Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers"

Transcript

1 Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers Jennifer Freeland BS, HTL(ASCP) cm, Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA; Erico von Bueren MD, PhD, MOR, Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA; Sharmini Muralitharan PhD, Thermo Fisher Scientific, Fremont, CA, USA; Xiao-Ying Meng MS, Thermo Fisher Scientific, Fremont, CA, USA; Marsha Harvey Quality Assurance Chemist, Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA, William Lienhart, HT(ASCP), Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA; Curt King, HT(ASCP), Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA; Kelly Miliman, BA, Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA; Ferda Filiz, MD, Thermo Fisher Scientific, Fremont, CA, USA. Application Note LV IT Parole chiave Immunoistochimica, IHC, pretrattamento, smascheramento (recupero) antigenico, HIER, sparaffinatura, solvente organico solubile in acqua. Obiettivi dello studio 1. Illustrare il ruolo critico di un solvente organico solubile in acqua nella nuova formulazione del tampone di sparaffinatura e pretrattamento. 2. Illustrare che la nuova formulazione del tampone di sparaffinatura e pretrattamento ha ottime prestazioni e permette di ottenere ottimi risultati di colorazioni immunoistochimiche. Introduzione La metodica dello smascheramento antigenico (abbreviato come HIER - heat-induced epitope retrieval) è stata sviluppata negli anni 90 per preparare sezioni di tessuto fissate in formalina per la colorazione immunoistochimica (IHC). La metodica originale richiedeva tre specifici passaggi di sparaffinatura della sezione mediante solvente, idratazione in scala di alcoli ed infine incubazione in acqua; HIER poteva successivamente essere realizzato in un tampone acquoso. Alla fine del decennio sono stati introdotti sul mercato sistemi mono passaggio (abbreviato come: all-in-one), nei quali sezioni in paraffina potevano essere sparaffinatura, reidratate e smascherate in una soluzione. Le formulazioni per la metodica all-in-one presentano differenze tra loro ma fondamentalmente utilizzano un surnatante per agire come detergente che agevola la rimozione della paraffina disciolta. Queste formulazioni tradizionali di tampone all-in-one sono efficienti per la rimozione la paraffina da una sezione di tessuto, ma la paraffina sciolta si raccoglie sulla superficie del tampone. Un vetrino posto orizzontalmente risponde bene al trattamento con i tamponi all-in-one di tradizionale formulazione. La paraffina sciolta galleggia sulla superficie del tampone, come uno strato oleoso, e viene lavata via dal successivo ciclo di lavaggio. Però questo sistema non funziona correttamente per vetrini trattati in posizione verticale. La paraffina sciolta, raccolta sulla superficie del tampone nel contenitore, può aderire nuovamente ai vetrini, quando vengono estratti dalla soluzione tampone. Questa nuova deposizione di paraffina può interferire con la successiva colorazione IHC. In considerazione del fatto che il Thermo Scientific PT Module prevede il trattamento dei vetrini in posizione verticale, la tradizionale formulazione dei tamponi all-in-one non era in grado di esprimere il suo totale potenziale (ad esempio i precedenti tamponi PTM 1, 2, 3, e 4). In particolare, è stato rilevato che risulta difficile rimuovere paraffine con alto contenuto di polimeri plastici (ad esempio: le paraffine Thermo Scientific Richard-Allan Scientific Type 9 e Histoplast LP) utilizzando formulazione tradizionale. Prove condotte per osservare l interazione tra la fase di paraffina sciolta, la fase acquosa, e la sezione di tessuto verticale, hanno permesso di rilevare come il problema principale riguardi la fase oleosa di paraffina sciolta sulla superficie della fase acquosa all interno del contenitore del PT Module. Da questo la decisione di sviluppare un nuovo tampone all-in-one, per migliorare le prestazioni, comunque solo a condizione che la paraffina sciolta potesse risultare dissolta nella fase acquosa. Senza additivo nel tampone che ne incoraggi la solubilità, la paraffina si raccoglie sulla superficie, come olio sull acqua (o olio d oliva sull aceto). Con un additivo scelto opportunamente specificamente un solvente organico solubile in acqua la paraffina si dissolve nella soluzione di tampone in temperatura. I tamponi Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers contengono questo tipo di solvente. L obiettivo progettuale per la nuova formulazione è stato quello di ottenere la completa dissoluzione della paraffina nel tampone durante la fase di riscaldamento del processo HIER (circa 62 C). Durante questa fase ad alta temperatura la paraffina si scoglie dal vetrino. In mancanza di additivo nella soluzione tampone, in grado di rendere solubile la paraffina, questa si raccoglie sulla

2 2 superficie, come olio sull acqua (o olio d oliva sull aceto). Ma con un additivo scelto opportunamente specificamente un solvente organico solubile in acqua la paraffina si dissolve nella soluzione di tampone in temperatura. Una volta che i vetrini vengono estratti, non ci sono tracce di paraffina disciolta che coprono nuovamente i preparati. I vetrini possono essere lavati con tampone a temperatura ambiente ed essere inseriti nel Thermo Scientific Autostainer, per essere colorati. Questo studio illustra l importante ruolo che il solvente organico idrosolubile gioca nella possibilità di rendere solubile la paraffina disciolta durante la fase di riscaldamento dello smascheramento antigenico. Lo studio illustra inoltre i risultati di colorazione immunoistochimica ottenuti utilizzando il nuovo tampone e li mette a confronto con prodotti della concorrenza (Dako EnVision Flex Low ph) e con il procedimento convenzionale di sparaffinatura in solvente, reidratazione in alcool e smascheramento antigenico in soluzione tampone. Materiali & Metodi Tamponi concentrati: 1. : tampone per sparaffinatura e pretrattamento formulazione L, contenente sia glicole polietilenico 200 (PEG 200) che un solvente organico solubile in acqua (abbreviato come WSOS - water soluble organic solvent). 2. D2: come L1, ma privo di PEG200 sostituito da acqua distillata (22,0 ml) 3. D3: come L1, ma privo di PEG200 sostituito da acqua distillata (7,5 ml) 4. : tampone citrato standard per pretrattamento, senza proprietà sparaffinanti (controllo negativo) 5. Dako EnVision Flex Low ph (Red): tampone per sparaffinatura e pretrattamento della concorrenza (controllo negativo) Soluzioni di lavoro: 1. Preparare 100 ml con diluizione 1:15 aggiungendo a 6,7 ml 93,3 ml di acqua distillata 2. Preparare 100 ml con diluizione 1:15 aggiungendo a 6,7 ml D2 93,3 ml di acqua distillata 3. Preparare 100 ml con diluizione 1:15 aggiungendo a 6,7 ml D3 93,3 ml di acqua distillata 4. Preparare 100 ml con diluizione 1:100 aggiungendo a 1,0 ml 99,0 ml di acqua distillata 5. Preparare 100 ml con diluizione 1:50 aggiungendo a 2,0 ml Dako Flex Red 98,0 ml di acqua distillata Versare cinque grammi di paraffina Histoplast LP in 100 ml di soluzione di lavoro, preriscaldata a 58 C (punto di fusione della paraffina), e sottoposta ad agitazione costante. Rilevare la percentuale di paraffina disciolta alla temperatura di 58 C. Aumentare la temperatura della soluzione, sempre sottoposta ad agitazione costante, fino al completo scioglimento della paraffina, e rilevare la temperatura raggiunta. Per la soluzione, contenente WSOS, i 5 grammi di paraffina sono stati completamente disciolti ad una temperatura di 62 C. Aumentare la temperatura della soluzione fino C e lasciare raffreddare fino a 55 C (immediatamente al di sotto del punto di fusione della paraffina). Filtrare la soluzione a 55 C e pesare il residuo raccolto sulla carta filtro. La differenza di peso rispetto ai 5 grammi iniziali corrisponde alla quantità di paraffina completamente in soluzione a 55 C. La successione dei processi è stata ripetuta per tutte le soluzioni: D2, D3,, e e i risultati riportati in tabella 1. Metodica di colorazione immunoistochimica e reagenti Le soluzioni di ogni tampone sparaffinante e pretrattante L,, e Dako EnVision Flex Red sono state utilizzate parallelamente nel PT Module con successiva colorazione immunoistochimica su Autostainer 360. I vetrini sono stati trattati in parallelo, per potere rilevare la dissoluzione della paraffina e l efficacia della colorazione immunoistochimica. Per la colorazione immunoistochimica sono stati utilizzati i seguenti reagenti: Sistema di rivelazione: Thermo Scientific UltraVision Quanto HRP DAB Anticorpo primario: HER2 (RM-9103, 1:100), CD3 (RM- 9107, 1:150) e Ki67 (RM-9106 RTU) Controlli: vetrini di controllo CheQpoint HER2 allestiti con sezioni di tonsilla allestiti con tissue microarrayer, 4 μm Ematossilina di Mayer modificata Thermo Scientific Richard-Allan Scientific Un patologo ha esaminato e valutato i vetrini Risultati Solubilità della paraffina: Questo studio mostra che il solvente organico solubile in acqua permette al tampone acquoso la dissoluzione della paraffina disciolta nella soluzione alle temperature mostrate nella tabella seguente a temperature uguali o superiori al punto di fusione della paraffina. Entrambi i tamponi e D2 mostrano la dissoluzione di approssimativamente il 90% della paraffina a 58 C. Entrambi i tamponi and D2 mostrano la completa dissoluzione della paraffina a 62 C. and D2 hanno mantenuto questa solubilità fino a C. Allo scendere della temperatura, i tamponi e D2 hanno mostrato di mantenere una solubilità della paraffina del 5% sotto i 55 C (3 gradi sotto il punto di fusione della paraffina). Con il tampone D3, contenente glicole polietilenico ma non solvente organico solubile in acqua, è stato rilevato lo scioglimento del 90% della paraffina a

3 58 C, mentre il completo scioglimento è stato ottenuto solo a 66 C. La paraffina pare fondere e formare uno strato superficiale oleoso, anche a C. Il tampone D3 non è stato in grado di trattenere il 2% della paraffina sotto i 55 C. Solo il 40% della paraffina risultava disciolta nel tampone alla temperatura di 58 C e lo scioglimento completo è stato possibile solo al raggiungimento dei 79 C. La paraffina fusa e il tampone si sono mantenuti in fasi separate durante tutto il riscaldamento fino a C. Dopo raffreddamento a 55 C tutta la paraffina è stata rimossa tramite filtrazione e dunque nessuna paraffina è stata trattenuta nella soluzione sotto i 55 C. Con il tampone il 60% della paraffina risultava fusa a 58 C e il completo scioglimento è stato ottenuto a 68 C. La paraffina fusa e il tampone si sono mantenuti in fasi separate durante tutto il riscaldamento fino a C. Dopo raffreddamento a 55 C tutta la paraffina è stata rimossa tramite filtrazione e dunque nessuna paraffina è stata trattenuta nella soluzione sotto i 55 C. Le immagini mostrano i comportamenti agli effetti della solubilità descritti nei punti precedenti. Le foto dei tamponi e D2, scattate a C, mostrano un liquido torbido con uno strato superiore leggermente schiumoso, nessuna separazione tra i diversi strati. I tamponi D3 (con glicole polietilenico ma non solvente organico solubile in acqua),, e Dako Red mostrano uno strato chiaro e incolore al di sopra di una ben distinta fase acquosa. Lo strato superiore è paraffina fusa, lo strato inferiore acquoso. Costanza del ph e risultati della colorazione immunoistochimica Questo studio conferma che i tamponi e D2 mantengono il ph della soluzione concentrata, tra i diversi lotti e cicli di lavoro. Questa costanza del ph contribuisce alla buona qualità della colorazione immunoistochimica. I grafici mostrano le immagini microscopiche che confermano le elevate e costanti prestazioni dei tamponi,, e per l individuazione di HER2 amplificato in uno spot HER2 sul tissue microarray. Analogamente, la qualità della colorazione dello spot 2+ sul HER2 tissue microarray è comparabile tra i tre tamponi. Anche il Ki67 mostra alta e costante qualità della colorazione per i tre tamponi. Gli stessi risultati (qui non mostrati) sono stati ottenuti con altri anticorpi. 3 Tabella: Test di solubilità paraffina Step Action D 1 D 2 D 3 1 Preparare 100 ml di soluzione di lavoro. Formula No PEG200 No WSOS Controllo Concorrenza completa 2 Versare 5g di Histoplast LP peso esatto rilevato. 5,0058 g 5,0126 g 5,0222 g 5,0084 g 5,0057 g 3 Temperatura iniziale / temperatura a cui la 58 C / 62 C 58 C / 62 C 58 C / 66 C 58 C / 79 C 58 C / 68 C paraffina di discioglie completamente. 4 Percentuali di scioglimento alle temperature dello 90% / 100% 90% / 100% 40% / 100% 60% / 100% 60% / 100% step precedente (%). 5 Paraffina residua a 55 ºC. 4,6476 g 4,4546 g 4,8595 g 4,7556 g 4,7271 g 6 Paraffina residua a t.a. (24 ºC). 0,2337 g 0,2570 g 0,1010 g 0 g 0 g 7 Variazione paraffina residua tra 55 ºC e 24 ºC. 5% 5% 2% 0% 0% 8 Paraffina in soluzione a 55 ºC. 0,3582 g 0,5580 g 0,1627 g 0,2528 g 0,2786 g 9 Percentuale rispetto a quantità iniziale. 7% 11% 3% 5% 6%

4 4 Tampone sparaffinante 1 a 59 C. Notare la formazione di completa sospensione (torbida, opaca) e lo strato superiore leggermente schiumoso Tampone sparaffinante 2 a 58 C. Notare la formazione di completa sospensione (torbida, opaca) e lo strato superiore leggermente schiumoso Tampone sparaffinante 3 a 56 C. Notare il fondo chiaro di tampone (arancio), lo strato intermedio schiumoso, e il sottile strato superiore incolore (paraffina fusa) Tampone Dako EnVision Flex Low ph a 72 C. Notare lo strato parzialmente torbido di tampone ( rosa) e e lo strato superiore incolore (paraffina fusa). Tampone a 79 C. Notare lo strato inferiore di tampone incolore e lo strato superiore incolore (paraffina fusa)

5 Risultati ph 5 Concentrato Prima di ciclo 1 Prima di ciclo 2 Dopo ciclo D (basso ph) Tampone citrato di controllo Concentrato Prima di ciclo 1 Prima di ciclo 2 Dopo ciclo 2 HER2 : D2 (basso ph) Tampone citrato di controllo Risultati colorazione immunoistochimica HER2 : Dako Flex (Red) HER2 :

6 6 HER2 2+: Ki67 tonsilla: HER2 2+: Dako Flex (Red) HER2 2+:

7 Valutazioni dei risultati 7 HER2 Valutazione del patologo Ciclo 1 Ciclo 2 Vetrino 1 Vetrino 2 Vetrino 3 3/ Vetrino 1 Vetrino 2 Vetrino 3 3/ CD3 Valutazione del patologo Ciclo 1 Ciclo 2 Ki67 tonsilla Dako Flex (Red) Ki67 Valutazione del patologo Ciclo 1 Ciclo 2 Vetrino 1 Vetrino 2 Vetrino 3 Commenti Solubilità della paraffina I risultati di questo studio mostrano le prove qualitative che il solvente organico solubile in acqua contenuto nella formulazione del tampone ha un impatto rilevante e positivo sul comportamento della solubilità della paraffina. Questa è stata la formulazione base scelta per sviluppare i tamponi sparaffinanti e pretrattanti Dewax and HIER Buffers L, M, e H. Ki67 tonsilla: I tamponi e D2, con solvente organico solubile in acqua, sono stati in grado di solubilizzare la paraffina parzialmente tra 55 e 62 C e completamente a C. I solventi D3, HIERL, e senza solvente organico solubile in acqua, non sono stati in grado di solubilizzare la paraffina, anche ad alta temperatura. La paraffina si è semplicemente fusa e si è separata in uno strato incolore al di sopra della fase liquida, impossibile da omogeneizzare, anche temporaneamente, a nessuna temperatura.

8 I tamponi e L2 con mantengono in soluzione due volte e mezza più paraffina di quanto rilevato con il tampone D3 senza solvente organico solubile in acqua. Il tampone di controllo e quello della concorrenza ( e Dako Flex Red) non hanno trattenuto alcuna paraffina nello stesso range di temperatura; a temperature inferiori a 55 C tutta la paraffina è stata trattenuta dalla carta da filtro. I tamponi per sparaffinatura e pretrattamento con solvente organico solubile in acqua sono patent pending. I tamponi e L2 con mantengono in soluzione due volte e mezza più paraffina di quanto rilevato con il tampone D3 senza solvente organico solubile in acqua. ph e risultati della colorazione immunoistochimica Il solvente organico solubile in acqua non ha influenza sulla costanza del ph o sulla colorazione immunoistochimica. I risultati della colorazione immunoistochimica per tutti i tamponi per sparaffinatura e pretrattamento Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers L, M, e H confermano la costanza del ph, la completezza della sparaffinatura e la eccellente qualità di colorazione. I risultati sono assolutamente comparabili con entrambi i prodotti concorrenti (Dako EnVision Flex Low e High ph, Cell Marque Trilogy) e con il metodo classico a tre step di sparaffinatura, reidratazione e pretrattamento. Ringraziamenti Un particolare ringraziamento a Alexis Stubelt per la realizzazione di questo documento. We would like to thank Langxing Pan, MD, PhD, for assistance with slide review. Bibliografia 1. Carson FL: Histotechnology: A Self-Instructional Text, 2nd ed. ASCP Press, Chicago, Dako. Data Sheet. Target Retrieval Solution Dako. Material Safety Data Sheet. Target Retrieval Solution Elias, JM. Immunohistochemistry: A Practical Approach to Diagnosis, 2nd Ed O Leary TJ, et al. Protein fixation and antigen retrieval: chemical studies. Biotechnic & Histochemistry, 99999:1, URL: Sheehan DC, Hrapchak BB: Theory and Practice of Histotechnology, 2nd ed. The C.V. Mosby Company, St. Louis, Shi SR, et al. Antigen retrieval in formalin-fixed, paraffin-embedded tissues: an enhancement method for immunohistochemical staining based on microwave oven heating of tissue sections. Journal of Histochemistry & Cytochemistry. 39: Application Note LV IT Conclusioni Quel che permette di eccellere nella rimozione della paraffina dai vetrini è questo unico comportamento di solvibilità del solvente contenuto nella nuova formulazione dei tamponi di sparaffinatura e pretrattamento. Specificamente, i nuovi tamponi Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers L, M, e H ottengono le migliori prestazioni con sezioni di tessuto poste in posizione verticale, come nel caso del PT Module. Con la perfetta sparaffinatura si ottiene l ottimizzazione dei risultati della colorazione immunoistochimica, che risulta costante, omogenea, ripetibile e di alta qualità. Avremo il piacere di dimostrare i nuovi prodotti, ordinabili con i codici TA-999-DHBL, TA-999-DHBM e TA-999-DHBH. Quel che permette di eccellere nella rimozione della paraffina dai vetrini è questo unico comportamento di solvibilità del solvente contenuto nella nuova formulazione dei tamponi di sparaffinatura e pretrattamento. Specificamente, i nuovi tamponi Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers L, M, e H ottengono le migliori prestazioni con sezioni di tessuto poste in posizione verticale, come nel caso del PT Module. 8. Shi RW, et al. Antigen retrieval techniques: current perspectives. Journal of Histochemistry & Cytochemistry. 49: Thermo Fisher Scientific. Data Sheet. HIER Buffers Thermo Fisher Scientific. Instructions for Use: Thermo Scientific Autostainer Thermo Fisher Scientific. Instructions for Use: Thermo Scientific PT Module Thermo Fisher Scientific. Instructions for Use: Thermo Scientific Quanto Detection System Thermo Fisher Scientific Inc. All rights reserved. EnVision is a trademark of Dako. All other trademarks are the property of Thermo Fisher Scientific Inc. and its subsidiaries. Anatomical Pathology LV10018-IT R9/ Campus Drive Kalamazoo, MI (800)

EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus)

EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) Codice K8010 5 a edizione Il kit contiene reagenti sufficienti per 400 600 test. Per Dako Autostainer/Autostainer Plus Reagenti facoltativi:

Dettagli

EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red)

EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red) EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red) Codice K5361 Seconda edizione Per l uso con anticorpi primari di coniglio e topo. Idoneo per 150 test. (114146-002) K5361/IT/SGA/13.10.06

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Autostainer 480S+PT Module. Autostainer 480S

Autostainer 480S+PT Module. Autostainer 480S Autostainer 480S+PT Module Dispositivo medico - diagnostico in vitro Codice CND: W0202059002 Notizie generali Sistema completo di strumento (autostainer 480-2D) e PT Module Codice strumentazione: 61-A80500027

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE

SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE SOLUZIONI E MISCUGLI PERCORSO PER LA SCUOLA ELEMENTARE 1 STADIO Identificazione e definizione delle soluzioni Obiettivo : il bambino, attraverso un approccio fenomenologico, impara il concetto di SOLUZIONE

Dettagli

Soluzioni Avanzate per la Pulizia. Manutenzione, riparazione e industria

Soluzioni Avanzate per la Pulizia. Manutenzione, riparazione e industria Soluzioni Avanzate per la Pulizia Manutenzione, riparazione e industria Per la pulizia professionale Affidatevi alla qualità Loctite I detergenti Loctite sono stati formulati per la pulizia di singoli

Dettagli

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre.

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre. EXTRUSION COATING EXTRUSION COATING L extrusion coating è un processo utilizzato per preparare complessi utilizzati per imballaggi asettici, quali contenitori per latte, vino, succhi di frutta, acqua etc.

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe Z-2124-200 20 (0.2 ml) Z-2124-50 5 (0.05 ml) Per la rilevazione della traslocazione che coinvolge il gene ALK a 2p23 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

CellSolutions General Cytology Preservative

CellSolutions General Cytology Preservative CellSolutions General Cytology Preservative Codice di catalogo: C-101 (10 ml fiala) C-101-25 (25 x 10 ml fiale) C-101-200 (8 x 25 x 10 ml fiale) C-101-500 (20 x 25 x 10 ml fiale) C-101L (1 L) C-101G (4

Dettagli

Si filtra il materiale per lasciar passare l'acido nucleico e trattenere i residui cellulari.

Si filtra il materiale per lasciar passare l'acido nucleico e trattenere i residui cellulari. Titolo : Estrazione del DNA dal kiwi PROCEDURA Una delle prime operazioni da compiere è quella di frammentare il frutto in modo da separare il più possibile le cellule fra loro per esporle all'azione del

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GLUTINE IN ALIMENTI E SUPERFICI

DETERMINAZIONE DEL GLUTINE IN ALIMENTI E SUPERFICI Numero 01/2012 marzo 2012 DETERMINAZIONE DEL GLUTINE IN ALIMENTI E SUPERFICI Considerata l'elevata incidenza delle allergie alimentari e gli effetti anche gravi che possono provocare sull'uomo, le normative

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe Z-2117-200 Z-2117-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del riarrangiamento dei geni ALK- EML4 mediante ibridazione in situ fluorescente (FISH).... Dispositivo

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Z-2015-200 Z-2015-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del gene umano HER2 e degli alfa-satelliti del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

GEL DI CARBOPOL 940 OTTENUTO PER AGITAZIONE MANUALE E MECCANICA.

GEL DI CARBOPOL 940 OTTENUTO PER AGITAZIONE MANUALE E MECCANICA. GEL DI CARBOPOL 940 OTTENUTO PER AGITAZIONE MANUALE E MECCANICA. La formula proposta è un idrogel di Carbopol 940 ottenuto per neutralizzazione con trietanolammina, che ha la seguente composizione Carbopol

Dettagli

PREMIO CESARE BONACINI. Chimica, fisica, biologia... studi ed esperimenti sulla scienza del far da mangiare.

PREMIO CESARE BONACINI. Chimica, fisica, biologia... studi ed esperimenti sulla scienza del far da mangiare. Associazione per l'insegnamento della Fisica PREMIO CESARE BONACINI ANNO SCOLASTICO 2010-2011 Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali 34 Concorso annuale "PREMIO CESARE BONACINI" riservato

Dettagli

PURIFICAZIONE DI DNA

PURIFICAZIONE DI DNA PURIFICAZIONE DI DNA Esistono diverse metodiche per la purificazione di DNA da cellule microbiche, più o meno complesse secondo il grado di purezza e d integrità che si desidera ottenere. In tutti i casi

Dettagli

4025 Sintesi del 2-iodopropano dal 2-propanolo

4025 Sintesi del 2-iodopropano dal 2-propanolo 4025 Sintesi del 2-iodopropano dal 2-propanolo OH I + 1/2 I 2 + 1/3 P x + 1/3 P(OH) 3 C 3 H 8 O (60.1) (253.8) (31.0) C 3 H 7 I (170.0) (82.0) Classificazione Tipo di reazione e classi di sostanze Sostituzione

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Matrice purificata per spettrometria di massa a tempo di volo con desorbimento e ionizzazione laser assistita da matrice (MALDI-TOF-MS). I prodotti CARE sono

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE L insegnamento delle scienze e della tecnologia si configura, nella scuola primaria, come un obiettivo fondamentale che dà le coordinate per

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Produttore: ZytoVision GmbH Codice: Z-2138-200 (0.2ml).. Per l identificazione della traslocazione che coinvolge

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE MISCUGLI E SOLUZIONI La trattazione di questo argomento è avvenuta nell ambito dello studio dell acqua e delle sue proprietà

Dettagli

rifiuti plastici RICICLO CHIMICO riciclo terziario

rifiuti plastici RICICLO CHIMICO riciclo terziario RICICL TERZIARI: recupero come materie prime secondarie rifiuti plastici combustione viene preservato il massimo valore sfruttabile contenuto nel rifiuto plastico, ma spesso ha numerosi fattori limitanti

Dettagli

CEDIA Mycophenolic Acid Application Ortho Clinical Diagnostics VITROS 5600 Integrated System, \VITROS 5,1 FS e 4600 Chemistry Systems

CEDIA Mycophenolic Acid Application Ortho Clinical Diagnostics VITROS 5600 Integrated System, \VITROS 5,1 FS e 4600 Chemistry Systems Microgenics Corporation Part of Thermo Fisher Scientific CEDIA Mycophenolic Acid Application Ortho Clinical Diagnostics VITROS 5600 Integrated System, \VITROS 5,1 FS e 4600 Chemistry Systems Codice 100276

Dettagli

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Separazione dei tensioattivi e riconoscimento della classe di appartenenza I formulati di uso domestico a base di tensioattivi sono numerosi almeno

Dettagli

Autostainer 360-2D. Coloratore automatico per immunistochimica con barcode

Autostainer 360-2D. Coloratore automatico per immunistochimica con barcode Scheda tecnica LV360-2D Autostainer 360-2D Dispositivo medico diagnostico in vitro Codice CND: W0202059002 Codice CIVAB: CAT LNP 36 Notizie generali Tipo strumento: Coloratore automatico per immunistochimica

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Schede esperimenti Scuola secondaria di primo grado ESPERIENZA: LE SOLUZIONI 3 bicchierini di plastica trasparenti sale zucchero Riempiamo

Dettagli

Estrogen Receptor (EP1)

Estrogen Receptor (EP1) Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44592 Estrogen Receptor 0,1 R (EP1) 44593 Estrogen Receptor 1 R (EP1) 44285 Estrogen Receptor RTU R (EP1) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2030. Conducibilità Si definisce conducibilità elettrica (o conduttanza) di un mezzo omogeneo il reciproco della sua resistenza (espressa in ohm). Per conducibilità elettrica specifica (o conduttività)

Dettagli

17. Cianuri totali e clorabili

17. Cianuri totali e clorabili Febbraio 1992 17. Cianuri totali e clorabili 17.1 Principio del metodo II metodo prevede una distillazione preliminare, in ambiente acido, dei cianuri come acido cianidrico. L'acido cianidrico così prodotto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

Determination of asbestos in water by FT-IR technique:

Determination of asbestos in water by FT-IR technique: International Conference Determination of asbestos in water by FT-IR technique: a proposal for an analytical routine method 7 dicembre 2005 Asbestos Monitoring and Analytical Methods Aurora Brancia B.e.t.a

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

Parassitologia. For Newbies

Parassitologia. For Newbies Parassitologia For Newbies 1 PREMESSA Nei campioni fecali si ricercano: PROTOZOI ELMINTI 2 RICERCA DI ELMINTI Le forme di elminti che si ritrovano in genere sono le larve e le uova, sebbene si possano

Dettagli

Principi E Procedure. Materiali E Metodi

Principi E Procedure. Materiali E Metodi Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44366 PAX-5 0,1 R (EP156) 45628 PAX-5 1 R (EP156) 45642 PAX-5 RTU R (EP156) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato asciti

Dettagli

SISTEMA BASE MANUALE D USO

SISTEMA BASE MANUALE D USO MBS-HACCP&ACQUE EASY TEST SISTEMA BASE MANUALE D USO INDICE 1.1 Introduzione 3 1.2 Modalità di utilizzo 5 1.2.1 Campione solido 6 1.2.2 Campione liquido 9 1.2.3 Analisi di una superficie 12 1.2.4 Note

Dettagli

Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro. M. Cadei

Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro. M. Cadei Processazione rapida e fissazione alternativa tra presente e futuro M. Cadei Sezione di Anatomia Patologica Dipartimento Medicina Molecolare e Traslazionale (DMMT) Università degli Studi di Brescia TAVOLA

Dettagli

Epstein-Barr Virus (MRQ-47)

Epstein-Barr Virus (MRQ-47) Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44590 Epstein-Barr Virus 0,1 R (MRQ-47) 44591 Epstein-Barr Virus 1 R (MRQ- 47) 44284 Epstein-Barr Virus RTU R (MRQ-47) Definizione Dei Simboli P C A E S

Dettagli

Adipophilin (Polyclonal)

Adipophilin (Polyclonal) Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 46916 Adipophilin 0,1 R ( Poly) 46917 Adipophilin 1 R ( Poly) 46915 Adipophilin RTU R ( Poly) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LABORATORIO TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE DI LABORATORIO TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE DI LABORATORIO TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE VD-VE chimica a.s. 2013-2014 Docente: Gaetana Mirabelli ORGANIZZAZIONE MODULARE DELL

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

ESTRAZIONE ED IDENTIFICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE

ESTRAZIONE ED IDENTIFICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE ESTRAZIONE ED IDENTIICAZIONE DI UN OLIO DA UN PRODOTTO ALIMENTARE I trigliceridi I grassi (o meglio i lipidi) sono costituenti essenziali di moltissimi alimenti. In alcuni di essi (olio, burro, margarina)

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

CD163 (MRQ-26) Mouse Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Finalità D Uso. Principi E Procedure

CD163 (MRQ-26) Mouse Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Finalità D Uso. Principi E Procedure Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44844 CD163 0,1 M (MRQ-26) 44469 CD163 1 M (MRQ-26) 44223 CD163 RTU M (MRQ-26) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato asciti

Dettagli

Her2/Neu (EP3) Rabbit Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Principi E Procedure. Finalità D Uso

Her2/Neu (EP3) Rabbit Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Principi E Procedure. Finalità D Uso Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 45616 Her2/Neu 0,1 R (EP3) 45617 Her2/Neu 1 R (EP3) 45636 Her2/Neu RTU R (EP3) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato asciti

Dettagli

DISTILLAZIONE e ANALISI MERCEOLOGICHE

DISTILLAZIONE e ANALISI MERCEOLOGICHE DISTILLAZIONE e ANALISI MERCEOLOGICHE ANNA M. DI MARIA Determinazione del grado alcolico del vino (distillazione semplice) pallone di ebollizione da 250 ml tubo adduttore con bolla di sicurezza refrigerante

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit Z-2020-20 20 Z-2020-5 5 Per la rilevazione del gene umano HER2 e delle regioni alfa-satellite del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

1 a e 2 esperienza di laboratorio: SEPARAZIONE DI UNA MISCELA A TRE COMPONENTI PER ESTRAZIONE

1 a e 2 esperienza di laboratorio: SEPARAZIONE DI UNA MISCELA A TRE COMPONENTI PER ESTRAZIONE 1 a e 2 esperienza di laboratorio: SEPARAZIONE DI UNA MISCELA A TRE COMPONENTI PER ESTRAZIONE 2014/2015 1 Prima di iniziare ESTRAZIONE: Tecnica utilizzata per separare il prodotto organico desiderato da

Dettagli

Unity Lab Services Training Courses

Unity Lab Services Training Courses Unity Lab Services Training Courses the key to your laboratory s success Corsi di Formazione 2012 Italia, Dionex Products Invest in Yourself Gentile Cliente, questo è stato un anno entusiasmante per Dionex.

Dettagli

Estrazione del DNA. 1. Introduzione

Estrazione del DNA. 1. Introduzione Estrazione del DNA 1. Introduzione L obiettivo di questa esperienza è quello di osservare la molecola degli acidi nucleici, una volta separata dall involucro cellulare in cui è contenuta all interno della

Dettagli

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione

Dettagli

4009 Sintesi dell acido adipico dal cicloesene

4009 Sintesi dell acido adipico dal cicloesene NP 4009 Sintesi dell acido adipico dal cicloesene Na W 4 H + 4 H H H + 4 H Aliquat 336 C 6 H 10 Na W 4 H (39.9) C 6 H 10 4 (8.) (34.0) C 5 H 54 ClN (404.) (146.1) Classificazione Tipo di reazione e classi

Dettagli

Prof.ssa Nadia Mulinacci. Firenze 10 dicembre 2008

Prof.ssa Nadia Mulinacci. Firenze 10 dicembre 2008 Prof.ssa Nadia Mulinacci Firenze 10 dicembre 2008 MESSA PUNTO DI METODICHE ESTRATTIVE E ANALITICHE IDONEE AD IDENTIFICARE FLAVONOIDI E FENOLI PRESENTI IN LATTI E FORMAGGI PECORINI DA ESSI DERIVATI 1

Dettagli

Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494

Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494 GLOBAL REFINISH SYSTEM Gennaio 2007 Scheda Tecnica ENVIROBASE HIGH PERFORMANCE PRODOTTI Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494 Envirobase High Performance è un sistema tintometrico

Dettagli

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA UNITA DI VOLUME L unità fondamentale di volume è il litro (l). Il millilitro (ml) è la millesima parte di un litro ed è largamente usato in tutti i casi in cui il litro è

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative Tartrato acido di Potassio (European Pharmacopoeia IV th ) Identificazione A. GENERICA (Carattere acido). Disciogliere 15 mg di sostanza in 5 ml di acqua, scaldare se necessario. Aggiungere 0,1 ml di rosso

Dettagli

Sommario Processo negativo-positivo... 2 Processo diapositivo... 7 Trattamenti a colori - 1/13

Sommario Processo negativo-positivo... 2 Processo diapositivo... 7 Trattamenti a colori - 1/13 TRATTAMENTI A COLORI Sommario Processo negativo-positivo... 2 Processo diapositivo... 7 Trattamenti a colori - 1/13 Processo negativo-positivo Negativo (trattamento C-41) Originale: 1. Esposizione pellicola

Dettagli

ANALISI DI PROBLEMATICHE DI SICUREZZA RELATIVE ALLA RAFFINAZIONE DI OLI VEGETALI

ANALISI DI PROBLEMATICHE DI SICUREZZA RELATIVE ALLA RAFFINAZIONE DI OLI VEGETALI UNIVERSITA DI PISA Facolta di Ingegneria Corso di laurea triennale in Ingegneria Chimica DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, CHIMICA INDUSTRIALE E SCIENZA DEI MATERIALI Tesi di Laurea ANALISI DI PROBLEMATICHE

Dettagli

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione Dicembre 2014 6 Pagine Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi Introduzione L impasto ottenuto da carta di recupero tipicamente contiene gli inchiostri di stampa

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli

e più sensibile rispetto a quella con antigene correlato al fattore VIII. Principi E Procedure

e più sensibile rispetto a quella con antigene correlato al fattore VIII. Principi E Procedure Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 45131 IMPATH CD34 RTU M (QBEnd/10) Definizione Dei Simboli P A E S DOC# DIS pronto uso asciti siero supernatante numero documento distribuito da Finalità

Dettagli

A) Preparazione di una soluzione di NaOH 0.05 M

A) Preparazione di una soluzione di NaOH 0.05 M UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II A.A. 2015/16 Laurea triennale in CHIMICA ANALITICA I E LABORATORIO CHIMICA INDUSTRIALE Preparazione e standardizzazione di una soluzione di Esercitazione n

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

Impiego in laboratorio

Impiego in laboratorio Impiego in laboratorio Sommario Velcorin Impiego in laboratorio Pagina 3 5 Introduzione Pagina 3 Misure precauzionali Pagina 3 Procedimento (metodo sensoriale) Pagina 4 Procedimento (metodo microbiologico)

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. 10.2.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 37/21 REGOLAMENTO (UE) N. 118/2010 DELLA COMMISSIONE del 9 febbraio 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 900/2008 che definisce i metodi di analisi

Dettagli

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1.1 VETRERIA Con il termine vetreria si indicano tutte le apparecchiature semplici o complesse fabbricate in vetro, o eccezionalmente in quarzo, di cui ci si serve per le

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini

ISTITUTO TECNICO AGRARIO Carlo Gallini DETERMINAZIONE DEL FOSDORO ASSIMILABILE COME P2O5 METODO OLSEN PRINCIPIO Il fosforo viene estratto con una soluzione di NaHCO 3 0.5 N (ph 8.5). Sull estratto il fosforo viene dosato per via spettrofotometrica

Dettagli

La determinazione quantitativa in microbiologia

La determinazione quantitativa in microbiologia La determinazione quantitativa in microbiologia La determinazione quantitativa è una tecnica microbiologica che permette di verificare il numero di microrganismi presenti in un campione, per unità di peso

Dettagli

MANUALE di DISEGNO di IMPIANTI CHIMICI PARTE 1 Elaborazione e appunti del Prof.A.Tonini vers.#2b www.andytonini.com

MANUALE di DISEGNO di IMPIANTI CHIMICI PARTE 1 Elaborazione e appunti del Prof.A.Tonini vers.#2b www.andytonini.com MANUALE di DISEGNO di IMPIANTI CHIMICI PARTE 1 Elaborazione e appunti del Prof.A.Tonini vers.#2b www.andytonini.com Le norme UNICHIM stabiliscono il modo di rappresentare gli impianti chimici (vedi manuale

Dettagli

Contenuti. Strumenti per l applicazione Linee guida per l applicazione Linee guida per l applicazione realizzare giunte Suggerimenti utili

Contenuti. Strumenti per l applicazione Linee guida per l applicazione Linee guida per l applicazione realizzare giunte Suggerimenti utili 3M Fasara Novembre 2011 Space for 3M Montage Procedura di Applicazione Contenuti Strumenti per l applicazione Linee guida per l applicazione Linee guida per l applicazione realizzare giunte Suggerimenti

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2020. Colore Il colore di un acqua è dovuto alla presenza di ioni metallici (ferro, manganese, rame), sostanze organiche (acidi umici e fulvici) e scarichi industriali. Il colore di un acqua si riferisce

Dettagli

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1

ACIDI E BASI IN CASA. Scheda studente n.1 Scheda studente n.1 Come interagisce ciascun liquido con la polvere di marmo? Seguite le istruzioni, osservate con attenzione ciò che accade e completate la tabella. polvere di marmo e le seguenti sostanze:

Dettagli

miscela di reazione miscela di reazione

miscela di reazione miscela di reazione Alla fine della reazione: miscela di reazione 1.Si tratta con acqua o acqua e ghiaccio 2.Si aggiunge un solvente organico immiscibile e si agita Si lava (estrae) con una base Si lava (estrae) con un acido

Dettagli

1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero

1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero 1 a esperienza: il lievito produce anidride carbonica in presenza di zucchero DOMANDA DESTINATARI MATERIALE OCCORRENTE DESCRIZIONE DELL ESPERIMENTO La formazione di gas avviene in assenza di zucchero?

Dettagli

Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g

Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g Oggetto: IMPIANTO CONTAINERIZZATO PER IL TRATTAMENTO DEL PERCOLATO A 3 STADI CAPACITA 120m3/g Discarica di Cupinoro La tecnologia prescelta è basata sul principio della OSMOSI INVERSA L Osmosi Inversa

Dettagli

Filtrazione semplice con imbuto.

Filtrazione semplice con imbuto. Filtrazione semplice con imbuto. Se si dispone di carta da filtro in fogli quadrati di 60 cm di lato, occorre tagliarli in 16 parti. Prendere una quadrato di carta da filtro di 15 cm di lato e piegarlo

Dettagli

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO PREPARAZIONE DELLA SONDA Lo strumento è fornito di una batteria a 9V. Sfilare verso l esterno il coperchio del vano batterie posto nella

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

Depuratori ad alto battente ITA

Depuratori ad alto battente ITA Air filters Liquid filters Losma / Liquid filters Master + MedioMaster + MiniMaster Engineering Depuratori ad alto battente ITA Master Losma garantisce che ogni singolo depuratore è singolarmente testato

Dettagli

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Una nuova realtà per il laboratorio e l industria DASIT GROUP, con l acquisizione di CARLO ERBA Reagents,

Dettagli

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ]

K [H 2 O] 2 = K w = [H 3 O + ][OH ] Autoionizzazione dell acqua L acqua pura allo stato liquido è un debole elettrolita anfiprotico. L equilibrio di dissociazione è: 2H 2 O H 3 O + + OH - [H 3 O + ][OH ] K = [H 2 O] 2 Con K

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli