Azione di Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azione di Formazione"

Transcript

1 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ KOM4T me: Knowledge Management 4 infotelematic in Mobility Environment Azione di Formazione Esperto in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare MAGGIO 2012 LUGLIO 2013 Avviso per la Selezione di Personale Esterno Figura Professionale Ricercatore industriale esperto in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare

2 INDICE 1. Premessa 2. Finalità dell intervento 3. Articolazione dell intervento 4. Tipologia della selezione 5. Requisiti di ammissione 6. Modalità e termini per la presentazione della domanda di ammissione 7. Modalità di selezione 8. Tutela della Privacy 9. Informazioni generali

3 1. Premessa La società Infomobility.it S.p.A., in partenariato con la Magneti Marelli S.p.A., Infoblu S.p.A., Kanso S.r.l. e Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica (DEIS) - Università della Calabria, organizza, nell ambito del progetto di ricerca PON01_02149 KOM4T me: Knowledge Management 4 infotelematic in Mobility Environment finanziato dal MIUR, un corso di formazione per Esperto in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare, finalizzato alla creazione della seguente figura professionale: Ricercatore industriale esperto in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare. Obiettivo del corso è la formazione di figure professionali esperti in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare. L obiettivo è raggiunto attraverso la fruizione, da parte degli interessati, di una serie di moduli formativi che nelle loro prime fasi si occupano di livellare le competenze del gruppo e man mano evolve nei contenuti verso aspetti estremamente specialistici delle discipline previste. Il piano di formazione prevede l utilizzo di strumenti metodologici innovativi ed il coinvolgimento di un corpo docente estremamente qualificato, tale da assicurare il trasferimento di un know-how aggiornato e in linea con gli sviluppi attuali delle tecnologie e del sapere legato all informatica ed alla telecomunicazione. 2. Finalità dell intervento Il presente Avviso ha lo scopo di reperire personale esterno di vario genere per il Percorso Esperto in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare. 3. Articolazione dell intervento Il Corso di Formazione prevede lezioni frontali, attività di laboratorio ed esercitazioni. Inoltre, è previsto un periodo di Training on the Job presso aziende che svolgono una significativa attività di ricerca nel settore ICT o centri di ricerca dei partner del progetto. Gli allievi, durante questo periodo metteranno in pratica quanto appreso in aula attraverso la realizzazione di un progetto didattico che sarà oggetto di valutazione finale. Il piano di studio prevede l erogazione di complessive 1380 ore di attività formativa articolate in tre moduli: Modulo A ore di attività didattica, approfondimento conoscenze specialistiche di cui 300 ore di formazione di base e 450 ore di formazione specifica; Modulo B 800 ore di Training on the Job - Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale; Modulo C 150 ore di lezioni ed esercitazione dedicate all apprendimento di conoscenze in materia di programmazione, gestione strategica, valutazione e organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale. Di seguito vengono riportate le competenze che verranno acquisite alla fine del percorso formativo. Nell ambito del Modulo A, gli allievi acquisiranno conoscenze e competenze nei seguenti settori: Modulo A Approfondimento conoscenze specialistiche in aula. II Modulo A si articola nei seguenti sottomoduli-moduli: A1 e A2

4 Il Modulo A1, che prevede l erogazione di alcuni sottomoduli ritenuti necessari per creare una base di conoscenza comune che favorisca la comprensione delle tematiche specialistiche trattate nel Modulo A2, sarà così strutturato: Modulo A1.1 Inglese tecnico (50 ore di cui 35 lezione frontale e 15 di esercitazioni): Il modulo è dedicato in particolar modo al potenziamento delle conoscenze della lingua inglese con particolare attenzione ai termini propri dell informatica, delle telecomunicazioni dell organizzazione aziendale e del project management. I Contenuti sono: Lettura di testi tecnici, articoli scientifici; Scrittura, Listening, Terminologia specialistica. Modulo A1.2 Fondamenti di Telecomunicazioni (50 ore di cui 35 di lezione frontale e 15 di Laboratorio): Il modulo si propone di illustrare i principi base per l analisi dei segnali, sia deterministici che stocastici, e dei sistemi di comunicazione, sia continui che discreti. Verranno inoltre descritte le fasi che caratterizzano il trasferimento dell informazione da una sorgente ad una destinazione in un sistema di comunicazioni numeriche. I contenuti sono: Rappresentazione dei segnali nel dominio della frequenza. Trasformata di Fourier: teoremi e proprietà. Tipologie di Sistemi. Filtri. Banda di un segnale e di un sistema. Sistemi non lineari. Generalità su processi stocastici e loro proprietà. I sistemi di trasmissione PCM. Occupazione di banda dei sistemi di trasmissione in banda base. Probabilità di errore dei sistemi numerici in banda base. Diagramma ad occhio. Modulazioni Binarie; Modulazioni multilivello, altre modulazioni in uso nei sistemi di telecomunicazioni wireless. Modulo A1.3 Architettura e protocolli per Internet (50 ore di cui 35 ore di lezione frontale e 15 ore di Laboratorio). Il modulo si propone di illustrare i principi su cui si basa il funzionamento della rete Internet e di analizzare le caratteristiche e le funzionalità dei suoi protocolli basati sull architettura TCP/IP. I contenuti sono: La rete Internet e i suoi protocolli. l architettura della rete Internet: host e router; Organizzazione della rete Internet, l architettura protocollare di Internet; Indirizzi IP e instradamento; i principali protocolli di livello applicativo; Il sistema DNS (domain name system): l assegnazione e la traduzione dei nomi a dominio; L indirizzamento IPv4, assegnazione degli indirizzi IP; l indirizzamento classful; L indirizzamento classless. Il protocollo IPv4, il routing IPv4, il concetto di Sistema Autonomo in Internet; lo strato di trasporto: TCP e UDP. le funzioni del livello di trasporto; Controllo di congestione, evoluzione del TCP. Modulo A1.4 Reti di Telecomunicazioni Wireless (50 ore di cui 35 Lezione frontale e 15 di Laboratorio): Il modulo intende fornire i principi, i modelli e le architetture di riferimento delle moderne reti telematiche con particolare riferimento all organizzazione e funzionamento di reti wireless, ad hoc e pervasive. La attività di laboratorio consentiranno di sperimentare quanto appreso a lezione mediante la realizzazione di semplici progetti e dimostratori software. I contenuti: Architettura di riferimento ed organizzazione generale di reti telematiche wireless; Infrastrutture e funzionamento di reti telematiche wireless, ad hoc e mesh; architetture ed organizzazione di reti di sensori e loro applicazioni; Reti wireless in area locale (WLAN); MANET (Mobile Ad-hoc NETworks); Reti Mesh; Personal Area Network (PAN). Modulo A1.5 Informatica di base e linguaggi di programmazione (100 ore di cui 50 ore di lezione frontale e 50 ore di Laboratorio); Il corso intende approfondire i concetti di base e alcune nozioni fondamentali nell'ambito dell informatica e dei linguaggi di programmazione: dalle più elementari, come

5 quella di variabile, o di parametro, a concetti più complessi come quello di polimorfismo o di sottotipo, che assumono forme diverse nei diversi paradigmi di programmazione. Nella seconda parte del corso vengono considerati e messi a confronto il paradigma imperativo, funzionale e dichiarativo, facendo riferimento rispettivamente a Java, ML e Prolog. Mentre si assumono esperienza nella programmazione imperativa (ad esempio in "C") e rudimenti di Java, non è richiesta alcuna conoscenza preliminare di programmazione funzionale e dichiarativa. L ultima parte del corso pone attenzione sulle problematiche relative alla progettazione di database. I contenuti sono: - Panoramica storica dell'evoluzione dei linguaggi di programmazione; caratteristiche comuni e classificazione dei linguaggi di programmazione. - Il problema della verifica automatica della correttezza di programmi; richiami ai modelli di calcolo astratti; indecidibilità algoritmica. - Descrizione formale della sintassi e della semantica di un linguaggio di programmazione. Generatori automatici di analizzatori lessicali e sintattici (Flex e Bison). - Tipi: Definizione, rappresentazione interna, operazioni, compatibilità. Tipi elementari, tipi strutturati e user defined. Sottotipi, tipi astratti, generici e parametrici. Polimorfismo. - Gestione della memoria: campo di visibilità delle variabili (variabili statiche, automatiche, dinamiche). Passaggio dei parametri. - Meccanismi per la strutturazione dei programmi e supporto all'ingegneria del software; information hiding, object orientation, encapsulation, inheritance e polimorfismo; programmazione generica; librerie, riutilizzo e portabilità del software. - Concorrenza a livello di sistema operativo e costrutti per la programmazione concorrente; la concorrenza in Java e nei linguaggi imperativi. - Eccezioni: definizione, generazione e gestione. Programmazione ad eventi. - Paradigma funzionale: ricorsione vs iterazione, ricorsione in coda; introduzione a Scheme. - Paradigma dichiarativo: la programmazione logica e l'interprete PROLOG; programmazione logica a vincoli. - Introduzione ai sistemi di gestione di basi di dati - Modelli di dati per basi di dati - Modello relazionale - Normalizzazione di schemi relazionali - Il linguaggio SQL - Realizzazione di DBMS Modulo A2.1 Analisi e modelli di reti wireless (60 ore di cui 40 ore di lezione frontale e 20 ore di Laboratorio). Il corso presenta i modelli di mobilità per dispositivi/utenti mobili e fornisce i dettagli delle le principali tecnologie wireless utilizzate per la connettività tra PC, PDA e Smart Phones. In particolare, sono descritti i principali strumenti per la gestione della connettività e dello sviluppo di applicazioni in ambiente wireless. Gli argomenti trattati nelle lezioni vengono approfonditi e sperimentati in attività di laboratorio. I contenuti sono:

6 Classificazione della mobilità nelle reti di dispositivi mobili: Random, Predictable, Controlled Mobilità Random: modelli sintetici e modelli realistici Modelli sintetici: Random Walk, Random Waypoint, Gauss-Markov, Nomadic Community, Pursue, Reference Point Group Mobility. Modelli Realistici: City Area, Area Zone, Street Unit Model Mobilità Predictable: Data Mules e Message Ferrying Mobilità Controlled: Adattativa o Programmata Studio delle interazioni tra la mobilità dei dispositivi e lo stack protocollare ISO-OSI Handover Orizzontale e Verticale Studio della mobilità controlled in reti di sensori e attuatori Modelli di mobilità programmata: studio della gestione della mobilità di gruppo Modelli di mobilità adattativi: analisi di schemi distribuiti di gestione di task, e di coordinamento reattivo agli eventi. Analisi e simulazione della mobilità nelle reti di computer (laptop, handheld, pda, smartphone) NS2 e Java Valutazione effetti handover verticali tra diverse tecnologie (WiFi WiMAX UMTS) Valutazione performance algoritmi di resource management Studio ed utilizzo dei package comuni per il networking Modulo A2.2 Strumenti software per l integrazione tra il Web e i dispositivi di rete pervasivi (70 ore di cui 40 ore di lezione frontale e 30 ore di Laboratorio); Il corso fornisce le tecnologie per la gestione, la creazione e il monitoring di reti pervasive e l integrazione di esse con la rete Internet. Inoltre verranno trattate le tecnologie specifiche per l implementazione di reti pervasive (Wi-Fi, reti mesh, RFID e reti di sensori). Le attività di laboratorio sono finalizzate alla messa in pratica dei concetti esposti nel corso delle lezioni. I contenuti sono: Descrizione e funzionamento di dispositivi RF-ID Descrizione e funzionamento di sensori ambientali, di movimento. Realizzazione di una rete RF-ID Sensori per il tracking di oggetti Realizzazione di una rete di sensori per il monitoraggio di parametri ambientali Realizzazione di una rete di sensori per la determinazione del movimento di oggetti Analisi e simulazione della mobilità nelle reti di computer (laptop, handheld, pda, smartphone) NS2, Java Middleware di supporto e integrazione: CORBA e minimum CORBA Gestione di public access hotspots Software per l installazione e la configurazione di wireless mesh routers Deployment di reti mesh Modulo A2.3 Programmazione di dispositivi mobili e tecniche di localizzazione (70 ore di cui 40 ore di lezione frontale e 30 ore di Laboratorio). Il corso fornisce le basi sui linguaggi più comuni di programmazione dei dispositivi mobili e sulle tecniche per effettuare la localizzazione degli stessi in ambienti indoor e outdoor con differenti gradi di accuratezza e precisione in funzione delle applicazioni che si vogliono supportare. I contenuti sono:

7 Programmazione di pda e smartphone per il resource management Symbian, Windows Mobile Programmazione di sensori e attuatori per il mobility&task management TinyOS, Motes Studio di tecniche di localizzazione outdoor di terminali mobili e fissi basate su: - reti cellulari - sistemi GPS - AGPS - DGPS Studio di tecniche di localizzazione indoor di terminali mobili e fissi basate su: - reti WLAN - reti bluetooth, sensori e tag RF-ID - tag visuali - dispositivi UWB (Ultra-Wide-Band) Valutazione delle prestazioni in termini di accuratezza e precisione tramite tool simulativi e piattaforme di testbed integrate. Modulo A2.4 Introduzione ai Sistemi embedded (100 ore di cui 60 ore di lezione frontale e 40 ore di Laboratorio); Obbiettivo del corso e' studiare i diversi aspetti dei sistemi mobili e wireless, dalla prospettiva delle reti, da quella dei dispositivi e da quella dei servizi. Nel corso, si studiano le tecnologie, i diversi tipi di servizi mobili e wireless offerti in modo crescente all'utenza, le diverse categorie di dispositivi mobili e le problematiche ad essi correlate (ad esempio, efficienza, sicurezza, privacy, consumo energetico, limitazioni hardware e software,...). Si illustrano poi anche con esercizi pratici le tecniche di programmazione client-side e server-side utilizzate per implementare servizi all'utente su dispositivi mobili. I contenuti sono: - Aspects of mobility: user mobility, device mobility. Wireless vs. mobile. Mobile and Wireless scenarios: vehicles, emergency services, mobile office, traveling salesman, replacement of fixed networks, location dependent services. - Effects of device portability. Wireless networks history. Wireless subscribers statistics. Mobile vs. desktop application design. Overview of the different types of Mobile Devices: Form factor, CPU, Dysplay, Memory, Battery - Available mobile development platforms (JAVA Platform vs.net Framework). The.NET Framework and the Compact version for the development of mobile device applications. Native C++ code vs Managed C# code. VisualStudio 2005 IDE walkthrough. - Configuring Pocket PC Emulators. Creating forms and standard controls for mobile device applications. Drawing advanced UI. Developing Custom Controls and Custom Events. - Testing and debugging a mobile device application. Using DataSets and XML databases on mobile applications. Introduction to Web Services. Introduction to SQL Server CE. - Overview of synchronization techniques of mobile clients with servers. Managing local data with a SQL Server CE database. Retrieving and storing data from/in a remote database via Web Services. Developing GPS-based mobile applications. Accessing different devices via serial ports Modulo A2.5 Knowledge Management Systems (150 ore di cui 90 ore di lezione frontale e 60 ore di Laboratorio). Il ciclo della conoscenza non può fermarsi alla

8 trasmissione di dati e informazioni perché il loro rapporto è gerarchico e può essere schematizzato con la forma di una piramide. Alla base ci sono i dati, materiale grezzo e abbondante dell informazione. Su un gradino più alto c è l informazione, cioè dati selezionati e organizzati per essere comunicati. Poi la conoscenza, cioè informazione rielaborata e applicata alla pratica. Al vertice troviamo la saggezza, conoscenza distillata dall intuizione e dall esperienza. Le attività di knowledge management si focalizzano su come poter mettere a servizio di tutta l azienda le conoscenze professionali specifiche di ogni membro. Questa logica spinge il knowledge management a diventare un sorta di filosofia della collaborazione e della condivisione negli ambienti di lavoro ovvero tende ad instaurare un ciclo che può portare alla produzione di nuova conoscenza solo tramite la condivisione e l'elaborazione di informazioni. Scopo di questo modulo è esaminare i principi che stanno alla base della disciplina KM finalizzando le attività alla messa in opera di un sistema di KM completo. I contenuti sono: Introduction to Knowledge and Knowledge Management Concepts 1. Knowledge in Organizations 2. Knowledge Processes Knowledge Modeling 1. Ontologies 2. Structures, Concepts, and Relationships 3. Organization Modeling 4. Communication and Dynamics Modeling 5. Knowledge Transfer 6. Total Knowledge Management Introduction to Information Retrieval 1. Information versus Data Retrieval 2. The User Task 3. Logical View of Documents 4. Information Retrieval in Digital Libraries and the Web Information Retrieval Models 1. Taxonomy of IR Models 2. Classical IR: Boolean, Vector, Probabilistic 3. Alternative Models: Bayesian Networks, Neural Networks 4. Structured Text Retrieval Models 5. Models for Browsing Retrieval Evaluation 1. Retrieval Performance Evaluation 2. Reference Collections Query Languages and Operations

9 1. Keyword Based Querying 2. Structural Queries 3. Query Expansion 4. Automatic Local and Global Analysis Document Processing Modulo C1 Pianificazione, Gestione e processi valorizzazione dei risultati della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico. (50 ore di lezione frontale). Il modulo intende trasferire ai partecipanti le conoscenze necessarie per la pianificazione gestione e valorizzazione economica dei risultati della ricerca. Illustrare i principali processi di trasferimento tecnologico, sia per ciò che concerne gli aspetti giuridici, sia per quanto concerni gli aspetti relativi al technology management. Risorse comunitarie per la R&S, i Fondi Strutturali, il Programma Quadro Ricerca e Sviluppo, il quadro Strategico Nazionale e il PON Ricerca e Competitività. I contenuti sono: Aspetti giuridici inerenti il mercato delle Telecomunicazioni e dell ICT, Risorse comunitarie per la R&S, i Fondi Strutturali, il Programma Quadro Ricerca e Sviluppo, il quadro Strategico Nazionale e il PON Ricerca e Competitività; Pianificazione e gestione dei progetti di Ricerca industriale e sviluppo pre-competitivo Processi di Valorizzazione economica. Modulo C2 Project Management. (50 ore di cui 30 di lezione frontale e 20 di Laboratorio). Il modulo Project Management ha l obiettivo di trasferire ai partecipanti metodologie e tecniche per gestire le attività di realizzazione di un progetto di ricerca industriale e sviluppare metodi per condividere, comunicare e documentare le attività di realizzazione del progetto. I contenuti sono: I principi del Project Management, il progetto di ricerca e i processi di Gestione, il processo di pianificazione e il piano di progetto, il Work Breakdown Structure, il Sistema di reporting del progetto l avanzamento del progetto, la comunicazione di progetto, la chiusura del progetto, la gestione del multi progetto, il software di gestione. Modulo C3 Business Plan. (50 ore di cui 30 ore di lezione frontale e 20 ore di laboratorio). Il modulo Business Plan avrà l obiettivo di trasferire ai partecipanti metodologie e tecniche per gestire le attività di realizzazione di un progetto di ricerca industriale e sviluppare metodi per condividere, comunicare e documentare le attività di realizzazione del progetto. 4. Tipologia della selezione Infomobility.it S.p.A. indice una selezione per il conferimento dei seguenti incarichi: n. 1 Tutor d Aula; n. 1 Docente per il Modulo Inglese tecnico ; n. 1 Docente per il Modulo Fondamenti di Telecomunicazioni ; n. 1 Docente per il Modulo Architettura e protocolli per Internet ; n. 1 Docente per il Modulo Reti di Telecomunicazioni Wireless ; n. 1 Docente per il Modulo Informatica di base e linguaggi di programmazione ; n. 1 Docente per il Modulo Analisi e modelli di reti wireless ; n. 1 Docente per il Modulo Strumenti software per l integrazione tra il Web e i dispositivi di rete pervasivi ;

10 n. 1 Docente per il Modulo Programmazione di dispositivi mobili e tecniche di localizzazione ; n. 1 Docente per il Modulo Introduzione ai Sistemi embedded ; n. 1 Docente per il Modulo Knowledge Management Systems ; n. 1 Docente per il Modulo Pianificazione, Gestione e processi valorizzazione dei risultati della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico ; n. 1 Docente per il Modulo Project Management ; n. 1 Docente per il Modulo Business Plan. Tutti gli incarichi verranno conferiti con contratto di Collaborazione Coordinata e Continuativa o con contratto di prestazione professionale qualora i soggetti risultino titolari di partita IVA. Di seguito si riportano le responsabilità, i compiti, le metodologie di lavoro e l impegno orario per ogni incarico indicato precedentemente: Tutor d Aula: Responsabilità: il tutor è impegnato in di supporto alla formazione e/o gestione d aula. Compiti: Il Tutor supervisiona ed organizza, fin dalle prime fasi, le attività di aula e di supporto alla formazione. Tale figura si inserisce nei processi di formazione per guidarli e gestirli, garantendo una presenza stabile, un punto di riferimento costante per i partecipanti a un percorso di formazione, siano essi adulti o studenti, con la funzione di facilitatore e mentore dei processi di apprendimento. La funzione del tutor d'aula si definisce all'interno di una relazione di aiuto e permette una consapevolezza maggiore della problematica presa in considerazione consentendo così una scelta più accurata delle successive attività da intraprendere. È un aspetto decisivo nella pratica professionale formativa e risulta centrale nei processi di autopercezione, di autodeterminazione e autocontrollo. Il tutor d'aula collabora con il responsabile del corso ed i docenti. Tale collaborazione assicura una visione d'insieme dell'intero processo, pur avendo ogni esperto il compito di gestire singole aree tematiche. Egli si occupa di preparare l'accoglienza dei docenti, la rilevazione delle esigenze espresse dai corsisti di cui può farsi portavoce presso la docenza e l'intero staff formativo, Si occupa anche della preparazione del monitoraggio e della valutazione delle attività dell'apprendimento, del gradimento e dell'interesse. Si occupa dell'organizzazione della spazio fisico dell'aula al fine di favorire un'interazione efficace ed efficiente tra i partecipanti al corso. Controlla i registri di aula e provvede alla loro trasmissione mensile all amministrazione di Infomobility.it. Metodologie di Lavoro: Il Tutor svolge la propria attività principalmente presso la sede del corso in Cosenza alla Via Consalvo D Aragona. Ore di Attività: 720 ore. Docenti: Responsabilità: I Docenti sono incaricati dello svolgimento pratico delle azioni formative d aula per le quali elaborano contenuti e modalità (lezioni, esercitazioni, ecc.) nel rispetto del Programma Didattico stabilito da

11 Progetto. Compiti: I Docenti devono verificare gli obiettivi stabiliti in fase di progettazione, articolare le fasi ed i tempi di apprendimento, approfondire la conoscenza dei Destinatari, contribuire a scegliere le varie metodologie didattiche previste dal Progetto Formativo e partecipare all Elaborazione delle Valutazioni. Metodologie di Lavoro: Lezioni frontali ed esercitazioni in aula con supporto di dispense modulari e monografiche, lucidi e videoproiezioni. Ore di Attività: 900 ore. 5. Requisiti di ammissione Per l ammissione alla selezione di cui al precedente articolo è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: Tutor: Competenze: Il tutor d'aula deve possedere competenze relative ai processi di apprendimento, di valutazione, di gestione e di dinamiche dei gruppi. Al tutor è richiesta, inoltre, una preparazione culturale ampia e una preparazione specialistica relativa all'ambito formativo in cui opera. Deve infine possedere conoscenze approfondite delle tecniche di gestione d'aula e degli strumenti didattici principali: lezione frontale, lavoro di gruppo., simulazione, approcci cooperativi. Tipo di esperienza: Esperienza maturata come Dipendente o Libero Professionista o nelle altre forme contrattuali previste dalla Legge come Tutor di Percorsi Formativi. Anni di esperienza: 3 anni. Docenti: Competenze: I Candidati Docenti dovranno essere specializzati in una o più discipline di insegnamento oggetto dell intervento formativo. Dovranno, altresì, possedere capacità di gestione dei rapporti interpersonali e dei meccanismi di conduzione dei gruppi d aula. Dovranno saper creare ambienti favorevoli all apprendimento; per questo dovranno conoscere le tecniche di insegnamento e di comunicazione. Dette figure dovranno avere competenze nei principali metodi di valutazione delle conoscenze, dovranno essere in grado di motivare i Destinatari trasmettendo la voglio di apprendere. Infine, dovranno saper utilizzare gli strumenti multimediali ed avere dimestichezza con le risorse web. Tipo di esperienza: Esperienza maturata come Docente, Esperto di Settore o Professionista nelle discipline argomento dell intervento formativo. Specializzazione: Fascia A, B, C. La durata degli incarichi e le caratteristiche specifiche delle Docenze sono indicate nella tabella seguente: Modulo Inglese tecnico (50 ore di cui 35 lezione frontale e 15 di esercitazioni Laurea magistrale con esperienza almeno triennale oppure.

12 Modulo Fondamenti di Telecomunicazioni (50 ore di cui 35 di lezione frontale e 15 di Laboratorio Modulo Architettura e protocolli per Internet Laurea magistrale con esperienza almeno triennale oppure (50 ore di cui 35 ore di lezione frontale e 15 ore di Laboratorio Modulo Reti di Telecomunicazioni Wireless Laurea magistrale con esperienza almeno triennale oppure (50 ore di cui 35 Lezione frontale e 15 di Laboratorio) Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure Modulo Informatica di base e linguaggi di programmazione (100 ore di cui 50 ore di lezione frontale e 50 ore di Laboratorio) Modulo Analisi e modelli di reti wireless Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure (60 ore di cui 40 ore di lezione frontale e 20 ore di Laboratorio) Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure Modulo Strumenti software per l integrazione tra il Web e i dispositivi di rete pervasivi (70 ore di cui 40 ore di lezione frontale e 30 ore di Laboratorio) Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure Modulo Programmazione di dispositivi mobili e tecniche di localizzazione

13 (70 ore di cui 40 ore di lezione frontale e 30 ore di Laboratorio). Modulo Introduzione ai Sistemi embedded Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure (100 ore di cui 60 ore di lezione frontale e 40 ore di Laboratorio) Modulo Knowledge Management Systems Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure (150 ore di cui 90 ore di lezione frontale e 60 ore di Laboratorio) Modulo Project Management Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure (50 ore di cui 30 di lezione frontale e 20 di Laboratorio). Modulo Business Plan Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure (50 ore di cui 30 ore di lezione frontale e 20 ore di laboratorio). Laurea magistrale con esperienza di almeno 3 anni oppure Modulo Pianificazione, Gestione e processi valorizzazione dei risultati della Ricerca e del Trasferimento Tecnologico (50 ore di lezione frontale). Madrelingua Inglese con Diploma di scuola media superiore e/o titolo equivalente oppure Laurea magistrale con esperienza almeno triennale in Lingua Inglese. I compensi orari rispetteranno i massimali di costo definiti da Progetto e relativi alla Fasce A, B ovvero C, come

14 stabilito dalle Linee Guida per le modalità di rendicontazione e per la determinazione delle spese ammissibili di progetti a valere sull Avviso n. 01/Ric del 18 gennaio I requisiti prescritti devono essere posseduti dai Candidati alla data di pubblicazione del presente Bando di Selezione. 6. Modalità e termini per la presentazione della domanda di ammissione La presentazione della domanda di ammissione alla selezione del personale esterno può essere effettuata compilando l apposito modello Domanda di Ammissione alla Selezione del Personale Esterno per il Corso di Esperto in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare allegato al presente avviso o reperibile presso: la sede Formativa della Infomobility.it Spa alla Via Consalvo Aragona, Cosenza; sito internet di Infomobility.it Spa: In allegato al modello Domanda di Ammissione alla Selezione del Personale Esterno per il Corso di Esperto in sistemi di gestione della conoscenza applicati al contesto dell infotainment in ambito veicolare i Candidati dell intervento devono altresì presentare il Curriculum Vitae in formato europeo firmato ovvero altro equivalente. I Candidati devono inviare tutta la documentazione richiesta tramite consegna a mano presso la direzione del Corso di Formazione che è sita presso Infomobility.it S.p.A. alla Via Contrada Corso Zona Industriale del Fullone, San Marco Argentano (CS) ovvero a mezzo mail al seguente indirizzo: Le domande di ammissione alla selezione del personale dovranno pervenire presso Infomobility.it Spa entro il 15/05/2012. Eventuali proroghe della scadenza di presentazione delle domande verranno comunicate attraverso la pubblicazione di apposito avviso su: Sito internet Infomobility.it Spa: 7. Modalità di selezione L attività di selezione dei Candidati mira a sondare il possesso da parte degli stessi dei requisiti indicati all art. 5 del presente Bando. La verifica del possesso dei requisiti, si realizza attraverso: verifica formale della documentazione presentata dal Candidato. Colloquio, anche telefonico, teso alla verifica della disponibilità sulla base del calendario formativo. Dopo la prima analisi dei CV, nel caso di mancato possesso dei requisiti, al Candidato viene notificata la mancata accettazione della sua candidatura e le ragioni che l hanno determinata. Al termine di questa fase verrà stilata la graduatoria con i nominativi del personale esterno affidatario degli incarichi che verrà comunicata attraverso la pubblicazione su: Sito internet Infomobility.it Spa: 8. Tutela della Privacy Tutti i dati personali di cui infomobility.it Spa venga in possesso in occasione dell espletamento del presente procedimento verranno trattati nel rispetto del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196). 9. Informazioni generali Per quanto non espressamente previsto nel presente Bando di Selezione si rimanda alle disposizioni stabilite dalle Linee

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nazionalità Italiana Data di nascita Giugno 1973 Qualifica CONSULENTE DI BUSINESS INTELLIGENCE ESPERIENZE LAVORATIVE

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli