Qualche dato sulla magistratura onoraria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualche dato sulla magistratura onoraria"

Transcript

1 Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento è direttamente prevista del secondo comma dell articolo 106 della Costituzione ( La legge sull ordinamento giudiziario può ammettere la nomina, anche elettiva, di magistrati onorari per tutte le funzioni attribuite a giudici singoli ). La peculiarità dei magistrati onorari, rispetto ai giudici di professione, risiede innanzitutto nel sistema di reclutamento. Mentre per i primi, infatti, il comma primo dello stesso articolo 106 della Costituzione prescrive la selezione mediante concorso pubblico, i secondi possono essere nominati o eletti. Attualmente le figure più significative della magistratura onoraria italiana sono tre: giudici di pace (GdP), giudici onorari di tribunale (GOT) e Vice Procuratori Onorari (VPO). I primi sono stati introdotti dalla legge 341 del 91, peraltro entrando effettivamente in servizio soltanto 4 anni dopo, il 2 giugno del L istituzione di GOT e VPO è invece datata 19 febbraio 1998, con l entrata in vigore del decreto legislativo n. 51, che ha introdotto nella legge sull ordinamento giudiziario una serie di disposizioni, disciplinanti, appunto, le due figure di magistrato onorario menzionate. I Giudici di Pace rappresentano l ufficio giudiziario più vicino ai cittadini, hanno competenza sia in campo civile che in campo penale, con una serie di attribuzioni peraltro cresciuta nel corso degli anni, soprattutto nel primo campo. Essi si occupino di faccende di minore importanza, controversie di minore valore economico e reati di tipo bagatellare, con l aggiunta, dall anno scorso, della competenza a conoscere il reato d immigrazione clandestina. Sono nominati per titoli, a seguito di un tirocinio di 6 mesi, e durano in carica quattro anni, con la possibilità di essere confermati per ulteriori due mandati quadriennali. I GdP tengono autonomamente il ruolo dei processi, e ciò rappresenta il loro tratto distintivo rispetto a GOT e VPO. I Giudici Onorari di Tribunale sono invece giudici onorari cui la legge impedisce di tenere udienza se non nei casi di impedimento o di mancanza dei giudici ordinari, e che svolgono il lavoro loro assegnato dal presidente del Tribunale o dal presidente di una sezione di Tribunale. Ai Vice Procuratori Onorari le funzioni devono invece essere attribuite dal Procuratore della Repubblica. Sono quindi magistrati che esercitano una funzione ausiliaria, suppletiva, rispetto ai togati di

2 professione. Entrambi sono nominati per titoli e durano in carica tre anni, rinnovabili una sola volta. GOT e VPO, almeno stando alle intenzioni originarie del legislatore, sarebbero dovuti nascere già morti. Il decreto delegato che li introdusse, infatti, avrebbe dovuto avere efficacia limitata nel tempo, fino all emanazione della riforma organica della magistratura e comunque non oltre cinque anni dalla sua entrata in vigore. Previsioni temporali contraddistinte da un eccesso di ottimismo, dal momento che la riforma organica non si è ancora fatta, la vigenza di quelle disposizioni è stata prima aumentata di 4 anni, poi, nel 2008, anno in cui era stata fissata la nuova deadline, per i giudici onorari in servizio è stata disposta una proroga nelle funzioni fino al 31 dicembre 2009, termine a sua volta prorogato fino al 31 dicembre 2010 con decreto legge 193 del 2009, in corso di conversione al Senato. Qualche dato sulla magistratura onoraria Il ruolo organico dei GdP prevede magistrati, di cui solo (pari al 58 %) sono attualmente in servizio, mentre quello dei GOT ne prevede con in servizio (pari al 73% del totale), e i VPO sono 1642 sui 1968 a suo tempo ritenuti necessari (per una percentuale dell 83,3%). Nel disastro del sistema giudiziario italiano, i GdP si distinguono dal resto per una certa celerità ed efficienza nella conduzione dei procedimenti. Dai dati del Ministero della Giustizia relativi ai processi definiti e a quelli pendenti in materia civile tra il 2004 e il 2007, emerge che i GdP hanno costantemente definito, per ciascuno degli anni presi in considerazione, più procedimenti di quelli pendenti al 31 dicembre dell anno precedente. Nel 2007, tanto per fare un esempio, i giudici di pace hanno chiuso procedimenti, a fronte del procedimenti pendenti al 31 dicembre del 2006 e del pendenti al 31 dicembre Il dato è significativo se si considera che, ad esempio, i Tribunali Ordinari in Primo Grado non sono mai riusciti a definire, nello stesso periodo di tempo, un numero di procedimenti maggiore di quelli lasciati pendenti. Ovviamente tali dati vanno letti tenendo in conto la minore complessità delle controversie di competenza dei giudici di pace e il fatto che questi ultimi esistono da meno tempo dei Tribunali Ordinari, che hanno accumulato negli anni una mole considerevole di arretrati.

3 La proposta di riforma organica e la posizione dei Giudici di Pace La bozza ufficiosa di disegno di legge di riforma organica che il Governo dovrebbe presentare alle Camere ridisegna la conformazione della magistratura onoraria italiana intorno ad uno statuto unico sia per i Giudici di Pace che per GOT e VPO, prevedendo gli stessi criteri e requisiti di accesso, la stessa durata del mandato (4 anni rinnovabili una sola volta per eguale durata), la ridefinizione delle attribuzioni dei magistrati onorari di tribunale e la razionalizzazione degli uffici dei giudici di pace. Gli appunti sollevati da questi ultimi riguardano proprio questi profili, che, a parer loro, minerebbero la professionalità degli appartenenti alla categoria, titolare di un proprio ruolo a differenza degli altri magistrati onorari, diminuendo la durata dei mandati (un mandato di quattro anni rinnovabile una sola volta in luogo delle due dell assetto vigente), prevedendo requisiti di accesso meno vincolanti (la mera laurea in giurisprudenza sarebbe in teoria sufficiente a presentare domanda di ammissione al tirocinio, mentre oggi i giudici di pace devono essere almeno abilitati all esercizio della professione forense). Se i GdP, da un lato, chiedono al Governo una stabilizzazione più o meno ufficiale della loro posizione, adducendo ragioni di tutela e riconoscimento della loro acquisita professionalità, da l altro lato il Governo motiva la sostanziale apertura dell accesso con l obiettivo di incentivare i migliori giovani laureati in giurisprudenza a cui nelle more del definitivo inserimento nel mondo lavorativo attraverso il superamento di un concorso pubblico o il consolidamento della propria attività professionale lo Stato offre la possibilità di svolgere una preziosa esperienza professionale previo un adeguato periodo di formazione mirata all esercizio delle funzioni giudiziarie onorarie (Relazione allegata allo schema di ddl in discussione). il Governo risponde ad una pretesa di ordine ordinistico utilizzando la retorica e lo strumentario delle liberalizzazioni. Ciò dimostra due cose: la prima, è che anche questo governo sa che la liberalizzazione dell accesso ad una categoria professionale finora sostanzialmente protetta dal perenne stato di eccezione in cui è vissuta la sua normativa di riferimento costituisce un opportunità e un eventualità da non temere; la seconda, che il Governo applica il principio della liberalizzazione mostrandosi forte con i deboli e debole con i forti. E evidente che i GdP hanno una forza di attrito e di resistenza scarsa rispetto al decisore pubblico. Ma cosa sarebbe accaduto se lo stesso principio di apertura fosse stato non dico applicato ma solo annunciato per

4 una categoria ben più protetta, corporativa e rilevante come, ad esempio, quella degli avvocati? Ve lo dico io: che il Consiglio Nazionale Forense, muovendo le leve di cui dispone tra i banchi parlamentari, avrebbe fatto passare una proposta di riforma della professione che sbarra l accesso ai giovani e accresce i propri poteri di controllo e sanzione. Con buona pace dei Giudici di Pace. Per la prima volta 15 giorni di sciopero dei giudici di pace: dal 17 gennaio 2011 Il Direttivo Nazionale dell UNAGIPA, convocato d urgenza a Roma il 2 dicembre u.s., ha esaminato il testo di un disegno di legge che il Ministro Alfano ed il Sottosegretario Caliendo hanno posto all ordine del giorno della seduta del Consiglio dei Ministri programmata per martedì scorso e rinviata solo poche ore prima. Il Ministero di via Arenula, in persona del Sottosegretario Caliendo, smentendo ancora una volta i reiterati impegni del Ministro Alfano a favore della stabilizzazione della magistratura di pace, ha riproposto un disegno di legge già ritenuto inaccettabile un anno fa dalla categoria e contrastato con cinque settimane di sciopero. Il progetto Caliendo appiattisce verso il basso figure di magistrati onorari radicalmente incompatibili fra loro (GdP, GoT e Vpo) e peggiora la condizione giuridica, già deleteria, dei giudici di pace, nulla disponendo sui miglioramenti, pur assicurati dal Ministro Alfano, in materia di rinnovabilità dei mandati, tutela previdenziale, garanzie ordinamentali e rivalutazione del trattamento economico. La figura del giudice di pace, da un lato regredisce nelle modalità di reclutamento dei nuovi giudici (è richiesto il solo requisito della laurea in legge per l accesso), dall altro viene intaccato gravemente nei principi costituzionali di buon andamento degli uffici e di indipendenza del giudice, mediante la soppressione degli attuali Coordinatori giudici di pace, sostituiti dal Presidente del Tribunale, con potere di direzione e di vigilanza (per la prima volta nella storia giudiziaria il capo di un ufficio si trova a giudicare su sé medesimo), mediante la compromissione dell attuale rappresentanza dei giudici di pace nei Consigli Giudiziari, e mediante la sanzione della revoca del mandato mascherata in mero ammonimento (non rinnovabilità dell incarico del giudice di pace destinatario anche di un solo ammonimento).

5 La bozza di progetto, pur non essendo stata cambiata in dodici mesi, è stata presentata come il tentativo di unificare la disciplina di una presunta e fantomatica categoria di magistrati onorari, laddove, al contrario, nell accorpare figure radicalmente incompatibili fra di loro (le funzioni giurisdizionali del giudice di pace addirittura con le funzioni requirenti di pubblico ministero del vice procuratore onorario), i giudici di pace si sono premurati di tenere fuori dalla disciplina comune altre figure di magistrati c.d. onorari (cioè i giudici tributari) ai quali appartiene il Sottosegretario Caliendo, ed i giudici laici presso i Tribunali per i Minorenni, tutti già titolari per legge di un incarico continuativo a tempo indeterminato, senza nessun tipo di verifica periodica di professionalità. Cosa hanno deliberato i giudici di pace? a) proclamare uno sciopero nella misura massima consentita e per il primo periodo utile sulla base della normativa vigente (che vieta scioperi durante ed a ridosso delle festivita natalizie e del voto di fiducia del governo), di preciso uno sciopero di quindici giorni a partire dal 17 gennaio 2011, b) promuovere immediatamente le piu efficaci azioni di contestazione e protesta, c) interessare le istituzioni, il governo, le forze politiche, l anm, l avvocatura, affinche ciascuno assuma una posizione chiara e definitiva sui contenuti della riforma della giustizia di pace, d) confrontarsi con le altre rappresentanze dei giudici non togati e di pace per una auspicata e necessaria azione unitaria.

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI L'art. 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) ha introdotto la possibilità per i laureati in Giurisprudenza

Dettagli

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione L articolo 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98), modificato dagli articoli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi AS 1120 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità per il 2014) Disposizioni di interesse per la professione forense SCHEDA DI ANALISI * Art. 9, comma

Dettagli

ud unità democratica giudici di

ud unità democratica giudici di ud unità democratica giudici di pace.it INTERVENTO AL XIX CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA di Diego Loveri In occasione del XIX Congresso Nazionale di Magistratura Democratica Unità Democratica

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a MODIFICHE AL D.M. 140/2012 Premessa Con la Riforma delle Professioni ed il Decreto Parametri si è inteso abbandonare una logica di predeterminazione amministrativa

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE, in persona del suo Presidente avv. Maurizio Consoli e il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26 PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 - Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per

Dettagli

Lo sciopero dei magistrati onorari Paola Bellone* Claudio Viazzi** Per una riforma della magistratura onoraria di tribunale: ragioni

Lo sciopero dei magistrati onorari Paola Bellone* Claudio Viazzi** Per una riforma della magistratura onoraria di tribunale: ragioni Lo sciopero dei magistrati onorari di Paola Bellone* e Claudio Viazzi** *vpo a Torino **presidente Tribunale di Genova In questi giorni i giudici onorari, necessario puntello del traballante esercizio

Dettagli

CONGRESSO STRAORDINARIO FORENSE Milano 23-24 marzo 2012

CONGRESSO STRAORDINARIO FORENSE Milano 23-24 marzo 2012 CONGRESSO STRAORDINARIO FORENSE Milano 23-24 marzo 2012 La riforma del processo civile deve puntare allo snellimento ed alla velocizzazione dei giudizi, senza comprimere il diritto di difesa dei cittadini.

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI 29 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici

Dettagli

INDICE GENERALE PARTE I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE

INDICE GENERALE PARTE I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE PARTE I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Le professioni intellettuali... 3 2. L ordinamento giuridico professionale.... 7 3. L ordinamento forense. Normativa.... 10 4. L ordinamento forense. Struttura

Dettagli

INDICE GENERALE. pag. Introduzione (le ragioni di un corso)... CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE

INDICE GENERALE. pag. Introduzione (le ragioni di un corso)... CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE Introduzione (le ragioni di un corso)... XI CAPITOLO I L ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Le professioni intellettuali... 3 2. L ordinamento giuridico professionale.... 8 3. L ordinamento forense.

Dettagli

3. ribadisce 4. La riforma organica oggi necessaria deve riguardare l intero panorama della giustizia 5. -

3. ribadisce 4. La riforma organica oggi necessaria deve riguardare l intero panorama della giustizia 5. - UNIONE DELLE CAMERE PENALI ITALIANE INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO DEI PENALISTI ITALIANI Affinché non si cambi tutto per non cambiare nulla Delibera di astensione dalle udienze per il 27 e 28 gennaio

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Scuola di specializzazione per le professioni legali Regolamento Art. 1 Istituzione e finalità della Scuola 1. E istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università

Dettagli

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A C O N S I G L I O G I U D I Z I A R I O REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato Parte I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 10 marzo 2014, n. 55. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell art.13,

Dettagli

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare;

c) per l'attività stragiudiziale viene introdotto un criterio percentualistico, indicato nella misura tra il 5 e il 20% del valore dell'affare; E al Ministero della Giustizia si lavora per modificare i parametri e l'accesso alla professione forense. La proposta di modifica del Ministero della Giustizia al D.M. 140/2012 Diritto e giustizia.it di

Dettagli

I NUOVI PARAMETRI FORENSI

I NUOVI PARAMETRI FORENSI FOCUS NELDIRITTO Domenico MONTERISI I NUOVI PARAMETRI FORENSI Decreto del Ministro della Giustizia n. 55 del 10/3/2014 Breve commentario e guida pratica, con software per la redazione delle parcelle SOMMARIO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXIV - Numero 18 Roma, 30 settembre 2013 Pubblicato il 30 settembre 2013 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Ministero della Giustizia. Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi

Ministero della Giustizia. Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Ministero della Giustizia Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Revisione delle circoscrizioni giudiziarie Uffici del Giudice di Pace Circolare di istruzioni per l attuazione

Dettagli

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 udita la relazione del Segretario Generale; esaminato l art.3 del d.l. 138/2011, convertito

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CATTI GIULIO CORSO RAFFAELLO, 12 10126 TORINO Telefono 349-6691042 Fax 011-6688754 E-mail giulio.catti@tiscali.it

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA

AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA (esercitazioni della giovane avvocatura) AVVOCATI COMUNITARI IN ITALIA, IL GIUDIZIO DELLA CORTE EUROPEA La Corte di Giustizia europea ha recentemente affrontato il tema che riguarda la possibilità della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LUCCHESE, MARINELLO, EMERENZIO BARBIERI, ROMANO, STAGNO D ALCONTRES

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LUCCHESE, MARINELLO, EMERENZIO BARBIERI, ROMANO, STAGNO D ALCONTRES Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4827 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LUCCHESE, MARINELLO, EMERENZIO BARBIERI, ROMANO, STAGNO D ALCONTRES Disposizioni in materia

Dettagli

Capitolo 4 Accesso alla professione forense

Capitolo 4 Accesso alla professione forense Edizioni Simone - Vol. 8/4 Ordinamento e Deontologia forense Capitolo 4 Accesso alla professione forense Sommario 1. Il tirocinio professionale. - 2. Le scuole di specializzazione. - 3. Il tirocinio formativo

Dettagli

Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968)

Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968) Daniele Cappuccio (Messina, 16 luglio 1968) Le esperienze professionali. Già coadiutore presso la Banca d Italia nel periodo 1993\1994, sono stato nominato uditore giudiziario con D.M. 8 luglio 1994. Nel

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate

Dettagli

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 19 febbraio 2014, n. 14 Disposizioni integrative, correttive e di coordinamento delle disposizioni di cui ai decreti legislativi 7 settembre 2012, n. 155, e 7 settembre 2012, n. 156,

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

Parere sullo schema di decreto ministeriale recante:

Parere sullo schema di decreto ministeriale recante: Parere sullo schema di decreto ministeriale recante: Regolamento concernente la valutazione del diploma conseguito presso le scuole di specializzazione per le professioni legali ai fini della pratica forense

Dettagli

TITOLO I Istituzione e finalità della Scuola. Art.1 (Istituzione della Scuola)

TITOLO I Istituzione e finalità della Scuola. Art.1 (Istituzione della Scuola) REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ISTITUITA PRESSO LA FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. TITOLO I Istituzione e finalità

Dettagli

Città di Torre del Greco

Città di Torre del Greco Città di Torre del Greco Provincia di Napoli Regolamento della pratica forense presso l Avvocatura Municipale del Comune di Torre del Greco CITTÀ DI TORRE DEL GRECO Art. 1 Pratica forense presso l Avvocatura

Dettagli

CURRICULUM. Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10.

CURRICULUM. Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10. CURRICULUM Avv. Giuseppe Frugis, nato a Bari il 21.4.1941, ed ivi residente alla via C. Rosalba 10. Laureato in giurisprudenza presso l Università di Bari il 21.4.1970; Avvocato dal 4.5.74 ; Abilitato

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE NELLA RIFORMA

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE NELLA RIFORMA MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE NELLA RIFORMA Il sistema Giustizia sta vivendo da anni una profondissima crisi, soprattutto in relazione al tempo necessario per lo svolgimento del processo. Negli ultimi anni

Dettagli

I compensi dell avvocato

I compensi dell avvocato I compensi dell avvocato Introduzione La disciplina dei compensi dell avvocato per l attività professionale resa in favore del cliente è dettata dall art. 13 L. 31/12/2012 n. 247, «Nuova disciplina dell

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia. per

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia. per PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione e il Ministro della Giustizia per l innovazione digitale nella Giustizia Roma, 26 novembre 2008 Finalità Realizzare

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCOLARO LAURA Indirizzo VIA S. SEBASTIANO, 14 98122 MESSINA VIA G. MATTEOTTI, 17 98060 OLIVERI (ME) Telefono

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI Prot. n. 405 Latina, 27 febbraio 2014 Ill.mo Dott. Giuseppe D Auria Presidente f.f. Tribunale di Latina E p.c. Gent.ma Dott.ssa Franca Battaglia Dirigente Amministrativo del Tribunale di Latina Oggetto:

Dettagli

Curriculum vitae. Via V. Alfieri, n. 19 50121 Firenze Tel. 055.2345733 2478446 Fax 055.2340485 giallongo@studiogiallongo.it

Curriculum vitae. Via V. Alfieri, n. 19 50121 Firenze Tel. 055.2345733 2478446 Fax 055.2340485 giallongo@studiogiallongo.it Curriculum vitae Dopo aver conseguito la laurea presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Firenze, sono stato assegnatario di una borsa di studio ministeriale di addestramento

Dettagli

La professione di avvocato

La professione di avvocato La professione di avvocato Prima di illustrare brevemente le poche regole che governano l accesso alla professione, mi soffermerei, altrettanto brevemente, a parlare con parole semplici di questa professione,

Dettagli

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali. Linee guida per l'applicazione dei parametri previsti dal D.M. n. 55 del 10 marzo 2014 Premessa: Che con la legge 31 dicembre

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO e ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO Via dei Portoghesi n. 12 - Roma All Ufficio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ART. 1 Finalità della Scuola 1. E' istituita, presso il Dipartimento di

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 Numero 00161/2013 e data 18/01/2013 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 NUMERO AFFARE 12463/2012 OGGETTO:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERETTA ALBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 27.07.1941 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a ) Tipo di

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

Settore Consulenti del Lavoro. Commissione di Garanzia. dell Attuazione della Legge sullo. Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali

Settore Consulenti del Lavoro. Commissione di Garanzia. dell Attuazione della Legge sullo. Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Tel. 06 549361 - Fax 06 5408282 e-mail consiglionazionale@consulentidellavoro.it e-mail pec consiglionazionale@consulentidellavoropec.it

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Über uns Ausbildung Zulassung Mitglieder Fortbildung ReNo Azubi Bürger Aktuelles. Über uns. www.rechtsanwaltskammer-ffm.de

Über uns Ausbildung Zulassung Mitglieder Fortbildung ReNo Azubi Bürger Aktuelles. Über uns. www.rechtsanwaltskammer-ffm.de Über uns Secondo la legge federale relativa alla professione di avvocato, l Ordine degli Avvocati di Francoforte sul Meno è un organo di diritto pubblico che esercita le proprie funzioni in amministrazione

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 1 ottobre 2015 Misure per l'attuazione dell'ufficio per il processo, a norma dell'articolo 16-octies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE

CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE I COMPENDI D AUTORE diretti da Roberto GAROFOLI Per concorsi pubblici e abilitazione forense propone: I COMPENDI D AUTORE : Diritto Civile Diritto Penale Procedura

Dettagli

XIV ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DELLA CONCILIAZIONE FORENSE PARMA 16/17/APRILE 2015 RACCOLTA DELLE MOZIONI

XIV ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DELLA CONCILIAZIONE FORENSE PARMA 16/17/APRILE 2015 RACCOLTA DELLE MOZIONI XIV ASSEMBLEA DEL COORDINAMENTO DELLA CONCILIAZIONE FORENSE PARMA 16/17/APRILE 2015 RACCOLTA DELLE MOZIONI MOZIONE SULLA MEDIAZIONE DEMANDATA DAL GIUDICE L Assemblea del Coordinamento della Conciliazione

Dettagli

Curriculum vitae. Giuliano Valer Via Grazioli, 43 38100 Trento Telefono 0461/914153 339/4354910

Curriculum vitae. Giuliano Valer Via Grazioli, 43 38100 Trento Telefono 0461/914153 339/4354910 Curriculum vitae DATI ANAGRAFICI Nome Giuliano Valer Indirizzo Via Grazioli, 43 38100 Trento Telefono 0461/914153 339/4354910 Data e luogo di nascita 5 maggio 1974, Trento Stato civile celibe Posizione

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI LEGALI Art. 1 Premessa ed oggetto Pag. 2 Art. 2 Elenco dei professionisti Pag. 2 Art. 3 Requisiti per l iscrizione nell elenco Pag. 3 Art. 4 Criteri di conferimento

Dettagli

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo 1.- L art. 73 del d. l. 21. 6. 2013 n. 69 convertito con modifiche nella legge 9. 8. 2013 n. 98 ha introdotto la possibilità, per i laureati

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa N. 21-C-2013 Ill.mi Signori Avvocati Roma, 7 ottobre 2013 PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI L O R O S E D I OGGETTO: trasmissione pareri Commissione consultiva in tema di effetti del D.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

CITTÀ di CASALNUOVO di NAPOLI. Regolamento sull Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi. L Avvocatura Municipale

CITTÀ di CASALNUOVO di NAPOLI. Regolamento sull Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi. L Avvocatura Municipale CITTÀ di CASALNUOVO di NAPOLI Regolamento sull Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi. L Avvocatura Municipale Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.238 del 29/10/2010 1 Art. 1 - Costituzione

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

TITOLO I Istituzione della Scuola

TITOLO I Istituzione della Scuola REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ISTITUITA PRESSO LA FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA DELL'UNIVERSITA' LUM JEAN MONNET (DR. 1009/09 DEL 16/03/2009 ALLEGATO NR. 1) TITOLO

Dettagli

Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali.

Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali. Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali. (Atto n. 488) PARERE APPROVATO La Commissione Giustizia, esaminato lo schema

Dettagli

1 Devono richiamarsi in materia la risoluzione in data 25 maggio 1994, recante Segnalazione al Ministro di Grazia e

1 Devono richiamarsi in materia la risoluzione in data 25 maggio 1994, recante Segnalazione al Ministro di Grazia e Parere sullo schema di decreto legislativo avente ad oggetto: Disposizioni integrative correttive e di coordinamento delle disposizioni di cui al decreto legislativo 7 settembre 2012 n. 155, concernente

Dettagli

Delega al Governo per la istituzione e la regolamentazione della professione intellettuale di ufficiale giudiziario DISEGNO DI LEGGE

Delega al Governo per la istituzione e la regolamentazione della professione intellettuale di ufficiale giudiziario DISEGNO DI LEGGE Legislatura 16º - Disegno di legge N. 749 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BERSELLI e BALBONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 GIUGNO 2008 Delega al Governo per la istituzione e la regolamentazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno La scuola di specializzazione vale un anno di pratica forense Scuole Bassanini, la frequenza vale un anno di pratica. Lo ha ribadito la quarta sezione del Consiglio di Stato con la decisione 5353/05 (depositata

Dettagli

Curriculum vitae. Studi: Attività universitaria:

Curriculum vitae. Studi: Attività universitaria: Dati personali: Nome: Antonio Cognome: Pagliano Data di nascita: 08.08.72 Luogo di nascita: Napoli Residenza: C.so Umberto I, 34 - Napoli Nazionalità: Italiana Curriculum vitae Studi: - 1996: Laurea in

Dettagli

U F F I C I O L I Q U I D A Z I O N I

U F F I C I O L I Q U I D A Z I O N I Viale Tribunale di Firenze U F F I C I O L I Q U I D A Z I O N I PRONTUARIO PER GLI ONORARI SPETTANTI AI DIFENSORI NELLE IPOTESI DISCIPLINATE DAL TESTO UNICO DELLE SPESE DI GIUSTIZIA L ufficio liquidazioni

Dettagli

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE Protocollo n. 2346 del 22/03/2012 COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI Data Delibera: 20/03/2012 N Delibera: 5 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: DISTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO FORENSE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO FORENSE Approvato dall Unione Lombarda degli Ordini Forensi nella seduta del 15.09.2012 a seguito delle modifiche apportate dall entrata in vigore del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati.

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati. MEDIAZIONE decreto del fare di Claudia Di Pasquale DA CHE TEMPO CHE FA DEL 29/09/2013 ENRICO LETTA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Tra le cose che abbiamo fatto in questi cinque mesi c è stata una riforma della

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 08065/2014 REG.PROV.COLL. N. 05484/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI IL TRIBUNALE ORDINARIO DI FERRARA, in persona del suo Presidente dott. Pasquale Maiorano E IL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI

Dettagli

Avvocati: tirocinio di 18 mesi, e sulla targa debutta la specializzazione (Guida al Diritto

Avvocati: tirocinio di 18 mesi, e sulla targa debutta la specializzazione (Guida al Diritto Avvocati: tirocinio di 18 mesi, e sulla targa debutta la specializzazione (Guida al Diritto di Eugenio Sacchettini La quarta puntata dell'analisi della riforma forense (testo approvato alla Camera il 31

Dettagli

- 2 - Ma le innovazioni più incisive si rinvengono nella previsione, introdotta con la lett. c-bis, della incompatibilità per:

- 2 - Ma le innovazioni più incisive si rinvengono nella previsione, introdotta con la lett. c-bis, della incompatibilità per: Circolare relativa alle incompatibilità, trasferimenti, decadenza, dispensa e sanzioni disciplinari dei giudici di pace. (Circolare n. P-1436 del 21 gennaio 2000 - Deliberazione del 19 gennaio 2000) 1.

Dettagli

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax.

Mediazione Civile & Commerciale. Studio Legale MM & PARTNERS. Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. Studio Legale MM & PARTNERS Viale Majno,7 20122, Milano Tel. 02/76280777 02/76280776 Fax. 02/76407336 Mediazione Civile & Commerciale Avv. Maria Sorbini m.sorbini@mmjus.it INDICE: 1. DOPO UN TORMENTATO

Dettagli

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Edizioni Il Momento Legislativo s.r.l. Liquidazione giudiziale dell attività legale 2 INDICE Determinazione

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Per un futuro migliore un avvocatura più consapevole

Per un futuro migliore un avvocatura più consapevole Per un futuro migliore un avvocatura più consapevole Nel cercare un titolo per queste brevi riflessioni avevo pensato, visto quel che ci è capitato nei mesi pregressi, all Annus Horribilis dell avvocatura.

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) Martedì 15 febbraio 2011 3 Commissioni riunite I e XII COMMISSIONI RIUNITE I (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Istituzione

Dettagli

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere CAMERA MINORILE DI LECCE In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere Minorili del 29 gennaio 2005, ed in vista del congresso dell Unione che si terrà a Gallipoli

Dettagli

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA Alcuni dati relativi ai momenti più significativi della fase delle indagini: l incidenza dei riti alternativi, quale utile riscontro della sostanziale completezza delle indagini, le richieste di archiviazione

Dettagli

A. CONSIDERAZIONI GENERALI

A. CONSIDERAZIONI GENERALI A. CONSIDERAZIONI GENERALI L'art. 13 della L. 31.12.2012 n. 247 (Ordinamento Professionale Forense) prevede, al comma 6, un decreto emanato dal Ministro della Giustizia, su proposta del C.N.F., che indichi

Dettagli

Proposta di Legge RIFORMA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Proposta di Legge RIFORMA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Proposta di Legge RIFORMA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI AVVOCATO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Disciplina dell ordinamento della professione di avvocato) 1. La professione di avvocato è

Dettagli

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA Proposte di Riforme in materia di famiglia Commissione Famiglia OUA 2012/2014 Sono 10 i punti critici segnalati dalla Commissione Famiglia dell Oua per affrontare le urgenti tematiche del quadro normativa

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

BREVI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DEI GIUDICI ONORARI DI TRIBUNALE E DEI VICE PROCURATORI ONORARI

BREVI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DEI GIUDICI ONORARI DI TRIBUNALE E DEI VICE PROCURATORI ONORARI BREVI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DEI GIUDICI ONORARI DI TRIBUNALE E DEI VICE PROCURATORI ONORARI Il modello permette la compilazione dell'istanza di richiesta

Dettagli