Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete"

Transcript

1 Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete White Paper # 37 Rev. 4

2 Sintesi L'infrastruttura fisica e di alimentazione dei data center e delle sale per apparati di rete è generalmente sovradimensionata di oltre il 100%. Nel presente documento vengono riportate le statistiche relative al sovradimensionamento con quantificazione dei costi che ne derivano e vengono descritte un'architettura e una metodologia che consentono di evitare questa inefficienza. 2

3 Introduzione Nel presente documento verrà dimostrato che il sovradimensionamento rappresenta il singolo costo più rilevante legato alla classica infrastruttura di un data center o sala per apparati di rete, un costo assolutamente evitabile. Il tasso di utilizzo dell'infrastruttura fisica e di alimentazione di un data center o sala per apparati di rete è solitamente di gran lunga inferiore al 50%. La capacità inutilizzata di un data center e sala per apparati di rete costituisce un costo di capitale che è possibile evitare, senza contare che genera costi di gestione e di manutenzione anch'essi evitabili. Il presente documento è costituito da tre parti. Nella prima sono riportati i dati e le statistiche relativi al sovradimensionamento. Nella seconda sono esposti i motivi all'origine di questo fenomeno mentre nella terza vengono descritte un'architettura e una metodologia che consentono di non incorrere nei suddetti costi. Dati e statistiche relativi al sovradimensionamento Chiunque lavori nella Divisione informatica o nella Gestione strutture di un'azienda ha avuto modo di notare lo spazio inutilizzato all'interno di un data center e di osservare la potenza erogata inutilizzata o l'utilizzo solo parziale di altri elementi infrastrutturali del data center. Per poter quantificare la portata di questo fenomeno, è importante dare una definizione dei termini utilizzati nel corso della presentazione. Definizione dei termini relativi al sovradimensionamento Nel presente documento si definiscono come segue i termini riportati nella tabella: Termine Vita utile di progetto Potenza erogabile a livello di sala Potenza erogabile installata Carico stimato Carico effettivo Definizione Vita utile complessiva pianificata del data center che generalmente è compresa tra 6 e 15 anni. Il valore medio ipotizzato è pari a 10 anni. Carico massimo applicabile a livello di sala. Tutti o parte degli apparati di alimentazione e di raffreddamento necessari per supportare il carico in questione possono essere installati al momento dell'avvio Potenza di carico degli apparati di alimentazione e raffreddamento installati, uguale o inferiore alla potenza erogabile a livello di sala. Potenza stimata richiesta al momento dell'entrata in funzione del sistema e nel corso della sua vita utile. Generalmente varia nel tempo ed aumenta a partire dal momento dell'entrata in funzione. Potenza effettiva richiesta al momento dell'entrata in funzione del sistema e nel corso della sua vita utile. Generalmente varia nel tempo ed aumenta a partire dal momento dell'entrata in funzione 3

4 Ipotesi di modellazione Al fine di acquisire e analizzare dati relativi al sovradimensionamento, APC ha condotto dei sondaggi presso gli utenti e ha sviluppato un modello semplificato per descrivere la pianificazione della capacità di un'infrastruttura di data center. Il modello si basa sulle seguenti ipotesi: La vita utile di progetto è pari a 10 anni; La progettazione di un data center comprende una potenza erogabile massima di progetto e una potenza richiesta stimata all'avvio; Nel ciclo di vita convenzionale di un data center si ipotizza un aumento lineare del carico stimato a partire dal carico stimato all'avvio fino al raggiungimento di un valore massimo finale intorno alla metà della vita utile prevista. Il modello di cui sopra genera il modello di pianificazione riportato nella Figura 1, che viene considerato rappresentativo della modalità di pianificazione dei sistemi. Figura 1 Potenza erogabile di progetto e potenza richiesta durante la vita utile di un data center 120% % POTENZA 100% 80% 60% 40% 20% MASSIMA POTENZA INSTALLABILE POTENZA INSTALLATA CARICO PREVISTO Spreco Per sovradimensionamento CARICO REALE 0% ANNI La figura illustra un ciclo di pianificazione standard. La potenza erogabile installata degli apparati di alimentazione e di raffreddamento è pari alla potenza erogabile a livello di sala: in altri termini, l'intero sistema viene realizzato fin dall'inizio. Secondo il progetto, il carico stimato, pari inizialmente al 30% del 4

5 carico del data center o della sala per apparati di rete, si avvicina gradualmente a un valore massimo di carico stimato. Generalmente, però, il carico effettivo all'avvio è inferiore al carico stimato all'avvio e si avvicina gradualmente a un carico effettivo massimo, di gran lunga inferiore alla capacità erogabile installata (non bisogna poi dimenticare che la potenza erogabile di targa degli apparati effettivamente installati può essere superiore alla capacità erogabile installata per motivi di ridondanza o per via di una riduzione del carico pianificata dall'utente). Dati provenienti da installazioni reali Per avere un'idea precisa del grado di sovradimensionamento delle installazioni reali, APC ha raccolto dati presso numerosi clienti attraverso sondaggi e censimenti delle installazioni effettive. Da questa indagine è emerso che il carico stimato all'avvio è pari generalmente al 30% del carico stimato massimo, che il carico effettivo all'avvio è pari generalmente al 30% del carico stimato all'avvio e che il carico effettivo massimo è solitamente pari al 30% della potenza erogabile installata. Una sintesi di questi dati è riportata nella Figura 1. Il data center medio è di fatto sovradimensionato di 3 volte nel valore di progetto. Al momento dell'entrata in funzione, il sovradimensionamento è ancora più considerevole, essendo generalmente dell'ordine di dieci volte. Costi eccedenti derivanti dal sovradimensionamento I costi legati al ciclo di vita derivanti dal sovradimensionamento sono di due tipi: costi di capitale e costi di gestione. I costi di capitale eccedenti sono indicati nell'area ombreggiata all'interno della Figura 1, area che rappresenta la percentuale di potenza erogabile che resta inutilizzata in un'installazione media. L'eccesso di capacità si trasforma automaticamente in costi di capitale eccedenti che, oltre ai costi legati direttamente agli apparati di alimentazione e di raffreddamento, comprendono anche costi di progetto e di installazione, cablaggio e canalizzazioni inclusi. I sistemi di alimentazione e di raffreddamento di una data center standard da 100 kw costano dollari, ovvero 5 dollari a watt. Da questa analisi emerge che il 70% dell'investimento, paria dollari, va perduto e, nei primi anni, la perdita è ancora più consistente. Se viene inserita la componente temporale del costo del denaro, la perdita standard derivante dal sovradimensionamento sfiora il 100% dell'intero costo di capitale del data center. In altri termini, gli interessi applicati al capitale originario ripagano quasi per intero l'investimento effettuato. I costi eccedenti legati al ciclo di vita derivanti dal sovradimensionamento comprendono anche i costi di gestione dell'impianto, che comprendono contratti di manutenzione, materiale di consumo ed energia elettrica. Se la manutenzione degli apparati viene effettuata sulla base delle istruzioni del costruttore, generalmente i costi di manutenzione sono leggermente inferiori ai costi di capitale durante la vita utile del data center o sala per apparati di rete. Poiché alcuni apparati sottoutilizzati a causa del sovradimensionamento sono comunque oggetto di manutenzione, va perduta anche una buona 5

6 percentuale dei costi di manutenzione. Nell'esempio del data center da 100 kw, la perdita ammonta a dollari durante la vita utile del sistema. I costi elettrici eccedenti sono ingenti quando un data center o sala per apparati di rete sono sovradimensionati. La perdita per il mancato utilizzo del sistema di alimentazione di un data center o di una sala per apparati di rete è pari al 5% della potenza di targa, una percentuale che sale al 10% quando si tiene conto dei costi di raffreddamento. In un data center da 100 kw dove il sovradimensionamento raggiunge valori standard, l'energia elettrica che viene sprecata nei 10 anni di vita utile media del sistema è pari a kw/h, equivalenti a dollari. Durante la vita utile del data center o sala per apparati di rete, i costi eccedenti totali saranno pari in media al 70% del costo dell'infrastruttura di alimentazione e di raffreddamento, una somma che in teoria potrebbe essere recuperata se l'infrastruttura fosse in grado di adattarsi e di evolvere in linea con le esigenze reali. Per molte aziende la perdita in termini di costi di capitale e di gestione si trasforma in una perdita di opportunità il cui costo può essere notevolmente superiore rispetto all'esborso effettivo. Per esempio, le aziende attive nell'internet hosting falliscono quando il capitale immobilizzato e inutilizzato in una determinata installazione non può essere impiegato per cogliere un'altra opportunità. Perché si verifica il sovradimensionamento? I dati raccolti nelle installazioni reali indicano un grado di sovradimensionamento delle infrastrutture di data center e sale per apparati di rete molto elevato ed estremamente variabile. A questo punto nasce spontanea la domanda se si tratta di un sovradimensionamento voluto e previsto, se è invece provocato da errori di pianificazione o se esistono dei motivi ben precisi alla base di questo fenomeno. Sovradimensionamento pianificato Dalle interviste ai responsabili di installazioni standard emerge che i data center vengono pianificati in modo da soddisfare la massima potenza di carico prevista per il futuro. La potenza erogabile a livello di sala e la potenza erogabile installata sono leggermente superiori al carico stimato massimo. Molti clienti riducono automaticamente il valore di targa del sistema di alimentazione utilizzando solo una percentuale, es.: l'80%, della potenza erogabile di targa nella convinzione che, facendo funzionare il sistema a un valore inferiore al massimo previsto, ne risulti massimizzata l'affidabilità complessiva. L'abitudine di pianificare una potenza erogabile installata più elevata del carico stimato massimo in un data center si riflette nella Figura 1. Si tratta di un tipo di sovradimensionamento pianificato e intenzionale che rappresenta una forma di sottoutilizzo anche se non è il contributo più significativo ai costi eccedenti complessivi. Eventuali difetti del processo di pianificazione 6

7 Il processo standard di pianificazione di un data center e di una sala per apparati di rete comprende un certo numero di ipotesi circa la potenza richiesta futura, tra le quali figurano: Il costo che presuppone un'insufficienza di capacità nel data center o sala per apparati di rete è molto elevato e deve essere eliminato. E' molto costoso aumentare la potenza erogabile durante la vita utile del data center o della sala per apparati di rete. L'aumento della potenza erogabile durante la vita utile del data center o della sala per apparati di rete è all'origine di un rischio notevole e inaccettabile di fermo macchina. La potenza erogabile massima del data center o sala per apparati di rete deve essere pianificata e predisposta tecnicamente fin dall'inizio. La potenza di carico richiesta nel data center o sala per apparati di rete aumenterà sicuramente ma è difficile prevedere in modo affidabile l'entità dell'incremento. Sulla base di queste ipotesi i data center o sale per apparati di rete sono pianificati, tecnicamente progettati e costruiti fin dall'inizio per soddisfare esigenze non quantificate e la potenza erogabile del data center o sala per apparati di rete è pianificata sulla base di un calcolo conservativo che tiene conto della percentuale più elevata di uno scenario di crescita ragionevole. Motivi principali alla base del sovradimensionamento Il processo di pianificazione dà origine a progetti che, in media, generano un tasso di utilizzo piuttosto scarso, come dimostrato dalla realtà e che possono essere definiti un fallimento dal punto di vista economico. L'analisi effettuata del processo di pianificazione non ha però evidenziato alcun difetto di base ma è possibile risolvere questa apparente contraddizione tramite uno studio più approfondito dei dati e dei vincoli del processo. Nella Figura 2 viene riportata la distribuzione della percentuale di utilizzo massimo nelle installazioni reali, ovvero il carico effettivo massimo diviso per la potenza erogabile massima installata. Dallo studio dei dati emerge quanto segue: La percentuale prevista di utilizzo effettivo è di circa il 30% Il valore previsto di potenza erogabile non necessaria o eccedente è pari al 70% La percentuale di utilizzo effettiva varia considerevolmente, evidenziando in media una scarsa capacità predittiva in corso di progettazione Se la potenza erogabile installata fosse fissata di routine al valore previsto del 30% invece che ai valori generalmente selezionati, il 50% dei sistemi non sarebbero in grado di soddisfare la potenza di carico richiesta durante la loro vita utile. L'attuale tecnica di dimensionamento rappresenta il miglior compromesso perché un sistema sovradimensionato è una garanzia contro il grado elevato di variabilità del carico effettivo massimo in quanto riduce la probabilità che il sistema non sia in grado di soddisfare la potenza di carico richiesta durante la sua vita utile. 7

8 Figura 2 Percentuale massima di utilizzo di data center standard % DISTI 18% 16% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% Percentuale di potenza erogabile effettivamente utilizzata Si giunge così alla sorprendente conclusione che, alla luce dei vincoli della progettazione e della imprevedibilità della potenza richiesta futura, il metodo attuale di pianificazione di data center e sale per apparati di rete ha una sua base logica. Se per un'azienda il costo di un data center o sala per apparati di rete che non riescono a soddisfare la potenza richiesta è elevato, in base alla metodologia convenzionale di progettazione di data center e sale per apparati di rete il modo migliore di ridurre al minimo il costo complessivo previsto del sistema consiste nel procedere a un ampio sovradimensionamento. Architettura e metodologia che consentono di evitare il sovradimensionamento L'impossibilità di prevedere con certezza la potenza richiesta futura nel corso del processo di pianificazione delle infrastrutture di data center e sale per apparati di rete rappresenta un ostacolo insormontabile che non può essere eliminato senza lanciarsi in previsioni del futuro. In una situazione del genere, la soluzione migliore consiste nel realizzare un'infrastruttura di data center e sale per apparati di rete in grado di soddisfare una domanda imprevedibile. Barriere all'adattabilità La domanda che sorge spontaneamente dopo aver analizzato l'entità del problema del sovradimensionamento è la seguente: perché l'infrastruttura di data center e sale per apparati di rete deve essere realizzata per intero fin dall'inizio invece di crescere gradualmente in linea con il carico effettivo richiesto? 8

9 Di fatto, nel progetto di molti data center è insita una certa percentuale di crescita graduale. Per esempio, spesso la collocazione dei rack avviene per fasi, così come la realizzazione del segmento finale della distribuzione di alimentazione nello spazio del data center. In alcuni casi può essere graduale anche la realizzazione di un modulo UPS ridondante. Se, da un lato, questi approcci danno origine ad alcuni risparmi nei costi complessivi legati alla vita utile del data center, dall'altro in molti casi i costi eccedenti derivanti da un'installazione successiva sono di gran lunga superiori a quelli sostenuti installando fin dall'inizio tutti gli apparati, per cui molti pianificatori optano per questa seconda alternativa. Il risparmio sui costi così ottenuto è quindi di piccola entità. Metodologia di creazione di infrastrutture adattabili L' ideale sarebbe poter disporre di una metodologia e di un'architettura che consentono una continua adattabilità a esigenze in evoluzione. Le suddette metodologia e architettura dovrebbero presentare le seguenti caratteristiche: la componente di ingegnerizzazione insita nella progettazione del data center e sala per apparati di rete dovrebbe risultare notevolmente ridotta, se non eliminata; l'infrastruttura di alimentazione del data center o sala per apparati di rete sarà fornita sotto forma di unità base modulari pre-ingegnerizzate; i vari componenti potranno essere trasportati sul luogo dell'installazione passando attraverso ingressi di dimensioni standard e con l'uso di normali ascensori e collegati direttamente senza necessità di effettuare prove di cablaggio su circuiti alimentati; eliminazione di elementi particolari come pavimenti flottanti il sistema deve essere in grado di funzionare in configurazioni N, N+1 o 2N senza dover apportare alcuna modifica; eliminazione di interventi di installazione quali collegamenti di cavi, perforazioni e tagli non sono necessarie autorizzazioni particolari da parte delle autorità competenti per l'aumento della potenza erogabile; il costo degli apparati di un sistema di alimentazione modulare deve essere uguale o inferiore al costo del sistema centralizzato tradizionale; il costo di manutenzione di un sistema di alimentazione modulare deve essere uguale o inferiore a quello di un sistema centralizzato tradizionale. Livelli di adattabilità concreti e realizzabili Quando viene realizzato un sistema adattabile per l'infrastruttura fisica, è possibile ridurre in larga misura la perdita dovuta al sovradimensionamento indicata nell'area ombreggiata della precedente Figura 1 mentre il risparmio ottenibile è riportato nella Figura 3 di seguito. Vale la pena di sottolineare che la potenza erogabile installata non equivale fin dall'inizio alla potenza erogabile a livello di sala al momento dell'avvio e che la potenza erogabile installata varia in linea con l'andamento del carico effettivo. Figura 3 Potenza erogabile di progetto e potenza richiesta durante la vita utile di un data center 9

10 120% 100% MASSIMA POTENZA INSTALLABILE % POTENZA 80% 60% 40% 20% CARICO PREVISTO POTENZA INSTALLATA Spreco Per Sovradimensionamento CARICO REALE 0% ANNI Un esempio di sistema adattabile in grado di soddisfare i suddetti requisiti è l'architettura InfraStruXure di APC. In questa sede non viene fornita una descrizione completa del sistema. Nell'architettura InfraStruXure è possibile realizzare oltre il 70% del sistema di alimentazione in modo tale che cresca in linea con l'incremento della potenza richiesta nel data center o sala per apparati di rete. In pratica, l'unica parte del sistema di alimentazione che viene realizzata per intero fin dall'inizio è composta dall'interruttore principale di ingresso e dai quadri principali di distribuzione dell'alimentazione che vengono dimensionati in modo tale da soddisfare le esigenze in termini di potenza erogabile massima a livello di sala. Il gruppo di continuità, i moduli batterie, le unità di distribuzione dell'alimentazione, l'interruttore di bypass e il cablaggio di alimentazione dei rack sono tutti installati in modo modulare in linea con l'evoluzione del carico. Non va dimenticato che questa presentazione ha riguardato soprattutto le caratteristiche dei sistemi di alimentazione e di raffreddamento che sono all'origine di gran parte dei costi totali dell'infrastruttura del data center e della sala per apparati di rete. Per essere completa, la stessa analisi può e deve essere estesa allo spazio fisico necessario, agli impianti antincendio e ai requisiti di sicurezza. Conclusioni In linea generale, i data center e le sale per apparati di rete sono sovradimensionati di tre volte rispetto alla potenza richiesta. Il sovradimensionamento provoca costi di capitale e di manutenzione eccedenti che rappresentano una percentuale considerevole del costo complessivo della vita utile del data center. E' possibile recuperare la maggior parte dei costi in eccesso tramite l'adozione di una metodologia e di 10

11 un'architettura in grado di adattarsi in modo economico all'incremento della potenza richiesta pur garantendo un'elevata affidabilità. Bibliografia Mitchell-Jackson, J.D., Koomey, J.G., Nordman, B., Blazek, M., Data Center Power Requirements: Measurements From Silcon Valley, May 16, Master s Thesis, Energy and Resources Group, University of California. Berkeley, California. Disponibile all'indirizzo: 11

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client I CIO più esperti possono sfruttare le tecnologie di oggi per formare interi che sono più grandi della somma delle parti.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center Introduzione Cisco Enterprise Data Center Network Architecture, un'architettura di rete versatile e completa, progettata da Cisco Systems per soddisfare le esigenze IT delle aziende, garantisce un funzionamento

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 White paper Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 Di Mark Bowker, analista senior Ottobre 2013 Il presente white paper di ESG è stato commissionato da Citrix ed è distribuito

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta

Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta WHITE PAPER Novembre 2013 Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Dhesikan Ananchaperumal Distinguished Engineer e Vice presidente senior, DCIM, CA Technologies Hervé Tardy Vice presidente e

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica White Paper 18 Revisione 1 A cura di Joseph Seymour e Terry Horsley > In sintesi Molti dei misteri relativi ai guasti delle apparecchiature,

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Problema 1 Una coltura batterica di 100000 (centomila) unità raddoppia ogni mezz'ora. Dopo quanto tempo sarà di 2000000 (due milioni) di unità?

Problema 1 Una coltura batterica di 100000 (centomila) unità raddoppia ogni mezz'ora. Dopo quanto tempo sarà di 2000000 (due milioni) di unità? 1 Problema 1 Una coltura batterica di 100000 (centomila) unità raddoppia ogni mezz'ora. Dopo quanto tempo sarà di 2000000 (due milioni) di unità? Problema 2 Una somma di denaro, che aumenta ogni anno del

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Scopo del documento Questo documento si propone di fornire alcuni suggerimenti agli organizzatori sulla distribuzione del montepremi nei tornei.

Dettagli

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio.

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio. www.digitalic.it tecnologie informatiche l business l innovazione l design l Smaltimento e riciclaggio Power Management Data Center Green Tec h +Strofina & annusa DOSSIER GREEN DATA CENTER l TUTTO È GREEN.

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

proteggete il vostro investimento Soluzioni di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura

proteggete il vostro investimento Soluzioni di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura proteggete il vostro investimento Soluzioni di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura Servizio di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura ottenete il massimo

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo M. Bramucci D. Di Santo D. Forni Report RdS/2010/221 USO RAZIONALE DELL ENERGIA NEI CENTRI DI CALCOLO M. Bramucci (Federazione

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Un ROI alle stelle. Rete di collaborazione globale di Polycom e aumento del fatturato

Un ROI alle stelle. Rete di collaborazione globale di Polycom e aumento del fatturato Un ROI alle stelle Rete di collaborazione globale di Polycom e aumento del fatturato Giugno 2009 Verso la fine del 2008, Polycom Inc. ha intrapreso una serie di iniziative per proteggere la propria competitività

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli