CON REGIONE LOMBARDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CON REGIONE LOMBARDIA"

Transcript

1 ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE CON REGIONE LOMBARDIA (Presentato a R.L. dal ai sensi del Decreto 16 marzo n. 2429, approvato DA r.l. con D.d.u.o. 25 ottobre n. 9830; A.C.I. sottoscritto in data 5 marzo 2012) BG_EGOV 2012: SERVIZIO, ASCOLTO & PERFORMANCE PROGETTO ESECUTIVO Ultimo aggiornamento: 4 giugno 2013

2 Progetto BG_EGOV 201

3 Progetto BG_EGOV 201 SOMMARIO 1 STATO ATTUALE ED EVOLUZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO LA SITUAZIONE ATTUALE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA FINALITÀ DEL PROGETTO AMBITI DI COLLABORAZIONE ATTIVITA SUB PROGETTO A SUB PROGETTO B SUB PROGETTO C SUB PROGETTO D ASPETTI ORGANIZZATIVI ORGANIGRAMMA E STRUTTURE COINVOLTE RESPONSABILITÀ DIRETTE DI PROGETTO PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ TEMPISTICHE DOCUMENTAZIONE DA RILASCIARE A REGIONE LOMBARDIA SEQUENZA IPOTIZZATA DEGLI STATI DI AVANZAMENTO GESTIONE DEI RISCHI RIMODULAZIONE DEI CONTENUTI DELLA PROPOSTA PROGETTUALE COSTI DEFINITIVI, FLUSSI FINANZIARI, E PROCEDURE DI SPESA SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE ATTIVITA SCHEDA DI MONITORAGGIO SCHEDA RILASCIO PRODOTTO MISURAZIONE DEGLI IMPATTI E DEL DIVIDENDO DI EFFICIENZA IPOTESI APPLICATIVE AI PROCESSI DI BACK-OFFICE E DI FRONT OFFICE SOFTWARE APPLICATIVI E DI WORKFLOW DI BG_EGOV Pagina 1 di 35

4 Progetto BG_EGOV STATO ATTUALE ED EVOLUZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO 1.1 LA SITUAZIONE ATTUALE Il, nel corso degli anni, ha sviluppato un sistema informativo fortemente articolato, basato su applicativi di back-office che coprono ormai quasi interamente l istruttoria e la gestione dei vari processi di servizio al cittadino e alle imprese, nonché le funzionalità gestionali interne (bilancio, personale, gestione documentale, etc...). Più recentemente, con lo sviluppo della rete internet, il Comune ha gradualmente attivato una serie di accessi dall esterno ai propri servizi, interfacciando alcuni applicativi gestionali di back office, prima con il Portale Polis Comuneamico.net e poi con il più recente portale SIGI rendendo così possibile l inoltro con CRS di istanze on-line relative a vari procedimenti di interesse per i cittadini e le imprese. Un ulteriore e importante sviluppo del sistema informativo comunale è stato conseguito con l avvenuta integrazione, nei processi di servizio, della relativa gestione documentale (protocollo informatico, P.E.C., Albo pretorio on line, timbro e firma digitale), creando le condizioni per la completa dematerializzazione degli stessi processi. Nella Figura 1-1 si riporta un immagine riassuntiva del Sistema Informativo dell Ente allo stato attuale. Figura 1-1 Sistema Informativo dell Ente allo stato attuale Pagina 2 di 35

5 Progetto BG_EGOV 201 L articolazione dei sistemi informatici fin qui posta in essere, mentre ha assicurato e assicura buoni o elevati livelli di funzionalità nei rispettivi ambiti operativi, rende tuttora molto difficile l integrazione trasversale delle funzioni, perché costituita da basi di dati distinte e diversamente concepite. Tale articolazione, figlia di committenze affidate nel tempo dai vari uffici delle singole direzioni, è in gran parte priva di sistemi di monitoraggio e rendicontazione delle attività e di avanzamento dei processi di servizio e rende nei fatti molto difficoltoso l esercizio di forme di controllo centralizzato e strategico, nonché l adempimento degli obblighi di trasparenza verso i cittadini e gli stakeholders coinvolti. A tal proposito è stato quindi svolto un censimento degli applicativi gestionali, portali di servizi on line e workflow che ha consentito di individuare i seguenti pacchetti dei servizi di maggior impatto esterno, sia per volumi di attività trattati e che per rilevanza dei segmenti di utenza coinvolta. L elenco riportato nella Tabella 1-1, costituisce il perimetro dei servizi che con maggiore probabilità potranno essere agevolmente interfacciati con un ambiente middleware, a sua volta direttamente accessibile dalle più varie utenze on-line nonché dalle partnership istituzionali, in vario modo coinvolte nei processi di servizio. Tabella 1-1 Applicativi per i servizi al cittadino Ambito di Servizio Affari Istituzionali Affari Istituzionali Demografici Elettorale Nome Applicativo Protocollo/ Albo Pretorio Gestione Atti Descrizione Gestione e scansione pratiche protocollo e pubblicazione all Albo Gestione dell iter di produzione e autorizzazione delle Determine e Delibere dematerializzate Tipologia Utenza Aziende Cittadini Interna Tipologia Applicativo Workflow Workflow S.I.C.R.A. Gestione anagrafe, stato civile e elettorale Aziende Cittadini Gestionale Tributi Tributi Gestione entrate tributarie e impianti pubblicitari Aziende Cittadini Gestionale Politiche del Territorio InetGEPRO Gestione dell iter di produzione e autorizzazione delle Attività Economiche e Suolo Pubblico Aziende Cittadini Workflow Politiche del Territorio Lavori Pubblici Lavori Pubblici Lavori Pubblici Sociali ed Educativi Polizia Locale LAMA SOLOUNO Gestione Cimiteriale SIPA Gestione dell iter di produzione e autorizzazione delle Pratiche edilizie, della Pianificazione Urbanistica, dell Ecologia e delle ZTL Gestione iter produzione e autorizzazione delle pratiche dei Lavori Pubblici e degli Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Gestione concessioni cimiteriali, manutenzioni, lampade votive Gestione del patrimonio integrata con la georeferenziazione Interna Interna Interna Interna Workflow Workflow Gestionale Gestionale SISS Gestione delle pratiche dei servizi sociali Interna Workflow Concilia Gestione procedure sanzionatorie del Codice della Strada e dei regolamenti comunali Interna Gestionale Polizia Locale Verbatel Gestione dei processi di servizio della Polizia Locale Interna Gestionale Pagina 3 di 35

6 1.2 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA Vista la situazione del sistema informativo dell Ente descritta al paragrafo precedente, il ha pertanto individuato tra le priorità di sviluppo nel breve e medio periodo le seguenti: progressiva ottimizzazione degli applicativi verticali (in termini di standardizzazione e snellimento dei processi, di più ampia condivisione delle anagrafiche e di integrazione con la gestione documentale), sia ai fini dell interfacciamento degli stessi con software di accesso web da remoto e con sistemi di sportello polifunzionale, sia ai fini di produzione di dati statistici su quanto gestito (alimentazione cruscotti gestionali); sviluppo di ulteriori accessi on-line su processi di servizio di particolare interesse per i cittadini e le imprese, fino alla loro completa dematerializzazione (timbro digitale); con particolare riguardo a servizi on-line gestibili anche con il criterio di sussidiarietà da associazioni di categoria (commercianti, inquilini ecc.) o a patronati, sindacali e non; implementazione di una piattaforma software a supporto dei servizi di CRM e di sportello polifunzionale, idonea a riqualificare il contatto diretto con il pubblico tramite assistenza a distanza e ricevimento su appuntamento; sviluppo di cruscotti gestionali a supporto del sistema di controllo e pianificazione strategica dell ente, integrati con sistemi di rilevazione della customer satisfaction (mettiamoci la faccia /emoticons) e mirati ad alimentare i flussi comunicativi sul sito istituzionale in materia di trasparenza (rispetto dei target su carte dei servizi e su obiettivi del Piano della Performance) e di benchmarking fra enti (QClub su Portale PA). Oltre gli scenari del breve e medio periodo il Comune intende infine avviare un ridisegno di sistema mirato a: riqualificare ed ottimizzare la spesa per le funzioni di ICT, puntando sulla cooperazione con altri enti locali capoluoghi di provincia, ai fini della co-progettazione e del riuso degli applicativi; in tale contesto va inquadrata la partecipazione del Comune quale dispiegatore al progetto ammesso dal DAR al cofinanziamento (ELI4U capofila il Comune di Cesena e vari enti locali lombardi nei ruoli di pilota o dispiegatore); riportare ad un governo centrale di ente il mantenimento e lo sviluppo degli applicativi verticali di back office, fortemente integrandoli con la gestione documentale e con gli accessi on-line, riconducendo nel contempo le funzioni di ICT dell ente ad una logica pienamente sistemica, maggiormente orientata al servizio, alla protezione dei dati personali, alla rendicontazione interna e sociale, nonché alla piena trasparenza. Pagina 4 di 35

7 2 FINALITÀ DEL PROGETTO Il, con il progetto BG_Egov 2012: Servizio, Ascolto & Performance, nello stesso orizzonte temporale individuato a livello nazionale dal Dipartimento della Funzione Pubblica, intende proporsi entro il 2012 l obiettivo di: Semplificare e dematerializzare la gestione di un sempre maggior numero di servizi a rilevanza esterna, favorendo l integrazione organizzativa interna, con altre P.A. e soggetti associativi; Disporre in tempo reale di maggiori informazioni di elevata qualità e in maniera tempestiva sull andamento della gestione per prevenire e/o correggere gli scostamenti (singoli e generali) dagli obiettivi prefissati e per verificarne gli impatti generati sull utenza e sul territorio; Aumentare il proprio grado di trasparenza non solo interno ma anche esterno (accountability). A fronte del crescente grado perseguito di virtualizzazione dei rapporti con l utenza, il Comune ritiene tuttavia di dover riservare spazio progettuale anche alla tradizionale modalità di rapporto fisico diretto, ancora predominante e ricercata dai cittadini e dalle imprese, comunque riqualificandola e modernizzandola in direzione della polifunzionalità, nella convinzione che l ICT e la remotizzazione dei servizi di consulenza preventiva possano fare molto oggi per ridurre i costi imposti all utenza dai necessari e a volte inevitabili contatti diretti con gli uffici e i servizi, e per esternalizzare domani anche i flussi medesimi. È infatti convinzione fondata che la progettualità ICT sui frontoffice polifunzionali potrà essere presto orientata ad interagire con la sussidiarietà della società civile, sostituendo tramite i convenzionamenti con l associazionismo i servizi di contatto diretto gestiti dal Comune con flussi dematerializzati di istanze provenienti da CAF, Patronati e Associazioni di categoria. Per quanto sopra, il bando della Regione Lombardia, per la presentazione di proposte di collaborazione interistituzionale (Decreto 16 marzo n. 2429), trova il particolarmente interessato a condividerne le finalità, in quanto largamente coincidenti con le finalità del progetto BG_Egov 2012: Servizio, Ascolto & Performance contenuto nel Piano della Perfomance adottato dalla Giunta con delibera n.195/008 Reg. in data 4 maggio Con l implementazione del progetto BG_Egov 2012: Servizio, Ascolto & Performance l Amministrazione si propone infatti di attivare ulteriori servizi on line e, al contempo, di aumentare la trasparenza sui risultati ottenuti con la gestione, migliorando la qualità delle informazioni fornite agli utenti esterni, così come richiesto dal D. Lgs. 150/2009. Pagina 5 di 35

8 Il raggiungimento di tali obiettivi è facilitato e allo stesso tempo sostenuto da due iniziative di particolare rilievo per l innovazione dell Ente: l intervento di riqualificazione edilizia e funzionale della sede centrale di Piazza Matteotti 3 (Palazzo degli Uffici), nell ambito del quale è prevista la riorganizzazione in senso polifunzionale e l integrazione logistica dei principali front-office, fin qui gestiti separatamente dalle varie direzioni. - link al progetto edilizio - link al progetto di riorganizzazione e layout la partecipazione del al progetto ELI4U, cofinanziato dal DAR, che prevede entro marzo 2012 il rilascio di documenti tecnici e di applicativi informatici ed il loro possibile riuso relativamente ai 3 seguenti sub-progetti WP1 Qualificazione delle attività di programmazione e pianificazione dell ente WP2 Strumenti di pianificazione e programmazione WP4 Banca dati conoscenza Prodotti/Servizi e sistema gestione procedimenti Nel dettaglio il progetto BG_Egov 2012: Servizio, Ascolto & Performance riconduce al progetto strategico unitario della Bergamo Efficiente tutti gli interventi di innovazione ICT che le varie Direzioni hanno fin qui perseguito isolatamente e li inserisce in un contesto di generale miglioramento, centrato sul cittadino-utente come di seguito sintetizzato:. Reingegnerizzazione dell architettura del sistema informativo e introduzione di un ambiente Middleware in ottica citizen oriented; conseguente censimento e adeguamento dei software di workflow-servizi per le finalità complessive di progetto: - condivisone anagrafiche; - controllo direzionale, misurazione performance e customer satisfaction - gestione documentale integrata e digitalizzata - introduzione di ambiente middleware Ridisegno e/o potenziamento degli applicativi di back office, integrale digitalizzazione e gestione documentale dei processi di gestione di determinati servizi on-line per cittadini e imprese: - assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica; - comunicazioni/autorizzazioni telematiche al SUAP - Deposito attestato di certificazione energetica Infrastrutturazione informatica del previsto sportello fisico polifunzionale (Progetto riqualificazione frontoffice di Palazzo Uffici), finalizzata alla creazione di una piattaforma di servizio idonea a supportare: Pagina 6 di 35

9 - le funzioni di CRM, (ascolto e supporto a distanza del cittadino anche per l inoltro di pratiche on-line) - prenotazione di servizi a contatto diretto su appuntamento, - rilevazione della customer satisfaction con la metodologia emoticons mettiamoci la faccia agli sportelli fisici o su contact center, - le funzioni di sportello fisico polifunzionale su anagrafe, tributi, urp e protocollo corrispondenza - attivazione di convenzioni per l abilitazione di soggetti associativi delegabili da cittadini e imprese all inoltro di pratiche on-line conseguente riprogettazione della struttura organizzativa e del layout fisico dedicati al front-office e ridefinizione dei ruoli e delle responsabilità del personale per meglio rispondere alle esigenze degli stakeholder; Interfacciamento degli applicativi di back-office (servizi di maggiore impatto sul pubblico) con la piattaforma Middleware di data retrieval che, oltre a uniformare e condividere le anagrafiche, alimenti anche un nuovo sistema unico di rilevazione delle performance Cruscotto gestionale, finalizzato a mappare e pubblicare i risultati conseguiti e le misurazioni dei relativi indicatori, rendendo il Comune più responsabile nell azione di comunicazione verso gli stakeholder in termini di performance raggiunte e di impatti generati (Piano triennale e relazione annuale sulla perfomance). Le nuove funzionalità di progetto andranno ad aggiungersi al parco servizi già dematerializzati con soluzioni in linea con i principi guida nazionali e regionali in tema di interoperabilità e cooperazione applicativa con CCIAA, ASL, ARPA e d ora in poi con ALER Bergamo. Pagina 7 di 35

10 3 AMBITI DI COLLABORAZIONE Il progetto BG_Egov 2012: Servizio, Ascolto & Performance raccoglie e presenta in modo organico quattro sub-progetti, complessivamente trasversali ai tre ambiti di possibile collaborazione interistituzionale previsti dal bando regionale: Mentre l area 1. (Organizzazione del back-office) e l area 2 (Sviluppo di servizi di front-office) sono sottese a tutti i sub progetti previsti, l area 3 (Sviluppo di servizi di front-office evoluti) è implementata in modo particolare nei sub progetti B e C, relativi a servizi recentemente coinvolti da modifiche normative (SCIA e gestione alloggi), servizi comunque in ampliamento di quanto già fatto negli anni scorsi con le funzionalità SUAP e interfacciabili con la Regione Lombardia (sistema MUTA secondo i tracciati XML da questo definiti). Inoltre l ambito area 3 (Sviluppo di servizi di front-office evoluti) costituisce punto di riferimento per le scelte tecnologiche dei restanti sub progetti A e D, in quanto le soluzioni middleware in essi previste costituiscono il pre-requisito per ulteriori futuri sviluppi in area 3 (front-office evoluti), in tema di trasversalità con altre P.A. quali Forze dell Ordine (C.C. P.S. GDF), Uffici Giudiziari, Agenzia Entrate, Agenzia Territorio, nonché associazioni di categoria (Notai, Commercialisti ecc.) e patronati sindacali. La Tabella 3-1 seguente riassume gli ambiti di collaborazione dei 4 sub progetti. Tabella 3-1 Gli ambiti di collaborazione: 4 sub-progetti COD. Denominazione subprogetti/attività Area 1 back-office Area 2 front-office Area 3 front-office evoluto A A. 1 Reingegnerizzazione dei processi interni (back office) e delle relazioni con l esterno A. 2 Realizzazione ambiente Middleware di ente SI SI SI SI B C D B. 1 B. 2 C. 1 C. 2 D. 1 D. 2 D. 3 Pacchetto workflow Gestione alloggi comunali e Aler Bergamo Servizio on-line Gestione alloggi comunali e Aler Bergamo su piattaforma SIGI SI SI SI Gestione workflow procedimenti SCIA e autorizzazioni commerciali; Sportello Telematico per le comunicazioni / autorizzazioni SUAP SI SI SI Infrastrutturazione software Middleware Gestione sportello fisico polifunzionale su Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP Infrastrutturazione hardware dello sportello fisico polifunzionale Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP Sportello online del Cittadino su nucleo iniziale di servizi online di Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP SI SI SI SI SI solo studio fattibilità SI SI SI solo studio fattibilità SI solo studio fattibilità Pagina 8 di 35

11 Progetto BG_EGOV ATTIVITA 4.1 SUB PROGETTO A A A.1 A.1.1 Tabella 4-1 Sub progetto A REINGEGNERIZZAZIONE ICT VERSO UN SISTEMA CUSTOMER & PERFORMANCE ORIENTED Back-office nuovo ambiente middleware - gestione documentale misurazione c.s. & performance Analisi per la reingegnerizzazione dei processi interni (back office) e delle relazioni con l esterno (front office) dei principali servizi rivolti ai cittadini e alle imprese Reingegnerizzazione architettura sistema informativo e dei processi di servizio A.1.2 Adeguamento pacchetti software di back office A.1.3 Attivazione Cruscotto gestionale di ente per monitoraggio e misurazione performance AREA 1.: organizzazione del back-office Effettuazione del censimento degli applicativi di back office, e verifica con i fornitori di fattibilità e costo degli adeguamenti Formazione e operatività di risorse interne e esterne preposte all analisi organizzativa e alla reingegnerizzazione dell architettura del sistema informativo e dei singoli processi di servizio. Adeguamento dei principali pacchetti software gestionali dei back office [compresi Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP di cui al progetto D. 1] ai fini della condivisione di anagrafiche e di misure degli indicatori in ambiente middleware (sistemi di monitoraggio dei flussi e di indicatori di performance), integrato con la gestione documentale di ente (Lotus- Notes e inet GDoc). Integrazione dei vari pacchetti software di workflow con SW Cruscotto gestionale di ente (da riuso progetto ELISA ELI4U sviluppato da Comune di Udine) A.2 Realizzazione ambiente Middleware di ente AREA 1.: organizzazione del back-office A.2.1 Coprogettazione e acquisizione software A.2.2 A.2.3 Popolamento della piattaforma Middleware con banche dati univoche e condivise Infrastrutturazione a supporto della dematerializzazione e della conservazione sostitutiva Realizzazione di piattaforma Middleware a supporto dell l interazione tra uffici e servizi comunali e altre P.A. coinvolte sui processi (CCIAA, Asl, Aler, Provincia, VV.FF. ecc.) finalizzata alla condivisione e integrazione di quanto segue: applicazioni workflow esistenti (back office); workflow da realizzare su servizi non ancora informatizzati (solo studio di fattibilità); basi dati e anagrafiche. Recupero ed uniformazione delle varie anagrafiche (popolazione residente, imprese, toponomastica comunale, unità patrimoniali dell ente) e creazione delle routine di loro costante aggiornamento. Studio di fattibilità e prospettazione e stima dei costi a regime per la conservazione sostitutiva della documentazione dematerializzata Pagina 9 di 35

12 Progetto BG_EGOV SUB PROGETTO B B B.1 B.1.1 B.1.2 B.1.3 B.1.4 Tabella 4-2 Sub progetto B NUOVO SERVIZIO GESTIONE ALLOGGI ERP COMUNALI E ALER BERGAMO Back-office nuovo ambiente middleware - gestione documentale misurazione c.s. & performance Razionalizzazione e riordino del processo di gestione delle assegnazioni di alloggi comunali e Aler Bergamo e sua piena integra-zione nel sistema di gestione documentale digitalizzata di ente Co-progettazione workflow per il software Gestione Alloggi Integrazione del pacchetto software nel circuito di gestione documentale Integrazione del pacchetto software nel sistema di rilevazione Customer satisfaction Attivazione Cruscotto gestionale per monitoraggio e misurazione performance B.2 Interfacciamento Pacchetto di workflow Gestione alloggi (di cui al precedente punto B.1) con la piattaforma SIGI e attivazione della relativa procedura on-line B.2.1 Portalizzazione in ambiente SIGI dello Sportello online del servizio gestione alloggi ERP in locazione AREA 1.: organizzazione del back-office Pacchetto software di workflow Gestione alloggi web oriented completo di sistema di monitoraggio dei flussi (indicatori di performance). Completa integrazione tra la gestione anagrafica, amministrativa e tecnica della pratica con il governo di ogni fase del relativo procedimento, attraverso la componente integrata di workflow management, che consente di descrivere formalmente gli iter di ogni procedimento mediante diagrammi di flusso all interno dei quali sono monitorati i passi, le scadenze, i soggetti coinvolti e tutte le informazioni del procedimento. Integrazione del pacchetto software di workflow Gestione alloggi con la gestione documentale di ente (Suite Domino Lotus-Notes e inet GDoc) dematerializzata e classificata ai sensi del DPR 445/2000 e ss. mm. Integrazione del pacchetto software di workflow Gestione alloggi con SW di rilevazione customer satisfaction emoticons Mettiamoci la faccia Integrazione del pacchetto software di workflow Gestione alloggi con SW Cruscotto gestionale di ente (da riuso progetto ELISA ELI4U sviluppato da Comune di Udine) AREA 1.: organizzazione del back-office AREA 3: sviluppo di servizi di front-office evoluti Attivazione di piattaforma di servizio front-office on-line per il ricevimento di istanze tramite singoli cittadini e soggetti associativi (CAF e Patronati) convenzionati con il Comune per l assegnazione in locazione e conduzione di alloggi di edilizia residenziale pubblica [Ambito di collaborazione: AREA 2] B.2.2 Integrazione con banche dati alloggi di ALER Bergamo Sviluppo di web services per l integrazione delle basi dati informative con tutti gli enti coinvolti nella gestione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (Aler, R.L. ecc.) [Ambito collaborazione: AREA 3] Pagina 10 di 35

13 Progetto BG_EGOV SUB PROGETTO C Tabella 4-3 Sub progetto C C C.1 GESTIONE SCIA & COMMERCIO SPORTELLO TELEMATICO SUAP & CERTIFICAZIONE ENERGETICA Back-office nuovo ambiente middleware - gestione documentale misurazione c.s. & performance Gestione workflow procedimenti SCIA e autorizzazioni commerciali; adeguamento del software di back-office AREA 1.: organizzazione del back-office AREA 3: sviluppo di servizi di front-office evoluti C.1.1 C.1.2 Co-progettazione e sviluppo del workflow per software attività economiche Estensione delle funzionalità del geoportale per agganciare i procedimenti ai relativi atti geometrici necessari per il mantenimento del database topografico comunale. Pacchetto software di workflow Gestione procedimenti SCIA commerciali web oriented. Completa integrazione tra la gestione anagrafica, amministrativa e tecnica della pratica con il governo di ogni fase del relativo procedimento, attraverso la componente integrata di workflow management, che consente di descrivere formalmente gli iter di ogni procedimento mediante diagrammi di flusso all interno dei quali sono monitorati i passi, le scadenze, i soggetti coinvolti e tutte le informazioni del procedimento. [Ambito collaborazione: AREA 1] Gestione telematica delle SCIA EDILIZIE E COMMERCIALI in modo strettamente integrata con i processi di mantenimento dell informazione territoriale, con particolare riferimento ai database topografici e alla relativa integrazione con le banche dati catastali. Attraverso il GeoPortale e le sue estensioni, dovrà essere implementata l'interfaccia comunicativa sia per la consultazione delle banche dati geografiche, sia per conoscere ai procedimenti dell area tecnica, accedere alla modulistica di settore, presentare telematicamente le istanze, essere informati sulle iniziative in atto e sullo stato d'avanzamento delle istanze. C.1.3 C.2 C.2.1 Integrazione del pacchetto software nel circuito di gestione documentale Integrazione del pacchetto software di workflow Procedimenti SCIA e autorizzazioni commerciali con la gestione documentale di ente (Suite Domino Lotus-Notes e inet GDoc) dematerializzata e classificata ai sensi del DPR 445/2000 e ss. mm. Sportello Telematico per le comunicazioni / autorizzazioni SUAP con scambio di informazioni tra Enti (Camera di commercio, Provincia, ASL, ARPA, Vigili del Fuoco, ecc.) Portalizzazione in ambiente SIGI dello Sportello online del servizio AREA 1.: organizzazione del back-office AREA 3: sviluppo di servizi di front-office evoluti Piattaforma di servizio front-office on-line per il ricevimento di istanze tramite singoli cittadini, professionisti ed associazioni di categoria sui seguenti processi di servizio: Comunicazioni/autorizzazioni telematiche al SUAP portalizzazione procedimenti ecologia C.2.2 C.2.3 C.2.4 Integrazione operativa con altre P.A. coinvolte (webservices, porte di dominio,etc ) Integrazione del pacchetto software nel sistema di rilevazione Customer satisfaction Attivazione Cruscotto gestionale per monitoraggio e misurazione performance Sviluppo di web services per l'integrazione delle basi dati informative con tutti gli enti coinvolti nelle pratiche SUAP, sia in fase di front-office (validazione dati), che in fase di back-office (pareri, documenti, ecc.) Integrazione del pacchetto software di workflow Sportello telematico SUAP con SW di rilevazione customer satisfaction emoticons Mettiamoci la faccia Integrazione del pacchetto software di workflow Sportello telematico SUAP con SW Cruscotto gestionale di ente (da riuso progetto ELISA ELI4U sviluppato da Comune di Udine) Pagina 11 di 35

14 Progetto BG_EGOV SUB PROGETTO D Tabella 4-4 Sub progetto D INFRASTRUTTURAZIONE SOFTWARE E HARDWARE DELLO SPORTELLO FISICO POLIFUNZIONALE D ambiente Middleware su Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP >> studio fattibilità dematerializzazioni Infrastrutturazione software dello sportello fisico polifunzionale Middleware su Anagrafe, Tributi, Protocollo, D.1 URP D.1.1 D.1.2 D.1.3 Piattaforma Middleware di supporto al front-office del nuovo sportello polifunzionale presso Palazzo Uffici Adeguamento pacchetti software di back office Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP Attivazione Cruscotto gestionale di ente per monitoraggio/ misurazione performance Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP AREA 1.: organizzazione del back-office AREA 3: sviluppo di servizi di front-office evoluti Realizzazione piattaforma Middleware a supporto front-office del nuovo sportello polifunzionale presso Palazzo Uffici, per assicurare: operatività di workflow multi servizio sulle postazioni di front-office in relazione ai pacchetti software di back office di Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP e Alloggi [progetto B.1] supporto informativo ad operatori di contact center remoto per: 1) interazione telefonica sui servizi di sportello polifunzionale, 2) invio via web della modulistica, 3) prenotazione appuntamenti sui front-office progettazione organizzativa sportello e formazione personale Attività già previste in progetto A.1 [sottoattività A.1.2] Attività già previste in progetto A.1 [sottoattività A.1.3] D.2 Infrastrutturazione hardware dello sportello fisico polifunzionale Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP AREA 2: sviluppo di servizi di front-office D.2.1 Hardware di supporto al funzionamento dello sportello polifunzionale Acquisto e attivazione del seguente hardware e del correlato software di supporto al funzionamento dello sportello polifunzionale: sistema a totem per gestione e monitoraggio di: 1) afflusso del pubblico e attese allo sportello polifunzionale, 2) attivazione variabile di postazioni in n. adeguato all afflusso, 3) produzione di report sui tempi di attesa e di erogazione, 4) customer satisfaction [25 unità tastierini sistema emoticons Mettiamoci la faccia ],5) relativi data-displays informativi, in vari punti della sala di attesa, 6) totem protocollo self service, interazione con CRS o firma digitale e stampa ricevuta con numero di P.G. assistita da personale Urp, per protocollazione di corrispondenza nei seguenti formati: 1)scansione di lettera cartacea, 2) scarico di lettera su file da chiave USB D.3 Sportello online del Cittadino su nucleo iniziale servizi online di Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP D.3.1 D.3.2 SOLO STUDIO DI FATTIBILITÀ Portalizzazione in ambiente SIGI dello Sportello online del Cittadino SOLO STUDIO DI FATTIBILITÀ Integrazione operativa con altre P.A. coinvolte e ordini professionali su area gestionale condivisa Pagina 12 di 35 AREA 2: sviluppo di servizi di front-office AREA 3: sviluppo di servizi di front-office evoluti Studio di fattibilità per un primo nucleo di servizi on-line de materializzati e con pagamenti Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP,; (attuazione subordinata a disponibilità del timbro digitale e convenzioni con tesoriere per homebanking) Studio di fattibilità delle condivisioni su Middleware delle anagrafiche con altre P.A.: Forze dell Ordine (C.C. P.S. GDF), Uffici Giudiziari, Agenzia Entrate, Agenzia Territorio, e soggetti associativi convenzionati Notai, Commercialisti ecc.

15 5 ASPETTI ORGANIZZATIVI Nel presente capitolo sono illustrati il perimetro organizzativo delle strutture coinvolte nei vari sub progetti, nonché l assetto organizzativo del gruppo di lavoro che ha la responsabilità di perseguire gli obiettivi del Progetto BG_EGOV ORGANIGRAMMA E STRUTTURE COINVOLTE La natura trasversale del progetto e dei sub-progetti che lo compongono investe una serie di Direzioni/Servizi/uffici appartenenti a diverse aree della Struttura organizzativa dell ente come di seguito specificate: Direzione Generale Innovazioni organizzative, Qualità servizi, Pianificazione strategica Direzione Assistenza agli Organi (Area Affari Istituzionali) Servizio Gestione Documentale Servizio Servizi Demografici ed elettorale Ufficio relazioni col pubblico Direzione Bilanci e Servizi Finanziari (Area Risorse Finanziarie) U.O. Controllo di gestione Servizio Tributi e Catasto Direzione Servizi a Rete e Patrimonio (Area Risorse Finanziarie) Servizio Sistema Informativo Aziendale Area Politiche del Territorio Segreteria e Staff Servizio Amministrativo e strategie di e-government Direzione Pianificazione Urbanistica (Area Politiche del Territorio) Servizio Gestione Alloggi Direzione Edilizia Privata e Attività Economiche (Area Politiche del Territorio) Servizio Gestione del Territorio Servizio Attività produttive e Commercio Direzione Mobilità Ambiente e Innovazione (Area Politiche del Territorio) U.O. Sistema Informativo territoriale Servizio Sportello Unico Edilizia e Attività Produttive Servizio Ecologia e Ambiente Pagina 13 di 35

16 5.2 RESPONSABILITÀ DIRETTE DI PROGETTO Tabella 5-1 Responsabilità dirette di progetto Denominazione Responsabilità Composizione Cabina di Regia Responsabile di Progetto Staff di supporto al Responsabile di Progetto Responsabilità esecutive Integrazione progetti nell ICT Direzione strategica del Progetto e raggiungimento delle finalità dell accordo Approvazione del progetto esecutivo e delle sue variazioni Coordinamento attività ed adozione atti dirigenziali Gruppo di lavoro costituito con Disposizione di servizio n. 8 in data 7 febbraio 2012 il Direttore Generale ha istituito un Gruppo di lavoro denominato Gestione coordinata degli interventi e progetti di innovazione tecnologica finalizzati alla digitalizzazione, al supporto alla pianificazione e controllo strategico, nonché al miglioramento del sistema informativo di ente, Sub-progetto A Sub-progetto B Sub-progetto C Sub-progetto D Supporto tecnico sistemico Per il Comune: Arch. Massimo Casanova Dott. Giovanni Valietti (referente D.G.) Arch. Massimo Casanova Dott. Giovanni Valietti (referente D.G.) Dott. Antonio Sannelli Dott.sa Elisabetta Belloni Ing. Donatella Nicolai Dott.sa Manuela Armati Ing. Andrea Maffeis Dott. Giovanni Valietti (referente D.G.) Dott.sa Elisabetta Belloni Ing. Donatella Nicolai Dott.sa Manuela Armati Ing. Andrea Maffeis Dott.sa Manuela Armati Ing. Andrea Maffeis Dott. Giovanni Valietti (referente D.G.) Dott.sa Elisabetta Belloni Ing. Donatella Nicolai Dott. Antonio Sannelli Integrazione nel SIGI progetti Supporto tecnico sistemico Ing. Andrea Maffeis Pagina 14 di 35

17 6 PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ 6.1 TEMPISTICHE Tempistiche calcolate: per la spesa a decorrere dal 28/10/2011 (punto 5 del D.d.u.o. 25 ottobre n. 9830) e per la conclusione in 24 mesi da firma ACl (5/3/2012). A REINGEGNERIZZAZIONE ICT VERSO UN SISTEMA CUSTOMER & PERFORMANCE ORIENTED Back-office nuovo ambiente middleware - gestione documentale misurazione c.s. & performance COD./ATTIVITÀ/SOTTOATTIVITÀ A.1 A.1.1 A.1.2 A.1.3 TEMPISTICA DELLE ATTIVITÀ (GANTT di avanzamento) Analisi per la reingegnerizzazione dei processi interni (back office) e delle relazioni con l esterno (front-office). dei principali servizi rivolti ai cittadini e alle imprese Reingegnerizzazione architettura sistema informativo e dei processi di servizio Adeguamento pacchetti software di backoffice Attivazione Cruscotto gestionale di ente per monitoraggio e misurazione performance Tabella Tempi subprogetto A S.A.L. PROGRAMMATI 1 31/01/ /07/ /01/2014 A.2 Realizzazione ambiente Middleware di ente S.A.L. PROGRAMMATI 1 31/01/ /07/ /01/2014 A.2.1 A.2.2 A.2.3 Coprogettazione e acquisizione software Popolamento della piattaforma Middleware con banche dati univoche e condivise Infrastrutturazione a supporto della de materializzazione e della conservazione sostitutiva Pagina 15 di 35

18 B NUOVO SERVIZIO GESTIONE ALLOGGI ERP COMUNALI E ALER BERGAMO Back-office nuovo ambiente middleware - gestione documentale misurazione c.s. & performance Tabella Tempi subprogetto B COD./ATTIVITÀ/SOTTOATTIVITÀ TEMPISTICA DELLE ATTIVITÀ (GANTT di avanzamento) B.1 B.1.1 B.1.2 B.1.3 B.1.4 B.2 B.2.1 B.2.2 Razionalizzazione e riordino del processo di gestione delle assegnazioni di alloggi comunali e Aler Bergamo e sua piena integrazione nel sistema di gestione documentale digitalizzata di ente Co-progettazione workflow per il software Gestione Alloggi Integrazione del pacchetto software nel circuito di gestione documentale Integrazione del pacchetto software nel sistema di rilevazione Customer satisfaction Attivazione Cruscotto gestionale per monitoraggio e misurazione performance S.A.L. PROGRAMMATI 1 31/01/ /07/ /01/2014 Interfacciamento Pacchetto di workflow Gestione alloggi (di cui al precedente punto B.1) con la piattaforma SIGI e attivazione della relativa procedura on-line Portalizzazione in ambiente SIGI dello Sportello online del servizio gestione alloggi ERP in locazione Integrazione tramite WEB service con banche dati alloggi di ALER Bergamo S.A.L. PROGRAMMATI 1 31/01/ /07/ /01/2014 Pagina 16 di 35

19 C GESTIONE SCIA & COMMERCIO SPORTELLO TELEMATICO SUAP & CERTIFICAZIONE ENERGETICA Back-office nuovo ambiente middleware - gestione documentale misurazione c.s. & performance COD./ATTIVITÀ/SOTTOATTIVITÀ C.1 C.1.1 C,1,2 C.1.3 C.2 C.2.1 C.2.2 C.2.3 C.2.4 TEMPISTICA DELLE ATTIVITÀ (GANTT di avanzamento) Gestione workflow procedimenti SCIA e autorizzazioni commerciali; adeguamento del software di back-office Co-progettazione e sviluppo del workflow per software attività economiche Estensione funzionalità geo-portale per aggancio procedimenti/atti geometrici per mantenimento database topografico comunale. Integrazione del pacchetto software nel circuito di gestione documentale Pagina 17 di 35 Tabella Tempi subprogetto C S.A.L. PROGRAMMATI 1 31/01/ /07/ /01/2014 Sportello Telematico per le comunicazioni / autorizzazioni SUAP con scambio di informazioni tra Enti (Camera di commercio, Provincia, ASL, ARPA, Vigili del Fuoco, ecc.) Portalizzazione in ambiente SIGI dello Sportello online del servizio Integrazione operativa con altre P.A. coinvolte (web services, porte di dominio ecc.) Integrazione del pacchetto software nel sistema di rilevazione Customer satisfaction Attivazione Cruscotto gestionale per monitoraggio e misurazione performance S.A.L. PROGRAMMATI 1 31/01/ /07/ /01/2014

20 D Tabella 6-2 Tempistiche dell Attività D INFRASTRUTTURAZIONE SOFTWARE E HARDWARE DELLO SPORTELLO FISICO POLIFUNZIONALE ambiente Middleware su Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP >> studio fattibilità dematerializzazioni COD./ATTIVITÀ/SOTTOATTIVITÀ D.1 D.1.1 D.1.2 D.1.3 D.2 D.2.1 D.3 D.3.1 D.3.2 TEMPISTICA DELLE ATTIVITÀ (GANTT di avanzamento) Infrastrutturazione software dello sportello fisico polifunzionale. Middleware su Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP Piattaforma Middleware di supporto al front-office del nuovo sportello polifunzionale presso Palazzo Uffici Adeguamento pacchetti software di back office Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP Attivazione Cruscotto gestionale di ente per monitoraggio e misurazione performance Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP Infrastrutturazione hardware dello sportello fisico polifunzionale. Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP Hardware di supporto al funzionamento dello sportello polifunzionale Tabella 6-4 Tempi subprogetto D S.A.L. programmati 1 31/01/ /07/ /01/2014 S.A.L. programmati 1 31/01/ /07/ /01/2014 Sportello online del Cittadino su nucleo iniziale di servizi online di Anagrafe, Tributi, Protocollo, URP - SOLO STUDIO DI FATTIBILITÀ Portalizzazione in ambiente SIGI dello Sportello online del Cittadino Solo studio fattibilità Integrazione operativa con altre P.A. coinvolte e ordini professionali su area gestionale condivisa Solo studio fattibilità S.A.L. programmati 1 31/01/ /07/ /01/2014 Pagina 18 di 35

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n.

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano PIANO DI INFORMATIZZAZIONE (ai sensi dell art. 24, comma 3 bis, del D.L. n. 90/2014) Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 08 del 17.02.2015

Dettagli

STATO AVANZAMENTO LAVORI

STATO AVANZAMENTO LAVORI ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) aggregazione di comuni denominata GRANDE MANTOVA ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) AGGREGAZIONE DI COMUNI CITTA DI CURTATONE PORTO MANTOVANO

Dettagli

Comune di RACCONIGI PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

Comune di RACCONIGI PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE Comune di RACCONIGI PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 6 Piano informatizzazione presentazione

Dettagli

Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE Comune di MELLE Comune di VALMALA PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 6 Piano informatizzazione

Dettagli

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 8 D) ALLEGATI...

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Piazza Marconi, 1 C.A.P. 10010 - PROVINCIA DI TORINO Tel. 0125/72154 - Fax 72190 http://www.comune.piverone.to.it Cod. fisc. 84001150014 E-mail : comune.piverone@comune.piverone.to.it

Dettagli

Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008

Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008 Gestione Informatica delle pratiche sismiche Forlì 9 ottobre 2014 Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008 La Giunta regionale promuove «lo sviluppo di un sistema integrato che

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Comune di Alberona Provincia di Foggia PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ALBERONA

Comune di Alberona Provincia di Foggia PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ALBERONA Comune di Alberona Provincia di Foggia PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ALBERONA INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)...

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ROMANO CANAVESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... Piano informatizzazione

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010

IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010 IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010 GLI STRUMENTI FONDAMENTALI DI GOVERNO DEL TERRITORIO LR 12/2005 Art. 3 SITI Art. 4 VAS Art. 5 OSSERVATORIO PERMANENTE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti Uno strumento per la semplificazione M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti un sistema per la Pubblica Amministrazione una risorsa per le Imprese 19 aprile 2011 Videoconferenza di presentazione INDICE

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti MUTA Modello Unico Trasmissione Atti A cura di Elisabetta Sciacca Direzione SIRE / Responsabile Progetto Muta Milano, 15 settembre 2011 SINTESI DEI CONTENUTI 1. La piattaforma MUTA 2. I servizi 3. Scenari

Dettagli

Pubblico e privato nelle strategie di e-government

Pubblico e privato nelle strategie di e-government Ruolo degli Enti Locali nel Piano di e-government La strategia del Comune per l e-government Gli strumenti attuativi della strategia Il necessario apporto del privato Ruolo degli Enti Locali nel Piano

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

La soluzione offerta dal Consorzio Civica

La soluzione offerta dal Consorzio Civica SwG-SUAP La soluzione offerta dal Consorzio Civica Sommario - L ARCHITETTURA DEL SISTEMA - LE FUNZIONALITA - EVOLUZIONI PREVISTE - IL SITO INTERNET - REQUISITI DI UTILIZZO - CONDIZIONI COMMERCIALI - IL

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

I servizi on line di prevenzione incendi

I servizi on line di prevenzione incendi I servizi on line di prevenzione incendi Stefano Marsella Il CAD - codice dell Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82 del 2005) prevede che: i servizi erogati dalle PA siano progressivamente

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

PROGETTI A CARATTERE SPECIALE

PROGETTI A CARATTERE SPECIALE Relazione sulla performance: progetti,attività, risultati, risorse - anno 2013 Allegati: Obiettivi divisi per area dirigenziale e portafoglio servizi AREA SEMPLIFICAZIONE E INFORMAZIONE ALLE IMPRESE OBIETTIVI

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Il cittadino al centro dell amministrazione

Il cittadino al centro dell amministrazione Il cittadino al centro dell amministrazione L individuazione della sede La sede è stata individuata sulla base delle condizioni logistiche e progettuali dell Ente Parcellizzazione delle sedi presenti sul

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015 Organismo Indipendente di Valutazione Sede, 03.04.2015 Pr. 88 PRESIDENTE Dott. Riccardo Maria Monti DIRETTORE GENERALE Dott. Roberto Luongo E,p.c.: Presidenza Direzione Generale Dott. Gianpaolo Bruno Dott.

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Bertinoro Provincia di Forlì-Cesena PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità dell azienda è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2016-2018 è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

www.suap.info Sommario

www.suap.info Sommario SwG-SUAP SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELLO SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE www.suap.info Sommario L ARCHITETTURA DEL SISTEMA LE FUNZIONALITA EVOLUZIONI PREVISTE AREA UTENTI

Dettagli

Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale

Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale Comune di Pisa Direzione Sistema Informativo UO Automazione Flusso Documentale Il punto di partenza Nel Piano Esecutivo di Gestione 2000 particolare del Servizio Sistema Informativo erano allegate le Linee

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE POLITICHE ECONOMICHE FINANZIARIE E TRIBUTARIE REG. GEN.LE N. 370 DEL 29/04/2015 REG. SERVIZIO N. 440DEL 24/04/2015

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani. Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010

Provincia Regionale di Trapani. Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010 Provincia Regionale di Trapani Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010 La Società dell informazione Dal 2000 in poi, il Governo italiano ha varato diverse azioni finalizzate all attuazione della

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 Redatto ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L. 24 giugno 2014, n. 90. I. QUADRO NORMATIVO Il Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito in legge

Dettagli

Comune di Parma. La rilevazione della CS tramite emoticon

Comune di Parma. La rilevazione della CS tramite emoticon Comune di Parma La rilevazione della CS tramite emoticon Gli emoticon come strumento per conoscere la soddisfazione dei cittadini Il Comune di Parma ha cominciato ad occuparsi di Customer Satisfaction

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

RisorseComuni. Nuove prospettive per la semplificazione dei procedimenti relativi alle attività produttive in Regione Lombardia.

RisorseComuni. Nuove prospettive per la semplificazione dei procedimenti relativi alle attività produttive in Regione Lombardia. RisorseComuni Nuove prospettive per la semplificazione dei procedimenti relativi alle attività produttive in Regione Lombardia 17 Novembre 2009 Cristina Colombo Direttore Vicario U.O. Semplificazione e

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 n. elaborato: 7 CRITICITA' NEI SERVIZI AL CONSUMATORE file: data: agg.: marzo 2014 Acea Ato 2 S.p.A. PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 7 Criticità nei servizi al consumatore

Dettagli

Sportello unico attività produttive (SUAP)

Sportello unico attività produttive (SUAP) www.globogis.it Sportello unico attività produttive (SUAP) Modulo base Sessione1 Introduzione alla gestione telematica del SUAP Argomenti Logistica e contenuti del corso Normativa nazionale e regionale

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento)

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) Determinazione Dirigenziale N. _162_Reg. Int./P.O. 7 del...12/10/2011... N. Reg. Gen...550... del...12/10/2011... PREMESSO CHE: OGGETTO: Modernizzazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

La Semplificazione Amministrativa a favore delle Imprese per la ripresa economica del Paese

La Semplificazione Amministrativa a favore delle Imprese per la ripresa economica del Paese La Semplificazione Amministrativa a favore delle Imprese per la ripresa economica del Paese Dal SUAP on line al Contratto in modalità elettronica con firma digitale Antonio Meola Segretario generale del

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

L'UFFICIO DI PRESIDENZA

L'UFFICIO DI PRESIDENZA DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 71 DELL 8 OTTOBRE 2014 Protocollo d intesa tra Consiglio regionale e Comune di Venezia in materia di servizi informatici e telematici.

Dettagli

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino OPENSUE Sportello Edilizia Stringi la mano al cittadino 2 OPENSUE Sportello Edilizia Il DPR n. 380/2001 impone a tutte le amministrazioni comunali di provvedere a costituire lo Sportello unico per l edilizia

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche 30334 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 113 del 21 08 2014 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756 P.O. PUGLIA F.S.E. 2007/2013 Asse V TRANSNA ZIONALITÀ

Dettagli