L'evoluzione delle Applicazioni Distribuite Dai Fosfori Verdi alle Internet API

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'evoluzione delle Applicazioni Distribuite Dai Fosfori Verdi alle Internet API"

Transcript

1 L'evoluzione delle Applicazioni Distribuite Dai Fosfori Verdi alle Internet API Tito Flagella Laboratorio Applicazioni Internet - Università di Pisa

2 Title dei Green Screen... Ai tempi thin client su 3270 a fosfori verde server TP-Monitor su Mainframe 2

3 Title Definizione del TP Monitor Un Sistema Operativo per Transaction Processing Transaction Management Resource Management: comunicazione, memoria, spazio disco Process Management: attivazione di processi (o thread), distribuzione del carico, monitoraggio, recovery,... 3

4 Title La Rivoluzione Client-Server La diffusione dei PC offre: nuova potenza di calcolo da sfruttare; soluzioni economiche per realizzare GUI userfriendly (Ambienti come Visual Basic,...) Si diffondono i DB Relazionali (RDBMS) 4

5 Title Architettura a due livelli (two-tier) il Fat Client include: Presentation Logic Business Logic Data Manipulation Logic (connessioni a DB e query SQL) il Server in generale si limita a gestire l'accesso ai dati (Resource Manager, solitamente RDBMS) 5

6 Title dell'architettura a due livelli Vantaggi Sfrutta il parallelismo nel più semplice dei modi, distribuendo i client su macchine diverse 6

7 Title dell'architettura a due livelli Svantaggi Fat Client include la business logic richiede upgrade del client ad ogni upgrade del server dimensioni eccessive incompatibili con il download a run-time (Applet Java) poco scalabile migliaia di applicazioni client accedono a l'unico server RDBMS 7

8 Titlela via degli RDBMS Vendor TP-lite: stored procedure e triggers riportano parte della logica applicativa nel server Vantaggi: viene limitato il traffico dei dati sulla rete (sequenze di query SQL pilotate direttamente sul server) Svantaggi: resta sovraccaricato un unico server 8

9 Title TP-heavy: la via dei TP Vendor Unix-based TP monitor: BEA Systems TUXEDO Digital's ACMSxp IBM's Encina NCR's Top End UniKix Technologies'UniKix Controindicazioni dei TP Monitor Costi e Difficoltà d uso 9

10 Title di Open Systems e OO L'impatto Open systems are computer systems that provide some combination of interoperability, portability, and open software standards. Object Oriented Distribution: uso di oggetti remoti in maniera trasparente 10

11 Title L'Architettura CORBA Si diffonde l'architettura CORBA (Common Object Request Broker Architecture) di OMG (Object Management Group) a vendor-independent architecture and infrastructure that computer applications use to work together over networks. Using the standard protocol IIOP, a CORBA-based program from any vendor, on almost any computer, operating system, programming language, and network, can interoperate with a CORBA-based program from the same or another vendor, on almost any other computer, operating system, programming language, and network. La versione 1.0 fù rilasciata nel

12 Title L'Architettura CORBA 12

13 Title Wide Web Il World Tim Berners-Lee pubblicò la prima proposta del WWW nel 1989 Il primo web browser di larga diffusione fù Mosaic, realizzato nel 1993 da Marc Andreessen Nel 1993, l'ncsa propone anche il protocollo CGI, un semplice meccanismo per servire pagine dinamiche da parte di un Web Server 13

14 L'impatto Titledel WWW sulle Applicazioni Distribuite Il browser diventa il thin client universale Applicazioni aggiornabili solo sul server (supporto di utenza spontanea ) Il server Web c è e quindi si candida ad occupare il secondo livello 14

15 Title Prima Generazione Applicazioni Web Architettura a tre livelli (browser, Application Server, DB) Client: Browser di prima generazione (no Java, no Scripting) Application Server: Web server con estensioni CGI (Perl, shell,...) HTTP come protocollo di comunicazione tra client e server La presentazione viene realizzata ridisegnando completamente la pagina del browser ad ogni interazione con l utente 15

16 Prima TitleGenerazione Applicazioni Web Prima Generazione Applicazioni Web 16

17 Title Generazione Web Seconda Architettura a più livelli (three-tier o multi-tier) Thin Client (Browser delle ultime generazioni + uso di Java + Dynamic HTML) un certo numero di Application Server Distribuiti (Business Logic + Data Access Logic) HTTP come protocollo tra browser e web-server la presentazione può essere realizzata senza ridisegnare tutta la pagina del browser, grazie alla comunicazione Applet - Application Server basata su HTTP o in qualche caso su IIOP IIOP (CORBA) come protocollo di comunicazione tra gli Application Server e con i sistemi legacy. 17

18 Terza Generazione Web Title Nasce l esigenza di far comunicare le applicazioni su Internet, con un minimo coordinamento tra i nodi CORBA si dimostra inadatto a questo fine Comincia il processo di standardizzazione della nuova tecnologia dei Web Services, basati su http e XML. Attorno ad http e XML si cerca di standardizzare tutta una serie di servizi analoghi a quelli già disponibili per altri ambienti distribuiti, come CORBA. 18

19 Title 19

20 Title La programmazione su Internet The W3C defines a Web service as: a software system designed to support interoperable machine-to-machine interaction over a network. It has an interface described in a machine-processable format (specifically WSDL). Other systems interact with the Web service in a manner prescribed by its description using SOAP messages, typically conveyed using HTTP with an XML serialization in conjunction with other Web-related standards. Representational state transfer (REST) is an architectural style consisting of a coordinated set of constraints applied to components, connectors, and data elements, within a distributed hypermedia system. REST ignores the details of component implementation and protocol syntax in order to focus on the roles of components, the constraints upon their interaction with other components, and their interpretation of significant data elements. A server-side web API is a programmatic interface to a defined request-response message system, typically expressed in JSON or XML, which is exposed via the web most commonly by means of an HTTP-based web server. 20

21 Title Web Services Trends 21

22 Title REST 22

23 WebTitle API 23

24 Che Title tecnologia scegliere... L'unico punto fermo resta http come protocollo di base Per il resto non esiste una tecnologia migliore di altre, si tratta di scelte progettuali Un paio di esempi: Google parte con Web Service API ma le dismette nel 2009: La legge Italiana impone dal 2008 l'uso di SOAP per tutte le comunicazioni applicative tra e con la Pubblica Amministrazione: 24

25 Title Google Search API 25

26 ComeTitle evolvono le infrastrutture? Ok per le Interfacce, ma per le infrastrutture? Avevamo lasciato i DBMS come collo di bottiglia dell'architettura Client Server L'architettura a 3 livelli permette di scaricare il DB da qualunque logica applicativa, ma resta un collo di bottiglia nell'accesso ai dati E sappiamo che i DBMS scalano molto male in orizzontale Le nuove applicazioni Internet hanno requisiti prestazionali incommessurabilmente maggiori delle applicazioni tradizionali Serve un rinnovamento tecnologico anche sugli aspetti legati alla persistenza dei dati 26

27 Titledi Partizionamento dei Dati Tecniche Sharding is the equivalent of "horizontal partitioning". When you shard a database, you create replica's of the schema, and then divide what data is stored in each shard based on a shard key. For example, I might shard my customer database using CustomerId as a shard key - I'd store ranges in one shard and in a different shard. When choosing a shard key, the DBA will typically look at dataaccess patterns and space issues to ensure that they are distributing load and space across shards evenly. "Vertical partitioning" is the act of splitting up the data stored in one entity into multiple entities - again for space and performance reasons. For example, a customer might only have one billing address, yet I might choose to put the billing address information into a separate table with a CustomerId reference so that I have the flexibility to move that information into a separate database, or different security context, etc. 27

28 L'esempio Title della crescita di YouTube The Early Years - Use MySQL to store meta data like users, tags, and descriptions. - Served data off a monolithic RAID 10 Volume with 10 disks. - Living off credit cards so they leased hardware. When they needed more hardware to handle load it took a few days to order and get delivered. - They went through a common evolution: single server, went to a single master with multiple read slaves, then partitioned the database, and then settled on a sharding approach. - Suffered from replica lag. The master is multi-threaded and runs on a large machine so it can handle a lot of work. Slaves are single threaded and usually run on lesser machines and replication is asynchronous, so the slaves can lag significantly behind the master. - Updates cause cache misses which goes to disk where slow I/O causes slow replication. - Using a replicating architecture you need to spend a lot of money for incremental bits of write performance. - One of their solutions was prioritize traffic by splitting the data into two clusters: a video watch pool and a general cluster. The idea is that people want to watch video so that function should get the most resources. The social networking features of YouTube are less important so they can be routed to a less capable cluster. The later years: - Went to database partitioning. - Split into shards with users assigned to different shards. - Spreads writes and reads. - Much better cache locality which means less IO. - Resulted in a 30% hardware reduction. - Reduced replica lag to 0. - Can now scale database almost arbitrarily. Fonte: 28

29 Title il codice dai Dati Portare I dati scalano meglio, ma restano su server diversi dalle applicazioni I dati del web aumentano e Google non può più indicizzare il mondo usando tecniche così primitive Google annuncia il Google File System nell'ottobre del 2003 ed il paradigma MapReduce nel dicembre del 2004: archive/gfs.html 29

30 Title Hadoop 30

31 NOSQL Title Database A NoSQL (often interpreted as Not only SQL) database provides a mechanism for storage and retrieval of data that is modeled in means other than the tabular relations used in relational databases. Motivations for this approach include simplicity of design, horizontal scaling, and finer control over availability. The data structures used by NoSQL databases (e.g. keyvalue, graph, or document) differ from those used in relational databases, making some operations faster in NoSQL and others faster in relational databases. The particular suitability of a given NoSQL database depends on the problem it must solve. Many NoSQL stores compromise consistency in favor of availability and partition tolerance. NewSQL is a class of modern relational database management systems that seek to provide the same scalable performance of NoSQL systems for online transaction processing (OLTP) read-write workloads while still maintaining the ACID guarantees of a traditional database system. 31

32 Title L'architettura logica di un nodo applicativo 32

33 Title L'architettura fisica di un nodo 33

34 Title L'architettura software di un nodo 34

35 Case TitleStudy 1 (da: Release It!) 35

36 Title Case Study 1 (da: Release It!) 36

37 Title Case Study 1 (da: Release It!) 37

38 CaseTitle Study 1 (da: Release It!) Case Study 1 (da: Release It!) 38

39 TitleStudy 1 (da: Release It!) Case public List lookupbycity(... ) throws SQLException, RemoteException { Connection conn = null; Statement stmt = null; try { Conn = connectionpool.getconnection(); Stmt = conn.createstatement(); //... business logic, return results... } finally { if (stmt!= null ) stmt.close(); if (conn!= null ) conn.close(); } } } 39

40 TitleStudy 1 (da: Release It!) Case public List lookupbycity(... ) throws SQLException, RemoteException { Connection conn = null; Statement stmt = null; try { Conn = connectionpool.getconnection(); Stmt = conn.createstatement(); //... business logic, return results... } finally { if (stmt!= null) { try { stmt.close(); } catch (SQLException e) { /*ignored*/ } if (conn!= null ) conn.close(); } } 40

L evoluzione delle Applicazioni Distribuite

L evoluzione delle Applicazioni Distribuite L evoluzione delle Applicazioni Distribuite Dai terminali a fosfori verdi al Client-Server a Internet Architettura basata su Mainframe thin client su 3270 a fosfori verde server TP-Monitor su Mainframe

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

(Service o Oriented Architecture)

(Service o Oriented Architecture) L Parliamo di SOA (Service o Oriented Architecture) Antonio Pintus, Marco Marongiu 1 Chi siamo Antonio Pintus è laureato in Informatica e studente di Dottorato di Ricerca in Informatica con argomenti relativi

Dettagli

Architettura Connettore Alfresco Share

Architettura Connettore Alfresco Share Direzione Sistemi Informativi Portale e Orientamento Allegato n. 2 al Capitolato Tecnico Indice Architettura Connettore Alfresco Share 1. Architettura del Connettore... 3 1.1 Componente ESB... 4 1.2 COMPONENTE

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid Data Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Data Management in Globus Toolkit GridFTP RFT RLS OGSA-DAI GridFTP GT4 Data Services High-performance

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B2 - Database in rete

Corso di Informatica Modulo T3 B2 - Database in rete Corso di Informatica Modulo T3 B2 - Database in rete 1 Prerequisiti Programmazione web Applicazione web Modello OSI Architettura client/server Conoscenze generali sui database Tecnologia ADO in Visual

Dettagli

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla 1. Which are three reasons a company may choose Linux over Windows as an operating system? (Choose three.)? a) It

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management GridFTP RFT RLS OGSA-DAI 1 GT4 Services GridFTP High-performance transfer protocol The Reliable

Dettagli

VISITA TECNICA. Ing. Luigi Sassoli. Responsabile R&D AEP Ticketing Solutions

VISITA TECNICA. Ing. Luigi Sassoli. Responsabile R&D AEP Ticketing Solutions VISITA TECNICA Ing. Luigi Sassoli Responsabile R&D AEP Ticketing Solutions Perugia 4 Maggio 2012 Outline La presentazione è articolata in due parti L integrazione dei sistemi è possibile in tempi rapidi

Dettagli

Programmazione Client-Server

Programmazione Client-Server Programmazione Client-Server Davide Taibi davide.taibi@uninsubria.it The Java Platform Java Technology Enabled Devices Java Technology Enabled Desktop Workgroup Server High-End Server The Java Platform

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

SOA!= OO. Andrea Saltarello Software Architect @ Managed Designs S.r.l. andrea.saltarello@manageddesigns.it http://blogs.ugidotnet.

SOA!= OO. Andrea Saltarello Software Architect @ Managed Designs S.r.l. andrea.saltarello@manageddesigns.it http://blogs.ugidotnet. SOA!= OO Andrea Saltarello Software Architect @ Managed Designs S.r.l. andrea.saltarello@manageddesigns.it http://blogs.ugidotnet.org/pape http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/ Chi sono Solution

Dettagli

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web.

13-03-2013. Introduzione al Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie. L idea del Semantic Web. Corso di Ontologie e Semantic Web Linguaggi per la rappresentazione di ontologie Prof. Alfio Ferrara, Prof. Stefano Montanelli Definizioni di Semantic Web Rilievi critici Un esempio Tecnologie e linguaggi

Dettagli

Basi di Dati. prof. Letizia Tanca. Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data

Basi di Dati. prof. Letizia Tanca. Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data Basi di Dati prof. Letizia Tanca Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data (lucidi parzialmente tratti dal libro: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Introduzione alle Basi

Dettagli

Architetture software

Architetture software Sistemi Distribuiti Architetture software 1 Sistemi distribuiti: Architetture software Il software di gestione di un sistema distribuito ha funzionalità analoghe ad un sistema operativo Gestione delle

Dettagli

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide

TNCguide OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella TNCguide Newsletter Application 4/2007 OEM Informativa sull introduzione di documentazione aggiuntiva nella APPLICABILITÀ: CONTROLLO NUMERICO itnc 530 DA VERSIONE SOFTWARE 340 49x-03 REQUISITI HARDWARE: MC 420

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia

Introduzione Kerberos. Orazio Battaglia Orazio Battaglia Il protocollo Kerberos è stato sviluppato dal MIT (Massachusetts Institute of Tecnology) Iniziato a sviluppare negli anni 80 è stato rilasciato come Open Source nel 1987 ed è diventato

Dettagli

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10

Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11. Internet Explorer 10 Italiano: Explorer 10 pagina 1, Explorer 11 pagina 2 English: Explorer 10 page 3 and 4, Explorer 11 page 5. Compatibilità del Portale Piaggio con Internet Explorer 10 e 11 Internet Explorer 10 Con l introduzione

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Linee di evoluzione dei Database

Linee di evoluzione dei Database Linee di evoluzione dei Database DB NoSQL Linked Open Data Semantic Web Esigenze e caratteristiche Presenza di grandi volumi di dati..crescenti Struttura non regolare dei dati da gestire Elementi relativamente

Dettagli

UX model e Architetture di SI web-based. B. Pernici D. Ardagna

UX model e Architetture di SI web-based. B. Pernici D. Ardagna UX model e Architetture di SI web-based B. Pernici D. Ardagna Conallen, cap. 7,9 Bibliografia Modellazione concettuale: UX model Primo passo di analisi UX: user experience Schermate Modellare la navigazione,

Dettagli

MongoDB. Un database NoSQL Open-Source

MongoDB. Un database NoSQL Open-Source MongoDB Un database NoSQL Open-Source Database Relazionali I dati sono divisi in tabelle. Ogni tabella è composta da diverse colonne fisse. Le tabelle possono avere riferimenti tra loro. A.C.I.D. I database

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.6 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Java. Traditional portability (ideal)

Java. Traditional portability (ideal) 1 Java JAVA: una introduzione 2 Traditional portability (ideal) C-code (Linux) (Pentium) Executable (Linux) Executable (Win32) Linux Windows 32 (Mac) Executable (Mac) Mac 1 1 3 Portability of Java programs

Dettagli

Diego GUENZI Rodolfo BORASO

Diego GUENZI Rodolfo BORASO Diego GUENZI Rodolfo BORASO NOSQL Movimento che promuove una classe non ben definita di strumenti di archiviazione di dati Un nuovo modo di vedere la persistenza Si differenziano dai RDBMS: Non utilizzano

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Ing. Mariano Di Claudio Lezione del 24/09/2014 Indice 1. Aspetti di Data Management CouchBase 2. Aspetti Architetturali Infrastruttura

Dettagli

Tecnologia e Applicazioni Internet 2011/12

Tecnologia e Applicazioni Internet 2011/12 Tecnologia e Applicazioni Internet 2011/12 Lezione 4 - Persistenza Matteo Vaccari http://matteo.vaccari.name/ matteo.vaccari@uninsubria.it Perché usare un DB relazionale? Per l accesso concorrente ai dati

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale?

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale? Librerie digitali Introduzione Cos è una libreria digitale? William Arms "An informal definition of a digital library is a managed collection of information, with associated services, where the information

Dettagli

Web Services Security

Web Services Security Web Services Security Introduzione ai Web Services Davide Marrone Sommario Cosa sono i web services Architettura dei web services XML-RPC SOAP (Simple Object Access Protocol) WSDL (Web Services Description

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

GoCloud just google consulting

GoCloud just google consulting La visione Cloud di Google: cosa cambia per i profili tecnici? GoCloud just google consulting Workshop sulle competenze ed il lavoro degli IT Systems Architect Vincenzo Gianferrari Pini

Dettagli

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET 18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso ai database

Dettagli

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica

Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Protocolli di Sessione TCP/IP: una panoramica Carlo Perassi carlo@linux.it Un breve documento, utile per la presentazione dei principali protocolli di livello Sessione dello stack TCP/IP e dei principali

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.7 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

Struttura della lezione. Lezione 9 Architetture dei sistemi distribuiti (2) Il valore aggiunto di una rete di N utenti

Struttura della lezione. Lezione 9 Architetture dei sistemi distribuiti (2) Il valore aggiunto di una rete di N utenti Struttura della lezione Lezione 9 Architetture dei sistemi distribuiti (2) Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di

Dettagli

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Get Instant Access to ebook Guida Agli Etf PDF at Our Huge Library GUIDA AGLI ETF PDF. ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF

Get Instant Access to ebook Guida Agli Etf PDF at Our Huge Library GUIDA AGLI ETF PDF. ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF GUIDA AGLI ETF PDF ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF GUIDA AGLI ETF PDF - Are you searching for Guida Agli Etf Books? Now, you will be happy that at this time Guida Agli Etf PDF is available at our online

Dettagli

Big ed Open Data, nosql e..

Big ed Open Data, nosql e.. Big ed Open Data, nosql e.. Quadro d insieme Tecnologie interconnesse ed interoperanti Big Data Software Open Open Data Mobile Internet delle Cose Dispositivi indossabili Social Network e Search Metodologie

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Service Oriented Architectures

Service Oriented Architectures Service Oriented Architectures Introduction to SOA Fulvio Corno Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 1 Definition Service Oriented Architecture A paradigm for organizing and utilizing

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ

DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ - 0MNSWK0082LUA - - ITALIANO - DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ Il produttore non accetta responsabilità per la perdita di dati, produttività, dispositivi o qualunque altro danno o costo associato (diretto

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Accesso ai Dati Ing. Giuseppe D'Aquì Testi Consigliati Eclipse In Action Core J2EE Patterns - DAO [http://java.sun.com/blueprints/corej2eepatterns/patterns/dataaccessobject.html]

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

"_id": "555ae00a475a9b259281b21a", "name": "Nicola Galgano", "alias": "alikon", "gender": "maschile", "work": consulente software bancario",

_id: 555ae00a475a9b259281b21a, name: Nicola Galgano, alias: alikon, gender: maschile, work: consulente software bancario, 1 } { "_id": "555ae00a475a9b259281b21a", "name": "Nicola Galgano", "alias": "alikon", "gender": "maschile", "work": consulente software bancario", "company": sto cercando ", "email": "info@alikonweb.it",

Dettagli

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI?

Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Emanuele Barrano Filippo Bosi CLOUD COMPUTING E ARCHITETTURE SOFTWARE: QUALI IMPATTI SULLO SVILUPPO DI APPLICAZIONI? Agenda Cloud Overview Approccio al Cloud Computing Impatto sullo sviluppo delle applicazioni

Dettagli

Terminologia per gli ipertesti sul web

Terminologia per gli ipertesti sul web Terminologia per gli ipertesti sul web browser: programma applicativo per navigare in rete page (pagina): singolo foglio di un ipertesto home-page: punto di ingresso di un sito web hotspot, hotword: porzione

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Debtags. Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini enrico@debian.org

Debtags. Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini enrico@debian.org Debtags Dare un senso a 20000 pacchetti. 16 settembre 2006 14 slides Enrico Zini (enrico@debian.org) 1/14 Fondazioni teoretiche Classificazione a Faccette (sfaccettature) Scoperte del cognitivismo (capacità

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response

ATM. Compatibile con diversi Canali di Comunicazione. Call Center / Interactive Voice Response Compatibile con diversi Canali di Comunicazione Call Center / Interactive Voice Response ATM PLUS + Certificato digitale Dispositivi Portatili Mutua Autenticazione per E-mail/documenti 46 ,classico richiamo

Dettagli

MANUALE UTENTE MODULO ESPANSIONE TASTI MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Descrizione Il modulo fornisce al telefono VOIspeed V-605 flessibilità e adattabilità, mediante l aggiunta di trenta tasti memoria facilmente

Dettagli

La Platform as a Service di Google. Vincenzo Gianferrari Pini

La Platform as a Service di Google. Vincenzo Gianferrari Pini <vgp@gocloud.it> La Platform as a Service di Google Vincenzo Gianferrari Pini 7 giugno 01 Agenda Architettura generale L'Infrastructure as a Service di Google Il Software as a Service di Google: Servizi

Dettagli

L ambiente operativo integrato leader del settore. Sistema operativo IBM i elaborazione aziendale efficiente e resiliente

L ambiente operativo integrato leader del settore. Sistema operativo IBM i elaborazione aziendale efficiente e resiliente L ambiente operativo integrato leader del settore Sistema operativo IBM i elaborazione aziendale efficiente e resiliente Punti di forza Middleware integrato per un elaborazione aziendale efficiente Virtualizzazione

Dettagli

RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI

RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI Nicoletta Barbaro 4C Mercurio TRACCIA DEL PROBLEMA: RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI Un'azienda che distribuisce film in formato dvd chiede ad una software house(4c mercurio)

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche corso di Informatica Generale

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche corso di Informatica Generale Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Chimiche corso di Informatica Generale Paolo Mereghetti DISCo Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Internet (parte 2) Riordinati e inoltrati

Dettagli

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC JDBC: Introduzione Java Database Connectivity (JDBC): parte 1 Gianluca Moro DEIS - Università di Bologna gmoro@deis.unibo.it Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali

Dettagli

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati.

Progetto Michelangelo. Click4Care - ThinkHealth System. Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008. 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. Progetto Michelangelo Click4Care - ThinkHealth System Paolo Rota Sperti Roma, 08 Novembre 2008 2008 Pfizer Italy. Tutti i diritti riservati. 1 Storia Pfizer ha sviluppato negli ultimi anni know-how nel

Dettagli

SAP PLM - DMS. SAP Document Management System integrazione con Content Server

SAP PLM - DMS. SAP Document Management System integrazione con Content Server SAP PLM - DMS SAP Document Management System integrazione con Content Server Apex assists companies increase business value by leveraging existing investments in SAP solutions SAP DMS Agenda Overview soluzione

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

NoSQL: concetti generali

NoSQL: concetti generali NoSQL: concetti generali Paolo Atzeni 30/05/2011 Il solito primo lucido DataBase Management System (DBMS) Sistema che gestisce collezioni di dati: grandi persistenti condivise garantendo privatezza affidabilità

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli

DBMS ed Applicazioni Motivazioni

DBMS ed Applicazioni Motivazioni DBMS ed Applicazioni Motivazioni Sin ora abbiamo visto SQL come linguaggio per interrogare DBMS da interfaccia interattiva Nella pratica, un efficace sfruttamento delle potenzialità dei DBMS deriva dalla

Dettagli

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC di base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte completa indipendenza del codice dal tipo di database o di

Dettagli

IL MULTIPROCESSING. Tendenza attuale: distribuire il calcolo tra più processori.

IL MULTIPROCESSING. Tendenza attuale: distribuire il calcolo tra più processori. IL MULTIPROCESSING Il problema: necessità di aumento della potenza di calcolo. La velocità di propagazione del segnale (20 cm/ns) impone limiti strutturali all incremento della velocità dei processori

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

Sistemi Distribuiti AA 2005/2006. durante il corso: dopo lezione dopo il corso: mercoledì dalle 16,00 alle 18,00 per chi lavora: spedire una mail

Sistemi Distribuiti AA 2005/2006. durante il corso: dopo lezione dopo il corso: mercoledì dalle 16,00 alle 18,00 per chi lavora: spedire una mail Sistemi Distribuiti AA 2005/2006 Laurea Specialistica-Telecomunicazioni Docente: Dott.Ing. Sara Tucci Piergiovanni Il corso: informazioni utili Riferimenti del docente: sito web: www.dis.uniroma1.it/tucci

Dettagli

Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator. StarTech ID: SATDOCK22RU3

Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator. StarTech ID: SATDOCK22RU3 Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator StarTech ID: SATDOCK22RU3 The SATDOCK22RU3 USB 3.0 to SATA Hard Drive Duplicator Dock can be used as a standalone SATA hard drive duplicator,

Dettagli

Che cosa è SADAS INFOMANAGER (1982) Gestione Archivi Storici (1992) SADAS (2005) Ambiente MVS OVERMILLION (1990) Client-Server e multipiattaforma

Che cosa è SADAS INFOMANAGER (1982) Gestione Archivi Storici (1992) SADAS (2005) Ambiente MVS OVERMILLION (1990) Client-Server e multipiattaforma 1 Che cosa è SADAS SADAS è un DBMS column-based progettato in modo specifico per ottenere grandi performance nell interrogazione di archivi statici di grandi dimensioni (analisi data warehouse, OLAP).

Dettagli

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati In breve Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati.. Sono tutte sequenze di bit! 1 1 0 1 0 1 0 0 0 1 2 In breve In breve > Ipertesti in HTML Informazioni di natura non omogenea, cui si

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

i5/os per processi di business efficienti e flessibili

i5/os per processi di business efficienti e flessibili L ambiente operativo integrato leader nel settore i5/os per processi di business efficienti e flessibili Caratteristiche principali Middleware integrato per processi di business efficienti. Funzioni integrate

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003

Mod. 1067 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE. Sch./Ref.1067/003 Mod. 1067 DS1067-019 LBT8388 INTERFACCIA USB/KEY USB/KEY INTERFACE Sch./Ref.1067/003 ITALIANO DESCRIZIONE GENERALE L interfaccia 1067/003 consente di collegare alla Centrale 1067/032 o 1067/042 (ver. 2.00

Dettagli

La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa

La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa La piattaforma Oracle10g per la Continuita Operativa Roma, 10 maggio 2006 Alfredo Valenza Principal Sales Consultant - Oracle Italia alfredo.valenza@oracle.com Cause di un disastro 3% 18% 18% 4% 14% 4%

Dettagli