AUDIO INFORMATION RETRIEVAL E NUOVI PLUGIN AUDIO DIGITALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUDIO INFORMATION RETRIEVAL E NUOVI PLUGIN AUDIO DIGITALI"

Transcript

1 Università degli studi di Milano Facoltà di scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica e Comunicazione Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale AUDIO INFORMATION RETRIEVAL E NUOVI PLUGIN AUDIO DIGITALI Relatore: Prof. Goffredo HAUS Correlatore: Vasco BONI Elaborato finale di: Mattia Carlo CELLOTTO Matricola: Anno Accademico

2 INDICE: 1 INTRODUZIONE Audio digitale, DAW ed elaborazione del suono Plugin audio digitali e audio information retrieval 2 2 VOCALIGN Presentazione del plugin Utilizzo di Vocalign in studio Vocalign e audio information retrieval Obiettivi della fase di test del plugin TEST CON MATERIALE SINTETIZZATO Test 1: pattern ritmici dequantizzati a nota costante Analisi dei risultati Test 2: pattern ritmici a BPM diversi e nota costante Analisi dei risultati Test 3: aggiunta di pitch randomize Analisi dei risultati Raffinamenti ed ulteriori conclusioni Test 4: intervalli reiterati a valore costante Analisi dei risultati Test 5: pattern ritmici diversi con suoni polifonici Analisi dei risultati Test 6: tracce con automazione di volume Analisi dei risultati Test 7: intervalli armonici in due ottave Analisi dei risultati Test 8: diversi tempi di pitch-bend per stesse note Analisi dei risultati Test 9: note con fade-in e fade-out Analisi dei risultati Test 10: introduzione di rumore bianco Analisi dei risultati. 21 I

3 4 TEST CON CAMPIONI E MATERIALE REGISTRATO Test 11: campioni di batteria Analisi dei risultati Raffinamenti ed ulteriori conclusioni Test 12: voci e linee melodiche variabili Analisi dei risultati Test 13: sequenze di sillabe Analisi dei risultati Test 14: materiale registrato in studio e valutazione del prodotto Analisi dei risultati VOCALIGN E AUDIO INFORMATION RETRIEVAL Definizione dei percorsi di sincronizzazione Confronto del percorso del file dub con quello del file guide Scelta delle regioni del file a cui applicare time-warping MELODYNE Presentazione del plugin Melodyne in studio Melodyne e audio information retrieval Obiettivi della fase di test del plugin TEST CON MATERIALE SINTETIZZATO Test 1: introduzione di un'onda sinusoidale Analisi dei risultati Test 2: intervalli armonici circoscritti all'ottava Analisi dei risultati Test 3: sinusoidi con diverso volume Analisi dei risultati Test 4: intervalli superiori all'ottava Analisi dei risultati Identificazione manuale ed ulteriori conclusioni Test 5: accordi a voci strette Analisi dei risultati Test 6: Intervalli inferiori al semitono Analisi dei risultati II

4 7.6.2 Identificazione manuale ed ulteriori conclusioni Raffinamenti Test 7: impiego di intervalli uguali con durata decrescente Analisi dei risultati Identificazione manuale ed ulteriori conclusioni Test 8 inserimento di rumore bianco Analisi dei risultati Test 9: Attribuzione delle armoniche Analisi dei risultati TEST CON CAMPIONI E MATERIALE REGISTRATO Test 10: analisi di intervalli armonici di chitarra acustica Analisi dei risultati Test 11: utilizzo generare del plugin in studio Analisi dei risultati MELODYNE E AUDIO INFORMATION RETRIEVAL Analisi spettrale del segnale Separazione delle componenti spettrali ed assegnazione dell'energia Creazione dei blob per il display CONCLUSIONI L importanza dell Audio Information Retrieval Possibili sviluppi e applicazioni La tecnologia plasma il settore della produzione BIBLIOGRAFIA.. 62 III

5 1 Introduzione 1.1Audio digitale, DAW ed elaborazione del suono La prima audio workstation digitale vede la propria comparsa alla fine degli anni 70, questa era realizzata su un minicomputer PDP-11 della Digital Equipment Corporation, una delle prime macchine a montare microprocessori con capacità computazionali sufficienti all'elaborazione di materiale audio. Tramite comandi di tre lettere ciascuno era possibile l'aggiunta di effetti al segnale originale, un oscilloscopio forniva un supporto all'ascolto mostrando la forma d'onda del segnale. Nel 1981 Roger Nichols costruisce una DAW (Digital Audio Workstation) su un computer basato su bus S-100, uno dei primi standard derivati dall'avvento dei microcomputer. In questo sistema un hard disk Micropolis da 32 MB veniva utilizzato per modificare il segnale in uscita da un registratore a nastro. In questo periodo in cui la potenza computazionale delle macchine digitali ha ancora da svilupparsi, i tentativi di implementare workstation su computer risultavano essere più che altro sperimentazioni, gli effetti applicabili erano emulazioni di outboard analogico e non potevano presentare molti vantaggi rispetto agli originali. Nella seconda metà degli anni 80 il progresso tecnologico porta alla commercializzazione di prodotti come Apple Macintosh o Commodore Amiga, abbastanza potenti da poter gestire processi di editing di audio digitale. Negli anni seguenti i programmi per l'editing audio si moltiplicano, nel 1986 Macromedia introduce Soundedit, nel 1987 Digidesign diventa leader del settore con Sound Tools, precursore dell'attuale Pro Tools, uno degli standard più affermati nel settore degli studi di registrazione. Gli investimenti fatti nel settore delle DAW o, più generalmente, nel settore dell'audio digitale, erano favoriti dai numerosi vantaggi offerti dall'hard disk recording, tra questi se ne citano i più rilevanti per quanto riguarda la proliferazione di tali sistemi: -Possibilità di gestire file audio di grandi dimensioni. La registrazione su hard disk è spesso limitata soltanto dalla capacità dell'hard disk stesso. -Editing ad accesso casuale. La grande innovazione portata dall'audio digitale, la possibilità di accedere al file in ogni sua parte senza l'obbligo di ascolto sequenziale. -Editing non distruttivi. Questo procedimento permette di posizionare segmenti audio (detti regioni) in qualunque contesto o ordine in un programma, senza andare a modificare in nessun modo il file audio originariamente registrato. Una volta create le regioni, queste possono essere editate indipendentemente l'una dall'altra, anche se derivanti dal medesimo file, al fine di creare un unico brano musicale. -DSP. L'elaborazione del segnale digitale può essere attuata su un segmento o su un intero file, sia in real-time che in non-real-time (oramai quasi sempre in maniera non distruttiva). Ai vantaggi generali derivati dall operabilità nel dominio digitale si sommino quelli introdotti dalle DAW, finalizzati a supportare il fonico in tutte le fasi del lavoro in studio di registrazione con o senza outboard analogico: -Funzionalità avanzate di registrazione multitraccia. Editing e mixaggio. -Funzionalità di programmazione di sequenze, editing e scrittura in ambiente MIDI. -Supporto alle funzioni di elaborazione del segnale integrato o di tipo plugin. -Supporto per l'integrazione di software plugin per l'emulazione di strumenti musicale (VSTi) e programmi 1

6 musicali esterni (ReWire). Per ultima ma non meno importante, una caratteristica che ha permesso al digitale di affermarsi nel corso degli anni riguarda il costo delle apparecchiature. Se negli anni 80 il digitale presentava prestazioni inferiori all'analogico, ad oggi, con il progresso tecnologico, non solo si è raggiunto un incremento della potenza computazionale e della qualità ma anche i prezzi delle componenti hardware risultano essere scesi sensibilmente. 1.2 Plugin audio digitali e Audio Information Retrieval Con il termine plugin si intende generalmente una componente aggiuntiva sfruttata da un software principale, audio, video o di altro genere, il termine plug indica appunto l'inserimento o attivazione del plugin mediante il programma preso in considerazione, trattasi nel caso considerato di un software per registrazione ed editing in multitraccia. L'ambito digitale incorpora un requisito fondamentale per operare determinate modifiche sul segnale audio: la possibilità di lavorare in non-real-time. Quando si opera in ambito analogico il segnale è un flusso di corrente elettrica, può essere riprodotto o modificato nell'istante in cui il circuito incontra componenti atte appunto alla riproduzione o all'alterazione dell'informazione in esso presente. Equalizzatori, compressori, distorsori e o riverberi sono tutti effetti applicabili in real-time, anche strumenti (non propriamente definibili come effetti) come gli analizzatori di spettro possono lavorare in tempo reale sebbene in questo caso sia necessario operare un cambio di dominio (dal tempo alle frequenze). Il limite imposto dal realtime è l'impossibilità di operare Audio Information Retrieval di alto livello; per una analisi semanticamente complessa (identificazione di serie di note, click o altri elementi) è spesso necessario avere a disposizione l'intero file registrato ed accessibile. Con la possibilità di operare estrazione dell'informazione si possono quindi generare nuovi plugin con diversi scopi: identificazione del ritornello all'interno di un file [19], separazione di materiale polifonico ed identificazione delle singole note al suo interno (Capitolo 7), sincronizzazione di tracce con contenuto informativo simile (Capitolo 2), riconoscimento di particolari forme d'onda (es. speech recognition), identificazione dei punti degradati del file e o ricostruzione dell'informazione. Il grande vantaggio del digitale nell'ambito dell'audio Information Retrieval è quindi la possibilità di immagazzinare una traccia audio nella propria integrità. Tramite lo store è possibile accedere al file audio casualmente (da qualsiasi suo punto), analizzare e comparare parti del file con altre parti del medesimo o con quelle di altre registrazioni. I recenti sviluppi commerciali incentivano la ricerca di nuove metodologie volte all'audio Information Retrieval, elemento sempre più sfruttato nell'ambito musicale, dalla produzione in studio al lato consumer (Shazam, Midomi, Soundhound ed altri programmi per il riconoscimento di canzoni riprodotte o cantate). Le esperienze svolte in studio hanno avuto come scopo l'identificazione della componente di Audio Information Retrieval all'interno dei plugin utilizzati durante il periodo di stage, la loro valutazione ed una riflessione finale su come queste tecnologie potrebbero svilupparsi ed influire ulteriormente nel futuro nel settore. 2

7 2 Vocalign 2.1 Presentazione del plugin Vocalign è un plugin per la sincronizzazione (allineamento come suggerito dal nome) di tracce con contenuto simile, può essere utilizzato per cori così come per il doubling (doppiaggio) di tracce vocali. Sviluppato dalla casa Synchroarts, casa inglese fondata nel 1994, Vocalign trova inoltre un impiego nel settore della post-produzione video, in particolare è utilizzato per il lip-syncing, nella fase di doppiaggio, per facilitare il matching dell'audio con le immagini del video. Tra le importanti produzioni in cui è stato sfruttato il plugin si ricordano Il miglio verde ( The Green Mile, tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King) e la saga Harry Potter (Scritta da Joanne Rowling ed in seguito prodotta dalla Warner Bros) per quanto concerne la produzione di film, si citano inoltre le serie televisive degli anni 90 Friends e Seinfeld Utilizzo di Vocalign in studio Vocalign nasce dall'esigenza sempre maggiore di velocità operazionale all'interno degli studi di registrazione. Senza l'ultilizzo di questo accessorio, la sincronizzazione di due file vocali per un brano di circa 3 minuti richiede in media 50 minuti (media calcolata durante lo stage tramite la sincronizzazione di 20 tracce in 10 brani musicali) in cui il fonico, sfruttando la funzione di split (separazione) della DAW, divide la traccia dub in più segmenti, manualmente modifica quindi la posizione temporale delle regioni ottenute in base alla traccia guide ed infine verifica la presenza di fade all'inizio di ogni regione, nel punto di sovrapposizione di due segmenti ed alla fine di ogni regione. Un importante fattore da considerare nella synching manuale delle tracce è la necessità di ascolto reiterato delle modifiche che vengono apportate al file dub. Il tecnico del suono, per procedere nel traslare temporalmente le singole regioni, si affida infatti quasi esclusivamente alla forma d'onda rappresentata dal programma multitraccia, ricorrendo all'ascolto solo nella fase di indentificazione dei punti di maggiore discordanza tra traccia dub e guide. Questo approccio, per quanto valido, perde di efficacia in maniera esponenziale quando si lavora su tracce in cui la sincronia iniziale è scarsa (il fonico necessita di un riferimento di synch valido tra le due tracce come punto di partenza, una maggiore discordanza rende più difficile l'identificazione di tale riferimento), basandosi principalmente sull'osservazione delle forme d'onda, non si dimostra inoltre robusto se applicato a tracce con scarsi transienti. Vocalign richiede al fonico un rate di intervento manuale decisamente inferiore, si elencano di seguito i passi seguiti nella fase di testing del plugin per la sincronizzazione di tracce: 1) aprire il plugin in insert nella traccia dub. 2) mettere in sidechain nel plugin la traccia guide. 3) selezionare il pulsante capture. 4) mandare in play la digital audio workstation. 5) selezione del metodo di sincronizzazione (da alta flessibilità, normale o massima compressione). 6) selezione del pulsante align. 7) selezione del pulsante edit per l'ascolto e la modifica del sync. 3

8 2.2 Vocalign e Audio Information Retrieval Lo scopo principale di questo tool è quello di identificare delle corrispondenze tra un file audio principale detto guida ed uno simile ma non identico detto dub mediante Audio Information Retrieval. Lo schema (figura 1) presentato nel manuale dell'utente del plugin evidenzia 3 passaggi fondamentali: 1) analisi spettrale: entrambi i file (dub e guide) vengono processati dal medesimo analizzatore di spettro al fine da generare time-varying energy patterns (pattern di energia tempo-varianti). 2) algoritmo di allineamento temporale: tramite un'analisi avanzata dei pattern è possibile creare un percorso di warping ottimale dei picchi energetici del file dub, in questo modo è possibile far coincidere il secondo file con la guida con la minore degradazione del segnale possibile. 3) audio editing: la fase di editing consiste nella espansione o nella compressione temporale di parti del file dub identificate dall'algoritmo di allineamento temporale, questo tipo di editing è conosciuto come time-warping. Figura 1: schema a blocchi di Vocalign presentato nel manuale dell'utente. 2.3 Obiettivi della fase di test del plugin In questo plugin, la fase di Audio Information Retrieval è identificabile nei primi due passaggi; il plugin, prima di operare sul segnale dub, estrae informazioni da entrambi i file, in seguito definisce il migliore percorso temporale prima di procedere all'editing con time-warping. Pertanto, nella fase di test del plugin si è riposta particolare attenzione al tipo di analisi effettuata da Vocalign e al metodo con cui il plugin sceglie il percorso di modifica o warping temporale del file dub. 4

9 3 Test con materiale sintetizzato I test sono stati effettuati con l'utilizzo di Logic Pro 9, i progetti sono stati creati con frequenza di campionamento pari a Hz, per il test si è scelto di operare su tracce mono. La sintesi è avvenuta mediante l'utilizzo del default preset del software instrument EXS24, un'onda sinusoidale, come riferimento per il test con note ad altezza costante ad intervalli di tempo variabili è stato scelto il La 5 (880 Hz). Per la dequantizzazione, necessaria al fine di rendere differenti le tracce software instrument, si è scelto di utilizzare la funzione Humanize presente in logic, i due settaggi principalmente utilizzati (30ms e 60ms) hanno avuto come scopo quello di permettere l'identificazione di un comportamento variabile nel detecting e nella fase operativa del plugin. A partire dalle tracce virtual instrument si sono generati file audio mediante la funzione di bounce ( buttafuori ) integrata in Logic. Il passaggio è stato chiaramente necessario data la natura del plugin: Vocalign non opera su segnale MIDI, diversamente la fase di test perderebbe di valore. Le tracce generate non hanno mai superato la durata di 10 secondi in quanto il Vocalign raccomanda l'impiego della sincronizzazione su file di lunghezza non eccessiva per un utilizzo ottimale. Vocalign offre la possibilità di regolare quantità di time warping apportata al file dub, per ottenere risultati migliori si sono seguite le indicazioni del manuale dell'utente scegliendo di utilizzare il setting normal flexibility (utilizzare i due settings estremi avrebbe ridotto la variabilità dei risultati), l'editing è stato impostato sulla nella modalità standard time domain, più versatile rispetto alla frequency domain, indicata come idonea alla sincronizzazione di materiale con una sola nota. Si è optato inoltre per l'utilizzo del plugin in modalità avanzata per avere la possibilità di intervenire manualmente nel detecting dei punti di synch. Uno screenshot delle impostazioni utilizzate durante il testing del plugin è mostrato in figura 2. Figura 2: impostazioni utilizzate durante la fase di test. 5

10 3.1 Test 1: pattern ritmici dequantizzati a nota costante Il primo test effettuato ha avuto come oggetto la sincronizzazione di una sequenza di note di intensità e altezza costante con una traccia dub contenente la medesima informazione dequantizzata. Per traslare temporalmente i comandi di note-on, come accennato, si è utilizzata la funzione Humanize di Logic. Il valore scelto in questo caso per il randomize è stato di 30 ms, pertanto, nella traccia dub si sono venute a creare divergenze temporali dei comandi di note on per un massimo di 30 ms. Il compito di Vocalign è stato quello di riportare le note della traccia dub alla posizione originale (quantizzata) con la minore perdita di informazione possibile Analisi dei risultati Mediante il primo test si sono identificati due principali comportamenti assunti dal plugin: 1) Nel primo caso (figura 3) si denota una traslazione temporale dell'intera nota, il plugin effettua quindi la compressione o espansione temporale del file dub (la dove è possibile) in punti di assenza di informazione. Riportando le tracce traslate secondo questo criterio in fase con il dub originale ed in seguito applicando una phase inversion su di esse l'output risultante dalla riproduzione contemporanea dei due file è nullo (le due tracce sono identiche). Si deduce quindi da questo primo comportamento che il plugin effettua preferibilmente time-warping in zone prive di segnale la dove queste sono presenti, lasciando del tutto inalterato il contenuto informativo delle zone non nulle, senza applicazione di fadein o fade-out. È importante notare come la sincronizzazione non riporti il file dub precisamente ai punti di attacco del file guide, le informazioni di fase non sembrano incidere sul output del plugin. La distanza temporale tra gli attacchi delle note è ridotta ad un range che va da 1 ms a 9 ms, questo intervallo potrebbe derivare dalla larghezza della funzione di finestratura con la quale il software analizza il segnale, addizionalmente, istruzioni psicoacustiche in merito alla percezione di segnali pressoché contemporanei (temporal masking) potrebbero essere sfruttate dal plugin, in modo da limitare l'intervento in base ai limiti della sensibilità umana (~20 ms di tolleranza prima della percezione distinta dei due attacchi). 2) Il secondo caso, seppur manifestatosi sporadicamente (2 transienti su 15), evidenzia un comportamento leggermente diverso dal primo. In questo caso il plugin ha applicato un fade-in al segnale della durata media di 3 ms (figura 4), senza modificare il contenuto del segnale nella fase di sostegno e senza applicare un fade-out alla medesima nota. In entrambi i casi riscontrati il file dub allineato risulta essere (seppur non perfettamente) in fase 6

11 con il file guide, anche in questo caso il fade-in potrebbe essere conseguenza dei limiti dettati dalla analisi spettrale del segnale, diversamente, in base alla considerazione fatta riguardo la fase dei due segnali, il plugin potrebbe scegliere di applicarlo per evitare il raddoppio della percezione della intensità nella fase di attacco del suono. Figura 3: in azzurro il file guide, in verde il file dub, in rosso il file allineato. Figura 4: in azzurro il file guide, in verde il file dub, in rosso il file allineato. 7

12 3.2 Test 2: pattern ritmici a BPM diversi e nota costante Il primo test ha permesso una serie di deduzioni riguardo la fase di analisi del plugin. Per poter osservare un intervento più completo da parte del software si è deciso di procedere con un' ulteriore modifica del file dub. Utilizzando la funzione Humanize di Logic, oltre a traslare temporalmente i punti di attacco delle note, è inoltre possibile assegnare un valore random per la modificarne la durata. Tramite la generazione di una discordanza di durata delle note, Vocalign ha dovuto riportare le regioni del file dub presso quelle del file guide, richiamando inoltre la funzione di time warping in modo tale da rendere nuovamente concordanti le due tracce. Per l'apporto di tali modifiche si sono mantenuti i 30 ms utilizzati come maximum randomize value (test 1) per quanto riguarda la traslazione dei comandi di note on, si è scelto un valore di 60 ms per la modifica della durata di tali note. In questo modo si sono create discordanze di un nuovo genere: regioni di durata inferiore a quella originale con attacco ritardato e rilascio anticipato, regioni con comandi di note on antecedente quello originale e con comando di note off seguente quello della medesima nota nel file guide Analisi dei risultati L'analisi dei risultati del secondo test ha evidenziato la validità degli algoritmi utilizzati dal plugin: tutte le 15 note modificate nel file dub sono state correttamente riportate in sincronia con il file guide, le rimanenti discordanze temporali registrate tra il file originale e quello allineato variano tra i 2 ms ed i 10 ms, sia nella fase di attacco, sia in quella di rilascio, solo in un caso si è registrato un gap di 15 ms tra due comandi di note on. Come anticipato, i casi particolari riscontrati si riconducono principalmente a due categorie: 1) Nel primo caso il file dub presentava note di durata superiore a quella originale. In questa eventualità il plugin ha operato principalmente tagliando una parte del file (avendo lavorato con un'unica sinusoide non è stato possibile identificare la posizione del taglio), ciò nonostante non si evidenziano discontinuità nel segnale, pertanto, se il taglio fosse stato eseguito nella fase di sostegno delle note, si potrebbe ipotizzare che il plugin sfrutti le informazioni di fase e zero-crossing in modo tale da non alterare la stazionarietà dell'onda. In alcuni casi, fade-in e fade-out (mediamente da 4 a 7 ms) sono stati applicati al segnale dub; i limiti dettati dall'utilizzo di una sola sinusoide a frequenza costante non hanno reso possibile definire se questi due comportamenti di manifestino in mutua esclusione o se questi siano utilizzati parallemente dal software. 2) Nel secondo caso le note nel file dub avevano durata inferiore a quella delle corrispettive nel file guide. In questo caso il plugin ha restituito in output note di lunghezza superiore a quella iniziale con frequenza costante e con forma d'onda esente da irregolarità. È possibile che il plugin abbia eseguito un azione di copia e incolla interna al file dub, alternativamente si potrebbe considerare la presenza di una funzione simile a quella di spectral repair di Izotope RX, funzione che studia lo spettro del segnale prima e dopo i punti di discordanza per mediarne la ricostruzione. Si può escludere l'eventualità 8

13 secondo la quale il software utilizzerebbe parti del file guide all'interno del file dub; un simile approccio porterebbe notevoli scompensi quali effetti di chorus e cancellazioni di fase. 3.3 Test 3: aggiunta di pitch randomize Nel terzo test si è posta particolare attenzione all'algoritmo di analisi spettrale e comparazione della traccia dub con quella guide. Tramite l'applicazione di un pitch randomize, si sono modificati i valori di altezza delle note nella traccia dub in modo tale da creare per la prima volta una differenza di contenuto spettrale tra i due file. La modifica è stata sommata a quella presente nel test 1, è stata apportata con la funzione pitch randomize di Logic 9 indicando come range di valori l'ottava compresa tra il Do 5 ed il 6 (considerato che fino ad ora si era lavorato al valore costante di 880 Hz, frequenza corrispondente al La della quinta ottava). Dati i risultati precedentemente raccolti, questo test ha avuto il compito di stabilire l'entità dell'analisi spettrale effettuata da vocalign; se il plugin non avesse analizzato il contenuto spettrale dei file, i risultati ottenuti non si sarebbero allontanati da quelli raccolti dal test 1 in quanto volume e traslazione temporale rimangono invariati Analisi dei risultati Il test ha messo in luce le problematiche da cui il plugin è affetto, queste sono probabilmente derivate dalla convivenza di informazioni legate ai transienti e di altre legate al contenuto spettrale del segnale. Nella sequenza dub, come anticipato, le note sono state generate con altezza random compresa tra Do 5 e Do 6, il file guide presentava invece un intervallo compreso tra Fa 5 e Do# 6, conseguentemente, nella progressione, due Sol 5 sono venuti a trovarsi ad una distanza di 0,72 s, separati da una nota della sequenza (figura 5). Il plugin ha sfruttato la potenza del calcolo non-real-time per modificare la lunghezza delle note antecedenti tale incidenza in modo tale da sincronizzare le due note con stesso pitch. Data la durata variabile delle note, al fine di apportare tale sincronizzazione il plugin ha eseguito diversi tagli nel file dub, rendendo la sequenza temporalmente più breve (figura 6). Figura 5: A) File MIDI da cui è stato generato il file guide. B) File MIDI da cui è stato generato il file dub. 9

14 Figura 6: in azzurro il file guide, in verde il file dub, in rosso il file allineato. La sincronizzazione del Sol 5 (in viola) è stata mediata tramite il taglio di un Do 5 (prima nota in giallo) e l'adattamento delle note seguenti a quelle del file guide Raffinamenti ed ulteriori conclusioni Onde evitare falsi positivi si è ripetuta l'esperienza con la sola modifica dell'altezza del Sol 5 (apparente causa della serie di modifiche apportate) in La 5. Il plugin ha esibito un comportamento identico a quello riscontrato nel test precedente, forzando la sincronizzazione del La 5 con il Sol 5 della traccia guide con gli stessi tagli visti nell ultimo esperimento. Le considerazioni precedentemente fatte riguardo l'analisi spettrale vengono quindi a perdere di valore, si è reso pertanto necessario un test in cui l'analisi spettrale fosse assolutamente necessaria per generare un output corretto. 3.4 Test 4: intervalli reiterati a valore costante Dati gli esiti della fase 3 dei test, il test 4 ha avuto il compito di determinare l' effettiva esistenza di una fase di analisi spettrale nell'algoritmo di Vocalign. Si è quindi generata nella traccia guide una serie di 12 note (Fa e Fa# alternati) di valore uguale ad un ottavo, separate da pause con medesimo valore. Nella traccia dub la medesima sequenza ha inizio con un ottavo di ritardo, in questo modo (applicando le funzioni di Humanize sfruttate nel test 1) le probabilità non condizionate di sincronizzare un Fa nel file dub con un Fa o Fa# nel file guide sono pressochè uguali (50% circa delle possibilità con random Humanize). 10

15 In caso di assenza di analisi spettrale il plugin avrebbe quindi avuto una probabilità del 50% di sincronizzare correttamente le note (non considerando altri possibili fattori come influenti nella fase di sincronizzazione), le due sequenze sono mostrate in figura 7. Figura 7: A) Sequenza MIDI da cui è stato generato il file guide. B) Sequenza MIDI da cui è stato generato il file dub Analisi dei risultati Nel file sincronizzato Vocalign ha assegnato correttamente la corrispondenza verticale tra le due note. Nonostante questo risultato, è possibile che il plugin abbia sincronizzato correttamente la sequenza semplicemente considerando le prime due note dei due file come corrispondenti. Per verificare questa ipotesi si è quindi invertita la sequenza di note nel file guide, lasciando invariati tutti i parametri restanti. Anche in questo caso il plugin ha allineato le prime note delle due sequenze, facendo corrispondere ad un Fa# (nella sequenza guide) un Fa (nella sequenza dub). Anche in questo test il primo risultato è stato registrato come falso positivo: il punto di riferimento per la sincronizzazione sembra quindi essere rappresentato dalla forma d'onda dei segnali nel tempo e non dal loro spettro. 3.5 Test 5: pattern ritmici diversi con suoni polifonici L'inserimento della componente polifonica ha avuto come scopo principale una migliore identificazione dei punti di editing del segnale. Per la prima esperienza con materiale polifonico si è deciso di aggiungere al La da 880 Hz utilizzato nei test precedenti il La 2 (110 Hz). Nel file guide i comandi di note on e note off per le due diverse sinusoidi sono contemporanei, nel file dub l'impiego della funzione di Humanize ha creato uno spostamento temporale, pertanto, se nel file guide ciò che si manifesta è una forma d'onda complessa costante nel tempo, nel file dub questa forma d'onda è identificabile nel mezzo di zone che presentano prima e o dopo una singola sinusoide da 880 o 110 Hz. 11

16 3.5.1 Analisi dei risultati L'esperienza svolta conferma (come tutte le esperienze svolte prima di questa) l'efficacia del plugin nel sincronizzare a meno di 15 ms circa di distanza le note del file dub con quelle del file guide. Nel test 2 è stata riscontrata una modifica della durata delle note nel file sincronizzato, in tale occasione non è stato possibile determinare i punti di inizio e fine dell'editing applicato da Vocalign. I risultati ottenuti da questo test hanno permesso di identificare queste zone di editing: 1) In figura 8 è mostrato l'allineamento con espansione di una nota del file dub. In questo caso la fase di attacco (880Hz) è lasciata inalterata, invertendo la fase del file dub dopo il riallineamento i due segnali si annullano. La fase di sostegno presenta contemporaneamente una sinusoide a 880 Hz ed una a 110 Hz, in questo punto il plugin ha ricostruito un periodo (circa 18 ms) in modo tale da sincronizzare il rilascio del file dub con quello nel file guide. Nella fase finale Vocalign ha nuovamente aggiunto un periodo al file dub, tuttavia in questo caso la modifica è stata apportata senza apparente motivo in quanto l'assenza di segnale guide avrebbe portato ad aspettarsi piuttosto un taglio. Figura 8: in azzurro il file guide, in verde il file dub, in rosso il file allineato. 2) Un'ulteriore conferma del comportamento è evidenziata dalla sincronizzazione presentata in figura 9: in questo caso la lunghezza della nota nel file dub era maggiore della corrispettiva nel file guide. Il plugin non ha modificato la fase di attacco né ha editato la regione finale del file, mantenendo per entrambe le sinusoidi presenti tutti i periodi, il test in controfase conferma l'inalterazione di entrambe le regioni. 12

17 Nella fase intermedia invece il plugin ha ridotto i periodi dell'onda complessa da 19 a 13, riducendo di circa 0,05 s la durata di questa regione. In questo caso il plugin sembra aver modificato la zona di durata superiore alle altre due per fare in modo che i due suoni (dub e guide) finissero contemporaneamente. Invertendo di fase questa regione (e riducendo la riproduzione alla sua durata) la riproduzione del file dub e quello allineato non dà somma nulla. Il motivo risiede in un modesto timewarping applicato dal plugin, probabilmente impiegato per permettere la rimozione dei 6 periodi dell'onda complessa. Dal test si deduce quindi la tendenza del plugin a non modificare zone di inizio e fine del segnale, agendo invece su fasi di stazionarietà più estese sia quando lo scopo è quello di estendere la durata del suono, sia quando l'obiettivo è quello di ridurla. È importante denotare un diverso comportamento nell'editing della durata dei segnali: nel primo esempio Vocalign allinea le due forme d'onda simili in quanto vicine, non considerando la coda in eccesso nel file dub, nel secondo caso il plugin preferisce invece applicare un taglio in modo tale da far coincidere la fine di entrambi i segnali. Figura 9: in azzurro il file guide, in verde il file dub, in rosso il file allineato. 3.6 Test 6: tracce con automazione di volume Come spiegato nella presentazione del plugin, Vocalign trova impiego in diversi settori, non necessariamente legati direttamente alla musica. In quello della post-produzione video sarebbe pressoché inutile avere un plugin influenzato nelle operazioni dal contenuto spettrale del segnale, in questi casi (e probabilmente anche in quello musicale) è preferibile lo sfruttamento di informazioni relative ai picchi del segnale. Per questo test si è quindi deciso di inserire un automazione di volume nella traccia dub, lasciando inalterati i 13

18 punti di note on e note off, la durata ed il pitch della traccia da sincronizzare. L'automazione è stata inserita tramite l'utilizzo dell'apposito comando di Logic, creando rapide variazioni di 6 db volume (Figura 10) nella traccia MIDI da cui si è generato il file dub. Nella seconda fase del test si sono quindi invertite le automazioni, in modo tale da verificare l'influenza della variazione del volume nell'editing apportato da Vocalign. Figura 10: automation tool di Logic Analisi dei risultati I risultati ottenuti da questo test hanno evidenziato una costante secondo la quale il plugin opera: in tutti i casi riscontrati Vocalign restituisce note con compressione del segnale in punti di volume inferiore ed espansione delle zone a volume maggiore (figura 11). Questo comportamento non è condizionato dalla lunghezza delle suddette regioni, infatti, anche in note dove il volume preponderante era inferiore di 6 db Vocalign ha applicato il medesimo editing, a volte spostando inoltre la traccia dub, già perfettamente sincronizzata con la guide (lo spostamento massimo registrato è di 8 ms). Figura 11: in azzurro il file guide, in verde i file dub con automation complementari invertite, in rosso i due file allineati. Inizialmente si è pensato che i risultati potessero essere stati influenzati dal volume delle note prese come riferimento nel file dub, aventi tutte volume pari a +6 db, ripetendo il test con la traccia guide composta da note di volume inferiore però i risultati non sono variati di molto. Anche in questo caso Vocalign ha restituito in 14

19 output note composte prevalentemente da regioni con volume superiore, andando a ridurre notevolmente (mediamente di 40 ms) quelle con volume inferiore di 6 db. Dopo aver denotato la costanza con cui il plugin edita secondo questo criterio si è quindi ipotizzato che Vocalign preferisca considerare maggiormente il segnale con volume più alto sia per il contenuto informativo maggiore, sia per evitare che zone con volume alto abbiano durata limitata e che quindi vengano percepite come fastidiosi squilli. In alcuni casi si è notato che, risincronizzando file dub e file allineato lungo le zone di incremento del volume, Vocalign ha mantenuto le distanze tra i vari punti in cui era stato applicato l'incremento di 6 db (figura 12). Figura 12: file dub in verde e file dato in output da Vocalign in rossi risincronizzati manualmente. Anche questo test ha confermato il disinteresse di Vocalign per quanto concerne la fase del segnale, d'altronde il plugin è stato ideato per segnali complessi e non stazionari, in tali casi una cancellazione di fase importante con il file guide risulterebbe comunque improbabile. Il secondo caso presentato in figura 12 evidenzia un editing molto simile a quello già riscontrato nel test 5 (figura 8), probabilmente anche in questo caso il plugin ha operato considerando il volume del segnale, anche se in tale test il volume risultava essere maggiore non per una sua modifica ma per la somma delle due onde sinusoidali. 3.7 Test 7: intervalli armonici in due ottave Dati gli esiti dei test precedenti il test 7 ha avuto il compito di determinare se l'editing apportato da Vocalign sia in qualche modo condizionato dal contenuto spettrale del segnale o se il plugin operi effettivamente senza estrazione di informazioni di questo tipo. Per il test si sono quindi generate 4 serie di 3 suoni polifonici composti da una tonica a 880 Hz e da un'altra sinusoide con frequenza variabile da 440 Hz a 1760 Hz (rispettivamente La 4 e La 6). Nel file guide le prime due serie prevedevano suoni di durata di 0,38 secondi, le seconde due erano invece composte da sinusoidi con durata pari a 0,75 secondi. Nei diversi file dub si sono quindi generati a partire dalla sinusoide da 880 Hz dieci intervalli armonici diversi, 5 con una nota più bassa della tonica, 5 con nota più alta. Nella prima serie si è quindi ridotta la durata della nota più bassa prima con un taglio di 42 ms, poi di 80 ms ed infine di 120 ms, nella seconda serie si è fatto lo stesso con la nota più alta (figura 13). Nelle ultime due serie con durata di 0,75 secondi i tagli applicati sono stati di 125 ms, 190 ms e 300 ms (figura 14). 15

20 Figura 13: prime due serie di intervalli. Figura 14: seconde due serie di intervalli Analisi dei risultati I risultati confermano come Vocalign operi diversamente a seconda del contenuto spettrale del segnale, anche in casi in cui i tagli applicati sono identici. Per effettuare l'allineamento il plugin ha in alcuni casi compresso la parte iniziale della nota (formata da due sinusoidi), facendo coincidere la fine del suono dub con quella del suono guide, in altri casi il plugin ha esteso la fase iniziale, spostando l'inizio della seconda regione nel punto in cui il suono guida aveva termine. Note Prima serie Seconda serie Terza serie Quarta serie A4 Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Inc. B4 Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. D5 Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Escl. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Inc. E5 Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Escl. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. G5 Inc. Inc. Inc. Escl. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. B5 Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. D6 Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. Inc. E6 Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. G6 Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. Inc. Inc. Inc. A6 Inc. Inc. Escl. Inc. Inc. Inc. Escl. Escl. Escl. Escl. Escl. Escl. Tabella 1: Schema dei dati raccolti, con Escl. si indica la sincronizzazione con espansione della regione polifonica e conseguente spostamento di quella formata da un'unica sinusoide, con Inc. si intende la sincronizzazione del rilascio della nota nel file dub con quello della nota nel file guide. 16

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts M. Bigi, M. Jacchia, D. Ponteggia Metodi di misura e di elaborazione del segnale nella riproduzione elettroacustica del suono Rimini, 38

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI DJCONTROL MP3 LE E DJUCED 18

GUIDA RAPIDA ALL USO DI DJCONTROL MP3 LE E DJUCED 18 GUID RPID LL USO DI DJCONTROL MP3 LE E DJUCED 18 Installazione Inserisci il CD-ROM. vvia il programma di installazione. Segui le istruzioni. Ulteriori informazioni (forum, tutorial, video...) disponibili

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

1 di 6 29/06/2014 11:51

1 di 6 29/06/2014 11:51 1 di 6 29/06/2014 11:51 Nuova sezione Fine Tuning! Per parlare di cavi, connettori, tavolini, accessori vari, tutto ciò che occorre per aggiungere quel piccolo quid che manca al vostro impianto. "Il suono

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare.

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare. GUIDA VELOCE INTRODUZIONE Questa Guida è stata scritta per offrirvi le informazioni necessarie per iniziare ad utilizzare Saffire LE, installare il software fornito, autorizzare la suite di plug-in VST/AU

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8.

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. 1 PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE D3L (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. CX via ottavio rinuccini, 3 milano info@labirintiacustici.it

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com TIP-ON BLUMOTION Due funzioni combinate in modo affascinante www.blum.com Tecnologia innovativa TIP-ON BLUMOTION unisce i vantaggi del supporto per l apertura meccanico TIP-ON con il collaudato ammortizzatore

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Novation Bass Station II

Novation Bass Station II PARTENZA Bass Station II può essere utilizzato come sintetizzatore autonomo, o con le connessioni MIDI da/per altri moduli timbrici o tastiere. Può anche essere collegato con la sua porta USB ad un computer

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti

I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti I dati audio Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti Campionamento Moltiplicare il segnale per l impulso di campionamento t f max f t f c 2f c f t f max f c 2f c f f c -f max

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 PREMESSE FONDAMENTALI REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL SZIGET & HOME SOUND FEST 2015 -- selezioni nazionali per il Sziget Festival 2015 di Budapest (HU) e per l Home Festival 2015 di Treviso -- La selezione denominata SZIGET

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA c Marzo 2011 0.1 Premessa Queste note sullo studio dell armonia nascono come strumento di supporto per i corsi di armonia (principale o complementare)

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione Rita D Ostuni matr. 13918, Anastasia Porcu matr. 03410 Lezione del 1/05/014 ora 09:30-1:30 Acustica: La qualità del suono INDICE della lezione del 1/05/014 - Tempo di riverberazione 1 - La risposta all

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli