NEWSletter. All interno: Nuovo anno con molte sfide che ci attendono PAROLA AL PRESIDENTE NUMERO 1 ANNO 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSletter. All interno: Nuovo anno con molte sfide che ci attendono PAROLA AL PRESIDENTE NUMERO 1 ANNO 4"

Transcript

1 NEWSletter PAROLA AL PRESIDENTE Nuovo anno con molte sfide che ci attendono NUMERO 1 ANNO 4 La prima riguarda un consolidato trend, presente in molte regioni, che riguarda una ulteriore concentrazione delle aziende sanitarie: Friuli, Trento, Bolzano, Marche hanno già consolidato la realizzazione di una Asl unica; Basilicata, Sardegna, Emila, Lombardia, Veneto stanno discutendo su progetti di riassetto organizzativo-istituzionale importanti. Gli impatti sull area ICT delle aziende sanitarie saranno importanti sia in termini di fusione e rengineering del sistema informativo sia in termini di riqualificazione e riposizionamento del personale. A questo delicato tema dedicheremo il workshop del 12 giugno a Roma. Una seconda sfida, in parte collegata alla prima, deriva dai contenuti del patto per la sanità digitale: il testo in discussione nel dibattito romano e in sede di conferenza stato-regioni tende a supportare un confronto tra modelli di sviluppo diversi ma che non escludono, anzi prevedono, la possibilità di nuovi modelli di parternariato pubblico-privato nella gestione dei servizi no-core delle aziende sanitarie, vale a dire servizi che non sono di contatto diretto con i cittadini, tra i quali viene inserita l innovazione digitale. Anche da questo modello derivano impatti non irrilevanti sulla gestione e lo sviluppo della area ICT delle aziende sanitarie che potrebbero acquistare tali servizi da agenzie regionali (pubbliche o private). La terza sfida concerne la capacità di fare di più e meglio con risorse tendenzialmente in contrazione. Abbiamo la certezza che continuare a investire in ICT-sanità meno della metà di quanto investono i nostri colleghi europei rappresenta un oggettivo limite allo sviluppo dell innovazione digitale in sanità, ma credo dobbiamo in qualche modo tentare strade alternative che possano coniugare crescita e contenimento dei costi, che consentano di utilizzare eventuali risparmi su alcune componenti di costo per rendere possibili nuovi sviluppi. Un ultima sfida riguarda il rafforzamento di Aisis: mi pare che in questi anni abbiamo rivitalizzato l Associazione sia nei confronti dei soci sia nei confronti degli stakeholder della sanità. continua a pag. 2 All interno: Open Source per la pubblica amministrazione (pag. 3) Community Cloud: un quarto modello di sviluppo per la nuvola (pag. 3) Newsletter anno 4 n 1 pag. 1

2 Abbiamo qualche appuntamento importante: il rinnovo delle iscrizioni (abbiamo previsto due livelli di quota associativa per favorire l adesione ad Aisis di tutto il personale dell area ICT) e delle cariche sociali. L appuntamento è per il 12 giugno a Roma. Rinnovo l invito a presentare candidature. Nella stessa giornata è previsto il workshop sul tema delle modifiche degli assetti organizzativi-istituzionali delle aziende sanitarie e il relativo impatto sull area ICT. Le attività del gruppo di lavoro Aisis sul tema dell innovazione tecnologica a supporto dei pdta: in molti tavoli regionali e nazionali il tema dei pdta è davvero all ordine del giorno. Credo che anche quest anno possiamo contribuire in modo significativo al dibattito in corso adottando un documento di linee guida in proposito. La partecipazione al gruppo di lavoro è sempre possibile contattando la segreteria. Stiamo avviando l ehealth Academy per la qualificazione delle comptenze. In tale contesto segnalo che siamo tra i primi a livello europeo con una iniziativa strutturata. Parte il primo corso per CIO o posizioni orientate alla direzione e al project management: il corso si terrà nelle giornate del 18 e 19 giugno. Il corso è organizzato da Aisis con la Sda Bocconi e Aica. I partecipanti riceveranno attestato di frequenza da Bocconi e attestato sulle competenze, secondo l ecf europeo, da Aica. Siamo al terzo anno della survey Aisis-Netics sullo stato dei sistemi informativi delle aziende sanitarie che vi arriverà la survey. I colleghi che hanno già risposto negli scorsi anni troveranno gran parte della survey precompilata: a loro chiediamo poco tempo e di non rinunciare alla compilazione. Nel frattempo chiediamo a tutti di partecipare: è l unica survey su dati oggettivi e non su dati di percezione e questo fa la differenza perché riteniamo di poter fornire risultati abbastanza oggettivi. Da ultimo stiamo preparando il congresso di ottobre che si terrà a Napoli e che contiamo anche quest anno possa costituire un momento di confronto: il modello è come per lo scorso anno: il primo giorno per il convegno e il secondo giorno per i soci. Abbiamo bisogno del vostro sostegno! Rinnovate l iscrizione e favorite le iscrizioni dei vostri collaboratori, partecipate alla survey, agli incontri e al convegno! Grazie a tutte/i Dr. C. Caccia Presidente di Aisis Newsletter anno 4 n 1 pag. 2

3 Community Cloud, una quarto modello di sviluppo per la nuvola Il tema del cloud che rappresenta, secondo diverse ricerche di mercato, l unico settore tecnologico a rapida espansione (+30% annuo), è complesso. Nel dibattito in corso si parla spesso della difficoltà a un utilizzo del cloud pubblico e a limiti del cloud privato che spesso appare solo una forma di hosting che non offre i livelli di scalabilità e pay per use che caratterizzano invece l offerta del cloud pubblico. Bill Kleyman ha dedicato un interessante articolo ad un potenziale quarto modello di sviluppo del cloud, il community cloud: vediamo di cosa si tratta. Negli ultimi anni, esordisce l autore, abbiamo assistito ad una crescita e diffusione esponenziale del cloud nel settore enterprise e non solo. Quando il cloud computing fece la sua prima comparsa, gli approcci alla nuvola erano sostanzialmente tre: cloud privato, cloud pubblico e cloud ibrido. La sfida (l hybrid) fu il tentativo di collegare in maniera efficace le istanze private con quelle pubbliche in modo da creare un cloud enviroment affidabile e sicuro basato sull on-demand lifestyle dove informazioni e workloads devono essere disponibili sempre, in ogni luogo e da qualsiasi device. Il community cloud è una quarta via da seguire che sembra avere attirato l interesse del settore ICT con particolare riguardo alle organizzazioni governative. Di cosa si tratta esattamente? Kleyman lo definisce come un ambiente cloud pubblico nel quale però sono presenti elementi tipici del cloud privato, ad esempio determinati livelli di sicurezza e di privacy. In sintesi parliamo di una piattaforma multi utente nel quale possono operare contemporaneamente diverse compagnie che fanno parte del medesimo cloud enviroment. Architetture cloud hosted dedicate a un medesimo cloud enviroment che richiede caratteristiche simili di sicurezza, privacy, business continuity e che consentirebbe al provider cloud di garantire, pur per un settore specifico, gli stessi requisti di scalabilità e di pay per use tipica del cloud pubblico. L evoluzione costante delle architetture, delle tecnologie e degli strumenti cloud based ci riserveranno delle sorprese... Dr. C. Caccia Presidente di Aisis Open Source per la pubblica amministrazione Gli ultimi anni sono stati ricchi di novità che hanno suggellato un rapporto sempre più stretto tra il mondo dell Open Source e quello della Pubblica Amministrazione. Ci sono elementi oggettivi che hanno reso sempre più interessanti le tecnologie Open Source nel settore: sicuramente, tra questi, c è la maturità tecnologica che hanno raggiunto le soluzioni, tale non solo da non essere più una seconda scelta per gli enti, bensì spesso da rappresentare la leadership tecnologica nell ambito di riferimento. Importantissima inoltre è la questione del risparmio economico e della razionalizzazione della spesa, che, in questi anni, sta diventando il vero mantra per gli ICT manager di ogni Amministrazione. Non ultima la nuova presa di coscienza della funzione sociale e strategica della spesa pubblica per il mercato nazionale che induce gli amministratori pubblici a sentirsi più responsabili nell investire gli esigui budget in servizi, favorendo in questo modo il mercato, le assunzioni di giovani e la crescita dell ecosistema. Si genera così un volano con un volano con un ritorno a più livelli, evitando di spendere denaro pubblico in licenze che, in realtà, trasferiscono ricchezza verso altri paesi, drenando risorse al Sistema Italia; nonché la necessità, sempre più chiara, di avere pieno possesso e controllo dei propri dati, senza essere vincolati a formati proprietari o essere soggetti al vendor lock-in. Newsletter anno 4 n 1 pag. 3

4 A supporto della scelta, in questi anni, abbiamo visto un azione del legislatore che, sempre più, ha chiarito come la strada dell Open Source sia la scelta obbligata per la PA. La modifica del CAD ha messo le basi al concetto di Open by default, ossia all obbligatorietà di preferire soluzioni Open Source a soluzioni commerciali, come indicato dall Articolo 68, comma 1; così come l obbligo di scegliere soluzioni che consentano di lavorare con Formati aperti, come indicato dall Articolo 68, comma3. Recente è poi la novità introdotta dall emendamento del Senato al Decreto del Fare, che sancisce la necessità di acquisire prioritariamente prodotti Open Source (quindi privi di oneri di licenza) rispetto ai prodotti commerciali, come indicato dall Art. 13-bis del decreto al comma 2, che specifica: Qualora vi siano prodotti Open Source che non comportino oneri di spesa, il ricorso ai medesimi prodotti deve essere ritenuto prioritario. Questa nuova disposizione normativa non va a sovrapporsi o a limitare in alcun modo le disposizioni del CAD, dato che si riferisce al solo caso di prodotto senza onere di spesa, ma è da intendersi come un rafforzativo del concetto più ampio già espresso nel 68, comma 1, del CAD stesso. A questo punto, abbiamo un offerta di prodotti eccellente, un sicuro risparmio economico, un driver di crescita per il mercato interno e un impianto normativo a supporto della scelta degli ICT manager che non devono più fare battaglie per adottare soluzioni Open Source, assumendosene tutta la responsabilità, bensì possono scegliere tali soluzioni come default ed eventualmente, solo dove la valutazione tecnico-economica ne evidenzi l oggettiva impossibilità all adozione, prendere in proprio la responsabilità della scelta di una soluzione commerciale. I criteri di impossibilità alla luce della valutazione comparativa, dovevano essere fissati dall Agenzia per l Italia Digitale e finalmente, dopo un grande lavoro svolto da un nutrito ed eterogeneo gruppo di esperti, nel dicembre 2013, viene pubblicata la Circolare 63/2013 che chiarisce, inequivocabilmente, che le soluzioni in software libero (o riuso) debbano essere preferite alle alternative proprietarie. Il documento è corredato da una cospicua bibliografia di riferimenti a best practices, italiane ed estere, nonché molti riferimenti a cataloghi di software libero, ad uso degli Enti che potrebbero avere più difficoltà a trovare in autonomia software libero di buona qualità. Il costante sviluppo della domanda di prodotti Open Source richiede allo stesso tempo alcune competenze specifiche per questo nuovo modello di business. E necessario superare la vecchia concezione incentrata esclusivamente sul prodotto e che portava in secondo piano la scelta del fornitore, in quanto, ritenuto un mero rivenditore di licenze o implementatore di soluzioni standard sulla base di procedure fornite dai vendor. L offerta del mercato Open Source si basa esclusivamente sulla fornitura di servizi; quindi la selezione deve necessariamente seguire due fasi principali. La prima è relativa alla selezione del prodotto software che si intende adottare. Bisogna focalizzare l attenzione non solo sulle funzionalità del prodotto, ma analizzarne l ecosistema della community e soprattutto la diffusione, così da aver la garanzia di longevità e vitalità del progetto stesso. Open Source infatti identifica una modalità di licenziamento e non un brand o una tipologia di prodotto, e quindi possiamo trovare sia prodotti leader del loro settore che prodotti amatoriali o gestiti da piccoli gruppi. Il rischio di adottare un software poco diffuso e con una piccola realtà alle spalle, è quello di potersi trovare con un prodotto che viene abbandonato o semplicemente non viene evoluto con le tempistiche idonee. La seconda fase riguarda la selezione dell azienda a cui affidare il progetto d implementazione ed assistenza. In questo caso è necessario prestare attenzione al fatto che, non esistendo alcun tipo di barriera iniziale, chiunque può proporre un prodotto Open Source sul mercato. L Italia vede un mercato fortemente polverizzato in cui, più del 90% delle aziende che si occupano di Open Source, sono micro-realtà con meno di 5 dipendenti che spesso propongono un elevatissimo numero di prodotti senza alcuna focalizzazione o specializzazione. Ora, se è logico pensare che per una importante operazione chirur- Newsletter anno 4 n 1 pag. 4

5 gica nessuno si affiderebbe ad un neolaureato, è altrettanto importante per un progetto legato a software Open Source, affidarsi ad aziende di comprovata e dimostrata capacità tecnica su quello specifico prodotto. Un altra particolarità del mercato italiano è legata ad aziende IT generaliste che, pur avendo dimensioni e fatturati significativi, si occupano di qualsiasi attività: dalla distribuzione di HW e SW, all erogazione di servizi di ogni genere tra cui, talvolta, anche quelli Open Source, senza alcuna specializzazione o esperienza specifica. Anche in questo caso è alto il rischio di affidarsi a realtà senza comprovate esperienze. Per questo l analisi in sede di valutazione deve essere attenta. Questa, infatti, non può avvenire sulla base di bollini o attestati perchè non previsti per i software Open Source. E perciò fondamentale, per avere la garanzia del risultato, analizzare nel dettaglio se l azienda fornitrice vanta referenze significative sul medesimo prodotto e sul numero di progetti analoghi gestiti, per dimensioni e complessità. Scegliere prodotti poco diffusi o affidarsi a realtà che non hanno referenze specifiche su progetti analoghi, espone facilmente al rischio di fallimenti del progetto o a risultati nettamente inferiori alle aspettative, il tutto a sfavore anche del consenso verso il mondo dell Open Source nel suo complesso. A questo punto non ci sono più scuse, come ha detto Italo Vignoli (membro della commissione), chi ha sempre voluto migrare a soluzioni open ma ha avuto ostacoli di tipo procedurale, ha uno strumento forte per intervenire sulla questione. Chi invece si è rifugiato dietro all incompletezza o non chiarezza della normativa vigente (ricordiamo che il CAD esiste dal 2005), oggi deve necessariamente affrontare il fatto di analizzare le proposte del mondo Open Source in merito alle esigenze applicative del proprio ente e prendersi l eventuale responsabilità della scelta di un prodotto proprietario. Nasce così la disputa sulle licenze che regolano il rapporto tra il produttore e l utente del software, ne definisce i diritti di entrambi e tra questi stabilisce il perimetro di utilizzo del software stesso. Quest ultimo, infatti, deve essere regolato, in quanto è più difficile stabilire la proprietà di un software rispetto a quella di un oggetto, in quanto il software è per sua natura immateriale. In una recente intervista Vignoli risponde ad alcune domande sulle licenze cercando di far chiarezza su alcuni concetti che spesso vengono travisati: Le licenze sono degli strumenti commerciali, e in quanto tali sono importanti per il successo o l insuccesso di un progetto di software open source, basta osservare progetti come Apache OpenOffice, dove la licenza permissiva è stata imposta da un azienda con motivazioni di nessun valore filosofico e scarso valore commerciale, nonostante la storia abbia ormai dimostrato che quel tipo di licenza è inadatto per un software desktop, e questo stia portando a una lenta agonia del progetto stesso. Eventi & Convegni 12 giugno 14 luglio ottobre Workshop Aisis Starhotel Metropole - Roma Quello del dual licensing, o doppia licenza, è un vecchio male del mondo open source. Infatti, quando un software viene erogato in questa modalità, si tratta di un software proprietario mascherato da software open source, in quanto una versione quella commerciale, che viene proposta come la migliore per le aziende ha un EULA che non è molto diversa dall EULA proprietaria, e non può essere considerata in alcun modo un software open source. Questa soluzione viene quasi sempre adottata dai progetti legati a un azienda, che utilizza la bandiera dell open source come specchietto per le allodole, ma alla fine si ispira agli stessi principi del software proprietario, per cui vuole essere l unica a trarre vantaggio dalle opportunità di mercato. In questo modo, normalmente, non solo non riesce a vendere la versione proprietaria, ma non riesce nemmeno a creare un ecosistema intorno a quella open source. Studio Storti Soluzioni per Open Source Incontro Sanità digitale, nuovi modelli di sviluppo e Spending review Sala Jazz - Hotel Jazz - Aereoporto di Olbia Convegno Annuale Aisis Sede da definire Newsletter anno 4 n 1 pag. 5

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

Open Source Una scelta di efficienza e di innovazione

Open Source Una scelta di efficienza e di innovazione Divisione Ricerche Claudio Dematté Open Source Una scelta di efficienza e di innovazione Ricerca realizzata da SDA Bocconi in collaborazione con Premesse La diffusione delle soluzioni Open Source come

Dettagli

Enterprise Cloud Computing Report

Enterprise Cloud Computing Report 2013 Enterprise Cloud Computing Report Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Michele Ghisetti, Elena Vaciago The Innovation Innovation Group The Group Innovatingbusiness business

Dettagli

enrico.tasquier@dedanext.it

enrico.tasquier@dedanext.it enrico.tasquier@dedanext.it Brevemente... chi è Dedanext La domanda di servizi nell impresa locale Pag. 2 Pag. 3 Oltre 800 collaboratori, > oltre 109 milioni di Euro 12% 32% 19% 47% 69% 21% Industria &

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 3ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LE SCELTE CLOUD DEI PROFESSIONISTI IT SERVER VIRTUALI E SERVER CLOUD PLATFORM AS A SERVICE CMS

Dettagli

Il Cloud è una priorità per le aziende e la PA?

Il Cloud è una priorità per le aziende e la PA? Il Cloud è una priorità per le aziende e la PA? 3 «Cloud Day» Parco Scientifico Tecnologico ComoNExt 5 Novembre 2015 Primo Bonacina Managing Partner, PBS Primo Bonacina Services primo.bonacina@primobonacina.com

Dettagli

Il vero cloud computing italiano

Il vero cloud computing italiano Il vero cloud computing italiano Elatos srl ha sponsorizzato la ricerca e l edizione del libro edito da Franco Angeli sul cloud computing in italia (Esperienze di successo in italia: aspettative, problemi,

Dettagli

L Open Source nella Pubblica

L Open Source nella Pubblica L Open Source nella Pubblica Amministrazione Vittorio Pagani Responsabile Osservatorio Open Source - CNIPA 1 Riflessioni su alcune caratteristiche del software OS disponibilità del codice sorgente: possibilità

Dettagli

InfoRes s.r.l. membro di Cast Group

InfoRes s.r.l. membro di Cast Group InfoRes s.r.l. membro di Cast Group S i s t e m i d i s t a m p a e v o l u t i INFORES Il senso del fare impresa è quello di costruire soluzioni su misura(niente di più, niente di meno) fornendo esattamente

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti)

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OPEN SOURCE Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OBIETTIVI Cosa sono i sw open source? Cosa li distingue dai sofware non open? Quali implicazioni per: I professionisti

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito Testo dell intervento del Presidente dell Anci Piero Fassino Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito e, per non

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Proposta d azione per la riorganizzazione del Consorzio e dell ICT pubblica SINTESI

Proposta d azione per la riorganizzazione del Consorzio e dell ICT pubblica SINTESI Proposta d azione per la riorganizzazione del Consorzio e dell ICT pubblica SINTESI 1 Quadro degli interventi 1. La Regione impegna ilcsi nello sviluppo e gestione del sistema informativo sanitario regionale

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Le criticità nella gestione dei dati sensibili

Le criticità nella gestione dei dati sensibili Le criticità nella gestione dei dati sensibili Ing.Giovanni Gentili Resp. Agenda digitale dell Umbria Regione Umbria Questo lavoro è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC

Dettagli

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.)

IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) IVU Global Service S.r.l. (gruppo IVU S.p.A.) Il gestore unico della sicurezza in azienda Quando la sicurezza va in rete IVU Global Service S.r.l. (gruppoivu S.p.A.) Via RinaMonti, 15 00155 Roma Tel +39

Dettagli

Modellare un PMO come organizzazione virtuale: lezioni imparate

Modellare un PMO come organizzazione virtuale: lezioni imparate Evento: L evoluzione del PMO - Milano, 28 Febbraio 2012 Modellare un PMO come organizzazione virtuale: lezioni imparate Maria Cristina Barbero, MBA, PMP Nexen Business Consultants S.p.A. Gruppo Engineering

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Enterprise Cloud Computing Report

Enterprise Cloud Computing Report Enterprise Cloud Computing Report La Verità sul Cloud Computing Una Ricerca di The Innovation Group Elena Vaciago Research Manager Cloud Computing Summit 2013 Milano, 21 Marzo 2013 Moving to the Cloud.

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani

Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione. Maurizio Trevisani Infrastrutture spaziali ed Open Source: nuove sfide per la Pubblica Amministrazione Maurizio Trevisani Gli obiettivi della Pubblica Amministrazione Programmare, pianificare, gestire: nel modo migliore,sulla

Dettagli

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE

MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE MODA E LUSSO NELL ERA DELLA TECNOLOGIA TRA BIG DATA E SHOPPING EXPERIENCE AS HIO N LUXURY Internet e customer engagement omnichannel stanno trasformando le strategie dei grandi brand del mercato Fashion

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

ASSINTER ACADEMY. Programma di Formazione Edizione 2015

ASSINTER ACADEMY. Programma di Formazione Edizione 2015 ASSINTER ACADEMY Programma di Formazione Edizione 2015 Contesto In questa fase di profondi cambiamenti dei modelli di governance e degli assetti organizzativi delle IT in-house regionali e provinciali

Dettagli

MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it. Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992

MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it. Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992 MAESTRI del LAVORO www.mdl-parma.it Stella al Merito Legge n. 143 del 05/02/1992 Gruppo Scuola-Lavoro del Consolato dei MdL della provincia di Parma DALLA SCUOLA AL LAVORO Versione: 05 Aggiornata il: Feb

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica. Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica. Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario Progetto e-health Assinform - Gruppo di lavoro e-health Giovanna

Dettagli

LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE

LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE STEFANO D ANCONA LE GARE PER L AGGIUDICAZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI ALTA TECNOLOGIA E DIGITALI. L ACQUISIZIONE DI SOFTWARE DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI.

Dettagli

Gassino t.se, 16 dicembre 2014

Gassino t.se, 16 dicembre 2014 2014_12_mozione_open_sourceopensource - pagina 1 di 6 Gassino t.se, 16 dicembre 2014 Oggetto: Mozione Open Source a: Sindaco della Città di Gassino Torinese Sig. Paolo Cugini Assessore di competenza Il

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct per eccellenza Email Marketing Check up Workshop 26 Novembre 2014 26 Novembre 2014, Iab Forum, Milano Agenda Workshop Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct

Dettagli

Partnership con il Committente

Partnership con il Committente PRESENTAZIONE AZIENDALE N.T.A. Srl costituisce un unicum in grado di realizzare e gestire i servizi richiesti, con piena delega operativa e completa responsabilizzazione sui processi. Le referenze maturate

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA L azienda pag. 1 Gli asset strategici pag. 2 L offerta pag. 3 Il management Pradac Informatica pag. 5 Scheda di sintesi pag. 6 Contact: Pradac Informatica Via delle

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo I trend tecnologici che influenzano le nostre imprese? Collaboration Sentiment

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Che cos'è il cloud computing? e cosa può fare per la mia azienda

Che cos'è il cloud computing? e cosa può fare per la mia azienda Che cos'è il Cloud Computing? Negli ambienti tecnologici non si parla d'altro e in ambito aziendale in molti si pongono la stessa domanda: Che cos'è il cloud computing? e cosa può fare per la mia azienda

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa

La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa Convegno Nazionale ASSIT 16-17 Maggio 2013 Stefano Sala A.D. gruppo per Lo scopo del mio intervento Specificare cosa si intende per riparazione diretta

Dettagli

www.osservatori.net - CHI SIAMO

www.osservatori.net - CHI SIAMO Virtual Workspace ed Enterprise 2.0: prospettive e barriere di una rivoluzione annunciata Mariano Corso Politecnico di Milano www.osservatori.net - CHI SIAMO Nati nel 1998, gli Osservatori ICT della School

Dettagli

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna La Regione Emilia-Romagna, nella persona dell Assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica,

Dettagli

Il Cloud, l IT che libera il business. Il tuo sistema informativo a portata di mano e costi sotto controllo. Sempre.

Il Cloud, l IT che libera il business. Il tuo sistema informativo a portata di mano e costi sotto controllo. Sempre. Il Cloud, l IT che libera il business. Il tuo sistema informativo a portata di mano e costi sotto controllo. Sempre. Is this cloud? In tutti i campi, il cambiamento è un dato di fatto. Certo, nessuno è

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

TELELAVORO 3.0 LA GRANDE TRASFORMAZIONE. Patrizio Di Nicola

TELELAVORO 3.0 LA GRANDE TRASFORMAZIONE. Patrizio Di Nicola TELELAVORO 3.0 LA GRANDE TRASFORMAZIONE Patrizio Di Nicola Correre due volte più forte "Be', nel nostro paese" disse Alice, ancora un po' trafelata, "di solito si arriva da qualche altra parte quando si

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUNTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUNTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUNTING IN ITALIA INTRODUZIONE NOTA METODOLOGICA EXECUTIVE SUMMARY IL CLOUD COMPUTING NELLE STRATEGIE AZIENDALI LA PAROLA AI CIO LE SCELTE CLOUD DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Cloud Service Broker

Cloud Service Broker Cloud Service Broker La nostra missione Easycloud.it è un Cloud Service Broker fondato nel 2012, che ha partnership commerciali con i principali operatori del settore. La nostra missione: aiutare le imprese

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

La transizione al mondo cloud del licensing aziendale

La transizione al mondo cloud del licensing aziendale presenta La transizione al mondo cloud del licensing aziendale Davide Lo Surdo MS SAM Gold Partner www.wpc2015.it info@wpc2015.it - +39 02 365738.11 - #wpc15it 1 Agenda Perché questo workshop? Complessità

Dettagli

Open Source Day Presented by Red Hat

Open Source Day Presented by Red Hat Open Source Day Presented by Red Hat Per innovazione, efficienza e per legge: l'open Source nella PA di Carlo Piana Array http://arraylaw.eu 2 3 M.K. Ghandi (1869-1948) Ignore Laugh Fight Win 4 Fasi di

Dettagli

CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing

CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing CBA-SD uno strumento per la valutazione economica dei benefici del Cloud Computing Indice 1 Il Cloud Benefit Accelerator - Strecof Dynamics - CBA-SD 3 2 Aspetti matematici, economici e statistici del CBA-SD

Dettagli

. 280,00 + 60,00 diritti di segreteria ed organizzazione

. 280,00 + 60,00 diritti di segreteria ed organizzazione Carissimi amici, sull onda del successo avuto dall iniziativa dell anno scorso (L arte della comunicazione efficace come chiave di successo personale), la nostra Associazione ha deciso di collaborare con

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line"

Tavolo di Sanità Elettronica. Riuso delle componenti realizzate nel progetto Rete dei centri di prenotazione - Cup on line Tavolo di Sanità Elettronica Riuso delle componenti realizzate nel progetto "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line" Roma, 14 Dicembre 2011 IL RIUSO Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme

Dettagli

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10 Piano di valutazione Horsa Anno 2013 Sommario Perché Horsa introduce un Piano di Valutazione... 3 I destinatari del Piano di Valutazione... 4 I criteri di acquisizione dei Punti... 4 Costi standard di

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity GEFRAN S.p.a. Utilizzata con concessione dell autore. GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity Partner Nome dell azienda GEFRAN S.p.a Settore Industria-Elettronica Servizi e/o

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Modena, 9 Ottobre 2013 Le tendenze emergenti Quattro grandi forze che stanno contemporaneamente determinando

Dettagli

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA

L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA L ENERGIA PER IL MONDO CHE CAMBIA PRESENTAZIONE BiSTUDIO Via Arona 11 47838 Riccione (RN) Tel. 0541643881 Fax 0541663476 e-mail: info@bistudio.it internet: www.bistudio.it Partita Iva Codice Fiscale Iscrizione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Vendilo S.p.A. Internet, trend in crescita

Vendilo S.p.A. Internet, trend in crescita Vendilo S.p.A La società Vendilo, fondata nel 2006, nasce con l obiettivo di implementare ed offrire soluzioni che aiutino i Privati e le Aziende ad avvicinarsi al mondo di internet e alle vendite online.

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting

Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management. Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting Symantec / ZeroUno Executive lunch IT Security & Risk Management Riccardo Zanchi - Partner NetConsulting 25 settembre 2008 Agenda Il contesto del mercato della security I principali risultati della survey

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Introduzione e benvenuto: Business Continuity e Disaster Recovery Dott. Giuseppe Mazzoli Amministratore 3CiME Technology www.3cime.

Introduzione e benvenuto: Business Continuity e Disaster Recovery Dott. Giuseppe Mazzoli Amministratore 3CiME Technology www.3cime. Introduzione e benvenuto: Business Continuity e Disaster Recovery Dott. Giuseppe Mazzoli Amministratore 3CiME Technology www.3cime.com Copyright 2015 3CiME Technology Srl Tutti I diritti riservati.. Grazie

Dettagli

Convegno Annuale AISIS

Convegno Annuale AISIS Convegno Annuale AISIS Mobile Health: innovazione sostenibile per una sanità 2.0 Certificabilità dei bilanci e revisione dei processi nell area amministrativo-contabile Pietro Macrì Roma, 30 ottobre 2014

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli