EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus)"

Transcript

1 EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) Codice K a edizione Il kit contiene reagenti sufficienti per test. Per Dako Autostainer/Autostainer Plus Reagenti facoltativi: Codice Nome prodotto Test K8004 EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) K8005 EnVision FLEX Target Retrieval Solution, Low ph (50x) K8006 EnVision FLEX Antibody Diluent K8007 K8018 K8019 K8022 EnVision FLEX Wash Buffer (20x) EnVision FLEX Hematoxylin, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) EnVision FLEX+ Rabbit (LINKER), (Dako Autostainer/Autostainer Plus) EnVision FLEX+ Mouse (LINKER), (Dako Autostainer/Autostainer Plus) Altre opzioni K8020 FLEX IHC Microscope Slides 500 ( ) P03909IT_01_K8010/ p.1/11

2 Indice generale Pagina Uso previsto... 3 Cenni introduttivi... 3 Reagenti... 4 A. Materiali forniti... 4 B. Materiali necessari ma non forniti... 5 C. Reagenti facoltativi... 5 Precauzioni... 6 Conservazione... 6 Preparazione dei reagenti... 7 Raccolta e preparazione dei campioni... 7 Procedura... 8 A. Procedura di pretrattamento... 8 B. Procedura di colorazione... 9 Controllo della qualità Interpretazione dei risultati Limiti Spiegazione dei simboli ( ) P03909IT_01_K8010/ p.2/11

3 ITALIANO Uso previsto Per uso diagnostico in vitro. Il sistema di rilevazione Dako EnVision FLEX è idoneo ad essere utilizzato nei test di immunoistochimica unitamente agli strumenti Dako Autostainer/Autostainer Plus. Il sistema rileva gli anticorpi primari di topo e di coniglio e visualizza la reazione mediante il prodotto EnVision FLEX DAB+ Chromogen. Se utilizzato con EnVision FLEX+ Rabbit (LINKER) (codice K8019) o EnVision FLEX+ Mouse (LINKER) (codice K8022), è possibile ottenere un amplificazione del segnale degli anticorpi primari rispettivamente di topo o di coniglio. I reagenti EnVision FLEX sono idonei per essere utilizzati su sezioni di tessuto fissate in formalina e incluse in paraffina. Cenni introduttivi Il sistema di rilevazione Dako EnVision FLEX è stato formulato per essere un sistema flessibile e fornisce una colorazione ottimale sugli strumenti Dako Autostainer/Autostainer Plus, quando si utilizza il protocollo consigliato in questo foglietto illustrativo. Prima della colorazione, è necessario che le sezioni di tessuto fissate in formalina e incluse in paraffina vengano sottoposte alla rimozione della paraffina e all idratazione, seguite dallo smascheramento termoindotto dell epitopo (HIER, Heat-Induced Epitope Retrieval) con il metodo di smascheramento dell epitopo specificato nel foglietto illustrativo dell anticorpo primario. Vedere anche la sezione Procedura per la preparazione dei campioni 3-in-1. Il codice K8010 comprende EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) (DM828). In alternativa, si consigliano EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) (codice K8004) o EnVision FLEX Target Retrieval Solution, Low ph (50x) (codice K8005). Alcuni anticorpi primari necessitano di un pretrattamento enzimatico del tessuto anziché di un trattamento HIER per assicurare una colorazione ottimale. È necessario bloccare la perossidasi endogena con EnVision FLEX Peroxidase-Blocking Reagent (DM821) incluso nel kit. Vista l efficacia della procedura di lavaggio e la presenza di proteine stabilizzanti nei reagenti Dako, non sono necessarie fasi di bloccaggio extra per ridurre la colorazione aspecifica dello sfondo. Si consiglia di utilizzare EnVision FLEX Wash Buffer (20x) (DM831) incluso nel kit o disponibile quale reagente facoltativo (codice K8007). Gli anticorpi primari non sono forniti con il kit. Si consiglia di utilizzare Dako FLEX Ready-to-Use Primary Antibodies o Dako concentrated Primary Antibodies. Si consiglia di utilizzare EnVision FLEX Antibody Diluent (codice K8006) per la diluizione di Dako concentrated Primary Antibodies. EnVision FLEX+ Rabbit (LINKER) (codice K8019) può essere applicato per un ottima amplificazione del segnale degli anticorpi primari di coniglio. Per l amplificazione del segnale quando si usano anticorpi primari di topo, può essere applicato EnVision FLEX+ Mouse (LINKER) (codice K8022 o incluso nel codice K8012) Come suggerimento: EnVision FLEX+ Rabbit (LINKER) fornisce un amplificazione del segnale di 2 3 volte, mentre EnVision FLEX+ Mouse (LINKER) fornisce un amplificazione del segnale di 4 5 volte. Il reagente Dako EnVision FLEX /HRP detection reagent (DM822), contenuto nel kit, è costituito da una catena di destrano a cui si appaiano le diverse molecole di perossidasi di rafano (HRP) e dell anticorpo secondario. Per l appaiamento entra in gioco una speciale reazione chimica che consente il legame di un massimo di 100 molecole di HRP e un massimo di 20 molecole di anticorpo per ogni catena. Il sistema substrato contenuto nel kit è costituito da due componenti: EnVision FLEX DAB+ Chromogen (DM827), soluzione concentrata di diaminobenzidina (DAB), e EnVision FLEX Substrate Buffer (DM823), tampone contenente perossido di idrogeno. Prima dell uso è necessario diluire EnVision FLEX DAB+ Chromogen in EnVision FLEX Substrate Buffer. Il sistema substrato genera un prodotto di colore marrone intenso nel sito dell antigene bersaglio. Per la colorazione di contrasto si consiglia di utilizzare EnVision FLEX Hematoxylin (codice K8018). Il reagente fornisce una colorazione del nucleo azzurro chiaro. È possibile montare le sezioni di tessuto colorate con un mezzo acquoso o un solvente organico. ( ) P03909IT_01_K8010/ p.3/11

4 Reagenti A. Materiali forniti DM821 DM822 DM827 DM823 DM828 DM831 EnVision FLEX Peroxidase-Blocking Reagent 10 x 13 ml, pronto all uso Tampone fosfato contenente perossido di idrogeno, 15 mmol/l NaN 3 e detergente. EnVision FLEX/HRP 10 x 13 ml, pronto all uso Destrano appaiato a molecole di perossidasi e a molecole di anticorpo secondario di capra contro le immunoglobuline di coniglio e topo. In soluzione tamponata contenente proteina stabilizzante e conservante. EnVision FLEX DAB+ Chromogen 3 x 3 ml 3,3 -diaminobenzidina tetracloridrato in solvente organico. Il colore di questo reagente può variare da viola intenso a neutro senza incidere sulle prestazioni del kit. EnVision FLEX Substrate Buffer 20 x 13 ml Soluzione tamponata contenente perossido di idrogeno e conservante. EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) 9 x 30 ml, ad una concentrazione 50x Tampone Tris/EDTA, ph 9 EnVision FLEX Wash Buffer (20x) 4 x 1 L, ad una concentrazione 20x Soluzione salina tamponata-tris contenente Tween 20, ph 7,6 (±0,1). ( ) P03909IT_01_K8010/ p.4/11

5 B. Materiali necessari ma non forniti Strumenti Dako Autostainer/Autostainer Plus Dako PT Link Dako Proteinase K, Ready-to-Use (se necessario) Dako FLEX Ready-to-Use Primary Antibodies o anticorpi primari di coniglio o topo concentrati a marchio Dako opportunamente diluiti DakoFLEX Ready-to-Use Rabbit o Mouse Universal Negative Control o un reagente di controllo negativo equivalente per l anticorpo primario Utensili per strumenti Dako Vetrini per microscopio, per es. FLEX IHC Microscope Slides Reagenti generici di laboratorio per la rimozione della paraffina dalle sezioni di tessuto incluse in paraffina Mezzo di montaggio (acquoso o solvente organico) e vetrini coprioggetto C. Reagenti facoltativi K8004 DM828 K8005 DM829 K8006 DM830 K8007 DM831 K8018 DM826 K8019 DM825 K8022 DM824 EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) 3 x 30 ml, ad una concentrazione 50x Tampone Tris/EDTA, ph 9 EnVision FLEX Target Retrieval Solution, Low ph (50x) 3 x 30 ml, ad una concentrazione 50x Tampone Citrate, ph 6.1 EnVision FLEX Antibody Diluent 120 ml, ready-to-use Tampone Tris, ph 7.2, contenente 15 mmol/l NaN 3 e proteina. EnVision FLEX Wash Buffer (20x) 1 L, ad una concentrazione 20x Soluzione salina tamponata-tris contenente Tween 20, ph 7.6 (±0,1). EnVision FLEX Hematoxylin 10 x 13 ml, pronto all uso Soluzione acquosa di ematossilina. EnVision FLEX+ Rabbit (LINKER) 3 x 13 ml, pronto all uso Soluzione tamponata contenente proteina stabilizzante e un agente antimicrobico. EnVision FLEX+, Mouse (LINKER) 3 x 13 ml, pronto all uso Soluzione tamponata contenente proteina stabilizzante e un agente antimicrobico. ( ) P03909IT_01_K8010/ p.5/11

6 Precauzioni 1. Per uso professionale. 2. EnVision FLEX /HRP, EnVision FLEX+ Mouse (LINKER) e EnVision FLEX+ Rabbit (LINKER) contengono materiale di origine animale, pertanto non è possibile escludere la presenza di tracce di materiale umano lasciate durante il processo produttivo. Adottare le normali procedure previste per il trattamento dei prodotti di origine biologica. 3. Non esporre il prodotto EnVision FLEX DAB+ Chromogen EnVision FLEX Substrate Buffer o EnVision FLEX Substrate Working Solution a fonti di luce intensa durante la procedura. 4. Su richiesta, è disponibile una scheda di sicurezza per utenti professionisti per EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) e EnVision FLEX Target Retrieval Solution, Low ph (50x). 5. Su richiesta, è disponibile una scheda di sicurezza per utenti professionisti per EnVision FLEX Wash Buffer (20x). 6. Su richiesta, è disponibile una scheda di sicurezza per utenti professionisti per EnVision FLEX Peroxidase-Blocking Reagent. 7. EnVision FLEX DAB+ Chromogen contiene 1 5% di 3,3 -diaminobenzidina tetracloridrato e riporta l etichetta: Nocivo. R40 Prove limitate di un effetto cancerogeno. R43 Può causare sensibilizzazione in caso di contatto con la cute. R68 Possibile rischio di effetti irreversibili. S35 Non disfarsi del prodotto e del recipiente se non con le dovute precauzioni. S36/37 Indossare abbigliamento e guanti protettivi adeguati. Di norma, l utilizzo di questo prodotto non è consentito ai minori di 18 anni. Gli utenti devono essere accuratamente informati relativamente alla procedura di lavoro adeguata, alle proprietà pericolose del prodotto e alle istruzioni di sicurezza necessarie (secondo la Direttiva dell Unione Europea 94/33/EC). Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla scheda di sicurezza dei materiali (Material Safety Sheet, MSDS) corrispondente. USA: 3,3 -diaminobenzidina (DAB) può essere nociva se inalata, a contatto con la cute e se ingerita. Il materiale è irritante per occhi e cute. Se tale sostanza entra a contatto con la cute, lavare l area interessata con sapone e acqua. NOTA: anche se la diaminobenzidina è strutturalmente correlata alla benzidina, non esiste alcuna prova della cancerogenicità della diaminobenzidina. Consultare le direttive federali, statali o locali per lo smaltimento. 8. Il reagente facoltativo EnVision FLEX Antibody Diluent (codice K8016) contiene sodio azide (NaN 3 ), una sostanza chimica fortemente tossica in forma pura. Sebbene non sia classificato come prodotto rischioso, il contenuto di sodio azide alle concentrazioni indicate può reagire con il rame e il piombo delle tubature formando azidi metalliche fortemente esplosive. Durante lo smaltimento, sciacquare le tubature con abbondante acqua per prevenire l eventuale accumulo di azide metallica. 9. Indossare dispositivi di protezione personale per evitare il contatto con la cute e gli occhi. 10. Una soluzione inutilizzata deve essere smaltita secondo le direttive locali, statali e federali. Conservazione Conservare i reagenti EnVision FLEX e EnVision FLEX+ ad un temperatura pari a 2 8 C. Conservare EnVision FLEX Hematoxylin (codice K8018) al buio a temperatura ambiente. Non utilizzare dopo la data di scadenza stampata sulle fiale. Se i reagenti sono conservati in condizioni diverse da quelle specificate, le loro condizioni dovranno essere verificate dall utente. Dopo la preparazione, conservare la Substrate Working Solution a 2 8 C, al buio e usarla entro 5 giorni. Qualora si ottenga una colorazione imprevista, che non sia cioè giustificata da un cambiamento delle procedure di laboratorio ma sia dovuta ad un probabile problema del prodotto, contattare l Assistenza Tecnica Dako. ( ) P03909IT_01_K8010/ p.6/11

7 Preparazione dei reagenti A.1 EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) (DM828, codice K8004) Diluire una quantità sufficiente di EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) a un rapporto di 1:50 utilizzando acqua distillata o deionizzata per la procedura di colorazione pianificata. La soluzione diluita inutilizzata può essere conservata a 2 8 C per un mese. Se si usa Dako PT Link per il pretrattamento, è possibile eseguire la diluizione versando il contenuto della fiala di Target Retrieval Solution (50x) nel serbatoio Dako PT Link e aggiungendo acqua distillata o deionizzata fino alla linea contrassegnata (linea di riempimento). Eliminare la soluzione se appare torbida. Se abbinata a PT Link per la procedura di preparazione del campione 3 in 1, la soluzione diluita può essere utilizzata 3 volte nell arco di 5 giorni, a condizione che venga conservata a temperatura ambiente. A.2 EnVision FLEX Target Retrieval Solution, Low ph (50x) (DM829, codice K8005) Diluire una quantità sufficiente di EnVision FLEX Target Retrieval Solution, High ph (50x) a un rapporto di 1:50 utilizzando acqua distillata o deionizzata per la procedura di colorazione pianificata. Se si usa Dako PT Link per il pretrattamento, è possibile eseguire la diluizione versando il contenuto della fiala di Target Retrieval Solution (50x) nel serbatoio Dako PT Link e aggiungendo acqua distillata o deionizzata fino alla linea contrassegnata (linea di riempimento). La soluzione diluita inutilizzata può essere conservata a 2 8 C per un mese. Eliminare l a soluzione se appare torbida. Se abbinata a PT Link per la procedura di preparazione del campione 3 in 1, la soluzione diluita può essere utilizzata 3 volte nell arco di 5 giorni, a condizione che venga conservata a temperatura ambiente. A.3 EnVision FLEX Wash Buffer (20x) (DM831, codice K8007) Diluire una quantità sufficiente di EnVision FLEX Wash Buffer (20x) secondo un rapporto 1:20 utilizzando acqua distillata o deionizzata per la procedura di colorazione pianificata. Diluire aggiungendo il Wash Buffer concentrato in una quantità presmisurata di acqua distillata o deionizzata onde ridurre la formazione di schiuma. Mescolare delicatamente finché la soluzione diluita è omogenea. La soluzione diluita inutilizzata può essere conservata a 2 8 C per un mese. Eliminare la soluzione se appare torbida. Se abbinata a PT Link per la procedura di preparazione del campione 3 in 1, la soluzione diluita può essere utilizzata 3 volte nell arco di 5 giorni, a condizione che venga conservata a temperatura ambiente. A.4 EnVision FLEX Substrate Working Solution La EnVision FLEX Substrate Working Solution contenente DAB viene preparata miscelando con cura 1 goccia di EnVision FLEX DAB+ Chromogen (DM827) per 1 ml EnVision FLEX Substrate Buffer (DM823). Usare EnVision FLEX Substrate Working Solution entro 5 giorni (conservare al buio a 2 8 C). Raccolta e preparazione dei campioni I campioni possono essere delle sezioni di tessuto fissate in formalina, incluse in paraffina. Il tempo di fissazione dipende dal fissativo e dal tipo/spessore di tessuto. Per esempio, i blocchi di tessuto con spessore di 3 4 mm devono essere fissati in formalina tamponata neutra per ore. Lo spessore ottimale delle sezioni incluse in paraffina è di circa 4 µm. I campioni devono essere montati su vetrini per microscopio, per es. FLEX IHC Microscope Slides (codice K8020). Montare le sezioni sui vetrini distendendole il più possibile, finché non risultano completamente lisce. I risultati della colorazione possono essere compromessi dalla presenza di un numero eccessivo di pieghe. NOTA: le dimensioni dei vetrini per microscopio devono essere adeguate ai requisiti dello strumento Dako Autostainer/Autostainer Plus in uso. Per una definizione dei vetrini per microscopio idonei, fare riferimento al manuale dell operatore dello strumento Dako in uso. Montare le sezioni in paraffina da un bagnomaria preriscaldato contenente acqua distillata o deionizzata. Il bagnomaria non deve contenere additivi quali gelatina, polilisina, ecc. Asciugare le sezioni a una temperatura in genere non superiore a 60 C per almeno 60 minuti. Per far sì che le sezioni aderiscano perfettamente ai vetrini, prima di avviare la fase di asciugatura rimuovere tutta l acqua intrappolata sotto. ( ) P03909IT_01_K8010/ p.7/11

8 Procedura Gli strumenti Dako Autostainer/Autostainer Plus usano tecniche basate su diversi principi che assicurano risultati ottimali. Prima di eseguire i protocolli sullo strumento Dako Autostainer/Autostainer Plus, leggere attentamente il manuale dell operatore per lo strumento Dako specifico. Per garantire la riproducibilità dello smascheramento dell epitopo, si consiglia si caricare sempre completamente il contenitore dei vetrini. Tale operazione assicura un riscaldamento uniforme delle sezioni in ogni seduta. A. Procedura di pretrattamento Procedura consigliata per la preparazione del campione 3 in 1 utilizzando PT Link È possibile effettuare deparafinizzazione, reidratazione e usare la tecnica HIER (Heat-Induced Epitope Retrieval) su sezioni di tessuto fissate in formalina e incluse in paraffina servendosi della procedura di preparazione dei campioni 3 in Preparare una soluzione di lavoro diluendo la EnVision FLEX Target Retrieval Solution a un rapporto di 1:50 in acqua distillata o deionizzata. 2. Riempire i serbatoi PT Link con una quantità sufficiente di (1,5 L) di soluzione di lavoro sufficiente a ricoprire le sezioni di tessuto. 3. Impostare PT Link per preriscaldare la soluzione fino a raggiungere una temperatura di 65 C. 4. Immergere le sezioni di tessuto montate, fissate in formalina, e incluse in paraffina in EnVision TM FLEX Target Retrieval Solution preriscaldata (soluzione di lavoro) nei serbatoi PT Link quindi incubare per minuti a 97 C. Il tempo di incubazione o ttimale dovrebbe essere determinato dall utente. 5. Lasciare raffreddare le sezioni in PT Link finché la temperatura non raggiunge 65 C. 6. Rimuovere ogni rack per vetrini Autostainer con i vetrini dal serbatoio PT Link e immergere immediatamente i vetrini in un vaso/serbatoio (per es. PT Link Rinse Station, codice PT109) contenente il tampone EnVision Wash Buffer (20x) diluito, a temperatura ambiente. 7. Lasciare i vetrini immersi nel tampone EnVision FLEX Wash Buffer (20x) diluito a temperatura ambiente, per 1 5 minuti. 8. Posizionare i vetrini su uno strumento Autostainer/Autostainer Plus e procedere con la colorazione. Le sezioni non devono essiccarsi durante il trattamento o durante la procedura di colorazione immunoistochimica. 9. Dopo la colorazione, si consiglia di eseguire le operazioni di disidratazione, schiarimento e montaggio permanente. NOTA: quando viene utilizzata su PT Link per la procedura di preparazione del campione 3 in 1, la soluzione Target Retrieval diluita e il tampone Wash Buffer diluito possono essere utilizzati 3 volte in un periodo di 5 giorni, se conservati a temperatura ambiente. Procedura HIER utilizzando PT Link Dopo la rimozione della paraffina e l idratazione con il tampone (acqua), le sezioni di tessuto devono essere sottoposte allo smascheramento termoindotto dell epitopo (HIER): 1. Preparare una soluzione di lavoro diluendo EnVision Target Retrieval Solution (50x) a un rapporto di 1:50 in acqua distillata o deionizzata. 2. Riempire i serbatoi PT Link con una quantità sufficiente di (1,5 L) di soluzione di lavoro sufficiente a ricoprire le sezioni di tessuto. 3. Impostare PT Link per preriscaldare la soluzione fino a raggiungere una temperatura di 65 C. 4. Deparaffinare manualmente e reidratare le sezioni di tessuto montate sul vetro dei vetrini. Per una migliore adesione del tessuto al vetrino, si consiglia l uso di vetrini silanizzati o rivestiti. 5. Immergere le sezioni di tessuto a temperatura ambiente in EnVision Target Retrieval Solution preriscaldata (soluzione di lavoro) quindi incubare per circa minuti a 97 C. Il tempo di incubazione ottimale dovrebbe essere determinato dall utente. 6. Lasciare raffreddare le sezioni in PT Link finché la temperatura non raggiunge 65 C. ( ) P03909IT_01_K8010/ p.8/11

9 7. Rimuovere ogni rack per vetrini dal serbatoio PT Link e immergere immediatamente i vetrini in un vaso/serbatoio (per es. PT Link Rinse Station, codice PT109) contenente il tampone EnVision FLEX Wash Buffer (20x) diluito, a temperatura ambiente. 8. Lasciare i vetrini immersi nel tampone EnVision FLEX Wash Buffer (20x) diluito a temperatura ambiente, per 1 5 minuti. 9. Posizionare i vetrini su uno strumento Dako Autostainer/Autostainer Plus e procedere con la colorazione. Le sezioni non devono essiccarsi durante il trattamento o durante la procedura di colorazione immunoistochimica. 10. Dopo la colorazione dei vetrini, montare i vetrini utilizzando un mezzo di montaggio acquoso o non acquoso. NOTA: quando la procedura viene utilizzata su PT Link per HIER, la soluzione Target Retrieval diluita e il tampone Wash Buffer diluito possono essere utilizzati 3 volte in un periodo di 5 giorni, se conservati a temperatura ambiente. Procedura HIER utilizzando vaschette Coplin: Dopo la rimozione della paraffina e l idratazione con il tampone (acqua), le sezioni di tessuto devono essere sottoposte allo smascheramento termoindotto dell epitopo (HIER): 1. Immergere in un bagnomaria le vaschette per la colorazione contenenti la soluzione diluita EnVision FLEX Target Retrieval Solution (50x). 2. Riscaldare il bagnomaria e le vaschette riempite con la soluzione EnVision FLEX Target Retrieval Solution (soluzione di lavoro) a C. Coprire le vaschette con i coperchi in modo da stabilizzare la temperatura e impedire l evaporazione. 3. Immergere le sezioni a temperatura ambiente nelle vaschette per la colorazione con la soluzione EnVision FLEX Target Retrieval Solution (soluzione di lavoro) precedentemente riscaldata. 4. Riportare la temperatura del bagnomaria e della soluzione EnVision FLEX Target Retrieval Solution a C. Incubare per 20 ( ±1) minuti a C. 5. Rimuovere tutta la vaschetta con i vetrini dal bagnomaria. Lasciare i vetrini a temperatura ambiente nella soluzione EnVision FLEX Target Retrieval Solution per 20 (±1) minuti, in modo che si raffreddino. 6. Decantare la soluzione EnVision FLEX Target Retrieval Solution e lavare le sezioni con EnVision FLEX Wash Buffer (20x) diluito e a temperatura ambiente per 1 5 minuti. 7. Posizionare il cestello con le sezioni lavate in uno strumento Dako Autostainer/Autostainer Plus. Iniziare immediatamente la seduta di colorazione precedentemente programmata. NOTA: quando la procedura viene utilizzata su vaschette Coplin HIER, la soluzione Target Retrieval diluita e il tampone Wash Buffer diluito possono essere utilizzati 1 sola volta (monouso). Esistono alcuni epitopi che non tollerano il trattamento HIER e altri che necessitano di un pretrattamento enzimatico. Fare riferimento al foglietto illustrativo dell anticorpo primario Dako corrispondente. Evitare che le sezioni di tessuto si secchino durante il trattamento o nella successiva fase di colorazione immunoistochimica. Affinché le sezioni di tessuto aderiscano perfettamente ai vetrini, si consiglia di utilizzare FLEX IHC Microscope Slides (codice K8020). B. Procedura di colorazione Gli anticorpi FLEX Dako Ready-to-Use Primary Antibodies possono essere utilizzati con il sistema di rilevazione Dako EnVision FLEX+ su sezioni di tessuto fissate in formalina e incluse in paraffina. Il foglietto illustrativo dell anticorpo primario concentrato fornisce le istruzioni sulla diluizione per gli anticorpi primari concentrati Dako. È necessario diluire gli anticorpi primari concentrati usando EnVision FLEX Antibody Diluent (DM830, codice K8006). I cicli di colorazione e i tempi di incubazione sono preimpostati nel software di Dako Autostainer/Autostainer Plus con i seguenti protocolli: Protocollo modello: FLEX_200 (200 µl volume da dispensare) o FLEX_300 (300 µl volume da dispensare) Autoprogramma per cicli di colorazione: ( ) P03909IT_01_K8010/ p.9/11

10 FLEX (protocollo FLEX) FLEX_Mo (protocollo FLEX+ Mouse (LINKER)) FLEX_Rb (protocollo FLEX+ Rabbit (LINKER)) La fase Extra deve essere impostata su tampone di lavaggio nei cicli di colorazione con 10 vetrini. La fase Extra deve essere impostata su none per cicli di colorazione con più di 10 vetrini. Ciò garantisce dei tempi di lavaggio confrontabili. Tutte le fasi di incubazione devono svolgersi a temperatura ambiente. Per dettagli, fare riferimento al manuale dell operatore relativo allo strumento dedicato. Se i protocolli non sono disponibili sullo strumento Dako Autostainer utilizzato, rivolgersi all Assistenza Tecnica Dako. I tempi di incubazione ottimali dell anticorpo primario e di EnVision FLEX /HRP dipendono dall anticorpo primario applicato. Fare riferimento al foglietto illustrativo dell anticorpo primario Dako corrispondente. L utente deve verificare il protocollo applicato. Al termine della procedura di colorazione, è necessario montare i campioni. Si consiglia di eseguire le operazioni di disidratazione, schiarimento e montaggio permanente se i vetrini sono stati trattati secondo la procedura di preparazione del campione 3 in 1. I vetrini trattati seconda la procedura HIER possono essere montati usando un mezzo di montaggio acquoso o permanente. Per il montaggio acquoso, si consiglia di utilizzare mezzi di montaggio quali Dako Glycergel Mounting Medium, codice C0563, o Faramount Aqueous Mounting Medium, codice S3025. Controllo della qualità Ogni seduta di colorazione dovrebbe includere un campione di controllo positivo noto per confermare che le prestazioni di tutti i reagenti siano adeguate. Se il campione di controllo positivo non produce una colorazione positiva, la marcatura dei campioni analizzati non può essere considerata valida. È necessario includere un reagente di controllo negativo con ogni campione per identificare l eventuale colorazione aspecifica. Se non è possibile distinguere la colorazione aspecifica dalla colorazione specifica, la marcatura dei campioni di analisi non può essere considerata valida. Interpretazione dei risultati La soluzione Substrate Working Solution contenente diaminobenzidina produce un colore marrone nel sito dell antigene bersaglio che viene riconosciuto dall anticorpo primario. Il colore marrone deve essere visibile nel campione di controllo positivo nel punto in cui è prevista la presenza dell antigene bersaglio. L eventuale colorazione aspecifica sarà di tipo marrone piuttosto diffuso e interesserà i vetrini sottoposti a trattamento con il reagente di controllo negativo. I nuclei risulteranno blu a causa della colorazione di contrasto a base di ematossilina. Limiti 1. Solo per uso automatizzato su strumenti Dako Autostainer. Quando si esegue la colorazione manualmente, la procedura ottimale va determinata e verificata a cura dell utente, salvo diverse indicazioni riportate nel foglietto illustrativo del Dako Primary Antibody specifico. 2. Usare solo su sezioni di tessuto fissate in formalina e incluse in paraffina. Quando si usano sezioni congelate o strisci cellulari, la procedura ottimale va determinata e verificata a cura dell utente, salvo diverse indicazioni riportate nel foglietto illustrativo del Dako Primary Antibody specifico. Le variazioni della procedura possono influire sul numero di test forniti nel kit. ( ) P03909IT_01_K8010/ p.10/11

11 Spiegazione dei simboli Num ero di catalogo Lim iti di temperatura Data di sc adenza Dis positivo m edico diagnostico in vitro Contiene m ateriale per <n> test Produttore Consultare le is truzioni per l uso Codice batch Nocivo I sistemi Dako EnVision sono coperti dal Brevetto USA n e dal Brevetto Europeo n Prodotto da: Dako North America, Inc. Prodotto per: Dako Denmark A/S Produktionsvej 42 DK-2600 Glostrup Danimarca Tel Fax ( ) P03909IT_01_K8010/ p.11/11

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 -

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 - SeroCP Quant IgA I Applicazioni SeroCP Quant IgA è un Enzyme Linked Immunosorbent Assay (ELISA) per la determinazione semiquantitativa di anticorpi IgA specie specifici anti Chlamydia pneumoniae nel siero

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2008 04 29 Versione: 3.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ZytoDot CISH 2C Probe Kit Codice prodotto: C-3022 Applicazi zione one: Solo per uso

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Dosaggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa in vitro della 25-idrossivitamina D 2 e D 3 (25OH-D 2 e 25OH-D 3 ) nel siero.

Dosaggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa in vitro della 25-idrossivitamina D 2 e D 3 (25OH-D 2 e 25OH-D 3 ) nel siero. Dosaggio immunoenzimatico per la determinazione quantitativa in vitro della 25-idrossivitamina D 2 e D 3 (25OH-D 2 e 25OH-D 3 ) nel siero. RIEPILOGO Dosaggio immunoenzimatico MicroVue per la 25-OH vitamina

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

PRIM SILICAT CH 10 L KAN

PRIM SILICAT CH 10 L KAN 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione della società/dell'impresa Dipartimento

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Foglietto illustrativo QuantiFERON -TB Gold (QFT ) ELISA 2 x 96 (n di catalogo 0594-0201)

Foglietto illustrativo QuantiFERON -TB Gold (QFT ) ELISA 2 x 96 (n di catalogo 0594-0201) Foglietto illustrativo QuantiFERON -TB Gold (QFT ) ELISA 2 x 96 (n di catalogo 0594-0201) 20 x 96 (n di catalogo 0594-0501) Test dell'ifn-γ sul sangue intero per la misurazione delle risposte agli antigeni

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio 3M Italia, Novembre 2010 Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio Bollettino Tecnico 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax: 02 70058174 E-mail itgraphics@mmm.com

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Lavastoviglie a nastro

Lavastoviglie a nastro NE ECO2 Lavastoviglie a nastro 5 buoni motivi per scegliere la serie NE ECO2 1 Igiene Le vasche stampate con gli spigoli arrotondati garantiscono una pulizia accurata della macchina. 2 Affidabilità La

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH

Application Note 1. BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6. Technology and Application Engineering Martin GmbH Application Note 1 BGA Re-Balling on Expert 4.6 and 9.6 Technology and Application Engineering Martin GmbH Intro Gli utilizzatori delle stazioni Martin Expert 04.6, 07.6 e 09.6 possono utilizzare le oro

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Esempio di posizione dell incisione

Esempio di posizione dell incisione Grazie per avere acquistato questo orologio Citizen. Prima di usarlo le raccomandiamo di leggere con attenzione questo manuale d uso in modo da procedere nel modo corretto. Dopo la lettura del manuale

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART A Codice prodotto :

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli