I NUOVI DATI DI SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI ONCOLOGICI IN PROVINCIA DI RAGUSA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I NUOVI DATI DI SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI ONCOLOGICI IN PROVINCIA DI RAGUSA"

Transcript

1 I NUOVI DATI DI SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI ONCOLOGICI IN PROVINCIA DI RAGUSA Ragusa, Camera di Commercio 6/12/2011 Rosario Tumino, Dirigente Medico di Anatomia Patologica Distretto Ospedaliero 1 OMPA, Responsabile Registro Tumori. Maria Guglielmina La Rosa Assistente Sociale Collaboratore e Gruppo di Lavoro del Registro Tumori, Dipartimento Prevenzione Medica, ASP 7 Ragusa

2 SINTESI La sopravvivenza dei pazienti oncologici di una ben definita popolazione viene elaborata per mezzo di una metodologia consolidata: la cosiddetta analisi di sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi, aggiustata per età. E opinione diffusa che essa rappresenti un indicatore di performance del SSN come evidenziato dai nuovi dati prodotti dall Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTum) che comprendono anche quelli del registro tumori dell ASP 7 Ragusa. La partecipazione della provincia iblea (circa pazienti ammalatisi nel con follow-up fino al 2010) si inserisce in un contesto più ampio rispetto agli anni passati, soprattutto per la presenza di molti nuovi registri del Sud Italia. Esaminando i principali risultati per la provincia di Ragusa si evince che con il 94% di sopravvivenza i tumori meglio curati risultano quelli del testicolo e della tiroide (uomini e donne); seguono il melanoma nelle donne (87%), prostata (85%), vescica (82% donne, 78% uomini), mammella (81.7%) e Linfoma di Hodgkin (81%, uomini e donne). Gli andamenti temporali nel ventennio hanno evidenziato un netto miglioramento per i tumori urologici e del retto in entrambi i sessi, per le neoplasie genitali maschili e del melanoma nelle donne; un rallentamento del miglioramento osservato negli anni precedenti nei tumori della mammella; una pressoché costante oscillazione intorno ai valori del 70% per il cancro del collo dell utero. I confronti geografici evidenziano nel sesso femminile valori superiori a Ragusa rispetto al Sud Italia per vescica, rene, tiroide, melanoma, polmone, linfomi non Hodgkin, collo e corpo utero; valori sovrapponibili per mammella, colon-retto, ovaio e pancreas; valori inferiori per leucemie, linfoma di Hodgkin, stomaco e fegato. Nel sesso maschile la sopravvivenza è risultata migliore a Ragusa rispetto al Sud Italia nei tumori della vescica, tiroide, prostata e leucemie; valori sovrapponibili nei linfomi, rene, laringe, stomaco, colon-retto polmone e pancreas; valori inferiori nel melanoma e fegato. Rispetto al Nord Italia la sopravvivenza nel sesso maschile è inferiore in tutti i tumori tranne tiroide e leucemie; nel sesso femminile la sopravvivenza è migliore rispetto al Centro e/o Nord Italia nei tumori della vescica, rene, collo utero, tiroide e polmone; inferiore negli altri tumori. I dati sono disponibili al commento e interpretazione dei medici, operatori socio-sanitari e degli amministratori dell ASP 7, nonché dei politici, delle industrie farmaceutiche e delle associazioni di volontariato della provincia di Ragusa. Pagina 1

3 I nuovi dati di sopravvivenza dei pazienti oncologici in provincia di Ragusa. INTRODUZIONE La pubblicazione delle percentuali di sopravvivenza rappresenta uno dei momenti più interessanti nella vita dei registri tumori; questi dati sono, infatti, utilizzabili per valutazioni di efficacia/efficienza del SSN in termini di curabilità oncologica delle popolazioni delle aree coperte da un registro tumori. Se da un lato è molto difficile spiegare in poche righe cosa è e cosa fa un registro tumori su base di popolazione, dall altro lato l uso dei suoi dati è molteplice, multifunzionale e multidisciplinare. Forse neanche gli stessi operatori di un registro tumori sono coscienti delle potenzialità di questo strumento. La gestione di un registro tumori non dovrebbe, quindi, essere impostata come la semplicistica ottimizzazione di un archivio, ma dovrebbe tenere conto della qualità, tracciabilità, verificabilità e validità delle informazioni raccolte; per quanto riguarda il registro di Ragusa queste peculiarità si basano su un esperienza di oltre 30 anni e su specifiche competenze professionali. Queste competenze resero possibile interfacciarsi con l opinione pubblica quando la divulgazione dei primi dati di sopravvivenza in Italia nel Giugno 2000 fece additare l unico registro del sud Italia quale cattivo messaggero di una realtà sanitaria in deficit rispetto al Nord. Si vedano gli articoli su L Espresso e quotidiani nazionali e regionali dell epoca. I nuovi dati AIRTum rappresentano adesso un opportunità di confronto e di condivisione in primo luogo con i pazienti e poi con tutti gli attori più o meno direttamente coinvolti nel campo oncologico. Ad essi viene demandata la più corretta interpretazione di queste informazioni e il loro utilizzo ai fini di programmazione e gestione di risorse sanitarie. NOTE METODOLOGICHE Il metodo utilizzato è quello dell analisi statistica della sopravvivenza relativa aggiustata per età(1) mediante la quale si tiene conto di due importanti aspetti: a. mortalità intrinseca della popolazione sotto osservazione (cioè la mortalità generale per tutte le cause) e b. differenze di età durante i 4 quinquenni , , e in studio (cioè l inevitabile variazione nella distribuzione della popolazione nelle varie classi di età; per intenderci, la quota di popolazione anziana è adesso molto maggiore quindi con meno aspettativa di vita - rispetto a 20 anni fa). La data finale per il controllo dell esistenza in vita è stata l Le sopravvivenze sono state suddivise in tre grandi categorie: tumori ad alta curabilità (sopravvivenza relativa >75%) tumori a curabilità intermedia (sopravvivenza relativa 50-75%) e tumori meno curabili (sopravvivenza relativa <50%). I dati sono stati sottoposti a un elaborazione descrittiva e un analisi sulle variazione temporali nei 4 quinquenni sopra menzionati (pubblicati in 2, 3, 4) per la sola provincia di Ragusa; per il periodo si è proceduto a un confronto con le macroaree Nord, Centro e Sud Italia. I dati relativi alle macroaree sono pubblicati a cura di AIRTum (1); in questo lavoro abbiamo fatto la media dei valori Nord Est e Nord Ovest cumulandoli in un unica macroarea Nord. Infine, in sede di commento si è proceduto alla presentazione dei risultati attraverso un aggregazione dei tumori per apparati e/o afferenza presso specifici reparti di diagnosi e cura come appresso: tumori urologici e genitali maschili (rene, vescica, testicolo e prostata), tumori ginecologici (utero e ovaio), apparato digerente (fegato, pancreas, colon, retto e stomaco) ed emolinfopatie maligne; in maniera separata e singolarmente sono presentati il tumore della mammella, melanoma e tiroide. Tutte le analisi delle macroaree sono state effettuate e pubblicate da AIRTum (1); quelle relative alla provincia di Ragusa sono state effettuate dal registro tumori dell ASP 7 mediante il package statistico STATA 8.2; i risultati sono presentati sotto forma di grafici ad istogrammi. Pagina 2

4 CURABILITA (Grafici 1,2,3) i nuovi dati di sopravvivenza dei pazienti oncologici in provincia di Ragusa RISULTATI I tumori più curabili (sopravvivenza a 5 anni superiore al 75%, Grafico 1) sono stati: tiroide (sia donne che uomini) e testicolo. In entrambi la sopravvivenza è del 94%; nel sesso femminile la graduatoria prosegue con melanoma (87%), vescica (82%) e mammella (81,7%); nel sesso maschile al testicolo seguono la prostata (85%) e la vescica (78%); un altro tumore con elevata sopravvivenza è il linfoma di Hodgkin (81%) in entrambi i sessi. I tumori a curabilità intermedia (sopravvivenza a 5 anni compresa tra il 50 e il 70%, Grafico 2) sono stati: nelle donne quelli dell utero (corpo 75% e collo 73%), del rene (73%), del retto (59%), linfomi non Hodgkin (57%) e colon (53%); negli uomini il melanoma (70%), i tumori della laringe (67%), del retto e rene (entrambi 60%) e i linfomi non Hodgkin (52%). I tumori a bassa curabilità (sopravvivenza a 5 anni inferiore al 50%, Grafico 3) sono stati: nelle donne le leucemie (LM, LL e altre leucemie 40%), ovaio (37%), stomaco (25%, polmone (22%) fegato (7%) e pancreas (7%); nel sesso maschile leucemie (48%), stomaco (29%), polmone (12%), fegato (11%) e pancreas (7%). CONFRONTI TEMPORALI (Grafici 4,5,6,7,8,9,10,11,12,13,14) Nel sesso femminile il tumore della mammella (Grafico 4) ha avuto in quattro quinquenni un progressivo incremento di sopravvivenza: dal 66% del , 70% del , 79% del al 81.7% del ; il maggiore incremento è stato per le donne ammalatesi nel ove la sopravvivenza è migliorata di 9 punti rispetto al quinquennio precedente; l incremento è stato di soli 2.7 punti nel , Grafico 13). I tumori del collo (Grafico 5) e corpo uterino (Grafico 11) hanno avuto un andamento altalenante con periodi di miglioramento e periodi di peggioramento: corpo utero 74%, 70%, 72% e 75% nel e collo utero 60%, 66%, 58% e 73% nel ; quest ultimo periodo rispettivamente con 4 e 15 punti percentuali in più rispetto al precedente (Grafico 13). Nei quattro quinquenni in esame sono risultati in costante miglioramento le sopravvivenze del melanoma (69%, 72%, 77% fino all 87% del ; quest ultimo con 10 punti in più rispetto al precedente periodo, Grafici 7 e 13), dei tumori della vescica (75%, 76%, 77% fino a 82% del ; quest ultimo con 5 punti in più rispetto al precedente periodo, Grafici 10 e 13) e retto (37%, 38%, 45% fino al 59% del ; quest ultimo con 14 punti in più rispetto al precedente periodo (Grafici 8 e 13). Per l ovaio (Grafico 11) abbiamo calcolato le seguenti percentuali di sopravvivenza: 23%, 30%, 29% e 37% nel ; quest ultimo con un aumento di 8 punti rispetto al quinquennio precedente (Grafico 13). Nel Grafico 11 si evidenzia anche che Il tumore del polmone ha avuto un lieve incremento dal 1985 al 1994 (dal 4% al 9%) e un notevole aumento nel quando la sopravvivenza è stata del 22% (13 punti in più rispetto al , Grafico 13). I Grafici 11e 13 mostrano infine un decremento per il tumore dello stomaco (dal 31% del al 25% del ,) e del fegato (dal 9% al 7%,); in lieve decremento pure il tumore del colon (dal 54% al 53%, Grafici 9 e 13). Nel sesso maschile c è stato un costante e netto incremento per ognuno dei quinquenni in studio nel tumore della prostata (Grafico 6): si è passati dal 28% del periodo , al 49% del (+21%), al 69 del (+20%) all 85% del (+16%, Grafico 14) con una differenza tra il primo periodo e l ultimo di 57 punti percentuali. Per quanto riguarda i tumori della vescica (Grafico 10) le sopravvivenze nei quattro quinquenni sono state: 35%, 39%, 48% e 78% con un aumento di ben 30 punti tra il e (Grafico 14); per il tumore del retto (Grafico 8) la sopravvivenza è stata in costante incremento: 43%, 48%, 50% fino al 60% del ; quest ultimo con 10 punti in più rispetto al precedente periodo (Grafico 14); per i linfomi non Hodgkin (Grafico 12) dal 44%, 45% e 42% rispettivamente dei primi tre quinquenni si è passati al 52% del quest ultimo con 10 punti in più rispetto al precedente periodo (Grafico 14); per lo stomaco (Grafico 12) le sopravvivenze sono state 19%, 18%, 24% e 29% con 5 punti in più nel rispetto al (Grafico 14); per il polmone (Grafico 12) si è Pagina 3

5 passati dal 6% di entrambi i periodi e al 9% del e 12% del , quest ultimo periodo con 3 punti in più rispetto al precedente (Grafico 14); per il fegato (Grafico 12) si è passati dallo 0% del primo quinquennio al 7%, 8% e 11% di quelli successivi con 3 punti in più nel rispetto al (Grafico 14); per il pancreas (Grafico 12) dallo 0% del e 1% del la sopravvivenza è aumenta al 4% del fino al 7% del ; quest ultimo periodo con un aumento di 3 punti rispetto al precedente (Grafico 14). Il Grafico 14 mostra che sono risultate in decremento le sopravvivenze del rispetto al nei tumori della laringe (-8 punti: dal 75% del al 67% del ), del melanoma (- 2 punti: dal 72% del al 70% del ), leucemie (-3 punti: dal 51% del al 48% del ) e colon (-2 punti: dal 56% del al 54% del ). CONFRONTI GEOGRAFICI (Tabelle 15,16,17,18,19,20) Tumori a maggiore curabilità. %). Nel sesso maschile (Grafici 15), in provincia di Ragusa la sopravvivenza è migliore rispetto a quella del Sud Italia per i tumori Tiroide, Prostata, Testicolo e Vescica (rispettivamente +16, +7, +4 e +1 punti percentuali). E risultata minore per il Linfoma di Hodgkin (-4%). Nei confronti con il Centro e Nord Italia solo per il tumore della tiroide la sopravvivenza è migliore (+6% rispetto al Nord), mentre è minore per la prostata (-4%), testicolo e vescica (entrambi -1%). Nel sesso femminile (Grafici 18), in provincia di Ragusa la sopravvivenza è risultata migliore rispetto a quella del Sud Italia per i tumori vescica (+6%), tiroide e melanoma (entrambi +5%), mammella (+0.7%) e inferiore nel Linfoma di Hodgkin (-7%). Nei confronti del Centro e Nord Italia la sopravvivenza è migliore per il tumore della vescica (+5%) e della tiroide (+2%) ed è inferiore per la mammella (-4%), melanoma(-2.5%) e linfoma di Hodgkin (-3.5%). Tumori a curabilità intermedia. Nel sesso maschile (Grafici 16), in provincia di Ragusa la sopravvivenza è maggiore di solo 1 punto percentuale rispetto a quella del Sud Italia per i tumori colon-retto, uguale per rene e laringe, minore per il melanoma (-3%) e Linfomi Non Hodgkin (- 1%).Nei confronti del Centro e Nord Italia tutte le sopravvivenze sono inferiori: -12% melanoma, - 9% rene, -8% Linfomi Non Hodgkin, -3% laringe e -2% colon-retto. Nel sesso femminile (Grafici 19), in provincia di Ragusa la sopravvivenza è maggiore rispetto a quella del Sud Italia per i tumori del rene (+10%), collo utero (+8%) corpo utero (+5%) e linfomi non Hodgkin (+4%); è inferiore nel colon-retto (-1%). Nei confronti del Centro e Nord Italia la sopravvivenza è migliore per il tumore del collo utero e rene (entrambi +3%) ed è inferiore per il colon-retto (-6%), linfomi non Hodgkin (- 5%) e corpo utero (-1%). Tumori meno curabili. Nel sesso maschile (Grafici 17), in provincia di Ragusa la sopravvivenza a 5 anni è risultata migliore rispetto a quella del Sud Italia per le leucemie (+6%) e 2 punti percentuali per i tumori dello stomaco e di 1 punto nel pancreas, uguale per i tumori del polmone, e peggiore per i tumori del fegato (-3%). Nei confronti del Centro e Nord Italia le sopravvivenze sono migliori per le leucemie (+6% rispetto al Centro Italia e +1% rispetto al Nord) e di solo 1 punto percentuale per il pancreas; sono inferiori di -5.5% nel fegato, -2% nello stomaco e nel polmone. Nel sesso femminile (Grafici 20), in provincia di Ragusa la sopravvivenza è migliore rispetto a quella del Sud Italia per i tumori del polmone (+7%) e ovaio (+2%); è inferiore per i tumori dello stomaco (-8%), fegato e leucemie (entrambi -7%) e pancreas (-1%). Nei confronti del Centro e Nord Italia la sopravvivenza è migliore per il tumore del polmone (+5% e +3% rispettivamente) ed è inferiore per lo stomaco (-12%), fegato (-10%), le leucemie (-4.5%), ovaio (- 4%) e pancreas (-3%). Pagina 4

6 COMMENTO La tabella 1 esprime una sintesi di quello che emerge dai nuovi dati di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi di un tumore in provincia di Ragusa. Aggregando le varie sede tumorali possiamo dire che i tumori urologici e genitali maschili hanno avuto le migliori curabilità: quattro su cinque persone che si sono ammalate nel di un tumore della vescica o della prostata e tre su cinque di quelle con diagnosi di un tumore del rene sono risultate viventi a 5 anni dalla diagnosi. Quasi tutti coloro che hanno avuto un tumore del testicolo nel sono viventi. La sopravvivenza delle neoplasie genitali maschili e urologiche è stata in costante incremento dalla fine degli anni 80 ed è migliore (prostata +7%) o sovrapponibile (vescica e rene) a quella del Sud Italia. Il Centro e Nord hanno migliori sopravvivenze nel rene (+9%) e prostata (+5%). Con riferimento ai tumori ginecologici tre donne su cinque ammalatesi di un cancro del collo o del corpo dell utero nel sono viventi a 5 anni dalla diagnosi; il tumore dell ovaio ha la minore sopravvivenza con quasi due donne viventi su cinque. La curabilità di quest ultimo tumore appare tra le peggiori ed in linea con il resto del Sud Italia, sebbene ci sia stato un ragguardevole miglioramento dalla fine degli anni 80. La sopravvivenza dei tumori del collo dell utero in provincia di Ragusa è pressoché invariata dalla fine degli anni 80, anche se bisogna segnalare che il valore di Ragusa del periodo è migliore rispetto a quello delle altre macroaeree italiane: +8% rispetto al resto del Sud e +3% rispetto al Centro/Nord. Per il corpo dell utero la sopravvivenza a Ragusa è migliore (+5%) rispetto al Sud ed è sovrapponibile a quella del Centro- Nord. Le neoplasie del colon-retto rappresentano i tumori dell apparato digerente con la migliore sopravvivenza: quasi tre su cinque pazienti sono viventi a 5 anni dalla diagnosi; dalla fine degli anni 80 l incremento di sopravvivenza è stato costante e notevole per il retto, mentre per i tumori del colon si è evidenziato un lieve peggioramento nel periodo rispetto al La sopravvivenza dei tumori del colon-retto è lievemente inferiore a Ragusa rispetto al Centro-Nord nel sesso maschile (-2%) ed è, invece, più nettamente inferiore nel sesso femminile (-6%). Stomaco, fegato e pancreas restano ancora tumori a bassa curabilità (nessuno o meno di un paziente su cinque risulta vivente a 5 anni dalla diagnosi) con percentuali di sopravvivenza sovrapponibili alle altre macroaeree per quanto riguarda stomaco e pancreas; nel fegato essa è inferiore rispetto al resto del Sud Italia (-3% negli uomini e -7% nelle donne) e al Centro-Nord (-5.5% negli uomini e - 10% nelle donne); si segnala che a Ragusa la sopravvivenza del tumore dello stomaco nelle donne diagnosticate nel è diminuita rispetto al quinquennio precedente (-4%). Per quanto riguarda i tumori emolinfopoietici quattro pazienti su cinque ammalatisi di un linfoma di Hodgkin, quasi tre su cinque sofferenti di un Linfoma Non Hodgkin e due su cinque con una Leucemia sono viventi a 5 anni dalla diagnosi. Contrariamente ai Linfomi Non Hodgkin, in cui si è assistito a un progressivo miglioramento nei 20 anni in esame, segnaliamo che per le Leucemie la sopravvivenza del è diminuita di 9 e 3 punti percentuali rispettivamente negli uomini e nelle donne in confronto al quinquennio precedente. Per i Linfomi Non Hodgkin in entrambi i sessi i valori sono sovrapponibili al resto del Sud e inferiori rispetto al Centro e Nord Italia, la sopravvivenza delle Leucemie nelle donne è inferiore rispetto al Centro e Nord (-4%) e al resto del Sud Italia (-7%). Nonostante la diminuzione della sopravvivenza nel le leucemie degli uomini, invece, hanno valori migliori rispetto al Sud (+6%) e sovrapponibili a quelli del Nord Italia. Per i tumori fumo-correlati si evidenzia che meno di uno su cinque pazienti con cancro del polmone e tre su cinque pazienti con cancro della laringe sono viventi a 5 anni dalla diagnosi. Per il polmone si osserva un trend in aumento più marcato negli anni 2000 e ancor di più nel sesso femminile; invece per la laringe c è una diminuzione negli anni 2000 rispetto alla fine degli anni 90. La sopravvivenza del polmone a Ragusa è sovrapponibile a quella delle altre aree italiane nel sesso maschile, mentre è migliore rispetto al Centro e Nord (+3%, +5%) e al Sud (+7%) nel sesso femminile. Per la laringe maschile i valori di Ragusa sono uguali a quelli del resto del Sud e inferiori (-3%) rispetto al Centro e Nord. Pagina 5

7 Il tumore della mammella femminile è associato a buona curabilità: quattro donne su cinque ammalatesi nel sono vive a 5 anni dalla diagnosi; c è stato un costante trend in incremento che però appare rallentato negli anni Il confronto con il Sud evidenzia valori sovrapponibili, mentre rispetto al Nord a Ragusa la sopravvivenza è inferiore (-4.3%). Anche per il melanoma quattro donne su cinque sono viventi a 5 anni dalla diagnosi, mentre sono tre su cinque gli uomini viventi a 5 anni dalla diagnosi. La sopravvivenza del melanoma delle donne ha avuto un costante incremento nei 20 anni in studio, mentre per gli uomini sembra essersi assestata intorno al valore del 70% con un decremento nel rispetto al precedente periodo (-2%). I confronti geografici evidenziano che per il sesso maschile la sopravvivenza è inferiore rispetto al Sud (-3%) e ancor di meno rispetto al Nord (-13%), mentre per il sesso femminile è migliore rispetto al Sud (+5%) e di poco inferiore rispetto al Nord (-2.5%). I tumori della tiroide occorsi nel a Ragusa sono associati a eccellente curabilità in entrambi i sessi: in pratica quasi tutti i pazienti sono viventi a 5 anni dalla diagnosi. La sopravvivenza è migliore rispetto al Sud (+5% nelle donne e +16% negli uomini) e rispetto al Nord (+2% nelle donne e +5% negli uomini). NOTE CRITICHE E CONCLUSIONI Quest analisi ha dei limiti importanti. Innanzitutto non tiene conto dello stadio alla diagnosi, della terapia, delle specificità istologiche e di biologia del tumore; in secondo luogo non ci sono informazioni sull intervallo libero di malattia, né su eventuali co-morbidità. Infine, si riferisce a coloro che si sono ammalati nel Ma ha anche dei notevoli vantaggi: sono dati di popolazione, cioè quello che è successo nella popolazione residente in provincia di Ragusa; i dati sono stati raccolti, codificati ed elaborati con metodi omogenei e standardizzati nelle 31 aree italiane coperte da un registro tumori, e quindi assolutamente confrontabili. Il fatto che riguardano pazienti ammalatisi di un tumore nel non significa che sono dati vecchi, poiché per fare un analisi di sopravvivenza bisogna aspettare 5 anni (in questo caso fino al ); per i prossimi dati (cioè, quinquennio ) bisognerà aspettare fino all E lecito, quindi, concludere che in provincia di Ragusa si è verificato un progressivo aumento della sopravvivenza dei malati oncologici con una progressiva maggiore probabilità di essere curati rispetto agli anni passati. Per pochi tumori, in particolare polmone, pancreas e fegato, la curabilità, seppure migliorata, resta ancora bassissima; per questi ultimi, inoltre, non evidenziamo nessuna differenza con il Nord Italia. Il gap con il Settentrione si è ridotto nettamente per molte altre neoplasie, ma, seppur in riduzione, è ancora significativamente presente per mammella, colon-retto e leucemie nelle donne e prostata e melanoma negli uomini. Nei confronti con il Sud la nostra realtà si colloca ai primi posti nella maggior parte dei tumori. Siamo del parere che la sopravvivenza relativa aggiustata per età, come quella presentata in questa relazione, rappresenti un indicatore di performance del Sistema Sanitario Nazionale in campo oncologico in termini di efficienza/efficacia/benefici. Essa esprime e condensa tutta la filiera di gestione del paziente oncologico: educazione sanitaria, medicina di base, prevenzione secondaria, diagnosi, terapia, riabilitazione, senza escludere ricerca e innovazione farmaceutica. Maggiore è la sopravvivenza, migliore è stata l offerta da parte del SSN. Maggiore è la curabilità, maggiore è la domanda di riabilitazione. BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Siti web: 1) AIRTUM WORKING GROUP, I TUMORI IN ITALIA RAPPORTO 2011, LA SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI ONCOLOGICI IN ITALIA, E&P Suppl. 3, 35, ) AIRTUM WORKING GROUP, I TUMORI IJN ITALIA RAPPORTO 2007, SOPRAVVIVENZA, E&P Suppl.1, 31, ) Rosso St, Casella C, Crocetti E, Ferretti St e Guzzinati St: SOPRAVVIVENZA DEI CASI DI TUMORE IN ITALIA NEGLI ANNI NOVANTA: I DATI DEI REGISTRI TUMORI. E&P Suppl.1, 23, ) Verdecchia A, Micheli A e Gatta G: SURVIVAL OF CANCER PATIENTS IN ITALY THE ITACARE STUDY Tumori 83, 1-507, Pagina 6

8 Dipartimento Prevenzione Medica Registro Tumori FINANZIAMENTO REGIONE SICILIA Responsabile: Rosario Tumino Coordinatore: Maria Guglielmina La Rosa GRUPPO DI LAVORO Collaboratori per raccolta e lavorazione dati: Giuseppe Cascone, Graziella Frasca, Maria Concetta Giurdanella, Caterina Martorana, Gabriele Morana, Carmela Nicita, Patrizia Rollo, Maria Grazia Ruggieri, Aurora Sigona, Eugenia Spata, Stefania Vacirca Collaboratore amministrativo: Giovanna Spata Sotto gli auspici di AIRE-ONLUS Ragusa Il Registro Tumori ASP 7 Ragusa è stato finanziato anche da: AIRC, LILT-Rg, AIL-Rg, Provincia Regionale di Ragusa e Comune di Ragusa. UE, ISS, CCM-Ministero della Salute, Compagnia San Paolo Pagina 7

I nuovi dati di sopravvivenza dei pazienti oncologici in provincia di Ragusa

I nuovi dati di sopravvivenza dei pazienti oncologici in provincia di Ragusa I nuovi dati di sopravvivenza dei pazienti oncologici in provincia di Ragusa Rosario Tumino Dirigente Medico di Anatomia Patologica OMPA Ragusa, Responsabile Registro Tumori, Dipartimento Prevenzione Medica

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

Registrazione dei tumori in provincia di Caltanissetta: dati preliminari per iniziare a conoscere!

Registrazione dei tumori in provincia di Caltanissetta: dati preliminari per iniziare a conoscere! , Sala Falcone-Borsellino 25 Maggio 2012 Registrazione dei tumori in provincia di Caltanissetta: dati preliminari per iniziare a conoscere! Rosario Tumino Dirigente Medico di Anatomia Patologica, Responsabile

Dettagli

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto luglio 2014, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto La sopravvivenza dei malati di tumore in

Dettagli

DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova

DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova Marina VERCELLI Dipartimento Scienze della Salute, Università di Genova S.S. Epidemiologia Descrittiva, IST Genova I NUMERI DEL CANCRO

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Roma, dicembre 2010. Introduzione

Roma, dicembre 2010. Introduzione Roma, dicembre 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Introduzione L obiettivo di questo

Dettagli

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P.

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P. giugno 2009 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO - IRCCS Analisi dell'incidenza dei tumori nell'asl 8 di Asolo: periodo 1999-2003 e andamenti temporali dal

Dettagli

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa

Valutazione dell appropriatezza dei ricoveri dei malati oncologici terminali in Provincia di Ragusa AZIENDA REGIONALE DI RIFERIMENTO per l emergenza di 2 livello OSPEDALI CIVILE MARIA PATERNO AREZZO RAGUSA REGISTRO DEI TUMORI DELLA PROVINCIA DI RAGUSA Responsabile: Dr Rosario Tumino Via Dante n. 109

Dettagli

La frazione dei guariti dal cancro

La frazione dei guariti dal cancro 13-15 Aprile 2016 Reggio Children c/o Centro Internazionale Loris Malaguzzi REGGIO EMILIA La frazione dei guariti dal cancro Stefano Guzzinati Registro Tumori del Veneto Luigino Dal Maso, Centro Riferimento

Dettagli

Epidemiologia del carcinoma della prostata in Ticino: fine di un'epidemia?

Epidemiologia del carcinoma della prostata in Ticino: fine di un'epidemia? Epidemiologia del carcinoma della prostata in Ticino: fine di un'epidemia? Laura Ortelli Registro Tumori Canton Ticino Istituto cantonale di patologia, Locarno Nuova classificazione WHO (2016) dei tumori

Dettagli

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori

6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori 6. La mobilità sanitaria dei residenti nelle ASL 13 (NO) e ASL 14 (VCO) per i principali tumori L'analisi per il totale dei ricoveri oncologici, condotta separatamente per i residenti nell ASL 13 (NO)

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto S.C. Statistica Epidemiologia RTP Puglia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 1 13 1 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro Tumori

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

PREMESSA. Dott. Mario Fusco Direttore Registro Tumori di Popolazione Regione Campania c/o ASL NA4

PREMESSA. Dott. Mario Fusco Direttore Registro Tumori di Popolazione Regione Campania c/o ASL NA4 Il Contributo del Registro Tumori Campano alla conoscenza epidemiologica del territorio: analisi dei dati di incidenza oncologica per il periodo 1997 / Dott. Mario Fusco Direttore Registro Tumori di Popolazione

Dettagli

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

Incidenza e sopravvivenza dei tumori in Italia. Andamenti e Previsioni. Riccardo Capocaccia Reparto di epidemiologia dei tumori

Incidenza e sopravvivenza dei tumori in Italia. Andamenti e Previsioni. Riccardo Capocaccia Reparto di epidemiologia dei tumori Incidenza e sopravvivenza dei tumori in Italia Andamenti e Previsioni Riccardo Capocaccia Reparto di epidemiologia dei tumori Hanno contribuito ISS-CESPS: R. De Angelis, S. Francisci, S. Rossi, A. Tavilla

Dettagli

Precision Medicine e governance di sistema: Il contributo del Registro Tumori

Precision Medicine e governance di sistema: Il contributo del Registro Tumori PRECISION MEDICINE PER UNA ONCOLOGIA SOSTENIBILE: DALLA DIAGNOSTICA ALLA TERAPIA Precision Medicine e governance di sistema: Il contributo del Registro Tumori Dr. Mario Fusco Registro Tumori Regione Campania

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO Registro Tumori del Veneto novembre 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto RTP Puglia S.C. Statistica Epidemiologia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 2010 2013 21 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro

Dettagli

Regione Calabria ASP Catanzaro

Regione Calabria ASP Catanzaro Regione Calabria ASP Catanzaro La Registrazione dei Tumori in Regione Calabria Cosenza, 25-26 febbraio - Teatro Rendano COPERTURA: NORD=42,5% CENTRO=25,5% SUD E ISOLE=16,5% Aree coperte dai Registri di

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Grazie dell attenzione

Grazie dell attenzione Grazie dell attenzione http://www.registri-tumori.it/pdf/aiom2012/i_numeri_del_cancro_2012.pdf In Italia circa 2.250mila persone (4% del totale della popolazione) vivono avendo avuto una precedente

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico. Registro Tumori

Osservatorio Epidemiologico. Registro Tumori Registro Tumori ANALISI SOPRAVVIVENZA AL 2006 TUMORI INCIDENTI 1999-2001 Mantova, Palazzo Te, Sala dei Giganti Mantova, 18 dicembre 2009 Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990.

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. agosto 2015 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Registro Tumori del Veneto Baracco M, Baracco S, Bovo E, Cesco G, Dal

Dettagli

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica Verbania 22 febbraio 2003 Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico Ennio Cadum Area di Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte Valutazione epidemiologica È È stata condotta un analisi descrittiva

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Registro tumori della Basilicata

Registro tumori della Basilicata Registro tumori della Basilicata I dati dell incidenza tumorale del triennio 2005-2007 4 dicembre 2012 Tassi specifici per età da 0 a 84 anni Nota: dati triennio 2005-2007. Rappresentazione grafica basata

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata 4.2 IL CANCRO NELLE MARCHE (Pannelli F) Fonti informative: ISTAT (Osservatorio della mortalità per tumori maligni nelle Marche dal 1980 al 2001); Registro tumori di popolazione della provincia di Macerata

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA

IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA IL REGISTRO TUMORI DELL ASL DI BRESCIA Dr Carmelo Scarcella DG Dr Annamaria Indelicato DS Prof. Francesco Donato Dr Rosa Maria Limina Sig. Stefano Brunelli Sig.ra Assunta Omassi Sig. Giuseppe Zani Sig.

Dettagli

Stima della sopravvivenza netta con il metodo di Pohar Perme Esperienza con i dati dei registri tumori italiani Enzo Coviello e AIRTUM Working Group

Stima della sopravvivenza netta con il metodo di Pohar Perme Esperienza con i dati dei registri tumori italiani Enzo Coviello e AIRTUM Working Group Stima della sopravvivenza netta con il metodo di Pohar Perme Esperienza con i dati dei registri tumori italiani Enzo Coviello e AIRTUM Working Group enzo.coviello@alice.it Argomenti Motivazione Confronto

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Bambini e ragazzi affetti da tumore

Bambini e ragazzi affetti da tumore Bambini e ragazzi affetti da tumore Firenze, 29 maggio 2014 Gianfranco Manneschi U.O. Epidemiologia clinica e descrittiva ISPO Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica introduzione La patologia

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5 506 TABELLA D1.3 Sintesi dei risultati conseguiti: SMR rispetto alla Provincia di Firenze (numero di casi). Eccessi privi di significatività statistica (SMR >110 e n di casi >=3) nei settori e nelle corone

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

Indicatori di qualità nei carcinomi genitali femminili: ovaio e utero Serata di presentazione progetto Zonta Club Locarno 13.04.2010 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia Via in

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Catena di montaggio Recupero delle informazioni Medici

Dettagli

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti

Dr. Francesco Rastrelli. 19 gennaio 2015. Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Dr. Francesco Rastrelli 19 gennaio 2015 Reti per promuovere gli screening: il ruolo dei Farmacisti Riassetto organizzativo Farmacisti territoriali Medici specialisti MEDICINA GENERALE Infermieri Medici

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della

Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della provincia di Caltanissetta. Per poter essere accreditati

Dettagli

I Tumori in Toscana Stime incidenza e prevalenza al 2014

I Tumori in Toscana Stime incidenza e prevalenza al 2014 I Tumori in Toscana Stime incidenza e prevalenza al 2014 A cura di Emanuele Crocetti - Epidemiologia clinica e descrittiva, ISPO Hanno collaborato: Carlotta Buzzoni, Adele Caldarella, Gianfranco Manneschi,

Dettagli

XVII Riunione annuale AIRTUM Bolzano 22 marzo 2013

XVII Riunione annuale AIRTUM Bolzano 22 marzo 2013 XVII Riunione annuale AIRTUM Bolzano 22 marzo 2013 Comunicazione orale: I carcinomi del colon-retto e gli adenomi con displasia di alto grado: confronto nel periodo pre e post screening Relatore: Dott.

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico

Osservatorio Epidemiologico Osservatorio Epidemiologico Registro Mortalità Registro Tumori Registro Malformazioni Congenite Banca Dati Assistito Rischi Ambientali per la Salute Dimmi come muori e ti dirò chi sei anonimo SMR (rapporto

Dettagli

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente LINEA PROGETTUALE 4 Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine AZIONE 1 Studi epidemiologici sulla popolazione residente Studio di coorte sulla popolazione residente Allegato

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO Registro Tumori del Veneto agosto 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi M e

Dettagli

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto

Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto Draft sulla lettura dei risultati italiani dell indagine ALL (Adult literacy and Life skills) Aree geografiche a confronto L indagine internazionale ALL raccoglie elementi importanti che riguardano la

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole:

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: integrazione alle considerazioni conclusive riportate nella versione Ottobre 2013 AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE

Dettagli

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione ubicato nei comuni di Castenaso e Granarolo dell Emilia Il contributo dell Azienda USL di Bologna Dr. Paolo Pandolfi Dipartimento

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE 6.1 Salute umana Dall analisi della documentazione di progetto sottoposta ad autorizzazione emerge come la tematica della Salute Umana sia stata affrontata in modo inadeguato, ovvero con estrema superficialità

Dettagli

Il contributo conoscitivo del Registro Tumori dell ASL Napoli 3 sud all indagine conoscitiva sugli effetti dell inquinamento sull incidenza dei tumori

Il contributo conoscitivo del Registro Tumori dell ASL Napoli 3 sud all indagine conoscitiva sugli effetti dell inquinamento sull incidenza dei tumori Il contributo conoscitivo del Registro Tumori dell ASL Napoli 3 sud all indagine conoscitiva sugli effetti dell inquinamento sull incidenza dei tumori Dr. Mario Fusco Registro Tumori di Popolazione Regione

Dettagli

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Negli ultimi anni i cittadini residenti nel territorio vicino all area della discarica di Ginestreto del comune di Sogliano,

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi M e Zambon P.

Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi M e Zambon P. ANALISI DELL'INCIDENZA DEI GLIOMI IN VENETO. PERIODO 2001-2005 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S,

Dettagli

TUMORI IN ITALIA in Sicilia e Provincia di Caltanissetta

TUMORI IN ITALIA in Sicilia e Provincia di Caltanissetta TUMORI IN ITALIA in Sicilia e Provincia di Caltanissetta Cos è il cancro? Con i termini cancro, neoplasia o il più generico tumore ci si riferisce ad un insieme molto eterogeneo di circa 200 malattie caratterizzate

Dettagli

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale R. Pizzuti, O.E.R. Campania A. Donato, R.T. Provincia di

Dettagli

I tumori in Svizzera. Salute 1183-1000. Neuchâtel, 2011

I tumori in Svizzera. Salute 1183-1000. Neuchâtel, 2011 4 Salute 83-000 I tumori in Svizzera Swiss Childhood Cancer Registry (SCCR) Schweizer Kinderkrebsregister (SKKR) Registre Suisse du Cancer de l Enfant (RSCE) Registro Svizzero dei Tumori Pediatrici (RSTP)

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

Terra dei Fuochi: perchè giornali e TV mettono in prima pagina una notizia vecchia di due anni?

Terra dei Fuochi: perchè giornali e TV mettono in prima pagina una notizia vecchia di due anni? Terra dei Fuochi: perchè giornali e TV mettono in prima pagina una notizia vecchia di due anni? La riflessione viene fatta dall Associazione Marco Mascagna, organizzazione impegnata in progetti e ricerche

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini

COME PREVENIRE IL CANCRO. Dott.ssa Giulia Marini COME PREVENIRE IL CANCRO Dott.ssa Giulia Marini LA PREVENZIONE DEL CANCRO Prevenire il cancro è possibile: 1. Prima che si manifesti la malattia: con stili di vita adeguati e vaccini contro il cancro 2.

Dettagli

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione Alessandra Tavani Scopo della epidemiologia Principali tipi di studi per epidemiologia analitica Tipi di analisi

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

web meeting News da ASCO GI 2014 23 gennaio 2014 h. 13.30-15.30

web meeting News da ASCO GI 2014 23 gennaio 2014 h. 13.30-15.30 23 gennaio 2014 h. 13.30-15.30 web meeting News da ASCO GI 2014 È con piacere che La invitiamo a partecipare a una riunione in rete dal vivo con Stefano Cascinu e Michele Reni. Moderazione di Luciano Onder.

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA

ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Via Marconi 66 80059 Torre del Greco (NA) ANALISI E COMMENTO AI DATI DI INCIDENZA, MORTALITA E SOPRAVVIVENZA Oltre alle tabelle e dati consultabili sul sito, riteniamo opportuno fornire alcune tabelle

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014.

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. Ferrera G.* Cilia S.**, Puglisi C.***, Aprile E., Venga R.. * Resp. U.O. Epidemiologia

Dettagli

4 a sezione Domande conclusive

4 a sezione Domande conclusive 4 a sezione Domande conclusive 101 Domande conclusive Non disponibile a collaborare con le iniziative formative Totale EPID STAT BIOL RILEV Numero (%) 121 (66%) 4.1 3.4 4.4 4.3 Interessato a partecipare

Dettagli

Quattro persone su dieci si ammalano di tumore

Quattro persone su dieci si ammalano di tumore Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 07.02.2011, 9:15 14 Salute N. 0352-1101-20 I tumori in Svizzera dal 1983 al Quattro persone su dieci

Dettagli

Incidenza dei tumori a Prato e nella Circoscrizione Sud nel decennio

Incidenza dei tumori a Prato e nella Circoscrizione Sud nel decennio Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica Registro Tumori Toscano Incidenza dei tumori a Prato e nella Circoscrizione Sud nel decennio 2000-09 A cura di: Alessandro Barchielli, G. Manneschi a.barchielli@ispo.toscana.it

Dettagli

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino

Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Osservatorio Epidemiologico Regionale Registro Tumori Jonico-Salentino RT J-S Stime di incidenza e mortalità per cause tumorali nell area di Brindisi: risultati del Registro Tumori Jonico Salentino Prof.

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

AGGREGAZIONE FAMILIARE DI TUMORI MALIGNI IN PAZIENTI CON CANCRO DEL PANCREAS: UNO STUDIO DI POPOLAZIONE

AGGREGAZIONE FAMILIARE DI TUMORI MALIGNI IN PAZIENTI CON CANCRO DEL PANCREAS: UNO STUDIO DI POPOLAZIONE XVII Riunione AIRTUM Bolzano 20-22 marzo 2013 AGGREGAZIONE FAMILIARE DI TUMORI MALIGNI IN PAZIENTI CON CANCRO DEL PANCREAS: UNO STUDIO DI POPOLAZIONE Caterina Martorana ¹, Rosario Tumino ¹, ² e Maurizio

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti Istituto nazionale di statistica I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti A seguito del processo di invecchiamento della popolazione, nelle zone del mondo più sviluppate i tumori costituiscono una

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

Incidenza dei tumori in ULSS 9 oggi e tra dieci anni Aumenteranno le esigenze di cura ed assistenza.

Incidenza dei tumori in ULSS 9 oggi e tra dieci anni Aumenteranno le esigenze di cura ed assistenza. Incidenza dei tumori in ULSS 9 oggi e tra dieci anni Aumenteranno le esigenze di cura ed assistenza. In questo breve rapporto sull incidenza dei tumori maligni in ULSS 9, presentiamo la situazione attuale

Dettagli

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Problemi di metodo da affrontare nello studio epidemiologico delle malattie non infettive S ono spesso disponibili solo studi di

Dettagli

LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI 2000-2003

LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI 2000-2003 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, POPOLAZIONE E SOCIETÀ Relazione finale LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Salute mentale Sardegna Quadriennio 2009-2012 1 Redazione a cura dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Dr. Francesco

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere

La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere La prevenzione dei tumori femminili nelle donne straniere Lisa Francovich 1, Lidia Gargiulo 1, Barbara Giordani 2, Paolo Giorgi Rossi 3, Alessio Petrelli 4 1 Istat 2 Servizio Epidemiologia ASLTO3 Regione

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli