, n. 8305; Cass. 6 febbraio 2004, n. 2302; Cass. 9 maggio 2003, n. 7767). L unica differenza attiene al regime spaziale: secondo la S.C. (Cass. 1 agosto 2008, n ) la regola della competenza per materia è applicabile anche nel caso di circolazione avvenuta su strada o su area privata. Secondo un orientamento minoritario (Cass. 23 gennaio 2002, n. 746; Cass. 11 gennaio 2000, n ), ai fini della competenza per materia con un limite di valore, la circostanza che non sia applicabile l art c.c. non importa, di per sé, che il danno in questione non possa rientrare nella nozione di danno prodotto dalla circolazione di veicoli. Seguendo tale pensiero i fatti prodotti dalla circolazione non si esaurirebbero nell ambito delle ipotesi contemplate dall art c.c., comprendendo anche le azioni civili promosse in forza dell art c.c. L art. 7 c.p.c. non opera alcuna distinzione tra le varie tipologie di veicoli e di natanti; di conseguenza la norma si riferisce ad ogni tipo di veicolo e, quindi, anche a quelli viaggianti su rotaie (Cass. 28 marzo 2006, n. 7072). Per ciò che concerne, poi, il giudice territorialmente competente a conoscere della causa promossa da Tizio nei confronti di Caio si dovrà fare 42

15 esclusivo riferimento alla disciplina codicistica, ed in particolare a quanto statuito dagli artt. 18 e 20 c.p.c. Pertanto la causa potrebbe essere instaurata: 1) presso il giudice del luogo in cui Caio ha il domicilio o la residenza, ovvero, se questi sono sconosciuti, quello del luogo dove questi ha la dimora. Nel caso in cui Caio non avesse residenza, né domicilio né dimora nella Repubblica, ovvero se la sua dimora fosse sconosciuta, la causa potrà essere incardinata presso il giudice del luogo ove risiede l attore Tizio (art. 18 c.p.c.); 2) presso il giudice del luogo in cui è sorta l obbligazione da fatto illecito dedotta in giudizio, ovverosia il luogo ove si è verificato il sinistro stradale (c.d. forum commissi delicti, art. 20 c.p.c.). SCADENZE Trattandosi di un fatto illecito derivante dalla circolazione dei veicoli il diritto al risarcimento del danno si prescrive in due anni, secondo quanto previsto dall art. 2947, II comma, c.c. Qualora il conducente-proprietario non responsabile di un sinistro rientrante nell ambito applicativo della procedura di risarcimento diretto abbia anche riportato un danno alla persona di lieve entità (art. 139 del Cod. ass.), ed il fatto illecito integri astrattamente gli estremi del reato di lesioni colpose di cui all art. 590 c.p., il diritto ad ottenere il risarcimento del danno si prescriverà in cinque anni dal verificarsi dell incidente, ai sensi del III comma dell art c.c. Questo prevede che se il fatto è considerato dalla legge come reato, e per il reato è stabilita una prescrizione più lunga, questa si applica anche all azione civile, e ciò a prescindere dalla presentazione di una querela nei confronti dell autore materiale dell illecito (Cass. S.U. 18 novembre 2008, n ). 43

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 2013 1 INDICE PARTE PRIMA CARD DIRITTI

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 240107 1 Definizioni Agli effetti della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Consiglio Superiore della Magistratura *** Incontro di studio sul tema: Il codice delle assicurazioni private Roma, 12-14 marzo 2007 ***

Consiglio Superiore della Magistratura *** Incontro di studio sul tema: Il codice delle assicurazioni private Roma, 12-14 marzo 2007 *** Consiglio Superiore della Magistratura *** Incontro di studio sul tema: Il codice delle assicurazioni private Roma, 12-14 marzo 2007 *** Marco Rossetti L azione diretta del danneggiato nei confronti dell

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

La liquidazione del danno in Italia da incidente stradale causato da un veicolo straniero.

La liquidazione del danno in Italia da incidente stradale causato da un veicolo straniero. Congresso AvusR2012RM STUDIO LEGALE Avv. Francesco Pintucci Patrocinante in Cassazione Milano, via G. Donizetti n. 38 Tel. 02.76012724 Fax 02.76012725 info@pintucci.it-www.pintucci.it pec: francesco.pintucci@monza.pecavvocati.it

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza OPPOSIZIONE ALLE ORDINANZE-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SOMME A TITOLO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA: PRINCIPALI QUESTIONI ORGANIZZATIVE, ORDINAMENTALI E PROCEDURALI Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli