UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI ECONOMIA TESI DI LAUREA LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI ECONOMIA TESI DI LAUREA LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI ECONOMIA TESI DI LAUREA LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE IL RELATORE Chiar.mo Prof. Gian Carlo Croxatto IL CANDIDATO Riccardo Gaziello ANNO ACCADEMICO

2 Sommario INTRODUZIONE. IL COMMERCIO ELETTRONICO CENNI STORICI SULLO SVILUPPO DELLE RETI INFORMATICHE E DEL COMMERCIO ELETTRONICO Alle origini della rete delle reti : da ARPANET al World Wide Web La struttura attuale di Internet Il modello client server L indirizzo IP I nomi di dominio e il Domain Name System (D.N.S.) La nascita e lo sviluppo del commercio elettronico Definizione di commercio elettronico I soggetti coinvolti nelle operazioni di commercio elettronico LE DIVERSE FORME DI COMMERCIO ELETTRONICO Reti chiuse e reti aperte Business To Business e Business To Consumer Commercio elettronico indiretto e diretto ASPETTI CARATTERISTICI DEI MERCATI VIRTUALI

3 LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE LE NORME DI DIRITTO TRIBUTARIO APPLICABILI IN MATERIA DI COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE Il ruolo degli organismi internazionali L APPLICABILITÀ DELLE NORME RELATIVE ALLA STABILE ORGANIZZAZIONE D IMPRESA ALLE ATTIVITÀ DI COMMERCIO ELETTRONICO ESERCITATE IN ITALIA DA SOGGETTI NON RESIDENTI Il problema della definizione di stabile organizzazione d impresa non residente Il dibattito dottrinale Il sito web Il server L Internet Services Provider Le opinioni espresse dall O.C.S.E. nelle recenti modifiche al Commentario dell art. 5 del Modello di Convenzione contro la doppia imposizione internazionale La determinazione del reddito prodotto attraverso una stabile organizzazione nell ambito delle attività commerciali esercitate via Internet

4 Problematiche relative all applicazione della disciplina sui prezzi di trasferimento (transfer pricing) I criteri alternativi di localizzazione del reddito Il criterio della residenza Criteri quantitativi La Bit Tax LA QUALIFICAZIONE DELLE OPERAZIONI DI COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO AI FINI DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Il diverso trattamento fiscale dei corrispettivi per cessione di beni o prestazione di servizi e dei compensi corrisposti per l utilizzazione di opere dell ingegno (royalties) La classificazione delle operazioni di commercio elettronico diretto in base alle indicazioni dell O.C.S.E. e della Commissione Europea BIBLIOGRAFIA

5 Introduzione. Il commercio elettronico. 1. Cenni storici sullo sviluppo delle reti informatiche e del commercio elettronico Alle origini della rete delle reti : da ARPANET al World Wide Web. Internet, la grande rete delle reti che oggi collega milioni di calcolatori sparsi in tutto il mondo, è il risultato di un processo evolutivo che affonda le proprie radici negli anni più bui della guerra fredda. Forse non tutti i navigatori dei nostri giorni sanno che l idea di realizzare una rete di computers priva di controllo centrale, in cui ogni nodo potesse comunicare con gli altri anche a notevolissime distanze e senza il continuo controllo di personale umano, scaturì in seno al Ministero della Difesa statunitense in seguito all esigenza di garantire un livello minimo di comunicazione in caso di guerra nucleare. Nel 1964 Paul Baran propose il modello architettonico della nuova rete, in grado di funzionare anche in caso di parziale danneggiamento grazie alla sua struttura decentrata, e cinque anni più tardi vide la luce la Advanced Research Projects Agency Network, meglio nota come ARPANET, la progenitrice di Internet, che collegava quattro calcolatori situati presso installazioni militari e prestigiose università. Nel giro di tre anni il numero dei computers connessi superò le trenta unità: alle esigenze strategiche del governo statunitense si affiancò l entusiasmo della comunità scientifica americana, che intuì quasi subito le potenzialità della 5

6 rete soprattutto in relazione allo scambio di informazioni tra laboratori e gruppi di ricerca tra loro molto lontani. Ma, come ben sappiamo, il futuro della rete riservava queste e altre applicazioni. Il primo passo verso una rete virtuale su scala mondiale fu compiuto nel 1974, quando Vinton Cerf e Bob Kahn svilupparono il protocollo TCP (Transfer Control Protocol) che dall inizio degli anni 80 è il protocollo standard per le comunicazioni in rete (sotto il nome di TCP/IP, dove IP sta per Internet Protocol ), cioè il linguaggio attraverso cui calcolatori anche molto diversi tra loro sono in grado di scambiarsi dati e informazioni. Verso la fine degli anni 80, ARPANET aveva raggiunto dimensioni e finalità talmente divergenti dal progetto originario che gli addetti ai lavori cominciarono a chiamare la nuova rete semplicemente Internet. All epoca Internet aveva ormai oltrepassato i confini statunitensi raggiungendo le principali università europee: negli stessi anni, Tim Barners Lee, del CERN di Ginevra, concepì l idea del World Wide Web (WWW), la ragnatela mondiale come oggi la conosciamo. In realtà, però, all epoca solo un ristretto numero di persone altamente qualificate era in grado di fruire delle possibilità offerte da questa nuova tecnologia. Il passo decisivo comunque non si fece attendere molto: nel 1992 fu pubblicato l HTML (Hyper-Texts Mark-up Language), il primo linguaggio di programmazione attraverso cui realizzare amichevoli interfacce uomo-macchina, le cosiddette pagine web, basate sull innovativo concetto di ipertesto, cioè di un testo che attraverso comodi collegamenti (links) rimanda ad altri testi e così via senza soluzione di continuità. L espressione navigare in Internet si riferisce metaforicamente proprio al 6

7 percorso non lineare, difficilmente prevedibile, che l utente di Internet segue nelle proprie ricerche La struttura attuale di Internet Il modello client server La struttura alla base di quasi tutte le comunicazioni via Internet è il modello client server. Per client intendiamo un programma che, in seguito ad un comando impartito dall utente, formula una richiesta di informazioni nei confronti di un server, che è un computer programmato per rispondere automaticamente a determinati tipi di domande. Esempi classici di clients sono il browser, che è il programma usato per sfogliare le pagine ipertestuali del World Wide Web, e tutti i programmi adoperati per ricevere ed inviare i messaggi di posta elettronica. In estrema sintesi, attraverso un comando impartito sul proprio PC, un utente è in grado di collegarsi, anche inconsapevolmente, a server posti in qualunque parte del globo, e tali server risponderanno in maniera automatica alle richieste dell utente veicolate dalla rete, indipendentemente dalla distanza che separa client e server. Spesso Internet è definito come rete delle reti. Tale espressione sottolinea una caratteristica tecnica del sistema di cui è utile tener conto: Internet altro non è che una rete che collega altre reti, dette anche sottoreti, o reti locali LAN (Local Area Network). Le sottoreti a loro volta collegano tra loro i calcolatori di 7

8 un università, di un ente statale, di una grande azienda, di un gruppo di clienti di uno stesso fornitore di accesso a Internet e così via. Ne discende che, almeno ai fini che a noi interessano, nessun soggetto è oggi in grado di collegarsi a Internet senza passare attraverso una rete locale, che ha sempre una precisa collocazione territoriale. È noto, infatti, che qualunque soggetto che intenda accedere a Internet deve necessariamente stipulare un contratto di fornitura di servizi Internet con un ISP (Internet Services Provider) oppure, se si tratta di un ente o di una grande azienda, potrebbe in ultima analisi approntare un proprio ISP attraverso cui veicolare il traffico da e verso i calcolatori delle altre sottoreti collegate a Internet. Ciò che ora ci preme puntualizzare è il fatto che gli Internet Services Providers sono gli intermediari di ogni comunicazione via Internet e sono organizzazioni di cui è sempre nota la collocazione territoriale L indirizzo IP Ad ogni computer presente su Internet in un determinato momento è associato un numero identificativo, detto indirizzo IP, che è univoco per ogni macchina collegata. Se così non fosse, non sarebbe possibile per i clients trovare l esatta collocazione dei servers a cui l utente intende collegarsi; analogamente i servers non sarebbero in grado di indirizzare le informazioni in essi contenute ai clients che ne hanno fatto richiesta. Gli ISP assegnano indirizzi IP fissi ed invariabili ai server che contengono le pagine HTML dei siti web, in modo da garantire la visibilità di tali siti 24 ore su 24. 8

9 Invece, per ragioni eminentemente pratiche, assegnano agli utenti che si collegano alla rete saltuariamente degli indirizzi IP dinamici, che variano ad ogni collegamento. In sostanza, gli ISP detengono l esclusiva di un certo numero di indirizzi IP e li noleggiano ai propri clienti: poiché non tutti i clienti sono collegati ad Internet contemporaneamente, risulta conveniente per l ISP riservarsi un numero di indirizzi inferiore a quello dei clienti ed assegnarli dinamicamente a seconda del numero di clienti che richiedono, in un dato istante, la connessione a Internet. Tuttavia, di regola gli ISP mantengono l elenco delle corrispondenze tra clienti ed indirizzi IP loro assegnati, in modo da cautelarsi in caso di abusi da parte degli stessi 1. Quindi, almeno in linea teorica, è possibile risalire all esatta collocazione di un computer attraverso cui è stato effettuato un collegamento a Internet, grazie ad un attenta ricerca negli archivi degli ISP. Più problematica risulta invece l individuazione dell identità della persona fisica che ha originato la connessione, dato che l ISP non è tenuto, almeno attualmente, alla verifica della 1 Si veda a tal proposito la Sezione 4 della recente Direttiva 2000/31/CE del Parlamento Europeo sul Commercio Elettronico, relativa alle responsabilità dei prestatori intermediari e in particolare il secondo comma dell art.15, secondo cui gli Stati membri possono stabilire che i prestatori di servizi della società dell informazione siano tenuti [...] a comunicare alle autorità competenti, a loro richiesta, informazioni che consentano l individuazione dei destinatari dei loro servizi. La direttiva non è ancora stata ratificata dal nostro ordinamento, ma il Governo ha ricevuto delega in materia con la Legge 1 Marzo 2002 n 39 (art. 31). 9

10 veridicità dei dati comunicati dal cliente al momento della stipula del contratto I nomi di dominio e il Domain Name System (D.N.S.) Abbiamo visto come gli ISP assegnino indirizzi IP fissi ai server che ospitano le pagine dei siti web, in modo da garantirne la visibilità 24 ore su 24. Tuttavia l indirizzo IP, consistente in una quaterna di numeri compresi tra 0 e 255 (es ), risulta estremamente scomodo da ricordare per un utente normale. È per questo motivo che, sin dagli albori di Internet, è stato introdotto il sistema dei nomi di dominio (DNS o Domain Name System). In estrema sintesi, tale sistema consente di associare ad un dato indirizzo IP un certo nome, che normalmente presenta una sintassi del tipo dove cc sta per country code, ovvero il codice identificativo di un determinato Stato (es.:.it per l Italia,.fr per la Francia,.de per la Germania, ecc...). Sono frequenti anche le sintassi e che non forniscono indicazioni di tipo geografico ma relative all area di interesse del sito (.com indica il sito di un organizzazione commerciale,.org di un organizzazione generica non commerciale, ecc...). Per assicurare il funzionamento dell intera rete Internet, esistono alcune organizzazioni non profit, finanziate dagli ISP di tutto il mondo, che si occupano di mantenere aggiornati gli elenchi delle corrispondenze tra indirizzi IP e nomi di dominio: ogni volta che digitiamo l indirizzo Internet di un qualunque sito, il nostro 10

11 browser innanzitutto si collega al server DNS di una di tali organizzazioni, ottenendo come risposta la quaterna di numeri dell indirizzo IP del sito che ci interessa 2. Procedendo alla registrazione di un nome di dominio presso una cosiddetta Registration Authority, è possibile assicurarsi, per un periodo di tempo limitato, l uso esclusivo di tale nome di dominio, godendo di una tutela simile a quella prevista per i marchi 3. I soggetti che possono richiedere la registrazione presso lo IAT (www.nic.it), la Registration Authority italiana responsabile dell assegnazione degli indirizzi del tipo.it, sono tutti gli enti statali e non, le società di qualsiasi tipo e le imprese individuali regolarmente iscritte al Registro delle Imprese, i liberi professionisti dotati di partita IVA e le associazioni di ogni tipo, purché la loro esistenza sia dimostrabile esibendo l atto costitutivo. In questo caso, quindi, la Registration Authority italiana è tenuta ad eseguire una serie di controlli sull identità del soggetto che richiede 2 Le organizzazioni incaricate a livello mondiale del servizio DNS sono: - il RIPE/NCC (Reseaux IP Européenne Network Coordination Centre) per l area europea, africana e del Medio Oriente; - l ARIN (American Registry for Internet Numbers) per il Nord America e l America Latina; - l APNIC (Asian Pacific Network Information Centre) per l Estremo Oriente. 3 Per una puntuale disamina sui rapporti tra tutela del marchio e nomi di dominio si rimanda a A.Fodella: I diritti di proprietà intellettuale e la tutela dei marchi, in G.Sacerdoti G.Marino (a cura di): Il commercio elettronico. Profili giuridici e fiscali internazionali, EGEA, Milano, 2001, pag

12 la registrazione. Purtroppo non tutti gli Stati adottano sistemi così rigorosi nell assegnazione dei nomi di dominio, quindi è possibile, per un operatore italiano, ad esempio, registrare il proprio sito con nomi di dominio diversi da quelli del tipo.it occultando, del tutto o in parte, la propria identità. Per ora possiamo concludere che, almeno in linea teorica, dietro ad ogni nome di dominio, cioè in definitiva dietro ad ogni indirizzo Internet, c è sempre un operazione di registrazione presso un autorità centrale che conserva le generalità del soggetto titolare del sito Internet, compreso l indirizzo fisico dello stesso. Pertanto sarà sempre rintracciabile un elemento di collegamento tra il territorio in cui questi risiede e nome di dominio del suo sito Internet La nascita e lo sviluppo del commercio elettronico. Uno degli aspetti più innovativi di Internet e delle reti di calcolatori in generale è senza dubbio il commercio elettronico. Con l avvento delle nuove tecnologie, esso si è affiancato alle forme di commercio tradizionali, modificando i concetti di spazio e di tempo che hanno caratterizzato secoli di relazioni commerciali. 4 A questa conclusione giunge L.Sorini in Aspetti della localizzazione geografica di un Dominio, in Rinaldi R. (a cura di): La fiscalità del commercio via Internet: attualità e prospettive, G.Giappichelli Editore, Torino, 2001, pag

13 Definizione di commercio elettronico Numerose sono le definizioni di commercio elettronico elaborate in questi anni da organismi internazionali e studiosi della materia. Forse la prima descrizione rilevante del fenomeno è quella data dall OCSE nel 1997: Il commercio elettronico si riferisce a tutte le operazioni relative ad attività commerciali, che includono organizzazioni ed individui, basate sulla trasformazione e trasmissione di dati digitali, che includono testi, suoni e immagini 5. Nello stesso anno la Commissione Europea ampliò così la definizione: Il commercio elettronico riguarda le attività commerciali effettuate per via elettronica. Si basa sulla trasformazione e trasmissione di dati che includono testi, suoni e immagini. Riguarda molteplici attività, fra cui lo scambio di merci e servizi, la consegna on-line di contenuto digitale, i trasferimenti elettronici di fondi, lo scambio di azioni, le bolle di accompagnamento elettroniche, le aste elettroniche, il design e l ingegneria di gruppo, il sourcing on-line, la procura pubblica, il marketing diretto, i servizi di post vendita. Include sia prodotti (prodotti di consumo, attrezzature mediche specializzate) che servizi (servizi di informazione, servizi finanziari e legali); attività tradizionali (sanità e istruzione) e attività virtuali (i centri commerciali virtuali o virtual malls) 6. In maniera molto più 5 OECD: Electronic Commerce: Opportunities and Challenges for Governments (The Sacher Report), OECD, Paris, COMMISSION FOR THE EUROPEAN COMMUNITIES: A European Initiative in Electronic Commerce: Communication from the Commission to 13

14 sintetica, ma non meno efficace, lo European Information Technology Observatory definisce il commercio elettronico come l esecuzione di attività che portano ad uno scambio di valore attraverso le reti delle telecomunicazioni 7. Ma queste pur pregevoli definizioni vengono perfezionate o superate quasi ogni giorno, a testimonianza del fatto che il fenomeno commercio elettronico si è sviluppato in tempi brevissimi ed è tuttora in espansione, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. Attualmente i volumi degli scambi riconducibili ad operazioni on-line sono ancora decisamente modesti, ma la rapidità di crescita del settore e le potenzialità insite nelle nuove tecnologie hanno mobilitato da almeno cinque anni le amministrazioni statali di tutti i Paesi industrializzati e dei principali organismi internazionali (OCSE, UE, WTO, ecc...). Secondo le stime ufficiali pubblicate nel marzo 2002 dall OCSE 8, il fatturato delle imprese statunitensi relativo alle vendite al dettaglio effettuate via Internet è passato da circa 5,2 miliardi di dollari americani nell ultimo trimestre del 99, a più di 27 miliardi nel primo trimestre del 2001, sfiorando l 1% del the Council, the European Parliament, the Economic and Social Committee and the Committee of the Regions, Office for Official Publications of the EC, Lussemburgo, 1997, COM(1997), G. Corabi: Il commercio elettronico e la crisi della fiscalità internazionale, IPSOA, Milano, 2000, pag OECD: The Latest Official Statistics on Electronic Commerce: a Focus on Consumers Internet Transactions, OECD, Paris, ultimo aggiornamento: 22/03/

15 fatturato annuale totale del settore del commercio al dettaglio. I Paesi del Nord dell Europa presentano volumi assoluti inferiori, ma percentualmente molto più significativi: nel Regno Unito nel 2001 più del 2% del commercio al dettaglio si è svolto via Internet, ma la grande differenza si ha nel commercio all ingrosso, realizzato per quasi il 6% on-line. In Svezia la percentuale di commercio all ingrosso svolto sul web ha raggiunto nel 2001 addirittura il 13,30%. Come si vede, in alcuni Stati il commercio elettronico non è più un fenomeno del tutto marginale e trascurabile. L Italia non arriva ai livelli del Nord Europa, anche se è forse il Paese dell Europa Meridionale in cui Internet ha raggiunto la più alta diffusione. Figura 1 15

16 Come risulta dalla Figura 1, in Italia solo il 20% della popolazione utilizza Internet (contro quasi il 70% in Svezia) e solo un esigua parte di essa effettua acquisti on-line. Le ragioni, secondo l OCSE, sono da imputarsi alla riluttanza dei consumatori ad usare il proprio numero di carta di credito per transazioni con partner sconosciuti, a timori legati a problematiche di trattamento di dati personali e privacy, all impossibilità di verificare la qualità al momento dell acquisto come nelle forme di commercio tradizionali 9. Il seguente grafico (Figura 2) mostra come l Italia, nonostante attraversi una fase ancora embrionale per quanto riguarda la diffusione del commercio elettronico, sia uno dei Paese europei con la maggior propensione al commercio su web al di fuori dei confini nazionali. Figura 2 9 OECD: The Latest Official Statistics on Electronic Commerce: a Focus on Consumers Internet Transactions, op. cit., pag

17 I soggetti coinvolti nelle operazioni di commercio elettronico Ai fini di una trattazione organica del fenomeno commercio elettronico e delle problematiche fiscali ad esso connesse, può essere utile avvalersi di uno schema esemplificativo come quello riportato qui sotto (Figura 3). Figura 3 Ogni cessione di beni o prestazione di servizi effettuata attraverso Internet coinvolge, direttamente o indirettamente, un elevato numero di soggetti. Innanzitutto occorre individuare un soggetto cliente, che abbia precedentemente stipulato un contratto 17

18 di fornitura di servizi Internet con un Internet Service Provider (ISP 1 cfr. Figura 3). Tali contratti prevedono solitamente un esborso monetario da parte del cliente, anche se in Italia sono particolarmente diffusi i contratti in base ai quali l accesso a Internet è offerto gratuitamente dagli ISP ai clienti privati, in cambio però del consenso al trattamento di alcuni dati personali a scopo pubblicitario. Ovviamente il cliente deve disporre di un personal computer, di un browser per la visualizzazione delle pagine web e di un sistema di collegamento che consenta l invio e la ricezione di dati dal proprio PC agli elaboratori dell ISP (ad esempio un modem su linea telefonica analogica, una linea ISDN o ADSL, un collegamento a fibre ottiche, ecc...). A loro volta gli ISP, per consentire ai propri clienti l accesso all intera rete Internet, stipulano appositi contratti con i Network Providers (o Gestori di Rete), identificabili con i fornitori di telecomunicazioni che, in virtù di accordi con gli altri operatori nazionali e stranieri, realizzano la piena integrazione della rete a livello mondiale. Come nelle forme di commercio tradizionale, è poi possibile individuare un soggetto fornitore, ovvero un imprenditore che vende i propri prodotti o presta i propri servizi attraverso un sito Internet. Per sito intendiamo un insieme di documenti contenenti testi, immagini e suoni, collegati tra loro grazie alla tecnologia degli ipertesti (cfr. 1.1). È interesse del fornitore che il proprio sito possa essere visitato dai potenziali clienti in qualunque momento della giornata: per questo motivo egli normalmente si affida ad un 18

19 ISP che, attraverso il particolare contratto di web site hosting 10, mette a sua disposizione parte della memoria dei propri servers per ospitare le pagine del sito e si impegna a renderle visibili a tutti i clienti che ne facciano richiesta. Ai titolari dei siti è consentito anche l accesso diretto ai servers, in modo da mantenere sempre aggiornati i termini dell offerta. Notiamo infine che l ISP del cliente e l ISP del fornitore frequentemente differiscono, specialmente nelle operazioni di commercio elettronico internazionale: ciò deriva dal fatto che ciascun soggetto collegato a Internet, sia esso un cliente o un fornitore, fa normalmente affidamento su un ISP collocato nel medesimo Stato 11. Secondo l orientamento di una certa parte della dottrina di diritto civile, è possibile inquadrare lo schema sin qui delineato nella teoria generale dei contratti 12. Ai sensi del Codice Civile del 42, il sito Internet può essere inteso come mezzo di comunicazione 10 Detto anche contratto di memorizzazione di informazioni. Cfr. art. 14 comma 1 della Direttiva 2000/31/CE del Parlamento Europeo sul Commercio Elettronico. 11 Infatti, dato che il collegamento tra ISP e utente avviene in genere su linea telefonica e a carico solo di quest ultimo, è senza dubbio preferibile rivolgersi ad un operatore collocato nel medesimo Stato, raggiungibile con tariffe telefoniche più contenute. 12 In questo senso B. Inzitari: Contratti via Internet: aspetti della dematerializzazione, in R. Rinaldi (a cura di): La fiscalità del commercio via Internet: attualità e prospettive, op. cit., pag In senso parzialmente differente G. Oppo: Disumanizzazione del contratto?, in Rivista di diritto civile, I, 1998, pag. 525; N. Irti: Scambi senza accordo, in Rivista trimestrale di diritto e procedura civile, 1998, pag

20 attraverso cui chi ha fatto una certa proposta (il nostro fornitore, titolare del sito) riceve conferma dell avvenuta accettazione dell altra parte (il nostro cliente navigatore) 13. Meno semplice, in mancanza di accordi internazionali specifici, è la determinazione della data e del luogo di formazione del consenso, che dipenderanno largamente dalla struttura interna data dal fornitore al proprio sito 14. Per quanto riguarda la prova della manifestazione del consenso delle parti, invece, la normativa italiana appare al passo coi tempi: infatti nel nostro ordinamento gli atti, dati e documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge 15. Sostanzialmente la trasmissione del documento informatico 13 Cfr. art comma 1 del Codice Civile (R.D. n 262 del 16 marzo 1942). 14 Un approfondimento può essere trovato in A. Parenti: Le peculiarità dei contratti telematici internazionali, in G. Sacerdoti G. Marino (a cura di): Il commercio elettronico. Profili giuridici e fiscali internazionali, EGEA, Milano, 2001, pag Si veda anche G. Corabi: Il commercio elettronico e la crisi della fiscalità internazionale, IPSOA, Milano, 2000, pag Si veda la Legge 15 marzo 1997 n 59, art.15 comma 2. Di fondamentale importanza sono anche il relativo regolamento D.P.R. 10 novembre 1997 n 513 (Regolamento contenente i criteri e le modalità per la formazione, l archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici) ed il successivo D.P.C.M. dell 8 febbraio 1999 (Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici). 20

21 equivale alla notifica per mezzo del servizio postale, se effettuata conformemente al D.P.R. 513/97, cioè attraverso l uso di un sistema riconosciuto di firma digitale 16. Il documento si intende inviato e pervenuto al destinatario se trasmesso all indirizzo elettronico da questo dichiarato e sarà opponibile ai terzi se adeguatamente firmato e conservato dal mittente. Cliente e fornitore generalmente affidano la gestione dei flussi finanziari generati dal commercio elettronico ad uno o più intermediari finanziari, che in gergo vengono detti PSP o Payment System Providers. Esistono diversi tipi di pagamento elettronico diffusi su Internet 17 : - Credit Card Orders: è il metodo più diffuso; consiste nella compilazione attraverso il sito Internet di un apposito modulo da parte del cliente, nel quale viene fornito il proprio numero di carta di credito. Il sistema è relativamente sicuro, poiché la trasmissione dei dati avviene in modo criptato; tuttavia bisogna considerare che questi comunque restano memorizzati negli elaboratori del venditore. In questo caso, come nel seguente, gli 16 Per firma digitale intendiamo un certificato rilasciato da un Autorità competente, che attesta l identità del soggetto che intende inviare un documento digitale. Possiamo dire con buona approssimazione che la Certification Authority svolge, su Internet, la funzione ordinaria del notaio nelle scritture private autenticate. In tal senso B. Inzitari: Contratti via Internet: aspetti della dematerializzazione, in R. Rinaldi (a cura di): La fiscalità del commercio via Internet: attualità e prospettive, op. cit., pag D. D Agostino: Evasione fiscale nel commercio elettronico: indagine Se.C.I.T., in Il Fisco n 33 dell 11 settembre 2000, pag

22 intermediari finanziari sono tipicamente due: la società emittente la carta di credito, che si occupa del pagamento immediato al fornitore, ed un istituto bancario in rapporto di valuta con essa. L istituto bancario, ovviamente, deve avere un rapporto di provvista con il cliente, ad esempio attraverso un contratto di conto corrente bancario (è il caso illustrato in Figura 3). - Telepay: è analogo al precedente, con la differenza che i dati della carta di credito sono criptati e decifrabili solo dalla società che gestisce il pagamento. - E-Chèque (o assegno elettronico): in questo caso il cliente invia un documento elettronico adeguatamente firmato, certificato da un Autorità di Certificazione ai sensi dell art. 8 del DPR 513/97, con il quale dispone movimenti di denaro dal proprio conto corrente bancario a quello del fornitore. - E-cash (o moneta elettronica): è il sistema delle cosiddette tessere pre-pagate, emesse da intermediari finanziari specializzati. Usate soprattutto per pagamenti molto piccoli, il loro valore si riduce ad ogni acquisto, fino ad esaurimento del credito. Le prime tre forme di pagamento elencate appartengono alla categoria dei sistemi di pagamento contabilizzati: ogni trasferimento di denaro coinvolge necessariamente almeno un intermediario indipendente che sia a conoscenza dei dettagli dell operazione. La quarta forma, invece, è più vicina alla categoria dei sistemi non contabilizzati, come il contante. Infatti, anche se si verifica l interposizione di un intermediario (l emittente della tessera pre- 22

23 pagata), questi non potrà in alcun modo risalire all identità del soggetto che ha fatto uso di moneta elettronica. Pertanto l E-cash è la forma di pagamento che garantisce il maggior grado di anonimità in rete. 2. Le diverse forme di commercio elettronico Per comprendere a fondo i caratteri innovativi e le problematiche fiscali originate dalla moderna tecnologia dell informazione, è necessario possedere alcune nozioni circa le diverse forme di commercio elettronico Reti chiuse e reti aperte Contrariamente a quanto comunemente si ritiene, la nascita del commercio elettronico è anteriore all avvento del World Wide Web. Presupposto tecnologico per la realizzazione di operazioni di commercio elettronico è, come sappiamo, la disponibilità di una rete di collegamento tra più elaboratori elettronici (v. par ). Da circa venti anni, in alcuni settori, esistono reti che collegano imprese in genere di medie o grandi dimensioni, permettendo l invio di ordini telematici, lo scambio di dati commerciali ed il 23

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Modulo 7: RETI INFORMATICHE

Modulo 7: RETI INFORMATICHE Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: RETI INFORMATICHE Il modulo 7 della Patente europea del computer si divide in due parti:

Dettagli

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali

E-commerce Aspetti giuridici e fiscali E-commerce Aspetti giuridici e fiscali Le principali problematiche legali e fiscali legate all e-commerce Milano 22 ottobre 2015 Dott. Beniamino Lo Presti www.avvghibellini.com www.studiovlp.it www.madv.eu

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Circolare N. 70 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 ottobre 2010 LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Per commercio elettronico diretto sono da intendersi le operazioni

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E-COMMERCE Cosa tratteremo: Intendiamoci sui termini Imposte dirette IVA INTENDIAMOCI SUI TERMINI Il commercio elettronico è un attività commerciale che

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Dottore di ricerca in Informatica giuridica e diritto dell informatica - Università di Milano Definizione Una casella

Dettagli

Conservazione elettronica della fatturapa

Conservazione elettronica della fatturapa Conservazione elettronica della fatturapa Tanti i dubbi legati agli adempimenti amministrativi e in Unico 2015. Lo scorso 31.03.2015 si è realizzato il definitivo passaggio dalla fattura cartacea a quella

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Questo vademecum ha lo scopo di riassumere i concetti relativi alla PEC. Per approfondimenti e verifiche, si rimanda alla legislazione vigente. 1 COS E ED A COSA SERVE PEC

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

IVA nel commercio elettronico

IVA nel commercio elettronico IVA nel commercio elettronico A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 21 novembre 2014 Commercio elettronico Il commercio elettronico consiste nello svolgimento di attività

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e della Comunicazione Direzione Generale Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali - Ufficio II - Protocollo DG RUERI/ 3998 /I.3.b

Dettagli

AL FISCO 7ATTENZIONE

AL FISCO 7ATTENZIONE 7ATTENZIONE AL FISCO 7 Attenzione al fisco... 117 7.1 Consegna a domicilio... 118 7.2 Consegna in Rete... 120 7.3 L IVA nelle vendite all estero... 122 ATTENZIONE AL FISCO 7 7. Attenzione al fisco Dal

Dettagli

Il commercio elettronico di prodotti digitali

Il commercio elettronico di prodotti digitali UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso Allegato al n. 1/2013 Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Approfondimento a

Dettagli

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale.

che, diversamente dalla raccomandata, nella ricevuta di avvenuta consegna sono presenti anche i contenuti del messaggio originale. Di seguito sono riportate le risposte relative a quesiti pervenuti circa i seguenti aspetti del servizio: caratteristiche generali; funzionamento; attivazione; gestori; Indice PA. 1. Introduzione Che cos'è?

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

Oggetto: FAQ fatturazione elettronica verso la pubblica amministrazione. Le risposte ai quesiti emersi durante la videoconferenza del 16 aprile 2015

Oggetto: FAQ fatturazione elettronica verso la pubblica amministrazione. Le risposte ai quesiti emersi durante la videoconferenza del 16 aprile 2015 Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale P.zza Armellini, 9/A 00162 Roma Tel. 06/44188461 Fax. 06/44249515 E-Mail: polfis@cna.it ISB in Europe 36-38 Rue

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/5 OGGETTO CONSERVAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE (DOCUMENTI INFORMATICI) CLASSIFICAZIONE DT IVA FATTURAZIONE ELETTRONICA 20.020.021 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 1 CO. 209-214 L. 24.12.2007 N. 244 (LEGGE

Dettagli

NORMATIVA SULLA PRIVACY

NORMATIVA SULLA PRIVACY NORMATIVA SULLA PRIVACY Il presente codice si applica a tutti i siti internet della società YOUR SECRET GARDEN che abbiano un indirizzo URL. Il documento deve intendersi come espressione dei criteri e

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

Copia per l Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Adesioni

Copia per l Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Adesioni SCHEDA DI ADESIONE Copia per l Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Adesioni SCHEDA N. OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO OBBLIGATORIA TOTALITARIA ai sensi degli articoli 102, 106,

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è un servizio di posta elettronica che garantisce un elevato grado di affidabilità e sicurezza. Esso consente al Cliente

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro. Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Il Codice dell Amministrazione Digitale Capo IV - Trasmissione

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

P.E.C. Posta Elettronica Certificata

P.E.C. Posta Elettronica Certificata P.E.C. Posta Elettronica Certificata Sei una Società, un Professionista o una Pubblica Amministrazione? Hai già attivato una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC)? Non ti sei ancora adeguato agli

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

La Posta Certificata per la trasmissione dei documenti informatici. renzo ullucci

La Posta Certificata per la trasmissione dei documenti informatici. renzo ullucci La Posta Certificata per la trasmissione dei documenti informatici renzo ullucci Contesto Il completamento dell apparato normativo e la concreta implementazione delle nuove tecnologie rendono più reale

Dettagli

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Oggetto: Decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2006, n. 286 - art. 1, commi

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza.

BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA. Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! Bancaria Editrice 2013 - Bozza. BONIFICO E RID LASCIANO IL POSTO AI NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO SEPA Sai cosa cambia? Informati, ti riguarda! logo 2 QUALI PAESI FANNO PARTE DELLA SEPA 3 La SEPA include 33 Paesi: 17 Paesi della UE che

Dettagli

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click»

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» di Salvatore Mattia (*) Per professionisti e imprese arriva finalmente la svolta nella gestione di fatture e raccomandate: entra

Dettagli

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE A cura di Servizio Fiscale e Area ICT Workshop Cesena, 23 marzo 2015 Workshop Forlì, 26 marzo 2015 FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PA L azienda

Dettagli

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013

Fiscal News N. 45. Invio dei beni in deposito extra - UE. La circolare di aggiornamento professionale 10.02.2014 R.M. 94/E/2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 10.02.2014 Invio dei beni in deposito extra - UE R.M. 94/E/2013 Categoria: IVA Sottocategoria: Operazioni extracomunitarie Con la R.M. 94/E/2013,

Dettagli

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica. RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Roma, 30 settembre 2003 Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Dettagli

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali;

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; Pesaro, lì 29 marzo 2013 CIRCOLARE n. 06/2013 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; 1 - LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE Le cessioni di beni intraue sono assoggettate

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Cedacri S.p.A. Sede legale: Via del Conventino n. 1 43044 Collecchio (Parma) C.F./Partita IVA e Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma: 00432960342 R.E.A.: 128475

Dettagli

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono creare, emettere, gestire, archiviare e conservare fatture

Dettagli

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO E RELATIVA EQUIPOLLENZA. I

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA

Dicembre 2015. Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Dicembre 2015 Lo scambio automatico di informazioni: profili applicativi della normativa FATCA Piero Bonarelli, Head of International Tax Affairs, Enrico Gaiani, Head of Tax Compliance, UniCredit SpA 1.

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

La conservazione sostitutiva dei documenti

La conservazione sostitutiva dei documenti Conservazione dei documenti 1/3 La conservazione sostitutiva dei documenti Corso di Informatica giuridica a.a. 2005-2006 I documenti degli archivi, le scritture contabili, la corrispondenza e gli atti,

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott.ssa Barbara Santucci 1 1. INTRODUZIONE La L. n 244/2007 e successive modificazioni ha istituito l obbligo di fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

Scheda di adesione SCHEDA N.

Scheda di adesione SCHEDA N. Scheda di adesione SCHEDA N. OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO OBBLIGATORIA ai sensi dell articolo 102 e 106, comma 1 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 avente ad oggetto n. 43.604.610 azioni ordinarie A.S.

Dettagli

Trovare lavoro nell Europa allargata

Trovare lavoro nell Europa allargata Trovare lavoro nell Europa allargata Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali CMI/Digital Vision Commissione europea 1 Dove posso cercare lavoro? La libera circolazione delle persone

Dettagli

BIANCO FIDUCIARIA E DI REVISIONE S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile

BIANCO FIDUCIARIA E DI REVISIONE S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile Milano, 23 novembre 2015 Oggetto: Servizi on line a consumatori privati finalmente niente più fattura e scontrini fiscali. - dal 2015 finalmente niente

Dettagli

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA 1) Normativa Le disposizioni della Legge finanziaria 2008 prevedono che l emissione, la trasmissione, la conservazione e l archiviazione delle fatture emesse nei rapporti

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE A

SCHEDA DI ADESIONE A SCHEDA DI ADESIONE A ALL OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO OBBLIGATORIA TOTALITARIA ai sensi degli articoli 106, comma 1-bis, e 109 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 (l Offerta Obbligatoria ) promossa da Marco

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2140

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2140 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2140 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PANIZZA e ZIN COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 NOVEMBRE 2015 Modifica al decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA La Fatturazione Elettronica verso la PA Il 6 giugno 2014 sarà una data importante in quanto entra in vigore il D.M. 55/2013 che ha stabilito le modalità attuative per fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

Spett. Intermediario Incaricato

Spett. Intermediario Incaricato Scheda di Adesione n. OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO OBBLIGATORIA ai sensi degli articoli 102, 106 e 109 del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 ( Offerta ) promossa da LEM S.P.A. ( Offerente ) su massime n.

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link

L utente generico può saltare da un punto all altro del documento o da un documento all altro seguendo i link WWW: World Wide Web Definizione di ipertesto Un Ipertesto è un documento che contiene al suo interno link (collegamenti) ad altri documenti o ad altre sezioni dello stesso documento. Le informazioni non

Dettagli

Adempimenti Fiscali e Normativi 2015

Adempimenti Fiscali e Normativi 2015 Adempimenti Fiscali e Normativi 2015 Il Decreto Legislativo n 175 del 21 Novembre 2014, detto anche Decreto Semplificazioni, pubblicato in Gazzetta Ufficiale e in vigore dal 13 Dicembre 2014, prevede una

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Circolare N. 155 del 26 Novembre 2014

Circolare N. 155 del 26 Novembre 2014 Circolare N. 155 del 26 Novembre 2014 Operatori dell e-commerce - partite dal 1 ottobre le registrazioni al mini sportello unico Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il Provvedimento

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda

Internet. Evoluzione della rete Come configurare una connessione. Internet: Storia e leggenda Internet Evoluzione della rete Come configurare una connessione Internet: Storia e leggenda La leggenda Un progetto finanziato dal Ministero della Difesa USA con lo scopo di realizzare una rete in grado

Dettagli

Intesa Spa Ottobre 2015

Intesa Spa Ottobre 2015 Intesa Spa Ottobre 2015 TRUSTED SIGN SOLUTIONS INDICE DEI CONTENUTI 3 4 5 6 7 12 13 14 15 16 INDUSTRY TREND & DYNAMIC ESIGENZE DI BUSINESS FOCUS SU AREE DI ATTIVITA NORMATIVA DI RIFERIMENTO OVERVIEW DELLA

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it Introduzione all uso di Internet Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it TIPI DI RETI ( dal punto di vista della loro estensione) Rete locale (LAN - Local Area Network): collega due o piu computer in

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Roma, 24 luglio 2014 LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Pubblichiamo di seguito un documento dell Agenzia per l Italia Digitale (AGID) che illustra le principali caratteristiche del passaggio alla fatturazione

Dettagli

Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica

Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica Le operazioni con la Pubblica Amministrazione e la fattura elettronica Al fine di attuare una semplificazione della fatturazione nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni la Finanziaria 2008 ha introdotto

Dettagli

Servizio Tesorerie Enti. Servizi on line FATTURAZIONE ELETTRONICA

Servizio Tesorerie Enti. Servizi on line FATTURAZIONE ELETTRONICA Servizio Tesorerie Enti Servizi on line FATTURAZIONE ELETTRONICA L introduzione, a norma di Legge, dell obbligatorietà della fatturazione in forma elettronica nei rapporti con le amministrazioni dello

Dettagli

L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere

L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere L INVIO TELEMATICO DELLE PRATICHE AL REGISTRO DELLE IMPRESE. Alcune riflessioni alla luce degli interventi del Ministero e di UnionCamere Di Claudio Venturi 1. Premessa Dopo molti rinvii e tante polemiche,

Dettagli

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità.

Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Allegato A: Regole tecniche per la gestione dell identità. Art. 1. Aventi diritto alle Credenziali-People 1. Per l accesso ai Servizi-People sviluppati

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono:

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono: Fattura elettronica: caratteristiche e vantaggi La legge per tutti.it Stefano Veltri Il recente decreto sviluppo ha modificato la disciplina sulla fattura elettronica, allo scopo di favorirne la diffusione.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli TENUTA E CONSERVAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI CON MODALITA INFORMATICHE Documento n. 27 del 24 ottobre 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223)

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli