Allegato A. indice: 1. Normativa di riferimento; 2. Servizio di Assistenza Educativa Scolastica A.E.S.; a. Definizione; b.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato A. indice: 1. Normativa di riferimento; 2. Servizio di Assistenza Educativa Scolastica A.E.S.; a. Definizione; b."

Transcript

1 Allegato A LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (AES), ASSISTENZA ALLA COMUNICAZIONE (DS), TIFLOLOGICO E TRASPORTO (STAD) IN FAVORE DI ALUNNI CON DISABILITÁ A.S. 2015/2016. indice: 1. Normativa di riferimento; 2. Servizio di Assistenza Educativa Scolastica A.E.S.; a. Definizione; b. Destinatari c. Modalità di presentazione delle domande e tempistica; d. Criteri e modalità di attivazione dei servizi; 3. Servizio di Assistenza alla Comunicazione D.S.; a. Definizione; b. Destinatari; c. Modalità di presentazione delle domande e tempistica; d. Criteri e modalità di attivazione dei servizi; 4. Servizio Tiflologico: a. Definizione; b. Destinatari; c. Modalità di presentazione delle domande e tempistica; d. Criteri e modalità di attivazione dei servizi; 5. Servizio di Trasporto S.T.A.D.; a. Definizione; b. Destinatari; c. Modalità di presentazione delle domande; d. Criteri e modalità di erogazione del contributo; 6. Commissione Tecnica Provinciale: a. Composizione; b. Funzioni; c. Competenze; 1

2 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge n. 104 Legge quadro per l assistenza e l integrazione sociale dei diritti delle persone handicappate ; Decreto Legislativo n. 297 Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione ; Decreto Legislativo n. 112 che all art comma 1- lettera c), attribuisce alle Province la competenza in merito ai servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli alunni con handicap o in situazione di svantaggio frequentanti gli Istituti Scolastici Superiori, tra questi il servizio di trasporto e il servizio di assistenza educativa, conseguentemente all assegnazione di risorse in misura utile a garantire la congrua copertura degli oneri ( combinato disposto con art. 2 comma 3 - ); Legge n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali che all art.7 attribuisce alle Province il concorso alla programmazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali da realizzare mediante la raccolta delle conoscenze e dei dati sui bisogni, l analisi dell offerta assistenziale e l approfondimento dei fenomeni sociali più rilevanti, la promozione di iniziative di formazione e la partecipazione alla definizione e all attuazione dei Piani di Zona ; Legge Regionale n. 34 Politiche regionali per i minori che all art.4 comma quintolettera e), conferma in capo alle Province le competenze riguardanti le persone con minorazione sensoriale ; D.C.P.M n. 185 Regolamento recante modalità e criteri per l individuazione dell alunno come soggetto in situazione di handicap ai sensi dell art. 35 comma 7 Legge n. 289 ; Legge Regionale n. 19 Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia che conferma le disposizioni contenute nel Decreto Legislativo n. 112 ; Legge Regionale n. 3 Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e socio-sanitario" che all art.12 lettera e) prevede tra le competenze provinciali la realizzazione di interventi a sostegno delle persone con disabilità sensoriale finalizzati all integrazione scolastica; Sentenza del Consiglio di Stato sez. V n. 1930/13 Reg. Coll. n /2011 Reg. Ric. Del 4/4/2013; Decreto Legge n. 104 convertito dalla Legge n. 128 del 8 novembre 2013, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca; Programma regionale di Sviluppo (PRS) della X Legislatura, di cui alla D.C.R. n. X/78 del e il Piano di azione regionale per la programmazione delle politiche integrate di istruzione, formazione e lavoro e del sistema universitario lombardo approvato con D.C.R. n. IX/365 del ; 2

3 Legge n. 56 Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni che nel disciplinare il nuovo ordinamento e le funzioni fondamentali delle province stabilisce che restino comunque ferme le funzioni delle regioni nelle materie di cui all art. 117, commi terzo e quarto e le funzioni esercitate ai sensi dell art. 118 della Costituzione; art. 1, comma 89 stabilisce che le funzioni di competenza regionale, che nell ambito del processo di riordino sono trasferite dalle province ad altri enti territoriali, continuano ad essere da esse esercitate fino alla data dell effettivo avvio di esercizio da parte dell ente subentrante ; D.M n. 184 Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze, con il quale vengono ripartite tra le Regioni le risorse finanziarie a favore degli studenti anche con disabilità, al fine di favorire il raggiungimento dei più alti livelli negli studi, nonché il conseguimento del pieno successo formativo, attraverso l incremento dell offerta dei servizi per facilitare l accesso e la frequenza dei corsi ; 2. SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA AES a) Definizione del servizio: il servizio di Assistenza Educativa Scolastica viene erogato avvalendosi di un assistente educativo scolastico che supporta l alunno con disabilità allo scopo di favorirne il massimo grado di autonomia e la comunicazione personale, migliorarne l apprendimento, la vita di relazione e l integrazione scolastica. b) Destinatari del servizio: è considerato persona con disabilità l alunno in possesso di diagnosi funzionale ai sensi dell art. 3 della Legge 104/92 e di idonea certificazione attestante lo stato di disabilità, residente nel territorio della Provincia di Monza e della Brianza, frequentante la scuola secondaria di II grado o corsi di formazione professionale in diritto dovere di istruzione e formazione. Si ricorda a tal proposito che per poter inoltrare la richiesta del servizio è necessario essere in possesso della Diagnosi Funzionale rilasciata da UONPIA ( o da altro servizio autorizzato), nella quale sia esplicitamente barrata la richiesta di assistenza educativa per la comunicazione e le relazioni sociali a scuola. c) Modalità di presentazione della domanda e tempistica: gli utenti che intendono usufruire del servizio AES per l anno scolastico 2015/2016, dovranno presentare formale richiesta alla Provincia di Monza e Brianza dal.. al. utilizzando i moduli scaricabili al link :. Modulo I: rinnovo domanda del servizio AES in assenza di variazioni rispetto all a.s. 2014/15 il modulo potrà pervenire con le seguenti modalità: appuntamento (nr. telefono /2763) Modulo II: prima presentazione domanda di AES il modulo, unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità del richiedente e del destinatario del servizio e alla Diagnosi Funzionale aggiornata,nella quale sia esplicitamente barrata la richiesta del servizio di assistenza educativa scolastica potrà pervenire con le seguenti modalità: 3

4 d. Criteri e modalità di attivazione del servizio AES: Le domande pervenute alla Provincia di Monza e Brianza entro il termine previsto verranno valutate in base alla presenza dei requisiti richiesti. Si ricorda a tal proposito che eventuali domande sprovviste della documentazione necessaria, in corso di validità e completa in tutte le sue parti, non verranno accolte. A fronte dell accoglimento delle domande, la Provincia di Monza e della Brianza assegnerà un contributo economico parametrato in relazione al grado di disabilità, a finanziamento delle ore dirette di affiancamento allo studente. Eventuali altre situazioni di disabilità complessa potranno essere sottoposte alla valutazione da parte della Commissione Tecnica Provinciale a seguito di formale richiesta da parte dell Ambito competente ed in base alle effettive disponibilità finanziarie. Le domande pervenute fuori termine potranno essere sottoposte a valutazione in apposite riunioni della Commissione Tecnica Provinciale, che verranno eventualmente programmate in base alle effettive disponibilità finanziarie. 3. SERVIZIO DI ASSISTENZA ALLA COMUNICAZIONE (DISABILITA SENSORIALE) - DS a. Definizione del servizio: il servizio di Assistenza alla Comunicazione ha l obiettivo di accompagnare la persona con disabilità sensoriale verso il massimo grado di autonomia possibile e viene erogato avvalendosi di un assistente alla comunicazione qualificato, che affianca e supporta la persona con disabilità sensoriale e agisce nella compensazione delle difficoltà comunicative conseguenti alla condizione di sordità e/o cecità. b. Destinatari del servizio: sono le persone con disabilità sensoriale, in possesso di idonea certificazione, residenti nel territorio della Provincia di Monza e della Brianza frequentanti l asilo nido, la scuola dell infanzia, la scuola primaria, la scuola secondaria di I e II grado, corsi di formazione professionale e l università, compreso il perfezionamento post laurea entro l età massima di 26 anni. È considerata persona con disabilità sensoriale colui/colei che presenta: cecità o ipovisione con visus non superiore a 2/10 in ciascun occhio; sordità o ipoacusia con una perdita uditiva superiore a 60 decibel da entrambi gli orecchi. Si ricorda a tal proposito che per poter inoltrare la richiesta del servizio è necessario essere in possesso dei seguenti documenti: per il/la bambino/a iscritto/a all asilo nido, relazione del medico specialista nella quale sia esplicitamente richiesto il servizio di assistenza alla comunicazione; 4

5 per gli alunni a partire dalla scuola dell infanzia, Diagnosi Funzionale (mod. DF) rilasciata da UONPIA( o da altro servizio autorizzato), nella quale sia esplicitamente barrata la richiesta di assistenza specialistica per l autonomia personale accompagnamento per la comunicazione ; certificazione specialistica con esame audiometrico riportante la perdita uditiva espressa in decibel e/o esame oculistico riportante il visus espresso in decimi. c. Modalità di presentazione della domanda e tempistica: gli utenti che intendono usufruire del servizio DS per l anno scolastico 2015/2016, dovranno presentare formale richiesta alla Provincia di Monza e della Brianza dal.. al. utilizzando i moduli scaricabili al link Modulo I: rinnovo domanda del servizio DS in assenza di variazioni rispetto all a.s. 2014/15 il modulo potrà pervenire con le seguenti modalità: Modulo II: rinnovo domanda del servizio DS per l anno scolastico 2015/2016 con variazioni per passaggio di ciclo o cambiamenti della situazione personale dell utente (es. aggravamento) rispetto all a. s. 2014/15 il modulo unitamente alla Diagnosi Funzionale (o relazione del medico specialista solo per bambini dell asilo nido) aggiornata o attestante la variazione della situazione dell utente, in cui sia esplicitamente barrata la richiesta del servizio di assistenza alla comunicazione e l esame audiometrico e/o esame oculistico aggiornato o attestante la variazione della situazione dell utente potrà pervenire con le seguenti modalità: - Modulo III: prima presentazione domanda di DS il modulo unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità del richiedente e del destinatario del servizio unitamente alla Diagnosi Funzionale (relazione del medico specialista solo per bambini dell asilo nido) in cui sia esplicitamente barrata la richiesta del servizio di assistenza alla comunicazione e l esame audiometrico e/o esame oculistico aggiornato potrà pervenire con le seguenti modalità:

6 d. Criteri e modalità di attivazione del servizio DS: Le domande pervenute alla Provincia di Monza e della Brianza entro il termine previsto verranno valutate in base alla presenza dei requisiti richiesti. Si ricorda a tal proposito che eventuali domande sprovviste della documentazione necessaria, in corso di validità e completa in tutte le sue parti, non verranno accolte. A fronte dell accoglimento delle domande, la Provincia di Monza e Brianza assegnerà un contributo economico parametrato in relazione al grado di disabilità, a finanziamento delle ore dirette di affiancamento allo studente. La condizione di pluridisabilità verrà riconosciuta esclusivamente agli alunni in possesso di Diagnosi Funzionale nella quale sia esplicitamente barrata la richiesta di entrambi i servizi (assistenza alla comunicazione ed assistenza educativa per scolastica), frequentanti la scuola secondaria di II grado o corsi di formazione professionale. Le domande pervenute fuori termine potranno essere sottoposte a valutazione in apposite riunioni della Commissione Tecnica Provinciale, che verranno eventualmente programmate in base alle effettive disponibilità finanziarie. 4. Servizio tiflologico. a. Definizione del servizio: il servizio tiflologico offre un sostegno alle famiglie, alle scuole e alle strutture educative, alla rete dei servizi sociali educativi e assistenziali del territorio, ad opera di un tiflologo, nella predisposizione del percorso formativo dell alunno con minorazione visiva, indicando con interventi personali e specifici, le strategie, la metodologia e i sussidi più adeguati per l organizzazione dell attività educativa. b. Destinatari del servizio: sono studenti affetti da disabilità sensoriale, ciechi e ipovedenti, in possesso della Diagnosi Funzionale aggiornata e/o attestante la variazione della situazione dello studente; c. Modalità di presentazione della domanda: gli utenti che intendono usufruire del servizio Tiflologico per l anno scolastico 2015/2016, dovranno presentare formale richiesta alla Provincia di Monza e Brianza dal.. al. utilizzando i moduli scaricabili al link.. Modulo I: rinnovo domanda del servizio tiflologico in assenza di variazioni rispetto all a. s. 2014/15 il modulo potrà pervenire con le seguenti modalità: 6

7 Modulo II: rinnovo domanda del servizio tiflologico per l anno scolastico 2015/2016 con variazioni per passaggio di ciclo o cambiamenti della situazione personale dell utente (es. aggravamento) rispetto all a. s. 2014/15 il modulo unitamente alla Diagnosi Funzionale (o relazione del medico specialista solo per bambini dell asilo nido) aggiornata o attestante la variazione della situazione dell utente, in cui sia esplicitamente barrata la richiesta del servizio di assistenza alla comunicazione e l esame oculistico aggiornato o attestante la variazione della situazione dell utente potrà pervenire con le seguenti modalità: - Modulo III: prima presentazione domanda di servizio tiflologico il modulo unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità del richiedente e del destinatario del servizio unitamente alla Diagnosi Funzionale (relazione del medico specialista solo per bambini dell asilo nido) in cui sia esplicitamente barrata la richiesta del servizio di assistenza alla comunicazione e l esame oculistico aggiornato potrà pervenire con le seguenti modalità: ,00 alle ore 16,30; d. Criteri e modalità di attivazione del servizio Tiflologico a) Interventi tiflopedagogici. a. sostegno alle famiglie, alle scuole e alle strutture educative, alla rete dei servizi sociali educativi e assistenziali del territorio, ad opera di un tiflologo nella realizzazione del progetto di integrazione delle persone con disabilità visiva fino alle scuole secondarie di secondo grado; b) Interventi tifloinformatici. a. Si tratta dell abilitazione del ragazzo non vedente all uso del display braille, del software per l accesso al pc e delle principali funzioni informatiche senza uso del mouse. L attività viene svolta da un tifloinformatico (esperto di informatica e didattica relativa alle periferiche specifiche per non vedenti e ipovedenti); Le attività previste saranno suddivise in tre differenti fasce definite in maniera direttamente proporzionale al grado di intensità degli interventi stessi. La tipologia degli interventi erogati inoltre varia in base alla condizione di gravità della disabilità (in considerazione dell eventuale presenza di compromissioni 7

8 cognitive e/o patologie aggiuntive), ed alle potenzialità di sviluppo e di recupero cognitivo, dell apprendimento e dell autonomia della persona. 5.SERVIZIO TRASPORTO ALUNNI DISABILI (STAD) a. Definizione del servizio: il Servizio di Trasporto per allievi con disabilità consiste nel trasporto dello studente nel tragitto casa/scuola e viceversa ed ha l obiettivo di favorire la regolare frequenza scolastica e, più in generale, il diritto allo studio. In particolare il servizio di trasporto si pone come obiettivo principale quello di facilitare gli spostamenti nel tragitto casa/scuola di persone con disabilità non autosufficienti, che non sono in grado di servirsi dei mezzi pubblici per raggiugere strutture scolastiche/formative e presentano una significativa compromissione dell autonomia, che deve essere certificata da idonea documentazione sanitaria rilasciata dallo specialista di riferimento. La Provincia di Monza e della Brianza riconoscerà un contributo economico direttamente alle famiglie degli studenti disabili che ne faranno esplicita richiesta attraverso la compilazione dell apposita modulistica. b. Destinatari del servizio: sono studenti affetti da disabilità fisica, psichica e/o sensoriale, in possesso di idonea documentazione, residenti nel territorio della Provincia di Monza e della Brianza frequentanti la scuola secondaria di II grado o corsi di formazione professionale in diritto dovere di istruzione e formazione. c. Modalità di presentazione della domanda di STAD: gli utenti che intendono usufruire del servizio STAD per l anno scolastico 2015/2016, dovranno presentare formale richiesta alla Provincia di Monza e Brianza dal.. al. utilizzando i moduli scaricabili al link.. Modulo I: rinnovo domanda del servizio STAD in assenza di variazioni rispetto all a. s. 2014/15 il modulo potrà pervenire con le seguenti modalità: Modulo II: rinnovo domanda del servizio STAD per l anno scolastico 2015/2016 con variazioni per passaggio di ciclo o cambiamenti della situazione personale dell utente (es. aggravamento) rispetto all a. s. 2014/15 il modulo, unitamente alla Diagnosi Funzionale aggiornata o attestante la variazione della situazione dell utente nella quale sia esplicitamente barrata la necessità del servizio di trasporto, potrà pervenire con le seguenti modalità: 8

9 Modulo III: prima presentazione domanda di STAD il modulo, unitamente alla copia del documento di identità in corso di validità del richiedente e del destinatario del servizio e alla Diagnosi Funzionale aggiornata nella quale sia esplicitamente barrata la necessità del servizio di trasporto, potrà pervenire con le seguenti modalità: d. Criteri e modalità di erogazione del contributo per il servizio STAD: A fronte dell accoglimento delle domande, la Provincia di Monza e della Brianza assegnerà direttamente alle famiglie un contributo economico. Il valore economico del contributo massimo riferito a ciascun soggetto destinatario, che non potrà in ogni caso essere superiore alla spesa effettivamente sostenuta, è determinato in base alla distanza chilometrica riferita alla percorrenza del viaggio (andata e ritorno). La Provincia di Monza e della Brianza potrà effettuare controlli a campione sulla veridicità delle dichiarazioni rese dai richiedenti, ai sensi degli artt. 71 e 75 del D.P.R. 445/ LA COMMISSIONE TECNICA PROVINCIALE a. Composizione: la commissione Tecnica Provinciale è composta da: - Provincia di Monza e della Brianza Direzione Settore Welfare; - Un esperto nominato dalla Provincia di Monza e della Brianza; - Responsabili degli Uffici di Piano degli Ambiti Territoriali di MB. b. Funzioni : la Commissione Tecnica Provinciale ha le funzioni di: - coordinare le attività delle strutture tecniche dei diversi soggetti; - monitorare le attività operative e il rispetto delle tempistiche previste; - organizzare e analizzare indagini di soddisfazione/gradimento indirizzate a scuole, famiglie, stakeholder; c. Competenze: la Commissione Tecnica Provinciale ha le seguenti competenze: Valuta le domande pervenute alla Provincia di Monza e della Brianza entro il termine previsto in base alla presenza dei requisiti richiesti; Valuta e riconosce la condizione di pluridisabilità che verrà attribuita esclusivamente agli alunni in possesso di Diagnosi Funzionale nella quale sia esplicitamente barrata la richiesta di entrambi i servizi (assistenza alla comunicazione ed assistenza educativa per scolastica), frequentanti la scuola secondaria di II grado o corsi di formazione professionale ed in base alle effettive disponibilità finanziarie; Valuta e riconosce: a) le eventuali altre situazioni di disabilità complessa b) le eventuali domande pervenute fuori termine in base alle effettive disponibilità finanziarie. 9

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Allegato A PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Indice: 1 - Normativa di riferimento pag. 2,3 2 -

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016 Piano Territoriale dei Servizi di Assistenza Educativa Scolastica a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 ALLEGATO A) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA INTERVENTI DI COMPETENZA DELLA PROVINCIA PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

PROTOCOLLO D INTESA INTERVENTI DI COMPETENZA DELLA PROVINCIA PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DELLE PERSONE CON DISABILITÀ PROTOCOLLO D INTESA INTERVENTI DI COMPETENZA DELLA PROVINCIA PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DELLE PERSONE CON DISABILITÀ La Provincia di Monza e della Brianza con sede legale in Monza, Via

Dettagli

Persone con disabilità e Provincia una storia che continua

Persone con disabilità e Provincia una storia che continua 2009 Persone con disabilità e Provincia una storia che continua Quella relativa alle persone in età scolare con disabilità sensoriale è la sola competenza diretta al cittadino attualmente in capo alle

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

Linee di indirizzo per la realizzazione dell integrazione scolastica in favore degli alunni con disabilità sensoriale. Anno scolastico 2012/2013

Linee di indirizzo per la realizzazione dell integrazione scolastica in favore degli alunni con disabilità sensoriale. Anno scolastico 2012/2013 Linee di indirizzo per la realizzazione dell integrazione scolastica in favore degli alunni con disabilità sensoriale. Anno scolastico 2012/2013 Provincia di Roma Dipartimento IX Servizio 2 Sommario 1.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 579 DEL 05/10/2012 E INTEGRATO DALLE MODIFICHE APPORTATE

Dettagli

ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE. Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale

ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE. Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale La Provincia interviene in favore dei disabili sensoriali inseriti in

Dettagli

IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA

IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA Data pubblicazione bando: 16 ottobre 2015 Attivazione del corso L Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (IRIFOR), sezione provinciale di

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO BRACCIANO 00062 Bracciano (ROMA) - Via Principe di Napoli, 51 - Tel. e Fax (06)

Dettagli

PROVINCIA DI SALERNO

PROVINCIA DI SALERNO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE SPESE DI TRASPORTO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI CHE FREQUENTANO ISTITUTI SUPERIORI DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA. ANNO SCOLASTICO

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1952 Seduta del 13/06/2014

DELIBERAZIONE N X / 1952 Seduta del 13/06/2014 DELIBERAZIONE N X / 1952 Seduta del 13/06/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA Il presente Regolamento si ispira ai principi della Legge-quadro per l'assistenza,

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 53 il decreto legislativo n. 297 del 16 aprile 1994, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative in

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE INDIVIDUAZIONE E NOMINA DI N 2 EDUCATORI PROFESSIONALI PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2009/2010

BANDO DI SELEZIONE INDIVIDUAZIONE E NOMINA DI N 2 EDUCATORI PROFESSIONALI PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE V. VIVALDI VIA CROTONE, 57 88100 CATANZARO Tel. 0961/31056 Fax 0961/391908 www.scuolavivaldi.it czic86700c@istruzione.it Cod. Mecc. CZIC86700C Distretto n. 1 Catanzaro Codice

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ED INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Fondamenti legislativi L art. 3 della legge quadro (L. 104/92) stabilisce che disabile è: "colui che presenta una minorazione

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI

REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE FONDI PER PROGETTI DI INTEGRAZIONE RIVOLTI A STUDENTI DISABILI 1 Art. 1 oggetto 1.1 - Il presente Regolamento disciplina l assegnazione, agli Istituti secondari di secondo grado

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Allegato alla delibera consigliare n. 38 del 01.08.2011 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA INDICE 1. PREMESSA... 2 2. DESTINATARI DELL'ASSISTENZA... 2 3. TIPOLOGIA

Dettagli

OGGETTO: Iscrizioni alle scuole di ogni ordine e grado. per l a.s. 2013/2014.

OGGETTO: Iscrizioni alle scuole di ogni ordine e grado. per l a.s. 2013/2014. Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Istituto Statale d Istruzione Superiore V.Floriani OGGETTO: Iscrizioni alle scuole di ogni ordine e grado per l a.s. 2013/2014. Termine di scadenza 28 febbraio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Provincia di Potenza. Ufficio Scolastico Provinciale

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Provincia di Potenza. Ufficio Scolastico Provinciale PROTOCOLLO D INTESA Tra Provincia di Potenza Ufficio Scolastico Provinciale Unione Italiana dei Ciechi e degli ipovedenti (sede Provinciale di Potenza) Per promuovere e attuare - progetto di assistenza

Dettagli

IL DIRIGENTE. Art. 1 Oggetto L operatore dovrà svolgere le seguenti prestazioni:

IL DIRIGENTE. Art. 1 Oggetto L operatore dovrà svolgere le seguenti prestazioni: Avviso di selezione pubblica, per titoli, per la creazione dell Albo degli operatori a cui affidare l assistenza specialistica in favore di alunni con disabilità sensoriali e/o psicofisiche frequentanti

Dettagli

Prot. n. 1222/D1 Roma, 26/03/2014. - All Albo d Istituto - Al Sito Web d Istituto

Prot. n. 1222/D1 Roma, 26/03/2014. - All Albo d Istituto - Al Sito Web d Istituto Prot. n. 1222/D1 Roma, 26/03/2014 CIG: ZF50DB2E9C - All Albo d Istituto - Al Sito Web d Istituto AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA PER DISABILITA SENSORIALE

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

I S T IT UT O I S T R U Z IO N E S E C ONDARIA SUPERIO R E ORESTE DEL PRETE S A V A

I S T IT UT O I S T R U Z IO N E S E C ONDARIA SUPERIO R E ORESTE DEL PRETE S A V A I S T IT UT O I S T R U Z IO N E S E C ONDARIA SUPERIO R E ORESTE DEL PRETE S A V A Via Mazzini, snc 74028 SAVA (TA Tel. 099.9746312 Fax 099.9748523 e-mail: tais04100v@istruzione.it Sito: www.delprete.gov.it

Dettagli

SETTORE POLITICHE SCOLASTICHE, GIOVANILI E FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO

SETTORE POLITICHE SCOLASTICHE, GIOVANILI E FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE SPESE DI TRASPORTO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI CHE FREQUENTANO ISTITUTI SUPERIORI DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA. ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PATARI RODARI

ISTITUTO COMPRENSIVO PATARI RODARI ISTITUTO COMPRENSIVO PATARI RODARI C.F. 97061390791 Cod. Mecc. CZIC85200P pec: czic85200p@pec.istruzione.it Via A. Daniele, 17 88100 CATANZARO Cod. Mecc. CZIC85200P e-mail: czic85200p@istruzione.it sito

Dettagli

All Ufficio Scolastico Regionale... Il/La sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. e residente a,

All Ufficio Scolastico Regionale... Il/La sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il. e residente a, Al Dirigente Scolastico dell Istituzione Scolastica...... All Ufficio Scolastico Regionale...... Il/La sottoscritto/a nato/a a (prov. ) il e residente a, docente di Religione Cattolica a Tempo Indeterminato

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

Ogni figura di educatore verrà impegnata nel modo sottoelencato, in uno dei successivi 7 Incarichi:

Ogni figura di educatore verrà impegnata nel modo sottoelencato, in uno dei successivi 7 Incarichi: Prot.12537/A16 Grottaglie,20/12/2013 - Ai Dirigenti Scolastici delle scuole della provincia di Taranto - All USP di Taranto - All U.P.L.M.O. di Grottaglie, Taranto, Manduria, Martina Franca BANDO DI SELEZIONE

Dettagli

Legislazione di riferimento - Disabilità

Legislazione di riferimento - Disabilità Legislazione di riferimento - Disabilità Costituzione della Repubblica Italiana 1 / 12 Articolo 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI COMO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (artt. 12 e 13 L. 104/92 e art. 2 D.P.R. del 24/2/94) TRA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

BUONO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE CON ALMENO 4 FIGLI DI CUI ALMENO N.1 FISCALMENTE A CARICO

BUONO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE CON ALMENO 4 FIGLI DI CUI ALMENO N.1 FISCALMENTE A CARICO BUONO A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE CON ALMENO 4 FIGLI DI CUI ALMENO N.1 FISCALMENTE A CARICO (D.D.G. N. 6440 del 28/06/2010) 1) FINALITA Attraverso l erogazione del Buono Sociale Famiglie numerose,

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO PAVONI PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SUPPORTO DOMICILIARE PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA FAVORE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Richiamata

Dettagli

IL DIRIGENTE RENDE NOTO

IL DIRIGENTE RENDE NOTO Avviso per l inserimento negli elenchi degli operatori per l assistenza specialistica in favore di alunni con disabilità sensoriali e/o psicofisiche frequentanti le Scuola della Provincia di Foggia, secondo

Dettagli

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Norme generali Norme specifiche L autonomia delle istituzioni scolastiche ègaranzia di libertàdi insegnamento

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014 I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014 Nota Ministeriale 27.12.2012 Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013 Nota di chiarimento del 22 novembre 2013

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011.

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l'autonomia Scolastica Ufficio VI C.M. n.17 MIURAOODGOS

Dettagli

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. Ai Consigli Regionali I.Ri.Fo.R. LORO SEDI

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. Ai Consigli Regionali I.Ri.Fo.R. LORO SEDI LP/vl Prot. n.3828/2012 del 05/10/2012 Alle Sezioni Provinciali I.Ri.Fo.R. Ai Consigli Regionali I.Ri.Fo.R. Ai Componenti il Comitato Tecnico Scientifico I.Ri.Fo.R. Ai Presidenti delle Sezioni Provinciali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) Art. 1 Ambiti d applicazione In attuazione della legislazione vigente (L. 64/2001; L.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi

Dettagli

sottoscritto genitore del minore nato a residente a via n. tel. fax

sottoscritto genitore del minore nato a residente a via n. tel. fax Fac-simile domanda per ottenere il ripetitore domiciliare da parte dell Amministrazione Provinciale. Al Sig. Presidente Amministrazione Provinciale OGGETTO: richiesta di insegnante ripetitore per l anno

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA 1329 22/02/2012 Identificativo Atto n. 36 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E CULTURA APPROVAZIONE DELL AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2012/2013, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 1608 27/02/2014 Identificativo Atto n. 167 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO ASSEGNAZIONE DEI CONTINGENTI DI DOTI PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI DI ISTRUZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ANNO 133 Roma, 12-19 ottobre 2006 N. 41-42 BOLLETTINO UFFICIALE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE Poste Italiane S.p.A. - sped. in abb. post. 70% - DCB Roma ISTITUTO

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO "Francesco Crispi" TECNICO "Giovanni XXIII" PROFESSIONALE "A. Miraglia" Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Francesco Crispi" Via Presti, 2-92016 Ribera (Ag) Tel. 0925 61523 - Fax 0925 62079

Dettagli

Prot. n 0000255/A22 Petronà, 2 febbraio 2016

Prot. n 0000255/A22 Petronà, 2 febbraio 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PETRONÀ C.F. 97035390794 C.M. CZIC83600R TEL. 0961933007 FAX 0961933007 Via Arenacchio - 88050 P E T R O N À CZ Mail: czic83600r@istruzione.it; czic83600r@pec.istruzione.it

Dettagli

PERCORSO DELL INCLUSIONE

PERCORSO DELL INCLUSIONE PERCORSO DELL INCLUSIONE Favorire l inserimento, promuovere l integrazione scolastica e lo sviluppo delle potenzialità dell alunno disabile o in situazione di svantaggio nell apprendimento, nella comunicazione,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 1861 07/03/2012 Identificativo Atto n. 137 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONDUTTORE IMPIANTI TERMICI AI SENSI

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI SOGGETTO PROPONENTE: L Unione Italiana dei Ciechi

Dettagli

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135

Dettagli

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere LORO SEDI

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere LORO SEDI Prot.G1.2006.0018765 dell 11.112.2006 Giunta Regionale Direzione Generale Famiglia e Solidarietà sociale Direzione Generale Sanità Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali

Dettagli

L.R. 22/2010, art. 9, c. 19 B.U.R. 8/6/2011, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 maggio 2011, n. 0128/Pres.

L.R. 22/2010, art. 9, c. 19 B.U.R. 8/6/2011, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 maggio 2011, n. 0128/Pres. L.R. 22/2010, art. 9, c. 19 B.U.R. 8/6/2011, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 maggio 2011, n. 0128/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri di ripartizione e delle modalità di concessione,

Dettagli

- l art. 21 del C.C.N.L. Area del Comparto dell 1/9/95; - l art. 22 del C.C.N.L. Area del Comparto del 21/09/01;

- l art. 21 del C.C.N.L. Area del Comparto dell 1/9/95; - l art. 22 del C.C.N.L. Area del Comparto del 21/09/01; $&&25'2 GHO/8*/,2 75$/ $00,1,675$=,21((/(25*$1,==$=,21,6,1'$&$/, $5($'(/&203$572 5(*2/$0(1723(5/ $&&(662$/ ',5,772$//2678',2! /(3$57, 9,67, - l art. 21 del C.C.N.L. Area del Comparto dell 1/9/95; - l art.

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

DOMANDA PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) PER L ANNO 2014.

DOMANDA PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) PER L ANNO 2014. DOMANDA PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) PER L ANNO 2014. AVVERTENZA La compilazione del presente modulo di domanda avviene secondo le disposizioni previste

Dettagli

MODULISTICA: CERTIFICAZIONE, D.F.,P.D.F.,P.E.I.; MODELLO AGGIORNATO D.F.

MODULISTICA: CERTIFICAZIONE, D.F.,P.D.F.,P.E.I.; MODELLO AGGIORNATO D.F. ALLEGATO 3 MODULISTICA: CERTIFICAZIONE, D.F.,P.D.F.,P.E.I.; MODELLO AGGIORNATO D.F. A) Certificazione ed atti conseguenti 1 - Dalla lettura combinata delle norme successive alla legge quadro - e precisamente

Dettagli

Assistenza ai ciechi e ai sordi

Assistenza ai ciechi e ai sordi Assistenza ai ciechi e ai sordi Quali modalità, quali diritti? Proposta di Linee guida CONVEGNO Al centro o all angolo studenti con disabilità sensoriali...40 anni dopo Pavia, sala dell Annunciata - 30

Dettagli

Protocollo HC. Protocollo Handicap. IO-06 Rev. 0 Pag. 1 di 4. Tipo documento: Istruzione Operativa Area Qualità. Copia controllata n.

Protocollo HC. Protocollo Handicap. IO-06 Rev. 0 Pag. 1 di 4. Tipo documento: Istruzione Operativa Area Qualità. Copia controllata n. Pag. 1 di 4 Protocollo HC Copia controllata n. 4 3 2 1 Rev. 0 DS/DIR RQA DS/DIR Funzione Redazione Verifica Approvazione 25/05/09 Pag. 2 di 4 Il protocollo rivolto agli alunni diversamente abili consente

Dettagli

DATI DI CONTESTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI DISABILI

DATI DI CONTESTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI DISABILI INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI DISABILI DATI DI CONTESTO Numero alunni con attestazione di disabilità suddivisi per ordine di scuola, iscritti nelle scuole di Concorezzo nell a.s. 2015/2016: totale degli

Dettagli

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO

CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO CORSI RICONOSCIUTI REGIONE LAZIO I corsi riconosciuti dalla regione Lazio sono: Corso di addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o

Dettagli

Torino, lì 26/03/2010. p.c. Oggetto: L.R. n. 34/2008 artt. 38 41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di orientamento, anche estivi.

Torino, lì 26/03/2010. p.c. Oggetto: L.R. n. 34/2008 artt. 38 41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di orientamento, anche estivi. SERVIZIO COORDINAMENTO CENTRI PER L IMPIEGO www.provincia.torino.it Struttura mittente: NC3 Prot. N. 248427 Tit. 16.02 SW:CR/DS/gp Torino, lì 26/03/2010 Ai Responsabili dei Centri per l'impiego di Torino

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA La valutazione: il quadro comune e le specificità per i disabili Il P.E.I. come strumento di conoscenza e di valutazione Isp. Luciano Rondanini LA VALUTAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI LEGALE CULTURA PUBBLICA ISTRUZIONE SERVIZI SOCIALI SPORT TURISMO TEMPO LIBERO COMUNICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO E REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio dell Unione N. 21 del 30/04/2013 CAP.

Dettagli

La valutazione degli alunni con BES e disabilità

La valutazione degli alunni con BES e disabilità Formazione UTS-NES: PROGETTARE E VALUTARE PER COMPETENZE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA La valutazione degli alunni con BES e disabilità Relatrice: Antonietta Centolanze FUNZIONI DELLA VALUTAZIONE DIAGNOSTICA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 10511 12/11/2014 Identificativo Atto n. 1108 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAIZONE DELLA DOTE SCUOLA COMPONENTE MERITO - A.S. 2014/1015.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA (Presentato al Collegio Docenti del, Delibera di approvazione del Collegio Docenti in data, conseguente annessione al POF..) FINALITÀ

Dettagli

Emanato con D.P.Reg. 11. 10. 2006, n. 0306/Pres. e modificato con D.P.Reg. 24. 03. 2009, n. 81/Pres e con D.P.Reg. 05.09.2012, n.

Emanato con D.P.Reg. 11. 10. 2006, n. 0306/Pres. e modificato con D.P.Reg. 24. 03. 2009, n. 81/Pres e con D.P.Reg. 05.09.2012, n. Regolamento per la disciplina attuativa degli interventi previsti dal Piano straordinario di azioni per l alfabetizzazione informatica e degli interventi a sostegno della dotazione tecnologica del sistema

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE AL COMUNE DI POMEZIA SETTORE X POLITICHE SOCIALI P.ZA SAN BENEDETTO DA NORCIA, 25 00040 - POMEZIA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE ANNO EDUCATIVO 2016-2017 ( Da presentare entro e non oltre

Dettagli

GUIDA PER GLI STUDENTI

GUIDA PER GLI STUDENTI Direzione per la Didattica e l Orientamento GUIDA PER GLI STUDENTI SERVIZI PER L INCLUSIONE E L APPRENDIMENTO UFFICIO DISABILITÀ E D.S.A. Pagina 2 INDICE Il S.I.A. Servizi per l Inclusione e l Apprendimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIX Ambito Territoriale di Pavia Prot. n. 299/C27E Pavia, 7 febbraio 2011 AI DIRIGENTI DELLE

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Assunzioni

Direzione Centrale del Personale Ufficio Assunzioni Direzione Centrale del Personale Ufficio Assunzioni Prot.n.2004/128654 Selezione pubblica per l assunzione con contratto di formazione e lavoro di 18 funzionari per la terza area, prima fascia retributiva,

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4688 Seduta del 16/01/2013

DELIBERAZIONE N IX / 4688 Seduta del 16/01/2013 DELIBERAZIONE N IX / 4688 Seduta del 16/01/2013 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA GIOVANNI BOZZETTI ROMANO COLOZZI GIUSEPPE ANTONIO RENATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE. Art. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL PERSONALE DIPENDENTE DELL UNIONCAMERE Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Ai sensi dell art.65 del Contratto collettivo per il personale non dirigente dell

Dettagli

VITALBA ONLUS PREMESSA :

VITALBA ONLUS PREMESSA : PREMESSA : Tutti gli alunni in situazione di handicap (anche grave) hanno diritto a frequentare le classi comuni delle scuole di ogni ordine e grado (scuola materna, elementare, media e superiore) art.

Dettagli

I DSA. Parma, 30 settembre 2014 Rossella Fabbri

I DSA. Parma, 30 settembre 2014 Rossella Fabbri I DSA Indice 1. Che cosa sono i DSA? 2. Legislazione nazionale di riferimento. 3. Chi fa la diagnosi e quando? 4. Caratteristiche della diagnosi. 5. Il Consiglio di Classe redige il PdP (modello) 6. Strumenti

Dettagli

MONITORAGGIO PROTOCOLLO D INTESA 2011-16 RILEVAZIONE A.S. 2012-13 CTI MONZA B. CENTRO-EST-OVEST 2012-13

MONITORAGGIO PROTOCOLLO D INTESA 2011-16 RILEVAZIONE A.S. 2012-13 CTI MONZA B. CENTRO-EST-OVEST 2012-13 MONITORAGGIO PROTOCOLLO D INTESA 2011-16 RILEVAZIONE A.S. 2012-13 Il monitoraggio dell applicazione del Protocollo d Intesa 104 è stato somministrato alle scuole statali e paritarie della provincia di

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico Prot. N. 4338 Bari, 04/11/2010 Bando di selezione per il conferimento di incarico di educatore professionale con contratto d opera per servizi e interventi di supporto all istruzione degli alunni con disabilità

Dettagli

5516 25/06/2014 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 537

5516 25/06/2014 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 537 5516 25/06/2014 Identificativo Atto n. 537 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DEGLI AVVISI PER LA FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA DEI PERCORSI DI QUALIFICA TRIENNALI DI ISTRUZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuole di Massa Martana (PG)

Istituto Comprensivo Scuole di Massa Martana (PG) Istituto Comprensivo Massa Martana Viale Europa, 10 06056 Massa Martana (PG) Tel. 075889141, Fax: 0758951126 C.F. 94068960544 Web: scuolamartana.it - Mail: scuolamartana@scuolamartana.it Prot. n 5622 /C14

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano n. 3 Monza

Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano n. 3 Monza Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano n. 3 Monza Bando per l assegnazione di contributi alle famiglie di persone con disabilità e al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 ALLEGATO B COMUNE DI CAVRIGLIA BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 L attuale quadro normativo di riferimento è costituito dalla Legge

Dettagli

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 Bando regionaleallegato A Schema regionale unificato di bando BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 L attuale quadro normativo di riferimento

Dettagli

IL RETTORE. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Area Didattica Servizio Orientamento Settore Servizi per gli studenti disabili e studenti con DSA

IL RETTORE. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Area Didattica Servizio Orientamento Settore Servizi per gli studenti disabili e studenti con DSA USG 246 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Area Didattica Servizio Orientamento Settore Servizi per gli studenti disabili e studenti con DSA Pubblicato in albo informatico il.9.11:l.9pl+ Decreto n. 4tuú

Dettagli

OGGETTO: aggiornamento dell elenco regionale delle istituzioni scolastiche accreditate ai sensi del D.M. n. 249/2010 e del D.M. n.

OGGETTO: aggiornamento dell elenco regionale delle istituzioni scolastiche accreditate ai sensi del D.M. n. 249/2010 e del D.M. n. OGGETTO: aggiornamento dell elenco regionale delle istituzioni scolastiche accreditate ai sensi del D.M. n. 249/2010 e del D.M. n. 93/2012 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dell istruzione,

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli