Lorenzo Mosca LA WEBPOLITICA. Istituzioni, candidati, movimenti fra siti, blog e social network. Le Lettere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lorenzo Mosca LA WEBPOLITICA. Istituzioni, candidati, movimenti fra siti, blog e social network. Le Lettere"

Transcript

1 Lorenzo Mosca LA WEBPOLITICA Istituzioni, candidati, movimenti fra siti, blog e social network Le Lettere

2 INDICE 1. Introduzione 1.1. La webpolitica e il caso italiano... p Struttura e obiettivi del volume...» Comunicazione istituzionale e nuovi media: un analisi comparativa dei siti web delle regioni italiane 2.1. Introduzione...» Principali scelte metodologiche...» Le politiche del governo elettronico in Italia...» Lo sviluppo della società dell informazione nei diversi contesti regionali. Il divario digitale nelle regioni italiane..» I finanziamenti nazionali agli enti locali per l e-government.» Una valutazione diacronica dei siti web delle regioni...» L analisi dei siti web delle regioni italiane...» Conclusioni...» Campagne elettorali postmoderne? Alcuni elementi di riflessione a partire da un analisi delle elezioni regionali 2010 in lazio 3.1. Introduzione...» Le tendenze evolutive delle campagne elettorali: un inquadramento generale...» Campagne elettorali e caso italiano...» Le elezioni regionali come elezioni di second ordine?...» Le elezioni regionali del 2010 online...» Le elezioni regionali online 2010 in Lazio: uno studio di caso...» La campagna delle candidate sul web...» I siti web delle due candidate...» 74

3 8 indice Facebook nella campagna delle due candidate...» Il bilancio della campagna...» Conclusioni...» Il potenziale democratico di internet per i movimenti sociali 4.1. Introduzione...» L uso politico di internet da parte dei partecipanti alle manifestazioni del movimento...» L uso politico di internet in base alle esperienze partecipative e organizzative degli individui...» L uso politico di internet da parte di organizzazioni e famiglie del movimento antiliberista...» Conclusioni...» Osservazioni conclusive...» 123 Bibliografia...» 129

4 3. CAMPAGNE ELETTORALI POSTMODERNE? ALCUNI ELEMENTI DI RIFLESSIONE A PARTIRE DA UN ANALISI DELLE ELEZIONI REGIONALI 2010 IN LAZIO 3.1. Introduzione Dopo aver analizzato la comunicazione istituzionale delle regioni italiane mediante l analisi dei loro siti web, in questo capitolo si guarderà alla campagna elettorale per le elezioni regionali del 2010, concentrandosi soprattutto sulla dimensione online della competizione. Innanzitutto, richiamando un nota tassonomia di Pippa Norris (2000), si presenterà l evoluzione recente delle campagne elettorali operando un confronto fra campagne premoderne, moderne e postmoderne. In seguito, si applicherà la classificazione di Norris al caso italiano chiarendo se e come l evoluzione da ella descritta possa essere ravvisata nel nostro paese. Successivamente, si discuterà la valenza politica delle elezioni regionali, spesso definite come elezioni di medio termine o di second ordine. Pur rappresentando un tipo di elezione con ridotta capacità di agenda e scarso coverage mediatico, si cercheranno di evidenziare gli elementi di interesse di questo tipo di elezione. Si presenterà poi il quadro generale delle regionali del 2010 per quanto riguarda l uso delle piattaforme online da parte dei principali candidati. Infine, si opererà un focus sulle elezioni svoltesi nella regione Lazio, che hanno visto il confronto fra Emma Bonino per la coalizione di centro-sinistra e Renata Polverini per quella di centro-destra. La ricostruzione della campagna sarà effettuata mediante il ricorso a una rassegna stampa, l analisi delle piattaforme web delle candidate e interviste in profondità ai responsabili della comunicazione online di Emma Bonino e di Renata Polverini. Se ne presenteranno le principali scelte strategiche per poi concentrarsi sulla campagna online mediante un confronto fra i

5 54 lorenzo mosca siti web e i profili Facebook delle due candidate. Infine, si effettuerà un bilancio della campagna. Nelle conclusioni si svilupperà una riflessione sulle campagne online, alla luce del caso studio presentato nel capitolo Le tendenze evolutive delle campagne elettorali: un inquadramento generale Secondo Pippa Norris si possono individuare tre fasi storiche del campaigning, suddividendolo le campagne elettorali in premoderne, moderne e postmoderne. Le diverse fasi storiche del campaigning, di cui si parlerà in quanto segue, devono essere intese come tendenze generali per cui una fase può presentare elementi della fase precedente e di quella successiva. Nessuna segna, dunque, una drastica rottura con ciò che la segue e con ciò che la precede. Va poi tenuto conto che gli stili di campagna possono variare a seconda dell importanza dell elezione, del contesto in cui essa ha luogo e del livello territoriale a cui essa si riferisce. I cambiamenti delle campagne sono il portato di un mutamento di lungo periodo avvenuto a livello politico, economico, culturale e socio-tecnologico che ha delle conseguenze significative sugli intermediari politici, sui sistemi mediali e sugli individui. Secondo Norris, infatti, «i cambiamenti nelle campagne di comunicazione possono essere compresi meglio come un processo evolutivo di modernizzazione che trasforma simultaneamente le organizzazioni partitiche, i media informativi e l elettorato» (2000, p. 137). Le campagne elettorali che si svolgono in un arco temporale compreso fra metà Ottocento e metà Novecento vengono definite premoderne. Esse rappresentano la prima fase storica del campaigning e in quanto tali presentano alcune caratteristiche distintive: si basano su forme di comunicazione interpersonale, faccia-a-faccia e diretta fra candidati e cittadini. Si svolgono sul livello locale con una pianificazione di breve periodo da parte della leadership del partito. Per quanto riguarda i mezzi di informazione, la stampa di partito rappresenta il principale intermediario fra i partiti ed il pubblico. L elettorato è rigido e dunque cristallizzato intorno a forti identità e depositario di lealtà partitiche adamantine. La campagna porta-aporta viene effettuata interamente dal partito senza ricorrere a figure

6 campagne elettorali postmoderne? 55 esterne mediante attività politiche in compresenza fisica come comizi, manifestazioni, riunioni di partito, volantinaggi etc. In questa epoca storica le modalità della campagna vengono stabilite dal partito a livello locale, avvalendosi dell opera importante dei militanti e dei volontari. Fra l inizio degli anni Sessanta e la fine degli anni Ottanta del Novecento, le campagne elettorali subiscono alcuni cambiamenti rilevanti. Nelle campagne moderne il coordinamento della campagna è centralizzato e minori gradi di libertà sono attribuiti al livello locale. Le campagne, dunque, estendono la loro scala territoriale e la loro durata, nazionalizzandosi. I leader politici cominciano ad esternalizzare le decisioni inerenti le scelte comunicative nei periodi di campagna, affidandosi a consulenti professionali che colonizzano gradualmente i quartier generali delle campagne politiche (Farrell et al. 2001). Fra i mezzi di informazione, la televisione nazionale diviene l arena principale della campagna. Anche i sondaggi di opinione, pur realizzati sporadicamente, si affermano come uno degli strumenti fondamentali per cogliere gli orientamenti dell opinione pubblica ed impostare, di conseguenza, le strategie di campagna. L elettorato diviene meno rigido, con un erosione graduale e costante della lealtà partitica. Il ruolo del cittadino in questo tipo di campagna è meno attivo perché «il principale focus della campagna è collocato negli studi televisivi nazionali» (ibidem, p. 140). La figura del militante e del volontario viene marginalizzata passando da protagonista a spettatore passivo della campagna. A partire dagli anni Novanta del Novecento il processo di modernizzazione produce una serie di cambiamenti a livello degli intermediari politici, dei sistemi mediali e dell elettorato che portano a definire le campagne elettorali come postmoderne. In questa fase il contributo (retribuito) dei consulenti professionali cresce di importanza, assumendo un ruolo più influente anche nelle fasi routinarie della attività politica e in quelle di governo perché le campagne divengono permanenti. Il primo studioso che ha parlato di campagne permanenti è Blumenthal (1980), intendendo con questa espressione il fatto che non esiste più una chiara separazione fra attività di campagna (campaigning) e attività di governo (governing). L abbondanza dell informazione (Bimber 2003) e dei mezzi d informazione che caratterizza questa fase storica produce una frammentazione dei pubblici; l elettorato diventa sempre più un elettorato di opinione e

7 56 lorenzo mosca sempre meno di appartenenza. In questa fase le campagne possono rappresentare per alcuni cittadini un ritorno a un ruolo più attivo e a forme di coinvolgimento come quelle delle campagne premoderne grazie ai nuovi media che favoriscono una maggiore interattività e una comunicazione diretta con i leader. Le campagne postmoderne, secondo Norris, non devono essere intese come l ultima tappa di uno sviluppo lineare che procede dal premoderno al moderno. Esse presentano, infatti, un ritorno ad elementi tipici della fase premoderna delle campagne elettorali. Se la televisione aveva segnato l avvio delle campagne moderne, internet favorisce uno stile di campagna ibrido che permette di coniugare caratteristiche tipiche delle fasi precedenti di campaigning. Oltre a un recupero parziale del contributo del militante/volontario (soprattutto tramite l interattività favorita dai nuovi media) le campagne postmoderne favoriscono un organizzazione che offre spazio al contributo diretto dei cittadini ed è al tempo stesso decentrata ma comunque coordinata centralmente, come nel caso della nota campagna di Obama: «che, pur garantendo massima libertà ai propri volontari in rete, ne ha indirizzato costantemente le attività attraverso un processo di guida assistita dai dati che ne ha accresciuto l efficienza e ha alleviato la preoccupazione dello staff di doversi affidare a meccanismi partecipativi che non garantivano il rispetto delle priorità definite dal centro» (Mosca e Vaccari 2011, p. 22). Un altra dimensione che differenzia i tre tipi di campagna individuati da Norris consiste nella funzione specifica dell attività di campaigning, legata al fatto che l elettorato diviene via via più fluido e volatile: le campagna premoderne si propongono soprattutto di mobilitare l elettorato fedele e di appartenenza, quelle moderne di intercettare, targettizzare e conquistare gli elettori indecisi. Nella campagna postmoderne diviene palese che la conquista degli elettori di opinione, per essere realmente efficace, deve avvenire fornendo contemporaneamente incentivi all elettorato di appartenenza. Se le elezioni si vincono conquistando nuovi elettori, occorre al tempo stesso non tradire la fiducia e la fedeltà degli elettori di appartenenza. Le caratteristiche principali dei tre tipi di campagna sono riassunte nella tabella 3.1. In generale, l evoluzione delle campagne elettorali nel corso del tempo produce uno «slittamento da campagne con un alto impiego di lavoro [di volontari] verso campagne caratterizzate da un impiego elevato di capitale» (ibidem, p. 146).

