CONGRESSI E CONVEGNI PROBLEMI GIURISPRUDENZIALI RELATIVI ALLA VENDITA AL CONSUMO. Convegno 2 ottobre Relazione dell avv.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONGRESSI E CONVEGNI PROBLEMI GIURISPRUDENZIALI RELATIVI ALLA VENDITA AL CONSUMO. Convegno 2 ottobre 2013. Relazione dell avv."

Transcript

1 CONGRESSI E CONVEGNI PROBLEMI GIURISPRUDENZIALI RELATIVI ALLA VENDITA AL CONSUMO Convegno 2 ottobre 2013 Relazione dell avv. Francesco Fontana Introduzione e premessa La materia è davvero vasta, e risulta arduo individuare qualcosa di nuovo o diverso; pur considerando tale vastità, però, possiamo ancora definire giovane la materia e allora è utile un contributo cercando di illustrare la forma mentis della c.d. giustizia minore che qui oggi ho l onore di rappresentare. Certo che, di fatto, è quella più prossima al cittadino, al cittadino consumatore, dunque come si dice, front line, rispetto alle stesse tematiche. Affrontando quindi il rischio di ripetere concetti già sentiti e ben conosciuti a tutti gli operatori del settore, mi limiterò a brevi accenni per fornire principalmente un punto di vista, considerando che grande ormai è la casistica e che diventerebbe noioso e stucchevole un mero elenco di problematiche senza criterio di lettura. Per quanto non si possa gioire eccessivamente, infatti, vi è ormai un enorme quantitativo di pronunce giurisprudenziali; ma basta una banalissima ricerca per accorgersi che a dispetto di tale casistica, più che altro appare enorme la potenzialità rispetto al futuro, considerando che come in ogni campo anche qui, man mano che ci si addentra, si estende a macchia d olio. Alcuni dati per leggere tale situazione vanno però presi in considerazione: 1) il particolare contenzioso che nasce dall applicazione della normativa, in effetti, trova molto spazio risolutivo (rectius potrebbe trovarlo di più) in tutte quelle forme di soluzione stragiudiziale con accordi tra soggetto consumatore e operatori professionali che, ovviamente, temono una pubblicità negativa (da cui l enorme problematica dell effettiva incisività delle azioni collettive, o comunque del reale potere contrattuale in capo ai cittadini che agiscono in modo consociato piuttosto che uti singuli); 2) questo perché, il cittadino/consumatore singolo subisce certamente un 29

2 La Rivista del Consiglio maggiore metus dalle grandi imprese (ognuno di noi può raccontare le frustrazioni con qualsiasi call center di customer assistance), e quindi in vista di tali difficoltà molto spesso rinuncia a far valere i propri diritti; 3) correlativamente a tale dato va infine riconosciuto che sia i cittadini sia le imprese in effetti non conoscono ancora bene i diritti e la disciplina che potrebbero attivare. Certo, tale dato riguarda meno le imprese, ma anche gli operatori professionali (ma ci si addentrerebbe in un campo più vasto se volessimo parlare dellelororealimotivazioni)difattorinuncianoancoraamioparereaduna valutazione dei vantaggi che ricaverebbero con una maggiore attenzione verso l utenza (e non semplicemente con la formale e spesso inutile predisposizione di un call center); e cioè che un impiego di risorse in tale direzione non necessariamente significa il venir meno delle prerogative di operazione commerciale. E ciò perché non si può censurare il dato che, necessariamente, la regolamentazione della materia di cui trattiamo nelle pratiche commerciali è sempre di più destinata ad elevare il grado di tutela riconosciuto ai consumatori. Le direttive europee hanno l ambizione di contrastare in modo trasversale le condotte scorrette adottate dai soggetti professionali (nella pubblicità, nella promozione dei prodotti, al momento della vendita o nelle garanzie), e sappiamo che hanno un impatto consistente sul codice civile. Criteri di indagine Con tale premessa si può dire che le sentenze in circolazione come si può immaginare sono per lo più di merito della c.d. giustizia minore; solo a titolo di esempio una grande area su cui vertono riguarda le questioni giuridiche discendenti dai difetti di conformità (di cellulari, di auto, dei beni più svariati, abiti da sposa (chiacchieravo tempo fa con uno dei pochissimi c.t.u. nel settore tessile di Milano, il quale mi raffigurava anche tale casistica) e, un altra grande area, concerne i tempi ed i modi di esercizio del diritto alla garanzia per far valere il difetto di conformità. Evitando quindi di elencare pronunce giurisprudenziali specifiche, anche perché sono state sviscerate benissimo le definizioni di bene di consumo o di consumatore, cercherò di fornire un contributo rispetto proprio a quella forma mentis della giustizia di prossimità che dicevo. Allora, cosa balza in primis agli occhi di un Giudice di Pace secondo tale prospettiva? E cioè agli occhi di quel Giudice di prossimità che deve nel quotidiano esaminare i problemi della gente e di fatto sviscerarne ed evidenziarne la 30

3 chiave di lettura, i punti nodali, per giungere possibilmente alla decisione migliore applicando la legge? Controlla e verifica che effettivamente la garanzia legale riguardi la protezione giuridica dell acquirente, in relazione alle anomalie dei beni acquistati, perché questa protezione è resa obbligatoria dalla legge e non dipende dal contratto. Controlla e verifica che la garanzia commerciale sia effettivamente la manifestazione di volontà di una persona, il garante, come una sorta di auto responsabilizzazione per taluni difetti. In altre parole, cerca di individuare nel caso di specie dove si trovi, o come è stato di fatto reso evidente o esplicitato nella forma contrattuale, l impegno di un venditore o di un produttore professionale, nei confronti del consumatore. E ciò senza alcun supplemento di costo, al fine del rimborso, della sostituzione, della riparazione, cioè per diversamente attenzionare il bene se questo non corrisponde alle condizioni enunciate nella dichiarazione di garanzia o nella pubblicità che ad esso si riferisce. 1) Ancora: che la risoluzione del contratto non sia invocata sempre, in altre parole anche in caso di difetto di conformità minore, o prima di aver esperito i rimedi c.d. di prima fascia. 2) Verifica, quando la responsabilità del venditore finale è impegnata nei confronti del consumatore per un difetto di conformità che derivi da un atto o da un omissione del produttore, di un venditore precedente nella stessa catena contrattuale o di qualsiasi altro intermediario, la possibilità che il venditore finale possa rivalersi contro il responsabile. 3) Infine che non vi siano clausole contrattuali, o accordi conclusi con il venditore, che evitino o limitino direttamente o indirettamente, i diritti previsti dalle direttive. Il nucleo centrale - Il criterio della conformità A ben vedere quindi è proprio il concetto/criterio di conformità la vera rivoluzione introdotta dalla disciplina della vendita dei beni al consumo a tutela del cittadino, la cui individuazione primariamente interessa la giustizia di prossimità. Tale concetto di conformità (ispirato all art. 35 della Convenzione di Vienna del 1980, sulla vendita internazionale di beni mobili) è quindi il vero salto di qualità nella difesa dei diritti del cittadino introdotto nel codice perché si è passati nel campo della vendita di beni, dalla nozione semplice di defect a quel- 31

4 La Rivista del Consiglio la di non conformity in quanto la semplice nozione di vizio della cosa non era più sufficiente. Cioè si è capito che non bastava più considerare una valutazione del rapporto tra l esemplare compravenduto, viziato, e il bene tipico, perfetto. E qual è la novità di tale concetto/criterio di conformità - si badi bene: da considerare non solo al/del bene ma al contratto? È che si tratta di un concetto prevalentemente relazionale con un termine di paragone contrattuale: cioè la descrizione del bene offerta dal contratto. E questa non è una differenza di poco conto ma concettualmente enorme visto che l art. 129 cod. cons. dispone che il venditore ha l obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita ed il comma 2 individua i presupposti in presenza dei quali un bene può presumersi conforme al contratto. Dunque dalla lettura di tale dato normativo, venendo ora esaltato ed evidenziato principalmente il concetto di conformità, di conseguenza assume ruolo essenziale l accordo contrattuale, la pattuizione tra le parti, tant è che all accordo è pure equiparata la pubblicità e la presentazione del bene fatta dal venditore. Cioè si è spostata l attenzione non più solo sul bene ma sull accordo, con tutte le prevedibili conseguenze in tema di garanzie, tutele e dinamiche sinallagmatiche, che l accordo necessariamente comporta, e che il Giudice ora dovrà quindi necessariamente valutare in prima istanza: indagando in primo luogo circa la presenza o meno di un vizio nell accordo, prima ancora che nel bene in quanto tale. Quindi - per essere pratici - nella formazione del fascicolo di parte l avvocato può inserire anche volantini pubblicitari per fornire al Giudice la prova del contenuto del contratto. Un altro esempio: una delle previsioni qualificanti la disciplina sulla vendita di beni di consumo è certamente quella riguardante il difetto di conformità a seguito di un installazione mal eseguita. L imperfetta installazione è ora equiparata al difetto di conformità tout court ma, per l appunto, a condizione che sia compresa nel contratto. E tale regola vale anche nel caso di un installazione che sia realizzata dal consumatore stesso e che risulti difettosa a causa di una carenza delle istruzioni (casistica Ikea ad esempio) (art. 129, comma 5, cod. cons.). Questo direi allora è il primo e, ritengo, il più importante criterio guida che il Giudice cerca di individuare - in primis come novità concettuale e criterio valutativo - per usarlo nella lettura del contenzioso sottoposto al suo esame, e da cui però purtroppo scaturiscono le pronunce più disparate, anche a causa 32

5 effettivamente del dato normativo - come dicevo - ancora giovane, in divenire come orientamento. Ma direi proprio che il criterio della conformità, rectius l aver spostato l attenzione dal bene in quanto tale, e dunque dai vizi e dalle garanzie del bene, all accordo, mi sembra la vera novità interpretativa e di tutela del consumatore che nel lavoro quotidiano il Giudice di Pace tiene presente. Ma vediamo meglio in che senso. L onere probatorio del difetto di conformità È evidente che in primo luogo il Giudice valuta l onere probatorio per la dimostrazione del difetto di conformità come nuovo criterio valutativo. Tale novità si evidenzia ancor più nel momento in cui attenzioniamo il comma 3 dell art sexies c.c. (n.d.r. adesso art. 132 cod. cons.) vecchia numerazione, dove addirittura era previsto che se il difetto si manifesta entro sei mesi dalla consegna, questo si presume esistente già a tale data. E, come si intuisce, questa circostanza di fatto sgrava il consumatore dall onere di provare che il bene era difforme già al momento della consegna. Ecco la novità discendente dall introduzione del criterio della conformità. Anche in precedenza la disciplina comunitaria facilitava il consumatore, ma in realtà prima (secondo un certo orientamento) era gravato dall onere di provare l esistenza del vizio al momento del trasferimento del bene (per tutte, Cass., 18 luglio 1991, n. 7986, in Giust. civ. Mass., 1991, fasc. 7). Come si intuisce, adesso, visto che l attenzione è spostata sulla responsabilità del venditore e sull inadempimento all obbligo di consegnare beni conformi al contratto, ciò che conta è quindi tutto il campo interpretativo su tale principio di conformità rispetto alla sua essenzialità nella genesi dell accordo e sulla prova che per ciò va fornita. Su tale problematica probatoria, mi sento pienamente confortato in caso di denuncia di inadempimento o inesatto adempimento, dalle sezioni unite con la sentenza del 30 ottobre 2001 (C. sez. un., 30 ottobre 2001, 13533, in Foro it., 2002, I, 769). Il Tribunale di Torino sembra andare in direzione diversa, ma tale è l orientamento come criterio valutativo ed in via interpretativa che ritengo di applicare, perché mi sembra più conforme alla ratio della disciplina ed al nuovo criterio concettuale introdotto con il principio di conformità, che è volto alla tutela del contraente più debole. E tale ratio, cioè l affermazione del principio della c.d. vicinanza della prova, trova il suo fondamento nelle norme di carattere sostanziale e processuale 33

6 La Rivista del Consiglio che si declinano esattamente nei corollari dei doveri di correttezza, buona fede e diligenza ex artt. 1175, 1176, comma 2 e 1375 c.c. che, come esporrò più avanti, non può fare a meno di considerare prevalente una lettura del caso di specie maggiormente ancorato a tali principi peraltro ben connessi con quelli di lealtà e probità nel processo ex art. 88 c.p.c., dove l onere probatorio va inteso «come una sorta di onere di collaborazione delle parti, vicine alla fonte di prova, ad allegare tempestivamente e nel rispetto delle regole della correttezza, i mezzi istruttori, in un ottica di economia processuale e di ragionevole durata del giudizio». Basterebbe cioè una mera allegazione, ovvero soltanto provare la fonte (negoziale o legale) del diritto vantato ed il relativo termine di decadenza; in altre parole limitarsi ad una mera allegazione della circostanza dell inadempimento della controparte, mentre il debitore convenuto è gravato dall onere della prova del fatto estintivo dell altrui pretesa. Di fatto vengono invertiti i ruoli della parti, poiché il debitore si limiterà ad allegare l altrui inadempimento dell obbligazione ed il creditore agente dovrà dimostrare il proprio adempimento, perché in ragione di tale principio di vicinanza della prova avviene un vero riparto dell onere probatorio (da considerare quindi unitario) per evitare che la parte non riesca ad assolvere al proprio onere perché la fonte di prova non è nella sua disponibilità, ma della controparte che ha interesse magari a paralizzare la pretesa creditizia. Come si sa però questo orientamento, evidenziando il principio della mera riferibilità o vicinanza della prova, è minoritario, e, come si capisce, tale via interpretativa non ha certamente semplificato le cose, tutt altro; il comma 3 dell art. 132 cod. cons., che avrebbe dovuto favorire l azionabilità della garanzia da parte del consumatore per i beni acquistati da solo sei mesi, rischia infatti di essere fuorviante, lasciando intendere un diverso atteggiarsi di tale onere probatorio - o comunque un diverso suo accertamento e riconoscimento - relativamente alla sussistenza del difetto di conformità che insorga dopo sei mesi dall acquisto. E di fatti sul punto si trovano in circolazione pronunce le più svariate, visto che tra l altro l art. 128, ultimo comma, cod. cons. estende l applicazione delle norme del titolo in cui è collocato anche alla vendita di beni di consumo usati, considerando però il tempo del pregresso utilizzo, limitatamente ai difetti non derivanti dall uso normale della cosa. Come agevolmente si capisce, infatti, non è facile stabilire quale sia l uso normale idoneo a provocare mutamenti nel bene a tal punto da poter essere considerati genetici rispetto alla verifica dei difetti di conformità contrattualmente rilevanti. 34

7 Questa problematica è quindi oggetto di valutazione presso i Giudici di Pace e Tribunali in numerose fattispecie riguardanti ad esempio un bene di consumo molto diffuso come l automobile. In alcuni casi, ad esempio (Trib. Mondovì, , sull acquisto di un automobile usata immatricolata da alcuni anni, che dopo breve tempo presentava problemi all impianto frenante non risolti nonostante l intervento del venditore, tanto da causare l uscita di strada della vettura, e quindi la cui riparazione risultava a quel punto non più conveniente), in cui il venditore è citato dal consumatore per la risoluzione del contratto ed il risarcimento del danno, ma il Tribunale respinge la domanda ritenendo che il deterioramento normale del bene può essere desunto dall immatricolazione, dal chilometraggio dell automobile e dalla destinazione del mezzo al trasporto di cose. In altri casi (GdP Ascoli Piceno, 14 aprile 2009: meno di un anno dopo il bene presenta alcuni dei difetti elencati dal venditore ma questi non ritiene in vigore la garanzia dei beni usati e, dopo aver riparato il veicolo, chiede il pagamento delle riparazioni effettuate) è il venditore che alla stipula del contratto di vendita fa sottoscrivere al consumatore un documento ove vengono descritti i difetti del veicolo derivanti dal pregresso utilizzo e conseguenti alla normale usura. Il venditore viene così citato dal consumatore che chiede il riconoscimento della garanzia e la restituzione della somma pagata per le riparazioni, ma il Giudice respinge la domanda (che pur aveva denunciato entro un anno i difetti) ritenendo che i difetti lamentati derivano dall uso del veicolo, data l anzianità dello stesso e che, secondo la normativa, non vi è difetto di conformità se la cosa è comunque conforme alla descrizione fatta dal venditore. In altri casi ancora (GdP Acireale, 24 marzo 2005) il venditore s impegna a garantire l autovettura da eventuali guasti per un periodo di un anno dalla data indicata nel contratto: sei mesi dopo il motore del veicolo si rompe, il consumatore fa riparare l auto e contestualmente chiama in giudizio il venditore chiedendo il risarcimento dei danni pari alla spesa sostenuta per le riparazioni, e il Giudice ritiene valida la garanzia prestata dal venditore, trovando quindi attuazione l art, 132, comma 3, cod. cons (ex art sexies, comma 3, c.c.). Quello che si può dire pertanto, anche in prospettiva futura, è che non pare sia ancora individuabile un orientamento preciso, proprio in ragione della magmaticità della problematica e dell immensa casistica. Formalità della denuncia E ciò è favorito, in effetti, da un altro aspetto ancora controverso e per nulla 35

8 La Rivista del Consiglio definito (dunque con pronunce anche qui ondivaghe), che riguarda il profilo delle formalità per la denuncia del difetto di conformità. L art. 132, comma 2, cod. cons. prevede che il consumatore debba denunciare al venditore il difetto di conformità entro due mesi dalla data della scoperta altrimenti decade dai diritti previsti dall art. 130, comma 2, cod. cons. senza quindi specificare quali siano le forme e le modalità di tale denuncia. Sembrerebbe quindi che il legislatore abbia inteso applicare il principio di libertà delle forme, ritenendo che così abbia voluto tutelare la parte debole del contratto; ed è tale ad esempio il mio orientamento, anche considerando un ultimo criterio che più avanti esporrò. Nonostante ciò, dalle svariate pronunce (che potete facilmente trovare) che si sono avute in materia, pare che la giurisprudenza sia orientata ad intendere l adozione di una forma vincolata che, pertanto, per individuare il difetto di conformità che si è manifestato, viene ritenuto un elemento essenziale per la sua efficacia e denuncia formale. Trovate quindi sentenze (GdP Roma, 20 marzo 2006, riguardo alla domanda di risoluzione del contratto di vendita di un divano-letto, che dopo una prima infruttuosa riparazione del bene, ne chiede la sostituzione o la risoluzione del contratto: visto il rifiuto opposto dal venditore il compratore si rivolge al giudice) in cui si accoglie la domanda attrice poiché si ritiene che la denuncia del difetto sia stata conforme a quanto richiesto per fare valere la garanzia. Un altro caso si è concluso in maniera opposta (Trib. Torre Annunziata, 19 giugno 2009): per un contestato difetto di conformità di un automobile il tribunale respinge la richiesta del consumatore di farsi riconoscere i rimedi previsti dalla legge perché manca la prova della data certa in cui è stato scoperto il difetto. E ancora in un altro caso (GdP Bari, 16 maggio 2003) si è ritenuto necessaria la denuncia scritta con la precisa e puntuale descrizione dei vizi riscontrati pervenuta nei termini (un consumatore, dato il malfunzionamento di un telefono cellulare e una prima sostituzione del bene che tuttavia continua a presentare lo stesso difetto, cita in giudizio il venditore chiedendo il risarcimento dei danni, la sostituzione del bene o una riparazione effettiva). Il giudice rigetta la domanda in quanto non sarebbe stata formulata una denuncia espressa del difetto con decadenza dalla garanzia. La medesima soluzione viene data in un altro caso analogo (GdP Bari, 8 marzo 2013), in cui alla semplice denuncia verbale effettuata nei termini, segue, sette mesi dopo la scoperta del vizio, una raccomandata di denuncia del vizio. In tal caso il giudice rigetta la domanda perché i termini di legge non sono stati rispettati. Un caso di soluzione opposta (GdP Bari, 6 maggio 2005) 36

9 ritiene invece provata la tempestività della denuncia da un comportamento concludente delle parti. Gerarchia dei rimedi - Risarcimento dei danni - Termini di decadenza e prescrizione Gli altri profili/criteri di lettura di esame del Giudice sono desumibili dall art. 130 cod. cons., che stabilisce una gerarchia tra i diversi rimedi e modi e tempi per l esperibilità. Anche qui spetta ovviamente alla giurisprudenza rendere sostanziali tutte le formule previste da tale articolo per valutare se il venditore abbia rispettato la congruità del termine dalla richiesta per la riparazione o sostituzione del bene, tenendo conto della natura del bene e dello scopo per cui è stato acquistato, valutando anche con cura che non ci siano spese aggiuntive per il consumatore (Trib. Lecce, 4 marzo 2013). Un altro profilo che il Giudice deve attentamente considerare nella sua valutazione è certamente tutta la problematica riguardante il diritto al risarcimento dei danni in caso di difetto di conformità: poiché né la direttiva né il decreto di attuazione affrontano tale tema, in base all art. 135 cod. cons. bisogna fare riferimento alle norme dell ordinamento. Da quello che mi risulta, in particolare la giurisprudenza di merito dei Giudici di Pace (GdP Bologna, 27 marzo 2006) è orientata a ritenere applicabile l art c.c., ma occorre anche affermare che sul punto le pronunce non possono essere ritenute ancora sufficienti e definitive per risolvere problemi d interpretazione legati all applicazione delle norme. Infine, va considerato l ampliamento dei termini di prescrizione e decadenza rispetto alle corrispondenti previsioni degli artt e 1667 c.c., che, essendo uno degli aspetti più chiari dell innalzamento del grado di tutela delle garanzie legali, va quindi direttamente al cuore della ratio della normativa per rendere effettivo proprio quel salto di qualità che accennavo all inizio con l individuazione del criterio di conformità e lo spostamento d attenzione sull aspetto della pattuizione, e non solo sul bene. Il venditore è responsabile quando il difetto di conformità si manifesta, cioè il consumatore è concretamente in grado di averne percezione, entro il termine di due anni dalla consegna del bene (art. 132 cod. cons.). È questo il termine di durata della responsabilità del venditore, a meno che non si tratti di beni usati per i quali è facoltà delle parti ridurre il termine ad un anno (art. 134, comma 2, cod. cons.). All acquirente è rimesso poi un onere di denuncia: il consumatore, infatti, deca- 37

10 La Rivista del Consiglio de dai diritti connessi alla garanzia se non denuncia al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla scoperta (art. 132, comma 2, cod. cons.). Il compratore è esonerato dall onere di denuncia, oltre che nel caso d occultamento da parte del venditore del difetto di conformità, nel caso in cui questi abbia riconosciuto la difformità (comma 2, cpv.). L ultimo comma dell art. 132 cod. cons. prevede che l azione si prescrive in ogni caso nel termine di ventisei mesi dalla consegna del bene, precisando tuttavia che il compratore/committente può far valere i suoi diritti in sede d eccezione purché abbia denunciato entro due mesi dalla scoperta e prima della scadenza dei ventisei mesi. La buona fede contrattuale Riprendo adesso il punto iniziale (avviandomi così alla conclusione), cioè la vera novità della normativa nell aver spostato l attenzione dal bene alla pattuizione, per evidenziare meglio qual è a mio parere il vero nucleo interpretativo che almeno io personalmente cerco di individuare e che mi orienta nella lettura dei fatti e nelle decisioni. Se riconosciamo che la normativa ha spostato l attenzione sull aspetto della pattuizione, dell accordo, è qui che si deve trovare la chiave di lettura per individuare quali siano gli atteggiamenti contrattuali da stigmatizzare; cioè quelli che in pratica, violando la buona fede contrattuale, di fatto renderebbero vano l innalzamento delle tutele introdotte. Per fortuna interviene la Cassazione (e dunque perfettamente in linea con le sezioni unite prima citate sull unitarietà dell onere probatorio) che (con principi ricavabili anche a contrariis in Cass., 10 luglio 1996, n. 6299, rv ) almeno personalmente mi conferma nella necessità che il Giudice debba sempre valutare tutti i fatti di causa senza essere tenuto al solo tenore letterale delle norme, dovendole interpretare ed applicare in via sostanziale ai fini di giustizia. Al contrario, infatti, verrebbe, sempre penalizzato il contraente (normalmente quello più debole) che in buona fede si affida alle promesse di chi poi, con migliore capacità di esaminare il contratto - visto che normalmente lo predispone egli stesso -, dei principi sostanziali a fondamento dell accordo, spesso può ben dirsi in mala fede (basti pensare alla problematica delle clausole vessatorie tipiche nel settore che qui stiamo affrontando). È lecito allora ribadire e ricercare sempre tali principi, posto che il Giudicante può andare oltre il c.d. nomen juris, perché «il principio di buona fede contrattuale [...] ha la portata di ampliare (ovvero di restringere) gli obblighi lette- 38

11 ralmente assunti con il contratto nei casi, e nella misura in cui, farli valere nel loro tenore letterale contrasterebbe con detto principio, il quale opera essenzialmente come un criterio di reciprocità che deve essere osservato vicendevolmente dalle parti del rapporto obbligatorio» (Cass., 10 ottobre 2003, n , rv ). La Suprema Corte addirittura eleva tale principi proprio a garanzia della parte più debole tanto da affermare che occorre: «adeguare il proprio comportamento in modo da salvaguardare l utilità della controparte e, dall altro, a tollerare anche l inadempimento della controparte che non pregiudichi in modo apprezzabile il proprio interesse». Addirittura si spinge anche ad affermare che: «il semplice ritardo di una parte nell esercizio di un diritto (ovvero il diritto di agire per far valere l inadempimento della controparte) può dar luogo ad una violazione del principio di buona fede nell esecuzione del contratto soltanto se, non rispondendo esso ad alcun interesse del suo titolare [...] può tradursi in un danno per la controparte» (Cass., 15 marzo 2004, n. 5240, rv ). Anzi, si spinge a definire la buona fede come un vero impegno od obbligo di solidarietà che, letteralmente: «impone a ciascuna parte di tenere quei comportamenti che [...] siano idonei a preservare gli interessi dell altra parte» (Cass., 18 ottobre 2004, n , rv ). Dunque, il Giudice nella sua attività interpretativa va oltre il c.d. nomen juris, ed ha la possibilità di valutare il contenzioso sottoposto al suo esame ancorandosi a tale principio ed a quanto la Suprema Corte statuisce in modo preciso (ancora cfr. Cass., 1º agosto 2002, n , rv ). Conclusione La disciplina della vendita di beni di consumo resta tuttavia un corpo di norme controverso, per un ancora insufficiente e non felicissimo recepimento a cui si aggiungono i problemi relativi alla recentissima direttiva di cui ha parlato l avv. Pellegrino. Ma è un intervento legislativo che va evidentemente al cuore della dinamica dei rapporti/scambi commerciali e che necessiterebbe di maggiore cura. Non a caso pertanto, prevalgono ancora su tali norme - come anticipavo all inizio - attività di disinformazione ad opera ad esempio di venditori che non accettano di riparare o sostituire il bene, rinviando il consumatore al produttore, anche se la legge impone un diverso regime di responsabilità. Forse, come la giurisprudenza ha già indicato, una vera rivoluzione sarebbe inserire queste norme di nuovo regime di responsabilità relativamente al risarcimento direttamente all interno del Codice del consumo. 39

12 La Rivista del Consiglio Sono tuttavia certo che per quel che riguarda la mia posizione, un attento esame del cuore di questa disciplina sia il criterio da seguire per venire incontro alla ratio della legge già così com è, di per se rivoluzionaria nella tutela del consumatore, facilitando i rapporti contrattuali nel pieno rispetto del necessario affidamento e, in ultima analisi, la crescita della civiltà. 40

13 LA DISCIPLINA CIVILISTICA DELL USURA Convegno 15 aprile 2014 Relazione dell avv. Antonio Donvito 1. La ricerca dell equilibrio Il mondo cambia, ma resiste nel giurista l idea illuminista secondo cui l equilibrio contrattuale tra il dare e l avere, il do ut des tra le parti, corrisponderebbe all accordo raggiunto liberamente, consacrato nel testo del contratto. L autonomia privata avrebbe, in altri termini, il potere magico di stabilire l equilibrio tra le reciproche prestazioni, equilibrio oggettivo e soggettivo. Per lungo tempo, la ricerca dell equilibrio oggettivo del rapporto contrattuale è mancata nella nostra legislazione, nonostante la Costituzione l avesse informata ai principi dell utilità sociale e della solidarietà, certamente sovraordinati a quello codicistico dell autonomia (art c.c.). Nell impianto delle obbligazioni, il controllo dell equilibrio tra le prestazioni si realizza a livello di clausole contrattuali ed è, in gran parte, affidato alla disciplina delle clausole vessatorie, di cui al codice del consumo (art. 33 ss. cod. cons.). In tema di interessi pecuniari, la protezione formale posta dall art. 1284, comma 3, c.c. (n.d.r. che impone la forma scritta in ipotesi di convenzione di interessi in misura superiore a quella legale), che nelle intenzioni doveva costringere l usuraio a confessare l interesse eccessivo per esporlo alla riprovazione pubblica (!), non è stata tuttavia di ostacolo agli squilibri di natura sostanziale. In questo contesto, il diritto bancario e dei contratti di credito si distingue per una speciale disciplina dell equilibrio tra le prestazioni, che trova la sintesi nella legge anti-usura 7 marzo 1996, n A ragione la magistratura, indagando sulla ratio della legge, soprattutto per i suoi effetti sul diritto privato, ha osservato che uno degli scopi della disciplina anti-usura era di contrastare l abuso e lo strapotere da parte delle banche e degli intermediari finanziari sulla fascia debole della propria clientela, nel segno dell equilibrio e della trasparenza (1). Per la verità, a tal fine avrebbe soccorso anche la disciplina codicistica della (1) Trib. Monza, 4 novembre 2005, cit. in L. Nivarra, Il mutuo civile e l usura, in Gitti-Maugeri-Notari (a cura di), I contratti per l impresa, II, Bologna, 2012, 32, nt

14 La Rivista del Consiglio rescissione per lesione (art c.c. (2) ), che corrisponde all impianto liberista del codice del 1942, come appare dalle condizioni di natura soggettiva richieste per accedere alla protezione, lo stato di bisogno del contraente e l approfittamento da parte dell altro. L art c.c., di difficile applicazione pratica, non ha tuttavia rimediato efficacemente alle situazioni di squilibrio contrattuale (3). All opposto dell impostazione liberista, si colloca la l. n. 108/1996 sull usura (4), che ignora le condizioni soggettive dei contraenti, facendo leva sull oggettivo squilibrio tra le prestazioni patrimoniali. 2. La l. n. 108/1996 Le origini e la radice penale All origine del termine usura, di per sé moralmente neutro, c è la radice latina del sostantivo usus e del verbo utor (usare), che indicavano i frutti derivanti dall uso, i benefici conseguenti al prestito effettuato, insomma qualsiasi guadagno derivante da un prestito. Storicamente, la disciplina dell usura è stata condizionata da considerazioni di carattere religioso, etico ed economico e tuttora si trova in rapporto di strettissima continuità con le sue radici storiche (5). (2) Art. 1448, comma 1, c.c. Azione generale di rescissione per lesione: se vi è sproporzione tra la prestazione di una parte e quella dell altra, e la sproporzione è dipesa dallo stato di bisogno di una parte, del quale l altra ha approfittato per trarne vantaggio, la parte danneggiata può domandare la rescissione del contratto. (3) Prima della l. n. 108/1996 la vicenda dei c.d. mutui in ECU aveva rappresentato all opinione pubblica ed all attenzione degli studiosi, l inadeguatezza della disciplina civilistica a far fronte a repentini e rilevanti aumenti degli interessi applicati ai prestiti. A cavallo degli anni si era registrata una rilevante richiesta di finanziamenti indicizzati all ECU, nella convinzione di mutuatari e banche che detto parametro, molto inferiore rispetto al corrispondente in lire, fosse più conveniente e stabile nel tempo. La situazione si capovolse a seguito della decisione italiana del settembre 1992 di sospendere l adesione della lira allo SME. La conseguente fluttuazione della nostra divisa determinò un considerevole aumento degli interessi a carico dei mutuatari ed alimentò un aspro contenzioso con le banche. I rimedi proposti in via giudiziaria dai clienti, quali la risoluzione del contratto per eccessiva onerosità sopravvenuta ex art c.c., ovvero, la riduzione della prestazione ex art c.c., la condanna della banca al pagamento dell indennizzo dovuto ai sensi dell art c.c., nell assunto di un suo arricchimento senza causa o, ancora, la domanda di risarcimento del danno nei confronti della banca per violazione dei doveri di correttezza e buona fede nell esecuzione del contratto, non vennero accolti dai giudici di merito, che si orientarono sfavorevolmente verso i mutuatari, considerando aleatori i contratti di mutuo indicizzati in valuta; per una rassegna sulla questione e sugli orientamenti contrapposti, cfr. M.C. Tatarano, La «rinegoziazione» nei finanziamenti bancari, Napoli, 2003, (4) La l. n. 108/1996 è in vigore a tutti gli effetti dal 3 aprile (5) Per una sintetica storia della disciplina dell usura, rimando a D. Manzione, L usura, 2 a ed., Mila- 42

15 Venendo al passato prossimo del nostro ordinamento, la fattispecie dell usura, eliminata dal codice penale Zanardelli del 1889, che riprendeva il codice sardo del 1859, sull onda dell ideologia liberista di fine 800, venne reintrodotta dal codice Rocco del 1930, che identificava il carattere peculiare dell usura nell approfittamento dello stato di bisogno, che mortificava la libertà di scelta del debitore. La forma dell usura pecuniaria nella formulazione originaria dell art. 644 c.p., faceva leva essenzialmente su due requisiti, l approfittamento dell usuraio e lo stato di bisogno della sua vittima. Originariamente lo stato di bisogno era riferito al solo debitore civile ed alle sue necessità fondamentali di vita (malattia, vecchiaia, disgrazie) e la disciplina lasciava privo di tutela l imprenditore vittima dell usura per necessità economiche di carattere aziendale. Ci vollero molti anni prima che il legislatore intervenisse per colmare questo vuoto, introducendo la nuova fattispecie incriminatrice dell usura impropria (art. 644-bis c.p., ora trasfuso nel comma 3, seconda parte dell art. 644 c.p.), che sostituiva all elemento tradizionale dello stato di bisogno, le condizioni di difficoltà economica dell imprenditore, punendo chi, fuori dei casi dell usura tradizionale, «approfittando delle condizioni di difficoltà economica o finanziaria di persona che svolge un attività imprenditoriale o professionale, si fa dare o promettere, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra cosa mobile, interessi o altri vantaggi usurari» (l. 18 febbraio 1992, n. 172). La riforma del 92 aveva, tuttavia, conservato il requisito generico ed indeterminato degli interessi o vantaggi usurari, confermando la delega al giudice del compito di stabilire, nei casi concreti, la natura usuraria o meno del prestito. L emersione negli anni del fenomeno usurario nelle regioni del sud Italia, come dramma sociale diffuso, che colpiva commercianti e piccoli imprenditori, unita all incertezza derivante dalle diverse prassi dei giudici in tema di determinazione dell interesse usurario, sono state le ragioni che hanno portato alla riforma sfociata nella l. n. 108/1996, che si pose l obiettivo di introdurre un parametro legale di riferimento, in modo da fissare, una volta per tutte, la soglia oltre la quale l interesse fosse da qualificare, iuris et de iure, penalmente usurario (6). (continua nota 5) no, 2013, 1-22; interessante per gli aspetti morali e teologici dell usura, P. Vismara, Oltre l usura. La chiesa moderna e il prestito ad interesse, Soveria Mannelli (CZ), (6) Fiandaca-Musco, Diritto penale. Parte speciale, I delitti contro il patrimonio, II, 2, 5 a ed., Bologna, 2007,

16 La Rivista del Consiglio Peraltro, non pare che la nuova disciplina penale, più severa rispetto alla precedente, abbia rafforzato il contrasto sull usura, segnalandosi nel periodo un calo continuo delle denunce presentate (7). Sembra, infatti, che la disciplina abbia influito più sul settore civile che su quello penale, come può apparire dall oggetto della protezione penale, tuttora controversa nella sua plurioffensività: il patrimonio della vittima, l economia pubblica, l ordinamento del credito. Nel dubbio, la declinazione civilistica della disciplina fa ritenere che oggetto della protezione penale sia l esigenza pubblicistica di regolamentare il mercato creditizio, per controllare la lievitazione del costo del denaro nei settori del mercato meno dotati di risorse monetarie. Si tratta di un reato comune, che può essere commesso da chiunque, la cui condotta criminale si trova in uno scambio di prestazioni: l usuraio presta denaro o altra utilità; la vittima, in cambio, gli dà o promette interessi o altri vantaggi sproporzionati per eccesso. L usura, che di solito si realizza con il semplice contratto di mutuo, può trovarsi in qualsiasi contratto a prestazioni corrispettive, quali l apertura di credito, la vendita a rate o con patto di riscatto, la locazione di cose, ecc. (c.d. usura «palliata»). Quanto alle altre utilità, che oltre al denaro, possono essere prestate dall usuraio, la loro previsione normativa consente di affiancare all usura c.d. pecuniaria quella c.d. reale, dove la prestazione illecita è un servizio o un attività professionale (8). Quanto alla consumazione del reato, è sufficiente la stipulazione di un tasso d interesse superiore al limite di legge, senza che rilevi lo stato di difficoltà della vittima e l approfittamento del soggetto attivo (art. 644, comma 3, parte prima, c.p.). Per evitare vuoti di tutela, il legislatore ha mantenuto l ipotesi residuale di usurarietà in concreto (n.d.r. l ex art. 644-bis c.p.), che ricorre quando gli interessi, pur inferiori al tasso legale predeterminato, siano comunque sproporzionati con riguardo alle caratteristiche della situazione concreta e la vittima si trovi in condizioni di difficoltà economica o finanziaria (art. 644, comma 3, parte seconda, c.p.). Si restituisce così al giudice il potere discrezionale, simile a quello che gli at- (7) La pena base del reato di usura è la reclusione da due a dieci anni con la multa da euro a euro Per una indagine statistica sull usura sino al 2007 v. (8) Un esempio tipico portato dai manuali di prestazione usuraia di un servizio è quella del chirurgo, che per operare, chiede un compenso elevatissimo. 44

17 tribuiva il previgente art. 644 c.p., di accertare la sproporzione tra gli interessi ed il valore della prestazione, nonché l esistenza e la ricorrenza delle condizioni di difficoltà economica o finanziaria del debitore. Quanto all elemento soggettivo, l usura è un delitto a dolo generico, che comprende la coscienza e la volontà di concludere un contratto sinallagmatico con interessi o vantaggi usurari. Il particolare tecnicismo della legge, con la previsione del tasso soglia, esclude la volontà colpevole, sia la violazione della norma penale sia avvenuta per un errore di fatto o d interpretazione del contenuto dei decreti ministeriali e cioè di quei provvedimenti amministrativi che fissano il tasso medio dell interesse in relazione alle varie operazioni bancarie (9). Quanto alla consumazione del reato, la tradizionale opinione che lo riteneva istantaneo e coincidente col momento della pattuizione è stata archiviata dal nuovo art. 644-ter c.p., che stabilisce che la prescrizione del reato di usura decorre dal giorno dell ultima riscossione sia degli interessi che del capitale. Da qui la revisione dell impostazione tradizionale e la configurazione dell usura come reato permanente (10). La norma penale in bianco Come osservato, la legge n. 108 si caratterizza per la scomparsa nella fattispecie del reato di usura dei riferimenti alle condizioni soggettive dello stato di bisogno della vittima [n.d.r. che diventa un aggravante della norma penale, art. 644, comma 5, n. 3), c.p.] e dell approfittamento da parte del reo, nonché per l introduzione di un limite quantitativo al tasso degli interessi delle somme date a prestito. La legge del 96, ridefinendo il reato di usura (11),lohainquadratoinuna fattispecie più ampia di quella dell art c.c. (12) ed ha sostituito il secondo comma dell art c.c., disponendo la nullità della clausola contrattuale in caso di interessi usurari e la sanzione della non debenza di interesse alcuno. (9) Sull errore nel delitto di usura, v. D. Manzione, op. cit., (10) Fiandaca-Musco, op. cit., 230. (11) N.d.r. In questo incontro si tratterà dell usura c.d. pecuniaria, il reato che si realizza quando qualcuno si fa dare o promettere interessi in corrispettivo di una prestazione di denaro e non dell usura c.d. reale, dove la contropartita sono i c.d. vantaggi usurari. (12) Si perde, quindi, la rilevanza dello stato di bisogno del mutuatario e dell approfittamento del mutuante, al contrario di quanto riteneva la giurisprudenza precedente alla l. n. 108/1996 (Cass., 29 agosto 1993, n. 9021; Cass., 16 novembre 1979, n. 5956). 45

18 La Rivista del Consiglio Difettando una definizione civilistica dell usura, occorre avere riguardo a quella offerta dall art. 644 c.p., che, per unanime opinione, deve qualificarsi come norma penale in bianco, non esaurendosi in essa l individuazione di tutti gli elementi costitutivi della fattispecie di reato. È, infatti, indubbio che la nozione di interesse usurario di cui all art c.c. dipende dall esito di un procedimento di concretizzazione che si svolge nel tempo e che è teso ad individuare per ciascun trimestre una misura certa di tassi usurari espressa in forma matematica: da qui la rilevanza, come si osserverà infra in tema di interessi di mora, delle basi di calcolo che conducono ad individuare di volta in volta detta misura. L art. 644, al suo comma 3, rimette, infatti, alla legge la concreta individuazione del c.d. tasso soglia, che della fattispecie è l elemento imprescindibile, mediante le rilevazioni trimestrali di cui all art. 2, commi 1 e 4, l. n. 108/1996: la «legge [che] stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari»; per la legge, «il limite [...] oltre il quale gli interessi sono sempre usurari, è stabilito nel tasso medio risultante dall ultima rilevazione pubblicata nella Gazzetta Ufficiale ai sensi del comma 1 relativamente alla categoria di operazioni in cui il credito è compreso (13), aumentato di un quarto, cui si aggiunge un margine di ulteriori quattro punti percentuali. La differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali» (14) - (15). La scelta di puntare sul livello dei tassi d interesse per selezionare i contratti legali da quelli illegali richiama modelli utilizzati in altre esperienze giuridiche (v. soprattutto, quella francese, compresa nel codice del consumatore e l interest cap previsto per i consumer loans dello stato americano dell Indiana) e semplifica gli oneri probatori a vantaggio della parte (di regola, la più debole), che intenda far valere l usurarietà. (13) Le operazioni di finanziamento sono classificate annualmente per categorie omogenee dal Ministero dell Economia, previa acquisizione del parere tecnico, non vincolante, della Banca d Italia, il quale provvede trimestralmente alla rilevazione dei tassi. (14) L aumento del quarto sul tasso medio, precedentemente della metà, è stato introdotto dall art. 8, comma 5, lett. d), d.l. 13 maggio 2011, n. 70, conv. in l. 12 luglio 2011, n. 106, che ha novellato l art. 2, comma 4, l. n. 108/1996. (15) L art. 644, comma 3, c.p. prevede altre ipotesi in cui, pur essendo gli interessi inferiori al tasso soglia, si può concretare il reato di usura: «Sono altresì usurari gli interessi, anche se inferiori a tale limite, e gli altri vantaggi o compensi che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto e al tasso medio praticato per operazioni similari, risultano comunque sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità, ovvero all opera di mediazione, quando chi li ha dati o promessi, si trova in difficoltà economica o finanziaria». 46

19 3. Le basi di calcolo del tasso medio (TEG medio): il principio di omnicomprensività Secondo la legge Uno degli obiettivi della l. n. 108/1996 è di assicurare ai clienti di banche ed intermediari la trasparenza del costo complessivo dell operazione creditizia e, soprattutto, degli interessi applicati all operazione creditizia. Interessi che nel nostro sistema si distinguono nei due grandi gruppi dei compensativi (n.d.r. quelli che sono il corrispettivo del godimento altrui di un capitale ex art. 820, comma 3, c.c.) e dei moratori (n.d.r. clausole penali comprese, ex art c.c.). Gli interessi applicati all operazione di credito, si tratti di un contratto bancario tradizionale o di un contratto di credito al consumo, devono essere chiaramente indicati e pubblicizzati nei contratti [artt. 117, comma 4 e 123, comma 1, lett. a) ec), t.u.b.]. Per la determinazione dell interesse usurario, l art. 644, comma 4, c.p., come sostituito dall art. 1, l. n. 108/1996, ha stabilito che «si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate all erogazione del credito» (art. 644, comma 4, c.p.). La norma penale, che lasciava un vuoto normativo quanto alle commissioni, frequenti nella prassi bancaria, è stata completata dall art. 2-bis, comma 2, d.l. 29 novembre 2008, n. 185 (conv. nella l. 28 gennaio 2009, n. 2), che ha stabilito che «gli interessi, le commissioni e le provvigioni derivanti dalla clausole, comunque, denominate, che prevedono una remunerazione, a favore della banca, dipendente dall effettiva durata dell utilizzazione dei fondi da parte del cliente [...] sono comunque rilevanti ai fini dell applicazione dell articolo 1815 del codice civile, dell art. 644 del codice penale e degli articoli 2 e 3 della legge 7 marzo 1996, n. 108». Per la determinazione del tasso d interesse si applica, quindi, il principio positivo della omnicomprensività ed inclusività dei costi e degli oneri, principio che, nella sua declinazione giurisprudenziale, va a computare voci di costo, che né il legislatore, né la pubblica amministrazione avevano inteso comprendere. La loro inclusione tra le componenti del TEGM si giustifica in funzione antielusiva delle regole poste dalla l. n. 108/1996, considerato che nella pratica negoziale dell epoca, le banche denominavano come spesa anche ciò che in realtà era un corrispettivo (16). (16) Sciarrone Alibrandi-Mucciarone, Le pluralità di serie normative di jus variandi nel T.u.b.: sistema e fratture, in Ius variandi bancario. Sviluppi normativi e di diritto applicato, Milano,

20 La Rivista del Consiglio Secondo il MEF e la Banca d Italia La regola della omnicomprensività si applica ad ogni contratto di credito, fatto salvo il maggior rigore riservato ai contratti di credito al consumo, per i quali il collegamento della spesa all erogazione del credito è sostituito dalla mera indicazione della spesa nel contratto: il c.d. TAEG, corrispondente nel credito al consumo del TEGM dei contratti bancari comprende, infatti, tutte le spese riportate sul contratto (v. d.m. Tesoro 8 luglio 1992, come integrato dal d.m. Economia 3 febbraio 2011). Per i contratti di credito al consumo, l inserimento della spesa nel calcolo del tasso effettivo dell operazione dipende più che dal collegamento voluto dalle parti tra la spesa ed il credito concesso, dal solo fatto di essere una spesa finanziata. La Banca d Italia ha precisato le componenti e cioè gli oneri e le spese da comprendere nel calcolo del TEG (17) : le spese di istruttoria del finanziamento/di chiusura della pratica/di liquidazione degli interessi/di riscossione dei rimborsi e di incasso delle rate, anche se sostenute da terzi/per servizi accessori connessi al contratto, anche se forniti da terzi; il costo dell intermediario mediatore, se terzo e se sostenuto dal cliente; le spese per assicurazioni e garanzie a tutela dei diritti del creditore, se la conclusione del contratto (n.d.r. di assicurazione o di garanzia) è contestuale alla concessione del finanziamento ovvero obbligatoria per ottenere il credito ovvero per ottenerlo alle condizioni contrattuali offerte; gli oneri per la messa a disposizione dei fondi, le penali e gli oneri applicati per il caso di passaggio a debito di conti non affidati e negli sconfinamenti; ogni altra spesa ed onere contrattualmente previsto e connesso con l operazione di finanziamento. Restano esclusi dal calcolo, oltre alle imposte e tasse: le spese notarili; i costi di gestione del conto su cui vengono registrate le operazioni/i costi relativi alle operazioni di pagamento/i costi relativi all utilizzazione di un mezzo di pagamento; (17) Banca d Italia, Istruzioni per la rilevazione dei tassi effettivi globali medi ai sensi della legge sull usura, agosto 2009; Banca d Italia, Chiarimenti in materia di applicazione della legge antiusura, 3 luglio 2013; per una rassegna di quesiti in tema di rilevazione dei TEG, cfr. 48

QUESITI IN TEMA BANCARIO

QUESITI IN TEMA BANCARIO QUESITI IN TEMA BANCARIO SEZIONE CIVILE - TRIBUNALE DI LIVORNO VERSIONE DEL 21.12.2014 1) COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. Se il rapporto è costituito ANTE 29.01.2009 12. Se il rapporto è costituito POST

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

I contratti di finanziamento: Credito al consumo

I contratti di finanziamento: Credito al consumo I contratti di finanziamento: Credito al consumo Definizioni e struttura del rapporto pagina 1 Aspetti definitori Per credito al consumo si intende il credito per l acquisto di beni e servizi (credito

Dettagli

USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo)

USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo) USURA BANCARIA: COME SI DETERMINA IL REALE TASSO APPLICATO DALLA BANCA NEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE (c.d. TAEG o Tasso Annuo Effettivo) Se vuoi acquistare questo interessantissimo ebook clicca qui SCHEDA

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom

Anatocismo e Usura Bancaria. Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom Anatocismo e Usura Bancaria Stefano Gennari stefanogennari.sdl@gmailcom 1 ANATOCISMO USURA RILEVAZIONI CONTABILI ERRATE COSTI OCCULTI INDETERMINATEZZA DELLE CONDIZIONI CONTI CORRENTI MUTUI LEASING DERIVATI

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo.

LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo. LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo. Indice Introduzione pag. 3 La garanzia in Italia pag. 4 Garanzia di conformità pag. 6 Che

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CORAPI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

PERIZIA CON PARERE PRO VERITATE ANALISI DEL MUTUO NR effettuata in data 2013 Cod. Pratica: Dall'analisi del contratto sotto meglio specificato, lo scrivente, Avv. Massimo Meloni, è ad esprimere il proprio

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI UFFICIO DI PRESIDENZA Ufficio Consulenti Tecnici e Periti PERIZIA TECNICA : Calcolo TEGM e Verifica USURA CESSIONARIO: TIZIO CAIO. Finanziatore: PRESTITALIA

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE CONTENUTO DEL CONTRATTO DI CONTO CORRENTE L'art. 117 del Testo Unico Bancario (T.U.B.), impone la forma scritta del contratto di conto corrente Inoltre ai commi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C...

1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5 4. RISULTATI DEI CONTEGGI SUI C/C... Relazione finale 26 ottobre 2010 Cliente: Pippo S.r.l. Istituto bancario: Banca S.p.A. C/C n.4177739 2 SOMMARIO 1. DATI GENERALI DEL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE...3 2. PREMESSA...3 3. METODOLOGIA DI CALCOLO...5

Dettagli

INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014

INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014 Febbraio 2014 INTERESSI MORATORI E USURA A proposito di Abf Napoli, n. 125/2014 Non si può porre in relazione la misura degli interessi moratori con il c.d. tasso soglia. Ciò per due ordini di ragioni.

Dettagli

GUARDA CHE TI RIGUARDA!

GUARDA CHE TI RIGUARDA! GUARDA CHE TI RIGUARDA! GARANZIE POST-VENDITA Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico 1 Un po di storia Con l espressione garanzie post-vendita si intende il complesso di tutele che

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. avv. Diego Corapi Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. avv. Vincenzo Meli Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Relazione finale. 7 ottobre 2014. Alfa S.r.l. Contratto di Mutuo n 123456789/0. Banca Delta S.p.A.

Relazione finale. 7 ottobre 2014. Alfa S.r.l. Contratto di Mutuo n 123456789/0. Banca Delta S.p.A. Relazione finale 7 ottobre 2014 Alfa S.r.l. Contratto di Mutuo n 123456789/0 Banca Delta S.p.A. Corso Moncalieri, 55 10131 Torino Tel 0110673142 Fax 0110673143 www.tuteladelrisparmio.it info@tuteladelrisparmio.it

Dettagli

Decisione N. 2866 del 09 maggio 2014

Decisione N. 2866 del 09 maggio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Prof. Avv. Emanuele Lucchini

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

TEMATICHE PENALI DELL USURA. Avv. Alessandra Abbate

TEMATICHE PENALI DELL USURA. Avv. Alessandra Abbate L USURA NEI CONTRATTI BANCARI FIRENZE, 30 giugno 2015 TEMATICHE PENALI DELL USURA Avv. Alessandra Abbate L usura non è stata sempre oggetto di uno specifico divieto contenuto in una norma penale. Non era

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo)

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in cui i prodotti acquistati presso

Dettagli

Dr. Giovanni Battista Frescura *

Dr. Giovanni Battista Frescura * Dr. Giovanni Battista Frescura * Centro servizi peritali (immobili e contratti bancari) Valdagno (VI) Via Bellini 6,Tel/fax 0445.412545, Email csvaldagno@assimai.it P.iva 022225740246 - N. rea 216490 Illustrazione

Dettagli

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione.

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Identificazione della Press Up S.r.l. I servizi oggetto delle presenti condizioni generali sono offerti dalla Press Up s.r.l. con sede in Roma, Via Catone, 6 iscritta

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente PROT. n. 49267 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 9/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, Portabilità del mutuo;

Dettagli

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE

INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE BRUNO INZITARI INADEMPIMENTO NEL MUTUO: INTERESSI SULLE RATE INSOLUTE 1. Nelle operazioni di finanziamento che prevedono un piano di ammortamento, la restituzione del debito si realizza attraverso il pagamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE GARANTITI DA PEGNO SU VALORI MOBILIARI

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE GARANTITI DA PEGNO SU VALORI MOBILIARI FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTI A MEDIO LUNGO TERMINE GARANTITI DA PEGNO SU VALORI MOBILIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Esperia S.p.A., Sede Legale: Via Filodrammatici, 5-20121 Milano - Capitale Sociale

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Informativa per la clientela di studio N. 78 del 29.06.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore)

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla Membro designato dalla Banca d'italia (Estensore) - Avv. Maria Elisabetta

Dettagli

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato da

Dettagli

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura

Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura NO ALLA DOPPIA SOMMATORIA Interessi di mora nel calcolo della soglia antiusura 12/06/2014 Tribunale di Torino - Ordinanza 10 giugno 2014 n. 759 In un contratto di finanziamento, ai fini del superamento

Dettagli

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE.

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) viene impiegato come tasso di riferimento per le operazioni di credito al consumo, mentre il TEG (Tasso Effettivo Globale)

Dettagli

STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO

STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO Prot.20809-C/pdm Missiva a mani Anticipata via mail STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO Piazza Aranci,18 Massa 54100 Corso di Porta Nuova,18 Milano 20121 Tel.0585.46636 Fax 0585.47053 Tel.02.370.530 Fax

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO SOCI - TASSO FISSO -

MUTUO CHIROGRAFARIO SOCI - TASSO FISSO - 1/7 INFORMAZIONI SULLA BANCA B.Pop.Prov.Calabre Via del Mare,22 88046 LAMEZIA TERME (CZ) Tel.: 0965-44128 0968-411237 Fax: 0965-44128 0968-419873 Email: info@bpprovincecalabre.it / sito internet: www.bpprovincecalabre.it

Dettagli

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al ANTICIPAZIONE BANCARIA A SCADENZA FISSA

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al ANTICIPAZIONE BANCARIA A SCADENZA FISSA FOGLIO INFORMATIVO relativo al ANTICIPAZIONE BANCARIA A SCADENZA FISSA Data ultimo aggiornamento: 1 luglio 2015 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Pescia - Credito Cooperativo Società Cooperativa sede legale:

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Vincenzo Meli Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Prof. Massimo Caratelli Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Andrea Gemma Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543 LE NORME La responsabilità del produttore per i danni derivanti da prodotto difettoso è stata introdotta nel nostro ordinamento dal D.P.R. 224/1988 che ha dato attuazione alla Direttiva 85/374/CEE relativa

Dettagli

Che cos è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione?

Che cos è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione? 01/06/2015 Pagina 1 di 6 Foglio informativo relativo alla cessione del quinto dello stipendio o della pensione Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di Monopoli s.c. Sede legale : Via Lepanto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI ANTICIPAZIONE FONDIARIA AI SENSI DEGLI ARTICOLI 38 E SS. DEL D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385

FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI ANTICIPAZIONE FONDIARIA AI SENSI DEGLI ARTICOLI 38 E SS. DEL D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI ANTICIPAZIONE FONDIARIA AI SENSI DEGLI ARTICOLI 38 E SS. DEL D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385 INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDIT SUISSE (ITALY) S.p.A. Capogruppo del Gruppo

Dettagli

Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique

Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique Giuseppe Romano, Direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique ANATOCISMO CMS DIF - CIV USURA Anatocismo OBBLIGO DI PAGAMENTO, NON SOLO DEL CAPITALE E DEGLI INTERESSI PATTUITI, MA ANCHE DEGLI ULTERIORI

Dettagli

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI Via Caldera, 21 20153 Mil ano DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI DISCIPLINATA DAL D.LGS. 385/1993 (TESTO UNICO BANCARIO) E

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio

L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ai sensi e per gli effetti di tutela dei consumatori di cui all articolo 47 della legge 23 luglio 2009, n. 99, intende formulare alcune osservazioni in

Dettagli

Decisione N. 1729 del 06 marzo 2015

Decisione N. 1729 del 06 marzo 2015 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato da

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale IL COLLEGIO DI ROMA Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Prof. Avv. Diego Corapi Membro designato

Dettagli

Presentazione. Contratto tipo di vendita di elettrodomestici. presso il domicilio del consumatore.

Presentazione. Contratto tipo di vendita di elettrodomestici. presso il domicilio del consumatore. Presentazione Contratto tipo di vendita di elettrodomestici presso il domicilio del consumatore. I) Gli elettrodomestici sono apparecchi o utensili (prodotti di telefonia, televisori, lettori CD e DVD,

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Premessa L art. 35, comma 26-quater, del d.l. n. 223 del 2006, conv. con modifiche dalla legge n. 248 del 2006, in vigore dal 4 luglio

Dettagli

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti Condizioni Generali condizionano i contratti di vendita o di fornitura di prodotti del Venditore ( di seguito denominati Prodotti Contrattuali ). A tali contratti

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Decisione N. 3003 del 17 aprile 2015

Decisione N. 3003 del 17 aprile 2015 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SPENNACCHIO Membro

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura

Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Il recupero degli interessi bancari: anatocismo e usura Avv. Lanfranco Biasiucci Dipartimento Bancario Finanziario Contenzioso: presente e futuro Conto Corrente e finanziamenti operativi (fidi, aperture

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI (MI) CERINI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - Prof. Avv. Enrico Quadri... Presidente - Prof. Avv. Ferruccio Auletta... membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro

Dettagli

CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO. Daniela Rossi

CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO. Daniela Rossi CONTRATTI DI CREDITO AL CONSUMO Daniela Rossi Che cosa è il contatto di credito al consumo E quel contratto con cui un finanziatore concede o si impegna a concedere ad un consumatore un credito sotto forma

Dettagli

Lessico poco familiare

Lessico poco familiare STUDI NOTARILI APERTI Consulenze per acquistare casa in sicurezza Comprare casa senza rischi Lessico poco familiare Termine AGENTE o AGENZIA IMMOBILIARE AMMORTAMENTO CANCELLAZIONE DI IPOTECA CAPITALE CAPITOLATO

Dettagli

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 62/005. relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO AGEVOLATO GIOVANI IMPRENDITORI INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO N. 62/005. relativo al MUTUO CHIROGRAFARIO AGEVOLATO GIOVANI IMPRENDITORI INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO ESTERO

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve S.C. Via Bitetto n. 2, - 70020 Cassano delle Murge (Ba) Tel. 0803467511. Fax. 080776369 info@bcccassanomurge.it - www.bcccassanomurge.it

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 03.014 PREFINANZIAMENTO SU MUTUO CONCESSO DALLA BANCA Aggiornato al 01/04/2016

FOGLIO INFORMATIVO 03.014 PREFINANZIAMENTO SU MUTUO CONCESSO DALLA BANCA Aggiornato al 01/04/2016 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare FriulAdria S.p.A. Sede legale: Piazza XX Settembre 2, 33170 Pordenone Iscritta all Albo delle Banche al n. 5391 - Società soggetta all attività di direzione e coordinamento

Dettagli

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE

NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE CONTRATTI BANCARI INTEREST RATE SWAP NEGLI ENTI LOCALI 19 APRILE 2010 INTRODUZIONE PREMESSA Numerosi enti locali negli ultimi dieci anni hanno sottoscritto i tanto discussi contratti derivati I.R.S., c.d.

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli