6. Sgravio contributivo contrattazione secondo livello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. Sgravio contributivo contrattazione secondo livello"

Transcript

1 6. Sgravio contributivo contrattazione secondo livello 6.1 Riferimenti normativi Legge n. 247/ art. 67; Decreto Ministero dell Economia e Finanze del 7 maggio 2008 (G.U. del 31/7/2008); Circolare Inps n. 82/2008; Circolare Inps n. 110/2008. La legge 24 dicembre 2007, n. 247 ed il successivo DM 7 maggio 2008 hanno disciplinato lo sgravio contributivo introdotto, in via sperimentale per il triennio , dal comma 67 della legge attuativa del protocollo welfare, in sostituzione del regime di decontribuzione ex DL 67/1997 abrogato, come noto, dal 1 gennaio Con la circolare n. 82 del 6 Agosto 2008 sono stati illustrati i contenuti del beneficio contributivo e fornite, altresì, le modalità da seguire per richiedere lo sgravio previsto dalla legge n. 247/2007 (Istanza telematica). La Circolare Inps n. 110 del 12 dicembre 2008 ha fornito le istruzioni per il recupero dello sgravio da parte delle aziende che hanno ricevuto l autorizzazione. TERMINI E MODALITÀ DI RECUPERO Entro il 16 marzo 2009 (terzo mese dalla pubblicazione della Circolare), i datori di lavoro ammessi allo sgravio, potranno recuperare gli importi spettanti. Alle posizioni contributive delle aziende autorizzate allo sgravio, per il periodo di paga da gennaio 2008 a febbraio 2009, sarà attribuito automaticamente il codice di autorizzazione 9D. All atto del conguaglio dello sgravio, il datore di lavoro avrà cura di restituire in busta paga al lavoratore la quota di sgravio di sua competenza. L importo dello sgravio deve essere riportato nel quadro D del DM10 utilizzando i codici: L934 Sgravio derivante da contrattazione aziendale (quota a favore del datore di lavoro) L935 Sgravio derivante da contrattazione aziendale (quota a favore del lavoratore) L936 Sgravio derivante da contrattazione territoriale (quota a favore del datore di lavoro) L937 Sgravio derivante da contrattazione territoriale (quota a favore del lavoratore) PREMI OGGETTO DI SGRAVIO CONTRIBUTIVO Oggetto del beneficio sono le somme previste dalla contrattazione di secondo livello intesa come contrattazione integrativa aziendale (Premi di risultato) o territoriale (Contratti integrativi territoriali dei vari settori). Lo sgravio spetta entro il limite annuo massimo pari al 3% della retribuzione contrattuale annua imponibile ai fini previdenziali dei lavoratori. Con riferimento ai lavoratori nei cui confronti opera il massimale annuo per la base contributiva (per l anno 2008 di ,00), la retribuzione da considerare ai fini della determinazione del tetto del 3% è contenuta entro tale massimale. Il termine retribuzione contrattuale va ricondotto al significato onnicomprensivo quale obbligazione fondamentale del datore di lavoro e comprende quanto stabilito sia dai contratti ed accordi collettivi di lavoro sia da quelli individuali ivi compresi i premi oggetto di sgravio. Possono fruire dei benefici previsti le somme erogate entro il 31 dicembre 2008 anche se riferite a contratti stipulati fino al 31/12/2007. Temp.DPS-NOWI Pagina 36 di 54

2 MISURA Lo sgravio contributivo opera entro il tetto della retribuzione come sopra individuato e, comunque, entro i limiti autorizzati dall Inps sulla base della domanda inviata telematicamente, nelle seguenti misure: - totale esenzione contributiva per il lavoratore. Non costituisce oggetto di sgravio il contributo dell 1% previsto dalla legge n. 438/1992 dovuto sulle quote di retribuzione eccedenti euro 3.397,00 mensili (40.765,00 euro annuali); - riduzione massima pari a 25 punti percentuali dell aliquota contributiva dovuta dal datore di lavoro. Per il calcolo dello sgravio deve essere presa in considerazione l aliquota contributiva in vigore nel mese di corresponsione del premio. L aliquota deve essere considerata al netto delle riduzioni contributive per assunzioni agevolate. Lo sgravio va riportato al netto anche degli eventuali esoneri (comprese le misure compensative per la previdenza complementare). La riduzione di 25 punti costituisce la quota complessiva massima di sgravio anche con riferimento alle aziende che assolvono la contribuzione pensionistica presso Enti diversi dall Inps. In presenza di contribuzione previdenziale/assistenziale a carico del datore di lavoro inferiore al 25% o in presenza di altri benefici contributivi, lo sconto non potrà eccedere la contribuzione dovuta (carico azienda). Rimane in ogni caso escluso dallo sgravio il contributo dello 0,30% (contributo per il finanziamento della formazione continua) versato dai datori di lavoro ad integrazione della contribuzione per la disoccupazione involontaria. EFFETTI SULL IMPONIBILE FISCALE La restituzione dei contributi trattenuti al lavoratore al momento del pagamento del premio, se effettuata nello stesso anno, potrebbe essere assoggettata all imposta sostitutiva del 10% (se sussistono i requisiti) oppure a tassazione ordinaria. Il recupero dello sgravio effettuato nell anno successivo, con la conseguente restituzione della quota di contributi a carico del dipendente, produrrà un aumento dell imponibile fiscale ordinario nel mese di restituzione. CASI PARTICOLARI Lavoratori che hanno cessato il rapporto di lavoro Il datore di lavoro, se ha applicato la contribuzione ordinaria perché non in possesso dell autorizzazione allo sgravio nel momento del pagamento del premio, deve restituire anche ai lavoratori che hanno cessato il rapporto di lavoro i contributi eventualmente in precedenza trattenuti: in questa ipotesi è necessario riaprire il conguaglio fiscale di fine rapporto. Operazioni societarie Per i lavoratori che a seguito di un operazione societaria (fusione, cessione d azienda, ecc.) passano da un datore all altro senza interruzione del rapporto di lavoro, le operazioni di conguaglio che non sono state effettuate dall azienda incorporata o cedente perché non ancora in possesso dell autorizzazione, devono essere eseguite dal datore di lavoro subentrante con riferimento al premio complessivamente corrisposto nell anno al lavoratore, anche se in parte erogato dal precedente datore di lavoro che non accederà all incentivo. L impresa che usufruisce dell incentivo deve chiedere all Inps l attribuzione del codice di autorizzazione 9D. Aziende cessate Le aziende autorizzate allo sgravio contributivo che, prima che giungesse loro il provvedimento di autorizzazione allo sgravio, hanno cessato l attività, ai fini del godimento del beneficio possono utilizzare gli stessi codici previsti per il DM10. Dovranno avvalersi della procedura di recupero crediti compilando un modello DM10V (procedura delle regolarizzazioni contributive) indicando, quale periodo di riferimento, l ultimo mese di attività con dipendenti. Temp.DPS-NOWI Pagina 37 di 54

3 Lavoratori iscritti ad Enti pensionistici diversi Il Decreto interministeriale 7 maggio 2008 ha affidato all Istituto la gestione del beneficio contributivo, anche con riferimento ai lavoratori iscritti ad altri Enti previdenziali (INPDAP INPGI- IPOST ENPALS). Ai fini della fruizione dello sgravio contributivo riferito ai lavoratori in questione, le aziende autorizzate provvederanno a rivolgersi direttamente agli Enti interessati. Con riguardo ai lavoratori per i quali i datori di lavoro assolvono all Inps le contribuzioni minori, lo sgravio dovrà essere operato sulla posizione contributiva in essere presso l Istituto, limitatamente alla quota spettante sulle medesime contribuzioni. Regolarizzazione delle somme fruite a titolo di decontribuzione La legge n. 247/2007, nell istituire lo sgravio in trattazione, ha previsto l abrogazione -con effetti dal 1/1/2008- del regime di decontribuzione di cui al DL n. 67/1997. Le note operative della Release di Paghe Windows distribuita a gennaio 2008 hanno diffuso tale novità e dato istruzioni su come assoggettare a normale contribuzione le erogazioni precedentemente soggette a decontribuzione. L eventuale non applicazione di tale disposizione comporta per l Utente la relativa gestione manuale per regolarizzare la posizione contributiva. A tale proposito, con il messaggio n. 8312/2008, l Istituto ha già reso noto che i datori di lavoro ammessi all incentivo contributivo, possono compensare l ammontare della contribuzione non versata a seguito di decontribuzione con gli importi loro spettanti a titolo di sgravio, senza ulteriori oneri aggiuntivi. La medesima sistemazione dovrà essere effettuata anche dai datori di lavoro non ammessi al beneficio introdotto dalla legge n. 247/2007. I datori di lavoro quantificheranno l ammontare delle retribuzioni non assoggettate a contribuzione (decontribuzione) e lo sommeranno all imponibile del mese in cui avviene la sistemazione, assoggettando a contribuzione l importo complessivo. Potranno recuperare il contributo di solidarietà del 10% già versato sulle somme decontribuite con i codici già in uso da indicare nel quadro D: - L931 rec. contr. solid. 10% per la generalità dei lavoratori; - L933 rec. contr. solid. 10% per i dirigenti iscritti all ex Inpdai al In presenza di sistemazione effettuate entro l anno, non è richiesta alcuna ulteriore operazione. Se, invece, la regolarizzazione viene effettuata a gennaio o a febbraio 2009 è necessario che la quota di retribuzione che si aggiunge all imponibile mensile venga inserita tra le variabili in aumento (codice A000 esposto nel quadro B-C) sia sul DM10, sia nell EMens relativi a questi mesi. In questa denuncia, nell elemento Imponibile va riportato il valore della retribuzione complessivamente assoggettata nel mese a contribuzione, mentre nell elemento VarRetributive, attributo anno 2008, Aumento Imponibile va indicato l ammontare della retribuzione, eccedente la quota mensile, riferita all anno Temp.DPS-NOWI Pagina 38 di 54

4 6.2 Integrazione o Modifica L introduzione della gestione per la determinazione ed il recupero dello sgravio contributivo a favore della contrattazione di secondo livello ha comportato le implementazioni di seguito descritte. ATTENZIONE La gestione dello sgravio contributivo deve essere effettuata prima dell immissione dei cedolini nei quali devono confluire i relativi risultati. Se l immissione del cedolino è già avvenuta, è possibile eseguirne l annullamento, effettuare la gestione e rieseguire l immissione del cedolino, oppure inserire manualmente le relative voci nel cedolino Tabelle Tabelle Generali Voci cedolino In fase di allineamento del database vengono inserite le seguenti nuove voci cedolino, necessarie per l erogazione dello sgravio contributivo suddiviso tra contrattazione aziendale e territoriale, tra lavoratore ed azienda e, nell ambito della quota a favore del dipendente, tra tassazione fiscale ordinaria (AP = erogazione relativa all anno precedente) e tassazione fiscale agevolata (se sussistono i requisiti): Codice =J50 Descrizione = Sgravio contr. az. c/dip. Codice =J51 Descrizione = Sgravio contr. az. c/azi. Codice =J52 Descrizione = Sgravio contr.ter. c/dip. Codice =J53 Descrizione = Sgravio contr.ter. c/azi. Codice =J54 Descrizione = Sgravio co.az. c/dip. AP Codice =J55 Descrizione = Sgravio co.te. c/dip. AP Inoltre, è stato inserito il seguente nuovo codice per il campo Classificazione: IT = Identifica la voce relativa all erogazione del premio territoriale. Pertanto, prima di procedere con le elaborazioni, è necessario codificare tale campo nelle voci cedolino interessate. Inoltre, si consiglia di verificare che per le voci cedolino relative al premio di risultato il campo Classificazione risulti compilato con il già previsto codice DM. Infine, è stato aggiunto il seguente nuovo codice per il campo Imponibile fiscale: 9 = l importo della voce cedolino viene considerato nell imponibile soggetto a tassazione agevolata prevista per i premi di produttività, ma senza conteggiarne i contributi. Tale codifica viene inserita nelle voci cedolino J50 (Sgravio contr. az. c/dip.) e J52 (Sgravio contr.ter. c/dip.) al fine di assoggettare all imposta sostitutiva del 10% (se sussistono i requisiti) la restituzione dei contributi trattenuti al lavoratore relativi al premio se effettuata nello stesso anno. Tabelle Previdenziali Guida DM10 In fase di allineamento del database vengono inseriti i seguenti nuovi codici, necessari per far confluire nel modello DM10 gli importi di sgravio contributivo presenti nelle relative voci cedolino: Codice: J50 Sgravio contr. az. c/dip. Temp.DPS-NOWI Pagina 39 di 54

5 Codice: J51 Sgravio contr. az. c/azi. Codice: J52 Sgravio contr. ter. c/dip. Codice: J53 Sgravio contr. ter. c/azi. Codice: J54 Sgravio co.az. c/dip. AP Codice : J55 - Sgravio co.te. c/dip. AP Tabelle Previdenziali Codici DM10 In fase di allineamento del database vengono inseriti i seguenti nuovi codici, necessari per attribuire allo sgravio contributivo il relativo codice e descrizione da riportare nel modello DM10. Codice: J50 Sgravio contr. az. c/dip. Descrizione per DM10: Sgr.az.lav Codice per DM10: L935 Codice: J51 Sgravio contr. az. c/azi. Descrizione per DM10: Sgr.az.dat Codice per DM10: L934 Codice: J52 Sgravio contr. ter. c/dip. Descrizione per DM10: Sgr.te.lav Codice per DM10: L937 Codice: J53 Sgravio contr. ter. c/azi. Descrizione per DM10: Sgr.te.dat Codice per DM10: L936 Codice: J54 Sgravio co.az. c/dip. AP Descrizione per DM10: Sgr.az.lav. Codice per DM10: L935 Codice: J55 Sgravio co.te. c/dip. AP Descrizione per DM10: Sgr.te.lav Codice per DM10: L937 Temp.DPS-NOWI Pagina 40 di 54

6 Tabelle Previdenziali Parametri contributivi Nell argomento Accumuli e progressivi è stata inserita la nuova sezione Accumulo sgravio contributivo con il nuovo campo: Soggetto a sgravio La codifica con S di tale campo è necessaria per far confluire il parametro, durante la fase di calcolo dello sgravio contributivo, nella determinazione dell aliquota da applicare, poiché deve essere presa in considerazione l aliquota contributiva in vigore nel mese di corresponsione del premio. In fase di allineamento del database il suddetto campo viene impostato automaticamente con il valore S per i parametri con campo Tipo di calcolo = 2 (calcolo in percentuale) e campo Ente = 1 (Inps). Prima di procedere con le elaborazioni, occorre pertanto verificare la corretta codifica del suddetto campo nei parametri contributivi interessati e da escludere nel calcolo dello sgravio contributivo Archivi Archivi Azienda Posizioni Inps Sono stati inseriti i seguenti nuovi campi: Autorizzazione Sgravio dipendenti Sgravio azienda per ciascuno degli anni (2008, 2009 e 2010) relativi al trimestre per il quale è stato introdotto lo sgravio contributivo a favore della contrattazione di secondo livello. Si precisa che le richieste di ammissione allo sgravio contributivo che hanno avuto esito positivo comportano l ammissione al beneficio solamente per l anno Per gli anni 2009 e 2010, anche se già compresi nella richiesta inoltrata, si dovranno attendere le istruzioni dell Istituto (probabile nuova domanda di ammissione). Quindi, il datore di lavoro che, a seguito di regolare richiesta per beneficiare dello sgravio contributivo, riceve da parte dell Inps la comunicazione dell ammissione all agevolazione, deve codificare con S il suddetto campo Autorizzazione ed inserire nei successivi campi Sgravio dipendenti e Sgravio azienda l importo di sgravio autorizzato dall Istituto, rispettivamente per la quota a favore dei lavoratori e per la quota a favore del datore di lavoro. Archivi Dipendente Sgravio contributivo I dati mensili dei premi, delle aliquote contributive e degli sgravi spettanti ed erogati per il lavoratore ed il datore di lavoro vengono registrati, tramite l esecuzione del nuovo programma Generazione dati sgravio contributivo (presente in Periodiche Altre elaborazioni e descritto nel paragrafo successivo) nel seguente nuovo archivio: Temp.DPS-NOWI Pagina 41 di 54

7 L archivio contiene, a livello di Dipendente, Anno, Mese e Posizione Inps, i seguenti dati: - gli importi dei premi erogati distintamente per contrattazione aziendale e territoriale (eventualmente ridotti nei limiti del 3% della retribuzione previdenziale) - le aliquote contributive applicate nel mese e soggette a sgravio; - gli importi dello sgravio spettante; - gli importi dello sgravio da erogare, che può differire da quello spettante se lo sgravio autorizzato è inferiore a quello calcolato e quindi da ridurre in modo proporzionale; - gli importi totali effettivamente confluiti nel cedolino, memorizzati nell apposito record con Mese = 99 generato durante la fase di Aggiornamento progressivi Elaborazioni Periodiche Altre elaborazioni Generazione dati sgravio contributivo Questa funzione permette di eseguire il calcolo degli importi relativi allo sgravio contributivo per la contrattazione di secondo livello, di memorizzarne i dati nell apposito archivio e di generare le relative voci cedolino. ATTENZIONE: L elaborazione deve essere effettuata prima dell immissione dei cedolini nei quali devono confluire i relativi risultati. 1 - Dati per elaborazione Tipo elaborazione: E possibile effettuare due distinte elaborazioni: 1) Lista Il programma esegue il calcolo dello sgravio e la stampa della lista contenente i lavoratori elaborati ma non effettua la memorizzazione nel relativo archivio e la generazione delle voci cedolino. 2) Lista ed Elaborazione Il programma esegue il calcolo dello sgravio, la stampa della lista contenente i lavoratori elaborati, la memorizzazione dei dati nel relativo archivio e la generazione delle voci cedolino calcolate. Data di elaborazione Viene proposta la data che verrà stampata sul tabulato. Anno di competenza Indicare l anno per il quale eseguire l elaborazione. Periodo erogazione Indicare l anno (AAAA) ed il mese (MM) del cedolino in cui devono essere generate le voci relative allo sgravio contributivo da erogare. Temp.DPS-NOWI Pagina 42 di 54

8 Massimale contributivo Indica l importo relativo alla retribuzione massima da considerare ai fini della determinazione del tetto entro cui può operare lo sgravio relativamente agli iscritti successivamente al a forme pensionistiche obbligatorie privi di anzianità contributiva. Tale limite è pari al massimale annuo per la base contributiva e pensionabile da considerare per i suddetti lavoratori. Viene proposto il valore relativo all anno 2008 = ,00 Limite retribuzione previdenziale Indica la percentuale da applicare sulla retribuzione imponibile annua del lavoratore per determinare il limite dell importo dei premi sul quale applicare lo sgravio. Viene proposta la percentuale stabilita per l anno 2008 = 3,00 Limite sgravio azienda Indica l aliquota massima a carico del datore di lavoro, al netto delle riduzioni contributive, oggetto di sgravio. Viene proposta l aliquota stabilita per l anno 2008= 25,00 E possibile effettuare l elaborazione con le seguenti selezioni: Azienda Posizioni Inps Dipendente N.B.: la determinazione dello sgravio spettante trova applicazione a livello aziendale per posizione Inps, pertanto la possibilità di selezionare i dipendenti è stata prevista solo nel caso si vogliano escludere, utilizzando appositi filtri, alcune tipologie di lavoratori (ad esempio cessati); pertanto, l elaborazione deve sempre avvenire per azienda ed, eventualmente, per posizione Inps poiché i relativi dati già memorizzati vengono tutti preventivamente eliminati, ad esclusione di quelli già passati in paga per i quali è stato eseguito l aggiornamento dei progressivi. La posizione Inps viene elaborata se in base all anno di elaborazione risulta impostato con S il corrispondente campo Autorizzazione nell archivio Azienda Posizioni Inps sezione Sgravio contributivo. Per ogni dipendente vengono effettuate le operazioni indicate di seguito. Determinazione mensile dei premi corrisposti Vengono ricercate nello storico dipendente per ciascun mese dell anno di elaborazione le voci cedolino con il campo Classificazione = DM (Premio di risultato) e IT (Premio territoriale) ed i relativi importi vengono memorizzati, sempre distintamente per mese, nel nuovo archivio Dipendente Sgravio contributivo, rispettivamente nei campi Premio Contrattazione aziendale e Premio Contrattazione territoriale. Determinazione mensile delle aliquote contributive soggette a sgravio Per ciascun mese in cui risulta l erogazione di un premio, vengono ricercati i parametri contributivi con il campo Accumulo sgravio contributivo = S e in archivio Dipendente Sgravio contributivo viene memorizzato nel campo Aliquota sgravio dipendente la sommatoria dei valori delle colonne % Dipendente, mentre nel campo Aliquota sgravio azienda viene sommata la differenza tra i valori delle colonne % Totale e % Dipendente. Se l aliquota aziendale calcolata supera quella massima indicata nei Dati per elaborazione nella casella Limite sgravio azienda (25% per l anno 2008), viene riportato il valore di quest ultimo. Controllo ed eventuale modifica del totale dei premi entro il limite previsto Dopo aver determinato il totale annuo dei premi, viene calcolato il relativo limite sul quale applicare lo sgravio, pari alla percentuale indicata nei Dati per elaborazione nella casella Limite retribuzione previdenziale (3% per l anno 2008) applicata sulla sommatoria degli importi delle voci cedolino V01(Previdenziale non arrot.). Temp.DPS-NOWI Pagina 43 di 54

9 Per effettuare la verifica nei riguardi degli iscritti successivamente al a forme pensionistiche obbligatorie privi di anzianità contributiva, al fine di considerare la retribuzione previdenziale entro i limiti del previsto massimale indicato nei Dati per elaborazione nella casella Massimale contributivo (88.669,00 per l anno 2008), il dipendente viene considerato tale se nell archivio EMens per l anno in elaborazione risulta una denuncia con campo Tipo contribuzione = 98. Nel caso il totale dei premi derivanti da contrattazione aziendale e da contrattazione territoriale risulta superiore al limite determinato, lo sgravio deve essere fruito in proporzione all incidenza percentuale di ogni singolo premio sul totale dei premi. Esempio: - premio aziendale: 700,00 - premio territoriale: 500,00 - totale premi: 1.200,00 - aliquota sgravio lavoratore = 9,19% - aliquota sgravio azienda = 25% - retribuzione annua dipendente = La misura massima su cui calcolare l agevolazione è di 900,00 ( x 3%). Viene calcolato il rapporto tra la misura massima ed il totale premi: 900 / = 0,75 Pertanto, gli importi su cui calcolare lo sgravio (che sostituiscono quelli nei relativi campi Premio aziendale e Premio territoriale in archivio Dipendente Sgravio contributivo) sono: 700 x 0,75 = 525, x 0,75 = 375,00 e, di conseguenza si ottengono i seguenti importi di sgravio spettante (che vengono memorizzati nei rispettivi campi dell archivio Dipendente Sgravio contributivo): - sgravio su premio aziendale c/dipendente: 525,00 x 9,19 / 100 = 48,25 - sgravio su premio aziendale c/azienda: 525,00 x 25 / 100 = 131,25 - sgravio su premio territoriale c/dipendente: 375,00 x 9,19 / 100 = 34,46 - sgravio su premio territoriale c/azienda: 375,00 x 25 /100 = 93,75 Infatti, il tutto corrisponde a: Sgravio azienda: 900 x 25% = 225,00 Sgravio lavoratore: 900 x 9,19% = 82,71 Poiché l incidenza percentuale del premio aziendale sul totale dei premi è di 700 / 1200 x 100 = 58,33% e l incidenza percentuale del premio territoriale sul totale dei premi è di 500 / 1200 x 100 = 41,67%, gli sgravi rispettivi da indicare separatamente sul DM10 risultano: L935 sgravio su premio aziendale a favore del lavoratore: 82,71 x 58,33% = 48,25 L934 sgravio su premio aziendale a favore del datore di lavoro: 225 x 58,33% =131,25 L937 sgravio su premio territoriale a favore del lavoratore: 82,71 x 41,67% = 34,46 L936 sgravio su premio territoriale a favore del datore di lavoro:225 x 41,67% = 93,75 Temp.DPS-NOWI Pagina 44 di 54

10 Riduzione sgravio calcolato entro i limiti autorizzati La sommatoria di ogni singolo sgravio distintamente totalizzato per i dipendenti e per l azienda, determinerà il valore da confrontare con il tetto dello sgravio autorizzato per l azienda e per i lavoratori. La fruizione dello sgravio deve avvenire nel rispetto degli importi complessivi comunicati ai soggetti ammessi in quanto essi costituiscono la misura massima conguagliabile. Ove le aziende, per motivi diversi (riduzione del personale, retribuzioni e premi inferiori a quanto previsto nell istanza), avessero titolo ad un importo inferiore, il conguaglio dovrà limitarsi alla quota di sgravio effettivamente spettante. Pertanto, viene confrontato a livello di anno il totale dello sgravio dipendente ed il totale dello sgravio azienda con i valori presenti nei rispettivi campi Sgravio dipendente e Sgravio azienda dell archivio Azienda - Posizioni Inps relativi agli importi autorizzati dall INPS. Se i valori calcolati risultano superiori a quelli autorizzati, viene determinato nel seguente modo una percentuale per lo sgravio dipendenti e per lo sgravio azienda da applicare a ciascun importo: Importo autorizzato / Totale sgravio * 100 In tal modo lo sgravio viene portato nei limiti autorizzati, valori che vengono memorizzati nei campi Sgravio erogato aziendale e Sgravio erogato territoriale in archivio Dipendente Sgravio contributivo. Se invece i valori di sgravio calcolati risultano inferiori a quelli autorizzati, i suddetti campi vengono valorizzati con gli stessi importi dei rispettivi campi contenenti i valori spettanti. Generazione voci cedolino Al termine del calcolo, per ogni dipendente vengono generate le seguenti voci con i relativi importi nel cedolino del mese ed anno indicati nel campo Periodo erogazione dei Dati per elaborazione. - Voce J50 - Sgravio contr. az. c/dip. Se l anno di elaborazione è lo stesso dell anno di erogazione, viene valorizzata con la sommatoria degli importi del campo Sgravio aziendale erogato c/dipendente dell archivio Dipendente Sgravio contributivo. - Voce J51 - Sgravio contr. az. c/azi. Viene valorizzata con la sommatoria degli importi del campo Sgravio aziendale erogato c/azienda dell archivio Dipendente Sgravio contributivo. - Voce J52 - Sgravio contr.ter. c/dip. Se l anno di elaborazione è lo stesso dell anno di erogazione, viene valorizzata con la sommatoria degli importi del campo Sgravio territoriale erogato c/dipendente dell archivio Dipendente Sgravio contributivo. - Voce J53 - Sgravio contr.ter. c/azi. Viene valorizzata con la sommatoria degli importi del campo Sgravio territoriale erogato c/azienda dell archivio Dipendente Sgravio contributivo. - Voce J54 - Sgravio co.az. c/dip.ap Se l anno di elaborazione è precedente all anno di erogazione, viene valorizzata con la sommatoria degli importi del campo Sgravio aziendale erogato c/dipendente dell archivio Dipendente Sgravio contributivo - Voce J55 - Sgravio co.te. c/dip.ap Se l anno di elaborazione è precedente all anno di erogazione, viene valorizzata con la sommatoria degli importi del campo Sgravio territoriale erogato c/dipendente dell archivio Dipendente Sgravio contributivo Per tutte le voci viene impostato il periodo di riferimento nel seguente modo: - nel campo DATA DA viene inserito anno di elaborazione. - nel campo DATA AL se anno di elaborazione < anno di erogazione viene inserito anno di elaborazione, mentre se anno di elaborazione = anno di erogazione viene inserito l ultimo giorno del mese di erogazione + anno di erogazione. Inoltre, vengono attivati ai fini dell elaborazione del cedolino i dipendenti cessati, ossia i soggetti che presentano in anagrafica dipendente il campo Situazione dipendente > 5 oppure = L. Tale campo viene impostato con il valore = 3 se la Data di fine rapporto è nell anno di erogazione, mentre viene impostato con il valore = 4 se la cessazione è avvenuta nell anno precedente l erogazione. Temp.DPS-NOWI Pagina 45 di 54

11 N.B.: la generazione delle voci cedolino e l eventuale adeguamento della codifica del campo Situazione dipendente NON avviene se la posizione Inps elaborata dallo storico risulta diversa da quella attuale dell anagrafica. In tal caso viene segnalata tale impossibilità con un apposito messaggio nel tabulato di stampa e quindi l erogazione ed il recupero sul DM10 dovranno essere eseguiti manualmente. Infine, si precisa che nel caso le suddette voci vengano inserite manualmente nel cedolino, è necessario compilare i campi relativi al periodo di competenza Data dal e Data al. Stampa tabulato Al termine dell elaborazione viene eseguita la stampa di un tabulato per la verifica dei dati calcolati. Mensili Elaborazioni Immissione cedolini Immissione cedolini (cantieri) Gli importi degli sgravi calcolati per l anno 2008 vengono riportati con le voci cedolino J51(Sgravio contr. az. c/azi.), J53( Sgravio contr.ter. c/azi.), J54( Sgravio co.az. c/dip.ap) e J55( Sgravio co.te. c/dip.ap). Nel caso di erogazione nell anno in corso, gli importi dello sgravio a favore del dipendente vengono riportati nelle voci cedolino J50 (Sgravio contr. az. c/dip) e J52 (Sgravio contr.ter. c/dip) e, ai fini dell imposizione fiscale, vengono considerati nell imponibile soggetto a tassazione agevolata prevista per i premi di produttività, ma senza conteggiarne i contributi. Mensili Contributi DM10/2 La retribuzione da indicare nel mod. DM 10, quadro B/C, sarà l imponibile previdenziale comprendente anche il premio totale e la contribuzione totale non nettizzata dello sgravio. L importo dello sgravio deve essere riportato nel quadro D del DM10 utilizzando i codici: L934 Sgravio derivante da contrattazione aziendale (quota a favore del datore di lavoro) L935 Sgravio derivante da contrattazione aziendale (quota a favore del lavoratore) L936 Sgravio derivante da contrattazione territoriale (quota a favore del datore di lavoro) L937 Sgravio derivante da contrattazione territoriale (quota a favore del lavoratore) Mensili Chiusura Al fine di memorizzare gli importi transitati sul cedolino paga e quindi effettivamente erogati al dipendente e recuperati da parte dell azienda, in fase di chiusura dei cedolini gli importi delle seguenti voci vengono memorizzate nell archivio Dipendente Sgravio contributivo nell apposito record con il campo Mese = 99 e Anno = all anno presente nel campo Data al della voce. Tale registrazione è necessaria per effettuare l elaborazione del conguaglio dello sgravio contributivo. L importo della voce J50 - Sgravio contr. az. c/dip. viene sommato nel campo Sgravio aziendale erogato c/dipendente. L importo della voce J51 - Sgravio contr. az. c/azi. viene sommato nel campo Sgravio aziendale erogato c/azienda. L importo della voce J52 - Sgravio contr.ter. c/dip. viene sommato nel campo Sgravio territoriale erogato c/dipendente. L importo della voce J53 - Sgravio contr.ter. c/azi. viene sommato nel campo Sgravio territoriale erogato c/azienda. L importo della voce J54 - Sgravio co.az. c/dip. AP viene sommato nel campo Sgravio aziendale erogato c/dipendente (l anno sarà quello precedente). L importo della voce J55 - Sgravio co.te. c/dip. AP viene sommato nel campo Sgravio territoriale erogato c/dipendente (l anno sarà quello precedente). Infine, gli importi delle voci cedolino J50 Sgravio contr. az. c/dip e J52 Sgravio contr.ter. c/dip., che contengono il nuovo codice 9 ai fini dell imposizione fiscale agevolata, vengono sommati nel campo Imponibile Incremento produttività dell Anagrafica dipendente arg. Contributi di cui. Temp.DPS-NOWI Pagina 46 di 54

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 13-02-2015 Messaggio n. 1144 Allegati n.2 OGGETTO: Circolare n. 17/2015

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2009.0.1 (Update) Data di rilascio: 16.01.2009

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2009.0.1 (Update) Data di rilascio: 16.01.2009 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. SPEDIZIONE Applicativo: GECOM PAGHE Oggetto:

Dettagli

Note di Rilascio Utente Fix - 09.01.20

Note di Rilascio Utente Fix - 09.01.20 OSRA SOFTWARE FISCALE-LAVORO-AZIENDA 89 22/12/2008 Note di Rilascio Utente Fix - 09.01.20 CONTENUTI - NextStudio - 1. MODULO BASE... 2 Configurazione parametri SIAR... 2 Rilevazione annotazioni SIAR...

Dettagli

Indennità per ferie non godute nell EMens

Indennità per ferie non godute nell EMens Modalità di gestione Paghe Indennità per ferie non godute nell EMens Franca Paltrinieri Consulente Cna Interpreta L indennità sostitutiva per ferie non godute rientra nella retribuzione imponibile sia

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

Sgravio contributivo triennale L. 190/2014

Sgravio contributivo triennale L. 190/2014 Sgravio contributivo triennale L. 190/2014 Nuoro 2 aprile 2015 Premessa Con la circolare n. 17 del 29-01-2015 l'inps ha fornito le istruzioni per gestire l'esonero contributivo triennale per le nuove assunzioni

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

La certificazione unica CUD

La certificazione unica CUD La certificazione unica CUD Il datore di lavoro sostituto d'imposta dei propri dipendenti: il CUD Entro il 28 febbraio di ogni anno (fino al 2007 il termine era il 15 marzo) il sostituto deve rilasciare

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time

Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time CIRCOLARE A.F. N.63 del 28 Aprile 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE INFORMAZIONI AGGIORNAMENTO Eseguire il salvataggio degli archivi prima di procedere con l aggiornamento. La Fix 14.30.10 può essere utilizzata come aggiornamento

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013

Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013 Circolare N.181 del 11 Dicembre 2013 Accordi di prepensionamento. L istituto ed i benefici Gentile cliente, con la presente desideriamo fornirle alcuni chiarimenti circa l istituto del prepensionamento

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/04/2015 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

NEWS TECNICA Pag 1 di 6. Riduzione contributiva per il settore Edilizia

NEWS TECNICA Pag 1 di 6. Riduzione contributiva per il settore Edilizia NEWS TECNICA Pag 1 di 6 Riduzione contributiva per il settore Edilizia L Inps, con Messaggio n. 14113 del 31 agosto 2012, ha ribadito che l art. 29 del DL 244/1995 (convertito nella legge 8.8.1995, n.

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato nel 2015

Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato nel 2015 STUDIO DUCOLI - BRENO (BS) DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI LEGALI DEI CONTI Dott.Giacomo Ducoli Via Aldo Moro n.5-25043 Breno (Bs) - Telefono 0364/21265-320487 - Fax 0364320487 Internet Email: infostudio@studioducoli.it

Dettagli

LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO M:\Manuali\VARIE\Manuale_Lavoro_Domestico.doc LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO SOMMARIO 1. CODIFICA DIPENDENTE E DITTA 2 2. I N A I L 3 3. I N P S 3 4. I R P E F 4 5. M O V I M E N T O

Dettagli

L istanza di conferma costituisce domanda definitiva di ammissione al beneficio.

L istanza di conferma costituisce domanda definitiva di ammissione al beneficio. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 30-12-2014 Messaggio n. 9956 Allegati n.2 OGGETTO: Incentivo all assunzione di giovani ammessi al Programma Operativo

Dettagli

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga

LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO. Come leggere la Busta Paga LA FATICA NELLE MANI LAVORO, FAMIGLIA e FUTURO Come leggere la Busta Paga ANNO 2016 Le GUIDE della Fondazione Studi A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe

FAQ CUD 2006 1 \ 6. la gestione PDF. Gecom Paghe 1 \ 6 Cos è TeamSystem la gestione PDF Gecom Paghe FAQ CUD 2006 2 \ 6 Per un dipendente licenziato e riassunto viene stampato un solo CUD con i dati dell ultima matricola Non sono stati inseriti i dati

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE M.TC.02 Rev.00 del 03/09/2002 1 di 42 Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/04/2015 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014 Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Paolo STAGNO Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Telef.:

Dettagli

Possono far ricorso al contratto di solidarietà tutte le imprese che rientrano nel campo di applicazione della Cassa Integrazione Straordinaria.

Possono far ricorso al contratto di solidarietà tutte le imprese che rientrano nel campo di applicazione della Cassa Integrazione Straordinaria. Contratti di solidarietà difensivi Quadro normativo Riferimenti normativi Oggetto Imprese interessate Lavoratori Durata del contratto di solidarietà Riduzione dell orario di lavoro Misura integrazione

Dettagli

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014

ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 ELENCO MEMORIE PER CUD 2014 MEMORIE NUMERICHE 1 Redditi lavoro dipendente e assimilati (Cas. 1) 2 Assegni periodici corrisposti dal coniuge (Cas. 5) 3-18 Caselle da 11 a 26 19 Altri datori - Imponibile

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 aprile 2014 Prot. n. 025/14/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: Autoliquidazione del Premio Assicurativo INAIL 2013/2014. Riduzioni ex L. n. 147/2013 e differimento al 16.05.2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Guida alla lettura della busta paga

Guida alla lettura della busta paga Guida alla lettura della busta paga La busta paga è un documento che deve essere obbligatoriamente consegnato dal datore di lavoro al lavoratore dipendente al fine di certificare la retribuzione e le ritenute

Dettagli

DETASSAZIONE NEGLI ACCORDI COLLETTIVI DI SECONDO LIVELLO. A cura di Barbara Maiani Consigliera di Parità della Provincia di Modena

DETASSAZIONE NEGLI ACCORDI COLLETTIVI DI SECONDO LIVELLO. A cura di Barbara Maiani Consigliera di Parità della Provincia di Modena SGRAVI CONTRIBUTIVI E DETASSAZIONE NEGLI ACCORDI COLLETTIVI DI SECONDO LIVELLO A cura di Barbara Maiani Consigliera di Parità della Provincia di Modena La decontribuzione dei premi di risultato L esperienza

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

A TUTTE LE STRUTTURE NAZIONALE, TERRITORIALI E AZIENDALI

A TUTTE LE STRUTTURE NAZIONALE, TERRITORIALI E AZIENDALI A TUTTE LE STRUTTURE NAZIONALE, TERRITORIALI E AZIENDALI SALVAGUARDIA LAVORATORI - PRIMO GRUPPO DEI 65.000 Si trasmette il Messaggio n. 2526, datato 8/2/2013, riguardante le modalità adottate dall INPS,

Dettagli

Gestione contributiva 'Ferie non godute'

Gestione contributiva 'Ferie non godute' UR1007105030 Gestione contributiva 'Ferie non godute' Manuale Operativo Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 1 LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 2 TFR: : quali scelte per il lavoratore Dal 1 gennaio 2007,, se già assunto, o dalla data di assunzione, il lavoratore ha 6 mesi di tempo per: 1. Scegliere

Dettagli

Il punto di pratica professionale

Il punto di pratica professionale Il punto di pratica professionale La gestione fiscale della deducibilità dei contributi versati alla previdenza complementare da parte dei lavoratori di prima occupazione al 1 gennaio 2007: la risoluzione

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2008.1.2 (Update) Data di rilascio: 04.07.2008

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2008.1.2 (Update) Data di rilascio: 04.07.2008 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. SPEDIZIONE Applicativo: GECOM PAGHE Oggetto:

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005

REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005 REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005 Il reintegro dell anticipazione è contemplato tra gli istituti tipici che caratterizzano la partecipazione alla previdenza integrativa fin dalla

Dettagli

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato;

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato; MAP L'esonero contributivo triennale per l'assunzione A cura di Luca Furfaro Consulente del lavoro in Torino Analizzeremo l esonero contributivo triennale per le assunzioni a tempo indeterminato, effettuate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO...3 GESTIONE DEL PERSONALE Revisione 01.33.22 UPD. 05.2015...4 Lavori da fare OBBLIGATORIAMENTE...4 TFR Quota integrativa della retribuzione (Qu.I.R.)...6

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 15 Gennaio 2007 Circolare n. 14 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INFORMATIVA N. 187 13 MAGGIO 2015 Previdenziale FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INPS, Circolare n. 90 del 6 maggio 2015 Con Decreto interministeriale n. 83486 del

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA In relazione a quanto stabilito dalle intese fra le Parti in materia di bilateralità e contrattualizzazione del diritto dei lavoratori alle relative prestazioni, tutte

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015

CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015. Parma, 22 gennaio 2015 OGGETTO: Legge di stabilità Parte III CIRCOLARE DI STUDIO 5/2015 Parma, 22 gennaio 2015 Si fornisce di seguito una breve scheda di sintesi delle principali novità introdotte per il 2015 dalla L n. 190

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

Guida Operativa. Implementazioni nuova Release Procedura. PAGHE Rel. 4.0.5.2. Data rilascio: OTTOBRE 2010

Guida Operativa. Implementazioni nuova Release Procedura. PAGHE Rel. 4.0.5.2. Data rilascio: OTTOBRE 2010 Guida Operativa Implementazioni nuova Release Procedura PAGHE Rel. 4.0.5.2 Data rilascio: OTTOBRE 2010 Lo scopo che si prefigge questa guida è quello di documentare le implementazioni introdotte nella

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

Creazione Domanda di Decontribuzione 2014

Creazione Domanda di Decontribuzione 2014 Creazione Domanda di Decontribuzione 2014 1 SOMMARIO Premessa... 3 Decontribuzione Creazione dettaglio retribuzioni AGG AC002 2015 182 1... 5 Visualizza elenco dipendenti e dettaglio retribuzioni AGG AC002

Dettagli

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Enzo De Fusco Consulente del Lavoro e Membro della Fondazione studi dell'ordine Nazionale

Dettagli

GESTIONE TFR / FONDI PENSIONE

GESTIONE TFR / FONDI PENSIONE M:\Manuali\Circolari_mese\2007\04\FPC_042007.doc GESTIONE TFR / FONDI PENSIONE A partire dall anno 2007 le aziende del settore privato che hanno alle loro dipendenze almeno 50 dipendenti sono tenute al

Dettagli

Roma, 21-10-2011. Messaggio n. 20065

Roma, 21-10-2011. Messaggio n. 20065 Roma, 21-10-2011 Messaggio n. 20065 Allegati n.1 OGGETTO: Incentivo per l assunzione a tempo indeterminato dei soggetti iscritti nella Banca dati per l occupazione dei giovani genitori - circolare Inps

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 01 aprile 2016

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 01 aprile 2016 CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 aprile 2016 OGGETTO: Problematiche relative alla tassazione di capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di contratti di assicurazione vita

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI PRESENTAZIONE SOMMARIO GLI AUTORI Capitolo 1 - IL TFR DEFINIZIONE DI TFR Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto BENEFICIARI ANTICIPAZIONI 1. Limiti numerici al numero dei richiedenti 2. Limitazioni

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013 Informativa n. 13 del 12 marzo 2013 Modelli 730/2013 - Ricezione in via telematica dall Agenzia delle Entrate del risultato contabile per l effettuazione dei conguagli (modelli 730-4) - Comunicazione all

Dettagli

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR)

La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) La tassazione del Trattamento di fine rapporto (TFR) Indice 1. Introduzione 1 2. Datore di lavoro: calcolo dell imposta, dati del 770 ed esempi 2 3. Agenzia delle entrate: calcolo dell imposta, dati del

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5034 IntegrazionePensionisticaAurora Documento sul regime

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Contributive. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni. Presidio Unificato Previdenza Agricola

Direzione Centrale Entrate Contributive. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni. Presidio Unificato Previdenza Agricola Direzione Centrale Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Agosto 2008 Circolare n. 82 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

AGGIORNAMENTO D 03/09/2015

AGGIORNAMENTO D 03/09/2015 AGGIORNAMENTO D 03/09/2015 SOMMARIO 1. AGGIORNAMENTI TABELLE 2 1.1. VARIAZIONI CONTRATTUALI MESE DI AGOSTO... 2 1.2. MODIFICHE SULLE TABELLE... 2 1.2.1 GIUSTIFICATIVO CALENDARIO... 2 1.2.2 VOCI CEDOLINO...

Dettagli

Passaggi di fine anno

Passaggi di fine anno Passaggi di fine anno Installazione versione 2013.0.0 ed eseguire la CONVERS Aggiornamento indice ISTAT Dicembre 2012 definitivo Controllare opzioni in TB1203 (annullamento licenziati, numerazione inail

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

SIPAG SRL Via Lemignano 2, Lemignano di Collecchio 43044 (PR) Call Center: 0521 543838 - Fax 0521 543822 Piattaforma ASP

SIPAG SRL Via Lemignano 2, Lemignano di Collecchio 43044 (PR) Call Center: 0521 543838 - Fax 0521 543822 Piattaforma ASP Descrizione aggiornamento temporaneo del 11.02.2013 Sommario Esecuzione comando preliminare... 2 Modello CUD 2013... 2 Novità CUD 2013... 2 Sezioni previste sul modello CUD 2013 ed eventuali particolarità...

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli