PIENO SOSTEGNO AGLI IMPEGNI DEI MINISTRI SU IMU, PAC, OGM E SEMPLIFICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIENO SOSTEGNO AGLI IMPEGNI DEI MINISTRI SU IMU, PAC, OGM E SEMPLIFICAZIONE"

Transcript

1 NOTIZIARIO DELLA RETE DEI PUNTI IN VENDITA DIRETTA Anno IV - N 26 - GIUGNO-LUGLIO IL PRESIDENTE MARINI Iscritto al n.19 del 27/01/ Registro Nazionale della Stampa del tribunale di Roma PIENO SOSTEGNO AGLI IMPEGNI DEI MINISTRI SU IMU, PAC, OGM E SEMPLIFICAZIONE ANNO IV - N 21 - GENNAIO 1

2 Valle d'aosta Erik Verraz Piemonte Maria Chiara Bellino Lombardia Francesco Goffredo Veneto Luca Motta Trentino A.A. Barbara Battistello Friuli V. G. Vanessa Orlando Liguria Ester Perri E.Romagna Elisabetta Montesissa Toscana Simon Querci Umbria Silvia Zoppitelli 2 Presidente Sergio Marini Direttore Generale Toni De Amicis Coordinatori regionali Contatti Via Nazionale 89/a Roma (Italy) Tel IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA Iscritto al n. 19 del 27/01/2010 Registro Nazionale della Stampa del Tribunale di Roma Editore e proprietario Fondazione Campagna Amica Direttore Responsabile Paolo Falcioni Coordinamento editoriale Massimiliano Paoloni Raffaella Cantagalli Marche Giordano Avenali Lazio Maurizio Ortolani Abruzzo Mauro Pasquale Del Ponte Molise Antonio Verratti Campania Alessandra Nobilione Basilicata Lino Sivolella Puglia Teresa Depetro Calabria Pietro Sirianni Sicilia Calogero Fasulo Sardegna Andrea Delogu Redazione Silvia Bosco, Domenico Buono, Fabio Cagnetti, Ermanno Coppola, Pamela De Pasquale, Michele Errico, Marina Faraone, Alessandra Gioggi, Carlo Hausmann, Pietro Hausmann, Paola Mandrici, Rolando Manfredini, Stefano Masini,Claudia Migliardi, Sara Paraluppi, Daniele Taffon, Carmelo Troccoli Indagini a cura dell istituto ricerche SWG S.r.l. sede legale via S.Francesco Trieste Tel Stampa: Digitalia Lab, via G. Peroni, 131 Roma Impaginazione: Matteo Brogi (Studio Polpo) Questo notiziario viene inviato gratuitamente a tutti gli aderenti alla rete dei Punti di Campagna Amica. È consentita la riproduzione totale o parziale degli articoli, purchè venga citata la fonte Prima di gettare questo notiziario nella raccolta della carta, dallo a un amico interessato a conoscerci In copertina: il giovane Patrizio Nicolai, allevatore e gestore della bottega di Tuscania (Vt) Fondazione Campagna Amica e Digitalia Lab adottano FILIERA SOMMARIO PRIMO PIANO - Sergio Marini "Pieno sostegno agli impegni dei Ministri su Imu, Pac, Ogm e Semplificazione" FONDAZIONE - Redazione In al Palalottomatica È questa l'italia che vogliamo IL MERCATO DEL MESE - Alessandra Gioggi Per Campagna Amica, l estate fa rima con... mercati LA BOTTEGA DEL MESE - Claudia Migliardi Alla bottega di Tuscania la spesa va dall orto fino al piatto LA FATTORIA DEL MESE - Marina Faraone Il vialone nano a New York con la risotteria Melotti CAMPAGNA AMICA NEL PIATTO - Ester Perri Al "Flauto magico" i bambini crescono con Campagna Amica ORTI URBANI - Daniele Taffon Orti in affitto, un opportunità per le imprese di Campagna Amica CONSIGLI PER LA VENDITA - Claudia Migliardi Le promozioni intelligenti in negozio FONDAZIONE - Francesca Santerini Campagna Amica va in goal con i giovani del Bologna Calcio FONDAZIONE - Raffaella Cantagalli Campagna Amica ti aiuta a disegnare la tua bottega SICUREZZA ALIMENTARE - Corrado Finardi Miele made in Italy, ecco cosa va in etichetta FONDAZIONE - Pietro Hausmann La pesca di Campagna Amica per rilanciare l ittico italiano Il decreto del fare taglia l accisa sul gasolio da serra CONSIGLI ALIMENTARI - Giorgio Calabrese Affronta l'estate con Campagna Amica La dieta per il caldo AGRICOLTURA CIVICA - Angela Galasso Agricoltura civica e sociale a Torino per fare la propria parte LETTO PER VOI - Stefano Masini Il "Cibo criminale" che minaccia la spesa e il made in Italy COLTA - Toni De Amicis Per che cosa lottiamo: i valori alla base di Campagna Amica IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA

3 Sergio Marini - PRIMO PIANO Il presidente Sergio Marini Premiare gli agricoltori attivi ovvero quelli che vivono di agricoltura MARINI: PIENO SOSTEGNO AGLI IMPEGNI DEI MINISTRI SU IMU, PAC, OGM E SEMPLIFICAZIONE Dagli esponenti del Governo ok alle richieste su aspetti fondamentali per l agricoltura italiana, dalla Politica agricola alla burocrazia. Firmato il decreto per la clausola di salvaguardia Gli impegni presi dal Ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo nel patto per l agricoltura davanti ai 15mila agricoltori presenti all Assemblea della Coldiretti trovano il nostro pieno sostegno, perché li reputiamo fondamentali per l agricoltura italiana. È quanto ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini al termine dell appuntamento del Palalottomatica. Dire no agli Ogm in Italia per valorizzare la biodiversità - ha sottolineato - è stata una tesi sostenuta da tutti e tre i ministri interessati alla firma della clausola di salvaguardia: la De Girolamo stessa, Beatrice Lorenzin (Salute) e Andrea Orlando (Ambiente). Non a caso le posizioni ribadite all Assemblea Coldiretti hanno portato alla successiva approvazione in Consiglio dei Ministri del decreto interministeriale che vieta nel territorio nazionale, a salvaguardia della diversità biologica, la coltivazione di varietà di mais MON810, provenienti da sementi geneticamente modificate. STOP A IMU RICONOSCE RUOLO AMBIENTALE L abolizione dell Imu agricola rappresenta ha continuato Marini un vero riconoscimento del ruolo ambientale, sociale e culturale del nostro settore agricolo, il riconoscimento di quei beni comuni che l agricoltura produce e che nessuno paga, il riconoscimento di beni strumentali che nulla hanno a che vedere con una tassa che dovrebbe intaccare i patrimoni. La semplificazione della burocrazia nel comparto sostenuta anche dal Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato e della Salute Beatrice Lorenzin è ha precisato Marini una priorità perché troppo spesso siamo abituati a semplificazioni e poi a semplificazioni delle semplificazioni che portano infine a delle complicazioni ingestibili. PORTARE NEL MONDO L ITALIA VERA Premiare gli agricoltori attivi ovvero quelli che vivono di agricoltura dopo il bel lavoro fatto dal Parlamento europeo e dal Presidente della Commissione agricoltura Paolo De Castro diventa oggi una possibilità degli Stati membri e - ha affermato Marini - non possiamo perdere questa occasione. L internazionalizzazione vuol dire portare nel mondo l Italia ma un Italia vera al 100 per 100 e a tal riguardo apprezziamo l incoraggiamento del Ministro Zanonato che ha evidenziato che l'agricoltura è un settore della nostra attività economica che funziona meglio in questo momento e crea occupazione, sottolineando inoltre il valore di un iniziativa come quella del marchio Fai, che garantisce prodotti firmati dagli agricoltori italiani. È fondamentale ha chiosato Zanonato - che questo marchio si affermi con grande efficacia. ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 3

4 FONDAZIONE - Redazione IN AL PALALOTTOMATICA È QUESTA L ITALIA CHE VOGLIAMO A Roma l assemblea nazionale della Coldiretti con la relazione del presidente Marini Dalla spesa alimentare all occupazione, dall export al km zero, i punti chiave dell intervento La spesa alimentare delle famiglie italiane è tornata indietro di venti anni per effetto del crollo che si è verificato dall inizio della crisi nel 2007, provocando un inversione di tendenza mai accaduta dal dopoguerra. È uno degli aspetti toccati dal presidente nazionale Sergio Marini nel corso dell Assemblea al Palalottomatica, davanti a quindicimila imprenditori agricoli provenienti da tutta Italia, assieme al Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, il Ministro dell Ambiente Andrea Orlando e il Ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo, del procuratore Giancarlo Caselli, di Renzo Arbore, del presidente di Federconsumatori Rosario Trefiletti e del Direttore Generale di Iper Stefano Albertazzi. Nel 2012 i consumi delle famiglie italiane per alimentari e bevande a valori concatenati sono stati pari a 117 miliardi, di mezzo miliardo inferiori a quelli del In controtendenza, a fare un vero balzo in avanti è la spesa a chilometri zero che ha raggiunto il fatturato record di 3 miliardi di euro grazie dalla crescita del 40 per cento delle imprese agricole accreditate a Campagna Amica, che commercializzano ai consumatori nei mercati ambulanti e nei punti vendita organizzati. Quando noi siamo faticosamente andati contro corrente nel riaffermare il valore del chilometro zero, della vendita diretta e del concetto di filiera corta abbiamo di fatto ha sottolineato Marini riaffermato un nuovo modello economico e un nuovo stile di consumo che coniugasse il valore La relazione del presidente Marini Il Segretario Generale Vincenzo Gismundo apre i lavori dell'assemblea economico ed occupazionale con una prospettiva di futuro. Un modello più adeguato ai nostri tempi in cui l elemento relazionale, di conoscenza, di fiducia, che si instaura tra produttore e consumatore è stato il fattore di un successo economico, ma anche ha concluso Marini sociale, ambientale e culturale che guarda al territorio come miniera di opportunità e luogo da tutelare e al mondo come mercato. +9% GIOVANI ASSUNTI IN AGRICOLTURA NEL 2013 Parlando poi del problema lavoro, il presidente Marini ha annunciato che l occupazione giovanile cresce solo in agricoltura che fa segnare un aumento record del 9 per cento nelle assunzioni di giovani under 35 anni nel primo trimestre del 2013, nonostante gli effetti negativi sulle coltivazioni provocati dal maltempo e i segnali depressivi sui consumi che hanno interessato anche l agroalimentare. L agricoltura ha sottolineato Marini è l unico settore che dimostra segni di vitalità economica con una variazione tendenziale positiva del Pil (+0,1 per cento) ed un aumento degli occupati dipendenti complessivi (+0,7 per cento), in netta controtendenza rispetto agli altri comparti nel primo trimestre dell anno. Una conferma della validità e della modernità del modello di sviluppo agricolo Made in Italy che è fondato sul valorizzazione dell identità, della qualità, delle specificità e che ha sostenuto Marini può rappresentare un riferimento anche per gli altri settori per affrontare e vincere la competizione internazionale. 4 IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA

5 Redazione - FONDAZIONE RECORD STORICO A 34 MLD EXPORT CIBO ITALIANO NEL 2013 La lotta alla contraffazione e alla pirateria internazionale rappresenta per le Istituzioni un area di intervento prioritaria per recuperare risorse economiche utili al Paese e generare occupazione in un difficile momento di crisi ha poi ricordato Marini. Bisogna agire nell ambito degli accordi internazionali dove troppo spesso l agroalimentare è stato svenduto sull altare di interessi diversi. Da anni di parla di internazionalizzare le imprese facendo massa critica ma se il modello di sviluppo vincente è quello di portare le diversità nel mondo è evidente che ha continuato Marini dobbiamo sostituire per prima cosa il termine di massa critica con quello di rete di imprese e quello di piattaforma logistica con quello di piattaforma leggera che porta i territori nel mondo. OGM: IL CDM ACCOGLIE LE RICHIESTE DELLA COLDIRETTI La difesa della distintività italiana deve essere una priorità della politica perché da essa dipende la prospettiva di futuro del Made in Italy, nell alimentare e non ha dichiarato il presidente nel suo intervento -. Ci sono tutte le condizioni perché i Ministeri interessati possano a questo punto concordare sulla firma del decreto sulla clausola di salvaguardia. Un auspicio concretizzatosi con il via libera del Consiglio dei Ministri al provvedimento che vieta la coltivazione di mais transgenico. L UE RISPONDE ALLE LOBBY ANCHE SU COME APPARECCHIARE LA TAVOLA Ci piacerebbe un Europa che abbia una visione su come risolvere i grandi problemi dall economia L'intervento del Ministro delle Politiche Agricole De Girolamo Il Ministro alla Sanità Beatrice Lorenzin all occupazione, dal commercio internazionale alle speculazioni finanziarie e ci ritroviamo quella che risponde alle lobby anche su come apparecchiare la tavola, con il rabbocco delle oliere ha ancora sottolineato Marini. L Europa la vogliamo grande per trattare nelle giuste dimensioni i temi globali invece di questioni che vanno a toccare le culture, le tradizioni, gli stili di vita dei cittadini, non cogliendo le diversità dei tanti territori e Paesi diversi che per noi sono ricchezza. Alcuni chiamano questo rinazionalizzazione ha precisato Marini ma per noi è una forma intelligente di sussidiarietà. Se ci sono minori risorse bisogna darle agli agricoltori professionali, ai giovani, a chi fa qualità e sicurezza. È giusto considerare sostenibile dal punto di vista ambientale anche il vigneto, l uliveto e il frutteto e non soltanto prato e pascolo. Il discorso del Ministro all'ambiente Andrea Orlando Il Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 5

6 IL MERCATO DEL MESE - Alessandra Gioggi PER CAMPAGNA AMICA, L ESTATE FA RIMA CON... MERCATI Si moltiplicano nei farmers market accreditati le iniziative rivolte ai turisti ma anche ai residenti Dalle tipicità termali a quelle in riva al lago, l agroalimentare si conferma motore del made in Italy Lapprezzamento che i consumatori dimostrano verso le iniziative di Campagna Amica è un sostegno importante per promuovere sempre nuovi appuntamenti con la vendita diretta dei prodotti del territorio. L estate in particolare offre molte possibilità in tal senso, grazie alla presenza di turisti e villeggianti interessati a gustare prodotti coltivati nelle vicinanze del luogo di soggiorno e a riportare a casa, come souvenir per se stessi o per i propri cari, un po di quei sapori che hanno potuto apprezzare in vacanza. I mercati organizzati nei luoghi di villeggiatura riscuotono perciò grande successo perché permettono di portare in tavola i sapori autentici del territorio che viene visitato. IL SAPORE DEL RELAX Il Mercato delle Terme, organizzato a Montegrotto Terme, nel cuore delle Terme Eugnaee è un esempio di come le attività turistiche legate all accoglienza, al benessere e al tempo libero favoriscano la presenza di un offerta agroalimentare orientata alla qualità e caratterizzata da una forte identità territoriale, e al tempo stesso ne ricevano un valore aggiunto. Un modo quindi per offrire un servizio turistico più ampio e completo che i turisti dimostrano di gradire molto. Con l approssimarsi della stagione estiva a Moniga del Garda, comune rivierasco apprezzato sia per la sua posizione che per la produzione vitivinicola, riprenderà il mercato settimanale in Piazza San Martino: ogni domenica mattina la campagna entrerà nelle case dei consumatori con il meglio delle produzioni locali e di stagione. Tutti residenti della zona e i tanti turisti che soggiornano sul Lago di Garda avranno così un opportunità imperdibile per acquistare direttamente dai produttori casoncelli e pasta fresca, Grana Padano, vino e olio del Garda, zafferano di Pozzolengo e molti altri prodotti rigorosamente a Km zero. UNO STRUMENTO DI COESIONE Anche a Catanzaro Lido, dopo il gradimento degli anni precedenti, riprenderà il mercato settimanale Ogni nuovo mercato che viene inaugurato è un segnale certo che fare la spesa nei farmers market degli agricoltori è un abitudine che si sta sempre più diffondendo e a cui va data risposta. Allo stesso modo, strutture che hanno una storia più lunga alle spalle dimostrano che non si tratta di un interesse passeggero. A Pavia il Mercato di Piazza del Carmine, attivo ormai da cinque anni, è diventato un punto di riferimento per i cittadini pavesi. Inaugurato il 21 giugno 2008, festeggia sabato 22 giugno il suo quinto compleanno con una grande festa: una fetta di torta in omaggio per tutti i clienti, musica dei pifferi della di via Caprera. Ogni sabato pomeriggio i prodotti dell agricoltura calabrese saranno a disposizione dei consumatori, e con essi anche le tradizioni e la cultura del territorio. I mercati degli agricoltori, oltre a creare nuove economie e nuove occupazione, rappresentano anche uno strumento di coesione e animazione sociale. Per questo possono associarsi con successo agli eventi musicali, sportivi e culturali che vengono organizzati nel corso dell estate. Pavia, quinta candelina per il mercato A PIAZZA DEL CARMINE FESTA CON ADULTI E BAMBINI Valle Staffora e possibilità di acquistare le borse realizzate dai bambini delle scuole che nel corso dell anno hanno partecipato al progetto di Educazione alla Campagna Amica. Cinque anni sono davvero un bel traguardo: il mercato fa parte ormai del tessuto della città grazie alla vasta gamma di prodotti a disposizione e soprattutto al rapporto di fiducia che si è venuto a creare tra produttori e consumatori. Un punto di arrivo ma anche un punto di partenza per crescere sempre di più, impegnandosi sempre per valorizzare i prodotti del territorio e ripetendo l esperienza anche nel resto della provincia. 6

7 Claudia Migliardi - LA BOTTEGA DEL MESE ALLA BOTTEGA DI TUSCANIA LA SPESA VA DALL ORTO FINO AL PIATTO La famiglia Nicolai ha inaugurato la nuova struttura che consente di acquistare e restare a cena Un percorso fatto di degustazioni, aperitivi agricoli e campagne per insegnare la stagionalità Sono le campagne intatte di Tuscania, città d arte della provincia di Viterbo, a far da cornice al progetto avviato dalla famiglia Nicolai con l apertura della prima Bottega di Campagna Amica del territorio. Un percorso che li sta vedendo protagonisti di un grande successo, fatto di degustazioni di prodotti locali, aperitivi, campagne di sensibilizzazione sulla stagionalità. Dedito da tanti anni alla coltivazione di cerali e all allevamento di bovini, ovini, polli, Felice Nicolai insieme alla moglie ed i suoi tre figli ha deciso, con il supporto di Fondazione Campagna Amica e Coldiretti, di aderire al progetto Bottega di Campagna Amica con l obiettivo di riavvicinare i consumatori ai prodotti del proprio territorio recuperando in loro l abitudine di mangiare cibo sano, genuino e di qualità, in altre parole cibo giusto! La famiglia Nicolai DALL ORTO FINO AL PIATTO La particolarità della Bottega di Tuscania, è che il consumatore può far la spesa e decidere di restarvi a cena, facendo cucinare ciò che ha scelto, compresa la verdura appena raccolta dall orto antistante la bottega. È stata creata infatti un area dedicata alla somministrazione non assistita dove è possibile assaporare e degustare ogni prodotto presente in bottega che verrà preparato con l amore e la maestria della signora Nicolai. Chi viene a fare la spesa da noi deve sentirsi come a casa propria afferma Patrizio Nicolai e riscoprire l amore per il buon cibo di qualità. I FARMERS MARKET, LE AZIENDE AGRICOLE, GLI AGRITURISMI, LE BOTTEGHE, I RISTORANTI E LE COOPERATIVE IN VENDITA DIRETTA CHE AL MESE DI GIUGNO HANNO ADERITO ALLA RETE NAZIONALE DELLE IMPRESE A MARCHIO PUNTO CAMPAGNA AMICA SONO ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 7

8 LA FATTORIA DEL MESE - Marina Faraone IL VIALONE NANO A NEW YORK CON LA RISOTTERIA MELOTTI L azienda ha aperto un locale nella Grande Mela dove viene servito solo prodotto made in Italy Una risotteria a Manhattan dove far assaggiare ma anche vendere le specialità del territorio veneto L Azienda Agricola Melotti è un impresa a gestione familiare, sviluppatasi con successo grazie alle scelte lungimiranti di Giuseppe, un uomo innamorato della sua terra, che ha avuto la fortuna di condividere questa passione con la moglie Rosa e con i giovani figli Luca, Gianmaria e Francesca. Ispirata da una tradizione di rispetto per l ambiente, per gli uomini e per la qualità della vita, trasmessa con entusiasmo da padre in figlio, l azienda è alimentata dalla generosità e dal fascino di una terra, la pianura a Sud di Verona, in cui la natura ha profuso in abbondanza sostanze preziose per le colture, in particolare per il pregiato Riso Vialone Nano Veronese. I CHICCHI DEL BENESSERE L azienda nasce nel 1986 e si specializza da subito nella produzione, lavorazione e vendita diretta di Riso Vialone Nano Veronese e di Riso Carnaroli. Nel corso degli anni la creatività imprenditoriale porta la Famiglia Melotti a realizzare molte specialità a base di riso ed una linea benessere per la cura del corpo all amido di riso. La filosofia che li guida è fondata sulla scelta di produrre e lavorare solo prodotto di coltivazione propria, attenendosi ai criteri di qualità e mantenendo gli stessi metodi di lavorazione artigianali di centinaia di anni fa, La famiglia Melotti Piccoli risicoltori crescono senza interventi chimici e nessuna manipolazione. UN VIAGGIO RIVELATORE Nel 2002 nasce la Risotteria Melotti, un ristorante dove è possibile degustare una selezione di piatti tradizionali, e dal 2005 l azienda diventa anche Fattoria Didattica, proponendo attività rivolte alla valorizzazione, alla spiegazione ed all'insegnamento della coltivazione e della lavorazione del riso. Ma il vero spirito innovativo dell azienda esplode prorompente quest anno, quando il primo giugno viene inaugurata la prima Risotteria Melotti a New York. A far scattare la scintilla alla famiglia veronese è stato il viaggio a New York nel 2007 di Gianmaria, uno dei figli. Sei anni di studi, progetti e strategie che hanno preso forma e si sono concretizzati nell East Village, quartiere di tendenza di Manhattan, dove è sorta la Risotteria Melotti. Un locale di 90 metri quadri, con circa 35 posti a sedere che propone, in modo semplice ma straordinario, cucina a base di riso Vialone Nano di Verona con ampia scelta di Risotti veronesi e veneti. Nel locale è stato riservato, inoltre, un piccolo corner adibito alla vendita dei risi e delle specialità aziendali. 8 IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA 8

9 Ester Perri - CAMPAGNA AMICA NEL PIATTO AL FLAUTO MAGICO I BAMBINI CRESCONO CON IL KM ZERO All asilo nido di Ceriale la prima mensa certificata con i prodotti degli agricoltori italiani Un iniziativa nata per assicurare la salute dei piccoli ospiti, puntando sulla stagionalità Lasilo nido "Il flauto magico" di Ceriale (in provincia di Savona) è il primo in Liguria che ha deciso di certificare la sua mensa con il marchio Campagna Amica nel piatto. Incontriamo nella loro sede, in via Roma 22, la signora Agnese Fiallo (presidente della Fondazione Parodi) che gestisce l asilo e la maestra Erika Balestrieri (responsabile del progetto). Signora Fiallo ci descrive brevemente l asilo nido? "Il Flauto magico" è nel centro di Ceriale, ed è una realtà consolidata nell ambito dei servizi dell infanzia. Ospita 38 bambini dai 6 ai 36 mesi e la presenza della mensa interna garantisce un attenzione e un monitoraggio costante all alimentazione grazie anche a menù stagionali preparati con prodotti locali a km zero. Maestra Erika come siete venuti a conoscenza del progetto Campagna Amica e perché avete deciso di collaborare con noi? Coldiretti rappresenta una realtà molto conosciuta per la difesa dei prodotti agricoli e poi conoscevamo l impegno di Campagna Amica per l educazione alimentare. Noi siamo da sempre attenti alle tematiche legate all alimentazione e al territorio e l incontro con Campagna Amica ci è sembrato un modo per dare valore e riconoscibilità al nostro operato. Ci siamo da prima avvicinati a Campagna Amica tramite internet e poi ci siamo rivolti alla sede Coldiretti più vicina a noi, dove abbiamo trovato massima disponibilità. Ci è stato spiegato il progetto e abbiamo deciso come collaborare. Da dove nasce l esigenza di avere una mensa a km zero certificata Campagna Amica? Il nostro asilo sorge in una zona a vocazione agricola, caratterizzato da alcune colture tipiche. Fin da subito abbiamo pensato che era giusto far conoscere questa realtà ai bambini, far capire loro che esiste un legame tra ciò che mangiamo e il territorio. Avere la mensa interna ci ha permesso di seguire con facilità questa politica. Il mercato di Campagna Amica che è stato aperto vicino all asilo è stata la spinta definitiva. Comprare dalle aziende agricole del posto, comprare al mercato, era un modo per fare educazione alimentare, avere la certezza di ciò che davamo ai nostri bambini e poi, ovviamente, aiutava lo sviluppo del territorio. Le materie prime utilizzate in cucina sono accuratamente scelte da aziende selezionate e certificate con il marchio Campagna Amica e questo dà a noi e ai genitori la certezza di vera genuinità e origine. Questa attività è connessa a un progetto di educazione alimentare e consumo consapevole che portate avanti durante l anno? Una bambina gioca nell'asilo nido Sono legate a questo tema altre iniziative? Ogni anno ha un particolare tema nella nostra programmazione didattica, il 2014 ha come tema l alimentazione. Oltre all adesione a Campagna Amica, abbiamo infatti previsto un anno denso di attività che vedrà coinvolti i bambini, ma anche i genitori. Sono previsti degli incontri con chef della zona, che realizzeranno dei laboratori del gusto, dove i bambini in prima persona saranno invitati a mettere le mani in pasta; ci sarà un'attenzione verso le ricette insolite, facendo scoprire a bimbi e genitori nuovi sapori e consistenze, sempre prediligendo i prodotti locali. Ci sarà anche un convegno finale su alimentazione e consumo consapevole al quale parteciperà anche Campagna Amica. Ma a parte l anno espressamente dedicato, siamo fortemente convinti che una buona educazione alimentare dei bambini, anche in questa età precoce, e dei genitori che accompagnano i bambini in questo percorso, sia un aspetto fondamentale della nostra visione educativa generale. ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 9

10 ORTI URBANI - Daniele Taffon ORTI IN AFFITTO, UN OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ACCREDITATE La crescente richiesta da parte dei cittadini di terra da coltivare rappresenta una chance di reddito Piccoli lotti da 50 ricavati dai campi non produttivi da concedere dietro pagamento di un canone La nuova frontiera dell imprenditoria agricola risponde alla grande richiesta dei cittadini: terra da coltivare. Si tratta di una scelta aziendale precisa che sfrutta quei terreni attualmente non produttivi, perché forse marginali, per coinvolgere la cittadinanza, farla entrare in azienda, non solo per acquistare ma per coltivare dei lotti da 50 mq, in media, imparando l arte agricola dallo stesso imprenditore. Egli potrà affittare questi piccoli campi ad un prezzo ragionevole che potrebbe aggirarsi attorno ai 400 euro all anno. In cambio, oltre al terreno delimitato, si deve fornire acqua per irrigare e uno spazio condiviso dove fare lezioni, feste, riunioni e momenti comunitari. Evidentemente quest idea è adatta in particolare alle aziende della fascia suburbana. IL DECALOGO DELL ORTO IN AFFITTO Quali sono i passi da compiere per realizzare in azienda questo progetto? 1) Individuare il terreno e progettare i lotti (da 50 mq) tenendo a mente che il cittadino chiede anche la bellezza. Per questo vanno immaginate delle soluzioni che abbelliscano lo spazio (cartelli colorati, fasce di delimitazione con erbe officinali, tanti messaggi simpatici da mettere qua e là nello spazio, bat box, cassette nido per gli uccelli insettivori, bug hotel, compostiera etc ). Insomma spazio alla fantasia! 2) Un regolamento chiaro e semplice da attuare. 3) Promozione nella stampa locale, attraverso volantini nei locali più frequentati da famiglie, parrocchie, centri sociali e punti di aggregazione in un raggio di una decina di chilometri. 4) Iscrizione alla rete degli orti urbani di Campagna Amica che potrebbe dare molta visibilità al progetto. 5) Al momento del primo contatto con l eventuale aderente è necessario sottoporgli l iscrizione a Coldiretti. Per questo è importante coinvolgere gli uffici territoriali. 6) Veniamo allo strumento formale: si stipulano contratti di affitto di fondo rustico in deroga ai sensi dell art. 45 della legge 203 del 03 maggio Durata del contratto (aspetti indicativi): 1-3 anni; canone da 400 /parcella a 500 /parcella. Il contratto deve essere registrato (tassa di registrazione: 67,00; il contratto non necessita di marca da bollo). 7) Aspetti fiscali: il canone di affitto non viene cumulato al reddito. Il proprietario, pertanto, fiscalmente risponde solo del reddito catastale dominicale. 8) Attività correlate: insieme alla superficie da coltivare possono essere forniti agli affittuari servizi quali: vendita di semi o piantine dell orto, assistenza tecnica, organizzazione di corsi. 9) È necessario avere un assicurazione per gli spazi comuni. 10) Volendo (si stabilisca nel regolamento) è possibile predisporre uno spazio al chiuso per tenere gli strumenti da lavoro degli affittuari. In questo percorso la Fondazione Campagna Amica è con voi. Per ulteriori informazioni, curiosità e domande potete telefonare allo o scrivere una mail ad A Terni nasce la costituente dell orto Sono sempre di più le scuole che partecipano al progetto rete degli orti urbani di Campagna Amica. A Terni, nell istituto leonino, sono 80 i partecipanti all orto dei miracoli. Un piccolo spazio didattico di 60 mq dove si propone la raccolta differenziata dei rifiuti, sistemi di produzione biologica e punti per la tutela della biodiversità. Il tutto finalizzato all apprendimento del lavoro della terra nel rispetto dell ambiente e del paesaggio. Un modo per far crescere le nuove generazioni con i piedi per terra. E non c è che dire, dal punto di vista didattico l orto offre sempre tanti spunti. Ve ne raccontiamo uno: la costituente dell orto. Quale modo migliore di spiegare la costituzione se non quello di simulare una costituente? E su cosa si applica? Sul regolamento dell orto didattico. Qualche regola condivisa per vivere lo spazio al meglio. 10 IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA

11 Claudia Migliardi - CONSIGLI PER LA VENDITA LE PROMOZIONI INTELLIGENTI IN NEGOZIO La promozione, a differenza della pubblicità, è un attività di marketing che si propone di: offrire un prodotto/servizio con un vantaggio supplementare al cliente, per un periodo di tempo limitato, con l obiettivo di stimolare il cliente ad assumere un particolare comportamento. Sono di seguito riportate alcune forme di promozione che possono essere utilizzate a seconda dell obiettivo che vi ponete. OBIETTIVO: AUMENTARE IL NUMERO DI CLIENTI Meccanismo: se un cliente abituale porta in negozio un nuovo cliente, si riconosce un vantaggio ad entrambi, ad esempio un piccolo sconto al nuovo cliente ed uno al cliente abituale. È particolarmente efficace in quanto basata su un rapporto di conoscenza e di fiducia reciproca tra i vostri clienti ed i loro conoscenti. OBIETTIVO: AUMENTARE LO SCONTRINO MEDIO Meccanismo: se il cliente spende almeno x euro o acquista un prodotto (basso vendente), avrà diritto ad uno sconto su di un altro prodotto (medio vendente) in vendita in Bottega o ad un omaggio (prodotto o gadget). Questa operazione è in grado di far aumentare la spesa totale del cliente ed ha anche il vantaggio di promuovere in modo specifico le vendite dei due prodotti. In particolar modo permette di aumentare le vendite del prodotto basso vendente che diventerà così un prodotto maggiormente venduto. OBIETTIVO: AUMENTARE LA FREQUENZA D ACQUISTO Meccanismo: i clienti che fanno la spesa di almeno x euro per un tot. di volte alla settimana, all interno di un certo periodo, hanno diritto ad un omaggio o ad uno sconto speciale. Ad esempio, regalate una bottiglia d olio d oliva ai clienti che nel mese di giugno, hanno fatto due spese di almeno 20 euro in ogni settimana. In questo modo stimolerete il cliente a venire in negozio più spesso. Questo può incrementare la fedeltà ed anche il vostro fatturato. Lo scontrino firmato dal gestore, con il nominativo del cliente, è la prova dell effettuazione della spesa. OBIETTIVO: AUMENTARE IL LAVORO IN UN GIORNO SPECIFICO Meccanismo: se il cliente effettua la spesa in un determinato giorno della settimana, ha diritto ad un vantaggio (sconto extra o omaggio). È una promozione che ha lo scopo di distribuire l afflusso della clientela in modo più equilibrato, cercando di spostare parte della clientela dai giorni più affollati a quelli più scarichi. In questo modo potrete servire con più calma i clienti, aumentando il tempo dedicato a ciascuno e dare l idea di un negozio che lavora con regolarità. OBIETTIVO : AMPLIARE UN SEGMENTO DI MERCATO Meccanismo: gli appartenenti ad una determinata categoria (ad esempio studenti, pensionati, donne in gravidanza) hanno diritto ad uno sconto speciale. Si tratta di una promozione che deve partire dall analisi della composizione della clientela e del mercato. Se notate che tra i vostri clienti ci sono pochi giovani e ciò Vi preoccupa in quanto la clientela non si rinnova, potreste promuovere una carta studenti, e così via. ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 11

12 FONDAZIONE - Francesca Santerini CAMPAGNA AMICA VA IN GOAL CON I GIOVANI DEL BOLOGNA CALCIO Per il secondo anno consecutivo collaborazione vincente tra Coldiretti e la società felsinea Tanta frutta per i ragazzi dei campus rossoblù e per gli alunni delle scuole cittadine Frutta di stagione proveniente da aziende di Campagna Amica per i giovanissimi dei City Campus del Bologna Football Club, le attività estive proposte dal team rossoblù a bambini e ragazzi dai 5 ai 16 anni. Nelle giornate di campus, i giovanissimi si allenano, giocano, studiano e Coldiretti li accompagna nei momenti di relax: a pranzo e merenda i ragazzi possono gustare ciliegie, albicocche e pesche a km zero grazie alle forniture che le aziende locali accreditate garantiscono settimana dopo settimana, per tutto il mese di svolgimento dei campi estivi. Questa iniziativa scaturisce dalla collaborazione tra Coldiretti e il Bologna F.C., iniziata già da due anni, e nata per far incontrare il mondo del calcio locale (atleti, dirigenti, tifosi), e quello agricolo. Un valido strumento con cui Coldiretti contribuisce a promuovere un alimentazione sana e da filiera garantita, abbinata alla pratica sportiva (agonistica e non) promossa dal Bologna F.C. CIBO SANO AL DALL ARA Nell ambito delle stesso accordo, nel corso del campionato di calcio , i giovani imprenditori di Coldiretti hanno distribuito frutta di stagione ai numerosissimi bambini delle scuole bolognesi e alle loro famiglie arrivati allo stadio Dall Ara di Bologna per vedere i propri paladini rossoblù sul campo da gioco. Un filo diretto con la città che sta portando buoni frutti e che verrà riproposto anche nel prossimo campionato. Gli spalti del Dall'Ara 12 IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA

13 Raffaella Cantagalli - FONDAZIONE CAMPAGNA AMICA TI AIUTA A DISEGNARE LA TUA BOTTEGA Identità, personalità, coerenza con i Valori di Campagna Amica: quelli espressi dal claim Il cibo giusto sono i principi della comunicazione di tutti i punti vendita aderenti alla Rete FAI 3 1 Identità, personalità, coerenza con i Valori di Campagna Amica: quelli espressi dal claim Il cibo giusto, sono i principi su cui si deve basare la comunicazione di tutti i punti vendita aderenti alla Rete della Filiera Agricola Italiana, partendo dalle Botteghe che rappresentano il contatto quotidiano e diretto con i cittadini. La comunicazione deve essere EF- FICACE, CHIARA, VISIBILE, MI- RATA ED EFFICIENTE ed è per questo che la Fondazione Campagna Amica ha attivato il servizio di studio e realizzazione del progetto grafico del layout del negozio, sia esso ancora da aprire sia esso da rivisitare o perfezionare. In questo modo, con il supporto di professionisti, sono rispettate le regole fondamentali per una buona comunicazione visiva dove vengono enfatizzati i messaggi e i valori del progetto: origine italiana, trasparenza, fiducia, garanzia, salubrità, freschezza, eticità. Tutto nel rispetto delle tradizioni e della cultura dei territori, motivo per cui ogni negozio deve mantenere la sua identità e il forte legame con la sua terra. Non si parla quindi di omologazione bensì di valori comuni che rappresentano la forza del progetto Campagna Amica e che coesistono con la forte identità e unicità territoriale. Il servizio è gratuito ed è sufficiente una planimetria 2 della superficie del locale e alcune foto: una frontale esterna e una scattata da ogni angolo di ciascun ambiente interno. Per approfondimenti, contattate il referente provinciale o regionale di riferimento di campagna amica o scrivere alla Fondazione alla mail Nelle foto, un esempio di questo servizio relativo alla Bottega di Reggio Calabria: 1) Fotografia del dettaglio del banco frigo prima della realizzazione 2) Progetto di Layout grafico (qui viene riportato solo il dettaglio del banco frigo) 3) Immagine del negozio (dettaglio banco frigo) realizzato ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 13

14 SICUREZZA ALIMENTARE - Corrado Finardi MIELE MADE IN ITALY, ECCO COSA VA IN ETICHETTA Un prodotto che esprime al meglio le eccellenze e le diversità dell Italia contro il rischio import Dagli ingredienti alla promozione, le regole per valorizzare al meglio il lavoro delle nostre imprese Il miele è uno dei prodotti chiave del panorama agroalimentare italiano. In grado di restituire sapori e profumi del territorio in modo immediato si presenta come un araldo dell Italia profonda, di cui esprime al meglio le eccellenze e diversità. Su scala globale il miele è sempre più soggetto ad un mercato selvaggio, e spesso senza adeguati requisiti qualitativi. Recentemente si è scoperto che il mercato Usa è assolutamente permeabile al miele cinese, e che, per impedire un adeguato riconoscimento di questo commercio, il miele viene micro-filtrato e privato del polline, per supposte esigenze di omogeneizzazione del prodotto. Va sottolineato come in questi ultimi anni il miele argentino o cinese stiano diventando commodity internazionali senza confini. Proprio nel 2011 la Cina è diventata il quarto paese da cui l'italia importa miele, con 731 tonnellate (quasi mille nel 2010, dati Istat), mentre erano appena 20 nel Gli analisti stimano oggi sulle 1500 le tonnellate importate dalla Cina, terzo paese esportatore per l'italia dopo Argentina ed Ungheria. Rifornirsi direttamente dai produttori (Farmers Markets e Botteghe di Campagna Amica o circuiti complementari) consente allora di recuperare aspetti fiduciari che rischiano di essere persi circa le caratteristiche reali del prodotto acquistato. L ETICHETTA Nell etichetta del miele, in base alla normativa vigente, bisogna indicare obbligatoriamente gli aspetti come presentati nel box a a fondo pagina. DENOMINAZIONE DI VENDITA E ORIGINE BOTANICA O FLOREALE Sulla scorta del D. lgs 179/04, attuazione della Direttiva 2001/110/CE, oltre alla menzione minima sufficiente miele è possibile indicare a integrazione: - miele di seguito dalla specie botanica; è consentito avere una indicazione di due specie floreali o vegetali, a patto che (a) siano entrambe significativamente presenti (b) da varietà presenti sullo stesso territorio (c) con tempi sincroni di produzione del nettare. Qualora non si rispettino tali requisiti, si può nondimeno utilizzare la menzione miele millefiori (v. sotto). 1. Denominazione di vendita. 2. Paese di raccolta (almeno 1,2 milllimetri di carattere mediano). 3. Produttore (Nome e Cognome, Indirizzo e numero civico, Comune). 4. Stabilimento (se diverso dalla sede legale). Indicazioni obbligatorie - miele di fiori di seguito dalla specie botanica; la dizione miele millefiori, è inoltre possibile. Tuttavia con millefiori si intende un miele naturalmente ottenuto per impollinazione in risposta ad un ambiente con diverse varietà floreali. Se invece la presenza di diverse varietà floreali è il risultato dell azione artificiale umana, bisogna indicare miscela di mieli. - miele di nettare di seguito dalla specie botanica; - miele di melata di seguito dalla specie botanica; Il miele può però anche essere definito in denominazione di vendita (art. 2 d. lgs 179/2004) sulla base di aspetti di trasformazione o estrazione, come: miele in favo, miele scolato, miele centrifugato, miele torchiato, miele filtrato. 5. Termine Minimo di Conservazione (TMC), diversamente dalla data di scadenza non segnala aspetti problematici di sicurezza alimentare ma solo il perdurare delle caratteristiche organolettiche, garantite fino alla data indicata. 6. Lotto (da indicare sempre, salvo quando il TMC sia espresso con giorno/mese/anno), è un codice alfanumerico preceduto dalla lettera L. 7. Quantità netta (peso netto, in Kilogrammi o grammi). 8. (Sigillo di garanzia- sebbene non faccia parte in senso stretto dell etichetta, è obbligatorio a indicare che il prodotto fino all apertura conserva le caratteristiche igenico-sanitarie e qualitative richieste). 14 IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA

15 Corrado Finardi - SICUREZZA ALIMENTARE INGREDIENTI E ASPETTI DI TRASFORMAZIONE Ricordiamo che in base alla normativa vigente, - È vietato aggiungere al miele qualsiasi ingrediente alimentare, ivi compresi gli additivi, ed effettuare qualsiasi altra aggiunta se non di miele. - Nel caso si intenda proporre miele con altri ingredienti, si dovrà utilizzare in etichetta come denominazione di vendita l indicazione Preparazione a base di miele e - Il miele deve essere privo di sostanze organiche e inorganiche estranee alla sua composizione. - Il miele non deve presentare un grado di acidità modificato artificialmente. - Il miele non deve essere stato riscaldato in modo da distruggerne o inattivarne sensibilmente gli enzimi naturali. - È vietato estrarre polline o componenti specifiche del miele, a meno che ciò sia inevitabile nell'estrazione di sostanze estranee inorganiche o organiche. ORIGINE E PROVENIENZA È fatto obbligo- a partire dalla normativa europea- di indicare il paese di provenienza del miele ( Origine: Italia ). E possibile anche geo-referenziare il proprio miele riferirendosi a regioni, luoghi o territori ben identificati, dando un valore concreto e non solo poetico o suggestivo all indicazione. Ad esempio come la dizione miele di bosco dell Appennino centrale risulta troppo generica, lo stesso dicasi per miele di collina, miele di montagna e altre menzioni, che difettando di specificità. Miele ITALIANO MIELE di ACACIA Apicoltura XXX (Nome Azienda) Via XXX, Città XXX (Indirizzo azienda) Sede stabilimento XXX (Indirizzo stabilimento e CAP ) Da consumarsi preferibilmente entro la fine: mese/anno (2 ANNI) Anno di produzione XXXX * Un sigillo di garanzia di integrità della confezione è necessario per la messa in vendita L XXXXX (numero di lotto) 0,5 Kg e 500g e Conservare in luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce e da fonti di calore Non disperdere il contenitore nell ambiente Nel qual caso, il consiglio che diamo ai produttori è quello di anticipare (in base ad un orientamento della Commissione Europea è possibile farlo) le disposizioni del Reg. (UE) 1169/2011. I format possibili e legalmente validi al momento sono in ogni caso due: - Quello che deriva dalla Direttiva 496/90 (energia-kcal/joule, proteine, carboidrati, grassi). E destinato a uscire di scena dal Quello che origina dal reg (energia Kjoule/kcal, proteine, carboidrati, di cui zuccheri, grassi, di cui saturi, sale/sodio). A norma del regolamento in ogni caso non corre nessun obbligo (Allegato V) per l indicazione nutrizionale, in quanto alimento mono-ingrediente non trasformato ( sostanza dolce naturale...). - Circa claims o messaggi volontari, bisogna non fuorviare il consumatore con aggettivi come 1. Anno - stagione di produzione. Miele ITALIANO MIELE di ACACIA Indicazioni facoltative * Un sigillo di garanzia di integrità della confezione è necessario per la messa in vendita BIOLOGICO oppure DA AGRICOLTURA BIOLOGICA AGRICOLTURA UE Apicoltura XXX (Nome Azienda) Via XXX, Città XXX (Indirizzo azienda) Sede stabilimento XXX (Indirizzo stabilimento e CAP ) Da consumarsi preferibilmente entro la fine: mese/anno (2 ANNI) Anno di produzione XXXX L XXXXX (numero di lotto) 0,5 Kg e 500g e Codice identificativo XXXXXXX - Organismo di controllo XXX autorizzato con DM Mipaaf n. XXX del XX/XX/XX in applicazione del Reg. CE n. 834/2007 Conservare in luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce e da fonti di calore Non disperdere il contenitore nell ambiente (miele) puro, (miele) vergine, (miele) grezzo, e simili. Proprietà di salute non autorizzate ( antisettico, curativo, per la tosse, balsamico ) sono bandite. SPUNTI PER MIGLIORARE LA NORMATIVA Poco chiaro infine è il divieto a metà fatto dalla Direttiva 110, che vieta e allo stesso tempo consente di estrarre polline dal miele. Il polline è fondamentale per una rintracciabilità analitica del miele, e serve a dargli una identità geografica. Alla luce di quanto sta accadendo negli Usa, anche in Europa si dovrebbe intervenire e fare chiarezza su questo aspetto, in un momento in cui asportare il polline può diventare il cavallo di Troia per mascherare l origine, con frodi e raggiri di vario tipo, e in un momento in cui il commercio di miele è sempre più globalizzato. 4. Loghi BIO DOP. ETICHETTATURA NUTRIZIONALE Sebbene non sia obbligatorio produrre una etichettatura nutrizionale per il miele, su base volontaria può essere fatto. 2. Origine botanica-floreale. 3. Aspetti di trasformazione-produzione. 5. Modalità conservazione (es Conservare in ambiente fresco e al riparo da fonti di luce e calore ). 6. Diciture riciclaggio imballo. ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 15

16 FONDAZIONE - Pietro Hausmann LA PESCA DI CAMPAGNA AMICA PER RILANCIARE L ITTICO ITALIANO Il progetto di Fondazione si arricchisce di un altro importante tassello con Coldiretti ImpresaPesca Un impegno comune per promuovere il pescato made in Italy accorciando la filiera Il programma per la Pesca e l Acquacoltura italiana è finanziato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) ed ha come obiettivo la valorizzazione del pesce pescato e allevato nel nostro paese mediante la creazione di una filiera ittica tutta italiana che tuteli la qualità e l identità nazionale del prodotto, ma anche la tutela della sua identità e l educazione del cittadino-consumatore verso stili di vita alimentare più compatibili. Le imprese socie di Coldiretti Impresa Pesca stanno lavorando affinché il loro prodotto della pesca e dell acquacoltura, possa entrare in modo permanente e strutturato nei vari circuiti di vendita diretta che operano in maniera capillare su tutto il territori nazionale, con il marchio Campagna Amica, insieme a tutti gli altri prodotti agricoli di origine italiana, con la declinazione di PESCA AMICA. UN PATTO CON IL CONSUMATORE Una produzione, quella di Coldiretti Impresa Pesca, in linea con le norme nazionali e comunitarie e nell ottica dei principi guida della FAO sulla pesca sostenibile, finalizzata a ridurre l impatto delle attività umane sull ecosistema marino. Alla base della filosofia di Coldiretti Impresa Pesca, c è l obiettivo di accorciare la filiera per tutte le tipicità ad alta valenza di identità territoriale e costiera; promuovere il consumo delle specie ittiche di minor interesse del mercato; sottoscrivere un patto con il consumatore per una pesca ed un allevamento sostenibili; arrivare a migliorare l identificazione di prodotto italiano e condividere con tutta la filiera dell ittico la tutela del Made in Italy. ANNO IV - N 26 - GIUGNO - LUGLIO 16

17

18 IL DECRETO DEL FARE TAGLIA L ACCISA SUL GASOLIO DA SERRA Il provvedimento varato dal Consiglio dei Ministri ha accolto le richieste della Coldiretti Una risposta importante per il rilancio del settore orticolo e florovivaistico In Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il d.l. 21 giugno 2013, n. 69 Disposizioni urgenti per il rilancio dell economia. Il provvedimento ha come base le 6 Raccomandazioni rivolte all Italia dalla Commissione europea il 29 maggio 2013 nel quadro della procedura di coordinamento delle riforme economiche per la competitività («semestre europeo»). In particolare, i diversi interventi rispondono alle raccomandazioni di semplificare il quadro amministrativo e normativo per i cittadini e le imprese, nonché di abbreviare la durata dei procedimenti civili, riducendo l alto livello del contenzioso civile e promuovendo il ricorso a procedure extragiudiziali; sostenere il flusso del credito alle attività produttive anche diversificando e migliorando l accesso ai finanziamenti; intensificare gli sforzi per scongiurare l abbandono scolastico e migliorare qualità e risultati della scuola; proseguire la liberalizzazione nel settore dei servizi e migliorare la capacità infrastrutturale, incluso nel settore dei trasporti. Novità anche sul fronte ambientale e gestione rifiuti TASSA RIDOTTA A 25 EURO Di particolare importanza per il settore agricolo è il taglio dell accisa sul gasolio utilizzato per il riscaldamento in serra (art. 6). La nuova norma prevede che l accisa sul gasolio per il riscaldamento delle coltivazioni sotto serra, cui attualmente si applica la stessa accisa prevista per tutti i prodotti petroliferi destinati agli usi agricoli, pari al 22% dell accisa ordinaria, venga ridotta a 25 euro per mille litri, a condizione che i richiedenti siano serricoltori per i quali l attività imprenditoriale agricola costituisca l esclusivo o comunque il prevalente fattore produttivo, cioè coltivatori diretti e IAP, iscritti nella relativa gestione previdenziale ed assistenziale. La disposizione, che decorrerà dal 1 agosto 2013 e fino al 31 dicembre 2015, intende dare una risposta concreta alla perdita di competitività del settore florovivaistico ed orticolo a causa, da un lato, del venir meno delle disposizioni che prevedevano l esenzione dall accisa per il gasolio destinato alle serre e, dall altro, dei continui aumenti dei prezzi dei carburanti con un aggravio dei costi di produzione insostenibili. Il livello di imposizione agevolato sarà applicato sul gasolio per la serricoltura a condizione che le imprese beneficiarie si obblighino a rispettare la progressiva riduzione del consumo di gasolio per finalità ambientali. Lo stesso decreto (art. 45) riconosce anche a strutture o enti diversi dal Dipartimento per i trasporti terrestri, la competenza alla omologazione delle macchine agricole, a condizione che possiedano i requisiti previsti da apposito decreto ministeriale. LE MODIFICHE AMBIENTALI In campo ambientale le principali modifiche apportate dal d.l. 69/2013 (art. 41) alla normativa vigente riguardano: 1) la gestione delle acque sotterranee (è stato riscritto completamente il testo dell'art. 243 del d.lgs. n. 152/2006); 2) le terre e rocce da scavo (le modifiche riguardano l'art. 184 bis, cui viene aggiunto il comma 2 bis in base al quale si chiarisce che il d.m. 161/2012 si applica solo alle terre e rocce da scavo che provengono da attività o opere soggette a valutazione d'impatto ambientale o ad autorizzazione integrata ambientale e non alle ipotesi disciplinate dall'art. 109 del Codice ambientale, che tratta invece della immersione in mare di materiale derivante da attività di scavo e attività di posa in mare di cavi e condotte); 3) le matrici materiali da riporto (il d.l. 69/2013 contiene modifiche al Decreto ambiente - d.l. 2/2012, convertito in legge 28/ che all'art. 3 riporta l'interpretazione autentica dell'art. 185 del d.lgs.152/2006, in materia di matrici materiali di riporto); 4) gli interventi di adeguamento del sistema dei rifiuti nella Regione Campania (si predispone uno strumento per l accelerazione delle procedure di competenza degli Enti locali per la realizzazione e l avvio degli impianti di gestione dei rifiuti nella Regione Campania, già previsti dalla normativa e dalla pianificazione vigente ma non ancora realizzati). Tutte le disposizioni sopra indicate potrebbero trovare conferma o modifica nel corso dei lavori di conversione in legge del decreto, attraverso apposita legge di conversione da emanarsi prossimamente. 18 IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA

19

20 AGRICOLTURA CIVICA - Angela Galasso AGRICOLTURA CIVICA E SOCIALE A TORINO PER FARE LA PROPRIA PARTE Evento speciale nel capoluogo piemtontese per premiare le esperienze più innovative del settore Ospite d onore dell iniziativa promossa da Campagna Amica il pioniere Pierre Rabhi Il weekend del 31 maggio-2 giugno a Torino è stato una full immersion di agricoltura e partecipazione. Ospite d'eccezione: Pierre Rabhi, origine algerine (1938), contadino, pioniere dell'agro-ecologia in Francia, esperto internazionale per la lotta contro la desertificazione, fondatore dell'associazione Terre&Humanisme nel 1992 divenuta nel 2010 un movimento (il Colibrì, nome ispirato ad un'antica leggenda amarinda, che oggi conta in Francia aderenti), saggista che non solo professa la necessità di cambiare il mondo, a partire dall'agricoltura e dalle alleanze fra mondo agricolo e società, ma propone soluzioni e, soprattutto, le applica. Il Weekend Rabhi è stato organizzato da Il Festival Per sentieri e remiganti (www.persentierieremiganti.it), e AiCARE (Agenzia Italiana per la Campagna e l'agricoltura Responsabile e Etica), con il sostegno di Coldiretti Torino ed in collaborazione con Cinemambiente, Cottolengo, Camera di Commercio Torino e l'alliance Française di Torino. Pierre Rabhi ha incontrato il pubblico in diversi appuntamenti: in un museo, in un cinema, presso alcune scuole, in una biblioteca comunale, in un parco pubblico, in alcune aziende agricole e dovunque ha trovato centinaia di persone ad attenderlo ed ascoltarlo. a Torino, con la preziosa collaborazione di Coldiretti Piemonte, ha realizzato il seminario di aggiornamento e formazione sull'agricoltura sociale Conoscere e comprendere l'innovazione che c'è per agire, destinato sia alle imprese, agricole e cooperative, sia ai tecnici delle federazioni, al quale hanno partecipato circa 60 persone provenienti oltre che dal Piemonte, dalle federazioni della Liguria, Lombardia, Valle d'aosta e Veneto. LA CAMPAGNA SI FA SOCIAL E di innovazione e cambiamento si è parlato anche il 1 giugno, in occasione della premiazione della terza edizione dell'agricoltura Civica Award, premio assegnato da Ai- CARE, con il patrocinio quest'anno di Inea (Istituto nazionale di economia agraria), a quelle esperienze in cui l'agricoltura pur continuando a produrre cibo per la società, lo fa in una prospettiva di accoglienza e civismo, pensata e progettata a tal fine. Il primo momento della giornata è stato rappresentato dalla premiazione dei vincitori che hanno portato le proprie storie. La fondazione Campagna Amica, partner del progetto, ha premiato il vincitore del premio Agricivic- La leggenda del Colibrì Consumer, la Cooperativa I.So.La., con la seguente motivazione: per il lavoro di educazione e di trasmissione di una filosofia di consumo diversa, capace di coniugare benessere e rispetto. Per l impegno nel trasmettere e diffondere nuovi stili di consumo e di vita. A seguire si è tenuta la tavola rotonda Agricoltura civica, come costruire il cambiamento oggi: una riflessione condotta dal climatologo e saggista Luca Mercalli alla quale diversi esperti e rappresentanti del mondo universitario, associativo, agricolo e istituzionale hanno portato i propri contributi rispetto al ruolo ed allo sviluppo dell'agricoltura civica nella società italiana. OLTRE LA RAPPRESENTANZA Le riflessioni di alcuni dei partecipanti alla giornata: Roberto Moncalvo (presidente Coldiretti Piemonte e Torino) ha evidenziato come dal lavoro di questi anni sul territorio, Coldiretti ha imparato ad andare oltre la consueta rappresentanza di categoria, per diventare interlocutore di tutti gli attori che operano nei territori. Le attività della fondazione Campagna Amica, nell'ambito del progetto di Coldiretti per una filiera agricola tutta italiana, sono proprio UN SEMINARIO PER CONDIVIDERE Si è trattato di giorni in cui si sono rafforzati legami e aspirazioni comuni ha sostenuto Rabhi, giorni importanti dunque, in quanto dalle difficoltà e dalle crisi non si uscirà da soli, ma soltanto insieme Proprio in tale ottica, la fondazione Campagna Amica il 31 maggio Un giorno, dice la leggenda, ci fu un enorme incendio nella foresta. Tutti gli animali erano terrorizzati e osservavano inermi il disastro. Solo il piccolo colibrì era occupato e andava a prendere nel fiume delle gocce d'acqua col proprio becco per gettarle sul fuoco. Dopo un po', l'armadillo, infastidito dalla sua agitazione lo derise: Colibrì! Ma che fai, sei pazzo? Non è con queste gocce d'acqua che riuscirai a spegnere il fuoco! E il colibrì gli rispose: Lo so, ma io faccio la mia parte. Chi è Pierre Rabhi: pierre-rabhi 20 IL PUNTO DI CAMPAGNA AMICA

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele 22 maggio 2015 Basovizza Incontro informativo con gli apicoltori Dott. A. Fiordelisi Veterinario ufficiale A.A.S. n.1 Triestina Etichettatura

Dettagli

LE FATTORIE DIDATTICHE

LE FATTORIE DIDATTICHE LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento

Dettagli

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita.

UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. UN ORTO DI CLASSE Curare la terra, nutrire la vita. Progetto rivolto alle classi della scuola primaria e secondaria di primo grado dell Emilia Romagna a.s. 2014-2015 Novità 2014/15 KIT PER ORTO DEL CONTADINO

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE

Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE Centro di Educazione Ambientale LABTER Provincia di Pesaro e Urbino ASUR Dipartimento di Prevenzione Indicazioni sintetiche e generali: PROGETTO ALIMENTAZIONE TRIENNALE - Il Centro di Educazione Ambientale

Dettagli

LE 4 STAGIONI DI CREMONA PROGRAMMAZIONE DEGLI EVENTI DI ANIMAZIONE

LE 4 STAGIONI DI CREMONA PROGRAMMAZIONE DEGLI EVENTI DI ANIMAZIONE LE 4 STAGIONI DI CREMONA 2015 PROGRAMMAZIONE DEGLI EVENTI DI ANIMAZIONE UN TUFFO NEL PASSATO Eventi a corredo dell iniziativa proposti da Antiquariato San Rocco 19 aprile - Spazio Comune Piazza Stradivari

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

Il DES Brescia si identifica con gli ideali e le caratteristiche dell economia solidale:

Il DES Brescia si identifica con gli ideali e le caratteristiche dell economia solidale: Il Des Brescia Il DES Brescia, Distretto di Economia Solidale del territorio cittadino, è un nuovo soggetto di promozione e di cooperazione che opera per proporre un nuovo modello economico più sostenibile

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative

AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative AZIENDA AGRICOLA e AGRITURISTICA FATTORIA del CERRETINO Piano di attività didattiche e ricreative La nostra Fattoria del Cerretino svolge attività di Fattoria Didattica proponendo visite o soggiorni giornalieri

Dettagli

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI Progetto di educazione alimentare Il progetto A SCUOLA CON GUSTO consiste in una serie di interventi (tre oppure quattro, a seconda del percorso formativo) da effettuarsi in classe. L intento generale

Dettagli

S.S. 401 Rapone (PZ) Tel. 3396211372 PROPOSTE FATTORIE DIDATTICHE

S.S. 401 Rapone (PZ) Tel. 3396211372 PROPOSTE FATTORIE DIDATTICHE Agriturismo ValleOfanto Referente Luciana Strollo S.S. 401 Rapone (PZ) Tel. 3396211372 www.valleofanto.com www.campaniadascoprire.it info@valleofanto.com info@campaniadascoprire.it PROPOSTE FATTORIE DIDATTICHE

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 02/07/2015 Il Resto del Carlino Pagina 24 PEREGO ACHILLE Gli italiani tornano formichine Consumi, oggi parte il test dei saldi

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

Progetto di comunicazione ed educazione alimentare per le scuole della provincia di Mantova

Progetto di comunicazione ed educazione alimentare per le scuole della provincia di Mantova Progetto di comunicazione ed educazione alimentare per le scuole della provincia di Mantova Anno scolastico 2008/2009 Per l anno scolastico 2008/2009 la propone una serie di attività, di educazione alimentare

Dettagli

Educazione Rurale per un futuro sostenibile Proposte per le scuole

Educazione Rurale per un futuro sostenibile Proposte per le scuole WWF Italia Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi Via Zanibelli, 2 60035 Jesi e-mail: info@riservaripabianca.it sito: www.riservaripabianca.it Tel. / Fax. 0731 619213 Cell. 334 6047703 Educazione Rurale

Dettagli

ETICHETTATURA DEL MIELE

ETICHETTATURA DEL MIELE L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative

Dettagli

PROGETTO ORTO IN CONDOTTA

PROGETTO ORTO IN CONDOTTA PROGETTO ORTO IN CONDOTTA 1. IL TEMA L Orto in Condotta Realizzazione di orti per promuovere e sviluppare l educazione alimentare e ambientale nelle scuole. Costituzione di una comunità dell apprendimento.

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

Etichettatura del Miele

Etichettatura del Miele Workshop Ricerca applicata in Apicoltura per la tutela dell Ambiente e la Valorizzazione delle Produzioni Etichettatura del Miele Sulmona 18 Ottobre 2013 Dr. Carlo Ferrari - ASL Roma G Etichettatura l

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

Una scuola grande un mondo!!!

Una scuola grande un mondo!!! Una scuola grande un mondo!!! Laboratori di educazione allo sviluppo sostenibile, alla mondialità, all educazione ambientale e all intercultura a.s. 2015/2016 centro per appropriato sviluppo tecnologico

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA

SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA ALLEGATO A SCHEDA DI PROGETTO ORTO IN CONDOTTA 1. IL TEMA L Orto in Condotta Realizzazione di orti per promuovere e sviluppare l educazione alimentare e ambientale nelle scuole. Costituzione di una comunità

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

Sport & Nutrizione 2016

Sport & Nutrizione 2016 SPORT VILLAGE CATONA PRESENTA Sport & Nutrizione 2016 Giocare - Crescere Mangiare Nei precedenti Camp organizzati nella struttura dello Sport Village si è ottenuto una larga adesione da parte di molte

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti IL PROGETTO PArC Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti PREMESSA L incontro tra produttori e consumatori sta acquisendo

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi

EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI. Un cammino verso frutta e verdura con i 5 sensi EDUCAZIONE ALIMENTARE DELLA SCUOLA E PERCORSI DIDATTICI SENSORIALI Educazione alimentare nella scuola Le attività di educazione alimentare per l anno scolastico 2004 2005 sono state condotte in più di

Dettagli

Le fattorie didattiche dell Alta Val d Agri

Le fattorie didattiche dell Alta Val d Agri Le fattorie didattiche dell Alta Val d Agri Ciao, io sono Basilico! Sono la mascotte delle Fattorie didattiche della Basilicata e vi accompagnerò per tutti i laboratori e i percorsi didattici che gli amici

Dettagli

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE

L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE VENETO AGRICOLTURA E L EDUCAZIONE AGROALIMENTARE Attraverso l attività dei propri Centri Sperimentali ed Aziende Pilota, promuove la ricerca applicata alle produzioni agro-alimentari studiando sistemi

Dettagli

Progetti SAPERI E SAPORI IN FATTORIA

Progetti SAPERI E SAPORI IN FATTORIA Progetti SAPERI E SAPORI IN FATTORIA Con l eredità lasciata da EXPO 2015, conoscere il territorio significa anche recuperare antichi mestieri e tradizioni, riscoprire i prodotti della nostra terra, far

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2514 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2514 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2514 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da Indice Obiettivi del concorso... 3 Perché partecipare... 3 Quando e come... 3 Interesse didattico... 4 Quali sono le classi interessate... 4 Quali sono

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it PROGRAMMA COMUNITARIO CON COFINANZIAMENTO NAZIONALE Progetto di educazione alimentare

Dettagli

superato le partenze), solo nel 1993.

superato le partenze), solo nel 1993. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PRESENTATI DA ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUTI IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI DEL PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SAPERE I SAPORI -

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA

PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA Vuoi sapere cos è la Rete Natura 2000? Vuoi conoscere meglio la biodiversità del territorio italiano ed europeo? Vuoi promuovere

Dettagli

BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016

BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016 BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016 Percorso didattico-formativo nelle scuole Medie di I grado per la promozione di una buona e sana alimentazione Biologica CSE ITALIA srl - 2014 All rights

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIE TAVERNELLE ANCONA. Anno scolastico 2011/2012

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIE TAVERNELLE ANCONA. Anno scolastico 2011/2012 ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIE TAVERNELLE ANCONA Anno scolastico 2011/2012 Relazione finale Delle insegnanti Marzoli Valeria, Tartaglini Giovanna FUNZIONE STRUMENTALE SCIENZA NATURA - AMBIENTE 1 PREMESSA

Dettagli

Laboratori di educazione alimentare in classe

Laboratori di educazione alimentare in classe Laboratori di educazione alimentare in classe La scuola che promuove salute Varese, 10 novembre 2010 Incontri nelle scuole presenza dell esperto in classe I cinque colori della salute Corretto stile di

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

Concorso riservato a tutte lescuole Primarie della Lombardia

Concorso riservato a tutte lescuole Primarie della Lombardia Concorso riservato a tutte lescuole Primarie della Lombardia 2 più gusto a scuola con ortocircuito REGOLAMENTO PREMESSA L importanza di frutta e verdura nell alimentazione quotidiana non è mai sufficientemente

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO Relatore: Rita Tieppo insegnante presso la scuola dell infanzia La Gabbianella di Moncalieri e formatore Slow Food per il progetto Orto in

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione.

A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione. A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione. Nelle linee guida per l Educazione Alimentare nella Scuola Italiana del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e grazie

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO

Frantoio di Riva del Garda CATALOGO Frantoio di Riva del Garda CATALOGO AGRARIA RIVA del GARDA -Frantoio di Riva Loc. S. Nazzaro, 4-38066 Riva del Garda (Tn) ITALIA Agraria Riva del Garda e Olio Extravergine DOP Garda Trentino Cosa significa

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER DELL OLIO WORLDWIDE SOMMELIER ASSOCIATION

ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER DELL OLIO WORLDWIDE SOMMELIER ASSOCIATION ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER DELL OLIO WORLDWIDE SOMMELIER ASSOCIATION 6 CORSO > L OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DALLE ORIGINI ALLE CULTIVAR ROMA - GRAND HOTEL PARCO DEI PRINCIPI - DA LUNEDÌ 26 NOVEMBRE

Dettagli

rassegnastampa link alla rassegna stampa coldiretti completa http://www.coldiretti.it

rassegnastampa link alla rassegna stampa coldiretti completa http://www.coldiretti.it Coldiretti TORINO rassegnastampa 19 febbraio 2014 quotidiani indice coldiretti coldiretti news Commercio estero, Coldiretti, agroalimentare record, +5% export regione e provincia rassegna stampa coldiretti

Dettagli

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO Obiettivi TreValli intende promuovere un progetto di educazione alimentare dedicato alle scuole primarie della Regione Marche, in collaborazione con Alimos, società

Dettagli

I prodotti biologici e la filiera corta

I prodotti biologici e la filiera corta Regione Siciliana Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l agricoltura Istituto Nazionale di Economia Agraria I prodotti

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi Treno Verde 2015 Un edizione tutta speciale quella del Treno Verde 2015: dal 18 febbraio all 11 aprile, 15 tappe dalla Sicilia alla Lombardia per raccogliere e portare a Expo Milano, l esposizione universale

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare:

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: Bruxelles, 23.11.2007 Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: - una strada da percorrere - TRENTINI Luciano - presidente presidente AREFLH - direttore CSO 1 Il quadro di contesto 2 L Organizzazione

Dettagli

quality fashion shop

quality fashion shop quality fashion shop Introduzione quality fashion shop Il MADE IN ITALY è molto più di un marchio, è passione, lavoro, garanzia. Siamo noi, la nostra identità, la nostra cultura, la nostra storia. È l

Dettagli

Castions di Strada, 10 gennaio 2011. Presentazione

Castions di Strada, 10 gennaio 2011. Presentazione Il progetto Asili nidi familiari di Confartigianato presentazione di Michela Sclausero Castions di Strada, 10 gennaio 2011 Presentazione Questo progetto ha il fine di promuovere la creazione di servizi

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Progetto Continuità e Orientamento Istituto Comprensivo Padre A. G. Martini a. s. 2015/2016

Progetto Continuità e Orientamento Istituto Comprensivo Padre A. G. Martini a. s. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "PADRE ANDREA G. MARTINI " SC. DELL INFANZIA PRIMARIA E SEC. I GRADO 83040 CASTEL BARONIA (AV) e-mail: avic83100t@istruzione.it C F: 81001270644 COD MECC: AVIC83100T Tel: 0827/92047

Dettagli

Guida MICHELIN Italia 2014

Guida MICHELIN Italia 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 5 novembre 2013 Guida MICHELIN Italia 2014 Contatto stampa 02 3395 3609 Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle La nuova edizione della guida MICHELIN Italia raccoglie

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

MANGIO BENE VIVO MEGLIO! PROMOZIONE DI UNA SANA ALIMENTAZIONE E CORRETTI STILI DI VITA

MANGIO BENE VIVO MEGLIO! PROMOZIONE DI UNA SANA ALIMENTAZIONE E CORRETTI STILI DI VITA COMUNE DI PAVIA Assessorato Istruzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 MANGIO BENE VIVO MEGLIO! PROMOZIONE DI UNA SANA ALIMENTAZIONE E CORRETTI STILI DI VITA IL PROGETTO Prosegue nell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

stili alimentari più consapevoli a partire dalla mensa scolastica.

stili alimentari più consapevoli a partire dalla mensa scolastica. Comune di Viareggio Settore Pubblica Istruzione Carta del Servizio Ristorazione Scolastica P. A. T. Piramide Alimentare Toscana Presentiamo nelle pagine che seguono la Carta del Servizio di ristorazione

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

Decalogo delle Buone Pratiche

Decalogo delle Buone Pratiche SOVRANITA ALIMENTARE: Decalogo delle Buone Pratiche Il progetto è realizzato con il contributo dell Unione Europea: Buone Pratiche Promuovi l educazione alimentare e l educazione al consumo consapevole

Dettagli

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone

Consultazione sulla Food Policy nelle 9 zone Consultazione sulla Food Policy nelle zone Ecco i principali temi emersi nelle discussioni sulla Food Policy avvenuta nelle zone di Milano tra il e il maggio 0 TEMA ZONA EDUCAZIONE Educazione alimentare

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra.

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. L Orto dei Bambini Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. Premessa L idea dell orto didattico nasce dal desiderio di attivare iniziative socio-culturalieducative che comprendessero l area naturalistica.

Dettagli

Oggetto: Presentazione dei percorsi didattici della fattoria sociale Fuori di Zucca

Oggetto: Presentazione dei percorsi didattici della fattoria sociale Fuori di Zucca Alla cortese attenzione: Dirigente scolastico e referente visite didattiche Oggetto: Presentazione dei percorsi didattici della fattoria sociale Fuori di Zucca Chi Siamo La fattoria sociale Fuori di Zucca

Dettagli

MATERIALE DISPONIBILE. Finalmente facciamo merenda

MATERIALE DISPONIBILE. Finalmente facciamo merenda Finalmente facciamo merenda Questo progetto ha coinvolto alcune scuole del territorio provinciale: Infanzia, Primaria e Secondaria di I. L'obiettivo principale è la valorizzazione di una alimentazione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA

TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA Franchising TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA 2 Indice P a g. Presentazione 5 Esperienza 7 Metodo 9 Garanzia della qualità 9 F r e s c h e z z a d e i p r o d o t t i 11 Utilizzo del

Dettagli

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano Semine 2012 Con le semine del 2012 si è completata la vecchia riforma: tutti gli aiuti accoppiati sono stati

Dettagli

Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0

Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0 Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0 1 Dove e quando si svolge? In via Alzaia Naviglio Pavese in Milano Domenica 29 Settembre 2013 Dalle ore 08.00 alle ore 19.30 2 Programma Dalle ore 08.00 alle

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO CALENZANO COMUNE S.R.L. Società unipersonale del Comune di Calenzano CARTA DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO 2015... Indice Cos è la Carta dei Servizi Gestore Presentazione del servizio Principi fondamentali

Dettagli

rassegna stampa INDICE

rassegna stampa INDICE C O L D I R E T T I T O R I N O UFFICIO STAMPA Via Pio VII, 97 10135 TORINO tel. 011-6177282 cell. 335-7662297 e-mail: filippo.tesio@coldiretti.it INDICE C O L D I R E T T I N E W S C O L D I R E T T I

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

rassegna stampa quotidiani

rassegna stampa quotidiani 24 aprile 2015 rassegna stampa quotidiani coldiretti coldiretti news Turismo: Bankitalia; Coldiretti, con Expo spesa straniera a 40mld; Commercio estero, +44export in Usa, ma -24% in Russia news coldiretti

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Centro Sportivo Ricreativo Le Piazze Ronzo Chienis

Centro Sportivo Ricreativo Le Piazze Ronzo Chienis Centro Sportivo Ricreativo Le Piazze Ronzo Chienis Il centro sportivo ricreativo Le Piazze è una struttura multifunzionale di proprietà del Comune di Ronzo Chienis, gestita dalla Società Arnica di Paolo

Dettagli