Sviluppo di Applicazioni per ios

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo di Applicazioni per ios"

Transcript

1 Lezione 9 Sviluppo di Applicazioni per ios La persistenza dei dati su ios SQLite, CoreData Text View

2 Oggi parleremo di...

3 Oggi parleremo di... SQLite

4 Oggi parleremo di... SQLite Core Data

5 Oggi parleremo di... SQLite Core Data Web services

6 Oggi parleremo di... SQLite Core Data Web services Text View

7 Oggi parleremo di... SQLite Core Data Web services Text View Modal View Controller

8 Archives

9 Archives Pro Può includere gli oggetti di qualsiasi tipo Conformi al protocollo <NSCoding> Può includere le gerarchie complesse di oggetti Lo usa IB per archiviare gli oggetti della GUI, ad es.

10 Archives Preparare un oggetto per l archiviazione Encode - (void)encodewithcoder:(nscoder *)coder { [super encodewithcoder:coder]; [coder encodeobject:name Name ]; [coder encodeobject:picture Picture ]; [coder encodeobject:url URL ]; } Decode - (id)initwithcoder:(nscoder *)coder { self = [super initwithcoder:coder]; name = [[coder Name ] copy]; picture = [[coder Picture ] copy]; url = [[coder URL ] copy]; }

11 Archiviare e dearchiviare Se abbiamo una gerarchia di oggetti Archiviare NSArray *flowers =...; NSString *path =...; BOOL result = [NSKeyedArchiver archiverootobject:flowers tofile:path]; Dearchiviare NSArray *flowers = nil; NSString *path =...; flowers = [NSKeyedUnarchiver unarchiveobjectwithfile:path];

12 SQLite

13 Database relazionale Qual è il modello giusto?

14 Pro Perche usare SQLIte? Semplice da amministrare Semplice da usare Può essere inserito dentro un programma più grande Semplice da mantenere e personalizzare

15 Contro Quando non è la soluzione adatta? Se abbiamo un database molto grande High concurrency (multiple writers) Client-server applications

16 C API Le funzioni di base Inizializzazione di un database sqlite3 *db;... NSString *path = [[NSBundle mainbundle] if (sqlite3_open([path UTF8String], &db) == SQLITE_OK) { database [path lastpathcomponent]); } else { sqlite3_close(db); to open database '%s'",sqlite3_errmsg(db)); }

17 C API Le funzioni di base Apri il database int sqlite3_open(const char *filename, sqlite3 **db); Esegui un SQL statement int sqlite3_exec(sqlite3 *db, const char *sql, int (*callback) (void*,int,char**,char**), void *context, char **error); //dichiarazione della funzione callback int callback(void *context, int count, char **values, char **columns); Chiudi il database int sqlite3_close(sqlite3 *db);

18 Core Data

19 Core Data Come salvare i dati creati sul dispositivo? Possiamo usare SQLite INSERT const char *sql = INSERT into... ; int sqlite3_exec(sqlite3 *db, const char *sql, int (*callback) (void*,int,char**,char**), void *context, char **error); Oppure i metodi encode/decode di archives archiverootobject:flowers tofile:path/unarchiveobjectwithfile:path

20 Core Data Il framework per la persistenza degli oggetti Disegnato con lo scopo specifico di salvare gli oggetti del nostro modello in maniera semplice ed efficiente. API usato per manipolare gli oggetti nel codice. E un object persistence framework che si occupa di salvare/recuperare gli oggetti, fornisce ilsupporto per undo, assicura consistenza delle relazioni fra gli oggetti ecc. Lo strumento grafico per modellare gli oggetti. Per la definizione degli oggetti, dei loro attributi e delle relazioni con degli altri oggetti in applicazione.

21 Core Data La facilità d uso e le perfomance Lo strumento grafico - graphical modeler Come IB per la creazione delle viste Core Data usa SQLite come data store Le operazioni di searching e di sorting risultano molto più veloci rispetto a loro utilizzo con delle plist, flat data files o altro. Conserva la memoria Solo i dati di cui abbiamo bisogno in un dato momento saranno recuperati, ad es., se abbiamo due entità correlate (Parent-Child), Core Data non recupererà le entità dipendenti finche non vengono richieste (faulting)

22 Architettura di Core Data Core Data Stack Data Store File o gruppo di file che contengono i dati. Persistent Store Coordinator Il mediatore tra il Data Store e Managed Object Context Managed Object Model Rappresenta lo schema del modello di dati Managed Object Context E l interfaccia principale per l accesso ai managed data objects, gli oggetti cui persistenza è gestita dal Core Data

23 Architettura di Core Data Core Data Stack Data Store File o gruppo di file che contengono i dati. Managed Object Model Persistent Store Coordinator Persistent Store Il mediatore tra il Data Store e Managed Object Context Entity Managed Object Context Managed Objects Coordinator Managed Object Model Rappresenta lo schema del modello di dati Managed Object Context Data Store E l interfaccia principale per l accesso ai managed data objects, gli oggetti cui persistenza è gestita dal Core Data

24 Data Store File o gruppo di file che contengono i dati. Può avere diversi formati In base ai valori di parametri usati nella creazione, Data Store può essere un file binario, un databse SQLite o un in-memory data file. Non accediamo mai direttamente al data store Useremo l astrazione fornita dal Persistent Store Coordinator. Non ci dobbiamo occupare di com è implementato il data store. SQLite database vs binary file Il primo è preferito (SQLite database). Il formato binario (proprietario) richiede che l intera gerarchia di oggetti viene caricata in memoria, mentre SQLite permette anche load parziali

25 Persistent Store Coordinator Il mediatore tra il Data Store e Managed Object Context Passa la richiesta per i dati fatta dal context al Data Store appropriato Permette di accedere ad uno o più data store come se fossero uno solo. Associa data store a Managed Object Model La classe NSPersistentStoreCoordinator Attenzione, non è thread safe. Quando dobbiamo accedere ai dati simultaneamente dai thread diversi o creiamo delle istanze di PSC per ognuno o utilizziamo il meccanismo di lock/ unlock sull istanza singola.

26 Managed Object Model Rappresenta lo schema del modello di dati E un insieme di entità che definiscono gli oggetti data dell applicazione. Si possono specificare gli attributi dell entità e si possono definire le relazioni tra di loro. Si può pensare come il diagramma Entity-Relationship di un database. Tipicamente si crea utilizzando lo strumento grafico Si può creare il modello anche nel codice (bisogna rispettare le convenzioni per il KVC e KVO) Non si accedecdirettamente dal codice ma se è necessario possiamo utilizzare la classe NSManagedObjectModel

27 Managed Object Context E l interfaccia principale per l accesso agli oggetti cui persistenza è gestita dal Core Data Spesso chiamato solo, il context, è un istanza di NSManagedObjectContext Mantiene tutti i data objects dell applicazione, che sono le istanze o le sottoclassi della classe NSManagedObject E una sandbox per i dati dell applicazione Possiamo aggiungere gli oggetti al contesto, cancellarli o modificarli, tutto succede in memoria. Usa Persistent Store Coordinator per spostare i dati dal data Store sul disco. Interroga il Managed object Model per assciurare l integrità di dati prima.

28 Managed Object Context E per portare i dati dal data store nel context? Facciamo le richiesta fetch contro il contesto per importare i dati dal data store. La richiesta di fetch è simile al SELECT di SQL. Possiamo fornire i predicati per filtrare i dati (WHERE di SQL) Possiamo fornire anche la matrice di sort che funziona come ORDER BY di SQL.

29 Core Data e UITableView Come implementare i metodi datasource richiesti? Il numero di sezioni Il metodo opzionale, se non implementato resituisce 1 - (NSInteger)numberOfSectionsInTableView:(UITableView *)table; Il numero di righe Il metodo richiesto - (NSInteger)tableView:(UITableView *)tableview numberofrowsinsection:(nsinteger)section; Il contenuto Il metodo richiesto - (UITableViewCell *)tableview:(uitableview *)tableview cellforrowatindexpath:(nsindexpath *)indexpath;

30 Core Data e UITableView Il numero di sezioni - (NSInteger)numberOfSectionsInTableView:(UITableView *)table { return [fetchedresultscontroller section] count]; } Il numero di righe - (NSInteger)tableView:(UITableView *)tableview numberofrowsinsection:(nsinteger)section; { id <NSFetchedResultsSectionInfo> sectioninfo = [fetchedresultscontroller sections] objectatindex:section]; return [sectioninfo numberofobjects]; }

31 Core Data e UITableView Il contenuto - (UITableViewCell *)tableview:(uitableview *)tableview cellforrowatindexpath:(nsindexpath *)indexpath { UITableViewCell *cell = [tableview CellIdentifier ]; if (cell == nil) { cell = [[[UITableViewCell alloc] initwithstyle:... CellIdentifier ] autorelease]; } NSManagedObject *managedobject = [fetchedresultscontroller objectatindexpath:indexpath]; cell.textlabel.text = [managedobject name ]; return cell; }

32 Core Data e UITableView Cancellare una riga - (void)tableview:(uitableview *)sender commiteditingstyle:(uitableviewcelleditingstyle)editingstyle forrowatindexpath:(nsindexpath *)indexpath { if(editingstyle == UITableViewCellEditingStyleDeletion) { NSManagedContext *context = [fetchedresultscontroller managedobjectcontext]; [contex deleteobject: [fetchedresultscontroller objectatindexpath:indexpath]]; NSError *error = nil; if(![context save:&error]) Errore non gestito error, [error userinfo]); abort(); } }

33 Core Data e UITableView Inserire una riga - (void) insertnew { NSManagedContext *context = [fetchedresultscontroller managedobjectcontext]; NSEntityDescription *entity = [[fetchedresultscontroller fetchrequest] entity]; NSManagedObject *newmanagedobject = [NSEntityDescription insertnewobjectforentityforname: [entity name] inmanagedobjectcontext:context]; [newmanagedobject name ]; NSError *error = nil; if(![context save:&error]) Errore non gestito error, [error userinfo]); abort(); } }

34 Webservices

35 Web Aplication Il protocollo HTTP (HyperText Transfer Protocol) La maggior parte di contenuti web le pagine statiche e dinamiche, i webservices, le web apps. Un protocollo di comunicazione standardizzato Gira sopra il protocollo TCP/IP che collega i dispositivi Implementa un design request/response. Per comunicare con il server inviamo la richiesta all indirizzo del sito. Usiamo gli URL (Uniform Resource Locator), la rappresentazione testuale dell indirizzo numerico IP del sito web. Se tutto va bene, il server ci invia la risposta coi dati richiesti.

36 Supporto in ios Synchronous Data Retrieval Foundation framework ci fornisce dei metodi helper per un veloce e facile recupero di dati dal web. Basta una riga di codice il metodo di NSString stringwithcontentsofurl:encoding:error e il simile metodo di NSData datawithcontentsofurl:

37 Supporto in ios Synchronous Data Retrieval Saremo tentati di usare questi metodi se non ci fossero delle serie conseguenze negative. Sono delle operazioni sincrone Se eseguite sul main thread, bloccano l applicazione fino la fine della chiamata. Non forniscono i dettagli sugli eventuali errori Gestione degli errori e programmazione difensiva sono importanti quando si lavora coi servizi web e con la rete in generale. Funzionano in una direzione sola Non li possiamo usare per inviare i dati (POST) indietro al sito.

38 Asynchronous Data Retrieval Sistema di URL Loading Insieme di classi di supporto per la comunicazione via URL e HTTP. Usiamo le classi NSURL e NSURLRequest per creare ed inviare la richiesta al server. NSURL Un oggetto che rappresenta l indirizzo di una risorsa che si può trovare nel file sistem locale, oppure in rete locale o in Internet. NSURLRequest Rappresenta tutti i dati necessari per creare una richiesta al web server. Di solito viene inizializzata con un istanza di NSURL. initwithurl:(nsurl *)detailurl

39 Asynchronous Data Retrieval La comunicazione col web server NSURLConnection per creare la connessione e inviare la richiesta In base alla risposta ricevuta verranno chiamati i suoi metodi delegate definiti in NSURLConnectionDelegate. Il web server invia i headers di risposta il framework crea per noi l oggetto NSURLResponse e invoca il metodo delegate connection:didreceiveresponse La risposta contiene informazioni sui dati che riceveremo, ad es. la lunghezza presunta di dati, encoding type ecc.

40 Asynchronous Data Retrieval Arrivano i dati Per accettare i dati provenienti dal server dobbiamo implementare il metodo delegate connection:didreceivedata: Il metodo può essere invocato diverse volte, mentre i dati affluiscono dal server all applicazione quando il server ha termnato di inviare i dati, verrà chiamato il metodo connectiondidfinishloading: A questo putno possiamo rilasciare la connessione con il servere e pensare a processare i dati ricevuti.

41 Asynchronous Data Retrieval La richiesta e inizializzazione della connessione Abbiamo un pulsante che invoca l azione - (IBAction) buttonpressed:(uibutton *) sender { NSURLRequest *request = [NSURLRequest requestwithurl: [NSURL ] cachepolicy:nsurlequestuseprotocolcachepolicy timeoutinterval:30.0]; NSURLConnection *connection = [[NSURLConnection alloc] initwithrequest:request delegate:self]; if (connection) { self.responsedata = [NSMutableData data]; // faremo append } else { Connessione falita ); }

42 Asynchronous Data Retrieval Inviata la richiesta Il metodo delegate che dobbiamo implementare - (NSURLRequest *)connection:(nsurlconnection *)connection willsendrequest:(nsurlrequest *)request redirectresponse:(nsurlresponse *)response { connection:willsendrequest:redirectresponse: ); return request; } Il metodo potrebbe essere invocato diverse volte (redirect multipli)

43 Asynchronous Data Retrieval Autenticazione? E se il server richiede l autenticazione - (void)connection:(nsurlconnection *) connection didreceiveauthenticationchallange:(nsurlauthenticationchallenge *) challenge { //crea i credenziali e invia la richiesta con questi } Possiamo agire in 3 modi diversi Scoprire il tipo di challange richiesto dal server e creare un oggetto NSURLCredential con i valori necessari per l autenticazione.

44 Asynchronous Data Retrieval Autenticazione? E se il server richiede l autenticazione - (void)connection:(nsurlconnection *) connection didreceiveauthenticationchallange:(nsurlauthenticationchallenge *) challenge { [connection continuewithoutcredentialsforauthenticationchalange:challenge]; } Possiamo agire in 3 modi diversi Scoprire il tipo di challange richiesto dal server e creare un oggetto NSURLCredential con i valori necessari per l autenticazione. Fare finta di nulla e chiamare il metodo continuewithoutcredentialsforauthenticationchalange:

45 Asynchronous Data Retrieval Autenticazione? E se il server richiede l autenticazione - (void)connection:(nsurlconnection *) connection didreceiveauthenticationchallange:(nsurlauthenticationchallenge *) challenge { [connection cancelauthenticationchalange:challenge]; } Possiamo agire in 3 modi diversi Scoprire il tipo di challange richiesto dal server e creare un oggetto NSURLCredential con i valori necessari per l autenticazione. Fare finta di nulla e chiamare il metodo continuewithoutcredentialsforauthenticationchalange: Cancellare la richiesta

46 Asynchronous Data Retrieval Server risponde Il server invia i headers della risposta - (void)connection:(nsurlconnection *) connection didreceiveresponse:(nsurlresponse *) response { [self.responsedata setlength:0] //potrebbe essere invocato diverse volte } Arrivano i dati - (void)connection:(nsurlconnection *) connection didreceivedata:(nsdata *) data { [self.responsedata appenddata:data]; }

47 Asynchronous Data Retrieval In fine Processiamo i dati ricevuti - (void)connectiondidfinishloading:(nsurlconnection *) connection { //Fare qualcosa di utili coi dati ricevuti [connection release]; } Errore - (void)connection:(nsurlconnection *) connection didfailwitherror:(nserror *)error { [error localizeddescription]; [connection release]; }

48 Demo

49 Text View

50 Text Input Assenza di tastiera fisica Aggiungendo un UITextField alla GUI avremo la tastiera gratis che apparirà non appena il text field (o la text view) ha ricevuto il focus. Ma c è il trucco, la tastiera non andrà via automaticamente. E il compito nostro di rimuovere la tastiera una volta finito l editing del testo. Dobbiamo diventare il delegate di text field e implementare il metodo textfieldshouldreturn: - (BOOL) textfieldshouldreturn:(uitextfield *) textfield { [textfield resignfirstresponder]; return YES; }

51 UI secondaria Tastiera non è l input primario per i dispositivi ios

52 UI secondaria Tastiera non è l input primario per i dispositivi ios

53 UI secondaria Tastiera non è l input primario per i dispositivi ios Q W E R T Y U I O P A S D F G H J K L Z X C V B N M.?123 space return

54 Diversi layout Visto che è difficile scrivere, possiamo aiutare l utente mostrando la tastiera con layout appropriato

55 Tastiera per l inserimento degli URL

56

57

58 Tastiera per l inserimento degli indirizzi

59

60

61 Tastiera per l inserimento degi numeri di telefono

62

63

64 UITextField e UITextView UIKite mette a disposizione due elementi principali per la gestione del testo UITextField Rappresenta l area sullo schermo per l inserimento di una singola riga di testo. Utile per i campi come username, , password ecc. UITextView Gestisce il testo disposto su diverse righe, attivando la funzionalità dello scroll dove richiesta.

65 UITextField Espone delle proprietà che permettono la manipolazione programmata. Gran parte di queste vengone impostate nell Interface Builder

66 UITextField Le proprietà NSString *text; Il nostro controller adotterà questo id<uitextfielddelegate> delegate; Quasi sempre impostate nel UIColor UIFont UITextAlignment textalignment; // default UITextBorderStyle borderstyle; // default NSString *placeholder;

67 Protocollo UITextInputTraits Model-View-Controller Imposteremo i valori delle proprietà esposte nel IB. Capitalize: Controlla se capitalizzare parole, frasi, o tutti i caratteri inseriti nel campo. Correction: Correggere automaticamente gli errori di spelling Keyboard: Il tipo di tastiera viruale da presentare quando il campo riceve il focus; ce ne sono 7 tipi diversi disponibili pe ritilizzo nei vari contesti ( , url, telefono, numeri ecc.) Appearance: Cambia l aspetto della tastiera (per presentazione con degli alert) Return Key: Se la tastiera dispone dal tasto Return, qui possiamo impostarne l etichetta (Go, google, Yahoo, send, return ecc.) Auto-Enable Return Key: Attiva il tasto Return se c è almeno un carattere nel campo. Secure: Il campo verrà utilizzato per l inserimento delle password, quindi i caratteri devono esere mascherati

68 UITextInputTraits Ovviamente le possiamo gestire anche dal UITextAutocapitalizationType autocapitalizationtype; Valore di default UITextAutocorrectionType autocorrectiontype; Valore di default UIKeyboardType keyboardtype; Valore di default UIKeyboardAppearance keyboardappearance; Valore di default UIReturnKeyType returnkeytype; Valore di default is BOOL enablesreturnkeyautomatically; Valore di default BOOL securetextentry; Valore di default NO

69 Tastiera personalizzata Uno dei vantaggi di avera la tastiera virtuale e non fisica è di poterne avere diverse da presentare in contesti diversi. Tastiera di default Contiene tutto il set di caratteri Tastiera per Contiene solo i caratteri che sono ammissibili per l indirizzo Tastiera numerica Soli numeri e punteggiatura.

70 Gestione della tastiera Il tipo viene associato nell Interface Builder UIKeyboardTypeDefault Tipo di default per il metodo d input corrente. UIKeyboardTypeASCIICapable Presenta la tastiera con per l inserimento di caratteri ASCII UIKeyboardTypeNumbersAndPunctuation Prsenta i numeri e la punteggiatura UIKeyboardTypeURL Tipo ottimizzato per l inserimento delgi indirizzi URL (mostra. /.com) UIKeyboardTypeNumberPad Il pad numerico (0-9). Utile per l inserimento dei PID UIKeyboardTypePhonePad L inserimentoi di numeri (1-9, *, 0, #, con delle lettere sotto i numeri). UIKeyboardTypeNamePhonePad Tipo super ottimizzato perl inserimento dei nomi e di persona e dei numeri di telefono UIKeyboardType Address Tastiera ottimizzata per lìinserimento degli indirizzi

71 UITextFieldDelegate Il protocollo da usare per ricevere le modifiche fatte dall utente nella UI - (BOOL)textFieldShouldBeginEditing:(UITextField *)textfield; Se restituiamo NO il campo non sarà editabile. - (void)textfielddidbeginediting:(uitextfield *)textfield; Verrà chiamato su delegate quando il campo riceve il focus (diventa first responder) - (BOOL)textFieldShouldEndEditing:(UITextField *)textfield; Dobbiamo restituire YES se vogliamo finire l editing e rimuovere il focus dal campo - (void)textfielddidendediting:(uitextfield *)textfield; Questo metodo può essere chiamato anche per forzare l uscita dal campo anche se il metodo precedente textfielddidendediting: ha restituito NO - (BOOL)textFieldShouldReturn:(UITextField *)textfield; Chiamato quando viene premuto il tasto Enter, questo metodo non è disponibile per UITextView

72 UITextView E un campo multiline con la funzionalità di scroll ed è, quindi, la prima scelta quando abbiamo da fare con più di una riga di testo. Come UITextField anche UITextView aderisce al protocollo UITextInputTraits. A differenza di UITextField qui possiamo esplicitare che il campo non è editabile impostando la BOOL editable; a NO nel codice o nel IB Possiamo anche attivare il riconoscimento automatico di alcuni formati speciali all interno del testo come il numero di telefono, , eventi per l inserimento nel calendario UIDataDetectorTypes datadetectortypes;

73 UITextViewDelegate Ttutti i metodi - (BOOL)textViewShouldBeginEditing:(UITextView *)textview; - (BOOL)textViewShouldEndEditing:(UITextView *)textview; - (void)textviewdidbeginediting:(uitextview *)textview; - (void)textviewdidendediting:(uitextview *)textview; - (BOOL) textview:(uitextview *)textview shouldchangetextinrange:(nsrange)range replacementtext:(nsstring *)text; - (void)textviewdidchange:(uitextview *)textview; - (void)textviewdidchangeselection:(uitextview *)textview;

74 Modal View

75 Presentazioni delle viste modali Non abusare Per eseguire alcuni task particolari come selezionare o scattare delle foto, inserire un nuovo contatto nell Address Book ecc.

76 Presentare un ViewController Modale All interno di un ViewController - (void)showaddrecipe { RecipeAddViewController *viewcontroller =...; [self presentmodalviewcontroller:viewcontroller animated:yes]; }

77 Rimuovere un ViewController Modale All interno di un ViewController - (void)didaddrecipe { [self dismissmodalviewcontrolleranimated:yes]; } Chi rimuove il ViewController modale? Best Practice: Stesso controller che l ha presentato. Il ViewController Modale definisce un protocollo. Il ViewController che lo presenta aderisce a questo protocollo, e si registra come il suo delegate. Il ViewController Modale informa il suo delegate che ha terminato con il

78 Chi rimuove il ViewController modale? Best Practice: Lo stesso oggetto che l ha presentato. In grosse linee... Il ViewController Modale definisce un protocollo. Il ViewController che lo presenta aderisce a questo protocollo, e si registra come il suo delegate. Il ViewController Modale informa il suo delegate che ha terminato con il task. Il delegate lo rimuove.

79 Chi rimuove il ViewController modale? Best Practice: Lo stesso oggetto che l ha presentato. In grosse linee... Il ViewController Modale definisce un protocollo. Il ViewController che lo presenta aderisce a questo protocollo, e si registra come il suo delegate. Il ViewController Modale informa il suo delegate che ha terminato con il task. Il delegate lo rimuove. ParentController

80 Chi rimuove il ViewController modale? Best Practice: Lo stesso oggetto che l ha presentato. In grosse linee... Il ViewController Modale definisce un protocollo. Il ViewController che lo presenta aderisce a questo protocollo, e si registra come il suo delegate. Il ViewController Modale informa il suo delegate che ha terminato con il task. Il delegate lo rimuove. Presenta ParentController ModalController

81 Chi rimuove il ViewController modale? Best Practice: Lo stesso oggetto che l ha presentato. In grosse linee... Il ViewController Modale definisce un protocollo. Il ViewController che lo presenta aderisce a questo protocollo, e si registra come il suo delegate. Il ViewController Modale informa il suo delegate che ha terminato con il task. Il delegate lo rimuove. ParentController didaddrecipe ModalController

82 Chi rimuove il ViewController modale? Best Practice: Lo stesso oggetto che l ha presentato. In grosse linee... Il ViewController Modale definisce un protocollo. Il ViewController che lo presenta aderisce a questo protocollo, e si registra come il suo delegate. Il ViewController Modale informa il suo delegate che ha terminato con il task. Il delegate lo rimuove. Rimuovi ParentController ModalController

83 Chi rimuove il ViewController modale? Best Practice: Lo stesso oggetto che l ha presentato. In grosse linee... Il ViewController Modale definisce un protocollo. Il ViewController che lo presenta aderisce a questo protocollo, e si registra come il suo delegate. Il ViewController Modale informa il suo delegate che ha terminato con il task. Il delegate lo rimuove. ParentController

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Le basi. Creare un elenco

Le basi. Creare un elenco Le basi Creare un elenco Fabrik Tables New dare un titolo (che apparirà) alla tabella su label in Intoduction sarà visualizzato un testo che apparirà sopra la tabella nella scheda Publishing: Published:

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli