UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI ECONOMIA TESI DI LAUREA LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI ECONOMIA TESI DI LAUREA LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI ECONOMIA TESI DI LAUREA LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE IL RELATORE Chiar.mo Prof. Gian Carlo Croxatto IL CANDIDATO Riccardo Gaziello ANNO ACCADEMICO

2 Sommario INTRODUZIONE. IL COMMERCIO ELETTRONICO CENNI STORICI SULLO SVILUPPO DELLE RETI INFORMATICHE E DEL COMMERCIO ELETTRONICO Alle origini della rete delle reti : da ARPANET al World Wide Web La struttura attuale di Internet Il modello client server L indirizzo IP I nomi di dominio e il Domain Name System (D.N.S.) La nascita e lo sviluppo del commercio elettronico Definizione di commercio elettronico I soggetti coinvolti nelle operazioni di commercio elettronico LE DIVERSE FORME DI COMMERCIO ELETTRONICO Reti chiuse e reti aperte Business To Business e Business To Consumer Commercio elettronico indiretto e diretto ASPETTI CARATTERISTICI DEI MERCATI VIRTUALI

3 LE IMPOSTE DIRETTE E IL COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE LE NORME DI DIRITTO TRIBUTARIO APPLICABILI IN MATERIA DI COMMERCIO ELETTRONICO INTERNAZIONALE Il ruolo degli organismi internazionali L APPLICABILITÀ DELLE NORME RELATIVE ALLA STABILE ORGANIZZAZIONE D IMPRESA ALLE ATTIVITÀ DI COMMERCIO ELETTRONICO ESERCITATE IN ITALIA DA SOGGETTI NON RESIDENTI Il problema della definizione di stabile organizzazione d impresa non residente Il dibattito dottrinale Il sito web Il server L Internet Services Provider Le opinioni espresse dall O.C.S.E. nelle recenti modifiche al Commentario dell art. 5 del Modello di Convenzione contro la doppia imposizione internazionale La determinazione del reddito prodotto attraverso una stabile organizzazione nell ambito delle attività commerciali esercitate via Internet

4 Problematiche relative all applicazione della disciplina sui prezzi di trasferimento (transfer pricing) I criteri alternativi di localizzazione del reddito Il criterio della residenza Criteri quantitativi La Bit Tax LA QUALIFICAZIONE DELLE OPERAZIONI DI COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO AI FINI DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Il diverso trattamento fiscale dei corrispettivi per cessione di beni o prestazione di servizi e dei compensi corrisposti per l utilizzazione di opere dell ingegno (royalties) La classificazione delle operazioni di commercio elettronico diretto in base alle indicazioni dell O.C.S.E. e della Commissione Europea BIBLIOGRAFIA

5 Introduzione. Il commercio elettronico. 1. Cenni storici sullo sviluppo delle reti informatiche e del commercio elettronico Alle origini della rete delle reti : da ARPANET al World Wide Web. Internet, la grande rete delle reti che oggi collega milioni di calcolatori sparsi in tutto il mondo, è il risultato di un processo evolutivo che affonda le proprie radici negli anni più bui della guerra fredda. Forse non tutti i navigatori dei nostri giorni sanno che l idea di realizzare una rete di computers priva di controllo centrale, in cui ogni nodo potesse comunicare con gli altri anche a notevolissime distanze e senza il continuo controllo di personale umano, scaturì in seno al Ministero della Difesa statunitense in seguito all esigenza di garantire un livello minimo di comunicazione in caso di guerra nucleare. Nel 1964 Paul Baran propose il modello architettonico della nuova rete, in grado di funzionare anche in caso di parziale danneggiamento grazie alla sua struttura decentrata, e cinque anni più tardi vide la luce la Advanced Research Projects Agency Network, meglio nota come ARPANET, la progenitrice di Internet, che collegava quattro calcolatori situati presso installazioni militari e prestigiose università. Nel giro di tre anni il numero dei computers connessi superò le trenta unità: alle esigenze strategiche del governo statunitense si affiancò l entusiasmo della comunità scientifica americana, che intuì quasi subito le potenzialità della 5

6 rete soprattutto in relazione allo scambio di informazioni tra laboratori e gruppi di ricerca tra loro molto lontani. Ma, come ben sappiamo, il futuro della rete riservava queste e altre applicazioni. Il primo passo verso una rete virtuale su scala mondiale fu compiuto nel 1974, quando Vinton Cerf e Bob Kahn svilupparono il protocollo TCP (Transfer Control Protocol) che dall inizio degli anni 80 è il protocollo standard per le comunicazioni in rete (sotto il nome di TCP/IP, dove IP sta per Internet Protocol ), cioè il linguaggio attraverso cui calcolatori anche molto diversi tra loro sono in grado di scambiarsi dati e informazioni. Verso la fine degli anni 80, ARPANET aveva raggiunto dimensioni e finalità talmente divergenti dal progetto originario che gli addetti ai lavori cominciarono a chiamare la nuova rete semplicemente Internet. All epoca Internet aveva ormai oltrepassato i confini statunitensi raggiungendo le principali università europee: negli stessi anni, Tim Barners Lee, del CERN di Ginevra, concepì l idea del World Wide Web (WWW), la ragnatela mondiale come oggi la conosciamo. In realtà, però, all epoca solo un ristretto numero di persone altamente qualificate era in grado di fruire delle possibilità offerte da questa nuova tecnologia. Il passo decisivo comunque non si fece attendere molto: nel 1992 fu pubblicato l HTML (Hyper-Texts Mark-up Language), il primo linguaggio di programmazione attraverso cui realizzare amichevoli interfacce uomo-macchina, le cosiddette pagine web, basate sull innovativo concetto di ipertesto, cioè di un testo che attraverso comodi collegamenti (links) rimanda ad altri testi e così via senza soluzione di continuità. L espressione navigare in Internet si riferisce metaforicamente proprio al 6

7 percorso non lineare, difficilmente prevedibile, che l utente di Internet segue nelle proprie ricerche La struttura attuale di Internet Il modello client server La struttura alla base di quasi tutte le comunicazioni via Internet è il modello client server. Per client intendiamo un programma che, in seguito ad un comando impartito dall utente, formula una richiesta di informazioni nei confronti di un server, che è un computer programmato per rispondere automaticamente a determinati tipi di domande. Esempi classici di clients sono il browser, che è il programma usato per sfogliare le pagine ipertestuali del World Wide Web, e tutti i programmi adoperati per ricevere ed inviare i messaggi di posta elettronica. In estrema sintesi, attraverso un comando impartito sul proprio PC, un utente è in grado di collegarsi, anche inconsapevolmente, a server posti in qualunque parte del globo, e tali server risponderanno in maniera automatica alle richieste dell utente veicolate dalla rete, indipendentemente dalla distanza che separa client e server. Spesso Internet è definito come rete delle reti. Tale espressione sottolinea una caratteristica tecnica del sistema di cui è utile tener conto: Internet altro non è che una rete che collega altre reti, dette anche sottoreti, o reti locali LAN (Local Area Network). Le sottoreti a loro volta collegano tra loro i calcolatori di 7

8 un università, di un ente statale, di una grande azienda, di un gruppo di clienti di uno stesso fornitore di accesso a Internet e così via. Ne discende che, almeno ai fini che a noi interessano, nessun soggetto è oggi in grado di collegarsi a Internet senza passare attraverso una rete locale, che ha sempre una precisa collocazione territoriale. È noto, infatti, che qualunque soggetto che intenda accedere a Internet deve necessariamente stipulare un contratto di fornitura di servizi Internet con un ISP (Internet Services Provider) oppure, se si tratta di un ente o di una grande azienda, potrebbe in ultima analisi approntare un proprio ISP attraverso cui veicolare il traffico da e verso i calcolatori delle altre sottoreti collegate a Internet. Ciò che ora ci preme puntualizzare è il fatto che gli Internet Services Providers sono gli intermediari di ogni comunicazione via Internet e sono organizzazioni di cui è sempre nota la collocazione territoriale L indirizzo IP Ad ogni computer presente su Internet in un determinato momento è associato un numero identificativo, detto indirizzo IP, che è univoco per ogni macchina collegata. Se così non fosse, non sarebbe possibile per i clients trovare l esatta collocazione dei servers a cui l utente intende collegarsi; analogamente i servers non sarebbero in grado di indirizzare le informazioni in essi contenute ai clients che ne hanno fatto richiesta. Gli ISP assegnano indirizzi IP fissi ed invariabili ai server che contengono le pagine HTML dei siti web, in modo da garantire la visibilità di tali siti 24 ore su 24. 8

9 Invece, per ragioni eminentemente pratiche, assegnano agli utenti che si collegano alla rete saltuariamente degli indirizzi IP dinamici, che variano ad ogni collegamento. In sostanza, gli ISP detengono l esclusiva di un certo numero di indirizzi IP e li noleggiano ai propri clienti: poiché non tutti i clienti sono collegati ad Internet contemporaneamente, risulta conveniente per l ISP riservarsi un numero di indirizzi inferiore a quello dei clienti ed assegnarli dinamicamente a seconda del numero di clienti che richiedono, in un dato istante, la connessione a Internet. Tuttavia, di regola gli ISP mantengono l elenco delle corrispondenze tra clienti ed indirizzi IP loro assegnati, in modo da cautelarsi in caso di abusi da parte degli stessi 1. Quindi, almeno in linea teorica, è possibile risalire all esatta collocazione di un computer attraverso cui è stato effettuato un collegamento a Internet, grazie ad un attenta ricerca negli archivi degli ISP. Più problematica risulta invece l individuazione dell identità della persona fisica che ha originato la connessione, dato che l ISP non è tenuto, almeno attualmente, alla verifica della 1 Si veda a tal proposito la Sezione 4 della recente Direttiva 2000/31/CE del Parlamento Europeo sul Commercio Elettronico, relativa alle responsabilità dei prestatori intermediari e in particolare il secondo comma dell art.15, secondo cui gli Stati membri possono stabilire che i prestatori di servizi della società dell informazione siano tenuti [...] a comunicare alle autorità competenti, a loro richiesta, informazioni che consentano l individuazione dei destinatari dei loro servizi. La direttiva non è ancora stata ratificata dal nostro ordinamento, ma il Governo ha ricevuto delega in materia con la Legge 1 Marzo 2002 n 39 (art. 31). 9

10 veridicità dei dati comunicati dal cliente al momento della stipula del contratto I nomi di dominio e il Domain Name System (D.N.S.) Abbiamo visto come gli ISP assegnino indirizzi IP fissi ai server che ospitano le pagine dei siti web, in modo da garantirne la visibilità 24 ore su 24. Tuttavia l indirizzo IP, consistente in una quaterna di numeri compresi tra 0 e 255 (es ), risulta estremamente scomodo da ricordare per un utente normale. È per questo motivo che, sin dagli albori di Internet, è stato introdotto il sistema dei nomi di dominio (DNS o Domain Name System). In estrema sintesi, tale sistema consente di associare ad un dato indirizzo IP un certo nome, che normalmente presenta una sintassi del tipo dove cc sta per country code, ovvero il codice identificativo di un determinato Stato (es.:.it per l Italia,.fr per la Francia,.de per la Germania, ecc...). Sono frequenti anche le sintassi e che non forniscono indicazioni di tipo geografico ma relative all area di interesse del sito (.com indica il sito di un organizzazione commerciale,.org di un organizzazione generica non commerciale, ecc...). Per assicurare il funzionamento dell intera rete Internet, esistono alcune organizzazioni non profit, finanziate dagli ISP di tutto il mondo, che si occupano di mantenere aggiornati gli elenchi delle corrispondenze tra indirizzi IP e nomi di dominio: ogni volta che digitiamo l indirizzo Internet di un qualunque sito, il nostro 10

11 browser innanzitutto si collega al server DNS di una di tali organizzazioni, ottenendo come risposta la quaterna di numeri dell indirizzo IP del sito che ci interessa 2. Procedendo alla registrazione di un nome di dominio presso una cosiddetta Registration Authority, è possibile assicurarsi, per un periodo di tempo limitato, l uso esclusivo di tale nome di dominio, godendo di una tutela simile a quella prevista per i marchi 3. I soggetti che possono richiedere la registrazione presso lo IAT (www.nic.it), la Registration Authority italiana responsabile dell assegnazione degli indirizzi del tipo.it, sono tutti gli enti statali e non, le società di qualsiasi tipo e le imprese individuali regolarmente iscritte al Registro delle Imprese, i liberi professionisti dotati di partita IVA e le associazioni di ogni tipo, purché la loro esistenza sia dimostrabile esibendo l atto costitutivo. In questo caso, quindi, la Registration Authority italiana è tenuta ad eseguire una serie di controlli sull identità del soggetto che richiede 2 Le organizzazioni incaricate a livello mondiale del servizio DNS sono: - il RIPE/NCC (Reseaux IP Européenne Network Coordination Centre) per l area europea, africana e del Medio Oriente; - l ARIN (American Registry for Internet Numbers) per il Nord America e l America Latina; - l APNIC (Asian Pacific Network Information Centre) per l Estremo Oriente. 3 Per una puntuale disamina sui rapporti tra tutela del marchio e nomi di dominio si rimanda a A.Fodella: I diritti di proprietà intellettuale e la tutela dei marchi, in G.Sacerdoti G.Marino (a cura di): Il commercio elettronico. Profili giuridici e fiscali internazionali, EGEA, Milano, 2001, pag

12 la registrazione. Purtroppo non tutti gli Stati adottano sistemi così rigorosi nell assegnazione dei nomi di dominio, quindi è possibile, per un operatore italiano, ad esempio, registrare il proprio sito con nomi di dominio diversi da quelli del tipo.it occultando, del tutto o in parte, la propria identità. Per ora possiamo concludere che, almeno in linea teorica, dietro ad ogni nome di dominio, cioè in definitiva dietro ad ogni indirizzo Internet, c è sempre un operazione di registrazione presso un autorità centrale che conserva le generalità del soggetto titolare del sito Internet, compreso l indirizzo fisico dello stesso. Pertanto sarà sempre rintracciabile un elemento di collegamento tra il territorio in cui questi risiede e nome di dominio del suo sito Internet La nascita e lo sviluppo del commercio elettronico. Uno degli aspetti più innovativi di Internet e delle reti di calcolatori in generale è senza dubbio il commercio elettronico. Con l avvento delle nuove tecnologie, esso si è affiancato alle forme di commercio tradizionali, modificando i concetti di spazio e di tempo che hanno caratterizzato secoli di relazioni commerciali. 4 A questa conclusione giunge L.Sorini in Aspetti della localizzazione geografica di un Dominio, in Rinaldi R. (a cura di): La fiscalità del commercio via Internet: attualità e prospettive, G.Giappichelli Editore, Torino, 2001, pag

13 Definizione di commercio elettronico Numerose sono le definizioni di commercio elettronico elaborate in questi anni da organismi internazionali e studiosi della materia. Forse la prima descrizione rilevante del fenomeno è quella data dall OCSE nel 1997: Il commercio elettronico si riferisce a tutte le operazioni relative ad attività commerciali, che includono organizzazioni ed individui, basate sulla trasformazione e trasmissione di dati digitali, che includono testi, suoni e immagini 5. Nello stesso anno la Commissione Europea ampliò così la definizione: Il commercio elettronico riguarda le attività commerciali effettuate per via elettronica. Si basa sulla trasformazione e trasmissione di dati che includono testi, suoni e immagini. Riguarda molteplici attività, fra cui lo scambio di merci e servizi, la consegna on-line di contenuto digitale, i trasferimenti elettronici di fondi, lo scambio di azioni, le bolle di accompagnamento elettroniche, le aste elettroniche, il design e l ingegneria di gruppo, il sourcing on-line, la procura pubblica, il marketing diretto, i servizi di post vendita. Include sia prodotti (prodotti di consumo, attrezzature mediche specializzate) che servizi (servizi di informazione, servizi finanziari e legali); attività tradizionali (sanità e istruzione) e attività virtuali (i centri commerciali virtuali o virtual malls) 6. In maniera molto più 5 OECD: Electronic Commerce: Opportunities and Challenges for Governments (The Sacher Report), OECD, Paris, COMMISSION FOR THE EUROPEAN COMMUNITIES: A European Initiative in Electronic Commerce: Communication from the Commission to 13

14 sintetica, ma non meno efficace, lo European Information Technology Observatory definisce il commercio elettronico come l esecuzione di attività che portano ad uno scambio di valore attraverso le reti delle telecomunicazioni 7. Ma queste pur pregevoli definizioni vengono perfezionate o superate quasi ogni giorno, a testimonianza del fatto che il fenomeno commercio elettronico si è sviluppato in tempi brevissimi ed è tuttora in espansione, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. Attualmente i volumi degli scambi riconducibili ad operazioni on-line sono ancora decisamente modesti, ma la rapidità di crescita del settore e le potenzialità insite nelle nuove tecnologie hanno mobilitato da almeno cinque anni le amministrazioni statali di tutti i Paesi industrializzati e dei principali organismi internazionali (OCSE, UE, WTO, ecc...). Secondo le stime ufficiali pubblicate nel marzo 2002 dall OCSE 8, il fatturato delle imprese statunitensi relativo alle vendite al dettaglio effettuate via Internet è passato da circa 5,2 miliardi di dollari americani nell ultimo trimestre del 99, a più di 27 miliardi nel primo trimestre del 2001, sfiorando l 1% del the Council, the European Parliament, the Economic and Social Committee and the Committee of the Regions, Office for Official Publications of the EC, Lussemburgo, 1997, COM(1997), G. Corabi: Il commercio elettronico e la crisi della fiscalità internazionale, IPSOA, Milano, 2000, pag OECD: The Latest Official Statistics on Electronic Commerce: a Focus on Consumers Internet Transactions, OECD, Paris, ultimo aggiornamento: 22/03/

15 fatturato annuale totale del settore del commercio al dettaglio. I Paesi del Nord dell Europa presentano volumi assoluti inferiori, ma percentualmente molto più significativi: nel Regno Unito nel 2001 più del 2% del commercio al dettaglio si è svolto via Internet, ma la grande differenza si ha nel commercio all ingrosso, realizzato per quasi il 6% on-line. In Svezia la percentuale di commercio all ingrosso svolto sul web ha raggiunto nel 2001 addirittura il 13,30%. Come si vede, in alcuni Stati il commercio elettronico non è più un fenomeno del tutto marginale e trascurabile. L Italia non arriva ai livelli del Nord Europa, anche se è forse il Paese dell Europa Meridionale in cui Internet ha raggiunto la più alta diffusione. Figura 1 15

16 Come risulta dalla Figura 1, in Italia solo il 20% della popolazione utilizza Internet (contro quasi il 70% in Svezia) e solo un esigua parte di essa effettua acquisti on-line. Le ragioni, secondo l OCSE, sono da imputarsi alla riluttanza dei consumatori ad usare il proprio numero di carta di credito per transazioni con partner sconosciuti, a timori legati a problematiche di trattamento di dati personali e privacy, all impossibilità di verificare la qualità al momento dell acquisto come nelle forme di commercio tradizionali 9. Il seguente grafico (Figura 2) mostra come l Italia, nonostante attraversi una fase ancora embrionale per quanto riguarda la diffusione del commercio elettronico, sia uno dei Paese europei con la maggior propensione al commercio su web al di fuori dei confini nazionali. Figura 2 9 OECD: The Latest Official Statistics on Electronic Commerce: a Focus on Consumers Internet Transactions, op. cit., pag

17 I soggetti coinvolti nelle operazioni di commercio elettronico Ai fini di una trattazione organica del fenomeno commercio elettronico e delle problematiche fiscali ad esso connesse, può essere utile avvalersi di uno schema esemplificativo come quello riportato qui sotto (Figura 3). Figura 3 Ogni cessione di beni o prestazione di servizi effettuata attraverso Internet coinvolge, direttamente o indirettamente, un elevato numero di soggetti. Innanzitutto occorre individuare un soggetto cliente, che abbia precedentemente stipulato un contratto 17

18 di fornitura di servizi Internet con un Internet Service Provider (ISP 1 cfr. Figura 3). Tali contratti prevedono solitamente un esborso monetario da parte del cliente, anche se in Italia sono particolarmente diffusi i contratti in base ai quali l accesso a Internet è offerto gratuitamente dagli ISP ai clienti privati, in cambio però del consenso al trattamento di alcuni dati personali a scopo pubblicitario. Ovviamente il cliente deve disporre di un personal computer, di un browser per la visualizzazione delle pagine web e di un sistema di collegamento che consenta l invio e la ricezione di dati dal proprio PC agli elaboratori dell ISP (ad esempio un modem su linea telefonica analogica, una linea ISDN o ADSL, un collegamento a fibre ottiche, ecc...). A loro volta gli ISP, per consentire ai propri clienti l accesso all intera rete Internet, stipulano appositi contratti con i Network Providers (o Gestori di Rete), identificabili con i fornitori di telecomunicazioni che, in virtù di accordi con gli altri operatori nazionali e stranieri, realizzano la piena integrazione della rete a livello mondiale. Come nelle forme di commercio tradizionale, è poi possibile individuare un soggetto fornitore, ovvero un imprenditore che vende i propri prodotti o presta i propri servizi attraverso un sito Internet. Per sito intendiamo un insieme di documenti contenenti testi, immagini e suoni, collegati tra loro grazie alla tecnologia degli ipertesti (cfr. 1.1). È interesse del fornitore che il proprio sito possa essere visitato dai potenziali clienti in qualunque momento della giornata: per questo motivo egli normalmente si affida ad un 18

19 ISP che, attraverso il particolare contratto di web site hosting 10, mette a sua disposizione parte della memoria dei propri servers per ospitare le pagine del sito e si impegna a renderle visibili a tutti i clienti che ne facciano richiesta. Ai titolari dei siti è consentito anche l accesso diretto ai servers, in modo da mantenere sempre aggiornati i termini dell offerta. Notiamo infine che l ISP del cliente e l ISP del fornitore frequentemente differiscono, specialmente nelle operazioni di commercio elettronico internazionale: ciò deriva dal fatto che ciascun soggetto collegato a Internet, sia esso un cliente o un fornitore, fa normalmente affidamento su un ISP collocato nel medesimo Stato 11. Secondo l orientamento di una certa parte della dottrina di diritto civile, è possibile inquadrare lo schema sin qui delineato nella teoria generale dei contratti 12. Ai sensi del Codice Civile del 42, il sito Internet può essere inteso come mezzo di comunicazione 10 Detto anche contratto di memorizzazione di informazioni. Cfr. art. 14 comma 1 della Direttiva 2000/31/CE del Parlamento Europeo sul Commercio Elettronico. 11 Infatti, dato che il collegamento tra ISP e utente avviene in genere su linea telefonica e a carico solo di quest ultimo, è senza dubbio preferibile rivolgersi ad un operatore collocato nel medesimo Stato, raggiungibile con tariffe telefoniche più contenute. 12 In questo senso B. Inzitari: Contratti via Internet: aspetti della dematerializzazione, in R. Rinaldi (a cura di): La fiscalità del commercio via Internet: attualità e prospettive, op. cit., pag In senso parzialmente differente G. Oppo: Disumanizzazione del contratto?, in Rivista di diritto civile, I, 1998, pag. 525; N. Irti: Scambi senza accordo, in Rivista trimestrale di diritto e procedura civile, 1998, pag

20 attraverso cui chi ha fatto una certa proposta (il nostro fornitore, titolare del sito) riceve conferma dell avvenuta accettazione dell altra parte (il nostro cliente navigatore) 13. Meno semplice, in mancanza di accordi internazionali specifici, è la determinazione della data e del luogo di formazione del consenso, che dipenderanno largamente dalla struttura interna data dal fornitore al proprio sito 14. Per quanto riguarda la prova della manifestazione del consenso delle parti, invece, la normativa italiana appare al passo coi tempi: infatti nel nostro ordinamento gli atti, dati e documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge 15. Sostanzialmente la trasmissione del documento informatico 13 Cfr. art comma 1 del Codice Civile (R.D. n 262 del 16 marzo 1942). 14 Un approfondimento può essere trovato in A. Parenti: Le peculiarità dei contratti telematici internazionali, in G. Sacerdoti G. Marino (a cura di): Il commercio elettronico. Profili giuridici e fiscali internazionali, EGEA, Milano, 2001, pag Si veda anche G. Corabi: Il commercio elettronico e la crisi della fiscalità internazionale, IPSOA, Milano, 2000, pag Si veda la Legge 15 marzo 1997 n 59, art.15 comma 2. Di fondamentale importanza sono anche il relativo regolamento D.P.R. 10 novembre 1997 n 513 (Regolamento contenente i criteri e le modalità per la formazione, l archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici) ed il successivo D.P.C.M. dell 8 febbraio 1999 (Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici). 20

21 equivale alla notifica per mezzo del servizio postale, se effettuata conformemente al D.P.R. 513/97, cioè attraverso l uso di un sistema riconosciuto di firma digitale 16. Il documento si intende inviato e pervenuto al destinatario se trasmesso all indirizzo elettronico da questo dichiarato e sarà opponibile ai terzi se adeguatamente firmato e conservato dal mittente. Cliente e fornitore generalmente affidano la gestione dei flussi finanziari generati dal commercio elettronico ad uno o più intermediari finanziari, che in gergo vengono detti PSP o Payment System Providers. Esistono diversi tipi di pagamento elettronico diffusi su Internet 17 : - Credit Card Orders: è il metodo più diffuso; consiste nella compilazione attraverso il sito Internet di un apposito modulo da parte del cliente, nel quale viene fornito il proprio numero di carta di credito. Il sistema è relativamente sicuro, poiché la trasmissione dei dati avviene in modo criptato; tuttavia bisogna considerare che questi comunque restano memorizzati negli elaboratori del venditore. In questo caso, come nel seguente, gli 16 Per firma digitale intendiamo un certificato rilasciato da un Autorità competente, che attesta l identità del soggetto che intende inviare un documento digitale. Possiamo dire con buona approssimazione che la Certification Authority svolge, su Internet, la funzione ordinaria del notaio nelle scritture private autenticate. In tal senso B. Inzitari: Contratti via Internet: aspetti della dematerializzazione, in R. Rinaldi (a cura di): La fiscalità del commercio via Internet: attualità e prospettive, op. cit., pag D. D Agostino: Evasione fiscale nel commercio elettronico: indagine Se.C.I.T., in Il Fisco n 33 dell 11 settembre 2000, pag

22 intermediari finanziari sono tipicamente due: la società emittente la carta di credito, che si occupa del pagamento immediato al fornitore, ed un istituto bancario in rapporto di valuta con essa. L istituto bancario, ovviamente, deve avere un rapporto di provvista con il cliente, ad esempio attraverso un contratto di conto corrente bancario (è il caso illustrato in Figura 3). - Telepay: è analogo al precedente, con la differenza che i dati della carta di credito sono criptati e decifrabili solo dalla società che gestisce il pagamento. - E-Chèque (o assegno elettronico): in questo caso il cliente invia un documento elettronico adeguatamente firmato, certificato da un Autorità di Certificazione ai sensi dell art. 8 del DPR 513/97, con il quale dispone movimenti di denaro dal proprio conto corrente bancario a quello del fornitore. - E-cash (o moneta elettronica): è il sistema delle cosiddette tessere pre-pagate, emesse da intermediari finanziari specializzati. Usate soprattutto per pagamenti molto piccoli, il loro valore si riduce ad ogni acquisto, fino ad esaurimento del credito. Le prime tre forme di pagamento elencate appartengono alla categoria dei sistemi di pagamento contabilizzati: ogni trasferimento di denaro coinvolge necessariamente almeno un intermediario indipendente che sia a conoscenza dei dettagli dell operazione. La quarta forma, invece, è più vicina alla categoria dei sistemi non contabilizzati, come il contante. Infatti, anche se si verifica l interposizione di un intermediario (l emittente della tessera pre- 22

23 pagata), questi non potrà in alcun modo risalire all identità del soggetto che ha fatto uso di moneta elettronica. Pertanto l E-cash è la forma di pagamento che garantisce il maggior grado di anonimità in rete. 2. Le diverse forme di commercio elettronico Per comprendere a fondo i caratteri innovativi e le problematiche fiscali originate dalla moderna tecnologia dell informazione, è necessario possedere alcune nozioni circa le diverse forme di commercio elettronico Reti chiuse e reti aperte Contrariamente a quanto comunemente si ritiene, la nascita del commercio elettronico è anteriore all avvento del World Wide Web. Presupposto tecnologico per la realizzazione di operazioni di commercio elettronico è, come sappiamo, la disponibilità di una rete di collegamento tra più elaboratori elettronici (v. par ). Da circa venti anni, in alcuni settori, esistono reti che collegano imprese in genere di medie o grandi dimensioni, permettendo l invio di ordini telematici, lo scambio di dati commerciali ed il 23

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli