AVV. MARCO RODOLFI IL RISARCIMENTO DEL DANNO ALLA PERSONA: ULTIMI AGGIORNAMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVV. MARCO RODOLFI IL RISARCIMENTO DEL DANNO ALLA PERSONA: ULTIMI AGGIORNAMENTI"

Transcript

1 AVV. MARCO RODOLFI IL RISARCIMENTO DEL DANNO ALLA PERSONA: ULTIMI AGGIORNAMENTI

2 IL DANNO NON PATRIMONIALE NOVITA A) Il CONTENUTO ED IL SIGNIFICATO DEL DANNO NON PATRIMONIALE - B) LE MODALITA DI LIQUIDAZIONE DEL DANNO NON PATRIMONIALE (A FAVORE DELLA VITTIMA PRIMARIA E DEI CONGIUNTI)

3 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno non patrimoniale di cui all'art c.c., identificandosi con il danno determinato dalla lesione di interessi inerenti la persona non connotati da rilevanza economica, costituisce categoria unitaria non suscettiva di suddivisione in sottocategorie. Il riferimento a determinati tipi di pregiudizio, in vario modo denominati (danno morale, danno biologico, danno esistenziale), risponde ad esigenze descrittive, ma non implica il riconoscimento di distinte categorie di danno Di danno esistenziale come autonoma categoria di danno non è più dato discorrere (Cass. S.U., , n ; in senso conforme Cass. Sezioni Unite n , n e n ).

4 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Definitivamente accantonata la figura del c.d. danno morale soggettivo. La sofferenza morale, senza ulteriori connotazioni in termini di durata, integra pregiudizio non patrimoniale. Deve tuttavia trattarsi di sofferenza soggettiva in sé considerata, non come componente di più complesso pregiudizio non patrimoniale Ove siano dedotte degenerazioni patologiche della sofferenza, si rientra nell area del danno biologico, del quale ogni sofferenza, fisica o psichica, per sua natura intrinseca costituisce componente. Determina quindi duplicazione di risarcimento la congiunta attribuzione del danno biologico e del danno morale nei suindicati termini inteso, sovente liquidato in percentuale (da un terzo alla metà) del primo. Esclusa la praticabilità di tale operazione, dovrà il giudice, qualora si avvalga delle note tabelle, procedere ad adeguata personalizzazione della liquidazione del danno biologico (Cass. S.U., , n ; in senso conforme Cass. Sezioni Unite n , n e n ).

5 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO TUTTO CHIARO? - MODIFICATE LE TABELLE IN VIGORE (VEDI MILANO 2009 E ROMA)

6 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO IN VERITA CONTRASTO IN CASSAZIONE

7 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Poiché il danno biologico ha natura non patrimoniale ed il danno non patrimoniale ha natura unitaria, è corretto l operato del giudice di merito che liquidi il risarcimento del danno biologico in una somma ominocomprensiva, posto che le varie voci di danno non patrimoniale elaborate dalla dottrina e dalla giurisprudenza (danno estetico, danno esistenziale, danno alla vita di relazione, ecc.) non costituiscono pregiudizi autonomamente risarcibili (Cass n Respinta domanda di vedersi risarcito un grave danno estetico come danno alla vita di relazione ed esistenziale; in senso conforme Cass n ; Cass n ; Cass n ; Cass n e Cass n. 3718).

8 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO In senso conforme, cioè per l unitarietà del danno non patrimoniale e l inammissibilità della duplicazione delle voci di danno: La giurisprudenza di questa Corte ha affermato che nel nostro ordinamento non esiste l autonoma categoria del danno esistenziale, in quanto, ove in essa si ricomprendano i pregiudizi che scaturiscono dalla lesione di interessi di rango costituzionale della persona, ovvero derivanti da fatti-reato, essi sono già risarcibili ai sensi dell art cod. civ., con la conseguenza che la liquidazione di una ulteriore voce di danno si risolverebbe in una non consentita duplicazione risarcitoria; ove, invece, si intendesse includere nella categoria i pregiudizi non lesivi di diritti inviolabili della persona, tale categoria sarebbe illegittima, stante la non risarcibilità di simili pregiudizi in base al menzionato art (Cass. Civ. Sez. III, Rel Cirillo, Sent , n Respinta la domanda di riconoscimento del danno esistenziale per essere stato giudicato inidoneo al servizio in Polizia; in senso conforme Cass n ).

9 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Anche secondo il Consiglio di Stato: nel nostro ordinamento non è ammissibile l autonoma categoria del danno esistenziale, inteso quale pregiudizio alle attività non remunerative della persona, atteso che, ove in essa si ricomprendano i pregiudizi scaturenti dalla lesione di interessi della persona di rango costituzionale, ovvero derivanti da fatti-reato, essi sono già risarcibili ex art c.c., interpretato in modo conforme alla Costituzione. Pertanto la liquidazione di una ulteriore posta di danno comporterebbe una duplicazione risarcitoria, ove nel danno esistenziale si intendesse includere pregiudizi non lesivi di diritti inviolabili della persona, tale categoria sarebbe del tutto illegittima, posto che simili pregiudizi sono irrisarcibili, in virtù del divieto di cui all art c.c. (Consiglio di Stato n. 4464: respinta una domanda di risarcimento di danno non patrimoniale per illegittimo collocamento a riposo)

10 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Da ultimo: La Corte d Appello si è uniformata ai principi enunciati da questa Corte, per cui il danno esistenziale non costituisce un autonoma voce di danno risarcibile, ma costituisce un aspetto della più ampia categoria del danno non patrimoniale. Di tale aspetto va tenuto conto nel determinare la somma complessivamente spettante a titolo di risarcimento dei danni non patrimoniali in misura da determinare con riguardo alle circostanze del caso concreto (Cass n Rel. Lanzillo.)

11 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO NELLA MEDESIMA CORTE DI CASSAZIONE TUTTAVIA SI REGISTRANO DISSENSI

12 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno biologico (cioè la lesione della salute), quello morale (cioè la sofferenza interiore) e quello dinamico-relazionale (altrimenti definibile "esistenziale", e consistente nel peggioramento delle condizioni di vita quotidiane, risarcibile nel caso in cui l'illecito abbia violato diritti fondamentali della persona) costituiscono pregiudizi non patrimoniali ontologicamente diversi e tutti risarcibili; né tale conclusione contrasta col principio di unitarietà del danno non patrimoniale, sancito dalla sentenza n del 2008 delle Sezioni Unite della Corte di cassazione, giacché quel principio impone una liquidazione unitaria del danno, ma non una considerazione atomistica dei suoi effetti (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino; in senso conforme Cass n Rel. D Amico e Cass n Rel. Petti)

13 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO La mancanza di "danno" (conseguenza dannosa) biologico, non esclude, in astratto, la configurabilità di un danno morale soggettivo (da sofferenza interiore) e di un possibile danno "dinamicorelazionale", sia pur circoscritto nel tempo. Ciò in quanto "esistenziale" è quel danno che, in caso di lesione della stessa salute, si colloca e si dipana nella sfera dinamico relazionale del soggetto, come conseguenza, sì, ma autonoma, della lesione medicalmente accertabile. (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino, che respinge sia le doglianze dei congiunti del de cuius circa la mancata liquidazione del danno alla serenità familiare, alla vita di relazione e del danno edonistico, che il ricorso incidentale svolto dall impresa per la liquidazione del danno morale e del danno esistenziale che viene dunque confermata)

14 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno morale ( dolore interiore ) ed il danno esistenziale ( alterazione della vita quotidiana ) sono danni diversi, e perciò solo entrambi autonomamente risarcibili, se, e solo se, rigorosamente provati caso per caso, al di là di sommarie ed impredicabili generalizzazioni (che anche il dolore più grave che la vita può infliggere, come la perdita di un figlio, può non avere alcuna conseguenza in termini di sofferenza interiore e di stravolgimento della propria vita esterna per un genitore che, quel figlio, aveva da tempo emotivamente cancellato, vivendo addirittura come una liberazione la sua scomparsa) (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino)

15 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO La modifica del 2009 delle tabelle del Tribunale di Milano - che questa corte, con la sentenza 12408/011 (nella sostanza confermata da n /011) ha dichiarato applicabili, da parte dei giudici di merito, su tutto il territorio nazionale del resto in realtà, non ha mai "cancellato" la fattispecie del danno morale intesa come "voce" integrante la più ampia categoria del danno non patrimoniale: né avrebbe potuto farlo senza violare un preciso indirizzo legislativo, manifestatosi in epoca successiva alle sentenze del 2008 di queste sezioni unite (DPR N. 37 e N. 91 del 2009), dal quale il giudice, di legittimità e non, evidentemente non può in alcun modo prescindere in una disciplina (e in una armonia) di sistema che, nella gerarchia delle fonti del diritto, privilegia ancora la disposizione normativa rispetto alla produzione giurisprudenziale (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino; conforme a Cass N ).

16 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno morale costituisce lesione del valore universale della persona umana (in particolare sotto il profilo dell integrità morale) e, nell ipotesi di un fatto illecito plurioffensivo, ciascun danneggiato è titolare di un autonomo diritto al risarcimento di tutto il danno, morale (cioè la sofferenza interiore soggettiva sul piano strettamente emotivo, nell immediatezza dell illecito, ma anche duratura nel tempo nelle sue ricadute, pur se non per tutta la vita) e dinamico relazionale (altrimenti definibile esistenziale ) consistente nel peggioramento delle condizioni ed abitudini, interne ed esterne di vita quotidiana (Cass n. 9231, Rel. Chiarini: accolto il ricorso per liquidazione del danno morale in mancanza di danno biologico)

17 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno biologico, il danno morale ed il danno alla vita di relazione rispondono per così dire a prospettive diverse di valutazione del medesimo evento lesivo. In altre parole un determinato evento lesivo può causare, nella persona stessa della vittima come in quelle dei familiari, un danno alla salute medicalmente accertabile, un dolore interiore ed un alterazione della vita quotidiana (Cass. Sez. 3^ 22 agosto 2013 n Rel Cirillo. Cassata sentenza di merito che aveva respinto richiesta risarcitoria dei genitori e fratello di un ragazzo ventenne per lesione del rapporto parentale)

18 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Deve essere sgombrato il campo da ogni possibile equivoco quanto all autonomia del danno morale rispetto a quello biologico, ma anche a quello dinamico-relazionale (predicabile pur in assenza di un danno alla salute) (Cass. Sez. 3^ n Rel Travaglino. Che riporta letteralmente buona parte della decisione N /12, cassando la sentenza di merito che non aveva tenuto conto dei danni morali ed esistenziali sofferti dalla vittima di un infortunio in ambito lavorativo)

19 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Del resto: la mancanza di danno (conseguenza dannosa) biologico non esclude, peraltro, in astratto, la configurabilità di un danno morale soggettivo (da sofferenza interiore) e di un possibile danno dinamico-relazionale,sia pur circoscritto nel tempo. Richiamo, oltre che agli artt. 5 dei DPR N. 37/2009 e DPR N. 191/2009, anche all art. 612 bis c.p. (Cass. Sez. 3^ n Rel Travaglino)

20 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Tale norma (Atti persecutori) infatti prevede la punzione di chi cagiona un perdurante e grave stato di ansia o di paura, ovvero ingenerare un fondato timore per l incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva, ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. Sembrano scolpiti i due autentici momenti essenziali della sofferenza dell individuo: il dolore interiore e la significativa alterazione della vita quotidiana (Cass. Sez. 3^ n Rel Travaglino)

21 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Da ultimo: il danno biologico (cioè la lesione della salute), quello morale (cioè al sofferenza interiore) e quello dinamico relazionale (altrimenti definibile esistenziale e consistente nel peggioramento delle condizioni di vita quotidiane, risarcibili nel caso in cui l illecito abbia violato diritti fondamentali della persona) costituiscono pregiudizi non patrimoniali ontologicamente diversi e tutti risarcibili; né tale conclusione contrasta col principio di unitarietà del danno non patrimoniale, sancito dalle Sezioni Unite, giacchè quel principio impone una liquidazione unitaria del danno, ma non una considerazione atomistica dei suoi effetti (Cass. Sez. 3^ n Rel. Carleo. Respinto il ricorso avversa la liquidazione di un danno esistenziale effettuato dalla Corte d Appello di Milano)

22 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO APPRODO SEZIONI UNITE? LEGISLATORE?

23 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Proposta di Legge N Bonafede ed altri, attualmente in Commissione Giustizia Introduzione di: - art bis C.C. (Determinazione del danno non patrimoniale derivante da lesione del diritto alla salute) - art ter C.C. (Determinazione del danno non patrimoniale derivante da lesione di altri diritti) - art. 84 bis Disp. Att. C.C. (Determinazione del danno non patrimoniale) - art. 3 della Legge (Determinazione del danno non patrimoniale da perdita del rapporto parentale) - art. 4 della Legge (Modifica degli artt. 138 e 139 del CdA)

24 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Proposta di Legge N Bonafede ed altri: In estrema sintesi: Adozione delle Tabelle Milanesi per tutti i tipi di danni e tutti i tipi di controversie, con possibilità di aumento fino al 50% del valore tabellare in ogni caso (anche per il danno da perdita del rapporto parentale). Nella definizione di danno non patrimoniale ricompresi tutti i pregiudizi (morale, biologico, esistenziale). Introduzione del danno tanatologico con riconoscimento nella misura dell 80% del danno tabellare

25 IL DANNO NON PATRIMONIALE CRITERI DI LIQUIDAZIONE DEL DANNO NON PATRIMONIALE:

26 IL DANNO NON PATRIMONIALE - a) Danno per lesioni di lieve entità (c.d. micropermanenti 1-9%) Art. 139 del CdA - b) Danno per lesioni di non lieve entità (postumi permanenti tra il 10 ed il 100%) - d) danno congiunti macroleso - e) danno da morte

27 IL DANNO NON PATRIMONIALE: EX ART.139 DEL CDA 1) L art. 139 è applicabile in via analogica anche ad altre ipotesi di responsabilità civile in genere (medical malpractice, ecc.) diverse dalla R.C.Auto? 2) L art. 139 contiene tutto il danno non patrimoniale risarcibile oppure no? E invalicabile il limite del quinto? 3) L art. 139 viola le disposizioni di cui alla Carta Costituzionale nonché i principi comunitari? 4) Contenuto e portata delle novità 2012? Applicazioni giurisprudenza di merito

28 QUESTONI SULL ART. 139 La prima questione L art. 139 è applicabile in via analogica anche ad altre ipotesi di responsabilità civile in genere (medmal, ecc.) diverse dalla R.C.Auto?

29 LA SUPREMA CORTE SULLA PRIMA QUESTIONE No applicazione analogica Per i postumi di lieve entità non connessi alla circolazione valgono i criteri di cui alla Tabelle dell Osservatorio per la giustizia civile di Milano, indipendentemente dalla gravità dei postumi (inferiori o superiori al 9%) e non quelli posti dall art. 139 del CdA (Cass n )

30 LA SUPREMA CORTE SULLA PRIMA QUESTIONE Giustificazione: la collocazione normativa e la ratio legis dell art. 139, è volta a dare una risposta settoriale al problema della liquidazione del danno biologico al fine del contenimento dei premi assicurativi, specie se si considera che, nel campo della r.c. auto, i costi complessivamente affrontati dalle società di assicurazioni per l indennizzo delle c.d. micropermanenti sono di gran lunga superiori a quelli sopportati per i risarcimenti da lesioni comportanti postumi più gravi (Cass n )

31 IL LEGISLATORE Applicazione ai casi di r.c. medica : art. 3, terzo comma, della Legge n. 189, che ha convertito il Decreto Legge n. 158 (c.d. Decreto Balduzzi) Il danno biologico conseguente all attività dell esercente della professione sanitaria è risarcito sulla base delle tabelle di cui agli articoli 138 e 139 del Decreto Legislativo n. 209, eventualmente integrate con la procedura di cui al comma uno del predetto articolo 138 e sulla base dei criteri di cui ai citati articoli, per tener conto delle fattispecie da esse non previste, afferenti all attività di cui al presente articolo

32 PERO.IL TRIBUNALE DI MILANO Sez. V Borrelli Sent. 2 maggio 2013 In materia di risarcimento del danno alla persona, il risarcimento del danno alla integrità psicofisica non può prescindere dall indicazione data dal legislatore con l art. 139 Cod.Ass., circa il valore monetario da attribuire alla menomazione del bene salute. (med mal, ante Balduzzi non applicabile ratione temporis: contra la Sezione Prima del Tribunale); Sez. X Gentile Sent. 23 maggio 2013 In materia di danno alla persona, per lesione di lieve entità, anche fuori dalla circolazione auto, la liquidazione del danno deve essere fatta con riferimento ai parametri i cui all art. 139 C.d.A. (Danno da cosa in custodia)

33 PERO.IL TRIBUNALE DI MILANO CONTRA Sez. X Simonetti Sent. 10 maggio 2013 Il danno non patrimoniale alla salute non può che essere liquidato in via equitativa, mancando criteri legali cogenti la valutazione equitativa deve rifarsi ai criteri espressi dalle tabelle del Tribunale di Milano, piuttosto che ai parametri di cui all art. 139 C.D.A. L applicazione dei criteri di cui all art. 139 fuori dalla circolazione dei veicoli comporterebbe l effetto di contenere il risarcimento dovuto entro limiti non giustificabili che potrebbero non assicurare l integrale ristoro, senza trovare come giusto bilanciamento la sicurezza del pagamento del risarcimento (danno causato da collaboratore domestico).

34 ART. 139 Cod.Ass. : NORMA SPECIALE O NO? Applicazione cogente RCA Applicazione cogente Med. Mal. Applicazione analogica ad altri settori?

35 QUESTIONI SULL ART. 139 Cod.Ass. Seconda questione: L art. 139 del CdA contiene tutto il danno non patrimoniale risarcibile oppure no? Il danno morale (o non patrimoniale diverso dal biologico) è contenuto, e quindi limitato, nel «quinto» della personalizzazione oppure si può andare oltre?

36 LA GIURISPRUDENZA DI MERITO SULLA SECONDA QUESTIONE A) Impossibilità di superare i limiti previsti dal 139, e/o aumento del quinto comunque limitato a soli casi di allegazione e prova degli ulteriori elementi di soggettivizzazione (G.d.P. Milano n. 5546/2009; GdP Milano n /2009; G.dP. Milano n /2009; G.d.P. Milano n. 1160/2010; Trib. Milano n /2011; GdP Milano n. 8571/2011; GdP Milano n. 3093/2012 e GdP Milano n , secondo cui va disattesa la domanda relativa al danno morale, in quanto il danno biologico, nella misura tabellare applicata (8,5%), si reputa esaustivamente ristoratore di ogni pregiudizio psicofisico risarcibile, e comunque l attore non ha specificato al riguardo ulteriori pregiudizi in concreto patiti, tali da richiedere l incremento del risarcimento ex art. 139, co. 3 CdA

37 LA GIURISPRUDENZA DI MERITO SULLA SECONDA QUESTIONE B) Possibilità di riconoscere danno morale o comunque di personalizzare oltre i limiti del 139 (GdP Milano n. 1960/2010; GdP Milano n /2010; C. App. Milano n. 497/2010; G.d.P. Milano n. 1927/2011; G.d.P. Milano n. 57;/2012; GdP Milano n. 228/2012 e GdP Milano n. 274/2012, secondo cui Nei valori monetari ex art. 139 del CdA il Legislatore non ha affatto tenuto conto anche del danno conseguente alle sofferenze fisiche e psichiche patite dalla vittima. Si impone pertanto una lettura costituzionalmente orientata degli artt. 139 CdA e 2059 c.c., al fine di garantire comunque l integrale risarcimento del danno alla salute. Da ultimo GdP Milano n e GdP Roma n /13)

38 LA GIURISPRUDENZA DI MERITO SULLA SECONDA QUESTIONE B) Possibilità di riconoscere danno morale o comunque di personalizzare oltre i limiti del 139 (Tribunale di Milano Sez. 12^ n /2013 Dott.ssa Alessi, per persona di 35 anni con 7,5% di postumi permanenti a titolo di danno biologico (pari da Tabelle di cui all artt. 139 del CdA ad Euro ,99), riconosciuti altri Euro 4.200,00 a titolo di danno morale, in quanto non ricompreso nella valutazione delle tabelle di cui all art. 139 del Cda.

39 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE Il diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali deriva da una precisa norma del codice civile (art c.c.) che la Legge n. 57/2001 non ha certo abrogato. L art. 5 della Legge n. 57 del 2001 si è limitato a dettare i criteri di liquidazione del danno biologico cioè di quell aspetto del danno non patrimoniale che afferisce all integrità fisica senza per questo escludere che, nella complessiva valutazione equitativa circa l entità della somma spettante in risarcimento, il giudice debba tenere conto anche delle sofferenze morali subite dal danneggiato. Le sentenze della Cassazione a Sezioni Unite n e 26973/2008 confermano tale principio (Cass. Ordinanza n Relatore Dott.ssa Lanzillo. Cassata decisione Tribunale di Foggia che non aveva riconosciuto il danno morale)

40 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE La parte danneggiata da un comportamento illecito che oggettivamente presenti gli estremi del reato ha diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali ai sensi dell art c.c., i quali debbono essere liquidati in unica somma, da determinarsi tenendo conto di tutti gli aspetti che il danno non patrimoniale assume nel caso concreto (sofferenze fisiche e psichiche; danno alla salute, alla vita di relazione, ai rapporti affettivi e familiari, ecc.) (Cass. Ordinanza n ; vedi sul punto anche Cass n e Cass n ).

41 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE No alla possibilità di superare i limiti di cui all art. 139 nei sinistri rcauto il danno non patrimoniale da micropermanente non potrà che essere liquidato, per tutti i pregiudizi aredittuali che derivino dalla lesione del diritto alla salute, entro i limiti stabiliti dalla legge mediante il rinvio al decreto emanato ex art. 139 comma quinto, salvo l aumento da parte del giudice, in misura non superiore a un quinto, con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato (art. 139 comma terzo) (Cass n )

42 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE La Corte ammette che l art. 139 ha riguardo ad una concezione del danno biologico anteriore alle citate sentenze del 2008, ma questo non muta la sua opinione di ritenere legittimo il limite alla personalizzazione fissato dalla legge, ed è anzi solo entro tali limiti che ritiene di poter condividere il principio di cui alla Cass. N /2010 (che ha riconosciuto il danno morale in forma autonoma) (Cass n )

43 QUESTIONI SULL ART. 139 La terza questione: L art. 139 viola le disposizioni di cui alla Carta Costituzionale nonché i principi comunitari?

44 QUESTIONI SULL ART. 139 L Art. 139 sarebbe illegittimo per la violazione di una serie di articoli della Carta Costituzionale: 2, 3, 24, 76 e 117 (con riferimento agli artt. 6 TUE, quale modificato dal Trattato di Lisbona e 1 e 3 della Carta di Nizza).

45 QUESTIONI SULL ART Ordinanza GdP Torino (respinta dalla Corte Costituzionale per inammissibilità C. Cost n. 157); - Ordinanza GdP Torino n. 157; - Ordinanza Tribunale Tivoli Dott. Liberati; - Ordinanza Tribunale Brindisi Sez. Distaccata di Ostuni

46 QUESTIONI SULL ART. 139 Sentenza attesa per 08 Aprile 2014 stando ad audizione OUA presso Commissione Finanze del 14 novembre 2014 su Risoluzione Gutgeld del presentata sempre alla Commissione Finanze della Camera.

47 QUESTIONI SULL ART. 139 L art. 139 violerebbe altresì i principi comunitari di cui alle quattro direttive europee, ed in particolare quelli di cui agli artt. 2 e 12 della Direttiva 2009/103/CE. Pertanto ordinanza di rimessione della questione pregiudiziale alla Corte di Giustizia dell Unione Europea - Ordinanza Tribunale Tivoli Dott. Liberati;

48 QUESTIONI SULL ART. 139 Discussione innanzi alla Corte di Giustizia il Avvocatura Generale Unione Europea ha concluso per il rigetto della questione ( ), in quanto: L art. 3 della Direttiva 72/166/CEE.. l art. 1 paragrafo 1 della seconda direttiva 84/5/CEE.. e l art. 1 bis della terza direttiva 90/232/CEE.. Devono essere interpretati nel senso che non ostano a disposizioni nazionali, come l art. 139 del CdA.. che stabilisce criteri per la quantificazione del risarcimento dovuto dall assicurazione per i danni non patrimoniali subiti dalle vittime di incidenti automobilistici

49 QUESTIONI SULL ART. 139 Secondo l Avvocatura: non spetta a questa Corte esercitare un controllo sulle scelte strategiche operate dagli Stati membri in questo settore Non è compito facile stabile una regola o un principio generale per appurare se un dato livello di risarcimento dei danni sia proporzionato al danno subito, quando l obiettivo è risarcire un tipo di danno che non può essere determinato in maniera oggettiva con riferimento a parametri di mercato o indici economici. L unico principio contenuto nelle direttive è quello della sufficienza del risarcimento. Tuttavia ritengo che ciò che può essere ritenuto sufficiente o adeguato in uno Stato membro, può non necessariamente esserlo in un altro Stato membro.

50 QUESTIONI SULL ART. 139 L adeguatezza di un risarcimento in un caso specifico: può essere determinata solo con riferimento al valore specifico assegnato nell ordinamento giuridico nazionale agli interessi lesi di un individuo. Di conseguenza è piuttosto difficile per la Corte valutare l adeguatezza del risarcimento di danni non patrimoniali nel quadro dell ordinamento giuridico di uno Stato membro Ritengo che nulla nel fascicolo consenta di ritenere che il risarcimento dovuto sulla base dei parametri stabiliti dall art. 139 del CdA sia insufficiente. Sentenza?

51 QUESTIONI SULL ART. 139 La terza questione: Contenuto e portata delle novità 2012 (art. 32 della Legge n. 27/2012)? Dottrina e giurisprudenza divise circa: - Esatto contenuto degli aggettivi clinico strumentale obiettivo (comma 3-ter); - E dei due avverbi visivamente o strumentalmente (comma 3-quater). Prime applicazioni giurisprudenza di merito

52 CONTENUTO E PORTATA DELLE NOVITA 2012 La Ratio legis di una norma che avrebbe un carattere esortativo è chiara: La liquidazione del danno biologico per lesioni di lieve entità (sia temporaneo che permanente) deve essere fondata su un rigoroso riscontro obiettivo e scientifico e quindi deve essere stato accertato e valutato dal medico legale e dal giudice secondo criteri di assoluta e rigorosa scientificità per prevenire le frodi, ridurre i costi per le lesioni minime e consentire abbassamento dei premi No a danni presunti, ipotetici, meramente soggettivi

53 GIURISPRUDENZA DI MERITO Si applica a tutti i sinistri attualmente pendenti, e dunque anche alle cause in corso, o solo a quelli verificatisi dopo l entrata in vigore della legge ( )?

54 GIURISPRUDENZA DI MERITO L eccezione secondo cui la valutazione del CTU deve essere riletta alla luce delle recenti disposizioni che hanno modificato l art. 139 del CdA non appare fondata. Non essendovi disposizioni transitorie o altre specifiche indicazioni nella legge 27/12, le modifiche dalla stessa apportate al CdA possono applicarsi soltanto ai danni derivanti da incidente stradale verificatisi successivamente all entrata in vigore della medesima legge, ovvero dal (ciò in forza del principio di irretroattività sancito dall art. 11 delle preleggi: la legge non dispone che per l avvenire, essa non ha effetto retroattivo ) (G.d.P. Cassano d Adda n. 1045)

55 GIURISPRUDENZA DI MERITO Contra GdP di Torino, , n che ha applicato la l. 27/2012 ad un sinistro precedente all entrata in vigore della stessa: il principio di irretroattività della legge sancito dall art. 11 disp. prel. c. c. implica l applicabilità della norma sopravvenuta agli effetti non ancora esauriti di un rapporto giuridico sorto anteriormente, quando la nuova legge sia diretta a disciplinare tali effetti, con autonoma considerazione dei medesimi, indipendentemente dalla loro correlazione con l atto o il fatto giuridico che li ha generati.

56 GIURISPRUDENZA DI MERITO Per l applicabilità teorica della normativa anche ai sinistri precedenti all entrata in vigore ma con sostanziale disapplicazione, si segnala GdP Treviso, secondo cui, in ipotesi in cui in sede di CTU sono stati riconosciuti postumi permanenti dell 1,5%: se, come nella maggior parte delle lesioni c.d. micropermanenti, non si può accertare il danno in modo strumentale obiettivo, ma un medico comunque lo determina, dopo l incarico di CTU, ritiene il Giudice che, come nel caso di specie, esso vada liquidato (GdP Treviso n. 774)

57 GIURISPRUDENZA DI MERITO Nello stesso senso, per un interpretazione coordinata del 3 ter con il tre quater dell art. 32 della Legge n. 27/2012: che prevede la possibilità di accertamento della lesione della salute mediante accertamento clinico in sede di visita medicolegale, a pena della violazione degli artt. 3, 32 e 24 della Cost. per l introduzione di una barriera di franchigia diretta a discriminare il danno alla salute in base alle mere modalità di accadimento (GdP Padova N. 1443). Di conseguenza: il danno da invalidità permanente può essere validamente accertato e riconosciuto anche mediante accertamento medico legale senza necessità di alcun specifico esame strumentale

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O?

MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? IL DANNO NON PATRIMONIALE A TRE MESI DALLE SEZIONI UNITE MORALE VS BIOLOGICO C O S A E C A M B I A T O? Quattro Sezioni Unite sul danno non patrimoniale (sentenze dell 11.11.2008 nn. 26972 26975) hanno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO ESISTENZIALE

DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO ESISTENZIALE DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO ESISTENZIALE di Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia Reggio Emilia, 18 ottobre 2014 * * * * * Sommario: - 1. L evoluzione giurisprudenziale in tema di

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

M. Rossetti. Le nuove regole sull accertamento del danno da lesione di lieve entità: profili giuridici

M. Rossetti. Le nuove regole sull accertamento del danno da lesione di lieve entità: profili giuridici M. Rossetti Le nuove regole sull accertamento del danno da lesione di lieve entità: profili giuridici 1. Le novità introdotte dalla riforma. 1.1. Il decreto legge 24 gennaio 2012 n. 1 (convertito, con

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

REPORTAGE ASSICURAZIONI 2014. a cura di Studio Martelli & partners

REPORTAGE ASSICURAZIONI 2014. a cura di Studio Martelli & partners REPORTAGE ASSICURAZIONI 2014 a cura di Studio Martelli & partners 2 INDICE Introduzione 4 1. Orientamento dei tribunali 7 1.1 Orientamento delle Curie in merito alla L. 27/2012. 1.2 Orientamento generale

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli