AVV. MARCO RODOLFI IL RISARCIMENTO DEL DANNO ALLA PERSONA: ULTIMI AGGIORNAMENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVV. MARCO RODOLFI IL RISARCIMENTO DEL DANNO ALLA PERSONA: ULTIMI AGGIORNAMENTI"

Transcript

1 AVV. MARCO RODOLFI IL RISARCIMENTO DEL DANNO ALLA PERSONA: ULTIMI AGGIORNAMENTI

2 IL DANNO NON PATRIMONIALE NOVITA A) Il CONTENUTO ED IL SIGNIFICATO DEL DANNO NON PATRIMONIALE - B) LE MODALITA DI LIQUIDAZIONE DEL DANNO NON PATRIMONIALE (A FAVORE DELLA VITTIMA PRIMARIA E DEI CONGIUNTI)

3 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno non patrimoniale di cui all'art c.c., identificandosi con il danno determinato dalla lesione di interessi inerenti la persona non connotati da rilevanza economica, costituisce categoria unitaria non suscettiva di suddivisione in sottocategorie. Il riferimento a determinati tipi di pregiudizio, in vario modo denominati (danno morale, danno biologico, danno esistenziale), risponde ad esigenze descrittive, ma non implica il riconoscimento di distinte categorie di danno Di danno esistenziale come autonoma categoria di danno non è più dato discorrere (Cass. S.U., , n ; in senso conforme Cass. Sezioni Unite n , n e n ).

4 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Definitivamente accantonata la figura del c.d. danno morale soggettivo. La sofferenza morale, senza ulteriori connotazioni in termini di durata, integra pregiudizio non patrimoniale. Deve tuttavia trattarsi di sofferenza soggettiva in sé considerata, non come componente di più complesso pregiudizio non patrimoniale Ove siano dedotte degenerazioni patologiche della sofferenza, si rientra nell area del danno biologico, del quale ogni sofferenza, fisica o psichica, per sua natura intrinseca costituisce componente. Determina quindi duplicazione di risarcimento la congiunta attribuzione del danno biologico e del danno morale nei suindicati termini inteso, sovente liquidato in percentuale (da un terzo alla metà) del primo. Esclusa la praticabilità di tale operazione, dovrà il giudice, qualora si avvalga delle note tabelle, procedere ad adeguata personalizzazione della liquidazione del danno biologico (Cass. S.U., , n ; in senso conforme Cass. Sezioni Unite n , n e n ).

5 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO TUTTO CHIARO? - MODIFICATE LE TABELLE IN VIGORE (VEDI MILANO 2009 E ROMA)

6 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO IN VERITA CONTRASTO IN CASSAZIONE

7 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Poiché il danno biologico ha natura non patrimoniale ed il danno non patrimoniale ha natura unitaria, è corretto l operato del giudice di merito che liquidi il risarcimento del danno biologico in una somma ominocomprensiva, posto che le varie voci di danno non patrimoniale elaborate dalla dottrina e dalla giurisprudenza (danno estetico, danno esistenziale, danno alla vita di relazione, ecc.) non costituiscono pregiudizi autonomamente risarcibili (Cass n Respinta domanda di vedersi risarcito un grave danno estetico come danno alla vita di relazione ed esistenziale; in senso conforme Cass n ; Cass n ; Cass n ; Cass n e Cass n. 3718).

8 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO In senso conforme, cioè per l unitarietà del danno non patrimoniale e l inammissibilità della duplicazione delle voci di danno: La giurisprudenza di questa Corte ha affermato che nel nostro ordinamento non esiste l autonoma categoria del danno esistenziale, in quanto, ove in essa si ricomprendano i pregiudizi che scaturiscono dalla lesione di interessi di rango costituzionale della persona, ovvero derivanti da fatti-reato, essi sono già risarcibili ai sensi dell art cod. civ., con la conseguenza che la liquidazione di una ulteriore voce di danno si risolverebbe in una non consentita duplicazione risarcitoria; ove, invece, si intendesse includere nella categoria i pregiudizi non lesivi di diritti inviolabili della persona, tale categoria sarebbe illegittima, stante la non risarcibilità di simili pregiudizi in base al menzionato art (Cass. Civ. Sez. III, Rel Cirillo, Sent , n Respinta la domanda di riconoscimento del danno esistenziale per essere stato giudicato inidoneo al servizio in Polizia; in senso conforme Cass n ).

9 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Anche secondo il Consiglio di Stato: nel nostro ordinamento non è ammissibile l autonoma categoria del danno esistenziale, inteso quale pregiudizio alle attività non remunerative della persona, atteso che, ove in essa si ricomprendano i pregiudizi scaturenti dalla lesione di interessi della persona di rango costituzionale, ovvero derivanti da fatti-reato, essi sono già risarcibili ex art c.c., interpretato in modo conforme alla Costituzione. Pertanto la liquidazione di una ulteriore posta di danno comporterebbe una duplicazione risarcitoria, ove nel danno esistenziale si intendesse includere pregiudizi non lesivi di diritti inviolabili della persona, tale categoria sarebbe del tutto illegittima, posto che simili pregiudizi sono irrisarcibili, in virtù del divieto di cui all art c.c. (Consiglio di Stato n. 4464: respinta una domanda di risarcimento di danno non patrimoniale per illegittimo collocamento a riposo)

10 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Da ultimo: La Corte d Appello si è uniformata ai principi enunciati da questa Corte, per cui il danno esistenziale non costituisce un autonoma voce di danno risarcibile, ma costituisce un aspetto della più ampia categoria del danno non patrimoniale. Di tale aspetto va tenuto conto nel determinare la somma complessivamente spettante a titolo di risarcimento dei danni non patrimoniali in misura da determinare con riguardo alle circostanze del caso concreto (Cass n Rel. Lanzillo.)

11 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO NELLA MEDESIMA CORTE DI CASSAZIONE TUTTAVIA SI REGISTRANO DISSENSI

12 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno biologico (cioè la lesione della salute), quello morale (cioè la sofferenza interiore) e quello dinamico-relazionale (altrimenti definibile "esistenziale", e consistente nel peggioramento delle condizioni di vita quotidiane, risarcibile nel caso in cui l'illecito abbia violato diritti fondamentali della persona) costituiscono pregiudizi non patrimoniali ontologicamente diversi e tutti risarcibili; né tale conclusione contrasta col principio di unitarietà del danno non patrimoniale, sancito dalla sentenza n del 2008 delle Sezioni Unite della Corte di cassazione, giacché quel principio impone una liquidazione unitaria del danno, ma non una considerazione atomistica dei suoi effetti (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino; in senso conforme Cass n Rel. D Amico e Cass n Rel. Petti)

13 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO La mancanza di "danno" (conseguenza dannosa) biologico, non esclude, in astratto, la configurabilità di un danno morale soggettivo (da sofferenza interiore) e di un possibile danno "dinamicorelazionale", sia pur circoscritto nel tempo. Ciò in quanto "esistenziale" è quel danno che, in caso di lesione della stessa salute, si colloca e si dipana nella sfera dinamico relazionale del soggetto, come conseguenza, sì, ma autonoma, della lesione medicalmente accertabile. (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino, che respinge sia le doglianze dei congiunti del de cuius circa la mancata liquidazione del danno alla serenità familiare, alla vita di relazione e del danno edonistico, che il ricorso incidentale svolto dall impresa per la liquidazione del danno morale e del danno esistenziale che viene dunque confermata)

14 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno morale ( dolore interiore ) ed il danno esistenziale ( alterazione della vita quotidiana ) sono danni diversi, e perciò solo entrambi autonomamente risarcibili, se, e solo se, rigorosamente provati caso per caso, al di là di sommarie ed impredicabili generalizzazioni (che anche il dolore più grave che la vita può infliggere, come la perdita di un figlio, può non avere alcuna conseguenza in termini di sofferenza interiore e di stravolgimento della propria vita esterna per un genitore che, quel figlio, aveva da tempo emotivamente cancellato, vivendo addirittura come una liberazione la sua scomparsa) (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino)

15 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO La modifica del 2009 delle tabelle del Tribunale di Milano - che questa corte, con la sentenza 12408/011 (nella sostanza confermata da n /011) ha dichiarato applicabili, da parte dei giudici di merito, su tutto il territorio nazionale del resto in realtà, non ha mai "cancellato" la fattispecie del danno morale intesa come "voce" integrante la più ampia categoria del danno non patrimoniale: né avrebbe potuto farlo senza violare un preciso indirizzo legislativo, manifestatosi in epoca successiva alle sentenze del 2008 di queste sezioni unite (DPR N. 37 e N. 91 del 2009), dal quale il giudice, di legittimità e non, evidentemente non può in alcun modo prescindere in una disciplina (e in una armonia) di sistema che, nella gerarchia delle fonti del diritto, privilegia ancora la disposizione normativa rispetto alla produzione giurisprudenziale (Cass. Civ. n del , Rel. Travaglino; conforme a Cass N ).

16 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno morale costituisce lesione del valore universale della persona umana (in particolare sotto il profilo dell integrità morale) e, nell ipotesi di un fatto illecito plurioffensivo, ciascun danneggiato è titolare di un autonomo diritto al risarcimento di tutto il danno, morale (cioè la sofferenza interiore soggettiva sul piano strettamente emotivo, nell immediatezza dell illecito, ma anche duratura nel tempo nelle sue ricadute, pur se non per tutta la vita) e dinamico relazionale (altrimenti definibile esistenziale ) consistente nel peggioramento delle condizioni ed abitudini, interne ed esterne di vita quotidiana (Cass n. 9231, Rel. Chiarini: accolto il ricorso per liquidazione del danno morale in mancanza di danno biologico)

17 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Il danno biologico, il danno morale ed il danno alla vita di relazione rispondono per così dire a prospettive diverse di valutazione del medesimo evento lesivo. In altre parole un determinato evento lesivo può causare, nella persona stessa della vittima come in quelle dei familiari, un danno alla salute medicalmente accertabile, un dolore interiore ed un alterazione della vita quotidiana (Cass. Sez. 3^ 22 agosto 2013 n Rel Cirillo. Cassata sentenza di merito che aveva respinto richiesta risarcitoria dei genitori e fratello di un ragazzo ventenne per lesione del rapporto parentale)

18 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Deve essere sgombrato il campo da ogni possibile equivoco quanto all autonomia del danno morale rispetto a quello biologico, ma anche a quello dinamico-relazionale (predicabile pur in assenza di un danno alla salute) (Cass. Sez. 3^ n Rel Travaglino. Che riporta letteralmente buona parte della decisione N /12, cassando la sentenza di merito che non aveva tenuto conto dei danni morali ed esistenziali sofferti dalla vittima di un infortunio in ambito lavorativo)

19 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Del resto: la mancanza di danno (conseguenza dannosa) biologico non esclude, peraltro, in astratto, la configurabilità di un danno morale soggettivo (da sofferenza interiore) e di un possibile danno dinamico-relazionale,sia pur circoscritto nel tempo. Richiamo, oltre che agli artt. 5 dei DPR N. 37/2009 e DPR N. 191/2009, anche all art. 612 bis c.p. (Cass. Sez. 3^ n Rel Travaglino)

20 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Tale norma (Atti persecutori) infatti prevede la punzione di chi cagiona un perdurante e grave stato di ansia o di paura, ovvero ingenerare un fondato timore per l incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva, ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita. Sembrano scolpiti i due autentici momenti essenziali della sofferenza dell individuo: il dolore interiore e la significativa alterazione della vita quotidiana (Cass. Sez. 3^ n Rel Travaglino)

21 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Da ultimo: il danno biologico (cioè la lesione della salute), quello morale (cioè al sofferenza interiore) e quello dinamico relazionale (altrimenti definibile esistenziale e consistente nel peggioramento delle condizioni di vita quotidiane, risarcibili nel caso in cui l illecito abbia violato diritti fondamentali della persona) costituiscono pregiudizi non patrimoniali ontologicamente diversi e tutti risarcibili; né tale conclusione contrasta col principio di unitarietà del danno non patrimoniale, sancito dalle Sezioni Unite, giacchè quel principio impone una liquidazione unitaria del danno, ma non una considerazione atomistica dei suoi effetti (Cass. Sez. 3^ n Rel. Carleo. Respinto il ricorso avversa la liquidazione di un danno esistenziale effettuato dalla Corte d Appello di Milano)

22 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO APPRODO SEZIONI UNITE? LEGISLATORE?

23 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Proposta di Legge N Bonafede ed altri, attualmente in Commissione Giustizia Introduzione di: - art bis C.C. (Determinazione del danno non patrimoniale derivante da lesione del diritto alla salute) - art ter C.C. (Determinazione del danno non patrimoniale derivante da lesione di altri diritti) - art. 84 bis Disp. Att. C.C. (Determinazione del danno non patrimoniale) - art. 3 della Legge (Determinazione del danno non patrimoniale da perdita del rapporto parentale) - art. 4 della Legge (Modifica degli artt. 138 e 139 del CdA)

24 IL DANNO NON PATRIMONIALE: CONTENUTO E SIGNIFICATO Proposta di Legge N Bonafede ed altri: In estrema sintesi: Adozione delle Tabelle Milanesi per tutti i tipi di danni e tutti i tipi di controversie, con possibilità di aumento fino al 50% del valore tabellare in ogni caso (anche per il danno da perdita del rapporto parentale). Nella definizione di danno non patrimoniale ricompresi tutti i pregiudizi (morale, biologico, esistenziale). Introduzione del danno tanatologico con riconoscimento nella misura dell 80% del danno tabellare

25 IL DANNO NON PATRIMONIALE CRITERI DI LIQUIDAZIONE DEL DANNO NON PATRIMONIALE:

26 IL DANNO NON PATRIMONIALE - a) Danno per lesioni di lieve entità (c.d. micropermanenti 1-9%) Art. 139 del CdA - b) Danno per lesioni di non lieve entità (postumi permanenti tra il 10 ed il 100%) - d) danno congiunti macroleso - e) danno da morte

27 IL DANNO NON PATRIMONIALE: EX ART.139 DEL CDA 1) L art. 139 è applicabile in via analogica anche ad altre ipotesi di responsabilità civile in genere (medical malpractice, ecc.) diverse dalla R.C.Auto? 2) L art. 139 contiene tutto il danno non patrimoniale risarcibile oppure no? E invalicabile il limite del quinto? 3) L art. 139 viola le disposizioni di cui alla Carta Costituzionale nonché i principi comunitari? 4) Contenuto e portata delle novità 2012? Applicazioni giurisprudenza di merito

28 QUESTONI SULL ART. 139 La prima questione L art. 139 è applicabile in via analogica anche ad altre ipotesi di responsabilità civile in genere (medmal, ecc.) diverse dalla R.C.Auto?

29 LA SUPREMA CORTE SULLA PRIMA QUESTIONE No applicazione analogica Per i postumi di lieve entità non connessi alla circolazione valgono i criteri di cui alla Tabelle dell Osservatorio per la giustizia civile di Milano, indipendentemente dalla gravità dei postumi (inferiori o superiori al 9%) e non quelli posti dall art. 139 del CdA (Cass n )

30 LA SUPREMA CORTE SULLA PRIMA QUESTIONE Giustificazione: la collocazione normativa e la ratio legis dell art. 139, è volta a dare una risposta settoriale al problema della liquidazione del danno biologico al fine del contenimento dei premi assicurativi, specie se si considera che, nel campo della r.c. auto, i costi complessivamente affrontati dalle società di assicurazioni per l indennizzo delle c.d. micropermanenti sono di gran lunga superiori a quelli sopportati per i risarcimenti da lesioni comportanti postumi più gravi (Cass n )

31 IL LEGISLATORE Applicazione ai casi di r.c. medica : art. 3, terzo comma, della Legge n. 189, che ha convertito il Decreto Legge n. 158 (c.d. Decreto Balduzzi) Il danno biologico conseguente all attività dell esercente della professione sanitaria è risarcito sulla base delle tabelle di cui agli articoli 138 e 139 del Decreto Legislativo n. 209, eventualmente integrate con la procedura di cui al comma uno del predetto articolo 138 e sulla base dei criteri di cui ai citati articoli, per tener conto delle fattispecie da esse non previste, afferenti all attività di cui al presente articolo

32 PERO.IL TRIBUNALE DI MILANO Sez. V Borrelli Sent. 2 maggio 2013 In materia di risarcimento del danno alla persona, il risarcimento del danno alla integrità psicofisica non può prescindere dall indicazione data dal legislatore con l art. 139 Cod.Ass., circa il valore monetario da attribuire alla menomazione del bene salute. (med mal, ante Balduzzi non applicabile ratione temporis: contra la Sezione Prima del Tribunale); Sez. X Gentile Sent. 23 maggio 2013 In materia di danno alla persona, per lesione di lieve entità, anche fuori dalla circolazione auto, la liquidazione del danno deve essere fatta con riferimento ai parametri i cui all art. 139 C.d.A. (Danno da cosa in custodia)

33 PERO.IL TRIBUNALE DI MILANO CONTRA Sez. X Simonetti Sent. 10 maggio 2013 Il danno non patrimoniale alla salute non può che essere liquidato in via equitativa, mancando criteri legali cogenti la valutazione equitativa deve rifarsi ai criteri espressi dalle tabelle del Tribunale di Milano, piuttosto che ai parametri di cui all art. 139 C.D.A. L applicazione dei criteri di cui all art. 139 fuori dalla circolazione dei veicoli comporterebbe l effetto di contenere il risarcimento dovuto entro limiti non giustificabili che potrebbero non assicurare l integrale ristoro, senza trovare come giusto bilanciamento la sicurezza del pagamento del risarcimento (danno causato da collaboratore domestico).

34 ART. 139 Cod.Ass. : NORMA SPECIALE O NO? Applicazione cogente RCA Applicazione cogente Med. Mal. Applicazione analogica ad altri settori?

35 QUESTIONI SULL ART. 139 Cod.Ass. Seconda questione: L art. 139 del CdA contiene tutto il danno non patrimoniale risarcibile oppure no? Il danno morale (o non patrimoniale diverso dal biologico) è contenuto, e quindi limitato, nel «quinto» della personalizzazione oppure si può andare oltre?

36 LA GIURISPRUDENZA DI MERITO SULLA SECONDA QUESTIONE A) Impossibilità di superare i limiti previsti dal 139, e/o aumento del quinto comunque limitato a soli casi di allegazione e prova degli ulteriori elementi di soggettivizzazione (G.d.P. Milano n. 5546/2009; GdP Milano n /2009; G.dP. Milano n /2009; G.d.P. Milano n. 1160/2010; Trib. Milano n /2011; GdP Milano n. 8571/2011; GdP Milano n. 3093/2012 e GdP Milano n , secondo cui va disattesa la domanda relativa al danno morale, in quanto il danno biologico, nella misura tabellare applicata (8,5%), si reputa esaustivamente ristoratore di ogni pregiudizio psicofisico risarcibile, e comunque l attore non ha specificato al riguardo ulteriori pregiudizi in concreto patiti, tali da richiedere l incremento del risarcimento ex art. 139, co. 3 CdA

37 LA GIURISPRUDENZA DI MERITO SULLA SECONDA QUESTIONE B) Possibilità di riconoscere danno morale o comunque di personalizzare oltre i limiti del 139 (GdP Milano n. 1960/2010; GdP Milano n /2010; C. App. Milano n. 497/2010; G.d.P. Milano n. 1927/2011; G.d.P. Milano n. 57;/2012; GdP Milano n. 228/2012 e GdP Milano n. 274/2012, secondo cui Nei valori monetari ex art. 139 del CdA il Legislatore non ha affatto tenuto conto anche del danno conseguente alle sofferenze fisiche e psichiche patite dalla vittima. Si impone pertanto una lettura costituzionalmente orientata degli artt. 139 CdA e 2059 c.c., al fine di garantire comunque l integrale risarcimento del danno alla salute. Da ultimo GdP Milano n e GdP Roma n /13)

38 LA GIURISPRUDENZA DI MERITO SULLA SECONDA QUESTIONE B) Possibilità di riconoscere danno morale o comunque di personalizzare oltre i limiti del 139 (Tribunale di Milano Sez. 12^ n /2013 Dott.ssa Alessi, per persona di 35 anni con 7,5% di postumi permanenti a titolo di danno biologico (pari da Tabelle di cui all artt. 139 del CdA ad Euro ,99), riconosciuti altri Euro 4.200,00 a titolo di danno morale, in quanto non ricompreso nella valutazione delle tabelle di cui all art. 139 del Cda.

39 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE Il diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali deriva da una precisa norma del codice civile (art c.c.) che la Legge n. 57/2001 non ha certo abrogato. L art. 5 della Legge n. 57 del 2001 si è limitato a dettare i criteri di liquidazione del danno biologico cioè di quell aspetto del danno non patrimoniale che afferisce all integrità fisica senza per questo escludere che, nella complessiva valutazione equitativa circa l entità della somma spettante in risarcimento, il giudice debba tenere conto anche delle sofferenze morali subite dal danneggiato. Le sentenze della Cassazione a Sezioni Unite n e 26973/2008 confermano tale principio (Cass. Ordinanza n Relatore Dott.ssa Lanzillo. Cassata decisione Tribunale di Foggia che non aveva riconosciuto il danno morale)

40 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE La parte danneggiata da un comportamento illecito che oggettivamente presenti gli estremi del reato ha diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali ai sensi dell art c.c., i quali debbono essere liquidati in unica somma, da determinarsi tenendo conto di tutti gli aspetti che il danno non patrimoniale assume nel caso concreto (sofferenze fisiche e psichiche; danno alla salute, alla vita di relazione, ai rapporti affettivi e familiari, ecc.) (Cass. Ordinanza n ; vedi sul punto anche Cass n e Cass n ).

41 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE No alla possibilità di superare i limiti di cui all art. 139 nei sinistri rcauto il danno non patrimoniale da micropermanente non potrà che essere liquidato, per tutti i pregiudizi aredittuali che derivino dalla lesione del diritto alla salute, entro i limiti stabiliti dalla legge mediante il rinvio al decreto emanato ex art. 139 comma quinto, salvo l aumento da parte del giudice, in misura non superiore a un quinto, con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato (art. 139 comma terzo) (Cass n )

42 LA SUPREMA CORTE SULLA SECONDA QUESTIONE La Corte ammette che l art. 139 ha riguardo ad una concezione del danno biologico anteriore alle citate sentenze del 2008, ma questo non muta la sua opinione di ritenere legittimo il limite alla personalizzazione fissato dalla legge, ed è anzi solo entro tali limiti che ritiene di poter condividere il principio di cui alla Cass. N /2010 (che ha riconosciuto il danno morale in forma autonoma) (Cass n )

43 QUESTIONI SULL ART. 139 La terza questione: L art. 139 viola le disposizioni di cui alla Carta Costituzionale nonché i principi comunitari?

44 QUESTIONI SULL ART. 139 L Art. 139 sarebbe illegittimo per la violazione di una serie di articoli della Carta Costituzionale: 2, 3, 24, 76 e 117 (con riferimento agli artt. 6 TUE, quale modificato dal Trattato di Lisbona e 1 e 3 della Carta di Nizza).

45 QUESTIONI SULL ART Ordinanza GdP Torino (respinta dalla Corte Costituzionale per inammissibilità C. Cost n. 157); - Ordinanza GdP Torino n. 157; - Ordinanza Tribunale Tivoli Dott. Liberati; - Ordinanza Tribunale Brindisi Sez. Distaccata di Ostuni

46 QUESTIONI SULL ART. 139 Sentenza attesa per 08 Aprile 2014 stando ad audizione OUA presso Commissione Finanze del 14 novembre 2014 su Risoluzione Gutgeld del presentata sempre alla Commissione Finanze della Camera.

47 QUESTIONI SULL ART. 139 L art. 139 violerebbe altresì i principi comunitari di cui alle quattro direttive europee, ed in particolare quelli di cui agli artt. 2 e 12 della Direttiva 2009/103/CE. Pertanto ordinanza di rimessione della questione pregiudiziale alla Corte di Giustizia dell Unione Europea - Ordinanza Tribunale Tivoli Dott. Liberati;

48 QUESTIONI SULL ART. 139 Discussione innanzi alla Corte di Giustizia il Avvocatura Generale Unione Europea ha concluso per il rigetto della questione ( ), in quanto: L art. 3 della Direttiva 72/166/CEE.. l art. 1 paragrafo 1 della seconda direttiva 84/5/CEE.. e l art. 1 bis della terza direttiva 90/232/CEE.. Devono essere interpretati nel senso che non ostano a disposizioni nazionali, come l art. 139 del CdA.. che stabilisce criteri per la quantificazione del risarcimento dovuto dall assicurazione per i danni non patrimoniali subiti dalle vittime di incidenti automobilistici

49 QUESTIONI SULL ART. 139 Secondo l Avvocatura: non spetta a questa Corte esercitare un controllo sulle scelte strategiche operate dagli Stati membri in questo settore Non è compito facile stabile una regola o un principio generale per appurare se un dato livello di risarcimento dei danni sia proporzionato al danno subito, quando l obiettivo è risarcire un tipo di danno che non può essere determinato in maniera oggettiva con riferimento a parametri di mercato o indici economici. L unico principio contenuto nelle direttive è quello della sufficienza del risarcimento. Tuttavia ritengo che ciò che può essere ritenuto sufficiente o adeguato in uno Stato membro, può non necessariamente esserlo in un altro Stato membro.

50 QUESTIONI SULL ART. 139 L adeguatezza di un risarcimento in un caso specifico: può essere determinata solo con riferimento al valore specifico assegnato nell ordinamento giuridico nazionale agli interessi lesi di un individuo. Di conseguenza è piuttosto difficile per la Corte valutare l adeguatezza del risarcimento di danni non patrimoniali nel quadro dell ordinamento giuridico di uno Stato membro Ritengo che nulla nel fascicolo consenta di ritenere che il risarcimento dovuto sulla base dei parametri stabiliti dall art. 139 del CdA sia insufficiente. Sentenza?

51 QUESTIONI SULL ART. 139 La terza questione: Contenuto e portata delle novità 2012 (art. 32 della Legge n. 27/2012)? Dottrina e giurisprudenza divise circa: - Esatto contenuto degli aggettivi clinico strumentale obiettivo (comma 3-ter); - E dei due avverbi visivamente o strumentalmente (comma 3-quater). Prime applicazioni giurisprudenza di merito

52 CONTENUTO E PORTATA DELLE NOVITA 2012 La Ratio legis di una norma che avrebbe un carattere esortativo è chiara: La liquidazione del danno biologico per lesioni di lieve entità (sia temporaneo che permanente) deve essere fondata su un rigoroso riscontro obiettivo e scientifico e quindi deve essere stato accertato e valutato dal medico legale e dal giudice secondo criteri di assoluta e rigorosa scientificità per prevenire le frodi, ridurre i costi per le lesioni minime e consentire abbassamento dei premi No a danni presunti, ipotetici, meramente soggettivi

53 GIURISPRUDENZA DI MERITO Si applica a tutti i sinistri attualmente pendenti, e dunque anche alle cause in corso, o solo a quelli verificatisi dopo l entrata in vigore della legge ( )?

54 GIURISPRUDENZA DI MERITO L eccezione secondo cui la valutazione del CTU deve essere riletta alla luce delle recenti disposizioni che hanno modificato l art. 139 del CdA non appare fondata. Non essendovi disposizioni transitorie o altre specifiche indicazioni nella legge 27/12, le modifiche dalla stessa apportate al CdA possono applicarsi soltanto ai danni derivanti da incidente stradale verificatisi successivamente all entrata in vigore della medesima legge, ovvero dal (ciò in forza del principio di irretroattività sancito dall art. 11 delle preleggi: la legge non dispone che per l avvenire, essa non ha effetto retroattivo ) (G.d.P. Cassano d Adda n. 1045)

55 GIURISPRUDENZA DI MERITO Contra GdP di Torino, , n che ha applicato la l. 27/2012 ad un sinistro precedente all entrata in vigore della stessa: il principio di irretroattività della legge sancito dall art. 11 disp. prel. c. c. implica l applicabilità della norma sopravvenuta agli effetti non ancora esauriti di un rapporto giuridico sorto anteriormente, quando la nuova legge sia diretta a disciplinare tali effetti, con autonoma considerazione dei medesimi, indipendentemente dalla loro correlazione con l atto o il fatto giuridico che li ha generati.

56 GIURISPRUDENZA DI MERITO Per l applicabilità teorica della normativa anche ai sinistri precedenti all entrata in vigore ma con sostanziale disapplicazione, si segnala GdP Treviso, secondo cui, in ipotesi in cui in sede di CTU sono stati riconosciuti postumi permanenti dell 1,5%: se, come nella maggior parte delle lesioni c.d. micropermanenti, non si può accertare il danno in modo strumentale obiettivo, ma un medico comunque lo determina, dopo l incarico di CTU, ritiene il Giudice che, come nel caso di specie, esso vada liquidato (GdP Treviso n. 774)

57 GIURISPRUDENZA DI MERITO Nello stesso senso, per un interpretazione coordinata del 3 ter con il tre quater dell art. 32 della Legge n. 27/2012: che prevede la possibilità di accertamento della lesione della salute mediante accertamento clinico in sede di visita medicolegale, a pena della violazione degli artt. 3, 32 e 24 della Cost. per l introduzione di una barriera di franchigia diretta a discriminare il danno alla salute in base alle mere modalità di accadimento (GdP Padova N. 1443). Di conseguenza: il danno da invalidità permanente può essere validamente accertato e riconosciuto anche mediante accertamento medico legale senza necessità di alcun specifico esame strumentale

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale omaggio di ASSOCIAZIONE NAZIONALE ESPERTI INFORTUNISTICA STRADALE A.N.E.I.S. Presidenza

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e. prosecuzione del precedente focus onde completare la

IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e. prosecuzione del precedente focus onde completare la IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e prosecuzione del precedente focus onde completare la ricognizione sul danno non patrimoniale e mettere un suggello

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 INDICE Prefazione... 7 Post-prefazione... 9 CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 CAPITOLO 2 Il danno patrimoniale...17 Il danno patrimoniale da perdita della capacità lavorativa

Dettagli

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003)

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003) TITOLO L equivoco interpretativo del concetto di danno biologico di lieve entità Commento alla Sentenza della 3 Sezione Civile della Corte di Cassazione n. 11851/15 relatore Giacomo Travaglino La citata

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE INDICE SISTEMATICO Introduzione........................................... pag. v LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE 1. Rapporto di causalità tra condotta

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

NONOSTANTE I DUBBI DI COSTITUZIONALITA, LE TABELLE NORMATIVE ESTENDONO IL RAGGIO DI AZIONE Patrizia ZIVIZ

NONOSTANTE I DUBBI DI COSTITUZIONALITA, LE TABELLE NORMATIVE ESTENDONO IL RAGGIO DI AZIONE Patrizia ZIVIZ NONOSTANTE I DUBBI DI COSTITUZIONALITA, LE TABELLE NORMATIVE ESTENDONO IL RAGGIO DI AZIONE Patrizia ZIVIZ P&D.IT 1. L art. 3, comma 3, del Decreto Balduzzi (D.L. 13 settembre 2012, n. 158) stabilisce:

Dettagli

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA EVOLUZIONE DELLA NORMA SUL DANNO NON PATRIMONIALE ALLA PERSONA. NUOVE PROSPETTIVE DEONTOLOGICHE E PROFESSIONALI DELLO PSICOLOGO IN AMBITO GIURIDICO L attività stragiudiziale

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE Roma 19 aprile 2012 Prot. n. 09-12-007647 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia

Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia 360 LEGGI DI COMPETENZA ASSICURATIVA - DM del 3 luglio 2003 (con la tabella sulle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra 1 e 9 punti di invalidità); -

Dettagli

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Agenda Le previsioni del codice Cosa è stato fatto? Le conseguenze delle scelte L attuazione

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione.

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. 1. Il nucleo essenziale delle sentenze. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno pronunziato quattro

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE Prefazione dell Autore... V CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE 1. I principi generali in tema di danno da fatto illecito extra contrattuale. 2 2. La nozione

Dettagli

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato Criteri utilizzati per la formazione delle Tabelle per l anno 2013 Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato operando la sola rivalutazione

Dettagli

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL QUALI SONO I DIRITTI DEL LAVORATORE VITTIMA DI INFORTUNIO? La prima missione di ANMIL è informare i lavoratori circa i loro diritti. La particolarità

Dettagli

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Chiarimenti sul danno c.d. da lucida agonia Fatto SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza del 21 febbraio 2011 la Corte di appello di Napoli, in relazione

Dettagli

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO DANNO ALLA PERSONA LESIONI FISICHE DECESSO RISARCIMENTO DANNO DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE Mancato guadagno, spese sostenute a seguito del sinistro Danno biologico (comma 2 art. 139 del Codice

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA

INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA INFORTUNIO: INDENNIZZO INAIL E RISARCIMENTO DEL DANNO DIFFERENZIALE SECONDA PARTE Matteo BARIZZA P&D.IT In un precedente scritto apparso sulla presente rivista, si era trattato il tema, tutt'altro che

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 gennaio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA spa Rilevanza Irap delle somme corrisposte

Dettagli

MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres.

MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI. Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres. MASSIME CIVILI OBBLIGAZIONI E CONTRATTI Corte di Cassazione Sez. III civ. 15 Maggio 2013, n 11774 (Pres. G.M. Berruti; Rel. G. Carleo) Obbligazioni e contratti Giocata Biglietto vincente Smarrimento del

Dettagli

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione del danno non patrimoniale alla persona in ambito responsabilità civile ed estranee al pregiudizio biologico ex art. 139 D.Lgs. 209/2005.

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA Aspetti sostanziali: con danno da vacanza rovinata s intende: la lesione dell interesse del turista al pieno godimento del proprio tempo libero ed, in particolare, della occasione di svago e di divertimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia (già Montecchio E.), in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali

Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali Il ministero dello Sviluppo economico ha emanato il decreto (27 maggio 2010 pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 gennaio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica IRAP Determinazione della base imponibile ed aliquota applicabile ai CONFIDI (Art. 6 del D.Lgs. 15 dicembre

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO

INDICE SOMMARIO. Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO Elenco delle principali abbreviazioni... XVII Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO CAPITOLO I IL SISTEMA FONDATO SULLA CAPACITÀ PRODUTTIVA 1. La capacità produttiva.... 5 2. Le contraddizioni

Dettagli

Incidente mortale.risarcimento danni cass. sentenza n. 22909/2012 commento e testo

Incidente mortale.risarcimento danni cass. sentenza n. 22909/2012 commento e testo Incidente mortale.risarcimento danni cass. sentenza n. 22909/2012 commento e testo Studio legale law Un autoveicolo investe un pedone che, a seguito dell incidente perde la vita. Oggetto del dibattimento

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che viene omesso il puntuale svolgimento del processo alla luce

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi 1. Il rango della CEDU nell ordinamento interno. Il tema dei rapporti tra CEDU e ordinamento interno e dunque, del rango della

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Deliberazione n. 371/2012/PAR

Deliberazione n. 371/2012/PAR Deliberazione n. 371/2012/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati dott. Mario Donno dott. Ugo Marchetti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo Patumi presidente;

Dettagli

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 A VV. I TALO PARTENZA IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 Il lontano passato: responsabilità extracontrattuale Il paziente che si riteneva danneggiato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente SENTENZA Nella

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELISARIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELISARIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1853 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BELISARIO Modifiche al codice di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e alla

Dettagli

IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti

IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti Convegno 19 novembre 2010 LA RESPONSABILITA DELL ODONTOIATRA profili giuridici medico-legali ed assicurativi Aula Magna

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Capitolo 2 Le obbligazioni da fatto illecito

Capitolo 2 Le obbligazioni da fatto illecito Capitolo 2 Le obbligazioni da fatto illecito 1. Il ritorno della tripartizione del danno non patrimoniale? La Cassazione a Sezioni Unite l 11 novembre del 2008, nella sentenza n. 26972, aveva affermato,

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.?

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? Milano, 4 febbraio 2015 Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? 1.1 L intervento interpretativo della Corte di Giustizia della

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore

Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore ( Articolo di Calogero Lo Giudice 27.09.2004 ) Danno biologico INAIL e danno differenziale del lavoratore Avv. Calogero Lo Giudice (Avvocatura

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251 A cura di Cettina Briguglio L entità del danno non patrimoniale va personalizzato In caso di lesione dell integrità fisica

Dettagli

"CHI DECIDE QUANTO VALE UN DANNO BIOLOGICO?" - Antonello NEGRO

CHI DECIDE QUANTO VALE UN DANNO BIOLOGICO? - Antonello NEGRO "CHI DECIDE QUANTO VALE UN DANNO BIOLOGICO?" - Antonello NEGRO 1. La fattispecie. In seguito ad un sinistro stradale un uomo subiva un danno biologico permanente di grado ridotto (accertato, in giudizio,

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Le principali domande sulla tabella in approvazione

Le principali domande sulla tabella in approvazione Le principali domande sulla tabella in approvazione D. Cosa regolamenta la tabella in approvazione? R. La tabella definisce i criteri per valutare il c.d. danno biologico permanente (si veda lo schema

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

REVISIONE DELLE RENDITE E DEI CASI LIQUIDATI IN CAPITALE- RETTIFICA PER ERRORE RETTIFICA PER ERRORE

REVISIONE DELLE RENDITE E DEI CASI LIQUIDATI IN CAPITALE- RETTIFICA PER ERRORE RETTIFICA PER ERRORE PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 REVISIONE DELLE RENDITE E DEI CASI LIQUIDATI IN CAPITALE- ASPETTI DI RILEVANZA MEDICO-LEGALE Relatore: Dott.ssa Angela GOGGIAMANI SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Settore III

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA COMMISSIONE RESPONSABILITA CIVILE - ASSICURAZIONI E RISARCIMENTO DIRETTO

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA COMMISSIONE RESPONSABILITA CIVILE - ASSICURAZIONI E RISARCIMENTO DIRETTO ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA COMMISSIONE RESPONSABILITA CIVILE - ASSICURAZIONI E RISARCIMENTO DIRETTO Rachidi liberalizzati : un caso di propaganda legislativa inutile e tecnicamente errata. Come

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE DANNO NON PATRIMONIALE A TITOLO EREDITARIO. CASS. CIV., SEZ. III, 14 DICEMBRE 2010, N. 25264. Non hanno diritto al risarcimento del danno non patrimoniale a titolo ereditario i parenti della vittima di

Dettagli

Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla sentenza delle sezioni unite dell'11.11.

Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla sentenza delle sezioni unite dell'11.11. Ufficio referenti per la formazione decentrata dei magistrati del distretto di Milano IL DANNO NON PATRIMONIALE Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008

INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 INDENNIZZO DIRETTO ORDINANZA N. 205 ANNO 2008 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente Giovanni Maria FLICK Giudice Francesco

Dettagli

NEwSLETTER. Del 13 marzo 2014. Riconosciuto il danno da morte immediata

NEwSLETTER. Del 13 marzo 2014. Riconosciuto il danno da morte immediata NEwSLETTER Del 13 marzo 2014 Riconosciuto il danno da morte immediata Con ordinanza del 4 marzo 2014 n. 5056 la terza sezione civile della Corte di Cassazione (Presid. Russo, Rel. Travaglino) ha rimesso

Dettagli