8 campagne elettorali postmoderne? 57 Tab Tipologia dell evoluzione delle campagne elettorali Caratteristiche Periodo storico Da metà Ottocento a metà Novecento Organizzazione della campagna Ruolo di volontari/ militanti Campagne Premoderne Moderne Postmoderne Inizio anni Sessanta fine anni Ottanta Dagli anni Novanta in poi Locale e decentralizzata Coordinamento nazionale Coordinamento nazionale ma attività decentralizzate Attivo Passivo Parziale recupero mediante l utilizzo dei nuovi media Professionalizzazione Assente Ruolo crescente dei consulenti Ruolo di primo piano dei consulenti politici Durata Breve, ad hoc Lunga Permanente Coordinamento Leader di partito Quartier generale del partito Unità speciali del partito dedicate centrale alla campagna Feedback da parte degli elettori Incontri organizzati dal partito e raccolta di opinioni a livello locale Media Centralità della stampa di partito, manifesti e opuscoli locali, trasmissioni radiofoniche Eventi della campagna Comizi a livello locale, tour dei leader sul territorio Sondaggi sporadici Sondaggi regolari, focus group e siti web interattivi Crisi della stampa di partito, ruolo crescente della televisione nazionale e dei telegiornali, invio di materiale informativo mirato e personalizzato Conferenze stampa quotidiane, strategie di controllo del flusso delle notizie verso i media (news management), pianificazione di pseudo-eventi per ottenere coverage mediatico positivo Trasmissioni TV indirizzate a pubblici specifici, siti web, , gruppi di discussione online, intranet Estensione del news management alla politica di tutti i giorni e all attività di governo Costi Bassi Moderati Più elevati per la retribuzione dei consulenti professionali Elettorato Rigido/di appartenenza allineamenti sociali e partitici stabili Diminuzione del voto di appartenenza graduale disallineamento sociale e partitico Crescita del voto di opinione Funzione Mobilitare l elettorato fedele Conquistare gli indecisi Conquistare il voto di opinione senza perdere il voto di appartenenza Fonte: rielaborazione dell autore da Norris 2000, p. 138.

9 58 lorenzo mosca Il referente empirico più immediato della campagna elettorale postmoderna è rappresentato da quanto avviene sull altra sponda dell- oceano, dove i costi elevatissimi per consulenze, sondaggi, focus group, spot dei candidati sui media tradizionali e loro presenza sui nuovi media mirano ad intercettare l elettorato fluttuante e di opinione. La diffusione capillare di internet e dei nuovi media permette di spostare la campagna dagli schermi televisivi alle realtà locali coinvolgendo attivamente i cittadini mediante sistemi estremamente sofisticati di responsabilizzazione controllata come nel caso di MoveOn, epifenomeno di una nuova generazione di gruppi di pressione (Karpf 2011). Inoltre, internet ha consentito a candidati che partivano svantaggiati di recuperare posizioni anche attraverso strategie di raccolta fondi che anziché essere indirizzate a pochi finanziatori particolarmente generosi si rivolgono a masse di cittadini che contribuiscono con piccole donazioni (ibidem). La diffusione capillare dei media digitali e di internet, così come l arte del fundraising, sono caratteristiche tipiche del contesto nordamericano che non hanno corrispettivi analoghi nel nostro paese. In questo senso occorre discutere se e come il processo di modernizzazione descritto da Norris trova conferme o smentite nel caso italiano Campagne elettorali e caso italiano Come ci ricorda ancora Norris, l evoluzione delle campagne nel tempo e nello spazio varia in base a una serie di variabili intervenienti che mediano gli effetti del processo di modernizzazione (figura 3.1). Sono soprattutto quattro i fattori principali che svolgono questa importante funzione: a) l ambiente regolativo (sistema elettorale; tipo di elezione e norme che regolano la campagna); b) il sistema partitico (struttura, organizzazione, membership, finanziamenti) e tipo di competizione; c) il sistema mediale (sviluppo di una industria dei consulenti politici, struttura e cultura dei mezzi d informazione); d) l elettorato (comportamento elettorale). Per quanto riguarda il caso italiano, il processo di modernizzazione delle campagne subisce una brusca accelerazione in seguito al crollo del sistema partitico della prima repubblica e alla discesa in campo di Berlusconi. Come rileva Mazzoleni, «la campagna del 1994 rappresenta una clamorosa accelerazione della modernizzazio-

10 campagne elettorali postmoderne? 59 ne delle pratiche comunicative delle campagne italiane, avviatasi a partire dagli anni Ottanta» (1996, p. 194). Se la campagna del 1994 è stata vista come una americanizzazione degli stili di campagna nel nostro paese, va detto che essa è segnata da un cambiamento radicale del ruolo dei media in politica che passano dal caratterizzarsi come semplici canali a divenire attori di primo piano dell arena politica (ibidem, p. 205). Fig Fattori che determinano l evoluzione delle campagne in contesti diversi Fig Fattori che determinano l evoluzione delle campagne in contesti diversi PROCESSO DI MODERNIZZAZIONE AMBIENTE REGOLATIVO SISTEMA PARTITICO SISTEMA MEDIALE CARATTERISTICHE DELL ELETTORATO TIPO DI CAMPAGNA È interessante notare come nel 1994, al fine di aggirare le forti limitazioni previste nell ultimo mese di campagna, Berlusconi concentri i suoi sforzi comunicativi soprattutto nella fase di precampagna (ibidem). Quasi venti anni dopo, in seguito all approvazione della legge sulla par condicio del 2000, che limita ulteriormente la comunicazione politica radiotelevisiva, è facile immaginare quale sia il valore aggiunto che i nuovi media possono esprimere nella fase finale di una campagna elettorale, quando il clima di opinione è maggiormente influenzabile. Il divieto per i candidati di diffondere spot e di partecipare, nei due mesi che precedono il voto, a programmi a carattere non informativo, relegandoli in appositi contenitori (sul modello delle tribune elettorali) che devono sottostare a molti vincoli e controlli così come l impossibilità di diffondere risultati di sondaggi nei quindici giorni prima dell apertura delle urne, rendono il ciberspazio un ambiente in cui la campagna può proseguire senza dover sottostare a controlli troppo rigidi.

11 60 lorenzo mosca Dopo aver richiamato brevemente le norme che regolano le campagne elettorali italiane, occorre ricordare che il sistema elettorale varia considerevolmente a seconda del tipo di elezione: la legge Calderoli del 2005 ha ridefinito la normativa relativa alle elezioni politiche nazionali optando per un sistema proporzionale corretto con liste bloccate che attribuisce un rigido controllo delle candidature alle élite di partito (D Alimonte 2007; Fusaro 2007). L impossibilità per l elettore di esprimere il proprio giudizio sul candidato rende la campagna sul territorio sostanzialmente ininfluente e pone seri disincentivi ad investire nella competizione elettorale dal punto di vista del candidato. I protagonisti delle campagne tornano ad essere quindi i partiti e i leader di partito e dai manifesti scompaiono i volti dei candidati meno noti. In questo senso, rispetto alla precedente legge elettorale (Mattarella) che era stata approvata a seguito della campagna referendaria del 1993 e che si basava sull elezione in collegi uninominali spingendo i candidati a impegnarsi in prima persona per la conquista degli elettori indecisi la legge Calderoli produce un sistema di incentivi tipico delle campagne moderne, mettendo un freno alle sperimentazioni che avevano caratterizzato, in forma più o meno riuscita, le campagne elettorali comprese fra il 1994 e il 2001 (Bentivegna 2006). Va detto però che se la legge Calderoli ha modificato il sistema elettorale per le elezioni politiche nazionali, essa non ha avuto ad oggetto altri tipi di elezione. In questo senso, le leggi elettorali utilizzate per le elezioni amministrative sono rimaste immutate. Nonostante l autonomia statutaria riconosciuta alle regioni, tutte hanno scelto una forma di governo neoparlamentare, che bilancia l elezione diretta del presidente con il rapporto di fiducia fra esecutivo e legislativo (Baldi 2010, p. 11). Prevedendo l elezione diretta delle cariche monocratiche, il sistema elettorale regionale rende protagonisti delle campagne i candidati a scapito dei partiti. Oltre agli aspetti regolativi (più esposti a cambiamenti di breve periodo), è importante considerare anche gli aspetti sistemici, sia dal punto di vista partitico sia dal punto di vista mediale. Per quanto riguarda il primo aspetto, le elezioni della seconda repubblica si sono caratterizzate per la presenza di un sistema partitico di tipo bipolare ma frammentato (D Alimonte e Chiaramonte 2000). Ciò significa che gli attori della competizione tendono ad aggregarsi intorno a due coalizioni che si sfidano per la guida del governo, l alternanza al governo si produce di frequente e i governi sono mediamente più

12 campagne elettorali postmoderne? 61 stabili, ma le coalizioni risultano essere eterogenee, frammentate e conflittuali (Cotta e Verzichelli 2008, pp ). La prospettiva di alternanza al governo, dovrebbe comportare un investimento significativo nelle campagne, nella speranza di attrarre quella quota di voti fluttuanti decisiva per l esito delle elezioni. Tuttavia, l esperienza passata indica come le elezioni siano state vinte da una coalizione o dall altra non tanto grazie alla conquista dell elettorato fluttuante nei periodi di campagna elettorale quanto in base alla capacità di costruire coalizioni molto larghe, ampliando le alleanze e includendo nuovi partiti e, quindi, i loro elettori (Bartolini e D Alimonte 1998). Per quanto riguarda poi la membership, va notato che i principali studi evidenziano il declino graduale e apparentemente inarrestabile nel numero degli iscritti e dei volontari di partito; declino che non riguarda solamente il caso italiano (della Porta 2009a; Raniolo 2008). Come ha scritto Ignazi, «il puzzle dei partiti contemporanei oggi sembra difficile da comporre. Hanno acquistato forza grazie all interpenetrazione con lo stato e hanno conquistato sempre più spazio come agenzie pubbliche o parapubbliche [ ] però, proprio questo processo li ha resi più vulnerabili agli occhi dell opinione pubblica che continua a manifestare disistima e distacco. Anche i tentativi di apertura e inclusione si sono rivelati inefficaci, anzi rischiano di ritorcersi contro come un boomerang. [ ] se gli apparati centrali dei partiti si sono rafforzati e continuano a mantenere una posizione cruciale, questo è avvenuto a spese di una minore legittimità che i recenti provvedimenti di apertura e delega non hanno ancora rinvigorito» (2004, p. 341). Per quanto riguarda il finanziamento pubblico dei partiti, esso fu introdotto negli anni Settanta col fine di scoraggiare casi di finanziamento illecito, cancellato parzialmente nel 1993 in base a un referendum promosso dai Radicali (che aboliva un contributo ordinario annuale ma salvaguardava i rimborsi elettorali) e reintrodotto nel 1994 e poi modificato più volte facendo crescere in maniera esponenziale l ammontare dei rimborsi e il numero dei beneficiari (Pacini 2002). Per ciò che attiene al sistema mediale, l Italia (come gli altri paesi dell Europa mediterranea) rientra in un modello che è stato definito di pluralismo polarizzato (Hallin e Mancini 2004), la cui caratteristica principale riguarda la pervasività del mezzo televisivo. In questo senso le campagne elettorali italiane dovrebbero avvicinarsi al tipo di campagna che, sulla scorta di Pippa Norris, abbiamo defini-

13 62 lorenzo mosca to moderno. Tuttavia alcuni sviluppi tecnologici recenti sembrano definire una sfida alla centralità del mezzo televisivo tradizionale: dal digitale terrestre, alla televisione satellitare fino al web e ai social network le fonti di informazione si moltiplicano in misura esponenziale. Come si è visto nel capitolo precedente, l accesso alla rete in Italia è ancora limitato pur riguardando una percentuale di cittadini rilevante. Tuttavia, alcuni processi politici recenti (la vittoria referendaria e l esito delle elezioni amministrative in alcune grandi città italiane nel 2011) sembrano essersi prodotti con un forte coinvolgimento dei cittadini mediante la rete, nonostante il sostanziale disinteresse (e perfino l ostilità) dei media mainstream. I media digitali sembrano essere stati capaci di creare un clima di opinione opposto rispetto a quello costruito dai mezzi di comunicazione di massa. Alcuni indizi sembrano quindi indicare la presenza di elementi postmoderni (ad esempio il ruolo significativo assunto dai flussi di comunicazione bottom-up nelle recenti tornate elettorali) nelle campagne elettorali italiane. Va aggiunto, infine, che l industria dei consulenti politici in Italia è ancora a uno stadio di sviluppo abbastanza limitato rispetto a paesi come gli Stati Uniti. Dopo aver rapidamente passato in rassegna gli aspetti regolativi e quelli sistemici, occorre soffermarsi brevemente sulle caratteristiche del corpo elettorale in Italia. Nel nostro paese, fino all avvento della seconda repubblica, il voto degli elettori era stato un voto prevalentemente di appartenenza (Parisi e Pasquino 1977; Parisi 1995) per cui si votava un partito sulla base di un senso di appartenenza ideologica; molto più ridotta era la quota di elettori di opinione che sceglievano il partito in base alla bontà dell offerta elettorale; un terzo tipo di voto, soprattutto al sud, era quello di scambio per cui si votava un partito non per un identificazione o per una valutazione del suo programma quanto perché al voto corrispondeva un beneficio materiale (vestiario, alimenti, denaro, un posto di lavoro, una pensione di invalidità etc.). A partire dall inizio degli anni Novanta è stato notato come in seguito al crollo del muro di Berlino e a Tangentopoli l elettorato italiano sia divenuto più fluido ed operi le proprie scelte sulla base di elementi sostantivi più che sulla scorta di convinzioni ideologiche. Tuttavia, si è osservato che la volatilità elettorale fra una coalizione e l altra è ancora limitata mentre la volatilità totale (fra un partito e l altro) è considerevole (Bardi 2006). Ci troviamo quindi di fronte ad un elettorato meno rigido rispetto al

14 campagne elettorali postmoderne? 63 passato che però mantiene l appartenenza non tanto al partito quanto alla coalizione (Barisione 2001), mediante una fedeltà leggera (Natale 2000). Se la presenza di un elettorato di appartenenza rende sostanzialmente superflua una campagna elettorale perché il voto è rigido e quindi l attività di campagna si risolve in ciò che Norris (2003) chiama preaching to the converted (predicare ai convertiti), una quota significativa di elettorato di opinione fornisce maggiori incentivi ad investire risorse in una campagna perché una conduzione accorta della stessa può attrarre il voto degli elettori indecisi. Nel caso delle elezioni regionali, che come si vedrà oltre subiscono spesso una nazionalizzazione della campagna, l elettorato è più mobile e potenzialmente aperto all innovazione. La rigidità del corpo elettorale tende infatti a ridursi in consultazioni come quelle subnazionali in cui elementi ideologici e di appartenenza sono meno salienti. Come si è visto, il ruolo delle variabili intervenienti che influenzano gli effetti del processo di modernizzazione sugli stili di campagna riferite al contesto delle elezioni regionali in Italia è estremamente ambivalente. Se alcuni fattori sembrano definire un quadro di incentivi che dovrebbe indirizzare gli stili di campagna verso una modalità postmoderna, altri sembrano andare nella direzione opposta. Vediamo quindi come l analisi delle elezioni regionali può permetterci di cogliere gli elementi di cambiamento e quelli di stabilità che caratterizzano le campagne italiane Le elezioni regionali come elezioni di second ordine? Secondo Norris (2000), le campagne di second ordine assomigliano maggiormente alle campagne premoderne che a quelle postmoderne. Questo perché si tratta di elezioni che mobilitano meno risorse e che risultano meno attraenti per i mass media. In letteratura le elezioni regionali, sono state variamente definite come elezioni di medio termine o di second ordine. Si tratta di definizioni prese in prestito da contesti caratterizzati da istituzioni, attori politici e sistemi elettorali diversi da quello italiano. In particolare, si è parlato di elezioni di second ordine soprattutto in riferimento alle elezioni europee (Reif e Schmitt 1980), mettendo in evidenza come la posta in gioco in queste competizioni sia estrema-

15 64 lorenzo mosca mente limitata rispetto a quella delle elezioni politiche nazionali. La minor salienza di queste scadenze elettorali sarebbe confermata dai tassi di partecipazione che tendono ad essere elevati per le elezioni nazionali e a diminuire nel caso di elezioni a carattere subnazionale (amministrative), sovranazionale (europee) e referendario. Anche da un punto di vista dell attenzione da parte dei media, dell interesse dell opinione pubblica e dell investimento sia in termini materiali sia programmatici da parte dei protagonisti della competizione, queste elezioni vengono considerate come meno significative. L espressione elezioni di medio termine è stata coniata invece in riferimento alle elezioni americane quando, a metà del mandato presidenziale, si eleggono i membri della camera dei rappresentanti e un terzo dei membri del senato. L importanza politica delle elezioni di medio termine o di second ordine risiede nel fatto che esse rappresentano una indicazione indiretta degli umori dell elettorato rispetto al governo in carica e, in un paese come l Italia, possono avere effetti anche molto rilevanti sulla tenuta dell esecutivo. Diversi studi hanno evidenziato come, nel caso specifico delle elezioni regionali, la campagna sia stata spesso monopolizzata dai temi dell agenda politica nazionale, offrendo poco spazio al confronto fra candidati e programmi genuinamente regionali, impedendo così di costruire un arena della competizione con caratteristiche distinte rispetto a quella nazionale (Chiaramonte 2000; Legnante 2000). In questo senso le elezioni regionali (così come altre elezioni amministrative) sono state viste alla stregua di test o referendum sul governo in carica, sui rapporti di forza fra i partiti e sulle dinamiche coalizionali (Tronconi 2010, p. 47). A onor del vero, però, in Italia «differentemente dall opinione comunemente accettata, le elezioni regionali possono essere legittimamente considerate elezioni di second ordine solo dopo la metà degli anni Novanta» (Tronconi e Roux 2009, p. 63). Se la riforma in senso federalista del titolo V della costituzione, l elezione diretta delle cariche monocratiche al vertice dei livelli subnazionali di governo e il riconoscimento di autonomia statutaria alle regioni hanno avuto la finalità di garantire maggiore stabilità agli esecutivi regionali e di trasformare questi soggetti in enti pienamente autonomi (Baldi 2010, p. 9), alla piena autonomia delle regioni come organi di governo del territorio non sembra essere corrisposto, fino ad oggi, altrettanta autonomia dal punto di vista elettorale.

Le trasformazioni delle campagne elettorali in Italia e nel mondo

Le trasformazioni delle campagne elettorali in Italia e nel mondo Le trasformazioni delle campagne elettorali in Italia e nel mondo Laboratorio di Comunicazione Politica Corso di laurea specialistica in Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica www.comunicarepolitica.it

Dettagli

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

Campagne elettorali in rete. Sara Bentivegna 2006

Campagne elettorali in rete. Sara Bentivegna 2006 Campagne elettorali in rete Sara Bentivegna 2006 La diffusione di Internet in Italia 1996: 600 mila utenti internet 1 fase (1998/2000): esplosione di internet dai 4 milioni ai 10 milioni di utenti 2 fase

Dettagli

Marketing politico: Un approccio strategico. Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto

Marketing politico: Un approccio strategico. Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto Marketing politico: Un approccio strategico Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto Una disciplina recente Il marketing politico è una disciplina

Dettagli

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana *

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * LETTURE E SEGNALAZIONI 183 L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * Giorgio Brosio C era bisogno di un nuovo libro sul governo e la finanza locale

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 Vademecum della disciplina sulla par condicio e sull emissione dei MAG per le Radio e le Tv locali durante il periodo della campagna elettorale per le elezioni comunali

Dettagli

Criteri di rilevazione... 2. 1. Dati relativi a tutte le edizioni (tabelle n. A1-A13)... 4

Criteri di rilevazione... 2. 1. Dati relativi a tutte le edizioni (tabelle n. A1-A13)... 4 Pluralismo politico/istituzionale in televisione 14-20 MARZO 2010 Periodo di rilevazione: 14-20 marzo 2010 Emittenti monitorate: Rai (Rai Uno, Rai Due, Rai Tre, Rai News 24), Mediaset (Retequattro, Canale

Dettagli

DOCUMENTO DEI CIRCOLI DELLA NUOVA ITALIA Roma, 9 giugno 2012 QUI E ORA

DOCUMENTO DEI CIRCOLI DELLA NUOVA ITALIA Roma, 9 giugno 2012 QUI E ORA DOCUMENTODEICIRCOLIDELLANUOVAITALIA Roma,9giugno2012 QUI E ORA salvareilpopolodellalibertà, lanciareunanuovaalleanzadi centrodestra, rigenerarelapartecipazione politicaconunnuovocivismo. 1. Siamo di fronte

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

PILLOLE DI PAR CONDICIO

PILLOLE DI PAR CONDICIO PILLOLE DI PAR CONDICIO PROGRAMMI DI INFORMAZIONE I telegiornali, i giornali radio, i notiziari e ogni altro programma di contenuto informativo a rilevante presentazione giornalistica devono garantire

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Referendum costituzionale 2006

Referendum costituzionale 2006 Referendum costituzionale 2006 L Istituto Cattaneo di Bologna ha effettuato alcune elaborazioni dei risultati del voto dato nel in occasione del referendum costituzionale. Fra i risultati più importanti

Dettagli

Considerazioni e orientamenti di azione politica

Considerazioni e orientamenti di azione politica MANIFESTO della RETE DEL CIVISMO LOMBARDO Considerazioni e orientamenti di azione politica I più recenti risultati elettorali hanno confermato la crisi della cosiddetta Seconda Repubblica e dei partiti

Dettagli

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini!

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! COMUNE DI PISA Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! A seguito dell approvazione della legge finanziaria del 2008 nel Comune

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

Statuto dei Verdi del Trentino

Statuto dei Verdi del Trentino Statuto dei Verdi del Trentino Preambolo I Verdi del Trentino sono una formazione politica costituitasi nel 1983, con la denominazione Lista verde del Trentino, per realizzare uno strumento aperto di autorganizzazione

Dettagli

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO diapositiva #1/9 LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO Internet come strumento di costruzione e gestione del consenso - Marco Artusi Prof. a contratto in Università di Modena e Reggio Emilia CEO LEN STRATEGY

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI La presente pubblicazione raccoglie schede di sintesi relative a finanziamento della politica nei principali

Dettagli

1. L esposizione dell elettorato alle fonti di informazione: discontinuità o continuità con il passato?

1. L esposizione dell elettorato alle fonti di informazione: discontinuità o continuità con il passato? Cristina Cremonesi (Università di Pavia, cristina.cremonesi02@ateneopv.it) Guido Legnante (Università di Pavia, legnante@unipv.it) Cittadini e campagna elettorale nel 2013: continuità e cambiamenti Paper

Dettagli

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle:

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: 1) l assunzione di un ruolo di imprenditore politico da parte di une comico conosciuto e affermato. 2) la costruzione di un movimento a partire dal

Dettagli

LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO

LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO Il mondo delle associazioni di rappresentanza L universo delle associazioni vede coinvolti sindacati, organizzazioni di categoria, organizzazioni no-profit, ed anche

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli

REFERENDUM ABROGATIVI Data Titolo Affl. Quorum SÌ NO Risultato Descrizione

REFERENDUM ABROGATIVI Data Titolo Affl. Quorum SÌ NO Risultato Descrizione 12 maggio Divorzio 87,72% raggiunto 40,74% 59,26% NO Abrogazione della legge Fortuna-Baslini, con la 1974 quale era stato introdotto in Italia il divorzio. Ordine pubblico 81,19% raggiunto 23,54% 76,46%

Dettagli

dispone nei confronti della RAI Radiotelevisione italiana, società concessionaria del servizio radiotelevisivo pubblico (RAI), come di seguito:

dispone nei confronti della RAI Radiotelevisione italiana, società concessionaria del servizio radiotelevisivo pubblico (RAI), come di seguito: Testo coordinato della delibera sulla comunicazione politica e messaggi autogestiti in periodo non interessato da campagne elettorali o referendarie, approvato dalla Commissione parlamentare per l'indirizzo

Dettagli

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia William Shakespeare Una guerra al male è una guerra senza fine Paul Kennedy Sequenza A La crisi della presidenza Obama Parte

Dettagli

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet extrapola ed presentano Blogmetrics Politica Online, un nuovo servizio di monitoraggio di online news da blog, forum e siti internet. OBIETTIVO

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO 1 giugno 2015 Analisi dei flussi di voto in LIGURIA 1 giugno 2015 LIGURIA i flussi di voto tra 2014 e 2015 Come si sono mossi gli elettori liguri rispetto

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

DELIBERA N. 175/14/CONS

DELIBERA N. 175/14/CONS DELIBERA N. RICHIAMO ALLA SOCIETA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ALL IMMEDIATO RIEQUILIBRIO DELL INFORMAZIONE DURANTE LA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL ITALIA

Dettagli

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372 La formazione turistica universitaria in Italia 365 Amedeo Tarsia in Curia Touring Club Italiano Abstract: Il boom dei corsi di laurea in turismo sembra essersi esaurito. Dopo anni di entusiasmo, l attuale

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

RISPOSTE DI ORESTE MASSARI (Professore ordinario di Scienza politica Sapienza Università di Roma)

RISPOSTE DI ORESTE MASSARI (Professore ordinario di Scienza politica Sapienza Università di Roma) RISPOSTE DI ORESTE MASSARI (Professore ordinario di Scienza politica Sapienza Università di Roma) 6 marzo 2013 1. Esiste veramente, secondo la vulgata giornalistica, una seconda e infine una terza Repubblica?

Dettagli

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Un approccio per sviluppare applicazioni di E Democracy basato su ruoli per

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella DISEGNI DI LEGGE N. 1880 E CONNESSI SULLA RIFORMA DELLA RAI (Commissione 8ª - Lavori pubblici, comunicazioni) Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato Professor Giovanni

Dettagli

Governo e amministrazione pubblica

Governo e amministrazione pubblica Governo e amministrazione pubblica 1 2 3 Il governo della società si realizza attraverso poteri differenziati e distribuiti: potere legislativo produce leggi sui diritti e la sicurezza degli individui

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 25 maggio 7 aprile 2014 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966).

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966). Riassunto La comunicazione pubblicitaria è, nel mondo contemporaneo, una presenza costante, una realtà sempre più pervasiva che trova ampio spazio all interno dei media tradizionali e non, attraverso le

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Visibilità mediatica dei candidati alle primarie del PD. Analisi con Bayes-Swarm

Visibilità mediatica dei candidati alle primarie del PD. Analisi con Bayes-Swarm Introduzione Visibilità mediatica dei candidati alle primarie del PD Analisi con Bayes-Swarm Alessandro Bonazzi, Paolo Brunori, Riccardo Govoni, Giulio Isacco Lampronti e Matteo Zandi Questo breve commento

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

VERSO LE REGIONALI 2015

VERSO LE REGIONALI 2015 VERSO LE REGIONALI 2015 COMMITTENTE SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO IL SONDAGGIO NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE METODOLOGIA DATE IN CUI È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO LIGURIA CIVICA DIGIS SRL 1.000 CASI CATI 13-14

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

XL Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E L INFORMAZIONE

XL Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E L INFORMAZIONE XL Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E L INFORMAZIONE Rapporto dicembre 2013 NOTA INFORMATIVA L Osservatorio sul Capitale Sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione

Dettagli

Introduzione alla sociologia

Introduzione alla sociologia Introduzione alla sociologia Le persone e il sociale La sociologia studia il rapporto di influenza reciproco che lega le persone alle strutture e ai processi sociali, i quali possono essere associati a

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA.

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. "Da Internet passa la partecipazione tra la Pubblica amministrazione e il cittadino, la riforma della

Dettagli

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica Il calcio in TV rapporto Demos & Pi per la Repubblica 22 febbraio 2015 SE ANCHE IL TIFO DIVENTA UNA PASSIONE TRISTE di Ilvo Diamanti Per molto tempo, il principale motivo di passione, per gli italiani,

Dettagli

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6

Libertà di espressione e libertà politiche. Lezione n.6 Libertà di espressione e libertà politiche Lezione n.6 Libertà di espressione dei membri del parlamento Parità di accesso ai mezzi di informazione Privacy e campagna elettorale articolo 68 Costituzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIFORMA DELLA RAI

LINEE GUIDA PER LA RIFORMA DELLA RAI LINEE GUIDA PER LA RIFORMA DELLA RAI 1 1. IL FUTURO DEL SERVIZIO PUBBLICO IN EUROPA 1.1. Nel secolo scorso il servizio pubblico ha fatto nascere la televisione ed è stato a lungo il protagonista del paesaggio

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

RIFORMA DELL EDITORIA

RIFORMA DELL EDITORIA RIFORMA DELL EDITORIA Il sistema normativo che regola l intervento dello Stato nel settore dell editoria e dei prodotti editoriali è caratterizzato da una serie di provvedimenti legislativi che traggono

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Introduzione. Scenario di riferimento

Introduzione. Scenario di riferimento Nova Polis 2013 Introduzione Scenario di riferimento Nova Polis nasce in risposta alle esigenze di partito e alle loro necessità mediatiche ed elettorali e di contenimento dei budget destinati alle campagne

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione

Marco Gui. La tv dopo la digitalizzazione Marco Gui 2 La tv dopo la digitalizzazione Mappa della tv italiana Terrestre Satellitare Cavo Umts/Wifi Analogico Rai, Mediaset, La7/Mtv, AllMusic, Sportitalia + locale Canali in chiaro: es. BBC World

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

2. Il paradosso dell'associazionismo italiano: bassa partecipazione, alta innovazione

2. Il paradosso dell'associazionismo italiano: bassa partecipazione, alta innovazione 2. Il paradosso dell'associazionismo italiano: bassa partecipazione, alta innovazione di Roberto Biorcio, Tommaso Vitale e Matteo Bassoli Come già ricordato, l Italia è sempre stata caratterizzata da un

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GELMINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GELMINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3423 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GELMINI Delega al Governo per la promozione e l attuazione del merito nella società, nell

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

UNA FISI AL SERVIZIO DEI SUOI ASSOCIATI

UNA FISI AL SERVIZIO DEI SUOI ASSOCIATI La FISI del futuro PROPOSTA DI PROGRAMMA PER UNA FISI AL SERVIZIO DEI SUOI ASSOCIATI Documento riassuntivo di tutte le analisi realizzate, dei commenti espressi e delle proposte avanzate, in occasione

Dettagli

Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici

Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici Per l efficienza delle amministrazioni pubbliche e la responsabilità dei politici verso i cittadini Gli obiettivi Uno dei cardini

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

La democrazia può fare la differenza?

La democrazia può fare la differenza? La democrazia può fare la differenza? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Democrazia e crescita economica I regimi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future

I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future I servizi media audiovisivi nel Lazio: l impatto del digitale in ambito locale e le prospettive future Ricerca a cura di Final Draft Ottobre 2014 Executive summary Per quasi 40 anni la storia della televisione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli