UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA BIOFISICA ED ELETTRONICA Dottorato di ricerca in scienza ed ingegneria dello spazio XV ciclo Relazione sulle attività del primo anno del dottorato di ricerca Dottorando: Coordinatore: Tutor: Michele Bruzzo prof. Silvano Cincotti prof. Silvana Dellepiane 1

2 Indice 1 Attività di ricerca svolta Gestione di archivi di immagini telerilevate Ottimizzazione della interattività nella telecomunicazione satellitare Attività didattica svolta Corsi Frequentati Esercitazioni Comunicazioni Elettriche 1 DU EO Seminario TTR2: Sistemi di visualizzazione 3D Seminario TTR2 programmazione ad oggetti Attività di ricerca prevista Attività didattica prevista Partecipazione a convegni e congressi Pubblicazioni

3 1 Attività di ricerca svolta Nel settore dell'ingegneria dello spazio si possono distinguere sette grandi aree funzionali: l'esplorazione planetaria, l'osservazione dello Spazio, l'osservazione della Terra, la navigazione, le telecomunicazioni, la ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico. Per quanto riguarda le telecomunicazioni, la sempre crescente necessità di scambio di informazione ha dato vita ad una serie di missioni per lo studio e il miglioramento delle tecniche di trasmissioni dati via satellite. La prima di tali missioni è stata la messa in orbita, nel 1977, del satellite SIRIO per lo studio degli effetti attenuanti della troposfera. Da allora molti progressi sono stati ottenuti e nel 1991 è stato lanciato il satellite ITALSAT che ha dato inizio alle prime telecomunicazioni satellitari italiane (frequenze fino a 50 GHz). Attualmente la ricerca continua con il progetto DAVID per lo studio della banda W (90 GHz) e la gestione intelligente delle risorse. La conquista di sempre più alte frequenze consente di trasmettere un sempre maggiore volume di dati e quindi contemporaneamente rende possibili tutta una serie di servizi basati su applicazioni multimediali e/o interattive. L attività di ricerca svolta si pone proprio in questo scenario di nuovi servizi multimediali e interattivi. Essa consiste nell applicare metodologie e tecniche di avanguardia per l analisi di segnali multimediali sui sistemi di telecomunicazione e di telerilevamento satellitare. Questo lavoro si è sviluppato su due diverse tematiche: la gestione intelligente di archivi di immagini telerilevate, lo sfruttamento di metodologie (content based retrieval) per il miglioramento dell'interattività nei sistemi di telecomunicazione satellitare. L ultimo filone di ricerca farà riferimento a due applicazioni campione, la telemedicina e i servizi di intrattenimento quali la TV satellitare e il video on demand. 1.1 Gestione di archivi di immagini telerilevate Il flusso di immagini telerilevate che ogni giorno investe le stazioni riceventi a terra è di una tale intensità che non è più possibile gestirlo con i sistemi di archiviazione convenzionali. E ormai evidente la necessità di nuovi sistemi che garantiscano la gestione automatica e intelligente di grosse banche dati di immagini telerilevate. La realizzazione di un tale sistema è stato l obbiettivo principale della ricerca svolta in questo anno di attività. Le principali problematiche esaminate sono state: lo studio di descrittori di contenuto efficaci (content based retrieval) e l organizzazione dei dati. Contemporaneamente si è svolta una ricerca dello stato dell arte atta a individuare l insieme di meta-data riconosciuti, a livello mondiale, come migliori indici discreti per la catalogazione dei dati acquisiti da satellite. A causa della grande eterogeneità dei dati in questione e della grande varietà di possibili applicazioni pratiche, si è deciso di realizzare un sistema che garantirà un alta flessibilità rispetto ai casi imposti dalle singole applicazioni. Il risultato, mostrato in figura 1, è un architettura di sistema che realizza la descrizione logica dei contenuti cablata sulle caratteristiche peculiare dei dati di interesse. 3

4 Fase di Popolazione Fase di recupero Parametri di cablatura off-line Segmentazione Estraz. descrittori Meta data Indice Indicizzazione Schema di Rappr. Confronto Immagini recuperate Database di imm. Descrizione logica Fig. 1 Architettura di gestione, basata sul contenuto, di database di immagini telerilevate. Il cuore di questa architettura è il modulo che realizza lo schema di rappresentazione delle immagini, la descrizione avviene sia in termini di contenuto (metodi numerici e tecniche contestuali: estrazione descrittori, segmentazione) sia in termini di indici che classificano l immagine (meta-data: posizione geografica, data di acquisizione, sensore di acquisizione, informazioni sul satellite etc.). Il modo con cui i descrittori sono estratti e il modo con cui descrittori e indici sono amalgamati a formare lo schema di descrizione dell immagine sono parametrizzati. Così facendo è possibile cablare il sistema di archiviazione in base alle caratteristiche delle immagini da catalogare. Inizialmente si è proceduto allo studio di descrittori di basso livello che fossero in grado di rappresentare le caratteristiche fondamentali di un immagine, quali sono il colore la forma e la tessitura (vedere tabella 1). Per poter trattare in modo più appropriato la complessità delle immagini, si sono realizzati algoritmi che, basandosi su tecniche contestuali, permettono l individuazione di regioni omogenee all interno della scena in esame (aggregazione di pixel con caratteristiche omogenee). L obbiettivo è localizzare gli oggetti significativi di una immagine e rappresentarne il contenuto in termini di descrittori di basso livello (colore,forma tessitura locale). Purtroppo gli algoritmi di segmentazione sono fortemente dipendenti dal tipo di immagine in analisi e spesso richiedono la validazione dei risultati attraverso strumenti di editing. Per questo motivo si sono implementati due algoritmi di segmentazione (multithresholding, split&merge) e altri sono in studio. Descrittori geometrici Descrittori di colore Descrittori di Tessitura Momenti invarianti Istogramma colore Matrice di Co- Luv ridotto a 1D Occorrenza Descrittori di Fourier Istogramma colore 3D Gabor Wavelets Luv(locale e globale) Grado di elongazione Colore medio Analisi frattale Rappresentazione Distribuzione del Auto-correlazione polare colore spaziale Tab.1 Insieme dei descrittori usati per la rappresentazione logica dell'immagine. 4

5 In questo ultimo periodo si sta procedendo alla realizzazione di due database di immagini telerilevate. Il primo consiste in una collezione di immagini SAR ( 99 quick-look X-SAR mission X1 e X2) e il secondo in una collezione di immagini METEOSAT (722 immagini su 3 canali fornite da EumetSat). Su entrambe le tipologie di immagini si sta creando una base di conoscenza a priori e si stanno studiando un insieme di possibili applicazioni, in questo modo si potranno trovare specifiche soluzioni al problema della rappresentazione del contenuto. 1.2 Ottimizzazione della interattività nella telecomunicazione satellitare Negli ultimi anni i più grandi consorzi satellitari hanno sviluppato il necessario know-how per lo sviluppo di servizi multimediali interattivi. Ad oggi sono in fase di verifica diverse piattaforme multimediali in grado di fornire servizi internet e multimedia data broadcasting via satellite. L erogazione di un tale servizio rende ancora più facile e veloce l accesso a dati elettronici, ma allo stesso tempo obbliga a realizzare un sistema di localizzazione dell informazione veramente efficace. Nella ricerca svolta si è esaminato questo problema nell ambito della telemedicina. Il rapido sviluppo di tutte le branche della medicina ha portato alla formazione di ambienti superspecialistici che, coinvolgendo personale altamente qualificato e attrezzature sempre più sofisticate e di alto costo, non hanno una distribuzione omogenea sul territorio. Questa situazione rende necessaria l'interazione con tali ambienti per avere il parere degli esperti e per poter usufruire delle attrezzature disponibili. Sempre più frequente diviene, pertanto, la necessità di consulto a distanza, che per essere efficace deve essere effettuato in tempo reale mediante il trasferimento, con elevata qualità, di dati e di immagini ad alto contenuto informativo. La tendenza evolutiva delle metodologie di trattamento delle immagini mediche sia verso l'elaborazione con procedure consolidate di trattamento di immagini statiche, sia verso lo studio di sequenze di immagini che riproducono attività anatomiche e metaboliche, è sempre maggiore. I requisiti tecnici per il trasferimento di questo tipo di immagini comportano la disponibilità di una rete che possa garantire il mantenimento delle caratteristiche di trasmissione in tempo reale, anche in condizioni di traffico intenso. Per questi motivi la telemedicina oggi guarda sempre con maggiore interesse alle telecomunicazioni satellitari come mezzo trasmissivo efficiente. Uno dei vantaggi più importanti per un servizio di telemedicina satellitare consiste indubbiamente nell'accesso rapido e sempre disponibile ad informazioni distribuite sul territorio. Condizione perché tale accesso risulti efficiente è l'organizzazione dei dati nelle varie sedi, che deve possedere i requisiti di sicurezza, facilità di accesso, qualità del recupero. Ciò vale in particolare per banche di dati ed immagini che costituiscono archivi di riferimento per specifiche patologie. In questo ambito si è sviluppato un sistema di analisi e gestione intelligente di database di immagini radiologiche polmonari. Per realizzare questo lavoro è stato necessario un preliminare studio per l'interpretazione delle immagini e quindi l'individuazione delle patologie. Questo lavoro è stato realizzato con la collaborazione di esperti nel settore radiologico ed ha permesso di individuare i migliori descrittori per la rappresentazione del contenuto. Le immagini che costituiscono il database rappresentano lastre radiografiche toraciche di soggetti affetti da noduli polmonari appartenenti a quattro categorie differenti: noduli omogenei regolari, noduli omogenei irregolari, noduli disomogenei regolari, noduli disomogenei irregolari. Si è quindi realizzato un sistema che è in grado di catalogare il nodulo in esame come farebbe un esperto. Per raggiungere questo risultato è stato necessario capire come localizzare la regione di interesse (nodulo) all'interno della lastra radiografica e successivamente come farne l'interpretazione. La localizzazione del nodulo all'interno dell'immagine è stato un compito molto difficile. A causa del basso contrasto di luminosità che caratterizza queste immagini si è dovuto ricorrere ad un algoritmo di segmentazione semi-automatico denominato Isocontorni. 5

6 Immagine Originale Immagine multivalore Punto seme Fuzzy Connectivity Thresholding Regione localizzata Threshold Immagine Originale Immagine multivalore Risultato Fig. 2 localizzazione dei noduli all interno di immagini radiografiche Il riconoscimento è stato effettuato attraverso tecniche numeriche e contestuali, sono stati creati due descrittori che rappresentano il contorno e la tessitura del nodulo come mostrato nella figura 3. Regolarità ellittica Media della varianza campione 0, ,7 0,6 0, , ,3 0, , ,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 Regolari Irregolari Omogeneo Disomogeneo Data Clustering 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0, Regolari omogenee Regolari disomogenee Irregolari omogenee Irregolari disomogenee Fig.3 Descrittori di forma e tessitura usati per il riconoscimento di nodoli. Sulla stessa tematica si è iniziato ad affrontare il problema dell'archiviazione di sequenze video usando come applicazione pilota l'indicizzazione di sequenze endoscopiche. In questo caso la realizzazione di un adeguata rappresentazione simbolica richiede una particolare attenzione sulle relazioni temporali che legano i singoli frame di una sequenza. 6

7 Infine, per quanto riguarda l'uso delle telecomunicazione satellitari per la trasmissione broadcast di servizi per l'intrattenimento (TV satellitare e video on demand) si è realizzato un piano di lavoro per poter applicare la tecnologia content based nel campo dell'elaborazione dei segnali multimediali per l'estrazione di descrittori come dettato dallo standard MPEG-7. Grazie all uso di questi descrittori, si potrà realizzare un sistema in grado di fornire un accesso simultaneo a molteplici sorgenti informative secondo un disegno di presentazione che soddisfi le richieste dell'utente. Tale sistema sarà inoltre capace di navigare in un potenziale archivio di informazione globale e scegliere automaticamente i canali di maggiore interesse in base a criteri precedentemente impostati. 7

8 2 Attività didattica svolta 2.1 Corsi Frequentati LA TECNOLOGIA AVANZATA NELLE MISSIONI INTERPLANETARIE Dr. Marcello ordini ESA Agenzia Spaziale Europea, Parigi PORTANTI FISICI E ARCHITETTURA DELLE INTERFACCE OTTICHE PER SISTEMI DI TRASMISSIONE AD ALTA VELOCITA. Ing.. Marco Camera e Ing. Alfredo Palagi della Marconi Communications In questo anno si è inoltre svolta un attività di divulgazione dei principi teorici fondamentali su cui si basa la ricerca descritta in questo documento. Si è deciso di realizzare una serie di seminari per gli studenti del corso di ingegneria elettronica con il duplice scopo di fornire una visione delle applicazioni pratiche della ricerca, e di fornire un valido strumento di progettazione di sistemi software. Nei paragrafi seguenti sono presentati con maggiore dettaglio i seminari svolti. 2.2 Esercitazioni Comunicazioni Elettriche 1 DU EO Durante lo svolgimento del corso di Comunicazioni Elettriche 1 a.a sono state svolte tre esercitazioni in aula per la preparazione alle prove di apprendimento intermedie. Durante la lezione sono stati svolti e discussi con gli studenti esercizi vertenti sui principali argomenti del corso. 2.3 Seminario TTR2: Sistemi di visualizzazione 3D Il seminario, svolto con l ausilio di un personal computer, mirava alla divulgazione delle più moderne tecniche di rendering tridimensionale usate in ambiente medico per la visualizzazione di dati volumetrici come TAC o Risonanze Magnetiche. 2.4 Seminario TTR2 programmazione ad oggetti Durante lo svolgimento del corso di Teoria e Tecniche del Riconoscimento 2 a.a sono state svolte tre lezioni sui principi di programmazione orientata agli oggetti. Sono stati inoltre presentati esempi di programmazione in C++ per dimostrare l applicazione pratica dei concetti esposti 8

9 3 Attività di ricerca prevista L attività di ricerca prevista continuerà quanto svolto fino ad oggi è sarà sempre suddivisa sui filoni di gestione intelligente di archivi di immagini telerilevate, e di sfruttamento di metodologie content based per il miglioramento dell'interattività nei sistemi di telecomunicazione satellitare. Per quanto riguarda il primo filone gli obbiettivi da raggiungere coincidono con la realizzazione del sistema di gestione la cui architettura è stata descritta nel paragrafo intitolato "attività di ricerca svolta". Una volta realizzati i moduli di riconoscimento per l'indicizzazione delle immagini in base al loro contenuto simbolico verranno implementate due applicazioni pilota per il recupero intelligente da due database di immagini telerilevate. I due database, che nel prossimo futuro saranno arricchiti con nuove immagini, attualmente costituiscono rispettivamente una collezione di immagini X-SAR e una collezione di immagini METEOSAT. La fase di implementazione di tali applicazioni sarà preceduta da un studio delle specifiche funzionali e tecnologiche basato sulle seguenti direttive: Analisi requisiti utente e analisi dati disponibili (formato contenuto ecc.) Descrizione delle specifiche funzionali risultanti dal punto di incontro tra requisiti utente e possibilità tecnologiche allo stato dell arte. Progettazione di metodi evoluti per data-retrieval specifico sulle categorie dati immagini X- SAR e immagini METEOSAT. L'allestimento di archivi di immagini integrati in sistemi di telecomunicazione satellitare rappresenta invece l attività di ricerca prevista per la tematica miglioramento dell'interattività nei sistemi di telecomunicazione satellitare. Su tale attività si vuole sperimentare la condivisione di basi di dati distribuite sul territorio tramite l'accesso alla rete satellitare. Restano da risolvere alcuni problemi tuttora aperti, quali l'adozione di procedure di compressione che riducano lo spazio di archiviazione (MPEG 7), l'impegno della rete, e quindi i costi ed i tempi di attesa, garantendo i requisiti di qualità e di sicurezza necessari. La definizione delle specifiche è fondamentale e complessa, perché deve tenere conto di vari fattori, quali per esempio il formato delle immagini. L'accesso a tali banche di immagini di riferimento sarà oggetto di sperimentazione per quanto riguarda le modalità d'interazione, la effettiva reperibilità delle informazioni desiderate, la facilità di "navigazione" all'interno dei data base e la tempistica. Gli esperimenti potranno essere fatti grazie ad un collegamento satellitare a 2 Mbit/sec fornito dal satellite ITALSAT II (13 EST) su banda Ka (20-30 GHz). Potranno inoltre essere messe a punto anche procedure di ricerca mirata o assistita, si prevede di realizzare due primi prototipi partendo da immagini radiologiche polmonari e immagini istologiche. Infine, data la sempre più grande importanza che stanno assumendo gli archivi di sequenze video, si prevede di realizzare un architettura per la gestione di database video basata sul contenuto. Le metodologie di analisi che saranno ideate verranno testate su una collezioni di dati endoscopici e su una collezione di video sportivi. 9

10 4 Attività didattica prevista Per la futura attività didattica si prevede di seguire i corsi di sistemi di telecomunicazioni 1 e sistemi di telecomunicazioni 2 le lezioni sono tenute dal professor Carlo Ragazzoni. I suddetti corsi si ritengono fondamentali per la ricerca sviluppata in quanto tra le varie tematiche vengono descritti i seguenti aspetti di telecomunicazioni satellitari: Trasmissione su canali satellitari: definizioni e proprietà, Orbite di interesse per i satelliti usati nelle telecomunicazioni (GEO, LEO e MEO); Dimensionamento di un canale trasmissione satellitare; Tecniche di trasmissione analogica su canale satellitare; Tecniche di trasmissione digitale ed accesso multiplo (FDMA, TDMA, CDMA) su canale satellitare; Diversità nelle comunicazioni satellitari; Reti satellitari multi-fascio; 10

11 5 Partecipazione a convegni e congressi 1. Convegno Comunicazione Multimediale: analisi di contenuto, modellamento, accesso e protezione dell informazione Padova Febbraio International Conference on Multimedia database and image communication MDIC99, 4-5 October 1999, Salerno, Italy. 11

12 6 Pubblicazioni 1. R.Vaccaro, Michele Bruzzo and S. Dellepiane Fuzzy Learning for Content Based Database Systems, Proc. International Conference on Multimedia database and image communication MDIC99, 4-5 October 1999, Salerno, Italy; 2. Michele Bruzzo, Fabrizio Giorgini and S. Dellepiane Indicizzazione di database di immagini basata sul contenuto, Proc. Convegno Comunicazione Multimediale: analisi di contenuto, modellamento, accesso e protezione dell informazione Padova Febbraio 2000 Italy pag. III.C-1, III.C-15; 12

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

PROGETTO CLUSTER INTELLIGENZA D AMBIENTE: Tecnologie ed Applicazioni

PROGETTO CLUSTER INTELLIGENZA D AMBIENTE: Tecnologie ed Applicazioni PROGETTO CLUSTER INTELLIGENZA D AMBIENTE: Tecnologie ed Applicazioni FASE 1: Definizione del Piano di Formazione di massima per i quattro filoni tecnologici individuati Di seguito vengono proposti i piani

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione. Dipartimento di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione. Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione Dipartimento di Ingegneria Obiettivo didattico INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE La Laurea

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Sede: PALERMO - Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Coordinatore: prof. ing. Mariano Giuseppe

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI (CLASSE N. 30/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza 1. E istituito presso la Facoltà

Dettagli

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico via Saragat 1 44122, Ferrara url:www.unife.it/dipartimento/ingegneria telefono: 0532.974800 Direttore: prof. Giorgio Vannini Offerta Formativa:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Corso di Studio in Ingegneria Aerospaziale Laboratori progettuali anno accademico 2005-2006 Orientamento propedeutico

Corso di Studio in Ingegneria Aerospaziale Laboratori progettuali anno accademico 2005-2006 Orientamento propedeutico Corso di Studio in Ingegneria Aerospaziale Laboratori progettuali anno accademico 2005-2006 Orientamento propedeutico Laboratorio Progettuale (numero, sigla, data ) Proponente Prof. Luigi DeLuca Tutor

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

MASTER. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione. Polo Tecnologico Universitario di Desio

MASTER. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione. Polo Tecnologico Universitario di Desio MASTER ASIDI Amministratore di Sistemi Informatici in Diagnostica per Immagini Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Polo Tecnologico Universitario

Dettagli

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica Corso di Laurea Triennale in Storia, Scienze e Tecniche dell Industria Culturale sede di Brindisi Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08 Materiale didattico Testo adottato D.P. Curtin, K. Foley, K. Suen,

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea di I livello in OTTICA e OPTOMETRIA Il Regolamento Didattico specifica gli aspetti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni. Dipartimento di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni. Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI Obiettivo didattico

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS?

FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? FAQ EIPASS A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI OTTENGONO LE CERTIFICAZIONI EIPASS? COME SI ACCEDE ALLA PIATTAFORMA? CHE COSA E' AULA DIDATTICA 3.0? IN CHE COSA CONSISTE L'ESAME? La Certificazione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Il progetto di ricerca Ellade

Il progetto di ricerca Ellade Il progetto di ricerca Ellade Ellade ELectronic Live ADaptive Learning Gruppo di lavoro Università degli Studi della Calabria, Dipartimento di Matematica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Obiettivi del master Migliorare il grado di percezione, interpretazione, gestione e comunicazione

Dettagli

CORSO DI PROGETTAZIONE DI SISTEMI EMBEDDED

CORSO DI PROGETTAZIONE DI SISTEMI EMBEDDED CORSO DI PROGETTAZIONE DI SISTEMI EMBEDDED Realizzare applicazioni dedicate basate su microntrollore proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori I.T.I.S. e Liceo delle Scienze Applicate Giovanni Giorgi

Dettagli

Corso di laurea di I livello I N F O R M A T I C A (indirizzo Generale) (Classe 26)

Corso di laurea di I livello I N F O R M A T I C A (indirizzo Generale) (Classe 26) Corso di laurea di I livello I N F O R M A T I C A (indirizzo Generale) Struttura del corso Il Corso fornisce una solida preparazione di base in informatica, che riguarda il progetto e l analisi di algoritmi,

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse POSTER (1/2) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it

CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI 00198 Roma Via G. Paisiello, 24 - www.consrag.it Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning agli eventi formativi previsti nei programmi di formazione professionale continua per i ragionieri commercialisti Indice 1. Definizioni..3

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione Riepilogo Dipartimento ICT Dipartimento ICT nel 2005 diretta nel terzi fondi diretta Reti in Tecnologia Wireless 434.890 79.788 712.457 94.953 578.280 351.500 94.000 Internet di prossima generazione 639.484

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE orientamento.diism.unisi.it www.diism.unisi.it Nuovo Ordinamento degli Studi Universitari Dall Anno Accademico

Dettagli

OSSERVAZIONE DELLA TERRA

OSSERVAZIONE DELLA TERRA OSSERVAZIONE DELLA TERRA Gestione del Territorio Monitoraggio Ambientale Prevenzione Rischi Naturali Le caratteristiche di unicità della Telespazio Telespazio ha sviluppato Servizi Applicativi che rispondono

Dettagli

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi Definizione dei profili di apprendimento Architetture Didattiche Tipologia Caratteristiche Quando avvalersene Ricettiva Trasmissione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE orientamento.diism.unisi.it www.diism.unisi.it Nuovo Ordinamento degli Studi Universitari Dall Anno Accademico

Dettagli

Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo livello, tecnologia e soluzioni per la didattica.

Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo livello, tecnologia e soluzioni per la didattica. Progettiamo soluzioni per aiutare il docente di oggi a insegnare ai propri studenti ad avere successo domani. Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

U N I F E. w w w. u n i f e. i t / i n g e g n e r i a. Facoltà di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

U N I F E. w w w. u n i f e. i t / i n g e g n e r i a. Facoltà di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico Facoltà di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico via Saragat 1 44122, Ferrara url: www.unife.it/ingegneria telefono: 0532.974800 Preside: prof. Piero Olivo e-mail: preside.ingegneria@unife.it

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015

Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015 Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015 Obiettivi generali e specifici della disciplina Liceo scientifico e indirizzo Scienze applicate All interno del percorso quinquennale

Dettagli

Dott. Raimondo De Laurentiis

Dott. Raimondo De Laurentiis Dott. Raimondo De Laurentiis RELAZIONE SULL'ATTIVITA' E LE RICERCHE SVOLTE ALLA CONCLUSIONE DEL II ANNO DEL XV CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE E INGEGNERIA DELLO SPAZIO 1. TEMATICHE

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

(AA 2007/2008) 180 CFU

(AA 2007/2008) 180 CFU (AA 007/008) Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica) Classe delle lauree in professioni sanitarie

Dettagli

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici

Materia: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi Dipartimento di Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni (DITEN) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Classe LM-28 Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale a.a. 2010/2011 Presidente: Prof. Stefano Russo [titolo presentazione]

Dettagli

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1:

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1: Università degli Studi "G. d'annunzio" Chieti. Facoltà di Architettura di Pescara Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico in Architettura DSSARR - Dipartimento di Scienze, Storia dell'architettura,

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO (Proposta)

SCHEDA DI PROGETTO (Proposta) SCHEDA DI PROGETTO (Proposta) 1. Natura del Progetto 1.1. Titolo: Video-conferenza robotizzata. 1.2. Finalità: Gestione automatizzata, tramite robot, di una videocamera. 1.3. Descrizione: Realizzare su

Dettagli

Nuova Piattaforma Formazione a Distanza. Le regole di utilizzo

Nuova Piattaforma Formazione a Distanza. Le regole di utilizzo Nuova Piattaforma Formazione a Distanza Le regole di utilizzo LA STRUTTURA DEI CORSI Il catalogo formativo prevede per ogni utente di Agenzia un percorso formativo determinato sulla base del ruolo NewAge

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Il presente documento descrive gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Alfabetizzazione Informatica: un progetto della Provincia di Roma. Gianluca Ferrara

Alfabetizzazione Informatica: un progetto della Provincia di Roma. Gianluca Ferrara Alfabetizzazione Informatica: un progetto della Provincia di Roma. Gianluca Ferrara Relazione al DAE 2004 III Convegno Nazionale sul Diritto Amministrativo Elettronico Catania, 3-4 luglio 2004 Gianluca

Dettagli

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente

Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Settore Guida 8 Tecnologie satellitari per il controllo del territorio e dell ambiente Presented by Paolo Bellofiore Telespazio Roma, 24 marzo 2011 CNR Piazzale A. Moro 7 Tecnologie satellitari Soluzione

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

RELAZIONE SUL PROGETTO METEOLAB DVD-ROM Laboratorio multimediale di meteorologia

RELAZIONE SUL PROGETTO METEOLAB DVD-ROM Laboratorio multimediale di meteorologia RELAZIONE SUL PROGETTO METEOLAB DVD-ROM Laboratorio multimediale di meteorologia Contenuti Introduzione al progetto Il problema affrontato gli obiettivi modalità di realizzazione contenuti innovativi prodotti

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

SMart Access to Data-Intensive Facilities

SMart Access to Data-Intensive Facilities SMart Access to Data-Intensive Facilities SMADIF Data di preparazione: 3 Marzo 2014 Piano di lavoro: pagina 1 di 8 Indice Sezione 1: Motivazioni scientifiche e tecnologiche... 3 1.1 Idea ed Obiettivi...

Dettagli

costruire dei percorsi mirati e una programmazione centrata sui bisogni emersi dall analisi;

costruire dei percorsi mirati e una programmazione centrata sui bisogni emersi dall analisi; SERVIZI FORMAZIONE SU MISURA La formazione su misura ha l obiettivo di affiancare i Clienti nello sviluppo professionale del proprio capitale umano e di sostenere l attuazione di programmi di miglioramento

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Percorso Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per i Piani di Studio

Dettagli

La sezione interattiva

La sezione interattiva La sezione interattiva All interno della sezione interattiva il visitatore segue un percorso diviso in varie aree tematiche (Antenne, Ricevitori, etc.), curate sia dai laboratori della Facoltà afferenti

Dettagli

allegato al Decreto n. 15/2006 N. assegni

allegato al Decreto n. 15/2006 N. assegni 2 3 Tematica Partecipazione al Programma Nazionale di Sviluppo, Integrazione e Circolarità del Patrimonio Informativo della Pubblica Amministrazione per assicurare l'interoperabilità e la cooperazione

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270 Denominazione del corso di studio: Ingegneria Industriale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270 Classe di appartenenza: Ingegneria industriale

Dettagli

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Relazione finale progetto II anno Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Premessa Si fa riferimento ad un progetto sviluppato nel corso dell attuale anno scolastico (2009-10) presso l Istituto

Dettagli

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente (Decreto Rettorale n.34 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1

Dettagli

1. Obiettivi Formativi

1. Obiettivi Formativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro Manifesto degli studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE

Dettagli

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti;

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti; Allegato n. 2 Linee Guida per la redazione della Relazione Annuale della Commissione Paritetica Docenti- Studenti Le Commissioni Didattiche Paritetiche, così come specificato nel Documento di Autovalutazione,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Piano di Lavoro. di STA (Scienze e Tecnologie Applicate) Primo Biennio

Piano di Lavoro. di STA (Scienze e Tecnologie Applicate) Primo Biennio Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INFORMATICA

DIPARTIMENTO DI INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA DIPLOMA DI PERITO INDUSTRIALE IN INFORMATICA la scelta ideale per mettere a frutto la propria passione per i computer e la programmazione, aprendosi le porte per una carriera

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE

INGEGNERIA DEL SOFTWARE INGEGNERIA DEL SOFTWARE A.A. 2014 2015 Pasquale Ardimento, Nicola Boffoli, Danilo Caivano, Giuseppe Visaggio Sommario ð Il Piano del Corso ð Svolgimento degli Esami ð Bibliografia ð Materiale didattico

Dettagli

Area Gestione dei Laboratori Scientifici e didattici ad Indirizzo Informatico del Polo Roio - Facoltà di Ingegneria

Area Gestione dei Laboratori Scientifici e didattici ad Indirizzo Informatico del Polo Roio - Facoltà di Ingegneria Area Gestione dei Laboratori Scientifici e didattici ad Indirizzo Informatico del Polo Roio - Facoltà di Ingegneria Oggetto: relazione sul questionario relativo alle opinioni sulla didattica degli studenti

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli