UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA BIOFISICA ED ELETTRONICA Dottorato di ricerca in scienza ed ingegneria dello spazio XV ciclo Relazione sulle attività del primo anno del dottorato di ricerca Dottorando: Coordinatore: Tutor: Michele Bruzzo prof. Silvano Cincotti prof. Silvana Dellepiane 1

2 Indice 1 Attività di ricerca svolta Gestione di archivi di immagini telerilevate Ottimizzazione della interattività nella telecomunicazione satellitare Attività didattica svolta Corsi Frequentati Esercitazioni Comunicazioni Elettriche 1 DU EO Seminario TTR2: Sistemi di visualizzazione 3D Seminario TTR2 programmazione ad oggetti Attività di ricerca prevista Attività didattica prevista Partecipazione a convegni e congressi Pubblicazioni

3 1 Attività di ricerca svolta Nel settore dell'ingegneria dello spazio si possono distinguere sette grandi aree funzionali: l'esplorazione planetaria, l'osservazione dello Spazio, l'osservazione della Terra, la navigazione, le telecomunicazioni, la ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico. Per quanto riguarda le telecomunicazioni, la sempre crescente necessità di scambio di informazione ha dato vita ad una serie di missioni per lo studio e il miglioramento delle tecniche di trasmissioni dati via satellite. La prima di tali missioni è stata la messa in orbita, nel 1977, del satellite SIRIO per lo studio degli effetti attenuanti della troposfera. Da allora molti progressi sono stati ottenuti e nel 1991 è stato lanciato il satellite ITALSAT che ha dato inizio alle prime telecomunicazioni satellitari italiane (frequenze fino a 50 GHz). Attualmente la ricerca continua con il progetto DAVID per lo studio della banda W (90 GHz) e la gestione intelligente delle risorse. La conquista di sempre più alte frequenze consente di trasmettere un sempre maggiore volume di dati e quindi contemporaneamente rende possibili tutta una serie di servizi basati su applicazioni multimediali e/o interattive. L attività di ricerca svolta si pone proprio in questo scenario di nuovi servizi multimediali e interattivi. Essa consiste nell applicare metodologie e tecniche di avanguardia per l analisi di segnali multimediali sui sistemi di telecomunicazione e di telerilevamento satellitare. Questo lavoro si è sviluppato su due diverse tematiche: la gestione intelligente di archivi di immagini telerilevate, lo sfruttamento di metodologie (content based retrieval) per il miglioramento dell'interattività nei sistemi di telecomunicazione satellitare. L ultimo filone di ricerca farà riferimento a due applicazioni campione, la telemedicina e i servizi di intrattenimento quali la TV satellitare e il video on demand. 1.1 Gestione di archivi di immagini telerilevate Il flusso di immagini telerilevate che ogni giorno investe le stazioni riceventi a terra è di una tale intensità che non è più possibile gestirlo con i sistemi di archiviazione convenzionali. E ormai evidente la necessità di nuovi sistemi che garantiscano la gestione automatica e intelligente di grosse banche dati di immagini telerilevate. La realizzazione di un tale sistema è stato l obbiettivo principale della ricerca svolta in questo anno di attività. Le principali problematiche esaminate sono state: lo studio di descrittori di contenuto efficaci (content based retrieval) e l organizzazione dei dati. Contemporaneamente si è svolta una ricerca dello stato dell arte atta a individuare l insieme di meta-data riconosciuti, a livello mondiale, come migliori indici discreti per la catalogazione dei dati acquisiti da satellite. A causa della grande eterogeneità dei dati in questione e della grande varietà di possibili applicazioni pratiche, si è deciso di realizzare un sistema che garantirà un alta flessibilità rispetto ai casi imposti dalle singole applicazioni. Il risultato, mostrato in figura 1, è un architettura di sistema che realizza la descrizione logica dei contenuti cablata sulle caratteristiche peculiare dei dati di interesse. 3

4 Fase di Popolazione Fase di recupero Parametri di cablatura off-line Segmentazione Estraz. descrittori Meta data Indice Indicizzazione Schema di Rappr. Confronto Immagini recuperate Database di imm. Descrizione logica Fig. 1 Architettura di gestione, basata sul contenuto, di database di immagini telerilevate. Il cuore di questa architettura è il modulo che realizza lo schema di rappresentazione delle immagini, la descrizione avviene sia in termini di contenuto (metodi numerici e tecniche contestuali: estrazione descrittori, segmentazione) sia in termini di indici che classificano l immagine (meta-data: posizione geografica, data di acquisizione, sensore di acquisizione, informazioni sul satellite etc.). Il modo con cui i descrittori sono estratti e il modo con cui descrittori e indici sono amalgamati a formare lo schema di descrizione dell immagine sono parametrizzati. Così facendo è possibile cablare il sistema di archiviazione in base alle caratteristiche delle immagini da catalogare. Inizialmente si è proceduto allo studio di descrittori di basso livello che fossero in grado di rappresentare le caratteristiche fondamentali di un immagine, quali sono il colore la forma e la tessitura (vedere tabella 1). Per poter trattare in modo più appropriato la complessità delle immagini, si sono realizzati algoritmi che, basandosi su tecniche contestuali, permettono l individuazione di regioni omogenee all interno della scena in esame (aggregazione di pixel con caratteristiche omogenee). L obbiettivo è localizzare gli oggetti significativi di una immagine e rappresentarne il contenuto in termini di descrittori di basso livello (colore,forma tessitura locale). Purtroppo gli algoritmi di segmentazione sono fortemente dipendenti dal tipo di immagine in analisi e spesso richiedono la validazione dei risultati attraverso strumenti di editing. Per questo motivo si sono implementati due algoritmi di segmentazione (multithresholding, split&merge) e altri sono in studio. Descrittori geometrici Descrittori di colore Descrittori di Tessitura Momenti invarianti Istogramma colore Matrice di Co- Luv ridotto a 1D Occorrenza Descrittori di Fourier Istogramma colore 3D Gabor Wavelets Luv(locale e globale) Grado di elongazione Colore medio Analisi frattale Rappresentazione Distribuzione del Auto-correlazione polare colore spaziale Tab.1 Insieme dei descrittori usati per la rappresentazione logica dell'immagine. 4

5 In questo ultimo periodo si sta procedendo alla realizzazione di due database di immagini telerilevate. Il primo consiste in una collezione di immagini SAR ( 99 quick-look X-SAR mission X1 e X2) e il secondo in una collezione di immagini METEOSAT (722 immagini su 3 canali fornite da EumetSat). Su entrambe le tipologie di immagini si sta creando una base di conoscenza a priori e si stanno studiando un insieme di possibili applicazioni, in questo modo si potranno trovare specifiche soluzioni al problema della rappresentazione del contenuto. 1.2 Ottimizzazione della interattività nella telecomunicazione satellitare Negli ultimi anni i più grandi consorzi satellitari hanno sviluppato il necessario know-how per lo sviluppo di servizi multimediali interattivi. Ad oggi sono in fase di verifica diverse piattaforme multimediali in grado di fornire servizi internet e multimedia data broadcasting via satellite. L erogazione di un tale servizio rende ancora più facile e veloce l accesso a dati elettronici, ma allo stesso tempo obbliga a realizzare un sistema di localizzazione dell informazione veramente efficace. Nella ricerca svolta si è esaminato questo problema nell ambito della telemedicina. Il rapido sviluppo di tutte le branche della medicina ha portato alla formazione di ambienti superspecialistici che, coinvolgendo personale altamente qualificato e attrezzature sempre più sofisticate e di alto costo, non hanno una distribuzione omogenea sul territorio. Questa situazione rende necessaria l'interazione con tali ambienti per avere il parere degli esperti e per poter usufruire delle attrezzature disponibili. Sempre più frequente diviene, pertanto, la necessità di consulto a distanza, che per essere efficace deve essere effettuato in tempo reale mediante il trasferimento, con elevata qualità, di dati e di immagini ad alto contenuto informativo. La tendenza evolutiva delle metodologie di trattamento delle immagini mediche sia verso l'elaborazione con procedure consolidate di trattamento di immagini statiche, sia verso lo studio di sequenze di immagini che riproducono attività anatomiche e metaboliche, è sempre maggiore. I requisiti tecnici per il trasferimento di questo tipo di immagini comportano la disponibilità di una rete che possa garantire il mantenimento delle caratteristiche di trasmissione in tempo reale, anche in condizioni di traffico intenso. Per questi motivi la telemedicina oggi guarda sempre con maggiore interesse alle telecomunicazioni satellitari come mezzo trasmissivo efficiente. Uno dei vantaggi più importanti per un servizio di telemedicina satellitare consiste indubbiamente nell'accesso rapido e sempre disponibile ad informazioni distribuite sul territorio. Condizione perché tale accesso risulti efficiente è l'organizzazione dei dati nelle varie sedi, che deve possedere i requisiti di sicurezza, facilità di accesso, qualità del recupero. Ciò vale in particolare per banche di dati ed immagini che costituiscono archivi di riferimento per specifiche patologie. In questo ambito si è sviluppato un sistema di analisi e gestione intelligente di database di immagini radiologiche polmonari. Per realizzare questo lavoro è stato necessario un preliminare studio per l'interpretazione delle immagini e quindi l'individuazione delle patologie. Questo lavoro è stato realizzato con la collaborazione di esperti nel settore radiologico ed ha permesso di individuare i migliori descrittori per la rappresentazione del contenuto. Le immagini che costituiscono il database rappresentano lastre radiografiche toraciche di soggetti affetti da noduli polmonari appartenenti a quattro categorie differenti: noduli omogenei regolari, noduli omogenei irregolari, noduli disomogenei regolari, noduli disomogenei irregolari. Si è quindi realizzato un sistema che è in grado di catalogare il nodulo in esame come farebbe un esperto. Per raggiungere questo risultato è stato necessario capire come localizzare la regione di interesse (nodulo) all'interno della lastra radiografica e successivamente come farne l'interpretazione. La localizzazione del nodulo all'interno dell'immagine è stato un compito molto difficile. A causa del basso contrasto di luminosità che caratterizza queste immagini si è dovuto ricorrere ad un algoritmo di segmentazione semi-automatico denominato Isocontorni. 5

6 Immagine Originale Immagine multivalore Punto seme Fuzzy Connectivity Thresholding Regione localizzata Threshold Immagine Originale Immagine multivalore Risultato Fig. 2 localizzazione dei noduli all interno di immagini radiografiche Il riconoscimento è stato effettuato attraverso tecniche numeriche e contestuali, sono stati creati due descrittori che rappresentano il contorno e la tessitura del nodulo come mostrato nella figura 3. Regolarità ellittica Media della varianza campione 0, ,7 0,6 0, , ,3 0, , ,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 Regolari Irregolari Omogeneo Disomogeneo Data Clustering 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0, Regolari omogenee Regolari disomogenee Irregolari omogenee Irregolari disomogenee Fig.3 Descrittori di forma e tessitura usati per il riconoscimento di nodoli. Sulla stessa tematica si è iniziato ad affrontare il problema dell'archiviazione di sequenze video usando come applicazione pilota l'indicizzazione di sequenze endoscopiche. In questo caso la realizzazione di un adeguata rappresentazione simbolica richiede una particolare attenzione sulle relazioni temporali che legano i singoli frame di una sequenza. 6

7 Infine, per quanto riguarda l'uso delle telecomunicazione satellitari per la trasmissione broadcast di servizi per l'intrattenimento (TV satellitare e video on demand) si è realizzato un piano di lavoro per poter applicare la tecnologia content based nel campo dell'elaborazione dei segnali multimediali per l'estrazione di descrittori come dettato dallo standard MPEG-7. Grazie all uso di questi descrittori, si potrà realizzare un sistema in grado di fornire un accesso simultaneo a molteplici sorgenti informative secondo un disegno di presentazione che soddisfi le richieste dell'utente. Tale sistema sarà inoltre capace di navigare in un potenziale archivio di informazione globale e scegliere automaticamente i canali di maggiore interesse in base a criteri precedentemente impostati. 7

8 2 Attività didattica svolta 2.1 Corsi Frequentati LA TECNOLOGIA AVANZATA NELLE MISSIONI INTERPLANETARIE Dr. Marcello ordini ESA Agenzia Spaziale Europea, Parigi PORTANTI FISICI E ARCHITETTURA DELLE INTERFACCE OTTICHE PER SISTEMI DI TRASMISSIONE AD ALTA VELOCITA. Ing.. Marco Camera e Ing. Alfredo Palagi della Marconi Communications In questo anno si è inoltre svolta un attività di divulgazione dei principi teorici fondamentali su cui si basa la ricerca descritta in questo documento. Si è deciso di realizzare una serie di seminari per gli studenti del corso di ingegneria elettronica con il duplice scopo di fornire una visione delle applicazioni pratiche della ricerca, e di fornire un valido strumento di progettazione di sistemi software. Nei paragrafi seguenti sono presentati con maggiore dettaglio i seminari svolti. 2.2 Esercitazioni Comunicazioni Elettriche 1 DU EO Durante lo svolgimento del corso di Comunicazioni Elettriche 1 a.a sono state svolte tre esercitazioni in aula per la preparazione alle prove di apprendimento intermedie. Durante la lezione sono stati svolti e discussi con gli studenti esercizi vertenti sui principali argomenti del corso. 2.3 Seminario TTR2: Sistemi di visualizzazione 3D Il seminario, svolto con l ausilio di un personal computer, mirava alla divulgazione delle più moderne tecniche di rendering tridimensionale usate in ambiente medico per la visualizzazione di dati volumetrici come TAC o Risonanze Magnetiche. 2.4 Seminario TTR2 programmazione ad oggetti Durante lo svolgimento del corso di Teoria e Tecniche del Riconoscimento 2 a.a sono state svolte tre lezioni sui principi di programmazione orientata agli oggetti. Sono stati inoltre presentati esempi di programmazione in C++ per dimostrare l applicazione pratica dei concetti esposti 8

9 3 Attività di ricerca prevista L attività di ricerca prevista continuerà quanto svolto fino ad oggi è sarà sempre suddivisa sui filoni di gestione intelligente di archivi di immagini telerilevate, e di sfruttamento di metodologie content based per il miglioramento dell'interattività nei sistemi di telecomunicazione satellitare. Per quanto riguarda il primo filone gli obbiettivi da raggiungere coincidono con la realizzazione del sistema di gestione la cui architettura è stata descritta nel paragrafo intitolato "attività di ricerca svolta". Una volta realizzati i moduli di riconoscimento per l'indicizzazione delle immagini in base al loro contenuto simbolico verranno implementate due applicazioni pilota per il recupero intelligente da due database di immagini telerilevate. I due database, che nel prossimo futuro saranno arricchiti con nuove immagini, attualmente costituiscono rispettivamente una collezione di immagini X-SAR e una collezione di immagini METEOSAT. La fase di implementazione di tali applicazioni sarà preceduta da un studio delle specifiche funzionali e tecnologiche basato sulle seguenti direttive: Analisi requisiti utente e analisi dati disponibili (formato contenuto ecc.) Descrizione delle specifiche funzionali risultanti dal punto di incontro tra requisiti utente e possibilità tecnologiche allo stato dell arte. Progettazione di metodi evoluti per data-retrieval specifico sulle categorie dati immagini X- SAR e immagini METEOSAT. L'allestimento di archivi di immagini integrati in sistemi di telecomunicazione satellitare rappresenta invece l attività di ricerca prevista per la tematica miglioramento dell'interattività nei sistemi di telecomunicazione satellitare. Su tale attività si vuole sperimentare la condivisione di basi di dati distribuite sul territorio tramite l'accesso alla rete satellitare. Restano da risolvere alcuni problemi tuttora aperti, quali l'adozione di procedure di compressione che riducano lo spazio di archiviazione (MPEG 7), l'impegno della rete, e quindi i costi ed i tempi di attesa, garantendo i requisiti di qualità e di sicurezza necessari. La definizione delle specifiche è fondamentale e complessa, perché deve tenere conto di vari fattori, quali per esempio il formato delle immagini. L'accesso a tali banche di immagini di riferimento sarà oggetto di sperimentazione per quanto riguarda le modalità d'interazione, la effettiva reperibilità delle informazioni desiderate, la facilità di "navigazione" all'interno dei data base e la tempistica. Gli esperimenti potranno essere fatti grazie ad un collegamento satellitare a 2 Mbit/sec fornito dal satellite ITALSAT II (13 EST) su banda Ka (20-30 GHz). Potranno inoltre essere messe a punto anche procedure di ricerca mirata o assistita, si prevede di realizzare due primi prototipi partendo da immagini radiologiche polmonari e immagini istologiche. Infine, data la sempre più grande importanza che stanno assumendo gli archivi di sequenze video, si prevede di realizzare un architettura per la gestione di database video basata sul contenuto. Le metodologie di analisi che saranno ideate verranno testate su una collezioni di dati endoscopici e su una collezione di video sportivi. 9

10 4 Attività didattica prevista Per la futura attività didattica si prevede di seguire i corsi di sistemi di telecomunicazioni 1 e sistemi di telecomunicazioni 2 le lezioni sono tenute dal professor Carlo Ragazzoni. I suddetti corsi si ritengono fondamentali per la ricerca sviluppata in quanto tra le varie tematiche vengono descritti i seguenti aspetti di telecomunicazioni satellitari: Trasmissione su canali satellitari: definizioni e proprietà, Orbite di interesse per i satelliti usati nelle telecomunicazioni (GEO, LEO e MEO); Dimensionamento di un canale trasmissione satellitare; Tecniche di trasmissione analogica su canale satellitare; Tecniche di trasmissione digitale ed accesso multiplo (FDMA, TDMA, CDMA) su canale satellitare; Diversità nelle comunicazioni satellitari; Reti satellitari multi-fascio; 10

11 5 Partecipazione a convegni e congressi 1. Convegno Comunicazione Multimediale: analisi di contenuto, modellamento, accesso e protezione dell informazione Padova Febbraio International Conference on Multimedia database and image communication MDIC99, 4-5 October 1999, Salerno, Italy. 11

12 6 Pubblicazioni 1. R.Vaccaro, Michele Bruzzo and S. Dellepiane Fuzzy Learning for Content Based Database Systems, Proc. International Conference on Multimedia database and image communication MDIC99, 4-5 October 1999, Salerno, Italy; 2. Michele Bruzzo, Fabrizio Giorgini and S. Dellepiane Indicizzazione di database di immagini basata sul contenuto, Proc. Convegno Comunicazione Multimediale: analisi di contenuto, modellamento, accesso e protezione dell informazione Padova Febbraio 2000 Italy pag. III.C-1, III.C-15; 12

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1

Anno di corso: 2004/2005. Istruzioni. Istruzioni per lo svolgimento dei progetti didattici. versione 1.1 versione 1.1 per lo svolgimento dei progetti didattici Corso di Laboratorio di Programmazione II Prof. Luca Forlizzi Anno Accademico 2004-2005 GENERALITÀ...3 Scopo del documento...3 Struttura del documento...3

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO Istruzioni per l accesso e il completamento dei corsi TRIO per gli utenti di un Web Learning Group 06 novembre 2013 Servizio A TRIO Versione Destinatari: referenti e utenti

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli