Introduzione all'information retrieval

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione all'information retrieval"

Transcript

1 Corso di Ontologie e Semantic Web Introduzione all'information retrieval Stefano Montanelli Schema di riferimento Definizioni essenziali Modello booleano Modello vettoriale Valutazione Riferimenti bibliografici Cos è l Information Retrieval? Information retrieval is a field concerned with the structure, analysis, organization, storage, searching, and retrieval of information (Salton, 1968) Information retrieval (IR) is finding material (usually documents) of an unstructured nature (usually text) that satisfies an information need from within large collections (usually stored on computers) (Manning et al., 2009) 2 1

2 Cos è l Information Retrieval? Information retrieval (IR) is concerned with representing, searching, and manipulating large collections of electronic text and other humanlanguage data (Büttcher et al., 2010) Information retrieval (lett. recupero d informazioni) è l'insieme delle tecniche utilizzate per il recupero mirato dell informazione in formato elettronico (Wikipedia, 2012) 3 Information vs. data retrieval Avere accesso a numerose informazioni rende difficile selezionare quelle che servono nel momento in cui servono I sistemi di IR sono ampiamente diffusi, ma non bisogna confondere Information Retrieval con Data Retrieval Trovare su web le pagine che trattano di basi di dati Trovare le ricevute da Stefano Montanelli nel mese di febbraio 2012 Trovare i documenti sul PC che riguardano il corso di ontologie e web semantico 4 2

3 Schema di un sistema di IR Il processo di indicizzazione (indexing) web pages, s,letters,news acquisizione trasformazione testo creazione indice archivio documenti classificazione (ranking) indice 5 Schema di un sistema di IR Il processo di interrogazione (query) utente finale archivio documenti elaborazione interrogazione dati di log valutazione classificazione (ranking) indice 6 3

4 Reperimento delle informazioni Il procedimento di ricerca delle informazioni in un sistema di IR segue il seguente schema: 1. L utente esprime il proprio bisogno informativo mediante un interrogazione 2. L interrogazione viene inviata al sistema di IR (trasformazione) 3. L indice fornisce i documenti rilevanti rispetto all interrogazione 7 Reperimento delle informazioni Il procedimento di ricerca delle informazioni in un sistema di IR segue il seguente schema: 4. (I documenti vengono ordinati rispetto alla presunta rilevanza per l utente) 5. I documenti vengono restituiti all utente 6. L utente valuta il risultato ed eventualmente raffina la ricerca dando vita a una nuova interrogazione 8 4

5 Definizioni essenziali Bisogno informativo E' l'argomento su cui l'utente vuole reperire informazioni Interrogazione E' il mezzo che il sistema di IR offre all'utente per comunicare il proprio bisogno informativo Collezione (o corpus) E l insieme dei documenti su cui vengono eseguite le operazioni di reperimento 9 Definizioni essenziali Documento E l unità informativa considerata dalle operazioni di reperimento (e costituisce un elemento del risultato di un'interrogazione) Termine (può non essere una parola) E l unità lessicale di cui sono costituiti i documenti Dizionario (dei termini) o vocabolario E l'insieme di tutti i termini che compaiono in un corpus 10 5

6 Definizioni essenziali Posting list (lista di corrispondenza) E la struttura dati che memorizza la corrispondenza tra un termine e i documenti in cui esso appare Indice (invertito) E' la struttura dati che consente di reperire in modo efficiente le liste di corrispondenza rilevanti per l'interrogazione 11 Corso di Ontologie e Semantic Web Il sistema booleano 6

7 Definizione di modello booleano Il modello booleano di IR è caratterizzato dall uso di interrogazioni espresse mediante predicati booleani Un predicato booleano è costituito da un elenco di termini connessi mediante operatori booleani (AND, OR, NOT) Un documento è restituito nel risultato dell interrogazione se e solo se soddisfa il predicato booleano 13 Processo di indicizzazione Trasformazione del testo: si costruisce il dizionario dei termini a partire dal contenuto dei documenti Creazione indice: si costruisce una matrice di incidenza in cui memorizzare le corrispondenze termine-documento Classificazione: è assente nel modello booleano 14 7

8 Processo di interrogazione Formulazione dell'interrogazione Elaborazione dell'interrogazione: Si estraggono i termini richiesti dal predicato booleano Si confrontano con l'indice Si valuta il valore di verità del predicato booleano Si restituisce il risultato Valutazione: è banale. Il sistema restituisce tutti i documenti che soddisfano il predicato booleano 15 Trasformazione del testo Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) Faticò ad essere compreso dai contemporanei a causa del suo stile essenziale e inconfondibile ma riuscì ugualmente a lasciare un segno indelebile nei movimenti successivi, come il Cubismo e il Surrealismo. Paul Cézanne è protagonista di una grande antologica a Palazzo Reale: in mostra oltre quaranta tele, dalle prime opere ai ritratti, passando per i paesaggi e le nature morte, per arrivare contemporanei, stile, essenziale, inconfondibile, segno, indelebile, movimenti, cubismo, surrealismo, paul, cézanne, protagonista, antologica, palazzo, reale, mostra, tele, opere, ritratti, paesaggi, nature, morte, 16 8

9 Trasformazione del testo La pittura italiana del XIX secolo, Pavia (docid: 2) Il Castello Visconteo di Pavia è la cornice della grande mostra La pittura italiana del XIX secolo. In esposizione 70 tele provenienti dalle più prestigiose collezioni nazionali e firmate da artisti come Francesco Hayez e Giovanni Boldini. Un percorso che va dal Neoclassicismo al Simbolismo e che testimonia la ricchezza e la varietà dell'arte figurativa italiana dell'ottocento castello, visconteo, pavia, cornice, mostra, pittura, italiana, XIX, secolo, esposizione, 70, tele, collezioni, nazionali, artisti, francesco, hayez, giovanni, boldini, percorso, neoclassicismo, simbolismo, ricchezza, varietà, arte, italiana, ottocento. 17 Trasformazione del testo Mostra La natura squisita, Milano (docid: 3) Fulvio Di Piazza, Marco Mazzoni e Nicola Verlato: tre artisti per un viaggio alla scoperta del concetto di Natura, alla Fondazione Stelline fino al 25 febbraio. In mostra venticinque opere storiche e inedite che conducono il visitatore in un universo vitale e pulsante, sospeso tra atmosfere surreali e suggestioni contemporanee fulvio, piazza, marco, mazzoni, nicola, verlato, artisti, viaggio, scoperta, concetto, natura, fondazione, stelline, febbraio, mostra, venticinque, opere, storiche, inedite, visitatore, universo, vitale, pulsante, sospeso, atmosfere, surreali, suggestioni, contemporanee 18 9

10 Creazione dell'indice Matrice di incidenza Termine docid:1 docid: 2 docid: 3 Cubismo Surrealismo Cezanne Opere Tele Mostra Pittura Italiana artisti Fondazione Natura Formulazione dell'interrogazione bisogno informativo Eventi di mostre relative a opere ad eccezione di quelle di Cezanne Mostra AND Opere AND (NOT Cezanne) predicato booleano 20 10

11 Elaborazione dell'interrogazione Termine docid:1 docid: 2 docid: 3 Cubismo Surrealismo Cezanne Opere Tele Mostra Pittura Italiana artisti Fondazione Nature Elaborazione dell'interrogazione Mostra AND Opere AND (NOT Cezanne) Termine docid:1 docid: 2 docid: 3 Cezanne Opere Mostra NOT Cezanne Opere AND (NOT Cezanne) Mostra AND Opere AND (NOT Cezanne) docid 3 è il risultato dell'interrogazione 22 11

12 Corso di Ontologie e Semantic Web Il sistema vettoriale Limiti del modello booleano Il modello booleano è inadatto a sistemi di IR in cui il corpus di documenti è molto ampio I risultati non sono ordinati per rilevanza I risultati di una query possono essere troppo numerosi per un utente umano Il modello vettoriale è stato ideato per ovviare ai limiti del modello booleano 24 12

13 Il modello vettoriale Il modello vettoriale si basa sul principio che la rilevanza di un documento rispetto a una query è misurabile su un insieme di valori più ampio rispetto al semplice Sì/No Caratteristiche del modello vettoriale la rilevanza di un documento si misura sull'intervallo continuo [0,1] Le query degli utenti sono espresse come testo libero (e.g., una lista di keyword, una frase) 25 Il modello vettoriale La rilevanza di un documento rispetto a una query viene misurata come segue Si calcola la rilevanza di ciascuna chiave di ricerca della query rispetto al documento Si calcola una misura di rilevanza complessiva che combina le misure di rilevanza di ciascuna chiave di ricerca rispetto al documento considerato 26 13

14 Frequenza dei termini e pesatura Come valutare la rilevanza di una chiave di ricerca k per un certo documento d? Comunemente, la rilevanza di k è l'importanza (o peso, weight) che la chiave di ricerca ha per d e coincide con il numero di occorrenze di k in d 27 Frequenza dei termini e pesatura Nel modello vettoriale è necessario memorizzare la frequenza con cui i termini da indicizzare compaiono in ciascun documento La frequenza del termine t nel documento d è indicata come tf(t,d) 28 14

15 Frequenza dei termini e pesatura Considerazioni Misurare l'importanza di un termine in un documento basandosi esclusivamente sulla sua frequenza può essere fuorviante I termini che compaiono/occorrono in un documento non sempre hanno la medesima importanza 29 Frequenza dei termini e pesatura Esempio La Triennale, Milano (docid: 15) La Triennale di Milano ospita una collezione di opere di design e numerose mostre temporanee di design ed arte moderna Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) Paul Cézanne è protagonista di una grande mostra antologica a Palazzo Reale: in mostra quaranta tele, dalle prime opere ai ritratti Organizzazione eventi, Milano (docid: 102) Il gruppo XXX vanta esperienza pluriennale nell'organizzazione di eventi e mostre di successo mediante soluzioni su misura per ogni tipo di evento 30 15

16 Frequenza dei termini e pesatura Esempio La Triennale, Milano (docid: 15) triennale milano raccogliere collezione opera design(2) numeroso mostra temporaneo arte moderno Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) paul cezanne protagonista grande antologico palazzo reale mostra(2) quaranta tela primo opera ritratto Organizzazione eventi, Milano (docid: 102) gruppo XXX vantare esperienza pluriennale organizzazione evento(2) mostra successo mediante soluzione misura ogni tipo 31 Frequenza dei termini e pesatura Esempio La Triennale, Milano (docid: 15) triennale milano raccogliere collezione opera design(2) numeroso mostra temporaneo arte moderno Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) paul cezanne protagonista grande antologico palazzo reale mostra(2) quaranta tela primo opera ritratto Organizzazione eventi, Milano (docid: 102) gruppo XXX vantare esperienza pluriennale organizzazione evento(2) mostra successo mediante soluzione misura ogni tipo 32 16

17 Frequenza dei termini e pesatura Esempio Quali termini meglio caratterizzano il contenuto dei tre documenti considerati? Se ci affidiamo alla frequenza dei termini risulta che "Design" descrive docid15 tf(design,docid15)=2 "Mostra" descrive docid1 tf(mostra,docid1)=2 "Evento" descrive docid102 tf(evento,docid102)=2 Questo risultato può essere soddisfacente per docid15 e docid102, ma non per docid1 Il termine "Mostra" è usato in tutti e tre i documenti e risulta poco significativo per catturare il contenuto specifico di un documento 33 Frequenza dei termini e pesatura E' possibile usare una tecnica di normalizzazione per attenuare l'effetto dei termini che occorrono molto frequentemente nel corpus A tal proposito per ogni termine t introduciamo la nozione di frequenza nei documenti (document frequency) df(t) La frequenza nei documenti df(t) è il numero di documenti in cui il termine t compare/occorre In alternativa, per scopi di normalizzazione, è possibile utilizzare la nozione di frequenza nel corpus (collection frequency) cf(t) 34 17

18 Frequenza inversa dei termini La frequenza nei documenti di un termine t consente di introdurre la nozione di frequenza inversa nei documenti (inverse document frequency) idf(t) La frequenza inversa nei documenti premia i termini che occorrono raramente nel corpus penalizza i termini molto frequenti 35 Frequenza inversa dei termini La frequenza inversa di un termine t è definita come segue N è il numero di documenti che appartengono al corpus 36 18

19 Frequenza inversa dei termini Esempio Corpus contenente N= 150 documenti relativi a eventi della città di Milano df(mostra)=121 df(evento)=25 df(design)=7 37 Importanza di un termine Per una più accurata misura dell'importanza di un termine t in un documento d è possibile combinare la frequenza tf(t,d) con la frequenza inversa idf(t) come segue La precedente misura è comunemente nota come tf-idf del termine t nel documento d 38 19

20 Importanza di un termine La misura tf-idf(t,d) È premiante (più elevata) quando il termine t occorre molte volte in pochi documenti (per i quali t ha una buona importanza) E' penalizzante (bassa) quando il termine t occorre poche volte in pochi documenti (per i quali t ha poca importanza) E' molto penalizzante (molto bassa) quanto il termine t occorre in tutti (o quasi) i documenti 39 Importanza di un termine Esempio (basato sui documenti docid15, docid102, docid1) tf-idf(design,docid15) = 2 * 3.1 = 6.2 tf-idf(evento,docid102) = 2 * 1.8 = 3.6 tf-idf(mostra,docid1) = 2 * 0.2 =

21 Documenti come vettori Nel modello vettoriale, un documento d può essere visto come un vettore (cioè una lista) i cui elementi sono i termini che compaiono in d docid1=<paul;cezanne;mostra;tela;opera> Ai fini del reperimento, ciascun termine t del vettore può essere sostituito dalla corrispondente misura di importanza per il documento d espressa mediante tf-idf(t,d) docid1=<5.2; 9.2; 0.4, 2.1; 1.9> 41 Rilevanza di un documento La rappresentazione di un documento d mediante un vettore v(d) è interessante per misurare la rilevanza del documento rispetto a una query q data La rilevanza di d rispetto a q è data dalla somma dei tf-idf dei termini t che appartengono a d e che sono stati inseriti nella query q 42 21

22 Rilevanza di un documento La rilevanza (score) di un documento d rispetto a una query q può essere calcolata come segue: 43 Rilevanza di un documento E' possibile calcolare una misura più articolata di score(q,d) utilizzando la similarità cosenica (cosine similarity) La similarità cosenica calcola score(q,d) mediante operazioni algebriche sui due vettori: Il vettore v(d) che contiene i termini del documento d Il vettore v(q) che contiene i termini della query q 44 22

23 Esercizio Si consideri un corpus di N=1000 documenti e si considerino i seguenti dati: tf(t1,d1)=5 tf(t2,d1)=3 df(t1)=115 df(t2)=25 Quale termine fra t1 e t2 è più importante per il documento d1? Se considero la query q={t1,t2}, qual è il valore di rilevanza del documento d1 rispetto a q? 45 Corso di Ontologie e Semantic Web Valutazione di un sistema di information retrieval 23

24 Valutare un sistema di IR E' un tema che riguarda la definizione di opportune strategie per misurare l'efficacia delle tecniche di reperimento su cui è costruito il sistema di IR considerato Intuitivamente, l'obiettivo è misurare quanto il sistema di IR è capace di restituire tutti e soli i documenti rilevanti rispetto a un dato bisogno informativo 47 Valutare un sistema di IR Questioni interessanti Gli aspetti quantitativi sono centrali: non basta restituire tutti i documenti rilevanti, è altrettanto cruciale scartare quelli non rilevanti Non sempre le tecniche di reperimento sono in grado di catturare il bisogno informativo Rispetto a cosa valutiamo se il risultato di una query è appropriato? 48 24

25 Valutare un sistema di IR Esempio 1, bis.inf.a: mostre in programma a Milano presso Palazzo Reale? Mostra Cézanne, Milano (docid: 1)? Mostra La perfezione dell'immagine, Milano (docid: 47)? Mostra Brera incontra il Pushkin, Milano (docid: 32)? Mostra Transavanguardia, Milano (docid: 83)? Mostra Anthony James, Milano (docid: 18) 49 Valutare un sistema di IR Esempio 2, bis.inf.b: mostre di arte figurativa? Mostra Cézanne, Milano (docid: 1)? Mostra La perfezione dell'immagine, Milano (docid: 47)? Mostra Brera incontra il Pushkin, Milano (docid: 32)? Mostra Transavanguardia, Milano (docid: 83)? Mostra Anthony James, Milano (docid: 18) 50 25

26 Valutare un sistema di IR Esempio 3, bis.inf.c: mostre di artisti eccentrici? Mostra Cézanne, Milano (docid: 1)? Mostra La perfezione dell'immagine, Milano (docid: 47)? Mostra Brera incontra il Pushkin, Milano (docid: 32)? Mostra Transavanguardia, Milano (docid: 83)? Mostra Anthony James, Milano (docid: 18) 51 Strategia di valutazione Componenti coinvolte nel procedimento di valutazione Un corpus di documenti sufficientemente ampio Una lista di bisogni informativi con relative query Una verità aurea (ground truth o gold standard) che distingue ciò che è vero da ciò che è falso e si assume corretta per definizione 52 26

27 La ground truth E' un insieme di corrispondenze (mapping) tra documenti e query Ogni corrispondenza della ground truth è un mapping atteso, cioè un risultato che il sistema di IR dovrebbe restituire Il sistema di IR perfetto deve restituire tutti e soli i mapping previsti dalla ground truth 53 La ground truth La ground truth è definita da un utente esperto, o una squadra di utenti esperti (esperti di cosa?!) L'efficacia del sistema di valutazione dipende dalle scelte interpretative che i progettisti della ground truth decidono di operare 54 27

28 La ground truth Esempio Bis.Inf.A Bis.Inf.A Bis.Inf.B Bis.Inf.B Bis.Inf.B Bis.Inf.B Bis.Inf.C Bis.Inf.C Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) Mostra Transavanguardia, Milano (docid: 83) Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) Mostra La perfezione dell'immagine, Milano (docid: 47) Mostra Brera incontra il Pushkin, Milano (docid: 32) Mostra Transavanguardia, Milano (docid: 83) Mostra Transavanguardia, Milano (docid: 83) Mostra Anthony James, Milano (docid: 18) 55 Come valutare Rispetto a un bisogno informativo La ground truth distingue i documenti rilevanti da quelli non rilevanti Il sistema di IR restituisce nel risultato alcuni documenti e ne scarta altri Nello scenario migliore, i documenti rilevanti nella ground truth coincidono con il risultato prodotto dal sistema di IR Il sistema di IR restituisce i documenti rilevanti (true positives, veri positivi) e scarta i documenti non rilevanti (true negatives, veri negativi) 56 28

29 Come valutare Nella realtà la situazione può essere più articolata Caso 1 (false positive, falsi positivi) Il sistema di IR restituisce documenti che non sono rilevanti rispetto al bisogno informativo (in base alla ground truth) Caso 2 (false negative, falsi negativi) Il sistema di IR scarta documenti che sono rilevanti rispetto al bisogno informativo (in base alla ground truth) 57 Come valutare Sintesi Doc. reperiti Doc. non reperiti Doc. rilevanti True positive (tp) Corretti e reperiti False negative (fn) Corretti ma non reperiti Doc. non rilevanti False positive (fp) Errati ma reperiti True negative (tn) Errati e non reperiti Falsi positivi e negativi compromettono l'efficacia del sistema di IR Gli strumenti di valutazione devono misurare l'entità di falsi positivi e falsi negativi per il sistema di IR 58 29

30 Misure di valutazione: precision Precision (P): è il rapporto tra il numero di documenti rilevanti reperiti dal sistema di IR e il numero di documenti complessivamente reperiti dal medesimo 59 Misure di valutazione: precision Considerazioni Quando P=1 siamo in presenza di un sistema di IR in cui tutti i risultati reperiti sono corretti (fp=0) P=1 è il miglior valore di precision Il valore di P decresce al crescere dei falsi positivi La precision da sola non è sufficiente a misurare l'efficacia di un sistema di IR: i possibili falsi negativi (fn) non sono considerati 60 30

31 Misure di valutazione: precision Esempio (Bis.Inf.B) Scenario 1: il sistema restituisce X Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) Mostra La perfezione dell'immagine, Milano (docid: 47) Mostra Anthony James, Milano (docid: 18) 61 Misure di valutazione: precision Esempio (Bis.Inf.B) Scenario 2: il sistema restituisce Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) 62 31

32 Misure di valutazione: recall Recall (R): è il rapporto tra il numero di documenti rilevanti reperiti dal sistema di IR e il numero di documenti complessivamente rilevanti previsto dalla ground truth 63 Misure di valutazione: recall Considerazioni Quando R=1 siamo in presenza di un sistema di IR in cui tutti i documenti rilevanti sono reperiti (fn=0) R=1 è il miglior valore di recall Il valore di R decresce al crescere dei falsi negativi La recall da sola non è sufficiente a misurare l'efficacia di un sistema di IR: i possibili falsi positivi (fp) non sono considerati 64 32

33 Misure di valutazione: recall Esempio (Bis.Inf.C) Scenario 3: il sistema restituisce X Mostra La perfezione dell'immagine, Milano (docid: 47) Mostra Anthony James, Milano (docid: 18) 65 Misure di valutazione: recall Esempio (Bis.Inf.C) Scenario 4: il sistema restituisce X X X Mostra Cézanne, Milano (docid: 1) Mostra La perfezione dell'immagine, Milano (docid: 47) Mostra Brera incontra il Pushkin, Milano (docid: 32) Mostra Transavanguardia, Milano (docid: 83) Mostra Anthony James, Milano (docid: 18) 66 33

34 Misure di valutazione Precision e recall misurano aspetti diversi ma egualmente importanti per un sistema di IR Talvolta precision è più importante di recall e.g., navigazione su web Mi interessa vedere risultati corretti, mi disinteresso di eventuali falsi negativi Talvolta recall è più importante di precision e.g., indagini professionali, ricerche personali su disco Mi interessa vedere il maggior numero di risultati rilevanti, anche se questo può comportare un certo numero di falsi positivi 67 Misure di valutazione: F-measure Per fornire una misura di efficacia complessiva di un sistema di IR è necessario combinare i valori di precision e recall E' questo l'obiettivo di F-measure F-measure è definita come la media armonica di precision e recall 68 34

35 Misure di valutazione: F-measure F-measure è premiante per i sistemi di IR che hanno valori bilanciati di precision e recall F-measure è penalizzante per i sistemi di IR che hanno elevata precision ma scadente recall e viceversa Nella precedente formula di F-measure, precision e recall sono egualmente considerate In una definizione più generale, è possibile definire F- measure dando maggiore importanza a una delle due misure in base alle necessità 69 Misure di valutazione: F-measure Esempio. Scenario

36 Misure di valutazione: F-measure Esempio. Scenario 2 71 Misure di valutazione: F-measure Esempio. Scenario

37 Misure di valutazione: F-measure Esempio. Scenario 4 73 Valutare un sistema di IR Considerazioni finali La ground truth finora considerata non contempla un ordinamento per rilevanza dei mapping Nei sistemi reali sono possibili schemi di valutazione più sofisticati K-precision (considero solo i primi K documenti reperiti dal sistema di IR) R-precision (considero gli R mapping più rilevanti della ground truth e misuro quanti di questi sono contenuti nei primi R documenti reperiti dal sistema di IR) 74 37

38 Valutare un sistema di IR Considerazioni finali Nel costruire la ground truth è opportuno considerare gli effetti dei possibili duplicati e l'importanza di esprimere la cosiddetta rilevanza marginale La qualità percepita dagli utenti è un ulteriore elemento di valutazione di un sistema di IR anche se più difficile da catturare (i log di sistema risultano utili in questo senso anche se richiedono di "riconoscere" gli utenti) 75 Riferimenti bibliografici C.D. Manning, P. Raghavan, H. Schütze, Introduction to Information Retrieval, Cambridge University Press Capitoli: 1, 2, 3, 6,

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

ESTRAZIONE AUTOMATICA D INFORMAZIONE DAI TESTI

ESTRAZIONE AUTOMATICA D INFORMAZIONE DAI TESTI ESTRAZIONE AUTOMATICA D INFORMAZIONE DAI TESTI L'analisi automatica dei testi si è sviluppata soprattutto in virtù della crescente disponibilità di tecnologie informatiche e linguistiche e consente di

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Web of Science. Institute for Scientific Information

Web of Science. Institute for Scientific Information Web of Science Institute for Scientific Information Web of Knowledge è la piattaforma che che permette di raggiungere le prestigiose banche dati prodotte dall'institute of Scientific Information (ISI).

Dettagli

Verso la Società dell informazione

Verso la Società dell informazione BIBLIOTECARIO NEL 2000 Verso la Società dell informazione Le professioni dell informazione fra ricerca d identità e linee di convergenza di Carla Basili di società dell informazione non è nuova né recente,

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Lessico settoriale e lessico comune nell estrazione di terminologia specialistica da corpora di dominio

Lessico settoriale e lessico comune nell estrazione di terminologia specialistica da corpora di dominio Francesca Bonin Felice Dell Orletta* Simonetta Montemagni* Giulia Venturi* (*Istituto di Linguistica Computazionale Antonio Zampolli - ILC- CNR, Dipartimento di Informatica, Università di Pisa) Lessico

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1 ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA Versione 1.1 VERIFICHE EFFETTUATE SUL FILE FATTURAPA NOMENCLATURA ED UNICITÀ DEL FILE TRASMESSO La verifica viene eseguita al fine di intercettare l invio

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Sopra ogni aspettativa

Sopra ogni aspettativa Sopra ogni aspettativa Pipette elettroniche Eppendorf Xplorer e Eppendorf Xplorer plus »Un modo intuitivo di lavorare.«chi dà il massimo ogni giorno, merita anche il massimo in termini di strumenti ed

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli